Le ragioni del panico di Netanyahu

Alastair Crooke, Consortiumnews 1 settembre 2017 – Global ResearchUna delegazione dei vertici dell’intelligence israeliana, una settimana fa, visitava Washington. Poi, il Primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu disturbava le vacanze estive del Presidente Putin incontrandolo a Sochi dove, secondo un funzionario governativo israeliano (citato dal Jerusalem Post), Netanyahu ha minacciato di bombardare il palazzo presidenziale a Damasco e d’interrompere e annullare il processo di cessate il fuoco di Astana, se l’Iran continua ad “estendere la sua presenza in Siria“. La Pravda ha scritto, “Secondo testimoni oculari della parte aperta dei colloqui, il primo ministro israeliano era troppo emotivo e talvolta anche quasi nel panico. Ha descritto un quadro apocalittico al presidente russo che il mondo vedrebbe, se non si sforza di contenere l’Iran che, crede Netanyahu, è deciso a distruggere Israele“. Quindi, cosa succede? Se la citazione di Pravda è esatta (sebbene la descrizione non sia stata confermata da commentatori israeliani), ciò che è assolutamente chiaro (dalle fonti israeliane) è che sia a Washington che a Sochi i funzionari israeliani sono stati sentiti ma non hanno ottenuto nulla. Israele è solo. Infatti, si dice che Netanyahu cercasse “garanzie” sul futuro ruolo iraniano in Siria, piuttosto che “chiedere la Luna” dell’uscita iraniana. Ma come possono Washington e Mosca realmente dare a Israele tali garanzie? Senza dubbio, Israele ha capito di aver sostenuto la parte sbagliata in Siria, avendo perso. Non è in realtà in grado di chiedere nulla. Non otterrà una zona tampone imposta dagli statunitensi sulla linea d’armistizio sul Golan, né il confine iracheno-siriano sarà chiuso o “sorvegliato” per conto d’Israele. Naturalmente, l’aspetto siriano è importante, ma concentrarsi solo su questo sarebbe come “perdere nella foresta l’albero”. La guerra del 2006 da parte d’Israele per distruggere Hezbollah (istigata da Stati Uniti e Arabia Saudita, e addirittura da certi libanesi) fu un fallimento. Simbolicamente, per la prima volta in Medio Oriente, uno Stato nazione occidentale tecnologicamente sofisticato e pieno di armi ha semplicemente fallito. Ciò che ha reso il fallimento ancora più colpevole (e doloroso) è che uno Stato occidentale non è stato battuto militarmente, ha perso anche la guerra dell’intelligence elettronica ed umana, sfere in cui l’occidente pensava di aver un primato incontestato.

Le conseguenze del fallimento
L’inaspettato fallimento d’Israele è profondamente temuto in occidente e anche nel Golfo. Un piccolo movimento armato (rivoluzionario) si era opposto ad Israele, contro ogni probabilità, e ha vinto: era rimasto sul campo. Questo precedente è stato ampiamente percepito come possibile “svolta” regionale. Le autocrazie feudali del Golfo hanno riconosciuto, nella vittoria di Hezbollah, il pericolo latente al loro dominio da questa resistenza armata. La reazione fu immediata. Hezbollah fu messo in quarantena, come meglio il potere sanzionatorio degli USA poteva gestire. E la guerra in Siria cominciava ad essere considerata come “strategia per correggere” il fallimento del 2006 (già nel 2007), anche se solo successivamente al 2011 fu adottata tale “strategia correttiva”. Contro Hezbollah, Israele gettò tutta la sua forza militare (anche se gli israeliani dicono ora che avrebbero potuto fare di più). E contro la Siria, Stati Uniti, Europa, Stati del Golfo (e Israele) hanno gettato di tutto: jihadisti, al-Qaida, SIIL (sì), armi, tangenti, sanzioni e la guerra d’informazione più oppressiva mai vista. Eppure la Siria, con indiscutibile aiuto degli alleati, vince: resiste contro probabilità quasi incredibili. Per chiarire: se il 2006 segnò una svolta, la “resistenza” della Siria è una svolta storica ancor maggiore. Bisogna comprendere che lo strumento dell’Arabia Saudita (e di Gran Bretagna e USA), il radicalismo sunnita, ne esce devastato. E con esso, gli Stati del Golfo, ma in particolare l’Arabia Saudita, ne sono danneggiati. Quest’ultima si è affidata al wahhabismo fin dalla fondazione del regno: ma il wahabbismo in Libano, Siria e Iraq è stato sconfitto e screditato (anche presso la maggioranza dei sunniti). Può essere sconfitto anche in Yemen. Questa sconfitta cambierà il volto del sunnismo. Già vediamo il Consiglio di cooperazione del Golfo, originariamente fondato nel 1981 da sei capi tribali del Golfo al solo scopo di preservare la propria regalità ereditaria tribale nella penisola, combattersi in ciò che è probabilmente una protratta e aspra lotta intestina. Il “sistema arabo”, prolungamento delle vecchie strutture ottomane da parte dei vincitori della prima guerra mondiale, Gran Bretagna e Francia, sembra aver perso il suo “recupero” nel 2013 (grazie al colpo di Stato in Egitto) riprendendo il lento declino.

I perdenti
Il “quasi panico” di Netayahu (se ciò è veramente quello che è successo) potrebbe essere un riflesso di tale sisma regionale. Israele da tempo sosteneva i perdenti, e ora si trova “da solo” e teme per i suoi ascari (giordani e curdi). Sembra che la “nuova” strategia correttiva di Tel Aviv sia volto ad allontanare l’Iraq dall’Iran e alla sua adesione all’alleanza Israele-USA-Arabia Saudita. Se è così, Israele e Arabia Saudita sono probabilmente alla fine del gioco e probabilmente sottovalutano l’odio viscerale in tutta la società irachena per i crimini dello SIIL. Non molti credono all’improbabile narrativa (occidentale) che lo SIIL sia improvvisamente apparso armato e finanziato dal presunto “settarismo” del Primo ministro iracheno Nuri al-Maliqi: No, di regola, dietro un tale movimento ben impostato non c’è che uno Stato. Daniel Levy ha scritto un pezzo convincente per argomentare che gli israeliani, in genere, non sottoscrivono quanto scritto sopra, ma piuttosto: “Il lungo mandato di Netanyahu, i vari successi elettorali e la capacità di tenere insieme una coalizione governativa… (si basano) sul suo messaggio recepito dal pubblico. È il discorso di Netanyahu di aver portato lo Stato d’Israele nella migliore situazione della propria storia, da forza globale in ascesa… e che lo Stato d’Israele si espande diplomaticamente“. Netanyahu respinse ciò che chiamò la “notizia falsa” che senza un accordo con i palestinesi Israele sarà isolato, indebolito e abbandonato ad “affrontare uno tsunami diplomatico”. Difficile anche per i suoi detrattori politici non riconoscere che la rivendicazione di Netanyahu prevale nel pubblico perché riflette qualcosa di reale, spostando il centro di gravità della politica israeliana più avanti e più a destra. È un’affermazione che, se corretta e replicabile, lascerà un’eredità che supererà la premiership di Netanyahu e qualunque accusa possa affrontare. “L’affermazione di Netanyahu è che semplicemente non guadagna tempo nel conflitto coi palestinesi per migliorare i termini di un eventuale e inevitabile compromesso. Netanyahu afferma qualcosa di diverso: la possibilità di una vittoria definitiva, e della sconfitta permanente e definitiva dei palestinesi, dei loro obiettivi nazionali e collettivi. Da oltre un decennio primo ministro, Netanyahu ha rifiutato in modo coerente e inequivocabile tutti i piani o i passi pratici che finanche affrontassero le aspirazioni palestinesi. Netanyahu è solo volto a perpetuare e aggravare il conflitto, a non gestirlo, per non parlare di risolverlo… [Il] messaggio è chiaro: non ci sarà uno Stato palestinese perché Cisgiordania e Gerusalemme Est sono semplicemente nel Grande Israele“.Alcun Stato palestinese
Levy continua: “L’approccio sconvolge le ipotesi che hanno guidato gli sforzi di pace e la politica statunitense per oltre un quarto di secolo: Israele non ha altra alternativa all’eventuale ritiro territoriale ed accettazione di qualcosa che somiglia abbastanza a uno Stato palestinese sovrano ed indipendente, generalmente lungo le linee del 1967. Sfida la presunzione che la negazione permanente di un simile risultato sia incompatibile su come Israele si percepisca come democrazia. Inoltre, sfida la supposizione degli sforzi per la pace, che questa negazione sarebbe per nulla accettabile per gli alleati chiave da cui dipende Israele… “Nei bastioni tradizionali del sostegno ad Israele, Netanyahu ha accettato una scommessa calcolata, basterebbe che il supporto ebraico-americano continui a sostenere un Israele sempre più illiberale ed etno-nazionalista per facilitare la perpetuazione della relazione circolare USA-Israele? Netanyahu ha scommesso di sì, e aveva ragione“. E qui un altro punto interessante di Levy: “E poi gli eventi hanno preso un’ulteriore piega a favore di Netanyahu con l’ascesa al potere, negli Stati Uniti e nell’Europa Centrale ed Orientale (e una maggiore prominenza nell’Europa occidentale) della tendenza etno-nazionalista a cui Netanyahu è legato, lavorando per sostituire la democrazia liberale con una illiberale. Non va sottovalutata l’importanza di Israele e Netanyahu quali avanguardia ideologica e pratica di tale tendenza“. L’ex-ambasciatore statunitense e rispettato analista politico Chas Freeman ha scritto recentemente e molto chiaramente: “L’obiettivo centrale della politica statunitense in Medio Oriente è da tempo far accettare lo Stato colonizzatore ebraico in Palestina“. O, in altre parole, per Washington la politica mediorientale e tutte le relative azioni sono decise da “essere o non essere”: cioè “essere con Israele o meno”.

Il terreno perduto da Israele
Il punto chiave è che la regione ha appena avuto un cambio sismico verso il campo del “non essere”. C’è molto che gli USA possano fare? Israele è al solito rimasto solo con un’Arabia Saudita indebolita al suo fianco, e vi sono limiti chiari a ciò che l’Arabia Saudita può fare. Gli Stati Uniti che invitano gli Stati arabi a convincere il Primo ministro iracheno Haydar al-Abadi appaiono confusi. L’Iran non vuole la guerra con Israele (come hanno riconosciuto alcuni analisti israeliani); ma anche il presidente siriano ha chiarito che il suo governo intende recuperare “tutta la Siria” e tutta la Siria include le alture occupate del Golan. E questa settimana, Hassan Nasrallah invitava il governo libanese ad “inventare un piano e prendere una decisione sovrana per liberare le fattorie di Shaba e le colline di Qfar Shuba” da Israele. Numerosi commentatori israeliani già dicono che la “cosa è evidente”, e che sarebbe meglio per Israele cedere il territorio unilateralmente, piuttosto che rischiare centinaia di vite di militari israeliani nel futile tentativo di mantenerlo. Ma ciò però sembra difficilmente congruente con il “Primo ministro israeliano”, le cui ultime dichiarazioni sono tipo “non cederemo un centimetro”. L’etno-nazionalismo fornirà ad Israele una nuova base? Ebbene, in primo luogo, non vedo la dottrina d’Israele come “democrazia illiberale”, ma piuttosto come apartheid destinato a subordinare i diritti politici dei palestinesi. E mentre lo scisma politico in occidente si allarga, con un'”ala” che cerca di delegittimare l’altra smascherandola come razzista, bigotta e nazista, è chiaro che i veri statunitensi cercheranno a qualsiasi prezzo di distanziarsi dagli estremisti. Daniel Levy sottolinea che il capo di Alt-Right, Richard Spencer, descrive il suo movimento come White Sionism. È davvero possibile che Israele ne faccia una base? Quanto tempo passerà prima che i “globalisti” utilizzino esattamente il meme della “democrazia illiberale” di Netanyahu per opporsi alla destra statunitense perché è proprio questo il tipo di società che si prefigge: messicani e afroamericani trattati come i palestinesi?

“Nazionalismo etnico”
La crescente tendenza del “non essere” in Medio Oriente ha una parola più semplice del “nazionalismo etnico” di Netanyahu. Si chiama semplicemente colonialismo occidentale. Un’indicazione di Chas Freeman per cui Medio Oriente “sarebbe stato con Israele” fu l’assalto shock e sorpresa all’Iraq. L’Iraq è ora alleato dell’Iran e le milizie Hashad (PMU) sono un’ampia forza combattente mobilizzata. La seconda tappa fu nel 2006. Oggi Hezbollah è una forza regionale e non solo libanese. La terza tappa è la Siria. Oggi, la Siria è alleata con Russia, Iran, Hezbollah e Iraq. Cosa comprenderà il prossimo turno dell'”essere o meno”, la guerra? Sulle pretese di Netanyahu su un Israele più forte, ribadendo “ciò che chiamò la “notizia falsa” che senza un accordo con i palestinesi Israele sarà isolato, indebolito e abbandonato ad “affrontare uno tsunami diplomatico”,” Netanyahu potrebbe aver scoperto, nelle ultime due settimane, di aver confuso i “palestinesi” indeboliti con la “vittoria”, e solo al momento del suo apparente trionfo, si ritrova solo nel “Nuovo Medio Oriente”. Forse la Pravda aveva ragione, e Netanyahu apparve quasi nel panico durante il suo frettoloso e urgente vertice di Sochi.Alastair Crooke è un ex-diplomatico e figura dell’intelligence inglese e della diplomazia dell’Unione europea. Fondatore e direttore del Forum sui Conflitti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Un forte partenariato BRICS per un futuro luminoso

Tradotto dal cinese, questo è il discorso di apertura del Presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping al Vertice BRICS di Xiamen
Presidente Xi Jinping, Quotidiano del Popolo, 4 settembre 2017 – Global Research

Un partenariato forgiato con l’approccio giusto sfida la distanza geografica; è più forte della colla. del metallo e della pietra” (proverbio cinese).
Il decennio passato ha visto gli sforzi incessanti dei Paesi BRICS nel perseguire lo sviluppo e approfondire la partnership. È solo l’inizio della storia della cooperazione BRICS“.

Eccellenza Presidente Jacob Zuma,
Eccellenza Presidente Michel Temer,
Eccellenza Presidente Vladimir Putin,
Eccellenza Primo Ministro Narendra Modi,
Signore e signori,
Cari amici,
Sono lieto d’incontrarmi di nuovo con i miei colleghi. Vorrei iniziare a estendere, a nome del governo e del popolo cinesi, un caloroso benvenuto a tutti voi. Benvenuti al Summit BRICS di Xiamen. Con l’accento sul tema del vertice: “Partenariato più forte per un futuro più luminoso”, non vedo l’ora di collaborare con voi per valutare la cooperazione BRICS, tracciare un progetto per il futuro sviluppo e lanciare una nuova viaggio nella cooperazione. La cooperazione BRICS ha attraversato un glorioso decennio. Sebbene separati da montagne e oceani, i nostri cinque Paesi strettamente legati dall’impegno condiviso a una cooperazione vincente. Come dice un antico proverbio cinese, “la collaborazione forgiata con l’approccio giusto sfida la distanza geografica; è più forte della colla, del metallo e della pietra”. Dobbiamo il rapido sviluppo della cooperazione BRICS all’adozione dell’approccio giusto. Guidati da questo approccio, ci siamo rispettati e sostenuti a vicenda nel seguire il percorso di sviluppo adatto alle nostre rispettive condizioni nazionali; abbiamo portato avanti la cooperazione economica, politica e dei popoli con spirito aperto, inclusivo e vincente; e abbiamo lavorato in sintonia con altri Paesi emergenti e in via di sviluppo per sostenere giustizia ed equità internazionali e favorire un sano ambiente estero. I progressi passati mostrano che la cooperazione BRICS ha incontrato la nostra comune necessità di sviluppo ed è in linea con l’andamento della storia. Anche se abbiamo diverse condizioni nazionali, condividiamo l’impegno nel perseguire sviluppo e prosperità attraverso il partenariato. Questo ci ha permesso di superare le differenze e avere risultati vincenti.
Mentre il mondo subisce profondi complessi cambiamenti, la cooperazione BRICS è sempre più importante. I nostri cittadini si aspettano d’incoraggiare congiuntamente lo sviluppo e migliorarne il benessere. La comunità internazionale si aspetta che contribuiamo alla pace nel mondo e allo sviluppo comune. Dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi per approfondire la partnership BRICS e inaugurare il secondo “Decennio dorato” della cooperazione BRICS.
In primo luogo, dobbiamo cercare risultati pratici nella nostra cooperazione economica. La cooperazione orientata ai risultati è il fondamento della cooperazione BRICS e sono stati compiuti notevoli progressi in questo campo. Tuttavia, dobbiamo ancora sfruttare appieno il potenziale della cooperazione BRICS. Le statistiche mostrano che, nel 2016, dell’investimento in uscita per 197 miliardi di dollari USA, solo il 5,7% è avvenuto tra i nostri cinque Paesi. Ciò significa che la cooperazione BRICS ha ancora molto spazio. Dobbiamo rimanere concentrati sulla promozione della cooperazione economica orientata ai risultati ed ampliare gli interessi convergenti nei commercio ed investimenti, valuta e finanza, connettività, sviluppo sostenibile, innovazione e cooperazione industriale. Quest’anno abbiamo formulato la Roadmap dei BRICS per la cooperazione nei servizi, le linee guida per l’agevolazione degli investimenti dei BRICS, l’Iniziativa della cooperazione elettronica dei BRICS , il piano d’azione dei BRICS per la cooperazione per l’innovazione e il Piano d’azione per l’approfondimento della cooperazione industriale tra i Paesi BRICS. Abbiamo lanciato il Centro Regionale Africano della Nuova Banca di Sviluppo (NDB), abbiamo deciso d’istituire la BRICS Model E-Port Network e abbiamo raggiunto un ampio accordo su fiscalità, commercio elettronico, rapporti in valute locali, partenariato pubblico-privato e rete di istituzioni e servizi finanziari. La nostra cooperazione pratica è sempre più istituzionalizzata e sostanziale e ha fornito risultati tangibili. Vorrei annunciare che la Cina lancerà il piano di cooperazione economica e tecnica per i Paesi BRICS con 500 milioni di yuan per il primo mandato, per facilitare lo scambio politico e la cooperazione pratica nei settori economico e commerciale. La Cina contribuirà con quattro milioni di dollari USA al Piano di preparazione infrastrutturale della NDB per sostenere attività e sviluppo a lungo termine della banca. La Cina lavorerà con tutte le parti perseguendo coi risultati e il consenso raggiunti in passato sfruttando al meglio i meccanismi esistenti. Insieme dobbiamo cogliere le opportunità storiche della nuova rivoluzione industriale, esplorare nuove aree e modelli di cooperazione pratica e migliorare i nostri legami per garantire un progresso sostenuto e costante del meccanismo di cooperazione dei BRICS.
In secondo luogo, dobbiamo rafforzare la complementarità delle nostre strategie di sviluppo. Nonostante le nostre differenze nelle condizioni nazionali, i nostri cinque Paesi si trovano in una similare fase di sviluppo e condividono gli stessi obiettivi di sviluppo. Tutti noi affrontiamo un compito arduo nel far crescere l’economia. Rafforzare la complementarità delle nostre strategie di sviluppo contribuirà a far emergere i nostri punti di forza nelle risorse, nel mercato e nella forza lavoro, e libererà il potenziale di crescita dei cinque Paesi e la creatività dei nostri tre miliardi di abitanti, aprendo uno spazio enorme allo sviluppo. Dobbiamo pianificare bene a livello macro e intraprendere azioni concrete in settori chiave. Dovendo agire nello spirito di un’ampia consultazione, del contributo comune e dei vantaggi condivisi, dobbiamo identificare quelle aree in cui le nostre politiche di sviluppo e priorità convergono e continuare a lavorare per raggiungere l’obiettivo della connettività negli scambi ed investimenti, nelle valuta e finanza e nelle infrastrutture. Con particolare attenzione alla riforma strutturale e allo sviluppo sostenibile, dobbiamo espandere i nostri interessi convergenti e condividere esperienze su innovazione, imprenditoria, sviluppo industriale e capacità produttiva per stimolare i nostri rispettivi sviluppi economici. È importante trovare un equilibrio tra velocità di crescita e qualità ed efficienza della crescita. Attraverso l’attuazione dell’Agenda dello Sviluppo Sostenibile 2030 abbiamo l’opportunità di raggiungere un equilibrato progresso economico, sociale e ambientale e di creare uno sviluppo interconnesso e inclusivo.
In terzo luogo, dobbiamo rendere l’ordine internazionale più giusto ed equo. I nostri legami sempre più stretti con il resto del mondo ci chiedono di aver una parte più attiva nella governance globale. Senza la nostra partecipazione, molte sfide globali urgenti non possono essere risolte efficacemente. Dovremmo parlare con una sola voce e presentare congiuntamente le nostre soluzioni su questioni riguardanti pace e sviluppo internazionali. Questo incontra l’aspettativa della comunità internazionale e contribuirà a salvaguardare i nostri interessi comuni. Dobbiamo rimanere impegnati al multilateralismo e alle norme fondamentali che disciplinano le relazioni internazionali, lavorare per un nuovo tipo di relazioni internazionali e promuovere un ambiente pacifico e stabile per lo sviluppo di tutti i Paesi. Dobbiamo rendere la globalizzazione economica aperta, inclusiva, equilibrata e vantaggiosa per tutti, costruire un’economia mondiale aperta, sostenere il regime commerciale multilaterale e opporsi al protezionismo. Dobbiamo avanzare la riforma della governance economica globale, aumentare la rappresentatività e la voce dei mercati emergenti e dei Paesi in via di sviluppo e dare nuovo impulso agli sforzi per affrontare il divario dello sviluppo tra Nord e Sud e promuovere la crescita globale.
In quarto luogo, dobbiamo promuovere gli scambi tra popoli. L’amicizia tra i popoli è la chiave per sincronizzare i rapporti tra Stato e Stato. Solo con una cura intensa l’albero dell’amicizia e della cooperazione cresce lussureggiante. Aumentare gli scambi tra i nostri popoli e vedere lo spirito di partenariato abbracciato da tutti è una causa degna meritevole del nostro impegno duraturo. Un lavoro ben fatto a questo proposito manterrà la cooperazione BRICS vibrante. Siamo lieti di notare che l’importante consenso raggiunto a livello di leadership su scambi più stretti tra popoli è stato tradotto in realtà. Quest’anno, gli scambi tra popoli dei nostri cinque Paesi sono stati a pieno ritmo, segnati dalle diverse attività dei Giochi BRICS, BRICS Film Festival, Festival Culturali dei BRICS e l’incontro ad alto livello sulla medicina tradizionale. Speriamo che, attraverso i nostri sforzi congiunti, queste attività avranno luogo regolarmente e siano istituzionalizzate. Dobbiamo ampliare il nostro percorso per coinvolgere il pubblico ed incoraggiare scambi più vivaci tra culture diverse.
Cari colleghi,
L’ultimo decennio ha visto gli sforzi incessanti dei Paesi BRICS per perseguire lo sviluppo e approfondire il partenariato. È solo l’inizio della storia della cooperazione dei BRICS. Come ho detto nelle mie lettere all’inizio di quest’anno, guardando avanti, la cooperazione BRICS è destinata a raggiungere un maggiore sviluppo e svolgere un ruolo ancora più grande negli affari internazionali. Partiamo da Xiamen e uniamo le forze per inaugurare il secondo “Decennio dorato” della cooperazione BRICS offrendo maggiori benefici ai popoli dei nostri cinque Paesi e di tutto il mondo.
Grazie.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Xi presiede il vertice che deciderà sul prossimo decennio d’oro dei BRICS

Xinhua 5/9/2017Il Presidente Xi Jinping ha presieduto il 9.no Vertice BRICS, invitando il gruppo delle cinque economie emergenti ad intensificare la cooperazione e contribuire maggiormente ad un mondo in turbamento per protezionismo e sviluppo sbilanciato. “Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per tracciare il secondo decennio d’oro della cooperazione BRICS”, ha detto Xi ai leader di Brasile, Russia, India e Sudafrica al vertice della città sudorientale di Xiamen, provincia del Fujian. Era la prima volta che Xi presiedeva il vertice BRICS e la terza a presiedere importanti eventi internazionali in un anno, dopo il vertice di Hangzhou dei G20 e al Belt and Road Forum per la cooperazione internazionale di Pechino. Il Presidente Michel Temer, il Presidente Vladimir Putin, il Primo Ministro Narendra Modi e il Presidente Jacob Zuma sono stati accolti da Xi prima dell’apertura del vertice, dal tema “BRICS: un più forte partenariato per un futuro più luminoso“. Il vertice doveva decidere il percorso futuro del gruppo, che rappresenta il 43 per cento della popolazione mondiale e contribuisce a più della metà della crescita economica mondiale degli ultimi dieci anni. Xi ha avanzato la sua visione per “approfondire” il partenariato BRICS, tra cui ricercare risultati pratici nella cooperazione economica, rafforzare la complementarità delle strategie di sviluppo e rendere l’ordine internazionale più giusto e equo. Lo scambio tra popoli, “causa degna di un impegno duraturo”, dovrebbe essere promosso, secondo Xi, che notava le diverse condizioni nazionali dei cinque Paesi, ma sottolineava che le differenze possono essere superate ottenendo risultati vincenti. Invitava i BRICS a riunire le forze su risorse, mercati e forza lavoro per liberare il potenziale di crescita e creatività di 3 miliardi di persone. Rifiutando le affermazioni che il gruppo perda peso, Xi dichiarava al BRICS Business Forum che i Paesi BRICS sono “completamente sicuri” su possibilità di crescita e prospettive future, nonostante le variabili che sconvolgono la crescita. Dal vertice G20 di Hangzhou, nel settembre scorso, al vertice BRICS a Xiamen, l’approccio della Cina allo sviluppo globale è sempre più evidente grazie a partnership, economia aperta e cooperazione vincente. Porto commerciale sin dai tempi antichi e porta per la Cina, Xiamen è dove Xi iniziò la carriera quando giunse nella provincia del Fujian quale nuovo funzionario, nel 1985. Spera che i Paesi BRICS lascino la città offrendo maggiori vantaggi ai cittadini dei cinque Paesi e del mondo, mentre incertezze e rischi persistono con politiche chiuse che pesano sulle prospettive globali di crescita, Xi sottolineava che la promozione della cooperazione economica orientata ai risultati, “è il fondamento della cooperazione BRICS”. Il potenziale per la cooperazione BRICS va sfruttata completamente, dichiarava citando gli investimenti esteri dei cinque Paesi pari a 197 miliardi di dollari nel 2016, solo il 5,7 per cento nei BRICS. Esortava a promuovere la cooperazione in settori quali commercio e investimenti, monetari e finanziari, comunicazioni, sviluppo sostenibile e innovazione. Nell’ultima dimostrazione di efficacia dei BRICS, il presidente comunicava che la Cina lancerà un piano economico e tecnologico per i BRICS da 500 milioni di yuan (circa 76 milioni di dollari) nel primo mandato, per facilitare gli scambi e la cooperazione nei campi economici e commerciali. La Cina fornirà anche 4 milioni di dollari USA per i progetti della New Development Bank dei BRICS, inaugurata nel 2015.
Stabilizzando le relazioni regionali e internazionali, i BRICS lavorano duramente per ampliare la presenza internazionale. Posizione riaffermata da Xi al vertice. “I cinque Paesi svolgono un ruolo più attivo nella governance globale. Senza la nostra partecipazione, molte sfide urgenti globali non possono essere risolte efficacemente“, dichiarava. “Dobbiamo parlare con una sola voce e presentare congiuntamente le nostre soluzioni su questioni riguardanti pace e sviluppo internazionali”. Dichiarava che i BRICS dovrebbero lavorare per un nuovo tipo di relazioni internazionali e sostenere la globalizzazione economica “aperta, inclusiva, equilibrata e vantaggiosa per tutti“. Il discorso di Xi veniva ripreso dalle controparti. Zuma affermava che i BRICS dovrebbero rafforzare i contatti con le altre economie emergenti e Paesi in via di sviluppo per perseguire uno sviluppo comune. I cinque Paesi dovrebbero rafforzare la cooperazione e migliorare la governance economica globale per creare un ambiente estero sano, dichiarava Temer. Da parte sua, Putin affermava che i BRICS dovrebbero costruire un’economia mondiale aperta, opporsi al protezionismo e promuovere una crescita inclusiva e sostenibile. Modi affermava che i Paesi BRICS dovrebbero esplorare il potenziale della cooperazione economica, salvaguardare il sistema commerciale multilaterale e promuovere lo scambio tra popoli. Per consolidare il terreno comune, i leader dei Paesi BRICS adottavano la dichiarazione di Xiamen, esprimendo consenso su varie questioni, tra cui sostegno al ruolo centrale delle Nazioni Unite negli affari internazionali, contro il protezionismo, la condanna del terrorismo e deplorando l’ultimo test nucleare della Repubblica popolare democratica Corea.
Al summit di Xiamen, la Cina aveva un Dialogo sui mercati emergenti e Paesi in via di sviluppo, in cui i leader di Egitto, Guinea, Messico, Tagikistan e Thailandia raggiungevano i leader BRICS per discutere della cooperazione nello sviluppo globale. Il modello proposto dalla Cina è considerato parte dell’accordo per promuovere i BRICS come piattaforma leader per la cooperazione Sud-Sud. Per le economie emergenti e i Paesi in via di sviluppo, “dobbiamo attenerci all’apertura piuttosto che al protezionismo, ai meccanismi commerciali multilaterali piuttosto che ad avvantaggiare se stessi a spese degli altri, ai vantaggi reciproci piuttosto che al gioco a somma zero“, dichiarava Xi in una riunione ristretta coi leader BRICS. “È facile rompere una freccia, ma difficile romperne 10 legate insieme“, affermava Xi citando un proverbio cinese nel discorso volto a coinvolgere altri Paesi emergenti e in via di sviluppo nella cooperazione e in attività reciprocamente vantaggiose. Iqbal Surve, capo del capitolo sudafricano del BRICS Business Council, dichiarava che “BRICS Plus” sarà calorosamente accolto dai Paesi in via di sviluppo poiché l’iniziativa è persegue lo scopo comune di eliminare la povertà e realizzare i sogni.

Putin sostiene la piattaforma energetica dei BRICS e l’unità contro il protezionismo
TBP  1 settembre 2017

Mosca sosterrà la piattaforma energetica dei BRICS, il loro consolidamento contro il protezionismo e un maggiore coordinamento in politica estera tra i cinque aderenti, secondo il Presidente Vladimir Putin. “Riteniamo che questa (piattaforma di ricerca sull’energia) ci permetterà di coordinare le nostre attività di informazione, analisi e ricerca nell’interesse dei cinque Paesi BRICS e in ultima analisi facilitare l’attuazione dei progetti comuni d’investimento nell’energia“, scriveva Putin in un articolo pubblicato da Xinhua. La Cina è già il più grande consumatore di energia e importatore netto mondiale. L’importazione totale di petrolio nei primi sei mesi di quest’anno ha raggiunto i 212 milioni di tonnellate, secondo la General Administration of Customs della Cina. La Russia è tra i maggiori produttori di gas e petrolio nel mondo. Il gigante Gazprom sostiene di possedere le maggiori riserve di gas naturale del mondo. A Xiamen, la Cina si prepara per il 9° Vertice BRICS, Brasile, Russia, India, Sudafrica e Cina. Putin affermava che i BRICS intendono “rafforzare il ruolo dell’OMC come regolatore chiave nel commercio internazionale“. “Sono fiducioso sui Paesi BRICS che continueranno ad agire in modo consolidato contro il protezionismo e le nuove barriere al commercio globale“, scriveva. Lo zelo del protezionismo sospinto dalla vittoria elettorale di Donald Trump è un argomento molto discusso nei vertici economici mondiali, anche al G20 di quest’anno. C’è sempre più timore che l’amministrazione di Trump abbatta gran parte del quadro della cooperazione sul commercio e l’energia sostenibile esistente tra le nazioni del G20. Le tensioni aumentano col piano di Trump di usare una legge della guerra fredda per limitare le importazioni di acciaio per motivi di sicurezza nazionale. Nel frattempo, il presidente russo ha anche parlato dei BRICS che uniscono le forze per la stabilità globale. “La Russia rafforzerà il coordinamento delle politiche estere dei Paesi BRICS, soprattutto all’ONU e nel G20, così come in altre organizzazioni internazionali” aveva scritto Putin. La Russia e “altri Paesi interessati, hanno inflitto un pesante colpo ai terroristi” in Siria. Putin ha anche chiesto il sostegno dei BRICS nel creare “un ampio fronte antiterrorismo basato sul diritto internazionale e guidato dall’ONU“. Putin avrà incontri bilaterali con capi di Stato degli altri Paesi BRICS, a margine del vertice, tra cui il Presidente Xi Jinping e il Primo ministro Narendra Modi.

Necessità di amplificare la voce delle economie emergenti: Xi alla riunione plenaria dei BRICS
TBP 4 settembre 2017

Il vertice BRICS a Xiamen, in Cina, dominerà l’agenda politica dei cinque Paesi coi presidenti Putin, Xi, Zuma, Temer e il Primo ministro Modi al tavolo. I leader BRICS s’incontrano per trovare un consenso su commercio, protezionismo, Corea democratica, lotta al terrorismo e cambiamento climatico. Nella sessione plenaria del vertice BRICS, il Presidente Xi Jinping ha dichiarato che i cinque Paesi devono espandere gli interessi commerciali convergenti. “Dobbiamo cercare risultati pratici nella nostra cooperazione economica (BRICS), non abbiamo ancora completamente sfruttato i potenziali dei BRICS“, aveva detto Xi. “Dobbiamo parlare con una voce su questioni riguardanti la pace internazionale… Dobbiamo amplificare la voce dei mercati emergenti e dei Paesi in via di sviluppo“, aveva aggiunto. Xi annunciava che la Cina lancerà il BRICS Economic&Technical Cooperation Plan da 500 milioni di yuan (76,4 milioni di dollari) nel primo periodo, e affermava che la Cina stanzia 4 milioni di dollari per integrare la struttura operativa della Banca BRICS. Alla riunione plenaria, il Presidente Michel Temer proponeva la creazione di un forum d’intelligence dei BRICS per combattere il terrorismo. Il Primo ministro indiano Narendra Modi avanzava la creazione di un’agenzia di rating dei BRICS per “soddisfare le esigenze di finanziamento delle entità sovrane e societarie dei Paesi in via di sviluppo“. “Le nostre banche centrali devono rafforzare ulteriormente le proprie capacità e promuovere la cooperazione tra il contingente di riserva e il FMI“, aggiungeva. Il Contratto di riserva contingentale dei BRICS da 100 miliardi di dollari è pienamente operativo dopo le riunioni inaugurali del consiglio di amministrazione del BRICS-CRA e del Comitato permanente di Ankara del 2015. I Paesi BRICS hanno avviato nuove istituzioni finanziarie come Banca BRICS da 100 miliardi di dollari, Banca Asiatica per gli Investimenti Infrastrutturali guidata dalla Cina, e un fondo di riserva dei BRICS da 100 miliardi di dollari. A Xiamen, i cinque leader seguono colloqui a porte chiuse dopo la riunione plenaria.

I mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo sono il “motore della crescita globale”: Xi
Xinhua 5/9/2017Global Times

Il Presidente Xi Jinping dichiarava che i mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo sono il motore principale della crescita economica mondiale. Xi ha fatto l’osservazione al discorso presso il Dialogo dei mercati emergenti e dei Paesi in via di sviluppo nella città di Xiamen. Il Presidente cinese prevede che il dialogo crei un forte impulso per l’approfondimento della cooperazione Sud-Sud e l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. “Ho fiducia che il dialogo rafforzerà solidarietà e cooperazione tra i Paesi emergenti e in via di sviluppo e contribuirà anche alla costruzione del meccanismo BRICS“, dichiarava Xi. Definendo l’avanzata collettiva dei mercati emergenti e dei Paesi in via di sviluppo “tendenza irreversibile dei nostri tempi“, Xi dichiarava che questi Paesi hanno contribuito in modo significativo alla crescita economica mondiale negli ultimi anni, pari all’80% della crescita mondiale nel 2016. “Sono degni della reputazione di motore principale della crescita globale“, aggiungeva. Attualmente, mentre l’economia mondiale ascende e commercio ed investimenti internazionali riprendono, il nuovo ciclo della rivoluzione tecnologica e industriale guadagna slancio con nuove industrie, nuove tecnologie e nuovi modelli di business, affermava. “Da questo punto di vista, i mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo hanno una rara opportunità di sviluppo“, aggiungeva Xi.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La Russia è pronta a contrastare ‘l’eccessivo dominio’ di certe valute – Putin

La Cina acquisterà petrolio con lo yuan d’oro
Gli esportatori di petrolio come Russia e Iran presto aggireranno e il dollaro USA, convertendosi allo yuan d’oro
Russia InsiderIl principale importatore mondiale di petrolio, la Cina, si prepara a lanciare contratti futures sul petrolio denominati in yuan cinese e convertibili in oro, creando il più importante mercato asiatico del petrolio e consentendo agli esportatori di superare i mercati denominati in dollari USA, secondo Nikkei Asian Review. I futures del petrolio greggio saranno il primo contratto commodity della Cina aperto ai fondi d’investimento stranieri, imprese commerciali e petrolifere. L’elusione del dollaro USA potrebbe consentire agli esportatori come Russia e Iran, ad esempio, di evitare le sanzioni statunitensi con i negoziati in yuan, secondo Nikkei Asian Review. Per rendere più attraenti i contratti denominati in yuan, la Cina prevede che siano completamente convertibili in oro sulle piazze di Shanghai e Hong Kong. Il mese scorso, Shanghai Futures Exchange e la controllata Shanghai International Energy Exchange, INE, hanno completato con successo quattro test per realizzare futures del greggio e lo scambio, continuando la preparazione delle quotazioni dei futures del petrolio greggio per fine anno. “Le regole del gioco petrolifero mondiale potrebbero cominciare a cambiare seriamente”, dichiarava Luke Gromen, fondatore della società di ricerca macroeconomica statunitense FFTT”. Sì, le regole cambiano. Benvenuti nel mondo multipolare, dove le nazioni non devono più essere vincolate al dollaro: “La quotazione delle attività cinesi in yuan, unitamente al piano della Borsa di Hong Kong per la vendita di contratti sull’oro fisico in valuta, creerà un sistema in cui i Paesi eviteranno il sistema bancario statunitense, dichiarava Tinker in una nota del 30 agosto. “Avendo accettato il pagamento di petrolio o gas in yuan, il venditore, che sia Russia, Arabia Saudita o chiunque altro, non dovrà preoccuparsi dell’eccesso di yuan, potendo semplicemente cambiarlo in oro”, afferma Tinker. “Avanziamo verso un mondo multipolare”.”

La Russia è pronta a contrastare ‘l’eccessivo dominio’ di certe valute – Putin
“Inoltre lavoreremo per una distribuzione più equilibrata delle quote e delle azioni di voto nel FMI e nella Banca mondiale”, dichiarava Putin
TASS 1 settembre 2017

La Russia è pronta a unire le forze coi partner per contrastare l’eccessivo dominio di poche valute di riserva, dichiarava il Presidente Vladimir Putin nel suo articolo sul prossimo vertice BRICS. “Siamo pronti a collaborare con i nostri partner per promuovere le riforme per la regolamentazione finanziaria internazionale e superare l’eccessivo dominio di poche valute di riserva e lavoreremo anche verso una distribuzione più equilibrata di quote e azioni di voto nel FMI e della Banca mondale“, dichiarava Putin nel suo articolo, “BRICS: verso nuovi orizzonti del partenariato strategico“, pubblicato negli Stati BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) in vista del summit del 3-5 settembre in Cina.

Infelice architettura finanziaria globale
Secondo il leader russo, la Russia condivide le preoccupazioni dei Paesi BRICS sull’infelice architettura finanziaria ed economica mondiale, che non tiene in debito conto del crescente peso delle economie emergenti. “Ho fiducia sui Paesi BRICS che continueranno ad agire in modo solido contro protezionismo e nuove barriere nel commercio mondiale. Valutiamo il consenso dei Paesi BRICS su questo tema, che ci permetta di sostenere più coerentemente le basi di un sistema commerciale multilaterale aperto, uguale e reciprocamente vantaggioso e di rafforzare il ruolo dell’OMC come regolatore chiave nel commercio internazionale“. Il presidente afferma che l’iniziativa della Russia sullo sviluppo della cooperazione tra le agenzie antimonopolistiche dei Paesi BRICS mira a creare meccanismi efficaci per incoraggiare una sana concorrenza. “L’obiettivo è creare un pacchetto di misure di cooperazione per contrastare le pratiche commerciali restrittive delle grandi multinazionali e le violazioni transfrontaliere delle regole della concorrenza“, dichiarava.

Ruolo della nuova Banca di Sviluppo
Il leader russo ha affermato che la strategia dei BRICS per il partenariato economico, attualmente in fase di attuazione, è stata adottata al vertice di Ufa del 2015. “Speriamo di poter discutere di nuovi compiti per l’ampia cooperazione nel commercio, investimenti ed industria al vertice di Xiamen“, dichiarava Putin, aggiungendo che la Russia è interessata a promuovere la cooperazione economica nel formato BRICS. “Sono stati recentemente segnalati notevoli risultati pratici in questo settore, soprattutto il lancio della Nuova Banca di Sviluppo (NDB) e approvati sette progetti di investimenti nei Paesi BRICS per un valore di circa 1,5 miliardi di dollari. Quest’anno, la NDB approverà un secondo pacchetto di progetti d’investimento di 2,5 e 3 miliardi di dollari”, continuava il leader russo. “Sono convinto che la loro attuazione non sarà solo d’impulso alle nostre economie, ma promuoverà anche l’integrazione tra i nostri Paesi“.BRICS: Svolta del nuovo sistema economico mondiale e ruolo cruciale della Cina
Živadin Jovanovic, Global Research, 23 agosto 2017
Intervista del Quotidiano del Popolo con l’autore ed ex-Ministro degli Esteri della Jugoslavia Zivadin JovanovicCome ospite di questo vertice, quali nuovi elementi può portare la Cina ai BRICS?
ZJ: Prima di tutto, è naturale che la Cina, fondatrice e Paese ospitante del vertice BRICS, riaffermi i notevoli risultati della cooperazione e dello sviluppo dei BRICS nella democratizzazione del mondo del commercio, dello sviluppo e delle istituzioni finanziarie, facendo uscire l’economia mondiale dalla recessione. Allo stesso tempo, la Cina dovrebbe offrire i migliori modi per affrontare nuove sfide nel commercio globale, investimenti e rapidi cambiamenti nelle strutture e tecnologie economiche. Parlando di “nuovi elementi”, a mio avviso potrebbero essere: ulteriore espansione dell’adesione ai BRICS in linea con i ruoli potenziali e reali delle economie emergenti; contemplare le sfide della nuova rivoluzione industriale dagli enormi potenziali di sviluppo, ma anche dai cambiamenti senza precedenti nelle strutture economiche e sociali; rafforzare la lotta per il commercio internazionale e la cooperazione negli investimenti secondo il principio contrario ad autarchia o protezionismo economico e finanziario, o a qualsiasi altra forma di confronto.

2. Che ruolo hanno avuto i BRICS nella governance globale? Il ruolo dei BRICS nel mondo è cambiato negli ultimi anni? Quale ruolo dovrebbe giocare in futuro?
ZJ: I BRICS, in particolare la Cina, hanno svolto un ruolo cruciale nella riforma della governance economica mondiale, puntando alla creazione di un nuovo ordine mondiale economico giusto senza dominio, esclusione e sfruttamento. I BRICS sono il simbolo del Nuovo Ordine Economico basato sulla uguaglianza sovrana, l’inclusività, i benefici e le responsabilità condivise, la vittoria della cooperazione. L’istituzione della Nuova Banca di sviluppo BRICS, della Banca d’Investimento per le Infrastrutture dell’Asia, della Cintura e Via e una serie di altre istituzioni economiche, finanziarie e monetarie istituite dai BRICS o dalla Cina quale leader, hanno già cambiato la governance dell’economia mondiale. Questo processo di grande importanza non è finito. Nuove sfide, ostacoli e persino aperta resistenza alla democratizzazione delle relazioni economiche mondiali richiederanno nuove iniziative dai BRICS e dalle economie emergenti in generale.

3. Come valuta le prestazioni dei BRICS negli ultimi anni? Quali caratteristiche hanno?
ZJ: La creazione e il ruolo dei BRICS sono d’importanza storica per il presente e per il futuro delle relazioni economiche e dello sviluppo mondiali. I BRICS rappresentano il punto di svolta dal sistema mondiale dal dominio all’uguaglianza sovrana e alla pari opportunità per tutti. Dal sistema di aggravamento delle lacune economiche e sociali alla distribuzione equa della ricchezza e alle strategie centrate sul benessere umano. Dall’interventismo e dalla destabilizzazione volte a controllare la ricchezza della Terra a consolidare pace, sviluppo e controllo sovrano della ricchezza naturale di ogni Paese. La creazione dei BRICS ha avviato un processo irreversibile ponendo fine all’era del dominio di pochi ricchi inaugurando pari opportunità e continuo sviluppo per tutti. I BRICS sono guidati dalla convinzione che solo uno sviluppo equo e sostenibile sia nell’interesse della pace, della stabilità e del benessere dell’umanità. Ciò che rende i BRICS forti, affidabili e dal futuro luminoso sono loro apertura, uguaglianza ed efficacia. La Nuova Banca di Sviluppo (BRICS), ad esempio, basa le proprie decisioni sulle richieste di credito solo sui meriti economici, senza alcuna condizione politica.

4. La Cina ha svolto un ruolo di primo piano nel processo di cooperazione dei BRICS. Cosa dovrebbe fare per guidarli verso un futuro migliore?
ZJ: Rafforzare la cooperazione quale simbolo dell’approccio globale della Cina alla cooperazione economica internazionale, all’adesione al principio di uguaglianza sovrana e all’armonizzazione degli approcci bilaterali e multilaterali nella strategia di sviluppo e ad altre sfide, saranno il modo migliore dei BRICS per aver un futuro migliore. Pur rimanendo aperti alla cooperazione equa con le parti sviluppate del mondo, le strategie di sviluppo dei Paesi BRICS dovrebbero essere volte a facilitare lo scambio economico fra essi e tra le economie emergenti in generale.

5. La Cina è la seconda economia del mondo. Che tipo di influenza positiva ha avuto nella riforma del sistema economico e finanziario mondiale?
ZJ: La Cina pone grandi potenzialità non solo nello sviluppo socioeconomico e culturale moderno, ma anche nell’economia mondiale. Il fatto che sia salita a seconda economia del mondo, con la reale possibilità di divenire prima nel prossimo futuro, è una prova della potenzialità senza precedenti e della chiara visione del futuro di pari opportunità per tutti. La strategia cinese delle riforme e dell’apertura ha portato non solo alla crescita più veloce del PIL nel mondo, ma anche al rafforzamento delle tecnologie, della scienza, dell’innovazione e dello sviluppo verde. Introducendo il concetto di cooperazione mutua e della Iniziativa Globale Cinghia e Via, la Cina difatti presenta un nuovo modello di cooperazione internazionale basato su obiettivi comuni a lungo termine, non sui calcoli brevi e vantaggi temporanei. Tutto ciò ha reso la Cina partner affidabile e altamente auspicabile nella cooperazione e nella costruzione del Nuovo Ordine Mondiale. La Cina ha ottenuto un forte sostegno internazionale nel perseguire una cooperazione vincente, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo. Ciò ha naturalmente portato all’influenza molto positiva della Cina nel promuovere le riforme delle istituzioni economiche e finanziarie mondiali, rendendo più attese e rispettate interessi e voce delle parti meno sviluppate del mondo. Il coordinamento delle azioni nell’ambito di BRICS, SCO ed altre integrazioni ha reso l’influenza della Cina nelle istituzioni come G20, OMC, FMI e Nazioni Unite molto più visibile ed efficiente. Senza dubbio l’influenza della Cina nel riformare ulteriormente i sistemi economici e finanziari mondiali si rafforzerà. L’adesione della Cina all’OMC e l’ingresso del renminbi nel paniere delle monete internazionali (SDR) rafforzano l’influenza della Cina. Infine, le istituzioni che Cina, BRICS o SCO hanno già istituito, come NDB, AIIB, BRI e altri, sono i pilastri dei nuovi sistemi finanziari ed economici emergenti.

6. I BRICS esprime gli interessi dei Paesi in via di sviluppo. Come dovrebbero i Paesi sviluppati e in via di sviluppo rafforzare la crescita economica mondiale?
ZJ: Innanzitutto perseguendo commercio, investimenti e trasferimento di nuove tecnologie in modo aperto e senza ostacoli. I Paesi in via di sviluppo dovrebbero essere sostenuti in particolare nel rafforzare l’interconnessione con l’espansione e la modernizzazione delle infrastrutture. Per essere in armonia con una pace duratura, la cooperazione economica dovrebbe essere priva di obiettivi geopolitici di breve durata, tipici della guerra fredda e dei periodi unipolari. Non c’è modo di ritornare al sistema di dominio.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La battaglia per le ricchezze minerarie dell’Afghanistan

Prof. Michel Chossudovsky, Global Research, 24 agosto 2017Trump chiede l’escalation della guerra in Afghanistan. Perché? Fa parte della “guerra mondiale al terrorismo”, contro i cattivi, oppure è un’altra cosa? Ignoto al pubblico, l’Afghanistan ha notevoli risorse di petrolio, gas naturale e materie prime strategiche, per non parlare dell’oppio, industria da miliardi di dollari che alimenta il mercato illegale dell’eroina negli USA. Queste riserve minerarie includono enormi giacimenti di ferro, rame, cobalto, oro e litio, una materia prima strategica utilizzata nella produzione di batterie ad alta tecnologia per computer portatili, telefoni cellulari e autovetture elettriche. L’implicazione della decisione di Trump è saccheggiare e rubare le ricchezze minerarie dell’Afghanistan per finanziare la “ricostruzione” di un Paese distrutto dagli Stati Uniti e dai loro alleati dopo 16 anni di guerra, cioè “riparazioni di guerra” pagate all’aggressore?
Un memo del Pentagono del 2007, citato dal New York Times, suggerisce che l’Afghanistan potrebbe diventare l’Arabia Saudita del litio. (New York Times, Gli USA identificano le ricchezze minerarie in Afghanistan, 14 giugno 2010, e BBC del 14 giugno 2010, vedi anche Michel Chossudovsky, Global Research, 2010).
Se richiederebbe molti anni sviluppare un’industria mineraria, il potenziale è così grande che funzionari e dirigenti credono che potrebbe attrarre grandi investimenti; “Qui c’è un potenziale stupefacente”, dichiarava il generale David H. Petraeus, comandante del Comando Centrale degli Stati Uniti, “Ci sono tantissime cose, naturalmente, ma credo che sia potenzialmente molto significativo”. “Sarà la spina dorsale dell’economia afghana”, affermava Jalil Jumriany, consigliere del ministro delle Miniere afgano. (New York Times, op cit.)
Ciò che questo rapporto del 2007 non menziona è che ciò è noto a Russia (Unione Sovietica) e Cina dagli anni ’70. Mentre il governo afgano del presidente Ashraf Ghani invitava il presidente Donald Trump a promuovere gli investimenti degli Stati Uniti nel settore minerario, compreso il litio, la Cina è all’avanguardia nello sviluppo dei progetti per l’estrazione e l’energia, nonché di oleodotti e corridoi dei trasporti. La Cina è un importante partner commerciale e di investimenti dell’Afghanistan (assieme a Russia e Iran), che potenzialmente supererebbero gli interessi economici e strategici degli Stati Uniti in Asia centrale. L’intenzione della Cina è integrare nei trasporti terrestri il corridoio di Wakhan che collega l’Afghanistan alla regione autonoma cinese del Xinjiang Uyghur. L’Afghanistan avrebbe 3 trilioni di dollari in minerali inesplorati, e le società cinesi hanno acquisito i diritti per estrarre enormi quantità di rame e carbone e sfruttano le prime concessioni di esplorazione petrolifere concesse agli stranieri in decenni. La Cina ricerca anche grandi depositi di litio, i cui impieghi vanno dalle batterie alle componenti nucleari. “I cinesi investono anche in energia idroelettrica, agricoltura e costruzione. È in corso un collegamento stradale diretto verso la Cina attraverso il confine di 76 chilometri tra i due Paesi”. (New Delhi Times, 18 luglio 2015)
L’Afghanistan ha riserve petrolifere estese, esplorate dalla National Petroleum Corporation della Cina (CNPC).“La guerra fa bene agli affari”
Le basi militari statunitensi affermano il controllo statunitense sulle ricchezze minerarie dell’Afghanistan. Secondo Foreign Affairs, “Vi sono più forze militari statunitensi in Afghanistan che in qualsiasi altra zona di guerra“, e il cui mandato ufficiale è “combattere” taliban, al-Qaida e SIIL nell’ambito della “Guerra globale al terrorismo”. Perché tante basi militari? Perché altre forze inviate da Trump? L’obiettivo non dichiarato della presenza militare degli Stati Uniti in Afghanistan è impedire alla Cina di stabilire relazioni commerciali ed investimenti con l’Afghanistan. Più in generale, l’istituzione di basi militari in Afghanistan sul confine occidentale della Cina rientra nel processo di accerchiamento militare della Repubblica popolare cinese, ossia schieramenti navali nel Mar della Cina meridionale, strutture militari a Guam, Corea del Sud, Okinawa, Jeju, ecc.

Pivot in Asia
Secondo il patto di sicurezza afghano-statunitense, istituito nell’ambito degli obiettivi asiatici di Obama, Washington e partner della NATO hanno una presenza militare permanente in Afghanistan, con strutture militari situate vicino alla frontiera occidentale della Cina. Il patto mirava a consentire agli Stati Uniti ad avere nove basi permanenti situate strategicamente ai confini di Cina, Pakistan e Iran, nonché Turkmenistan, Uzbekistan e Tagikistan. La presenza militare degli Stati Uniti, tuttavia, non ha impedito l’espansione dei rapporti commerciali e degli investimenti tra Cina e Afghanistan. Un accordo di partenariato strategico fu firmato tra Kabul e Pechino nel 2012. L’Afghanistan ha lo status di osservatore nell’Organizzazione della cooperazione di Shanghai (SCO). Inoltre, il vicino Pakistan, ormai pieno aderente alla SCO, ha stretti rapporti bilaterali con la Cina. E ora Donald Trump minaccia il Pakistan, che per molti anni è stato il bersaglio della “guerra non dichiarata dei droni” degli USA. In altre parole, è avvenuto un cambiamento geopolitico che favorisce l’integrazione dell’Afghanistan a fianco del Pakistan nell’asse eurasiatico degli investimenti e dell’energia. Pakistan, Afghanistan, Iran e Cina collaborano in progetti su gasdotti e oleodotti. La SCO di cui sono aderenti Turkmenistan, Uzbekistan e Tagikistan, provvede la piattaforma geopolitica per l’integrazione dell’Afghanistan nei corridoi per l’energia e i trasporti eurasiatici. La Cina intende integrare l’Afghanistan nella rete dei trasporti nell’ambito dell’Iniziativa Fascia e Via. Inoltre, il gigante minerario statale cinese Metallurgical Corporation of China Limited (MCC) è già riuscito a prendere il controllo del grande deposito di rame di Mes Aynak, in un’area controllata dai taliban. Già nel 2010 Washington temeva “che la Cina affamata di risorse cercherà di dominare lo sviluppo delle ricchezze minerarie dell’Afghanistan, sconvolgendo gli Stati Uniti… Dopo aver ottenuto la concessione per la miniera di rame di Mes Aynak, nella provincia di Logar, la Cina vuole chiaramente di più“. (Mining)

La Cina e la battaglia per il litio
I conglomerati minerari cinesi sono in concorrenza per il controllo strategico del mercato mondiale del litio, che fino a poco tempo prima era controllato dai “Big Three”, Rockwood Lithium di Albemarle (North Carolina), Sociedad Quimica y Minera de Chile e FMC Corporation (Philadelphia) attiva in Argentina. Mentre i Big Three dominano il mercato, la Cina rappresenta una grande quota della produzione mondiale di litio, classificandosi al quarto posto come maggiore produttore di litio dopo Australia, Cile e Argentina. Nel frattempo il gruppo cinese Tianqi ha assunto il controllo della più grande miniera di litio australiana, Greenbushes. Tianqi possiede ora il 51% della Talison Lithium, in collaborazione con l’Albemarle della North Carolina. Questa spinta alla produzione di litio è legata al rapido sviluppo dell’automobile elettrica in Cina: “La Cina è ora “il centro dell’universo del litio”. La Cina è già il più grande mercato di auto elettriche. BYD, società cinese sostenuta da Warren Buffett, è il più grande produttore di auto elettriche del mondo e le aziende cinesi producono la maggiore quantità di litio per batterie. Ci sono 25 aziende che producono 51 modelli di auto elettriche in Cina. Quest’anno ne saranno vendute oltre 500000 in Cina. Ci sono voluti 7 anni alla GM per vendere 100000 Chevy Volts dal 2009. La BYD ne venderà 100000 solo quest’anno!” (Mining, novembre 2016)
Le dimensioni delle riserve di litio in Afghanistan non sono chiare. Gli analisti ritengono che le riserve ancora da sfruttare non avranno un impatto significativo sul mercato mondiale del litio.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora