La sfida della Cina al FMI: assegnare allo yuan i diritti speciali di prelievo

Ariel Noyola Rodríguez* Russia Today
* Laurea in Economia e Commercio presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico.asian-infrastructure-investment-bankNonostante l’opposizione degli Stati Uniti, l’avanzata globale dello yuan è inarrestabile. Ora il governo cinese, nelle riunioni del FMI, cerca l’adesione dello yuan ai diritti speciali di prelievo, una svolta decisiva per farne una valuta di riserva globale. La Cina è pronta a controbilanciare con lo yuan il dominio del dollaro nel sistema monetario internazionale. Nel 2009, Zhou Xiaochuan, governatore della Banca di Cina, faceva appello a cambiare il sistema di riserva globale; le fluttuazioni violente del dollaro richiedevano garanzie di maggiore stabilità e fiducia nell’economia mondiale. In breve, la Cina contestava la sopportazione dei costi della crisi avviata dal mercato azionario di New York. Nella stessa prospettiva, l’agenzia Xinhua lanciava una pubblicazione controversa, nell’ottobre 2013 sulla de-americanizzazione del mondo: l’indebitamento irresponsabile da parte del governo di Barack Obama aumentava gli “squilibri strutturali” quindi rivelando l’urgente necessità di diminuire potere e influenza degli USA (1). Nel marzo 2015, Li Keqiang, Premier della Cina, ha chiesto al Fondo monetario internazionale (FMI) di discutere l’adesione dello yuan ai diritti speciali di prelievo (DSP). I DSP sono attività di riserva internazionali create negli anni ’60 dal FMI per integrare le riserve delle banche centrali e sostenere il sistema dei cambi fissi stabilito nel 1944. Inizialmente, i DSP furono definiti in relazione a un valore equivalente a 0,888 grammi di oro. Tuttavia, una volta che il presidente statunitense Richard Nixon pose fine a Bretton Woods nei primi anni ’70, i DSP sono definiti sulla base di un paniere di valute. In pratica, i membri del FMI comprano DSP per far fronte ai propri obblighi. In altri casi, sono venduti per regolare la composizione delle riserve internazionali. In questo contesto, il FMI agisce da intermediario tra membri e titolari di DSP per assicurare “l’uso libero” delle valute negli scambi. Ogni cinque anni la revisione dei DSP da parte del FMI, in teoria, valuta l’importanza delle valute nei sistemi finanziari e commerciali globali. Tuttavia e nonostante la crescente importanza dei Paesi emergenti nell’economia mondiale, la composizione dei DSP è rimasta immutata: il dollaro detiene il 42% del portafoglio, seguito dall’euro con il 37,4%, la sterlina con l’11,3% e infine lo yen giapponese con il 9,4 per cento. Com’è possibile che, nonostante il calo del dollaro del 70-60% nella composizione delle riserve delle banche centrali negli ultimi 15 anni, non siano cambiate minimamente le quote di potere degli Stati Uniti nel FMI? Chiaramente tale sproporzione scontenta i leader del Partito comunista, che sostengono che la leadership della Cina nell’economia globale meriti maggior peso nel processo decisionale del FMI, e l’integrazione dello yuan ai DSP.
In generale, esistono due criteri per includere una moneta nei DSP. In primo luogo, l’economia in questione deve avere una quota elevata di esportazioni mondiali; la Cina rispetta pienamente quest’aspetto. In secondo luogo, la moneta deve essere pienamente convertibile, cioè il Paese emittente deve mantenere un conto capitale aperto (inclusi credito e investimenti di portafoglio) agli investitori da tutto il mondo per comprare e vendere attività finanziarie denominate nella valuta in questione, e in cui le “forze del libero mercato” ne determinano le quotazioni. Nel caso della Cina, il secondo aspetto è più controverso. Nel 2010, nel 41.mo anniversario dei DSP, i funzionari del FMI respinsero l’adesione dello yuan per via del fatto che fosse soggetto a controlli sui capitali. Inoltre, sottolinearono che solo pochi Paesi effettuano operazioni direttamente. Infine, sostennero che la Banca popolare di Cina sottovalutava il tasso di cambio e quindi sosteneva la supremazia produttiva del gigante asiatico nel mercato globale. I funzionari del FMI non concepivano che, a differenza di altri Paesi emergenti, il governo cinese decidesse il momento dell’apertura. Le esperienze delle crisi finanziarie in America Latina e in Asia negli anni ’80 e ’90 rispettivamente, rivelarono al mondo le terribili conseguenze dell’adozione dei principi del Washington Consensus. La Cina però apprese le lezioni della storia economica e con successo, evitò di cadere nelle provocazioni del Tesoro e del Federal Reserve System, istituzioni che attraverso il presidente del Fondo monetario internazionale, loro portavoce globale, l’accusarono di manipolare il tasso di cambio insistendo sull’apertura indiscriminata del suo conto capitale. Non c’è dubbio che nell’incertezza economica della crisi dei mutui (subprime), era più comodo per il governo degli Stati Uniti utilizzare capri espiatori invece di assumersi le responsabilità. Tuttavia, i cinesi si concentrarono verso l’interno e gradualmente avviarono il processo di liberalizzazione finanziaria. Da un lato, aumentando gli incentivi per partecipare al Programma cinese per gli Investitori Istituzionali Esteri Qualificati in Renminbi (RQFII, nell’acronimo in inglese). Allo stesso tempo, avviarono il progetto “Stock-Connect”, meccanismo pilota del novembre 2014 per acquistare e vendere azioni della Cina continentale attraverso il centro finanziario di Hong Kong. Se è vero che le banche private hanno un peso maggiore nei circuiti creditizi, il governo cinese pose la gestione del rischio quale priorità assoluta: la tendenza deflazionistica (calo dei prezzi) rischia di minare crescita economica e stabilità finanziaria. La Cina realizzerà un sistema di assicurazione dei depositi nei prossimi mesi. Pertanto, le banche pagheranno premi di assicurazione e un ente centrale gestirà il denaro. In situazioni d’insolvenza, sarà corrisposto un compenso massimo di 500000 yuan (81500 dollari) per deposito. La misura è necessaria per liberalizzare i tassi di deposito e quindi i tassi d’interesse. Il quadro è impostato per dare più respiro allo yuan. Dall’altra parte, va ricordato che nel 2005 lo yuan ruppe l’ancoraggio al dollaro (8,28 yuan per dollaro) oscillando con una margine di circa lo 0,3 per cento. Successivamente, i limiti della moneta fluttuante aumentarono di 3 volte, la più recente espansione ebbe luogo nel marzo 2014, quando i margini furono fissati al 2 per cento.
Negli ultimi cinque anni, anche se lo yuan si è apprezzato di oltre il 10% rispetto al dollaro, i muscoli economici della Cina si rafforzano. Le muraglie geopolitiche sui mari del sud-est asiatico costruite da Pentagono e dipartimento di Stato sono crollate come strategia del contenimento: La Cina aumenta i flussi di scambi e investimenti in America Latina, Caraibi, Nord Africa, Medio Oriente, Europa, eccetera. Anche negli Stati Uniti, la Cina ha visto aumentare i rapporti economici. Tra il 2007 e il 2014, il governo cinese ha raddoppiato le importazioni da 62000 a 124000 miliardi, secondo il Census Bureau degli Stati Uniti. Quali sono poi, le terribili conseguenze delle ‘pratiche commerciali sleali’ e della ‘manipolazione valutaria’ contro le aziende statunitensi? Mentre gli Stati Uniti agiscono unilateralmente nella finanza e in geopolitica, la Cina avanza attraverso il forte aumento del commercio estero, che tra l’altro è la forza più importante dell’internazionalizzazione dello yuan. Quando la Cina è diventata il primo esportatore negli Stati Uniti, nel 2007, i loro scambi iniziarono ad adottare lo yuan al posto del dollaro. Secondo le proiezioni della HSBC, la percentuale del commercio della Cina denominata in yuan passerà dal 25 al 50% nei prossimi 5 anni (2). Nell’ottobre 2013, lo yuan ha superato l’euro divenendo la seconda valuta più utilizzata nelle operazioni di finanziamento commerciale (3). Nella Cina continentale, attraverso Hong Kong e Singapore quali principali centri di emissione, i crediti commerciali denominati in yuan hanno registrato una quota del 9,43% nei primi mesi del 2015, un incremento del 30% rispetto al 2013 (4).
In modo inaudito, nel gennaio 2015 lo yuan diveniva la 5.ta moneta più utilizzata nelle transazioni globali superando i dollari canadese e australiano, secondo la Società per la telecomunicazione interbancaria finanziaria internazionale (SWIFT, nel suo acronimo in inglese) (5). Solo quattro anni fa, un piccolo gruppo di 900 banche operava in yuan. Alla fine del 2014, il numero è salito a oltre 10000 enti. Secondo Christine Lagarde, presidentessa del FMI, l’inclusione dello yuan ai DPS è imminente. Tuttavia, si rifiuta di dire quando accadrà (6). Come nel caso attuale della riforma della rappresentanza nel FMI, gli Stati Uniti si oppongono ad eventuali modifiche volte a indebolire il ruolo del dollaro. Tuttavia, a differenza di altre decisioni che hanno bisogno dell’obbligatoria approvazione dell’85% dei membri del FMI, il voto per l’adesione di una valuta ai DSP ne richiede solo il 70%, così il potere di veto di Washington (17,69%) è irrilevante.
Quali cambiamenti avverranno nel campo della finanza internazionale, se lo yuan aderirà ai DSP? Le riserve in yuan saranno riconosciute dal FMI; l’emissione di obbligazioni e l’apertura di conti bancari in yuan potrebbe aumentare significativamente. Inoltre, i costi di transazione saranno più bassi, e aumenterà l’espansione delle imprese cinesi all’estero. Una volta aderita ai DSP, la valuta cinese supererebbe i pesi relativi yen giapponese e sterlina (7). Senza dubbio, l’avanzata dello yuan è inarrestabile. Secondo le stime di Massimiliano Castelli, direttore strategico per le istituzioni sovrane dell’UBS, nel 2020 le banche centrali aumenteranno le loro riserve di 500 miliardi denominati in “moneta del popolo” (renminbi) (8). Le discussioni sulla costituzione dello yuan nei DSP si terranno dal prossimo maggio. A fine novembre si voterà l’iniziativa presentata dalla Cina e nel gennaio 2016 le modifiche saranno adottate. Stati Uniti e loro alleati porranno la maggioranza dei membri del FMI contro l’internazionalizzazione dello yuan?

USD-dollar-Renminbi-ChinaNote
1. “Commentary: U.S. fiscal failure warrants a de-Americanized world“, Xinhua, 13 ottobre 2013.
2. “Half of China’s total trade to be settled in yuan by 2020 – HSBC CEO“, Michelle Chen, Reuters, 26 marzo 2015.
3. “RMB now 2nd most used currency in trade finance, overtaking the Euro“, SWIFT, novembre 2013.
4. “RMB strengthens its position as the second most used currency for documentary credit transactions“, SWIFT, febbraio 2015.
5. “RMB breaks into the top five as a world payments currency“, SWIFT, gennaio 2015.
6. “IMF’s Lagarde says inclusion of China’s yuan in SDR basket question of when“, Reuters, 20 marzo 2015.
7. “Guest post: IMF decision could propel renminbi past sterling and yen“, Jukka Pihlman, The Financial Times, 15 dicembre 2014.
8. “Yuan reserves set to rise by $500 billion over 5 years: banks“, Patrick Graham e John Geddie, Reuters, 25 febbraio 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

AIIB, Grecia e profonda crisi occulta

Philppe Grasset, Dedefensa, 30 marzo 2015a41f72773d1b167c5ae849E’ ironico, se si considera ciò che è stato scritto lo scorso anno sull’inimitabile “isolamento” della Russia organizzato brillantemente dal blocco BAO sotto la direzione, assolutamente sicura di sé, dagli Stati Uniti, leggere un lancio dell’Associated Press che dichiara “l’isolamento degli Stati Uniti”. Si tratta di un lancio del 27 marzo 2015 sul futuro raggruppamento intorno al progetto cinese della banca d’investimento asiatica AIIB. Prima di affrontare nel particolare il caso, simbolicamente si constata l'”isolamento degli Stati Uniti” da parte di un media direttamente connesso al sistema, per vedere come il lavoro sotterraneo che rafforza la crisi generale (26 marzo 2015) sia costante ed efficace. Per illustrarne la costante attività, vediamo due soggetti: la banca AIIB e la crisi greca in Europa.
• … In realtà l’isolamento è ciò cui la Russia ha contribuito modestamente verso gli Stati Uniti, come commenta ironicamente sul proprio pseudo-isolamento sulla crisi ucraina, annunciando l’intenzione di partecipare alla banca AIIB. Ma l’approccio è passato praticamente inosservato, essendo tanti ad affrettarsi e a precipitarsi ad aderire all’iniziativa cinese. Le ultime decisioni sono state prese da Australia e Danimarca. (Vedasi RT del 29 marzo 2015  con questo commento: “Attestando il crescente peso economico globale della Cina, i Paesi occidentali fanno la fila per entrare nell’Infrastructure Asian Investment Bank, AIIB”). Il lancio di AP citato, del 27 marzo 2015, ha ripreso la situazione generale dell’iniziativa cinese. In effetti, l’AIIB qui presentata è un’iniziativa dalle evidenti dimensioni strategiche, splendidamente illustrata da questo commento di ZeroHedge, “L’egemonia degli Stati Uniti e il dominio del dollaro sono ufficialmente morti mentre la Cina registra una splendida vittoria nella battaglia bancaria (AIIB)“… AP dunque ricorda, nel dispaccio, le condizioni notevoli di tale battaglia. “La resistenza degli Stati Uniti alla banca regionale asiatica cinese li ha isolati dagli alleati asiatici ed europei e dato peso ai frequenti reclami della Cina secondo cui Washington vuole contenerla nell’ascesa a potenza mondiale. La Corea del Sud, uno dei più stretti amici degli USA in Asia, annuncia l’adesione all’Infrastructure Asian Investment Bank, AIIB, destinata a finanziare la costruzione di strade e altre infrastrutture. Pechino s’è impegnata a mettere la maggior parte dei 50 miliardi di capitale iniziali per la banca, che ci si aspetta sia costituita entro la fine dell’anno. Gli Stati Uniti hanno espresso la preoccupazione che la nuova banca permetta norme più flessibili di prestito su ambiente, diritti del lavoro e trasparenza finanziaria, inferiori a quelli della Banca Mondiale, dove gli Stati Uniti hanno peso maggiore, e la Banca asiatica di sviluppo, dove sono i secondi azionisti dopo il Giappone. Ma quando la Gran Bretagna ha rotto con Washington, due settimane fa, annunciando la firma per l’AIIB, le porte si sono spalancate. Francia, Germania, Italia e Svizzera l’hanno seguita rapidamente“.
• Grecia. ZetoHedge ha un lungo commento, il 28 marzo 2015 sugli avvenimenti in Grecia. Afferma che il governo greco avrebbe considerato i primi passi che potrebbero essere visti come preparazione all’opzione chiamata Grexit (uscita della Grecia dalla zona euro); si tratta dell'”ingenuità” di Tsipras che crede di poter raggiungere, con l’Unione europea e la sua spietata dottrina dell’austerità, un accordo accettabile per le proprie tesi, elettori e stabilità del governo; il ministro dell’Energia Lafazanis, di cui facilmente si capisce rappresentare la sinistra di SYRIZA, ha detto in un’intervista che l’unica via d’uscita dalla crisi per la Grecia è attraverso un duro confronto, se non un conflitto, con “l’Europa tedesca”, venendo seguita da una aspra diatriba con i tedeschi… Lo stesso Lafazanis ha visitato Mosca incontrando il ministro dell’Energia russo e il CEO di Gazprom; una visita piena di significato implicito una settimana prima di quella di Tsipras per incontrare Putin. ZeroHedge specifica che queste visite non porterebbero a una richiesta di aiuto russo dalla Grecia, cioè, non ancora secondo il commentatore… ZeroHedge rimane fermo nella sua prognosi: tutto questo finirà con un grande cambio in direzione della Grecia dall’Unione europea all’Unione economica eurasiatica di Putin. Putin aspetta con pazienza e anche maggiore esultanza… “Con nuove voci nate ultimamente, con la Grecia quasi senza fondi per il settore finanziario e il governo che impone controlli sui capitali, precursore di una Grexit vera e propria, la posizione di Atene è sul filo della lama. (…) Ciò che sorprende è quanto ingenuo Tsipras appaia con la sua retorica populista, anche dopo che è chiaro che non ha più leve, una volta tolta la minaccia della Grexit dal tavolo… e poi c’è il ministro dell’energia greco Panagiotis Lafazanis, che ha detto in un’intervista al quotidiano Kefalaio che l'”unico modo per la Grecia di uscire dalla crisi è con un duro confronto, se non conflitto, con l”Europa tedesca’. La visita di Lafazanis avviene una settimana prima dall’incontro di Tsipras con il presidente russo Vladimir Putin a Mosca, anche se il governo greco ha sottolineato che non cerca finanziamenti dal Cremlino. Non è ancora alla ricerca di finanziamento dal Cremlino. Perché una volta che la prima settimana di aprile passerà e la Grecia sarà ufficialmente senza soldi, andrà da chiunque potrà darle i fondi necessari per evitare la guerra civile, anche se ciò significa volgere la propria fedeltà dall’Europa all’Unione economica eurasiatica, cosa di cui la Russia è ansiosa, come avevamo infine previsto mesi fa“.
energy-minister-lafazanis-to-meet-russian-counterpart.w_l Entrambe le situazioni possono essere considerate crisi stesse o, più probabilmente e più precisamente a nostro avviso, come diversi aspetti della stessa crisi, che in realtà segue lo stesso percorso, sia occultamente che emergendo inaspettatamente di volta in volta con parossismo estemporaneo. Entrambe le situazioni riflettono, in modi diversi ma con aspetti assolutamente simili, lo stato critico di due componenti del blocco BAO: la corsa verso l’AIIB degli “amici europei” degli Stati Uniti, contro le loro pretese, dimostrazione paradossale della negazione della solidarietà che dovrebbe essere considerata da tutti assolutamente necessaria, essendo l’onere posto insopportabile per il buon funzionamento delle pretese egemoniche del sistema statunitense, nonostante tutte le smentite che gli oppone la situazione reale (superiorità russa nelle comunicazioni, diverse sconfitte nel disordine geopolitico, calo generale dell’influenza, situazione economica e sociale catastrofica dietro la cortina mediatica). La situazione inestricabile in Grecia testimonia, da parte sua ed altrettanto paradossalmente, il “fardello insopportabile posto per il buon funzionamento del sistema, dalle pretese egemoniche (dell’UE) nonostante tutte le smentite che gli oppone la situazione reale” (le reazioni popolari alla politica insopportabile imposta dalla ‘centrale di Brussels’ alle direzioni degli Stati aderenti al sistema). Entrambe le situazioni riflettono infine le contraddizioni che nutrono l’equazione superpotenza-distruzione dato che i vari componenti del blocco BAO possono adottare una postura facilmente interpretabile come antisistema (gli europei nell’AIIB), laddove le circostanze invitano o più semplicemente lo consentono, anche nel nome dei soliti argomenti della dottrina neoliberista. Ciò che va identificato e valutato, ben inteso dell’orientamento, è tale apparato occulto che opera nella stessa direzione, in particolare durante le latenze della crisi, e quanto tale apparato sia chiaramente controproducente. Non è necessario, a nostro avviso, cercare un vincitore in tali episodi per trarre conclusioni definitive, con cui aspettarsi che permettano di considerare un’alternativa al sistema. Si pensi naturalmente alla Cina che trionfa con l’AIIB, ma ciò in nessun caso garantisce durevolezza, originalità strutturale, ecc, che permetta di considerare tale ipotesi. La Cina è importante ed interessante in questo caso, certamente contro la sua volontà, ma non è necessario che sia coinvolta in tale enorme fenomeno, se non con ruolo assolutamente distruttivo del sistema. La Grecia non è importante e interessante che nel caso che illustra, poiché le proprie crisi, sofferenze e convulsioni illustrano, lo si voglia o meno, il fallimento di un’altra parte del sistema, nell’UE e nel blocco BAO. La cecità quasi totale caratterizza in tutti i casi e i modi grandi e piccoli attori del sistema, cecità che termina sempre con un caso in cui una delle componenti del Sistema o anche un suo pilastro, infine svolge un ruolo antisistema. Si potrebbe anche osservare, in casi estremi a cosi come la Cina che non vuole distruggere il sistema o addirittura competervi, in un modo o nell’altro, perché pensa di mantenere il rango di potenza, finendo comunque per competere e poi operare per la distruzione del sistema.
Le caratteristiche essenziali della grande crisi del crollo del sistema vengono così identificate… Il silenzio e l’azione sotterranea, l’azione delle termiti che mina il sistema facendo attenzione a non attaccarlo apertamente; la completa ambiguità del sistema stesso che si spaccia quale forza progressista, mentre la sua azione è fondamentalmente destrutturante, il carattere dell’ambiguità è lo strumento principale del suo trionfo, divenuto principale mezzo per attivare e aggravare la crisi del collasso; l’incapacità di tutte le parti, più o meno correlate al sistema, identifica la vera strategia in relazione al sistema, per supportarlo o eventualmente controllarlo e tenerlo a distanza, portando a una corsa incontrollata legata al mero interesse occasionale che finisce, prima o poi, coll’avere una posizione antisistema dagli effetti così gravi che alcuno vi è preparato. Gli Stati Uniti stessi, dal loro atteggiamento imitato profondamente dall’ambiguità del sistema (affermazione egemonica di un ordine mondiale e produzione sistematica della decostruzione), danno sempre più origine a tendenze antisistema a cui tutti sono spinti, perché non possono fare altrimenti.

greece russia flagsTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Incontro trilaterale a Seoul

Vladimir Terehov New Eastern Outlook 28/03/2015Wang Yi, Fumio Kishida, Yun Byung-seIl 21-22 marzo, Seoul ha ospitato la riunione dei ministri degli Esteri di Cina, Giappone e Corea del Sud, preparata da tempo e con grande difficoltà, evento strettamente sorvegliato da altri Paesi dell’Asia del nord-est e della regione Asia-Pacifico. Dato che è stato il primo incontro tra i ministri in tre anni, ne è valsa l’attenzione in quanto determina essenzialmente la natura dell’evoluzione della situazione nella regione del nord-est asiatico. Per gli osservatori stranieri, il criterio per il successo di questo incontro è la possibilità d’impostare una data specifica per un vertice tra i leader di Cina, Giappone e Corea del Sud. A tal proposito, hanno dichiarato in un comunicato ministeriale congiunto che intendono lavorare a un vertice a tre “al più presto”, fornendo a ottimisti e pessimisti ampie opportunità d’interpretare l’efficacia del lavoro svolto a Seoul. È chiaro che le dichiarazioni congiunte dei Paesi, partecipanti alla Trans-Pacific Partnership, le cui riunioni annuali negli ultimi cinque anni, sembrano concludersi con la stessa formulazione “gommosa”. La natura incerta dell’esito della riunione di Seul è in linea con il contesto politico molto ambiguo plasmato da una serie di eventi e dichiarazioni dei leader politici della regione. Al centro del conflitto, non favorevole alla creazione di un ambiente adatto a un vertice trilaterale, è l’ultimo alterco cino-giapponese sulle isole Senkaku/Diaoyu. Due eventi hanno portato a tale conflitto:
Il primo è stata la scoperta, il 30 dicembre 2014, di un sito web cinese trilingue (cinese, giapponese e inglese), in cui viene spiegata l’intera questione delle “Isole Diaoyu”, portando ad una protesta del ministero degli Esteri giapponese, respinta dal ministero degli Esteri cinese.
Il secondo evento (visibilmente risultante dal primo) è stata la “scoperta d’archivio” del ministero degli Esteri giapponese di un atlante cinese del 1969 in cui tutte le isole, tra cui quelle principali, sono indicate con i loro nomi giapponesi. I media giapponesi hanno risposto dicendo che la domanda della Cina sulle isole fu posta solo alla fine degli anni ’70 per la sua natura “mercantile”. Presumibilmente Pechino poi ha cominciato a valutare seriamente il rapporto del 1968 delle Nazioni Unite sulle possibili enormi riserve di idrocarburi sul fondo del Mar Cinese Orientale, vicino le isole Senkaku, chiamate Diaoyu dai cinesi. Al reperto storico giapponese seguiva l’attesa reazione negativa della Cina, che ipotizzava che l’atlante sia stato creato durante l’occupazione giapponese di parte del territorio cinese.
A controbilanciare debolmente tali eventi negativi è stata la firma di un accordo Giappone-Cina sulla “costante cooperazione” regionale per minimizzare i danni da disastri naturali. Un indicatore importante dell’ulteriore sviluppo delle relazioni bilaterali sarà la reazione del Giappone alla firma del 24 ottobre 2014, a Pechino, dell’istituzione dell’Infrastructure Asian Investment Bank (AIIB) con un capitale sociale iniziale di 50 miliardi di dollari che, secondo gli esperti, in gran parte cinese. Finora l’AIIB è piuttosto inferiore a Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Banca asiatica di sviluppo controllati da Stati Uniti, Unione europea e Giappone. Ma qui è importante notarne il trend, dato che dalla decisione del giugno 2014 dei Paesi BRICS di creare la nuova Banca di sviluppo, l’AIIB sarà il secondo maggior progetto bancario, essenzialmente attuato sotto l’egida della Cina. Più di 30 Paesi hanno annunciato ufficialmente interesse per l’AIIB tra cui: India, Nuova Zelanda, Singapore, Vietnam, Qatar, Laos, Kazakistan, Uzbekistan. A marzo tutti i principali Paesi europei, Francia, Germania, Italia e Regno Unito, annunciavano l’adesione al progetto. Quest’ultimo sembra particolarmente degno di nota, in quanto i leader del mondo occidentale, gli Stati Uniti, così come i loro alleati regionali più stretti Giappone, Australia e Corea del Sud, sono vistosamente assenti. L’Australia, però, potrebbe seguire l’esempio del Regno Unito e la Repubblica di Corea “considera la possibilità di aderirvi”. Riguardo l’alleato chiave degli USA, il Giappone, ci sono elementi di “debolezza” nella sua posizione sulla questione (ancora una volta e sulla scia della “mancanza di fermezza” nel sostenere le sanzioni alla Russia). Pertanto, la dichiarazione del ministro delle Finanze giapponese Taro Aso sull’AIIB, il 20 marzo, è degna di nota (fu primo ministro nel 2008-2009), quando ha detto che “c’è la possibilità di discuterne… mentre si attiva, una volta soddisfatte alcune condizioni, come richiesto dal Giappone per l’adesione all’AIIB“. Ma tuttavia, un altro ministro chiave (dell’Economia), Akira Amari, ha detto alla conferenza stampa separata che il Giappone lavorerà “con gli Stati Uniti” sull’AIIB. Non sembra casuale che Aso decida di giudicare la domanda d’adesione alla banca in termini di “diplomazia ed economia”, così aggirando i fattori politici e di sicurezza che molto influenzano le relazioni tra i principali Paesi del nord-est asiatico e della regione Asia-Pacifico. La direzione opposta dei vettori politici ed economici nello sviluppo delle relazioni tra i protagonisti della regione Asia-Pacifico, è ciò che oggi spesso si chiama “paradosso asiatico”. In realtà non esiste un così speciale “paradosso asiatico”, come non c’era in Europa all’inizio del 20° secolo, alla vigilia della prima guerra mondiale. Solo che la storia non finisce qui e la “mano invisibile del mercato che risolve tutti gli altri problemi” s’è rivelata essere solo un’altra fiction speculativa.
Nel 70° anniversario della fine della Seconda guerra mondiale, la questione più rilevante nei rapporti tra Giappone, Cina e Corea del Sud rimane la valutazione ufficiale del governo giapponese del ruolo del Paese in tale recente periodo storico. Parlando ad una conferenza stampa il 15 marzo 2015, il primo ministro cinese Li Keqiang ha detto che “In un momento così critico, è un test e un’opportunità dei rapporti Cina-Giappone“. In una dichiarazione sufficientemente precisa, il primo ministro cinese ha chiarito che scopo del test è valutare il comportamento dei “militaristi giapponesi” in Asia che crearono una “tremenda sofferenza”, non solo per le altre nazioni, ma anche al loro popolo. Secondo Li Keqiang, se il primo ministro giapponese supera il test in modo soddisfacente (dal punto di vista cinese) questa estate ci sarà nuovo impulso allo sviluppo delle relazioni bilaterali, anche nel settore imprenditoriale. Così una settimana prima della riunione trilaterale a Seoul, i principali leader della Cina formulavano alcune condizioni per la rianimazione dei rapporti politici con il Giappone, che saranno accettate o rifiutate indirettamente nei prossimi mesi. Data la natura vaga e predeterminata della dichiarazione congiunta della riunione trilaterale a Seoul, un’ulteriore sviluppo delle relazioni “Cina-Giappone-Corea del Sud” sarà determinata in modo significativo dalle parole che il primo ministro giapponese Shinzo Abe pronuncerà alle prossime commemorazioni del 70° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale.map-locating-disputed-southVladimir Terekhov, esperto della regione Asia-Pacifico, per la rivista online “New Eastern Outlook orientale“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra delle petrovalute

Gulam Asgar Mitha (Canada) Oriental Review 22 marzo 2015Us Dollar Versus China YuanLa segretaria di Stato Hillary Clinton, nel 2007 chiese all’ex-primo ministro australiano Kevin Rudd “come imporsi ai propri banchieri?”, preoccupata per i crescenti potere e presa della Cina sulle finanze USA, e secondo Wikileaks Rudd disse a Clinton di usare la forza come ultima risorsa. I cinesi si fidano degli USA? Da superpotenze, sono diffidenti. Per gli USA è sempre stata questione di affari, non di amicizia o interesse altrui, ma dei propri. Ciò è comprensibile. Sull’arroganza statunitense, una volta lessi da qualche parte che tale arroganza era piovuta dall’eroe greco di qualche tragedia classica. Entriamo in una nuova epoca, quella della guerra valutaria che metterà alla prova la forza dell’economia statunitense e del dollaro contro la forza dell’economia cinese e dello yuan. La corda nel tiro alla fune sarà il greggio. L’egemonia economica statunitense è contestata dalla Cina e di conseguenza è naturale che gli Stati Uniti cerchino di mantenere la loro posizione geopolitica e finanziaria globale. Tra tali giganti, il sistema finanziario globale potrebbe essere completamente ridefinito con una guerra devastante in Medio Oriente. Qualche anno fa lessi il libro “Petrodollar Warfare” di William Clark, pubblicato nel 2005, quando l’euro era una moneta in crescita e lo yuan un sogno lontano. Clark scrisse che la logica dell’intervento (in Iraq) non era solo il controllo dei giacimenti petroliferi, ma anche dei mezzi con cui il petrolio viene scambiato sui mercati mondiali. Sadam fu deposto dagli Stati Uniti e dai loro alleati arabi (che avevano i dollari come valuta di riserva) perché si rifiutava di vendere petrolio in dollari USA. La stessa sorte fu inflitta alla Libia di Gheddafi. Ora l’Iran è nel mirino degli USA non perché svilupperebbe la bomba nucleare che la CIA nega, ma perché vende il petrolio in diverse valute nella sua borsa sull’isola di Kish. La Cina compra petrolio nei mercati internazionali da Paesi che accettano lo yuan. Secondo l’US Energy Information Agency (EIA), la Cina nel 2013 è diventata la seconda importatrice di petrolio con 6,2 milioni di barili/giorno (MMBOPD), leggermente dietro gli Stati Uniti a 6,6 MMBOPD. Sempre per l’EIA, la Cina diverrà il maggiore importatore di petrolio nel 2014-15. Non solo, ma la produzione di petrolio della Cina tramite l’acquisizione di azioni all’estero è aumentata dai pochi 150000 barili al giorno del 2005 ai 2,7 MMBOPD nel 2013. La Cina importa il 52% del petrolio greggio dal Medio Oriente (10% dall’Iran e 20% dall’Arabia Saudita), mentre al contrario gli Stati Uniti hanno ridotto le proprie importazioni dall’Arabia Saudita al 16%, mentre le importazioni dal Canada sono in costante aumento. Nel 2010 la produzione di petrolio degli Stati Uniti era 9,7 MMBOPD e il consumo del 19,2 MMBOPD. Tale equilibrio è cambiato nel 2014, la produzione di petrolio è aumentata a 13,4 MMBOPD grazie allo scisto, mentre il consumo è diminuito a 18,7 MMBOPD grazie all’energia alternativa e all’efficienza dei carburanti. Le importazioni nette, quindi, sono ulteriormente diminuite nel 2014 di 1,3 MMBOPD (fonte: EIA)
Da oltre 40 anni il dollaro degli Stati Uniti ha goduto della posizione di rendita di valuta di riserva globale. Nel 1971, il presidente Richard Nixon ordinò la cancellazione della convertibilità diretta del dollaro degli Stati Uniti in oro per via dell’inflazione causata dalla guerra del Vietnam, dal deficit commerciale e dall’aumento del prezzo del petrolio che svalutò il dollaro rispetto al prezzo dell’oro stabilito a Bretton Woods, che legava indirettamente tutte le altre valute (tra cui la sterlina inglese) al gold standard, con cui le banche centrali commerciavano l’oro sulla base del rapporto di 35 dollari USA per oncia. Subito dopo, Nixon negoziò con l’Arabia Saudita affinché i prezzi del petrolio, in futuro, fossero denominati in dollari USA scollegando l’oro del gold standard dallo standard dell’oro nero, in cambio di armi e protezione. Tutti i tredici Paesi OPEC, tra cui l’Iran, adottarono la vendita del petrolio in dollari USA. Ciò permise agli Stati Uniti di esportare gran parte della propria inflazione. Nel gennaio 2015, la Banca dei regolamenti internazionali (BRI) ha pubblicato un documento intitolato Credito globale in dollari: collegamenti tra politica monetaria e di leva indicando “che dalla crisi finanziaria globale (del 2008), banche e investitori obbligazionari hanno aumentato la circolazione creditizia in dollari statunitensi, presso mutuatari non bancari al di fuori degli Stati Uniti, da 6000 miliardi di dollari a 9 trilioni (erano 2000 miliardi dollari nel 2001). Tale incremento dovuto al quantitative easing (QE) della Federal Reserve Bank ha implicazioni sulla comprensione della liquidità globale e la trasmissione della politica monetaria“. Il rapporto analizza l’entità impressionante e sconvolgente del debito globale in dollari USA. Nel linguaggio profano il debito è il risultato diretto della stampa di dollari statunitensi dal 2008. Secondo SWIFT (Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication) lo yuan cinese è diventato una delle primi cinque valute di pagamento del mondo, nel novembre 2014, superando il dollaro canadese e il dollaro australiano. I pagamenti globali in yuan sono aumentati del 20,3 per cento nel dicembre 2014. CIPS (China International Payments System) avvicinerà lo yuan alle altre principali valute mondiali come dollaro statunitense, yen, sterlina ed euro. E’ possibile che in pochi anni lo yuan condivida la stessa posizione con il dollaro quale petrovaluta e che il prezzo del petrolio sarà sia in yuan che in dollari. Ciò causerà una massiccia migrazione di dollari negli Stati Uniti da Paesi e investitori stranieri con conseguente iperinflazione. Dopo aver spiegato l’impatto dello yuan in pochi anni e la dipendenza del debito globale a causa delle politiche di QE degli Stati Uniti, rivolgiamo la nostra attenzione al nuovo CIPS che sarà lanciato entro la fine del 2015 in alternativa a SWIFT, collegando oltre 9000 istituzioni finanziarie in 200 Paesi, agevolando le transazioni valutarie globali. Secondo Reuters del 9 marzo 2015 “il lancio di CIPS eliminerà uno dei maggiori ostacoli all’internazionalizzazione dello yuan e dovrebbe aumentare notevolmente l’uso globale della valuta cinese, tagliando costi e tempi delle transazioni“. Secondo Reuter “CIPS diverrà la superstrada dello yuan”.
In questi scenari, i 40 anni di matrimonio di convenienza politica ed economica tra Arabia Saudita e Stati Uniti probabilmente cambieranno. L’Iran potrebbe emergere come superpotenza regionale in Medio Oriente e stretto alleato dei cinesi e russi nella Shanghai Cooperation Organization (SCO). Una nuova OPEC con le testate nucleari, come suggerito dal professor David Wall sul Journal of International Affair di Matthew Brummer, Shanghai Cooperation Organization e Iran: una potente unione. Ciò potrebbe portare alla 3.za guerra mondiale, che la storia potrebbe chiamare “La guerra delle petrovalute”?Chine-Russie-OrGulam Asgar Mitha è un ex-ingegnere della sicurezza. Ha collaborato con diverse compagnie petrolifere e gasifere nordamericane e internazionali ed ha lavorato in Libia, Qatar, Pakistan, Francia, Yemen ed Emirati Arabi Uniti. Attualmente vive a Calgary, in Canada, ed ama leggere e seguire le attuali questioni politiche globali. In esclusiva per Oriental Review.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Corea del Sud cambia campo?

Andrew Korybko Sputnik 20/03/2015

Le recenti decisioni della Corea del Sud sollevano la questione se la sua leadership sia sempre più pragmatica nei rapporti con Pechino a spese di Washington.

korea-04La Corea del Sud è da tempo alleata degli Stati Uniti, ma il suo sostegno agli Stati Uniti non è più cieco come una volta. I crescenti legami economici con la Cina, attraverso il futuro accordo di libero scambio, rendono la politica estera del Paese più equilibrata, così come l’ambivalenza strategica verso il sistema di difesa antimissile THAAD degli Stati Uniti. Mentre la Corea del Sud non può cambiare completamente posizione, sembra seguire una traiettoria verso neutralità e pragmatismo, di per sé una sconfitta relativa del perno politico in Asia degli Stati Uniti.

Chi vuole cosa?
Diamo un rapido sguardo a ciò che ciascuno dei tre attori principali vuole realizzare, contribuendo a dare un quadro più chiaro del motivo per cui la Corea del Sud ha preso le ultime decisioni economiche e militari.

Stati Uniti:
Idealmente gli Stati Uniti vogliono integrare le 28000 truppe in Corea del Sud nella ‘Coalizione di Contenimento della Cina’ (CCC) che costruiscono nell’Estremo Oriente e nel Sud-Est asiatico. Vorrebbero prolungare la presenza militare nel Paese a tempo indeterminato e, auspicabilmente, far aderire la Corea del Sud ai piani del contenimento con la formalizzazione del rapporto militare tra Seoul, Washington e Tokyo. Gli Stati Uniti non hanno un vero interesse nel vedere le due Coree ricongiungersi, dato che ciò potrebbe probabilmente portare alla fine della presenza cinquantennale delle loro forze di occupazione.

Cina:
Il sogno di Pechino è vedere gli Stati Uniti abbandonare completamente la penisola coreana, ed il CCC abbandonato o neutralizzato. Non vuole alcuna destabilizzazione della penisola coreana, in quanto ciò inevitabilmente affliggerebbe la Cina stessa. Se le due Coree si riunificano, la Cina ne monitorerebbe cautamente gli sviluppi per garantirsi che la Corea unita non sia una minaccia economica o militare che può esserle rivolta contro un giorno. Eppure, Pechino preferirebbe che gli Stati Uniti lascino la penisola oggi e affrontare gli eventuali problemi sulla Corea, un domani unita, che avere il Pentagono provocare continuamente la Corea democratica, nel cortile della Cina.

Corea del Sud:
La cosa più importante per Seoul è la risoluzione dei due problemi della Corea democratica, vale a dire denuclearizzazione di Pyongyang e riunificazione. Idealmente, vorrebbe anche perseguire la sua storica ‘terza via’ tra i colossali vicini cinesi e giapponesi, comportando una politica di neutralità e stabilità. Mentre la Corea del Sud è stata ovviamente sotto l’intensa influenza statunitense dalla fine della seconda guerra mondiale, sembra desiderare una politica multipolare quale via più efficace per perseguire i propri obiettivi.

Decifrare le decisioni di Seoul
Ora è il momento di osservare le ultime quattro decisioni della Corea del Sud, che portano a parlare di potenziale perno (e contro di esso).

Ritardo indefinito dell’OpCon:
Stati Uniti e Corea del Sud hanno accettato lo scorso ottobre di ritardare il trasferimento del controllo delle operazioni in tempo di guerra (‘OpCon’) dagli USA a Seoul a tempo indeterminato, con l’idea che la Corea del Sud non sia attualmente in grado di comandare le proprie forze in caso di guerra. Ciò prolunga il controllo diretto degli USA sugli affari militari della Corea del Sud, il che significa che letteralmente ne controllerà le forze armate in caso di guerra con la Corea democratica o la Cina. Anche se la pace vigesse, le forze statunitensi non lasceranno il Paese ancora per un bel po’ difatti, una chiara vittoria di Washington.

L’accordo di libero scambio Cina-Corea del Sud:
Era naturale che le due parti raggiungessero l’accordo che entrerà in vigore a fine anno, dato che la Cina è il maggior partner commerciale della Corea del Sud e la Corea del Sud è il terzo della Cina. Secondo il South China Morning Post, “gli investimenti cinesi in Corea sono balzati del 374%, a 631 milioni di dollari dell’anno scorso dai 133 nel 2013”, in previsione dell’accordo, chiara dimostrazione del desiderio della Cina di espandere le relazioni commerciali con il Paese. Se le relazioni economiche s’intensificano la Corea del Sud potrebbe potenzialmente entrare nell’Area di libero scambio della Cina nella regione Asia-Pacifico (contraltare del TPP degli Stati Uniti), e anche nell’Investment Bank Infrastructure asiatica (la risposta cinese alla Banca Mondiale a guida occidentale, che ha invitato la Corea del Sud ad unirvisi se molla il THAAD), sarebbe un’enorme ritirata dell’influenza di Washington sulla penisola.

Abbandonare il THAAD:
La Corea del Sud è strategicamente ambivalente sul sistema di difesa antimissile THAAD degli Stati Uniti da schierare sul suo territorio. Seoul capisce acutamente che gli Stati Uniti vogliono semplicemente costruire la versione orientale del loro scudo antimissile, ospitandone le infrastrutture diverrebbe un complice del CCC. La Corea del Sud sembra dubitarne, sapendo che le relazioni con la Cina si deteriorerebbero più rapidamente di quelle della Polonia con la Russia dopo averne accettato la controparte in Europa orientale. Nel caso in cui la Corea del Sud decida di non diventare la ‘Polonia asiatica’, sarebbe un duro colpo al perno in Asia degli Stati Uniti.

…o esservi incastrati dopo?:
Ma gli Stati Uniti hanno un asso nella manica, avendo detto alla Corea del Sud di permetterne lo schieramento nel Paese in caso di vaghe “situazioni di emergenza”, che potrebbero realisticamente essere delle manipolate risposte nordcoreane alle provocazioni inscenate con le manovre USA-Corea del Sud (come di norma). Una volta che il THAAD sarà schierato nel Paese, non è probabile che riduca le tensioni, fornendo così agli Stati Uniti la possibilità di piazzare in segreto il loro scudo antimissile nel Paese.

Rimescolamento regionale
Oltre all’avvicinamento della Corea del Sud al multipolarismo, altre due tendenze non dichiarate trasformano la regione. Il peggioramento delle relazioni della Corea del Sud con il Giappone e l’avvicinamento della Corea democratica alla Russia. Il primo è il frutto del rinnovato nazionalismo e militarismo giapponese, mentre il secondo è dovuto alle manovre occulte tra Pyongyang e Pechino. Se perseguono tali rotte fino alle conclusioni logiche, queste tre tendenze regionali ridefiniranno il futuro quadro geopolitico del Nordest asiatico, comportando tre possibili sviluppi.

Ridimensionamento degli USA:
Anche se la presenza militare statunitense probabilmente rimarrà nel prossimo futuro, Washington non sarà più in grado d’influenzare la Corea del Sud come in precedenza, nel senso che il suo potere diminuirà relativamente.

Reindirizzo giapponese:
Il fallimento del Giappone nel ripristinare rapporti favorevoli con la Corea del Sud potrebbe rendere la CCC inefficace nel Nordest asiatico, e Tokyo quindi reindirizzerebbe la CCC a sud verso Vietnam e Filippine. Tokyo ha già pianificato tali mosse, ma con la Corea del Sud non più alleata vitale, vi concentrerà maggiori sforzi.

Colloqui di pace – parte II:
Con la Corea del Sud che si avvicinar alla Cina e la Corea democratica che fa lo stesso con la Russia, l’intera dinamica politica della penisola potrebbe mutare a un certo momento. Mentre in passato la dualità Corea democratica-Cina e Corea del Sud-Stati Uniti non ha portato la pace in oltre 50 anni, il nuovo accordo potrebbe essere più adatto a compiere progressi.

south-korea-mapTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 525 follower