Il capo di al-Jazeera è un jihadista salafita

Nabil Ben Yahmad, Tunisie Secret 10 marzo 2016

La rivelazione esplosiva sul CEO islamo-terrorista della TV del Qatar. Si tratta di una indagine sulla vita parallela di Yasir Abu Hilala, prima di prendere l’autostrada Doha-Stato islamico! Volevamo sapere cosa una ex-produttrice di al-Jazeera intendesse per “il nostro nuovo direttore del SIIL” e abbiamo capito!

BtgofeXIUAAiTPPChi è dunque Yasir Abu Hilala, CEO di al-Jazeera, di cui i tunisini ignoravano anche il nome prima di scoprirne lo status su Facebook dai commenti offensivi dai suoi due dipendenti, Fatima Tariqi e Qadija Bengana? Ciò che ci ha spinto a scavare nel passato sepolto di Yasir Abu Hilala è la lettera dell’egiziana Huwayda Taha, per 19 anni ad al-Jazeera dove produceva documentari (vedasi l’articolo di Samira Handaui). Abbiamo cercato e trovato elementi e prove sufficienti per concludere che Yasir Abu Hilala è davvero l’uomo giusto al posto giusto!

Un fratello musulmano dal passato di jihadista salafita
Di origine giordana, Yasir Abu Hilala iniziò la carriera islamico-giornalistica all’inizio degli anni ’90 per alcuni giornali giordani, tra cui al-Ribat, organo ufficiale dei Fratelli musulmani nel Paese. Fu reclutato da al-Jazeera nel 1999 e grazie ai suoi stretti rapporti con i fratelli musulmani Wadah Qanfar e Thamur Ben Hamad, presidente del consiglio di amministrazione di al-Jazeera, fu nominato direttore dell’ufficio di Amman, incarico che mantenne fino al luglio 2014, quando fu nominato amministratore delegato in sostituzione di Wadah Qanfar, smascherato da un cablo di Wikileaks del 20 ottobre 2005 che ne dimostrava i legami con la CIA (1). La carriera da fondamentalista Yasir Abu Hilala l’iniziò molto presto nella gioventù dei Fratelli musulmani di Giordania. Come lui stesso disse nel luglio 2012, ammise di appartenere “a un partito politico. Ero un oppositore e invocai il cambio di regime dicendo che c’era un regime pre-islamico e apostata, ed era assolutamente necessario ribellarvisi ed imporre lo Stato islamico. Credevo in tutto questo ed ero pronto a morire… ma ora sono cambiato…” (2). E’ da vedere! Era così cambiato alla nomina a capo di al-Jazeera, nel luglio 2014, che fu salutato dagli ex-fratelli della setta, che credevano che la “nomina di Yasir Abu Hilala a direttore generale di al-Jazeera avesse un senso. L’uomo non brilla per eccellenza nel giornalismo… La sua presenza nella sede di al-Jazeera di Amman la si deve solo all’amico Wadah Qanfar...” L’anonimo autore di questo articolo aggiunge che “Yasir Abu Hilala è un ex-Fratello musulmano che si dice vicino al jihadismo salafita...” (3). Nel gennaio 2013 Yasir Abu Hilala riconobbe le relazioni con i jihadisti salafiti siriani e con il capo del gruppo terroristico “Jabhat al-Nusra” (4). Da parte sua, il giornalista dell’opposizione siriana Nizar Nayuf disse, il 25 luglio 2014, che “il terrorista e criminale Abu Hilala, figlio di Fratelli musulmani, fu tra i primi nella primavera del 2011 a trasportare nella regione di Dara, nel sud della Siria, armi e dispositivi di comunicazione satellitare… lo fece con l’aiuto dell’intelligence giordana e dei Fratelli musulmani giordani“. Secondo Nizar Nayuf, “Yasir Abu Hilala in persona organizzò l’incontro tra Abu Muhamad Julani (capo di Jabhat al-Nusra) e Taysir Aluni (giornalista di al-Jazeera) e membro di al-Qaida, che al-Jazeera trasmise nel dicembre 2013” (5).

Il “valore aggiunto” di Yasir Abu Hilala ad al-Jazeera
Molto prima che della promozione a capo di al-Jazeera, Yasir Abu Hilala si distinse per i numerosi articoli ed interviste ai terroristi islamici più pericolosi al mondo. Il 25 aprile 2006, al-Jazeera pubblicò un video di propaganda su Abu Musab al-Zarqawi (video disponibile su Internet in particolare su alsaha.net), diretto e narrato dallo stesso “giornalista”. Proprio nella “primavera araba”, nel luglio 2011, volle incendiare la Giordania riprendendo il vecchio sogno di distruggere il “regime pre-islamico”. Ma a differenza dei tunisini nel 2011, i giordani non ci cascarono e gliele suonarono (6). Yasir Abu Hilala è così vicino al salafismo jihadista che appena un anno dopo la nomina alla presidenza generale di tale rete integralista, un “sondaggio” fu trasmesso il 26 maggio 2015 chiedendo agli spettatori, “Sostenete le vittorie dello Stato islamico in Medio Oriente?” Gli intervistati in modo schiacciante sostennero lo Stato islamico, con l’81% di “sì” alla domanda! Il “sondaggio” avrebbe generato circa 38000 risposte, con solo il 19% di “no”! Come giustamente dice Huwayda Taha (vedasi l’indagine di Samira Handaui), “la mente dello SIIL era discreta“! E l’ex-produttrice del Qatar aggiunse: “Mi rattrista che questo luogo (al-Jazeera) sia divenuto filo-SIIL. I finanziatori di al-Jazeera erano più intelligenti quando facevano del loro meglio per nascondere il loro vero volto. Credo che l’intelligenza li abbia traditi oggi, divenendo indifferenti agli altri che ne constatano il palese filo-statoislamismo...”

Sondaggio sul FIS nel 2007, Sondaggio sullo SIIL nel 2015
Il “sondaggio” sulle vittorie dello Stato islamico ricordano un altro “sondaggio” dello stesso tipo che al-Jazeera fece il 12 dicembre 2007, il giorno dopo un attacco particolarmente letale in Algeria. La domanda posta era: “Siete a favore degli attacchi di al-Qaida in Algeria?” La risposta semplicemente includeva “sì” e “no”. I risultati furono una sorpresa: il 54% degli intervistati affermò di sostenere il terrorismo in Algeria! Va solo ricordato che presso al-Jazeera c’è sempre il cambio amministrativo nella continuità islamo-terroristica. Che siano Wadah Qanfar, Yasir Abu Hilala o un altro, tale rete sovversiva e di propaganda fondamentalista degli emiri del Qatar ha sempre avuto una sola linea editoriale: il trionfo mondiale dell’ideologia totalitaria di ciò che alcuni chiamano “Islam politico” e che noi chiamiamo fascismo verde. Per aver trasmesso un film vagamente antisemita, al-Manar TV è stata censurata in occidente; perché politicamente scorretta, la rete al-Mayadin fu inserita nella lista nera. Pertanto vedremo le autorità francesi vietare la rete dell’intolleranza, fondamentalismo e terrorismo al-Jazeera? Ai nostri compatrioti tunisini, il popolo, e non il governo, conosce ideologia, passato e obiettivi del predicatore di al-Jazeera. Sa cos’altro fare: petizioni, proteste e chiedere la chiusura di tale rete in Tunisia e l’espulsione dei suoi giornalisti-spie. Per accedere al mondo, France 24 avanza.

timthumb.php1) – Link al cablo di Wikileaks su Wadah Qanfar
2) – La confessione video di Yasir Abu Hilala del luglio 2012
3) – Articolo di un Fratello musulmano del 27 luglio 2014
4) – Link
5) – Pagina Facebook di Nizar Nayuf
6) – Yasir Abu Hilala ad Amman nel luglio 2011

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La visita di Assad in Tunisia precipitò la caduta di Ben Ali?

Nabil Ben Yahmad, Tunisie Secret, 11 marzo 2016

Nel giugno 2010, Ben Ali si rifiutò di ricevere l’ambasciatore degli Stati Uniti Gordon Gray, che voleva ribadire il disappunto di Washington per la prevista visita ufficiale di Assad in Tunisia. Nonostante la forte pressione dissuasiva degli statunitensi, Ben Ali accolse il presidente siriano nel luglio 2010, cinque mesi prima della “rivoluzione dei gelsomini” che avviò la primavera araba!111216040409-ben-ali-horizontal-large-gallery

Il 12 luglio 2010, invitato da Ben Ali, il presidente siriano Bashar al-Assad e la moglie Asma al-Assad iniziavano la visita ufficiale in Tunisia. Non era la prima volta che Assad visitava il nostro Paese. La prima visita fu nel 2001, pochi mesi dopo l’ascesa alla presidenza siriana nel giugno 2000. La seconda visita fu nel maggio 2004, l’anno in cui George W. Bush impose le prime sanzioni economiche alla Siria! Già con la presidenza di Burguiba in Tunisia e governo di Hafiz al-Assad in Siria, nonostante alcune mini-crisi causate dall’attivismo del Baath in Tunisia, i rapporti tra Tunisia e Siria divennero eccellenti. Nel 1974 al vertice arabo a Rabat, Burguiba disse ad Hafiz al-Assad, “Tu, tu non sei come gli altri arabi“! Già nell’ottobre 1973, durante il conflitto arabo-israeliano, Burguiba assicurò Hafiz al-Assad e Sadat del “pieno sostegno diplomatico e militare, nonostante i nostri modesti mezzi“. In seguito, fu l’architetto della riconciliazione tra Hafiz Assad e re Husayn di Giordania. Con la coppia Assad-Ben Ali, i rapporti siriano-tunisini ebbero una svolta economica e strategica senza precedenti. Nella prima visita di Assad nel luglio 2010, i due leader si erano appena incontrati in Libia, a margine del vertice della Lega degli Stati arabi a Sirte, del 27 e 28 marzo 2010. Secondo l’agenzia stampa SANA, “le discussioni evidenziarono l’importanza di una cooperazione siriano-tunisina forte ed efficace per rispondere alle sfide che minacciano la regione“. Già all’epoca!

Una visita altamente strategica
La visita di Bashar al-Assad a Tunisi fu preceduta dalla visita a Tunisi, nel maggio 2010, del Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Araba Siriana, Muhamad Naji al-Utri. Dal 12 al 16 giugno una missione di imprenditori tunisini visitò la capitale siriana. Organizzata dalla Camera di Commercio e Industria di Tunisi (CCIT), la missione fu caratterizzata da sessioni tra imprenditori e industriali tunisini e rispettive controparti siriane. Durante il viaggio di Muhamad Naji al-Utri a Tunisi, sette nuovi accordi furono firmati, di cui ne furono resi pubblici solo sei: un programma esecutivo di lavoro tra l’Export Promotion Center (CEPEX) della Tunisia e il Consiglio per lo sviluppo e la commercializzazione delle esportazioni siriane; un protocollo di cooperazione tra il porto di Tartus in Siria e il porto di Sfax in Tunisia; un piano per la cooperazione nell’istruzione superiore; un protocollo d’intesa per lo sviluppo delle imprese, micro e medie; e un accordo quadro tra la Banca centrale della Siria e la Banca centrale della Tunisia. Il settimo accordo riservato era sulla “cooperazione militare completa” tra Siria e Tunisia.

La cooperazione siriano-tunisina esasperava Stati Uniti ed Israele
Alla vigilia dell’arrivo a Tunisi della coppia presidenziale siriana, in una dichiarazione all’agenzia siriana SANA, il nostro ambasciatore a Damasco Muhamad Auytia sottolineò “il sostegno della Tunisia al recupero di tutto il Golan siriano occupato“, aggiungendo che “Siria e Tunisia hanno gli stessi interessi nel sostenere la causa araba, in particolare quella palestinese e la riattivazione dell’azione araba congiunta“. Sottolineò “coordinamento e consultazioni permanenti tra i due Paesi sulle cause arabe, regionali e internazionali”(1). Muhamad Auytia ricordò che i due Paesi erano già collegati da oltre 150 accordi bilaterali, aggiungendo che Tunisi e Damasco “aumenteranno cooperazione e commercio e attiveranno accordi su tutti i settori della cooperazione“. I media israeliani, ovviamente, non videro questa visita nello stesso modo. Secondo alcuni di loro, “la Siria è sempre stata coccolata dalla Tunisia, che in gran parte ignora le accuse di terrorismo di Washington al regime baathista… La domanda che si pone qui; chissà quale interesse vede Assad in Tunisia? Cosa porterà quest’uomo a un piccolo Paese in lotta continua col terrorismo?… Tanto più che l’amore tunisino-siriano cade quando l’opinione pubblica internazionale approva e applaude la posizione senza compromessi del governo degli Stati Uniti contro Damasco“. (2)

Si accumulano le rimostranze statunitensi contro Ben Ali
Innanzitutto ricordiamo che Assad visitò la Tunisia nel maggio 2004, sei mesi prima della rielezione di George W. Bush, che inaugurò il secondo mandato con l’imposizione di sanzioni economiche alla Siria! Il motivo dichiarato era il sostegno di Damasco ai “gruppi terroristici”, cioè Hezbollah e Hamas. Le sanzioni economiche furono mantenute e rinnovate da Barack Obama, che anche criticava la Siria per aver fatto degenerare la situazione in Libano. Così, dopo l’incrollabile sostegno a Sadam Husayn durante il blocco economico all’Iraq, per gli statunitensi l’amicizia di Ben Ali con Bashar al-Assad era troppo. Ben Ali persistette nella collaborazione con gli “Stati canaglia”, come i fanatici neoconservatori dicevano. Ma per Ben Ali, il governo degli Stati Uniti e le sue stranezze erano il minimo delle preoccupazioni. Continuò la politica estera sovrana decisamente filo-araba. Nonostante le forti pressioni degli Stati Uniti su Ben Ali affinché non si recasse a Damasco per partecipare al vertice degli Stati arabi, il 29 e 30 marzo 2008, lo fece comunque. La stessa pressione degli Stati Uniti su tutti gli Stati arabi ebbe successo dato che di 22 Paesi membri della Lega araba, solo 10 furono rappresentati dai capi di Stato al vertice arabo a Damasco. In confronto, al vertice 2007 della Lega araba, a Riyadh, tutti i 22 capi di Stato erano presenti. Il Ministro degli Esteri siriano Walid Mualam accusò allora gli Stati Uniti di aver voluto silurare l’incontro tenutosi in Siria. Infatti, secondo RFI, “Washington invitò i Paesi arabi a riflettere prima di prendere la via di Damasco, accusando chiaramente il regime di Bashar al-Assad di ostacolare l’elezione del futuro presidente libanese” (3).

Accelerazione del colpo di Stato contro Ben Ali
Infine si giunse alla crisi diplomatica tra Tunisi e Washington, un mese prima del viaggio del presidente siriano a Tunisi, il 12 luglio 2010. Nel maggio 2010, l’ambasciatore statunitense in Tunisia Gordon Gray trasmise al Ministero degli Esteri tunisino un “messaggio urgente” del dipartimento di Stato degli Stati Uniti che diceva: “è desiderio di Washington che la visita ufficiale del presidente siriano sia rinviata“. Non avendo ricevuto risposta, Gordon Gray chiese un incontro con Ben Ali che fu fissato il 6 giugno 2010, ma due giorni prima fu rinviato. Il 14 giugno 2010, un tunisino-statunitense abbastanza influente a Washington andò a Tunisi per incontrare Ben Ali su una “questione delicata”. Il consigliere del presidente degli USA fu ricevuto il 16 giugno 2010. Si può immaginare il contenuto di tale “materia sensibile”! Infine, Bashar al-Assad fece la visita ufficiale in Tunisia, programmata per due giorni (12 e 13 luglio 2010) ma estesa al 14 luglio. Il resto si sa: il 17 dicembre 2010 l’ubriacone di Sidi Buazid si diede fuoco, i cyber-collaboratori furono attivati, le cellule dormienti islamiste attaccarono le stazioni di polizia e gendarmeria, cecchini stranieri aprirono il fuoco sui manifestanti, mercenari di Stati Uniti e Qatar si coordinarono, al-Jazeera e France 24 si mobilitarono, la stampa occidentale galvanizzò il “popolo”, Facebook esplose, la menzogna del generale che “ha detto no a Ben Ali” fece il giro del mondo…. e il 14 gennaio 2011, poche ore prima di pronunciare il discorso finale alla nazione in tenuta da generale, Ben Ali fu messo su un aereo diretto in Arabia Saudita. Il resto è nelle memorie del presidente tunisino che ha detto No agli Stati Uniti!article-2106057-11E691F1000005DC-285_634x435(1) – Gnet
(2) – Identité Juive
(3) – RFI

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Algeria-Russia: una vecchia amicizia che affronta nuove sfide

Histoire et Societé – 28 febbraio 2016

Un articolo da leggere con attenzione perché riflette il fatto che i dirigenti algerini (cioè l’esercito) è consapevole di essere il prossimo obiettivo della NATO, ma non ha deciso come proteggersi. Cedere alle sirene occidentali e ai profitti promessi o rafforzare l’alleanza con la Russia? Tutte le condizioni per incendiare il Paese sembrano riunite, con o senza i leader algerini, che farebbero bene a prendere in considerazione cosa mutamento di alleanze e apertura all’occidente hanno comportato per Gheddafi. Per noi francesi va misurato l’eventuale dramma dell’Algeria con la situazione libica. (Danielle Bleitrach)

5Libia, Siria, energia e cooperazione militare: la visita del Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov il 29 febbraio è importante. La solida collaborazione tra Algeri e Mosca non facilita le discussioni su questi grandi questioni? Annunciata per il 29 febbraio, la visita di Sergej Lavrov ad Algeri non è la prima in Algeria di un alto funzionario della Federazione Russa. Al ritmo di almeno una visita di alto livello ogni anno, Algeri è una meta preferita della diplomazia russa che cerca sostegno nel mondo arabo. Le precedenti visite del Presidente della Camera Alta della Federazione Russa, Valentina Matvienko, nel maggio 2014, e del Presidente della Duma Sergej Naryshkin, nel novembre 2015, essenzialmente rinnovarono la cooperazione e assicurarono la convergenza di vedute diplomatiche in Medio Oriente. Ma oggi le cose sono cambiate molto, soprattutto con l’intervento russo in Siria. Le operazioni aeree e i bombardamenti hanno causato grande scalpore in parte dell’opinione pubblica e certe tendenze politiche denunciano l’aumento delle vittime civili nelle regioni della Siria che hanno subito gli attacchi. Il compito di Sergej Lavrov sarà rimuovere i dubbi e far sì che uno degli ultimi alleati dichiarati di Mosca, nella regione, appoggi la sua posizione sulla questione siriana. Oggi si tratta anche del caso della Libia, che sarà oggetto della visita, con Mosca che si rifiuta di lasciarsi sfuggire il tradizionale alleato libico, temendo sempre più il ripetersi dello scenario iracheno, che vedrebbe la NATO occupare questo Paese, rubarne le ricchezze e farne per molto un partner commerciale e militare esclusivo. Non è escluso che Lavrov trasmetta le richieste di Putin per aiutare la Russia nell’intervento contro lo Stato islamico in Libia o convincere Algeri a non contribuire a una qualsiasi invasione.

Una storia tumultuosa
Il mito che Algeri e Mosca hanno sempre mantenuto ottimi rapporti dopo la rivoluzione algerina non è del tutto vero. Il rapporto tra i due Paesi ha subito diverse traversie ed iniziò anche piuttosto male. Mentre la maggior parte dei Paesi progressisti sostenne la rivoluzione algerina, l’Unione Sovietica non volle puntare ad ostacolare il Generale de Gaulle, che giocava il ruolo di guastafeste nel campo occidentale creando un momento difficile per NATO e Stati Uniti. Solo sotto la guida di Nikita Krushjov, nel 1960, l’URSS sostenne diplomaticamente il FLN e cominciò ad accogliere i dirigenti del NLA. Il primo contingente di piloti e meccanici dell’Aeronautica, così come altri ufficiali, iniziò a frequentare le scuole russe verso la fine degli anni ’60, nell’ambito di una tradizione che dura fino a tutt’oggi. Tuttavia, l’URSS era l’unico Paese ad aver inviato migliaia di soldati volontari a sminare i confini con Tunisia e Marocco e permettere che la vita tornasse nelle aree abbandonate dagli abitanti. Molti volontari russi vi rimasero mutilati o pagarono con la vita un lavoro durato anni. Fino alla caduta del muro di Berlino, migliaia di russi collaborarono insegnando o detenendo incarichi in Algeria, in cambio l’Unione Sovietica addestrò più di 12000 algerini, soprattutto nei settori tecnici e scientifici. Molti vi si sposarono e mettendo su famiglia mista.

Cooperazione militare
L’Algeria è dopo l’India il secondo maggiore importatore di equipaggiamenti militari dalla Russia. Con un budget di oltre dieci miliardi di dollari c’è un autentico partenariato strategico tra i due Paesi si è creato. L’Algeria per esempio è preferita rispetto ad altri Stati arabi nella vendita di apparecchiature sensibili; ANP è ancora l’unico esercito arabo ad avere i missili antiaerei S300PMU2, e fu il primo esercito, anche prima di quello russo, ad acquistare gli aerei Jak-130 così come i sistemi di difesa antiaerei Pantsir Janus. Eppure i russi perdono terreno ogni giorno, non stipulando più contratti militari in Algeria al di fuori dei contratti quadro firmati durante le visite ufficiali dei due Paesi. La centralizzazione eccessiva del commercio del materiale militare russo, attraverso Rosoboronexport, subisce negativamente le dinamiche aziende occidentali, rotte a tutte le tecniche commerciali e di ottimizzazione del marketing, senza esitare a proporre il trasferimento di tecnologie all’Algeria.

Il caso del MiG-29
Per questo il più grave rimprovero dello Stato algerino verso i russi, con poche eccezioni, è che la Russia non ha mai trasferito unità produttive in Algeria. Attesi dalle autorità di Algeri, gli alti funzionari russi moltiplicano gli annunci per installare fabbriche di armi negli ultimi anni, ma finora con un nulla di fatto. Nel 2007 un incidente deteriorò i rapporti tra i due Paesi, la scoperta da parte degli ufficiali algerini di una truffa ai danni del Comando dell’Aeronautica, nella vendita di aerei MiG-29SMT usati, rimessi a nuovo per l’Algeria, inasprendo le relazioni tra i due Paesi fino alla violazione del contratto e alla riconsegna dei velivoli ricevuti. La cooperazione energetica è anche una questione importante nella visita di Lavrov. Il recente accordo tra Russia, Arabia Saudita e Venezuela nel congelare l’aumento della produzione di petrolio sarà probabilmente proposto all’Algeria, già aperta ad ogni buona volontà. La ripresa dei negoziati avviati nel 2006 per l’accordo sul gas liquefatto potrebbe anche essere prevista dalla visita del capo della diplomazia russa. Algeria e Russia forniscono il 36% del consumo nell’Unione europea di gas naturale, e sono indirettamente in concorrenza in questo settore. Infine, il programma di sviluppo dell’energia elettronucleare firmato un anno fa attende l’entrata in vigore, nonostante gli sforzi dell’agenzia Rosatom russa presente in Algeria.MIG-29SMT FC-14 3017 ARGELINO 1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Algeria disporrebbe dei sistemi SAM S-400

Akram Secretdifa3 14/07/2015

docS400Annunciammo più di due anni fa il desiderio dell’Algeria di acquisire dalla Russia il sistema di difesa aerea a lungo raggio S-400. Un contratto per tale sistema fu firmato un anno fa. Oggi possiamo fornire le prime foto scattate in Algeria di un reggimento di S-400 operativo, riprese durante i primi test del sistema ricevuto in primavera. Se non sono mai stati rivelati i dettagli del contratto, si crede che riguardi 3-4 reggimenti. Uno sguardo ad immagini satellitari sul numero di S-300 e S-400 operativi da una buona stima del numero di sistemi S-400 acquisiti.
Il Comando delle forze di difesa aerea e di terra controlla tre reggimenti di S-300PMU2 dal 2003, schierati nel centro, ovest e sud-ovest dell’Algeria coprendo la quasi totalità del nord, del confine algerino-marocchino e della fascia costiera.5P85TE2-BAZ-6402-TEL-2SL’arrivo degli S-400 non solo colma le lacune nella difesa aerea, ma completerà la sorveglianza aerea a lungo raggio. Le foto mostrano inconfutabilmente dei sistemi di lancio degli S-400, che differiscono da quelli degli S300PMU2, il veicolo BAZ-64022 non è il KRAZ-260 dei 2-8 sistemi di lancio del PMU2 allineati su una foto, o i 3 durante il test sulla seconda foto. In realtà, l’esercito algerino ha intrapreso la revisione della sua difesa aerea e la comparsa degli S-400 nel suo arsenale fa parte della modernizzazione.s4003La settimana precedente i media russi confermavano l’acquisto di batterie di missili a medio raggio Buk-M2, specificatamente richiesti per la rete di rilevamento costituita dai radar russi Kasta 2E2 accoppiati ai sistemi di protezione ravvicinata dei Pantsyr-S1 e Buk-M2. Questa configurazione a strati unifica le capacità dei vari sistemi radar. Il Kasta 2E2 è già integrato a S-300 e S-400 permettendo a diverse unità di operare senza rilevamento e collegate a unità indipendenti. Il sistema ha un raggio di rilevamento efficace di 400 km e può distruggere un bersaglio a 240 km di distanza con i missili 40N6 o 48N6. Il radar tridimensionale 92N6E può identificare 100 bersagli simultaneamente a una distanza di 400 km. Oltre al raggio d’ingaggio e all’incremento delle prestazioni, la differenza principale con l’S-300PMU2 è la capacità ABM, rendendola un’arma formidabile. Se l’acquisizione è confermata, l’Algeria è ufficialmente il primo cliente estero del Trjumf.argelia S-400Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Bisogna distruggere Qatar e Arabia Saudita per evitare la terza guerra mondiale

John Wayne Tunisie Secret 14 agosto 2014

Non è un mistero che John Wayne, pseudonimo di un ex-alto funzionario degli Interni e degli  Esteri della Tunisia, ostacoli mercenari e traditori in sonno. Seguendo il nostro articolo “Con prove, un oppositore del Qatar accusa il suo Paese di finanziare il terrorismo“, ci ha inviato le cinque osservazioni seguenti.

623930-11-03-31-bashar-al-assadFui il primo al mondo ad aver predetto il ritorno della Guerra Fredda, sulla rivista elettronica tunisina Business News, meno di un anno dopo il 14 gennaio 2011, quando la Siria era immersa in  violenze inaudite e il cui regime laico e nazionalista di Bashar a-Assad, ancora una volta, mostrava al mondo il suo rapporto storico, stretto e leale con la Russia. Sì, la guerra fredda è tornata e i nazionalisti arabi sono felici, perché dopo tutto, l’ex-Guerra Fredda vide il sostegno incrollabile dell’URSS al mondo arabo abbandonato e sabotato dall’occidente a favore di Israele. Chi non ricorda il momento di gloria del Canale di Suez, quando Mosca minacciò di colpire con i missili Parigi e Londra, e quando Israele, Francia e Gran Bretagna si ritirarono davanti a un Nasser determinato e un Canale di Suez chiuso alla navigazione con le navi affondate dal Rais? Quel giorno fu l’indipendenza della Tunisia, uno dei momenti di maggiore orgoglio della mia vita.

La III guerra mondiale è iniziata
Ma questa non è una nuova guerra fredda. È l’inizio della terza guerra mondiale in cui le potenze nucleari NATO e Russia combattono tramite Paesi terzi… Per ora! Ciò che è peggio, è che la fine della guerra nel prossimo futuro è assai improbabile ed è molto probabile che si traduca anche nella morte di milioni di civili inermi, come nella Prima e Seconda Guerra Mondiale. Ma peggio ancora, questa guerra è arrivata alle porte della Russia, in Ucraina, dove l’incoscienza della NATO esegue esercitazioni militari sotto il naso di una Mosca infuriata e la cui costituzione prevede che il Paese, storicamente vicino agli arabi, si riserva il diritto di usare le armi nucleari per proteggere la propria sovranità e integrità territoriale. La III guerra mondiale è cominciata. E se si contano pogrom, abusi, atrocità e uccisioni in Siria, Libia e Iraq, tale guerra avrà presto il suo milione di morti e il genocidio di una minoranza religiosa, come nella seconda guerra mondiale. Mancano i campi di concentramento, ma esistono le prigioni in cui carcerieri libici salafiti, vicini a Bernard Henry Levi, ammucchiano neri africani accusati di lavorare per il regime di Gheddafi. E nel caso dei salafiti in avanzata nell’Iraq, hanno le camere a gas nelle tombe del deserto in cui seppelliscono vivi donne e bambini accusati del reato di essere cristiani.

Il 14 gennaio 2011 ci fu un colpo di Stato della CIA
Tale guerra non è iniziata con un incidente come l’assassinio di un arciduca o l’invasione della Polonia, ma con l’uccisione di un ex-detenuto trasformato in martire del regime per presunti abusi e le cui malefatte furono esagerate presso milioni di tunisini, uno più ignorante dell’altro. Un incidente istigato dalla CIA dopo aver incaricato un ufficiale dell’esercito tunisino, con il complesso dell’uomo bianco, compiendo uno dei colpi più intelligenti della sua storia. Anche più intelligente di quelli a Teheran, Saigon, Santiago, Cile e Guatemala. Il golpe della CIA dal 14 gennaio 2011 fu attuato così abilmente da lasciare ancora dubbi e confusione nella popolazione tunisina, che ancora crede fermamente che la piazza abbia cacciato Ben Ali dal palazzo di Cartagine, una vittoria del popolo che ha galvanizzato le rivoluzioni per la libertà e la dignità in altri Paesi arabi contro i tiranni. Le rivoluzioni di barbuti Gavroche in qamis che brandiscono teste mozze esangui e occhi vitrei. I colpi di Stato della CIA hanno generalmente la firma di tali servizi segreti distruttivi.  Questa volta non è così, in generale non ha alcuna maschera. Saigon e i suoi generali addirittura aspettarono ufficialmente il via libera dall’ambasciata degli Stati Uniti, sotto forma di una telefonata. A Santiago, in Cile, la CIA mobilitò cacciatorpediniere e sottomarini e migliaia di marines che effettuarono anche uno sbarco preventivo. A Teheran, il colpo di Stato contro Mossadeq vide Kermit Roosevelt, nipote del presidente Roosevelt supportato dai mullah di Qom, distribuire biglietti da 100 dollari negli inferi e nelle strade ai bazari iraniani, mentre l’esercito del generale Fazlollah Zahidi arrestava il presidente democraticamente eletto Mossadeq. Il golpe di Teheran fu un colpo di Stato in valuta, costando la modica somma di diecimila dollari. Diecimila dollari per rimuovere dalla carica il presidente di un Paese dal passato millenario così che la Anglo Persian Oil Company, poi chiamata British Petroleum, potesse restare inglese e rifornire le navi dell’impero di Londra che viaggiavano per l’India o il Corno d’Africa attraversando il Canale di Suez. A Tunisi, nel febbraio 2011, le banconote furono distribuite in Avenue Habib Bourguiba da ignoti alla guida di Mercedes, poco prima delle dimissioni di Muhammad Ghannuchi. Non c’è dubbio che l’uso dei dollari sia stato fin troppo evidente. A volte la CIA si rinnova nei suoi colpi, Come quando incaricò il suo servo Qatar di far crollare completamente il regime di Ben Ali e di non  lasciare al potere nessuno dei suoi geniali dirigenti. Gli spazi politici erano favorevoli ai parassiti dell’umanità, i cosiddetti islamisti alimentati nelle loro gabbie del fanatismo spirituale da CIA, MI6 e Mossad. C’è il diritto di porsi la domanda, oggi: quanto è costato il colpo di Stato del 14 gennaio 2011, a Cartagine? Spero sia costato più di diecimila dollari, una somma che sarebbe umiliante e ridicola per la Tunisia, il suo passato e cultura con tremila anni di storia.

Gli ultimi grandi politici francesi sono de Gaulle, Chirac e Le Pen
E questa guerra in cui i cristiani vengono sepolti vivi nel deserto iracheno, ha alla testa CIA, MI6 e Mossad, ma il corpo, e in particolare le banche, sono Qatar e Arabia Saudita, Paesi più ricchi da quando il prezzo del barile è rimasto elevato e stabile dopo che George W. Bush ha cancellato dalla mappa l’Iraq e immerso l’intera regione nella guerriglia permanente tra sciiti e sunniti. I regimi feudali di Golfo e Arabia Saudita hanno il massimo desiderio di perpetuare per secoli la loro sopravvivenza, che dipende dalla creazione di una zona che raccolga gli islamisti del mondo arabo. Tali Paesi non attaccheranno mai Israele, anche se compie un genocidio, in quanto servono lo Stato ebraico indirettamente, ed essendo essi stessi e Israele grandi basi militari statunitensi. Arabia Saudita, Turchia, Qatar e Tunisia come altrove, sono sotto il comando statunitense. Condannano le atrocità di Israele, ma aiutano lo Stato ebraico obbedendo a Washington e promuovendo islamismo e barbarie nel mondo. Hamas è un’astuta creazione del Mossad affinché i palestinesi non abbiano mai uno Stato. Non ci saranno mai più altri accordi di Camp David con l’ostinazione degli islamisti palestinesi, caduti nella trappola della estrema destra israeliana che sogna sempre di radere la moschea di al-Aqsa di Gerusalemme.
Nei miei anni alla Sorbona, mi appassionai della cultura russa soprattutto perché ebbi la possibilità, come a Sadiqi e altrove, di frequentare gli insegnanti di storia più intelligenti e più colti. Per me c’è la civiltà russa e il resto del mondo. I russi, anche se a volte politicamente in pubblico appaiono maldestri nelle convenzioni internazionali in cui il sionismo è dilagante e domina, sono dei notevoli esseri umani. L’URSS ha combattuto il nazismo senza mendicare aiuti agli statunitensi e senza resistere pacificamente con dei governi di Vichy. I russi preferirono perdere dieci milioni di uomini affrontando la sesta armata del Führer, piuttosto che capitolare. La Francia cedette alla Blitzkrieg, ma peggio collaborò con i nazisti per mantenere lo stile di vita aristocratico, raffinato e sofisticato dei suoi politici. Infine, alcuni francesi erano buoni solo a uccidere civili algerini inermi, uccidendoli come si uccide un cane sospettato di avere la rabbia. Certo, la Francia mi ha istruito, ma ciò che rimprovero a questo Paese è il suo colonialismo il cui mascheramento ha attraversato i decenni. La Francia promuove i diritti umani nel mondo pur essendo uno dei Paesi più colonialisti. Falsifica il suo passato genocida in Algeria condannando i genocidi, tranne quelli d’Israele. Gli ultimi grandi politici francesi sono de Gaulle, Chirac e Le Pen. Alcuni nuovi politici francesi sono dei Menachem Begin e Golda Meir in incognito, quando non degli Al Capone, come colui che ha distrutto la Libia e ora gioca al salvatore provvidenziale di una Francia economicamente malconcia. Sì, a volte ho un certo risentimento verso la Francia, anche se la sua cultura mi affascina e alcuni dei suoi grandi capi meritano rispetto. Ma non posso perdonare questo Paese per aver colonizzato il mio popolo e io celebro la sconfitta di Dien Bien Phu più spesso del mio compleanno. E nemmeno intendo soffermarmi sulla campagna militare in Libia con cui la Francia, come tutta le campagne coloniali, ha distrutto questo Paese e il suo povero popolo, aggrappato all’Islam come soluzione al sottosviluppo voluto. E neanche oso affrontare la questione del supporto logistico e delle armi fornite ai salafiti siriani da Francois Hollande, che ora decapitano i cristiani dell’Iraq e giocano a bocce con le loro teste. Sì, molti francesi e alcuni dei loro  politici, come del resto tunisini, sono dei pezzenti. Anche dopo secoli di colonizzazione e abusi impuniti, continuano ad oltraggiare il diritto del popolo arabo e glorificano Israele.

Assad è il Georges Clemenceau degli arabi
Per vincere le guerre, si devono affrontare le infrastrutture e i finanziamenti dei nemici. Alla fine della seconda guerra mondiale, gli Alleati bombardarono ogni notte gli stabilimenti della Ruhr e le raffinerie tedesche. Un Paese senza denaro o petrolio difficilmente può continuare la guerra.  Durante la prima guerra del Golfo, l’esercito statunitense avanzò con i carri armati Abrams in Quwayt seguiti da centinaia di autocisterne. In guerra, è il petrolio la linfa vitale. Questa terza guerra mondiale potrebbe durare anni, soprattutto se si tiene conto del fatto triste che Paesi come Iran e Libano potrebbero essere attaccati dai jihadisti trascinandoli in un conflitto sanguinoso. L’uomo che emerge da questo conflitto come un eroe leggendario non è il Maresciallo al-Sisi, ma il Dottor Bashar al-Assad. Il Maresciallo al-Sisi ha certamente salvato il suo Paese dalle grinfie dell’islam, ma deve spezzare gli accordi di Camp David. Se difficilmente si può battere militarmente Israele, dev’essere isolato e gli arabi vinceranno con una continua guerra fredda che riduca lo Stato ebraico a una repubblica delle banane nel deserto, affollata e avendo, come il Terzo Reich e la Gestapo, dei generali inquisiti dalle Nazioni Unite per aver commesso genocidi in serie. L’aiuto statunitense all’Egitto è una forma di colonizzazione e di pressione per mantenere delle relazioni diplomatiche con Israele prive di significato. Non deve conciliarsi con un Paese che un tempo aveva progettato di sganciare la bomba atomica su Cairo.
Come ho già detto, questo sanguinoso conflitto farà della Siria il Paese arabo militarmente più potente. La Russia ha bisogno della Siria, perché è una zona cuscinetto all’islamismo che ne minaccia la popolazione musulmana. Perché se la Siria cade, le popolazioni musulmane del Caucaso settentrionale, tra Mar Caspio e Mar Nero, cederanno alla Jihad e attaccheranno il Cremlino. Dopo tutto, un sesto della popolazione russa è musulmana. Questa guerra potrebbe essere breve se la Siria e la sua alleata Russia attaccassero le infrastrutture degli sponsor della Jihad globale, cioè Arabia Saudita e Qatar. Senza le loro infrastrutture del gas e petrolio, verrebbero neutralizzati per decenni e travolti dalla bancarotta. La Russia ha fornito alla Siria missili balistici di nuove generazioni, ma questi, anche se molto precisi, possono raggiungere solo città come Ankara e Istanbul. La Turchia di Erdogan è un Paese di pezzenti e colonia israeliana. Non vale un missile russo. Ma se la Russia dovesse inviare in Siria dei missili balistici a lungo raggio che possano colpire il complesso gasifero del Qatar e gli impianti petroliferi in Arabia Saudita, la distruzione di essi sarebbe la svolta nella guerra globale, che potrebbe costare la vita di decine di milioni di innocenti. In ogni guerra serve una strategia di reciprocità. Qatar e Arabia Saudita preparano la loro versione crudele e falso di Islam, per distruggere il mondo arabo a vantaggio dell’espansione israeliana. Questi sono i nemici del mondo arabo e dell’umanità. La distruzione di questi due Paesi farebbe giustizia delle vittime del conflitto, ma anche del profeta Muhammad stesso, la cui parola è usurpata da regimi feudali assetati di sangue e privi di alcun rispetto per lui stesso o la specie umana.
Bashar al-Assad ha iniziato la guerra di logoramento contro i jihadisti della NATO da cui non può che emergere vittorioso. Una vittoria che farà della Siria un Paese distrutto, ma rafforzato, come la Russia, dopo l’Operazione Barbarossa di Hitler. L’Armata Rossa vittoriosa avanzò con i suoi carri armati fino a Berlino. I missili di Bashar devono colpire Doha e Riyadh. Bashar al-Assad è il Georges Clemenceau degli arabi, che devono sostenerne la linea dura.

Syria's President Bashar al-Assad and Russia's President Dmitry Medvedev review the honor guards at al-Shaaeb presidential palace in DamascusF. M. alias John Wayne. Ex-studente al Sadiqi College, laureato in Storia e Scienze Politiche presso l’Università di Parigi – Sorbona. Ex funzionari dei ministeri degli Esteri e degli Interni dei governi tunisini di Habib Burguiba e Zin al-Abidin Ben Ali. Diplomatico di carriera ed esperto di sicurezza e intelligence.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.258 follower