Mosca si gasa

Chroniques du Grand Jeu 5 aprile 2017

Meno mediatico delle guerre siriana e ucraina, il Grande gioco dell’energia ancora vede inesorabile vincente lo Zar del gas e sconfitto il sistema imperiale, incapace d’impedire la giunzione sempre più forte tra Heartland e Rimland. Nel primo trimestre del 2017, Gazprom ha ulteriormente aumentato le esportazioni di oro blu in Europa con 51 miliardi di mc, in crescita del 15%. Di questo passo, 200 miliardi di mc arriveranno nel Vecchio Continente quest’anno, contro i 180 miliardi del 2015 e i 160 miliardi del 2014, anno d’inizio della guerra fredda dovuta alla crisi ucraina. Nonostante eruzioni e altri colpi di testa occidentali, il principio di realtà s’impone. Niente sorprese, lo spiegammo già due anni fa: “L’interesse strategico degli statunitensi è isolare la Russia dall’Europa per mantenere l’Eurasia divisa. Questo è un classico delle relazioni internazionali della potenza marittima che mira ad impedire l’integrazione del continente per paura di essere emarginata. In questo caso, si accompagna al desiderio degli Stati Uniti di controllare le rotte energetiche di rivali e alleati per mantenere una certa capacità d’infastidire nel contesto di un relativo declino. Il libero flusso di energia tra Russia e Europa sarebbe doppiamente tragico per Washington. (…) I capi europei si danno la zappa sui piedi. In modo divertito, Gazprom ironizza sulla necessità di leggere 50 sfumature di grigio prima di avviare le discussioni con gli europei! Dietro l’umorismo della dichiarazione, una vera e propria domanda sorge spontanea: come si misura il masochismo europeo? Il gas russo è il più economico, vicino e abbondante. È veramente da deviati (o più probabilmente da totalmente succubi alle pressioni di oltreoceano) non approfittarne… Promosse da Washington, le fonti alternative sono tutte più costose e difficili d’attuare, se non irrealistiche. Bisogna ricordare che a differenza del petrolio, abbastanza diffuso sul pianeta, il gas è dominato da quattro Paesi, gli assi dell’oro blu: Russia, Iran, Qatar e Turkmenistan, rappresentando circa i 2/3 delle riserve mondiali. Se l’Europa vuole una fornitura regolare e significativa deve puntare su uno dei quattro Paesi. O semplicemente guardare la mappa e conoscere le basi dell’industria del gas (LNG è il 30% più costoso del gas naturale via gasdotto) per capire che tre di queste quattro soluzioni non sono realistiche. (…) Le altre fonti sono presentate qua e là da una stampa che non ne sa nulla e sono grottesche o effimere. L’Azerbaigian non ha gas; sviluppa nuovi giacimenti per mettere un po’ di gas sul mercato, ma non più di 10 miliardi di mc all’anno (rispetto ai 63 del South Stream o del nuovo Turk Stream). Lo scisto degli USA è una fantasia: costoso più del doppio (costo di estrazione e trasporto del LNG), la produzione supera di poco il consumo locale e la tecnica della fratturazione provoca terremoti, ponendo serie domande sulla sostenibilità del scisto. Le altre fonti sono valide nel breve periodo, ma non di più: un po’ di gas norvegese qui, algerino là, ma le riserve di questi Paesi sono tutt’altro che coerenti e quasi esauste. In poche parole, non ci sono alternative al gas russo. Secondo un analista, il gas russo è qui e ci resterà, non perché l’Unione energetica dell’UE è ancora lontana dalla solidarietà che cerca, ma perché le alternative non ci sono (e ancora una volta, l’articolo implica che il gas turkmeno verrebbe trasportato attraverso il Mar Caspio, cosa che non avverrà mai, come abbiamo visto). La questione è se i capi europei finalmente smetteranno di farsi del male e sfuggiranno alla morsa della formidabile molestia statunitense. Washington era riuscita a mantenere la gamba europea per anni con l’illusorio progetto Nabucco, ormai ridottosi a scherzo”. I vassalli europei sembrano averlo capito, e leniscono il sistema imperiale con dichiarazioni belle e vuote, ma in realtà si avvicina inesorabilmente il gas russo. Attualmente rappresenta 1/3 del consumo totale europeo e questa percentuale aumenterà in futuro.L’Eldorado del gas chiamato Jamal nella Siberia artica
La Total guida il faraonico progetto LNG finanziato da banche russe e cinesi a causa delle sanzioni occidentali. Titolo dell’episodio: Euronullità o come spararsi ai piedi. L’episodio è interessante: oltre alla Total francese vi sono Novatek (secondo produttore russo dopo Gazprom), il gigante cinese CNPC e il Fondo Via della Seta. Vediamo che il piano è ben messo e coprirà l’Eurasia grazie alle metaniere rompighiaccio, tra cui la prima (abilmente chiamata Christophe de Margerie, in omaggio al CEO di Total ucciso nel 2014) appena consegnata. Tutto ciò fa dire a Vladimirovich che la Russia diventerà presto il primo produttore mondiale di gas naturale liquefatto. Ma LNG è solo una parte del tesoro d’oro blu di Jamal: più di 26000 miliardi di mc di riserve di gas e una produzione che può raggiungere i 360 miliardi di mc. Brzezinski avrà i sudori freddi… Perché si tratta di uno tsunami gas russo sull’Europa. Ai primi di gennaio ne parlammo: “La persona comune non avrà probabilmente mai sentito parlare di Bovanenkovo, Ukhta o Torzhok. Ma dietro questi nomi poetici si nascondono punti di partenza, intermedi e finali della rete di gasdotti per portare ad ovest l’ immensa ricchezza gasifera della penisola di Jamal nel nord della Russia”. Nord Stream II giustamente. Come previsto, si avvicina a grandi passi. Non avendo la pressione del sistema imperiale sulle spalle, la Commissione europea inizia a riprendere i sensi e nega tutte le argomentazioni giuridiche contro il raddoppio del gasdotto. Con grande dispiacere dei soliti eccitati baltici e polacchi, ma anche di Paesi più vicini a Mosca come la Slovacchia, che perderà molto in diritti di passaggio. Grazie Majdan… E parlando della junta ucraina, non ha niente di meglio da fare che citare in giudizio la Commissione Europea per l’autorizzazione concessa a Gazprom del pieno uso dell’OPAL. I vassalli orfani dell’impero si mangiano a vicenda divertendo il Cremlino.
Le dighe energetiche già piuttosto rovinate tra Europa e Russia vanno sfaldandosi con la grande varietà di investimenti su petrolio e gas previsti entro il 2025 (113 miliardi di dollari per 29 progetti), la riconciliazione petrolifera con la Bielorussia è negli oleodotti, dopo il battibecco di cui abbiamo parlato… in breve, Mosca si gasa. E non c’è “trovata” dell’ultimo minuto che impedirà il sonno dello Zar degli idrocarburi. Una delegazione europea ha infatti visitato Israele per discutere la costruzione di un possibile gasdotto Israele-Cipro-Grecia rifornito da Leviathan. Anche di questo ne abbiamo parlato: “Nel 2010 fu scoperto il Leviathan, grande giacimento offshore al largo delle coste d’Israele, Libano e Cipro che competono con Israele. Anche una società, la Delek Energy, in combinazione con una società del Texas, dal nome ingannevole Noble Energy, iniziò ad esplorare lo sviluppo del giacimento di gas più o meno bloccato. Dati gli enormi investimenti, difficili nel contesto del calo dei prezzi, e soprattutto di una battaglia politica e giuridica intra-israeliana. Nel 2012, il gigante Gazprom si propose di entrare nel giro, ma i propositi furono, al momento, respinti su pressione statunitense. Forse non è così ora… Molto è cambiato da allora in effetti:
– le relazioni USA-Israele sono al minimo (accordo sul nucleare iraniano, sostegno di Washington ai Fratelli musulmani egiziani e persino colpo di Stato neonazista di Majdan che turbò Tel Aviv).
– avanzata inesorabile della potenza russa in Medio Oriente con l’intervento in Siria e conseguenze (di fatto alleanza con Hezbollah, rottura con la Turchia)
Con tutto il loro Grande Gioco, gli strateghi vedono con preoccupazione i russi insediarsi in questa zona essenziale quale diventa il Mediterraneo orientale. Basi siriane, accordo navale con Cipro e ora Gazprom… più di quanto Washington possa sopportare! Gli statunitensi fanno di tutto per impedire ad Israele qualsiasi discussione con il gigante russo e far vendere il loro gas alla Turchia, fortemente dipendente dal gas russo. Joe Biden, che appare sempre dove gli interessi di CIA e neocon sono in gioco, visitò Israele ai primi di marzo per rattoppare tra Tel Aviv e Ankara (e tentare di emarginare Mosca). A quanto pare senza alcun risultato… Dopo la visita di Joe l’indiano, l’Alta Corte israeliana si pronunciò bloccando lo sviluppo di Leviathan, ma potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. La dirigenza militare israeliana preferisce la cooperazione militare con Mosca e non dispiacere Putin che riprende i contatti con il sultano pazzo. Soprattutto con l’intervento siriano che ha dato a Vladimirovich altre carte, soprattutto Hezbollah. A fine febbraio scrivemmo: “Era lì quando l’intervento russo sconvolse le carte, Tel Aviv e Bayrut Sud puntano su Putin. L’alleanza tra Mosca e Hezbollah è logica, quasi naturale. Stessi alleati (Assad, Teheran) e feroce opposizione all’Islam sunnita. La tolleranza assoluta di Hezbollah verso i cristiani orientali (si vedano queste incredibili immagini di combattenti sciiti sull’attenti davanti a Gesù nei villaggi cristiani siriani liberati) gioca a suo favore, considerando la Russia come il protettore del Cristianesimo orientale. Allarmato, Netanyahu corse a Mosca per fare le fusa a Putin. Conoscevamo un Bibi Terrore meno placido… Questo viaggio non impedì a Hezbollah di ricevere armi russe. Sia che fossero state consegnate dai siriani che le avevano ricevute (probabile) o da Mosca, secondo le dichiarazioni del movimento sciita, poco importa, tutto sommato. Lo Stato Maggiore delle IDF è più che turbato, dato che il movimento libanese probabilmente possiede missili da crociera supersonici Jakhont. Le recenti dichiarazioni di Nasrallah, “i depositi di ammoniaca di Haifa sono la nostra bomba nucleare”, ha anche causato panico in Israele, che considera seriamente il trasferimento degli impianti chimici nel sud del Paese, a costi esorbitanti”.
Da allora, diversi colpi di scena si sono avuti. La battaglia politica e giuridica è terminata, la situazione è sbloccata ed i primi investimenti sono stati avviati. Solo che le riserve sono state riviste al ribasso (500 miliardi di mc invece di 620), spiegando l’improvviso disinteresse di Gazprom, queste quantità sono scarse per alimentare il consumo interno israeliano e l’esportazione in Europa. Per dare un senso, le riserve di Leviathan sono cinquantadue volte inferiori a quelle di Jamal ed equivalgono al traffico di Nord Stream per dieci anni. In queste condizioni, costruire un oleodotto sottomarino lungo 1300 km sopra una faglia geologica, per trasportare una misera decina di miliardi di mc, sembra contorto, per non dire altro. Un nuovo pipedream?Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Annunci

Passaggio a nord-est: nuove prospettive per il Pacifico

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 14/11/2016map_kapitankhlebnikov_epicnortheastpassageVenti anni fa, otto Stati artici crearono il Consiglio artico (AC) per sviluppare congiuntamente la regione artica e preservare l’ambiente e la cultura dei popoli indigeni. Inizialmente, Danimarca, Islanda, Canada, Norvegia, Russia, Stati Uniti, Finlandia e Svezia aderirono al Consiglio. Più tardi, altri Stati con interessi nella regione artica si unirono. India, Cina, Singapore, Corea del Sud e Giappone hanno lo status di osservatori da diversi anni. Considerando capacità finanziaria e vasta esperienza nella logistica marittima di questi Paesi, possono rendere un valido aiuto agli Stati membri del CA. Fecero tutti sforzi strenui per aderire al consiglio, ed oggi fanno del loro meglio per accedere a risorse artiche e rotte marittime. Il vero tesoro del settore eurasiatico del Mar Glaciale Artico è, naturalmente, la rotta del Mar del Nord russo (NSR) nell’Oceano Artico, lungo le coste settentrionali della Federazione Russa. Ultimamente, la Russia ha dedicato molta attenzione allo sviluppo di questa rotta unica. Nel discorso del dicembre 2015 all’Assemblea Federale, il Presidente Vladimir Putin parlò del valore della NSR, più volte indicata pietra angolare della crescita economica e della sicurezza dei trasporti dei territori del nord e della Russia. È la rotta più breve dalla Russia europea all’Estremo Oriente. In senso più ampio, la NSR è una sezione enorme della più breve rotta marittima che collega Europa ed Asia, Atlantico e Pacifico. L’accesso alla NSR significherebbe per gli Stati asiatici forte riduzione di tempi e costi per spedire merci in Europa. Attualmente, quasi tutte le merci arrivano in Europa attraverso il canale di Suez, lungo le coste meridionali dell’Eurasia. Non solo è una rotta molto più lunga, ma anche più rischiosa poiché vi sono minacce da pirati e terroristi. Negli ultimi anni, i rischi per il trasporto merci lungo questa rotta sono raddoppiati per le tensioni nel Pacifico. Dispute territoriali tra Cina e altri Paesi della regione e i tentativi degli Stati Uniti di mantenere l’influenza, potrebbero innescare una situazione in cui qualcuno decida di bloccare la rotta. Non sarebbe difficile, da questa via diverse aree vulnerabili potrebbero essere facilmente occupate da relativamente piccoli gruppi. Vi sono degli stretti, tra cui il canale di Suez e lo stretto di Malacca. Se, Dio non voglia, qualcosa accadesse, la NSR diverrebbe vitale per il commercio dei Paesi della regione Asia-Pacifico con l’Europa. Va ricordato che la NSR attraversa le acque territoriali russe, il che significa che i Paesi che cercano di usarla dovranno costruire rapporti con la Russia. Questa circostanza potrebbe avere un ruolo importante nello sviluppo delle relazioni internazionali russe. Per di più, gli Stati che desiderano utilizzare la NSR dovrebbero partecipare allo sviluppo, anche come investitori. È difficile e costoso mantenere la NSR. La Russia deve impiegare la sua flotta di rompighiaccio, ancora di più in inverno, molto costosa, per permetterne la navigazione.
Oggi, la Russia utilizza la NSR per lo più per i carichi e rifornimenti dei prodotti industriali locali dai porti nell’estremo nord. Uno degli utenti principali della NSR è la società russa Norilsk Nickel, che possiede più della metà delle merci spedite tramite la NSR. Dato che Norilsk Nickel possiede i rompighiaccio, l’azienda può spedire i propri prodotti tutto l’anno. Gazprom e Rosneft sono altre due società che impiegano la NSR. Il Programma di sviluppo dei Territori del Nord russo implica l’impegno di imprese straniere che vogliano partecipare alla navigabilità della NSR. Il Giappone è uno dei Paesi che mostrano un genuino interesse alla cooperazione. All’inizio del 2016, l’ambasciatore del Giappone Kazuko Shiraishi fece una dichiarazione curiosa, dicendo che il Giappone era disposto a spedire il 40% delle merci che invia attualmente in Europa, attraverso la NSR. Il Giappone, a sua volta, può aiutare nel monitorare le condizioni dei ghiacci. La Cina è un altro importante possibile utente della NSR. A prima vista, potrebbe sembrare piuttosto strano, poiché la Cina sviluppa la Via della Seta marittima, collegando Asia ed Europa attraverso la suddetta rotta del sud. Alcuni esperti hanno predetto che la Via della Seta marittima e il Passaggio a nord-est diverrebbero rivali. Tuttavia, sembra che la Cina veda dei vantaggi nell’avere una rotta alternativa, comprendendo la volatilità della situazione nella regione Asia-Pacifico. Comunque, il governo cinese ha dimostrato interesse per la NSR in varie occasioni. Nel 2013, la prima nave cinese, Yong Sheng, navigò lungo la NSR, salpando dal porto di Dalian (Cina) e arrivando a Rotterdam (Paesi Bassi). Tuttavia, resta ancora molto da fare per far diventare la NSR un’alternativa adeguata alla rotta meridionale, come sviluppare sofisticate infrastrutture con terminali marittimi in diverse sezioni della rotta per il carico e lo scarico (attualmente, solo un porto, a Dudinka, può ospitare navi per tutto l’anno). La parte russa spera negli investitori cinesi come possibili partner in questo progetto. A quanto pare, il “Celeste Impero” è anche impegnato a garantirsi una presenza nella NSR. Attualmente, la Cina partecipa energicamente allo sviluppo della regione di Arkhangelsk. Per molti secoli, Arkhangelsk è stato il punto d’appoggio strategico della Russia nella regione artica. Questa è una delle sezioni principali della NSR, dall’alta concentrazione di impianti industriali e porti marittimi importanti. Oggi, come ieri, la regione di Arkhangelsk ha la massima priorità nel nuovo programma di “sviluppo socio-economico della regione artica russa”. Nell’ottobre 2016, la società russa Arctic Transportation e il polo industriale “Archangelsk” firmavano un contratto con la cinese Poly International Holding Co. secondo cui la società cinese finanzierà la costruzione di un porto oceanico nell’isola Madjug sul Mare bianco. Questo sarà un contributo importante allo sviluppo della NSR. Si prevede che entro il 2030 il nuovo porto possa superare i 30 milioni di tonnellate di merci. Il profondo interesse della Cina nella regione di Arkhangelsk è stato dimostrato ancora una volta quando la grande azienda cinese Huadian decise d’investire nel settore energetico della regione. La scorsa estate, la joint enterprise russo-cinese “Huadian-Arkhangelsk CHPP” comprò l’unica azienda di riscaldamento nella regione, l’Arkhangelsk CHPP, pagandone il debito di 2,7 miliardi di rubli. E’ chiaro che la Cina è veramente interessata ad accedere ai territori artici della Federazione Russa.
Il Passaggio a nord-est è una rotta unica, che può fare della Russia uno dei più importanti Paesi di transito del mondo. Inoltre, la NSR può attrarre molti grandi investitori stranieri. E il più importante compito della Russia è dargli un caloroso benvenuto.arkhangelsk-russia-9Dmitrij Bokarev, politologo, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il ritorno della superpotenza Russia

Fort Russ, 10 ottobre 2016 – Tsargradw925Il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha dichiarato di valutare il ritorno di basi militari russe a Cuba e Vietnam. A giudicare da ciò, le informazioni sono trapelate al pubblico, per caso, mentre i funzionari preferiscono o rimanere in silenzio o rispondere evasivamente alle domande dei giornalisti. Tuttavia, Tsargrad è riuscita a chiarire in quali Paesi la Russia potrebbe tornare nel prossimo futuro. Questo compito è prima di tutto dei nostri militari e non è questione semplicemente di aumentare il numero dei truppe all’estero, ma anche, per esempio, di provvedere ai voli a lungo raggio, garantire il supporto logistico alla Marina e creare efficaci centri di raccolta delle informazioni. Con questo obiettivo, per esempio, i punti di rifornimento dovranno essere organizzati all’equatore. Ma tutto a suo tempo.

Vietnam
crb-c-130-ramp-js Durante la guerra del Vietnam, la base di Cam Ranh apparteneva agli Stati Uniti avendo grandi porto e aeroporto. La Russia iniziò ad usarla nel 1979, quando l’URSS firmò l’accordo corrispondente con il Vietnam per 25 anni. In questo periodo, Cam Ranh divenne la maggiore base militare dell’URSS all’estero e ospitava in modo permanente parte della Flotta del Pacifico, con aerei, navi e sottomarini. La base fu affittata gratuitamente fino al 1991. Nei primi anni 2000 l’accordo non fu rinnovato, dato che l’uso di molte basi militari all’estero era ritenuto inefficace e la manutenzione non necessaria. Uno dei maggiori ruppi di pressione di tale idea fu quello dell’allora Ministro degli Esteri russo Igor Ivanov. La Russia ebbe colloqui sul ritorno a Cam Ranh nel 2010. Poi, i piani non riguardavano una base militare, ma un punto logistico per la Marina russa. Il processo fu bloccato finché le dirigenze dei due Paesi s’incontrarono ai vertici. Nel 2013, i Presidenti di Russia e Vietnam firmarono l’accordo per creare una base per riparazione e manutenzione della navi da guerra russe. Un anno dopo, il Vietnam approvò una procedura semplificata per l’ingresso delle navi russe nella baia di Ranh Cam e l’aeroporto locale iniziò la manutenzione dei nostri aerei. Nel 2016 si ebbero informazioni da varie fonti secondo cui l’esercito russo era pronto al pieno ritorno in Vietnam. La leadership della Repubblica dichiarò di non essere contraria al ristabilimento di una base militare, perché Hanoi vede Mosca come partner prioritario. Il ritorno delle forze russe nella base di Cam Ranh e la manutenzione annuale costeranno circa 300 milioni di dollari.

Cuba
La situazione con Cuba s’è sviluppata in modo simile. Prima del crollo dell’URSS l’uso delle nostre basi militari sull’isola era libero. Negli anni post-sovietici, la Russia pagò centinaia di milioni di dollari per il mantenimento della base di Lourdes, del porto di Cienfuegos, delle basi militari di Marocco e Guanabo, e di un contingente di specialisti. Ma ne era valsa la pena, dato che i due terzi dell’intelligence sugli Stati Uniti proveniva dalla base di Lourdes, e non solo militare ma anche, ad esempio, registrazioni telefoniche. Tali opportunità erano offerte dalla posizione strategica della base, a 250 km dagli Stati Uniti. Nel 2001 la Russia abbandonò la presenza a Cuba a causa, si crede, della pressione degli Stati Uniti, ma ufficialmente per i costi elevati. Ma il territorio ex-militare e del centro di intelligence elettronica non sono stati abbandonati. L’Istituto d’Informazione Tecnologica di Cuba si trova a Lourdes e truppe cubane a Guanabo e Marocco. La Russia ha già provato a ritornare al precedente livello di cooperazione. Ad esempio, le forze aeree russe possono utilizzare gli aeroporti cubani e nel 2014 vi furono colloqui per ripristinare la nostra presenza a Lourdes. Anche se le fonti ufficiali continuano a negare questa informazione, una prova indiretta dice altro. Circoli militari attendono l’ampio ritorno in questa base proprio sotto il naso degli Stati Uniti. Il caporedattore della rivista Difesa Nazionale ed esperto di questioni militari Igor Korotchenko, ritiene che “il ritorno della Russia a Cuba e la ripresa dell’intelligence elettronica siano importanti per garantire la nostra sicurezza nel mondo, dove la principale minaccia alla Russia sono gli Stati Uniti“. Korotchenko è convinto che abbiamo bisogno del centro d’intelligence elettronica di Lourdes e che un accordo su ciò debba essere concluso subito per 99 anni.havana_cuba__satellite_dishes_for_the_lourdes_radarSiria
L'”officina galleggiante” a Tartus, Latakia, era ultima roccaforte della Russia all’estero. Prima dell’inizio del conflitto siriano era utilizzata dalle nostre navi nel Mar Mediterraneo per i rifornimenti di carburante o riparazioni svolte da poche persone. Nel 2010-2012, la base fu ampiamente modernizzata, dopo di che il punto logistico divenne una base navale. Oggi, 2000 specialisti sono impiegati a Tartus e portaerei possono stazionarvi. Questa base è indispensabile nel caso della ripresa della presenza navale russa nel Mar Mediterraneo. E non sembra così lontano. Un altro avamposto delle truppe russe nel Mar Mediterraneo è la base aerea di Humaymim. I compiti di questa base comprendono non solo alloggio e sostegno dei nostri aerei in Siria, ma anche mantenimento dell’equilibrio di forze contro la NATO nella regione. Ora, informazioni non ufficiali indicano diverse basi militari russe da costruire in Siria, in particolare di basi aeree nella zona di Shayrat, a sud-est di Homs, e vicino la città di Qamishli, al confine con Turchia ed Iraq. Vi sono anche diversi rapporti sullo schieramento di unità militari russe in almeno due quartieri di Lataqia.

Yemen
Le basi di Aden e Socotra furono tra le più importanti per l’URSS. I nostri aerei potrebbero teoricamente raggiungere la base statunitense di Diego Garcia da questi punti. Dopo la partenza delle truppe sovietiche dalla Somalia, lo Yemen divenne una base per la nostra flotta e un perno delle comunicazioni della Russia su Mar Rosso e Corno d’Africa. Ora negoziamo con cautela la creazione di un punto logistico nello Yemen. Abdullah Salah, l’ex-presidente del Paese e principale alleato militare yemenita di Ansarullah che controlla il nord del Paese e la capitale Sana, ha fatto una dichiarazione su questo. Ansarullah e truppe fedeli al presidente Salah resistono efficacemente all’invasione dai Paesi del Golfo Persico guidati dall’Arabia Saudita, e sono pronti a fornire alla Russia basi strategiche in cambio di sostegno. Sarebbe miope per la Russia rifiutare un’offerta tanto generosa, restaurando il controllo russo sul traffico marittimo nel Mar Rosso, Golfo Persico, Aden e altre rotte cruciali nella regione.

Filippine
Queste isole erano fino a poco prima un affidabile partner militare e satellite degli Stati Uniti. Già nel 1951, Stati Uniti e Filippine firmarono un accordo di mutua difesa. Durante la guerra fredda, le isole furono letteralmente coperte da una rete di basi militari statunitensi. Infatti, un recente rapporto del centro di analisi del Pentagono, la RAND, considerava un attacco alle Filippine ragione per istigare un’ipotetica guerra tra Cina e Stati Uniti. Cina e Filippine hanno dispute territoriali sull’arcipelago delle Spratly nel Mar Cinese Meridionale, scambiandosi periodicamente dichiarazioni di rabbia e bandiere cinesi vengono spesso bruciate nella capitale delle Filippine. Ma tutto ciò è cambiato 6 mesi fa, con l’ascesa del nuovo presidente Rodrigo Duterte. Nel corso della sua ancora giovane presidenza, il presidente è arrivato a chiamare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama figlio di puttana e a voler sparare agli spacciatori. Duterte sostiene che il punto di non ritorno nei rapporti con gli Stati Uniti è già stato attraversato e che vede Russia e Cina nuovi partner. Il Ministero della Difesa delle Filippine dichiarava di non aver bisogno del sostegno militare e logistico degli Stati Uniti. Le basi militari statunitensi nelle Filippine già vengono chiuse ed è probabile che i funzionari degli Stati Uniti siano presto messi alla porta. Per compensare le perdite degli affitti, le Filippine dovranno trovare un nuovo partner. Se i rapporti con la Cina rimangono tesi, più probabilità di poter sostituire gli Stati Uniti avrà la Russia.

Somalia
berbera-port-2 Un’altra eredità del periodo sovietico è la base aeronavale di Berbera in Somalia che permise alla Russia di controllare Golfo di Aden, Mar Rosso e Corno d’Africa. Questa base aerea dalla pista più lunga dell’Africa e un porto dalle acque profonde fu costruita appositamente per i nostri militari. La base inoltre aveva un importante centro di comunicazione ed intelligence. Abbandonammo edifici che potevano ospitare 1500 persone, e più depositi per combustibile e missili. Dopo il ritiro dell’URSS, la base fu immediatamente occupata dagli Stati Uniti. Berbera e le sue attività sono ora controllate dallo Stato autoproclamato del Somaliland, la cui pirateria è la fonte di reddito principale. Gli Emirati Arabi Uniti hanno espresso interesse a riavviare la base militare. Per la Russia, tornare nella base sarebbe estremamente utile assieme al “pacchetto” di porti comprendente Socotra. In generale, queste basi potrebbero consentire il pieno ripristino della presenza della flotta russa nella regione, completandone la rinascita globale nei vari oceani.

Libia
Poco prima della “primavera araba”, la Russia restaurò alcune basi militari in Medio Oriente. Tra di esse i centri della Marina russa in Libia. Il defunto leader della Jamahiriya, Muammar Gheddafi si offrì di ospitare una base navale russa presso Tripoli e Bengasi, nel corso di negoziati ad alto livello. Ma, ahimè, i tragici eventi del 2011 chiusero tutti i piani per la presenza militare russa in Libia. Tuttavia, se tali piani saranno realizzati, la Russia avrebbe due potenti avamposti navali, oltre alla presenza permanente nel Mediterraneo. In futuro, questo significherebbe la rinascita completa dello squadrone del Mediterraneo. Tuttavia, con l’attuale governo, o meglio, l’anarchia nella ex-Jamahiriya, ciò è impossibile. Ma dato lo stretto legame con la Russia del governo del generale Qalifa Balqasim Haftar nell’oriente del Paese, non lo si può escludere in futuro.

Altri Paesi
Altre opzioni per il dispiegamento di basi russe vengono occasionalmente sentite al telegiornale, tra cui Venezuela, Nicaragua, Iran, Serbia e altri. Tuttavia, discussioni serie potranno iniziare solo una volta che questi Paesi modificheranno la legislazione. Al momento, le basi straniere in questi Paesi sono vietate. Nel migliore dei casi, potremmo parlare di punti logistici o concessione dell’uso di aeroporti e porti all’esercito russo, come nel recente caso dell’Iran, per esempio.siria-tartus-filchenkov-agos-2015

Uniformi e paracadute nuovi per le forze russe in Egitto
Sputnik 08/10/2016

manar-06048040014754871805A fine ottobre, le truppe aeroportate russe della 106.ma Divisione aeroportata della Guardia che si dirigeranno in Africa per le esercitazioni antiterrorismo congiunte con l’esercito egiziano, saranno dotate di nuove uniformi e dai più avanzati paracadute militari. Le manovre “Defenders of Friendship-2016” delle truppe russe ed egiziane, insieme ad osservatori di oltre 30 Paesi, inizieranno a fine mese, e simuleranno la distruzione di gruppi terroristici in ambiente desertico, nel primo schieramento delle truppe aeroportate russe con proprie armi ed equipaggiamenti nel continente africano. La scorsa settimana, il Ministero della Difesa dichiarava che le truppe delle forze aviotrasportate russe avranno nuove uniformi, sviluppate appositamente per i climi caldi, dall’elevata capacità di termoregolazione e resistenza all’umidità. Il Ministero della Difesa aveva anche detto che le forze russe utilizzeranno i più recenti paracadute governabili della serie Arbalet (Balestra). I paracadutisti russi partecipando a Difensori dell’Amicizia-2016 in Egitto utilizzeranno i più avanzati paracadute per impieghi speciali Arbalet. Sarà il primo impiego in massa dei sistemi Arbalet-1 e Arbalet-2 “nel deserto del continente africano”, confermava un comunicato del Ministero. La serie di paracadute Arbalet è utilizzata dalle forze speciali e dalle unità da ricognizione delle Forze Aeroportate russe, ed è stata testata con successo nell’Artico all’inizio dell’anno, con le truppe che effettuavano sbarchi sui pack alla deriva nel Mar Glaciale Artico. L’Arbalet-2 è stato consegnato ai militari russi nel 2013. I paracadute sono progettati specificamente per i lanci dagli aerei da trasporto An-2, An-26, An-12 e Il-76, ed anche da appositamente attrezzati elicotteri da trasporto Mi-8; e possono reggere truppe e attrezzature del peso di 150 kg, a temperature da -35 a +35 gradi, in lanci da aeromobili che volano a 400 km/h. La speciale forma a cupola dell’Arbalet (dei paracadute principale e di riserva) è progettata per garantire un atterraggio sicuro anche alle truppe con scarsa esperienza nel paracadutismo.navy-day-2012-sTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I dettagli segreti della nuova dottrina della difesa della Russia

Valentin Vasilescu, Reseau International 26 maggio 2016wp_20110In Europa e Asia l’esercito statunitense ha schierato un piccolo contingente di soldati che non può scatenare da solo o congiuntamente con eserciti alleati, l’invasione della Russia. Solo a causa dell’isolamento geografico, gli Stati Uniti prevalgono da settantanni grazie alla loro Marina, tre volte superiore a quella della Russia, in grado d’intervenire in qualsiasi parte del mondo. Il Pentagono dispone anche di una gigantesca forza di centinaia di navi specializzate nelle operazioni di schieramento di divisioni dei marines, blindati e forze speciali, per poter partecipare a una possibile invasione della Russia. Pertanto, i gruppi d’assalto navale statunitensi organizzati intorno a portaerei, navi d’assalto anfibio e convogli di truppe ed equipaggiamenti militari, sono considerati il più serio rischio per la sicurezza della Russia [1]. I gruppi navali e di navi da sbarco e i convogli delle truppe statunitensi sono protetti da diversi tipi di scudi antibalistici, come il sistema navale AEGIS dotato di missili SM-3 Block 1B che neutralizzano i missili balistici che volano a quote comprese tra 100 e 150 km. Questo sistema è montato su cacciatorpediniere e incrociatori AEGIS statunitensi, e si aggiunge agli scudi antimissile in Polonia e Romania. Esiste inoltre il sistema mobile THAAD delle forze di terra degli USA, a difesa delle navi da sbarco. Questi sistemi sono progettati per colpire missili balistici nella fase d’ingresso nell’atmosfera a quote comprese tra 80 e 120 km. A ciò si aggiungono le batterie di missili antiaerei a lungo raggio Patriot dalle capacità antimissile balistico contro missili nella fase terminale del volo a una quota di 35000 m [2].
La classificazione degli aeromobili in volo atmosferico si basa sulla velocità. Ci sono aerei che volano a velocità subsonica (fino a 1220km/h o Mach 1), gli aerei supersonici con velocità tra Mach 1 e Mach 5 (fino a 6000 km/h) e velivoli ipersonici che volano a velocità fra Mach 5 e Mach 10 (cioè fino a 12000 km/h). I russi hanno scoperto che i missili anti-balistici degli Stati Uniti non possono intercettare i missili ipersonici nella mesosfera (tra i 35000 e 80000 m). La nuova dottrina della Difesa della Russia ha stabilito che l’antidoto ai gruppi d’assalto e ai convogli navali statunitensi sono i velivoli ipersonici che volano a quote tra 35000 a 80000 m. Il Ministero della Difesa russo ha stanziato 2-5 miliardi di dollari per l’Advanced Research Foundation (ARF), l’equivalente russo del DARPA del Pentagono, per la progettazione di una serie di derivati ipersonici del velivolo spaziale Ju-71 (Proekt 4202). Dal 2011 al 2013 lo Ju-71 è stato testato in galleria del vento, e dal 2013 all’aprile 2016 ha condotto delle prove nell’atmosfera lanciato dai missili strategici leggeri UR-100 e R-29RMU2. Lo Ju-71 è simile all’HTV-2 abbandonato dagli statunitensi nel 2014.
Il velivolo spaziale Ju-71 ha dimostrato di poter volare alla velocità di 6000-11200 chilometri all’ora su una distanza di 5500 km e a una quota di crociera di 80000 m. Viene chiamato aliante spazio perché a differenza dei missili balistici ha una finezza aerodinamica di circa 5:1 (rapporto portanza/resistenza) che permette di volare su impulso continuo del motore a razzo, eseguendo delle cabrate lungo la rotta. Oltre al motore a razzo che permette ripetute accensioni e sospensioni, l’aliante spaziale Ju-71 è armato con testate indipendenti e sistemi di guida simili a quelli dei missili aria-terra Kh-29L/T e Kh-25T. La dottrina militare russa prevede che l’attacco alla flotta d’invasione statunitense sia eseguito in tre ondate e tre linee, impedendo ai gruppi d’assalto navali statunitensi di posizionarsi presso le coste russe del Mar Baltico. La prima ondata d’attacco di armi ipersoniche basate sull’aliante spaziale Ju-71 e lanciate da sottomarini a propulsione nucleare russi dall’Atlantico colpirebbe portaerei, portaelicotteri, sottomarini d’attacco, navi da carico o di scorta dei gruppi d’assalto navali statunitensi, non appena salpano dall’Atlantico verso l’Europa. La seconda ondata di armi ipersoniche sarebbe lanciata sui gruppi navali degli Stati Uniti a 1000 km dalle coste orientali dell’Oceano Atlantico. L’attacco verrebbe lanciato dai sottomarini russi dispiegati nel Mare di Barents o dalla base missilistica strategica di Plesetsk, in prossimità del Circolo Polare Artico e sul Mar Bianco. La terza ondata di armi ipersoniche verrebbe lanciata sui gruppi navali degli Stati Uniti quando raggiungono lo stretto dal Mare del Nord al Mar Baltico dello Skagerrak. L’attacco verrebbe eseguito con i missili ipersonici 3M22 Tzirkon, spinti da motori Scramjet e lanciati da aerei russi. Il Tzirkon ha una velocità di Mach 6,2 (6500 km/h) ad una quota di crociera di 30000 metri e un’energia cinetica all’impatto col bersaglio 50 volte superiore a quella dei missili antinave esistenti.
La Russia sviluppa anche una variante dell’arma ipersonica derivata dallo Ju-71 che può essere lanciata dal velivolo da trasporto pesante russo Il-76MD-90A (Il-476). L’aereo ha un’autonomia di di volo di 6300 km e può essere rifornito in volo. Mentre per i gruppi navali statunitensi ci vogliono cinque o sei giorni per raggiungere il Mar Baltico, l’Il-76MD-90A può raggiungere in poche ore i tre allineamenti calcolati per lanciare le armi ipersoniche. Anche se è un segreto ben mantenuto, sembra che l’arma ipersonica venga sganciata dal portellone dell’Il-76MD-90A a 10000 m di quota, dotato di un paracadute che la stabilizza in posizione verticale fino all’avvio del motore a razzo. Dato che il 50% del carburante del missile viene utilizzato per decollare e raggiungere gli strati estremamente densi dell’atmosfera a 10000 m, il peso del lanciatore e dell’aliante spaziale è la metà di quello di un missile balistico leggero R-29RMU2, che pesa 40 t. Sospesi nel 1992, i voli dei bombardieri strategici Tu-160 e Tu-95 e dei velivoli Il-76 (trasformati nelle aerocisterne per il rifornimento in volo Il-78), sono ripresi nel 2012 lungo le coste atlantiche e pacifiche. Uno degli obiettivi è addestrare le squadre per le future missioni d’attacco con armi ipersoniche.IH-ref-miss[1] La futura blitzkrieg della NATO contro la Russia: la Battaglia per la supremazia aerea.
[2] Il missile russo Iskander, incubo dello scudo antimissile degli USA.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia rilancia la corsa al missile antiportaerei

Valentin Vasilescu Reseau International 5 aprile 2016CbkG8RoVAAEz1SpLe forze aeree a bordo delle portaerei si sono dimostrate essenziali nei conflitti degli ultimi vent’anni, in particolare per l’US Navy che possiede oltre 400 F/A-18C Hornet e F/A-18E/F Super Hornet e 60 aerei EA-18G (per le missioni di guerra elettronica), imbarcati sulle sue 10 portaerei. Altre 14 navi d’assalto anfibio LHA-LHD (portaelicotteri) dei Marines hanno ciascuna 6-8 velivoli a decollo/atterraggio verticale McDonnell-Douglas AV-8B Harrier II. Per gli Stati minacciati da un’invasione, portaerei e navi d’assalto anfibio rappresentano un’influenza strategica. Il primo tentativo di creare un’arma antiportaerei appartiene ai sovietici che nel 1972 testarono il missile balistico antinave R-27K dalla gittata di 2400 chilometri. Anche se i sovietici abbandonarono il progetto, la Cina ne riprese lo sviluppo negli ultimi dieci anni, creando il missile balistico antinave DF-21D schierato sulle coste, dalla gittata di 1450 km e velocità di Mach 16 [1]. I sottomarini a propulsione nucleare cinesi Tipo 092 sono armati di missili nucleari a medio raggio JL-1, con uguali massa, dimensioni e sistema di guida del DF-21D (14,7 t). [2] L’ostacolo principale per questi missili balistici sono i missili antibalistici SM-3 Block IB dalla gittata di 500 km, lanciati da incrociatori e cacciatorpediniere AEGIS che accompagnano la portaerei.
La Russia ha recentemente puntato al missile antiportaerei che vola a velocità ipersonica a bassa quota. La prima fase sperimentale del nuovo missile 3M22 Tzirkon iniziava il 18 marzo 2016, su una piattaforma navale russa. L’agenzia RIA Novosti affermava che il missile ipersonico 3M22 Tzirkon ha una velocità di Mach 6,2 (6500 km/h), un peso di 5 tonnellate e nella prima fase avrà un’autonomia di 400 km. Successivamente, aumentando il carico di carburante, il campo operativo del missile Tzirkon potrebbe raggiungere i 1000 km. Il missile Tzirkon può essere lanciato da navi di superficie, sottomarini e aerei russi. Un certo numero di incrociatori e cacciatorpediniere russi sarà dotato di lanciatori verticali 3S-14-11442M simili al sistema di lancio statunitense Mk41 con 128 cellule, utilizzando diversi tipi di missili, come Tzirkon, Oniks, Kalibr, S-400 e S-350E. Attualmente le corvette classe Bujan-M della Flottiglia del Mar Caspio (che ha partecipato all’operazione in Siria) e le fregate classe Steregushhij, Gepard, Admiral Gorshkov e Neustrashimij avranno un sistema ridotto 3S14 con 8 cellule di lancio per missili da crociera Kalibr e missili antinave Oniks. Il missile da crociera Kalibr-NK ha una gittata di 4000 km ma il rovescio della medaglia è che è subsonico. Il missile antinave P-800 Oniks è l’equivalente russo del BrahMos I (coproduzione russo-indiana) che utilizza un motore ramjet, dalla velocità di Mach 2,8 al livello del mare e gittata di 300 km. Il missile antinave ipersonico BrahMos II con motore ramjet dovrebbe assomigliare al 3M22 Tzirkon con gittata di 300 km e velocità di Mach 7. BrahMos-II ha completato le prove in galleria del vento e inizierà quelle di volo nel 2017 [3].
Un missile che vola a 6000 km/h a bassa quota è molto difficile da intercettare, dato che tra il momento dell’individuazione sul radar e l’impatto sulla portaerei, i sistemi di difesa hanno solo un minuto per inquadrarlo e attivare le contromisure. I missili antibalistici SM-3 Block IB non possono essere usati contro i missili Tzirkon perché non sono balistici e non volano alla quota di 80000 metri, dove si azionano i sensori di rilevamento dell’SM-3 Block IB. Dato che il costo di una portaerei è di diversi miliardi, od oltre 10000 volte quello di un missile Tzirkon, gli esperti ritengono che il missile, se lanciato soprattutto da un aereo, potrebbe cambiare la configurazione delle future guerre aeronavali.
Nel 2016, la Russia prevede di schierare i sistemi missilistici antinave K-300P Bastion (con missili P-800 Oniks) e droni da ricognizione sulle isole Curili. L’anno scorso, diversi sistemi di difesa antiaerea Tor-M2U diventarono operativi nelle isole Curili, ed aerei Su-27M, armati di missili antinave Kh-41 Moskit dalla gittata di 250 km e un velocità di Mach 3,2 (3587 km/h) furono schierati permanentemente sulla base aerea di Burevestnik, sull’isola di Iturup, nell’arcipelago delle Curili. Il sistema difensivo delle Isole Curili comprende il radar OTH (oltre l’orizzonte) Duga-3, a Komsomolsk-na-Amur (sulle coste del Pacifico), nell’ambito della rete russa di primo allarme antibalistico. Il radar opera su radio ad onde corte decimetriche riflettenti sullo strato ionosferico dell’atmosfera terrestre. La portata del radar non è influenzata dalla curvatura della Terra. Questo radar ha dimostrato la capacità di monitorare i test dei missili balistici intercontinentali Minuteman III degli Stati Uniti lanciati dalla Vandenberg Air Force Base (in California) verso il poligono di Kwajalein. Il radar Duga ha un’apertura di 240° e controlla i gruppi navali degli Stati Uniti nel Pacifico orientale. Armando le batterie costiere e gli aerei Su-27M con missili 3M22 Tzirkon si creerebbero gravi problemi agli statunitensi, dato che l’isola di Iturup è a 190 km dall’isola giapponese di Hokkaido, dove si trova la base statunitense FAC 1054.Print

[1] Portaerei contro missili balistici antinave?
[2] Portaerei contro missili balistici antinave? (II)
[3] BrahMos-II, risultato della cooperazione tra Russia e India.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora