La nuova via della Cina in Russia

F. William Engdahl New Eastern Outlook 28/05/2015pic2013-06-13i31132p7483Non conosco nessun grande progetto globale paragonabile a ciò che oggi viene attuato, pezzo per pezzo, dalla Cina dipanando sempre più la rete ferroviaria ad alta velocità della Cintura economica della Via della Seta. E’ ormai chiaro che la via produrrà nuove città, zone industriali, costruzione e miglioramento dello standard di vita di centinaia di milioni di persone, in precedenza abbandonate. Le implicazioni della fondazione di una nuova alternativa globale al sistema del dollaro in bancarotta sono immense. I cinesi non perdono tempo quando raggiungono un accordo. Il progetto del Presidente Xi Jinping per sviluppare un nuovo spazio economico in Eurasia da Pechino alle frontiere dell’Unione europea, presentato durante una delle sue prime visite all’estero da Presidente, nel 2013 in Kazakistan, oggi è noto come Cintura economica della Nuova Via della Seta. Il progetto diventa il centro della rinascita della costruzione di infrastrutture in grado di trasformare ed elevare l’intera economia mondiale per decenni. Nello spazio economico comprendente Cina e Asia, un recente studio stima che nei prossimi anni 8000 miliardi dollari d’investimento nelle infrastrutture saranno necessari per portare le economie ai moderni standard di commercio e sviluppo.

La rinascita ferroviaria
La Cina iniziò alcuni anni fa l’elaborazione di piani per una colossale infrastruttura ferroviaria eurasiatica e asiatica ad alta velocità per offrire un futuro alternativo al trasporto commerciale nel mondo. Nel 2010 Wang Mengshu dell’Accademia d’Ingegneria cinese rivelava in un’intervista che la Cina esaminava i piani per la costruzione di un sistema ferroviario ad alta velocità in grado di tracciare collegamenti ferroviari ad alta velocità in Asia ed Europa entro il 2025. Nello stesso anno la Cina cominciò il primo di tre rami ferroviari previsti. La prima tratta cinese parte da Kunming nella provincia dello Yunnan e arriva a Singapore. La seconda tratta parte da Urumqi, capitale della Regione autonoma uigura dello Xinjiang, e collega i Paesi dell’Asia centrale di Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan con la Germania. La terza tratta collegherà la città di Heilongjiang, nel nord della Cina, con i Paesi dell’Europa orientale e meridionale attraverso la Russia. Al momento obiettivo della Cina era creare una rete ferroviaria pan-asiatica collegando 28 Paesi con 81000 chilometri di ferrovie. Con la tipica diligenza cinese, il Paese cominciò ad acquistare materiale ferroviario avanzato ad alta velocità da Germania, Francia, Giappone e Canada. Nel 2010 la Cina ha sviluppato i propri sistemi ferroviari ad alta velocità, con treni avanzati che corrono ad oltre 350 chilometri all’ora. Nel 2012 in Cina furono costruite 42 linee ad alta velocità, concepite dal programma nazionale per preparare l’ampliamento dei collegamenti ferroviari in Eurasia e Asia. La Cina oggi riconosce il valore economico delle infrastrutture come poche nazioni. Data l’entità del progresso interno, oggi la Cina diventa il primo esportatore mondiale di tecnologia ferroviaria ad alta velocità avanzata nelle nazioni di Asia e Eurasia, tra cui Russia, Kazakistan e Bielorussia. Il 7 settembre 2013, in un discorso con il Presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbaev, il neo-Presidente Xi propose per la prima volta ufficialmente la strategia globale della Nuova Via della Seta, suggerendo che Cina e Asia centrale si unissero per costruire la “Cintura economica della Via della Seta” intensificando la cooperazione. Xi propose a Kazakistan ed altri Paesi dell’Asia centrale interessati, tra cui la Russia, di aumentare le comunicazioni e promuovere l’integrazione regionale economica, politica e giuridica. Propose concretamente che Cina e Paesi dell’Asia centrale confrontassero le rispettive strategie di sviluppo economico e collaborassero per formulare piani e misure per la cooperazione regionale. Xi disse anche che si doveva lavorare per migliorare la connettività del traffico aprendo la via strategica regionale dall’Oceano Pacifico al Mar Baltico, completando una rete dei trasporti che colleghi Asia orientale, occidentale e meridionale. Xi propose anche che il commercio venisse regolato in valuta locale e non tramite il dollaro USA, migliorandone l’immunità dai rischi finanziari di una futura guerra finanziaria degli USA, il tipo di guerra che il Tesoro degli Stati Uniti avviò in quel periodo contro l’acquisto del petrolio dall’Iran, e dal marzo 2014 contro la Russia. In quel momento la Russia si era concentrata sulla guerra in Siria, ospitava la vetrina delle Olimpiadi invernali di Sochi e non aveva ancora formulato in dettaglio la propria Unione economica eurasiatica. Il colpo di Stato degli Stati Uniti in Ucraina, avviato con le proteste di piazza Maidan nel novembre 2014, sfociò in una situazione di guerra della NATO contro la Russia, da allora le energie russe si sono drammaticamente concentrate sullo sviluppo di strategie alternative con partner solidi e alleati per resistere alle chiare minacce all’esistenza della Russia come nazione sovrana. Allo stesso tempo, la Cina affrontava l’accerchiamento statunitense nel Mar Cinese orientale e in Asia, noto come “Asia Pivot” militare di Washington o strategia del Pivot verso la Cina, per contenerne la futura emergenza economica e politica. Ironia della sorte, l’escalation della pressione militare degli Stati Uniti ha avvicinato più che mai nella storia i due giganti dell’Eurasia, Cina e Russia.

Avvio della Nuova Via della Seta
Questi eventi, che nessuno avrebbe potuto prevedere nel 2010, catalizzano il più drammatico cambiamento nella geopolitica mondiale dal maggio 1945. Solo che questa volta, mentre il Secolo Americano affonda nel debito e nella depressione economica, l’Eurasia emerge rapidamente quale regione più dinamica e di gran lunga più grande e ricca del mondo in risorse, soprattutto umane. Ciò è stato sottolineato dalla recente visita del presidente cinese Xi a tre Paesi chiave dell’Unione Economica Eurasiatica. Il giorno prima che Xi fosse ospite d’onore alle celebrazioni del Giorno della Vittoria del 9 maggio, ebbe colloqui a porte chiuse con Vladimir Putin. Dopo i colloqui Putin annunciava che i due Paesi avevano firmato un decreto sulla cooperazione collegando lo sviluppo dell’Unione economica eurasiatica al progetto di Cintura economica della Via della Seta. “L’integrazione dei progetti Unione economica eurasiatica e Via della Seta significa raggiungere un nuovo livello di collaborazione e di fatto implica uno spazio economico comune continentale“, aveva detto Putin. La Cina accettava d’investire 5,8 miliardi di dollari nella costruzione della ferrovia ad alta velocità Mosca-Kazan, spinta importante in un momento cruciale per il progetto esteso dalla Cina al Kazakistan nell’ambito della Nuova Via della Seta. Il costo totale del progetto della ferrovia ad alta velocità Mosca-Kazan è 21,4 miliardi di dollari. Senza perdere tempo, il 13 maggio, la China Railway Group annunciava un contratto da 390 milioni di dollari con la Russia per costruire la tratta Mosca-Kazan da estendere ulteriormente alla Cina nell’ambito della Nuova Via della Seta. Un consorzio guidato da China Railway con due società russe esaminerà congiuntamente e pianificherà sviluppo regionale e progettazione del segmento Mosca-Kazan della linea ferroviaria ad alta velocità Mosca-Kazan-Ekaterinburg, nel 2015-2016, secondo RT. “La partecipazione cinese alla prevista tratta Mosca-Kazan della linea ferroviaria per Ekaterinburg integrerà la Russia nella Cintura economica della Nuova Via della Seta”. Il giorno prima, il 7 maggio, Xi enne una riunione ad Astana con il presidente del Kazakistan Nazarbaev per concretizzare la partecipazione kazaka alla Nuova Via della Seta. Cina, Kazakistan e Russia sono fondatori della Shanghai Cooperation Organization. La costruzione della parte cino-kazaka della linea ferroviaria ad alta velocità della Nuova Via della Seta è già in corso da parte della Cina. Le visite di Xi in Kazakistan e Russia sono state seguite da una visita di Xi in Bielorussia, il 10 maggio. La Bielorussia è geograficamente potenzialmente cruciale, in un mondo pacifico, tra Unione europea e Paesi eurasiatici nel progetto della Nuova Via della Seta. Dopo la riunione, il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko annunciava di accettare di fare della Bielorussia una piattaforma per lo sviluppo della Cintura economica della Nuova Via della Seta. Lukashenko rivelava che 20 anni prima, da parlamentare della nuova Bielorussia indipendente, mentre l’Unione Sovietica si dissolveva, visitò la Cina: “ho adottato la riforma economica di tipo cinese in Bielorussia…“. Tre Paesi chiave della nuova Unione economica eurasiatica, Russia, Kazakistan, Bielorussia s’inseriscono nel progetto di Cintura economica della Nuova Via della Seta.1b29138f56804913bf23183ead26d291-8fbf707d85d34a90b3f3b9a101a0b10c-0Apertura dell’Eurasia allo sviluppo reale
Un vantaggio collaterale interessante e potenzialmente molto strategico della vasta integrazione della Via della Seta con l’Unione economica eurasiatica appena decisa, sarà il drastico cambiamento delle possibilità di sviluppo di alcune delle regioni ricche di materie prime del mondo e non sviluppate, tra cui l’oro. Russia e Paesi dell’Asia centrale detengono forse le maggiori riserve mondiali di ogni metallo e minerale immaginabile. Cina e Russia hanno costituito le riserve auree delle banche centrali il più rapidamente possibile. Lo sfruttamento economico delle riserve auree in Asia centrale potrebbe diventare un supporto significativo dello sforzo. Durante il periodo sovietico, l’oro faceva parte delle riserve della Banca nazionale sovietica, ma era considerato un “relitto capitalista”. Dal 1991, nel crollo caotico dell’Unione Sovietica, le agenzie d’intelligence occidentali in collaborazione con la criminalità organizzata italiana ed ex-alti burocrati sovietici sottrassero l’intera riserva aurea, oltre 2000 tonnellate di lingotti, dalle casseforti della sovietica Gosbank; un crimine denunciato dal presidente della banca Gerashenko, egli stesso forse complice occulto del furto, a un attonito parlamento russo. Da quando Putin è diventato presidente nel 1999, la banca centrale russa continua a reintegrare l’oro della banca centrale. Oggi, secondo le statistiche ufficiali del FMI, la Banca Centrale della Russia ha accumulato 1238 tonnellate di riserve auree. Solo ad aprile la Russia ha acquistato 30 tonnellate. L’esistenza di riserve auree delle banche centrali è avvolta nel mistero nel Paese presumibilmente primo detentore di riserve auree del mondo, la Federal Reserve Bank degli Stati Uniti. Nel 2011 il direttore generale del FMI Dominique Strauss-Kahn chiese una verifica fisica indipendente dell’oro della Federal Reserve. L’oro della Federal Reserve non è mai stato sottoposto a revisione contabile. Strauss-Kahn avrebbe avuto l’informazione che le 8000 tonnellate d’oro presuntamente detenute dagli Stati Uniti, erano sparite. Il capo del FMI se ne preoccupò dopo che gli Stati Uniti iniziarono lo “stallo” per la consegna al FMI delle promesse 191,3 tonnellate d’oro, stabilito dal Secondo Emendamento dello Statuto dell’accordo per finanziare ciò che si chiamano Diritti speciali di prelievo (DSP). Qualche giorno dopo, il bizzarro scandalo sessuale nell’albergo costrinse a brusche dimissioni Strauss-Kahn e il FMI smise di chiedere una revisione contabile dell’oro. Qualunque sia il vero stato delle riserve auree della FED degli Stati Uniti, è chiaro che Russia e Cina accumulano lingotti d’oro per sostenere le loro valute creando con cura una nuova architettura per sostituire il sistema del dollaro statunitense. Nonostante gli sforzi da guerra finanziaria degli USA, le finanze statali Russia sono notevolmente più sane di quelle occidentali. Il debito pubblico degli USA ufficialmente è ben oltre i 17000 miliardi di dollari, o 105% del PIL. Il debito greco è il 177% del PIL. Nei Paesi della zona euro il debito medio rispetto al PIL è del 91% e in Germania del 74%. In Russia il debito pubblico è circa il 18% del PIL. Il debito della Cina è circa il 43% secondo gli ultimi dati del FMI. Bielorussia, Kazakistan, Russia e Cina hanno tutti notevolmente aumentato le riserve auree ufficiali dal primo trimestre del 2000. Ora emerge che l’oro è destinato ad essere un elemento vitale per il ponte OBOR (Un Ponte, Un progetto) – Via della Seta.
In una conferenza borsistica a Dubai ad aprile, Albert Cheng, direttore generale del World Gold Council, rivelava che la Cina cerca consapevolmente d’integrare l’acquisizione di oro al progetto economico della Via della Seta nei prossimi dieci anni. Ha citato una dichiarazione di Xu Luode, presidente della Shanghai Gold Exchange e delegato al Congresso nazionale del popolo (NPC), che propose d’integrare lo sviluppo del mercato dell’oro al piano di sviluppo strategico della Cintura economica della Via della Seta, nella riunione del Comitato Centrale cinese del marzo 2015. Suggeriva un meccanismo per coinvolgere i principali produttori di oro ed utenti dei nuovi assi ferroviari in Kazakistan e Russia, ed anche che il governo cinese sviluppi tali risorse facendo della Shanghai Gold Exchange l’hub commerciale integrato nel piano della Cintura economica della Via della Seta. L’apertura della nuova rete di infrastrutture ferroviarie ad alta velocità eurasiatica aprirà allo sviluppo nuove aree minerarie. L’11 maggio 2015, la maggiore società di estrazione dell’oro in Cina, la China National Gold Group Corporation (CNGGC), firmava un contratto con la compagnia aurifera russa Poljus Gold per approfondire l’esplorazione di oro. Annunciando l’accordo, Song Xin, direttore generale della CNGGC e presidente dell’associazione aurifera della Cina, ha detto, “l’iniziativa Cintura e Via della Cina offre opportunità inaudite all’industria aurifera“. Song Yuqin, Vicedirettore Generale della Shanghai Gold Exchange dichiarava, “Il commercio di oro è destinato a diventare componente significativa delle operazioni dei Paesi delle ‘Cintura e Via’“. La regione eurasiatica infatti detiene in grandi quantità ogni minerale e terra rara concepibile e noto. Ciò ora diventa economicamente fattibile, con lo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie commerciali ad alta velocità. La Cintura economica della Grande Via della Seta chiaramente accelera. La realtà emergente della rete ferroviaria ad alta velocità della Nuova Via della Seta, una rete stradale e ferroviaria che si espande tra tutte le nazioni di Asia e Asia centrale, sarà il cuore del nuovo mondo economico. È un fenomeno ben noto in economia che, mentre le infrastrutture dei trasporti si sviluppano, ci sia grande crescita del PIL in ogni nazione collegata, effetto moltiplicatore mentre nuovi mercati crescono. Chiaramente l’Eurasia è il posto in cui Vladimir Putin e Xi Jinping lo dimostrano.

0,,17647278_303,00F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina amplia l’influenza in Sud America attraverso la “Via della Seta”

Ariel Noyola Rodríguez* RussiaToday
*Economista laureato all’Universidad Nacional Autónoma de MéxicoBN-IM842_0519li_J_20150519173939Durante il viaggio in Brasile e Perù, il primo ministro cinese Li Keqiang si è dedicato alla costruzione della “Via della Seta” in Sud America; una ferrovia continentale che collegherà gli oceani Atlantico e Pacifico. Tra i suoi obiettivi, il mega-progetto cercherà di sospingere l’industrializzazione e quindi favorire lo sviluppo economico della regione. Ogni volta gli Stati Uniti insistono nel decidere gli schemi d’integrazione regionale, miranti a contenerne l’ascesa a potenza mondiale (accordo di partenariato trans-Pacifico, Alleanza del Pacifico, ecc), la Cina promuove la costruzione di corridoi economici negli spazi marittimi e terrestri di diverse regioni.
Inizialmente, il governo cinese pose quale priorità il rafforzamento dei legami economici e politici con i Paesi dell’Asia-Pacifico. Ora tuttavia, i collegamenti della “Via della Seta” si estendono al Sud America. Lungo i territori brasiliani e peruviani un’enorme ferrovia di 5300km attraverserà la giungla dell’Amazzonia e le Ande collegando l’Oceano Atlantico al Pacifico. La ferrovia continentale costerà tra 10 e 30 miliardi di dollari e in assenza di imprevisti, verrà inaugurata entro il 2020. Non è la prima volta che la Cina dimostri interesse ai progetti d’investimento relativi all’infrastruttura ferroviaria in America Latina. In Venezuela, la ferrovia Tinaco-Anaco fu costruita dalla società China Railway Engineering Corporation con un investimento stimato in 7,5 milioni di dollari. Nel 2014, la China South Railway Corporation vinse la gara d’appalto per ammodernare la rete ferroviaria di Belgrano Cargas in Argentina. Tuttavia, nella maggior parte dei Paesi della regione domina il trasporto stradale, promosso vigorosamente dall’industria automobilistica statunitense ed europea dalla metà degli anni ’50. In Brasile le ferrovie rappresentano solo un quarto del sistema di trasporto. Di tale percentuale, circa il 35% è stato costruito più di mezzo secolo fa. Inoltre, i beni esportati in Cina sono trasportati via strada prima di salpare attraversando il Pacifico. Dal canale di Panama, per esempio, occorrono più di 30 giorni per raggiungere la destinazione in Asia. Questa situazione aumenta i costi di esportazione dei prodotti agricoli e riduce la competitività commerciale internazionale dell’America del sud. Data la persistenza della crisi globale, il “boom economico” guidato dai prezzi elevati delle materie prime è roba del passato. Secondo le previsioni del fondo monetario internazionale (FMI), la crescita del PIL della regione sudamericana per quest’anno sarà dell’1,5%.
Nel caso del Brasile, la diminuzione degli investimenti e il rallentamento del consumo interno hanno aperto la via a una recessione che rischia di prolungarsi. L’indice dell’attività economica (IBC-Br) è caduto al 0,81% nel I trimestre del 2015, coprendo 6 mesi di recessione, la peggiore performance degli ultimi vent’anni secondo i dati pubblicati dalla Banca centrale. Con questa stessa prospettiva, le risorse monetarie disponibili alla Cina (quasi 4 miliardi di dollari in riserve internazionali) sono un sollievo economico per i governi sudamericani, sia puntellando gli investimenti produttivi che creando linee di credito a condizioni preferenziali, aumentando il commercio, ecc. Nella visita in Brasile nella terza settimana di maggio, il primo ministro cinese Li Keqiang ha approvato l’acquisto di 40 aerei dalla compagnia Embraer, la costruzione di un parco industriale automobilistico a Sao Paulo e 4 miliardi di dollari di credito all’azienda mineraria Vale, oltre a 7 miliardi di dollari per finanziare Petrobras; una pausa tra le turbolenze nel partito dei lavoratori (PT), dopo gli scandali sulla corruzione che coinvolge suoi diversi membri. Una volta lanciata, la “Via della seta” permetterà alle imprese brasiliane di diminuire i costi d’esportazione del grano in Cina di 30 dollari per tonnellata. In una prima fase si stima che la Ferrovia Interoceanica potrà trasportare 21 milioni di tonnellate tra i porti di Ilo (Perù) e Acu (Brasile). In una seconda fase, si prevede di potenziarne la capacità di raccolta fino a 35 milioni di tonnellate.
La domanda che va posta è quale tipo d’integrazione economica ci sarà tra Cina e America del sud, nel lungo termine. Fatta eccezione degli alti profitti per una manciata di società “translatinas” guidate dal Brasile, fino ad oggi non non c’è alcuna prova che permetta di concludere che i flussi di capitali dalla Cina
(legati soprattutto all’estrazione di risorse naturali e alle infrastrutture) abbiano privilegiato la massiccia costruzione di legami produttivi regionali. In tempi di emergenza nella periferia e di crisi di redditività nel nucleo del sistema (Stati Uniti, Eurozona, Gran Bretagna, Giappone, ecc.), non va perso di vista che la Cina mira all’influenza geopolitica globale, sempre pensando a garantirsi sicurezza energetica e alimentare.
Quindi se è vero che la ‘Via della Seta’ è volta a trasformare radicalmente la geografia economica del Sud America, le promesse per sviluppo e industrializzazione vanno valutate solo a posteriori.Peruvian_president_Ollanta_Humala_Chinas_premier_Li_KeqiangTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’eliminazione di Mozgovoj rientra nell’operazione per distruggere il Donbas

Roman Nesterenko, KPRF, 25 maggio 2015 – Histoire et Societé1496_1668Una nostra fonte a Kiev, un attivista antifascista vicino allo Stato Maggiore, ha confermato ancora una volta la rilevanza delle informazioni (ad esempio, il nostro articolo del 7 luglio 2014, “Stato Maggiore della Ucraina: siamo sull’orlo del disastro” e del 14 luglio “Dettagli della sconfitta del gruppo meridionale delle truppe ATO“) riferisce che la “liquidazione” di Aleksel Mozgovoj è parte di un piano militare e politico del SBU per garantirsi il successo dell’operazione dal nome in codice “Molot” (martello). L’idea dell’operazione “Molot“, data la creazione di una “nuova realtà politica e militare“, infliggere diversi potenti colpi per dividere il campo nemico ed entro uno/due settimane “risolvere il problema della resistenza organizzata dei terroristi del Donbas“. Creazione di una “nuova realtà politica e militare” significa creare eventi militari e politici per costringere la leadership politica e militare della Russia a rivolgere l’attenzione a un nuovo punto di tensione, impedendone la reazione tempestiva alla ripresa delle ostilità su larga scala, e allo stesso tempo causare un conflitto tra le forze del Ministero della Difesa e della milizia della RPD, da una parte, e cosiddette milizie e cosacchi “selvaggi” dall’altro. Secondo gli strateghi di Kiev l’assassinio di Mozgovoj e vari altri diversivi dovrebbero scatenare la guerra civile nella “presunta RPL”. La fonte ha anche detto che il movimento di mezzi pesanti sul “fronte orientale” non è più nascosto come non si nascondono i tanti consiglieri statunitensi, utilizzati principalmente per l’addestramento dei soldati ucraini inviati in prima linea. Il loro compito è principalmente ricognizione e guerra elettronica. Gli ufficiali dello Stato Maggiore nella loro decisioni hanno studiato l’operazione “Lampo” con cui la Croazia occupò il territorio della Krajina Serba nel 1995, ora alla base dell’operazione “Molot“. L’informatore pensava che l’attenzione della Russia verrebbe deviata sulla Crimea, ma ora è piuttosto incline a pensare che il nuovo punto di tensione sarà in Transnistria, dato che il governo russo è stato messo in una posizione molto difficile con il blocco dei soldati delle forze di pace russe in Transnistria da parte di Kiev, de facto da diversi mesi, e ora de jure da qualche giorno. Queste notizie da Kiev confermano ciò che già si sapeva: Kiev intensifica i preparativi dell’ultima avventura militare, violando gli accordi Minsk. La junta di Kiev è costretta all'”assalto finale in Oriente” da collasso economico, instabilità e pressione della dirigenza statunitense, per cui è assolutamente necessario coinvolgere la Russia in un “guerra calda”.
L’estate sarà calda.

L’intelligence USA sviluppa un piano per liquidare la Transnistria
Mosca si preparando alla difesa attiva in Transnistria
Vladimir Mukhin, Rusvesna, 25 maggio 2015 – Fort Russ

8504663Una fonte del ministero della Difesa russo ha annunciato l’esistenza di un piano per liquidare la Transnistria sviluppato da servizi segreti statunitensi, ucraini, moldavi e romeni. Il Ministero della Difesa russo è preoccupato per la possibilità di una brusca destabilizzazione nella Repubblica moldava di Transnistria (PMR), e si prepara agli scenari più sfavorevoli. Con questo obiettivo, il Gruppo Operativo delle Truppe Russe (OGRV) di stanza nella Repubblica, ha svolto esercitazioni per proteggere le principali strutture militari. Secondo il servizio stampa del distretto militare occidentale, che controlla l’OGRV, 100 soldati del gruppo sono stati messi in allerta. Dopo una marcia di 150 chilometri ai magazzini militari nel villaggio di Kolbasna, sono entrati in formazione operativa contro terroristi immaginari che cercavano d’impossessarsi di armi e munizioni. I militari hanno sottolineato che i combattenti dell’OGRV operavano in condizioni prossime a una battaglia reale. Il personale delle unità anti-terrorismo ha compiuto i compiti con successo: “Durante le esercitazioni per eliminare i terroristi, particolare attenzione è stata prestata al miglioramento della coerenza delle operazioni in combattimento su terreno aperto, nell’ambito di piccole unità e gruppi tattici (di due/tre elementi)“. Scenari simili sono ora svolti non solo dai militari dell’OGRV, ma anche dalle forze di pace russe di stanza nelle zone di conflitto. Tale aumento dell’attività delle truppe russe in Transnistria, spiega a “NG” la fonte di del Ministero della Difesa, non solo rientra nei piani per le esercitazioni estive, ma per le minacce reali che si presentano oggi nella zona. In particolare, “NG” avrebbe informazioni su un piano militare per liquidare la Transnistria presumibilmente ideato dai servizi d’intelligence statunitensi con la partecipazione delle agenzie militari di Ucraina, Moldavia e Romania. Parte del piano è la decisione di Kiev della scorsa settimana di denunciare l’accordo con la Russia sul transito sul territorio ucraino di militari e carichi russi in Transnistria. Inoltre, secondo la fonte di “NG”, nel prossimo futuro terroristi ucraini e romeno-moldavi condurrebbero operazioni di sabotaggio e terrorismo per catturare i depositi di armi nella PMR, custoditi dai soldati russi. Sul territorio della riva sinistra del fiume Nistro, provocazioni su larga scala con omicidi tra popolazione civile avrebbero inizio, per screditare le forze di pace russe. Tali circostanze saranno la scusa per il ritiro ufficiale di Chisinau dall’operazione di mantenimento della pace. Le autorità moldave cercheranno aiuto da Unione Europea e NATO, e a questo punto la sostituzione dei caschi blu russi verrebbe preparata sotto forma di battaglione di peacekeeping moldavo-rumeno. Il ministro della Difesa della Moldova, Viorel Cibotaru ha annunciato ufficialmente la formazione di tale unità il 23 maggio, dopo il suo incontro con l’omologo romeno Mircea Dusa, annunciando che il battaglione in futuro includerà militari di Ucraina e Polonia.
Il Tenente-Generale Jurij Netkachev, che nel 1992 era comandante della 14.ma Armata di stanza in Transnistria, inoltre non esclude la soluzione militare della situazione sul Dnestr. “Danneggia gli interessi geopolitici di Mosca, e sono sicuro che la leadership russa farà tutto il possibile per difendere la propria posizione in questa regione, e non permetterà l’escalation del conflitto” ritiene l’esperto. Netkachev ricorda che Chisinau, quando comandava la 14.ma Armata, con il supporto di volontari e mercenari romeni tentò di conquistare la PMR. “Non funzionò allora e non funzionerà ora, nonostante l’Ucraina cerchi di tagliare l’ossigeno alle nostre truppe“, ha detto Netkachev. E’ d’accordo con il parere del coordinatore dell’ispettorato generale del Ministero della Difesa della Federazione Russa, Generale Jurij Jakubov, che non esclude la possibilità di rifornire i peacekeeper sotto blocco ucraino per via aerea, utilizzando velivoli da trasporto militare. “Naturalmente, non è un grave problema per i nostri aerei sorvolare il territorio ucraino, molto probabilmente la regione di Odessa. Dalle coste sul Mar Nero al confine con la PMR vi sono meno di 100 chilometri. E’ stato segnalato che l’esercito ucraino vi ha schierato sistemi missilistici antiaerei S-300, ma sembra che la difesa aerea ucraina difficilmente deciderà di abbattere i nostri aerei militari che volano a Tiraspol”, ha detto l’esperto.
Mentre la situazione intorno la Transnistria si deteriora, Romania e Stati Uniti hanno iniziato le esercitazioni militari vicino al confine con la regione ucraina di Odessa. A tal fine un cacciatorpediniere lanciamissili degli Stati Uniti, il Ross, è arrivato sul Mar Nero il 23 maggio. Il comunicato stampa della VI flotta degli Stati Unit dichiara che la presenza del Ross nella regione è necessaria per “garantire la sicurezza” e il rafforzamento della “cooperazione nel Mar Nero” per “la pace e la prosperità nella regione“. Il Ross è dotato del sistema di difesa missilistica AEGIS, e le principali armi della nave sono i missili da crociera Tomahawk.moldova_map_v2Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dopo Ramadi, le operazioni in Iraq

Alessandro Lattanzio, 25/5/20151018971324Il Maggior-Generale Qasim Sulaymani, comandante delle Forze al-Quds della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana, ha affermato che l’esercito statunitense non guida la lotta allo Stato islamico, e quindi l’Iran è l’unica potenza regionale a combatterlo: “Oggi non c’è altri a lottare contro lo Stato Islamico se non la Repubblica islamica dell’Iran” e gli Stati Uniti “non hanno fatto un bel niente” per fermare l’avanzata dello Stato islamico a Ramadi. Gli Stati Uniti non hanno la volontà di affrontare l’avanzata islamista, concludeva Sulaymani, rispondendo al segretario alla Difesa statunitense, il sionista neocon Ashton Carter, che ha accusato le truppe irachene di non avere “alcuna volontà di combattere” contro i terroristi. Ramadi era stata occupata dallo Stato islamico all’inizio di maggio, dopo sei mesi di scontri, mentre l’esercito e le forze speciali iracheni si erano ritirati dalla capitale della provincia di Anbar, in Iraq. I commenti di Carter sono stati criticati dal governo iracheno, che ha accusato le autorità statunitensi di scaricare su altri la colpa della sconfitta. Haqim al-Zamili, capo del Comitato della Difesa e Sicurezza del Parlamento iracheno, ha definito le accuse di Carter “irrealistiche e infondate”, e ha detto che gli Stati Uniti non hanno fornito aiuto e mezzi alle truppe irachene. Intanto, il 24 maggio le forze di sicurezza irachene riprendevano il controllo della città di Qalidiyah, ad est di Ramadi. Le Forze di mobilitazione popolare dell’Iraq continuano a denunciare i rifornimenti aerei statunitensi ai terroristi dello Stato islamico, decidendo di abbattere tutti gli aerei della coalizione sospettati di fornire supporto logistico ai terroristi nelle zone di guerra. “Qualunque siano le conseguenze, qualsiasi aeromobile della coalizione che cerca di aiutare i terroristi sarà abbattuto dalle Forze della mobilitazione popolare“, rivelava una fonte vicina alle forze paramilitari irachene. La decisione arrivava due giorni dopo che armi lanciate su Falluja sono finite in mano allo Stato islamico. Nel frattempo un comandante delle Forze di mobilitazione popolari avvertiva dell'”imminente impiego di armi sofisticate, che saranno utilizzate per la prima volta a Ramadi. Queste armi sorprenderanno amici che nemici. I bombardamenti sulla città saranno intensi, perché la stragrande maggioranza della popolazione della regione è fuggita altrove“.
50000 combattenti di 10 reggimenti delle Forze di mobilitazione popolari e dell’esercito iracheni si erano radunati nella base militare di Habaniyah, Centro del comando generale delle operazioni militari, per essere successivamente schierati nelle zone operative. Le unità antiterrorismo, il Battaglione Ashura e le Forze Badr saranno schierati a Ramadi, le Brigate Hezbollah a Falluja, le Brigate Ahlulhaq e il comando delle operazioni a Qarma, le Brigate al-Salam e al-Abas a Nuqayb. Secondo un ufficiale iracheno, Ramadi è caduta per via della complicità di certi funzionari della polizia locale con lo Stato islamico. Il piano delle Forze popolari irachene per liberare Ramadi dovrebbe svolgersi in due fasi: proteggere la zona dai raid dello Stato islamico e preparare un massiccio attacco per liberare la regione attualmente occupata, “Le operazioni per recuperare il controllo di al-Anbar sono simili alle operazioni di rastrellamento di Salahuddin e Diyala, ma con minore complessità”, dichiarava Qarim al-Nuri, portavoce delle Forze popolari irachene. A Baiji, governatorato di Tiqrit, l’esercito iracheno eliminava un capo dello Stato islamico, Sadiq al-Husayni (alias Abu Anas), ex-generale del regime di Sadam Husayn.ebadi_medevedevIl primo ministro iracheno Haydar al-Abadi, mentre si diceva dispiaciuto e sorpreso dalle azioni degli Stati Uniti e dalla situazione dell’esercito iracheno, assumeva nell’ambito del suo governo otto decisioni relative alla lotta contro lo Stato islamico, come arruolare volontari, punire i disertori, dare via libera alle forze mobilitate nelle operazioni ad al-Anbar, addestrare la polizia locale nel prendere il controllo della città, dopo la liberazione, incarcerare coloro che diffondono voci allarmistiche. Infine, il Primo ministro iracheno incontrava a Mosca l’omologo russo Dmitrij Medvedev. Il terrorismo “è in continua evoluzione e prende nuove forme. Tutto questo richiede maggiore attenzione da parte della Russia e non vediamo l’ora di intensificare la nostra cooperazione“, dichiarava al-Abadi, “Attribuiamo grande importanza alle nostre relazioni con la Russia, crediamo che queste relazioni abbaino un futuro e penso che la nostra visita ne sia la prova“. Il primo ministro russo Dmitrij Medvedev dichiarava “Apprezziamo le nostre relazioni con l’Iraq (…) I rapporti bilaterali da ora si rafforzano. La visita di Abadi conferma la determinazione dei leader iracheni a proseguire la cooperazione con la Russia”. E difatti, il 23 maggio giungevano in Iraq nuovi lotti di mezzi corazzati russi, come carri armati T-72, lanciarazzi multipli TOS-1A e veicoli recupero BREM.

CE34ZcwW0AA-dSDCE34ZUQWYAAhD82CE4hPp-XIAA0XG5Riferimenti:
Analisis Militares
Fars
Fars
Reseau International
Sputnik

La Via della Seta arriva in Sud America

Andrew Korybko (USA) Oriental Review 20 maggio 2015Dilma_Rousseff_and_Xi_Jinping3Il premier cinese Li Keqiang è in visita in Sud America, e ci si aspetta che formalizzai la versione regionale della Via della Seta, la Ferrovia Interoceanica, durante il viaggio. Un ampio progetto per costruire una ferrovia di 5300 km dal Brasile al Perù, attraversando alcuni dei territori più difficili e delicati del mondo. Lungo la strada, tuttavia, affronterebbe certe minacce asimmetriche emergenti, come il potenziale assalto di gruppi ambientalisti indigeni violenti o il riemergere dell’organizzazione terroristica Sendero Luminoso. Se il progetto dovesse essere costruito e attivare il proprio potenziale economico, tuttavia, potrebbe risolvere la rivalità tra Alleanza del Pacifico e Mercosur che minaccia di dividere il continente e impedirne l’integrazione multipolare.

Grandi ambizioni
La grande strategia della Cina è facilitare il commercio globale attraverso progetti infrastrutturali strategici, credendo che la libertà economica offra ai partner la possibilità di liberarsi dal quadro unipolare occidentale e facilitare la transizione verso il sistema multipolare emergente. Assieme a questa visione, sono annunciati i progetti Fascia economica della Via della Seta e Via della Seta Marittima, diffondendo questa visione in Eurasia e Africa orientale. Informalmente, però, ha anche lo scopo di lcolegare l’America Latina a questo sistema tramite i più recenti impegni verso il continente (America Centrale e Sud America). La Cina risponde al Pivot degli Stati Uniti in Asia con il proprio perno, sia pure verso l”emisfero occidentale, e l’ultimo programma ferroviario è un’indicazione della scommessa cinese su una presenza prolungata nella regione. Il Dialogo Chino è un’ottima didascalia interattiva delle specifiche della Ferrovia interoceanica, spiegando la natura tramutante del progetto. Dovrebbe partire da Porto Do Acu, vicino Rio De Janeiro, e correre direttamente a nord-ovest fino al confine settentrionale con la Bolivia, dopo di che serpeggiare attraverso le Ande e terminare a Puerto Ilo in Perù. Lungo il percorso, attraverso il cuore industriale, carbonifero, agricolo (soprattutto soia e manzo), minerario (fosfati) e del legname del Brasile, ne trasporterebbe i prodotti oltre le Ande avvicinandoli all’affamato mercato cinese. L’obiettivo immediato è integrare le economie dei due Paesi BRICS, più vicini che mai, nonché dare a Pechino un punto d’appoggio sulla costa pacifica del Sud America, attraverso la porta peruviana, completandone la strategia emisferica assieme al Canale Transoceanico in Nicaragua, finanziato dai cinesi, con i due grandi progetti infrastrutturali che creano gli ancoraggi nord e sud del perno della Cina in America Latina.

Le minacce emergenti alla Ferrovia Interoceanica
Mentre il piano della Via della Seta sudamericana della Cina suona bene sulla carta, potrebbe in realtà essere piuttosto difficile attuarlo sul campo. A parte gli ostacoli geografici come montagne vertiginose e giungle impenetrabili, vi sono anche minacce socio-politiche e militari che potrebbero ritardarne o fermarne completamente la costruzione in alcune aree. Ecco ciò che potrebbe ragionevolmente incontrare la Ferrovia Interoceanica o essere fabbricato.

28DB4D5E00000578-3088105-image-a-5_1432056872337Resistenza ambientalista indigena
Anche se la rotta ufficiale della ferrovia deve ancora essere resa pubblica, le stima di ciò che probabilmente attraverserà preoccupa alcuni per le conseguenze ambientali e sociali. Più precisamente, importanti tratti di foresta pluviale, fauna selvatica e comunità indigene (alcune delle quali rimangono volontariamente isolate) probabilmente rischierebbero di essere disturbati dal progetto, e questi due temi, ambiente e diritti degli indigeni, notoriamente creano coalizioni di sostenitori nazionali ed internazionali. Il rischio è che la resistenza da tali due gruppi (soprattutto da comunità indigene e sostenitori) potrebbe divenire uno scandalo per le pubbliche relazioni, creando un caso di politica interna e dibattito nazionale, consentendo ai movimenti di opposizione anti-multipolarismo in Brasile e Perù di capitalizzare sui sentimenti negativi e sfruttarli nelle loro campagne per il potere.

Opposizione armata
L’evoluzione dello scenario delle minacce già citato per la Ferrovia interoceanica, è possibile se gli attori citati infine passassero all’opposizione armata. Dopo tutto, non sarebbe del tutto peculiare, dato che una guerriglia che in generale sostiene tali movimenti è recentemente spuntata in Paraguay. L’Esercito Popolare Paraguaiano (PPE) è un presunto gruppo di guerriglieri marxisti con legami con FARC ed organizzazioni di narcotrafficanti sudamericani, ed usa l’ambientalismo militante come suo ultimo grido di battaglia. L’ultimo attacco del PPE, ad aprile, ha visto la presenza di opuscoli di propaganda accanto a tre vittime uccise, denigrando la coltivazione di “soia, mais e altri prodotti che richiedono pesticidi” (prevedibilmente in risposta al controllo della Monsanto sul Paese), così come l’armamento delle milizie antiguerriglia degli agricoltori. Invano esso cercò il favore della popolazione indigena Mbya Guaraní in passato, ma ciò non significa che le mosse precedenti lo portino in futuro ad abbandonare completamente tale strategia. Pertanto, come si vede nel suo intenzionale (ma non necessariamente riuscito) uso di ambientalismo e diritti dei popoli indigeni, nell’ambito degli sforzi per sensibilizzare la comunità, il PPE presenta la violenta fusione di due temi principali che un giorno potrebbero riunire i principali come massa organizzata i gruppi d’interesse che si oppongono alla Ferrovia interoceanica. Non si prevede che il PPE espanda le attività in Brasile o Perù, ma movimenti simili potrebbero svilupparsi attorno a tali principi, e il fatto stesso che il PPE le utilizzi nell’ambito della propria attività d’informazione, crea il presupposto per futuri gruppi violenti nascosti dietro di essi.

Campagne terroristiche
L’apice dell’opposizione alla Via della Seta sudamericana vede gruppi ambientalisti e indigeni unirsi in una campagna terroristica contro i governi brasiliano e peruviano. Mentre il Brasile non ha una storia di terrorismo rurale, finora, il Perù sì ed è possibile che tale problema possa rispuntare ‘convenientemente’ con la Cina che porta la Ferrovia interoceanica nel Paese. Sendero Luminoso, riconosciuto come gruppo terrorista da Stati Uniti e Unione europea, mostra piccole scintille di una rinnovata attività negli ultimi due anni (per lo più traffico di droga), facendo pensare che un giorno possa acquisire una seconda vita. Se il movimento si rianima (forse anche con supporto esterno (occidentale)), potrebbe rappresentare un disastro per la costruzione della Via della Seta sudamericana, soprattutto perché il gruppo ha un passato operativo nelle giungla e montagne che la ferrovia dovrebbe attraversare. C’è anche lo scenario inquietante che tattiche terroristiche e motivazioni di Sendero Luminoso ed Esercito Popolare Paraguaiano si diffondano nell’Amazzonia brasiliana, creando una grave crisi interna che potrebbe impantanare il bastione sudamericano dei BRICS.

UNASUR più forte?
La costruzione della Ferrovia interoceanica collegando le coste atlantica e pacifica del Sud America attraversa il centro del continente, rappresenta un’impresa ingegneristica storica dalle profonde implicazioni economiche e politiche. Uno dei segni più importanti del completamento del progetto potrebbe benissimo essere la mitigazione delle tensioni tra i blocchi commerciali Alleanza del Pacifico e Mercosur e il rafforzamento del gruppo integrativo continentale UNASUR. Il ragionamento ditrro questo ottimismo è semplice, l’economia cinese ha dimensione e forza tali che Pechino potrebbe usarla ‘mediando’ tra i due blocchi, e ciò ancora di più se i progetti ferroviari (l’unico dei grandi progetti infrastrutturali che li collega) venissero completati. Se l’Alleanza del Pacifico e il Mercosur convergono, come è stato già detto, il risultato logico sarà la creazione di una zona di libero scambio pan-continentale fornendo la base economica essenziale a una maggiore integrazione in altri campi. Dovrebbe essere un dato di fatto che la maggiore integrazione renderebbe il Sud America più resistente all’egemonia degli Stati Uniti; e con la Ferrovia Interoceanica quale motore del processo multipolare, ci si può aspettare che gli Stati Uniti mobilitino i loro agenti in qualsiasi modo possibile, per sabotarla ad ogni costo.

Brasília - DF, 19/05/2015. Presidenta Dilma Rousseff e o Primeiro-Ministro da República Popular da China, Li Keqiang durante cerimônia de assinatura de atos. Foto: Roberto Stuckert Filho/PR.

Andrew Korybko è analista politico e giornalista presso Sputnik, attualmente vive e studia a Mosca, in esclusiva per Oriental Review.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.904 follower