Perché la pseudo-sinistra odia Grover Furr?

Espresso Stalinist, 9 giugno 2016

Grover Furr è un professore e autore statunitense. Ha insegnato alla Montclair State University nel New Jersey per oltre quattro decenni e ha scritto saggi, articoli e libri sulla storia sovietica sia in russo che in inglese. Anche se la sua opera copre una vasta gamma di argomenti, i suoi scritti più famosi riguardano il periodo della storia sovietica sotto Josif Stalin, in particolare le controversie sui processi di Mosca, il “massacro” di Katyn, gli eventi in Polonia nel 1939, l’omicidio di Sergej Kirov, la carestia ucraina e il “discorso segreto” di Khrusciov. Le ricerche di Furr sulla storia del comunismo e sovietica e le falsificazioni storiche contro il socialismo sono alcune delle più straordinarie, rivoluzionarie ed illuminanti del mondo. Usa un approccio molto preciso e ammirevole basato su documenti estremamente preziosi e difficili da trovare altrove. Quest’approccio, non sorprende, gli è valso diversi nemici e critici, non solo a destra ma anche a sinistra. Chi da sinistra attacca Grover Furr è tra i più singolari dei suoi critici. Il Professor Furr esamina le accuse storiche usate per attaccare il socialismo, e nei suoi libri ed articoli si trovano prove oggettive documentate e d’archivio che queste non sono vere o sono ingannevoli. In altre parole, dedica molto tempo e sforzi a contrastare la propaganda borghese sul marxismo-leninismo. Qual è stata la loro risposta? Attaccarlo. Si potrebbe pensare che qualcuno che parli russo, abbia tradotto documenti russi e abbia avuto accesso agli archivi sia d’interesse per chi desidera conoscere la storia del socialismo. Si potrebbe inoltre pensare che una persona sincera che si considera socialista o marxista ringrazi Grover Furr per aver provato che gran parte di ciò che ci viene detto su Stalin e l’Unione Sovietica è una menzogna. Viviamo in un’epoca in cui la maggior parte degli accademici marxisti o progressisti che osano sfidare lo status quo viene licenziata, emarginati, cacciata dal mondo accademico o semplicemente considerata irrilevante. Solo un pazzo fingerebbe che la repressione accademica non sia una realtà. Tuttavia, quando si tratta dei coraggiosi, audaci e stimolanti lavori che Furr ha pubblicato, i razzisti li eliminano universalmente senza rivedere le prove che presenta. Nelle discussioni non li ho mai sentiti dire: “No Professor Furr, non sono d’accordo con la sua tesi, e desidero fare una contro-tesi. Ecco i miei fatti, le mie argomentazioni e le mie fonti a sostegno”. Invece, quello che sento ripetutamente è che il suo lavoro viene definito “assurdo” e “folle”, e Furr stesso etichettato come “pazzo” o “stalinista”, quasi sempre nel tentativo di collegare la sua ricerca all’antisemitismo e ai fascisti, o addirittura definirlo apertamente “negazionista”, paragonando implicitamente la storia sovietica a quella della Germania nazista. Perché i suoi critici si comportano universalmente in questo modo? La risposta è semplice: perché non possono smentire nulla di ciò che dice.
In tutte le ricerche in cui Furr ci ha fatto comprendere la storia sovietica e confutare le menzogne raccontate sulla vita nei Paesi socialisti, i suoi critici e avversari non hanno offerto alcuna significativa smentita delle sue opere o addirittura sfidato le prove in esse contenute. Quando viene spinto a riassumere le sue tesi, presentando le prove per sostenerle, e quindi offrendo contro-prove e confutazioni appropriate, il silenzio irrompe. Pochissimi, se non nessuno dei suoi critici, possono dire con quali punti specifici delle sue opere non sono d’accordo o possono dimostrare false. Spesso affermano cose che sono già state affrontate nell’articolo in questione. Gli oppositori della ricerca di Furr, qualunque siano le loro differenze ideologiche, condividono tutti un filo comune che nel tempo è diventato impossibile perdere. Nonostante il loro biascicare e vaneggiare, nessuno lo sfida direttamente sulle fonti o tenta di confutarne l’argomentazione. C’è una ragione concreta per questo: l’opposizione alla ricerca di Furr viene dall’anticomunismo viscerale. L’infinito veleno della pseudo-sinistra nei confronti del lavoro di Furr è interamente (no, non in parte, o per lo più, ma da ciò che ho visto, interamente) privo di contro-critica, contro-prove, ricerca o impegno contrastanti in qualsiasi modo forma o metodo il lavoro di Furr. Al momento, non ci sono confutazioni accademiche sul lavoro di Grover Furr. Le recensioni ostili, d’altro canto, abbondano. Né mancano critici che recitano “ci dia altre prove”, chiedendo una quantità maggiore di prove per soddisfarli, naturalmente, a un livello impossibile, indipendentemente da quanto ce ne siano. Un altro modello coerente nei suoi critici è che presuppongono che un autore debba provare che il senso della propria ricerca soddisfacendo un critico ostile o scettico, per essere considerato valido. Se l’autore non riesce a portare a termine questo compito, prova che non sa dimostrarla e prova definitivamente che l’intera ricerca è di conseguenza è priva di valore.
Il dibattito su Grover Furr è sempre sulla forma, la persona, il suo stile di scrittura, i suoi presunti motivi, la sua presunta disonestà o mancanza di qualifiche, e mai sul contenuto, le prove presentate, ciò che mostra e se è vero o meno. La pseudo-sinistra infantile risponde alla scienza con provocazioni, ai fatti con l’ostilità, alla ragione con gli insulti, alle domande ideologiche con attacchi personali e alle domande profonde poste dal lavoro di Furr con critiche superficiali. Questo non vuol dire che chiunque abbia criticato il lavoro di Furr si oppone automaticamente al socialismo. Lungi da ciò, la critica è parte essenziale dell’essere marxista-leninista. Ma in generale le critiche a Grover Furr non sono basate su un principio. “Nessuno prende sul serio Grover Furr” è il ritornello. Eppure, John Arch Getty, Robert Thurston, Lars Lih e molti altri ne hanno elogiato il lavoro pur non essendo d’accordo con la sua visione politica. Non è necessario condividere completamente la visione del mondo di Furr per trovare grande valore nei suoi saggi, articoli e libri. In realtà, qualsiasi ricercatore serio, marxista o no, può imparare molto dalle prove che raccoglie per sostenere i propri punti di vista, prove che non vengono quasi mai studiate a fondo da chi le denuncia violentemente. Se l’idea che Furr non sia un accademico serio è una posizione legittima da prendere, allora dovrebbero esserci critiche alla sua borsa di studio. Forse non sorprendentemente, non ho sentito un singolo argomento sul motivo per cui Grover Furr è una fonte inaccettabile di informazioni oltre alle sue opinioni impopolari. Se i suoi argomenti non possono essere affrontati, allora i suoi critici non hanno il diritto di rifiutarne la citazione delle opere. Si punta molto sulle “credenziali accademiche” di Furr, o presunta mancanza, per scrivere sugli argomenti che sceglie. È un professore inglese dicono, e quindi non può essere considerato un’autorità sulla storia. Questi nobili cavalieri dediti alla difesa del “credibile” mondo accademico capitalista che vediamo, devono parlare contro Furr. Eppure, costoro non hanno problemi con le opere di Noam Chomsky, un linguista che scrive una sfilza infinita di libri su una vasta serie di argomenti al di fuori del suo campo, come criticare la politica estera, l’economia, la scienza, l’immigrazione e la Guerra fredda degli Stati Uniti. Chiunque abbia familiarità con le opere di Chomsky sa che i suoi punti di vista sono l’anarchismo piuttosto tradizionale combinato col liberalismo classico dell’illuminismo. Non ama il socialismo e certamente non minaccia per nulla la classe dominante. Parlare contro l’imperialismo di per sé non è un atto particolarmente radicale, specialmente quando non lo si critica da una prospettiva marxista. Molti estremisti e libertari parlano contro la politica estera degli Stati Uniti. Perché tale doppio standard? Qual è la differenza tra Furr e Chomsky? Abbastanza semplice. Chomsky è il rampollo dell’anticomunismo di sinistra, una sinistra “sicura” e abbattuta, privata di tutto ciò che non sia accettabile alla borghesia. Nel frattempo, la ricerca di Furr tenta di confutare la comune propaganda anticomunista invece di accettarla. La pseudo-sinistra preferirebbe sostenere la causa piccolo-borghese che quella proletaria, perché si tratta di “radicali” bloccati in tale forma di pensiero.
È assolutamente indiscutibile che la visione moderna della storia del socialismo sia stata modellata da chi la disprezza, e tuttavia i sinistri fasulli non hanno problemi a sostenere le più vili menzogne contro la storia sovietica, dell’Europa orientale e cinese. In un’atmosfera dove le opere assai discutibili di Robert Conquest e Richard Pipes sono sostenute come dogma e trattate come materiale seriamente impegnato o addirittura inconfutabile, il lavoro di Furr viene tacciato da reazionari e pseudo-sinistra con rigetto e calunnia. Quando negare non basta, vengono inventate accuse generiche, come la pretesa che la sua presentazione della storia sia “teoria della cospirazione”. Si ricorse a ciò anche per descrivere le opere di altri studiosi marxisti-leninisti, come William Bland. Sottolineo ancora che finché non ci sono confutazioni, non si possono accettare tali accuse. Dopo tutto, con la storia delle trame capitaliste che sappiamo, si può accettare seriamente tale argomentazione? I fatti sono veri o no? Le accuse di “stalinista” contro Furr non significano nulla. Se i critici hanno delle contro-prove, si facciano avanti e li presentino. Questa non dovrebbe essere una richiesta irragionevole per un marxista, o per chiunque, davvero. Quando Furr parla di cospirazioni dell’opposizione nell’Unione Sovietica, o di vuoti e falsificazioni nella storia ufficiale di Katyn, viene trattato col massimo scetticismo. L’idea che gli imputati dei processi di Mosca possano essere stati effettivamente coinvolti in cospirazioni terroristiche per rovesciare il governo sovietico ed assassinare funzionari è vista come assurdità. Tuttavia, quando ci vengono presentate storie su una cospirazione atroce che coinvolge Stalin e un considerevole numero di altri alti funzionari, per assassinare Zinoviev, Bukharin e molti altri attraverso mezzi giudiziari, allora tale “teoria del complotto” viene adottata come predefinita posizione corretta. Ne consegue che sia più facile andare d’accordo con la narrativa dominante, cioè quella della borghesia, sulla storia del socialismo, piuttosto che sfidare oggettivamente tali idee. Con la falsa sinistra, la formula non potrebbe essere più semplice: la propaganda da Guerra Fredda degli Stati Uniti la sostiene, la ricerca accademica filo-comunista no. Ogni accusa contro i Paesi socialisti è vera; ogni difesa del socialismo è simile alla negazione dell’Olocausto. Chi è d’accordo, almeno a parole, che la storia dell’Unione Sovietica sia falsificata da studiosi e reazionari capitalisti e che i leader socialisti siano abitualmente sottoposti a calunnie, viene dichiarato “folle”, le loro ricerche o conclusioni “assurde”, o deriso come “pazzo” o “stalinista”. I critici non riesaminano le prove o affrontano la tesi; semplicemente le liquidano. Non presentano contro-prove; l’affermano semplicemente. Gli oppositori della falsa “sinistra” a Furr sostengono che “ha una borsa di studio non credibile”, solo perché non sono d’accordo. Furr è solo un “pazzo” perché non gli piace ciò che dice. Dal loro punto di vista, la ricerca accademica che neutralizza la narrativa della propaganda borghese va messa da parte, messa a tacere, svalutata, delegittimata, nascosta alla visione pubblica ed infine distrutta.
Mi sembra che la “sinistra” debba guardarsi allo specchio e negli occhi e chiedersi: a cosa siamo arrivati se non possiamo confutare queste opere? Cosa significa esattamente, quando l’intera pseudo-sinistra non può confutare un presunto “pazzoide senza credenziali accademiche?” Che cosa dice, quando non può nemmeno definire il contenuto del suo lavoro quando glielo si chiede, eppure l’ha già dichiarato totalmente falso? Cosa significa quando non ha prove per contrastare le affermazioni di Furr, ma punta ad attaccarne la persona? Tutte le accuse secondo cui le sue opere sono “criticabili” sono false. Se sono degne di tale ostilità, allora sono degne di una critica onesta. Se solo controllassimo i fatti e citassimo le fonti come possiamo vedere in Furr, piuttosto che riposare sui nostri pregiudizi e preconcetti, forse la sinistra statunitense non sarebbe così traballante oggi. L’odio della pseudo-sinistra non ha nulla a che fare con l’onestà. Ciò è dovuto all’anticomunismo, non al disaccordo politico, non a differenze ideologiche, non a problemi con la ricerca di Furr o le sue conclusioni, o con i suoi metodi o una critica legittima delle sue prove. È una visione liberale e reazionaria dove tutto ciò che è antisovietico ed antistalinista è vero, mentre qualsiasi cosa che contesti tale visione va attaccata, imbrattata, demonizzata, ridicolizzata e messa a tacere. Quando le prove non sono considerate o sono liquidate, e la persona calunniata, non c’è disaccordo di principio o differenza ideologica, ma odio e pregiudizio. La domanda è la seguente: perché la pseudo-sinistra odia Grover Furr? La risposta è chiara: odia Grover Furr proprio perché le sue opere sfidano l’egemonia del paradigma anticomunista di Trotskij-Khrusciov-Gorbaciov-Guerra Fredda, il paradigma dominante borghese. In altre parole, odia Grover Furr perché è un buon comunista in un’epoca di falsi. Odia Grover Furr perché è un ricercatore onesto in un’epoca colma di propaganda. Odia Grover Furr perché ha le prove delle conclusioni che trae e le presenta apertamente, piuttosto che ricorrere all’emotività. Odia Grover Furr perché sfida la visione borghese anticomunista della storia sovietica. Oggi, la pseudo-sinistra non è solo disonesta e liberale; è dichiaratamente anticomunista.
Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Andrej Fursov: Non ho dubbi che Stalin fu lasciato morire

Nikolaj Starykov, 13 marzo 2018 – Bauman Jjoel NachshonIl 5 marzo 1953, Josif Stalin morì, a capo di un’enorme superpotenza dotata dello scudo nucleare che protegge il nostro Paese finora. Nonostante gli evidenti meriti verso il popolo, dall’inizio degli anni ’90, la denigrazione di Stalin, iniziata da Nikita Khrusciov, entrò nella fase acuta. Oggi la discussione sulla figura del Segretario Generale e del suo contributo fondamentale alla formazione del nostro Paese è diventata una tendenza politica. Ci sono sempre più sostenitori della politica di Stalin, le discussioni sul suo ruolo si svolgono anche nel dibattito pre-elettorale. Perché accade proprio ora, l’uso del soggetto per dividere la società e il modo in cui ebbe luogo la morte di Stalin, nell’intervista al famoso storico e pubblicista Andrei Fursov.

Domanda: 5 marzo, anniversario della morte di Stalin, a dicembre, il giorno della sua nascita, sulla tomba c’erano più di 10 mila garofani rossi, un record per gli organizzatori dell’azione “Due garofani per il compagno Stalin”. Cosa ne pensi, perché riceve tale risposta dai suoi discendenti?
Andrej Fursov: Innanzitutto, ora c’è molto lavoro in cui viene fornita una valutazione oggettiva dell’era stalinista, vengono date informazioni oggettive su Stalin. In secondo luogo, la figura di Stalin è valutata in confronto a ciò che successe e accade in Russia negli ultimi 25-27 anni. L’era di Stalin sembra migliore della Russia post-sovietica. Poiché l’Unione Sovietica era una superpotenza, nessuno avrebbe potuto annullare il Paese nel modo in cui ci hanno fatto alle Olimpiadi. E inoltre, l’Unione Sovietica era una società di dichiarata uguaglianza socio-economica. E questi due momenti, politica socio-economica e politica estera, geopolitica, sono un buon contrasto dell’Unione Sovietica stalinista con la Russia post-sovietica. Ma c’è un’altra cosa. Le persone capiscono perfettamente che viviamo ancora su una base stalinista. Le armi nucleari, create nella seconda metà degli anni ’40 e all’inizio degli anni ’50, sono le fondamenta gettate da Stalin e Berja. E più le relazioni internazionali peggiorano, più le persone capiscono che non siamo trattati come i serbi e i libici semplicemente perché abbiamo quell’eredità.

Domanda: Riguardo alla morte di Stalin, oggi si può analizzare molto e a cosa gli storici arrivano, la morte del leader dell’URSS fu violenta? Sarebbe stato avvelenato? O si mostrò solo negligenza?
Andrej Fursov: Ci sono due punti qui. Il fatto che Stalin interferisse col vertice è ovvio. È evidente anche il fatto che un conflitto acuto si preparava dalla fine degli anni ’40. Questo conflitto si manifestò e fu abbastanza evidente al 19° Congresso del PC(b)U, quando il PC(b)U divenne PCUS. L’abbreviazione “b”, cioè “bolscevico”, fu tolto. E basta guardare il comportamento di Stalin al congresso per capire che non ne era contento. E non è un caso che, subito dopo il Congresso del Plenum, abbia ampliato la composizione del Presidium del Comitato centrale del PCUS e la lista dei candidati presidenziali. In altre parole, certamente ostacolò il vertice. E cosa successe, se quella morte fu violenta, avvelenata o semplicemente permessa, è una domanda molto difficile. Ma non ho dubbi sul fatto che Stalin fu lasciato morire.

Domanda: C’era molto interesse?
Andrej Fursov: Una parte dell’apparato del partito ne era interessata, e ciò coincideva cogli interessi dei nostri oppositori geopolitici. Dopotutto, non è un caso che, dalla fine degli anni ’40, i servizi speciali anglo-statunitensi crearono un gruppo speciale congiunto intitolato “Come far sparire Stalin”.

Domanda: Forse hai visto il film “Morte di Stalin”, attorno al quale c’era tanto rumore, figure pubbliche contrarie alla proiezione di tale commedia nera?
Andrej Fursov: Non l’ho visto, e penso che guardare tali film non ne valga la pena, sono solo un insulto a un sovietico, un russo, una persona dall’orgoglio nazionale. E il fatto che tale film sia acquistabile e abbia il permesso di proiezione, indica la non identità di chi lo permette.

Domanda: Cosa avrebbe fatto Stalin se avesse vissuto per almeno altri dieci anni? Dicono che non si fa la storia coi se, ma alcuni compiti lasciati incompiuti da lui avrebbero impedito il colpo di Stato di Khrusciov?
Andrej Fursov: La storia ha un carattere soggettivo. Gli storici pessimi dicono che non è così. La storia ha sempre diverse opzioni. Dire che non ha i se, è negare completamente la molteplicità della storia e ridurla a un rigido determinismo, escludendo il problema della volontà umana, del soggetto e infine del caso. Marx disse che senza la casualità, la storia apparirebbe mistica, quindi, la discussione che la storia non ha un carattere soggettivo è un tentativo di darle un aspetto mistico. La storia ha sempre diverse opzioni. Stalin, certamente, avrebbe risolto il problema della successione. In secondo luogo, almeno estromise dal Presidium, che prima e poi con Brezhnev si chiamava Politburo, numerose persone.

Domanda: Questo avrebbe permesso d’impedire il processo avviato da Khrusciov?
Andrej Fursov: Il punto era che Stalin già combatteva in condizioni sfavorevoli. La nomenclatura durante la guerra, quando fu risparmiata dalle purghe, era in effetti una quasi-classe. Inoltre, le strutture di partito divennero strutture economiche. Non è un caso che nel 1946 fu adottata la risoluzione sull’inammissibilità dell’assunzione di funzioni economiche da parte della struttura del partito. Stalin combatté non solo contro i collaboratori più stretti, non certe persone in particolare, combatté uno strato gradualmente rinato. E a questo riguardo, va detto che i timori di Stalin e di Trotskij, due nemici, si dimostrarono vere. Trotskij alla fine degli anni ’30 scrisse apertamente della degenerazione della burocrazia sovietica in quasi-classe e parlò del pericolo della sua degenerazione borghese. Stalin definì questo gruppo “casta maledetta”, ma pensò che ripulendo e irrigidendo la classe operaia, questo problema sarebbe stato risolto. Ma era ben consapevole del pericolo che, all’avvicinarsi del socialismo, la lotta di classe s’intensificasse. Alcuni di noi lo interpretano come lotta contro i “kulak”, niente di tutto ciò, intendeva il pericolo della degenerazione della burocrazia nella borghesia. E gorbaciovismo ed eltsinismo dimostrano che aveva ragione sull’accentuazione della lotta di classe durante la costruzione del socialismo.

Domanda: In quest’anno politicamente caldo, ci sono dibattiti su Stalin, che viene costantemente ricordato. In precedenza, no, ed ora la personalità del Generalissimo è solo uno dei temi centrali? Perché? Non provano a dividere le persone? Dicono, come Ivan il Terribile, che è fare informazione per non avere un’opinione comune tra le persone, nella società?
Andrej Fursov: Sai, era una comunicazione che avrebbe dovuto dividere la società, ma la missione fallì. Recentemente, c’è stato un sondaggio sull’anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, “chi saresti stato nel 1917?” È incredibile, ma il pubblico giovanile votò i bolscevichi. L’84% li avrebbe sostenuti. Secondo, un mese prima ci fu un’indagine di massa sull’atteggiamento verso Stalin. Nella coorte dei 18-24enni, se non sbaglio, il 74% espresse atteggiamento positivo nei confronti di Stalin. Quindi, se qualcuno pensava di dividere la società, ha ottenuto il risultato esattamente opposto.

Domanda: Gli attivisti raccolgono firme per l’installazione del monumento a Stalin. Pensi che arriverà il giorno in cui nella Federazione Russa ci sarà un monumento a Stalin a Mosca? Chi è il vincitore della Seconda Guerra Mondiale? Un rivoluzionario? O solo un leader forte?
Andrej Fursov: Penso che se la Russia è destinata a sopravvivere e superare la crisi del collo di bottiglia del prossimo decennio, i monumenti a Stalin non saranno solo a Mosca. Staranno in molte città, l’iniziativa arriverà non solo dall’alto, ma dal basso. Bene, un monumento a Stalin non è solo un piedistallo per il vincitore della Seconda Guerra Mondiale, per la Grande Guerra Patriottica, ma più importante, sarà un monumento alla più grande figura della storia russa.

Domanda: Attraverso la crisi del collo di bottiglia?
Andrej Fursov: Sì, il mondo entra in una crisi molto, molto acuta, la crisi della fine dell’era capitalista. La crisi ci sarà e l’unica domanda è se sarà associata a un conflitto militare. Sfortunatamente, nella storia molto spesso vince l’opzione peggiore. Anche se questa fase passa, dobbiamo ancora prepararci al peggio, come Stalin fece nel 1931 per il 1941. Disse che se non facevamo in 10 anni ciò che i Paesi occidentali fecero in 100, avremmo fallito. In effetti, entro 10 anni iniziò la Grande Guerra Patriottica, e gli anni ’30 passarono molto velocemente. Nel 1937, l’Unione Sovietica ottenne l’autosufficienza industriale-militare dal mondo capitalista. Ora la situazione è simile, ma forse più acuta, perché la Russia oggi è più debole dell’Unione Sovietica degli anni ’30 e, inoltre, non solo è materialmente debole, ma anche ideologicamente e politicamente. Alla vigilia della Grande Guerra Patriottica, Stalin distrusse la “quinta colonna”, ora abbiamo la “quinta colonna” che opera silenziosamente attraverso tutti i canali, e nessuno la tocca. Non si tratta di distruggerla, ma certamente, sarebbe necessario tagliarle la leva finanziaria e colmare il vuoto informativo è il primo compito se vogliamo, ovviamente, saltare la “crisi del collo di bottiglia”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

“Hitler, il cane degli USA all’attacco dell’Unione Sovietica”

Ollie Richardson, FRN 19 febbraio 2018Noto storico parla del gioco diplomatico di Stalin prima della guerra e dei miti liberali su Putin confrontato al “padre delle nazioni”. La Germania nazista fu deliberatamente condotta ai confini della Russia sovietica da “certi circoli di Londra e Washington”, afferma il noto storico e scrittore Nikolaj Starikov. In un’intervista a “Business Gazeta Online” spiega perché Stalin non si aspettò tale “idiozia” da Hitler, perché la guerra è un “referendum cristallino” sulla fiducia nelle autorità e cosa dire a chi accusa la Russia di violare l’equilibrio geopolitico.

Nikolaj, la Grande Guerra Patriottica ha creato un gran numero di leggende e miti, sminuendone l’importanza. Come formuli brevemente la verità su questa guerra? Qual è?
“Per spiegare l’essenza della Grande guerra Patriottica in poche frasi, possiamo dire primo: fu la più terribile della storia umana. Inoltre, fu estremamente spaventosa per la Russia. Eravamo in guerra non solo con la Germania e il Terzo Reich, che includeva l’Austro-Ungheria, eravamo in guerra con tutta l’Europa unita. Si ricordi che la rivolta della Cecoslovacchia contro i nazisti iniziò il 5 maggio 1945. Pensateci: tre giorni dopo l’effettiva capitolazione di Berlino e tre giorni prima della resa di tutta la Germania! E prima di questo, dal 1939 al 1945, i cechi “onestamente” lavorarono per il Terzo Reich producendo un’enorme quantità di armi. E non solo lavoravano, ma ricevevano anche un alto stipendio, ed erano pure esentati dalla coscrizione nell’esercito. E nessuno di loro si ribellò ai tedeschi. L’altra cosa che va ricordata della Grande Guerra Patriottica è il terribile numero delle nostre perdite. Non vedremo mai dati precisi ma, secondo me, sono tra i 20 e 27 milioni di persone. La terribile verità è che le perdite in combattimento furono solo 9 milioni, cifra annunciata da Stalin nelle dichiarazioni alla fine della guerra. Ciò significa che i civili uccisi dai nostri nemici furono due volte i nostri soldati: 18 milioni. E questo confuta ogni speculazione sulla “missione di liberazione” dei tedeschi. Liberatori? No. Invasori, sì. Una potenza estera venne per distruggere il nostro popolo, per ripulire (nel gergo moderno) la nostra terra e fare dei sopravvissuti schiavi. Questo è ciò che ricordiamo, rendendoci conto della grandezza della vittoria ottenuta dai nostri nonni e bisnonni”.

Tra chi nel 1941 credeva nella “missione liberatrice” del fascismo c’erano molti immigranti bianchi, in particolare gli atamani cosacchi Krasnov e Shkuro, una volta erano ritenuti sinceri patrioti. Perché cedettero a tale tentazione?
“Un patriota, sfortunatamente, non lo è mentalmente sempre. Lo stesso Pjotr Krasnov era un patriota nella Russia del 1917-1918, ma non del 1941 quando entrò al servizio del peggior nemico del suo popolo. Inoltre iniziò a pubblicare proclami dichiarando che i cosacchi erano un popolo a parte. Tutto ciò ricorda il modo più diretto di ciò che oggi viene attivamente promosso in Ucraina. Così, Krasnov fu un patriota nel 1917, ma nel 1941 era un traditore. La stessa cosa si può dire del tenente-generale Andrej Vlasov. Ad un certo punto, essendo un prominente comandante dell’Armata Rossa, era più preoccupato dal destino della propria pelle che del suo Paese, e lo tradì. Ma tutti possono essere accomunati da una sola parola: traditori”.

Ma alcune pubblicazioni, ad esempio, nell’opera di Aleksandr Solzhenitsyn, c’è un altro punto di vista più caritatevole verso Vlasov e le guardie bianche…
“Per Solzhenitsyn, non si trattava di sparare al comunismo, ma alla Russia. Ho familiarità con le opere di Solzhenitsyn, un meraviglioso romanzo intitolato “La ruota rossa”. Ma anche la raccolta narrativa intitolata “Arcipelago Gulag”. L’intera cosa si riduce a ciò che “una nonna disse”, dettole da un altro nonno che avrebbe visto tutto coi propri occhi. Non è un caso che l’occidente abbia immediatamente pubblicato “Arcipelago Gulag” usandolo per infangare l’Unione Sovietica. Penso che Solzhenitsyn si fosse pentito di aver scritto tale opera. Le sue opere successive sono completamente diverse”.

Nei suoi libri e discorsi ha ripetutamente smantellato i miti liberali sulla Grande Guerra Patriottica. Sono davvero tanti, e quanti, secondo lei, di tali miti patriottici sono nati dalla propaganda?
“È impossibile dividere i miti liberali ed illiberali. Ci sono miti e c’è verità. La verità sulla nostra grande vittoria, a priori, è patriottica, quindi alcun mito patriottico mi è noto. Ma dei miti liberali malvagi, usati dalla moderna propaganda antirussa, ne conosco a sufficienza. Sono stati a lungo analizzati in dettaglio. Per esempio, la leggenda che Stalin stesse per attaccare la Germania, ma Hitler lo batté sul tempo”.Fino a che punto tali miti liberali operano attivamente contro la Russia oggi?
“Ora vediamo la ricreazione di tali miti in alcuni territori dell’ex-Unione Sovietica occupati dai nazisti. Ora trionfano di nuovo, ma non perché si rivelano veritieri, ma perché l’Unione Sovietica fu distrutta nel 1991. In Russia, tale punto di vista si diffuse negli anni ’90, ma non per molto. Ora possiamo vederlo predominare solo a “Eco di Mosca”, TV “Rain” e certi siti liberali. Ma in Ucraina, tale visione della nostra storia è spacciata in modo uniforme da tutti i media. Si noti che qualsiasi punto di vista alternativo viene immediatamente soppresso. Se uno storico o scienziato politico vuole difendere una visione alternativa in uno Stato baltico, può addirittura essere deportato immediatamente. Anche il noto scienziato politico italiano Giulietto Chiesa che, tra l’altro, ha un passaporto europeo, non vi è sfuggito. Nel dicembre 2014 fu arrestato dalla polizia estone quando stava per tenere un discorso a Tallinn sui rapporti tra Europa e Russia, e poi fu espulso. Perché le bugie sul nostro Paese sono sostenute esclusivamente dalla violenza?”

Ma lei stesso è stato negli Stati baltici, tenuto discorsi senza essere deportato come Chiesa…
“Ero in Lettonia ed Estonia quando il blocco totale non c’era ancora. Se oggi volessi lavorare a Riga o Tallinn sarei fermato al confine e riceverei il divieto di entrare nello spazio Schengen o sarei deportato”.

Un eccessivo patriottismo può anche portare a conseguenze negative? Lei stesso ha affermato che al momento non è possibile un colpo di Stato liberale, ma in uno Stato patriottico è possibile.
“Il rischio di tentativi di golpe c’è sempre, dobbiamo procedere da questo. Che tipo di bandiera si sceglie dipende dalla situazione. Nel 1913-1914, in Russia fu possibile un colpo di Stato? No. Ma ciò che successe nel febbraio 1917 può essere definito colpo di Stato patriottico. Lo zar, che tradì gli interessi della Russia insieme alla regina, fu rimosso dal potere proprio perché il “ministero giusto, aperto e responsabile” di Miljukov-Guchkov arrivasse al governo. Come ricorderete promise la vittoria della Russia nella Prima guerra mondiale. La differenza tra il 1914 e il 1917 è solo di tre anni. Quindi, quando affermiamo che oggi un’agenda politica è impossibile, ciò non significa che il nostro nemico geopolitico non operi in modo che quest’agenda diventi possibile domani. Perciò sono state imposte sanzioni economiche alla Russia, con diversi tribuni che denigravano la leadership del nostro Stato. La stessa cosa accadde nel 1917. Ponetevi la domanda: chi ordinò una campagna su larga scala per demonizzare il governo russo, che portò alla rivoluzione di febbraio? Se sa la risposta, sa chi cerca di screditare il nostro Paese oggi”.

Parla del mondo anglosassone?
“Sì, i nostri oppositori geopolitici di vecchia data”.

Nei suoi libri difende l’opinione che il Regno Unito abbia scatenato Hitler contro l’Unione Sovietica.
“Ricorda che all’inizio di maggio 1941 il più stretto collaboratore nel NSDAP di Adolf Hitler, Rudolf Hess, volò a Londra. Le storiografie sono dominate dall’opinione che lo fece all’insaputa del fuhrer, in accordo a simpatie anglofili. Ma di recente, persino la rivista “Der Spiegel” riconosceva che Hess andò in Gran Bretagna su ordine di Hitler, anche se fu costretto a rinnegarlo dichiarandolo pazzo”.

L'”impresa” di Hess non fu vana per la Germania nazista?
“Sì, questo è confermato, almeno dal materiale della “missione Hess” ancora classificato nel Regno Unito. Cosa si nasconde? Se Churchill rifiutò categoricamente le proposte di pace di un importante capo nazista, lasciate che il mondo lo sappia. Ma secondo me c’è altro: Londra “benedisse” l’attacco tedesco all’Unione Sovietica”.

Ma Londra era in guerra con Berlino?
“Parla dei bombardamenti delle città inglesi? Ma è risaputo che durante la guerra morirono 55000 persone ad Amburgo dopo una settimana di bombe, quasi quanto nel Regno Unito durante l’intera guerra. L’Unione Sovietica non può contare le vittime e le perdite subite durante la guerra. Perché Adolf Hitler andò al potere? Perché i sostenitori nel partito crebbero costantemente fin dall’inizio? Chi finanziò i nazisti? Sfortunatamente, negli ultimi giorni del Terzo Reich circa il 90% dei documenti finanziari del partito nazista fu misteriosamente distrutto. Ma anche senza possiamo dire che Hitler fu guidato da certi circoli a Londra, Washington e anche Parigi. Questo per uno scopo: incitarlo ad attaccare la Russia sovietica. A tal fine, in particolare, la Germania ridusse la distanza tra essa e l’Unione Sovietica, assorbendo facilmente Austria, Cecoslovacchia e Polonia. Hitler fu condotto ai confini dell’Unione Sovietica”.Perché il 22 giugno 1941 fu sorpreso il Cremlino? Dopotutto, non avrebbe potuto essere troppo pigro per notare l’avvicinarsi sistematico della Germania nazista ai confini sovietici.
“Per prima cosa poniamoci la domanda: Hitler e il suo Stato Maggiore erano così idioti da sperare di concentrare silenziosamente oltre 5 milioni di soldati, migliaia di corazzati e aerei al confine sovietico? Mosca nemmeno vide tale concentramento senza precedenti, divenuto realtà nel giugno 1941? Ovviamente no: la concentrazione di truppe ai confini è sempre una preparazione all’aggressione. E Stalin lo sapeva. Guidò un complesso gioco diplomatico con Hitler e vi commise un errore. Ma l’ulteriore corso della guerra per un anno e mezzo non può essere spiegato dalla repentinità della Germania. Alla primavera 1942 era possibile vedere già che non c’era sorpresa. Tuttavia, soffrimmo una sconfitta vicino Kharkov, ne siamo sopravvissuti, ma i tedeschi a Stalingrado raggiunsero il Volga. Va riconosciuto che in questa fase della guerra le unità militari tedesche erano superiori alla nostre. Quindi l’esercito sovietico si trovò circondato. Ma reagimmo velocemente. Alla fine del 1942, il nostro esercito iniziò a superare in abilità il nemico”.

Perché Stalin commise l’errore fatale dell’estate 1941?
“Nel quadro di questa intervista non potremo ascoltare tutte le implicazioni del gioco diplomatico guidato da Stalin e Hitler. Ma penso che Stalin non potesse proprio immaginare tali idiozia ed avventurismo di Hitler. Com’era possibile, combattendo con la Gran Bretagna e i piani per la sua rimozione dall’arena internazionale, iniziare un’altra grande guerra? Dopo tutto, il capo dell’NSDAP scrisse nel Mein Kampf che non si doveva combattere su due fronti. Lo scontro con la Gran Bretagna non era solo una guerra con una nazione insulare, ma con Canada, India e Australia, tutti i Paesi su cui la corona inglese aveva autorità. Era una guerra col mondo anglosassone. E la Germania improvvisamente puntò le armi contro Mosca…”

Perché i bolscevichi poterono mobilitare l’intero Paese nella guerra ai nazisti che, ancora nel periodo della guerra civile era lacerato da malcontento e polemiche?
“La Grande Guerra Patriottica fu il crogiolo che sciolse le contraddizioni e le sanguinose battaglie della guerra civile. Il prezzo terribile che pagammo per la vittoria fu conciliare i nemici di ieri nel massacro fratricida. Anche se i tedeschi conquistarono un considerevole territorio della Russia sovietica europea, dove viveva la stragrande maggioranza dei cittadini sovietici. Se legge l’ordine di Stalin “non un passo indietro”, si ricorderà che già nell’estate 1942 non avevamo superiori capacità industriali e di mobilitazione delle risorse. Un parte enorme della nostra popolazione si trovava nell’area occupata dai nazisti. Queste persone furono vittime, tra i 18 milioni di civili uccisi durante la Grande Guerra Patriottica. Se parliamo del fattore nazionale, l’Unione Sovietica ricreò la politica pre-rivoluzionaria dell’impero multinazionale solo, forse con maggior successo. Pertanto, nel momento critico, tutto il popolo difese la madrepatria sovietica. La guerra in generale è come un referendum cristallino sulla fiducia nelle autorità. Se il popolo difende il proprio Paese, vi si sente libero”.

All’inizio del XX secolo, la Russia aveva un forte leader ma perdemmo la Prima guerra mondiale. A metà del secolo, Stalin era il capo dell’URSS e vinse la guerra mondiale. Questo significa che Putin, se vuole vincere l’attuale scontro geopolitico, dovrebbe seguire Stalin? Pensa già a Putin come leader?
“Un leader politico va valutato alla fine della carriera. Ma in ogni caso, possiamo dire che l’attuale capo della Russia è un leader forte, è una certezza. In primo luogo, Vladimir Putin è responsabile delle proprie parole, qualità molto rara in un politico. In secondo luogo, si assume una reale responsabilità, e in terzo luogo, agisce in modo molto anticonvenzionale. Usa tali qualità per portare il massimo beneficio alla Patria. Ad esempio, Boris Eltsin o Mikhail Gorbaciov avevano talento, ma l’usarono a scapito della Patria, consapevolmente”.

Le azioni della Russia in Crimea, Siria e le azioni delle milizie nel Donbas sono nostre vittorie geopolitiche che dobbiamo a Vladimir Putin?
“Ha accumulato vari eventi. Chiamerei la riunificazione della Crimea con la Russia trionfo della giustizia storica. La Crimea è diventata russa e qui finisce. Crimea e Russia si riuniscono per sempre, non ci saranno altre decisioni. Sono convinto che presto l’occidente smetterà di dare stupidi suggerimenti sulla revoca delle sanzioni in cambio della cessione della Crimea a chicchessia. Sulla Siria, la guerra in Medio Oriente non è ancora finita, quindi è prematuro trarne delle conclusioni. Inoltre, è facile discutere su cos’è una vittoria in Siria? La completa distruzione dei terroristi dello SIIL e la liberazione di Siria ed Iraq sono un punto di vista. Ma per me è chiaro: per essere ascoltati a Bruxelles, dovevamo bombardare i terroristi in Siria. E anche questa è una nostra vittoria”.La Russia viene accusata di violare gli equilibri geopolitici stabilitisi dopo la Seconda guerra mondiale. Siamo davvero da biasimare?
“A chi ci accusa di violare l’equilibrio geopolitico, vanno ricordati gli accordi di Jalta, Potsdam ed Helsinki sull’inviolabilità delle frontiere in Europa. Dov’erano tali guardiani dell’inviolabilità delle frontiere nel 2003 quando la Jugoslavia, dopo una sanguinosa guerra civile, fu suddivisa tra Serbia e Montenegro? E che dire della Cecoslovacchia? Per non parlare di come l’Unione Sovietica fu ridotta in Stati separati… Possiamo fare a chi pone tale domanda molte domande. Ma deve capire che i confini di uno Stato sono il riflesso dell’equilibrio di potere al momento. Un cambio di equilibrio cambia immediatamente i confini degli Stati. L’Unione Sovietica fu distrutta e la mappa dell’Eurasia riscritta. Oggi, quando la Russia si riprende e si afferma sulla scena internazionale, l’equilibrio di potere potrebbe cambiare di nuovo”.

L’equilibrio del potere nel mondo può cambiare a tal punto da condurre a una grande guerra? Alla Terza guerra mondiale?
“Ci sono forze che vorrebbero coinvolgere la Russia in una guerra e dargliene la responsabilità. Tuttavia, mentre la Russia è guidata da Vladimir Putin è improbabile che abbiano successo. Ma c’è un altro scenario: quando le forze destabilizzanti non hanno altra scelta che l’aggressione aperta, corrono anche il rischio di perdere prestigio e peso internazionale. A tal proposito, cosa accadde quando la Germania attaccò l’Unione Sovietica nel giugno 1941. La Russia moderna non vuole la guerra e non ha fatto alcun passo in tal senso, ma se ci sarà una forza nell’arena internazionale che sia pronta ad assumersi la responsabilità dell’aggressione, è difficile dire cosa cambierà”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Che cos’è il “Safari Club II” e come può cambiare la dinamica del Medio Oriente

Wayne Madsen SCF 26.01.2018Durante la Guerra Fredda, la Central Intelligence Agency convinse alcuni alleati europei e mediorientali a stabilire un’alleanza d’intelligence informale i cui legami con gli Stati Uniti sarebbero stati “plausibilmente negati” nel tipico linguaggio della CIA. Nel 1976, un gruppo di direttori di agenzie d’intelligence filo-occidentali s’incontrò di nascosto al Mount Kenya Safari Club di Nanyuki, in Kenya, per organizzare un patto informale destinato a limitare l’influenza sovietica in Africa e Medio Oriente. Il gruppo si riunì sotto gli auspici del trafficante di armi e miliardario saudita Adnan Khashoggi, del presidente keniota Jomo Kenyatta e del segretario di Stato degli USA Henry Kissinger. Sebbene Khashoggi fosse presente al primo incontro di ciò che presto divenne noto come “Safari Club“, Kenyatta e Kissinger non erano presenti al raduno inaugurale delle spie. A firmare la carta di origine del Safari Club in Kenya c’erano il conte Alexandre de Marenches, direttore del servizio d’intelligence estero Service de Documentation Extérieure et de Contre-Espionnage (SDECE) francese; Kamal Adham, capo del Muqabarat al-Amah, il servizio d’intelligence saudita; il Direttore del servizio d’intelligence egiziano, generale Qamal Hasan Aly; Ahmad Dlimi, capo del servizio d’intelligence del Marocco e il generale Nematollah Nassiri, a capo dell’agenzia d’intelligence SAVAK iraniana. Ci sono indicazioni, ma nessuna prova effettiva, che il capo del Mossad Yitzhak Hofi avesse preso parte al primo incontro del Safari Club in Kenya. Il Mount Kenya Safari Club, fondato nel 1959, era di comproprietà del magnate del petrolio dell’Indiana Ray Ryan, individuo collegato a CIA e Mafia; di Carl W. Hirschmann Sr., fondatore svizzero della Jet Aviation, società aerea commerciale globale dagli stretti legami con la CIA e venduta alla General Dynamics nel 2008; e l’attore William Holden. Il 18 ottobre 1977, dopo che il Safari Club aveva trasferito il quartier generale operativo al Cairo, Ryan fu ucciso da un’autobomba ad Evansville, nell’Indiana. Holden morì solo nel suo appartamento a Santa Monica, in California, il 12 novembre 1981, dopo che, secondo quanto riferito, era inciampato sul tappeto accanto al letto, colpendo con la testa un comodino ed emorragia successiva. L’omicidio di Ryan rimane un caso aperto, mentre domande continuano a circondare la morte solitaria di Holden.
Nel 1977, Khashoggi approfittò dei problemi fiscali di Ryan col governo degli Stati Uniti e degli stessi problemi finanziari di Hirschmann per acquistare il pieno controllo del Mount Kenya Safari Club poco prima dell’omicidio di Ryan. Grazie alla sua posizione a Cairo, il Safari Club fu un elemento chiave nel reclutamento di irregolari arabi per combattere l’Unione Sovietica in Afghanistan. Khashoggi fu un attore chiave nel finanziamento della “Legione Araba” in Afghanistan, grazie al sostegno della famiglia reale saudita e del sultano Hassanal Bolkiah del Brunei. Il Mount Kenya Safari Club continuò a svolgere un ruolo utile nelle riunioni clandestine del Safari Club, tra cui quello del 13 maggio 1982 tra il ministro della Difesa israeliano Ariel Sharon; il presidente del Sudan Jafar al-Nimayri; del capo dell’intelligence sudanese Umar al-Tayab; del miliardario statunitense-israeliano Adolph “Al” Schwimmer, del fondatore delle Israel Aerospace Industries Yaacov Nimrodi, dell’ex-ufficiale di collegamento del Mossad a Teheran con la SAVAK e vicedirettore del Mossad, David Kimche. Il capo effettivo del Safari Club era, secondo alcuni resoconti di alcuni addetti ai lavori, George “Ted” Shackley che, in qualità di vicedirettore aggiunto per le operazioni della CIA, era il capo delle operazioni clandestine della CIA sotto George HW Bush. Shackley, il cui soprannome era “Blond Ghost“, fu licenziato dal direttore della CIA di Jimmy Carter, ammiraglio Stansfield Turner. Tuttavia, Shackley fu richiamato dal capo della CIA di Ronald Reagan, William Casey. Agendo da agente d’intelligence privato, Shackley fu determinante nel mobilitare la vecchia rete SAVAK del Safari Club in Europa, per creare il famigerato affare Iran-contra. Il Safari Club era responsabile di gran parte delle operazioni clandestine dell’occidente contro l’Unione Sovietica nelle zone di conflitto che si estendevano dall’Afghanistan alla Somalia e dall’Angola al Nicaragua. È ironico che un gruppo di servizi segreti e di guerriglie che supportano gli huthi nello Yemen stiano ora riprendendo il vecchio Safari Club per combattere Stati Uniti, Arabia Saudita, Israele e i loro agenti in Yemen, Corno d’Africa e Medio Oriente.
Il movimento anti-saudita Huthi nello Yemen, i cui membri aderiscono alla setta zaidita dell’Islam, si oppone alle rigide pratiche fondamentaliste del wahhabismo saudita. Gli huthi, vicini religiosamente e politicamente all’Iran sciita, hanno istituito un servizio d’intelligence estero diretto da Abdarab Salah Jarfan. Emulando il Safari Club, l’intelligence huthi ha stipulato accordi informali con il Corpo dei guardiani della rivoluzione islamica (IRGC) o Pasdaran; il Servizio di sicurezza preventiva (PSS) della Palestina; i tre rami dell’intelligence di Hezbollah, come l’Unità 1800, ramo delle operazioni speciali dell’intelligence di Hezbollah, e l’intelligence di Hamas, che ha sede a Gaza ma ha agenti in tutto il Medio Oriente. Ora che il presidente siriano Bashar al-Assad ha sbaragliato la maggior parte degli eserciti jihadisti dal suo Paese, con l’assistenza del personale inviato dagli huthi, la Siria è nella posizione migliore per dare assistenza militare alla coalizione huthi nello Yemen. Insieme, questa alleanza di forze antisioniste e anti-wahhabite, che potrebbe essere chiamata “Safari Club II“, può violare il confine saudita-yemenita e condurre operazioni contro obiettivi militari e governativi sauditi nella provincia di Asir in Arabia Saudita.
Da quando la coalizione guidata dai sauditi, che comprende anche truppe provenienti da Emirati Arabi Uniti, Pakistan, Egitto, Quwayt, Marocco, Sudan, Giordania e Bahrayn, è intervenuta nella guerra civile yemenita nel 2015 a nome del governo fantoccio filo-saudita, gli huthi hanno portato la guerra presso i sauditi. Le forze huthi sono entrate in tre regioni di confine saudite, Asir, Jizan e Najran. Gli huthi, con il sostegno dell’intelligence dei Pasdaran e di Hezbollah, crearono un gruppo secessionista saudita, l’Ahrar al-Najran, o “I liberi della regione del Najran”. Il Najran, fino al 1934, faceva parte del regno dello Yemen, il regno mutuaqilita governato da un monarca zaidita fino al 1962, quando il regno yemenita fu rovesciato. Gli irredentisti sul versante saudita del confine volevano unirsi allo Yemen. La tribù yemenita Hamdanid, che fornì il nucleo del sostegno all’ex-monarca yemenita zaidita, giurava fedeltà alla coalizione guidata dagli huthi nello Yemen. L’intelligence huthi ha anche condotto ricognizioni sulle basi navali israeliane nel Mar Rosso e in Eritrea, nell’arcipelago Dahlak e nel porto di Massawa. Gli huthi hanno anche sorvegliato le operazioni militari saudite ed emiratine nella città portuale eritrea di Assab. Nel 2016, le forze huthi avrebbero attaccato il quartier generale della Marina eritrea dopo che le forze saudite arrivarono nella città portuale. Gli huthi potrebbero essere stati aiutati da un altro alleato del Safari Club II, il gruppo d’opposizione eritreo Organizzazione Democratica Afar del Mar Rosso (RSADO), sostenuto anche dall’Etiopia. Nel 2016, gli huthi effettuarono con successo un’incursione nell’Asir e catturarono una base militare saudita, insieme a un deposito di armi statunitensi e canadesi. La sponsorizzazione del Safari Club II del movimento secessionista in Arabia Saudita è simile al sostegno dell’originale Safari Club a vari gruppi di insorti, tra cui UNITA in Angola, RENAMO in Mozambico e contras in Nicaragua.
Gli sconvolgimenti politici nello Yemen e in Arabia Saudita hanno portato a nuove alleanze tra la coalizione saudita e i membri del Safari Club II. Il 4 novembre 2017, il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Muhamad bin Salman, consolidava il potere politico arrestando diversi principi della Casa dei Saud, così come importanti ministri, ecclesiastici e uomini d’affari. Un elicottero che trasportava il principe Mansur bin Muqrin, vicegovernatore della provincia di Asir, e altri sette alti funzionari sauditi, si schiantò vicino Abha, nella provincia di Asir, al confine con lo Yemen settentrionale controllato dagli huthi. Ci furono diversi rapporti secondo cui l’elicottero fu abbattuto dai sauditi dopo aver appreso che volava verso lo Yemen controllato dagli huthi, dove il principe e il suo partito avrebbero ricevuto asilo politico. Un principe saudita che si univa agli huthi sarebbe stato un grande colpo del Safari Club II. Allo stesso tempo, gli huthi si schieravano nella confusione all’interno della Casa dei Saud, l’intelligence huthi, aiutata dalle impressionanti capacità nell’intelligence elettronica di Hezbollah, intercettò una serie di messaggi tra l’ex-presidente yemenita Ali Abdullah Salah, ex-alleato degli huthi, e gli Emirati Arabi Uniti e la Giordania, alleati dei sauditi. Si scoprì che Salah stava negoziando un accordo separato con la coalizione saudita-emiratina, un atto visto come tradimento dagli huthi, che assaltarono la residenza di Salah nella capitale yemenita Sana, giustiziandolo sul posto. Va notato, oltre l’ironia, che il Safari Club II combatte contro molti membri del Safari Club originale. Ad eccezione dell’Iran, ora membro del Safari Club II, i vassalli degli Stati Uniti Arabia Saudita, Israele, Francia, Egitto, Marocco e Sudan. Henry Kissinger, patrono del Safari Club originale, ora consiglia il genero di Donald Trump, Jared Kushner, agente presso la Casa Bianca del Mossad, sui frequenti rapporti col principe ereditario saudita ed altri attori regionali nel Medio Oriente, compresi gli israeliani. Il Safari Club II ha qualcosa che mancava al primo Safari Club: il supporto popolare. La convergenza di interessi dei popoli oppressi di Yemen, Libano, Cisgiordania e Gaza, con le preoccupazioni geopolitiche e di sicurezza dell’Iran, e più recentemente, come risultato dei sotterfugi degli Emirati Arabi Uniti, del Qatar, fornisce al Safari Club II un vantaggio nella propaganda. Originariamente membro della coalizione saudita nello Yemen, col boicottaggio economico da parte di Arabia Saudita, Bahrayn, Quwayt ed Emirati contro il Qatar, l’alleanza Safari Club II otteneva un simpatizzante a Doha, capitale del Qatar. La Cina, che collaborò con l’originale Safari Club nelle operazioni in Afghanistan e Angola, ha ricevuto le delegazioni huthi a Pechino. La Cina inoltre arma la coalizione huthi nello Yemen attraverso l’Iran. L’Oman, rimasto neutrale nella guerra civile yemenita, fu scoperto nel 2016 fornire armi agli huthi su camion con targhe omanite. Il governo iracheno guidato da sciiti è anche noto sostenitore degli huthi.
La CIA e i suoi alleati della Guerra Fredda, nel formare l’originale Safari Club, diedero un modello inestimabile alle popolazioni assediate di Yemen, Corno d’Africa e Medio Oriente. Il Safari Club II da a sauditi, israeliani, statunitensi, egiziani, marocchini ed altri, come lo Stato islamico e al-Qaida nello Yemen finanziati dai sauditi, un assaggio della propria amara medicina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’eredità dell’Ottobre Rosso è ancora visibile in Medio Oriente?

Jurij Zinin, New Eastern Outlook, 31.01.2018

Le immagini di una bandiera rossa con falce e martello che sventolava su un edificio nella città siriana di al-Raqqah, roccaforte dello SIIL per un lungo periodo, circolò sui media arabi per tutto gennaio. Questa bandiera fu innalzata dai combattenti della “brigata della libertà” formata da nativi di vari Stati mediorientali ed europei dagli ideali di sinistra. Avrebbero associato la lotta contro lo SIIL con l’incredibile impresa dei soldati sovietici che innalzarono la bandiera rossa sul Reichstag, roccaforte nazista durante la Seconda guerra mondiale. Questi riferimenti affondano le radici nella storia della regione, influenzata dalla Rivoluzione d’Ottobre del 1917. Il centenario di questo evento riuniva chi crede negli ideali di sinistra in Medio Oriente, con vari forum tenutisi in diversi Paesi regionali. Secondo l’iracheno Saqaf al-Jadid, la rivoluzione d’ottobre presentò al mondo un’alternativa all’egemonia capitalista, promuovendo le idee di uguaglianza, giustizia, liberazione sociale e nazionale, riflesse nei primi documenti adottati dall’URSS immediatamente dopo la rivoluzione, tra cui la “Dichiarazione dei diritti dei popoli della Russia” e l’appello “A tutti i lavoratori musulmani di Russia ed Oriente”. I bolscevichi furono abbastanza coraggiosi da declassificare l’accordo Sykes-Picot, apparso a Beirut nel dicembre 1917. Fu preparato segretamente dai governi dell’Intesa (Regno Unito e Francia) alle spalle dei popoli, con lo scopo di dividersi in sfere d’influenza il Medio Oriente e saccheggiarne le risorse. La voce della Russia rivoluzionaria fu ascoltata e compresa nella regione, poiché fino a quel momento agli attori locali fu data la possibilità di cedere al dominio egualmente opprimente degli ottomani o delle potenze europee. Nel dicembre 1920, il Comitato per l’unità araba siriana espresse solidarietà alla Russia sovietica che puntò “alla liberazione dell’Oriente dalla morsa dei tiranni europei”. Dopo la Seconda guerra mondiale, il rispetto che l’URSS godeva nella regione raggiunse massimi inediti, compiendo la dura lotta al fascismo. Gli arabi volsero lo sguardo al nuovo polo di potere, abbastanza audace da sfidare il monopolio di un tempo delle potenze imperialiste. Per decenni Mosca sostenne i giovani Stati che lottavano per la sovranità e per chiudere le basi militari straniere sui loro territori. Tra questi Stati si possono nominare Libia, Egitto e Iraq, usati per contenere l’Unione Sovietica e i suoi alleati. I legami politici appena nati furono rafforzati da un’ampia cooperazione economica sovietico-araba e dall’assistenza militare. In totale, con l’aiuto di Mosca, nella regione furono costruiti 350 grandi impianti industriali, 97 infrastrutture in Egitto e 80 in Siria.
Gli scienziati politici arabi osservano che l’URSS si dimostrò un partner fedele dell’Egitto inviandogli ingenti forniture di armi ed attrezzature dopo la devastante guerra del 1967, ripristinando così il potenziale indebolito del suo esercito. Grazie a questo sostegno, molti grandi Paesi del Medio Oriente posero le fondamenta dell’economia moderna di cui dispongono oggi, insieme allo sviluppo delle industrie della Difesa che li mantengono al sicuro. I contatti con Mosca permisero a questi Stati di rafforzare le posizioni sulla scena internazionale, costringendo così l’occidente a fare concessioni. Oggi, numerosi attori regionali affrontano turbolenze provocate dalla cosiddetta “primavera araba”. Ciò che è chiaro per tutti in questa fase è che quando uno Stato viene indebolito subisce il brusco aggravarsi delle contraddizioni interne etniche e settarie. La configurazione geopolitica del Medio Oriente la rende intrinsecamente instabile. Le linee di forza di varie coalizioni, spesso opportunistiche, si scontrano qui con le masse islamiche manipolate per portarle nei conflitti che fanno avanzare l’agenda di qualcun altro. Un esempio lampante è la Siria, dove nel tentativo di far cadere il legittimo governo di Bashar al-Assad, Paesi occidentali, regimi monarchici del Golfo Persico ed islamisti agivano insieme per perseguire i propri obiettivi.
Parlando dell’eredità della Rivoluzione d’Ottobre attraverso il prisma del mondo moderno, numerosi esperti arabi pongono la domanda: gli ideali di sinistra andavano perseguiti anche alla luce delle seguenti violazioni giuridiche, e rimangono adeguati dopo il crollo dell’URSS? Ovviamente, se non fossero così attraenti per molti nel mondo, sarebbero stati dismessi da tempo. Questi ideali, troppo avanzati per i tempi in cui furono espressi, hanno tuttavia preparato il terreno dei cambiamenti sociali nel mondo, portando a un futuro migliore. Secondo i moderni pensatori palestinesi, la Rivoluzione d’Ottobre sfidò i Paesi metropolitani costringendoli ad abbandonare le loro colonie. Nel corso dello scontro e della competizione tra i due sistemi, i lavoratori dei Paesi capitalisti ottennero importanti concessioni e l’introduzione di regolamenti che ne garantivano i diritti sociali. Chi liquida la Rivoluzione d’Ottobre come fatto minore, non potrà mai accettarne l’eredità. Ad esempio, il peggior denigratore dell’URSS e dei suoi valori, Zbigniew Brzezinski, statista e scienziato politico degli Stati Uniti, annunciò in modo temerario in un discorso di quasi due decenni fa: “Ho studiato e capito Marx meglio di molti socialisti… e quindi ho potuto deviarne l’avanzare delle idee per quasi un secolo, non basta?Jurij Zinin, ricercatore presso l’Istituto statale per le Relazioni internazionali di Mosca (MGIMO), in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio