Le basi militari che gli USA vorrebbero mantenere segrete

Sputnik 02.02.2018Le basi militari segrete degli Stati Uniti sono circondate da miti. Quali scopi hanno, quante sono e in quali Paesi sono piazzate? Le immagini satellitari di alcuni siti che potrebbero essere tali basi che suscitano continua curiosità. Alcune di esse sono già state aperte al pubblico, altre sono ancora soggette a supposizioni. Tuttavia, anche se le autorità ne hanno svelate alcune, la loro posizione geografica e missione rimarrebbero sconosciute. Eccone alcune.

Area 6
Nel 2016, il Las Vegas Review-Journal pubblicò le istantanee di una base militare statunitense, l’Area 6. Secondo il giornale, il sito si troverebbe a circa 130 km a nord-ovest di Las Vegas, nel deposito di scorie radioattive di Yucca Mountain, nel Nevada, e sarebbe utilizzata per testare droni e piccoli aerei militari. In precedenza, secondo i media, il terreno sarebbe stato teatro di test nucleari sotterranei ultrasegreti. Il giornale notava che la base avrebbe una pista di atterraggio di circa 1500 metri, un grande hangar e molti edifici. Secondo la fonte, il nome ufficiale del sito non è noto, tuttavia molti turisti che viaggiano in Nevada in autobus o auto sostengono di aver visto la recinzione dell’Area 6, la cui costruzione costò alle autorità 9,6 milioni di dollari negli anni ’50. Tuttavia, la sua esistenza fu formalizzata dal governo degli Stati Uniti solo nel 2013.

Area 51
Le missioni della base militare statunitense nota come Area 51 non sono state rese pubbliche. Questo sito si trova nel deserto del Nevada ed è collegato alla Edwards Air Force in California. La base fu fondata nel 1955 e menzionata per la prima volta nei documenti ufficiali declassificati degli Stati Uniti nel 2013 che descrivono i test segreti del velivolo Lockheed U-2. Molti ufologi continuano a sostenere che la base sia utilizzata per stabilire relazioni segrete tra militari statunitensi e alieni.

Una base per droni in Arabia Saudita
Nel 2011, gli Stati Uniti costruirono una base militare in Arabia Saudita per condurre raid coi droni nella regione, il Washington Post l’annunciò nel 2013. Secondo quanto riferito dal quotidiano, uno degli attacchi da tale struttura avrebbe ucciso uno dei capi di al-Qaida nella penisola arabica (AQAP), Anwar al-Ulaqi, nel 2011.

Harvey Point
L’impianto Harvey Point Defense Testing, situato nella Carolina del Nord, è considerato una struttura della CIA. È in questa base che, secondo alcune fonti, le forze speciali della Marina degli Stati Uniti (Navy SEALs) si addestrarono per uccidere Usama bin Ladin. Il sito Cryptome ha pubblicato le immagini dell’installazione che, secondo i media, assomiglierebbe molto al luogo di residenza di Usama bin Ladin in Pakistan. L’installazione in questione fu costruita nel 1961.

Fort Detrick
Fort Detrick è un centro medico militare del Comando medico dell’esercito degli Stati Uniti, a nord della città di Frederick, nel Maryland. Fino al 1969, questa base era dedita alla realizzazione del programma di armi biologiche. Secondo Jakob Segal, biologo tedesco, l’HIV/AIDS fu creato a Fort Detrick. Inoltre, secondo uno studio pubblicato dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health (JHSPH) nel Maryland, molti casi di cancro furono registrati sul posto, correlabili alla base.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Le 7 volte in cui gli Stati Uniti si persero armi nucleari

Rachel Blevins, Activist Post 28 gennaio 2018Anche se può sembrare assurdo pensare a un governo che perde armi nucleari nel mondo, la verità è che il governo degli Stati Uniti ha una lunga storia del genere, ed alcune sono scomparse da 70 anni. Qui le sette volte che il governo degli Stati Uniti ha perso armi nucleari mai ritrovate:

1. Febbraio 1950. La prima perdita nota di arma nucleare si ebbe quando un bombardiere B-36 volando dall’Alaska al Texas perse potenza in tre motori. I rapporti affermarono che quando l’aereo iniziò a perdere quota, l’equipaggio cercò di alleggerire il carico sganciando una bomba nucleare da 30 kiloton Mark 4 (Fat Man), nell’Oceano Pacifico. Mentre i componenti d’uranio della bomba andarono persi e vanno ancora recuperati, un subacqueo affermò di aver trovato i resti della bomba nucleare al largo delle coste della British Columbia, nel novembre 2016.

2. Marzo 1956. Un B-47 Stratojet dell’US Air Force volando dalla Base Aerea MacDill, in Florida, verso una base oltreoceano, trasportava due nuclei per armi nucleari. Sebbene l’aereo completasse il primo aerorifornimento in volo, non raggiunse mai la seconda aerocisterna e si presume si sia schiantato. Secondo AerospaceWeb, gli esperti ritengono che l’aereo e il suo carico siano dispersi nel Mar Mediterraneo, ma “alcuna traccia dell’aereo, del suo equipaggio o del suo carico nucleare fu mai trovata nonostante ampie ricerche“.

3. Luglio 1957. Il successivo incidente avvenne quando un aereo C-124 dell’US Air Force lasciò la base aerea di Dover nel Delaware, trasportando tre bombe nucleari sull’Oceano Atlantico. Quando l’aereo perse potenza, l’equipaggio sganciò due bombe nucleari, che non furono mai ritrovate e si presume siano ancora localizzate nell’Oceano Atlantico, a 100 miglia da Atlantic City. L’Asbury Park Press riportò che quando la prima bomba fu gettata fuori bordo a una quota di 800 metri, “non ci fu alcuna esplosione visibile quando colpì l’acqua svanendo rapidamente dalla vista. La seconda bomba fu gettata nello stesso modo. Di nuovo, non ci fu alcuna detonazione osservabile degli elementi ad alto esplosivo“.

4. Febbraio 1958. Quando un bombardiere B-47 dell’USAF si scontrò con un F-86 Sabre durante una missione di addestramento presso la base aerea Homestead in Florida, il pilota dell’F-86 si eiettò, e il pilota del B-47 tentò di atterrare sulla base aerea Hunter in Georgia. Dopo vari tentativi di atterraggio falliti, il B-47 sganciò la bomba nucleare Mark 15 Mod 0 che trasportava sull’Oceano Atlantico, vicino Tybee Island, in Georgia. Secondo Aerospace Web, la ricerca delle armi durò nove settimane, e poi “un’altra ricerca fallita fu avviata nel 2001, e le segnalazioni di radiazioni rilevate a meno di un miglio dalle coste portarono a speculazioni sulla scoperta della bomba nel 2004“, ma la bomba non fu mai trovata.

5. Gennaio 1961. Il successivo incidente “Broken Arrow” si verificò quando un B-52 che trasportava due bombe nucleari da 24 megatoni si schiantò dopo essere decollato dalla base aerea di Goldsboro, nel North Carolina. L’incendio alla struttura causò l’incidente, uccidendo tre dei suoi otto membri dell’equipaggio e sganciando le due armi. Una cadde a terra affondando in terreni paludosi, e se l’Air Force ne recuperò il plutonio, la maggior parte dello stadio termonucleare, compreso l’uranio altamente arricchito che costituiva il nucleo della bomba, non fu mai trovata. I rapporti sostengono che l’USAF abbia risposto acquistando la servitù permanente concedendo al governo il permesso di scavare nel terreno.

6. Dicembre 1965. Un aereo d’attacco A-4E Skyhawk che trasportava una bomba termonucleare B-43 affondò nell’Oceano Pacifico dopo essere caduto dall’USS Ticonderoga mentre ritornava nella base navale di Yokosuka, Giappone, dopo il dispiegamento in Vietnam. L’aereo, il pilota e l’arma andarono persi in oltre 5000 metri di profondità e non furono mai recuperati. Non fu che nel 1989 che i funzionari statunitensi ammisero che l’incidente avvenne a 70 miglia da Okinawa. Il Los Angeles Times osservò che l’incidente “provò che gli aerei da guerra statunitensi che operavano in Vietnam trasportavano bombe nucleari e che le navi da guerra statunitensi portavano armi atomiche nei porti giapponesi violando la politica del Giappone“.

7. Maggio 1968. Il sottomarino d’attacco USS Scorpion stava rientrando nella base di Norfolk, in Virginia, dopo una missione di tre mesi, quando affondò misteriosamente nell’Oceano Atlantico, a circa 500 miglia a sud-ovest delle Isole Azzorre. Il sottomarino, con 99 membri dell’equipaggio, il reattore nucleare e due siluri a testata nucleare a bordo, andarono persi e devono ancora essere recuperati. Mentre domande rimangono su ciò che portò alla tragica perdita, Aerospace Web riferiva che una delle teorie più importanti è che “la batteria di uno dei siluri del sottomarino si surriscaldò e si accese, provocando la detonazione della testata e aprendo il portello di carico del siluro nella parte superiore del compartimento di prua“, che portò all’inondazione che affondò lo Scorpion per oltre 3000 metri nell’oceano.

Rachel Blevins è una giornalista indipendente del Texas, che aspira a infrangere il falso paradigma sinistra/destra nei media e nella politica perseguendo la verità e contestando le narrative esistenti. L’articolo è apparso per la prima volta su The Free Thought Project.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Nuovi dati suggeriscono che la Corea democratica avrebbe la bomba H

L’ottava conferenza dell’industria delle munizioni è stata chiusa il 12 dicembre
DPRK TodayI relatori della conferenza hanno parlato della devozione e degli instancabili sforzi compiuti dal rispettato leader supremo Kim Jong Un che ha guidato l’iniziativa per il completamento della forza nucleare di Stato. Hanno parlato dei successi e delle esperienze acquisite nel corso dello sviluppo e della produzione di potenti armi e bombe secondo lo stile coreano del Juche, e espresso risoluzione nel dimostrare dignità e spirito forte del Juche della Corea. Kim Jong Un ha concluso la conferenza. Ha detto che l’ottava edizione dell’Industria delle munizioni si è svolta col massimo splendore tra profonda attenzione e attesa dell’intero Partito e di tutto il popolo e le calorose congratulazioni da tutto il Paese per gli ammirevoli eroi del Juche della Corea che hanno portato a termine con successo la grande causa del completamento della forza nucleare statale. Si è congratulato caldamente con i partecipanti alla conferenza sui loro devoti sforzi per lo sviluppo dell’industria della Difesa basata sul Juche a nome del Comitato Centrale del Partito dei lavoratori della Corea e di tutto il popolo del Paese. Ha esteso il saluto di congratulazioni ai soldati della scienza della Difesa, apprezzando molto le grandi imprese in cui hanno partecipato, presso la conferenza su invito speciale del Comitato Centrale del Partito, dopo il successo del lancio di prova dell’ICBM Hwasong-15, grande vittoria appositamente registrata nella storia del Paese. Ha inoltre espresso le più sentite congratulazioni e ringraziamenti a tutti gli operatori nell’industria della Difesa, compresi tutti gli scienziati, i tecnici, i lavoratori e il personale di industrie, istituti e università, funzionari e altri lavoratori che si occupano della produzione e fornitura di munizioni che difendono in modo affidabile l’arsenale della rivoluzione del Juche con illimitata lealtà al Partito e alla rivoluzione e al più nobile patriottismo.
Ricordando caldamente la devozione di tutta la vita e gli instancabili sforzi del Presidente Kim Il Sung e del Leader Kim Jong Il che hanno creato da zero un’industria della Difesa autosufficiente, ha molto apprezzato i rivoluzionari precursori nell’industria delle munizioni immancabilmente fedeli all’ordine del Partito e ai leader nel corso della dura lotta per ottenere la grande vittoria di oggi. Ha detto che la nostra industria della Difesa dalla lunga storia e tradizioni orgogliose si è sviluppata nell’industria della Difesa moderna e autosufficiente in grado di fabbricare qualsiasi arma coi propri sforzi. Ha dichiarato solennemente che lo sviluppo di nuovi sistemi d’arma strategici, tra cui bomba atomica, bomba H e ICBM Hwasong-15 con gli sforzi e la tecnologia nazionali e la realizzazione della grande causa del completamento delle forze nucleari di Stato, rappresentano una grande vittoria storica del nostro Partito e del popolo del Paese raggiunto nella lotta mortale alle sfide con un costo elevato. Notando che rafforzamento delle capacità di difesa come maggiore affare di Stato e avanzata degli sforzi principali nello sviluppo dell’industria della Difesa sono la linea strategica costantemente rispettata dal Partito, affermava che la maggiore impresa di Kim Il Sung e Kim Jong Il per il Paese e la rivoluzione era avanzare l’idea e la linea di costruzione dell’industria della Difesa orientata al Juche, costruendo una robusta industria della Difesa in grado di difendere con fermezza la sovranità del Paese, la sicurezza del popolo e le conquiste della rivoluzione contro l’aggressione degli imperialisti”, attraverso i loro devoti sforzi. Ha detto che il Partito dei Lavoratori della Corea ha stabilito la linea per avanzare contemporaneamente la costruzione economica e la costruzione della forza nucleare come richiesto dalla situazione vigente e dalla rivoluzione in via di sviluppo, ed ha correttamente guidato la lotta per far avanzare la linea.
La posizione strategica del Paese è stata lanciata su un nuovo livello elevato grazie alla potente industria della Difesa basata su Juche, osservava, notando con orgoglio che una realtà così grande dimostra chiaramente la validità della decisione e dell’opzione del Partito nell’avanzare ed attuare la linea. Dicendo che la nostra potente industria della Difesa basata su Juche è la preziosa consuista dell’indomabile spirito rivoluzionario di scienziati, tecnici, operai e funzionari nel campo dell’industria delle munizioni che hanno fedelmente sostenuto il Partito col sangue e il sudore e con spirito combattivo, attuando devotamente la politica del Partito, li elogiava come rispettabile corpo che sfidava la morte a nome del Partito, mostrando in pratica con quale atteggiamento e posizione si dovrebbero sostenere e attuare l’idea e la linea del Partito. Ancora una volta estendeva un profondo grazie agli scienziati, ai tecnici, ai lavoratori e ai funzionari dell’industria delle munizioni che hanno lottato eroicamente per attuare la linea di sviluppo simultaneo sui due fronti completando la costruzione della forza nucleare di Stato, condividendo il destino con il Partito e tutti coloro che hanno sostenuto in modo assoluto la politica del Partito di attribuire importanza all’industria della Difesa e hanno aiutato materialmente e moralmente l’industria della difesa mentre stringevano la cinghia. Indicando l’orientamento all”ulteriore glorificazione del Paese come potenza nucleare e militare più forte del mondo, definiva gli obiettivi a lungo termine, obiettivi primari, compiti strategici e compiti importanti da svolgere per sviluppare l’industria della Difesa del paese nell’ultra moderna industria della Difesa nel XXI secolo, fedele alla linea del Juche, e chiariva le vie da seguire. Ha detto che l’importante missione della nostra industria della Difesa è consolidare una difesa nazionale solida come una roccia e difendere così il Partito e la rivoluzione, il Paese e il suo popolo, garantire il successo della causa rivoluzionaria del Juche e guidare e accelerare la costruzione di una potente nazione socialista.
L’industria della Difesa nazionale basata su Juche continuerà a svilupparsi e vinceremo nella resa dei conti con gli imperialisti e gli Stati Uniti e certamente raggiungendo la causa del socialismo e la causa rivoluzionaria del Juche grazie alla bandiera della linea di sviluppo simultaneo dei due i fronti avanzati dal PLC; con gli eroici lavoratori nel campo delle munizioni e scienziati e tecnici di talento nell’industria della difesa nazionale fedeli al Partito, ha detto. Esprimeva la convinzione che gli scienziati dell’industria della Difesa nazionale e gli operai delle munizioni rafforzeranno la forza nucleare per qualità e quantità, fabbricando armi e equipaggiamenti avanzati in stile coreano e adempiendo così agli onorevoli missione e dovere nel mostrare pienamente la dignità e la forza della potenza militare socialista e affrettando la vittoria finale della rivoluzione del Juche. Grazie alla grande guida del PLC, la nostra industria della Difesa e Difesa autosufficiente saranno rapidamente rafforzate e la Corea democratica avanzerà vittoriosamente e divenendo la più forte potenza nucleare e militare del mondo, affermava, chiedendo di lavorare dinamicamente per il Partito e la rivoluzione e lo sviluppo dell’industria della Difesa basata sul Juche con unità di pensiero.
Al termine del discorso, i partecipanti hanno salutato con entusiasmo.

Nuovi dati suggeriscono che la Corea democratica avrebbe la bomba H
Sputnik 14.12.2017Un video di 30 minuti che mostra la conferenza del 12 dicembre nella capitale nordcoreana Pyongyang potrebbe svelare più del previsto l’entità della potenza militare della Corea democratica. Il video mostra, appesa sul muro delle realizzazioni nordcoreane nella produzione di armi, una foto del compianto Kim Jong-il che studia una sfera o un cilindro di grandi dimensioni. Mentre il video è troppo sfocato per stabilire se Kim Jong-il in realtà ispezionasse un’arma nucleare, ciò non impediva agli utenti dei social media dal fare speculazioni. “Questa è una bomba atomica o (cosa)?” si chiedeva un utente. Per quel che vale, l’arma nella foto somiglia alla bomba all’idrogeno con cui Kim Jong-un avrebbe posato quest’anno. Ma secondo la BBC non ci sono immagini disponibili del compianto Kim accanto a un’arma nucleare. Secondo l’agenzia di stampa centrale della Corea, la conferenza esaminava “risultati e conquiste nel lavoro per attuare la politica del partito sull’industria delle munizioni” e lo scopo di dare “piena forza all’invincibile potere della Corea socialista”. “Kim Jong-il effettuò i primi due test del regime, quindi durante il suo periodo avevano sicuramente armi atomiche e probabilmente erano di queste dimensioni“, affermava Shea Cotton del Centro James Martin per gli studi sulla non proliferazione. “Non credo che sia stato accidentalmente diffuso per errore, ma nemmeno che sia intenzionale. Penso che in molti modi, il regime non si preoccupi se gli USA sappiano che hanno queste armi“, affermava Cotton.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Stato di paura: come i più micidiali bombardamenti della storia crearono l’attuale crisi in Corea

Ted Nace, Mondialisation, 9 dicembre 2017Mentre il mondo osserva con crescente preoccupazione tensioni e retorica bellicosa tra Stati Uniti e Corea democratica, uno degli aspetti più notevoli della situazione è la mancanza di qualsiasi riconoscimento pubblico del motivo dei timori della Corea democratica, o come l’ha definito l’ambasciatrice dell’ONU Nikki Haley, “stato di paranoia”, cioè l’orribile campagna di bombardamento statunitense durante la Guerra di Corea, dal numero senza precedenti di vittime. Anche se non sapremo mai tutti i fatti, le prove disponibili portano a concludere che i bombardamenti di città e villaggi nella Corea democratica uccisero più civili di qualsiasi altra campagna di bombardamenti nella storia. Lo storico Bruce Cumings descrive la campagna dei bombardamenti come “probabilmente uno dei peggiori episodi di violenza statunitense scatenata contro un altro popolo, ma certamente quella meno nota agli statunitensi”. La campagna, condotta tra il 1950 e il 1953, uccise 2 milioni di nordcoreani secondo il generale Curtis LeMay, capo del comando aereo strategico e organizzatore del bombardamento di Tokyo e di altre città giapponesi. Nel 1984, LeMay disse all’ufficio dell’Aeronautica che il bombardamento della Corea democratica “uccise il 20% della popolazione“. Altre fonti citano un numero leggermente inferiore. Secondo i dati raccolti dai ricercatori del Centre for the Study of Civil War (CSCW) e dall’International Peace Research Institute di Oslo (PRIO), la “migliore stima” dei decessi civili in Corea democratica è 995000, con una stima minima di 645000 e una massima di 1,5 milioni. Sebbene metà delle stime di LeMay, CSCW/PRIO calcola che 995000 morti superassero le vittime civili di qualsiasi altra campagna di bombardamenti, tra cui quella sulle città tedesche durante la seconda guerra mondiale, che fece tra 400000 e 600000 morti, i bombardamenti incendiari e nucleari delle città giapponesi causarono tra 330000 e 900000 morti; i bombardamenti in Indocina tra il 1964 e il 1973 causarono tra 121000 e 361000 morti, durante le operazioni Rolling Thunder, Linebacker e Linebacker II (Vietnam); Menu e Freedom Deal (Cambogia) e Barrel Roll (Laos). Il pesante bilancio dei bombardamenti della Corea democratica è tanto più notevole in quanto la popolazione del Paese era relativamente modesta: solo 9,7 milioni nel 1950. In confronto, c’erano 65 milioni di persone in Germania e 72 milioni in Giappone alla fine della seconda guerra mondiale. I bombardamenti dell’Aeronautica degli USA sulla Corea democratica impiegarono tattiche sviluppate durante la Seconda guerra mondiale per bombardare Europa e Giappone: esplosivi per distruggere edifici, napalm e altre armi incendiarie per innescare massicci incendi e bombardamenti pesanti per impedire alle squadre antincendio di estinguerli. L’uso di tali tattiche non era evidente. Secondo la politica statunitense all’inizio della guerra di Corea, fu vietato il bombardamento incendiario dei civili. Un anno prima, nel 1949, diversi ammiragli della Marina degli Stati Uniti condannarono tali tattiche al Congresso. Durante la “rivolta degli ammiragli”, la Marina sfidò i colleghi dell’Aeronautica sostenendo che bombare i civili era controproducente dal punto di vista militare e violava gli standard morali internazionali.
Giunte nel momento in cui il tribunale di Norimberga sensibilizzò l’opinione pubblica sui crimini di guerra, le critiche degli ammiragli furono riprese dall’opinione pubblica. Pertanto fu vietato attaccare le popolazioni civili secondo la politica degli Stati Uniti all’inizio della guerra di Corea. Quando il generale George E. Stratemeyer dell’Aeronautica militare chiese il permesso di usare gli stessi metodi di bombardamento, su cinque città nordcoreane, di quelli che “piegarono il Giappone”, il generale Douglas MacArthur respinse la richiesta, invocando la “politica generale”. Cinque mesi dopo l’inizio della guerra, mentre le forze cinesi intervennero a fianco della Corea democratica e le forze delle Nazioni Unite si ritiravano, il generale MacArthur cambiò posizione e accettò la richiesta del generale Stratemeyer, il 3 novembre 1950, di bruciare la città nordcoreana di Kanggye e diverse altre: “Bruciale! Meglio ancora, Strat, brucia e distruggi qualsiasi città o villaggio pensi abbia interesse militare per il nemico”. La stessa sera, il capo di Stato Maggiore di MacArthur disse a Stratemeyer che anche il bombardamento di Sinuiju veniva approvato. Nel diario, Stratemeyer riassume le istruzioni: “Ogni edificio, ogni sito e ogni villaggio della Corea democratica diventa un bersaglio militare e tattico“. Stratemeyer ordinò alla Quinta Forza Aerea e al Comando Bombardieri di distruggere tutti i mezzi di comunicazione e tutti i servizi, le fabbriche, città e villaggi. Sebbene l’Aeronautica fosse diretta nelle comunicazioni interne sulla natura dei bombardamenti, incluse mappe che mostravano l’esatta percentuale incenerita di ogni città, le comunicazioni alla stampa descrissero i bombardamenti come incentrati esclusivamente su “concentramenti di truppe nemiche, depositi, edifici militari e linee di comunicazione“. Gli ordini della Quinta Forza Aerea erano chiari: “Gli aerei della Quinta Forza Aerea distruggeranno tutti gli obiettivi, inclusi gli edifici che possono servire da rifugio“. In meno di tre settimane dal bombardamento di Kanggye, furono incendiate dieci città, tra cui Chosan (85%), Hoeryong (90%), Huichon (75%), Kanggye (75%), Kointong ( 90%), Manpochin (95%), Namsi (90%), Sakchu (75%), Sinuichu (60%) e Uichu (20%). Il 17 novembre 1950, il generale MacArthur disse all’ambasciatore statunitense in Corea John J. Muccio, “Sfortunatamente, questa regione sarà trasformata in un deserto“. Con “questa regione“, MacArthur indicava l’intera area tra “le nostre attuali posizioni e il confine”.
Mentre l’Aeronautica continuava a bruciare le città, seguiva da vicino i livelli di distruzione inflitti:
* Anju – 15%
* Chinnampo (Nampo) – 80%
* Chongju (Chongju) – 60%
* Haeju – 75%
* Hamhung (Hamhung) – 80%
* Hungnam (Hongnam) – 85%
* Hwangju (Contea di Hwangju) – 97%
* Kanggye – 60% (precedentemente stimato al 75%)
* Kunu-ri (Kunu-dong) – 100%
* Kyomipo (Songnim) – 80%
* Musan – 5%
* Najin (Rashin) – 5%
* Pyongyang – 75%
* Sariwon (Sariwon) – 95%
* Sinanju – 100%
* Sinuiju – 50%
* Songjin (Kimchaek) – 50%
* Sunan (Sunan-guyok) – 90%
* Unggi (Contea di Sonbong) – 5%
* Wonsan (Wonsan) – 80%
Nel maggio 1951, una squadra investigativa internazionale dichiarò: “I membri, durante il viaggio, non videro una singola città che non fosse stata distrutta, e c’erano pochissimi villaggi intatti“. Il 25 giugno 1951, il generale O’Donnell, comandante del Comando bombardieri dell’Estremo Oriente, testimoniò in risposta a una domanda del senatore Stennis (“...La Corea democratica è stata praticamente distrutta, no?“) “Oh, sì .. direi che quasi tutto nel nord della penisola coreana è in condizioni terribili. Tutto è distrutto. Non c’è nulla che valga essere nominato… Poco prima dell’arrivo dei cinesi, i nostri aerei erano inchiodati a terra. Non è rimasto nulla da bombardare in Corea“. Nell’agosto 1951, il corrispondente di guerra Tibor Meray dichiarò di aver assistito alla “totale devastazione tra il fiume Yalu e la capitale” e “che non c’erano più città nella Corea democratica“, aggiungendo che “mi sentivo come se viaggiassi sulla luna perché c’era solo devastazione… Ogni città non era altro che un allineamento di camini“.
Diversi fattori si combinarono aumentando la mortalità dei bombardamenti incendiari. Come si apprese durante la seconda guerra mondiale, gli attacchi incendiari potevano devastare le città a velocità incredibile: il bombardamento della Royal Air Force di Wurzburg, in Germania, negli ultimi mesi di guerra impiegò solo 20 minuti per avvolgere la città in una tempesta di fuoco con temperature stimate a 1500-2000° C. La gravità dell’inverno nordcoreano contribuì ai raccapriccianti dati dei bombardamenti. A Pyongyang, la temperatura media di gennaio è -13°. I peggiori bombardamenti si verificarono nel novembre 1950, chi sfuggì alla morte per incendio morì di freddo nei giorni e mesi successivi. I sopravvissuti crearono dei ripari di fortuna in canyon, caverne o cantine abbandonate. Nel maggio 1951, una delegazione della Federazione internazionale delle donne democratiche (WIDF) visitò la città bombardata di Sinuiju: “La stragrande maggioranza delle persone vive in trincee scavate e rinforzate con legno di recupero. Alcuni di tali rifugi hanno tetti di tegole e di legno, recuperati da edifici distrutti. Altri vivono in cantine rimaste intatte dopo il bombardamento e altre ancora in tende di paglia con carpenteria recuperata da edifici distrutti e in capanne di mattoni e macerie senza malta“. A Pyongyang, la delegazione descrisse una famiglia di cinque persone, tra cui un bambino di tre anni e uno di otto mesi, che viveva in uno spazio sotterraneo di due metri quadrati, a cui si poteva accedere solo percorrendo un tunnel di tre metri. Un terzo fattore fu l’uso intensivo del napalm. Sviluppato all’Università di Harvard nel 1942, la sostanza appiccicosa e infiammabile fu usata per la prima volta durante la Seconda guerra mondiale. Diventò un’arma chiave durante la guerra di Corea, quando ne vennero usate 32557 tonnellate; secondo lo storico Bruce Cumings la logica fu la seguente: “Sono selvaggi, il che ci dà il diritto di spalmare napalm sugli inermi“. Molto tempo dopo la guerra, Cumings descrisse l’incontro con un anziano sopravvissuto: “All’angolo di una strada c’era un uomo (penso che fosse un uomo o una donna con le spalle larghe) che aveva una curiosa crosta viola su ogni parte visibile della pelle, spessa sulle sue mani, sottile sulle braccia, coprendosi completamente la testa e il viso. Era calvo, non aveva orecchie o labbra e gli occhi, senza palpebre, erano di un bianco grigiastro, senza pupille… Questa crosta violacea risultò dal contatto col napalm, poi il corpo della vittima, non curata, guarì in un modo o nell’altro“. Durante i colloqui per l’armistizio alla fine dei combattimenti, i comandanti statunitensi non avevano più città da colpire. Per fare pressione sui negoziati, diressero i bombardamenti sulle grandi dighe coreane. Come riportato dal New York Times, le inondazioni causate dalla distruzione di una diga “liberarono” 40 km di valle distruggendo migliaia di ettari di riso appena piantato. All’indomani dei bombardamenti incendiari contro Germania e Giappone durante la Seconda guerra mondiale, un gruppo di ricerca del Pentagono di 1000 membri redasse una valutazione completa nota come “US Strategic Bombing Survey“. L’USSBS pubblicò 208 volumi per l’Europa e 108 per il Giappone e il Pacifico, tra cui il numero di vittime, interviste con sopravvissuti e indagini economiche. Tali rapporti redatti industria per industria furono così dettagliati che la General Motors li usò per avere con successo dal governo degli Stati Uniti 32 milioni di dollari per i danni alle sue fabbriche tedesche.
Dopo la guerra di Corea, non fu fatta alcuna registrazione dei bombardamenti, ad eccezione delle mappe interne per l’Aeronautica che mostravano la distruzione città per città. Queste carte rimasero segrete per venti anni. Quando furono declassificate, di nascosto nel 1973, l’interesse degli Stati Uniti per la Guerra di Corea era svanito da tempo. È solo negli ultimi anni che il quadro completo comincia ad emergere negli studi di storici come Taewoo Kim del Korean Korea Analysis Institute, Conrad Crane dell’Accademia Militare degli Stati Uniti e Su-kyoung Hwang dell’Università della Pennsylvania. Nella Corea democratica, la memoria è perpetuata. Secondo lo storico Bruce Cumings, “Fu la prima cosa che la guida mi disse”. Cumings scrive: “La campagna senza ostacoli dei bombardamenti incendiari al Nord durò tre anni, dando origine a un deserto e a popolo di talpe sopravvissute che imparò ad amare il riparo di caverne, montagne, tunnel e ridotte, un mondo sotterraneo diventato la base per la ricostruzione di un Paese e ricordo per costruire un feroce odio tra la popolazione“. Ancora oggi, la campagna dei bombardamenti incendiari contro città e villaggi della Corea democratica rimane ignota al pubblico e non è riconosciuta nelle discussioni nei media sulla crisi, nonostante l’ovvia importanza per la Corea democratica nel persegue il programma di deterrenza nucleare. Senza conoscere e confrontarsi con questi fatti, non possiamo comprendere i timori al centro degli atteggiamenti e delle azioni della Corea democratica.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Russia e America Latina: prospettive promettenti nella cooperazione militare

Alex Gorka, SCF 08.12.2017L’America Latina rappresentava solo il 4,6% delle vendite di armi russe all’estero nel 2000-2016, con Venezuela e Nicaragua maggiori acquirenti. La Russia fa passi da gigante per espandere la propria quota di vendite sul mercato delle armi latinoamericano. Le sanzioni imposte da Stati Uniti ed UE hanno sospinto i contatti economici della Russia con le altre economie mondiali. L’America Latina sembra presentare proprio questa opportunità. Mosca vanta una forte presenza diplomatica, specialmente in Paesi come Brasile, Venezuela, Colombia, Argentina, Messico, Cile e Cuba. Con 300 milioni di persone e un PIL complessivo di oltre 1 trilione di dollari, il MERCOSUR è l’enorme mercato comune dei Paesi sudamericani comprendente la maggior parte degli Stati del continente. Vladimir Putin ha incontrato il Presidente della Bolivia Evo Morales a margine del terzo vertice del Forum dei Paesi esportatori del gas (20-24 novembre). “C’è interesse nei settori dell’energia, dell’ingegneria e dell’alta tecnologia. Siamo pronti a collaborare anche nella cooperazione tecnologica militare”, affermava l’omologo boliviano. Il colosso russo dell’energia Gazprom opera in Bolivia, iniziando la produzione nel giacimento Incahuasi nel 2016 e prevedendo d’iniziare la perforazione nel blocco Azero per il 2018. Gazprom è interessato alla perforazione a La Ceiba, Vitiacua e Madidi. All’inizio di quest’anno, Rosneft avviò l’esplorazione petrolifera nella regione amazzonica del Brasile, dopo aver acquistato una partecipazione per la perforazione di pozzi nel bacino del Solimoes. La Bolivia è anche terreno fertile per le esportazioni di armi made in Russia. Il comandante dell’Aeronautica boliviana ha raccomandato che La Paz acquisisca l’aereo da attacco leggero russo Jakovlev Jak-130 Mitten per sostituire i Lockheed T-33 in servizio. L’Esercito boliviano ha un requisito per nuovi mezzi corazzati e veicoli da combattimento per i quali considera equipaggiamento russo. I due Paesi hanno firmato un accordo di cooperazione per la difesa ad agosto, primo passo della Russia per maggiori trasferimenti di armi in Bolivia. Questa è una parte di un quadro molto più ampio.
Il 6 dicembre, Nikolaj Patrushev, Segretario del Consiglio di Sicurezza russo, concluse il viaggio in America Latina che lo portò in Brasile e Argentina. La cooperazione bilaterale nel campo della sicurezza nazionale e tra forze dell’ordine e agenzie d’intelligence era in cima all’agenda. La delegazione russa includeva il capo del Servizio federale per la cooperazione tecnico-militare. C’era una buona ragione per cui vi facesse parte. Il continente rappresentava solo il 4,6% delle vendite di armi russe all’estero nel periodo 2000-2016, con Venezuela e Nicaragua maggiori acquirenti. La Russia fa passi da gigante per espandere la quota di vendite nel mercato delle armi latinoamericano. Quest’anno partecipava a quattro mostre per la difesa. “La Russia presta grande attenzione al rafforzamento delle posizioni sul mercato delle armi nei Paesi dell’America Latina“, ha detto Aleksandr Denisov, capo del Dipartimento attività di marketing dell’esportatore di armi russo Rosoboronexport alla fiera Expodefensa 2017 di Bogotà (Colombia), del 4-6 dicembre. Lo stand di Rosoboronexport presentava oltre 250 sistemi d’arma ed equipaggiamenti militari. L’aereo da combattimento Jak-130, i caccia multiruolo super-manovrabili Su-35 e Su-30MK, il caccia multiruolo di prima linea MiG-29M, gli elicotteri da combattimento Mi-28NE, Ka-52, Mi-35M e l’elicottero da trasporto pesante Mi-26T2, il sistema antiaereo Pantsir-S1 e il sistema di difesa aerea a lungo raggio Antej-2500 erano i sistemi d’arma più promettenti che la Russia offriva agli acquirenti dell’America Latina. I potenziali clienti latinoamericani sono tradizionalmente attratti dai sistemi di difesa aerea della Russia, in particolare dal sistema missilistico/d’artiglieria di difesa aerea Pantsir-S1, dai sistemi Tor-M2KM e Buk-M2E e dai portatili Igla-S. Gli elicotteri Mi-17, Mi-26T2 e Ansat sono al centro dell’attenzione pubblica. Le corvette Proekt 20382 Tigr, le motovedette Proekt 14310 Mirazh e i sottomarini diesel-elettrici Proekt 636 attirano l’attenzione degli ufficiali di vari Paesi del continente. Armi ed equipaggiamenti militari delle forze di terra russe, utilizzate anche dalle unità speciali anticrimine, antiterrorismo e antinarcotici sembrano molto richieste. Russia e Argentina sono in trattativa per l’acquisizione di caccia MiG-29. Il Brasile è interessato all’acquisto del sistema di difesa aerea missilistica e d’artiglieria Pantsir-S1 e altri SAM portatili Igla-S, già venduti al Paese. Colombia, Perù, Venezuela, Uruguay e Argentina hanno espresso interesse per caccia come il Sukhoj Su-30 attualmente operativo in Siria. Le consegne di armi russe alla Colombia hanno raggiunto i 500 milioni di dollari in oltre 20 anni. L’esercito colombiano ha oltre 20 elicotteri da trasporto Mi-17 russi.
Rosoboronexport, l’agenzia responsabile della vendita di armi all’estero attualmente partecipa ad alcune gare in Argentina, Brasile, Colombia, Messico e Perù sia per armamenti di terra che aerei. Mosca è pronta a creare impianti di produzione autorizzati per fabbricare armi e attrezzature militari di progettazione russa nei Paesi dell’America Latina. È anche pronta a partecipare alla progettazione congiunta e costruzione di navi per le flotte latinoamericane. A fine novembre, la Russia aderiva alle operazioni internazionali per salvare l’equipaggio del sottomarino argentino San Juan, schierando un dispositivo telecomandato marittimo. Un aeromobile russo Antonov inviò il Pantera Plus, un sommergibile senza equipaggio in grado di scansionare col sonar fino 1000 metri di profondità, effettuando le ricerche insieme alla nave da ricerca scientifica Jantar. Ordinata nel 2015, la Jantar può fungere da nave madre per i minisommergibili classe Konsul che raggiungono la profondità di 6000 metri e sono anche dotati di manipolatori e altri dispositivi per operazioni subacquee complesse. La nave stessa ha rilevatori avanzati per determinare la posizione precisa del sottomarino. Questo è un buon esempio di cooperazione militare con uno Stato latino-americano. Le attrezzature di ricerca e soccorso subacquee della Russia viste in Argentina possono interessare qualsiasi Paese dotato di sottomarini. Con l’America Latina non più cortile degli Stati Uniti, le prospettive di una cooperazione in tutti i settori, compreso quello militare, sono promettenti e c’è interesse da entrambe le parti a spronare il processo.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito