La cooperazione militar-tecnica Russia-Iran: fatti e dettagli

Pavel Lisitsyn, Sputnik, 20/01/2015

La Russia e la Repubblica islamica dell’Iran hanno avviato un’attiva cooperazione tecnico-militare nel 1990. La Russia ha attualmente limitato la vendita di prodotti e servizi militari all’Iran, la cui industria della Difesa ha dichiarato avere raggiunto l’autosufficienza.

487119Russia e Iran hanno firmato un importante accordo di cooperazione militare, durante la visita del ministro della Difesa russo Sergei Shojgu a Teheran che, secondo il ministro, è stato un passo importante nella collaborazione delle forze armate dei due Paesi. Russia e Repubblica islamica dell’Iran avviarono la cooperazione tecnico-militare nel 1990. Secondo varie fonti, l’ex-Unione Sovietica aveva consegnato armi e attrezzature militari all’Iran per 733-890 milioni di dollari, entro la fine del 1990. La cooperazione tecnico-militare è stata regolata da una serie di accordi intergovernativi sottoscritti nel 1989, 1990 e 1991. Nell’ambito di tali accordi, Mosca fornì a Teheran caccia Mikojan-Gurevich MiG-29 Fulcrum e bombardieri tattici Sukhoi Su-24MK, sottomarini diesel-elettrici 877EKM classe Kilo (tra cui la costruzione di strutture portuali e per la manutenzione) e sistemi missilistici antiaerei (SAM) S-200VE Vega-E. Inoltre, in base all’accordo, l’Iran ha prodotto carri armati T-72 e veicoli da combattimento per la fanteria BMP-2 su licenza e direzione russa. Nel 1990, l’Iran ricevette i suoi primi 14 aerei da guerra MiG-29. Le consegne degli aerei al Paese aumentarono nel 1991 e compresero 12 bombardieri Su-24 e 20 caccia MiG-29/MiG-29UB. Nel 1990-1991, i MiG-29 dell’Iran hanno ricevuto 350 missili aria-aria R-27R e 576 missili aria-aria R-60. Altri sei MiG-29/MiG-29UB furono consegnati all’Iran nel 1993-1994. Tra il 1993 e il 1997, la Russia consegnò circa 120 veicoli da combattimento per la fanteria BMP-2 e 800 missili anticarro 9M111. Nel 1992-1996, l’Iran ha ricevuto tre sottomarini diesel-elettrici 877EKM classe Kilo per i quali pagò circa 750 milioni di dollari. Nei primi anni ’90, le vendite a Teheran di armi e attrezzature militari russe furono stimate a circa 500 milioni di dollari all’anno, costituendo circa l’85 per cento delle esportazioni russe verso l’Iran. Il 30 giugno 1995 la Russia firmò un memorandum promettendo che Mosca si sarebbe astenuta dal firmare ulteriori contratti per la consegna di armi convenzionali all’Iran. Il memorandum inoltre garantiva l’attuazione di tutti i contratti esistenti entro la fine del 1999. Il documento fu firmato dal primo ministro russo Viktor Chernomyrdin e dal vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore. La Russia non poté attuare tutti gli aspetti dei contratti stipulati entro il termine del memorandum del 31 dicembre 1999 e, di conseguenza, registrò 2 miliardi di dollari di diminuzione delle entrate. Un’ulteriore condizione del memorandum vide la Russia cessare la consegna di pezzi di ricambio e componenti per armi e attrezzature militari già vendute all’Iran.
Dal 2000, Teheran ha indicato più volte a Mosca la volontà di riprendere l’acquisto di armi. Il memorandum Russia-USA del 1995 impediva ogni possibilità di vendita di armi al Paese. Invertendo tale decisione, la Russia nel novembre 2000 ufficialmente notificò agli Stati Uniti che dal 1 dicembre 2000 avrebbe annullato l’accordo del 1995. Nell’ottobre 2001, Russia e Iran firmarono un accordo di cooperazione tecnico-militare nel corso della visita ufficiale a Mosca del ministro della Difesa iraniano. Il documento creò un quadro giuridico formale per la cooperazione a lungo termine tra i due Paesi su armi e logistica militare. All’inizio del nuovo millennio, l’Iran era il quarto maggiore (6,1 per cento) importatore di prodotti militari acquistati dall’ente esportatore di armi dello Stato russo Rosvooruzhenie, dopo Cina, India ed Emirati Arabi Uniti. Nel 2001-2002 la Russia iniziò a fornire munizioni e componenti per gli aerei MiG-29 e Su-24MK dell’aeronautica iraniana. Sempre nel 2001, l’Iran e l’ente per l’esportazione di materiale militare della Russia Rosoboronexport firmarono un nuovo contratto per l’acquisto di 36 elicotteri Mi-171Sh. Il contratto fu completato nel 2004. Tra 2000 e 2003 l’impianto aeronautico di Ulan-Ude consegnò all’Iran 27 elicotteri d’assalto Mil Mi-171 nella versione civile. Nel 2003, la Russia consegnò tre aerei da attacco al suolo Su-25UBK Frogfoot all’Iran. Un contratto per altri tre aerei fu firmato nel 2005. Nel 2004, la società russa Kurganmashzavod ricevette 60 milioni di dollari dall’Iran per 300 veicoli da combattimento per la fanteria BMP-2. All’inizio del 2005, la Russia consegnò altri tre elicotteri Mi-17 all’Iran, costruito appositamente per il pronto soccorso. Nello stesso anno vi fu anche un contratto per consegnare proiettili di artiglieria guidati Krasnopol-M. Nel dicembre 2005, Russia e Iran firmarono un contratto da 1,4 miliardi di dollari per armi e attrezzature militari russe, tra cui 29 sistemi missilistici SAM Tor-M1 o SA-15 Gauntlet. Mosca aveva anche stipulato un contratto con l’aeronautica iraniana per aggiornarne gli aerei. Secondo i rapporti ufficiali, la Russia s’impegnava a riparare e aggiornare i 24 bombardieri Su-24 dell’Iran con un contratto da 300 milioni di dollari. Un contratto aggiuntivo fornì all’Iran dei pattugliatori. A fine dicembre 2006, la Russia consegnò 29 sistemi SAM Tor-M1 all’Iran. Nel febbraio 2007, Mosca completò la consegna di 1200 missili 9M331 per i Tor, insieme a tutti gli accessori, strumenti e la strumentazione necessari. Anche se non confermato ufficialmente, Rosoboronexport avrebbe mediato la vendita all’Iran di 200 motori per carri armati V-84MS, prodotti presso la Cheljabinsk Tractor Plant, per circa 200 milioni di dollari. L’esercito iraniano prevedeva d’installarli sui suoi carri armati Zulfiqar. Il design del carro Zulfiqar si basa sul quello del carro russo T-72S, prodotto in Iran su licenza russa. Nel 2007, la Russia accettò di consegnare cinque batterie di sistemi SAM S-300PMU-1/SA-20 Gargoyle (40 lanciatori) all’Iran al prezzo di circa 800 milioni di dollari.
Il 9 giugno 2010 il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite approvò una risoluzione per attuare sanzioni all’Iran per il controverso programma nucleare, in gran parte militari, tra cui il divieto di vendita di armi moderne al Paese. La Russia partecipò alle sanzioni e sospese la cooperazione tecnico-militare con l’Iran. Il 22 settembre 2010, il presidente russo Dmitrij Medvedev firmò un ordine esecutivo per rispettare la risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Il documento vietava ogni vendita militare dalla Russia all’Iran incluso il trasferimento di armi all’Iran da fuori i confini della Russia da parte di aerei o navi battenti bandiera russa. I prodotti militari vietati dalle sanzioni delle Nazioni Unite sulle armi convenzionali coprivano quasi ogni tipo di sistemi d’arma convenzionali, tra cui carri armati, veicoli blindati, artiglieria di grosso calibro, aerei da combattimento, elicotteri d’attacco, navi da guerra, missili e sistemi missilistici. Il divieto riguarda va anche le parti di ricambio, l’hardware e il software necessari per la loro manutenzione. Le sanzioni delle Nazioni Unite sulle armi convenzionali non vietava la vendita di armi come artiglieria da campo e mortai di calibro inferiore ai 100 mm, elicotteri da trasporto, cannoni antiaerei, sistemi radar, veicoli militari e un certo numero di altri sistemi classificati come “intermedi”. La Russia attualmente vende in modo estremamente limitato prodotti e servizi militari all’Iran, mentre l’industria della Difesa iraniana ha dichiarato di avere raggiunto l’autosufficienza. Il Centro per l’Analisi sul commercio mondiale delle armi (CAWAT) stima che la Russia abbia perso l’opportunità di ricevere 11-13 miliardi dalle vendite tecnico-militare all’Iran negli ultimi anni. Tale somma comprende la consegna di armi dai contratti firmati prima dell’embargo a Teheran. La stima tiene conto anche delle perdite degli utili relativi ai programmi in cantiere quando fu sospesa la vendita di armi. Come stimato da CAWAT, la Russia doveva per ricevere 1,8-2,2 miliardi per le armi da difesa aerea, 2,2-3,20 per armamenti navali, 3,4-3,7 per aerei e armi relative, 2,1-2,5 per armi terrestri ed ulteriori 200-250 milioni per pezzi di ricambio, componenti, supporto logistico e contratti di riparazione e manutenzione. La relazione individuò una perdita di 200 milioni relativi alla vendita dei sistemi di comunicazione spaziale e satelliti da osservazione. Il contratto russo-iraniano per i sistemi SAM S-300 fu annullato dopo l’introduzione delle sanzioni anti-Iran. Per via dei contratti annullati, l’Iran citava in giudizio la Rosoboronexport presso il Tribunale di conciliazione e arbitrato dell’OSCE di Ginevra, Svizzera. Gli imputati russi offrirono una composizione amichevole, promettendo di fornire ulteriori sistemi missilistici SAM Tor-M1E in una seconda data non specificata. Nell’ottobre 2011, la Russia consegnò una stazione radar-jamming 1L222 Avtobaza all’Iran. Fu la prima vendita registrata ufficialmente dopo l’introduzione delle sanzioni.
Attualmente, la Russia affronta due sfide importanti se vuole vendere armi all’Iran. Primo, deve convincere Teheran a ritrattare la causa presso la Corte di conciliazione e arbitrato dell’OSCE di Ginevra. Secondo, l’Iran deve prevedere la risoluzione del problema nucleare per via diplomatica. La risoluzione di questi due temi consentirà di togliere le sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite all’Iran, permettendo la ripresa delle vendite di armi e dell’assistenza militare russe al Paese.

1932475Russia e Iran stipulano l’accordo di cooperazione militare
Sergej Guneev, Sputnik 20/01/2015

Il ministro della Difesa russo e il suo omologo iraniano hanno sottolineato l’importanza nel sviluppare la cooperazione intergovernativa volta a contrastare l’interferenza negli affari della regione di forze esterne.

10479702Russia e Iran hanno firmato un accordo intergovernativo sulla cooperazione militare. “Un grande passo nel consolidamento dei rapporti (tra Russia e Iran) è la firma dell’accordo intergovernativo sulla cooperazione militare. È stata creata una base teorica per la cooperazione in campo militare“, ha detto il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu dopo la firma dell’accordo con il ministro della Difesa e della Logistica iraniano Hossein Dehghan, nella capitale del Paese Teheran. Shojgu ha aggiunto che durante i negoziati è stato raggiunto un accordo sulla “cooperazione bilaterale su pratiche e promozione dell’incremento delle capacità militari delle forze armate dei nostri Paesi“. Russia e Iran hanno accettano di affrontare l’ingerenza esterna negli affari della regione, ha detto il ministro della Difesa e della Logistica iraniano Hossein Dehghan. “(Durante i negoziati), l’importanza della necessità di sviluppare la cooperazione tra Russia e Iran nella comune lotta all’ingerenza negli affari della regione da parte di forze esterne, è stata inquadrata”, ha detto Dehghan dopo l’incontro a Teheran con il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu. Dopo l’incontro con Shojgu, Dehghan ha detto che secondo Russia e Iran, l’aggravarsi della situazione nella regione è dovuta alla politica degli USA”intromettendosi negli affari interni di altri Paesi“. Russia e Iran hanno inoltre deciso di aumentare le visite delle marine militari di entrambi i Paesi. “Abbiamo deciso di ampliare gli scali delle navi da guerra russe e iraniane“, ha detto Shojgu. Il capo della difesa russo, in visita in Iran per la prima volta in 15 anni, ha promesso l’impegno della Russia “a una cooperazione a lungo termine e multilivello” con l’Iran, anche nel campo militare. Ha sottolineato che le comuni sfide alla sicurezza potrebbero essere affrontate più efficacemente incrementando tale cooperazione.
I rapporti tecnologico-militari russo-iraniani s’inasprirono nel 2010, quando Mosca aderì alle sanzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite contro Teheran per il suo controverso programma nucleare. Le sanzioni imposte all’Iran negli ultimi decenni impongono l’embargo completo sulla vendita di armi. Il Centro per l’Analisi sul commercio mondiale delle armi di Mosca stima che la Russia abbia perso 13 miliardi di dollari dei contratti per le armi a causa delle sanzioni occidentali all’Iran.

La firma dell’accordo sulla Difesa tra Russia e Iran ‘può risolvere’ il problema dei missili S-300
RT 20 gennaio 2015

1079398Mosca e Teheran hanno firmato l’accordo di cooperazione militare, implicando un’ampia collaborazione nel campo dell’addestramento militare e delle attività antiterrorismo. Può anche risolvere la situazione sulla consegna dei missili russi S-300, secondo i media iraniani. Il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu e il suo omologo iraniano Generale di brigata Hossein Dehghan, hanno firmato il documento nel corso della visita dei vertici della Russia nella capitale dell’Iran. In base al nuovo accordo, la cooperazione ampliata comprenderà scambi per l’addestramento militare, maggiore cooperazione antiterrorismo e operatività avanzata per le marine di entrambi i Paesi, utilizzando i rispettivi porti più frequentemente. Secondo l’agenzia iraniana Fars, le due parti hanno risolto i problemi relativi alla fornitura dei sistemi di difesa missilistici S-300 della Russia all’Iran. Tuttavia, Mosca deve ancora commentare ufficialmete sul sistema di difesa. Il contratto da 800 milioni di dollari per fornire i sistemi missilistici di difesa aerea S-300 all’Iran fu annullato nel 2010 dal presidente russo Dmitrij Medvedev, allora, seguendo le sanzioni delle Nazioni Unite all’Iran per il suo controverso programma nucleare. A sua volta, Teheran ha presentato una richiesta di risarcimento da 4 miliardi di dollari contro la Russia presso il tribunale arbitrale di Ginevra. “I due Paesi hanno deciso di risolvere la questione degli S-300“, ha detto il ministero della Difesa iraniano, secondo l’agenzia Interfax. Non sono stati forniti ulteriori dettagli.
L’eventuale rinnovo dei colloqui sulla vendita dei missili è stato confermato dall’ex-capo del dipartimento per la cooperazione internazionale del Ministero della Difesa, secondo l’agenzia RIA Novosti. “Un passo è stato fatto verso la cooperazione economica e tecnologica militare, in cui infine i sistemi difensivi S-300 e S-400 saranno probabilmente consegnati“, ha detto il Colonnello-Generale Leonid Ivashov, presidente del Centro Internazionale per l’Analisi geopolitica, secondo RIA. Le sanzioni occidentali hanno ravvicinato le posizioni dei due Paesi sulla cooperazione nella Difesa, ha aggiunto Ivashov. Il nuovo accordo è volto a creare relazioni militari a “lungo termine e multilivello” con l’Iran, ha detto il ministro della Difesa russo Shojgu, sottolineando che “la base teorica per la cooperazione in campo militare è stato creata“. La parte iraniana crede che gli “effetti durevoli su pace e sicurezza regionale” possano essere forniti dall’accordo, secondo Fars. “Come vicini, Iran e Russia hanno visioni comuni su questioni politiche, regionali e globali“, ha detto Dehghan, secondo AP. Per l’Iran, l’accordo per rafforzare la cooperazione militare potrebbe anche significare sostegno nel contrastare le ambizioni statunitensi in Medio Oriente, con i due Paesi che “contribuiscono congiuntamente al rafforzamento della sicurezza internazionale e della stabilità regionale.” “Iran e Russia possono affrontare l’intervento espansionista e l’avidità degli Stati Uniti attraverso cooperazione, sinergia ed attivazione delle capacità strategiche“, ha detto il ministro della Difesa iraniano, secondo AP.
Mosca ha mantenuto stretti legami con Teheran per anni, in particolare nel settore nucleare. La prima centrale nucleare iraniana di Bushehr è diventata operativa, con il controllo della centrale consegnati agli specialisti iraniani nel settembre 2013. Lo scorso autunno, è stato firmato un accordo per costruire altri reattori in Iran.

1383969Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rispondere alle minacce degli Stati Uniti: “La Russia deve tenere nel mirino gli USA”

Generale Leonid Ivashov, Global Research, 17 gennaio 2015

La dottrina militare della Russia può essere aggiornata e modificata seguendo la natura mutevole delle minacce. Pravda.ru ha intervistato il presidente del Centro Internazionale per l’Analisi geopolitica, Dottore in Scienze storiche Leonid Ivashov, sullo stato attuale della dottrina militare della Federazione russa.

1011863606“La parte conclusiva della dottrina militare dal 2010 stabilisce che le sue disposizioni possono essere regolate in conformità con la natura mutevole di pericoli e minacce militari. Chi e che cosa oggi è una minaccia per la Russia? “
“La dottrina militare non è né un ordine, né una direttiva. È solo un piano d’azione, la visione della sicurezza militare di uno Stato. Naturalmente, la visione cambia cambiando la situazione militare-politica. La dottrina viene poi utilizzata quale base per creare regole sull’uso delle forze armate, ordini del caso, direttive e così via. La dottrina, approvata nel 2010, si basava su condizioni più o meno tranquille per la Russia, in termini militari, politici e militari-strategici. Leadership militare e politica della Russia credeva che le nostre relazioni con l’occidente fossero generalmente cordiali. Eravamo solo preoccupati dall’espansione della NATO. Tale aspetto veniva delicatamente designato nella dottrina. La dottrina è chiaramente di natura difensiva. Il testo della dottrina russa del 2010 non contiene una parola come “offensiva”, per non parlare di “scontro in battaglia”. Ha una posizione puramente difensiva, ma se succede qualcosa all’improvviso, siamo pronti. Le nostre capacità nucleari sono la garanzia della sicurezza della Russia. Ciò ha permesso di distruggere le forze convenzionali e portare a termine le riforme che Serdjukov (ex-ministro della Difesa della Russia, ndr) conduceva distruggendo l’esercito e la marina della Russia come organizzazioni militari. Il tutto era garantito dal fatto che abbiamo le armi nucleari. Il nostro scudo nucleare è il fattore primario della deterrenza nucleare. Tuttavia, questa deterrenza non garantisce la sicurezza, perché non vediamo una situazione in cui premere il tasto dell’attacco di rappresaglia. Gli statunitensi hanno cambiato radicalmente strategia militare e dottrina nucleare nei primi anni 2000. Hanno messo le armi nucleari in secondo piano. Non hanno aggiornato un solo missile balistico e non ne costruiscono di nuovi. Ciò che fanno è creare una nuova forza d’attacco che deciderà l’esito delle battaglie future. Il 18 dicembre 2003 firmarono una direttiva sul concetto di rapido attacco globale, secondo cui attaccheranno lanciando migliaia di missili ad alta precisione da diverse direzioni strategiche, tra cui missili da crociera lanciati da aerei e navi, missili strategici e droni. Con il primo attacco programmano di disabilitare le nostre basi dei sottomarini lanciamissili balistici e persino i missili nei silos. In tale situazione, se la Russia reagisse userebbero il sistema di difesa missilistica, la cui componente principale non è la difesa missilistica europea, ma quella marina. Gli Stati Uniti hanno 93 navi equipaggiate con sistemi AEGIS. Un AEGIS abbatté un satellite statunitense nel 2008 su un’orbita a 247 chilometri di altitudine. Così, gli statunitensi programmano di distruggere i nostri missili balistici superstiti in fase di decollo. A tal fine, hanno creato tale difesa missilistica. In seguito, i sistemi AEGIS disabiliterebbero le testate dei missili lanciati. Gli statunitensi fanno del loro meglio per svalutare il potenziale missilistico nucleare russo. E possono avere successo. Se accadesse, e possiamo già vederlo, vedremo un comportamento completamente diverso degli Stati Uniti. Neutralizzando le forze nucleari strategiche della Russia, gli statunitensi possono dichiarare di non riconoscere né la rotta del Mare del Nord, né le creste Mendeleev e Lomonosov come acque russe. Gli Stati Uniti li proclamerebbero proprie o internazionali, e per loro ‘internazionale’ significa ‘americani’. Possiamo affrontare una situazione del genere, e che cosa farebbe la Russia? Lanciare missili balistici nucleari? No, certo che no.
La dottrina militare ha un’altra posizione piuttosto precaria, che chiamo mossa della disperazione. Si dice che se potenze non nucleari aggredissero la Russia, minacciandone esistenza e integrità territoriale, dovremmo preventivamente usare armi nucleari. Sembra corretto, ma vediamo: contro quali nostri vicini possiamo usare armi nucleari tattiche, le armi del campo di battaglia? Contro la NATO? È sotto l’ombrello nucleare statunitense, come il Giappone. Si dà il caso che siano solo Mongolia e Finlandia i Paesi contro cui possiamo usare le armi nucleari, se ci minacciassero. La situazione è cambiata radicalmente, e noi siamo sull’orlo di una guerra, non fredda ma reale. Pertanto, oggi la Russia attua frettolosamente sforzi per ricostruire la capacità difensiva delle forze armate e modificare la dottrina militare. I progressi russi sono lenti, un passo in avanti, un passo o due indietro. Dopo tutto, le forze spaziali esistevano ai tempi dell’Unione Sovietica. Tuttavia, si è pensato allora che non avessimo nemici nello spazio, e le truppe furono sciolte. Oggi lavoriamo su questo terreno incolto. Secondo il piano dei probabili nemici, i satelliti di navigazione e ricognizione che ci permettono l’uso dei missili da crociera e balistici, devono essere distrutti per primi. La prima fase del possibile attacco avrebbe per obiettivo il gruppo spaziale, in modo da accecarci. Sarebbe difficile per l’aeronautica raggiungere gli obiettivi senza il sistema GLONASS. Oggi la Russia adotta le misure per correggere tale errore”.

“L’aviazione strategica a lungo raggio russa celebra i 100 anni dalla fondazione. Qual è il suo ruolo oggi?”
Qualsiasi Stato normale crea un complesso di sistemi d’arma. Viviamo ancora dei resti del sistema di Ustinov, quando tutto era interconnesso e lavorava di concerto. Quando stavamo costruendo la triade navale, terrestre ed aerea vi furono molte controversie, ma ci fu un posto per l’aeronautica a lungo raggio. Questo posto è unico, perché i missili terrestri sono collegati a una certa base. Un sottomarino naviga negli oceani, ma rimane comunque legato a una base, ed azioni e movimenti sono tracciabili. L’aeronautica è molto più mobile, può cambiare rotta e quota. Oggi, quando gli statunitensi costruiscono il sistema di difesa contro i missili balistici russi, l’aeronautica dovrebbe salire alla ribalta nella triade. A peggiorare le cose, l’utilizzo di missili ingombranti come Bulava, Topol e Voevoda in versione convenzionale non ha senso, perché i costi sono enormi e l’effetto può essere minimo. Inoltre, l’aeronautica strategica a lungo raggio russa può utilizzare missili da crociera di precisione convenzionali. Può anche cambiare la potenza delle testate. Penso che sia stata dimenticata ingiustamente. I velivoli a lungo raggio devono essere ripristinati urgentemente. I nostri “Cigni Bianchi” possono decollare e atterrare da qualsiasi punto a media distanza dagli Stati Uniti, forse in America Latina. Bingo, possono tenere nel mirino il territorio degli Stati Uniti, ed è ciò che essi più temono, investendo molto denaro nella difesa missilistica, pur di non scatenare guerre sul proprio territorio. Saranno felici d’inscenarle ovunque ma non sul proprio territorio. Dobbiamo avere la forza di creare un gruppo che possa, in caso di aggressione alla Russia, agire sul territorio degli Stati Uniti. Oggi sarebbe un fattore di deterrenza. Si dice che lo Stato Maggiore Generale delle Forze Armate della Federazione Russa e il Ministero della Difesa russi già ci lavorino”.

“Quali sono le deterrenze convenzionali più efficaci in questo momento?”
Si dovrebbe tenere il territorio degli Stati Uniti nel mirino, agendo immediatamente sul loro territorio. Il gruppo dovrebbe colpire la Federal Reserve, scherzo, naturalmente. Eppure c’è qualcosa di vero perché, di regola sono gli oligarchi finanziari che avviano le guerre. La deterrenza non nucleare dovrebbe includere potenti agenzie governative, in particolare il Ministero degli Esteri. Le agenzie economiche dovrebbero esservi coinvolte infliggendo danni con mezzi economici. Ciò dovrebbe essere considerato una missione di combattimento. Pianificare i rifornimenti di idrocarburi e altre merci strategiche deve necessariamente prevedere la possibilità di uno speciale periodo bellico.

abm-killer-missile-russiaCopyright © 2015 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

IL PRIMO RAGGIO – L’arsenale strategico di Mosca 1943-2013

La Russia e i suoi armamenti: una visione gollista

Philippe Grasset, Dedefensa, 19 gennaio 2015Russian servicemen aboard armoured personnel carriers salute during the Victory Day parade in Moscow's Red SquareSappiamo che negli ultimi anni l’industria della Difesa russa ha avuto un grande successo, soprattutto nell’esportazione, sempre più simile a quella dell’Unione Sovietica durante la Guerra Fredda. Ma questa osservazione riguarda l’aspetto quantitativo, diciamo economico, in particolare le esportazioni, e manca l’essenza dell’evoluzione. In realtà, l’industria della Difesa non “ritorna” al passato, ma rientra in una situazione completamente nuova, essenzialmente politica. Eppure non c’è nulla di nuovo in ciò, semplicemente i russi prendono in prestito la politica specifica che il Generale de Gaulle strutturò e animò tra il 1958 e il 1969, sulla base dei principi di sovranità e indipendenza nazionale verso le parti (venditore e acquirente). I russi lo fanno mentre i francesi per debolezza, disattenzione, incomprensione e abdicazione alla propria sovranità, de facto abbandonano gli ultimi resti della loro politica degli armamenti. Un punto interessante è, a quanto pare, la realizzazione da parte degli stessi russi di questo orientamento alla ristrutturazione, mostrando una “grande politica” delineata, per esempio, dalle dichiarazioni di Aleksandr Fomin, direttore del FSMTC, il Dipartimento federale russo responsabile per la cooperazione militar-tecnologica (Interfax, 19 gennaio 2015). Fomin ritiene che la Russia oggi sia il numero due delle esportazioni di armi dopo gli Stati Uniti, e il cui volume delle esportazioni è in costante aumento (aumentato di un miliardo di dollari nel 2014 rispetto all’anno precedente). Fomin elenca i vari benefici che generano indirettamente, aumentando qualità e affidabilità dei sistemi russi, e un vantaggio incomparabile di questi sistemi sui loro concorrenti occidentali sono i prezzi molto più bassi. (Per contro, Fomin ha osservato che le armi russe sono generalmente più costose di quelle cinesi, intenso però che in gran parte ciò sia compensato dalla potenza e qualità dei sistemi russi). Da un punto di vista geografico, la Russia continua a fornire supporto ai sistemi esportati dall’URSS cercando di recuperarne gli ex-mercati, e ci sembra con un successo crescente. Infine, vi è soprattutto l’ampia gamma di Paesi estranei alla cattività di Stati Uniti e ausiliari europei (i francesi sono sul punto cruciale di non poter apparire dei seri competitori degli Stati Uniti). In tutto questo, vi è l’assai rapida evoluzione della mentalità russa, della percezione della psicologia russa, a cui anche la crisi ucraina non è estranea, dandogli il senso dell’inevitabilità di doversi assumere, in un ambiente ostile (blocco BAO), la piena responsabilità della propria sicurezza. “Ampliamo costantemente gli obiettivi (delle vendite) di circa 1 miliardo di dollari all’anno. E questi obiettivi sono stati raggiunti. Certo, completiamo gli ordini del governo ora. Così, le industrie avranno grandi commesse da assolvere per la difesa dello Stato e le esportazioni. Le consegne di armi al nostro esercito e all’estero sono notevolmente cresciute negli ultimi anni”, ha detto il direttore del FSMTC. “Esportando armamenti e materiale militare la Russia rafforza le relazioni di partenariato, sicurezza e stabilità di un Paese, una regione e del mondo in generale, ha detto Fomin. “Siamo orgogliosi della domanda internazionale per i nostri armamenti e attrezzature militari. Il materiale russo è ricercato per qualità, affidabilità, facilità di utilizzo, riparabilità e sicurezza. Inoltre, i nostri prezzi sono sempre inferiori a quelli dei nostri principali avversari”, ha osservato. (…) “Le nostre armi sono molto richieste in tutto il mondo, in ogni continente. In America Latina, Europa, Africa, Asia e Medio Oriente. Le nostre armi sono presenti in oltre 100 Paesi”, ha detto Fomin. (…) Questo è naturale. Entriamo nei nuovi mercati in America Latina e Asia. E’ una caratteristica distintiva delle esportazioni delle armi nel mondo che i partner, in particolare i Paesi economicamente sviluppati, impongano l’obbligo del coinvolgimento delle loro industrie nello sviluppo congiunto e produzione di armi, che sia la produzione di massa di particolari tipi di armi o il coinvolgimento parziale nella produzione di componenti. Incontriamo tali requisiti”, ha detto Fomin. Ha osservato che il trasferimento di tecnologie è un processo piuttosto complicato ed è molto più facile vendere un prodotto finito in contanti. “Le tecnologie possono costare meno di un prodotto finale, ma in realtà tecnologia ed intelletto non hanno prezzo. Tuttavia, la Russia condivide e trasferisce con i partner stranieri le tecnologie più avanzate”, ha sottolineato Fomin”.
Naturalmente, il mercato delle Mistral, con i suoi vari avatar che in particolare possono influenzare il caso dei Rafale in India (17 gennaio 2015) simbolizza altamente l’evoluzione russa, fino all’abdicazione francese, con il paradosso che i dirigenti francesi, ossessionati dalla loro approvazione per l’abdicazione di ogni seria sovranità nazionale, non riescono a vedere come tale cancellazione peggiori la sicurezza generale nel mondo, lasciando campo aperto ad attori conflittuali. In realtà, la Russia guida la ristrutturazione, o meglio questa insolita struttura della propria politica di sicurezza nazionale, qui per l’esportazione, non solo perché è suo interesse nazionale, ma anche perché è un atteggiamento imposto dal blocco BAO. Si è lontani dal periodo in cui Stati Uniti e Unione Sovietica evitavano di competere nei mercati esteri delineati dalle loro aree d’influenza, e ancor più lontani da quando (anni ’90, primi anni 2000), gli USA agivano senza una reale presenza della Russia. La politica delle esportazioni russe, in via di attuazione, concorrerà direttamente con gli Stati Uniti, che così la percepiranno e comprenderanno, con la convinzione perentoria che tale concorrenza sia inaccettabile. Ma non fermiamoci a tale aspetto delle esportazioni…
Ovviamente, vi è un complemento interno nell’attuazione di questa politica “gollista” delle esportazioni degli armamenti, anche la stessa originaria politica gollista si appoggiò allo sviluppo delle proprie capacità militari, tra cui la forza nucleare della Francia. Questo aspetto interno, che può essere considerato da un altro punto di vista come il cuore dell’approccio russo, offre un potente processo di miglioramento qualitativo e degli equipaggiamenti delle forze russe, a tutti i livelli, anche ai vertici delle forze strategiche. L’esercito statunitense l’ammette, come ha detto l’ammiraglio Cecil Haney, comandante delle forze strategiche (Comando Strategico degli Stati Uniti), il 15 gennaio 2015 (SputnikNews). “La Russia da più di un decennio investe nell’ammodernamento delle proprie forze nucleari strategiche. Non si tratta di continuare la guerra fredda… Si tratta dell’operatività che emerge in un periodo di notevoli preoccupazioni dei russi nell’attuazione della strategia sull’estero vicino”, ha detto l’ammiraglio Haney alla manifestazione dedicata alla deterrenza strategica del Consiglio Atlantico a Washington, DC. Il comandante ha continuato dicendo che Mosca ha una significativa capacità informatica e anche “ha dichiarato pubblicamente di sviluppare controcapacità spaziali. I leader russi sostengono apertamente che le forze armate russe hanno armi anti-satellite e conducono ricerche anti-satellite”, osservava Haney“. Tali osservazioni sottolineano la trasformazione radicale della politica della sicurezza nazionale della Russia sul modello “gollista”, favorendo sovranità, indipendenza nazionale e autonomia delle capacità fondamentali. Appare probabile, come si vedrà in seguito che, con il processo di recupero dal crollo dell’URSS avviato all’inizio del primo decennio del secolo, vedremo i primi effetti del cambio strutturale, ma anche concettuale, politico e tecnologico, industriale e commerciale, avutisi dal 2012 con la terza elezione di Putin (sostituendo Medvedev) e con tutti gli eventi che hanno seguito fino alla crisi ucraina, fattore di accelerazione ulteriore. La presenza di un uomo come Rogozin a capo dell’industria degli armamenti è un punto importante: non c’è solo un tecnico ed organizzatore, ma anche un politico nazionalista (sostanzialmente a destra di Putin), e la cui partecipazione al governo è condizione del suo sostegno al regime, con piani che integrano anche la dimensione spirituale della Russia, rendendo il riarmo russo una fondamentale necessità politica (14 marzo 2012). In un certo senso, tutto ciò che è stato fatto prima del 2012 appare, in Russia, di un altro periodo e di altre condizioni, quando le priorità puntavano all’accordo con il blocco BAO… Ciò è sicuramente passato. In tale contesto, la “nuova politica delle esportazioni russa” non solo è una politica di affermazione, ma un’arma nella lotta antiamericanista, comunque la pensino i russi. In effetti, gli Stati Uniti potranno apprezzare il fenomeno in questo modo, se non l’hanno già fatto (è già si sente nelle dichiarazioni dell’ammiraglio Haney), e non ci vorrà molto per spingere Rogozin in questo senso, con Putin che manifesta sul punto della sicurezza nazionale un atteggiamento estremamente fermo. È un argomento oggettivo del confronto tra Stati Uniti e Russia, in cui gli Stati Uniti non possono concepire una politica di sicurezza nazionale solida, potente ed offensiva sui mercati esteri di un’altra potenza che non sia diversa da una sfida e dichiarazione di guerra. Non c’è, a nostro avviso, nulla che possa far accettare agli Stati Uniti, cioè al sistema, una competizione ambiziosa di questo genere, e già effettiva. D’altra parte, è chiaro che è troppo tardi per cambiare tali termini del confronto, tanto più che la tendenza degli Stati Uniti oggi è verso il declino delle proprie capacità principali, anche strategiche, dei loro grandi programmi di ristrutturazione e ammodernamento strategico, ancora embrionali e senza l’ombra dell’avvio dei finanziamenti, mentre il termine scade nei prossimi vent’anni.
Uno stratega statunitense convinto della necessità per gli Stati Uniti di mantenere la “superiorità strategica” militar-geopolitica nel senso più ampio del concetto, e tutti gli strateghi statunitensi con voce in capitolo lo pensano, non può che concludere che tutto va fatto molto velocemente, mentre c’è ancora tempo per fermare lo slancio del rafforzamento russo. “Just do?” Si può andare lontano, e comunque tutto ciò racchiude la politica degli Stati Uniti nella postura di massima conflittualità con la Russia, con tutti i rischi connessi. Quindi dovremmo concludere che i prossimi mesi e anni potrebbero essere segnati, in questo settore dai seri rischi, dalle tensioni più gravi. Nessuna sorpresa nel manifestarsi, oggi, di tale tendenza naturale ed irresistibile delle relazioni degli USA (blocco BAO) verso la Russia.article-2622679-1DA2E41F00000578-910_964x622Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Cinque motivi per sbarazzarsi del Rafale

Rakesh Krishnan Simha RIR 16 gennaio 2015

L’India deve cancellare il caccia francese perché l’acquisizione danneggerebbe a lungo termine l’IAF e l’industria della Difesa dell’India.

1505981Il Rafale francese potrebbe essere un aereo emozionante con molte lucine e ammennicoli, ma diciamocelo, è una sanguisuga. Il requisito dell’Indian Air Force per 126 caccia costerà 20-30 miliardi di dollari subito e altri 20 miliardi per i sistemi di supporto e formazione. L’accordo stipulato dalle forze armate indiane certamente dirotterà i fondi necessari in altri settori cruciali, come artiglieria, sottomarini e radar. In questo contesto la dichiarazione del Ministro della Difesa Manohar Parikkar secondo cui un numero extra di caccia Sukhoj e di caccia leggeri Tejas Made in India sarebbe più utile, va applaudito. Costi a parte, vi sono altre, altrettanto significative, ragioni per cui l’India dovrebbe dare al Rafale il seguente messaggio: “E’ stato un piacere conoscerti, buona fortuna“.

1. Est o Ovest, il Sukhoi è il migliore
Il Sukhoj Su-30 Flanker è semplicemente il caccia più formidabile esistente. In ogni manovra ed esercitazione di combattimento contro aerei occidentali, il Flanker ne esce vittorioso, indicando la potenza degli aeromobili della serie Flanker, contro cui nemmeno i super-costosi caccia stealth sono sicuri. Nel 2008, una simulazione del combattimento tra un F-35 e un Su-35 (l’ultima versione del Flanker) dava netta vittoria ai russi. In effetti, i Flanker segnano un mutamento nel rapporto della potenza aerea dagli Stati Uniti alla Russia e ai Paesi che utilizzano la tecnologia della difesa russa. In India, Cina, Indonesia e Venezuela, i Flanker hanno degradato le capacità offensive e difensive dei loro nemici occidentali e filo-occidentali. A differenza del più lento (Mach 1,9) F-35, la velocità del Sukhoj (Mach 2,35) permette di impartire un’enorme energia nel lancio dei missili aria-aria, dando ai piloti dei Sukhoj un enorme vantaggio nei duelli aerei. Tuttavia, la ragione principale per cui l’aereo è ottimo a 30 anni dal primo volo è che i progettisti dell’Ufficio Sukhoj non perseguirono solo un mero vantaggio rispetto agli allora recenti aerei statunitensi, sviluppando un aereo più volte maneggevole. Il Flanker è stato il primo aereo a vantare la supermanovrabilità. Mikhail Simonov, capo progettista della Sukhoi, descrive la supermanovrabilità come “la capacità di un caccia di puntare sul bersaglio da qualsiasi posizione con almeno il doppio del rateo di virata dei caccia nemici”. Il Rafale può essere un aereo ultramoderno ma non è più veloce o potente del Flanker russo. Quindi nessuno dovrebbe piangere al necrologio del Rafale scritto in India.

2. Acquistare dai BRICS
I Paesi occidentali acquistano armi solo tra di essi. Pertanto, i BRICS dovrebbero dotarsi di armi dagli Stati aderenti, potenziando le proprie industrie della difesa. Tranne nel caso che una determinata tecnologia non sia disponibile in un Paese BRICS, non ha assolutamente alcun senso comprare armi dall’occidente. I BRICS non sono solo un gruppo economico, ma una forza politica. Il gruppo di cinque aderenti ha lo scopo di guidare il mondo emergente verso un sistema economico più equo rispetto a quello attuale progettato dall’occidente. Il commercio di armi è una delle più grandi attività generatrici di reddito del mondo e costituisce una buona fetta del PIL di molti Paesi. Quando l’India acquista armi dall’occidente, semplicemente rende tali Paesi più ricchi. Inoltre, l’India premia quei Paesi che cercano di destabilizzarla. Un rapporto dell”Intelligence Bureau ha identificato diverse organizzazioni non governative dai finanziamenti stranieri (ONG) che hanno “impatto negativo sullo sviluppo economico“. Il rapporto di 21 pagine dell’IB rivela che “un numero significativo di organizzazioni non governative indiane, finanziate da donatori di Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Paesi Bassi e Paesi scandinavi, hanno utilizzato problematiche pubbliche per creare un ambiente che si presta a bloccare lo sviluppo“. Il rapporto non menziona la Francia, ma la Francia è un Paese cattolico e la chiesa siro-cristiana cattolica del Kerala almeno una volta (nel 1950) prese soldi dalla CIA per destabilizzare un governo democraticamente eletto.

3. La Francia non è un fornitore affidabile
Diciamo che l’India è in guerra, riprende i test nucleari o testa un ICBM che può raggiungere gli Stati Uniti. Qual è la garanzia che in tali circostanze la Francia non interrompa l’invio di parti di ricambio su pressione statunitense? Che Parigi sia suscettibile alle pressioni statunitensi è chiaro da quando ha bloccato l’accordo sulle portaelicotteri Mistral con la Russia. La prima nave Mistral è attualmente nel porto francese di Saint Nazaire, ma la Francia non ha le palle per inviarla in acque russe. Nel dicembre 2015 un equipaggio russo di 400 elementi se ne andava dopo aver trascorso sei mesi a bordo della nave, dopo che Parigi aveva rinviato la consegna a tempo indeterminato. La Russia ha ora intenzione di costruire proprie portaelicotteri dopo un grande risarcimento dalla Francia, ma ciò potrebbe richiedere diversi anni. Il tradimento delle Mistral dovrebbe avvisare gli indiani dal legarsi politicamente ai Paesi occidentali. La Francia è pronta a rendere disoccupati migliaia di lavoratori dell’industria della difesa solo per compiacere gli statunitensi, e ciò dovrebbe spaventare chiunque abbia intenzione di comprare armi francesi. Certo, un tempo la Francia era un fornitore affidabile. Il Mirage 2000, per esempio, ha operato in India per oltre 30 anni e dopo un aggiornamento del velivolo, lo farà per altri 15 anni. Ma tale accordo fu stipulato quando Parigi perseguiva una politica estera indipendente. Oggi è passata di nuovo alla NATO ed è solidamente al seguito degli Stati Uniti nelle loro disavventure all’estero. Se la Francia può insultare Mosca, davvero si preoccuperebbe d’insolentire l’India?

4. Nessuna garanzia
Dassault s’è rifiutata di garantire i Rafale fabbricati in India, suggerendo una scarsa opinione della produzione indiana. D’accordo, l’India non è la Germania o il Giappone. Ma se Intel può sviluppare microchip in India, e la Tata fornire agli Stati Uniti portelli per elicotteri, allora qual è il problema della Francia? Semplicemente dimostra pura arroganza e apatia completa verso le necessità della Difesa dell’India. Acquistando la licenza di produzione del Rafale, l’India dovrà costruire un’intera nuova fabbrica, cioè re-inventare la ruota. D’altra parte, Hindustan Aeronautics Ltd produce i Su-30MKI e può aumentarne la produzione aggiungendo semplicemente una linea di assemblaggio supplementare. Se scoppiasse la guerra, non c’è niente di più rassicurante che sapere che gli aeromobili perduti saranno sostituiti da realizzazioni nazionali piuttosto da importazioni.

5. Perché acquistare un clone?
Comunque la si guardi il Rafale sembra il doppione del Flanker. Secondo Defence Industry Daily: “Una combinazione di optronica agli infrarossi OST di Thales/ SAGEM e missili a medio raggio MBDA MICA IR, consente al Rafale d’integrare i missili radarguidati passivamente per furtivi attacchi ad aerei nemici oltre l’orizzonte. Allo stato attuale, tale funzionalità è duplicata solo dagli aerei russi della famiglia dei Sukhoj Su-27/30 e dai MiG-29 avanzati”. Acquisire il Rafale è quasi come comprare un mini Su-30MKI. Perché pagare di più per un aereo che è meno efficiente di quello che l’India utilizza attualmente? E se l’IAF vuole altri caccia medi, che c’è di sbagliato negli altamente efficienti MiG-29, impiegati anche in alcuni Paesi della NATO? Il governo indiano ha appena ordinato la riduzione di 13000 crore di rupie delle spese di esercito, marina e aviazione quest’anno. Se l’IAF ha ancora voglia di portare avanti l’affare, con il rischio di sballare il bilancio della Difesa, allora l’unica spiegazione è che molti soldi sono finiti ai vertici. Poiché gli accordi militari con la Russia sono finalizzati tra governi, le tangenti sono escluse o improbabili. Ciò spiegherebbe l’inclinazione dei capi della Difesa a ‘diversificare’ e alle acquisizioni non russe.

070206Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Chi oserebbe bombardare la Russia?

Valentin Vasilescu,  ACS-RSS 5 gennaio 2015 – Reseau International

La superiorità aerea su cui si basano gli Stati Uniti nei loro recenti attacchi, vale zero davanti ai sistemi di rilevamento della Russia. Questo è il messaggio della Russia con gli ultimi suoi raid aerei nello spazio aereo internazionale europeo.radarcoveragewest_2La stampa occidentale riteneva con certezza che nei primi mesi del 2014, un intervento della NATO contro la Russia secondo il modello applicato all’ex-Jugoslavia nel 1999. Il motivo erano le esilaranti dichiarazioni del Capo di Stato Maggiore statunitense ammiraglio John Kirby “dopo il tramonto della cortina di ferro, la Russia ha sempre avanzato arrivando ai confini della NATO“. La predizione della stampa occidentale si è dimostrata piuttosto infondata. D’altro canto, la Russia abbraccia due continenti e ha una quantità enorme di efficaci mezzi da combattimento. Tuttavia, per rispondere il più rapidamente possibile a un’aggressione convenzionale, il Cremlino ha bisogno di sofisticati sistemi automatizzati di comando e informazione dotati di sistemi di rilevazione e armi ad alta precisione. Negli ultimi mesi, formazioni di oltre 20-30 aerei da guerra russi hanno cominciato ad evoluire nello spazio aereo internazionale in prossimità degli Stati membri della NATO nell’Europa dell’ovest, del nord e sud-orientale, testando fino a che punto si sia ridotto il livello di prontezza dell’aeronautica di tali Paesi, utilizzando anche i propri sistemi automatizzati di comando e informazione. Riferendosi a tale processo, il generale Philip Breedlove aveva detto “Penso che i russi c’inviano il messaggio di essere una grande potenza“. L’intersezione nel traffico, estremamente denso nella zona di Eurocontrol, di aerei militari russi in addestramento, senza causare collisioni o premettere incidenti con aerei civili o militari, non era possibile senza il monitoraggio costante e il controllo radar permanente della nuova rete radiotecnica “590” dell’esercito russo. La rete 590 ha diverse migliaia di sistemi di memoria e server dedicati dalla potenza di calcolo di ultima generazione utilizzante microprocessori e apparecchiature di comunicazione satellitari. I microprocessori russi permettono il riconoscimento dei tipi di velivoli, l’inseguimento automatico degli aeromobili nell’area Eurocontrol rilevati dalla rete radar “590” e l’estrapolazione della rotta di ognuno di essi, a seconda della rotta dichiarata, velocità e specifiche tecniche. Per la ricognizione aerea a lungo raggio al confine occidentale della Russia, il 2 dicembre 2013 è stato introdotto nell’arsenale dell’esercito russo il più complesso e più moderno sistema radar del mondo, conosciuto come 29B6-Container. Questa un’unità d’élite denominata “590” dai russi, è la rete responsabile della rivelazione di bersagli aerospaziali ad ovest, nord e sud. Il radar 29B6 ha un campo d’apertura di 240° e controlla lo spazio aereo per 3000 km, coprendo tutta l’Europa, il Nord Africa e il Medio Oriente e può inseguire bersagli aerei (compresi missili da crociera) che volano fino a 100 km di quota.
Il radar 29B6 è un sistema bi-statico con trasmittenti e riceventi distinte e collocate a distanza l’una dall’altra. L’antenna trasmittente ha una lunghezza di 440 m e comprende 36 elementi; si trova a Nizhnij Novgorod (250 km a est di Mosca). L’antenna ricevente del 29B6 è a Kovilkino (150 km a sud di Nizhnij Novgorod) e comprende antenne alte 35 metri che si estendono per 1,3 km. Il sistema radar 29B6 fa parte della famiglia “Duga“, come il RO-4 di Sebastopoli che opera su banda ad onde corte, chiamate anche UHF (frequenza 3-30 MHz). (ACS-RSS)
Il campo elettromagnetico emesso dall’antenna del radar equivale all’energia elettrica consumata da una città di 100000 abitanti. Globalmente, il 99% dei radar militari di scoperta e puntamento (schierati a terra, su navi o aeromobili, compresi gli AWACS) opera nelle bande centimetrica e millimetrica. I fasci elettromagnetici emessi da radar centimetrici e millimetrici parallelamente al terreno, non possono superare i rilievi, ed inoltre, questi radar hanno limitate prestazioni per la curvatura della Terra, arrivando a una distanza massima di scoperta di 300-500 km. A differenza di questi, i radar a banda ultra-corta emettono raggi con un angolo che arriva a 45 gradi dal suolo, riflettendosi ripetutamente dallo strato ionosferico dell’atmosfera terrestre. La riflessione ionosferica comporta scarsa perdita di segnale. Tale caratteristica permette ai radar della famiglia Duga di disporre di un’area di rilevamento dei bersagli aerei ampia da 400 a 4000 km dalla stazione trasmittente. Così un missile da crociera Tomahawk o aeromobili stealth come F-22, B-2 e F-35, per esempio, possono essere rilevati dai radar situati nel territorio della Russia mentre volano sull’Oceano Atlantico. Il super-radar 29B6 è stato progettato da NPK NIIDAR, lo stesso costruttore del radar antimissile 77Ja6DM-Voronezh, che ha un raggio di scoperta pari a 6000 km. La Russia ha posto ai confini occidentale e settentrionale una serie di radar tipo sistem: dall’aeroporto Dunaevka nell’enclave di Kaliningrad a Lekhtusi (vicino a San Pietroburgo) e Olenegorsk nella penisola di Kola, al confine con la Finlandia. Tutti questi radar sono collegati ad un altro dello stesso tipo che si trova ad Armavir in Transcaucasia, vicino al Mar Nero, un centro comando e controllo C4I e spaziale che incorpora questi radar, insieme ai satelliti da ricognizione militari, nella rete radiotecnica “590” dell’esercito russo.
Collegato strettamente a quanto detto, ritengo sia quanto segue, la parte più interessante del discorso del Presidente Putin al Club Internazionale Valdaj di Sochi del 24 ottobre 2014: “tutti i sistemi di sicurezza collettiva del mondo sono oggi in rovina. Non ci sono più garanzie di sicurezza internazionali per nessuno. L’entità che le ha distrutte ha un nome: Stati Uniti d’America“.

img_0829Valentin Vasilescu – ACS-RSS Giornale manifesto per capire il mondo russo, pubblicato dall’Associazione per la cooperazione strategica, diplomatica, economica, culturale ed educativa con la Russia e lo spazio slavo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 468 follower