La nuova “Via della Seta”, Panama e America Latina

Oscar René Vargas, Mondialisation, 26 novembre 2017L’accordo Panama-Cina è stato firmato nel giugno 2017 nell’ambito del gigantesco progetto “Fascia e Via” tessendo una rete globale da est a ovest. La Cina ha attualmente il più alto prodotto interno lordo (PIL) al mondo, calcolato a parità di potere d’acquisto, secondo la classifica del World Factbook World Intelligence Agency (CIA). Si prevede che, in termini di PIL nominale, la Cina supererà, intorno al 2020, Unione europea (UE) e Stati Uniti, rispettivamente prima e secondi. La Cina ha ora le maggiori riserve valutarie, con 3100 miliardi di dollari, contro 775 miliardi dell’Unione europea (quattro volte meno) e 117,3 degli Stati Uniti (26 volte in meno). Il Presidente Xi Jinping si è impegnato a “ricostruire” la Via della Seta come corridoio economico tra Oriente e occidente. Ha fatto una grande scommessa strategica. La Cina ha la più grande rete ferroviaria del mondo, 112000 chilometri, compresi oltre 20000 ad alta velocità. Entro il 2025 ne sono previsti altri 15000 chilometri. La Via della Seta è una gigantesca rete di rotte marittime e terrestri chiamata “Fascia e Via”. L’iniziativa comprende investimenti, finanziamenti, accordi commerciali e decine di zone economiche speciali (SEZ) per un valore di 900 miliardi di dollari. In totale, la Cina vuole investire non meno di 4 trilioni di dollari in 64 Paesi. Il suo progetto è il simbolo della nuova diplomazia della seduzione attuata da Pechino per conquistare i vicini e fare del Paese uno dei principali attori mondiali, se non il principale. Proprio come gli Stati Uniti consolidarono l’influenza economica sull’Europa col Piano Marshall, creato per promuovere la ricostruzione dei Paesi distrutti dalla Seconda guerra mondiale, Pechino intende costruire una vasta rete di trasporto e di gasdotti ed oleodotti per esportare la propria forza economica oltre i confini di Asia, Europa, Africa e America Latina.
La Cina diventa rapidamente il più grande “impero commerciale” al mondo. Basta confrontare il Piano Marshall da 800 miliardi di dollari USA (in valore attuale) degli Stati Uniti cogli investimenti della Cina che sono già a 300 miliardi di dollari e prevede di investirne un altro trilione nel prossimo decennio. La sola Cina ha concesso più crediti ai Paesi in via di sviluppo della Banca mondiale. Il progetto “Fascia e Via” ha una componente terrestre, una marittima e una oceanica. Le SEZ sono guarnigioni commerciali nelle catene di approvvigionamento internazionali attraverso le quali la Cina può proteggere il proprio commercio senza creare vincoli coloniali. In questo piano, dobbiamo analizzare il trattato tra Panama e la Cina. Nella strategia della crescita della Cina, l’Europa svolge un ruolo fondamentale come mercato per i prodotti cinesi e per acquisizione e cooperazione ad alta tecnologia su temi prioritari come l’ambiente. Pertanto, la nuova Via della Seta terrestre consiste di due rami principali con una moltitudine di terminali e diramazioni. Il primo, basato sulla vecchia carovaniera (e ancora senza una rotta definita), è il più conflittuale, poiché attraversa aree di marcata instabilità in Asia centrale e Medio Oriente. Le guerre in Afghanistan e Siria rallentano questa rotta terrestre; povertà, sfiducia e quasi totale mancanza di infrastrutture in alcuni di Paesi, come Kirghizistan e Tagikistan. Nel dicembre 2015 la Cina collegava ad alta velocità Pechino e la capitale della provincia più occidentale Urumqui (Xinjiang). Il progetto ferroviario cinese avrebbe unito Urumqui (Cina) a Sofia (Bulgaria), attraverso Kirghizistan, Tagikistan, Uzbekistan, Turkmenistan, Iran e Turchia. La tattica di questi Paesi per consentire la costruzione di ferrovie, strade ed oleodotti è impegnare miliardi di dollari per finanziare i vari progetti. Il secondo ramo, attraverso Russia e Kazakistan, è già operativo, ma richiede una modernizzazione. Attualmente vi sono treni regolari tra Pechino e Mosca che impiegano sei giorni e mezzo. Ma la Cina ha già investito 6 miliardi di dollari per la costruzione del treno ad alta velocità Mosca-Kazan, per un valore di 24 miliardi di dollari, che in seguito consentirà il collegamento tra la capitale russa e la Cina attraverso il Kazakistan.; ciò ridurrà la durata del viaggio Mosca-Pechino a 33 ore.
L’iniziativa “Fascia e Via” integra anche la dimensione marittima. Come la Via della Seta terrestre, la rotta ha anche diverse diramazioni principali e una moltitudine di secondarie. Lasciando la provincia del Fujian, a sud-est, attraverso il Mar Cinese Meridionale, entra nell’Oceano Indiano e raggiunge il Corno d’Africa. Una di esse si dirige a nord attraverso Mar Rosso e Mediterraneo fino a Venezia. L’altra va verso Dar as-Salam (Tanzania) e la costa sud-orientale dell’Africa. La terza va verso l’America Latina. In seguito all’accordo di Stato tra Panama e Cina, firmato il 17 novembre 2017, Panama aderisce all’iniziativa della Via della Seta e della Rotta della Seta del 21° secolo (accordo 14) diventando la terza diramazione marittima dell’Iniziativa. Secondo me, con Panama beneficiaria della clausola della nazione più favorita dalla Cina, si annulla la possibilità di costruire un canale inter-oceanico attraverso il Nicaragua. È prevista la possibilità di finanziare grandi progetti infrastrutturali in futuro: ad esempio, la quarta chiusa del Canale di Panama. Pertanto, il trattato Ortega-Wang (del 2013, tra D. Ortega e l’uomo d’affari Wang) assomiglia al trattato Chamorro-Bryan (del 1914) servendo solo per ottenere un diritto specifico (un “brevetto”) per costruire il canale attraverso il Nicaragua in modo che nessun altro possa farlo. La Via della Seta marittima può dare impulso agli sviluppi in Africa. Dall’inizio del decennio, la Cina è il principale partner commerciale del continente nero, la Cina vuole raddoppiare il volume di affari entro il 2020. Nel 2015, l’investimento del gigante asiatico in Africa ha raggiunto i 25 miliardi di dollari. Più di 2000 aziende cinesi sono presenti in diversi Paesi in settori come miniere, petrolio e altre risorse, infrastrutture, costruzioni, agricoltura, tessuti e altri manufatti. La Via della Seta marittima mira a creare grandi infrastrutture portuali che, secondo un rapporto del Pentagono, servirebbe non solo per scopi commerciali, ma il cui obiettivo finale sarebbe sostenere l’ambizione della Cina di diventare potenza navale. Una delle basi principali della politica “Fascia e Via” è il Pakistan. Si prevede che il suo territorio servirà ad unire le rotte marittime e terrestri attraverso la ferrovia che attraverserà il Pakistan dal porto di Gwadar, all’estremità sud-ovest all’estremità nord-est, con la rete ferroviaria cinese.
La Cina sembra aver trovato la pietra filosofale nella Via della Seta. Se nel 2013 il Presidente Xi Jinping sorprese tutti col progetto di rivitalizzare la vecchia rotta dei cammelli, quattro anni dopo, programma non solo di unire Cina ed Europa con una vasta rete di treni, automezzi e navi. Asia centrale, Medio Oriente, Sud-est asiatico e Africa orientale ne sono integrati, ed anche America Latina. La Cina è passata da ruolo secondario ad attore fondamentale nella comprensione delle dinamiche economiche e commerciali dell’America Latina. Nel 2010, gli investimenti cinesi in America Latina ammontavano a 31,72 miliardi di dollari. A fine 2016, ammontavano a 113,662 miliardi. In altre parole, un aumento di 81,942 miliardi di dollari USA. A fine 2016, gli investimenti cinesi erano concentrati in tre Paesi: Brasile (54,49 miliardi di USD), Perù (12,372 miliardi di USD) e Argentina (10,587 miliardi di USD). Questi tre Paesi rappresentano il 71% degli investimenti cinesi in America Latina. In America Latina, il progetto cinese prevede la costruzione di una linea ferroviaria che collega Atlantico e Pacifico attraverso Brasile e Perù, dimostrando l’intenzione della Cina di diventare il principale partner commerciale dell’America Latina, nonché l’aspirazione ad essere una potenza mondiale. Il commercio tra Cina e America Latina è aumentato di 22 volte nell’ultimo decennio e gli enormi investimenti di Pechino prevedono che continui a crescere. La tratta pianificata collegherà il porto brasiliano di Açu (315 chilometri a nord di Rio de Janeiro, in piena espansione, divenendo il terzo più grande al mondo e il primo in America Latina) al porto peruviano di Ilo (1200 chilometri a sud di Lima). Questa Via della Seta transoceanica ridurrà notevolmente il tempo degli scambi. Ora, i prodotti sudamericani devono attraversare il Canale di Panama e, da lì, navigare per 30 giorni per raggiungere il porto di Tianjin (a sud di Pechino). Le relazioni economiche tra Cina e America Latina sono state così rapide da diventare il secondo partner commerciale, con 263,6 miliardi di dollari nel 2014. Ciò significa che ha superato l’Unione europea e si trova solo dietro gli Stati Uniti. Tra il 2005 e il 2013, la Cina ha erogato 102 milioni di prestiti all’America Latina. Pechino ha trovato in America Latina il quadro appropriato per la sua diplomazia della seduzione: 600 milioni di persone e una classe media relativamente ampia che rappresenta un grande mercato per prodotti economici e tecnologici. Il piano di Xi Jinping per rivitalizzare la vecchia Via della Seta ha innescato tutti gli allarmi a Washington.
La nuova Via della Seta svolge anche un ruolo fondamentale nel matrimonio di convenienza tra Cina e Russia. “Se la Cina riesce a connettere la fiorente industria con il cuore dell’Eurasia, dalle vaste risorse naturali, allora è possibile, come previde nel 1904 il geografo inglese Halford Mackinder, profilarsi un impero mondiale“, avverte lo storico Alfred McCoy dell’Università del Wisconsin-Madison (USA). “La vittoria migliore è quella ottenuta senza combattere, e questa è la distinzione tra un uomo prudente e uno ignorante“, dice Sun Zu nel suo libro L’Arte della Guerra, la cui filosofia governa le relazioni estere della Cina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Il fenomeno OSNI in Argentina

Basi biologiche sottomarine?
Luis Burgos (FAO – ICOU)C’è del marcio nell’Atlantico del Sud
A seguito dei tragici eventi verificatisi con l’ARA San Juan il 15 novembre 2017, vi sono state numerose richieste se tale caso potesse essere correlato a una parte del nostro tema. Inutile dire che sarebbe dolorosamente rischioso suggerirne una qualche associazione. Il tempo sarà testimone di ciò che è realmente accaduto una volta completate le ricerche sottomarine. L’unica cosa che possiamo fare è indovinare o aggiungere opinioni. Quindi vale il seguente contributo: Dopo il periodo di confusione generalizzata dalle varie versioni (sette chiamate, rumori biologici, anomalie idroacustiche, zattere galleggianti, boe, ecc.) e avendo la certezza dell’incidente, localizzati tempo e spazio del soggetto attraverso due assi fondamentali: cause dell’esplosione e rischio operativo.

Cause dell’esplosione
A – Interno per difetti delle batterie, il più accreditato “ufficialmente”.
B – Interno per immersione a profondità critiche a causa di un guasto.
C – Collisione con un “oggetto sconosciuto”.
D – Attacco da un “oggetto sconosciuto”.
Indubbiamente, questo ultimo punto è il più inquietante di tutti. L’ARA San Juan partecipava all’operazione Cormoran nelle acque del sud insieme a forze internazionali. Per la sua destinazione, sebbene fosse Mar del Plata, passava molto vicino all’area d’esclusione imposta dagli inglesi e, nonostante si sia in tempo di pace e non di guerra, l’ipotesi del conflitto è un problema che aleggia spettralmente.

Soccorso operativo
Un imponente schieramento di Paesi offre aiuto logistico e umanitario all’Argentina, tra cui quattro dei cinque membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (Stati Uniti, Russia, Regno Unito e Cina). Ciò è d’importanza superlativa, ma c’è buona ragione per una riflessione che scivola tra tre ipotesi:
A – Offrono aiuto in cambio di nulla perché sono “bravi ragazzi”.
B – Offrono aiuto, ma allo stesso tempo cercano di “approfittare” della situazione: risorse marittime, spionaggio, trattati futuri, ecc.
C – Vogliono davvero scoprire cos’è successo col pretesto del famoso rischio sicurezza.
E qui dobbiamo fermarci di nuovo: l’Argentina fa parte del famoso Trattato di non Proliferazione delle Armi Nucleari (1968) composto da numerosi Paesi e dalle potenze mondiali. Non appena la notizia divenne nota in tutto il mondo, molte di queste nazioni si sono mobilitate presso la nostra Patagonia, inviando subito truppe e tecnologia all’avanguardia. Una mega-operazione unica che coinvolge 4000 persone. In effetti, resteranno fin quando non scopriranno cos’è successo al San Juan, dato che la morte dei quarantaquattro membri dell’equipaggio è scontata. È ovvio, in questo momento, che qualcosa non quadra. La stessa dichiarazione ufficiale della Marina argentina è agghiacciante: “evento anomalo, singolare, breve, violento e non nucleare“. Sapendo anche che l’onda d’urto subacquea fu avvertita in Sud Africa e, probabilmente, nell’Oceano Indiano. E la domanda si pone… l’élite dei Paesi che operano nella zona zero (Stati Uniti, Russia, Francia, Regno Unito e Germania) sospettano qualcos’altro? Nell’ipotetico piano, valutano la possibilità che l’ARA San Juan avesse un’arma nucleare che avrebbe messo a rischio non solo l’ecologia marina, ma anche la politica internazionale e della difesa. Una questione fondamentale gioca contro di noi come Paese e questo ci fa riflettere. Il tema ricorda il missile Condor II e le sue conseguenze (1989). E la cosa più triste di tutte è che non potranno mai dirci le vere cause di tale incidente, ma questa ipotesi, una tra le tante, può portarci con una scorciatoia a “rispondere” sul perché siano tutti nel nostro mare… Nello specifico, non si può ignorare la storia dell'”oggetto subacqueo” rilevato dall’aereo yankee a 300 chilometri da Puerto Madryn, Chubut, a settanta metri di profondità, svelata il giorno successivo, quando era noto che il luogo in cui si trovava il sottomarino nel momento dell’esplosione era verso il Golfo di San Jorge, cioè a circa 140 miglia nautiche più a sud (?)…Riflessione finale
A conclusione di tutto ciò, l’unica cosa che sappiamo è che l’Argentina deve ripensare le proprie Forze Armate, ma con un ripensamento imminente e serio, che vada preso come tale dalle autorità coinvolte, cioè i tre poteri della Nazione (esecutivo, legislativo e giudiziario) e le tre armi (Aeronautica, Esercito e Marina). È la priorità di oggi, non domani o nei prossimi anni, non è uno scherzo. Purtroppo, e sebbene sia difficile dirlo, il “colpevole” dello stato in cui sono oggi le Forze Armate è… la democrazia. Sono passati trentaquattro anni dal suo ritorno del 1983 e alcun governo ha fatto nulla a favore… ma sempre contro: taglio del budget, mancanza di corretta manutenzione, smantellamento, ecc. Incredibilmente, in questi giorni, vediamo molti leader politici di questi tre decenni preoccupati nel dare ogni genere di spiegazioni. Bene, riguarda tutti il proverbio “la corruzione uccide”, quindi “il crack” è in sottofondo… con reverendo attuale ribollire!Introduzione
Successivamente, esamineremo il traffico non identificato in quei luoghi lontani. Dalla nascita stessa del fenomeno, piatti volanti all’epoca e UFO oggi, sono intimamente legati all’acqua. Gli oggetti non identificati proliferano nella casistica mondiale, emergendo o immergendosi in fiumi, laghi, lagune e mari. Da lì alla possibilità di basi nelle zone lacustri c’è un passo. Pertanto, sono nati gli OSNI, oggetti sommersi non identificati. Altri ricercatori parlano tacitamente di sottomarini od oggetti sottomarini. La cosa trascendente è che il nostro Paese non è sfuggito a tali eventi e già dagli anni ’40 incidenti in numerose zone idriche del territorio argentino furono segnalati. Qui circola una mia nota intitolata “Luci nei laghi” su episodi con queste caratteristiche, con la possibilità che possano essere usati come habitat o rifugio permanenti o temporanei.

Il primo OSNI nel Paese
Non era trascorsa una settimana dal “primo caso di piatto volante in Argentina” (10 luglio 1947 a La Plata, Buenos Aires) quando l’associazione UFO-AGUA si era già delineata, incredibilmente. In effetti, alle 09:00 del mattino del 15 luglio dello stesso anno, i membri dell’equipaggio di una nave polacca ormeggiata a Puerto Nuevo, così come il personale della prefettura uruguaiana, rilevarono la caduta sul Río de la Plata di uno “strano artefatto simile a un aeroplano“. Di fronte tale reclamo, un’inchiesta fu avviata dalle compagnie aeree se uno qualsiasi dei loro aerei avesse subito un incidente. Risultato negativo. Una domanda inquietante galleggiava sulle acque del Rio de la Plata: quale oggetto volante precipitò quel giorno d’inverno?

Segnalazioni negli anni ’50
E gli episodi continuarono negli anni successivi. Notizie dalle coste della Patagonia parlavano di oggetti enigmatici emergenti o immersi nelle acque marine, come accaduto a Rio Grande (Tierra del Fuego) e Puerto Coig (Santa Cruz) nel 1950, o a Comodoro Rivadavia (Chubut) nel 1953. Ma ciò che era veramente sconcertante fu che incidenti furono segnalati anche alle porte della capitale federale:Un curioso oggetto simile a “una mina sottomarina” di colore rosso fu osservato galleggiare davanti al pontone Recalada del Río de la Plata, il 19 febbraio 1953. Si trovava a 35° di latitudine sud e 56° di longitudine ovest e fu confermato dal capitano della nave San Jorge e dall’equipaggio del vapore Coracero. La ricerca non ebbe successo. Nel giugno 1959, secondo le informazioni ufficiali, un oggetto sommerso non identificato fu avvistato nelle acque del Rio de la Plata… Infine, una notte dell’agosto dello stesso anno, alle 21:15, il residente Victorio Perea, del quartiere Villa Lynch, distinse un oggetto volante luminoso simile a “un dirigibile” che cadeva sul Rio de la Plata.

I misteriosi anni ’60
E così arriviamo al decennio controverso dove vi furono numerosi “inseguimenti” della Marina argentina di “oggetti sottomarini non identificati”, strani e sfuggenti, nei golfi della Patagonia, specialmente nelle acque del Golfo Nuevo nella penisola di Valdés e nel golfo di San Jorge. Tutto ciò portò alla formazione delle famose Commissioni ufficiali e a tre presidenti interessati alla questione di questi comitati: Arturo Frondizi, Arturo Illia e il generale Juan Carlos Onganía. Intercettazioni e bombardamenti di profondità furono vani. Per anni, gli OSNI imperversarono nelle regioni meridionali fin quando gli incidenti non diminuirono nei decenni successivi. La Marina, quindi, ignorò la situazione e ogni episodio relativo ad oggetti enigmatici sommersi o emersi al largo delle coste proveniva da pescatori, turisti, automobilisti o residenti. Forse l’esempio più ricordato è quello dell’agricoltore Carlos Corosan, che nel 1966 fu testimone privilegiato di “un grosso oggetto metallico dall’aspetto rastremato che, lasciando una nuvola di fumo, precipitò alla luce del sole al largo di Puerto Deseado (Santa Cruz), producendo un grande rumore nelle acque“.Quindi, l’ipotesi che acquisì sempre più forza negli anni notava che potrebbero esistere sotto i nostri mari ricoveri permanenti che svolgerebbero la funzione di vere basi per OSNI. In breve, un’intensa attività biologica sconosciuta protetta da ogni rischio da queste profondità… Come aneddoto, in quegli anni mio fratello, Pedro Trachsler, prestava servizio sul cacciatorpediniere ARA Cervantes. In un’occasione l’allerta fu data quando un oggetto non identificato fu rilevato nelle acque del Golfo Nuevo. Procedendo all’intercettazione, furono lanciate bombe di profondità e poi una salva di siluri, che non colpendo il bersaglio furono poi prelevati in superficie e riportati a bordo. Continuando con la sua storia, prima di scomparire, l’OSNI “passò incredibilmente sotto la nave da guerra“…

ARA Cervantes

L’intruso del 1975
Tra le molte storie degli anni ’70, ce n’è una molto significativa per la qualità dei testimoni, sebbene desiderassero rimanere anonimi. Verso le 13:30 del mattino del 16 luglio, queste quattro persone, due uomini d’affari e due viaggiatori commerciali, stavano pescando nel molo di Caleta Olivia (Santa Cruz). La notte era serena. All’improvviso, uno di loro individuò a circa 100 metri sotto la superficie marina una strana sagoma fusiforme lunga circa dieci metri, in completo silenzio, con spigoli vivi e colorazione giallo-verdastra. Così, per venti minuti, l’OSNI scivolò lentamente lungo la costa verso sud finché non scomparve. La mattina dopo, molti abitanti di Caleta Olivia videro un gran numero di pesci morti sulle loro coste, oltre a gabbiani e albatros. Per l’intera giornata la pesca fu impossibile…Il caso di San Blas
E ancora, a metà degli anni ’80, un’altra presenza OSNI fu ufficialmente corroborata. Questa volta nella Baia di San Blas, a sud di Buenos Aires, conosciuta come “paradiso dei pescatori”. Infatti, la notte del 3 giugno 1988, la petroliera Puerto Rosales informò la Prefettura Navale di aver rilevato prima sul radar e poi visivamente, un enigmatico oggetto flottante non identificato a venti miglia dalle coste, di dimensioni regolari e che non rispondeva ad alcuno dei segnali fatti. L’allerta fu immediato e la Marina argentina dispiegò una grande operazione comprendente aerei della base Comandante Espora, la corvetta Grandville, il cacciatorpediniere Sarandí e un velivolo Electra 6 P-101 che decollò dalla base Almirante Zar di Trelew, Chubut. Dopo ore di monitoraggio il Ministero della Difesa chiuse la ricerca. Va notato che l’area in cui si muoveva l’intruso, di fronte al secondo faro di Barranca, non ha grande profondità, quindi sarebbe stato molto rischioso per una nave convenzionale sfuggire a tali acque, e forse a causa di ciò il rapporto della Marina sostituì la parola sottomarino con oggetto galleggiante…Epilogo
Trent’anni fa, in diversi articoli giornalistici sostenni l’esistenza di queste “basi sottomarine”. E molto poco o quasi nulla è cambiato oggi. Questi OSNI continuano a muoversi e a comportarsi come negli anni ’40 o ’50, con la stessa impunità di sempre, come se il territorio gli appartenesse o lo facessero da tempo, abitando sott’acqua. Si muovono sia in mare aperto stupendo navi e pescherecci, che a pochi metri dalle coste stupendo pescatori e residenti. Pertanto, l’esistenza di una presenza ignota operante sotto le acque del Mar Argentino e, quindi, dell’Oceano Atlantico, si allontana dalla mera ipotesi e si avvicina alla realtà. La casistica lo dimostra e gli eventi continueranno a ripetersi… dimostrando ancora una volta che nonostante la super tecnologia delle grandi potenze, capace di “localizzare” una targa automobilistica o una pallina da tennis dai satelliti, quando si paragonano alle capacità del fenomeno OVNI, si nota la grande differenza…Riferimenti:
Bollettino UFO PRESS, n. 13, ottobre 1979
Clarín, 5 giugno 1988
Expedientes OVNIs (Los Archivos Clasificados Argentinos), Luis Burgos, ottobre 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Royal Navy e Armada de Chile affondarono l’ARA San Juan?

What Does It Mean, 15 dicembre 2017Un nuovo sorprendente rapporto del Consiglio di sicurezza (SC) che circola oggi al Cremlino afferma che il presidente Donald Trump chiese urgentemente, il 14 dicembre, di parlare col Presidente Putin; durante la conversazione Trump rimase “inorridito” nell’essere informato da Putin che Royal Navy e Armada de Chile ebbero una “disavventura” nell’Atlantico meridionale, vicino le Isole Falkland, affondando un sottomarino dell’Armada de la República Argentina e il cui insabbiamento portava il Servizio di Sicurezza Federale (FSB) ad arrestare per tradimento una spia della CIA, di cui Trump “supplicava/invocava” Putin di risparmiare la vita, ma Putin suggeriva a Trump (che non sembrava saperlo) che la Russia ha abolito la pena di morte. Secondo questo rapporto, il motivo dichiarato del presidente Trump per richiedere la conferenza telefonica di emergenza col Presidente Putin era dovuto a un articolo della CNN pubblicato ieri che sosteneva che due non identificati funzionari della difesa degli Stati Uniti avevano detto che il 13 dicembre 2 caccia stealth F-22 degli Stati Uniti avrebbero intercettato 2 aerei russi che avevano sorvolato l’Eufrate in Siria, volando ad est della “linea di disaccordo” che dovrebbe separare gli aerei russi da quelli della coalizione degli Stati Uniti che operano sulla Siria, e durante tale “incontro”, i caccia statunitensi avevano “sparato razzi di avvertimento”. Il Presidente Putin, rispondendo alle preoccupazioni del presidente Trump su ciò, affermava che nulla era accaduto nei cieli della Siria tra le forze aeree russe e statunitensi, il 13 dicembre, e che l’articolo della CNN, in realtà, era una “vigliaccata” (per ovvi motivi di propaganda) che rilanciava l’incidente nei cieli siriani riportato dal Ministero della Difesa il 9 dicembre, e che il suo portavoce Maggiore-Generale Igor Konashenkov descrisse: “Un caccia F-22 statunitense ha attivamente impedito a una coppia di aerei d’attacco russi Su-25 di svolgere una missione di combattimento per distruggere la roccaforte dello SIIL alla periferia della città di Mayadin, nello spazio aereo sulla riva occidentale dell’Eufrate, il 23 novembre. L’F-22 sparò alcuni bengala ed usò gli aerofreni nelle manovre imitando una battaglia aerea“. Il Presidente Putin inoltre dichiarava al presidente Trump che dopo l’apparizione di un caccia super-manovrabile multiruolo russo Su-35S, l’aereo da caccia F-22 interruppe le sue pericolose manovre e si affrettò a rientrare nello spazio aereo iracheno, col Generale Konashenkov che inoltre dichiarava: “Le dichiarazioni dei rappresentanti dell’esercito degli Stati Uniti secondo cui una parte dello spazio aereo siriano appartiene agli Stati Uniti sono sconcertanti, la Siria è uno Stato sovrano aderente alle Nazioni Unite, quindi gli Stati Uniti non possiedono alcuna parte del suo cielo“.
Essendo molto preoccupato dal fatto che il presidente Trump non fosse a conoscenza dei fatti alla base di tale articolo di propaganda della CNN, il Presidente Putin si allarmò durante la conferenza telefonica, quando Trump dimostrò di non sapere nulla della spia della CIA Aleksej Zhitnjuk, arrestato dall’FSB per tradimento il 30 novembre, dopo essere stato scoperto mentre tentava di accedere a documenti navali segreti relativi alla nave Jantar da 5320 tonnellate della Flotta del Nord russa. Il motivo per cui la CIA voleva informazioni sulla nave per impieghi speciali Jantar, sarebbe dovuto al fatto che è equipaggiata con un minisommergibile DSV classe Consul (Proekt 1681) e che il 22 novembre fu inviata dal MoD per trovare i resti del sottomarino della Marina argentina San Juan (S-42), scomparso il 15 novembre con 44 membri dell’equipaggio a bordo, nelle acque dell’Atlantico del Sud, vicino le Isole Falkland, e il cui ultimo “evento” registrato dalla Marina argentina era “un evento anomalo, singolare, breve, violento e non nucleare, coerente con un’esplosione“. Coi familiari dell’equipaggio del sottomarino San Juan che riferiscono che dalle ultime comunicazioni erano inseguiti da un elicottero della Royal Navy inglese e da una nave da guerra cilena, il MoD avrebbe confermato che Royal Navy e Armada de Chile condussero manovre antisom nelle acque delle Isole Falkland, col veicolo DSV della Jantar che scopriva poi che il sottomarino San Juan aveva subito danni coerenti con le armi usate da un aereo antisom C-295 della marina cilena. Dopo aver informato il Ministero della Difesa Nazionale (MND) del Cile sulla scoperta della Jantar sulla causa dell’affondamento del San Juan, la Marina cilena iniziò le indagini, portandola, il 13 dicembre, a licenziare 5 suoi alti ufficiali: contrammiraglio Kurt Hartung, contrammiraglio Jorge Rodríguez, contrammiraglio David Hardy, contrammiraglio Hernan Miller e contrammiraglio LT Mario Montejo. Il maggiore timore espresso al presidente Trump dal Presidente Putin sull’affondamento del San Juan, però, era che la CIA avesse segretamente collaborato con la Marina cilena fornendogli il sistema antimine sperimentale AQS-24B, che durante le prove avrebbe erroneamente identificato il sottomarino argentino come “bersaglio elettronico”, invece che vero battello con esseri umani a bordo.
Nelle note non classificate conclusive di questo rapporto che dettagliano la conversazione del Presidente Putin col presidente Trump, vari aderenti del Consiglio di sicurezza espressero “orrore/stupore” su quante informazioni siano nascoste a Trump dalle sue agenzie d’intelligence allineate allo “Stato profondo”, specialmente la CIA, ma Putin affermava che Trump riprenderà il pieno controllo, e dovrebbe essere relativamente facile dato che i sostenitori di Obama-Clinton anti-Trump appaiono deliranti, come evidenziato da “Il principale funzionario del controspionaggio dell’FBI, il disonorato FBI, Peter Strzok, esperto in comunicazioni sicure, che fa commenti rabbiosi al cellulare con l’amica dell’FBI Lisa Page, ora resi tutti pubblici”, e l’ancora più stupefacente moglie di Bruce Ohr, capo del dipartimento di Giustizia degli USA altrettanto disonorato, Nellie Ohr, che ottiene la licenza per gestire una radio ad onde corte pur essendo stata ingaggiata da Fusion GPS per creare il “dossier russo” contro Trump, credendo che la National Security Agency (NSA) non potrebbe monitorare le sue comunicazioni segrete con altri golpisti, mentre NSA (e anche la Russia), per decenni hanno registrato ogni trasmissione nel mondo al fine di scoprire le “stazioni numeriche” usate da agenzie d’intelligence di altre nazioni.

Ddisagio russo perché non autorizzano la Jantar a cercare l’ARA San Juan dove pensano si trovi
Juan José Salinas Pajaro Rojo 22/12/2017Dopo aver effettuato i calcoli necessari, la Marina Russa concluse che l’ARA San Juan affondò non molto lontano dall’area di ricerca assegnatagli, in particolare a 200 chilometri a sud-ovest. Di conseguenza, chiese che la nave oceanografica Jantar fosse autorizzata a cercarlo nella nuova posizione ma, sorprendentemente, ciò fu negato non dall’Armata, ma dal governo nazionale. Con lo Jantar a Puerto Nuevo, i diplomatici russi manifestavano malcontento al gruppo parlamentare di amicizia con la Federazione russa, il cui presidente, il deputato nazionale Carlos Gastón Roma (Cambiemos, Terra del Fuoco) prometteva provvedimenti per revocare tale rifiuto. Il governo russo vuole che la Jantar (nave con attrezzature per fotografare e filmare relitti affondati a più di mille metri di profondità, stabilendo se le cause del disastro siano endogene o esogene), riprenda la ricerca del sottomarino argentino durate un mese intero, ma non nella vasta area assegnatagli che considera impossibile trovarvisi il sottomarino. Il malcontento russo non è un problema minore dato che il presidente Mauricio Macri programma per il 23 gennaio una visita a Mosca per incontrare Vladimir Putin. Secondo i portavoce non ufficiali dell’ambasciata russa, oltre ad essere molto a nord-est del punto in cui è più probabile trovare l’ARA San Juan, divenuto sarcofago dei suoi sfortunati 44 membri d’equipaggio, l’area assegnata allo Jantar era artificialmente estesa, sospettando che lo fosse per far perdere tempo agli ufficiali, costringendoli a girare come un asino attaccato alla ruota a beneficio dei concorrenti statunitensi, i cui gruppi di ricerca raggiungono profondità inferiori. Il 20 dicembre, la Camera dei Deputati approvava la creazione di una “Commissione investigativa speciale su scomparsa, operazioni di ricerca e salvataggio del sottomarino ARA San Juan“, il cui obiettivo sarà “analisi, valutazione e chiarimento delle cause e circostanze del sinistro della nave, sviluppo delle azioni dello Stato argentino per la scoperta e attuazione della cooperazione internazionale su sua posizione e salvataggio“. Il progetto, presentato dal deputato Guillermo Carmona (FpV, Mendoza) col supporto di tutti i blocchi, prevede una commissione bicamerale formata da sei deputati e sei senatori, che va ancora approvata dal senato, ma l’alternativa è iniziare a lavorare in piena pausa estiva da commissione ad hoc della Camera dei Deputati, essendo chiari candidati all’integrazione, oltre a Carmona, la deputata correntina Araceli Ferreyra (Movimento Evita) e l’ex-ministro della Sicurezza di Buenos Aires ed ex-ambasciatore nella Repubblica orientale dell’Uruguay, Guillermo Montenegro (PRO, Cambio). Poiché teme che sospetti e denunce di aver nascosto informazioni si accumulino, il governo proverà con ogni mezzo a che la commissione sia presieduta da Montenegro, che oltre ad aver frequentato il Liceo Navale è figlio dell’ufficiale omonimo che fu sommergibilista.

Contrammiraglio Kurt Hartung

Traduzione di Alessandro Lattanzio

ARA San Juan, a luglio fu inseguito da un sottomarino inglese

Juan José Salinas Pajaro Rojo 13/12/2017Come dice la cronaca pubblicata da La Nación, la sospensione della consueta conferenza stampa della Marina, a cura del capitano Balbi, non fu tanto dovuta ad assenza di novità nella ricerca dell’ARA San Juan (Balbi ha dimostrato di dovere far fronte a queste difficoltà) ma al “quilombo” nella Marina da quando il ministro Aguad e il comandante, l’ammiraglio Srur, hanno deciso di scaricare le responsabilità sul contrammiraglio Luis Lopez Mazzeo, responsabile delle comunicazioni col sottomarino perduto dalla base di Puerto Belgrano, e sul contrammiraglio González, capo della base navale di Mar del Plata, che ha già chiesto di andare in pensione. Sulla Nacion appare un video dell’avvocato Luis Tagliapietra, padre di un giovane ufficiale del sottomarino perduto che, suggestivamente, termina bruscamente quando parla della missione segreta che l’ARA San Juan compiva. Ma prima, Tagliapietra dice che se qualcosa è chiaro è che la manutenzione di medio termine del battello lasciava molto a desiderare. Cioè, c’erano cose da fare negli ultimi due anni, di routine ma che non furono fatte.
Conclusione provvisoria: sembra che il governo sia deciso a scaricare le responsabilità sui due contrammiragli (il licenziamento di González ha motivato la richiesta di pensionamento di almeno quattro suoi stretti collaboratori, indicando che è un capo rispettato e ben voluto) e, come di solito accade, riguardo al precedente governo, accusato di aver pagato premi per la riparazione di metà vita, sottolineando che questo, anche se vero, nulla sembra avere a che fare col destino dell’ARA San Juan, dato che la forza lavoro argentina è altamente qualificata e l’intero processo è stato supervisionato e certificato sia dal produttore Thyssen, sia dalla Varta che produce le batterie, entrambe prestigiose aziende tedesche.
A Las Mañanas con Gustavo Sylvestre, su Radio 10, parlava Claudio Rodríguez, fratello di uno dei membri dell’equipaggio, intervistato da Chiche Gelblung.
Il fratello del macchinista Hernán Rodríguez rivelò a Sylvestre la pericolosa situazione che la nave argentina avrebbe vissuto nelle acque del Sud Atlantico e nota solo ai prossimi dell’equipaggio del sottomarino. Claudio Rodríguez, fratello di Hernán Rodríguez, macchinista del sottomarino ARA San Juan, rivelava a Radio 10 un possibile scontro che il battello avrebbe vissuto nelle acque del Sud Atlantico a luglio, quando fu molestato da un sottomarino nucleare inglese che lo costrinse a manovre evasive. “A luglio furono inseguiti da un sottomarino nucleare inglese, che avvicinandosi, dovettero silenziarsi e fermare i motori. Mio fratello mi aveva raccontato situazioni simili vissute negli anni precedenti“, affermava Rodriguez. Durante la conversazione con Gustavo Sylvestre, Rodríguez rese pubbliche le informazioni date ai familiari dell’equipaggio e forniva dettagli su alcuni problemi menzionati e indicava le condizioni inadeguate presenti sul battello. “Le cose iniziarono a saltare fuori dalle agende dei ragazzi, dove annotavano le carenze, cosa non andava, come rimasero senza luce una volta o come l’acqua filtrasse. Ora capisco perché mio fratello era preoccupato. Riteneva che 45 giorni di navigazione fossero troppi. Sapevano perfettamente che il battello non poteva reggere una missione di 45 giorni, ma i capi…”.
Secondo il fratello del macchinista, il sottomarino eseguì “esercitazioni militari e manovre belliche” insieme a un gruppo di corvette argentine, e solo al ritorno controllò dei pescherecci, come è stato ufficialmente detto. Inoltre, annunciava che uno dei membri dell’equipaggio non appariva nella lista, ed era membro del Servizio d’Intelligence Navale (SIN). Oggi un gruppo di parenti sarà alla Camera dei Deputati per sostenere la proposta del deputato Guillermo Carmona per creare una commissione d’inchiesta.Uno dei sommergibilisti notò che furono inseguiti da un elicottero inglese
Minuto Uno 13 dicembre 2017

Assicura Jesica Medina, sorella di un membro dell’equipaggio dell’ARA San Juan scomparso nel mare argentino. La donna dice che il sommergibilista le disse che c’era anche una nave cilena che l’inseguiva. La sorella di uno dei 44 membri dell’equipaggio del sottomarino ARA San Juan, scomparso dal 15 novembre nel mare argentino, rivelava di aver ricevuto un messaggio tramite WhatsApp dal sottomarino, secondo cui era inseguito da un elicottero inglese. “Il lunedì ci cercava un elicottero inglese e ieri i cileni. C’è molto movimento qui“, dice il messaggio che il sottufficiale, Roberto Daniel Medina inviò alla famiglia il 4 novembre. Quel giorno, Roberto aveva comunicato per l’ultima volta coi dieci fratelli per dirgli che era vicino le Falkland e che sarebbe tornato ai primi di dicembre. Nelle dichiarazioni a La Gaceta, Jesica Medina, la sorella descrisse il messaggio come “strano” ma al momento non gli diede importanza. “Era un messaggio strano che ci diceva che erano ricercati da un elicottero inglese e una nave cilena, ma sfortunatamente non continuammo la conversazione, rimase lì. Era l’ultimo messaggio“, aveva detto, aggiungendo: “Non so se si sono avvicinati alle Malvinas, non so quale sia la questione politica. Questo è ciò che ci ha detto ed è ciò che ci rimane“. La verità è che la donna non mostrò il messaggio alle autorità della Marina argentina poiché “non se ne sentiva in grado”, ma ora decideva di diffonderlo in modo che arrivasse nelle mani del giudice federale di Caleta Olivia, Marta Yanez.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Russia e America Latina: prospettive promettenti nella cooperazione militare

Alex Gorka, SCF 08.12.2017L’America Latina rappresentava solo il 4,6% delle vendite di armi russe all’estero nel 2000-2016, con Venezuela e Nicaragua maggiori acquirenti. La Russia fa passi da gigante per espandere la propria quota di vendite sul mercato delle armi latinoamericano. Le sanzioni imposte da Stati Uniti ed UE hanno sospinto i contatti economici della Russia con le altre economie mondiali. L’America Latina sembra presentare proprio questa opportunità. Mosca vanta una forte presenza diplomatica, specialmente in Paesi come Brasile, Venezuela, Colombia, Argentina, Messico, Cile e Cuba. Con 300 milioni di persone e un PIL complessivo di oltre 1 trilione di dollari, il MERCOSUR è l’enorme mercato comune dei Paesi sudamericani comprendente la maggior parte degli Stati del continente. Vladimir Putin ha incontrato il Presidente della Bolivia Evo Morales a margine del terzo vertice del Forum dei Paesi esportatori del gas (20-24 novembre). “C’è interesse nei settori dell’energia, dell’ingegneria e dell’alta tecnologia. Siamo pronti a collaborare anche nella cooperazione tecnologica militare”, affermava l’omologo boliviano. Il colosso russo dell’energia Gazprom opera in Bolivia, iniziando la produzione nel giacimento Incahuasi nel 2016 e prevedendo d’iniziare la perforazione nel blocco Azero per il 2018. Gazprom è interessato alla perforazione a La Ceiba, Vitiacua e Madidi. All’inizio di quest’anno, Rosneft avviò l’esplorazione petrolifera nella regione amazzonica del Brasile, dopo aver acquistato una partecipazione per la perforazione di pozzi nel bacino del Solimoes. La Bolivia è anche terreno fertile per le esportazioni di armi made in Russia. Il comandante dell’Aeronautica boliviana ha raccomandato che La Paz acquisisca l’aereo da attacco leggero russo Jakovlev Jak-130 Mitten per sostituire i Lockheed T-33 in servizio. L’Esercito boliviano ha un requisito per nuovi mezzi corazzati e veicoli da combattimento per i quali considera equipaggiamento russo. I due Paesi hanno firmato un accordo di cooperazione per la difesa ad agosto, primo passo della Russia per maggiori trasferimenti di armi in Bolivia. Questa è una parte di un quadro molto più ampio.
Il 6 dicembre, Nikolaj Patrushev, Segretario del Consiglio di Sicurezza russo, concluse il viaggio in America Latina che lo portò in Brasile e Argentina. La cooperazione bilaterale nel campo della sicurezza nazionale e tra forze dell’ordine e agenzie d’intelligence era in cima all’agenda. La delegazione russa includeva il capo del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare. C’era una buona ragione per cui vi facesse parte. Il continente rappresentava solo il 4,6% delle vendite di armi russe all’estero nel periodo 2000-2016, con Venezuela e Nicaragua maggiori acquirenti. La Russia fa passi da gigante per espandere la quota di vendite nel mercato delle armi latinoamericano. Quest’anno partecipava a quattro mostre per la difesa. “La Russia presta grande attenzione al rafforzamento delle posizioni sul mercato delle armi nei Paesi dell’America Latina“, ha detto Aleksandr Denisov, capo del Dipartimento attività di marketing dell’esportatore di armi russo Rosoboronexport alla fiera Expodefensa 2017 di Bogotà (Colombia), del 4-6 dicembre. Lo stand di Rosoboronexport presentava oltre 250 sistemi d’arma ed equipaggiamenti militari. L’aereo da combattimento Jak-130, i caccia multiruolo super-manovrabili Su-35 e Su-30MK, il caccia multiruolo di prima linea MiG-29M, gli elicotteri da combattimento Mi-28NE, Ka-52, Mi-35M e l’elicottero da trasporto pesante Mi-26T2, il sistema antiaereo Pantsir-S1 e il sistema di difesa aerea a lungo raggio Antej-2500 erano i sistemi d’arma più promettenti che la Russia offriva agli acquirenti dell’America Latina. I potenziali clienti latinoamericani sono tradizionalmente attratti dai sistemi di difesa aerea della Russia, in particolare dal sistema missilistico/d’artiglieria di difesa aerea Pantsir-S1, dai sistemi Tor-M2KM e Buk-M2E e dai portatili Igla-S. Gli elicotteri Mi-17, Mi-26T2 e Ansat sono al centro dell’attenzione pubblica. Le corvette Proekt 20382 Tigr, le motovedette Proekt 14310 Mirazh e i sottomarini diesel-elettrici Proekt 636 attirano l’attenzione degli ufficiali di vari Paesi del continente. Armi ed equipaggiamenti militari delle forze di terra russe, utilizzate anche dalle unità speciali anticrimine, antiterrorismo e antinarcotici sembrano molto richieste. Russia e Argentina sono in trattativa per l’acquisizione di caccia MiG-29. Il Brasile è interessato all’acquisto del sistema di difesa aerea missilistica e d’artiglieria Pantsir-S1 e altri SAM portatili Igla-S, già venduti al Paese. Colombia, Perù, Venezuela, Uruguay e Argentina hanno espresso interesse per caccia come il Sukhoj Su-30 attualmente operativo in Siria. Le consegne di armi russe alla Colombia hanno raggiunto i 500 milioni di dollari in oltre 20 anni. L’esercito colombiano ha oltre 20 elicotteri da trasporto Mi-17 russi.
Rosoboronexport, l’agenzia responsabile della vendita di armi all’estero attualmente partecipa ad alcune gare in Argentina, Brasile, Colombia, Messico e Perù sia per armamenti di terra che aerei. Mosca è pronta a creare impianti di produzione autorizzati per fabbricare armi e attrezzature militari di progettazione russa nei Paesi dell’America Latina. È anche pronta a partecipare alla progettazione congiunta e costruzione di navi per le flotte latinoamericane. A fine novembre, la Russia aderiva alle operazioni internazionali per salvare l’equipaggio del sottomarino argentino San Juan, schierando un dispositivo telecomandato marittimo. Un aeromobile russo Antonov inviò il Pantera Plus, un sommergibile senza equipaggio in grado di scansionare col sonar fino 1000 metri di profondità, effettuando le ricerche insieme alla nave da ricerca scientifica Jantar. Ordinata nel 2015, la Jantar può fungere da nave madre per i minisommergibili classe Konsul che raggiungono la profondità di 6000 metri e sono anche dotati di manipolatori e altri dispositivi per operazioni subacquee complesse. La nave stessa ha rilevatori avanzati per determinare la posizione precisa del sottomarino. Questo è un buon esempio di cooperazione militare con uno Stato latino-americano. Le attrezzature di ricerca e soccorso subacquee della Russia viste in Argentina possono interessare qualsiasi Paese dotato di sottomarini. Con l’America Latina non più cortile degli Stati Uniti, le prospettive di una cooperazione in tutti i settori, compreso quello militare, sono promettenti e c’è interesse da entrambe le parti a spronare il processo.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito