Putin crea la Guardia Nazionale Russa

Saker, 16 aprile 2016

18747_1000Il recente annuncio del Presidente Putin sulla creazione della Guardia nazionale russa ha innescato una raffica di speculazioni selvagge sulle ragioni di questo importante passo. Alcuni esperti lo vedono come passo per preparare la sanguinosa repressione delle insurrezioni, altri ipotizzano che Putin abbia bisogno di una nuova forza per affrontare proteste e rivolte, mentre altri hanno suggerito che la Guardia Nazionale diverrebbe “l’esercito di Putin”. In realtà, la questione è molto più semplice e molto più complicata. In primo luogo, diamo un’occhiata a forze e unità che saranno riunite nella Guardia nazionale:
Truppe del ministero dell’Interno (circa 170000 effettivi)
Personale del Ministero delle Situazioni di emergenza
Forze antisommossa della polizia OMON (circa 40000 effettivi)
Forze di reazione rapida (SOBR, circa 5000 effettivi)
Centro di Classificazione Speciale delle Forze di Reazione Operativa e Aviazione del Ministero degli Interni, tra cui le unità delle forze speciali Zubr, Rys‘ e Jastreb (circa 700 operativi)
Quindi si parla di una forza totale di circa 250000 effettivi che probabilmente raggiungeranno i 300000 nel prossimo futuro. Comunque, questa è una forza impressionante e potente che può affrontare tutte le possibili minacce interne. Inoltre, il Ministero degli Interni includerà il Servizio Federale della Migrazione (FMS) e il Servizio Federale Antidroga (FSKN). Questo consolidamento è importante perché lega praticamente tutte le forze di sicurezza interna della Federazione Russa, con l’eccezione dell’assai importante Servizio Federale di Sicurezza (FSB). Cosa ancora più impressionante è l’elenco dei compiti assegnati alla nuova Guardia Nazionale, che comprenderà:
Tutela dell’ordine pubblico e della sicurezza
Operazioni antiterrorismo
Operazioni contro i gruppi estremisti
Difesa territoriale della Federazione Russa
Protezione di importanti strutture e cariche speciali statali
Protezione su base contrattuale della proprietà dei cittadini e delle organizzazioni approvate dal governo russo
Assistenza alle truppe di confine del Servizio Federale di Sicurezza nel proteggere i confini di Stato della Federazione Russa;
Forze dell’ordine in materia di traffico di armi
Comando delle truppe della Guardia Nazionale della Federazione Russa
Protezione sociale e giuridica dei militari della Guardia Nazionale Russa.
E’ un elenco impressionante che conferma solo che l’intero spettro delle missioni di sicurezza interna sarà affidato alla Guardia Nazionale. Cosa ancora più sorprendente è il nome della persona che Vladimir Putin ha nominato nuovo comandante in capo della Guardia Nazionale: Generale Viktor Zolotov, un “puro” uomo della sicurezza a capo del Servizio di sicurezza del Presidente della Repubblica e considerato molto vicino a Vladimir Putin. Ciò significa, come alcuni hanno ipotizzato, che Putin teme per la propria sicurezza e che costruisce una guardia pretoriana personale? Quasi. Ma ciò infatti significa che Putin prende il controllo personale e diretto di ciò che considera i massimi compiti prioritari nell’affrontare le principali minacce alla sicurezza della Russia. Parliamo esattamente delle capacità di cui l’Unione europea ha bisogno e che manca totalmente:
Capacità chiudere le frontiere da un massiccio flusso di rifugiati
Capacità di filtrare un grande flusso di rifugiati
Capacità di affrontare grandi violenze e rivolte
Capacità di affrontare il terrorismo, anche su larga scala
Possibilità di centralizzare l’intelligence sulle minacce interne
Capacità d’imporre lo stato di emergenza su un’intera regione
Capacità di schiacciare qualsiasi insurrezione, anche sostenuta dall’estero
Capacità di cercare e distruggere gruppi estremisti e terroristici
Capacità d’interdire i flussi di armi e narcotici utilizzati per finanziare quanto sopra
e, soprattutto, capacità di fare tutto questo senza ricorrere alle Forze Armate regolari.
Ciò dimostra che i russi hanno tratto importanti lezioni su organizzazione e operazioni delle guerre in Cecenia e che si preparano a difendere la Russia dalle minacce provenienti da ovest (Ucraina) e da sud (SIIL) senza caricare questi compiti di sicurezza sulle Forze Armate fondamentalmente diverse dalle Forze di sicurezza o polizia interna. Naturalmente, sarà una fin troppo potente forza per affidarla a un uomo affidabile meno del 100%, ma il fatto che Putin abbia scelto l’uomo cui si fida completamente non significa che teme per se stesso, per le prossime elezioni o qualsiasi altra assurdità vomitata dai media aziendali. La popolarità di Putin è ancora alle stelle proteggendolo molto di più di qualsiasi forza o grande alleato. Inoltre, la protezione di Putin rimarrà compito di FSO ed FSB. Un tema che i documenti ufficiali non menzionano è la questione del supporto informativo alla nuova Guardia Nazionale. La soluzione più logica sarebbe creare un nuovo servizio d’intelligence per la Guardia Nazionale e la mia ipotesi è che è esattamente ciò che il Cremlino farà. Infine, alcuni esperti hanno suggerito che la nuova Guardia Nazionale potrebbe avere la funzione di mantenimento della pace internazionale. Sono d’accordo solo se si parla di operazioni di mantenimento della pace ai confini, come ad esempio nel Donbas o in Asia centrale. Le altre missioni di pace probabilmente rimarranno sotto il controllo delle forze armate (che hanno diverse unità specializzate dedicate a tali missioni). La creazione della guardia nazionale è un’idea eccellente che darà alla Russia i mezzi per difendersi contro le più probabili minacce al territorio e alla popolazione nel prossimo futuro.1423045167_447073_73Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le contromisure della Russia alla Guerra Ibrida

J.Hawk, Daniel Deiss, Edwin Watson, South Front, 9/4/2016

Viktor_ZolotovIl 5 aprile 2016 il Presidente Vladimir Putin firmava un decreto che istituisce una nuova formazione paramilitare, la Guardia Nazionale, con le truppe del Ministero degli Interni (MVD), e ordinava varie modifiche organizzative nel MVD e altre agenzie associate. Il primo comandante della Guardia Nazionale sarà il comandante delle Truppe interne Generale Viktor Vasilevic Zolotov, dalla lunga carriera nei servizi di intelligence e sicurezza, risalente agli anni ’80. La Guardia Nazionale includerà le truppe interne, e le unità speciali antiterrorismo e antisommossa SOBR e OMON, creando un’organizzazione di sicurezza interna paramilitare simile alla Gendarmerie Nationale. Ciò fornirà al comandante della Guardia Nazionale e, in ultima analisi, al Presidente un’organizzazione della sicurezza interna integrata capace di contrastare le violenze a seconda della minaccia, a partire dalle pesudo-pacifiche proteste di tipo Majdan alle insurrezioni.
Durante le guerre cecene, le truppe interne furono quasi indistinguibili dalle Forze Armate impiegando artiglieria e blindati. Mentre non vi è alcuna menzione del ruolo estero della Guardia nazionale, la sua missione potrebbe anche coinvolgere operazioni di mantenimento della pace per esempio nel Donbas, dove la sua presenza sarebbe meno controversa di quella dei militari. Invece di dipendere dal MVD, il comandante della Guardia Nazionale risponderà direttamente al Presidente, il che implica una base istituzionale pari a quella dei servizi della sicurezza e dei ministeri. La responsabilità della Guardia Nazionale includerà lotta a terrorismo e criminalità organizzata. Inoltre, l’MVD assorbirà numerose agenzie federali, come ad esempio il Servizio federale della Migrazione (FMS) e il Servizio Federale Anti-Droga (FSKN).
Questi ampi cambiamenti suggeriscono che la Russia prende sul serio la minaccia di SIIL e al-Nusra, e dei loro molti sponsor internazionali, di “pagarla” per aver sconfitto le forze islamiste in Siria. Anche se lo SIIL non può evitare una pesante sconfitta in Siria, molti suoi militanti, dirigenti e reti organizzative migreranno o saranno trasferiti dai loro sponsor internazionali in altri teatri della guerra ibrida globale, come la Libia, e laddove vi è una più preoccupante prospettiva d’impiego per destabilizzare l’Asia centrale e forse anche il Caucaso. L’attenzione combinata su traffico di droga, criminalità organizzata, migrazione e terrorismo non è casuale, perché, combinati, tali elementi sono vitali per la guerra ibrida eseguita dalle forze islamiste. Abbiamo visto questi fattori in azione, singolarmente e in combinazione, in Pakistan, Afghanistan e recentemente Europa occidentale, dove il flusso di migranti viene utilizzato per radicare gruppi della criminalità organizzata con legami mediorientali. Queste reti della criminalità organizzata possono servire da “veicolo” per i terroristi che utilizzino le solide reti del contrabbando per entrare in Europa e perpetrare atti di terrorismo. Ci si dovrebbe aspettare un modulo simile in Asia centrale, con la Russia quale l’obiettivo finale. Nonostante il discorso di Obama sull’economia della Russia da “fare a pezzi”, resta il fatto che il suo mercato del lavoro è ancora abbastanza grande da assorbire numerosi lavoratori migranti provenienti da Paesi confinanti. Molti provengono dall’Asia centrale, e vi sono significative reti di criminalità organizzata in Russia, con legami nel Caucaso e Asia centrale, impegnati nel narcotraffico e che potrebbero essere utilizzati per fini terroristici. Affinché tali tattiche siano efficacemente contrastate, un unico ente governativo che affronti in modo integrato tutte le componenti della guerra ibrida sarà molto più efficace di svariate agenzie che tentano di affrontare singoli aspetti del problema.
La nuova Guardia Nazionale sembra essere lo strumento volto a far fallire le dottrine della guerra ibrida quando applicate contro la Russia e i suoi alleati.KMO_141501_01023_1_t218_185155Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il “suicidio per negazione della realtà” dell’UE

Saker, 7 aprile 2016TamanskajaCiò che doveva accadere è accaduto. L’UE, essendo una catena di anelli deboli, infine ha ceduto e gli olandesi sono i primi a votare contro l’associazione con l’Ucraina. Naturalmente, gli euroburocrati troveranno qualche scusa per dichiarare il voto non valido, si può affermare che una legge è stata violata, si può anche negoziare qualche piccola modifica sull’accordo di associazione, o si potrebbe anche decidere semplicemente d’ignorare questa votazione. Ma niente di tutto ciò farà alcuna differenza: la verità innegabile è che gli ucraini non sono graditi nell’Unione europea, non come soci e tanto meno come membri. Quindi né UE, né NATO, né “futuro europeo” per l’Ucraina. Il pallone che alimentava le speranze ingenue e brutte di euromaidan è scoppiato e il piano euro-ucraino cade e brucia come l’Hindenburg. Tale disastro non doveva accadere, è del tutto artificiale. In un mondo più sano Unione europea, Russia e Ucraina avrebbero negoziato un accordo tripartito che avrebbe dato all’Ucraina il ruolo che geografia e storia gli hanno dato: essere il ponte tra Russia ed UE. Ma l’UE ha respinto categoricamente questa opzione più volte, semplicemente dichiarando che “l’Ucraina è uno Stato sovrano e la Russia non ha alcuna voce sulla questione ucraina“. Questo gioco a somma zero è stato imposto alla Russia, ma ora è l’Unione europea che vi perde tutto, anche se non è affatto una vittoria per la Russia. La triste realtà è che tutti perdono. Ora l’UE deve accettare la sconfitta totale della sua politica ucraina, e la Russia deve solo guardare morire lo Stato fallito al confine, mentre l’Ucraina semplicemente va a pezzi con una morte dolorosa. Gli euroburoucrati l’accetteranno? Probabilmente no. Faranno ciò che hanno sempre fatto, negheranno minimizzeranno e, peggio, faranno finta che non sia successo nulla. Diranno che il 60% del 30% di una piccola nazione europea non decide per l’intero continente. O dichiareranno che, invece della vecchia “associazione” l’UE offrirà all’Ucraina di meglio, un'”amicizia sincera” forse, o l'”amore eterno”, o anche una “fratellanza continentale”. Ma sarà tutto inutile, perché i cittadini europei sono chiaramente stanchi degli ukronazi, come anche i loro “amici” polacchi che valutano la costruzione di un muro per mantenere i loro “amici ucraini” lontani dalla Polonia; un sentito amore!

Prima conseguenza: costi finanziari
630_360_1453715758-2730-krym Ma è troppo tardi per gli europei. La vera cattiva notizia è che dovranno pagare la maggior parte dei costi della più o meno ricostruzione dell’Ucraina. La Russia semplicemente non può farlo. La sua economia è troppo piccola ed è già alle prese con il tentativo di ristabilire l’ordine in Crimea (che si rivela molto difficile, con la mafia locale che cerca di tornare ad agire quando operava sotto il controllo ucraino). Inoltre, la Russia dovrà badare al Donbas, com’è abbastanza evidente. Così la Russia è indaffarata. Gli Stati Uniti potrebbero pagare, ma non lo faranno. Anche se Hillary sarà eletta (nominata dallo ‘Stato profondo’ degli Stati Uniti’), l’enorme programma di salvataggio economico dell’Ucraina non passerebbe mai al Congresso, non quando gli Stati Uniti stessi hanno bisogno di un programma simile per ricostruire le proprie decrepite e trascurate infrastrutture ed economia. Ma soprattutto la Russia ha i mezzi per chiudere i confini. La nuova Guardia Nazionale russa assumerà le responsabilità di vari ministeri e agenzie, come il Servizio federale della migrazione. La Russia ha già un molto efficiente Corpo delle guardie di confine subordinato al Servizio di Sicurezza Federale (ex-KGB). Si stima che la Guardia di frontiera abbia attualmente 10 sedi regionali, 80 unità di confine, 950 avamposti e oltre 400 posti di blocco. Ogni giorno il servizio effettua 11000 pattuglie. In totale, il compito di protezione delle frontiere della Federazione russa è svolto da circa 200000 guardie di frontiera. Questo corpo ha propria aviazione, marina costiera, UAV, intelligence, unità blindate e persino Spetsnaz. La realtà è che la Guardia di frontiera russa è più potente della maggior parte degli eserciti europei. E ora avrà il pieno sostegno della Guardia Nazionale. Non ci si sbagli, la Russia può, e se necessario, bloccherà e proteggerà i propri confini. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, hanno la migliore protezione delle frontiere del pianeta: gli oceani Atlantico e Pacifico. Così, quando l’Ucraina diverrà un buco nero (il processo è a buon punto) gli unici che non potranno proteggersi, ma che possono spendere per risolvere tale pasticcio, saranno gli europei. Sì, certo, Stati Uniti e Russia aiuteranno, lo faranno per motivi diversi. Ma la maggior parte dei costi ricadrà direttamente sul contribuente europeo. Questo è il prezzo che l’UE dovrà pagare, prima o poi, per la propria arroganza ed incompetenza.

Seconda conseguenza: la sicurezza
3IRVM Ci sarà anche un altro prezzo da pagare, questa volta il costo della sicurezza. La NATO minaccia guerra al confine con la Russia, infine svegliando l'”orso russo”. Non solo la Russia ora schiera i formidabili missili Iskander a Kaliningrad, ma ha raddoppiato le dimensioni delle già formidabili forze aviotrasportate. Ecco cosa scrissi nel dicembre 2014: “I russi non hanno paura della minaccia militare rappresentata dalla NATO. La loro reazione alle ultime mosse della NATO (nuove basi ed effettivi in Europa centrale, altri stanziamenti, ecc.) viene denunciata come provocatoria, ma i funzionari russi insistono sul fatto che la Russia può gestire tale minaccia militare. Come un deputato russo ha detto, “5 gruppi di reazione rapida sono un problema che possiamo risolvere con un missile”. Una formula semplice ma fondamentalmente corretta. Come ho già detto, la decisione di raddoppiare le dimensioni delle forze aviotrasportate russe e di aggiornare l’elitario 45.mo Reggimento Aeroportato Speciale a Brigata era già stata presa comunque. Si potrebbe dire che la Russia ha anticipato la creazione della forza NATO di 10000 uomini portando le proprie forze aeroportate da 36000 a 72000 effettivi. E’ tipico di Putin, mentre la NATO annuncia con fanfare e fuochi d’artificio che la NATO creerà una speciale forza “punta di diamante” di reazione rapida di 10000 uomini, Putin raddoppia rapidamente le dimensioni delle Forze aviotrasportate russe a 72000 effettivi. E, mi si creda, i veterani delle forze aviotrasportate russe sono una forza di combattimento molto più efficiente dell’edonistica e demotivata multi-nazionale (28 Paesi) Euroforza di 5000 elementi che la NATO si arrabatta a mettere insieme. I comandanti degli USA lo sanno bene“. Ma la Russia non ha fatto solo questo. Putin ha ordinato la ricreazione della minaccia corazzata russa della fine della Guerra Fredda: la Prima Armata Corazzata della Guardia formata da 2 divisioni corazzate (le migliori russe, la 2.da Divisione Fucilieri motorizzati della Guardia Tamanskaja e la 4.ta Divisione corazzata della Guardia Kantemirovskaja), con oltre 500 carri armati T-14 Armata. Quest’Armata corazzata sarà supportata dalla 20.ma Armata Combinata della Guardia. Non ci si sbagli, è una forza enorme e potente il cui scopo è molto simile alle famose Armate d’assalto sovietiche della Seconda guerra mondiale e della Guerra fredda: “spezzare le più ostiche linee difensive penetrando tatticamente con ampiezza e profondità sufficiente a consentire l’impiego di formazioni mobili per sfruttare lo sfondamento“.

Brava Europa, ti sei tracciata una croce gigantesca sulla fronte!
9E6VzbTPochissimo di tutto ciò viene riportato dai media occidentali, naturalmente, e così il pubblico in generale non sa che mentre la NATO e i politici occidentali fingevano di fare i duri cercando di spaventare la Russia, i russi hanno deciso di prendere sul serio tali minacce adottando passi pratici. Per qualcuno come me che ha vissuto la Guerra fredda e seguiva le forze sovietiche in Germania orientale, è doloroso e nauseante vedere come l’occidente abbia letteralmente costretto la Russia alla nuova guerra fredda, né voluta né necessaria. Naturalmente, sono assolutamente sicuro che non vi sia alcuna “minaccia russa” in Oriente, e l’unico modo per avere tale potenza militare è attaccare per primi, ma la triste realtà è che i Paesi UE/NATO sono ora direttamente nel mirino delle Forze russe. Aggravando il tutto vi è ora la forte possibilità che Hillary e la sua banda di neocon occupi presto la Casa Bianca. Dio solo sa di cosa costoro siano capaci. Hillary, i cui unici “successi” nella vita sembrano avere spinto Bill a bombardare i serbi e aver infognato la Libia, dovrà dimostrare che lei vale più di un uomo come Putin. Cercherà di spaventare e fare la prepotente per sottometterlo, ma il popolo russo, che non dimentica, vede l’occidente come una degenerata ed arrogante società, con Conchita Wurst come polena, semplicemente incapace di combattere un vero scontro, scegliendo solo i deboli. Non è la paura che i neocon ispirano ai russi, ma il disgusto. Al massimo, possono suscitare preoccupazione per l’arroganza apparentemente infinita e un’autolesionistica mancanza di lungimiranza. Come ho già scritto molte volte, i russi temono la guerra, non c’è che dire, ma a differenza degli anglosionisti, ne sono comunque pronti. Gli europei ora lentamente arrivano a capire che affrontano una lunga e molto dolorosa guerra contro il terrorismo wahabita. Gli attentati di Parigi e Bruxelles sono solo l’avvio di una guerra che durerà molti anni. Ci sono voluti più di dieci anni alla Russia per schiacciare definitivamente i terroristi wahhabiti nel Caucaso, e con un uomo come Vladimir Putin alla guida del Paese. Si guardino François Hollande e Angela Merkel e si capirà nel profondo come tali tristi pagliacci non combineranno nulla. Basta paragonare la reazione di Vladimir Putin all’abbattimento dell’aereo della compagnia aerea russa nel Sinai coi singhiozzi di Federica Mogherini dopo gli attentati a Bruxelles. Ora immaginatevi a capo dei terroristi wahabiti, e aggiungerei sessisti da una vita, e guardate la foto sotto. Influenzerebbe la scelta degli obiettivi? Ovvio. Lo stesso vale confrontando le operazioni USA/NATO in Siria con il risultato in poco meno di sei mesi delle Forze Aerospaziali russe. Gli Stati, proprio come le persone, hanno un proprio “linguaggio del corpo” e mentre il linguaggio del corpo della Russia dimostra un potere fiducioso e formidabile, il linguaggio del corpo dell’UE e, in misura minore degli Stati Uniti, mostra debolezza, arroganza e incompetenza, spesso confinante con il suicidio (come la politica di Merkel sull’immigrazione).

La linea di fondo
La linea di fondo di tale pasticcio è questa: ciò che Stati Uniti ed Unione europea hanno fatto in Ucraina (e altrove) è incredibilmente stupido. Ma gli Stati Uniti possono permettersi tali errori, mentre l’UE chiaramente no. Quanto alla Russia, sì sicuramente è ferita da tali politiche, ma il dolore è volto dal Cremlino a rafforzare la Russia su molti livelli, politici, militari e anche economici, anche se qui i progressi sono stati minimi e la 5.ta colonna è ancora molto forte, anche se sono fiducioso su una purga tanto necessaria. Ciò che l’Unione europea ha fatto è essenzialmente una “suicida negazione della realtà”. Ciò che seguirà dovrebbe essere un cambio di regime, non di un solo Paese, ma dell’intero continente. Credo che tale cambio di regime sia inevitabile, ma la grande domanda è per quanto durerà tale lenta e dolorosa agonia dell’UE? Ahimè, potrebbe richiedere molti anni, credo. I capi dell’UE non chiederanno elegantemente scusa dimettendosi, è una classe di soli parassiti che vive nelle strutture dell’UE e che disperatamente resiste a eventuali riforme significative, senza badare a un cambio di regime, perché sempre metteranno i loro gretti interessi da classe compradora al di sopra dei popoli o dell’ovvietà. I cittadini dell’Unione scopriranno che non hanno modo d’imporre un cambio politico con la scheda elettorale, che vivono in una finta democrazia e che tutto ciò che gli è stato promesso è solo una vuota e brutta menzogna. L’Ucraina non è diventata Europa, ma l’Europa è diventata Ucraina.
Benvenuta nel mondo reale, UE!Russia-President-V_3486920bTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Occhio agli “analisti”: come valutare le operazioni russe in Siria

Valentin Domogadskij, PolitRussia, 16 novembre 2015 – Fort Russ676731“Sulla ‘lentezza’ delle operazioni in Siria”
Già alla quinta settimana, gli aerei russi hanno metodicamente e in maniera abbastanza efficace spazzato gli islamisti dalla faccia della Siria, aiutando attivamente le forze governative siriane ad avviare un’offensiva su larga scala il 6 ottobre. Nonostante queste operazioni politiche e militari siano ampiamente, quasi comodamente, presentate oggi, la blogosfera è piena di delusione e tristezza. Più di un mese fa, decine di analisti competenti ed esperti sulla crisi ucraina, scoprendosi analisti negli affari militari, nelle strutture organizzative del terrorismo moderno e del mosaico etnico-religiosi del Medio Oriente, sottolineavano di non vedere successi nelle operazioni offensive dell’Esercito siriano sostenute dall’Aeronautica russa. Aleppo apparentemente non è stata presa, Palmyra non è stata presa, e Idlib non è stata presa. Da ciò concludevano che i nostri bombardamenti non avevano alcun effetto e che l’Esercito arabo siriano non sapesse combattere. Tuttavia, tale ragionamento non è recente.

Come hanno “mollato” il Donbas
Osservammo un fenomeno simile durante il conflitto nel sud-est dell’Ucraina. Molti prestarono attenzione a coloro divenuti improvvisamente noti capi del “movimento antifascista”. Figli fedeli della Patria ieri, schioccando le dita cambiarono indirizzo unendosi a coloro che dicevano che “Putin li ha mollati”. Molti presumono che costoro fossero sponsorizzati. Tuttavia, questo “salto dei patrioti” ha una spiegazione molto più semplice. I top blogger e attivisti che al momento furono costretti a lasciare l’Ucraina, consideravano l’inizio della rivolta in Donbas come il loro biglietto per la grande politica. Supponendo che il Cremlino avesse bisogno di gente fedele e popolare sul campo per realizzare la presunta idea della “Novorossija da Kharkov a Odessa”, i top blogger iniziarono a darsi un’immagine. E in politica, è noto, la cosa principale è farsi bello e non scomparire dai notiziari. Vedendo la necessità di aumentare peso politico, “gli attivisti antifascisti” furono costretti a prendersi cura della propria immagine. Così cominciarono maratone di analisi interminabili sui social media, ad apparire su show politici popolari, su trasmissioni in diretta via Skype, a partecipare a numerosi convegni e presentazioni nei rispettivi club. L’uomo d’affari più intelligente organizzò consegne umanitarie, all’epoca lo strumento più efficace per entrare nell’élite manageriale locale. Dopo tutto, chi “nutre” poi “dirige lo spettacolo”. Così, il sorprendente attivismo di numerosi blogger e attivisti antifascisti non va spiegato con la filantropia (anche se c’era), ma da banale interesse personale. Costoro semplicemente desideravano entrare nella politica ucraina con le baionette delle Forze Armate della Federazione russa o delle Forze Armate della Novorossija. Si ritagliarono dei feudi succosi per se stessi, coltivando una buona immagine, buoni rapporti con l’élite locale e alimentando gente. Tuttavia, i sogni bagnati dei “rifugiati ucraini” non si avverarono mentre la leadership politico-militare russa aveva una propria visione del futuro dell’Ucraina. E questo futuro non era risolvere il conflitto con carri armati che sfilasero fino al confine moldavo. Ciò istantaneamente azzerò tutti i piani ambiziosi di queste persone per ritornare nella grande politica ucraina. Il risentimento verso il Cremlino che aveva “abbandonato tutto” e “preso a calci” respingendo il Donbas, apparve proprio allora. Molti semplicemente si consideravano i futuri assistenti dei sindaci di Odessa o Dnepropetrovsk. Altri videro nel loro futuro, come minimo, la nomina a feldmarescialli bianchi della Novorossija. Tuttavia, niente di tutto ciò è avvenuto. Ma tale insignificante categoria di disfattisti c’interessa solo nel contesto della prostituzione politica. La natura dell’origine del basso morale nella società è molto diversa nel caso dei patrioti adeguatisi nella parte di chi si vedeva nel campo dei “futuri funzionari della Novorossija”. La categoria di coloro che affermano “ci hanno piantato in asso” è costituita principalmente da osservatori e analisti politico-militari che, per la natura stessa della loro professione, sono obbligati a fare previsioni. E questi esperti, come molti altri, hanno una certa caratteristica. Ricorrono alla pratica banale della “traduzione” del punto di vista delle autorità ufficiali politico-militari, avanzando le proprie personali visioni dei problemi come verità…
Così, nel tempo apparve l’idea dell’assalto inevitabile a Marjupol, Perekop, Kiev e Lvov da parte delle milizie. Tali autori dichiararono categoricamente che le FAN avevano tutte le risorse e la forza necessarie, che tali piani erano già sui tavoli dei rappresentanti della leadership politico-militare e che tutto ciò poteva iniziare da un giorno all’altro. Ma poi il Cremlino intervenne e costrinse le repubbliche agli “accordi traditori di Minsk”. In questo caso si tratta di un grazioso sofisma. L’autore, privo di qualsiasi dote letteraria, avanza materiali analitici basati esclusivamente su una comprensione personale di problemi, condizioni e politica dell’alta dirigenza. In parole povere, questi analisti si agitano come traduttori ufficiali di Mosca, mettendo il loro timbro come se fossero il Cremlino. In poche parole, quest’armata di analisti e blogger, dopo il referendum in Crimea e la comparsa di Strelkov a Slavjansk, si convinse che Mosca volesse riprendersi tutta l’Ucraina con l’ausilio di strumenti coercitivi. Cioè, domani ci prenderemo Kharkov e dopodomani Odessa, e dopo una settimana Kiev. Ma a un certo punto, la fragile immagine del mondo di questi analisti s’infranse contro la dura realtà in cui non vi era alcun intervento militare diretto delle Forze Armate della Federazione Russa nella crisi ucraina. Cosa fare con le migliaia di analisi e previsioni pubblicate co n l’etichetta “Mondo russo” e “Novorossija da Kharkov a Odessa”, era completamente ignoto. Autori decenti o modesti hanno ignorato la nuova configurazione politica e riconosciuto di essersi esaltati. Il resto ha perseverato. Presumibilmente, l’analista ha ragione, la convinzione è immutata, ma il problema è la leadership politico-militare del Cremlino che non capisce quello che fa (“un passo avanti, due indietro”) o è semplicemente spaventato. Cioè, questi autori agivano per conto del Cremlino, senza alcuna idea di ciò che accadeva al Cremlino. E oggi oppongono alla leadership politico-militare della Russia le proprie idee dello scorso anno._85957922_syria_us_russian_airstrikes_624Come “abbandonano” la Siria
Qualcosa di analogo accade oggi. Ai primi di ottobre, dopo i primi bombardamenti delle forze aeree russe, quest’armata di analisti “ucraini” ha cominciato a indossare i berretti dei combattenti siriani. Presumibilmente, dopo un mese o due le forze governative avrebbero guadato l’Eufrate. La forza aerea russa è intervenuta comunque. L’insaziabile desiderio di battere il nemico senza una lotta seria e senza prenderlo sul serio costituisce la radice della “frustrazione” attuale per la situazione in Siria. Come nel caso del conflitto in Donbas, gli analisti bollano come se fossero al Cremlino e avanzano le proprie opinioni personali sulla prossima offensiva delle forze governative sostenute dagli aerei russi, come se fossero i piani del nostro (o siriano) Stato Maggiore generale. Abbiamo tracciato il processo di “evoluzione analitica” di un certo numero di esperti popolari, notando un modello interessante: ai primi di ottobre, gli osservatori si precipitarono a dare le loro previsioni sulle prospettive dell’operazione, personalizzando informazioni e rapporti dal fronte, ma ignorando le notizie. Così, all’inizio della terza settimana delle operazioni di terra governative, il divario tra ciò che accade in Siria e le analisi divenne evidente, e gli autori incolparono delle discrepanze Ministero della Difesa ed Esercito arabo siriano. Proprio come nel caso del Donbas, le previsioni dei blogger non si realizzarono non a causa della totale incompetenza dei preveggenti, ma a causa degli “errori di calcolo” della leadership militare-politica russa. È un classico. Tuttavia, la fonte principale degli umori disfattisti e decadenti non è chi non tratta seriamente la situazione, ma analisti abbastanza competenti e rispettati. Sono specializzati, di regola, sulla crisi ucraina, cabala russo-americana e tematiche europee. Tuttavia, la decisione della nostra leadership politico-militare ha modificato l’agenda delle informazioni, e in relazione a questo, costoro si sono rivolti al conflitto siriano. E la rapida lettura delle loro analisi sugli eventi in Siria gli dà una “scorciatoia” nel raccontare il conflitto. Purtroppo, tutta questa “bella scrittura”… sembra abbastanza convincente, soprattutto per coloro che hanno iniziato a seguire il conflitto siriano dal 30 settembre di quest’anno.

“Non leggere i giornali sovietici prima di pranzo”
Se ci estraessimo da tale orgia letteraria sul conflitto siriano, l’avanzata delle forze governative con l’appoggio degli aerei russi va sicuramente definita un successo. In un mese, più di 120 aree residenziali, dieci delle quali nodi di comunicazioni strategicamente importanti, sono state liberate. Circa 60 capi ed emiri sono stati liquidati. La direzione degli islamisti a Idlib, Hama e Homs è stata parzialmente disorganizzata, e più di 300 strutture di comando sono state distrutte. Hanno anche problemi con i rifornimento ai combattenti. Circa 200 officine e fabbriche per la produzione di munizioni sono state distrutte. In particolare, ciò è dimostrato dal rapido declino dei lanci di missili anticarro… Tra l’altro, il processo della soluzione politica del conflitto ha recentemente raggiunto un nuovo livello: i partiti hanno già scambiato le liste di terroristi e “moderati”, riconoscendo la necessità di mantenere lo Stato laico e deciso che Assad non debba necessariamente andarsene… Sulla “lentezza” dei progressi delle forze governative, concentriamoci su due operazioni militari che hanno alcune somiglianze con l’attuale offensiva dell’EAS.
La prima operazione è stata l’assalto alla città irachena di Falluja da parte delle forze della coalizione statunitense nel novembre 2004. Il contingente d’occupazione di 14000 combattenti si oppose a quasi 3000 islamisti. Prima dell’assalto, alcuni isolati della città furono bombardati dagli aerei della coalizione. L’operazione a terra durò tre settimane. Cioè, l’esercito professionale statunitense, quattro volte la forza degli islamisti… impiegò tre settimane per affrontare 3000 combattenti. L’esercito siriano ha avuto una dozzina di Falluja con militanti in prima linea. Tuttavia, il livello di prontezza al combattimento delle forze governative non è paragonabile all’esercito statunitense del 2004. E, ancora una volta, la forza aerea russa non ha la possibilità di radere al suolo sistematicamente città secondo il principio “niente casa, niente problemi”. I ribelli in Siria oggi, in confronto alle forze che resistettero agli statunitensi nei primi anni dell’occupazione dell’Iraq, sono guerrieri senza paura o vergogna. L’Esercito arabo siriano è da tempo in lotta contro gruppi cui numerosi Stati regionali probabilmente non saprebbero resistere. Inoltre, le forze governative non hanno la superiorità numerica.
Il secondo esempio è di una scala diversa, ma valutando le prospettive del conflitto siriano, è nostra opinione che vada analizzato. È l’esperienza della seconda guerra cecena. La grande operazione militare delle Forze Armate russe iniziò nell’agosto 1999 e terminò dopo quasi un anno, nell’estate del 2000. Infine, il problema fu risolto nel 2009, quando l’operazione antiterrorismo fu chiusa. Se cerchiamo d’indovinare i tempi dell’operazione, allora dovremmo concentrarci sull’esempio della campagna cecena. Tuttavia, ci sono diverse avvertenze. L’Esercito siriano, purtroppo, non è all’altezza degli standard delle nostre forze armate, anche degli anni ’90. La scala delle operazioni è incomparabile. Basta dare un’occhiata alla mappa e calcolare quanti soldi gli sponsor del terrorismo diano ai militanti oggi. Eppure, nonostante una serie di incongruenze, valutare le prospettive dell’Esercito siriano è opportuno sulla base dell’esempio ceceno. Possiamo supporre che l’esperienza delle due guerre cecene sarà la base della pianificazione delle operazioni militari e del processo per la risoluzione del conflitto politico. Si può scommettere che gli specialisti russi sono già alla ricerca del loro “Akhmad Kadyrov siriano”.SAVX8669-1Nota da J. Arnoldski: Questo articolo potrebbe a prima vista sembrare fonte di confusione, irrilevante o troppo astratto per i lettori occidentali, quindi una breve spiegazione e impostazione del contesto sono necessarie. Domogadskij ha due obiettivi in questo pezzo: 1) avvertire i lettori del pericolo dei “patriottardi” e “analisti da spettacolo” che dal culmine della Primavera russa affermano che “il Cremlino ha abbandonato la Novorossija”, iniziando a dire lo stesso della Siria; e 2) affermare che le operazioni in Siria difatti sarebbero un successo finora. Sul primo punto, Domogadskij tenta di spiegare il fenomeno dei cosiddetti “analisti” che, al culmine della rivolta e guerra civile del Donbas, si sono posti come fronte politico del Cremlino. Quando le loro “previsioni” avventurose ed ambiziose sulla svolta degli eventi in Ucraina si sono rivelate infondate o ridicole, hanno ben presto accusato il Cremlino d’incoerenza, quando in realtà le proprie illusioni confondevano la situazione. Domogadskij afferma che la “delusione” per le decisioni della leadership russa in questo aspro conflitto geopolitico non è nemmeno colpa di questi “analisti” avventurosi che seguono propri interessi o illusioni, ma in realtà degli analisti competenti ma incapaci di una prospettiva a lungo termine, prima di dichiarare che la mancata attuazione delle previsioni sarebbe opera dell'”infido Cremlino”, dove tali “errori” vengono usati dal primo gruppo per sbandierare lo slogan “il Cremlino abbandona tutti”. È una controversia cruciale nell’ambito della guerra dell’informazione. Sul secondo punto, Domogadskij sostiene che le operazioni congiunte russo-siriane sono un enorme successo se messe nel giusto contesto. I “patrioti” di cui sopra, sbagliano a pensare che qualsiasi operazione militare russa sarà rapida, spietata e compiuta con un colpo di forza bruta. Invece, Domogadskij propone che l’approccio strategico, a lungo termine e prudente della leadership russa va preso come misura. Inoltre, la sintesi di Domogadskij sul confronto tra Siria e Cecenia, e l’affermazione che la Russia cerca una “soluzione cecena” alla Siria, è del tutto nuova e originale. Mentre questi punti che appaiono evidenti o ovvi per alcuni, sono importanti controversie per i protagonisti della guerra dell’informazione, e il lavoro di Domogadskij è una confutazione e una proposta a coloro che cercano di combattere la propaganda occidentale e di lavorare su coerenti analisi realistiche degli sviluppi geopolitici e delle azioni della leadership russa entro il limitato margine di manovra di una guerra su più fronti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le battaglie della missione cubana in Angola

Alessandro Lattanzio
Fonte: Soviet EmpiremilitarizationLa campagna internazionalista di Cuba in Angola viene spesso raffigurata in certi siti internet e articoli solo dal punto di vista del governo dell’apartheid del Sud Africa e dai suoi militari delle SADF, glorificando l’esercito di uno dei regimi più brutali del XX secolo e infangando la memoria storica dei combattenti internazionalisti che lottarono per abbattere il regime razzista. Tali elementi cercheranno sempre di farlo nelle loro opere, per la disperata frustrazione della fine dei privilegi della minoranza conservatrice bianca. Indipendentemente da tali tentativi vacui, il crollo definitivo del regime razzista ha sepolto tali nostalgismi, mentre la Rivoluzione cubana va avanti e i Paesi africani cercano la loro via al progresso.AngolaMapaBattaglia di Norton de Matros, 5 ottobre 1975
Vittoria temporanea tattica e strategica dei contro-rivoluzionari. Huambo cadde nelle mani dell’UNITA, ma fu liberata nel 1976. Le forze angolane cercarono di bloccare la città con 3 colonne; l’UNITA aveva “una colonna” e 3 blindati con numerosi consiglieri sudafricani. Si sostenne che il capo dell’UNITA Jonas Savimbi avesse partecipato alla battaglia.
In un primo momento le forze angolane sconfissero i banditi dell’UNITA, distruggendo 1 carro armato. Gli inesperti banditi si dispersero in preda al panico, e solo con molta fatica i consiglieri sudafricani riuscirono a radunarli e infine respingere le forze angolane, che avrebbero perso 100 uomini; sconosciute le perdite dell’UNITA. Il successo dell’UNITA fu temporaneo, l’anno successivo angolani e cubani liberarono Huambo nonostante l’attività controrivoluzionaria nella zona continuasse fino al 1992. L’area sarà una roccaforte dell’UNITA fino al 1995, dove il capo dell’UNITA, Jonas Savimbi, dirigeva le sue forze: considerando lo scarso rendimento del comando dell’UNITA, altra dimostrazione dell’incapacità di Savimbi, la battaglia fu una vittoria dell’UNITA solo grazie ai consiglieri sudafricani.Soldati_cubani_angola_AFP_zps018b45baBattaglia di Quifangondo, 10 novembre 1975
Vittoria strategica, tattica e morale decisiva. Luanda fu salvata, il FNLA fu distrutto, gli invasori sudafricani costretti a ritirarsi. Quando la Repubblica popolare era in pericolo, la battaglia cambiò le sorti della guerra. Una coalizione di 2000 controrivoluzionari del FNLA di Holden Roberto, 1200 soldati zairesi di Mamina Lama, 120 mercenari portoghesi di Santos e Castro e 52 sudafricani di Ben Roos affrontarono 850 angolani e 88 cubani (e non 188 come riportato spesso) e un solo ufficiale sovietico, sotto il comando del generale angolano Ndozi e del cubano Raul Diaz Arguelles.
Le Forze cubane tesero un’imboscata al nemico utilizzando 6 lanciarazzi BM-21, un’arma inaspettata, e il nemico non arrivò nemmeno vicino le posizioni dei cubano-angolani. Fu un massacro, quasi tutti i soldati dell’FNLA furono eliminati da razzi, tiri di mortaio e di armi leggere, i soldati razzisti bianchi li usarono come carne da cannone e solo 5 mercenari portoghesi furono eliminati. 6 jeep e 20 blindati Panhard furono distrutti o abbandonati. I 3 cannoni sudafricani da 140mm non spararono, mentre uno dei 2 cannoni ex-nordcoreani da 130mm dei zairesi esplose alla prima salva uccidendo i soldati addetti; non era stato pulito e riparato. Solo 2 cubani furono feriti e gli angolani ebbero 2 feriti e 1 morto, ucciso mentre era allo scoperto. Anche l’unico sovietico presente su ferito nell’operazione.
Questa importante vittoria, soprannominata dal nemico ‘Strada della Morte’, pose fine alla possibilità del nemico di distruggere i movimenti socialisti africani, e fu probabilmente la battaglia con il maggiore scarto tra vittime, un morto contro 2000 del gruppo controrivoluzionario FNLA noto per i sanguinosi massacri etnici contro la popolazione civile (anche con episodi di cannibalismo).

800px-Battle_of_quifangondoBattaglia di Cabinda, 8-13 novembre 1975
bmVittoria decisiva tattica e strategica. Cabinda fu salvata e lo Zaire capì che una guerra diretta contro l’Angola sarebbe stata assai costosa.
Una forza di 3000 banditi del FLEC, 1000 soldati zairesi e almeno 120 mercenari occidentali (statunitensi, francesi e portoghesi), sotto il comando del capo del FLEC Henrique Tiago e di un anonimo mercenario statunitense (eliminato in azione), contro 1231 combattenti angolani e cubani, sotto il comando del cubano Ramon Espinosa Martin. Nonostante un primo assalto del nemico costringesse gli angolani a ritirarsi, altri due attacchi furono respinti, e gli angolani si ritirarono a Cabinda mentre il nemico finì sui campi minati cubani e sotto il tiro delle mitragliere ZPU-14. Il nemico tentò un assalto diretto alla città, ma subì pesanti perdite e fu costretto a ritirarsi. Almeno 1600 nemici (solo contando le perdite del FLEC) furono eliminati nell’assalto, mentre gli angolani ebbero 30 morti e 50 feriti. La vittoria fu molto importante, perché l’enclave di Cabinda fu salvata dai controrivoluzionari e dai mercenari occidentali, e il governo dello Zaire decise di non rischiare altre azioni aperte contro l’Angola.

Battaglia di Ebo, 23 novembre 1975
Vittoria tattica e morale cubana.
Una squadra di 70 soldati cubani tese un’imboscata da un gruppo armato nemico, usando un lanciarazzi BM-21, mortai, RPG-7 e un cannone da 76mm. I sudafricani e i controrivoluzionari dell’UNITA subirono perdite enormi grazie al terreno difficile, 6 blindati sudafricani Eland furono distrutti e 1 catturato intatto. Il nemico subì 90 caduti. Anche un aereo da ricognizione Bosbok venne abbattuto, con la morte dei 2 piloti sudafricani. Durante la battaglia solo 1 soldato cubano cadde (Juan Tamayo Castro) e altri 5 furono feriti. Il nemico non seppe che fu attaccato da pochi soldati cubani (parlarono di “1300 nemici”). La battaglia fu indicata dal nemico come “dominata dai neri”, pensando ci fossero gli angolani, ma un gran numero di volontari cubani erano di colore.ANGOLA SOLDADOS DO MPLA NO KUITO FOTO FERNANDO RICARDOBattaglia del fiume Niha, 11-12 dicembre 1975
Vittoria tattica e morale del Sud Africa, strategicamente inutile.
Quando la vittoria era ormai assicurata, il nemico cercò la vendetta. Un gruppo di 300 sudafricani con 12 blindati Eland, assieme ad alcuni banditi dell’UNITA, attaccarono postazioni angolano-cubane sul fiume e nel ponte. Vi erano circa 1000 cubani e angolani che non si aspettavano l’attacco. 28 cubani caddero, mentre i sudafricani ebbero 4 morti e 12 feriti. Ma l’ultimo giorno di operazioni 1 elicottero nemico fu abbattuto, eliminando altri 7 sudafricani. Raul Diaz Arguelle, comandante della Battaglia di Quifangondo, fu tra i caduti cubani. Nonostante la perdita di alcune postazioni, il risultato non cambiò e l’operazione del nemico in Angola (Operazione Savannah) fallì perché il governo del MPLA rimase. La propaganda atlantista tentò di sfruttare tale operazione strategicamente insignificante, facendovi anche un film di guerra alla Rambo, sostenendo di aver ucciso centinaia di angolani e cubani.

Massacro di Cassinga, 4 maggio 1978
Fallimento strategico e disastro politico sudafricano.
angolami1720hip2028e29lw5L’esercito sudafricano, nel tentativo di reprimere la lotta della SWAPO in Namibia, ricorse a una serie di bombardamenti e di operazioni nel territorio angolano per distruggerne le basi. Nonostante gli sforzi, non sconfisse la guerriglia, che eluse l’assalto sudafricano. La propaganda atlantista prese l’abitudine si gonfiare il numero dei nemici uccisi. L’attacco più feroce fu il massacro di Cassinga. Il piano delle SADF era uccidere la leadership della SWAPO, nel campo profughi di Cassinga, dove erano rifugiati 3068 civili, protetti da 300 volontari.
Dimo Amaambo, il leader della SWAPO, fu oggetto di un’operazione per ucciderlo da parte di 370 paracadutisti sudafricani con supporto aereo. Soldati e paracadutisti massacrarono i civili, uccidendo 167 donne, 298 bambini e 159 anziani; altre 611 persone furono ferite. I sudafricani subirono 4 morti e 11 feriti. Una colonna cubana di 400 soldati con 4 carri armati, 17 blindati, 7 camion e 9 cannoni cercò di raggiungere Cassinga ma fu bombardato dagli aerei nemici e 17 cubani caddero e altri 68 furono feriti. Un bombardiere sudafricano Buccaneer fu danneggiato da mitragliatici da 14,5mm della contraerea angolana. Nonostante ciò i cubani raggiunsero il campo e il nemico fu costretto a ritirarsi, salvando migliaia di civili.

Battaglia di Cangamba, luglio – agosto 1983
Decisiva vittoria tattica e morale.
6000 banditi dell’UNITA attaccarono Cangamba difesa da 92 cubani e 818 angolani, militari e civili. Fu un lungo assedio, dove alla fine i difensori non avevano più cibo e acqua. Il nemico aveva 60 cannoni, mortai e lanciarazzi, e consiglieri sudafricani. Durante la battaglia un aereo da trasporto An-26 angolano fu distrutto su una piccola pista aerea. Infine grazie a un paio di incursioni delle Forze Speciali cubane dietro le linee nemiche, e l’arrivo di una colonna di rinforzi, il nemico fuggì subendo almeno 2000 morti, mentre i cubani ebbero 18 caduti e poco più gli angolani, compresi i civili. Un recente film cubano descrive la battaglia.

Battaglia di Sumbe, 25 marzo 1984
AngolaCubansVittoria tattica e morale.
3000 banditi dell’UNITA tentarono un secondo attacco, ma questa volta colpendo i civili. A Sumbe c’erano pochi militari ma numerosi civili cubani, sovietici, bulgari, portoghesi e italiani. Vi erano 250 cubani, di cui 175 civili, e 350 angolani, quasi tutti civili. Il nemico pensò di trovare una facile preda, ma i civili si armarono e scavarono le trincee. Grazie anche ai raid di caccia MiG-21 ed elicotteri Mi-8 cubani, il nemico fu respinto subendo almeno 150 morti. 2 soldati cubani caddero assieme a 7 civili, mentre altri 21 civili furono feriti. Gli angolani ebbero 2 caduti e 2 feriti. Un piccolo gruppo di portoghesi, mentre cercava di fuggire dall’assedio fu catturato e ucciso dall’UNITA.

Battaglia del fiume Lomba, 3 settembre – 7 ottobre 1987
Decisiva vittoria strategica, tattica e morale sudafricana.
L’esercito angolano, con 10000 uomini e 150 carri armati, tentò un grande attacco contro l’UNITA, senza il sostegno dei cubani. Il nemico era formato da 8000 banditi dell’UNITA e 4000 soldati del Sud Africa. Il 3 settembre un missile angolano SA-8 abbatteva un ricognitore sudafricano. Il 10 settembre ci fu il primo attacco di 2000 angolani e 6 carri armati T-55 contro 4 Ratel, 16 Casspir e 240 sudafricani assieme ai banditi dell’UNITA. L’attacco fu respinto dall’artiglieria sudafricana, gli angolani persero i 6 carri armati ed ebbero 100 perdite. Tre giorni dopo gli angolani attaccarono di nuovo, 40 mercenari dell’UNITA furono eliminati. I carri armati T-55 affrontarono i Ratel, 5 T-55 furono distrutti insieme a 3 Ratel, e i sudafricani subirono 8 morti e 4 feriti. Tra il 14 e il 23 settembre vi furono altri scontri, gli angolani ebbero 382 perdite, mentre i sudafricani 1 morto e 3 feriti. Ignote le perdite dell’UNITA. Il 3 ottobre il nemico distrusse un lanciamissili SA-9 su un ponte, bloccandolo e altri carri armati T-55 furono distrutti. Ma qui l’UNITA fuggì abbandonando i blindati Ratel, mentre un T-55 distrusse il Ratel del comandante sudafricano tenente Hind, eliminandolo. I sudafricani si ritirarono mentre gli angolani persero altri 2 T-55 e subirono altre 250 perdite, mentre 2 nuovi carri armati sudafricani Oliphant furono distrutti dalle mine. Alla fine gli angolani si ritirarono abbandonando 127 automezzi, molti dei quali impantanati nel terreno, che furono poi distrutti da un raid delle forze aeree cubane per non lasciarli al nemico. La propaganda sudafricana sostenne che 4000 angolani furono uccisi, ma in realtà furono 525, e persero in azione 18 carri armati, 1 blindato e 1 sistema SAM. I sudafricani ebbero 18 morti e 12 feriti, e persero 2 carri armati Oliphant, 4 blindati Ratel e 1 aereo da ricognizione; l’UNITA ebbe 270 morti almeno.DSC01332Battaglia di Cuito Cuanavale, dicembre 1987 – marzo 1988
Vittoria decisiva e definitiva tattica, strategica e morale. Fu la più grande battaglia africana dalla seconda guerra mondiale e fu soprannominata la Stalingrado africana.
Durante la battaglia 1500 cubani, 10000 angolani e 3000 namibiani della SWAPO e sudafricani dell’Umkhonto we Sizwe dell’ANC furono attaccati da 9000 sudafricani e 20000 banditi dell’UNITA. Leader della difesa fu il cubano Leopoldo Cinta Frias, aiutato dai comandanti angolani Mateus Miguel Angelo, soprannominato Vietnam, e Josè Domingues Ngueto. I comandanti sudafricani erano Deon Ferreira e Jan Geldenhuys, mentre i banditi dell’UNITA erano capeggiati da Demostene Amos Chilingutila e Arlindo Pena.
La prima fase della battaglia fu lo scontro aereo. Nell’autunno 1987 il caccia MiG-23 del pilota cubano Eduardo Gonzales Sarria abbatté 1 aereo d’attacco Impala sudafricano e poi 1 caccia Mirage sudafricano. Il 27 settembre, JCC Goden sul suo MiG-23 abbatté 1 Mirage sudafricano, e Alberto Ley Rivas ne abbatté un altro. Anche 1 elicottero Puma sudafricano fu abbattuto da un MiG-23. L’esercito cubano ebbe la superiorità aerea, e gli aerei sudafricani non si fecero vedere più.2013-04-01campbell-mapI sudafricani attaccarono sei volte le difese cubano-angolane:

13 gennaio 1988
Dopo un’ondata di banditi dell’UNITA, l’attacco sudafricano ebbe un successo iniziale, i sudafricani rivendicarono la distruzione di 4 carri armati e 1 blindato angolano-cubani, sebbene non ci fossero mezzi corazzati cubani e angolani sul posto… Le forze angolane erano composte dalle 21.ma e 51.ma Brigata. I sudafricani persero 2 blindati Ratel prima che MiG-21 e MiG-23 cubani distruggessero la colonna nemica. 7 carri armati Oliphant, alcuni blindati Eland e cannoni dei sudafricani furono distrutti. La 21.ma Brigata riprese le trincee occupate dall’UNITA.
Il 16 gennaio un raid aereo cubano colpiva un gruppo sudafricano, e il 21 gennaio il MiG-23 di Charlos R. Perez fu abbattuto dall’UNITA.

14 febbraio 1988
40 carri armati Oliphant e 100 blindati Casspir e Ratel sudafricani attaccarono la 59.ma Brigata angolana. I cubani raccolsero tutti i carri armati a disposizione per fermare l’assalto nemico: 14 carri armati T-54 e 1 carro armato T-55 del gruppo del comandante cubano Betancourt, ma solo 7 carri armati T-54 si scontrarono con il nemico; 6 furono distrutti e i cubani ebbero 14 caduti, ma il nemico di ritirò avendo perso 10 Oliphant e 4 Ratel. La battaglia dimostrò la superiorità del T-54 sui carri armati sudafricani Oliphant. L’azione dei carri armati cubani spinse l’UNITA ad abbandonare le trincee prese.
Il 15 febbraio il MiG-23 di John Rodriguez fu abbattuto dall’UNITA e Rodriguez fu ucciso.

Capitano John Rodriguez Gonzalez

Capitano John Rodriguez Gonzalez

19 febbraio 1988
25.ma e 59.ma Brigata angolane respinsero l’attacco dei sudafricani, che persero 1 Ratel, 1 Oliphant e 3 soldati. 1 caccia Mirage sudafricano fu abbattuto da un missile antiaereo portatile Strela-3 e da uno ZSU-23-4 Shilka cubano. Il pilota fu ucciso.

25 febbraio 1988
I sudafricani attaccarono, ma furono fermati dall’artiglieria e dai carri armati interrati degli angolano-cubani, perdendo 2 Ratel e 2 Oliphant, mentre altri 4 Oliphant e 1 Ratel furono gravemente danneggiati. La South African Air Force provò per l’ultima volta a riconquistare la superiorità aerea con una grande agguato dei Mirage contro 3 MiG-23 cubani, ma senza risultati.

29 febbraio 1988
Per la quinta volta i sudafricani attaccarono gli angolani, venendo respinti e subendo 20 morti e 59 feriti.

17 marzo, Ernesto Chavez sul suo MiG-23 veniva abbattuto e ucciso da un cannone antiaereo Ystervark da 20mm sudafricano. Fu l’unica vittoria della difesa antiaerea sudafricana. Il 19 marzo nel corso di una ricognizione il Mirage di Willie Van Coppenhagen fu abbattuto e il pilota ucciso.

23 marzo 1988
Sesto e ultimo attacco dei sudafricani; fu un disastro, il “disastro di Tumpo”.
L’UNITA subì una carneficina e i sudafricani ebbero 1 carro armato Oliphant distrutto, 2 danneggiati e altri 3 catturati dalle forze angolano-cubane. Almeno un carro armato Oliphant finì in Unione Sovietica. Con questo fallimento, il regime sudafricano si ritirò da Angola e Namibia, e pose fine agli aiuti ai terroristi controrivoluzionari dell’UNITA.1619414887671A Cuito 900 tra angolani, namibiani e sudafricani dell’ANC caddero e i cubani ebbero 39 caduti e persero 6 carri armati e 4 MiG. L’UNITA perse 6000 banditi negli assalti ad ondata umana contro le fortificazioni angolane. I sudafricani li usarono come carne da cannone. I sudafricani persero 715 effettivi, tra morti e dispersi, oltre a 24 carri armati, 21 blindati, 24 cannoni G-5, 6 cannoni semoventi G-6, 7 aerei e 7 droni.

Angola_unita_ENGBattaglia di Tchipa, 4 maggio – 27 giugno 1988
L’offensiva delle forze cubano-angolane e dello SWAPO al confine con la Namibia fu una decisiva vittoria morale e tattica, grazie alla superiorità totale dell’aeronautica cubana.

4 maggio: prima imboscata
La prima operazione iniziò quando un gruppo di 60 cubani e 21 namibiani del battaglione esplorativo Tiger attaccò la 2.da Compagnia del 101.mo Battaglione della SWATF. Il nemico fuggì senza opporre resistenza, dopo aver avuto 30 morti e 1 prigioniero, 5 veicoli distrutti e 1 Casspir catturato. I resti della colonna furono distrutti da un MiG-23 sulla strada per Lubango.

22 maggio: seconda imboscata
Un gruppo di cubani e namibiani della SWAPO tese un’imboscata al 32.mo battaglione Buffal. 2 cubani caddero ma l’attacco dei MiG-23 costrinse il nemico a ritirarsi. Il giorno successivo i sudafricani subirono un’imboscata e persero 3 veicoli Unimog, catturati intatti, ma altri 4 cubani caddero.

27 giugno: terza imboscata
Ultima azione della guerra. Un gruppo di namibiani e cubani formato da 30 effettivi del 5° Battaglione delle forze speciali cubane, con 3 blindati BMP-1, attaccò il 61.mo battaglione meccanizzato sudafricano, formata da 70 uomini e 8 veicoli Ratel. BMP-1 e RPG-7 spararono insieme distruggendo 4 Ratel. Il nemico fuggì dopo aver subito 20 morti, abbandonando 1 Ratel intatto che fu catturato. Una seconda colonna del nemico di rinforzo fu bombardata e distrutta dai MiG-23 cubani.
Bombardamento di Caluenque. Lo stesso giorno 11 MiG-23 cubani bombardarono la base sudafricana di Caluenque, illegalmente occupata. I sudafricani subirono 50 morti e un centinaio di feriti.033Battaglia di Huambo 9 gennaio – 7 marzo 1993
Vittoria morale e tattica, fallimento strategico. L’UNITA aveva ancora 20000 armati sotto il comando di Demostene Amos Chilingutila e di Jonas Savimbi, capo del gruppo terroristico. Tale forza si ammassò vicino Huambo, base principale dell’UNITA. Le forze angolane effettuarono un massiccio attacco al comando di Joao de Matos e Francisco Iginio Cameiro. Dopo mesi di scontri gli angolani eliminarono 15000 terroristi dell’UNITA e Savimbi fuggì, perseguendo una campagna terroristica fino alla morte, avvenuta il 22 febbraio 2002. Dopo di ché la guerra si concluse definitivamente.

cuito_cuanvale_angola

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.256 follower