Il sottomarino San Juan: intelligence e versioni alternative

Kontra Info, 21 novembre 2017Prima della quasi nulla comunicazione ufficiale da parte del governo nazionale sul tragico caso del sottomarino ARA San Juan, i social network erano afflitti da versioni alternative. “La Hora Sin Sombra” li ha compilati e su Kontra Info abbiamo fatto un’analisi critica di ognuno di esse nel tentativo di dare chiarezza su ciò che potrebbe esser effettivamente accaduto:
Versione 1: Secondo una nota pubblicata dal giornalista Daniel do Campo Spada per la TV Mundus, fonti della Marina indicavano che il sottomarino è scomparso perché cercano di nascondere l’incidente causato da un missile che, “per errore”, sarebbe stato sparato da una nave nordamericana che operava “in segreto” nell’Atlantico meridionale, in manovre congiunte con la Gran Bretagna.
Analisi critica: è improbabile che qualcuno spari “per sbaglio” un missile, dal costo molto alto e per giunta colpendo un sottomarino di una Marina oggi “amica”. I sommergibilisti sono personale altamente addestrato. Se c’è stato un “errore” in un’esercitazione segreta, la menzogna sarebbe emersa rapidamente, la verità saputa in breve e saremmo di fronte a uno scandalo internazionale molto più serio a causa dell’occultamento.

Versione 2: Macri aveva firmato per le manovre militari congiunte con Barack Obama nel maggio 2016; ma il Congresso nazionale non le autorizzò. Questa era chiamata Operazione Cormorano e tra le manovre c’era il “salvataggio di un sottomarino apparentemente danneggiato”. La credibilità di tale versione si basa sul fatto che gli Stati Uniti fecero le stesse manovre 20 giorni prima nelle acque cilene, nell’operazione Chilemar, che consisteva nel salvataggio dell’equipaggio di un sottomarino a una certa profondità.
Analisi critica: questa è la versione supportata dal giornalista Juan José Salinas de Pájaro Rojo (leggi qui). A favore di questa versione, si potrebbe sostenere che le operazioni statunitensi c’erano, invocando a una certa “tranquillità” da parte di molte autorità politiche e militari quando si riferiscono all’argomento e, in realtà una parte della Marina statunitense opera già nell’area dell’operazione di salvataggio. Al contrario, si potrebbe dire che se fosse stato programmato in questo modo, sarebbe difficile realizzare una “cospirazione” coi 44 membri dell’equipaggio, le famiglie, i diversi comandanti della Marina e delle Marine straniere che prestano risorse, governo, giornalisti, ecc. Un complotto che coinvolge così tante persone a una settimana dall’evento avrebbe avuto molte fughe e sarebbe stato difficile coordinarla ed attuarla senza finire in uno scandalo di proporzioni internazionali.

Versione 3: un’operazione stampa per giustificare l’acquisto di nuovo materiale bellico, in un momento in cui una brutale manovra viene imposta agli argentini. La sua credibilità sarebbe nella quantità di operazioni mediatiche nelle ultime 48 ore per dire che le Forze Armate sono sguarnite, quando non è vero.
Analisi critica: è vero che il caso ha innescato numerose operazioni mediatiche favorevoli all’acquisto di materiale bellico. Ma erano prevedibili in un caso come questo, dato che semplicemente le diverse lobby sfruttano la situazione, qualunque sia la causa di ciò che succede. Come sopra: è difficile credere a un complotto di così tante persone per una messa in scena di tale natura.

Versione 4: il 30 ottobre iniziavano le operazioni militari inglesi nelle acque territoriali argentine, e avrebbero lanciato verso ovest, cioè verso il continente, missili Rapier. Il ministero degli Esteri argentino, miracolosamente, comunicava gentilmente contro queste operazioni militari. Ma non altro, presupponendo che avessero lanciato mezzi bellici nelle nostre acque e che forse il sottomarino sarebbe stato danneggiato dalla Gran Bretagna e non dagli Stati Uniti come indicato nella versione 1.
Analisi critica: quelle operazioni c’erano, ma avvenivano tra il 30 ottobre e il 3 novembre, mentre il sottomarino scomparve il 15 novembre. D’altra parte i missili “Rapier” sono missili terra-aria a corto raggio, quindi non avrebbero potuto danneggiare un sottomarino.

Versione 5: il sottomarino ARA San Juan fu inviato per una missione segreta nelle acque “di esclusione” nella zona occupata dagli inglesi. Il silenzio radio imposto in modo da non essere rilevato allarmava la compagnia nordamericana che gestisce le comunicazioni satellitari della Marina (?) E la voce della mancata comunicazione con la base veniva diffusa, dando origine a tale miseria, dato che non poteva comunicare per dare la posizione… Una versione stramba, se si considerano le manovre militari inglesi dal 30 ottobre nelle acque del Sud Atlantico… ma porta a chiedersi: perché le comunicazioni via satellite della Marina sono privatizzate a un compagnia straniera?
Analisi critica: una missione segreta di tale natura è pianificata in tutti i dettagli, non viene lasciato al caso il silenzio radio che suscita l’attenzione del mondo, mobilitando risorse dalle Marine di tutti i Paesi, e ancor meno scegliere come data dell’operazione il periodo in cui si effettuano esercitazioni militari nell’area.

Versione 6: il sottomarino ha avuto un guasto. Colpiscono il ritardo del salvataggio, la mancanza di comunicazione, le versioni contraddittorie tra Marina e Ministero della Difesa, e soprattutto il capo della Marina dire di coordinarsi coi giornalisti proprio nel momento in cui iniziavano i programmi… era tutto uno spettacolo mediatico? Non dovrebbe essere una priorità informare le famiglie dei membri dell’equipaggio in difficoltà da una settimana?
Analisi critica: questa versione sarebbe la più ragionevole. Un incendio nella sala batterie potrebbe causare seri danni al sottomarino, ostacolare le comunicazioni e renderlo inutilizzabile. Inizialmente fu detto che c’erano problemi al sistema delle batterie, poi smentito e, infine, il quinto giorno la Marina riconobbe che c’era. Perché mentiva o fingeva d’ignorarlo? Inoltre coincide con l’Intelligence della Marina che trascese i media affermando: “Il sottomarino ha subito un incendio nelle batterie di prua, controllato, continuando a navigare con le batterie di poppa (…) periodicamente segnalava la posizione del sottomarino (PSN). L’ultimo PSN fu alle ore 150000 (sic). È ciò che dicono i media. Laterale P.ta Madrid (sic) (DRY). 200 miglia dalle coste. Profondità stimata tra 120 e 400 metri. Impossibile informare 0800. Il protocollo indica che, in tempo di pace, se le comunicazioni cessano, si deve emergere. Non è emerso. La ricerca aerea con gli aeromobili dell’ARA è stata negativa. Né la boa di salvataggio fu espulsa né avvertiva il satellite di emergenza (EPIRB). Ci sono 2 navi nella zona e la ricerca aerea continua. Purtroppo, in questo caso, l’assenza di notizie è una cattiva notizia. La situazione è seria perché, anche se trovano dove è affondato, il nostro Paese non può salvarli a quella profondità“.
Mentre 44 famiglie rimangono in attesa di fronte alla drammatica situazione, non sembra opportuno far circolare tali versioni, così come le notizie di Clarín e dei media egemonici sul caso Santiago Maldonado furono irrispettose, irresponsabili e tendenziose per promuovere un serie di voci e teorie assurde. Nel caso dell’ARA San Juan, bisogna anche dire che la moltiplicazione delle versioni alternative è in parte il prodotto della cattiva modalità comunicativa ufficiale, presentando dati che in seguito non potevano essere confermati, il silenzio della comunicazione del governo nazionale e della Marina, l’assenza di conferenze stampa, segretezza e negligenza di Mauricio Macri che optava per le vacanze e il tennis nel pieno del dramma. Mentre ciò accadeva, le informazioni ufficiali passarono dal dire che all’inizio c’era un guasto e il sottomarino veniva rimorchiato verso Mar del Plata, a non c’erano guasti, che c’erano e non c’erano chiamate, e a una quantità infinita di dati sconnessi. Molto probabilmente l’Argentina potrebbe trovarsi qui di fronte a una tragedia enorme. Speriamo di no, ma in ogni caso le autorità governative dovrebbero essere all’altezza delle circostanze e non lo sono state.Il governo autorizzò la partenza dell’ARA San Juan sapendo che era danneggiato?
Kontra Info 24 novembre 2017
Bisogna scoprire perché ha lasciato la Terra del Fuoco se aveva avuto un guasto“, affermava l’ex-ministra della Difesa dell’amministrazione Kirchner Nilda Garré, in un’intervista a radio Zónica. “Le batterie potrebbero essere uno dei settori più complicati. Un flusso di acqua potrebbe aver generato un incendio o un’esplosione“, osservava Garré a Crónica Anunciada, di Radio La Patriada FM 102.1, anche criticando duramente la direzione del Ministero della Difesa: “Sebbene avessero rilevato alcuni problemi, hanno autorizzato a continuare la navigazione“. In questo senso, Garré avvertiva Marcos Peña nella domanda N° 500 del Rapporto 101 al Congresso: “L’avvertivo che non avevano carenato il sottomarino San Juan e che avevano sospeso le riparazioni del sottomarino Santa Cruz“, denunciava. Inoltre, l’ex-ministra riferiva che nel 2008 subì una situazione simile con un altro sottomarino della Marina: “Nel 2008 subì una situazione simile col sottomarino Santa Cruz, che ebbe un guasto. Contattai la Marina e vietai che salpasse“, spiegava. Chiariva che sono stati investiti milioni di pesos per le riparazioni necessarie, con la consulenza dell’azienda che l’ha costruito, oltre a chiarire che “La manutenzione non avvenne nel cantiere navale Tandanor, come alcuni media insistono. Ma in uno della Marina. Tandanor dipende dai civili. Non ci sono ingegneri civili specializzati in sottomarini. Ecco perché intervengono i militari. Il cantiere Ammiraglio Storni se ne occupò. Tandanor poteva aiutare, ma il lavoro fu fatto da quel cantiere“.
Le dichiarazioni erano nel contesto della nuova operazione di stampa che accusa il governo precedente degli eventuali danni che potrebbe aver subito il suddetto sottomarino (un video fu diffuso dall’ex-Presidentessa Cristina Kirchner in cui parlava di un vita utile di 30 anni, ma omettendo di menzionare che l’amministrazione attuale non ha eseguito la manutenzione dovuta). Il capo di Gabinetto Marcos Peña evidenziava la riparazione del sottomarino ARA San Juan in un rapporto del 2016 per il Congresso. Peña indicava la rinazionalizzazione di Tandanor durante l’amministrazione Kirchner e la costituzione del CINAR (Complesso industriale e navale argentino), assicurando che “dalla rinazionalizzazione ad oggi, sono state riparate più di 860 navi, nazionali e straniere”. Evidenziando le riparazioni di metà vita del sottomarino ARA San Juan che ne hanno esteso di altri 30 anni la vita utile, che fu consegnato alla Marina argentina ed era operativo nella base navale di Mar del Plata, mentre riparazione e ammodernamento “del rompighiaccio Ammiraglio Irizar era nelle fasi finali”. Le domande sono molte, le risposte ancora poche.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Annunci

L’intervento russo nelle operazioni di ricerca del sottomarino San Juan

27 novembre 2017Si sa che l’Argentina ha accettato l’aiuto russo per il salvataggio del sottomarino ARA San Juan. Da quanto letto, finora non è stato annunciato che il relitto del sottomarino è stato scoperto, quindi, in teoria, non è ancora stato trovato. Va detto, perché vi sono rapporti che affermano che la posizione è nota e che il problema è che è troppo in profondità per essere raggiunto coi mezzi impiegati nella zona. Nulla indica che questa informazione sia corretta. Sui si evidenziano ciò che i russi invieranno e cosa potrebbero fare. I russi inviano quanto segue:
– il sistema Panther Plus
– la nave oceanografica Proekt 22010 Jantar
Un aereo da trasporto militare An-124 con un gruppo di specialisti della squadra di soccorso della Marina russa arrivava in Argentina, presso l’aeroporto Comodoro-Rivadavia. Il gruppo di esperti della Marina russa era decollato a bordo di un aereo da trasporto militare An-124 dall’aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo, diretto in Argentina per partecipare all’operazione di ricerca del sottomarino “San Juan”. Nel gruppo vi sono il comandante e gli operatori del drone “Panther plus”, sommozzatori e palombari. A bordo dell’aeromobile vi erano i contenitori con l’equipaggiamento del “Panther plus” e altra attrezzatura. L’altro gruppo di soccorritori militare russi è guidato dal capo dell’Istituto di ricerca sulle tecnologie subacquee e di salvataggio del Centro di ricerca ed addestramento della Marina Militare, Capitano di 1° Rango Sergej Bashmakov. Tutti gli specialisti russi hanno molti anni di esperienza nelle operazioni di ricerca e soccorso. Sommozzatori e tecnici del drone-sottomarino “Panther Plus” hanno diversi anni di esperienza nelle regolari esercitazioni navali nel supporto a ricerca e salvataggio, tra cui compiti complessi per soccorrere l’equipaggio di un sottomarino in avaria in varie aree marine e zone climatiche. Il 23 novembre 2017 a nome del Presidente Vladimir Putin, il Ministro della Difesa russo, Generale Sergej Shojgu aveva una conversazione telefonica con l’omologo argentino. In seguito ai negoziati, il capo del Ministero della Difesa russo decideva d’inviare a sostegno della ricerca dei dispersi del sottomarino argentino “San Juan” dell’Oceano Atlantico, gli esperti della 328.ma Squadra di ricerca e soccorso della Marina russa. Per effettuare le operazioni di ricerca al largo delle coste dell’Argentina, Shojgu ordinava l’invio via aerea del distaccamento mobile della 328.ma squadra insieme al complesso sottomarino telecomandato Panther Plus. Inoltre, la nave da ricerca oceanografica Jantar della Marina russa veniva reindirizzata nell’area dell’operazione di ricerca, mentre svolgeva attività pianificate al largo delle coste occidentali dell’Africa”.
Il sistema mobile sottomarino a comando remoto (RTPA) Panther Plus, trasportabile a bordo di un velivolo da trasporto militare Il-76 o An-124, è progettato per rilevare oggetti sottomarini con un sonar ad apertura circolare fino a una distanza di 300 m; trasmettere l’immagine sonar dell’oggetto alla nave appoggio; rilevare ed ispezionare oggetti subacquei con videocamere ad alta sensibilità; Trasmettere i video alla nave appoggio; nelle operazioni di soccorso può fornire fornire ventilazione, trasmissioni ed energia elettrica al sottomarino attraverso i tubi lanciasiluri; può trasportare in superficie carichi di 105 kg. Il robot subacqueo Panther Plus può operare a una profondità di 1000 m. Pertanto, se una squadra che può operare a 1000 m viene inviata, è perché c’è ancora l’opzione che l’ARA San Juan sia massimo a 1000 m di profondità. Se fosse diversamente, i russi non avrebbero inviato questo sistema. Il robot subacqueo Panther Plus non è un sistema di salvataggio e recupero. Può eseguire operazioni a 1000 m di profondità… impiegando i bracci robotici per recuperare oggetti.
L’altro contributo russo è la nave Proekt 22010 Jantar che trasporta i minisommergibili Proekt 16810 (AS-37) e Proekt 16811 (AS-39) che possono scendere a 6000 metri di profondità. Come il robot subacqueo Panther Plus, i minisommergibili AS-37 e AS-39 non sono sistemi di soccorso, ma per lavorare a grande profondità e svolgere compiti manuali coi bracci robotici per recuperare oggetti fino a 200 kg di peso. Il Proekt 16811 AS-39 Konsul può scendere fino a 6270 m. Pertanto, la cosa certa è che i russi non vanno nell’area per salvare nessuno. Questo deve essere chiaro. A proposito, i membri dell’equipaggio di questi minisommergibili sono i meglio pagati nelle Forze Armate russe.
Cosa faranno russi nell’area? La domanda che molti si pongono in questi giorni. Perché ora e per cosa? Perché ora potrebbe essere dovuto al risultato più drammatico e il tempo non è il più importante. Ecco perché la nave russa arriverà nell’area, anche se ci vorranno alcuni giorni. La nave si dirigeva verso Luanda, quando cambiava rotta.Se i tempi non coincidono, sarà perché tutto ciò è avvenuto giorni prima dell’annuncio ufficiale. Se avesse una velocità di 15 nodi per l’intera rotta, potrebbe essere in zona il 2 dicembre, ma è improbabile. Se la Jantar fosse partita dal Sud Africa direttamente per l’Argentina, sarebbe stata in procinto di arrivare… ma non sembra così. Se venisse inviata solo la nave Jantar, si potrebbe pensare che sanno dove si trova il sottomarino, troppo in profondità per i mezzi dispiegati. Lì entrerebbero i minisommergibili Rus e Konsul. Il problema nel garantire ciò è che inviano anche il robot sottomarino Panther Plus, che non si avvicina nemmeno alle capacità d’immersione degli altri due minisommergibili russi, quindi vi sarebbe l’opzione che il sottomarino non sia così in profondità. Pertanto, l’unica cosa che si può concludere è che non sanno ancora dove si trovi l’ARA San Juan. Detto questo, le squadre russe di questo tipo di operazioni, se non sono le migliori del mondo, saranno tra le migliori. Sono professionisti di altissimo livello responsabili, ad esempio, delle immersioni per il Titanic, pietra miliare mediatica qualche anno fa. Considerando tutto ciò, saranno stati contatti i russi avendo modo di arrivare al relitto dell’ARA San Juan che sembra essere molto in profondità. Esaminato sul posto, verrà studiato come rimuoverlo e recuperare i membri dell’equipaggio. Cosa che non accadrà, se succederà, a breve. Al contrario, richiederà tempo e grandi investimenti. Inoltre, è sicuro che i russi faranno di tutto affinché l’operazione elimini l’immagine negativa impressa dall’operazione di salvataggio del sottomarino Kursk.

Proekt 18611 Konsul

Il sistema russo Panther Plus non ancora inviato in mare, opererà a bordo della nave argentina ARA Islas Malvinas. S’è visto che la nave Jantar salperebbe verso l’Argentina navigando a 14 nodi. Ciò significa che potrebbe ridurre i tempi tra il 2 e il 5 dicembre, se mantenesse quella velocità. Ciò che è partito nelle ultime ore era un sommergibile di salvataggio statunitense a bordo della nave Sophie Siem. Infine la Marina argentina annunciava di non aver ancora trovato il sottomarino.Fonte: Análisis Militares

Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Fidel Castro nelle memorie del Generale Nikolaj Leonov

Histoire et Societé 23 novembre 2017Il primo anniversario della scomparsa del leader della Rivoluzione cubana Fidel Castro, dà l’opportunità di pubblicare un’intervista del 2013 a Nikolaj Leonov, coautore con Vladimir Vorodaev della biografia di Fidel La storia mi assolverà.
Assiso su una sedia di legno con cuscino in pelle, nel salotto di casa, nella capitale russa, il Tenente-Generale dell’intelligence sovietica, mezzo secolo dopo descrive un momento brillante nel 1963, quando il fondatore della rivoluzione cubana arrivò per la prima volta in Unione Sovietica. Prima d’iniziare la conversazione, con quel sorriso schietto che dedica sempre ai “miei amici cubani”, l’autore della prima biografia del Presidente Raul Castro poggiava sulle braccia della sedia esprimendo speciale gratitudine. “Questo è il tesoro principale in questa casa. Fidel me la diede e per me non c’è nulla di meglio”, confessava. Poi, in spagnolo fluente mantenuto in lunghi anni di servizio in America Latina, e avendo quasi 85 anni, Leonov sembrava ancora vedere l’omaccione barbuto in verde oliva, che dopo 12 ore di volo scese a Murmansk da un Tu-114 di fabbricazione sovietica. “La prima visita del comandante in capo Fidel Castro in Russia ha ancora oggi un grande interesse internazionale e storico, perché né prima né dopo l’Unione Sovietica o il mio Paese, in qualunque modo si chiami, ricevette un ospite con così tanti onori“, ricorda il traduttore dell’epoca. L’ufficiale disse che “non c’era uno statista la cui visita fosse durata così a lungo, perché durò più di 40 giorni, durante i quali Fidel visitò quasi tutto il Paese, dalla Siberia all’Ucraina, da Murmansk a Georgia e Uzbekistan“. L’autore di diversi libri sugli eroi dell’America Latina sottolineava come nessun altro uomo di Stato ebbe l’opportunità di fare una visita così ampia, profonda e importante per le conseguenze. “Da parte dell’Unione Sovietica, il cui leader era Nikita Khrusciov, il desiderio storico fondamentale era, come detto, sanare le ferite lasciate dall’esito della crisi dei Missili del 1962“, affermava lo storico, aggiungendo che “Krusciov risolse la cosa direttamente con gli Stati Uniti, senza consultare Fidel e naturalmente ciò lasciò un segno molto doloroso sulla coscienza dei cubani all’epoca e anche nel cuore di Fidel“. “Ricordo le dimostrazioni a Cuba, i manifesti, i compagni dissero: “Nikita, Nikita, ciò che viene dato non va tolto”, parlando dei missili; ci furono critiche molto dure sulla posizione del leader sovietico“, diceva il Tenente-Generale. Leonov pensava che Krusciov volesse che tali ferite venissero dimenticate, e perciò aprì tutte le porte possibili e impossibili, inaccessibili ad altri uomini di Stato dell’ovest o dell’Est, per accontentare Fidel. “Non solo vide i sottomarini nucleari sovietici, ma anche come funzionavano“, continua la testimonianza, “per come fu organizzato, volle persino vedere un missile installato nel sottomarino e glielo mostrarono“. L’ufficiale spiegava che “visitò una base di missili intercontinentali, e vi ebbe accesso nei silos strategici, che nessuno statista ebbe prima o dopo“.

Nell’Unione Sovietica
Per i meriti rivoluzionari, Fidel ricevette la medaglia d’oro e l’ordine di Lenin, il che significava che era un eroe dell’Unione Sovietica, onore raramente accordato a uno straniero“, aggiungendo che accompagnò i visitatori per tutto il viaggio. L’alto funzionario ricordò che lo statista cubano fu onorato Dottore Honoris Causa dell’Università Lomonosov di Mosca, per il contributo nelle scienze politiche. “Tuttavia, la cosa più importante per Fidel fu, nell’Unione Sovietica, capire dove fosse la radice del socialismo, perché lo Stato multinazionale fosse così potente“, dice. Secondo Leonov, il leader cubano trovò la risposta in due fattori, il primo era il popolo. “Il modo di ricevere Fidel non ebbe equivalente, senza pressioni o appello su radio o televisione, la gente usciva spontaneamente per strada ad applaudire, come si può vedere nelle foto dell’epoca; la gente rischiava persino la vita a volte, arrampicandosi su alberi, balconi, finestre per vedere l’eroe cubano. Qualcosa d’incredibile“, ricorda. Leonov stimò che la lunghezza della fila delle persone scese in strada per ricevere lo stratega della Sierra Maestra arrivasse a 25 chilometri. “Ovunque fosse Fidel la gente l’accolse con entusiasmo e simpatia che non vidi mai in 50 anni, né vidi uno statista ricevere così tante espressioni di affetto, simpatia, solidarietà”, affermava questo testimone eccezionale. Aggiunse che “un’altra esperienza che il comandante cubano percepì fu il ruolo del Partito, perché ovunque fosse ricevuto vide la leadership di quell’organizzazione, nelle regioni, repubbliche, dappertutto, e vide che la spina dorsale della nazione, dello Stato, era il Partito“. Secondo lui, questa esperienza servì ad arricchire l’esperienza politica di Fidel Castro. “Fu una visita eccezionale, in breve, come ho detto, non ci fu assolutamente alcun equivalente nella storia degli accordi internazionali di Mosca con altri Stati“. Spiegando simpatia e popolarità del leader cubano tra i sovietici e i russi di oggi, Leonov pensò che fosse dovuto al suo leggendario status rivoluzionario. “Nessuno conosce o vide le scene dell’assalto della caserma Moncada, ci sono alcune cronache di guerra nella Sierra Maestra, ma nella memoria della gente era un Robin Hood, un uomo che sfidava i pericoli, un don Chisciotte che attaccava tutto ciò che era sbagliato correggendo i torti su questa terra“, ragionava. L’interlocutore sottolineava che “ovviamente, non deluse nessuno perché aveva una figura potente, e un modo di parlare chiaro, aperto, energetico che catturava immediatamente le persone”. Secondo Leonov, erano tutti schiavi dell’amore che provavano spontaneamente per il leader cubano. “Questo è un caso raro, uno degli uomini di Stato che dall’assalto al Moncada, dopo 60 anni, tutti rispettano, dall’estrema sinistra all’estrema destra”, ricordava. Il veterano osservava che “pochi l’odiano, la maggior parte prova grande simpatia per lui, e tutti riconoscono che al mondo non c’è figura politica che possa essere confrontata per l’amore spontaneo e la simpatia che sentono per lui nel mondo. È una verità che nessuno può negare“.
Riferendosi all’amicizia con l’attuale Presidente Raul Castro, che conobbe prima dell’assalto alla Caserma Moncada e dell’incontro col capo del Granma e Che Guevara a Città del Messico, Leonov indicava di aver creato fiducia nella rivoluzione cubana. “Li conosco da decenni e questo mi permise di garantire l’invincibilità della rivoluzione cubana nella fase più difficile per Cuba, definita periodo speciale negli anni ’90”. Aggiungeva che dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, tutti aspettavano la caduta del socialismo a Cuba, “ma respinsi le pretese dei giornalisti occidentali e nazionali che misero in dubbio la possibilità della rivoluzione di permanere. Oggi sono contento che Cuba abbia superato le difficoltà senza cedere su indipendenza, sovranità e sistema politico, economico, sociale e culturale, né accettando interferenze di alcun tipo”. Con ammirazione, Leonov osservava che Fidel Castro era l’anima e l’organizzatore del confronto che definiva “veramente biblico” cogli Stati Uniti. In questa lotta fu sostenuto dal fedele compagno, organizzatore di talento, il fratello Raoul Castro, aggiungeva con emozione. Il Generale Leonov concludeva che, “Oggi sono immensamente fiero di aver fatto da traduttore tra Anastas Mikojan e Fidel nel 1960, quando furono ripristinate le relazioni diplomatiche tra Cuba ed Unione Sovietica“.Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’11 settembre cileno

Fate tutto il necessario per danneggiarlo e farlo cadere” parole di Richard Nixon al segretario di Stato Henry Kissinger e ai capi della CIA… “Quel figlio di puttana va schiacciato con qualsiasi mezzo”.

Intervista a Salvador Allende

Compañero Presidente: Entrevista de Régis Debray a Salvador Allende Gossens (1971)

Salvador Allende habla del Che Guevara

Histórico diálogo entre Fidel Castro y Salvador Allende (Completo)

Salvador Allende – No daré un paso atrás… (1971)

Ultimo Discurso de Salvador Allende, el 11 Sept 1973

Interferencia secreta en señal militar durante el Golpe de Estado

Quién disparó a Salvador Allende – Golpe de estado en Chile

El Ultimo Combate De Salvador Allende

Russia: Crescita e minacce di una nuova guerra fredda

Jacques SapirRusseurope 20 agosto 2017La speranza di un miglioramento delle relazioni tra Russia e Stati Uniti è ormai evaporata dopo il voto del Congresso degli Stati Uniti su nuove sanzioni e le misure di ritorsione adottate dal governo russo. Il Congresso degli USA ha pertanto votato in modo deciso a favore di nuove sanzioni contro la Russia (419 voti su 435) e la Russia ha ordinato agli Stati Uniti di ridurre drasticamente il personale diplomatico di 455 persone entro il 1° settembre. Il tasso di cambio del rublo è tornato a 60 per 1 dollari, ma finora senza impedire la ripresa economica della Russia. Il tasso di cambio del rublo rimase indifferente alla contrazione del prezzo del petrolio di maggio e beneficiava della debolezza di altre valute fino alle nuove tensioni geopolitiche. Tuttavia, il mercato russo non ha ancora risposto al recupero dei prezzi del petrolio, che recentemente hanno superato i 50 dollari al barile. Il tasso di cambio del rublo rimarrà quindi sotto pressione. Dopo più di sei mesi di presidenza Trump, è chiaro che le sanzioni rimarranno più a lungo del previsto, mentre le possibilità di nuove sanzioni aumenteranno. La possibilità di ristabilire un dialogo tra Russia e Stati Uniti diminuisce rapidamente. Gli attriti sembrano crescere e il Venezuela ora rientra nel confronto che va dalla Siria all’Ucraina.

L’economia russa migliora
L’economia della Russia ha mostrato forti segni di miglioramento nella prima metà del 2017. In una certa misura, ovviamente, ciò è dovuto alla stabilizzazione dei prezzi del petrolio a circa 50 dollari al barile. Ma i prezzi del petrolio, per quanto importanti, non sono l’unico fattore della crescita economica della Russia. Il commercio al dettaglio è salito dell’1,2% rispetto all’anno precedente a giugno, leggermente superiore a quanto previsto dagli economisti (1,1%) e ha continuato a crescere a luglio (1,3%). I salari reali, invece, continuano a migliorare grazie alla rapida caduta dell’inflazione, scesa in pochi mesi dal 12% al 4-4,5%. La crescita della produzione industriale è stata imitata dalla crescita dell’edilizia, che potrebbe segnare la fine della crisi nel settore. La disoccupazione s’è ridotta al 5,1% della popolazione attiva alla fine del primo semestre.
Fonte: dati ROSSTAT

La forte crescita degli investimenti del 2,4% annuo, nel primo trimestre del 2017, proseguirà probabilmente nel secondo. Tuttavia, va osservato che le tre maggiori attività d’investimento osservate sono estrazione (pari al 31% degli investimenti), produzione (18%) e trasporti (17%). Quest’ultimo settore è cresciuto in modo impressionante del 21,7% nel primo trimestre del 2017. D’altra parte, il settore dell’estrazione ha registrato un più modesto 1,5% e la produzione è caduta del 6,7%. Tre regioni hanno prodotto la crescita complessiva degli investimenti: Mosca, Crimea ed Estremo Oriente. Nelle tre regioni ci sono grandi progetti, generalmente sostenuti dallo Stato e concentrati sulla costruzione di infrastrutture. Ciò corrisponde alla rapida crescita dei trasporti nella disaggregazione settoriale degli investimenti. Di conseguenza, uno dei principali fattori di crescita degli investimenti in Crimea è la costruzione del ponte di Kerch che collega la penisola al resto della Russia. Il completamento del ponte è previsto per la fine del 2018, al costo di 228 miliardi di rubli, di cui 113 spesi alla fine del 2016. Analogamente, l’incremento degli investimenti in Estremo Oriente è principalmente collegato alla costruzione dei gasdotti per la Cina. Il progetto “Power of Siberia” dovrebbe essere completato entro il 2019. Quasi la metà, 1300 km, della rete di 3000 km prevista è stata costruita dal giugno 2017. Il costo del progetto è di 1,5-2 trilioni di rubli o, al tasso di scambio di 70 rubli per 1 euro, 21-28 miliardi di euro. A differenza del ponte di Kerch e di “Power of Siberia”, da completare nel 2019, il programma di ristrutturazione di Mosca è appena iniziato. Secondo Sergej Sobjanin, sindaco di Mosca, il programma richiederà 15 anni per essere completato, ed interesserà 1-1,6 milioni di persone (10-15% della popolazione di Mosca) con un costo complessivo di circa 3 trilioni di rubli (43 miliardi di euro). Si prevede che 35-45 milioni di metri quadrati saranno costruiti durante questo periodo (circa 3,5 milioni di metri quadrati l’anno), traducendosi in un aumento sostanziale degli attuali edifici residenziali di Mosca, per circa 3-4 milioni di metri quadrati l’anno. C’è da aspettarsi la crescita delle costruzioni residenziali a Mosca dal 2018, dopo le elezioni presidenziali.La crescita economica più forte del previsto coincide purtroppo le partite sono più deboli del previsto nella prima metà del 2017. La crescita dell’importazione è stata del 27% nella prima metà del 2017, del 26% nel primo trimestre e del 29% nel secondo trimestre. Ciò indica un ampio recupero delle importazioni per il 2017, previsto dall’aumento dei consumi e degli investimenti. Inoltre, i pagamenti correnti delle aziende russe all’estero nel secondo trimestre del 2017 sono significativamente superiori al previsto e sono la ragione principale del conto corrente portato a un deficit di 0,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre.

Verso la creazione di un’alleanza anti-USA?
In questo contesto va notata l’attività crescente della diplomazia russa. Ciò potrebbe essere attribuito ai miglioramenti delle relazioni economiche, ma anche al deterioramento dei rapporti diplomatici e militari con Washington. Al culmine di questa attività, naturalmente, vi è la crisi del Medio Oriente e l’evidente avanzata delle forze governative siriane sostenute dall’aviazione russa delle ultime settimane. Ma questa attività assume ora altre dimensioni. Mosca ha deciso di dare un segnale spettacolare sostenendo il governo venezuelano. Il principale produttore di petrolio della Russia, Rosneft, dichiarava di aver anticipato circa 6 miliardi di dollari alla compagnia petrolifera venezuelana PDVSA. Ciò avveniva al momento giusto. La scommessa dei vari attori finanziari e politici sul default venezuelano si diffuse a causa delle turbolenze in Venezuela, ulteriormente complicate dal calo dei prezzi e della produzione. Il pagamento anticipato della Rosneft a PDVSA potrebbe risolvere la crisi del debito che il governo venezuelano attualmente affronta. Rosneft prevede il rimborso finale con l’invio di petrolio e prodotti petroliferi. Questo punto è molto importante perché implica che la maggior parte della produzione venezuelana sarà diretta in Russia e non alle raffinerie statunitensi, che oggi rappresentano il principale mercato della produzione venezuelana. Questo supporto non sorprende. Prima di tutto, le relazioni con gli Stati Uniti peggiorano, e Mosca dovrebbe aumentare la presenza in Venezuela, anche solo per mettere in imbarazzo il governo degli Stati Uniti e creare ciò che si chiama strumento negoziale o puntata di contrattazione. Ma, e questo è probabilmente più importante, va considerato che questo supporto proviene da Rosneft, compagnia che occupa un posto speciale nella diplomazia petrolifera della Russia, ma che ha anche una propria diplomazia. Ciò mostra i forti legami che alcuni in Russia, e in particolare Sechin, hanno creato in America Latina e soprattutto con i leader chavisti. Non si tratta solo l’ideologia, anche se conta. La Russia, e in particolare Rosneft, trova anche propri interessi in questa politica. PDVSA, va ricordato, è la società statale venezuelana che ha ridotto le vendite di petrolio alle unità di raffinazione statunitensi della Citgo Petroleum, aumentandole alla Rosneft in Russia, secondo un piano firmato a maggio per recuperare gli invii accumulati; secondo documenti e fonti di PDVSA e della sua Joint Venture, Rosneft detiene una partecipazione del 49,9% della società statunitense Citgo della PDVSA. La partecipazione è stata offerta come garanzia quando PDVSA ebbe il prestito di 1,5 miliardi di dollari dalla società russa, lo scorso anno. Il Ministro del Petrolio venezuelano Nelson Martinez, al forum di San Pietroburgo lo scorso giugno dichiarò che Rosneft avrebbe ricevuto circa 70000 barili al giorno per il prestito da 1,5 miliardi di dollari alla PDVSA. Infatti, Rosneft ha investito molto nello Stato venezuelano e nella PDVSA. Ora Rosneft s’impegna a continuare a lavorare nel settore energetico del Paese, nonostante il peggioramento della crisi economica e delle sanzioni.
All’inizio di questo mese, l’Amministratore Delegato di Rosneft, Igor Sechin, dichiarava che l’azienda avrebbe aumentato la cooperazione con il Venezuela di fronte alle nuove sanzioni statunitensi e ne forniva un buon motivo: “Le riserve petrolifere del Paese sono le più importanti al mondo. In questa prospettiva, ogni società energetica deve cercarvi di lavorare” [1]. È vero che le riserve del Venezuela sono ancora più grandi di quelle dell’Arabia Saudita. Ma chiaramente non è l’unico motivo, né il principale. Il sostegno dato al Venezuela è ovviamente politico. Potrebbe essere una sorta di “ricambio” per il sostegno statunitense all’Ucraina. Ma più probabilmente va anche visto come il materializzarsi del rafforzamento del fronte anti-USA comprendente naturalmente Cina ed Iran, e che ora include i nuovi alleati dei russi, di cui gli ultimi sono Paesi come l’Indonesia (che ha recentemente deciso di acquistare aerei da combattimento russi [2]) e le Filippine, dove le navi da guerra russe fecero una visita a gennaio [3] e il cui presidente visitò Maggio nel 2017 per richiedere l’aiuto contro la minaccia dello SIIL a Mindanao [4] .
Note
[1] RussiaToday
[2] Sputnik
[3] Sputnik
[4] Sputnik

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora