Zimbabwe rivoluzionario assediato

Henderson’s Left Hook, 15/11/2017

I media aziendali hanno riferito dell’imminente colpo di Stato militare contro il 93enne presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe. L’ambasciata USA ad Harare chiudeva. Sembrava che i banchieri della City di Londra avessero finalmente ottenuto ciò che desiderano. Ma alle 1:26 ora locale, il Maggior-Generale delle Forze di Difesa dello Zimbabwe, S. B. Moyo, rilasciava la seguente dichiarazione: “In primo luogo, desideriamo assicurare alla nazione che Sua Eccellenza, il Presidente della Repubblica dello Zimbabwe, Capo di Stato e del Governo e Comandante in Capo delle Forze di Difesa dello Zimbabwe, Compagno R. G. Mugabe e famiglia sono sani e salvi e la loro sicurezza è garantita. Stiamo solo ricercando i criminali vicini a lui che commettono crimini che causano sofferenze sociali ed economiche nel Paese per processarli“. La dichiarazione continuava: “Come sapete, c’è un piano di costoro per influenzare l’attuale purga nel servizio civile del ZANU-PF. Siamo contrari a tale ingiustizia e intendiamo proteggervi da essa“. L’esercito insiste sul fatto che questo NON è un colpo di Stato contro la nemesi dei banchieri Robert Mugabe. Si dice che la moglie sia fuggita in Namibia, mentre Mugabe rimane a casa. Ad agosto fu accusata di aver aggredita una donna nella sua nativa Sudafrica. La 52enne sposò il marito nel 1996. Il mese scorso aveva spinto il marito a licenziare il Vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Grace Mugabe rappresenta la fazione giovanile G-40 del ZANU-PF, mentre Mnangagwa rappresenta la fazione Lacoste, della vecchia guardia. Mnangagwa, come Robert Mugabe, è un veterano della lotta di liberazione durante cui l’Unione nazionale africana dello Zimbabwe (ZANU) e l’Unione popolare Africana dello Zimbabwe (ZAPU) combatterono per scacciare il governo d’apartheid della minoranza bianca della Rhodesia e del primo ministro Ian Smith, nel 1979, creando la nazione dello Zimbabwe l’anno successivo. Nel 1988 ZANU e ZAPU si fusero nel Fronte patriottico (PF) formando il ZANU-PF, partito autoproclamatosi “socialista conservatore” con enfasi su panafricanismo e antimperialismo. La riforma agraria fu una priorità. La violenza dei coltivatori bianchi la cui terra fu ridistribuita ai neri poveri durante questo processo era diffusa, nonostante l’equo compenso offerto. I media aziendali hanno sempre accusato delle violenze Mugabe. Una crisi valutaria seguì come ultimo atto di propaganda, creata come sempre dai banchieri internazionali. Ciò privò il Paese della possibilità d’importare cibo nei primi anni 2000, quando gli scaffali dei negozi rimasero vuoti per alcuni anni. Quando visitai la nazione nel 2009, le cose iniziavano a normalizzarsi.
Dopo il congedo di Mnangagwa, il capo dell’Esercito dello Zimbabwe Constantino Chiwenga avvertì: “L’attuale epurazione volta chiaramente contro gli aderenti del partito dal passato nella liberazione deve cessare immediatamente“. È chiaro che molti militari dello Zimbabwe ritengono che lo ZANU-PF sia infiltrato da agenti stranieri che sostengono un’agenda controrivoluzionaria con tali epurazioni. Non sarebbe la prima volta che i banchieri della City di Londra attaccano Mugabe e la sua rivoluzionaria nazione del ZANU-PF che osò scacciare la progenie di Cecil Rhodes e dei suoi sponsor Rothschild dalla loro bellissima e generosa terra.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Guerra sul Libano o sul prezzo del petrolio?

Tom Luongo, 13 novembre 2017Sembra che ogni giorno ci avvicini alla guerra mondiale. Le turbolenze dell’Arabia Saudita ora diventano aggressione a Libano e Iran. La Lega araba si riunisce per discutere dell’Iran. I sauditi attivano la loro forza aerea. La guerra di propaganda è a pieno ritmo e Israele aumenta la bellicosità contro Siria e Libano. Se avete seguito il mio lavoro precedente (qui e qui) saprete che non credo a una parola che ciò porti alla guerra. Sauditi e l’alleato ora conclamato Israele fanno rumore e, in alcuni casi, continuano ad agire aggressivamente. Ma non possono fare nulla di più sostanziale senza una parola da Stati Uniti e/o dalla Russia. Infatti, più agitano le sciabole, più è probabile che saranno messi al loro posto. Nel fine settimana i presidenti Trump e Putin s’incontravano in Vietnam, per quanto brevemente, pubblicando dichiarazioni che chiarivano che, nonostante l’opposizione dello Stato profondo, sono in sintonia su una nuova guerra. Non la vogliono. Israele cerca di spacciare l’accordo di Amman firmato da Putin e Trump come creazione di una “zona senza l’Iran” nei pressi delle alture del Golan, ne è la prova. Israele, in ogni caso, non è altro che un istigatore in quella parte della Siria, cogliendo ogni occasione per attaccare impunemente il vicino sovrano ogni settimana. E il tentativo di spacciarlo alla propria gente come prova dell’influenza sui colloqui chiarisce la debolezza della posizione del governo israeliano. Mentre si avvicina il vertice di Sochi, dove avrà inizio il processo politico per la Siria del dopoguerra, sarà più evidente che Israele sarà solo se continua ad essere aggressivo. L’accordo di Amman è un passo lontano da ulteriori guerre. Quindi, se non è per la guerra, allora per cos’è tutto questo? Semplice. I soldi. I sauditi hanno bisogno di barili a 65-70 dollari da quest’anno in poi. Il rumor di sciabole e persino attaccare Hezbollah creando un possibile disagio nei rifornimenti darà ai manipolatori del petrolio il coraggio di alzare il prezzo.

Purga o Putsch?
Ci sono due scuole di pensiero su Muhamad bin Salman, e come Alexander Mercouris, credo all’unione del peggio di entrambi. “Le idee su Muhamad bin Salman variano tra chi lo vede autentico riformatore che sa che l’Arabia Saudita ha urgente bisogno di cambiare per evitare il collasso e chi lo vede come azzardato dittatore che intende concentrare in sé il potere saudita. Queste due teorie non si escludono. È possibile che Muhamad bin Salman sia entrambe le cose: intende diventare il dittatore per attuare le riforme che crede l’Arabia Saudita abbia bisogno per sopravvivere e probabilmente crede anche non possano essere realizzate in altro modo”. Così, per il momento guarda la situazione cercando di dirigerla, per quanto può, verso i suoi obiettivi. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ritiene ancora di aver il sostegno del governo statunitense e sfrutta il caos che Bin Salman ha creato per assicurarsi un futuro politico che, come già visto, è al lumicino. E ciò significa minacciare la stabilità regionale con una guerra per alzare il prezzo del petrolio. La notizia su una riunione di emergenza della Lega araba per discutere la “situazione dell’Iran” e mettere la forza aerea saudita in allerta, rientra nella stessa linea. Finora, tuttavia, i prezzi del petrolio si rifiutano di muoversi. E c’è il momento in cui i commercianti chiamano sempre il bluff dei leader mondiali che sembrano volere la guerra. I commercianti di petrolio ed oro si “stancano della guerra” abbastanza rapidamente e quasi sempre svaniscono dal raduno facendo prevalere le menti fredde. Può essere normale, ma questa volta penso che ci sia un bel richiamo. Trump da parte sua, non può trarre vantaggio dal caos. Si noti come tutti si concentrano sull’Arabia Saudita e non su piccoli dettagli in Siria?

Lebaneezer Scrooge
Il perché non vedremo una guerra è ovvio. Il nuovo principe ereditario saudita s’è smascherato come piccolo gangster arrestando e facendo dimettere il primo ministro libanese Sad Hariri. L’obiettivo era ovviamente spingere il governo libanese nel caos e provocare una violenta risposta da Hezbollah. Non funzionava. Infatti, è accaduto il contrario, com’era prevedibile. Le operazioni di cambio regime maldestre come questa incontrano sempre resistenza. Il governo della coalizione non è caduto. La gente lo sostiene. Le affermazioni del leader di Hezbollah Hasan Nasrallah sulle dimissioni di Hariri erano forti ma misurate. E la mancanza di violenze da parte di Hezbollah parla chiaro puntando il riflettore su bin Salman e la sua follia. Bin Salman ha tentato una mossa del genere col Qatar all’inizio dell’anno, costringendo gli altri membri del Consiglio di cooperazione del Golfo a bloccare finanziariamente e fisicamente il Qatar col preteso del sostegno ai terroristi. Non abboccando Hezbollah dice ai commercianti petroliferi sauditi di lavorare molto più duramente per avere i risultati dovuti. In entrambi i casi la Russia, con la sua struttura ed economia superiori, può andare avanti qualsiasi cosa accada al petrolio.

Nuovo vantaggio di Putin
Quindi, non si pensi che Putin sostenga i sauditi su questa mossa per aumentare di 20 dollari il petrolio. I media negli Stati Uniti ne avranno di che chiacchierare tra 3… 2 … 1. Infatti, sono sicuro che Putin voglia i sauditi disperati, e il prezzo attuale del petrolio è un po’ troppo alto per questo. 63 dollari per il Brent Crude è ottimo per l’economia russa. Sarebbe meglio per sauditi e Stati Uniti, come una nuova relazione di UBS dice, una crescita del PIL degli Stati Uniti quest’anno, per lo più dato dall’aumento dei prezzi del petrolio che porti a rinnovare le perforazioni. I sauditi hanno bisogno di 65-70 dollari al barile per stabilizzare il loro budget. Gli Stati Uniti hanno bisogno di prezzi più alti per sostenere la crescita. Nel frattempo l’economia della Russia si diversifica dal petrolio e relativo legame col dollaro statunitense. Quindi, non aspettatevi più di questo. Perché mentre i sauditi hanno bisogno di prezzi del petrolio più elevati, non possono creare una guerra per procura per ottenerli. Devono farlo da soli e sarebbe catastrofico per loro. Quel che è più probabile è che il prezzo arrivi a 55 dollari al barile Brent Crude. Putin continua ad accordarsi sulle armi economiche e difensive con tutta la regione promuovendo pace e stabilità. E lentamente ma sicuramente questi accordi costruiscono l’esatto quadro finale. Ora, tocca a Trump convincere Israele e Arabia Saudita ad aderivi ufficialmente, e a rendersi conto che non appaiono, e neanche davvero, controllare il prezzo del petrolio.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Trump e la missione del futuro re saudita

Nasser Kandil, 14 novembre 2017 – Comitato Valmy
Nasser Kandil è un politico libanese, ex-deputato, direttore di Top News e caporedattore del quotidiano libanese “al-Bina“.

Cos’è successo? Ecco un’analisi riassunta dagli ultimi articoli e trasmissioni di Nasser Kandil. Sembra rispondere a molte domande.Le realtà e l’equilibrio delle forze sul campo suggeriscono che l’alleanza statunitense-saudita-sionista non sia pronta ad intraprendere la follia di una grande guerra in Medio Oriente, ma non escludono che cerchi di raggiungere propri fini con una guerra meno intensa su un fronte giudiziosamente scelto, per riequilibrare la situazione attuale favorevole alle forze della Resistenza e dell’alleato russo. Una complessa equazione che l’alleanza ha recentemente cercato di risolvere appoggiando i separatisti curdi, impedendo la liberazione di al-Buqamal, considerando una guerra limitata nella Siria meridionale e nel sud del Libano. Ma tali piani si sono rivelati vani nel confronto globale. Infatti, il sostegno del piano separatista curdo in Iraq avrebbe probabilmente portato a una guerra contro almeno Iran, Iraq e Turchia; l’insistenza degli Stati Uniti nell’impedire agli eserciti siriano e iracheno e alle forze della Resistenza di convergere su al-Buqamal, dicendo che il confine siriano-iracheno era una linea rossa, significava entrare in guerra con Siria, Iran, Hezbollah e Hashd al-Shabi, sostenuti dalla Russia; mentre la guerra nella Siria meridionale o in Libano meridionale avrebbe messo Israele nel mirino di migliaia di razzi da Libano, Siria e Iran. Ma le guerre non sono roba per dilettanti, specialmente quando si tratta di avventurieri come coloro che avviano guerre perse in partenza, come nello Yemen. Errori che saranno fatali per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il principe ereditario saudita Muhamad bin Salman e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che giocano la loro parte, ma nei limiti consentiti dai militari e dall’intelligence statunitensi. Tuttavia, Stati Uniti, Russia, Iran, Turchia, Arabia Saudita, Israele ed alleati operano nella zona geografica che va dalla Russia al Golfo e dall’Iran al Mediterraneo. Un’area geografica tradizionalmente definita “Medio Oriente” e che gli Stati Uniti tentavano d’espandere nel “Grande Medio Oriente” considerandolo propri spazio vitale e zona esclusiva d’influenza [2]. Questo senza contare l’inaspettato passo della Russia divenuta attore principale nella regione, soprattutto perché dal crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti si dimostrano incapaci di risolvere i conflitti. Una regione fortemente ricca e corrispondente più precisamente a quella definita dalla visione strategica dei “cinque mari” sviluppata nel 2004 dal Presidente Bashar al-Assad [3]. Infatti, è proprio in questa regione specifica che si svolgono lotte e guerre dirette o indirette che probabilmente porteranno a un nuovo ordine regionale e, di conseguenza, mondiale.
Cinque mari e quindi “cinque spazi vitali” dove gli Stati Uniti non sono più decisivi:
• Mar Caspio: dove il conflitto si è concluso a favore di due importanti attori, Iran e Russia; il Kazakistan ha ospitato nella sua capitale Astana incontri sulla Siria sotto la direzione russa e l’Azerbaigian che, mentre prima ospitava aerei israeliani destinati a colpire l’Iran e si preparava a competere col petrolio russo in Europa attraverso l’oleodotto turco, recentemente firmava un accordo di cooperazione strategica trilaterale con Iran e Russia a Tehran, mentre orbita verso la Turchia.
• Il Mar Nero: dove la guerra alla Siria e la sicurezza nazionale spinsero la Turchia a rivedere le proprie alleanze e a rivalutare i propri interessi, in modo da entrare, in parte, nell’alleanza russo-iraniana nonostante adesione alla NATO e il conflitto ancestrale con la Russia.
• Golfo Persico: dove una guerra sarebbe catastrofica per tutti, con Iran e Stati Uniti che si affrontano tramite la flotta statunitense.
• Mar Mediterraneo: dove una guerra sarebbe ancora più catastrofica, questo spazio è un lago internazionale con la presenza di statunitensi, francesi, inglesi, italiani, spagnoli, russi, turchi, siriani, israeliani…
• Mar Rosso: infine, l’unico spazio in cui è ancora possibile cambiare l’equilibrio delle forze senza rischiare un confronto globale, quindi l’ultimo spazio che permetta agli Stati Uniti di condurre la guerra per procura che gli serve. Sono presenti sul Mar Rosso: Cina a Gibuti; Iran in Eritrea, come dicono statunitensi, sauditi ed israeliani; Arabia Saudita; Egitto; Israele e Yemen.

I. Missione nello Yemen, sottrarre il porto di al-Hudayda ad Ansarallah
Ma solo Egitto e Yemen sono alle estremità nord e sud del Mar Rosso. Pertanto il controllo di questo mare per gli Stati Uniti implica la presenza saudita sulle coste dello Yemen, tra cui al-Hudayda, e allo stesso tempo ridurre il ruolo dell’Egitto alla neutralità. La “guerra di al-Hudayda” è dunque una guerra limitata, scelta per evitare una guerra in cui Stati Uniti e Israele sanno di non poter essere coinvolti. Se il saudita vincerà, sarà a vantaggio della coalizione internazionale. Se sarà sconfitto, sarò l’unico a subirne le conseguenze, specialmente perché ha già largamente compensato dalla campagna contro i cugini, spogliati delle loro fortune in una notte senza luna.

II. Missione in Siria, nascondere gli invasori di Raqqa sotto un’identità araba
A fine ottobre, il ministro saudita Thamar al-Sabhan apparve a Raqqa col generale Brett McGurk, nominato da Trump alla guida della coalizione internazionale. Il suo ruolo era convincere gli abitanti arabi della regione ad accettare l’occupazione della città dalle forze democratiche curde [SDF]. In altre parole, il saudita era responsabile della legittimazione dei separatisti curdi, che coprivano la presenza illegale di soldati statunitensi nel territorio siriano.

III. Missione in Libano per eliminare Hezbollah accontentando Israele
In Libano, l’equazione è: riconoscimento saudita delle vittorie di Hezbollah in Siria, contro riconoscimento iraniano delle vittorie saudite nello Yemen dopo la cattura di al-Hudayda. Ciò significa che le dimissioni del primo ministro libanese Sad Hariri, dettate dall’Arabia Saudita, hanno due obiettivi. Da un lato, spingere il governo libanese a togliere legittimità politica ad Hezbollah, a meno che non si ritiri dalla Siria, come pretende Israele. D’altra parte, dissuadere l’Iran dall’intervenire nella guerra di al-Hudayda, deterrente concomitante alla chiusura delle acque territoriali yemenite e alle accuse all’Iran per il presunto aiuto ai lanci missilistici sul territorio saudita.

IV: Reazione all’intervista di Sad Hariri, trasmessa da al-Mustaqbal TV da Riyadh, il 12 novembre
Oltre al fatto che questa intervista [4] dimostra che Sad Hariri agisce contro la sua volontà, constatiamo che annunciava la rottura del compromesso nazionale previsto all’inizio del sessennio. Un annuncio dettato dall’Arabia Saudita, dato che questo compromesso non è ancora violato. Il suo discorso cercava di convincere, ma senza riuscirci perché era noto il contenuto: coesistenza e pluralismo politico per la grande soddisfazione di Hariri, fino alla dimissioni forzate. Inoltre, è chiaro che costringendo Hariri a tenere tale discorso, l’Arabia Saudita cerca un nuovo compromesso il cui contenuto è inaccettabile, in quanto mira a integrare il Libano nell’asse saudita e nel suo conflitto contro Siria ed Iran. Ciò significa che Hariri non tornerà per un nuovo compromesso, ma per confermare le dimissioni fino alle prossime elezioni, in cui parteciperà. Nel frattempo, si libererà degli alleati del suo campo, precipitatisi dopo le dimissioni a riceverne l’eredità, e riconquisterà il sostegno popolare perso prima di questo processo; permettendogli di rimuovere molti concorrenti dal prossimo parlamento. Tutto grazie a coloro che sarebbero i rivali del campo opposto!

Conclusione
Questi sono i tre obiettivi tattici della missione di Trump a bin Salman. È lui che ne ha ordinato l’esecuzione. Infine, è il miglior partner di Trump nella regione dei “Cinque Mari”. La ricompensa prevista è il trono saudita. Tuttavia, per il momento, bin Salman raccoglie sconfitte. Infatti:
• La prima scommessa era vincere la sua guerra allo Yemen, per poi dichiarare trionfalmente di aver espulso l’Iran dal Golfo, prima di mettesi sul trono. Ha fallito.
• La seconda scommessa era presentarsi da unico agente di Trump nel Golfo, abbattendo il Qatar. Ha fallito.
• La terza scommessa era sfruttare la carta confessionale libanese per coprire la guerra di Stati Uniti ed Israele contro Hezbollah. Ha doppiamente fallito. Primo, con la detenzione di Hariri sperava di mobilitarne i correligionari libanesi, fedeli all’Arabia Saudita; ma hanno risposto: “Signore, non tocchi Hariri!” invece di dichiarare guerra ad Hezbollah. Secondo, quando ha visto la solidarietà libanese, soprattutto con la decisione della presidenza e di Hezbollah di considerare il “dopo Hariri” solo dopo sua liberazione e ritorno in Libano. Di conseguenza, la sperata rivolta contro Hezbollah è divenuta una rivolta contro l’Arabia Saudita. Resta da vedere quanto lontano Stati Uniti e Israele saranno disposti ad andare rispondendo ai suoi appelli alla guerra…

Nasser Kandil, 13/11/2017
Sintesi di Mouna Alno-NakhalFonti:
[1] 60 minuti con Nasser Kandil del 06/10/2017
[2] 60 minuti con Nasser Kandil del 10/11/2017
[3] Articolo del 09/11/2017
[4] Articolo dell’11/11/2017
[5] Articolo del 13/11/2017

Note:
[1] Discorso di Donald Trump a Riyadh
[2] Grande Medio Oriente
[3] Bashar al-Assad, personalità araba dell’anno
[4] Intervista a Sad Hariri a Riyadh; 20/11/2017

Traduzione di Alessandro Lattanzio

George Blake agli agenti russi, ‘Combattete il Male’

L’11 novembre, il leggendario agente, convinto combattente antifascista per la pace e la giustizia sociale, George Blake compie 95 anni!
SVRAlla vigilia del compleanno è stato personalmente salutato dal direttore del SVR di Russia S.E. Naryshkin:
Caro George Ivanovich!
Dalla direzione, tutti i dipendenti, veterani del Servizio d’Intelligence Estero della Federazione russa e io personalmente, esprimiamo le congratulazioni più calde e sincere in occasione del vostro 95° compleanno. Tutta la sua vita l’ha dedicata alla nobile causa di proteggere gli ideali dell’umanesimo e della giustizia, alla lotta per la pace. Le vostre promesse e il contributo eccezionale per garantire la sicurezza nazionale della Russia sono stati molto apprezzati dalla leadership del nostro Paese, come dimostrano numerose decorazioni. Il nostro Servizio La conosce come compagno d’armi affidabile, saggio uomo d’esperienza, scienziato di talento, scrittore eccezionale e mentore capace. La Sua devozione altruista alla causa, l’intelletto più acuto, la dedizione, il coraggio e la solidità, l’amore per la vita e la benevolenza sono un esempio per il personale del SVR della Russia. Su questo giorno memorabile di cuore vi auguro, caro George Ivanovich, buona salute, inesauribile vitalità, ottimismo, vigore ed energia. Felicità, prosperità e tutto il meglio per Lei, la Sua famiglia e gli amici!Accettando le congratulazioni, George Ivanovich si rivolge a amici, colleghi e vicini:
Cari amici e colleghi!
L’11 novembre io, ufficiale dell’intelligence russa, Colonnello George Blake, compio 95 anni… Nella vita di ogni persona, e non sono per nulla un’eccezione, arriva inevitabilmente il momento di affrontare la conclusione, legata alla sintesi degli anni. Ricordando il passato, mi chiedo involontariamente quanto sia stato onesto coi miei contemporanei e successori. Il 95° anniversario è una buona occasione per valutare una vita lunga e difficile. Molto della mia biografia è ben noto. Caratteristico, a mio avviso, è che le fasi principali del mio cammino sono associate ad una scelta importante. La scelta della posizione in condizioni difficili e contraddittorie dettata dalla storia stessa. Potevo diventare un sacerdote tranquillo, ma sono diventato un’agente. Potevo facilmente sopravvivere alla guerra e agli anni seguenti, ma preferii una via pericolosa, partecipando attivamente al movimento della Resistenza. Miracolosamente evitai il campo di concentramento nazista, divenni un commando inglese, rischiando la vita più di una volta…
Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, essendo un agente dei servizi speciali inglesi, rimasi nelle prime file degli avversari della Russia, la mia attuale patria. Poco più tardi, nella mia biografia ci fu la terribile guerra coreana. Ne vidi il vero volto, come i corpi dei civili, uccisi dalla macchina militare statunitense, di questo Paese sofferente. Fu allora che capì che tali conflitti sono carichi di pericoli mortali per tutta l’umanità e presi la decisione più importante nella mia vita: iniziai a cooperare con l’intelligence estera sovietica per proteggere la pace nel mondo. 95 anni… Questo è molto per un individuo. E poco per la storia dell’umanità. La memoria del passato, di cui non mi dispiace nulla, come ho ripetutamente detto, mi fa guardare con ottimismo al futuro.
Vorrei cogliere l’occasione per dire ai miei colleghi, innanzitutto ai giovani impiegati del Servizio.
Compagni! Avete una missione difficile e la responsabilità di salvare il mondo in una situazione in cui il pericolo di una guerra nucleare e dell’auto-distruzione dell’umanità associatavi sono ancora una volta all’ordine del giorno grazie a politici irresponsabili… da quando il terrorismo sollevò la testa e lasciò tracce sanguinose in molte parti del nostro pianeta, c’è una vera guerra tra Bene e Male. E credo in voi, nel vostro servizio disinteressato e altruista per la nostra causa comune, nella vostra professionalità… credo nella vittoria finale sul nemico. Questa fede mi ravviva. Vorrei ringraziare dal fondo del mio cuore la leadership del Servizio, i miei colleghi dell’intelligence estera, per i tanti anni di fedele amicizia, sensibilità, cura, attenzione e comprensione.
Compatrioti! La Russia è diventata la mia seconda Patria. C’è il meraviglioso desiderio russo di avere la “pace a casa”. E voglio veramente che il mondo sia la vostra, o piuttosto la nostra casa.
Pace nella vostra, nostra casa!
Per tutti tersa e soleggiata come il cielo!
Con onore!

 

 

 

Dall’Armata Rossa alla Resistenza
Maria Chobanov, RBTH 22 giugno 2016Durante la Seconda guerra mondiale, circa 30000 sovietici e russi immigrati combatterono nella Resistenza francese. RBTH torna sul destino di uno di questi eroi.
Il 22 giugno 1941, Hitler lanciò 5,5 milioni di uomini sul fronte orientale, con circa 5000 aerei e 3700 carri armati che ne fecero il più grande teatro di operazioni della Seconda guerra mondiale. Nelle prime settimane, l’URSS subì gravi perdite militari e civili. Alla fine dell’anno quasi 3,9 milioni di soldati furono presi prigionieri. Nel 1942, la Germania cominciò a deportarli nei campi di lavoro forzati in Francia. Alcuni riuscirono a fuggire per continuare la lotta nella Resistenza. Tra questi, Oleg Ozerov. La guerra sorprese Oleg il 22 giugno 1941 sul confine tra Polonia e URSS, dove questo 19enne era soldato dell’Armata Rossa. Nell’agosto dello stesso anno, alla fine di settimane di lotta senza tregua, la sua unità, tornata nel centro dell’Ucraina, fu circondata dalla Wehrmacht. “I tedeschi fucilarono immediatamente ebrei, comunisti ed istruttori politici. Poi uccisero un soldato ogni cinque di ogni riga, quindi un decimo. Dopo di che fummo costretti nel caldo insopportabile, senza bere o mangiare, ad attraversare tutta l’Ucraina verso ovest“, dice il veterano 75 anni dopo la cattura. In Polonia i prigionieri furono imbarcati su un treno destinato in Germania. Il giovane soldato ebbe solo un’idea in mente: fuggire…

In territorio amico
Attraversato l’inferno di un’intera serie di campi di concentramento e di lavoro, Oleg Ozerov fu trasferito in Francia con altri prigionieri nel 1943, quando i tedeschi iniziarono la costruzione del vallo atlantico. “All’inizio della mattina, vidi attraverso la finestra del treno un uomo che indossava un elmetto e riconobbi l’uniforme francese. Sollevai il pugno e lo salutai, “Rotfront!” com’era d’uso tra gli antinazisti, dice Oleg. L’uomo prese la bandiera rossa da ferroviere e l’agitò. Sapevo allora che eravamo in territorio amico“. Assegnato alla costruzione di una base per la riparazione dei sommergibili tedeschi a Bordeaux, Oleg non abbandonò l’idea di fuggire. Nel marzo 1944, con l’aiuto di Fadej Voronish, alias Paul, membro dell’organizzazione clandestina del Partito Comunista Francese, avvicinò cinque altri compagni. L’obiettivo era aderire al maquis di Lorette che conduceva le proprie azioni nei dipartimenti di Lot-et-Garonne e Gironde, ma prima dovevano sopravvivere nascondendosi e contattare nel segreto più grande la rete che aiutava a far fuggire i prigionieri sovietici, col rischio dell’esecuzione di intere famiglie. Il rischio preso dai passeggeri dell’autobus che trasportò Ozerov e compagni durante un controllo all’uscita di Bordeaux, l’indicò ancora meglio. “Quando la polizia diede l’ordine di scendere dall’autobus, ci scambiammo alcune parole. Così gli altri passeggeri capirono chi eravamo. Simpatizzarono immediatamente con noi, ci diedero panini e sigarette, e finsero che fossimo dei loro“. Il controllo non andò oltre.

Maquisard della Gironda
I guerriglieri rispettavano molto i russi, che portarono con sé disciplina, esperienza di guerra e dei campi di lavoro“, dice Oleg Ozerov. Col suo gruppo, partecipò alle operazioni di sabotaggio contro strade, ferrovie e ponti, sfidando la polizia di Pétain. Dopo lo sbarco degli Alleati in Normandia nel 1944, i guerriglieri intensificarono le azioni e non esitarono più ad impegnarsi in combattimenti aperti o a partecipare alla liberazione delle città della Francia sud-occidentale: Saint-Basle, Marmande, La Réole, Langon, Bordeaux. Nel settembre 1945, Ozerov tornò nell’URSS. Continuò la corrispondenza coi compagni d’armi francesi e gli fu anche consentito, nonostante la cortina di ferro, di visitare diverse volte la Francia. Combatté per decenni per far riconoscere nell’URSS i meriti dei sovietici che aderirono al maquis, ottenendo lo status di “combattente volontario” nel 1992, quando creò l’Associazione interregionale dei veterani sovietici della Resistenza francese.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La fine della “fine della storia”

Tom Luongo, 10 novembre 2017Nel 1989 Francis Fukayama dichiarò “La fine della storia”. La democrazia come forma di governo sarebbe il culmine finale dell’evoluzione dell’interazione umana. L’occidente trionfava e il resto era “solo un quadro di caccia”, prendendo in prestito una frase del brillante romanzo di Neal Stephenson “Snow Crash“. Ma questa settimana il Medio Oriente mi dice che l’autocrazia ha sostituito la democrazia e il sistema parlamentare transnazionale dell’Unione europea che Fukayama sosteneva nel suo articolo del 2007 su The Guardian. L’UE non rappresenta più la democrazia oggi. Diktat discendono da tecnici non eletti a Bruxelles, interamente al soldo di oligarchi apolidi (ovvero George Soros). Tutti in Europa e nell’UE devono obbedire o affrontare carri armati (Spagna) o infinite sfortune legali con le corti internazionali controllate (Polonia). Se eludete le regole, l’UE le modificherà per soddisfare le esigenze dei padroni. Basta guardare qualsiasi gasdotto russo proposto in Europa negli ultimi cinque anni. Negli Stati Uniti siamo sottoposti da un anno alla peggiore forma di condizionamento dello Stato sprofondo e dei suoi media quisling, creando l’allucinazione di massa che il presidente Donald Trump sia un agente segreto russo. L’obiettivo è rovesciare un’elezione democratica, dove lo stesso popolo ha dovuto superare una frode continua per vincere. Mentre, difatti, i partecipi alla creazione di tale allucinazione di massa coprono la propria collusione con la Russia come spionaggio e tradimento. Quindi, non consideratemi impressionato dalla valutazione della storia di Fukayama. La storia è una delle discipline praxeologiche. L’economia è un’altra. Qualsiasi analisi storica priva di imperativi economici è inutile. E l’ultimo argomento della storia di Fukayama è l’altezza della storia inutile perché non si pone la domanda di base “Cui Bono?” Chi avvantaggia?

La fine dell’Arabia Saudita
L’Arabia Saudita ha semplicemente sostituito un gruppo di autocrati con un altro, il principe ereditario (e presto re) Muhamad bin Salman. Non c’è un impulso democratico, ma la punta di lancia che Donald Trump e Vladimir Putin usano per ridisegnare il Medio Oriente. Le mosse di bin Salman sono state stupende per gravità e rapidità. Ma, se devi andare contro le persone più potenti del mondo, sii rapido e sarai distrutto. C’è una stampa ottusa alla luce l’estesa corruzione della nostra classe politica da Washington a Tel Aviv, da Bruxelles a Beirut. E sebbene impediti a coordinarsi apertamente o addirittura parlarsi, Putin e Trump si avvicinano tramite terzi mentre sembrano che non lo facciano. Lo status quo in Arabia Saudita è finito. Ora è il Paese di bin Salman. Grazie a Putin e Trump. Le vecchia alleanza tra Israele e Arabia Saudita è ora dichiarata, creando confusione tra certe persone. La loro penetrazione nei governi del mondo viene interrotta. Centinaia di miliardi di beni congelati. Decine di membri della famiglia incarcerati, molti erano finanziatori del corrottissimo Comitato Nazionale Democratico. Un pilastro importante del controllo statunitense viene atomizzato con l’arresto del principe Walid. Coincidenza che non può essere ignorata. Tutto succede in politica per una ragione. E a ogni guru confuso da ciò che accade, preoccupato che sia il preludio alla guerra regionale, ricordo che ci sono sempre più interpretazioni degli stessi eventi. Questa è la farina del mulino della storia. Per esempio, il missile sparato dallo Yemen sulla capitale saudita ebbe la conveniente ‘prova’ dell’origine iraniana. E’ una falsa bandiera di Salman o qualcun altro? Come sottolineava Zerohedge: “La nota narrativa è: proprio come i terroristi europei comodamente si suicidano portandosi sempre i passaporti per farsi identificare, l’Iran lascia sempre indicazioni vendendo illegalmente armi ai ribelli huthi nello Yemen”.

Domande in sospeso
Che succede se la purga di bin Salman sia la reazione a una falsa bandiera per scatenare la guerra all’Iran? Le forze israeliane e statunitensi ne avevano motivo. Sono sul punto di perdere tutto. Certamente è una teoria plausibile quanto quella dominante. L’atto di apertura del prossimo intervento estero di Salman. Perché Donald Trump è stato accolto dalla leadership cinese come nessun altro leader straniero negli ultimi 60 anni? Forse, nonostante la sua retorica, il Premier Xi Jinping sa che Trump è infatti sincero nel smantellare quella parte dell’impero statunitense che non serve più a nessuno, tranne ai pochi favoriti che s’incontrano a Davos e a Jackson Hole ogni anno? E Trump arriverà ad abbracciare la Via della Seta della Cina, a vantaggio degli Stati Uniti e del resto del mondo? Trump s’è fatto avanti salutando il Presidente Vladimir Putin in Vietnam all’avvio dell’APEC, nonostante una forte pressione contraria. Ancora una volta, perché? È il comportamento di un uomo che va in guerra? O che sta per essere indagato?

Più modi per prosciugare la palude
Il via per prosciugare la palude è un circuito, ma penso sia difficile discutere dove vadano le cose. Non verso il confronto con l’Iran ma in realtà l’opposto. Il segmento più arditamente anti-iraniano della casa reale saudita è impoverito e imprigionato. La CNN sarà venduta consentendo la fusione Time-Warner/AT&T. Jeff Zucker è fuori. Aggiungete un altro scalpo alla cintura di Steve Bannon insieme a quelli di Harvey Weinstein, Kevin Spacey e tanti a venire. Le vestigia della dirigenza neocon di Stati Uniti e Israele continueranno a sbandare e tentare di minare ciò che succede? Sì. Lo fanno da quando Trump è stato eletto poco più di un anno fa, ma non l’hanno fermato. Perché? Perché Putin era sempre all’opera emarginandoli. Trump ha fatto un accordo con i neocon ad agosto per cedergli il controllo della politica estera e, in effetti, ha esternalizzato la pulizia del Medio Oriente a Putin. Ma, prevedibilmente, anche loro non sono andati fino in fondo col loro comportamento. Trump ha imparato, come Putin, che i John McCain del mondo non rispettano gli accordi. Non sono “compatibili”. E, in quanto tali, dall’ultimo fallimento nell’abrogare Obamacare Trump va contro ogni pilastro che sostenga costoro. Finirà col processo di Hillary Clinton. Ma nel frattempo sembrerà che il mondo sia all’orlo della guerra mondiale.

E’ solo la storia
Alla fine, l’Arabia Saudita guardò il tavolo da gioco e vide che era sola. Re Abdallah ha visto i cambiamenti che andavano fatti. Incontrava Putin, concordando prezzi leggermente più elevati sul petrolio. La Cina si è offerta di acquistare una quota di Aramco, ma significava tagliare completamente i legami con gli Stati Uniti. Credo che l’offerta fosse un bluff. Era volta a spedire bin Salman da Trump che accettava di emettere l’OPA dell’Aramco a New York, ma doveva prendere il controllo e por fine al sostegno della famiglia reale al male mondiale. L’ultimo editoriale di Pat Buchanan lamenta che nessuno ascolta più quando gli Stati Uniti abbaiano. Ma, al tempo stesso, ciò che gli Stati Uniti abbaiano non vale l’aria smossa a più di venti anni dalla fine della storia. Questo è ciò che succede quando si ‘grida al lupo’ troppe volte. Benjamin Netanyahu infine lo capirà nelle prossime settimane. L’estensione della purga di bin Salman e i suoi effetti non solo sul Medio Oriente, ma su Stati Uniti ed Unione europea potranno essere valutati nei retroscena solo dagli storici. Un futuro Fukayama spunterà e lo vedrà dichiarando un’altra fine della storia. Ma, come sappiamo tutti, non finisce proprio nulla.Traduzione di Alessandro Lattanzio