Ergastolo al terrorista islamista ospite della RAI e di Gad Lerner

Alessandro Lattanzio, 17/2/2017

img_0944

Il narcoterrorista islamista Haysam Umar Saqan

La Corte Distrettuale di Stoccolma, il 16 febbraio, ha condannato all’ergastolo il terrorista siriano Haysam Umar Saqan, per aver partecipato all’assassinio di sette prigionieri in Siria, nel maggio 2012. I sette uomini assassinati erano stati sequestrati da un gruppo islamista fondato nel 2011, la compagnia di Sulayman, attivo sul jabal al-Zawiya, presso Idlib. Il gruppo terroristico era guidato dal trafficante di droga e terrorista salafita Abu Sulayman al-Hamawi.
Saqan era attivo in Italia nel 2011 e nel 2012, dove protetto dai servizi segreti e dalla polizia politica italiana, irruppe nell’ambasciata della Repubblica Araba di Siria. E sempre protetto da servizi segreti e polizia politica italiani, emanazioni del partito neofascista al potere, il PD, Saqan ha potuto godere di un’ampia visibilità mediatica presso la RAI (TG-3) e La7 (trasmissione di Gad Lerner), come foto con l’inviata di Rai3 Lucia Goracci, sfegata propagandista del terrorismo islamista in Libia e Siria, e del golpe neonazista e dell’aggressione armata al Donbas in Ucraina.

Lucia Goracci con il suo sodale, il narco-terrorista salafita Saqan

L’inviata della Rai, e guerrafondaia furiosa, Lucia Goracci con il suo sodale, il narco-terrorista salafita Saqan (il tizio con berretto e occhiali da sole sarebbe un agente della CIA).

L’arresto di Saqan è stato possibile dopo la comparsa di un video dove partecipa alla strage del 2012 commessa dal suo gruppetto terroristico in Siria. La polizia italiana avrebbe aiutato gli investigatori in Svezia ad identificarlo, grazie ai video di quando irruppe nell’Ambasciata siriana a Roma. Saqan, partito dall’Italia per la Siria nel 2012, cercò asilo in Svezia nel 2013, Paese dove si nascose occultando i crimini che aveva compiuto e pretendendo lo status di rifugiato ed ottenendo il permesso di soggiorno nel 2016, ma già a marzo fu arrestato. “In una dichiarazione, la corte ha detto che il crimine di Saqan è così grave che la punizione decisa è l’ergastolo”. Ma c’è un pericolo, in Svezia la condanna all’ergastolo di uno straniero equivale a dieci anni di carcere seguiti dall’espulsione. E’ prevedibile che il circo islamonazista di sinistra si attiverà, complici i media di regime, il PD, le ONG dei servizi segreti, i servizi segreti, la fratellanza mussulmana piddina e i nazipiddini filo-Kiev per chiederne l’estradizione in Italia e conferire al terrorista stragista la nazionalità italiana e relativa residenza per “meriti democratici e umanitari”. Boldrini, Grasso e Mattarella (alias Mozzarella-mafia) prontamente esprimeranno solidarietà al “povero” Saqan, vittima della brutalità del “regime siriano”, conferendogli oltre all’immunità per i suoi crimini, vitto, alloggio e vitalizio, come già fatto con diversi altri ben noti terroristi, come il capo taqfirita Qraqar, oggi ospite di una galera a 5 stelle della Norvegia.
I media e i giornalisti (Berlinguer, Goracci, Lerner e infiniti altri) che hanno sempre coccolato tale feccia sanguinaria, sono i medesimi che hanno sempre attribuito i crimini commessi dai loro sodali, appunto i terroristi islamisti, alle loro vittime, cioè ai siriani, come dimostra la favola degli infiniti “ospedali pediatrici” distrutti “ogni santo giorno” ad Aleppo o altrove in Siria.

Saqan al momento della strage

Saqan al momento della strage

Quando Saqan era protetto dai servizi segreti e dalla polizia politca del PD

Il terrorista Saqan ospite di Gad Lerner, sorridente mentre sionisti e terroristi spiegano come esportare la democrazia in Siria

L’operato “democratico” del “combattente per la libertà” Haysam Umar Saqan, il terrorista coccolato da RAI e La7

Fonte: Daily Mail

I veri rosso-bruni: il PD e i nazisti del battaglione Azov

Alessandro Lattanzio, 17/9/2014

L'ex-pornogiornale ufficiale del PD, l'Unità, affermò che la strage di Odessa fu opera delle stesse vittime. Alla luce dei legami tra la banda Mogherini/Pittella e Gladio neonazista in Ucraina, ora appare chiara la ragione politica di tale oscena affermazione.

L’ex-pornogiornale ufficiale del PD, l’Unità, affermò che la strage di Odessa fu opera delle stesse vittime. Alla luce dei legami tra la banda Mogherini/Pittella e Gladio neonazista in Ucraina, appare chiara la ragione politica di tale oscena affermazione.

L’inglobamento dell’Ucraina nell’Unione Doganale Eurasiatica mette a serio repentaglio la sicurezza energetica ed economica dell’UE, che vedrebbe naufragare la possibilità di rafforzare la propria economia tramite l’integrazione di un Paese dalle enormi potenzialità umane, agricole, industriali come l’Ucraina
Matteo Cazzulani, responsabile del Partito Democratico metropolitano per i rapporti con il dissenso ucraino

E sì, certamente la Russia di Putin ha rivitalizzato un atteggiamento di egemonia regionale che accentua la competizione con “l’Occidente”, senza dubbio alcuno“.
Federica Mogherini, ministra degli Esteri del PD nel governo Renzi

International Conference on Libya“Il responsabile dell’Ufficio Affari  Internazionali dei Democratici di Sinistra (DS) e parlamentare Luciano Vecchi, nell’aprile 2006 discusse del chiaro arretramento democratico della Russia, come dimostra il suo crescente  coinvolgimento nella politica interna di Bielorussia e Ucraina e l’oppressione interna delle ONG. Vecchi raccontò come prevedesse d’incontrare un contatto russo membro di un piccolo partito di opposizione, ma che poco prima cancellò l’incontro perché “Putin aveva appena firmato un decreto eliminando il nostro partito“. Vecchi dichiarò che la Russia è un punto interrogativo perché è strategicamente molto importante per l’Italia come partner energetico, ma vi erano preoccupazioni sul suo arretramento democratico. Come osservò Vecchi, vi è purtroppo assai poca differenza tra la Russia moderna e la Russia totalitaria: prima c’era un solo partito, ora ce sono molti, ma solo una conta. Vecchi era accompagnato da Federica Mogherini”. Wikileaks

Per chi votano i banderisti in Italia?
“Per le elezioni Europee del 25 maggio vogliamo segnalarvi dei nomi di politici Italiani che si sono impegnati per la causa Ucraina. Lo facciamo in maniera bipartisan così che ogniuno possa scegliere senza tradire la propria fede politica. Sono politici del PD, Forza Italia e Partito Radicale. Altri non sono stati inserite in quanto hanno posizioni non a favore o comunque non siamo venuti a conoscenza della loro attività in supporto della democrazia in Ucraina.

imagesWOS250K4ORESTE ROSSI
Forza Italia, è il parlamentare Italiano con il 100% delle presenze in Parlamento. Ha dimostrato sensibilità verso l’Ucraina interessandosi al nuovo corso democratico e presentando alcune delle nostre proposte al Parlamento Europeo in tema di sicurezza ma anche riguardo la problematica dei Marshrutka. Si è attivato presso una grande azienda farmaceutica per il nostro progetto dei farmaci oncologici. Si presenta nelle circoscrizioni di Piemonte, Lombardia, Liguria e Valle d’Aosta.

0GIANNI PITTELLA
Partito Democratico, è stato il primo politico a giungere a Kiev nel mese di Gennaio e a portare la sua solidarietà al popolo Ucraino dal palco di Maidan, si è sempre espresso a favore del nuovo corso. E’ stato vice Presidente del Parlamento Europeo e si presenta a queste elezioni nella CIRCOSCRIZIONE MERIDIONALE. (Chi è Gianni Pittella?)

patrizia-toiaPATRIZIA TOIA
Partito democratico si presenta nella circoscrizione Nord Ovest e collabora con Matteo Cazzulani nostro personale amico e grande difensore in Europa dell’Ucraina. Pertanto invitiamo tutti coloro che si riconoscono in questi due partiti a scrivere il voto di preferenza dei candidati sopra citati alla lista collegata (e nelle circoscrizioni ove si presentano) in quanto potremo avere degli interlocutori diretti all’Europarlamento per poter veicolare le nostre proposte o proporre delle problematiche.
Essendo il nostro gruppo Apartitico è gradito evitare polemiche tra appartenenti di partiti differenti (almeno in questa occasione), in questa fase cerchiamo solo di supportare i pochi che hanno dimostrato sensibilità e vicinanza al nostro comune interesse che si chiama UCRAINA.”

voerzio3Sul sito dei banderisti in Italia, sotto l’appello a sostenere la raccolta fondi per la Guardia Nazionale (gli squadroni della morte neonazisti ucraini), vi era il programma della Festa dell’’Unità Ucraina’ (ovvero, lo sterminio dei russofoni e degli oppositori ucraini antifascisti ed antigolpisti), il programma della kermesse vedeva l’intervento di Anna Zafesova, giornalista russofoba, dei neonazisti Mauro Voerzio e Fabio Prevedello ed infine di Matteo Cazzulani, “analista, saggista, esperto di politica dell’Europa Centro-Orientale e di questioni energetiche… delegato del PD metropolitano milanese per i rapporti con il dissenso ucraino, ha fatto parte della missione a Kyiv del Vicepresidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella”; in sostanza aveva partecipato alla pianificazione del golpe atlantista (Gladio) a Kiev, dove gli elementi neonazisti locali stavano ‘mettendo su un esercito parallelo, strutturato non solo a Kiev e non solo per difendere la piazza’, come ci spiega compiaciuta della sua esperienza golpista, la nostra ministra degli Esteri Federica Mogherini (BlogMog).
L’unità più famosa della Guardia nazionale ucraina, il battaglione Azov, per conto del quale il nazista Fontana, intervenuto alla kermesse di Milano dei banderisti del 14 settembre, tra una spiegazione di come traesse godimento spirituale nel bruciare vive le persone nella casa dei sindacati di Odessa o di come rivivesse la gioventù perduta bombardando le case con gente inerme dentro, lanciava un appello lacrimevole in aiuto dei ‘bisognosi’ tirapiedi armati dell’oligarca mafioso Kolomojskij, “C’è urgenza di tutto, dagli anfibi alle mimetiche, ai giubbotti antiproiettile. Ho visto i combattenti del battaglione Kiev. Vanno in trincea con le scarpe da ginnastica” (Fonte: Popoff Quotidiano)

103328912

Fontana (Stan Ruinas) si vanta di aver partecipato al massacro di Odessa.

Cazzulani, assieme ai giovani fascisti di majdan: ""

Cazzulani, esponente del PD arringa i fascisti di Majdan: “un giovane deputato di uno dei partiti di opposizione … ci spiega con disinvoltura inconsapevole che stanno mettendo su un esercito parallelo, strutturato non solo a Kiev e non solo per difendere la piazza.”

Cos’è il PD? Un partito di nazisti, agenti di Gladio e impiegati di Soros
Di seguito discorso di Matteo Cazzulani, responsabile per i rapporti del PD metropolitano milanese con il dissenso ucraino, pronunciato durante il dibattito alla prima Festa dell’Unità ucraina assieme alla giornalista Anna Zafesova, al saggista Massimiliano Di Pasquale, al reduce del Maidan Mauro Voerzio e al Presidente dell’Associazione Maidan Fabio Prevedello.
«logogladioEssere europei significa non solo battersi affinché nel proprio orticello i principi fondanti dell’Unione Europea siano rispettati, ma anche perché Democrazia, Libertà, Pace e Diritti Umani e Civili siano valori estesi e condivisi anche da popoli europei per storia, cultura e tradizione che, per motivi di ordine geopolitico ed energetico, ancora non appartengono all’UE. Ho sempre disprezzato l’atteggiamento della gran parte degli italiani, che per ogni guerra prende le parti di una o dell’altra fazione con la medesima leggerezza con la quale si sceglie quale squadra tifare allo stadio. Non ho neppure mai tollerato l’etichetta di “filoucraino” che mi è stata posta da molti giornalisti invidiosi della mia indipendenza e persino da alcuni compagni di Partito gelosi della mia competenza specifica su un’Area geografica, l’Europa Centro-Orientale, di cui in Italia poco si sa e male si parla. Sostengo la causa degli ucraini, che si difendono dall’aggressione militare di Putin, proprio perché non sono “filoucraino”. Sono un europeo che, da convinto europeista, è consapevole che la violazione dell’integrità territoriale dell’Ucraina – Paese europeo per storia, cultura e tradizioni – rappresenta una minaccia politica a cui l’Europa non può non dare una risposta risoluta schierandosi a favore del Diritto all’Indipendenza del popolo ucraino. Sono dalla parte dell’Ucraina, e contro l’aggressione militare di Putin nel Donbas, anche perché sono “filorusso”: la vittoria della Rivoluzione della Dignità, con cui gli ucraini hanno posto fine all’epoca autoritaria di Yanukovych, ha permesso non solo agli ucraini, ma anche agli stessi russi di sperare in un futuro di libertà e progresso.
L’indipendenza di un’Ucraina libera e pienamente integrata nell’UE e nella NATO è condicio sine qua non per l’evoluzione della Russia dal regime autocratico di Putin a una democrazia liberale che possa finalmente portare i russi a vivere in pace con i suoi vicini e, una volta superata per sempre la sua tradizionale tendenza imperiale – tipica dell’epoca zarista, sovietica e putiniana – a integrarsi appieno nel sistema politico e culturale europeo. Stare dalla parte dell’Ucraina aggredita da Putin, oggi significa sostenere il pieno Diritto alla Libertà, alla Democrazia e alla Pace sia per il popolo ucraino che per quello russo: un Diritto inalienabile che appartiene a tutti, senza distinzione alcuna di etnia, sesso e religione.
Il sostegno all’Ucraina non è una posizione di odio verso la Russia, ma una questione di civiltà che deve vedere tutti noi europei coinvolti affinché l’Ucraina sia in grado di guardare al futuro – chiamato UE e NATO – senza il timore di essere aggredita da un autocrate, Putin, che legge il presente con le lenti del passato sovietico e zarista. Inoltre, sostenere gli ucraini significa supportare un processo di democratizzazione che può finalmente portare anche la Russia ad abbracciare gli ideali della Comunità Euroatlantica e a considerare l’Europa e la NATO come un partner leale con cui è possibile, e opportuno, collaborare per un futuro di pace e progresso condiviso».
(La “democratizzazione che la Russia deve abbracciare assieme agli ideali della Comunità Euroatlantica).


La democratizzazione ucraina secondo Cazzulani, applicata a un deputato antigolpista.


I capi responsabili del massacro di Odessa, camerati e sodali di Voerzio, Prevedello, Fontana e Cazzulani


Odessa, un passaggio che il nazipiddino Cazzulani ignora, ma con cui i suoi camerati di Euromajdan tengono a mostrarci il concetto di democrazia, civiltà e amore euro-atlantici.

La dmeocrazia piove su Donestk

La democrazia promessa da Cazzulani piove su Donetsk

E con la democrazia piove anche la civiltà della NATO

E con la democrazia piove anche la civiltà della NATO

La popolazione di Donestk e del Doinbas ricorderà con affetto la passione del piddino Cazzulati, l'amore dei nazisti Voerzio, Prevedello e di Pasquale, lo spirito del terrorista mercenario Fontana

La popolazione di Donetsk e del Donbas ricorderà con affetto la passione del piddino Cazzulani, l’amore dei nazisti Voerzio, Prevedello e di Pasquale, lo spirito disinteressato del terrorista mercenario Fontana

gladio

Il 'saggista' Di Pasquale, o meglio, agiografo del nazismo banderista galiziano, dedica un suo libretto a un giovane fan della democrazia ucraina.

Il ‘saggista’ Massimiliano Di Pasquale, o meglio, agiografo del nazismo banderista galiziano, dedica un suo libretto a un giovane fan della democrazia ucraina.

nazi-soldier-shaking-hands“Abbiamo scelto Slaviansk in quanto città simbolo di questa guerra, occupata per alcuni mesi dai terroristi del Donbass e poi liberata dall’esercito Ucraino. Noi non chiederemo alle persone se parlano russo od Ucraino, non gli chiederemo se parteggiano per gli uni o per gli altri, NOI porteremo un messaggio di solidarietà e fratellanza universale che speriamo possa riscaldare i loro cuori.Italia-ucraina
(Mettendo sullo stesso piano i russi e gli Ucraini, chi con la prima lettera maiuscola e chi con quella minuscola).

Slovjansk, donna beneficiata dal gran cuore dell'associazione Italia-Ucraina, di Pravij Sektor Italia, del PD e dei servizi segreti italiani

Slavjansk, donna riscaldata dal ‘gran cuore’ dell’associazione Italia-Ucraina, di Pravij Sektor Italia, del PD e dei servizi segreti italiani

Qui di seguito è descritto cosa sia il battaglione ‘Azov‘, per cui il Partito Democratico, tramite il figuro Cazzulani, suo esponente ufficiale lombardo, si sbraccia per fargli avere finanziamenti dai cittadini italiani.

Dopo mesi dal nostro ritorno in Crimea, siamo stati allertati dal presidente degli esperantisti dell’Ucraina, un ebreo, su tale personaggio abominevole. Ciò che non dice l’articolo seguente è che a Majdan, come rilevato dal quotidiano israeliano Haaretz, c’erano ad inquadrare i battaglioni nazisti degli ex-agenti del Mossad prossimi a Kolomojskij. Né i legami tra Bernard Henry Levy e tale spazzatura sono svelati, quando recentemente BHL s’è recato in TV per presentare tale putredine; inoltre lo stesso BHL ha fatto uno spettacolo sulla coscienza intellettuale europea (lui stesso) ad Odessa, la città dove l’oligarca ha compiuto la sua Oradour sur Glane nella casa dei sindacati. Personalmente ho completamente rotto con certi israeliani socialdemocratici che difendono “la pace ora”, o sono vicini a J. Call, che riprende compiaciuto la propaganda di Kolomojskij, sostenendo sulla loro rete la tesi del falso opuscolo antisemita prodotto da tale spazzatura. Proprio allora faceva assassinare il sindaco di Kharkov (ebreo come lui), ma rifiutando il fascismo banderista. Il paradosso di chi riprende tale spazzatura presso la socialdemocrazia israeliana, come nella sinistra intellettuale si riprende BHL. In Francia, la socialdemocrazia pubblica le menzogne sull’Ucraina e la virtù democratica di questi bastardi. La cosa triste sono i comunisti che si fanno travolgere da tali torbidi senza dire nulla e senza lottare a fianco di coloro che si difendono, lasciando alla destra e all’estrema destra la cura di rivelare i fatti e nel senso che immaginiamo. Danielle Bleitrach, Histoire et Societé

I frutti della collaborazione tra PD e neonazisti italiani in Ucraina:

Pittella e Cazzulati

Pittella e Cazzulani

I bisognosi che il nazista Voerzio e il piddino Cazzulani aiutano.

I bisognosi che l’ex-vigile urbano nazista Voerzio e il giovane piddino Cazzulani aiutano.

L'opportunità di Fontana, il filantropismo di Voerzio, la democraticità di Cazzulani

L’opportunità di Fontana, il filantropismo di Voerzio, la democraticità di Cazzulani

Battaglione Azov, milizia neonazista internazionale finanziata dall’oligarca israelo-ucraino I. Kolomojskij
Solidarité Internazionale 17 settembre 2014

BotspkyCYAA9-Nw.jpg largePropaganda mediatica è ben definita, anche se caricaturale: i combattenti per la libertà europeisti in marcia per schiacciare gli infidi separatisti filo-russi. I nostri amici di Junge Welt e di altri giornali interessati all’obiettività, hanno studiato i “battaglioni di volontari”, riportando storie edificanti.
Cosa accade in Ucraina? La confusione regna in un Paese in cui il popolo è ostaggio di rivalità inter-imperialiste, calcoli di oligarchi corrotti ora tutti allineati nel campo filo-occidentale, pronti a finanziare orde fasciste per conservare i propri privilegi. Di fronte alle fragile coesione e morale dei militari ucraini, le autorità utilizzano gruppi paramilitari: oltre alla carta bianca a servizi segreti (SBU), compagnie mercenarie statunitensi (ad esempio, Blackwater), la “Guardia Nazionale” viene integrata da combattenti dei gruppi di estrema destra, i “battaglioni di volontari” civili. Tali “battaglioni” furono autorizzati dal ministro dell’Interno Arsen Avakov nell’aprile 2014, permettendo la creazione di gruppi paramilitari per 12000 uomini (le dimensioni di una divisione di fanteria!). Ora si valuta la loro integrazione nell’esercito regolare. Il battaglione ‘Azov‘ con i battaglioni ‘Dnepr‘ e ‘Donbass‘ fa parte di tali battaglioni di volontari. E’ indicativo del contenuto politico controrivoluzionario di tali gruppi fascisti, così come dei calcoli di coloro che li finanziano.

Il braccio armato del partito nazista “raggruppamento nazionalsociale”
Il battaglione Azov si compone di circa 500 combattenti, tutti civili dalle stesse convinzioni: quella di un “nuovo ordine” basato sulla superiorità della razza bianca, una “rivoluzione nazionale” antidemocratica, antisemita, anticomunista, ma dietro Stati Uniti ed Unione europea. La spina dorsale del battaglione è composta da attivisti dell'”Adunata nazionalsociale” (SNA), tra cui il capo del battaglione Andrej Belitzkij, che non è altro che il capo del ramo paramilitare della SNA “Patrioti ucraini”. SNA fu fondata nel 2008 e si dichiara apertamente nazista, è nata dalla fusione di alcuni gruppuscoli neo-nazisti. Ha apertamente criticato il partito fascista Svoboda per la sua moderazione, la sua parte “liberale” (sic), ma anche i neo-nazisti di “Settore destro”, accusati di debolezza, anche se il rapporto tra SNA e Settore destro è stretto. SNA ufficialmente, come si può vedere sul loro sito, mira a “guidare la rivoluzione nazionale” e la “pulizia etnica dell’Ucraina”, “guidando i popoli bianchi nella lotta mondiale per la sopravvivenza, contro il nemico subumano, i semiti”. Sulla base del programma nazista, Andrej Belitzkij può impostare obiettivi più concreti: “la missione storica della nostra nazione in questo momento critico è guidare le razze bianche in una crociata finale per la sopravvivenza“.

I simboli del battaglione: wolfsangel, sole nero, divisa banderista
Il battaglione Azov ha scelto come simbolo il “wolfsangel” su sfondo bianco, il simbolo della SNA e vecchio riferimento iconografico nazista, preso dalla 2° divisione SS Panzer “Das Reich“, responsabile del massacro di Oradour-sur-Glane. Su tale emblema: oltre ai colori ucraini (blu e giallo) e il simbolo nazista “wolfsangel”, vi sono anche il sole nero sullo sfondo, presumibilmente ideato dal capo nazista Heinrich Himmler, che rappresenta le tre svastiche divenire un’identità e mitico riferimento dei gruppi neonazisti degli ultimi decenni. Il motto del battaglione: “Morte al nemico!” adottato come saluto dalle truppe del nazionalista ucraino Stepan Bandera, che collaborò con i nazisti nel 1941: “Gloria all’Ucraina” paragonabile a “Gloria agli eroi”. Le forze neo-naziste come SNA passano ora all’offensiva, non solo militare ma anche politica, illustrando la fascistizzazione dell’Ucraina in cui l’estrema destra continua a radicalizzarsi: Svoboda, Settore Destro e infine SNA.

Il battaglione Azov al servizio di Ljashko, il deputato di estrema destra che vuole distruggere il Partito Comunista!
L’ascesa di tale battaglione è correlata a quello della nuova stella politica ucraina, Oleg Ljashko, capo del populista Partito Radicale di estrema destra, che ha avviato il procedimento per bandire il partito comunista. Ljashko appare spesso mentre insulta poliziotti, minaccia funzionari di arresto o assassinio sul posto, costringendo sindaci a cedergli i poteri. Spesso è accompagnato dal “battaglione Azov“, di cui è il padrino politico. Il ruolo militare del “battaglione Azov” è ancora più oscuro. La maggior parte dei combattenti non ha un vero e proprio addestramento militare, se non il loro fanatismo ideologico. Hanno partecipato alla presa di Marjupol, dove uccisero una ventina di persone. Sembra che l’esercito usi i battaglioni di volontari per “sgombrare il terreno” nel corpo a corpo, come nella periferia di Donetsk, preferendo combattere a distanza. In ogni caso è ciò che dice il capo del battaglione Andrej Belitzkij. Si sappia che Andrej Belitzkij fu condannato per comportamento violento durante una manifestazione a sostegno del suo camerata del SNA Igor Mosijchuk colpevole di un attentato dinamitardo nel 2011, come Belitzkij, Mosijchuk è stato graziato dal nuovo potere. Il deputato fascista populista Oleg Ljashko di recente ha detto che più della metà dei combattenti del battaglione “Azov” sono ex-detenuti o criminali: “Preferisco che tali ex-prigionieri combattano tale guerra che delle persone innocenti muoiono per mano del nemico“.

Brigate internazionali del fascismo
495px-SS-Panzer-Division_symbol_svg Da dove provengono questi combattenti? Sono ancora per la maggior parte ucraini, anche se un numero crescente proviene non solo dalla Russia, ma anche da Paesi occidentali: Svezia, Italia, Irlanda, Francia, Finlandia, Norvegia. Il battaglione Azov ha anche lanciato una campagna di reclutamento internazionale di “volontari” per l’Ucraina, un appello che impressiona i gruppuscoli neo-nazisti di tutta Europa. Il reclutatore è il francese Gaston Besson. Mercenario e militante di estrema destra, ha combattuto in Laos, Cambogia, Birmania, Suriname e soprattutto in Croazia. Ha partecipato alla guerra in Bosnia a fianco delle HOS (Hrvastke Obrambene Snage), le forze di difesa croate, ala paramilitare del fascista “Partito croato dei diritti”, nostalgici dei collaborazionisti ustasha dei nazisti. Sostiene di ricevere “15, 16 domande al giorno, anche se solo 2-3 sono serie“. Chi vuole impegnarsi riceve da Besson una risposta scritta che l’informa che non sarà pagato e che resterà a lungo lontano dalla famiglia. Ancora più importante, chiarisce il senso politico: “Non dimentichiamo che siamo il braccio armato del SNA, e che siamo vicini a “Settore destro”. Siamo socialisti, nazionalisti, radicali“. Tale messaggio ha attirato i combattenti fascisti da tutto il mondo.
Due ritratti sintomatici di tale “brigata internazionale” di estrema destra. Il primo è lo svedese Mikael Skillt, cecchino dell’esercito e della guardia nazionale. È un attivista noto di Svenskarnas Party (svedese), organizzazione neonazista fondata nel 2008 sulle ceneri del “Fronte Socialista Nazionale”. Skillt mostra con orgoglio i suoi tatuaggi nazisti, presi in prestito dalla mitologia norrena, presentato dalla BBC come ‘combattente’ per il potere bianco innamoratosi degli indignati di Majdan con i loro scudi di legno e sbarre di ferro. Balzò da Stoccolma ad Azov. Il secondo, Francesco Saverio Fontana, sulla cinquantina. è italiano, fa parte di “Casa Pound“, organizzazione neo-fascista relativamente influente a Roma. Fontana è stato da giovane in Avanguardia Nazionale, gruppo terroristico di destra degli anni ’70, ramo giovanile del Movimento Sociale Italiano (MSI), successore del Partito Nazionale Fascista italiano. Fontana dice di essere stato sedotto dalle barricate di Kiev, che gli ricordavano la giovinezza in Avanguardia nazionale, incoraggiandolo a riprendere servizio in Ucraina.

Igor Kolomojskij, l’oligarca israelo-ucraino dietro tali battaglioni
Chi finanzia questi gruppi? Un nome, quello dell’oligarca miliardario Igor Kolomojskij, il secondo più ricco del Paese, l’uomo più potente del Paese dopo l'”oligarca sanguinario” Rinat Akhmatov. Kolomojskij è stato nominato governatore della regione chiave di Dnepropetrovsk, nel processo di feudalizzazione del Paese, mentre un altro oligarca, Sergej Taruta, è a capo della regione di Donetsk. La Russia accusa del finanziamento del ‘battaglione Azov‘ l’oligarca Kolomojskij, non solo via stampa (Voce della Russia), ma da parte del ministro degli Esteri Sergej Lavrov. Anche se dobbiamo stare attenti, come in qualsiasi propaganda di guerra, tale informazione non sorprende, Kolomojskij è noto per i suoi stretti legami con la formazione neo-nazista “Settore destro“. Il nuovo governatore di Donetsk, Sergej Taruta, fu costretto a lamentarsi il 20 agosto sul sito “LB.ua” di un “governatore pubblicamente associato al capo di Settore destro, Dmitrij Jarosh”. Fonti meno probabili di alimentare la propaganda filo-russa, il Wall Street Journal, ha recentemente confermato che Kolomojskij ha finanziato diversi battaglioni oltre ad Azov, come il Dnepr soprannominato “battaglione Kolomojskij”. È istruttiva che tale alleanza tra virulenti antisemiti e un sionista convinto non sia un problema per la milizia neo-nazista, o per il miliardario che orgogliosamente sostiene Israele (ha anche fondato un enigmatico “Parlamento ebraico” nel 2011!). Quanto tempo durerà la propaganda occidentale, basata su menzogne, ipocrisie, contraddizioni tra ideologia e pratica? In tempi bui, il “coraggio” è “cercare la verità e dirla”.

Stemma della 9.na Divisione Panzer SS ìHoenstaufenì

Stemma della 9.na Divisione Panzer SS Hoenstaufen

Stemma di Gladio/Stay Behind

Stemma di Gladio/Stay Behind

Pravij Sektor

Stemma di Pravij Sektor

Fonti:
Wall Street Journal, 27 giugno 2014: “Ukraine’s secret weapon : feisty oligarch Ihor Kolomoisky”;
The Daily Telegraph, 11 agosto 2014: “Ukraine crisis: the neo-nazi brigade fighting pro-russian separatists”;
Frankfurter Rundschau, 10 agosto 2014: “Neonazis in Haüserkampf”;
La voix de la Russie, 15 giugno 2014: “Moscou exige de punir les auteurs de l’attaque contre l’ambassade de la Russie”;
La voix de la Russie, 13 agosto 2014: “Les symboles nazis des forces armées d’Ukraine et des bataillons de Kiev”;
LB.ua, 20, 20 agosto 2014: intervista a Sergej Taruta;
Junge Welt, 25 agosto 2014: “Kreuzzug für Weiße Rassen”;
Junge Welt, 12 settembre 2014: “Die stimmung sinkt”;

Questi pensionati di Donetsk, non saranno più un minaccioso peso per il libero e democratico golpista di Kiev, andato al potere con l'aiuto del PD

Questi pensionati di Donetsk, non saranno più un minaccioso peso per il libero e democratico governo golpista di Kiev, andato al potere con l’aiuto del PD.

BuqLqPsCIAAtEHb

Un’altra opportunità del nazista Fontana, sodale di Cazzulani, responsabile dei rapporti con la ‘dissidenza’ ucraina del Partito Democratico

Madre e figlia liberate da Mogherini/Pittella/Cazzulani

Madre e figlia liberate dal battaglione Mogherini/Pittella/Cazzulani

Ecco la beneficienza ucraina del nazipiddino Cazzulani e dei suoi camerati di Pravij Sektor Prevedello&Voerzio
L’arciprete di Lugansk Vladimir Moretskij, rapito dall’esercito della giunta ucraina e recentemente liberato, ha raccontato in quali condizioni lui ed i suoi compagni venivano tenuti durante la prigionia. Il sacerdote ha raccontato che i prigionieri venivano sistematicamente torturati.
“Se vi dico che ci picchiavano è come non dire niente. In realtà ci massacravano. Ci hanno pestati, ci hanno spaccato le ossa, per colpirci non usavano solo le mani e le gambe ma anche il calcio dei loro fucili” – ha raccontato Moretskij. L’ex prigioniero ha anche raccontato che Nadezhda Savchenko, militare e pilota dell’aviazione ucraina attualmente in stato di arresto in Russia (accusata di complicità nell’uccisione di 3 giornalisti Russi), divenuta eroina e povera vittima per i media del regime ucraino, si è fatta notare in modo particolare per il suo sadismo e la sua cattiveria: “E’ stata lei ad aver suggerito di usare tutto il nostro gruppo di prigionieri per poter tirare su dei soldi con il traffico di organi. Quando gli altri si sono rifiutati di darci via per gli organi, ha suggerito di spararci e di non sprecare soldi per consegnarci all’SBU (Servizi di sicurezza Ucraini). La Savchenko ha preso parte personalmente alle nostre torture. Aveva l’abitudine di farci una lezioncina dopo che ci aveva picchiati. Non potrò mai dimenticare la sua voce” – ha aggiunto Vladimir Moretskiy. Il prete ha anche riferito che i prigionieri venivano sempre tenuti con le mani legate mentre venivano torturati. Venivano posti faccia al muro e poi colpiti dai soldati ucraini. Il sacerdote Vladimir Moretskij era stato catturato dagli sgherri della giunta lo scorso mese di maggio e accusato di preparare “un gruppo terroristico” sul territorio dell’Ucraina. A giugno i media ucraini avevano chiesto il rilascio di Moretskij che però è stato liberato solo pochi giorni fa.

Video con l’intervista (in Russo) a Vladimir Moretskij

Il battaglione Ajdar, finanziato e capeggiato dall’oligarca ucraino Igor Kolomojskij, ha iniziato la distruzione della centrale di Lugansk
Il 17 settembre, è stata fatta saltare in aria una parte della centrale termoelettrica di Schastye, vicino Lugansk. E’ stato riferito dal servizio stampa del Consiglio Comunale della città di Lugansk. “Alle 17:00 ci sono state delle esplosioni nella centrale termoelettrica di Lugansk. La centrale fornisce energia elettrica a circa il 98 per cento della regione di Lugansk. E’ stata distrutta? Ancora non lo sappiamo” – ha riferito la nota del servizio stampa del Consiglio Comunale. Ricordiamo che lo scorso 3 settembre, Sergej Melnichuk, comandante del nazi-battaglione “Ajdar” aveva riferito davanti ad una telecamera che nel caso in cui la città di Shastie fosse stata liberata dalla Resistenza, il suo battaglione avrebbe fatto saltare in aria la centrale termoelettrica. I criminali del battaglione di Igor Kolomojskij, cittadino d’Israele, sono ormai noti per le loro azioni terroristiche. Saccheggiano tutto ciò che possono e danneggiano le infrastrutture civili, facendo “terra bruciata” ovunque passino. Gli stessi modi operativi che Israele ha messo in atto in Palestina.
Di seguito il video del 3 settembre con la dichiarazione di Sergej Melnichuk, lo sgherro di Kolomoisky che comanda il battaglione Ajdar. Riascoltiamo le parole di questo terrorista.

L’ultima lettera di Anna Mogova, giornalista della Crimea che ha lavorato nel Donbas, a suo fratello Andrej
“I nazisti sono capaci di uccidere gli uomini, stuprare le donne nelle loro case e portare via i loro figli …” Anna Mogova, giornalista della agenzia di stampa Vector Crimea, lo scorso 24 agosto è stata catturata dai nazisti ucraini su una strada vicino alla città di Makeevka, nella Repubblica di Donetsk. In macchina insieme a lei c’era un altro giornalista, Aleksej Shapovalov. Dalle informazioni pervenute, Anna Mogova si troverebbe tra le mani dell’SBU ucraina nella città di Kharkov. L’SBU della giunta di Kiev opera come la Gestapo ai tempi del reich. Ad Anna Mogova non è stato concesso nemmeno di chiamare i suoi familiari od il suo giornale. Non si hanno notizie di Aleksej Shapovalov. Questa è la sua ultima lettera prima che venisse rapita dai boia della giunta ucraina: “Andrej, puoi immaginare degli uomini armati che arrivano improvvisamente a casa tua ed appiccano il fuoco? Puoi immaginare che violentano tua moglie, uccidono nostra madre e portano tua figlia in un collegio speciale per ragazzi disadattati? Queste persone stanno facendo tutto questo nel silenzio e senza che nessuno lo sappia, e lo fanno ogni volta che vogliono, perché i rappresentanti dell’esercito e del governo li copriranno dicendo che stanno combattendo contro il terrorismo! Ho delle fotografie di case nelle quali fino al 5 agosto abitavano delle persone. Il 6 agosto, in quelle case la vita è stata messa in silenzio. Per sempre. L’ottanta per cento dei miliziani del Donbas sono locali. In un gruppo trovi idraulici, persone che conoscono molte lingue, persone con un master e anche criminali. Molti di loro hanno perso le loro case a causa di quello che sta facendo il governo, molti hanno perso i loro parenti più stretti, ma nonostante questo non si sono abbandonati al dolore e mantengono il coraggio e la loro umanità. Non si mettono in fila tra i rifugiati, le lacrime non sono per loro e non si girano i pollici. Molti di loro non hanno mai servito nell’esercito, ma, quando li si guarda, credimi, puoi esser certo che formano il miglior esercito del mondo. E giustamente! Si dice che il lupo è più pericoloso quando non ha più nulla da perdere. Qui ci sono tante persone così ed è per questo che non li spezzeranno”. Crimea Vector

o_1002603

Anna Mogova, giornalista crimeana rapita dai nazisti dell’SBU, la polizia politica banderista

Vita Zaveruga

Vita Zaveruga

Vita Zaveruga nel nazibattaglione Ajdar

Vita Zaveruga nel nazibattaglione Ajdar

L’ucrofascista Vita Zaveruga ha partecipato, assieme al mercenario neonazista Francesco Fontana, al massacro di Odessa, e oggi partecipa, con il nazibattaglione Ajdar, alla devastazione della Repubblica Popolare di Lugansk. Il nazibattaglione Ajdar fa parte della Guardia nazionale ucraina, organizzazione armata irregolare di stampo nazi-fascista che riceve finanziamenti dalle associazioni benderiste di Voerzio e Prevedello, e legittimità politico-ideologica dal PD tramite il burocratello lombardo Cazzulani e i suoi mandanti, l’eurodeputato Pittella e la ministra degli Esteri Mogherini.

Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna

Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (servizio di spionaggio italiano all’estero)

Grazie ai combattenti di Novorossija che affrontano questa mostruosità a nome di tutti noi
Histoire et Societé 17 settembre 2014

Oggi veniamo a sapere della creazione dell’esercito unificato di Novorossija che unisce le forze delle repubbliche di Donetsk e di Lugansk. Dobbiamo sostenere il Donbas, in cui lavoratori, intellettuali e contadini non solo hanno preso le armi per impedire che il proprio popolo venisse assassinato come ad Odessa, moderna Oradour sur Glane perpetrata da individui che indossano i simbolo di coloro che avevano fatto le stesse cose in Francia.

L’emittente pubblica tedesca ZDF, che per questo è minacciata di una grossa multa, ha trasmesso il video di soldati ucraini con simboli nazisti. Nel telegiornale della sera di qualche giorno fa, trasmise i video di soldati ucraini con simboli nazisti sui loro elmetti. Ora viene perseguitata per una disposizione che vieta la pubblicazione di simboli nazisti, una vergogna che dimostra il grado di ipocrisia dei media occidentali e su chi e per cosa s’impone la censura. Il corrispondente Bernhard Lichte ha mostrato le immagini di un soldato che indossa un elmetto con le infami rune “SS” del corpo d’élite di Hitler. Un altro soldato aveva una svastica sul suo equipaggiamento del battaglione Azov con il Sole Nero. Il video è stato ripreso la scorsa settimana in Ucraina da un team dell’emittente norvegese TV2. Il battaglione Azov è la maggiore unità di volontari che combatte contro il popolo della Nuova Russia. Fu fondato dall’Assemblea nazionale socialista, un’alleanza di partiti di destra ultra-nazionalisti. Molti membri del battaglione Azov sono probabilmente neonazisti. Nei colori del battaglione nazista Azov c’è un emblema simile al wolfsangel usato durante il nazismo. Grazie ai combattenti di Novorossija che affrontano questa mostruosità a nome di tutti noi.

10622778

Patrioti di Novorossija. In Italia s’è scatenata presso l’estrema sinistra una campagna denigratoria contro le Repubbliche Popolari di Novorossija, bollandole come fasciste, mentre tacciono sui crimini dei naziatlantisti ucraini, quando non li approvano apertamente. Le punte di lancia di tale miserabile azione di supporto al golpe di Gladio in Ucraina sono quasi tutte le sigle presunte ‘trotzkiste’, i sionisti di contropiano e militant, aut e altri anarchici che supportano i makhnoisti galiziani affiancati ai banderisti, le varie sigle della sinistra pacifinta che predicano pace e amore tra massacratori e massacrati, il fatto quotidiano, organo ufficiale di tale palude sinistra. Altri, come Gino Strada e il suo feudo Emergency, mantengono un silenzio plumbeo dopo aver esaltato la ‘rivoluzione’ golpista. Tutti costoro, stelline della costellazione social-colonialista nostrana, sono allineati alla sovversione nazitatlantista in Ucraina e sono sostenitori delle spedizioni punitive contro i lavoratori e la popolazione di Novorossija.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

PS: il ‘fotogiornalista’, la donna assassinata e il marito grasso e calvo

Slovjansk, donna beneficiata dal gran cuore dell'associazione Italia-Ucraina, di Pravij Sektor Italia, del PD e dei servizi segreti italiani

Slavjansk, donna beneficiata dal gran cuore dell’associazione Italia-Ucraina, di Pravij Sektor Italia, del PD e dei servizi segreti italiani

Al di là delle opinioni personali che si possono condividere o meno, ritengo l’articolo profondamente offensivo nei confronti di persone che non conosco personalmente e anche nei miei confronti.
Sono l’autore della foto del corpo della donna in terra con i cartoni che la ricoprono, la foto è stata scattata non a Slavyansk come dice la didascalia che avete (spero in buona fede) messo voi ma a Donetsk il 26 Maggio, proprio all’inizio delle operazioni ATO.
Quel giorno ci furono diverse sparatorie nei pressi della stazione ferroviaria che hanno visto diversi civili morti, noi giornalisti (io, alcuni colleghi francesi e un altro collega italiano) nel tornare indietro verso la stazione visto che abbiamo tentato di raggiungere le linee filorusse siamo stati nel mirino di qualche cecchino, sopra le nostre teste volavano i proiettili, non so dire se fossero per ucciderci o per spaventarci (io onestamente propendo per la seconda ipotesi), al nostro ritorno davanti la stazione ferroviaria ci siamo ritrovati davanti lo “spettacolo” orrendo di questa donna colpita alla testa e di un signore grasso e calvo che affermava di essere suo marito (ma non era abbastanza disperato per essere uno che ha perso la propria moglie in quella maniera) e che incolpava Bandera e Pravy Sektor dell’uccisione della moglie.
Il signore grasso e calvo, così come molte persone nel Donbass non sono riusciti a spiegarmi il motivo di cotanta sicurezza nell’affermare che siano stati gli ukraini ad uccidere la moglie visto che a tutt’ora (21 Settembre 2014) ancora non sono riusciti ad entrare nel centro della città.
Non ero presente quando la donna è stata colpita ma il giorno dopo, prima della fuga dalla città ho potuto guardare la scena e (pur non avendo la certezza matematica) credo che il colpo che ha ucciso la donna fosse partito dal tetto della stazione.
Nel caso vogliate verificare quanto dico di seguito posto il link
Chiedo pertanto un azione di rettifica da parte Vostra.
Certo di una Vostra gentile risposta invio:
Distinti Saluti
Cosimo Attanasio

Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna

Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna

Cosimo Attanasio, ‘fotogiornalista’ dell’ANSA (e non freelance come si spaccia), scrive ciò sulla foto relativa alla donna uccisa a Slavjansk, e al relativo marito ‘grasso’ che non piangeva abbastanza per i suoi gusti; il senso dell’affermazione di Attanasio è voler raccontarci che i golpisti ucraini (majdanisti, naziguardie e neonazisti vari) non uccidono civili, non bruciano persone, non bombardano città, che la strage di Odessa è colpa dei ‘pro-russi’, e nel caso specifico, arrivare ad insinuare che la moglie del marito ‘grasso e calvo’ sia stata uccisa dai ‘pro-russi’ per ingannare la presunta imparzialità di Attanasio stesso.
Ora, Primo: Attanasio si sente offeso per i giudizi espressi dall’articolo verso ‘persone che non conosce’; ma tali persone le conosce benissimo e probabilmente Attanasio avrà anche avuto a che fare con il neonazista Voerzio, di cui è un fan come si evince dalla sua pagina facebook tutt’altro che equivocabile, dove tra l’altro appare il suo entusiasmo per le puttane atlantiste anarco-sorosiane Pussy Riot. Attanasio è nettamente schierato con i neonazisti e golpisti di Gladio; quindi può dire ciò che vuole, ma la sua parola vale infinitamente meno di quelle del marito ‘grasso e calvo’ della donna assassinata, con la cui tragedia Attanasio costruisce la sua carriera di fotografo ‘indipedente’ (nome in codice, presso la NATO, per propagandista embedded). Infatti, se si va nella pagina delle foto di Attanasio sulle proteste a Odessa contro il massacro della casa dei Sindacati, Attanasio non ci pensa due volte a descrivere la manifestazione di cittadini odessiti come ‘assalto alla polizia di Odessa’, volendo attribuire ai ‘pro-russi’ intenti aggressivi con cui giustificare il massacro compiuto dai suoi amici ucrofascisti. Infatti, lo stesso sito che ospita tale serie di foto, Demotix, ci tiene a far sapere che il titolo scelto da Attanasio esprime soltanto un suo pregiudizio: “Please note: the text contained in “Assault on police headquarters – Odessa” has not been corrected, edited or verified by Demotix and is the raw text submitted by the photojournalist. All views and opinions expressed are that of the independent photojournalist and do not represent the views of Demotix Ltd. These details have been included in order to provide as much information as possible to the Media buyer” (Demotix). Demotix stessa prende le distanze da ciò che appare chiaramente un pregiudizio politicamente orientato di Attanasio. Come è un suo pregiudizio affermare che la donna assassinata (lui dice a Donetsk, ma a questo punto è lecito dubitare delle affermazioni di tale figuro filo-banderista), sarebbe stata uccisa dai separatisti pro-russi, come vorrebbe insinuare. Si tratta delle solite propaganda di guerra e guerra d’informazione cui ‘giornalisti’ e ‘fotogiornalisti’ occidentali, sempre più embedded alle intelligence della NATO, si prestano a diffondere e perpetuare con entusiasmo.
A conferma dei ‘pregiudizi’ (eufemismo) di Attanasio, basta questo passaggio sulla sua ‘esperienza’, guarda caso, a Slavjansk: “Quella di Slaviansk viene presentata come una sollevazione dal basso, ma i capi e le persone che presidiano gli ingressi non sono del posto e neppure soldati semplici russi: sono forze speciali di Mosca. Col tempo s’impara a riconoscerli. Al comando dove ci hanno portati c’erano anche donne che preparavano il tè e aiutavano gli uomini. È lì che hanno controllato il nostro lavoro“. LaStampa
Lui riusciva a distinguere i russi di Russia dai russi di Novorossija? Addirittura a capire che erano Speznats? O erano i suoi accompagnatori ucrofascisti a raccontarglielo? Avrà denunciato all’SBU, la polizia politica banderista con cui il suo amico Voerzio ha stretti contatti, le donne che davano il thè agli ‘invasori russi’?
Piccoli James Bond marciscono.

Alessandro Lattanzio


A Slavjansk, i camerati di Attanasio non hanno fatto nulla di male.

Danilo Elia free lance e Cosimo Attanasio dell’ANSA sono stati arrestati  il 15 febbraio 2015, ma poi purtroppo rilasciati, dal gruppo del comandante Motorol’, perché “si sarebbero imbattuti nelle postazioni coperte della difesa federalista novorussa”, come solo ogni spia sa ‘imbattersi’. Attanasio, che lavorando per l’ANSA (agenzia di disinformazione creata negli anni ’40 dai servizi segreti statunitensi) dimostra di essere la spia filo-Gladio che avevo denunciato, mi aveva attaccato (qui sopra) dicendo che la foto di una donna assassinata (sopra) dai suoi camerati di Pravij Sektor non era stata assassinata da loro, ma da malvagi agenti russi; e che gli stessi malvagi agenti russi, sempre secondo Attanasio agente vanesio, avevano assalito gli inermissimi poliziotti ucraini ad Odessa, il 3 maggio. Attanasio, l’agente-vanesio dell’ANCIA, aveva omesso di accennare minimamente alla strage di Odessa del giorno prima; quindi poi si vantava di essersi recato a Kramatorsk, probabilmente per poi indicare ai golpisti neonazisti ucraini i civili locali che sostenevano i ‘separatisti’. Attanasio rientra nella cerchia banderista dell”ex-poliziotto (e non vigile urbano come fa credere) Voerzio, colui che dirige e intruppa i giornalisti italiani attivi in Ucraina organizzandone i tour propagandistici pro-golpe e pro-Gladio, Zunini, Biloslavo, Quirico, Goracci ed altro pattume vengono indirizzati e assistiti sul campo da Voerzio e sodali (tra cui agenti dell’SBU e neofascisti locali ed italiani). Danilo Elia e Cosimo Attanasio, dopo una seire di manfrine in cui affermarono di aver rotto con il gruppo spionistico-propagandistico banderista della coppietta Voerzio-Prevedello, li hanno ringraziati per essersi prodigati a liberarli dopo l’arresto da parte dell’unità di Motorol’. Notare come Giulietto Chiesa su tali intrallazzi spionistico-disinformativi in Ucraina mantenga un silenzio piombato: AAA_nElia piagnucola, riceve ‘tweet minatori’, si, dai minatori armati del Donbas, che di spie, assassini, nazisti di Gladio e relativi fidanzatini italidioti, evidentemente ne hanno le tasche piene.

1382313I ‘giornalisti’ Danilo Elia e Cosimo Attanasio ‘coprono’ i movimenti della Resistenza federalista dei novorussi per conto di Gladio, SBU, NATO e neonazisti ucraini e italiani.

Giornalista svela come la CIA controlli i massmedia
Tyler Durden Zerohedge 09/10/2014

Sono stato corrotto da miliardari e dagli americani per non riferire… la verità“. Udo Ulfkotte, ex-direttore di una delle principali pubblicazioni della Germania, la Frankfurter Allgemeine Zeitung.ciaopmockingbirdAlcuni lettori vedendola subito la respingeranno come propaganda russa, dato che l’intervista è apparsa su RT. Sarebbe un grave errore. Sia che lo si voglia ammettere o meno, il controllo della CIA sui media negli Stati Uniti e all’estero non è complottismo, è un fatto. Carl Bernstein, noto per il caso Watergate, scrisse un articolo di 25000 parole su Rolling Stone dopo aver trascorso sei mesi a osservare il rapporto tra CIA e stampa negli anni della guerra fredda. Qui di seguito è riportato un estratto, ma si può leggere l’intera cosa qui.
“Nel 1953, Joseph Alsop, uno dei principali editorialisti statunitensi, si recò nelle Filippine per seguirne le elezioni. Non vi andò perché glielo chiese la sua agenzia, ne perché glielo chiese il giornale per cui scriveva. Vi andò su richiesta della CIA. Alsop è uno degli oltre 400 giornalisti statunitensi che negli ultimi venticinque anni hanno segretamente svolto incarichi per la Central Intelligence Agency, secondo i documenti della CIA. Alcune di queste relazioni tra giornalisti e l’Agenzia sono taciute, altre erano esplicite. C’era cooperazione, complicità e collusione. I giornalisti forniscono una gamma completa di servizi clandestini, dalla semplice raccolta di informazioni ad agire come intermediari per lle spie nei Paesi comunisti. I giornalisti condividevano i loro appunti con la CIA e i caporedattori il loro personale. Alcuni giornalisti furono vincitori del premio Pulitzer, giornalisti illustri che si consideravano ambasciatori ufficiosi del loro Paese. La maggior parte era meno esaltata. Corrispondenti all’estero associati con l’Agenzia contribuirono con il loro operato; corrispondenti e free lancer erano interessati ad agire da spia per riempire di temerarietà i loro articoli; e la categoria più piccola, era formata da agenti della CIA mascherati da giornalisti all’estero. In molti casi, i documenti della CIA dimostrano che i giornalisti erano impegnati a svolgere compiti per la CIA, con il consenso dei vertici dei principali organi d’informazione statunitensi”.
Come ogni buona agenzia d’intelligence, la CIA ha imparato dai propri errori dopo essere stata smascherata, aggiustando la tattica. Ecco dove il concetto di “copertura non ufficiale” entra in gioco. Il termine è stato ultimamente descritto dal giornalista tedesco Udo Ulfkotte, in una intervista a RT. Ulfkotte era un giornalista rispettato di uno dei principali quotidiani tedeschi, Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ); quindi non è un pesce piccolo. La “Copertura non-ufficiale” si verifica quando un giornalista essenzialmente lavora per la CIA, ma non in veste ufficiale. Così entrambe le parti  approfittano della partnership, mentre allo stesso tempo adottano la negazione plausibile. La CIA troverà giovani giornalisti divenendone il mentore. All’improvviso le porte si aprono con ricompense, e prima di capirlo, devono l’intera carriera alla CIA. Così in sostanza funziona. Ma non credete a me…

Se v’interessa, leggetevi Operazione Mockingbird.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

GladioEmblem

Brigatisti, islamo-sionistri e spioni italiani in Siria e altrove

Il terrorista e criminale Haisam 'abu Omar', arrestato per l'assalto all'ambasciata siriana del 10 febbraio 2012, assieme all'inviata speciale del TG-3 della RAI Lucia Goracci, velina della NATO, propagandista islamista e supporter del terrorismo in Libia e Siria.

Il terrorista e criminale Haisam Saqan ‘Abu Omar’, arrestato per l’assalto all’ambasciata siriana del 10 febbraio 2012, assieme all’inviata speciale del TG-3 della RAI Lucia Goracci, notissima velina della NATO, propagandista islamista e supporter del terrorismo in Libia e Siria. Il tizio con gli occhiali scuri che fa il gesto della V è un agente della CIA. Il TG-3 non si fa mancare nulla.

Un militante islamista italo-siriano Haisam Saqan (Abu Omar), arrestato dalla polizia italiana dopo che il 10 febbraio 2012, assieme ad Amar Basha, elemento legato a Nur Dachan, presidente dell’Unione italiana delle comunità islamiche, e altri 10 attivisti islamisti del “coordinamento libero siriano di Milano“, aveva assaltato l’ambasciata siriana a Roma con l’evidente supporto dei servizi segreti italiani.
Gli islamisti furono incriminati, e sottoposi all’obbligo della firma, per danni aggravati, furto con scasso e violenze aggravata nei confronti delle due guardie dell’ambasciata. Il ‘dissidente’ siriano Faisal al-Muhammad, a capo dell’UICI, assicurava la difesa legale dei terroristi. A sua volta, la figlia del presidente emerito dell’Unione italiana delle comunità islamiche, Asmae Dachan, dichiarava, “Il prossimo 15 marzo a Roma sarà giudicato il gruppo di attivisti per i diritti umani in Siria, che lo scorso 10 febbraio aveva assalito l’ambasciata siriana nella capitale italiana. Questo gesto dall’alto valore simbolico è stato fatto per il bene della popolazione siriana ed è dedicata alle donne e bambini, ai giovani e tutte le persone che pagano con la loro vita la scelta di libertà e democrazia. L’ambasciata siriana rappresenta il governo siriano, che uccide la nostra gente non rappresentando coloro che credono nel diritto sacro della vita umana. Al contrario, la bandiera dell’indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria“.

Al contrario, la bandiera dell'indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria

Al contrario, la bandiera dell’indipendenza ci rappresenta, mi rappresenta e rappresenta il futuro di pace e libertà della Siria“. Asmae Dachan

Con il permesso delle autorità italiane, i terroristi islamisti in Italia fluiscono in Siria per compiere  crimini contro l’umanità.
Dopo essere stato rilasciato il 12 febbraio 2012, Haisam Saqan raggiungeva le file dei terroristi attivi in Siria, partecipando agli ordini di Abdul Samad Isa a diversi crimini di guerra, come l’assassinio di sette prigionieri nella provincia di Idlib, nell’aprile 2012, esecuzione videoripresa che fu poi diffusa dal New York Times. Nel filmato Haisam impugna un Kalashnikov mentre ascolta il comandante spiegare “perché sia giusto e doveroso ammazzare i prigionieri”, per poi subito sparare alla nuca del prigioniero disteso ai suoi piedi. Nel giugno 2013, un altro terrorista islamista, Giuliano Ibrahim Del Nevo un genovese convertitosi all’Islam, venne liquidato dopo aver frequentato un campo di addestramento in Turchia gestito da taqfiriti ceceni e così raggiunto le file del terrorismo attivo in Siria. Un altro terrorista islamista italiano era Anas al-Abubi, che dalla  provincia di Brescia partiva per la Siria, perché “Il martirio mi seduce, voglio morire a mano armata, tengo il bersaglio sulla Crociata…”. Anche costui era stato in precedenza arrestato perché diffondeva documenti su come maneggiare la nitroglicerina e testi dell’imam jihadista Anwar al-Awlaqi, riferimento ideologico di molti terroristi in Europa, per poi essere rimesso in libertà affinché potesse recarsi ad Aleppo, per condurre la jihad taqfirita con lo pseudonimo Anas al-Italy. In effetti, in Siria è attiva una “brigata islamista italiana”.

im1Il sito Fortress Europe, del ripugnante Gabriele Del Grande, italico supporter del terrorismo islamista in Siria e altrove, si vanta delle prodezze dei suoi fidanzatini, quale un’odalisca nell’harem di Doha non potrebbe fare: “Per anni quella bandiera nera è stata usata da una miriade di sigle del terrorismo islamico. Nella Siria di oggi però è diventata il simbolo dell’internazionalismo islamista. Sì perché nella scuola di Sukkari fanno base combattenti di mezzo mondo. Libici, sauditi, ceceni, tunisini, afghani, ma anche francesi e australiani. Hanno le barbe lunghe, il turbante nero, pantaloni mimetici militari, e un kalashnikov in spalla. Tra di loro ci sono alcuni veterani della guerra, come i ceceni, i libici e gli afghani. Altri invece sono ventenni alla prima esperienza. Non tutti hanno una formazione islamista radicale. Tanti sono venuti semplicemente per seguire un grande ideale di solidarietà con la comunità musulmana sunnita siriana, a cui sentono di appartenere al di là delle frontiere. Né più né meno come i comunisti italiani che nel 1936 andarono in Spagna a combattere contro il fascismo. … Sporca come il sacco sulle spalle del vecchio appena uscito dalla sede della brigata islamista. Gronda sangue. Dentro ci sono i vestiti degli shabbiha catturati nei giorni scorsi. Si tratta dei criminali assoldati dal regime per perseguitare gli oppositori. A tagliare loro la gola è stato l’afgano, con una specie di spada. I corpi li hanno sepolti nella piazzola sotto il cavalcavia, dove hanno già sotterrato un’altra ventina di sgherri del regime giustiziati alla stessa maniera. Il vecchio ora sta andando a bruciare i loro panni.” Solidarietà è l’apostrofo rosa tra t’ammazzo. Questo spregevole scritto pornografico “in Italia è stato esressamente rifiutato“, piagnucola in nota il piccolo bin ladin del quartierino, “viste le vergognose condizioni di sfruttamento lavorativo che praticano.” Direi che di vergognoso in tutto ciò ci sia ben altro che la mancata paghetta da ruffiano dei terroristi. Non tutti sono egualmente utili al Pentagono come una Lucia Goracci o un Cristiano Tinazzi.
Un peana al macello taqfirista, per la democrazia e la libertà c’è da scommetterci. Dal ché si comprende che il tizio, questa sposina della Jihad, è un nipotino di Rossana Rossanda, vecchia e rancida cheerleader del terrorismo atlantista che sia delle brigate rosse, dei bombardamenti umanitari o del jihadismo taqfirita. Inoltre questo Delgrande, come certi altri ‘giornalisti’ italiani e della NATO, ha potuto tranquillamente infiltrarsi in territorio Siriano assieme alle bande terroristiche islamiste, partecipare ai loro crimini e celebrarli tranquillamente in Italia, grazie all’appoggio benevolente, se non attivo, e tutt’altro che occulto, dell’intelligence e dei servizi segreti italiani che, contemporaneamente, sebbene abbiano davanti tali figuri a sostenere il terrorismo islamista “internazionale”, fedeli al loro ruolo di barboncini atlantisti, redigono documenti in cui dipingono come ‘terroristi’ i sostenitori della restaurazione della Russia e della costituzione del blocco eurasiatista.
1Analisi boldrinianamente degna della psico-sbirraglia militante a sinistra in Italia, che a quanto pare, nonostante il suo abbaiare contro la ‘repressione poliziesca’, sembra aver fatto breccia, con tali analisi pecoreccio-hollywoodiane, nei cuori del così miserramente atlantista apparato poliziesco-spionistico italiano.

Riferimenti:
Ilgiornale
Brescia Corriere.it

Alessandro Lattanzio, 22/1/2014

Agenti segreti infiltrati nei media

Hisham Hamza, Réseau International 17 settembre 2013

Ufficialmente, la DGSE è l’unico a contare tra le sue fila agenti sotto copertura inseriti nella vita civile, compresi dei giornalisti impiegati nei media mainstream.”
La spia del Presidente”, Didier Hassoux, Christophe Labbé e Olivia Recassens 2012

Bernard Bajolet

Bernard Bajolet, nuovo direttore della DGSE

La stampa e la radiotelevisione francesi hanno diffuso una nota declassificata dell’intelligence circa le “prove” del coinvolgimento del regime siriano nell’uso di armi chimiche contro i “ribelli” e la popolazione civile. Il presente documento (disponibile su diversi siti, tra cui quello della CRIF) è una sintesi sviluppata congiuntamente dal DGSE (Servizio d’intelligence estera) e dalla DRM (Direzione dell’intelligence militare).
In 48 ore, si sono visti dibattiti audiovisivi o leggere editoriali che mettano in discussione la veridicità del documento? Nessuno. Si deve andare su social network, blog di attivisti e siti alternativi per vedere analisi o pareri che svelino l’argomentazione fallace di questa nota ufficiale. Una doppia leggenda continua però ad avere vita facile: la stampa francese è piuttosto di “sinistra” e la sinistra è naturalmente incline all’antimilitarismo. L’apatia dei giornalisti francesi davanti alle “prove” dell’intelligence militare, per giustificare l’intervento militare in Siria, dimostra che non è così. Come spiegarlo? Al di là della mentalità da mandria degli uni e dell’indifferenza degli altri, una terza causa può illuminare un atteggiamento così rassegnato tra molti giornalisti, che si pretende costituiscano un contropotere.
Pubblicato nel gennaio 2012, l’e-book ‘La spia del Presidente‘ sull’ex-direttore del DCRI, conferma un segreto di pulcinella: i servizi segreti francesi, sia esterni (DGSE) che interni (DCRI), impiegano agenti coperti e giornalisti infiltrati nei grandi media francesi. La loro missione? Spiare i loro colleghi che indagano e, se necessario, intervenire per disinformare il pubblico su questioni relative alle questioni di sicurezza nazionale. I servizi possono anche finanziare l’addestramento di un futuro giornalista, come confermato da Jean Guisnel nel suo libro sulla storia della DGSE. Infine, alcuni giornalisti già sul posto, possono essere attivati per missioni specifiche con il pretesto del patriottismo e/o del denaro. Tranne ai loro reclutatori, non è noto il loro numero o identità. Solo con la pubblicazione di un libro pieno di rivelazioni, alcuni nomi poterono esser fatti. Come nel caso di Jean-Pierre Van Geirt, ex giornalista di TF1 che fu ‘smascherato’ dall’ex direttore dell’intelligence generale. Altri possono scegliere di confessarlo, come avvenne ad aprile con Denaud Patrick, ex-corrispondente di guerra.
Ma la questione si pone, evidentemente, in periodo di guerra, se la Francia decidesse di attaccare la Siria, l’opinione pubblica potrà essere deliberatamente presa di mira dalla propaganda e dalla disinformazione per garantirsi che sostenga qualsiasi manovra militare su larga scala. Quando il DGSE pubblica un documento rilanciato dai media, in cui sono già inseriti alcuni suoi agenti (travestiti da giornalisti), diventa necessario, in relazione alla verità e all’interesse generale,  dubitare di sostenitori e approfittatori di questa operazione di comunicazione. Ovviamente, molti giornalisti non hanno bisogno di essere pagati dai servizi segreti, se del caso, per farsi strumentalizzare fornendo specifici servizi o, più in generale, chiudendo gli occhi sulla disinformazione fomentata dai loro capi di redazione. La crescente insicurezza del lavoro contribuisce all’auto-censura e all’anestesia del pensiero critico. È per questo che i media mainstream non hanno ritenuto necessario soffermarsi sul significato e le conseguenze della nomina di Hollande Christophe Bigot, a direttore strategico del DGSE, il 1 settembre. La coincidenza è gustosa: l’ex-ambasciatore in Israele, ammiratore delle pulizie etniche di David Ben Gurion e vicino alla classe politica di Tel Aviv, inizia i suoi compiti, mentre la Francia è in procinto di entrare in guerra contro la Siria, un Paese per cui il clan Netanyahu aspetta con ansia (dal 1996) un cambiamento di regime. E la sua nomina certamente contribuirà a rafforzare la stretta collaborazione occulta, tessuta fin dagli anni ’50 e descritta dallo storico Yvonnick Denol, tra servizi segreti francesi ed israeliani. Ecco perché la DGSE e la DCRI non dovrebbero incontrare difficoltà nel tentativo di modellare l’opinione pubblica attraverso le redazioni francesi da esse infiltrate. Oltre alla docilità dei veri giornalisti, vi sono ancor più numerosi agenti segreti sotto copertura, sempre pronti a farsi prendere la mano giocando al “soldatino” dell’ombra.
A titolo di esempio, una rivista regionale ha, con ogni probabilità, reso un favore al nuovo direttore della DGSE. Ad aprile, ho scritto per Oumma un breve ritratto di Bernard Bajolet. In particolare mi ricordo un aneddoto: il grande capo dei servizi segreti giocava a backgammon con Bashar al-Assad in gioventù. Per rendere visibile l’aura del personaggio, ho inserito un video di Bernard Bajolet, ripreso da La Presse di Vesoul. Come un signore aristocratico, ha mostrato le sue belle fontane  suggerendo di esser felice di avere acquisito l’opulenta proprietà nella regione. Nulla di scandaloso, a priori. Tuttavia, di recente ho scoperto, guardando l’articolo su Oumma, che questo video, pubblicato da La Presse di Vesoul a dicembre, era stato eliminato dopo la pubblicazione del mio articolo. Qualcuno della DGSE, direttamente a Dailymotion o tramite il giornale locale, ha fatto ritirare senza spiegazione questo video. Non c’era alcun rischio per la vita e la reputazione di Bernard Bajolet. Se il personaggio è in realtà discreto, immagini del suo viso circolano su internet e il suo domicilio presso Vesoul è facilmente identificabile. Non importa: lo zelo di un alto funzionario della DGSE ha rimosso un innocuo video dalla rete.
Se si è in grado, stando ai vertici dello Stato, di censurare un video innocuo prodotto da un giornale locale, è facile immaginare quali significativi mezzi di pressione vengono usati per nascondere informazioni che potrebbero influire sulla sicurezza nazionale. O, più precisamente, sull’immagine dei nostri leader.
Addendum 08/09: il quotidiano inglese The Guardian ha oggi dedicato un articolo sui giornalisti-spia nel Regno Unito e sull’impatto di questo doppio impiego nella presentazione politico-multimediale della questione siriana.

Il terrorista Haisam abu Omar, già arrestato per l'assalto dell'ambasciata siriana a Roma del 10 febbraio 2012, è il criminale cerchiato di rosso nella fotografia, invece, la signorina, è l'inviata della RAI Tg-3 Lucia Goracci.

Il terrorista e criminale Haisam ‘abu Omar’, arrestato per l’assalto all’ambasciata siriana del 10 febbraio 2012, assieme all’inviata speciale del TG-3 della RAI Lucia Goracci, velina della NATO, propagandista islamista e supporter del terrorismo in Libia e Siria.

Lucia Goracci e Hasaim 'abu Omar'

Lucia Goracci e Haisam ‘abu Omar’

Husaim 'abu Omar' cerchiato in rosso

Haisam ‘abu Omar’, cerchiato in rosso

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Padre ratto, Fuffington Post e la legione islamista

45122Ma guardiamo alla cosa dal punto di vista etico della rivoluzione siriana. Ammettiamo per un istante che ci fossimo appropriati di armi chimiche sottratte agli arsenali di regime conquistati eroicamente. Immaginiamo di avere la capacità di usarle contro le forze armate del regime per risolvere il conflitto a nostro favore e salvare il nostro popolo da morte certa. Cosa ci sarebbe d’immorale? Tutte le armi possibili sono usate contro di noi. È ampiamente dimostrato che il regime fa esperimenti micidiali d’uso delle armi chimiche contro i partigiani rivoluzionari e la popolazione civile, proprio per vedere di superare quella maledetta linea rossa impunemente. … Invece se ci lasciate sbranare dal regime assassino, allora, ve lo promettiamo, la necessaria doverosa e disperata autodifesa ci consiglierà, ci obbligherà a costituire un tale micidiale pericolo alla sicurezza regionale da obbligarvi ad assumervi comunque le vostre responsabilità. … Non è per minacciare, è invece per allarmare riguardo ad un pericolo oggettivo e già reale che mi lascio andare a propositi così drammatici.”
Ecco, aldilà della diretta conferma e rivendicazione delle accuse di uso di armi chimiche da parte delle bande terroristiche, lanciate dal governo di Damasco, queste sono le vagamente minacciose parole di ‘pace’ del prete islamistofilo e terroristofilo Paolo Dalloglio, un gesuita fulminato sulla via di Damasco dal Dio della Jihad taqfirita. Il taqfirismo è una corrente del wahhabismo militante che invoca lo sterminio per tutti coloro, mussulmani o meno, che non accettano l’ottusa visione medievale del mondo che hanno. Ma a quanto pare, ora sembrerebbe che il prete jihadista sia rimasto vittima degli scontri intestini esplosi tra le sue amate bande terroristiche che affliggono la popolazione siriana e appestano il territorio della Siria. Ci risiamo con la vicenda dei quattro ‘giornalisti’ filo-terroristi italiani sequestrati qualche mese fa. Una messinscena o un tentativo di riscattare qualche altra tonnellata di armi e munizioni che il governo Berlusconi, il 7 marzo 2011, mise a disposizione dei golpisti-terroristi islamisti di Bengasi, all’inizio della distruzione della Jamahiriya Libica, e che oggi operano in Siria? Dalloglio, un gesuita che è stato espulso dalla Siria l’anno scorso per il suo manifesto ed entusiastico sostegno ai terroristi infiltratisi in territorio siriano, sarebbe rientrato illegalmente in Siria, come i suddetti ‘giornalisti’, per compiere una ‘missione’ nella città di Raqqah controllata dalle bande di al-Qaida; sulla sua sua pagina facebook invocava “dai cari amici l’augurio per la sua riuscita … la Rivoluzione non è un auspicio di buona sorte, ma un impegno”. Il 24 luglio Dalloglio aveva chiesto al Papa di promuovere “un’iniziativa diplomatica urgente e incisiva per la Siria, che assicuri la fine del regime, salvaguardi l’unità nella molteplicità del paese e consenta, per mezzo della autodeterminazione democratica assistita internazionalmente, l’uscita dalla guerra tra estremisti armati”, avviando una petizione su Change.org, un sito sponsorizzato da CNN, New York Time e Bloomberg.
Dalloglio è un ‘autorevole esperto’ dei fatti siriani del noto sito Huffington Post, della sezione italiana dell’omonimo sito d’informazione politica statunitense Huffington Post, fondato dall’omonima Arianna Huffington, potente giornalista obamiana. Non è un caso che Dalloglio scriva per tale sito d’informazione statunitense; ad esempio altri ‘esperti e opinionisti’ filo-islamisti, e tutti impiegati di al-Jazeera, la TV che ha inventato la ‘Primavera araba’, svolgono ruoli importanti. Da ciò si può arguire da dove provengano i proventi che hanno permesso l’esplosione mediatica dell’Huffington Post. Al Qatar non è bastato inventarsi al-Jazeera o comprarsi gli intellettuali alla moda francesi e decine di accademici italiani a colpi di assegni da 10.000 dollari.
Tra i redattori dell’Huffington Post, ad esempio, vi è Mahdi Hasan, redattore politico di The Huffington Post – Regno Unito oltre che conduttore dello show The Café di al-Jazeera English. Pur essendo sciita, Hasan, che è anche a capo dell’Islamic Relief, una potente ONG anglo-islamica, propone la sua ricetta per trovare una ‘soluzione’ in Siria: “I nostri ministri (occidentali) dovrebbero fare pressione e offrire incentivi a Mosca per mollare Damasco, i nostri diplomatici dovrebbero cercare di convincere gli Stati del Golfo a tenere a freno i ribelli, in particolare quelli ultra-islamisti, i nostri avvocati dovrebbero minacciare Assad e suoi subalterni di rinvio a giudizio alla Corte penale internazionale.” Non c’è che dire, una via di mezzo nell’intrusione atlantista in Siria, credendo ancora, nel maggio 2013, che la Russia abbandoni un suo alleato strategico in cambio di perline di vetro… certo, comunque, Hasan ha cambiato tono, oggi, rispetto quel che diceva nel dicembre 2011, quando definiva Bashar al-Assad “ridacchiante e sbuffante dittatore siriano” le cui truppe ‘abbattevano’ “i giovani della Siria, coraggiosi, disarmati e idealisti…”. Le sonore legnate  prese dai terroristi islamisti in Siria, hanno portato a più miti consigli questo cheerleader dell’ex-emiro del Qatar. Ma Hasan non è l’unico islamista ad avere un certo peso nell’Huffington Post.
Il direttore esecutivo dell’MPAC Salam al-Marayati è uno dei blogger più popolari del sito The Huffington Post. Ecco un estratto dal suo primo post: “Come musulmani americani, quando prestiamo il giuramento di fedeltà all’America…, dobbiamo rimanere fedeli alla nostra parola. Si tratta di un obbligo islamico difendere quello che abbiamo giurato, vale a dire la costituzione degli Stati Uniti d’America. Ciò non equivale a sostenere le politiche del governo. Il patriottismo non è agitare la bandiera o utilizzarlo per intimidire gli altri, il patriottismo è amore di patria e quando noi musulmani americani vediamo un pericolo per il nostro paese, come il terrorismo o la xenofobia, ovvero le politiche che danneggiano l’immagine e gli interessi degli Stati Uniti, è nostra responsabilità di americani e islamici agire per il miglioramento dell’America...”. L’MPAC è il braccio lobbistico dei Fratelli mussulmani negli USA, che ha sviluppato ampie relazioni con il governo degli Stati Uniti tramite numerosi incontri con il dipartimento di Giustizia e l’FBI.
L’americano-palestinese Ahmed Shihab-Eldin, a sua volta, è editorialista e gestore del sito Huffington Post Live, ha lavorato per il New York Times nel 2008, per al-Jazeera English e The Doha Film Institute, e infine ha creato il Tribeca Film Festival di Doha. Segue dei progetti sul giornalismo digitale per conto della Carnegie-Knight Initiative on the Future of Journalism Education ed ha anche lavorato per la Fondazione Rockefeller. Con l’esplosione delle rivolte arabe nel 2011, è divenuto opinionista di riferimento sulla ‘democratizzazione’ dei media e la ‘primavera araba’. E a proposito della ‘primavera araba’, nel dicembre 2010 Shihab-Eldin lavorava a un format televisivo, The Stream, un talk show di al-Jazeera destinato al mondo arabofono. Casualmente, si trovava in Tunisia quando esplose la rivolta contro il governo: “Quella stessa settimana, ero arrivato a Washington per lanciare The Stream per al-Jazeera, un talk show interattivo che mirava a riprendere le conversazioni sui social media e a sfruttarle per raccontare storie non note. Mi sono imbattuto nell’hashtag ‘Sidibouzid’, la città di Mohamad Bouazizi. Immediatamente ebbi centinaia di foto e video che mostravano gli studenti che protestavano, gli abusi della polizia e scontri a fuoco sporadici. Nel giro di pochi minuti sono riuscito a intervistare uno studente via Skype che mi ha detto che la scuola era stata chiusa. Mi aveva mandato le foto di un manifestante la cui testa era esplosa, in ospedale. Ho provato a cercare sulla rete per avere conferma del video, ma non c’era niente. Ero lì, a guardare questo video orribile, sapendo nell’intimo che era reale, ma non trovavo una fonte nei media mainstream che lo confermassero, chiedendomi dove diavolo fosse la storia? Quando i messaggi divennero virali, le proteste scoppiarono in tutto il mondo, mostrando solidarietà alla Tunisia in Svizzera, Egitto, Algeria, Berlino e anche a Londra. Ho capito che era l’inizio di una rivoluzione e io, grazie ai social media, avevo un posto in prima fila.” E con lui, anche al-Jazeera e l’ex-sceicco del Qatar Hamad al-Thani, furono in prima fila al momento dell’esplosione della ‘primavera araba’…
L’Huffington Post dichiara di ricevere il contributo di 1.500 influenti blogger, tra cui: Barack Obama, Hillary Clinton, Wesley Clark, Nora Ephron, Ari Emanuel, Mia Farrow, Russ Feingold, Al Franken, Gary Hart, Edward Kennedy, John Kerry, Bill Maher, Nancy Pelosi, Margaret Cho e Alec Baldwin. Inoltre, l’Huffington Post gode del sostegno di una lunga serie di grandi inserzionisti come: AT&T, al-Jazeera, American Airlines, Audi, Ford, GM, Gillette, Levi Strauss, Microsoft, Sheraton, Shell Oil, Verizon. È notevole che Huffington Post sia riuscito ad attirare tali e tanti inserzionisti, al contrario di tutti gli altri blog/siti politico-informativi dalle dimensioni comparabili. L’Huffington Post non è un giornale, ma solo un sito dalla redazione di 200 persone in tutto il mondo, quindi tutt’altro che gigantesche. Ma nel maggio 2009, Derek J. Murphy, ex-responsabile per lo sviluppo di partnership strategiche della CNN, entrò nello staff di The Huffington Post, sviluppandone notevolmente le capacità contrattuali nel campo pubblicitario.
I legami tra disinformazione strategia anglosassone, propaganda islamista e aggressione imperialista a Stati socialisti e nazionalisti, viene dimostrato per l’ennesima volta nel caso di Delloglio e dei suoi oscuri legami con il terrorismo islamista in Siria. Infatti Dalloglio, prima di recarsi a Raqqah, si era recato negli USA, su invito del SAC (Syrian American Council) per “partecipare a molteplici impegni per evidenziare la sua esperienza di vita in Siria, compresi i dettagli del suo sostegno alla rivoluzione siriana”. In quel tour Dalloglio è stato ospitato dalle seguenti organizzazioni: Interfaith Collaboration for Social Change, Carnegie Endowment for International Peace, storica organizzazione statunitense dedita all’infiltrazione e alle interferenze nei Paesi oggetto degli interessi di Washington, e infine New America Foundation (un think tank per la sicurezza nazionale degli USA e la ‘costruzione di asset’ all’estero, ovvero di enti ed agenti al servizio di Washington). New America Foundation è attualmente diretta da Eric Schmidt, presidente di Google, e da Anne-Marie Slaughter, ex-direttrice della Pianificazione Politica del Dipartimento di Stato degli USA dal gennaio 2009 al febbraio 2011. In sostanza è l’ufficio che ha direttamente pianificato l’infiltrazione e la sovversione islamista-atlantista in Siria. Dalloglio è quindi un agente operativo dell’imperialismo statunitense, e precisamente della sua ala più aggressiva e intrusiva. La ‘missione’ che Dalloglio svolge a Raqqah, a quanto pare urgente e importante, gli è stata ordinata direttamente da elementi del governo statunitense, nel tentativo di protrarre il più possibile la devastazione della Siria e le afflizioni del suo popolo. Altro che amore verso il popolo siriano di cui sproloquia questo gesuita islamista, sostenitore del terrorismo e dell’ingerenza imperialista. Il Syrian American Council, l’ente che ha invitato Dalloglio, ha nel suo consiglio di amministrazione Ghassan Hitto, ex-‘Primo ministro’ dell’opposizione islamo-atlantista siriana, affiliato ai Fratelli mussulmani e fondatore della pseudo-ONG Shaam Relief Foundation, organizzazione che camuffa da aiuti umanitari l’infiltrazione di terroristi e mercenari islamisti in Siria. Il Syrian American Council ha tra i suoi obiettivi ufficiali collaborare con il governo degli Stati Uniti e la comunità internazionale per ‘portare la pace in Siria’ e promuovere ‘relazioni amichevoli’ tra gli statunitensi e i siriani. Il SAC, oltre che con la Shaam Relief Foundation, coopera con altre pseudo-ONG, come la Syrian Sunrise Foundation, un’ONG che invia terroristi e sovvenzioni ai famigliari dei terroristi eliminati in Siria, la Syrian Relief and Development, facciata del Brookings Institution e del Saban Center, pesantemente coinvolti nella pianificazione della sovversione islamo-atlantista in Siria, e la Zakat Foundation, presente in 30 Paesi mussulmani e che coopera strettamente con il governo USA nei suoi piani di destabilizzazione. In effetti, l’unica operazione di rilievo di tale organizzazione è stata la realizzazione di un documentario, nel 2008, da parte di un suo ‘volontario’, tale Kevin McKiernan, girato a Fu-Xing, nella provincia cinese del Gansu, riguardante la locale comunità musulmana. Lo scopo perseguito dall’autore e dai suoi committenti era presentare a tinte fosche la situazione dei mussulmani in Cina, dipingendo l’ennesimo quadro fasullo su una minoranza religiosa ‘oppressa’ in Cina e aspirante alla ‘liberty’; ciò allo scopo sia di suscitare tensioni interne in Cina, sia d’avviare l’ennesima campagna di disinformazione strategica a livello internazionale.

Fonti:
La morale cristiana e l’arma chimica siriana
The Arab World and the Media’s Symbiotic Revolutions
If We Arm the Syrian Rebels, How Do We Stop British Bombs and Bullets Getting to Al Qaeda?
MPAC Director Newest Blogger On Huffington Post
Priest Expelled by Assad Regime Speak in Washington, D.C.
Syria’s brave but divided opposition will have to take down Assad on their own

Alessandro Lattanzio, 30/7/2013