Sergio Moro, giudice al servizio degli USA

Martín Piqué, Tiempo 5 aprile 2018 – Kontra InfoLa storia di un uomo duro, disposto ad attuare tutte le politiche del dipartimento di Stato e dei suoi servizi d’intelligence. Attenti alle imitazioni in Argentina! Moro conosce i colpi di scena della cooperazione cogli Stati Uniti. All’inizio dell’anno scorso fece sapere che quest’anno poteva prendersi l’anno sabbatico per studiare nel Paese nordamericano. “Moro è uno sceriffo provinciale che adempie al ruolo che i poteri forti in Brasile gli hanno dato per far uscire Lula dal gioco. Dietro di lui, è evidente, c’è il dipartimento di Stato degli USA”, ha detto a Tiempo il giornalista argentino Diego Vidal, residente nello Stato di Sergipe. Il 7 settembre, giornata nazionale del Brasile che commemora qualcosa di simile all’indipendenza, un principe reggente che ruppe i legami con le corti del Portogallo senza spargere sangue, i cartelloni dei cinema dei Paesi limitrofi espongono la première che promette polemiche. Riguarda il film “Polizia federale. La legge è la stessa per tutti”, un film che racconta l’azione della forza di sicurezza nella lotta alla corruzione. Uno dei protagonisti, non centrale ma con impatto sulla trama, è il giudice federale Sergio Fernando Moro. Magistrato di provincia nato a Maringá, seconda città dello Stato di Paraná (vicino Santa Catarina e Rio Grande do Sul, che costituisce il prospero sud del Paese), balza agli onori della cronaca e il suo nome trascende i confini del Brasile dopo aver condannato l’ex-Presidente Luiz Inacio Lula Da Silva a 9 anni e mezzo di prigione, e perciò ordinandone l’arresto. Laureato in giurisprudenza nella città natale, Moro si è specializzato nella lotta alla corruzione “transnazionale” dopo aver studiato un programma incentrato sulla questione presso l’Università di Harvard. Da quel momento, e come altri capi politici e personalità del potere giudiziario del Sud America, il giudice federale di Curitiba non ha mai smesso di viaggiare negli Stati Uniti. Infatti, dice spesso di ammirare gli ex-presidenti degli Stati Uniti Theodore Roosevelt (promotore della dottrina del bastone, “Big Stick”, per consolidare il primato nordamericano nell’emisfero) e Abraham Lincoln, entrambi repubblicani, come Donald Trump. “Moro è stato addestrato dal dipartimento di Stato. Viaggia permanentemente negli Stati Uniti. Moro sa come ottenere l’approvazione di Washington“, dichiarava il diplomatico brasiliano Samuel Pinheiro Guimarães in un’intervista rilasciata lo scorso febbraio.

Moro, l’ambasciata e la nuova offensiva geopolitica degli Stati Uniti
Con un padre legato al Partito della socialdemocrazia del Brasile (PSDB, forza di centro-destra, nonostante il nome), Moro viene accusato dai leader del PT di doppiopesismo quando indaga la leadership politica. Lo rimproverano che nelle sue esibizioni da giudice di “mani pulite”, nella tradizione italiana degli anni ’90, non ha mai puntato alla leadership del PSDB, cui appartengono nientemeno che Aécio Neves e Fernando Henrique Cardoso. Moro è noto quale artefice dell’indagine “Lava Jato“, su diversione di fondi, finanziamento di partito, direzione di opere pubbliche e arricchimento personale di alcuni capi politici, montata sulle risorse della maggiore azienda dell’America Latina, la compagnia petrolifera brasiliana Petrobras. Una delle chiavi di tutte le persecuzioni giudiziarie di tali manovre è l’uso della figura dell'”asserzione premiata”, che prevede riduzioni di pene per i “pentiti” che forniscono dati sulla corruzione. Questa figura viene anche utilizzata per indagare sulle tangenti da parte della società di costruzioni brasiliana Odebrecht, in notevole espansione in America Latina nell’ultimo decennio. Odebrecht è cresciuta a tal punto, nel primo decennio del XXI secolo, che fu incaricata della ristrutturazione del famoso porto cubano di Mariel. Con l’espansione del Canale di Panama, Mariel punta a diventare il principale punto di rifornimento e trasbordo per le grandi navi che attraversano i Caraibi. Che siano Odebrecht o Petrobras a finire sotto il microscopio della giustizia, riflette, per alcuni analisti, ciò che gli Stati Uniti hanno deciso come priorità in politica estera; fare tutto il possibile per porre un limite alla crescente influenza del Brasile in America Latina. Non a caso, in questo senso, uno dei peggiori cortocircuiti tra l’amministrazione di Dilma Rousseff e del PT e il governo di Washington si ebbe nel 2013, dopo la diffusione dei documenti segreti svelati da Edward Snowden, l’ex-contraente della CIA e consulente della NSA, le agenzie d’intelligence più conosciute degli Stati Uniti. Snowden dimostrò che l’NSA intercettava in modo permanente la rete di computer privati della Petrobras. Così poté raccogliere dati da milioni di mail e telefonate legate all’attività della compagnia petrolifera. In Brasile non si può escludere che buona parte di tale documentazione, ottenuta illegalmente, abbia contribuito in modo decisivo all’indagine “Lava Jato“. Tutto ciò coincise con l’arrivo a Brasilia dell’ex-ambasciatrice statunitense in Brasile Liliana Ayalde, figlia di un medico colombiano che vive negli Stati Uniti e sostituita a gennaio da un altro diplomatico di carriera, Michael McKinley (ambasciatore in Afghanistan, Perù e Colombia). All’inizio del 2017, Ayalde fu nominata vicedirettrice degli affari civili del comando sud dell’esercito degli Stati Uniti. Ayalde era responsabile dell’USAID (agenzia della cooperazione internazionale degli Stati Uniti). Il suo background da diplomatico genera sospetti nella sinistra latinoamericana: mentre era a capo delle ambasciate degli Stati Uniti in Paraguay e Brasile, furono rovesciati, per via parlamentare, Fernando Lugo e Rousseff. Ayalde aveva lasciato l’incarico ad Asunción nell’agosto 2011, alcuni mesi prima della rimozione di Lugo in Paraguay. “Ayalde agì con grande forza nel colpo di Stato che si ebbe in Paraguay. Ora è in Brasile, a fare lo stesso discorso, sostenendo che la situazione (in Brasile) non può più essere risolta dalle istituzioni brasiliane“, avvertiva Carlos Martins, professore di Sociologia all’Università di San Paolo, un anno fa. Tre mesi dopo, il Senato brasiliano decise le dimissioni di Rousseff. “A differenza del processo mani pulite italiano, che portò alla fine dei partiti politici tradizionali, Moro non tocca alcun partito tradizionale del Brasile: va solo contro il PT. Ha studiato negli Stati Uniti ed è chiaro che ha importato da lì tutti i concetti che usa“, analizzava il giornalista Darío Pignotti, anche lui argentino, corrispondente del quotidiano Página 12 da Brasilia. Moro, in breve, è al centro della tempesta. È un protagonista, un duro. Quasi da film.

Liliana Ayalde

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La debolezza degli Stati Uniti verso il Venezuela

Rubén Castillo, Mision Verdad 12 marzo 2018Il 15 febbraio, l’ammiraglio della Marina degli Stati Uniti, attuale capo del Comando Sud, Kurt W. Tidd, presentò un rapporto alla 115.ma riunione del Comitato dei Servizi Armati del Senato. Lì indicò la perdita d’influenza statunitense su America Latina e Caraibi per via dei concorrenti diretti nella regione, riflettendo assenza di idee (e di budget), ed enunciando come il Comando Sud debba affrontare questa perdita di controllo politico- militare sulla regione.
Qual è la situazione attuale del Comando Sud del Pentagono? Tra i pilastri su cui si basano le politiche statunitensi vi sono la forza militare e il posizionamento strategico, sia tramite la collaborazione tra forze armate statunitensi e dei Paesi alleati, che con “aiuti umanitari” dall’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), e basi militari e centri di addestramento militare congiunti, come la famosa Scuola delle Americhe. In America Latina, il Pentagono definisce “difesa preventiva” l’approccio militare e geostrategico volto non solo a proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti da “minacce” come “terrorismo” e “reti criminali transnazionali”, ma anche porsi da primo attore nel plasmare il destino militare e politico della regione. Tale obiettivo secondo Tidd è minacciato nella regione e nel mondo dall’avanzata di Cina, Russia e Iran nei campi militare, economico e ideologico. In questo contesto, l’alto comando militare statunitense è sconcertato dall’emergere di questi attori geopolitici che modificano la situazione a loro favore, in modo da sventare qualsiasi azione intrapresa secondo i manuali militari su cui si è formato. Tra le strategie che disarticolano in parte il potere economico degli Stati Uniti come forma di coercizione, vi sono gli investimenti della Cina sul futuro dell’America Latina, per quasi 750 miliardi di dollari. A ciò si aggiungono le forniture militari della Russia ai Paesi aggrediti da Washington nella regione, un fattore che presagisce l’imminente indebolimento militare della potenza statunitense in America Latina. Nel caso del Venezuela, l’ampiezza di queste alleanze si riflette nella strategia d’interdizione quasi assoluta dello spazio aereo grazie all’alleanza strategica con Mosca.

Il rapporto di Tidd e il caso del Venezuela
Il rapporto presentato dal capo del Comando Sud fa notare ai senatori che la regressione regionale della potenza statunitense continua. Tidd sostiene che la carenza di risorse insieme all’inserimento di Cina e Russia come concorrenti strategici, gli ha “legato le mani” nell’affrontare le sfide che la regione richiede. Da questa prospettiva sul Venezuela, affrontando difficoltà per la scarsa disponibilità di finanziamenti, atomizzazione dei loro alleati interni e la politica di difesa integrale assunta dalle FANB negli ultimi dieci anni, per Washington è difficile recuperare questo spazio nel prossimo futuro. Allo stesso modo, l’intervento militare è fuori da ogni contesto, oltre ciò che Tidd integra nell’ala ultraradicale dello spettro politico statunitense, che vede la soluzione con una grande incursione nel territorio venezuelano. Per il momento e come espresso nel rapporto presentato da Tidd, il Pentagono seguirà il manuale dell’assedio che dal 2015 è applicato col decreto Obama che definisce il Venezuela una “minaccia”: il quadro giurisdizionale con cui intensificare le sanzioni contro i dirigenti civili-militari del governo venezuelano e le aggressioni economiche, peggiorando il blocco finanziario. Tutto indica che l’unico piano concreto continua ad essere la promozione da parte della comunità internazionale dell'”aiuto umanitario” su larga scala, in cui uffici come USAID si assumano la maggior parte dei finanziamenti, gestiti in collaborazione cogli alleati degli Stati Uniti nella regione. Tuttavia, lo stesso Tidd continua ad avere dubbi su come realizzare tale obiettivo, chiaro sintomo di debolezza.

Rivelazioni di fondo e profonde debolezze

L’attuale situazione del Comando Sud, rivelata nel rapporto al Senato, dimostra la mancata integrazione del potere esecutivo nei confronti del Venezuela, principalmente del dipartimento di Stato, incaricato dell’esecuzione delle linee della Casa Bianca nella sfera politica, e del dipartimento del Tesoro, intento alle pressioni finanziarie. Il coordinamento inesistente tra tali dipartimenti, varie agenzie dedite alla politica estera e Pentagono, secondo Tidd, crea le condizioni per cui Paesi concorrenti e contrari ai loro interessi ne indeboliscano l’egemonia nella regione. In conclusione, il rapporto mostra come i maggiori requisiti di bilancio dell’amministrazione Trump rivelino lo stato attuale del Comando Sud e le preoccupazioni dei comandanti militari statunitensi per la perdita d’influenza e capacità di attuare il cambio di regime in Venezuela. Un esempio è il rapporto presentato al Senato dal Comandante in Capo del Comando Centrale degli Stati Uniti, generale Joseph Votel, a fine febbraio, in cui ribadiva, ancora una volta, i problemi strutturali dei comandi militari statunitensi e l’assenza di idee per affrontare le nuove sfide geostrategiche e geopolitiche, e le divergenze tra interessi finanziari e politici interni, condizionando sensibilmente il finanziamento della sicurezza della potenza nordamericana. Per quanto Hollywood lotti per mantenerne l’immagine da invincibile, la potenza militare statunitense sembra dirigersi verso un lungo crepuscolo.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La Storia avvicina Lula, Getúlio, JK, Jango e Brizola

Beto Almeida, Patria Latina, 19 marzo 2018 – Investig’ActionLa decisione presa da Lula di portare la sua “Carovana del Sud” presso la tomba di Getúlio Vargas a São Borja, riporta drammaticamente alla scena politica brasiliana l’ineffabile “Lettera Testamento” del Presidente Gaúcho (nato nello Stato di Rio Grande do Sul (RS)), fondatore di CLT (Consolidamento del diritto del lavoro-Codice del lavoro, 1 maggio 1943) e Petrobras. Ancora una volta, i rapaci lanciano il Paese in un drammatico crocevia che può essere diviso da esplosioni sociali imprevedibili. La condanna di Lula in un processo viziato ed irregolare, rivela la caccia delle oligarchie estere ed interne a un vero leader popolare, la cui condanna, se effettiva, può portare il Brasile a una crisi aggravando la perdita continua di una sovranità già corrosa. Lula si trova in una situazione simile, tranne la differenza del periodo, a quella incontrata da Getúlio Vargas nel corso della sua carriera. Lo stesso Lula ha riconsiderato la sua visione storica di Vargas e ora riconosce l’importanza del ruolo del presidente che fondò lo Stato sociale e trasformò il Brasile, “non più una piantagione di caffè”, ma un Paese industrializzato con tassi di crescita del 12%. La somiglianza è sorprendente dato che Vargas fu vittima dell’aggressione degli stessi rapaci che ora attaccano Lula. Ad ogni momento storico, ad ogni dilemma, ad ogni frangente, avevamo atteggiamenti diversi. Vargas reagì alla frode dell’oligarchia di San Paolo nelle elezioni del 1930, convocando l’unità civile e militare che divenne un movimento in grado di rovesciare il governo fraudolento e responsabile del Brasile ridotto a colonia, incapace di superare l’eredità della schiavitù. Fu solo dopo la rivoluzione del 1930, che portò Vargas al seggio presidenziale del palazzo di Catete con un ampio consenso popolare, che la comunità nera iniziò a sentire de facto l’abolizione della schiavitù conquistando i diritti nel lavoro e di cittadinanza. Il voto segreto e il voto delle donne furono anche adottati, provocando l’esaltazione dalla Francia tramite gli intellettuali anti-Vargas (la Francia concesse il diritto di voto alle donne solo dopo la Seconda Guerra Mondiale). Come con Lula, che ora è l’obiettivo di una sofisticata operazione di denigrazione, anche con Vargas ci fu anche la diffusione di menzogne che cercarono di presentare il presidente riformista come un delinquente. Adottando certe scelte politiche giudiziose, Lula diventa l’obiettivo della stessa oligarchia di cui Vargas fu vittima. Con una prospettiva storica, l’azione di Lula è in linea con la politica di Vargas, in particolare il rafforzamento del ruolo dello Stato e delle imprese pubbliche, in parallelo alle politiche sociali inclusive.
La buona decisione di Lula di portare la sua “Carovana del Sud” presso la tomba di Getúlio Vargas a São Borja, dove vi sono le tombe di altre grandi figure brasiliane come João Goulart, detto Jango (ultimo presidente brasiliano di sinistra prima del colpo di Stato militare del 1964) e Leonel Brizola (governatore dello Stato di RS, in esilio dopo il colpo di Stato del 1964 e fondatore del Partito democratico laburista nel 1979), è un messaggio simbolico potente e rivelatore della necessità indispensabile della grande unità popolare, per contrastare la minaccia imperialista e dei suoi partner oligarchici interni contro il popolo brasiliano. Il messaggio di Lula è anche diretto alla Centrale Unica dei Lavoratori (CUT), che trattò in modo improprio, da fascista, il Codice del lavoro e l’Imposta sindacale, la cui estinzione oggi, secondo gli stessi sindacalisti, potrebbe comportare la perdita di entrate pari al 70% del totale raccolto dalla Centrale, mettendo a rischio numerosi sindacati. L’articolo “Regressione storica”, scritto dalla valente parlamentare Benedita Silva e pubblicato sul giornale “O Globo”, riconosce l’importanza del Codice del lavoro e indirettamente l’Imposta sindacale. Stranamente non vi è alcun riferimento a Vargas. Per essere onesti, come possiamo discutere l’utilità di questi strumenti se il movimento sindacale non è in grado di dare impulso a un energico sciopero generale contro la riforma del Codice del lavoro del 2017 (CLT)? Anche se aderenti e simpatizzanti del PT (Partito dei lavoratori) erano ostili alla corrente politica dei Varga, a volte facendo uso della storia imposta da chi spinse Vargas al suicidio, il “golpe” contro Dilma Roussef nel 2016, mette Lula e Vargas nella stessa linea storica. Le reazioni alle sfide storiche sono tuttavia assai diverse. Nel 1932 Vargas reagì con le armi al colpo di Stato organizzato dall’oligarchia di São Paulo, battezzato fraudolentemente “rivoluzione costituzionale”, sostenuta dall’imperialismo inglese, proprio mentre Vargas verificava il debito estero. Vargas, a seguito dell’audit, sospese coraggiosamente il pagamento del debito i cui i principali creditori erano inglesi. Oggi è sorprendente vedere altri simpatizzanti del PT, specialmente a San Paolo, esaltare la presunta rivoluzione, mentre Lula l’ha definita pubblicamente controrivoluzione. Dilma Roussef da parte sua reagì al colpo di Stato in un altro modo, senza convocare il popolo, senza usare i mezzi legittimi dello Stato, e anche senza combattere coi media. Mentre Dilma non ha resistito alla frode che l’ha rovesciato, Vargas resistette alla frode del 1930, approfittando delle condizioni storiche per sconfiggerla politicamente coi suoi mandanti.

Vittoria nella sconfitta
Nel 1954, realizzando che il colpo di Stato era già in atto, quando aerei sorvolarono il palazzo di Catete, Vargas diede la vita per difendere le conquiste del popolo. Un colpo di pistola al cuore mantenne intatto il Codice del Lavoro, la compagnia mineraria Vale do Rio Doce, la banca di sviluppo BNDES, Petrobras e persino Eletrobras, la cui creazione fu firmata da Vargas quell’anno, dichiarando sorridendo che aveva appena firmato la sua condanna a morte. Questo sparo risuona ancora nel cuore del popolo brasiliano e permise a Vargas di designare il suo erede politico, Juscelino Kubistchek (JK), ritardando il colpo di Stato di 10 anni. Nel 1961, quando si ebbe un altro colpo di Stato, Brizola, il governatore del RS, seguì la linea di resistenza col coraggio che lo caratterizzò per tutta la vita. Creò il movimento di resistenza Reti della Legge, distribuì armi al popolo e invocò come nel 1930 l’unità civile e militare in difesa della Costituzione. Fece anche un uso intelligente della radio, mai considerato dai governi del PT, mobilitando le coscienze nel Paese. Il golpe fu di nuovo sconfitto. Ciò che i governi di Vargas, Jango, Lula e Dilma rivelano è che per ogni trasformazione sociale a favore dei lavoratori, le barriere vengno imposte dall’imperialismo e dall’oligarchia. Tali barriere possono essere pianificate, affrontate, sconfitte o altrimenti pericolosamente trascurate. Quando non prepariamo il popolo a difendere la via democratica senza l’uso indispensabile della comunicazione popolare e senza la resistenza organizzata, tutto è destinato al fallimento e alla sconfitta, come nel 1964 e nel 2016. Tuttavia, salvo alcune audaci dichiarazioni di Lula, che rivede la critica e riconosce il valore di Getúlio Vargas, ma anche le riflessioni del filosofo Emir Sader e del nostro caro professore Marco Aurélio Garcia (PT) sulla linea storica che unifica il PT e gli ideali di sviluppo nazionale e del lavoro, il dibattito viene spesso boicottato nel partito. Ma qui la storia ancora una volta colloca Lula nelle stesse circostanze di Vargas. E Lula posiziona correttamente la tomba di Vargas sulla strada della “Carovana del Sud” promuovendo un dibattito spontaneo.

Brizola e Lula

Il coraggio di Minas
Credo che valga la pena citare esempi dallo stato di Minas Gerais (abbreviato nel testo in Minas): JK, allora governatore di Minas, propose a Vargas il 3 agosto 1954 il trasferimento della capitale nazionale da Rio de Janeiro a Belo Horizonte (capitale di Minas), situata nella zona di montuosa di Alterosas, rendendo più facile resistere al golpe che prendeva forma. Vargas rifiutò, conoscendo il rischio che affrontava. Minas è un paese di coraggiosi all’origine della grande figura storica e grande eroe del Brasile anti-coloniale del diciottesimo secolo “Tiradentes”, sempre più citato da Lula. Nel 1932, durante la guerra civile, Minas prese le armi contro il colpo di Stato degli oligarchi di San Paolo, tra cui JK, il famoso politico Tancredo Neves e il grande musicista popolare Gonzagao “o Lua”, all’epoca tromba del 12.mo Reggimento di Belo Horizonte. In seguito, nel 1999, il governatore di Minas, Itamar Franco, mobilitando le truppe della Polizia Militare, respinse l’allora presidente brasiliano Fernando Henrique Cardoso dalla cosiddetta privatizzazione della diga di Furnas. D’altra parte, l’attuale governatore PT di Minas, contrariamente al coraggio di JK e Itamar, non mosse un dito contro la privatizzazione della Cemig (Minas Gerais Energy Company) soggetto stupido ed imbarazzato al mercato. E ancora di più, si propone la privatizzazione di altre imprese statali a Minas. Non a caso il “golpismo” non risparmiò JK e secondo il libro “L’assassinio di JK da parte della dittatura“, i sinistri perpetrati verificatisi nel 1976 sulla Via Dutra (l’autostrada che collega Rio de Janeiro a San Paolo) impedirono l’incontro che sarebbe stato emblematico tra l’ex-presidente e il presidente Ernesto Geisel (4° presidente della Repubblica del regime militare e generale dell’esercito brasiliano). Questo incontro avrebbe potuto cambiare il corso della politica del Paese perché il generale Geisel applicò, anche sotto la condizione di arbitro, determinate misure che prolungarono, per così dire, l’era Vargas. Qualche mese dopo, Jango tornò dall’esilio ma dentro una bara. Tancredo Neves morì nel 1985 in circostanze poco chiare il giorno prima che entrasse in carica come Presidente della Repubblica. Lui, che il 24 agosto 1954 propose a Vargas di resistere, armi in mano, e convocò popolo ed esercito di Vila Militar (caserma del distretto nei sobborghi di Rio). Il “golosismo” che agì contro Vargas, JK, Jango e Brizola ora si concentra su Lula.

Luiz Inácio Lula da Silva e Itamar Franco

L’avviso del 2013 non fu preso sul serio
Nel 2013 i segnali che annunciavano un colpo di Stato erano evidenti, soprattutto dopo i cosiddetti “giorni di lotta” chiaramente finanziati dall’estero e proposti dai “golpisti” dei media. Il disaccordo tra Lula e Dilma impedì all’ex-metallurgico di tornare alla presidenza nel 2014, con le probabili elezioni, considerandone la forte popolarità. All’improvviso, fuori dalla presidenza, fu bersaglio di un’operazione di demolizione sistematica dell’immagine, combinata con il continuo processo giudiziario condotto da un giudice dai forti legami con potenze estere. Escludere Lula dalla presidenza era un vantaggio offerto al “golpe” e non c’era motivo per cui vi tornasse. Anche Rafael Correa subisce la stessa odissea e la sconta inavvertitamente, non rimanendo alla testa di un processo di trasformazione per il quale ebbe la maggioranza del 70% nell’assemblea nazionale. D’altra parte Evo Morales non è caduto nella trappola concettuale dell’alternanza del potere, che fa Putin pienamente consapevole del suo ruolo nella scacchiera mondiale. Entrambi si preparano alla quarta elezione, sempre a suffragio universale. Non sappiamo l’esito dell’attuale crisi, sebbene Lula abbia detto durante la crisi dello scandalo Mensalão, che non si sarebbe suicidato come Vargas, che non si sarebbe arreso come il presidente Jânio da Silva Quadros nel 1961, e che non sarebbe fuggito dal Paese come Jango. All’epoca, avrebbe convocato il popolo per marciare in difendere del mandato popolare. Le circostanze sono cambiate, alcune condizioni favorevoli a una soluzione democratica non sono state colte e sfortunatamente il golpe ebbe luogo, il Codice del Lavoro fu violato, così come Petrobras e la Legge della Condivisione (garante delle ricette dello Stato sulla vendita del petrolio, utilizzato negli investimenti pubblici, ma anche garantendo una presenza minima come operatore nel processo di esplorazione ed estrazione). Le Eletrobras sono anche nel mirino degli aggressori. Le leve dello Stato sono nelle mani di potenze straniere e non di Lula; inoltre, viene condannato in tribunale. Nessuno conosce l’esito della crisi, ma come nel 1930, la nostra unica possibilità di successo è l’unità popolare, anche se è difficile da costruire. Se non agiamo in tempo, il popolo ne soffrirà. D’altra parte, se superiamo pregiudizi ed errori del passato, se manteniamo la speranza democratica, ci sarà sempre una fiamma nei cuori del popolo. Un motivo in più per incoraggiare l’unione, in nome della difesa del Brasile, ora minacciato come nazione.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La sfida strategica della sinistra latinoamericana

Rafael Correa, Histoire et Societé 18 febbraio 2018Dopo la lunga e triste notte neoliberista degli anni ’90, che colpì intere nazioni come l’Ecuador, e da quando Hugo Chávez vinse la presidenza della Repubblica del Venezuela alla fine del 1998, i governi di destra e sovversivi del continente iniziavano ad essere sconvolti come un castello di carte, raggiungendo tutta la nostra America con governi popolari legati al socialismo della buona vita. All’apice del 2009, dei dieci Paesi latinoamericani del Sud America, otto avevano governi di sinistra. In America centrale e nei Caraibi c’erano il Fronte Farabundo Martí in El Salvador, i sandinisti in Nicaragua, Álvaro Colom in Guatemala, Manuel Zelaya in Honduras e Leonel Fernández nella Repubblica Dominicana. In Paesi come il Guatemala, con Álvaro Colom o in Paraguay, con Fernando Lugo, era la prima volta nella storia che la sinistra saliva al potere, in quest’ultimo caso rompendo anche un secolo di bipartitismo. Nel maggio 2008 nacque l’Unasur (Unione delle nazioni sudamericane) e nel febbraio 2010, la Celac con 33 membri. Dei 20 Paesi latini della Celac (Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi), 14 avevano governi di sinistra, ovvero il 70%. La prima parte del 21° secolo è stata indubbiamente vinta. I progressi economici, sociali e politici sono stati storici e hanno stupito il mondo, tutto in un ambiente di sovranità, dignità, autonomia, con la propria presenza sul continente e nel mondo. L’America Latina non attraversò un periodo di cambiamento, ma un vero cambiamento dei tempi, che anche modificò in modo significativo l’equilibrio geopolitico della regione. Per questa ragione, per le potenze di fatto e per i Paesi egemoni era essenziale porre fine a questi cambiamenti a favore delle maggioranze e che cercavano la seconda e definitiva indipendenza regionale.

Restaurazione conservatrice
Sebbene nel 2002 il governo di Hugo Chávez abbia dovuto subire un fallito colpo di Stato, è proprio dal 2008 che s’intensificarono i tentativi non democratici di porre fine ai governi progressisti, come nel caso della Bolivia 2008, Honduras 2009, Ecuador 2010 e Paraguay 2012. Quattro tentativi di destabilizzazione, tra cui due riusciti, Honduras e Paraguay, e sempre contro i governi di sinistra. Dal 2014 e sfruttando il cambiamento del ciclo economico, questi sconnessi sforzi per la destabilizzazione si consolidarono costituendo una vera “restaurazione conservatrice” con nuove coalizioni, sostegno internazionale, illimitati finanziamenti esteri e così via. La reazione si approfondì e perse limiti e scrupoli. Ora abbiamo molestie e boicottaggio economico in Venezuela, il colpo di Stato parlamentare in Brasile e la criminalizzazione della politica, “legge”, come visto coi casi Dilma e Lula in Brasile, Cristina in Argentina e del Vicepresidente Jorge Glas in Ecuador. I tentativi di distruggere Unasur e neutralizzare Celac sono anche ovvi e spesso spudorati. Per non parlare di ciò che succede nel Mercosur. In Sud America, al momento, rimangono solo tre governi progressisti: Venezuela, Bolivia e Uruguay. Le eterne potenze che hanno sempre dominato l’America Latina, immergendola nell’arretratezza, disuguaglianza e sottosviluppo, tornano assetate di vendetta dopo oltre un decennio di continue sconfitte.

Gli assi della strategia della restaurazione conservatrice
La strategia reazionaria è articolata a livello regionale e si basa essenzialmente su due assi: il supposto fallimento del modello economico di sinistra e la presunta mancanza di forza morale dei governi progressisti. Sul primo asse, dalla seconda metà del 2014, a causa di un contesto internazionale sfavorevole, l’intera regione subì il rallentamento economico divenuto recessione negli ultimi due anni. I risultati sono diversi tra Paesi e regioni riflettendo struttura economica e politiche economiche applicate, e le difficoltà economiche di Paesi come Venezuela o Brasile sono considerate un esempio del fallimento del socialismo, pur avendo l’Uruguay col governo di sinistra, Paese più sviluppato a sud del Rio Grande, o la Bolivia dai migliori indicatori macroeconomici del pianeta. Il secondo asse della nuova strategia contro i governi progressisti è la moralità. La questione della corruzione è diventata lo strumento per distruggere i processi politici nazionali e popolari nella nostra America. Il caso emblematico è il Brasile, dove un’operazione politica ben articolata è riuscita a far decadere Dilma Rousseff dalla presidenza del Brasile, dimostrando che non aveva nulla a che fare coi problemi che le venivano attribuiti. C’è una grande ipocrisia globale nella lotta alla corruzione.

La sinistra, vittima del proprio successo?
Probabilmente anche la sinistra è vittima del proprio successo. Secondo la Commissione economica delle Nazioni Unite per l’America Latina e i Caraibi (Cepal), quasi 94 milioni di persone sono state tolte dalla povertà e sono entrare nella classe media regionale nell’ultimo decennio; in stragrande maggioranza risultato delle politiche dei governi di sinistra. In Brasile, 37,5 milioni di persone sono uscite dalla povertà tra il 2003 e il 2013, e ora sono nella classe media, ma questi milioni non costituirono una forza mobilitata quando il parlamento accusato di corruzione licenziava Dilma Rousseff. Abbiamo persone uscite dalla povertà e che ora, per ciò che viene spesso chiamata prosperità oggettiva e povertà soggettiva, anche se hanno migliorato significativamente il reddito, chiedono molto di più e si sentono poveri, non in riferimento a ciò che hanno o peggio quello che avevano, ma a ciò a cui aspirano. La sinistra ha sempre lottato contro la corrente, almeno nel mondo occidentale. La domanda è: avrebbe combattuto contro la natura umana? Il problema è molto più complesso se si aggiunge a questo la cultura egemonica costruita dai media, in senso gramsciano, cioè inverare i desideri delle maggioranze in relazione agli interessi delle élite. Le nostre democrazie dovrebbero essere chiamate democrazie mediatiche. I media sono una componente più importante nel processo politico rispetto a partiti e sistemi elettorali; e sono diventati i principali partiti di opposizione ai governi progressisti; i veri rappresentanti dell’affarismo e del potere politico conservatore. Non importa ciò che va bene alle maggioranze, cosa viene proposto in campagna elettorale, e cosa ha deciso alle urne il popolo, al centro di ogni democrazia. Ciò che è importante è ciò che i media approvano o condannano coi loro titoli. Hanno sostituito lo Stato di diritto con lo stato d’opinione.

C’è una sfida strategica?
La sinistra regionale si confronta coi problemi dell’esercizio del potere, spesso con successo ma esaurendosi. È impossibile governare felicemente il mondo intero, ancor più quando c’è tanta sete di giustizia sociale. Si deve sempre essere autocritici, ed anche sicuri di sé. I governi progressisti sono soggetti a continui attacchi, le élite e i loro media non perdonano gli errori e fanno pressione sul nostro morale, per farci dubitare delle nostre convinzioni, proposte e obiettivi. Pertanto, la maggiore “sfida strategica” della sinistra latinoamericana è forse capire che qualsiasi lavoro per una trasformazione fondamentale avrà errori e contraddizioni.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Siria e Venezuela, similitudini che suscitano pericoli e domande

Sergio Rodriguez Gelfenstein, Resumen Latinoamericano, 3 febbraio 2018A chiunque sia interessato all’argomento e abbia il tempo di investigarvi, consiglio di leggere i media seri e decenti rimasti dal gennaio 2011, quando iniziò la cosiddetta “primavera araba”. Per coincidenza, ero in Algeria, invitato dall’Accademia diplomatica del Paese per tenere conferenze sull’America Latina, sperimentando il fenomeno alla sua nascita, soprattutto quando incontrai un deputato colombiano che era ad Algeri e doveva recarsi in Tunisia proprio il 14 gennaio, quando il presidente autoritario del Paese, Abidin Ben Ali si dimise. Consigliammo al parlamentare del Paese confinante d’interrompere il viaggio e tornare a Bogotà prima di rischiare, dopo aver verificato cosa significasse l’inizio delle rivolte. La verità è che la “primavera araba” coinvolse circa 20 Paesi della regione, attorno ai quali la visione della stampa e dell’opinione pubblica occidentali si costruì basandosi su vicinanza, lealtà e subordinazione dei governi a Stati Uniti ed Europa. Così, mentre in Arabia Saudita, Quwayt, Bahrayn, Emirati Arabi, Qatar e Giordania, tra gli altri, c’erano rivolte per protestare contro le condizioni di vita misere che i governi dovevano risolvere; in Libia, Siria e Algeria ci furono rivoluzioni democratiche contro governi autoritari e repressivi che dovevano essere rovesciati. Così fecero in Libia, la fine è nota: la scomparsa di uno Stato, oggi “controllato” da tribù e terroristi dalle diverse pellicce che lottano per impossessarsi del petrolio e della più grande riserva idrica del Nord Africa. In Siria non ci riuscirono, bisogna dire che nel primo caso Russia e Cina lasciarono che Stati Uniti e NATO agissero, indipendentemente dal destino di quel popolo e di quel Paese, peccando di ingenuità od omissione. Per quanto riguarda la Siria, l’umanità è grata per non aver permesso alle forze coloniali e imperialiste di agire nello stesso modo. Ma tornando all’argomento, ricordo che in Siria tutto iniziò con marce pacifiche che chiedevano democrazia che ben presto divennero violente azioni di gruppi radicali, avviando la creazione di un'”opposizione moderata” che non poté resistere alla competizione per la distribuzione delle risorse provenienti dall’occidente e dalle monarchie sunnite, destinandole ad al-Qaida e Stato islamico per occupare territori e scatenare odio e furia contro i principi base di ogni civiltà: cristiana e musulmana. Infine, dopo una breve e accelerata virata, i cortei pacifici dell’opposizione divennero gruppi terroristici che minacciavano la stabilità globale. Tuttavia, gli Stati Uniti raggiunsero l’obiettivo creando taliban ed al-Qaida per espellere l’Unione Sovietica dall’Afghanistan, e lo Stato islamico per destabilizzare il Medio Oriente, occupare la Siria e minacciare d’invasione l’Iran. Le tre organizzazioni “sfuggirono di mano” e oggi sono costretti a una grande propaganda per dimostrare che le combattono, quando è dimostrato che gli USA, in alleanza con Israele e le monarchie sunnite, li armano, supportano, finanziano ed addestrano. Qualcuno potrebbe pensare che sia una contraddizione infondata, ma le azioni degli Stati Uniti contro il terrorismo non sono decisive, ma solo il minimo necessario per dimostrare una presunta volontà di affrontarlo. A mostrare una realtà diversa sono i media e gli specialisti nella costruzione di scenari “post-verità”. In ogni caso, lo scopo degli USA nel generare conflitti che ne legittimino la presenza militare e creino le condizioni per l’intervento negli affari interni dei Paesi che disobbediscono al mandato imperiale, è stato ampiamente raggiunto.
Tale riflessione mi sovviene analizzando la situazione in Venezuela, inevitabile dopo aver guardato lo specchio siriano: marce di dimostranti per la democrazia che diventano violente, inizialmente focalizzate ma che si generalizzano, che porteranno inevitabilmente a un conflitto di proporzioni superiori, forse simili a quelle della Siria. L’Arabia Saudita, che con la Colombia recitano il ruolo di supporto alle basi militari statunitensi nelle rispettive regioni (mentre le organizzazioni internazionali “voltano le spalle” alle loro gravi violazioni dei diritti umani), hanno incubato eserciti terroristici per attaccare un altro Paese. Le organizzazioni regionali (Lega araba e Consiglio di cooperazione del Golfo) da un lato e OSA dall’altro, hanno fornito le basi diplomatiche per legalizzare tali azioni. I governi reazionari feudali (Arabia Saudita, Emirati Arabi, Qatar, Quwayt e Turchia) sostengono la ribellione in Medio Oriente e le amministrazioni neoliberali dell’America Latina (Messico, Colombia, Cile, Perù, Argentina, Panama e Brasile) fanno lo stesso contro il Venezuela. Cos’hanno in comune? La vergognosa subordinazione agli Stati Uniti, che allo stesso tempo gli permette ogni oltraggio contro i popoli: violazione delle costituzioni e della democrazia che essi stessi hanno inventato, dei diritti umani alleandosi col narcotraffico, applicazione a tutti i costi dei modelli neoliberali, repressione dei popoli; tutto ciò non è noto perché, ancora una volta, i media hanno il compito di nasconderlo.
Se seguiamo lo sviluppo delle azioni in Siria e proviamo a proiettarle in Venezuela, dovremmo dire che sembra che la violenza sia stata instillata come pratica politica che, come mostra il dramma siriano, si sa quando inizia, ma non quando finisce. In tale scenario, i primi cento morti sono noti per nome, quando si arriva al migliaio, o se ne contano a decine, raggiungendo diecimila, centomila o più, a nessuno importa delle cifre esatte, solo il numero degli zeri interessa l’informazione che non interessa più a nessuno. In Siria, secondo i media, sarebbero 350-400mila morti. Con tale logica, i primi “esiliati” che arrivano vengono ricevuti come eroi nei Paesi limitrofi che sostengono le violenze, ma poi, quando una marea incontrollabile minaccia anche di danneggiare la sicurezza nazionale e l’integrità di ogni Paese, la questione diventa più complessa. Nel nostro ambiente, mi chiedo cosa succederebbe se i 6 milioni di colombiani che vivono in Venezuela tornassero nel proprio Paese o se Cile, Panama, Argentina e Perù, nominandone alcuni, affrontassero forti mutazioni d’identità da parte di alcune decine di migliaia di venezuelani che arrivano nelle loro città, o ne ricevessero centinaia di migliaia generando influenze di ogni tipo nelle proprie società e mercati. E cosa succederebbe se in Venezuela ci fosse un cambio di governo violento, che senza esitazione iniziasse a sviluppare misure neoliberali, che indubbiamente sarebbero contrastate dal popolo o dalla gran parte che ha visto la propria vita cambiata negli ultimi anni; ci chiediamo, quel governo avrà la forza di ordinare la repressione? Durerà più di un anno come Temer, che barcolla solo dodici mesi dopo aver illegalmente preso il potere? E tutto questo nel Paese che ha le maggiori riserve di petrolio al mondo? Cosa accadrebbe al mercato dell’energia? Qualcuno si chiese se le forze armate venezuelane, in questo scenario, di nuovo reprimerebbero il popolo come in passato e come recentemente è successo in Brasile. Oppure prendiamo lo scenario siriano e lo passiamo qui: gli Stati Uniti, col sostegno dell’estrema destra, sono riusciti a creare un esercito paramilitare in Colombia, che proverà a prendere parte del territorio del Venezuela per creare uno Stato paramilitare che, naturalmente, “sfuggirà di mano agli Stati Uniti”. Anche se con questo la potenza nordamericano avrà raggiunto lo stesso obiettivo del Medio Oriente, generando instabilità per legittimare gli interventi, in questo caso dovrà valutare che, nonostante l’annuncio della lotta al terrorismo, tali azioni minaccerebbero la stabilità politica e sociale di Colombia ed America Latina, tornando a un passato che si credeva sepolto per sempre. Cosa farebbero FARC ed ELN in queste condizioni? Cosa farebbe la sinistra latino-americana di fronte tale situazione quando gli avranno consegnato su un piatto d’argento lo strumento dell’unità e della lotta continentale? Mi chiedo se non vedremo, nel migliore dei casi, lo slogan che mobilitò milioni di persone nel secolo scorso nei Paesi della regione, dal Rio Grande alla Patagonia: “Yanquis, a casa!” e sarà bello bruciare di nuovo le bandiere statunitensi. Il peggio, non voglio neanche immaginarlo, ritorneremmo a cinquanta anni fa e dovremo ricominciare da capo, ma la pazienza dei popoli è infinita, non so per il capitale che vedrebbe diminuire i profitti.
E tutto questo, perché gli Stati Uniti non vogliono o non possono indurre l’opposizione venezuelana ad accettare regole democratiche, attendere le elezioni del 2018 e lasciare che il popolo decida il proprio futuro. C’è poco da dire, molte vite potrebbero essere salvate e ci sarebbe molto da guadagnare.Traduzione di Alessandro Lattanzio