Autodistruzione dell’Unione europea

Robin Mathews AHTribune 13 marzo 2018Non avverrà rapidamente… e il collasso non sarà con un lampo accecante. Ma la crescente insoddisfazione tra le popolazioni europee crescerà. Travisata da personaggi come Mario Draghi, capo della Banca centrale europea ed ex-dipendente di Goldman Sachs, e Jean-Claude Junker, presidente della Commissione europea, così come da quasi tutti i media… l’insoddisfazione crescerà… aumenterà e rafforzerà il collasso…. L’Unione europea è nata con una menzogna e, a causa dei mali subiti dai cittadini europei, non potrà continuare. Vestita dalla Grande Idea sulla liberazione dalle guerre in un continente ricco di lingue, culture e confini nazionali, l’esperimento è di fatto immerso nell’avidità dei banchieri internazionali, dell’imperialismo USA, delle competizioni locali europee e da un seguito decadente ed inflessibile di aziende private così “progressiste” che tornerebbero agli schiavi se solo potessero imporlo… Il Parlamento europeo è in sostanza una finzione vacua. Il potere europeo si trova a Washington, Berlino, nella NATO, nella Commissione europea di nominati e in varie organizzazioni europee, aziende e capitalisti. Alcuna di tali forze è “illuminata”. Neanche nell’assente stampa europea, per lo più di loro proprietà.

Come è successo?
La storia della formazione dell’Unione europea è più lunga di quanto si pensi. Dopo la Prima guerra mondiale un piccolo gruppo di pensatori e politici presentò l’idea dell’Europa Unita. Erano una piccola minoranza, ma fecero ciò che potevano per mantenere viva l’idea: incontrare, pubblicare, fare campagne. Una voce significativa dell’epoca, Aristide Briand, undici volte primo ministro della Francia, propose (senza successo) l’unione economica dell’Europa nel 1929, sperando di evitare ciò che accadde dopo la morte nel 1932. E così arrivò Adolf Hitler e nel 1939 Blitzkrieg e unificazione militare dell’Europa. Alcuni vecchi fautori dell’unità pensavano che l’Europa di Hitler potesse divenire un’unione democratica. Furono accusati di “collaborazionismo” con la brutalità nazista… e perseguitati per le loro ingenue speranze. E poi l’Europa fu liberata dal flagello nazista. Ancora più intensamente emerse il grido che qualcosa andava fatto per porre fine alla brutalità delle guerre europee. Il grido di “Europa Unità” si sollevò di nuovo. Dall’altra parte dell’Atlantico durante la Seconda guerra mondiale (1944) numerose nazioni (44) s’incontrarono a Bretton Woods, nel New Hampshire, negli Stati Uniti, per elaborare nuove forme di commercio, finanza internazionale, giustizia, lavoro… (La creazione della forza militare a guida statunitense NATO, e l’esclusione della Russia vennero poco dopo). Tutta l’Europa (eccetto la Germania), Stati Uniti e Regno Unito (negli incontri del 1944) si misero al lavoro per attuare un futuro planetario, un futuro difatti forgiato e controllato dagli Stati Uniti. Ne seguì la famosa diatriba tra l’inglese John Maynard Keynes e il rappresentante statunitense Harry Dexter White che, solo per via del puro potere post-bellico degli Stati Uniti incolumi, vinse creando il sistema finanziario e commerciale globale dominato dagli Stati Uniti… con infinite implicazioni per l'”Unione Europea”. Quando la guerra del 1939-1945 terminò, gli Stati Uniti scoprirono che il Piano Marshall (per salvare l’Europa) presentava possibilità illimitate di profitto (e controllo). E tali idee indicarono agli Stati Uniti creazione (e controllo) della NATO e i principali passi nella costruzione dell’Unione europea, un’entità che ora è così (inutilmente) complicata che il Parlamento europeo è un fatuo club per dibattiti. Non senza avere importanza centrale (ma raramente menzionata), la burocrazia dell’UE propose e scrisse la Costituzione d’Europa. Tre lunghi volumi (forse la Costituzione più lunga mai scritta, del 2004-5), che i suoi autori non erano ansiosi che gli europei studiassero. I governi al potere iniziarono ad attuarli. Ma alcuni di essi, come Francia e Paesi Bassi, richiesero il referendum popolare per approvarla. Gli attivisti francesi ne ebbero delle copie, le lessero… e passarono all’offensiva rivelandone il contenuto e bloccando il passaggio del documento “illiberale”. Il risultato nel 2005 fu che Francia e Paesi Bassi rifiutarono la cosiddetta Costituzione. Era morta e sepolta. Non andava rifiutata dai cittadini europei, e la burocrazia dell’UE creò il trattato (la struttura dei trattati che vincola i Paesi europei è ora chiamata “Costituzione nascente dell’UE”), presentato a Lisbona nel 2007, dove fu approvato dai governi; e il Trattato di Lisbona (contenente parte della Costituzione respinta) entrò in vigore nel 2009.
Arrivando ad oggi, ci troviamo di fronte al gioco di prestigio della Francia passata all’improvviso al nuovo partito “En Marche” con Emmanuel Macron suo presidente. Mentre il partito socialista crollava per tradimento… seguendo i dettami della Commissione europea reazionaria, i capitalisti francesi si affrettavano a salutare il salvatore dagli occhi blu (“Emmanuel” significa “Dio è con noi”). Evitando gli attacchi diretti ai lavoratori che caratterizzarono il governo di Francois Hollande, Macron è per il momento saldamente in carica. L’avversaria Marine Le Pen, misinterpretata dai commentatori (in parte perché mette seriamente in dubbio la struttura dell’UE), lotta per mantenere la presenza, avendo dato dimostrazione credibile nelle elezioni che hanno messo Macron al potere. Le sconvolgenti elezioni in Italia hanno messo in rotta il cosiddetto partito di centro-sinistra di Matteo Renzi (un duplicato del governo “socialista” di Francois Hollande). In entrambi i casi i governi erano anti-operai, repressivi verso la gente comune, inutili sulla disoccupazione e di fatto nelle mani della Commissione europea di Jean-Claude Junker (e attraverso essa dell’Europa delle aziende con le sue connessioni statunitensi). Le elezioni italiane, che hanno dato ai Cinque Stelle (mettendo radicalmente in discussione le politiche dell’UE) la maggioranza dei voti… e incrementato il potere degli elementi di destra, hanno creato un disordine perfettamente comprensibile. Il fallimento dei partiti di “governo” (accettati dai media) nel mantenere le posizioni ha provocato le urla sull’ascesa al potere dei partiti “di estrema destra”, “populisti”; ciò significa nient’altro che il legittimo voto di protesta ha funzionato. (Dopotutto, i partiti populisti sono sostenuti dalla popolazione piuttosto che dalle aziende e dai contribuenti più ricchi!). E quando governi reazionari come i governi “di sinistra” di Francia e Italia incontrano un’opposizione, come chiamarla? La stampa fallita europea sceglie di chiamarla “estrema destra”!
Nel mondo occidentale (ad eccezione della Gran Bretagna) i cosiddetti partiti “di sinistra” non controllano più la società, Canada escluso. In Italia (e in Europa) genitori colpiti, giovani disoccupati e lavoratori sempre più insultati cercano una soluzione al governo dell’Unione europea centrato sulle azeinde. Se si vuole pensare al fallimento gigantesco dell’Unione europea, basta guardare la Grecia. Maledetta da una corruzione non maggiore di quella degli Stati Uniti, assistette alla falsificazione dell’economia equilibrata ad opera di Goldman Sachs di New York, rimanendo col disperato bisogno di aiuto comunitario per ricostruire economia e legittimità politica; la Grecia è stata fatta a pezzi, dissanguata, disonorata, divorata e svenduta da una “troika” senza coscienza di nominati dell’UE agli avvoltoi europei e stranieri, affinché i sei milioni di cittadini più utili della popolazione greca lascino il Paese. (C”è davvero il coraggio di parlare di Comunità europea?)
L’Italia è il terzo maggior membro della “Comunità europea”. La lotta nei prossimi mesi per formare un governo degli italiani (invece che di altri nel mondo dalla ricchezza putrida e dagli intenti criminali) testerà l’unità dell’Unione europea e ne cambierà radicalmente la struttura di potere… o annuncerà la morte di tale incubo del tutto tragicamente sbagliato.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La fine della Merkel è vicina

Tom Luongo, 20 novembre 2017Questo è un titolo che aspettavo di scrivere da sei anni. La cancelliera tedesca Angela Merkel non può mettere insieme una coalizione. È il risultato di un’elezione che ha visto l’ascesa della populista Alternative for Germany (AfD) e la caduta dei socialdemocratici, guidati dal guappo di Soros Martin Schultz. Ora i Liberaldemocratici (FDP) guidati da Christian Lidner, capiscono quanto sia forte la loro posizione. Non devono fare un cattivo affare con Merkel per avere il posto a tavola solo per doverla condividere con i Verdi ideologicamente opposti. Possono forzare un nuovo voto, vedere al rialzo e insieme ad AfD chiedere una fetta molto più grande della torta. Ma infine, se il partito di coalizione CDU/CSU della Merkel dovesse restare, e non c’è alcuna garanzia, dovrà rinunciare alla Merkel se vuole sopravvivere elettoralmente. Comunque, la CSU guidata dal governatore bavarese Horst Seehofer potrebbe staccarsi dalla CDU rendendo impossibile qualsiasi coalizione senza un nuovo voto.

L’ultima battaglia del Merkelismo
L’unica cosa in cui l’articolo del Washington Post ha ragione è che la decisione ora spetta al presidente Frank-Walter Steinmeyer. Descrive tre scenari, alcuno dei quali ovvio, un nuovo voto. Ma è un anatema per lo Stato profondo su entrambe le sponde dell’Atlantico, quindi va ignorato dal Post. Un nuovo voto, tuttavia, è ciò che è probabilmente sul tavolo. Le potenze in Europa l’impediranno il più a lungo possibile e cercheranno di trascinarla al Bundestag nella speranza che Merkel possa formare un governo di minoranza. Ma, francamente, non vedo perché qualcuno lo vorrebbe, oltre a bloccare l’accesso al potere all’AfD. Con un governo di minoranza il blocco elettorale AfD di quasi 100 seggi è nella posizione assai forte per siglare accordi con gli altri partiti, che pubblicamente affermano che non vi collaboreranno mai. Quindi, la realtà di un nuovo voto è alta. E ciò significa vantaggi per i cosiddetti partiti conservatori CSU, FDP e AfD. Lo scenario da incubo per tutti è l’avanzata dell’AfD oltre il 15% in qualsiasi nuovo voto. Staccando il 6,8% della CSU, la CDU della Merkel ha ottenuto solo il 26,8% dei voti a settembre. Mettere insieme un governo non migliorerà la posizione della CDU. Mentre FDP, CSU e AfD ci guadagnano garantendo che il Merkelismo sia completamente respinto. I socialdemocratici si sono tagliati la gola, prima entrando nella grande coalizione con la Merkel dopo le ultime elezioni e dopo candidando Schultz come ovvia mossa del cavallo della Merkel. Non si può sottolineare abbastanza che Schultz viene ritenuto l’oppositore candidato contro la Merkel solo per perdere, come McCain e Romney negli Stati Uniti. Il suo compito era incanalare i voti per la Merkel dai socialdemocratici. Ma non ha funzionato. Ciò che è successo è il completo collasso del sostegno alla Merkel, un mutamento della mentalità tedesca. Questo è l’opposto di ciò che volevano Merkel e Schultz. Sono euristi innanzitutto. E mentre il sentimento per l’UE in Germania è ancora favorevole, non lo è a scapito dei valori tedeschi, e francamente, delle donne tedesche.

Le divisioni sull’immigrazione si approfondiscono
La radicale adesione della Merkel all’ideologia dei confini aperti di Soros le costerà la cancelleria. Getterà inoltre l’UE in un vero e proprio tumulto mentre il suo capo viene deposto da un elettorato tedesco che non è più totalmente dedito al suicidio culturale come penitenza per l’Olocausto. Questo lascia il toy-boy francese Emmanuel Macron alla guida dell’UE nel momento in cui è necessaria una forte leadership per gestire la nascente crisi del sistema bancario. Esitavo nel definire la fine dell’UE, in quanto è attualmente prevista tra un paio d’anni. L’ascesa dei movimenti populisti in Europa è stata lenta ma costante. Nonostante sia riuscito a vincere Macron in Francia, la populista del Front Nationale Marine Le Pen ha battuto i principali partiti francesi. Mentre possiamo ancora definire lo scenario “Incontra il nuovo boss, lo stesso vecchio boss” in Francia e Germania, l’ondata populista in Europa non ha ancora raggiunto il picco. La fine del Merkelismo ne è il risultato naturale. Era da sempre una posizione politica senza uscita. Un’Europa federata secondo i termini della Germania non sarebbe mai stata stabile oltre la generazione che l’ha venduta. E’ stata costruita sulla base della divisione, riversando le ricchezze del continente ai tedeschi a scapito di tutti gli altri. Come delineavo in questo articolo ad ottobre: “Finora la Germania ha utilizzato l’Europa meridionale come discarica, scambiando il debito sovrano italiano e portoghese con le BMW. Ma questo schema ha raggiunto il limite e fa a pezzi l’Unione europea. La Germania non vuole fermare l’accordo e non vuole pagare la sua “giusta parte” dell’onere per la risoluzione, cioè ridurre il debito di ciò che considera Paesi “Club Med”. I politici tedeschi come Merkel sfruttano cinicamente questo cinismo per vantaggi politici ma, ora che s’è raggiunto il limite del debito, si smaschera per nient’altro che portavoce della politica dello Stato profondo statunitense, non da leader della Germania”.

L’UE non sopravviverà alla Merkel
Ed è qui che andiamo sull’Europa. Una volta che la Merkel se ne sarà andata, inizierà lo smantellamento dell’attuale versione del progetto europeo. Macron è l’elite del Piano-B, un naif facilmente influenzato che promuoverà qualsiasi sciocchezza pazzoide vogliano. Questo significa:
– Un esercito dell’UE per soggiogare gli Stati separatisti.
– Nuove regole bancarie che assicurino che i depositanti vengano spazzati via dalla prossima crisi finanziaria .
– Più pressione legale e politica sugli Stati dell’Europa orientale come Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca che respingono con tutto il cuore il Merkelismo.
– Turbolenze politiche in Italia e Spagna che vedranno l’apertura a una maggiore autonomia dato che il messaggio di Bruxelles sarà meno volto al salvataggio delle banche tedesche dal contagio.
La Merkel stava tenendo tutto questo insieme, ma i risultati delle elezioni rendono impossibile continuare. La sua eredità sarà un’Europa divisa lungo vecchie linee tribali, esattamente l’obiettivo opposto dell’UE. Soros e il resto delle élite del mondo unificato cercheranno di usare il caos per forgiare una nuova identità europea, un’Europa più forte. Ma non contateci. Theresa May regge meglio del previsto ai colloqui sulla Brexit. L’amministrazione Trump riesce a cavarsela internamente e ciò significa porre fine a John McCain come presidente via Senato. Una volta che Trump avrà una vera maggioranza e l’opposizione nel GOP debitamente neutralizzata, sosterrà la resistenza contro i resti del Merkelismo. Perciò va osservato attentamente l’assalto ai pilastri del Merkelismo. L’uscita della “Lista di Soros”, i parlamentari sotto suo controllo, è significativa. Lo è anche l’abbandono dei Clinton da parte dei democratici di ogni forma e dimensione. La perdita di fiducia diplomatica e, cosa più importante, del rispetto degli Stati Uniti da parte degli alleati su ciò che riguarda la Siria, come avevo già sottolineato, vi giocherà pure. E una volta che il nuovo voto confermerà la tendenza contro il Merkelismo in Germania, avremo chiarezza su come sarà la prossima fase di questa storia.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Il Presidente Putin visita la Grecia

Alex Gorka Strategic Culture Foundation 30/05/2016Vladimir PutinIl Presidente russo Vladimir Putin ha appena concluso una visita il 27-28 maggio in Grecia nel contesto votivo Grecia-Russia 2016. La Guardia nell’aeroporto salutava il leader russo con una cerimonia di benvenuto, segno di particolare rispetto per una visita non ufficiale, ma di lavoro. Caccia F-16 volavano mentre Vladimir Putin veniva accolto dal Ministro della Difesa Panos Kammenos. Era la prima volta che il presidente russo visitava il Paese in 10 anni. Il Primo ministro greco Alexis Tsipras aveva visitato Mosca per colloqui con Putin due volte, l’anno scorso, ad aprile e a giugno, prima della rielezione a settembre. Il Presidente greco Prokopis Pavlopoulos ha visitato la Russia a gennaio. Il viaggio del Presidente Putin in Grecia è anche la prima visita nell’UE quest’anno. Ha frequentato i negoziati sul clima globale a Parigi alla fine del 2015. La Grecia ha mantenuto stretti rapporti con Mosca anche dopo che l’UE ha imposto sanzioni economiche, nell’estate 2014, in risposta all’adesione della Crimea alla Russia e alle tensioni sulla crisi ucraina. La visita si è conclusa con la firma di una serie di accordi bilaterali, tra cui la dichiarazione sul dialogo greco-russo su questioni internazionali e regionali di mutuo interesse, la Dichiarazione di partenariato per la modernizzazione (cooperazione economica), e vari accordi di cooperazione tra ministeri. Putin era accompagnato da una delegazione di ministri e uomini d’affari le cui aziende già operano o sono interessate alla Grecia, tra cui il Presidente di Gazprom Aleksej Miller, l’Amministratore delegato di Rosneft Igor Sechin, e il CEO delle Ferrovie Russe Oleg Belozerov. Commercio ed economia erano in cima all’agenda. La Russia è uno dei principali partner commerciali della Grecia, ma gli affari sono colpiti dalle sanzioni e dal calo dei prezzi delle materie prime. Nel 2015 il commercio tra i due Paesi è diminuito del 33,7 per cento, circa 2,8 miliardi di dollari. Il novanta per cento delle perdite riguardava le esportazioni dalla Russia verso la Grecia. Le importazioni russe dalla Grecia sono diminuite del 54 per cento, per 229,4 milioni di dollari. Durante la visita, il presidente russo ha espresso apertamente l’interesse del Paese a partecipare alla possibile privatizzazione dei beni ferroviari greci e del porto di Salonicco, importante nei Balcani. Grecia e Russia hanno fatto balenare l’idea che Atene partecipi ad un progetto di gasdotto che porti gas russo in Europa attraverso la Grecia. “La questione delle nostre risorse energetiche attraverso i corridoi nei Paesi meridionali dell’Unione Europea è ancora all’ordine del giorno”, osservava Putin. Ha detto che la Russia potrebbe anche aiutare la Grecia ad aggiornare la propria infrastruttura dei trasporti, riferendosi alle Ferrovie Russe (RZD) interessate ad acquistare l’operatore ferroviario TRAINOSE e il secondo porto del Paese, Salonicco. RZD è una delle otto società selezionate per l’acquisizione della quota del 67 per cento nel porto, di cui si attendono le offerte finali a fine settembre. Rosneft ed Hellenic Petroleum SA hanno firmato un contratto per fornire petrolio russo alla Grecia. L’accordo porterà la cooperazione con i partner greci ad un nuovo livello, ponendo le basi per contratti diretti con l’Hellenic Petroleum su forniture di prodotti petroliferi e di petrolio alle raffinerie greche. La cerimonia della firma si è svolta dopo i colloqui tra il Presidente russo Vladimir Putin e il Primo ministro greco Alexis Tsipras e in loro presenza.
putinle_yunanistanin_kalasnikof_ortakligi Vladimir Putin ha detto che spera che le relazioni russo-greche non dipendano dalla politica interna e che i progetti concordati nel corso della visita siano attuati. “Sono contento di dire che in Russia e Grecia la questione dello sviluppo dei rapporti interstatali ha acquisito un carattere sovra-politico e che sia indipendente dalle tendenze politiche attuali”, ha detto Putin incontrando il leader del più grande partito conservatore di opposizione del Paese, Nuova democrazia di Kyriakos Mitsotakis. Il presidente e il primo ministro hanno avuto uno scambio di opinioni sulle attuali questioni internazionali e regionali. La visita di Putin avviene mentre i capi dell’UE discuteranno il prossimo mese se rinnovare le sanzioni ai settori bancario, della difesa e dell’energia della Russia, che scadono a luglio. Il primo ministro inglese David Cameron ha detto il 27 maggio che i capi del Gruppo delle sette potenze economiche (G7) avevano deciso che le sanzioni imposte alla Russia vanno estese il mese prossimo. Tuttavia, il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier il 27 maggio indicava la possibilità di una “graduale” riduzione delle sanzioni dell’UE alla Russia “se vi sono progressi nell’attuazione degli accordi di pace in Ucraina”. La Russia ha imposto controsanzioni all’occidente, tra cui il divieto d’importare prodotti agricoli. La Russia ha detto il 27 maggio che prevede di estendere l’embargo ai prodotti alimentari occidentali per un anno e mezzo. L’estensione dell’embargo, in scadenza tra tre mesi, sembra destinato a fare pressione su Bruxelles. Il Primo ministro greco Alexis Tsipras ha criticato ciò che ha bollato come circolo vizioso delle sanzioni imposte nei confronti della Russia. “Abbiamo più volte detto che il circolo vizioso della militarizzazione, della retorica da guerra fredda e delle sanzioni non è produttivo. La soluzione è il dialogo”, sottolineava. Il presidente russo ha colto l’occasione per avvertire Stati Uniti e NATO affinché fermino l’attuazione dei sistemi missilistici preso la Russia, ed ha aggiunto che Mosca si ritiene minacciata ed è pronta a reagire. Alcuni elementi dello scudo missilistico degli Stati Uniti sono installati in Polonia e Romania. “Se ieri la gente di queste zone della Romania semplicemente non sapeva cosa significasse essere nel mirino, da oggi saremo costretti ad effettuare alcune misure per garantire la nostra sicurezza”, ha detto, aggiungendo che lo stesso accadrà con la Polonia. “Non prenderemo alcuna azione fin quando vediamo missili in aree a noi prossime”, ha sottolineato. Il presidente russo ha osservato che la tesi secondo cui il progetto era necessario per difendersi contro l’Iran non ha senso, dato che l’accordo internazionale è stato raggiunto per frenarne il programma nucleare. Il premier greco ha detto che gli stretti legami del suo Paese con la Russia possono contribuire a promuovere le relazioni tra Russia e Unione europea, così come tra Russia e NATO. “Tutti riconoscono che non può esistere un futuro per il continente europeo con l’Unione europea e la Russia ai ferri corti”, aveva detto Tsipras. “Migliorare le relazioni con la Russia su più livelli è una scelta strategica”, osservava Tsipras, “Naturalmente… quando i disaccordi superano le nostre forze, possiamo agire con un’influenza positiva nell’UE e nella NATO”. Particolare attenzione, durante i colloqui, è stata data alla cooperazione culturale e umanitaria, anche nel contesto dell’Anno della Grecia e dell’Anno della Russia nei rispettivi Paesi, all’inizio nel gennaio 2016, e delle celebrazioni del 2016 per i 1000 anni di presenza russa sul Santo Monte Athos. Il presidente russo ha visitato la comunità monastica autonoma cristiana ortodossa di Monte Athos, assieme al capo della Chiesa ortodossa russa, patriarca Kirill di Mosca.
L’importanza della visita va vista nel contesto generale. Ai primi di maggio il primo ministro giapponese visitava la Russia, importante passo avanti nelle relazioni Russia-G7. Il leader giapponese consultava Mosca sulle principali questioni internazionali prima di ospitare il vertice del G7 sull’isola Kashiko (Ise-Shima) il 26-27 maggio. Il governo greco ha avuto colloqui di vertice con la Russia, prima della riunione UE di fine giugno. In realtà, la Russia è sempre consultata prima delle principali riunioni dei capi mondiali. Nonostante le misure restrittive imposte su pressione degli Stati Uniti, gli Stati membri del G7 hanno un intenso dialogo con Mosca. Allo stesso modo, nonostante la posizione di leadership dell’UE, i Paesi membri del blocco continuano ad avere stretti rapporti con la Russia per discutere di possibile cooperazione, nella speranza che le misure restrittive siano revocate essendo un ostacolo artificiale inutile per tutti. La Grecia ha dichiarato chiaramente di opporsi alle sanzioni.arton28607La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Kammenos: la Grecia produrrà Kalashnikov
L’alleanza con la trilaterale Israele, Egitto e Cipro deciderà la ZEE nel Mediterraneo
Protothema 31 maggio 2016

Il Ministro della Difesa greco Panos Kammenos ha detto che la Sistemi di Difesa Ellenici (EAS) potrebbe produrre i fucili automatici russi Kalashnikov ad Egion, quando l’UE revocherà l’embargo economico contro la Russia. Rispondendo ad una domanda posta dalla Vicesegretaria del Partito Comunista (KKE), Liana Kanelli, al Vomitato sulla Difesa del Parlamento sul fatto che la NATO acquistasse Kalashnikov, Kammenos ha detto: ‘Non so se la NATO acquisterà Kalashnikov, ma quando saranno prodotti da un membro della NATO avranno il certificato dell’Alleanza e potranno essere venduti ai Paesi della NATO‘. Il ministro ha rivelato che Grecia e Russia avevano già deciso di collaborare nella co-produzione di fucili Kalashnikov a Patrasso, una volta che l’embargo dell’UE alla Russia saranno tolte. Kammenos ha spiegato che il prodotto fabbricato in Grecia andrebbe a vantaggio del Paese, in quanto potrebbe essere venduto ad altri membri della NATO avendo l’approvazione di NATO e UE. Il ministro ha sottolineato che Sistemi di Difesa Ellenici non sarà chiusa né privatizzata, mentre continuava a parlare della collaborazione della Grecia con la trilaterale Israele, Cipro ed Egitto nel Mar Mediterraneo, promuovendo la sicurezza nella regione e aprendo la prospettiva per lo sfruttamento di risorse energetiche nell’area, finalmente creando la zona economica esclusiva (ZEE).1017831470Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché s’è dimesso Alexis Tsipras?

Cuba Debate 21 agosto 2015Alexis TSIPRAS, Martin SCHULZ - EP PresidentIl Primo ministro greco Alexis Tsipras si è dimesso dopo aver raggiunto un accordo per il terzo “salvataggio” finanziario della troika, includendo tagli meno onerosi e privatizzazioni. Cos’ha motivato Tsipras a dimettersi?
Il Primo ministro greco ha promesso che non avrebbe mai adottato riforme economiche, tuttavia, ha accettato tagli e privatizzazioni imposti dai creditori internazionali. Questa decisione ha provocato disordini nel partito Syriza, e decine di parlamentari votavano contro il terzo “salvataggio”. Davanti al default e all’uscita dall’euro, Tsipras ha sostenuto che non sarebbe mai stato d’accordo con tutte le condizioni imposte per il “salvataggio” e che quindi non aveva “altra scelta” (che dimettersi). Inoltre, ha detto che aveva l’obbligo morale di sottoporre i risultati del suo governo alla consultazione popolare sovrana. Secondo gli analisti, Tsipras s’è dimesso per creare nuove condizioni per il riavvicinamento ai membri dell’eurozona.

Dieci frasi dal discorso delle dimissioni
Il primo ministro della Grecia, Alexis Tsipras, il 20 agosto presentava formalmente le dimissioni e chiedeva elezioni anticipate; dal suo discorso:
• “Non cediamo ai nostri ideali. Combatteremo per ricostruire il nostro Paese ”
• “Vogliamo un cambiamento reale. Sono ottimista, i giorni migliori devono ancora arrivare.”
• “Non abbiamo avuto tutto ciò che avevamo promesso al popolo greco, ma abbiamo salvato il Paese”
• “Abbiamo dato un messaggio all’Europa, dobbiamo finirla con l’austerità”
• “Ho la coscienza a posto. Sono orgoglioso della battaglia che ho dato”
• “Abbiamo dimostrato che possiamo continuare la lotta per realizzare molte cose positive per il popolo greco”
• “Crediamo che tutto avrà un corso normale”
• “Convocherò il popolo greco e potrà decidere chi guidarlo in futuro”
• “Abbiamo fatto quello che potevamo (…) Dobbiamo ridurre al minimo le conseguenze negative”
• “Siamo in un momento migliore, abbiamo avuto il denaro, ora la situazione in Grecia migliorerà” ( TelesurTV)

Perché Tsipras ha un vantaggio sui ribelli di Syriza?
Inigo Saenz de Ugarte, Guerra Eterna

4928C’è un a cosa che non può essere negata a Alexis Tsipras: è coraggioso. Dopo aver accettato ciò che molti fuori dalla Grecia ha portato alla resa alla troika, non ha cercato di restare in carica perché ha un termine di ancora oltre tre anni. Nel suo discorso del 20 agosto ha detto che sente di avere “l’obbligo morale di presentare l’accordo al popolo che dovrà decidere“, e avere il verdetto su “ciò che ho raggiunto e sui miei errori“, quindi invitava a nuove elezioni quest’anno. Non è ciò che fecero i governi precedenti della Grecia quando accettarono i due salvataggi precedenti imposti dalle istituzioni europee. Né quando Zapatero decise di lanciare un piano di austerità nel maggio 2010 violando le promesse elettorali. In teoria, dopo una sconfitta politica di tali dimensioni nessun governante ha il coraggio di affrontare un destino incerto alle urne. Detto ciò, si ricordi che Tsipras aveva poca scelta per via delle divisioni nel partito. I leader della sinistra di Syriza promisero dopo la prima votazione sull’accordo con la troika di continuare a sostenere il governo. Non è successo. Da allora, e in qualche misura era inevitabile, continuano la rivolta contro ogni nuova misura. Panayiotis Lafazanis, ex-ministro dell’Energia e attuale leader della piattaforma di sinistra, annunciava la formazione di un movimento contro il salvataggio, cioè direttamente contro Tsipras. Poco dopo chiariva che non aveva intenzione di votare la mozione di fiducia al Governo, una delle alternative considerate dal primo ministro. Syriza non è più un solo partito, ma almeno due, una realtà che non va più ignorata. Tsipras sa di avere contro la metà dei membri del Comitato Centrale di Syriza e almeno 30 deputati che non lo supportano. Con meno di 120 deputati sotto la sua guida, in una camera di 300, non poteva garantire la stabilità del governo dipendendo dai voti sulla politica economica da Nuova Democrazia, Pasok e Potami. La legislatura era giunta al termine. Attendere ottobre, quando l’UE farà la prima revisione del terzo piano di salvataggio, è un rischio eccessivo. Nessuno sa come reagiranno Germania, BCE e Commissione. Ogni tranche di aiuti, non si dimentichi che la Grecia deve pagare i debiti non per uscire dalla crisi, è subordinata all’attuazione delle misure concordate. In quel momento, la troika avrebbe di fronte un governo molto più debole di oggi. Con la sua decisione Tsipras lancia l’ultima sfida contro Piattaforma di sinistra. Se vogliono la guerra, dovranno formare un nuovo partito o cercare di espellere il premier da Syriza. I sondaggi, che vanno presi con cautela perché lo scenario della politica greca è in rapida evoluzione, indicano che Syriza di Tsipras ha ancora un sostegno superiore al 40%, che potrebbe anche dargli la maggioranza assoluta. Syriza di Tsipras, non Syriza di Lafazanis. Se Syriza fosse di Varufakis, se l’ex-ministro delle finanze decidesse di diventare il leader dei ribelli, potremmo dover cambiare prognosi. Ma non è irragionevole pensare che Varufakis sia più popolare nella sinistra europea che in quella greca. Il fattore che deciderà i risultati delle elezioni è sapere chi farà il resoconto definitivo degli eventi degli ultimi sei mesi convincendo l’opinione pubblica greca. Tsipras ha alcune buone carte in suo potere, come già visto, e altre molto più scarse come l’idea che il terzo piano di salvataggio sia il “miglior accordo che abbiamo potuto ottenere“, o che sia più favorevole rispetto a quanto offerto dalla troika prima del referendum. Ora ha l’improbabile alleata nella direttrice del Fondo monetario internazionale. Lagarde non si nasconde più. Senza una significativa riduzione del peso del debito, quest’ultimo accordo fallirà, ha detto. È un colpo di scena della crisi greca che non ci si aspettava si verificasse così presto, mettendo Tsipras e Lagarde nella stessa barca. Sicuramente il leader di Syriza lo presenterà all’elettorato in futuro.
Un fatto ignorato ripetutamente fuori dalla Grecia, Tsipras non può crearsi una realtà e deve rispettare i sentimenti dell’opinione pubblica greca. Non ha mai avuto il mandato, nemmeno dopo il referendum, per portare il Paese fuori dall’eurozona perché i greci sono contrari a tale salto nel vuoto. Economisti molto intelligenti possono dire che è molto probabile che per la Grecia fosse stato meglio, o almeno uguale, lasciare l’eurozona nel 2010, con il necessario supporto dell’UE. Ma questi economisti non hanno vinto le elezioni in Grecia. Né loro né i leader ed elettori dei partiti spagnoli, nessuno dei quali ha subito il brutale crollo dell’economia del Paese negli ultimi cinque anni.

La Grecia rifiuta di chiudere lo spazio aereo agli aerei degli aiuti russi
SputnikReseau International 7 settembre 2015

1026663918Secondo una fonte diplomatica, Washington ha chiesto ad Atene di vietare i sorvoli del territorio greco degli aerei russi che trasportano aiuti umanitari alla Siria. La Grecia ha respinto la richiesta degli Stati Uniti ha detto un diplomatico ad Atene. “L’Ambasciata degli Stati Uniti il 5 settembre aveva invitato il governo greco a vietare i voli di aerei russi nello spazio aereo di Atene. Il governo greco ha rifiutato per non danneggiare i rapporti con la Russia“, ha detto il diplomatico. Mosca ha avuto le autorizzazioni di Atene per trasportare aiuti umanitari per la Siria fino al 24 settembre. Da marzo 2011, la Siria è teatro di un sanguinoso conflitto tra le truppe governative e diversi gruppi armati dell’opposizione. La coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti conduce attacchi aerei contro il Gruppo jihadista dello Stato islamico (SI), che ha proclamato il califfato sui territori siriani e iracheni. Decine di migliaia di siriani hanno abbandonato le case per cercare rifugio in Europa. Lo scorso 31 agosto i media israeliani hanno riferito da fonti diplomatiche che la Russia avrebbe schierato aerei e elicotteri da combattimento, e unità di difesa aerea su una base vicino a Damasco. Mosca ha negato tali notizie. Il Presidente russo Vladimir Putin ha recentemente definito premature le discussioni sulla partecipazione di Mosca all’operazione militare contro lo SI in Siria. Secondo lui, la Russia aiuta già Damasco fornendo materiale ed attrezzature belliche, e partecipa all’addestramento dei militari siriani.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Europa e crisi dei profughi: Caos controllato e Majdan taqfirita

Alessandro Lattanzio, 4/9/2015

I media si concentrano su un camion in Austria, dove sono morti 70 esseri umani, e su una manciata di bambini da qualche parte più morti che vivi al momento del rinvenimento. Bruxelles e Berlino devono usare la loro energia nello sforzo di migliorare la situazione nei Paesi da cui i rifugiati fuggono. Devono riconoscere il ruolo che hanno svolto nella distruzione di questi Paesi. Ma la possibilità che ciò accada è praticamente nulla. Pertanto Paesi come Grecia e Italia devono trarre le conclusioni e uscirne, o verranno risucchiati nel vortice antiumano qual è l’UE. L’Europa deve guardare al futuro di questa crisi in modo assai diverso da quello attuale, o si troverà di fronte a problemi ben più grandi di quelli che affronta ora”. (Zerohedge)11216845L’attuale campagna mediatica moralista sui migranti provenienti dal Medio Oreinte e Africa è in linea con la propaganda sul golpe in Ucraina e l’attacco alla Libia, con informazioni false, foto di origine ignota, “strazianti” storie personali senza mai menzionare le vere ragioni della migrazione. Stati Uniti, Turchia e Paesi islamisti guidano attivamente la guerra contro la Siria, e prima contro la Libia, creando la situazione all’origine dell’emigrazione, e di cui non si discute affatto. Che i “rifugiati” provengano dalla sicura e pacifica Turchia, viene bellamente ignorato, mentre in Europa divampa una propaganda mediatica caninamente eseguita in massa dai media del blocco atlantico. Mentre Angela Merkel invita 800mila migranti, a beneficiarne saranno i partiti di estrema destra. Perché è disposta a fare ciò? Per raggiungere i seguenti obiettivi:
Erdogan invia i profughi (e anche cittadini curdi) dalla Turchia verso l’Europa, in combutta con Berlino e per vendicarsi delle critiche alla sua politica.
Intensificare il sostegno alla guerra contro la Siria.
Turchia e Stati del Golfo pianificano la creazione del SIIL 2.0
La campagna multimediale sui migranti è un’operazione da guerra delle informazioni. Chi c’è dietro e qual è lo scopo?
Washington vorrebbe creare un’altra coalizione per intervenire direttamente in Siria che includerebbe i Paesi dell’Unione europea. Washington potrebbe cercare una risoluzione delle Nazioni Unite per le operazioni contro la Siria, ottenendo un assenso incondizionato da Francia e Germania, e le operazioni di guerra psicologica di questi giorni, dalla farsa dell’attentato sul TGV francese sventato da militari statunitensi e militanti sionisti, al flusso di migranti taqfiriti attraverso i Balcani, la cui via è stata spianata con la guerra dell’informazione attuata da Gladio (ovvero i mass media occidentali controllati dalle intelligence statunitensi) contro il governo Tsipras in Grecia e il governo filo-russo della Macedonia, servono proprio a ‘convincere’ l’Unione europea a spalleggiare qualsiasi iniziativa di Washington in Medio Oriente, presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. L’appoggio europeo, infatti, non è così scontato dato il disastro libico e il fallimento del neocolonialismo anglo-francese in Siria e Libano e dell’aggressione coperta statunitense all’Iraq, e l’imminente ritirata di Washington dall’Afghanistan. Al tutto si aggiunge il fantasma dello Stato islamico, da impiegare per giustificare l’interventismo di USA e NATO nella regione e sollecitare l’azione dell’ONU e relative cinghie di trasmissione, come l’UNCHR, il cui ruolo esiziale si era ben illustrato nel 2011, sul caso della Libia. Va notato che, finora, gli Stati Uniti hanno accolto ben 1500 rifugiati ‘siriani’ dal 2011. In compenso la Turchia non riconosce i profughi di guerra nel proprio territorio come rifugiati, ed Erdogan vuole sbarazzarsene essendo divenuti anche un peso sociale per la Turchia. Legalmente, infatti, lì sono solo “ospiti” senza diritti. Alcun Paese arabo sunnita s’è offerto di dare asilo ai profughi siriani, perché difatti tali ‘profughi’ non sono altro che i terroristi taqfiriti e familiari al seguito di cui le petromonarchie si sono sbarazzate im questi anni, arruolandoli, anche in cambio dell’amnistia, nella guerra contro Siria e Iraq. Turchia e Giordania ospitano campi di addestramento dei terroristi, mentre i Paesi del GCC non li vogliono semplicemente. Nel caso delle proteste alla stazione di Budapest da parte dei “rifugiati siriani”, appare evidente che si tratta di militanti e non d’immigrati. Si osservino i due video del Canale 5 russo e di Euronews:

Qui appare chiaramente una folla organizzata e diretta da dei capi. Non si tratta d’immigrati che fuggono dalla fame, ma di combattenti taqfiriti, sconfitti dagli eserciti siriano ed iracheno e future truppe della destabilizzazione in Europa.

Erdogan e Obama

Erdogan e Obama

l-orban_schultz_1Inoltre, per il primo ministro ungherese Viktor Orban, la crisi dei rifugiati non è un problema dell’UE, ma è “un problema tedesco”, visto che i profughi si recano in Germania. “Nessuno dei migranti vuole rimanere in Ungheria. Tutti vogliono andare in Germania. Noi ungheresi abbiamo paura, le persone in Europa hanno paura perché vedono che i capi europei, tra cui primi ministri, non sanno controllare la situazione. Sono venuto qui (a Bruxelles) per informare il presidente (dell’UE Schultz) che l’Ungheria fa tutto il possibile per mantenere l’ordine. Il Parlamento ungherese stila un nuovo pacchetto di regolamenti, ed abbiamo istituito una barriera fisica, e tutto questo creerà una nuova situazione in Ungheria e in Europa dal 15 settembre. Abbiamo una settimana per prepararci“, ha detto al kapò atlantista tedesco Schultz, sostenitore del golpe neonazista a Kiev e di un pronunciamento militare contro Tsipras in Grecia, nonchè membro onorario dell’ANPI. Orban ha difeso la decisione di erigere una recinzione lungo il suo confine con la Serbia, “non lo facciamo per divertimento, ma perché è necessario“. In risposta, Angela Merkel, la cancelliera tedesca, dichiara che la Germania accoglierà 800000 richiedenti asilo, mentre David Cameron invoca la limitazione del numero di rifugiati in Gran Bretagna. Finora sono entrati in Ungheria 140000 immigrati non autorizzati.

orban_820-1024x639

Viktor Orbàn

La questione del debito della Grecia è stato anche un pretesto per indebolire uno Stato che si frapponeva tra la Turchia e l’Europa. Infatti, le forze di polizia greca avrebbero costituito un ostacolo imponente, se Atene non fosse stata travolta dalla crisi istigata da USA e Germania, e minacciata da Berlino e Bruxelles perfino di un colpo di Stato e dall’avventurismo di fazioni poco prima al governo, intenzionate ad organizzare una sorta di golpe finanziario sostenuto da speculatori di Londra e New York e da agenti dall’NSA statunitense. Una prova è questa: “La Guardia Costiera della Grecia sequestrava una nave cargo carica di armi al largo dell’isola di Creta, a est del Mar Mediterraneo. Secondo i media locali, la nave da carico Haddad 1, con bandiera boliviana, navigava dalla Turchia alla Libia. Nelle prime ore del mattino dell’1 settembre, unità della guardia costiera greca sequestravano la nave al largo della città di Ierapetra, dopo una soffiata. L’ispezione ha rivelato un carico illegale, un numero imprecisato di armi nascoste nei container. Ufficialmente, la nave trasportava oggetti di plastica. Dopo l’ispezione, la guardia costiera greca ha arrestato l’equipaggio e costretto la nave a cambiare rotta e navigare verso il porto di Heraklion. Secondo le informazioni dai media locali, la destinazione della nave era un porto in Libia e c’è il sospetto che le armi dovevano essere consegnate alle unità dello Stato islamico. L’equipaggio sarebbe composto da cittadini di Siria, Egitto e India. Haddad 1 aveva lasciato il porto di Iskenderun, in Turchia, il 29 agosto, per il porto di Misurata in Libia. Secondo i media greci, 17 container sono stati aperti e contenevano 500000 proiettili, 5000 fucili e altri tipi di armi da fuoco”. (Keep Talking Greece)ploio-opla-03

Писатель А. Проханов встретился с читателями в Санкт-ПетербургеMentre i mass media atlantisti non si pongono domande, la portavoce del Ministero degli Esteri russo Marija Zakharova dichiara che la “Crisi dei rifugiati in Europa è catastrofica a causa dell’approccio “irresponsabile” provocando cambi di regime”, mentre l’autore Aleksandr Prokhanov ha scritto sul sito del quotidiano Izvestija: “Negli ultimi anni convegni, politici e forum hanno spesso ripetuto la frase “caos controllato”. Questa teoria, sviluppata dall’University of California di Berkeley, ed associata alle nuove idee su come indurre il caos nel mondo e la possibilità, una volta scoppiato, d’impedirne il controllo. Oggi in Europa capiamo cosa sia il caos controllato. In un primo momento gli statunitensi hanno fatto saltare diverse bombe demografiche in Africa del Nord. Hanno distrutto le strutture di Libia, Iraq, Siria. E questi Paesi, privati della loro protezione e degli ammortizzatori interni, si sono liquefatti in pozzanghere di fuoco, odio, battaglie e dolore. Un turbolento caos domina nel Nord Africa, sottili influenze operano nel Mar Mediterraneo e società finanziate dalla CIA sono impegnate nel traffico di persone, costruendo moli ed affittando scafi e scafisti che guidano il flusso via mare in Europa. L’Europa, oggetto di quest’onda d’urto e del controllato caos, non comprende né riesce a far nulla. L’Unione europea va a pezzi mentre i Paesi vogliono chiudere le frontiere, rendendole impenetrabili e scartando Schengen. L’Europa è alla vigilia di cambiamenti minacciosi, e questo grazie alle nuove armi degli statunitensi, risultate dalla teoria del caos controllato e quindi utilizzate. … Cina e Russia si avvicinano economicamente, politicamente, culturalmente e militarmente, perché l’opposizione al SIIL è possibile solo con la partecipazione congiunta di Russia e Cina. La Cina, che ha sul proprio territorio enclavi musulmane, è riuscita a sottomettere la resistenza islamista nello Xinjiang, teme il SIIL… Gli USA hanno inventato la bomba nucleare e l’ha fatto esplodere contro l’umanità. Le bombe sganciate su Hiroshima e Nagasaki furono lanciate su tutta l’umanità. Ora gli USA hanno inventato la bomba demografica e l’hanno fatta esplodere prima in Nord Africa e poi inevitabilmente lo faranno nell’Asia centrale. Queste atrocità sono proporzionali alle esplosioni atomiche di 70 anni fa. Come fermarle? Come combatterle? Una volta l’accademico Sakharov propose di disporre bombe nucleari presso le Coste degli Stati Uniti, e lasciarle nelle profondità marine. E se fosse scoppiata una guerra mondiale scoppiasse, farle esplodere con un comando via aria o via marittima. L’esplosione… avrebbe suscitato un gigantesco tsunami dall’oceano spazzando via la civiltà occidentale dalle coste americane. Allo stesso modo, l’onda distruttiva di oggi è la bomba demografica dei pezzenti”.

_82353692_key_migration_routes_624Fonti:
Keep Talking Greece
Moon of Alabama
Reseau International
Zerohedge