L’attacco a Trump fallisce

Moon of Alabama 13 gennaio 201716113896Il racconto delle accuse fasulle sull’influenza russa sulle elezioni presidenziali degli Stati Uniti diventa sempre più avvincente ogni giorno che passa. Fa parte della guerra tra gruppi della “élite”, ma include lotte intestine tra le organizzazioni governative statunitensi. Sappiamo come ci sia la pesante influenza ucraina al fianco di Clinton nelle elezioni e nella campagna diffamatoria contro Trump e Russia. Ma certamente non c’è solo l’Ucraina alla base di ciò. Vi sono altri collegamenti internazionali. L'”ex”-funzionario per la Russia nell’MI6 Christopher Steele è colui che ha preparato le 35 pagine di evidenti false affermazioni sui collegamenti russi e del kompromat di Trump. Vi sono così tante incongruenze in tali pagine che qualcuno informato del modo di operare di Mosca potrebbe immediatamente identificare come false. Putin ha personalmente iniziato a lavorare su Trump cinque anni fa, quando Trump non aveva alcun ruolo politico o speranza? Un socio di Trump incontrò funzionari russi a Praga, anche se non è mai stato nella Repubblica Ceca? Steele spacciò falsi alla stampa di Washington DC, ma alcun media le pubblicò perché erano chiaramente falsità. Steele quindi decise di consegnare le carte all’FBI e di parlarne con i suoi agenti sperando di avviare un’indagine ufficiale. Avvertì della mossa (o gli fu ordinato di procedere?) il vertice del governo inglese: “Il Daily Telegraph avrebbe saputo durante un incontro con una fonte assai a dentro a Washington DC, lo scorso ottobre, che l’FBI aveva contattato Steele chiedendo se potevano discuterne i risultati. La fonte disse che Steele parlò ai funzionari di Londra per chiedere il permesso di parlare con l’FBI, debitamente concesso, e che Downing Street ne fu informata…. Una volta concessogli il via libera, incontrò un agente dell’FBI in un altro Paese europeo, dove discusse il contesto in cui aveva compilato il dossier. Il suo contatto con l’FBI sarebbe iniziato a luglio dello scorso anno e concluso ad ottobre, per frustrazione della lentezza del bureau”.
Quando la prima mossa di Steele con l’FBI ad ottobre non diede i risultati sperati, tentò di rifilarglielo attraverso il senatore John McCain. Un “ex”-ambasciatore inglese a Mosca organizzò il passaggio: “Un ex-ambasciatore inglese in Russia ha rivelato di aver giocato un ruolo significativo nel portare il ‘dossier sporco’ su Donald Trump all’attenzione dei servizi segreti statunitensi. Sir Andrew Wood disse che parlò al senatore repubblicano John McCain ad una conferenza sulla sicurezza internazionale, a novembre, dell’esistenza di materiale che potesse compromettere il neopresidente. McCain successivamente consegnò il documento contenente accuse di squallido comportamento sessuale di Trump negli alberghi russi, al capo del FBI”. L’MI6 è ben noto per il lancio di falsi per conto del governo inglese. Anche la seconda consegna ufficiale all’FBI non scatenò l’auspicata pubblicazione delle accuse. Ma da quel momento Clinton si aspettava ampiamente di vincere le elezioni in ogni caso, quindi non furono prese ulteriori misure. Dopo che Trump inaspettatamente vinse le elezioni, fu lanciato il tentativo di pubblicare le denigrazioni. Il direttore della National Intelligence decise (o gli fu ordinato) di “avvicinare” Presidente, presidente eletto e Congresso sulle accuse, chiaramente discutibili. Fu questa la decisione che permise ai documenti di essere finalmente pubblicati. Come il New York Times osservò: “Cosa ha spinto i funzionari dell’intelligence statunitensi a trasmettere una sintesi delle accuse non provate ad Obama, Trump e Congresso? I funzionari hanno detto di aver sentito che il presidente eletto dovesse sapere dei memo, circolati ampiamente a Washington. Ma trasmettendo il riassunto di un rapporto diffuso a più persone nel Congresso e nell’esecutivo, rese molto probabili le fughe.” Solo dopo che Clapper o altri passarono alla CNN i rapporti per Obama, Trump e Congresso, la CNN pubblicò le 35 pagine: “I documenti classificati presentati la scorsa settimana al presidente Obama e al presidente eletto Trump includono accuse su agenti russi che sostengono di avere compromettenti informazioni personali e finanziarie su Trump, dicono alla CNN altri funzionari degli Stati Uniti a conoscenza diretta dei rapporti… I rapporti classificati la scorsa settimana sono stati presentati dai quattro capi dell’intelligence degli Stati Uniti, il direttore della National Intelligence James Clapper, il direttore dell’FBI James Comey, il direttore della CIA John Brennan e il direttore della NSA ammiraglio Mike Rogers… la CNN ha esaminato le 35 pagine dei memo, da cui sono state tratte due pagine di sinossi. I promemoria da allora sono stati pubblicati da Buzzfeed. I memo sono nati dalla ricerca dell’opposizione, per prima commissionata dai repubblicani anti-Trump, e in seguito dai democratici. A questo punto, la CNN non inviò rapporti sui dettagli delle note, in quanto non poté confermare in modo indipendente le accuse specifiche”. L’ultima parte della frase fa parte della campagna di diffamazione. Quando il DNI Clapper cercò di discolparsi dalla tempesta di merda che aveva creato, si eclissò allo stesso modo: “L’IC non crede che le informazioni contenute in questo documento siano affidabili…” Come dire: “L’IC non crede che l’informazione sulla cittadinanza keniana di Barack Obama sia affidabile…”
Qualsiasi media o agenzia di intelligence che afferma di poter o meno giudicare il contenuto di 35 pagine evita di dargli altro peso. Il contenuto è facilmente verificabile ed è così evidentemente falso che le poche affermazioni non immediatamente verificabili non possono essere prese sul serio. I media e Clapper lo sanno e, se fossero sinceri, lo direbbero. L’attacco a Trump (e alla Russia) è fallito. Trump l’ha liquidato con un paio di tweet e frasi alla conferenza stampa. L’attacco non ha fermato le procedure del Congresso o altrove, necessarie ad installare la nuova amministrazione. Non ha cambiato la politica. Il governo e l’MI6 inglesi ne escono squalificati. I capi di DNI e CIA pure. L’attacco è stato un tentativo dello Stato profondo d’inscenare un colpo di Stato contro Trump: “Trump ha deliberatamente scosso lo Stato profondo con le critiche feroci sui risultati dell’intelligence degli Stati Uniti sull’hackeraggio russo. Il governo invisibile non sta a guardare, come David Runciman ha scritto recentemente sulla London Review of Books, ma si lascia stracciare dai nuovi arrivati. Il presidente eletto ha nemici interni a profusione che praticano l’arte della fuga di notizie. Possono non aver avuto qualche ruolo ufficiale nel tentativo di organizzare il colpo di Stato contro Trump prima della nomina, ma devono aver salutato la volgarità di BuzzFeed mentre affilano i coltelli per la sua amministrazione”. Questo blog ha segnalato e avvertito un mese fa di tali tentativi di golpe “elitari”. La lotta è sempre più aspra. Ma quest’attacco è fallito. Trump resiste alle “notizie false” create dalle 35 pagine. Il tentativo di denigrazione era troppo evidente. Ci si chiede il motivo per cui è stato tentato. Chi s’è spaventato? Il presidente Obama, i principali capi dell’ntelligence degli Stati Uniti, i neoconservatori, il governo inglese, i circoli ucraini “nazionalisti (fascisti) e la campagna di Clinton cospirano contro Trump e cercano di sabotarne i cambiamenti politici annunciati. Trump ha sostenuto di voler migliorare le relazioni con la Russia e di concentrarsi a combattere in Siria e in Iraq lo ISIS e altri taqfiriti ed islamisti. Questo mette in pericolo l’eredità di Obama, la nuova guerra fredda con la Russia e le coccole ad al-Qaida e SIIL per rovesciare il governo siriano.
Vi sono due lotte nel governo degli Stati Uniti che si combattono in un contesto più ampio. Una è la lotta tra CIA ed esercito sulle competenze su spionaggio ed operazioni letali. Il direttore della CIA Brennan, consigliere di Obama e agente saudita, ha intrapreso campagne militari in Afghanistan, Yemen, Iraq, Siria e molti altri Paesi. Gli assassini della CIA con i droni sono un problema operativo, che i militari credono debbano controllare in modo esclusivo. Dall’altra parte i militari delle forze speciali hanno ostacolato l’intelligence della CIA. Il supporto della CIA all’addestramento dei terroristi taqfiriti in Siria, Iraq e Libia è contro l’interesse dei soldati, che alla fine dovranno combattere questi gruppi. Il prossimo consigliere della Sicurezza Nazionale Flynn mise in guardia dalla politica della CIA, nel 2012, quando guidava la Defense Intelligence Agency. Le forze speciali degli Stati Uniti hanno poi sabotato le operazioni della CIA in Siria. Con Flynn prossimo consigliere della Sicurezza Nazionale, la CIA rischia di perdere in questa lotta. Flynn sosterrà che la CIA debba solo raccogliere ed analizzare e probabilmente cercherà di assegnare tutte le operazioni ai militari del Joint Operational Special Command. Oggi la CIA ha utilizzato (di nuovo) il suo portavoce non ufficiale, per avvertire Flynn. Scrivendo sul blog di Jeff Bezos, David Ignatius ha stenografato la minaccia: “Secondo un alto funzionario del governo degli Stati Uniti, Flynn ha telefonato all’ambasciatore russo Sergej Kisljak più volte il 29 dicembre, il giorno in cui l’amministrazione Obama annunciò l’espulsione di 35 funzionari russi, così come altre misure in rappresaglia per l’hackeraggio. Cosa ha detto Flynn, e se ha minimizzato le sanzioni degli Stati Uniti? La legge Logan (anche se mai applicata) impedisce ai cittadini degli Stati Uniti dal corrispondere con l’intenzione di influenzare un governo straniero su “controversie” con gli Stati Uniti. È stato violato il suo spirito?” (Se le telefonate di Flynn sono sorvegliate dalla FISA, non sarebbero classificate? Come qualcun altro potrebbe saperlo? Quante leggi hanno violato per fare queste accuse tramite Ignatius?)
Una seconda area di conflitto interno è sul direttore dell’FBI Comey. E’ stato o meno sufficientemente deferente verso la cabala di Obama e la campagna di Clinton. Ha lanciato e pubblicamente annunciato un’indagine sui chiari comportamenti illegali di Clinton sul suo server di posta elettronica privata, ma si astenne dall’annunciare ed indagare le accuse evidentemente false contro Trump che gli furono spacciate. Tale slealtà richiede una punizione: “L’ispettore generale del dipartimento di Giustizia ha detto che avrebbe aperto una vasta indagine su come il direttore dell’FBI, James B. Comey, ha gestito il caso sulle email di Hillary Clinton… L’ufficio dell’ispettore generale ha detto che è stata avviata l’inchiesta in risposta ai reclami dai membri del Congresso e dell’opinione pubblica per le azioni di FBI e dipartimento di Giustizia durante la campagna, che potrebbero essere viste come politicamente motivate“. L’ispettore generale fa un piacere al presidente. Sarà licenziato non appena Trump andrà in carica. E a meno che non si unisca alla cabala contro Trump, Comey non ha nulla da temere. Ma la guerra contro Trump non è finita. Trump dovrebbe e deve essere combattuto, ma la lotta dovrebbe riguardare le importanti questioni economiche e sociali a cui la gente bada e sente molto. Trump ha la sua cricca, miliardari libertari come i fratelli Koch, alcuni generali nel suo gabinetto e arcisionisti come Adelson Ma gli scagnozzi di questa cabala non sono ancora al governo. È importante ostacolare tale infestazione.
La lotta per come è condotta oggi è un tentativo di riorientare la politica estera di Trump e generalmente impartire la lezione della potente politica estera. Tale lotta è stata già persa durante la campagna. Ogni tentativo di accusare Trump di questo o quell’oltraggio con la “Russia” non ha nulla a che fare con la vita dell’elettore medio, a cui non interessa semplicemente. Questi pseudo-scandali combattuti dai media delle “élite” lo rendono solo più forte. Ma la cabala non lo capiva durante la campagna e neanche ora lo capisce. Continuerà i suoi tentativi e diminuirà il proprio potere attraverso i suoi fallimenti. Gli sforzi dei lealisti di Obama contro Trump iniziarono subito dopo il giorno delle elezioni: “Negli ultimi 10 anni, gli ex-seguaci di Obama hanno occupato il governo, il mondo della difesa e le parti influenti del settore privato, anche Google e Facebook. Ciò significa che ci sono molte risorse da sfruttare”. Ulteriori attacchi a Trump arriveranno anche quando Trump sarà la potere e comincerà a far pulizie. Ma coloro che lavorano apertamente contro di lui saranno in pericolo. Gli attacchi continui e aperti mettono a nudo i diversi attori dietro di loro. Saranno tutti schivati ed ogni nuovo attacco aperto contro Trump eliminerà un centro di potere installato dall’amministrazione Obama. Se tali attacchi disperati continueranno pochi ne rimarranno per intraprendere in silenzio la resistenza paziente contro l’amministrazione Trump, necessaria a ridurre i danni che creerà. Per ora attaccare Trump, Flynn, Comey o anche Putin è fatuo e vacuo. Impedisce solo di raggiungere i loro obiettivi a lungo termine. Ci si chiede quindi perché continui tale panico della cabala dello Stato profondo. Quali sporcizie che ha nascosto teme emergano?

Aggiornamento: il direttore dell’FBI Comey ha sbroccato con i democratici alla fine di un’udienza classificata al Congresso, oggi. Questo il giorno dopo che il dipartimento di Giustizia di Obama ha aperto un caso contro di lui (vedi sopra). Si potrebbe immaginare che Comey ne abbia abbastanza o sia ormai certo del sostegno di Trump. The Hill riporta: “Un certo numero di deputati democratici ha lasciato la conferenza riservata sulla pirateria russa, irritati dalle azioni del direttore dell’FBI James Comey e convinti che sia inadatto a guidare l’agenzia. “Non avevo opinione fino agli ultimi 15 minuti. Non vi ripongo più fiducia”, ha detto il Rep. Tim Walz (D-Minn) del Comitato affari dei veterani, mentre lasciava la riunione in Campidoglio. “Alcune delle cose che sono state rivelate in questo briefing classificato, hanno scosso la mia fiducia”…15937065Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Stato profondo contro Donald Trump, la traccia ucraina

 Moon of Alabama – 11 gennaio 2017 15578774Come osservato il 6 gennaio: Quando Hillary Clinton fu sconfitta nelle elezioni presidenziali degli Stati Uniti i relativi poteri lanciarono la campagna per delegittimare il Presidente eletto Donald Trump. L’obiettivo finale della cabala è scacciarlo dalla carica e assegnarla a un sostituto affidabile, come il vicepresidente eletto Pence. Se non fosse possibile, si sperava che la delegittimazione rendesse impossibile a Trump cambiare i principali indirizzi politici, soprattutto in politica estera. Un grosso problema è il nuovo orientamento del complesso militare degli Stati Uniti e dei suoi agenti della NATO dalla guerra al terrore al confronto diretto con le grandi potenzi, come Russia e Cina. La campagna dello Stato profondo contro Trump ha aperto nuovi fronti oggi, con la pubblicazione di affermazioni anonime completamente false e quindi non verificabili, come la faccenda di Trump che faceva baldoria in un albergo di Mosca, che i servizi segreti russi usano per manipolarlo. Come molte storie contro Trump diffuse dagli agenti della campagna presidenziale di Clinton, queste ultime sembrano originare da fonti correlate ai putschisti “nazionalisti” ucraini (fascisti). Le nuove affermazioni su Trump sono disponibili in 35 pagine di “relazioni” di un anonimo ex-agente dei servizi segreti inglesi che lavorava per una società privata statunitense dal 20 giugno al 13 dicembre 2016, affermando che la Russia ha alcuni video di Trump che guardava giochi sessuali nel 2013, sostenendo che funzionari della campagna di Trump coordinarono le fughe su Clinton con la Russia e che il Presidente Putin era coinvolto in tutto questo. Ecco come il presunto ex-agente dell’intelligence descrive le sue fonti in questi “rapporti”: “Parlando ad un connazionale fidato nel giugno 2016, secondo le fonti A e B, un ex-funzionario del Ministero degli Esteri russo ed un ex-ufficiale dei servizi segreti russi ancora attivo al Cremlino, le autorità russe coltivavano e sostenevano il candidato repubblicano alla presidenza Donald Trump da almeno cinque anni. La fonte B affermava che l’operazione su Trump era sostenuta e diretta dal Presidente Vladimir Putin”. L’ex-agente inglese sentì da un anonimo presunto compatriota che due fonti anonime affermarono di avere accesso ai circoli russi affermando di aver sentito da qualche parte che era successo qualcosa al Cremlino. Affermavano che Trump era sostenuto e diretto da Putin da cinque anni, mentre un anno prima nessuno avrebbe scommesso un centesimo su Trump che otteneva una qualche posizione di rilievo politico e addirittura la presidenza. C’è molta più insulsaggine in questi nuovi diari di Hitler, fasulli dalla A alla Z.
Il senatore neocon John McCain, amico dei fascisti ucraini e nemico di Trump, passò il “rapporto” all’FBI e, quindi, divenne un documento ufficiale. Anche se sono evidenti falsi, l’FBI cercò di utilizzare tali “rapporti” per avere il mandato dal Foreign Intelligence Surveillance Court (FISA) per spiare i funzionari della campagna di Trump. La corte lo negò, per fortuna o per lo meno respinse la richiesta. I primi “rapporti” furono creati nell’ambito della ricerca dell’opposizione pagata da un candidato repubblicano alle primarie contro Trump. In seguito furono prodotti e pagati dalla campagna democratica. Vennero comprati a Washington per diversi mesi. NYT, WSJ, CNN e FBI ne studiarono le affermazioni. Nonostante le loro notevoli risorse non ne verificarono neanche una. Tutti si astennero dal pubblicarli durante la campagna, perché non vi era alcuna prova a sostegno. Buzzfeed ora l’avanza nonostante dica che non vi abbia trovato nulla di verificabile. Ancora peggio il direttore della National Intelligence Clapper (che un tempo sostenne che le inesistenti armi di distruzione di massa di Saddam furono spedite in Siria), li presentò al Congresso e al presidente eletto Trump come “allegato” al rapporto infondato dell’intelligence degli USA sulla “pirateria russa”. Un’anteprima torbida delle affermazioni fu data da David Corn su Mother Jones, ad ottobre. Parlò con il cosiddetto autore dei “rapporti”: “Iniziò come richiesta abbastanza generale”, dice l’ex-spia che chiese di non essere identificato. Ma quando cercò su Trump, osservò, trovò informazioni preoccupanti che indicavano connessioni tra Trump e il governo russo. Secondo le sue fonti, “ci fu uno scambio di informazioni tra la campagna di Trump e il Cremlino, con reciproco vantaggio“.
a9e2df30-9950-11e6-9184-5331be1440bf_ximage1 La pubblicazione di tal cumulo di stronzate si ha il giorno dopo che i membri del gabinetto Trump furono confermati dal Congresso ed ore prima della prevista conferenza stampa. Era quindi destinata a far passare in secondo piano il buon inizio della presidenza Trump. Vi sono segnali che i “rapporti” furono scritti da qualche nazionalista ucraino antisemita. Basta considerare questo passaggio del “rapporto” del 26 luglio: “Nell’assunzione dell’FSB di operatori informatici capaci, idealmente, di svolgere in segreto operazioni cibernetiche offensive, uno specialista russo con diretta conoscenza riportò, nel giugno 2016, che ciò fu fatto spesso usando coercizione e ricatto. Per gli agenti stranieri, l’FSB avvicinava cittadini statunitensi di origine russa (ebraica) in viaggio d’affari in Russia”. Tali tropi sono tipici della narrazione antisemita “nazionalista” (nazista) ucraina. (“Tutti gli ideologi comunisti/funzionari sovietici sono ebrei“). I servizi russi, a differenza del Mossad, non recluterebbero hacker secondo relazioni etniche o credenze “ebraiche”. Assumerebbero qualcuno competente di cui pensano di potersi fidare. Abbiamo visto vari “nazionalisti” ucraini coinvolti nelle affermazioni propagandistiche sugli “hacker russi”. Nel luglio 2016 Michael Isikoff scrisse per Yahoo (megafono della campagna di Clinton): “Poche settimane dopo aver iniziato la preparazione dei dossier di ricerca dell’opposizione sul presidente della campagna presidenziale di Donald Trump, Paul Manafort, la scorsa primavera, la consulente Alexandra Chalupa del Democratic National Committee ricevette un’allerta quando entrò sul suo account di posta elettronica personale su Yahoo. …Chalupa, redasse appunti e scrisse e-mail sul collegamento di Manafort coi leader politici filo-russi in Ucraina, allertò rapidamente gli alti funzionari della DNC… “Ero fuori di me”, Chalupa, direttrice dell'”impegno etnico” della DNC, dice a Yahoo News in un’intervista, notando che era in stretto contatto con le fonti a Kiev, in Ucraina, tra cui numerosi giornalisti investigativi, che l’informavano sui rapporti politici e affaristici di Manafort in quel Paese e in Russia”. Chalupa è anche presente nella lista ProPornOT promossa dal Washington Post, dei presunti siti di propaganda filo-russi. Questo sito, MoonofAlabama, è presente su tale lista 🙂. (Purtroppo però non ho mai ricevuto un centesimo, o qualsiasi altra cosa, da fonti russe, critico le politiche economiche neoliberiste di Putin e fui plagiato da Russia Today finanziato dal governo russo, senza alcun compenso.) L’account Twitter di ProPornOT dice che è “ucraino-statunitense” e fa il saluto fascista ucraino delle bande assassine dell’OUN-Bandera, “Slava Heroiam!” quando gli hacker ucraini attaccano la Russia. L’elenco ProPornOT si basa sul modello ucraino usato per aggredire media e giornalisti ucraini antifascisti. Chalupa è una grossa promotrice dell’accusa “la Russia ha hackerato i democratici” senza alcuna prova. Fu definita dallo stesso Isikoff di Yahoo una delle 16 persone che modellarono le elezioni del 2016. Chalupa è anche: “fondatrice e presidente del gruppo lobbistico ucraino “coalizione USA con l’Ucraina”, che fece pressioni dure per far passare un disegno di legge nel 2014 per aumentare prestiti e aiuti militari all’Ucraina, imporre sanzioni alla Russia e allineare gli interessi geostrategici di Stati Uniti e Ucraina”. Inoltre Chalupa coordinò la sua campagna anti-Trump/anti-russa con l’ambasciata ucraina a Washington DC: “Funzionari del governo ucraino hanno cercato di aiutare Hillary Clinton e di minare Trump mettendo in discussione pubblicamente la sua idoneità alla carica. Inoltre diffusero documenti che accusavano un aiutante di Trump di corruzione, suggerendo che stavano indagando, solo per far marcia indietro dopo le elezioni. Aiutarono gli alleati di Clinton nel cercare informazioni dannose su Trump e i suoi consiglieri, un’indagine che Politico scovò. Un’agente ucraino-statunitense (Alexandra Chalupa), consulente del Comitato Nazionale Democratico, incontrò alti funzionari dell’ambasciata ucraina a Washington nel tentativo di svelare i legami tra Trump, il suo assistente Paul Manafort e la Russia, secondo le persone con conoscenza diretta della situazione”. Chalupa va classificata agente ucraina o almeno fantoccio manipolato dal governo ucraino e vederla così di conseguenza. L’influenza straniera sulla corsa presidenziale attraverso la connessione ucraina (fascista) alla campagna di Clinton è quindi molto più ancorata alla realtà dei presunti, ma completamente non provati collegamenti russi alla campagna di Trump. C’è un’operatrice nazionalista ucraino-statunitense della campagna democratica che promuove pretese anti-russe e anti-Trump in collaborazione con il governo ucraino, la lista nera ucraino-statunitense di ProPornOT per infangare i siti accusati “di propaganda russa” e i tropi fascio-ucraini utilizzati nei “rapporti” vacui volti a denigrare Trump come burattino dei russi. Soprattutto c’è la comunità d’intelligence degli Stati Uniti che combatte la presidenza Trump che rischia di tagliarne varie escrescenze ed eccessi.
51oa5iwh02l-_sy344_bo1204203200_ CIA, MI-6 e BND tedesco (controllato dalla CIA) hanno coccolato e promosso gli ancora molto attivi circoli fascisti ucraini anti-russi (almeno) dalla fine degli anni ’40. Un libro dell’US National Archive, Le ombre di Hitler, criminali di guerra nazisti, US Intelligence e guerra fredda (PDF) nota: “Le operazioni inglesi con i banderisti si ampliarono. Ai primi del 1954 la sintesi dell’MI6 osservò che, “l’aspetto operativo di tale collaborazione (inglese coi banderisti) si sviluppa in modo soddisfacente. A poco a poco il controllo completo fu ottenuto sulle operazioni d’infiltrazione e anche se il dividendo dell’intelligence è basso si è ritenuto opportuno procedere…. Nel giugno 1985 il General Accounting Office menzionò Lebed in un rapporto pubblico sui nazisti e collaborazionisti stabilitisi negli Stati Uniti con l’aiuto delle agenzie d’intelligence degli Stati Uniti. L’Ufficio delle indagini speciali (OSI) e il dipartimento della Giustizia iniziarono a studiare Lebed lo stesso anno. La CIA preoccupata che il controllo pubblico su Lebed compromettesse QRPLUMB e che la sua mancata protezione innescasse l’indignazione nella comunità degli immigrati ucraini. Quindi Lebed fu protetto negando qualsiasi collegamento con i nazisti e sostenendo che fosse un combattente per la libertà ucraino. La verità, naturalmente, era più complicata. Ancora nel 1991 la CIA cercò di dissuadere l’OSI dall’avvicinare i governi tedesco, polacco e sovietico per avere i registri di guerra dell’OUN. L’OSI infine abbandonò il caso, non potendo avere documenti definitivi su Lebed. Mykola Lebed, capo dei banderisti in Ucraina durante la guerra, morì nel 1998. È sepolto nel New Jersey, e le sue carte si trovano presso l’Istituto di Ricerca ucraino dell’Harvard University”. C’è ancora un collegamento diretto tra i tre elementi anti-russi/anti-Trump, il movimento ucro-fascista e lo Stato profondo della CIA di John Brennan. Consiste nei toni e nel messaggio comune di certe storie tra il putsch in Ucraina del 2014 e il collegamento con personale ucraino-statunitense della campagna di Clinton. Ma anche questo va oltre le asserzioni infondate della “pirateria russa” nei rapporti d’intelligence del DNI e le ormai note denigrazioni dell’MI-6. Vista da lontano, la “Comunità d’Intelligence” è più compromessa da tali “fughe di notizie” che non il Presidente eletto Trump. Non è prevedibile chi vinca questa battaglia, la cabala dello “Stato profondo”, che vuole mantenere gli Stati Uniti su una rotta anti-russa, o il tendenzialmente isolazionista Trump. La mia scommessa è sull’artista delle stronzate Trump. Nel quadro internazionale c’è la stessa lotta, e per come appare, sembrano che gli Stati Uniti siano destinati a diventare una repubblica delle banane.mccain_tyahnybok_public_app_kiev_ap91999496228Aggiornamenti:
Il reporter della BBC da Washington Paul Wood, su BBC Radio oggi:
– vide il “rapporto” ad ottobre
– gli fu detto ad agosto che servizi segreti di Stati Uniti e capi dell’intelligence dell’Europa dell’Est (!) affermavano che la Russia avesse un kompromat su Trump
– Vi sarebbero audio e video a Mosca e San Pietroburgo che nessuno ha visto.
S’indovini di quale servizio d'”intelligence est-europeo” parlava…
C’è chi sostiene che la storia di sesso su Trump nelle 35 pagine proviene dai circoli 4chan dell’alt-destra. Ma non si adatta alla tempistica. I “rapporti” circolarono da agosto. L’affermazione sul sesso fa parte del rapporto di luglio. La storia di 4chan è apparsa a novembre (per quanto possa dire) e fu avanzata su 4chan da un politico vicino al partito democratico. Ma erano vecchie notizie e ciò di rilevante era già noto. E’ molto probabile che la storia di 4chan sia solo un rimaneggiamento della già nota storia del “rapporto” e non abbia alcuna validità.
Paul Wood della BBC ne ha ancora: Le ‘compromettenti’ affermazioni di Trump: Come e perché siamo arrivati qui?
– Nulla delle pagine 35 s’è dimostrato vero
– Vi sono indicazioni su pagamenti di (una banca) russa a qualcuno (non Trump direttamente, ma probabilmente correlato) negli Stati Uniti
– Le domande di pagamento furono usate per delle domande di mandato dal FISA, respinte per due volte(!), ma ad ottobre furono firmate da un nuovo giudice.
– Le domande di pagamento provengono dal servizio segreto di “uno Stato Baltico”.
Altri media mescolano tali domande di pagamento alle 35 pagine. Ma sono questioni diverse. Ieri sera Clapper del DNI aveva un colloquio con Trump, non è chiaro dalla dichiarazione di Clapper di quali problemi abbiano esattamente parlato. Sembrava alludere alle richieste di pagamento, non alle 35 pagine.

Il direttore della National Intelligence James Clapper

Il direttore della National Intelligence James Clapper

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La creazione di notizie false per delegittimare Trump

Dr. Paul Craig Roberts, Global Research, 7 gennaio 2017the-apple-doesnt-fall-far-from-the-treePer molte settimane abbiamo assistito al straordinario attacco della CIA e dei suoi agenti al Congresso e nei media all’elezione di Donald Trump. Con un’azione senza precedenti per delegittimare l’elezione di Trump quale prodotto dell’interferenza russa nelle elezioni, CIA, media, deputati e senatori hanno costantemente avanzato accuse farneticanti senza alcuna prova. Il messaggio della CIA a Trump è chiaro: segui la nostra agenda o ti ostacoleremo. E’ chiaro che la CIA è in guerra contro Trump, ma i media della CIA hanno capovolto i fatti nella loro testa e incolpano Trump di avere una visione negativa della CIA. Si consideri l’articolo del 4 gennaio del Wall Street Journal di Damian Paletta e Julian E. Barnes, che inizia così: “Il presidente eletto Donald Trump, aspro critico delle agenzie d’intelligence degli Stati Uniti…” I due presstituti infilano la falsa notizia mettendo una scarpa sull’altro piede. È Trump che critica con durezza, piuttosto che essere vittima di aspre accuse della CIA. Messa così, la storia continua: “I funzionari della Casa Bianca sono sempre più frustrati dagli scontri di Trump con i funzionari dell’intelligence. “E’ spaventoso”, ha detto il funzionario. “Nessun presidente ha mai attaccato la CIA uscendone bene”.” Ora che la storia è Trump accusa la CIA e non la CIA che accusa Trump, si monta il caso contro Trump: “Gli analisti abituati a una maggiore coesione con la Casa Bianca, sono “scossi” dallo scetticismo di Trump della valutazione della CIA secondo cui Putin l’ha eletto. Trump dovrebbe rispondere all’accusa dicendo: non sono legittimo. Quindi cedere la presidenza”.
Assange di WikiLeaks ha dichiarato in modo inequivocabile che non vi fu alcun hackeraggio. L’informazione data a Wikileaks è una fuga, suggerendo che provenisse dal Democratic National Committee. Che Trump la veda così significa, secondo un funzionario non identificato, che “E’ abbastanza orribile per me che si schieri con Assange sulle agenzie di intelligence“. Vedete, Trump dovrebbe schierarsi con la CIA che cerca di distruggerlo. La CIA si spara ai piedi? Come può l’agenzia dalla politica del controllo che manipola le informazioni, sostenere il presidente quando non si fida dell’agenzia? Beh, ci sono i media da utilizzare per controllare le spiegazioni e bloccare il presidente. Nel suo libro appena pubblicato, La CIA e la criminalità organizzata, Douglas Valentine riferisce che dai primi anni ’50 il successo dell’Operazione Mockingbird della CIA ha consegnato ai suoi rispettati agenti New York Times, Newsweek, CBS e altri media, contando da quattrocento a seicento agenti nei media. E non finisce qui. La CIA ha istituito una rete d’intelligence strategica con riviste e case editrici, così come organizzazioni studentesche e culturali, usandola come copertura per le operazioni segrete, anche politiche e di guerra psicologica contro i cittadini statunitensi. In altre nazioni, il programma mirava a quello che Cord Meyer chiama “sinistra compatibile”, che negli USA sono liberali e altri pseudo-intellettuali facilmente influenzabili. Tutto questo è in corso, pur essendo stato svelato alla fine degli anni ’60. Vari progressi tecnologici, come Internet, hanno ampliato la rete nel mondo e molti non si rendono nemmeno conto di farne parte, promuovendo la linea della CIA. ‘Assad è un macellaio,’ si dice, o ‘Putin uccide i giornalisti’ o ‘La Cina è repressiva’. Non hanno idea di cosa parlano, ma rimbeccano tutta questa propaganda. E c’è Udo Ulfkotte che, attingendo dalla sua esperienza come redattore della Frankfurter Allgemeine Zeitung, ha scritto un libro in cui riferisce che la CIA ha una mano su ogni giornalista importante in Europa.
Alcuni che difendono la verità sperano che l’influenza declinante dei media controllati dalla CIA comprometterà la capacità dello Stato profondo di controllare la narrazione. Tuttavia, CIA, Dipartimento di Stato e a quanto pare Pentagono, già operano nei social media e usano troll nei commenti per screditare chi cerca la verità. I redattori del New York Times si sono rivelati strumenti della CIA, avallando ogni pretesa assurda sulla pirateria russa nonostante la totale assenza di qualsiasi prova o addirittura di qualsiasi prova di hackeraggio, denunciando Trump per non credere alle accuse infondate delle agenzie d’intelligence degli Stati Uniti. Di fronte agli sforzi di James Clapper e John Brennan per delegittimare la presidenza di Donald Trump, il NYTimes si chiede: “Che ragione plausibile potrebbe avere Donald Trump nel cercare così duramente di screditare le agenzie d’intelligence statunitensi e la loro scoperta che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali?” Tale questione richiede una appropriata domanda: “Che motivo plausibile potrebbe avere il NYTimes per cercare così accanitamente di screditare la presidenza di Donald Trump, sulla base di accuse farneticanti senza prove?
Le notizie false proliferano. Oggi (6 gennaio) Reuters riferiva: “La CIA ha individuato funzionari russi che fornivano materiale del Comitato Nazionale Democratico e dei capi di partito a Wikileaks sotto la supervisione del Presidente russo Vladimir Putin attraverso terzi, secondo un nuovo rapporto dell’intelligence degli Stati Uniti, affermano (anonimi) alti funzionari degli Stati Uniti“. Forse ciò che Reuters intendeva dire è questo: “I funzionari che hanno parlato in condizione di anonimato hanno affermato che la CIA ha individuato i funzionari russi che hanno dato a Wikileaks le e-mail, ma i funzionari non hanno detto chi fossero, né come li avessero identificati“. In altre parole, la storia di Reuters è solo un’altra finzione della CIA diffusa come favore da un suo media. Come Udo Ulfkotte ha detto, funziona così. Successivamente Reuters diceva che la relazione è top secret, che naturalmente significa che non si vedrà mai alcuna prova a sostegno dell’affermazione della CIA. Dovremmo credere che la CIA possieda informazioni che non può svelare. L’articolo di Reuters non ci vede nulla di strano. Un altro favore da un agente. Le notizie tendenziose della Reuters dicono che il materiale inviato a WikiLeaks dal servizio segreto militare della Russia aveva seguito “un percorso tortuoso” in modo che Assange non sapesse dell’origine del materiale e quindi potesse dire di non averlo ricevuto da un’agenzia di Stato. Che succede? Diverse cose vengono in mente. Forse si tenta di costringere Assange a rivelare la sua fonte (che potrebbe essere un membro dello staff del DNC misteriosamente ucciso per strada), e ciò sarebbe un modo sicuro per sbarazzarsi di Wikileaks. Wikileaks non ha mai rivelato le sue fonti. Una volta che lo facesse, non riceverebbe ulteriori fughe. Un’altra possibilità è che persistendo nell’accusare in modo infondato Trump di essere stato eletto da Putin, la CIA chiarisca a Trump che fa sul serio. Trump è un uomo forte, ma non stupitevi se uscirà dal briefing con la CIA accettandone la storia, comprendendo che l’alternativa alla complicità con la CIA possa essere la morte.90c35446ff263f3b36bbdf50672a3e99Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La politica estera degli USA e la campagna per destabilizzare la Presidenza Trump

Prof. Michel Chossudovsky, Global Research, 5 gennaio 2017
Nota: Questo articolo si basa in parte su testi scritti dall’autore prima delle elezioni negli Stati Uniti.protests-nov-13jpg-jpg-size-custom-crop-1086x695Introduzione
Obama ha formalmente accusato Mosca d’interferire nelle elezioni degli Stati Uniti per conto di Donald Trump. Si tratta di gravi accuse. Considerando che le sanzioni sono dirette contro la Russia, l’intento finale è minare la legittimità del presidente eletto Donald Trump e la sua posizione in politica estera su Mosca. Secondo i media statunitensi, le sanzioni contro Mosca avevano lo scopo di “bloccare il presidente eletto Donald J. Trump” perché “ha costantemente messo in dubbio” che Putin fosse coinvolto nel presunto hackeraggio del DNC. In un precedente articolo sull’ingerenza del Cremlino, il New York Times (15 dicembre) definiva Donald Trump “…un utile idiota“… un presidente che non sa di essere stato prodotto da una scaltra potenza straniera. Ma le accuse a Trump sono andate ben oltre la storia del “blocco”. La verità non detta sull’ordine esecutivo di Obama è che punisce Trump piuttosto che Putin. L’obiettivo non è “bloccare” il presidente eletto per la “scarsa familiarità con l’intelligence“. Al contrario: la strategia è delegittimare Donald Trump accusandolo di alto tradimento. In questi ultimi sviluppi, il direttore della National Intelligence James Clapper ha “confermato” che il presunto attacco informatico russo è una “minaccia esistenziale al nostro modo di vita“. “Che si tratti o no di un atto di guerra (della Russia contro gli Stati Uniti) penso che sia un’accusa politica molto grave che non credo la comunità dell’intelligence non dovrebbe fare“, ha detto Clapper. Quell'”atto di guerra”, non della Russia, ma contro la Russia, sembra sia stato approvato dall’amministrazione Obama: diverse migliaia di carri armati e truppe statunitensi sono impiegati alle porte della Russia nell’ambito dell'”Operazione Atlantic Resolve” diretta contro la Federazione Russa. Tali dispiegamenti militari sono parte della “vendetta” di Obama contro la Russia per la presunta pirateria moscovita delle elezioni statunitensi? È una procedura “accelerata” dal presidente, supportato dall’intelligence degli Stati Uniti, destinata a creare caos politico e sociale prima della nascita dell’amministrazione Trump, il 20 gennaio? Secondo DINA News del Donbas: “Un massiccio dispiegamento militare degli Stati Uniti (ai confini della Russia) dovrebbe essere pronto entro il 20 gennaio“. La follia politica prevale, e potrebbe potenzialmente scatenare la terza guerra mondiale. Nel frattempo la “vera storia” dell’hackeraggio non è notizia da prima pagina. I media mainstream l’ignorano.

Destabilizzare la Presidenza Trump
L’intento finale di tale campagna dei neocon e della fazione dei Clinton è destabilizzare la presidenza Trump. Prima delle elezioni dell’8 novembre, l’ex-segretario della Difesa e direttore della Cia Leo Panetta lasciò intendere che Trump fosse una minaccia alla sicurezza nazionale. Secondo The Atlantic, Trump è un “candidato manciuriano moderno” al servizio degli interessi del Cremlino. Dopo il voto dei Grandi Elettori (a favore di Trump) e delle sanzioni di Obama nei confronti di Mosca, le accuse di tradimento contro Donald Trump sono aumentate: “Lo spettro del tradimento aleggia su Donald Trump. Ne ha la responsabilità respingendo l’invito bipartisan su un’indagine dell’hackeraggio della Russia del Comitato Nazionale Democratico come attacco politico “ridicolo” alla legittimità della sua elezione a presidente“. (Boston Globe, 16 dicembre)
I liberali suggeriscono che il Presidente eletto Donald Trump sia colpevole di tradimento dopo che il presidente Obama annunciava nuove sanzioni contro la Russia e Trump elogiava la risposta di Vladimir Putin alle sanzioni“. (Daily Caller, 30 dicembre, 2016)

Gestione coordinata per destabilizzare la Presidenza Trump?
Trump “va a letto con il nemico”? Gravi accuse presumibilmente avviate dai servizi segreti degli Stati Uniti che non possono essere ignorate. Saranno dimenticate una volta che Trump sarà alla Casa Bianca? Improbabile. Fanno parte della propaganda di potenti interessi corporativi. Ciò che è in gioco è un’operazione accuratamente coordinata per destabilizzare la presidenza Trump e caratterizzata da diverse componenti. L’obiettivo centrale di tale piano contro Trump è garantire la continuità della politica estera dei neocon orientata alla guerra mondiale e alla conquista economica del mondo, che ha dominato il panorama politico degli Stati Uniti dal settembre 2001. Vediamo una prima rassegna sulla natura della posizione in politica estera dei neocon.

Base della politica estera dei neocon
Dopo l’11 settembre 2001, due importanti cambiamenti nella politica estera degli Stati Uniti furono concepiti nell’ambito della Strategia per la Sicurezza Nazionale (NSS) del 2001. Il primo fu l’inasprimento della “guerra globale al terrorismo” contro al-Qaida, e il secondo ha introdotto la dottrina della “guerra difensiva preventiva”. L’obiettivo era presentare “l’azione militare preventiva” come guerra di “autodifesa” contro due categorie di nemici, “Stati canaglia” e “terroristi islamici”: “La guerra globale contro i terroristi è un’impresa globale di durata incerta…. gli USA agiranno contro tali minacce emergenti prima che siano completamente formate“. (National Security Strategy, Casa Bianca, 2002)
La dottrina della guerra preventiva include anche l’uso preventivo di armi nucleari come “primo colpo” (quale strumento di “autodifesa”) nei confronti di Stati nucleari e non nucleari. Tale concetto fu saldamente approvato da Hillary Clinton nella sua campagna elettorale. A sua volta, la “guerra globale al terrorismo” (GWOT) lanciata dopo l’11 settembre ebbe un ruolo centrale nel giustificare l’intervento militare USA-NATO in Medio Oriente per “motivi umanitari” (R2P), tra cui l’imposizione delle cosiddette “No Fly Zone”. La GWOT è pietra angolare della propaganda dei media. Le dimensioni militari e d’intelligence del piano dei neocon sono contenute nel Progetto per il Nuovo Secolo Americano formulato prima dell’ascesa di George W. Bush alla Casa Bianca. Il PNAC impone anche la “rivoluzione negli affari militari” che richiede un enorme bilancio assegnato allo sviluppo di sistemi di armi avanzati, tra cui una nuova generazione di armi nucleari. L’iniziativa del PNAC fu lanciata da William Kristol e Robert Kagan, la cui moglie Victoria Nuland ha giocato un ruolo chiave come assistente della segretaria di Stato Clinton nel pianificare il colpo di Stato euro-majdan in Ucraina. Il piano neocon include anche “cambio di regime”, “rivoluzioni colorate”, sanzioni economiche e riforme macroeconomiche dirette contro i Paesi non conformi alle richieste di Washington. A sua volta, la globalizzazione della guerra supporta l’agenda economica globale di Wall Street: I negoziati segreti per i blocchi commerciali in Atlantico e Pacifico (TPP, TTIP, CETA, TISA), accoppiati alla “sorveglianza” di FMI-Banca Mondiale-OMC, sono parte integrante di tale piano egemonico, intimamente legato alle operazioni militari e d’intelligence degli Stati Uniti.ccx1l4muuaaah-i“Lo Stato profondo” e lo scontro di potenti interessi corporativi
Il capitalismo globale non è affatto monolitico. La posta in gioco sono rivalità fondamentali nella dirigenza statunitense segnata dallo scontro tra fazioni aziendali in competizione, ognuna intenta a esercitare il controllo sulla presidenza degli Stati Uniti. A questo proposito, Trump non è del tutto in mano ai gruppi di pressione. Come membro della dirigenza, è proprio sponsor e finanziatore. La sua agenda in politica estera, che dichiara l’impegno a rivedere il rapporto di Washington con Mosca, non è conforme completamente agli interessi dell’industria della difesa che ha sostenuto la candidatura di Clinton. Ci sono potenti interessi corporativi da entrambe le parti, che ora si scontrano. Vi sono anche alleanze sovrapposte e “trasversali” nella dirigenza aziendale. Quello a cui si assiste sono le “rivalità inter-capitaliste” nel campo delle banche, petrolio ed energia, complesso militare industriale, ecc. “Lo Stato profondo” è diviso? Queste rivalità sono caratterizzate anche da divisioni strategiche e scontri nelle diverse agenzie dell’apparato dello Stato USA, come la comunità di intelligence e militare. A tal proposito, la CIA è così profondamente radicata nei media corporativi (CNN, NBC, NYT. WP, ecc), che guida una campagna diffamatoria implacabile contro Trump e i suoi presunti legami con Mosca. Ma c’è anche una campagna contraria nella comunità d’intelligence contro la fazione neocon dominante. A tal proposito, la squadra di Trump contempla la razionalizzazione della CIA (cioè purghe). Secondo un membro della squadra di transizione di Trump (citato dal Wall Street Journal il 4 gennaio 2017), “secondo il team di Trump il mondo dell’intelligence è completamente politicizzato, …va snellito. L’attenzione sarà focalizzata sulla ristrutturazione delle agenzie e su come interagiscono“. Questo piano potrebbe interessare anche agenti della CIA responsabili della propaganda nei media mainstream. Ciò creerebbe inevitabilmente divisioni e conflitti profondi nell’apparato di intelligence degli Stati Uniti, che potrebbe potenzialmente portare un contraccolpo alla presidenza Trump. Ma è improbabile che l’amministrazione Trump possa minare le strutture interne dell’intelligence degli Stati Uniti e la propaganda mediatica sponsorizzata dalla CIA.

Continuità nella politica estera statunitense?
Ideata alla fine degli anni ’40 dal funzionario del dipartimento di Stato degli Stati Uniti ufficiale George F. Kennan, la “Dottrina Truman” pose le basi ideologiche del piano egemonico post-bellico degli USA. Ciò che questi documenti del dipartimento di Stato rivelano è la continuità nella politica estera dal “contenimento” della Guerra Fredda alla dottrina della “guerra preventiva” post-11 settembre. A tal proposito, il piano dei neocon del Progetto per un Nuovo Secolo Americano di conquista globale va visto come culmine del programma post-bellico di egemonia militare e dominio economico globale formulato dal dipartimento di Stato nel 1948, in vista della guerra fredda. Inutile dire che le amministrazioni democratiche e repubblicane, da Harry Truman a George W. Bush e Barack Obama, furono coinvolte nella realizzazione di tale piano egemonico per il dominio globale, che il Pentagono chiama “Lunga Guerra”. A questo proposito, i neocon seguono le orme della “Dottrina Truman”. Alla fine degli anni ’40, George F. Kennan invocò la costruzione di una dominante alleanza anglo-statunitense basata sulle “buone relazioni tra il nostro Paese e l’impero inglese“. Oggi, questa alleanza caratterizza gran parte dell’asse militare tra Washington e Londra, svolgendo un ruolo dominante nella NATO a scapito degli alleati europei (continentali) di Washington, e comprende anche Canada e Australia quali principali partner strategici. Di rilievo, Kennan sottolineò l’importanza d’impedire lo sviluppo delle potenze europee continentali (Germania, Francia, Italia) che potessero competere con l’asse anglo-statunitense. L’obiettivo nella Guerra Fredda e conseguenze fu evitare che l’Europa avesse legami politici e economici con la Russia. A sua volta, la NATO, in gran parte dominata dagli Stati Uniti, impedì a Germania e Francia di svolgere un ruolo strategico negli affari mondiali.

Il riallineamento della politica estera di Trump
E’ altamente improbabile che l’amministrazione Trump si discosti dal pilastro della politica estera degli Stati Uniti. Mentre la squadra di Trump è impegnata in un programma di destra socialmente regressivo e razzista sul fronte interno, alcuni riallineamenti di politica estera sono possibili tra cui l’ammorbidimento delle sanzioni contro la Russia, che potrebbe avere un impatto sui contratti multimiliardari del complesso militar-industriale. Questo di per sé sarebbe un risultato significativo che contribuirebbe a un periodo di distensione nelle relazioni Est-Ovest. Inoltre, mentre Trump ha messo insieme un gabinetto di destra con generali, banchieri e dirigenti petroliferi, che si conforma in gran parte al sostegno del Partito Repubblicano, l'”entente cordiale” bi-partisan tra democratici e repubblicani s’è spezzata. Nel frattempo, vi sono voci potenti nel GOP che sostengono la “fazione anti-Trump”. Le divisioni tra le due fazioni sono comunque significative. Nella politica estera statunitense, in gran parte riguarda le relazioni bilaterali USA-Russia compromesse anche dall’amministrazione Obama, così come sull’agenda militare degli Stati Uniti in Siria e in Iraq. Vi sono anche i rapporti con l’Unione europea colpita della sanzioni economiche di Obama contro la Russia. Le sanzioni hanno portato a un drammatico declino del commercio e degli investimenti dell’UE nella Federazione russa. In conformità con la “Dottrina Truman” qui discussa, la politica estera statunitense dei neocon, soprattutto dopo l’invasione dell’Iraq nel 2003, cercò di smantellare l’alleanza franco-tedesca ed indebolire l’Unione europea. É rilevante, in relazione ai recenti sviluppi in Ucraina e Europa orientale, che George F. Kennan esplicitamente sottolineasse nel suo testo breve del 1948 al dipartimento di Stato, “una politica di contenimento della Germania, in Europa occidentale“, osservazione che suggeriva che gli Stati Uniti dovessero supportare il progetto europeo solo se supportava gli interessi egemonici degli USA. E questo è precisamente ciò che i neocon ottennero con le amministrazioni Bush e Obama: “Oggi Francois Hollande e Angela Merkel prendono ordini direttamente da Washington. L’invasione dell’Iraq del 2003 fu il punto di svolta. L’elezione dei capi politici filo-statunitensi (Sarkozy in Francia e Angela Merkel in Germania) era favorevole all’indebolimento della sovranità nazionale, portando alla scomparsa dell’alleanza franco-tedesca“, (Michel Chossudovsky, Il Piano USA per il dominio globale: Dal ” Contenimento” alla “guerra preventiva”, Global Research, 2014)
La domanda più importante è se questo riallineamento dell’amministrazione Trump frenerà il dispiegamento di truppe e materiale militare della NATO in Europa orientale, alle porte della Russia. Sarà favorevole al disarmo nucleare? Mentre l’agenda in politica estera di Trump è il bersaglio della “politica sporca” dalla fazione Clinton, la nuova amministrazione ha potenti sostenitori aziendali che senza dubbio sfideranno i neocon, anche quelli che operano nella comunità d’intelligence. Va notato che Trump ha anche il sostegno della lobby pro-Israele, così come dell’intelligence israeliana. A dicembre, il capo del Mossad incontrò la squadra di Trump a Washington.anti-trumpIl calendario del piano destabilizzazione
All’inizio, prima delle elezioni dell’8 novembre, il piano per impedire e destabilizzare la presidenza Trump era costituito da diversi processi coordinati e interconnessi, alcuni in corso, mentre altri sono già stati completati (o non sono più rilevanti):
– la campagna mediatica diffamatoria contro Trump, che ha assunto nuovo slancio sulla scia delle elezioni dell’8 novembre (in corso);
– il movimento anti-Trump fabbricato negli Stati Uniti, coordinato con la copertura dei media delle petizioni volte a impedirlo (in corso);
– il riconteggio dei voti in tre Stati in bilico (non più rilevante);
– il passaggio dell’HR 6393: l’Intelligence Authorization Act per l’anno fiscale 2017, che comprende una sezione diretta contro i cosiddetti “media indipendenti pro-Mosca”, in risposta alla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni degli Stati Uniti a sostegno di Donald Trump;
– il voto del Collegio Elettorale del 19 dicembre (non più rilevante);
– la petizione lanciata dalla senatrice della California Barbara Boxer su Change.org sul voto del collegio elettorale (non più rilevante);
– la campagna “Disrupt” per impedire il 20 gennaio 2017 la cerimonia della nomina presidenziale;
– la possibilità di una procedura d’impeachment è già contemplata nel primo anno del mandato;

La slogan è “sradica”. L’obiettivo è “sradicare”
A sua volta, il sito web Disruptj20.org chiede d’impedire la nomina di Donald Trump il 20 gennaio 2017: “# DisruptJ20 è supportato dal lavoro del comitato di accoglienza DC, un collettivo di attivisti locali ed esperti sul campo che agiscono con il sostegno nazionale. Stiamo costruendo il quadro necessario per le proteste di massa per impedire la nomina di Donald Trump e pianificare azioni dirette per realizzare questo obiettivo. Forniamo anche servizi come alloggio, cibo e anche assistenza legale a chiunque voglia unirsi a noi“.

Quali saranno i possibili risultati?
La campagna di propaganda, insieme ad altre componenti dell’operazione (movimento di protesta, petizioni anti-Trump, ecc) viene utilizzata come mezzo per screditare il presidente eletto. Questa campagna di propaganda dei media verso il neo-presidente non ha precedenti nella storia degli Stati Uniti. Mentre il MSM critica regolarmente politici come il presidente degli Stati Uniti, la narrazione dei media in questo caso è fondamentalmente diversa. Il presidente entrante è il bersaglio di una campagna diffamatoria organizzata dai media che non cesserà all’ascensione di Trump alla Casa Bianca. Allo stesso tempo, un movimento di protesta progettato e coordinato contro Trump è in corso dall’8 novembre. In realtà iniziò la sera dell’8 novembre prima dell’annuncio dei risultati elettorali. Le proteste hanno tutte le apparenze di una “rivoluzione colorata”. I media favoriscono il movimento di protesta fabbricato. Organizzatori e reclutatori sono al servizio degli interessi dei potenti gruppi di pressione aziendali, tra cui le industrie della difesa. Non sono al servizio degli interessi del popolo. E’ improbabile che le diverse iniziative, tra cui la campagna Disrupt, avranno un impatto significativo sulla nomina di Trump. La nostra valutazione suggerisce, tuttavia, che il presidente entrerà alla Casa Bianca tra un alone di polemiche.

L’impeachment è il “Punto di discussione”
La campagna di propaganda continuerà dopo la nomina di Trump, avanzando accuse di tradimento. L’impeachment di Donald Trump fu già contemplato prima della sua ascesa alla presidenza. Secondo l’Huffington Post del 1° gennaio 2017: “C’è solo un modo costituzionale per rimuovere un presidente, via impeachment. Ciò che serve è la richiesta d’impeachment dei cittadini, da iniziare il primo giorno della carica di Trump. L’indagine dovrebbe tenere un dossier e aggiornarlo almeno settimanalmente presso la Commissione Giustizia della Camera. Non mancheranno le prove”. Change.org, che organizza il movimento di protesta fabbricato, ha lanciato una petizione per mettere sotto accusa Trump.

Il popolo statunitense vittima ignorata: necessità di un movimento di massa reale
Il popolo statunitense è la vittima ignorata di questo scontro tra fazioni capitaliste, al servizio degli interessi delle élite a scapito degli elettori degli Stati Uniti. A sua volta, una significativa vera opposizione alla politica sociale razzista di Trump fu “sequestrata” dal movimento di protesta fabbricato, finanziato e controllato da potenti interessi economici. Gli organizzatori di tale movimento agiscono per conto di potenti interessi delle élite. Le persone sono ingannate. Ciò che è necessario nei prossimi mesi è sviluppare movimenti sociali “reali” contro la nuova amministrazione Trump sui grandi temi sociali ed economici, i diritti civili, l’assistenza sanitaria, la creazione di posti di lavoro, le questioni ambientali, la politica estera degli Stati Uniti che ha portato a guerre, spese per la difesa, immigrazione, ecc. I movimenti di base indipendenti devono quindi separarsi dalle proteste fabbricate e finanziate (direttamente o indirettamente) da interessi corporativi. Non è un compito facile. Il finanziamento e la “fabbricazione del dissenso”, la manipolazione dei movimenti sociali, ecc., sono saldamente radicati. Ironia della sorte, il neoliberismo finanzia l’attivismo diretto contro il neoliberismo. “Fabbricare il dissenso” è caratterizzato da ambiente manipolativo, scontro e sottile cooptazione degli individui nelle organizzazioni progressiste, coalizioni contro la guerra, ambientalisti e movimento antiglobalizzazione. “La cooptazione non si limita a comprare i favori dei politici. Le élite economiche, che controllano le principali fondazioni, supervisionano numerose ONG e organizzazioni della società civile storicamente interessate dal movimento di protesta contro l’ordine economico e sociale vigente“. (Michel Chossudovsky, Global Research, 20 settembre 2010)

Gli USA si preparano a una profonda crisi costituzionale
In questa fase è difficile prevedere cosa accadrà con l’amministrazione Trump. Ciò che sembra evidente, tuttavia, è che gli USA vadano verso una crisi politica profonda, con importanti implicazioni sociali, economiche e geopolitiche. È la tendenza (futura) all’adozione della legge marziale e alla sospensione del governo costituzionale?davidson-trump-clintons-marriage-1200Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sei licenziato! Donald Trump dimette i diplomatici di Obama

Adam Garrie, The Duran 7/1/2017trumpDonald Trump licenzia unilateralmente tutti gli ambasciatori di Obama. Questo gli permetterà di creare un nuovo gruppo di diplomatici nominato per il loro talento e per quanto hanno donato ai democratici.
L”operazione di sabotaggio’ di Obama è appena fallita. I rapporti provenienti da Washington dicono che Donald Trump ha detto unilateralmente a tutti gli ambasciatori di Obama ‘sei licenziato’. Ciò avviene dopo l’espulsione di Obama dei diplomatici russi con le famiglie appena prima di Natale. Il New York Times aveva riferito di un cablo del dipartimento di Stato inviato a tutti gli ambasciatori del 23 dicembre, per informarli di lasciare i loro incarichi entro il 20 gennaio “senza eccezioni”. Trump usò twitter per esprimere costernazione sulla campagna d’odio di Obama contro la Russia nelle sue ultime settimane al potere. Licenziando i diplomatici nominati da Obama, Trump simbolicamente e materialmente prende il sopravvento sulla politica estera dei democratici. La mossa ha però implicazioni che vanno oltre la guerra psicologica tra l’anatra zoppa Obama e il neopresidente. Trump aveva a lungo deriso Obama per aver premiato con importanti posizioni diplomatiche chi aveva dato contributi finanziari considerevoli alla sua campagna elettorale. Notoriamente, Trump derise Obama per aver nominato Caroline Kennedy ambasciatrice degli Stati Uniti in Giappone, perché ‘si annoiava’. Mentre i media mainstream criticano Donald Trump per essere un padre affettuoso, la realtà è che Obama faceva clientelismo politico, molto più di quanto abbia mai fatto Trump negli affari. L’idea di potersi comprare la carica di ambasciatore nell’epoca di terrorismo, relazioni tese tra superpotenze e incertezza economica, è peggio di un errore, è un crimine.
Sono ottimista sul fatto che, come nella nomina dell’ambasciatore in Cina, Trump continuerà a nominare ambasciatori secondo il talento piuttosto che la noia.05-trump-press-conference-w710-h473-2xIl Presidente Donald Trump cerca un rapporto positivo con la Federazione russa
Chika Mori e Lee Jay Walker, MTT, 7 gennaio 2017

Il neo-presidente degli Stati Uniti Donald Trump ancora una volta ha ribadito la necessità di avere un rapporto positivo con la Federazione russa. Naturalmente, alcuni elementi destabilizzanti sia nel Partito Democratico che Repubblicano cercheranno di ostacolarlo. Tuttavia, si spera che Trump favorisca un rapporto cordiale con il Presidente Vladimir Putin della Federazione Russa. Infatti, se USA e Federazione Russa si riprenderanno dagli scontri geopolitici, allora sicuramente il resto del mondo ne trarrà vantaggio. Dopo tutto, la recente politica destabilizzante di USA e certi alleati in Europa e Golfo ha creato innumerevoli vuoti, vuoti che si ampliano con la morte di Stati-nazione a sua volta permettendo agli islamisti e altre forze negative, come migrazione di massa e sfruttamento delle risorse naturali, di diffondere miseria, povertà, terrorismo, tirannia e altre distruzioni. Trump ha detto, “Avere un buon rapporto con la Russia è un bene, non una cosa negativa. Solo gli “stupidi” e gli sciocchi potrebbero pensare che sia un male!” Inoltre dichiarava che “abbiamo abbastanza problemi nel mondo, senza aggiungerne altri“. Trump continuava, “Entrambi i Paesi dovranno, forse, collaborare per risolvere alcuni dei tanti problemi e problematiche gravi e pressanti del mondo“.
Si spera che USA e Federazione Russa possono concentrarsi sulle numerose preoccupazioni geopolitiche che affrontano. Allo stesso modo, i rispettivi punti di forza possono aumentare le relazioni tra le altre nazioni in cui vi siano tensioni. In altre parole, dimensioni singole, realtà sovrapposte e approcci multi-laterali possono evolvere verso una maggiore stabilità internazionale. In un articolo di Modern Tokyo Times, abbiamo detto: “Speriamo che Trump ripristini le relazioni positive con la Federazione russa, perché è nell’interesse internazionale di entrambe queste nazioni ricostruire un rapporto positivo. In altre parole, che le sinistre osservazioni politiche del presidente Obama, la retorica infinita della NATO sulla Federazione Russa e la paura di ciò che Hillary Clinton avrebbe fatto, si spera, siano cancellate dal disgelo. Se sarà così, le divisioni su Ucraina e Siria e altre aree saranno discusse con una visione più ampia basata sul dialogo autentico“.15875421Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora