La dichiarazione di vittoria di Putin in Siria apre la via agli attacchi russi in Libia

La notizia della Russia che negozia l’uso delle basi egiziane ha molto più senso
Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 12 dicembre 2017Se la Russia dichiara vittoria sullo SIIL in Siria e chiede basi in Egitto, si preparebbe a colpire lo SIIL in Libia.
Quando due settimane fa il Cremlino ordinò pubblicamente al Ministero degli Esteri di negoziare l’accordo dell’Aeronautica della Russia per l’utilizzo delle basi militari egiziane, confesso che non sapevo di cosa si trattasse. Pensai alla possibilità che fosse il preludio al coinvolgimento militare della Russia in Libia, ma poi dissi che non credevo che accadesse con l’intervento della Russia in Siria ancora in pieno svolgimento: “Ammetto che onestamente non lo so. L’Egitto è troppo lontano per essere direttamente utile all’intervento russo in Siria. L’uso delle basi egiziane sarebbe necessario se Mosca avesse intenzione di combattere lo SIIL nel Sinai egiziano o d’intervenire in Libia, ma non vedo alcun segno che la Russia sia interessata ad ulteriori avventure prima che la Siria sia chiusa”. Beh indovinate? Putin ha appena dichiarato vittoria in Siria, affermando che gli obiettivi dell’intervento russo sono stati ampiamente raggiunti e ordinava il massiccio ritiro che vedrà il grosso delle forze russe lasciare il Paese: “Forze speciali, polizia militare, squadre di genieri e 25 aeromobili russi lasceranno la Siria e l’ospedale da campo sarà rimosso. Consiglieri, difese aeree e alcuni velivoli rimarranno”. Avevo ragione nel dire che Putin non vorrebbe essere visto aumentare portata e dimensioni dell’intervento militare della Russia all’estero, soprattutto a pochi mesi dalla rielezione. Quello che non avevo previsto era che avrebbe usato la sconfitta dello SIIL come opportunità per dichiarare la vittoria in Siria e ritirarvi la maggior parte delle truppe. Le avventure estere chiaramente infinite sono una cosa. Ma dopo aver dato il benvenuto alla maggior parte delle truppe dalla Siria, il pubblico russo ha la prova che possono finire. Il massiccio ritiro dalla Siria che Putin ha ordinato elimina il problema chiave che l’intervento in Libia dovrebbe affrontare, la percezione in Russia che si c’impantani in infinite avventure estere. Inoltre il fatto che Mosca abbia annunciato pubblicamente di negoziare l’uso delle basi militari egiziane dice due cose:
I negoziati sono una mera formalità, tutt’al più per risolvere problemi tecnici. La Russia ha già assicurazioni che l’Egitto firmerà.
Il Cremlino testa e gradualmente prepara il pubblico a qualcosa di più serio a cui pensa.
Bene, cosa potrebbe essere? Cosa richiederebbe basi egiziane e attenta preparazione e misurazione del polso del pubblico russo? Un altro intervento militare pare adattarvisi. In effetti, c’è chi crede che l’esercito russo sia già presente nell’Egitto occidentale da cui colpisce lo SIIL in Libia assieme all’Egitto. Se è così, i negoziati annunciati pubblicamente sulla concessione dell’accesso alla Russia sono semplicemente kabuki per regolarizzare una situazione già esistente. Mosca e Cairo hanno già svolto un teatro simile. Nel 1972 l’Egitto di Sadat e l’Unione Sovietica inscenarono l’espulsione rabbiosa dall’Egitto dei consiglieri sovietici. Di fatto, l'”espulsione” fu pianificata con l’Unione Sovietica per coprire il ritiro segreto di migliaia di truppe sovietiche regolari e non riconosciute dall’Egitto. I veri consiglieri intanto rimasero in Egitto fino alla fine della guerra dello Yom Kippur del 1973. In ogni caso, appare chiaro che la Russia consideri l’intervento militare aperto in Libia, che potrebbe essere annunciato dopo le elezioni di marzo. Ciò che si vede ora è il Cremlino gettare le basi necessarie per l’intervento, se vi optasse.
Nell’ottobre 2015 un aereo di linea russo fu abbattuto da una bomba dello SIIL in Egitto, uccidendo 224 russi. La Russia perseguirà lo SIIL per questo fino in Libia? Tale intervento sarebbe molto più piccolo rispetto a quello in Siria, semplicemente perché lo SIIL non è così potente in Libia. Ritirandone la maggior parte dopo la vittoria sullo SIIL, penso che Putin abbia dimostrato in modo conclusivo che non è interessato ad avere personale militare russo combattere tutti i nemici di Assad (come le SDF sostenute dagli Stati Uniti) e acuire il confronto con gli Stati Uniti. SIIL, al-Qaida e loro alleati sono gli unici che la Russia ritiene di combattere direttamente in Siria. Allo stesso modo, penso che Mosca non abbia alcun interesse a decidere il vincitore tra i due governi rivali in Libia, coi quali ha contatti, e almeno uno è sostenuto dalla NATO. Invece sarebbe un intervento contro SIIL e gruppi di al-Qaida, che verrebbe pubblicizzato come “conclusione del lavoro” per non permettere allo SIIL di fuggire, evidenziando il fatto scomodo che dove l’occidente semina caos e distrugge Paesi, la Russia invece raccoglie i cocci per stabilizzarli. Per inciso, subito dopo la proclamazione della vittoria dalla base aerea russa in Siria, Putin saliva sull’aereo per giungere in… Egitto. L’astuto MK Bhradakumar pensa che il viaggio sia incentrato sulla creazione di qualcosa per la Libia: “Il punto è che il “dossier libico” è stato riaperto. Lo Stato islamista vi si trasferisce dopo la schiacciante sconfitta in Iraq e Siria. Russia ed Egitto avvertono l’imperativo di mobilitarsi rapidamente e affrontare i gruppi estremisti in Libia. Entrambi appoggiano il comandante dell’Esercito nazionale libico Qalifa Haftar, trincerato a Bengasi, che (giustamente) vedono come baluardo all’estremismo in Libia. Il vuoto di potere in Libia e la crescente insicurezza nell’Egitto occidentale minacciano la stabilità dell’Egitto e il prestigio del Presidente Sisi è in gioco. D’altra parte, il coinvolgimento egiziano in Libia influisce sugli equilibri di potere in Medio Oriente. È interessante notare che le monarchie del Golfo sono coinvolte anche nella crisi libica. Per prima cosa, Mosca si rivolge all’ONU su questioni chiave e contatta anche il governo di Saraj a Tripoli. Il che suggerisce che Mosca potrebbe agire da intermediaria tra i partner rivali della Libia Saraj e Haftar, ed infine a manovrare per compensare le perdite finanziarie subite nel 2011 a seguito del cambio di regime, stimate oltre 10 miliardi di dollari in contratti ferroviari, progetti di costruzione, accordi energetici e vendite di armi”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

I risultati di Putin in Siria e conseguenze

Politnavigator 11 dicembre 2017 – Fort RussCome è noto, entrare in guerra è facile, molto più difficile è uscirne. È certo che la Russia, con l’aiuto del contingente militare in Siria, ha raggiunto tutti gli obiettivi e allo stesso tempo si ferma in tempo, preservando il buon atteggiamento dei siriani e dei vicini alla Russia. Quando la minaccia della distruzione della Siria da parte degli islamisti non c’è più e ai cittadini viene data l’opportunità di costruire una società postbellica e risolvere i vecchi problemi. Così, il 6 dicembre, il Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate della Federazione Russa, Generale Gerasimov, nel briefing annuale per gli attaché militari stranieri, annunciava: “In Siria, tutte le formazioni dei banditi dello Stato islamico (vietato in Russia) sono distrutte, il territorio del Paese è completamente libero dai terroristi”. Un’ora prima che ciò venisse appreso dagli attaché, il Ministro della Difesa russo Generale Shojgu riferiva al comandante supremo Presidente Vladimir Putin, “Oggi le divisioni dell’avanguardia del Brigadier-Generale Suhayl e il Quinto Corpo dei Volontari d’Assalto hanno sconfitto le rimanenti forze illegali nella provincia di Dayr al-Zur e, dopo aver liberato gli insediamenti di Salihia, Qita, Qatyah e Musalah, incontravano le forze governative che avanzavano da sud“. Oltre 1000 insediamenti sono stati liberati e le rotte principali riaperte. “Naturalmente, ci sarebbero ancora diversi centri di resistenza, ma in generale i combattimenti in questa fase e in questo territorio sono finiti, con una completa, ripeto, vittoria e sconfitta dei terroristi“, sottolineava Gerasimov. L’11 dicembre, “Bort#1” presidenziale decollava da Mosca per la Siria atterrando sulla base aerea di Humaymim. Il Presidente Putin arrivava per informare soldati e ufficiali russi che la missione onorevole e difficile si è conclusa con la vittoria completa e ora avranno il tanto atteso ritorno a casa.
Nella base aerea, il Capo di Stato russo è stato accolto dal Presidente della Repubblica araba siriana Bashar al-Assad, dal Ministro della Difesa russo Generale Shojgu e dal comandante del gruppo russo in Siria, Sergej Surovikin. Il Presidente della Russia, dalla tribuna, si è rivolto ai militari con un discorso di saluto: “Il Ministro della Difesa, il Capo di Stato Maggiore, e io ordiniamo l’avvio del ritiro del gruppo delle forze russe nei punti di schieramento permanente. La Siria è salva come Stato sovrano e indipendente, sono state create le condizioni per la soluzione politica sotto l’egida delle Nazioni Unite, i rifugiati ritornano nelle loro case”. Con atmosfera informale, Putin ha parlato col personale della missione militare in Siria. All’incontro con la parte siriana, era presente il Presidente Bashar al-Assad, nonché il famoso comandante siriano del 5.to Corpo d’Assalto “Tigre”, Generale di Brigata Suhayl. Nella base aerea, Putin ha avuto colloqui con Assad. Il leader russo ha detto al collega siriano che Mosca spera nella cooperazione con Turchia ed Iran per “stabilire una vita pacifica e un processo politico” in Siria. È anche importante preparare il Congresso del Dialogo Nazionale e avviare il processo di risoluzione pacifica. Assad, a sua volta, ringraziava le Forze Armate russe per l’inestimabile aiuto nella lotta ai terroristi.
Nel valutare l’impresa delle Forze Armate russe in Siria, non ci sono abbastanza parole. Le forze russe ha mostrato un alto livello di addestramento e coerenza in combattimento, capacità di eseguire missioni esemplari a distanza notevole dalla madrepatria. Il punto di svolta nella guerra di quattro anni si è avuto effettivamente con le azioni del reggimento delle forze militari russe. Le perdite ammontano a quattro persone. Oggi non c’è quasi forza sul pianeta in grado di ripetere o superare i risultati dei piloti russi. Tuttavia, finché la situazione nel Paese non si sarà finalmente stabilizzata, un più piccolo contingente russo rimane ad osservare la situazione dalla base aerea di Humaymim e da Tartus. Inoltre. il Centro per la riconciliazione rimarrà in Siria. L’annunciava ufficialmente il presidente russo: “L’aerodromo di Humaymim sarà operativo come prima“. I dettagli sul futuro soggiorno delle forze militari ed altre in Siria, non sono stati accennati né del presidente né dal ministro della Difesa. Apparentemente, ad Humaymim dell’attuale gruppo di 60 velivoli, ne resterà circa un terzo. I cacciabombardieri Su-34 e i caccia multiruolo Su-35, molto probabilmente non avranno più compiti di supporto alle forze di terra, e ritorneranno in Russia. Ma i complessi di difesa aerea S-400 e Pantsir S-1 dovranno rimanere.
A giudicare dalla reazione dei media occidentali, la decisione di ritirare le truppe era inaspettata per tutti, fatta eccezione per i partner della coalizione russa. “Non ho ancora visto queste relazioni ed è ancora difficile valutare quale impatto avranno sui negoziati, quali cambiamenti comporterà nelle dinamiche dei colloqui, dobbiamo vedere che tipo di intenzioni ha la Russia“, aveva detto il portavoce della Casa Bianca Josh Ernest. Dopo aver visitato Humaymim, Putin ha intrapreso una vera maratona politica. Dalla Siria, “Bort#1” portava il presidente russo in Egitto, dove aveva incontri al vertice. A Cairo, Putin negoziava col Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi, informando la parte egiziana della situazione in Siria. Secondo Putin, l’Egitto può svolgere un ruolo importante nel processo di pace in Siria. La parte egiziana a sua volta chiedeva di ristabilire le comunicazioni aeree dirette tra Egitto e Russia, interrotte dall’attentato del 2015 sulla penisola del Sinai, che uccise centinaia di cittadini russi di ritorno dall’Egitto. Da Cairo, Putin si recava ad Ankara per colloqui con Erdogan. Putin l’informava del ritiro del contingente militare russo dalla Siria, ma non si è parlato di questioni problematiche, come la continua presenza di truppe turche entro le regioni di frontiera della Siria. È noto che l’argomento principale dei colloqui tra Putin e Erdogan era la nuova tensione in Medio Oriente, su Gerusalemme.
Riassumiamo:
1) Lasciando la Siria, Mosca ha dimostrato che non si lascerà coinvolgere in un conflitto a lungo termine come “lo scenario afghano” professato dai critici.
2) Le truppe russe se ne vanno in un momento favorevole: i siriani sono grati, le truppe governative addestrate e armate dai russi. Il processo negoziale ha successo con l'”opposizione moderata” in Siria e a Ginevra, dove inizieranno i prossimi negoziati con le forze influenti sul conflitto.
3) La Russia mantiene le basi militari in Medio Oriente, importante fattore geopolitico. Le Forze Armate hanno brillantemente dimostrato le proprie capacità tattiche e tecniche, distruggendo in breve tempo l’infrastruttura terroristica. Qualsiasi ulteriore offensiva dell’Esercito arabo siriano sarà supportata dall’Aeronautica siriana con forze e mezzi a disposizione.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Putin va a Cairo mentre Trump si lega le mani

M. K. Bhadrakumar Indian Punchline 9 dicembre 2017

L’autogol degli Stati Uniti a Gerusalemme apre alla Russia l’opportunità per rafforzare la reputazione di attore creativo e positivo nella politica mediorientale. A quattro giorni dall’annuncio del presidente Trump su Gerusalemme, il Presidente Vladimir Putin avvia “visite di lavoro” non programmate in Egitto e Turchia. Il Ministero degli Esteri russo rilasciava una lunga dichiarazione criticando la decisione degli Stati Uniti su Gerusalemme e affermando che, “Riteniamo che una soluzione equa e duratura al protratto conflitto israelo-palestinese si basi sul diritto internazionale, comprese le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e dell’Assemblea Generale che prevedono la definizione di tutti gli aspetti dello status dei territori palestinesi, inclusa la delicatissima questione di Gerusalemme, attraverso colloqui diretti israelo-palestinesi. La nuova posizione degli Stati Uniti su Gerusalemme può ulteriormente complicare le relazioni israelo-palestinesi e la situazione nella regione… La Russia vede Gerusalemme Est come capitale del futuro Stato palestinese e Gerusalemme Ovest dello Stato d’Israele”. La Russia si posiziona appropriatamente nel mondo arabo. Ma la questione di Gerusalemme non è ciò che porta Putin a Cairo. Il sito del Cremlino segnalava la necessità di “dare stabilità e sicurezza in Medio Oriente e Nord Africa”. Il che significa Libia, Sinai e Siria e anche Yemen, in quest’ordine forse.
Il punto è che il “dossier libico” è stato riaperto. Lo Stato islamico passa in Libia dopo la schiacciante sconfitta in Iraq e Siria. Russia ed Egitto avvertono l’imperativo di mobilitarsi rapidamente e affrontare i gruppi estremisti in Libia, appoggiando il comandante dell’esercito nazionale libico Qalifa Haftar, insediato a Bengasi e che (giustamente) vedono come baluardo all’estremismo in Libia. Il vuoto di potere in Libia e la crescente insicurezza nell’Egitto occidentale minacciano la stabilità dell’Egitto e il prestigio del Presidente Sisi. D’altra parte, il coinvolgimento egiziano in Libia influisce sugli equilibri di potere in Medio Oriente. È interessante notare che anche le monarchie del Golfo sono coinvolte nella crisi libica.
Qui arriva Trump. Il primo ministro libico Fayaz al-Saraj visitava la Casa Bianca il 1° dicembre e con Trump discusse l'”opportunità di future collaborazioni” sottolineando “l’impegno costante degli USA per sconfiggere SIIL e altri terroristi jihadisti in Libia”, e a “collaborare per la stabilità e l’unità libiche“. Parallelamente il presidente francese Emmanuel Macron ospitava Saraj a Parigi. (Saraj ha la solida reputazione di “Ashraf Ghani” del Maghreb, politico imposto dalle potenze occidentali). Tenere la Russia fuori dalla Libia è la chiave della strategia occidentale (come in Afghanistan). Ma anche Russia ed Egitto hanno interessi specifici. La Libia era un alleato sovietico e ha una posizione strategica del Mediterraneo di fronte al fianco meridionale della NATO. Per l’Egitto, l’instabilità in Libia si riversa nella penisola del Sinai, come già accade. L’ambizione di Sisi sarà creare una sorta di protettorato egiziano in Cirenaica contro i gruppi estremisti. Senza dubbio, con 1200 chilometri di frontiera condivisa con la Libia, le preoccupazioni per la sicurezza dell’Egitto sono legittime. L’Egitto è anche un importatore netto di energia. Haftar controlla la cosiddetta mezzaluna petrolifera in Libia e il colosso petrolifero russo Rosneft è tornato in Libia. Chiaramente, la piattaforma energetica permette una cooperazione potenzialmente lucrosa tra Russia, Haftar ed Egitto, sebbene sia secondaria rispetto alle dimensioni militare e della sicurezza. Mosca per prima si rivolge all’ONU su questioni chiave coinvolgendo anche il governo Saraj a Tripoli, suggerendo che Mosca soprattutto agirebbe da intermediario tra i partner rivali della Libia, Saraj e Haftar, ed infine manovrare per compensare le perdite finanziarie subite nel 2011 col cambio di regime, stimate ad oltre 10 miliardi in contratti ferroviari, edili, energetici e per armamenti. Ma l’occidente farà attenzione che Putin, come in Siria, non lo sconfigga anche in Libia. La situazione libica ha sue caratteristiche specifiche ma la rivalità tra grandi potenze accelera. Washington potrebbe apparire in una posizione migliore in Libia, dato che gli alleati della NATO vi sono interessati. Ma tutte le scommesse finiscono quando Putin entra in scena. Per un efficace ruolo della Russia nella sfera militare e della sicurezza per stabilizzare la Libia, Mosca ha bisogno di un partner regionale. Putin ha un ottimo rapporto con Sisi. Washington seguirà da vicino i loro colloqui a Cairo.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Russia ed Egitto si accordano sul mutuo uso di spazio e basi aeree

Andrej Akulov SCF 04.12.2017Il Ministro della Difesa russo Sergej Shoigu visitava Cairo il 27 novembre. Offrendo le condoglianze per il massacro nella moschea nel Sinai del 24 novembre, che uccise oltre 300 persone, Shojgu sottolineava la necessità di rafforzare la cooperazione nella lotta al terrorismo. Secondo lui, i legami militari tra i due Paesi sono ai massimi livelli in quanto l’Egitto ha piazzato nuovi ordini per armi russe. Il 30 novembre fu riferito che il governo russo aveva approvato un progetto di accordo con l’Egitto che consenta ai due Paesi di utilizzare lo spazio aereo e le basi aeree altrui. Il progetto di accordo fu definito con un decreto firmato dal Primo ministro Dmitrij Medvedev il 28 novembre, incaricando il Ministero della Difesa russo dei negoziati coi funzionari egiziani e di firmare il documento una volta che le parti si saranno accordate. L’accesso agli aeroporti egiziani consentirà agli aerei militari russi di rifornirsi durante il viaggio verso la Siria. L’accordo riguarda un polo logistico supplementare, che aiuterà gli aerei russi ad agire liberamente nel teatro siriano, quando necessario. Quando sarà in vigore, l’accordo faciliterà molto l’addestramento del personale dell’Aeronautica egiziana. Il documento non comprende aerei picchetti radar e da trasporto militari che trasportino merci pericolose. L’accordo è valido cinque anni e potrà essere esteso. Il New York Times scrive che l’accordo rappresenta un “apparente affronto all’amministrazione Trump“, poiché è “l’ultima estensione della potenza russa in Medio Oriente, in questo caso cooperando con uno dei più stretti alleati arabi di Washington“. Secondo la fonte, se attuato, l’accordo proposto approfondirà la presenza militare della Russia nella regione a livelli ineguagliati dal 1973. In termini pratici, la presenza di aviogetti russi in Egitto solleverà preoccupazioni sulla sicurezza operativa del personale militare statunitense e richiederà il coordinamento cogli aerei militari statunitensi nello stesso spazio aereo. Il New York Times citava analisti che sostengono che la presunta volontà di Cairo di consentire alla forza aerea russa di accedere alle basi aeree egiziane dimostra la riduzione dell’influenza degli Stati Uniti nella regione. “Il potere aborre il vuoto e quando gli Stati Uniti si ritirano non possiamo avere l’impressione che il mondo si fermi aspettandoci“, diceva Matthew Spence, ex-vicesegretario alla Difesa per la politica mediorientale dell’amministrazione Obama. Ad agosto, Cairo criticava gli Stati Uniti per la decisione di ritirare 195 milioni di dollari di aiuti militari e di tagliare 96 milioni di dollari di altri aiuti, in risposta alle presunte violazioni dei diritti umani di Cairo.
L’Egitto è il Paese più popoloso del Nord Africa e del mondo arabo, il terzo più popoloso dell’Africa e il quindicesimo del mondo. L’anno scorso, la popolazione del Paese raggiunse i 92 milioni. Un anno prima, il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi affermò pubblicamente sostegno alle forze del Presidente siriano Bashar al-Assad avvicinando l’Egitto alla Russia. L’eventualità che i militari egiziani partecipino all’iniziativa sulle zone sicure (ridimensionate) in Siria è all’ordine del giorno. Il coinvolgimento dell’Egitto farebbe sicuramente scalpore sul piano internazionale. Negli ultimi mesi, Mosca e Cairo hanno firmato diversi contratti per aerei da caccia MiG-29, elicotteri Ka-52 e altre armi mentre le vendite di armi della Russia ai Paesi del Medio Oriente hanno raggiunto livelli record. I due partner hanno firmato diversi accordi per il rinnovamento delle fabbriche di produzione militare egiziane. È stato firmato un protocollo per garantire all’Egitto l’accesso a GLONASS, il sistema di posizionamento satellitare globale russo. Le esercitazioni tattiche congiunte russo-egiziane Defenders of Friends 2017 si svolsero a settembre 2017 nella regione di Krasnodar, nella Federazione Russa, la prima esercitazione aeroportata sul suolo russo sarà regolare in futuro. Ottenere diritti nelle basi in Egitto permetterà alla Russia di proiettare potenza in molte parti della regione, tra cui Mar Rosso, Corno d’Africa e Mediterraneo. La presenza militare sarà legittimata. La Russia potrà partecipare alla missione di mantenimento della pace in Libia nel caso lo si decidesse. La Libia è un’area promettente della cooperazione. Mosca ha un ruolo speciale. Russia ed Egitto possono contribuire congiuntamente a portare stabilità nel Paese lacerato dalla guerra. I loro interessi coincidono in linea di massima aprendo la strada a politiche e azioni coordinate. Gli oppositori in Libia chiedono alla Russia d’intervenire come mediatrice. I libici ricordano bene l’intervento della NATO del 2011 e non si fidano dell’occidente, specialmente data l’incapacità di ottenere risultati positivi in Siria. Molti Paesi arabi si rivolgono alla cooperazione militare con la Russia a seguito del successo in Siria. Il presidente sudanese Omar al-Bashir visitava la Russia per chiedere protezione dagli Stati Uniti. La possibilità di costruire una base navale russa in Sudan è un problema preso in considerazione. La Russia ha relazioni speciali con Iran, Turchia, Egitto, Iraq, Giordania, Israele e Stati del Golfo. L’Arabia Saudita è l’alleato dell’Egitto e finanzia l’acquisto di armi russe. Ad ottobre, il re saudita Salman bin Abdulaziz al-Saud visitò Mosca, la prima visita in assoluto in Russia di un re saudita. Fu firmato un memorandum d’intesa sull’acquisto di sistemi di difesa aerea S-400 dalla Russia segnando un cambio dell’Arabia Saudita, che finora acquistava armi da Stati Uniti e Gran Bretagna. I Paesi non cercano la rivalsa su molte questioni internazionali, ma capiscono quanto sia importante cooperare e scambiare opinioni. Con le sanzioni occidentali in vigore, Mosca progredisce nell’influenzare ed accedere ai nuovi mercati per armi, beni ed energia russi. Ha buone relazioni con tutti i Paesi della regione. Non c’è uno Stato nella regione in conflitto con Mosca. Alcun altro Paese ha tale vantaggio. Mosca non prende parte al conflitto tra sunniti e sciiti, il che la rende adatta al ruolo di mediatrice tra Stati del Golfo sostenuti dall’Egitto e Iran.
La Russia rinata si afferma in Medio Oriente come uno dei principali attori internazionali. Il progetto di accordo con l’Egitto è un esempio convincente del suo peso crescente nella regione.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La disgregazione dell’impero USA: una lettura

Alessandro Lattanzio, 29/8/2017Il 23 agosto, Washington riduceva di centinaia di milioni di dollari gli aiuti all’Egitto, ricorrendo alla scusa delle condizioni dei diritti umani a Cairo, ma in realtà per punire l’Egitto non solo per essersi rivolto all’aiuto economico-tecnologico e diplomatico di Russia e Cina, ma per aver sostanzialmente distrutto il piano del cosiddetto “Grande Medio Oriente”, concepito dai neocon e attuato dalla sinistra social-imperialista espressa da Obama e dall’europeismo occidentale. Infatti, quando nel 2013 i militari egiziani deposero il regime islamo-atlantista di Muhamad Mursi, i piani per attaccare direttamente l’Asse della Resistenza, ovvero Libano, Siria, Iraq e Iran, andarono in frantumi, essendo l’Egitto, Paese con una popolazione di 90 milioni di abitanti, visto come serbatoio inesauribile di carne da cannone taqfirita al servizio delle mire imperialiste e nocolonialiste della NATO e relative appendici petromonarchiche del Golfo Persico. Il piano d’aggressione all’Eurasia prevedeva la creazione di una piattaforma regionale islamista, in Medio Oriente, in cui radunare le varie forze taqfirite, oscurantiste, retrive e reazionarie, che in cambio dell’ascarismo geopolitico verso l’atlantismo, avrebbero ottenuto il totale dominio delle società mediorientali. Non a caso, l’apparato terroristico-mediatico atlantista (Hollywood, circo mediatico, università e professoroni, ONG e servizi segreti), preparò per anni il terreno ideologico-culturale per celebrare e far accettare in occidente l’ascesa dei regimi oscurantisti e sanguinari promessi dalla fratellanza mussulmana e dalle sue appendici terroristico-stragiste (Gladio-B): al-Qaida, salafismo armato, emirato islamico, sufismo turco-iracheno, ecc.
I militari nasseriani e la borghesia nazionalista egiziani (disprezzati dal ‘trotskismo accademico anglosassone’, null’altro che escrezione radicale del social-imperialismo londinese), compresero i piani malvagi e devastanti delle centrali imperialiste occidentali e dei loro manutengoli islamistico-idrofobici: la distruzione delle società arabe, devastazione della regione e guerra permanente con le potenze eurasiatiche che, esse sole, possono recuperare il Medio Oriente da una situazione di imminente disastro economico-politico che si preannunciava di durata indefinibile. Va ringraziato il governo di al-Sisi, e il ‘golpe’ popolare-patriottico del nasserismo egiziano, se l’immane disastro geopolitico-regionale, che pareva inevitabile con l’avanzata al potere dell’integralismo belluino e ottuso asservito all’imperialismo e affiancato dal sinistrismo occidentale, è stato sventato. Da qui la rabbia delle centrali terroristico-propagandistiche occidentale verso l’Egitto, che punta le sue carte sull’alleanza con la Russia, la Cina e l’Iran; utilizzando di tutto a tale scopo: dallo spionaggio pecoreccio e provocatorio di volenterosi sovversivi occidentali in Egitto, alla disinformazione e propaganda delle centrali mediatiche atlantiste, fino al terrorismo islamo-atlantista alimentato e finanziato dal complesso spionistico occidentale (che comprende i servizi segreti e le loro emanazioni pubbliche, le cosiddette ‘ONG’).
L’ultima fase del rancore occidentale verso Cairo si è avuta con Washington che taglia 96 milioni di dollari di aiuti e ritarda altri 195 milioni di dollari in fondi militari per l’Egitto. Il dipartimento di Stato degli USA dichiarava che la decisione è dovuta alla “mancanza di progressi nei diritti umani e al passaggio di una nuova legge che disciplina il lavoro delle organizzazioni non governative, considerata volta a limitarne le attività e che al-Sisi ratificò a maggio”. Ecco, l’impossibilità di sovvertire l’Egitto scatena le ire dell’imperialismo “democratico” e “filantropofago” di Washington, che ricorre all’unico mezzo di cui dispone, le sanzioni, che nel mondo globalizzato di oggi, dopo la Jugoslavia del 1999 e l’Iraq del 2003, non funzionano più, perché non convincono più nessuno. Sarà difficile, per Washington, che qualche altro Paese metta ai comandi un altro Gorbaciov. Gorbaciov è un personaggio passato alla Storia come simbolo dell’autodistruzione e del tradimento, sostituendo nell’immaginario dei popoli la figura di Vidkun Quisling. Checché ne dicano i suoi corifei, che appestano lo spettro della militanza antimperialista occidentale, Gorbaciov è oramai un mero cadavere ideologico; un killer e traditore non più utile ai suoi padroni, perché riconosciuto appunto tale a livello planetario. Perciò, il suo modus operandi, pur riproposto più volte, fa sempre cilecca, perché riconoscibilissimo negli scopi: l’autodistruzione delle nazioni e dei popoli che l’adottano. E’ bastata una volta per capirlo.
Da qui, l’esigenza dell’occidente di ricorrere a metodi più rozzi e brutali, come il terrorismo settario, sanguinario e ottuso che tanto successo raccolse in Afghanistan (più nell’immaginario del pubblico occidentale, che nella realtà afghana). La filiazione del terrorismo strategico islamo-occidentale è stata prolifica e, in pratica, l’unica arma efficiente dell’imperialismo del XXI secolo. Dalla Jugoslavia nel 1992 a Siria-Iraq nel 2014-2015. Di fatti, ricollegandosi al discorso egiziano, non è un caso che, una volta saltato il regime islamista dell’agente della CIA Muhamad Mursi (cittadino statunitense, avendo lavorato presso la NASA, ente che assume solo cittadini degli USA), pochi mesi dopo comparisse a Mosul e in Iraq lo Stato islamico (emirato islamico). Chiaramente il piano di riserva, nel caso fallisse la trasformazione dell’Egitto in caserma del taqfirismo globale al servizio della NATO e d’Israele. L’appoggio saudita al golpe popolare-patriottico di al-Sisi era dovuto al legittimo timore di Riyadh di finire nel mirino dell’imperialismo statunitense, una volta eliminati l’ostacolo siriano-iraniano e messe in difficoltà Russia e Cina; in quella situazione, cosa avrebbe impedito a Londra e Washington di saltare al collo dei sauditi? E di accaparrarsi le ingenti riserve di petrolio della penisola araba? Il Ministero degli Esteri dell’Egitto, alla punizione inflitta da Washington a Cairo, risponde dichiarando, “L’Egitto considera questo passo un errore di valutazione della natura delle relazioni strategiche che legano i due Paesi da decenni, e ciò può avere ripercussioni negative“. E il 28 agosto, Cairo si dichiarava favorevole a risolvere la crisi siriana attraverso negoziati e a sostenere il processo di pace di Ginevra; il Ministro degli Esteri egiziano Samah Shuqry dichiarava, “L’Egitto promuove l’idea che la soluzione militare sia impossibile per riportare la stabilità alla regione. Ciò può accadere solo attraverso dialogo, negoziati, processo politico… Per la Siria, la partecipazione dell’Egitto è legata al sostegno e al consolidamento dell’opposizione nazionale siriana, alla continuazione del dialogo attraverso tutti i canali, incoraggiando tutte le parti, incluso il governo siriano, a tenere colloqui sotto gli auspici delle Nazioni Unite e ad aderire al processo di Ginevra. La Siria va preservata, la sua integrità territoriale è importante, le sue istituzioni vanno mantenute nella responsabilità dei servizi alla popolazione, per ripristinare la Siria a beneficio del popolo, far rientrare i residenti fuoriusciti e combattere le organizzazioni terroristiche”. Il ministro concludeva affermando che gli stessi principi dovranno riguardare la soluzione della crisi in Libia.
Ma gli Stati Uniti non entrano in conflitto solo con l’Egitto; l’ambasciatrice del Pakistan alle Nazioni Unite, Maleeha Lodhi, dichiarava che gli Stati Uniti non sono equilibrati nell’approcciarsi verso l’Asia meridionale, “Negli ultimi anni, in Pakistan abbiamo capito che gli Stati Uniti non sono equilibrati nell’approccio verso l’Asia meridionale e, di conseguenza, abbiamo perso qualcosa nei rapporti“. Lodhi affermava anche che gli Stati Uniti devono perseguire la “pace negoziata in Afghanistan“, dopo 16 anni di guerra che hanno dimostrato che perpetuare il conflitto non è un’opzione futura, “Dobbiamo trovare una pace negoziata in Afghanistan, con il consenso delle Nazioni Unite e della comunità internazionale. So che gli Stati Uniti hanno dichiarato il proprio sostegno a questo obiettivo, in passato, ma questo non potrebbe bastare; essi devono agire per raggiungere e realizzare questo obiettivo“. Infine, il Pakistan decide di rivedere i rapporti con gli Stati Uniti dopo l’annuncio del presidente Trump di eliminare gli aiuti militari al Pakistan perché, “Washington è stufa di Islamabad“. Il dipartimento della Difesa degli USA aveva già bloccato ogni sostegno a Islamabad tramite il Fondo di sostegno della coalizione, che finanziava le operazioni antiterrorismo del Pakistan, mentre il segretario alla Difesa Mattis affermava di non poter provare che il Pakistan combatta a sufficienza il terrorismo. Infine, Trump accusava il Pakistan di custodire gli “agenti del caos” concedendo santuari ai taliban e ai gruppi islamisti, facendo prolungare la guerra in Afghanistan. “Il Pakistan ha anche dato riparo alle stesse organizzazioni che cercano ogni giorno di uccidere la nostra gente. Gli versiamo miliardi e miliardi di dollari, mentre ospitano i terroristi che combattiamo. Ma ciò dovrà cambiare e cambierà immediatamente. Nessun partenariato può sopravvivere a un Paese che ospita terroristi che attaccano membri e funzionari degli Stati Uniti“, dichiarava Trump. Il governo pakistano rispose dicendo che sono gli Stati Uniti a non voler eliminare i santuari del terrorismo in Afghanistan. L’amministrazione Trump in sostanza afferma che i taliban sono sostenuti dalle agenzie militari e d’intelligence del Pakistan, prospettando l’idea che gli Stati Uniti designino il Pakistan quale Stato sponsor del terrorismo; un modo per giustificare l’incapacità dell’US Army di sconfiggere i taliban e di por fine al conflitto in Afghanistan.
Il Pakistan, davanti alle mosse di Washington, si prepara a vietare le visite del personale diplomatico statunitense senza una preventiva autorizzazione ed approvazione dal governo di Islambad. Infatti, il Pakistan rinviava la visita dell’assistente del segretario di Stato Tillerson, e decideva di rivedere la politica verso gli Stati Uniti. Rex Tillerson aveva minacciato i pakistani, “Abbiamo una certa leva in termini di aiuti e sul loro status di partner non-NATO; tutto questo può essere messo in discussione“. Sebbene ufficialmente il Pakistan beneficiasse di aiuti e tecnologie militari statunitensi, quest’anno gli Stati Uniti rifiutavano 350 milioni di dollari in finanziamenti militari, col pretesto che il Pakistan non farebbe abbastanza per combattere il terrorismo. Tillerson dichiarava che “Il presidente è stato chiaro nel dire che attaccheremo i terroristi ovunque siano. Abbiamo messo persone ad osservare chi offre rifugio ai terroristi, e gli avvertiamo che affronteremo chi fornisce un santuario e gli chiederemo di smetterla“. Per risposta, il Ministro degli Esteri del Pakistan, Khawaja Muhammad Asif, il 28 agosto si recava in Cina, dopo aver annunciato la cancellazione della prevista visita negli Stati Uniti.
In realtà, anche qui gli Stati Uniti sono allarmati dall’approccio del Pakistan verso Cina e Russia sulla questione della stabilizzazione dell’Afghanistan, “il Pakistan si è rivolto alla Russia negli ultimi mesi e le chiede di essere la principale forza stabilizzatrice per una possibile pacificazione dell’Afghanistan. Gli Stati Uniti ne sono allarmati, ed anche se i rapporti Pakistan-Russia erano storicamente tesi, si sono rilassati. I pakistani hanno ora deciso che la Russia, e non gli Stati Uniti, sono la migliore speranza di avere un attore internazionale che porti al tavolo delle trattative e possibilmente riunisca un governo di unità nazionale in Afghanistan, unico modo per far finire questa guerra. Il Pentagono non vuole por fine alla guerra. È soddisfatto dello stallo. È una vacca da mungere per il Pentagono e i contraenti degli USA. Washington non vuole che la Russia s’intrometta in Afghanistan“. Non va dimenticato, infine, che il Pakistan ha appena aderito all’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, guidata da Cina e Russia, un colpo devastante per gli interessi statunitensi in Asia.
Infine, neanche i curdi danno soddisfazione a Washington; secondo il notiziario al-Hadath, un grande convoglio militare dell’Esercito arabo siriano e della Polizia Militare russa arrivava a Tal Rifat, città a nord di Aleppo, su richiesta delle Forze Democratiche siriane (SDF), per impedire che le forze turche avanzino nella regione, dato che Ankara aveva inviato rinforzi presso la vicina Azaz.Fonti:
Times of Islamabad
Times of Islamabad
Times of Islamabad
Times of Islamabad
Times of Islamabad
Times of Islamabad
Times of Islamabad
The Duran
PressTV
FARS