Il massacro di Srebrenica è una gigantesca frode politica

Edward S. Herman e John Robles, Global Research, 11 luglio 2016

Il famoso autore Dr. Edward Herman ha parlato con John Robles di Voce della Russia sui fatti riguardanti il massacro di Srebrenica, pretesto per l’invasione “umanitaria” dell’ex-Jugoslavia, e smonta la versione “ufficiale” da sempre promossa dall’occidente.Srebrenica_massacre_mapIl Dr. Herman rivela che vi furono in realtà molteplici massacri a Srebrenica, e che l’uccisione di soldati bosniaco-musulmani a Srebrenica (pretesto occidentale) fu la risposta al massacro di oltre 2000 civili serbi, per lo più donne e bambini, del posto.

Robles: La mia prima domanda riguarda “il massacro di Srebrenica” e il modo con cui i media l’hanno manipolato. Puoi parlarci, o darci alcune intuizioni, di ciò?
Herman: Il massacro di Srebrenica, in realtà l’ho sempre messo tra virgolette, perché vi furono diversi massacri nella zona di Srebrenica che prima del luglio 1995 vide numerosi serbi uccisi dalle forze musulmane, bosniaco-musulmane, uscite da Srebrenica. Secondo una stima più di 150 serbi villaggi furono totalmente spazzati via e uno studio fornisce i nomi di 2383 civili serbi uccisi tra il 1992 e il luglio 1995. Quindi lo chiamerei “il primo massacro di Srebrenica”. Poi, nel luglio 1995…

Robles: Giusto per essere chiari, qui furono i serbi ad essere uccisi.
Herman: Sì! Parliamo di circa 2383 civili serbi uccisi prima del luglio 1995. E l’esercito serbo-bosniaco prese Srebrenica nel luglio 1995, e vi furono morti ed esecuzioni dopo. Questo è ciò che l’occidente chiama “massacro di Srebrenica”, ma in realtà è soprattutto un costrutto politico. I morti furono probabilmente tra 500 e 1000. In altre parole, meno della metà dei civili serbi uccisi prima del luglio 1995. E la pretesa occidentale è che 8000 uomini e ragazzi siano stati giustiziati nel massacro di Srebrenica, senza notare che erano uomini, solo uomini, tutti uomini e tutti soldati, mentre tra i 2383 civili uccisi vi erano numerosi donne e bambini. Parliamo nel secondo massacro essenzialmente di militari. E naturalmente non fu mai dimostrato che ci furono 7000 o 8000 uomini e ragazzi uccisi. I corpi nelle tombe arrivano a circa 2500 e molti erano morti in combattimento. Una delle bellezze della propaganda occidentale è che tutti i corpi trovati dopo il luglio 1995 vengono contati come giustiziati, anche se si sa benissimo che numerosi morirono in combattimento.

Promemoria
mudzahedini Herman: anche un altro fatto importante del massacro di Srebrenica è che il massacro dei serbi avvenne presso una zona che doveva essere “sicura”. Srebrenica era un luogo sicuro, un rifugio sicuro. Doveva essere smilitarizzata, ma non lo fu mai. Così i soldati musulmani bosniaci uscirono da Srebrenica uccidendo i civili serbi. Tutto ciò fu completamente ignorato dai media occidentali. E’ come se i serbi spuntassero a luglio iniziando a uccidere arbitrariamente. Infatti, ai militari delle Nazioni Unite nella zona, all’ufficiale francese Phillip Morillon, fu chiesto dal tribunale jugoslavo: “Perché i serbi l’hanno fatto?” Disse che era assolutamente convinto che lo fecero per ciò che il comandante dei musulmani bosniaci di Srebrenica fece ai serbi prima del luglio 1995. Questo era il capo dell’esercito delle Nazioni Unite, ma non compare sulla stampa occidentale! In altre parole, il primo massacro fu quello che causò il secondo e minore massacro di persone in età di leva. L’intero massacro di Srebrenica è una gigantesca frode politica. Ci fu un massacro, ma fu la vendetta per una strage, donne e bambini non furono uccisi. Una delle caratteristiche “citazioni” sul massacro di Srebrenica, il secondo, è che 20000 donne e bambini di Srebrenica furono trasportati in autobus in la sicurezza da parte dell’esercito serbo. Donne e bambini non furono uccisi, solo persone in età di leva e una grande frazione di costoro era morta in combattimento. Così secondo me, come ho detto, forse ci furono tra 500 a 1000 esecuzioni. Esecuzioni per vendetta.

Robles: Mi dispiace. Quanti?
Herman: da 500 a 1000 direi.

Robles: da 500 a 1000.
Herman: Sì. Quindi ci fu un grande massacro, ma va messo nel contesto! Questa fu una guerra, e c’era un esercito che aveva visto i propri civili massacrati ancor di più. Questo è completamente occultato in occidente, come se i serbi fossero spuntati a Srebrenica iniziando a uccidere per sete di sangue! E’ assolutamente una truffa! Quindi, ritengo che il massacro di Srebrenica sia il grande trionfo della propaganda. L’occidente voleva andare contro la Serbia ed evitare la pace. Aveva bisogno di questo massacro.

Robles: Lei ha detto 2380 civili, donne e bambini soprattutto …
Herman: donne e bambini serbi, sì.

Robles: …furono uccisi prima di Srebrenica…
Herman: Le prime stragi furono tra il 1992 e il luglio 1995. Erano civili serbi. Ci furono anche centinaia di militari serbi uccisi in quel periodo, ma parlo solo di civili!

Robles: I civili, giusto! E poi per rappresaglia furono uccisi circa 2500 musulmani… soldati bosniaci musulmani.
Herman: Questo è fuorviante, perché si pretende che 8000 furono giustiziati, ma furono più di 2000 gli uccisi, in gran parte in combattimento.

Robles: In combattimento. Bene, ho capito.
Herman: Sì, e le esecuzioni furono, come ho detto, probabilmente tra 500 e 1000.

Robles: Va bene. Così i musulmani bosniaci furono direttamente responsabili della morte di numerosi civili serbi. Giusto?
Herman: I serbi in realtà avevano gli elenchi dei soldati musulmani bosniaci che cercavano, ma non posso dire onestamente se furono gli unici ad essere stati giustiziati. Ma certamente, un numero significativo di giustiziati era in tali elenchi, elenchi per vendicarsi.

Clinton, Albright e Izetbegovic

Clinton, Albright e Izetbegovic

Edward S. Herman è economista e analista dei media statunitensi specializzato in tematiche aziendali e normative, nonché economia politica e media. Professore emerito di Finanza alla Wharton School della University of Pennsylvania. E’ autore di diversi libri, come “La fabbrica del consenso” scritto con Noam Chomsky e “Il massacro di Srebrenica: prove, contesto e politica”.

A 23 anni dalla sofferenza di 126 soldati e 200 civili serbi massacrati dai cosiddetti musulmani bosniaci
There Must Be Justice 6 novembre 2015

exhumation-funeralSulla collina di Glodzhansko, vicino Zvornik, Repubblica di Serbska, sono passati 23 anni dal calvario di 126 soldati dell’Esercito della Repubblica Serbska (VRS). Il crimine avvenne il 6 novembre 1992, quando dei giovani furono uccisi dagli islamisti del cosiddetto Esercito della Bosnia-Erzegovina. Tutte le vittime erano della brigata del VRS di Zvornik e Sekovici. I rappresentanti dell’esercito hanno svelato (la nuova) lapide con la scritta: “Qui giacciono 126 soldati dell’Esercito della Repubblica di Serbska“. Ogni volta, subito dopo l’installazione, la targa viene distrutta da ignoti. Tra 109 e 250 serbi furono uccisi o scomparvero la notte del 5 – 6 novembre 1992. Glodzhansko Brdo, Kozjak, Treshnjitsa, Maskalitsa Potok e Siroki Put sono solo alcuni dei luoghi presso la città di Zvornik in cui terra e polvere coprirono decine di serbi selvaggiamente assassinati, mutando il paesaggio nella città in fossa comune. Nel momento in cui i prigionieri furono portati in cima alle colline Glodzhansko Brdo e Kozjak e furono legati col filo spinato agli alberi, la guerra cominciò a somigliare a un festino brutalmente selvaggio. Solo tre delle vittime serbe i cui corpi furono esumati, ebbero la ‘fortuna’ di essere uccise da un proiettile. I corpi erano spesso senza testa e membra, con chiodi e sbarre di ferro nel cranio e nei seni, e catene ai polsi e alle ginocchia, crani sfondati con oggetti contundenti, evirati, bruciati. La maggior parte delle persone uccise la cui identità è stata ricostruita, fu sepolta in una fossa comune. Ciò che rende tale crimine così mostruoso è il fatto che fu commesso da musulmani di Kamenica, vicini di casa che i serbi credevano amici. Non è solo una caratteristica di tale guerra, ma di tutte le precedenti in questa regione, dove solo l’odio per un breve tempo sopito fu velocemente risvegliato dalla guerra. Assalendo i vicini serbo-ortodossi, l’odio musulmano lasciò impronte insanguinate in ogni casa ortodossa della regione.

Il seguente documentario racconta gli orrori e le torture di cui i serbi furono oggetto il 5-6 novembre 1992.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’innesco: USAID & egemonia degli Stati Uniti

Tony Cartalucci, LD 8 luglio 2016maniUSAIDUna nazione è le sue istituzioni. Se queste istituzioni sono invase e non esistono più, anche la nazione cessa di esistere. Le istituzioni vanno dal governo all’istruzione, sviluppo agricolo ed economico, gestione delle risorse naturali, infrastrutture energetiche, dei trasporti e della sicurezza. A questo si pensa nel concetto di moderno Stato-nazione. Contrariamente alla credenza popolare, invasione ed occupazione di una particolare nazione non è una mera azione militare. Inoltre, per necessità, comporta distruzione, occupazione o sostituzione delle istituzioni menzionate. L’esempio più estremo fu l’invasione dell’Iraq, dove le istituzioni irachene furono da cima a fondo completamente distrutte, sostituite o occupate dall’Autorità Provvisoria della Coalizione (CPA). La CPA era guidata dallo statunitense Paul Bremer che, lungi dall’essere un militare, proveniva dal dipartimento di Stato degli Stati Uniti e aveva in passato diretto organi d’amministrazione finanziaria. La CPA si assunse la responsabilità di tutti gli aspetti della vita in Iraq, dalla privatizzazione dell’economia alla “ricostruzione”, riorganizzando la nazione socialmente, politicamente ed economicamente. Lo spettatore medio si ricorderà lo “shock and awe” del presidente degli Stati Uniti George Bush e le battaglie più note dell’invasione e successiva occupazione. Quello che raramente ricorda è il dominio onnicomprensivo degli Stati Uniti della nazione attraverso una CPA meramente sostenuta dai militari degli Stati Uniti. Eppure, nonostante la natura relativamente noiosa del lavoro della CPA rispetto alle operazioni di sicurezza delle forze statunitensi, la CPA essenzialmente “occupò” e infine conquistò l’Iraq.

USAID & Co., invasione ed occupazione a bassa intensità
Iraq e Afghanistan sono esempi estremi dell’egemonia globale degli Stati Uniti, comprendente invasioni spettacolari, con grandi e lunghe occupazioni militari, e “nation-building” di varie organizzazioni utilizzate dagli Stati Uniti per proiettarsi all’estero. Una di tali organizzazioni è l’USAID. Dovrebbe, ma raramente accade, preoccupare le nazioni che l’USAID abbia svolto un ruolo fondamentale nelle invasione, occupazione e conquista di Iraq e Afghanistan, mentre ha anche una presenza capillare nel mondo ovunque vi siano interessi su cui gli USA rivolgono l’attenzione. L’USAID e un esercito virtuale di organizzazioni non governative (ONG) e aziende di facciata che supporta nel mondo, sono impegnati in attività in altre nazioni che vanno dall’istruzione ad energia, risorse naturali, sviluppo economico, trasporti e sicurezza, in altre parole a tutto ciò cui le nazioni dovrebbero badare da sé. L’USAID non cerca di collaborare sinceramente con i governi, ma invece crea reti che operano in modo indipendente e parallelo ad istituzioni e reti nazionali. L’USAID e la crescente rete di sostegno si estendono in ogni nazione, occupando lentamente le responsabilità in tutte le aree che un governo sovrano dovrebbe gestire, emarginando e svuotando i governi esistenti. Quando le reti parallele hanno il peso decisivo, vengono utilizzate per rimuovere i governi e installarvi un regime cliente al suo posto che risponda soprattutto agli interessi speciali che hanno patrocinato e diretto le attività dell’USAID. L’USAID cerca attivamente di cooptare elementi locali, sia gruppi che persone di valore. In genere mirano a iniziative e ONG indipendenti, motivo per cui USAID ed altre organizzazioni non governative finanziate dal governo degli Stati Uniti sono sempre più impegnate nella cooperazione, anche sponsorizzando creazione e gestione di nuovi spazi nel mondo in via di sviluppo, creandosi un vantaggioso terreno di caccia delle risorse locali.

Il gioco del “Go” globale
L’USAID non da a nessuno “aiuti”, ma invade la nazione presa di mira costruendovi reti su quelle autoctone esistenti, mettendo le persone contro la nazione e rendendo le reti preesistenti irrilevanti. Essenzialmente riempie lo spazio geostrategico, informativo, tecnologico e socio-politico con la propria influenza, eliminando tutto il resto. A differenza del gioco degli scacchi, in cui i giocatori cercano di eliminare i pezzi dell’avversario con un logoramento strategico, USAID ed altre organizzazioni similari perseguono una strategia paragonabile al gioco orientale del Go. Nel Go, i giocatori cercano di mettere il maggior numero di pezzi possibile ai bordi, assumendo il controllo di più territorio. In questo contesto, qualsiasi nazione potrebbe rappresentare la scacchiera, con i vari pezzi in settori quali energia, istruzione, sanità e sicurezza. L’USAID cerca di mettere i propri pezzi in questo ambito, in genere sotto forma di beneficenza o aiuti esteri e prosegue ponendo i propri pezzi sulla scacchiera, grazie a risorse inesauribili e al vantaggio che le sue vere intenzioni sono spesso ignote a governi e popoli delle nazioni in cui opera. Gli Stati Uniti, attraverso l’USAID , essenzialmente agiscono contro attori sprovveduti che non sanno nemmeno che il gioco è iniziato. L’USAID può quindi rapidamente e facilmente sopraffare il regime coi suoi “pezzi”, finanziando ONG, cooptando organizzazioni e singoli di valore e creando istituzioni parallele che seguono i vari aspetti della nazione presa di mira proprio sotto il naso del suo governo. In coordinamento con fronti politici ed altre organizzazioni non governative finanziati dal dipartimento di Stato USA, possono quindi iniziare ad eliminare le istituzioni locali e rovesciare i governi in favore di fantocci gestiti da interessi occidentali o da regimi clientelari piegati alla volontà degli Stati Uniti. Le nazioni prese di mira spesso si rendono conto troppo tardi che lo “spazio” sulla scacchiera è dominato da interessi stranieri e che ciò che rimane delle istituzioni e reti locali è trascurato ed atrofizzato, con scarsa possibilità di opporre resistenza.

Le “regole” dell’USAID sono dettate dai manuali controinsurrezionali
61BFB6527 La versione dell’USAID del “Go” ha le sue regole, che si possono scaricare facilmente on-line da uno qualsiasi dei numerosi siti web del governo degli Stati Uniti, sotto forma di manuali di contro-insurrezione. In tali manuali è descritto che per controllare una determinata popolazione vanno controllati gli elementi essenziali da cui la popolazione dipende, dalla produzione di energia ad istruzione, raccolta dei rifiuti e creazione di posti di lavoro. Controllando tali aspetti di ogni popolazione, si controlla la popolazione stessa. E’ la chiave per sconfiggere non solo una “rivolta”, ma anche per scatenare un’insurrezione. L’USAID proiettando la propria influenza in una data nazione, in realtà scatena una sorta d’insurrezione, un tentativo di prendere il controllo di un governo, per quanto graduale e paziente sia la natura di tale rivolta. Le aree indicate nei manuali di controinsurrezione degli Stati Uniti come essenziali da controllare, sono (ma non si limitano a):
– polizia e vigili del fuoco,
– acqua,
– elettricità
– istruzione e formazione,
– trasporto,
– medicina,
– servizi igienico-sanitari,
– banche,
– agricoltura,
– lavoro,
– fabbriche e,
– costruzioni
Alla domanda su quali aspetti sono regolarmente inclusi nei programmi diell’USAID, la risposta è praticamente tutti.

Sconfiggere il gioco dell’USAID
In ogni nazione l’USAID dovrebbe essere dichiarata agenzia estera le cui attività vanno fortemente limitate. Ogni centesimo che amministra, se ha il permesso di operare, dovrebbe andare direttamente ai programmi governativi. I programmi dell’USAID dovrebbero essere subordinati alle istituzioni governative, dirette da istituzioni governative e il suo ruolo nei programmi accreditati subordinato alle istituzioni governative. All’USAID dovrebbe essere severamente vietato avere reti, programmi, corsi, concorsi ed incontri indipendenti al di fuori degli USA. Ma ancora più importante, le nazioni devono capire che la scacchiera del “Go” è il loro territorio e le popolazioni che rappresentano; devono creare e posizionare i propri pezzi su questa scacchiera in quantità e qualità tali che non ci sia spazio per i pezzi dell’USAID. Così una nazione non solo contrasterà l’USAID e la sua cospirazione, ma sconfiggerà sul piano fondamentale tale “gioco”. Una nazione che crea istituzioni e reti forti gestendo e avanzando nelle aree essenziali al progresso della civiltà moderna, sventa la necessità di “aiuti esteri” in primo luogo. Non è solo per orgoglio che una nazione non debba affidarsi ad”aiuti esteri”, ma per sopravvivere, dato che l'”aiuto” non è gratuito e, come nel caso dell’ USAID, è vettore della proiezione egemonica nel cuore di una nazione.

Quando si dice: cooperante delle ONG dell'USAID, s'intende: CIA

Quando si dice: cooperante delle ONG dell’USAID, s’intende: CIA

Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore di geopolitica di Bangkok.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il collasso accelerato degli Stati Uniti

Entrefilets 9 luglio 2016maxresdefaultAbbiamo sempre pensato che l’implosione degli Stati Uniti avrebbe segnato l’inizio del collasso finale del sistema atlantista neoliberista. Ma oggi, c’è più dei pixel della narrazione hollywoodiana ancora utilizzati per nascondere la realtà di un impero in rapido sfaldamento. E le cose accelerano a un ritmo fenomenale. Di fronte alla prospettiva di una vittoria probabile di Trump su una politicamente già morta Clinton, la mafia washingtoniana è nel panico e cerca di avviare il controtiro ovunque possa, nel tentativo di provocare una guerra civile razziale, nel Paese, e accelerando il confronto diretto con la Russia (1), fuori. Con risultati incerti in diversi Stati, come Texas e California, che già preparano la loro versione locale della “brexit” per sfuggire all’incendio che minaccia di far sparire questo falso Paese (2).

Kiev a Dallas
gunman dallas_0 I dirigenti occulti dello Stato profondo degli Stati Uniti sembrano aver finalmente risolto la questione delle elezioni presidenziali. Hillary è finita. Anche se sfugge, per ora, all’indagine sul cosiddetto emailgate, Clinton è un cadavere politico che si auto-pratica la respirazione artificiale e nessuno sembra volerci scommettere. Niente potrà salvarla e, addirittura se dovesse andare al potere ripetendo la truffa che portò Doobleyou due volte alla presidenza, non potrà governare. Troppi intrallazzi, troppi scheletri negli armadi. Ed ora è anche sospettata di opportunismo, mentre alla Casa Bianca raccoglie enormi quantità di denaro per la sua fondazione in cambio di contratti per armamenti (3). Questo è, a nostro avviso, la luce sotto cui va visto l’evento di Dallas dove i piani di guerra civile razziali avviati nel 2014 (4) a Fergusson, hanno solo subito una clamorosa spinta. Le immagini di RT mostrano uno dei tiratori in azione, ed è assolutamente chiaro che fosse un perfetto professionista, un ex-marine “squilibrato” possibilmente telecomandato e/o arruolato dalla CIA (5). Ricordiamo che nel 2015 le polizie degli Stati Uniti hanno ucciso oltre 1100 civili, tra cui la metà “non bianchi”. Il 40% delle vittime erano neri disarmati. A questo punto non si tratta di errori, ma di una lunga strategia. Disordini sociali significativi potrebbero effettivamente, se necessario, essere usati da cortina fumogena per ogni operazione per sospendere le elezioni a causa di emergenze, come l’omicidio di Trump, per capirsi.
Sul fronte aperta contro la Russia in Europa grazie al colpo di Stato di Majdan (6), non c’è bisogno di tornarci avendo già ampiamente esposto le manovre statunitensi che mirano a rendere il Vecchio Continente (ora trasformato in una caserma della NATO) nel teatro di una possibile guerra futura (7). Ma nel momento in cui la NATO ha deliberatamente scelto di tenere l’ultimo vertice alle porte della Russia per irritare ulteriormente Mosca, conficcheremo ancora più il chiodo denunciando ancora una volta il grado di sottomissione assolutamente scandaloso dei merdia occidentali, che continuano a spacciare la narrazione statunitense della minaccia russa. Si tratta dei “collaborazionisti” zelanti dei guerrafondai che minacciano d’inghiottire il mondo in una nuova macelleria, e prima o poi tutti dovranno risponderne.

Un falso Paese profondamente diviso
6600cd6ac9477221372450d17e3e1cbf Ma, come si suol dire, al peggio non c’è mai fine. Tornando al nostro argomento, ora tutto indica che il 2016 sarà l’anno del definitivo tracollo degli Stati Uniti. La prospettiva è sicuramente da mozzafiato, perfino incredibile. Per misurarne la probabilità, dobbiamo strappare, letteralmente, la narrazione hollywoodiana per capire che gli Stati Uniti di fatto non hanno alcun cemento reale che possa consentirgli di superare l’immensità della crisi terminale che li corrode da quasi un decennio. Citando la possibile dissoluzione degli Stati Uniti fin dal marzo 2009 (8), indicammo un testo di Philippe Grasset, editore del sublime sito Dedefensa.org, che riassume molto bene la fragilità intrinseca del falso Paese che sono gli Stati Uniti: “Gli Stati Uniti non sono, a nostro avviso, una nazione nel termine necessariamente eroico (la storia), ma un sistema di utilità. (…) Questo è intelligente, ben distribuito nella gestione degli interessi dalla virtù estremamente notevole del negoziante sempre e comunque alla base, non c’è dubbio. Ma non c’è alcun legame con la storia, non quella trascendenza particolare stabilita dalla virtù dell’eroismo (o “sacrificio dell’interesse particolare per il bene generale”). L’interesse speciale ha trovato un buon investimento nell’associazione e nell’organizzazione generali, giustamente chiamate “interesse generale”; non si tratta affatto del “bene pubblico” nel senso classico della disponibilità a tutti in generale, come comunità storica in riferimento alla nozione di trascendenza. I cittadini degli Stati Uniti sono gli azionisti dell'”interesse generale” e regolarmente chiedono di renderne conto, naturalmente, con i più scaltri che vincono la scommessa. Tutto ciò funziona bene come affare ben gestito, dove la redditività per gli azionisti è il riferimento supremo. Il risultato è un insieme artificiale profondamente diviso (con) tensioni permanenti tra le diverse regioni e comunità“. E ricordate che tale sistema fu assemblato con la violenza armata della guerra civile e che “Lincoln e Grant sapevano cosa stavano facendo quando ordinarono a Sherman di distruggere tutta la cultura del Sud, la “nazione del Sud”, nella sua famosa “passeggiata in Georgia” nel 1864, perché sapevano che il sistema non può accettare alcuna diversità autentica“.
Poi aggiungiamo a tale quadro “che le stesse circostanze della creazione del Paese lo privano della naturale connessione con la terra che occupa, essendo stato costruito su un territorio rubato dopo il genocidio delle nazioni indiane. La legittimità del legame con la terra, principale riferimento, è la base organica della costituzione di una vera e propria nazione, e qui manca ancora. In questo, gli Stati Uniti sono quindi (un sistema opportunistico) che “galleggia” sulla superficie della terra rubata“. Di conseguenza, i movimenti secessionisti che vanno affermandosi in California (il 41% dei californiani ritiene che il loro Stato dovrebbe essere indipendente, secondo un sondaggio su quasi 9000 persone) e in Texas, dovrebbero essere considerati seriamente. Il panico crescente in cui la mafia washingtoniana procede nella gestione della crisi è un sintomo altrettanto indicativo della fragilità di tale falso Stato. E se le sue manovre falliscono, il suo collasso potrebbe essere molto più rapido del previsto, lasciando l’Europa turbata probabilmente per qualche tempo, ma finalmente libera.Homecoming Rodeo action at Mayfest Hill Park - Terry  Hagerty phNote
1 La posta elettronica piratata conferma la spinta della NATO a provocare il conflitto con la Russia
2 California Dreaming: ‘il movimento dei separatisti aumenta’
3 Maledette e-mail!
4 Perché l’amministrazione Obama si ostina ad iniziare una guerra razziale
5 Sparatoria a Dallas: uomo spara a distanza ravvicinata su agenti di polizia
6 Ucraina-Russia: quando l’impero getta la maschera
7 L’UE è diventata la caserma della NATO
8 L’ipotesi della dissoluzione degli Stati Uniti

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Rosa Luxemburg Stiftung: l’alleanza tra sinistra e NATO contro la Russia

La Fondazione Rosa Luxemburg e la ‘nuova sinistra’ ucraina spianano la via della NATO contro la Russia
Susann Witt-Stahl e Denis Koval, Junge Welt, 25 giugno 2016 – New Cold War

rlsLa Rosa Luxemburg Foundation affiliata a Die Linke (partito di sinistra) vuole andare sul sicuro. Non cerca la tradizionale storica sinistra filo-sovietica o marxista, piuttosto promuove una “nuova sinistra”. La fondazione prende il nome dall’icona mondiale dei movimenti anticapitalisti la cui identità è legata alle idee comuniste e antimperialiste. Ma i membri della dirigenza della Fondazione raccomandano la convergenza con l”imperialismo liberale’ dell’egemone globale, gli Stati Uniti. Comprensibilmente, ciò richiede una certa flessibilità politica. Le forze progressiste non si dovrebbero porre da un lato o l’altro nella competizione delle potenze imperialiste, dice la pagina Facebook della Rosa Luxemburg Stiftung Ucraina. Chiede che la “sinistra indipendente” si distanzi dal blocco NATO-UE da un lato, e dalla Russia dall’altro. Tale programma non è seguito dalla Rosa Luxemburg Foundation (RLF) con i partner ucraini. Non si parla mai esplicitamente contro l’espansione accelerata delle potenze occidentali ai confini della Federazione russa. Invece, si avverte sempre sullo “sciovinismo grande russo” denunciando l’ex-Unione Sovietica e la sinistra antimperialista. In Ucraina, la Fondazione collabora principalmente con il gruppetto dell”opposizione di sinistra’ (da non confondere con il fronte politico dallo stesso nome, in cui partecipa il partito comunista ucraino). Nell’aprile 2014, l’opposizione di sinistra (LO), insieme al sindacato “indipendente” ‘Zashist Prazi’ (Difesa del Lavoro) di Oleg Vernik si fuse nel ‘movimento sociale’. Lo scopo era creare un’alleanza (finora senza successo), una versione ucraina di Syriza. Uno dei fondatori di ‘LO’ è Zakhar Popovich, che nel 2003 insieme a Oleg Vernik fu espulso dal Comitato per l’Internazionale dei Lavoratori trotskista (riportata da Junge Welt) a causa delle frodi che perpetrarono. Avevano raccolto donazioni per inesistenti organizzazioni di sinistra ucraine. Secondo la propria descrizione, LO è per una politica di pace, oltre la “polarizzazione nazionalista” delle forze pro-ucraine e filo-russe. Ma non osa criticare gli ultranazionalisti ucraini. LO ha apertamente sostenuto l’assalto di euromajdan. Zakhar Popovich e il suo compare Vitalij Dudin, avvocato del Centro di Kiev per la ricerca sociale e del lavoro, sono anche partner di RLF e marciarono in Piazza Maidan con una bandiera rossa dell’UE a fianco dell’ultra-destra. LO inoltre ha accolto con favore la sezione politica dell’accordo di associazione con l’UE, comprendente clausole che prevedono la cooperazione militare dell’Ucraina con l’occidente. Di conseguenza, LO non ha nulla a che fare con l'”opposizione”. Nel marzo 2014, Zakhar Popovich definì il governo golpista di Jatsenjuk “legittimo” e fece appello “a tutti i governi del mondo e alla Russia a riconoscerlo“, annunciando che il suo sostegno era solo “pratico”, non politico, a causa dei numerosi seguaci del partito goebbelsiano Svoboda al governo. La pretesa di LO di porre fine alla guerra civile in Ucraina orientale è espressa dal fatto che nel 2014, Fjodor Ustinov, membro del comitato organizzatore, si unì volontario al ‘battaglione’ estremista ucraino ‘Shachtarsk‘, per partecipare alla “spedizione punitiva” contro gli insorti delle repubbliche popolari del Donbas. La “risposta antimperialista statunitense” all'”aggressione imperialista della Russia” doveva essere rafforzata. Così Ustinov fece capire quale “bilanciamento va fatto verso i due “campi imperialisti” rivali.
11001816 La LO è non solo pienamente nel campo pro-NATO, ma sguazza nel pantano di destra. Il ‘movimento sociale’, secondo LO e Zachist Prazi, è un’organizzazione di “resistenza autonoma che non ha solo compagni”. A Odessa tenne una manifestazione congiunta con i fascisti organizzando marce commemorative per l’esercito insurrezionale ucraino (UPA) di Stepan Bandera, che commise massacri durante la seconda guerra mondiale (in particolare contro la popolazione polacca) e collaborò con la Germania nazista. Il membro e co-organizzatore di LO Andrej Ishenko fu fino al 2004 presidente della cellula di Odessa dell’Assemblea nazionale ucraina – Autodifesa popolare ucraina (UNA-UNSO), partito fascista e organizzazione centrale di Settore destro. I paramilitari di UNA-UNSO contribuirono nel 2004 alla ‘rivoluzione arancione’ del famoso atlantista Viktor Jushenko, diventato presidente dell’Ucraina nel 2005. Forse Andrej Ishenko è ormai un ‘ex’-neonazista? Quasi. Fino ad oggi accoglie ancora i suoi ex-camerati da “amici”. “Non mi vergogno della mia appartenenza a questa organizzazione. Siamo stati in prima linea nella lotta del popolo ucraino per i diritti e le lotte sociali degli anni ’90“, ha detto Ishenko nel 2014, parlando del suo passato non passato. Per Andrej Ishenko, passare da Settore destro alla “sinistra” è sufficiente per RLF, a quanto pare, che lo presenta nelle sue pagine come “attivista di sinistra”. Inoltre, per ripulire ‘resistenza autonoma’ pro-Majdan, Nelia Vakhovska, coordinatrice dei progetti della RLF in Ucraina, e Ivo Georgiev, dal Centro per il dialogo internazionale e la cooperazione della RLF, chiamano ‘resistenza autonoma’ “movimento di cittadini” in un post dal titolo ‘La vita degli attivisti di sinistra in Ucraina è pericolosa’. La pagina facebook della RLF ha collegamenti ai siti dei neo-nazisti banderisti (e dove compaiono articoli della fondazione sorosiana Open Democracy. NdT.).
Anche se LO ha massimo due dozzine di aderenti, conferenze e altri eventi di LO sono promossi dalla RLF e le sue posizioni sono acriticamente diffuse. Questo vale anche per altre strutture dalla ‘nuova sinistra’ ucraina; per esempio la rivista Prostory dell”Unione autonoma dei lavoratori’. I membri di ULA regolarmente si mobilitano contro i “fascisti pro-Putin” (termine per gli oppositori a Majdan) e credono che “non ci sia alternativa” all'”operazione antiterrorismo” nel Donbas. La legge sulla ‘de-comunistizzazione’ e altre misure repressive contro i comunisti ucraini, hanno aperto spazi a ciò quello che alcuni critici chiamano “falsa sinistra” ucraina. Il fatto che tale sinistra detenga il monopolio dei fondi della Fondazione Rosa Luxemburg viene messa a tacere. La ‘nuova sinistra’ è usata per fa passare l’alleanza delle potenze occidentali coi fascisti in Ucraina. Approvano la cooperazione con la NATO e i neocon occidentali dell’élite economica ucraina, avutasi a Maidan, e approvano una nuova escalation contro la Russia.

Precedente: “La pace è guerra”
una-unso La Fondazione Rosa Luxemburg fu coinvolta nella creazione della ‘sinistra’ pro-Majdan. Nell’aprile 2014, per esempio, promosse la conferenza ‘Sinistra e Majdan’ organizzata dai partner ucraini. Il convegno fu anche il congresso di fondazione del ‘movimento sociale’, avviato prevalentemente dall’opposizione di sinistra. I risultati di un sondaggio furono presentati alla conferenza, secondo cui il 93 per cento degli attivisti di Majdan si presentava “apolitica” e solo il 7 per cento (anche i socialisti) organizzato politicamente. Di conseguenza, la percentuale di fascisti e altri radicali di destra a Majdan fu detto essere molto bassa.
Nel dicembre 2015, la Fondazione Rosa Luxemburg supportò la conferenza ‘Aspetti della copertura mediatica del conflitto militare’ organizzata dal Centro per la ricerca sociale e del lavoro, con esperti “che riferivano dalla zona ATO” (‘Operazione antiterrorismo’ è il nome ufficiale del governo di Kiev all’offensiva dell’esercito in Ucraina orientale). Come indicato dall’annuncio della manifestazione, tra i partecipanti vi era Yana Salakhova della ‘Fondazione Rinascimento’ di George Soros e Igor Burdyga, giornalista, membro di LO e militante di automajdan che crede che gli incendiari di Odessa del 2 maggio 2014 fossero “patrioti”, mentre le proteste dei parenti della vittime erano”ucrainofobiche”. RLF sostiene anche i progetti del Visual Culture Research Center di Kiev. Ad esempio, nel 2014 inscenò una serie di mostre dal nome ‘La pace è guerra’ diffondendo propaganda pro-Majdan che incoraggiava lo spettatore a capire che la militarizzazione della società ucraina è “conseguenza dell’aggressione russa dal marzo 2014“. La Fondazione promuove simili artisti nazionalisti, come Sergej Zhadan, che secondo RLF è uno “scrittore di sinistra”, ma che parteciperà al ‘Banderstad Festival’, grande raduno dei fascisti ucraini che si avrà nell’agosto 2016.

La bandiera della nuova sinistra ucraina, e la versione rossa della bandiera dell'Unione europea

La bandiera della nuova sinistra ucraina è la versione rossa della bandiera dell’Unione europea

“Nuove visioni” dell’Ucraina rientra nella sinistra pro-Maidan della Fondazione Rosa Luxemburg
Susann Witt-Stahl, Junge Welt, 25 giugno 2016

Il progetto coordinato dalla Fondazione Rosa Luxemburg in Ucraina sostiene la “vera rivoluzione” contro il comunismo.

Nelia VakhovskaNelia Vakhovska è giornalista, traduttrice e per molti anni ha lavorato a Kiev per la Rosa Luxemburg Foundation tedesca. La 36enne ucraina è vicina al gruppetto ‘opposizione di sinistra’ (di origine trotskista) ed è sostenitrice di euromajdan (che chiama “vera e propria rivoluzione”) e del centro di ricerca “Nuove visioni”. “La destra ucraina non presenta alcun pericolo reale per il governo fondamentalmente liberale di Kiev“, ha detto alla tavola rotonda organizzata dalla Fondazione Rosa Luxemburg (RLF) a Berlino nel marzo 2014, descrivendo il primo governo del primo ministro Arsenij Jatsenjuk, che sappiamo costituito esclusivamente da destra moderata ed estrema, compreso il partito Svoboda. Vakhovska non nega la violenza della destra in Ucraina, ma produce la propria interpretazione celebrando banderisti ed altri movimenti fascisti ucraini. “I seguaci di Stepan Bandera sono un’invenzione della propaganda di Putin“, dice Vakhovska. La sua tesi dovrebbe riscaldare i cuori di tutti i sostenitori della linea dura anti-russa nel partenariato parlamentare di sinistra tra Verdi e SPD (socialdemocratici) in Germania. Ma ogni socialista dovrebbe esserne inorridito. A quanto pare, Vakhovska trascura le centinaia di uniformi e bandiere dell’esercito ucraino di Bandera della seconda guerra mondiale presenti alle proteste Majdan così come il ritratto alto cinque metri del vecchio-nuovo eroe nazionale vicino al grande palco di Majdan, nel centro di Kiev. Vakhovska esprime anche una visione molto specifica della storia dell’Ucraina repubblica ex-sovietica. “Il concetto di sinistra è naturalmente screditato a causa del passato sovietico e della situazione post-coloniale di oggi“, dice. Questo punto di vista non fu contestato alla manifestazione di Berlino. Non c’era “una controvisione” all’evento. La RLF non ha idee marxiste antimperialiste ed altre che darebbero pluralità di opinione nelle sue pagine ed eventi. Non ci sono sfumature, quando Vakhovska conclude sui comunisti ucraini partecipi al movimento anti-Majdan e i cui attivisti sono stati costretti all’esilio dai nuovi governanti. Questi comunisti sono dovuti fuggire o sono stati imprigionati. I violenti scontri tra sostenitori euromaidan e loro oppositori (tra cui l’organizzazione marxista Borotba) a Kharkov e Odessa hanno creato il “punto di non ritorno”. Ma Vakhovska nei suoi scritti per la RLF non incolpa i fascisti, che hanno bruciato il palazzo dei sindacati ad Odessa il 2 maggio 2014, uccidendo 48 persone, tra cui un membro di Borotba. Al contrario, Vakhovska presenta una contro-spiegazione della “nuova sinistra” sugli eventi, insieme al partner della RLF, la Visual Culture Research Center, chiedendo di escludere Borotba perché presumibilmente “sostiene il passato sovietico autoritario”. Ma Vakhovska non dice che, insieme alla sua rivista Prostory, è coinvolta nella campagna contro i marxisti.Смолоскипний_марш,_Київ,_1.01.2015_(1)Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Inchiesta Chilcot: le prove del crollo dell’impero USA

Katehon, 07/07/2016

Nel Regno Unito il rapporto ufficiale della commissione governativa guidata da Sir John Chilcot sulla guerra in Iraq è stato pubblicato. L’indagine Chilcot ha dimostrato ufficialmente che l’invasione dell’Iraq da parte del Regno Unito fu condotta su pressione degli Stati Uniti ed era contraria agli interessi nazionali del Paese.John-Chilcot-the-Chairman-of-the-Iraq-InquiryNon c’era motivo d’invadere l’Iraq
L’inchiesta Chilcot osserva che non vi era alcuna vera ragione per l’invasione dell’Iraq. Dice chiaramente: “La decisione di usare la forza, una decisione molto grave per qualsiasi governo, ha provocato una profonda controversia in relazione all’Iraq e divenne ancora più acuta quando successivamente si scoprì che i programmi iracheni per sviluppare e produrre armi chimiche, biologiche e nucleari erano stati smantellati”. Secondo l’inchiesta, le opzioni diplomatiche in quella fase non si erano esaurite. L’Iraq non fu collegato alle reti terroristiche internazionali. Il Paese non possedeva armi di distruzione di massa che potevano essere utilizzate in atti terroristici e non rappresentava alcuna minaccia per il Regno Unito. Tale era la visione della comunità d’intelligence del Regno Unito: “Sir David Omand, coordinatore della sicurezza e dell’intelligence del governo nel 2002-2005, ha detto all’inchiesta che, nel marzo 2002, il Servizio di Sicurezza riteneva che la “minaccia del terrorismo dall’apparato d’intelligence di Sadam in caso d’intervento in Iraq… era giudicata limitata e contenibile”. “La capacità di condurre attacchi terroristici efficaci” di Sadam era “molto limitata”. “La capacità terroristica” dell’Iraq era “insufficiente per effettuare attacchi biologici oltre singoli tentativi di assassinio con veleni chimici”. La Gran Bretagna non considerava l’Iraq una minaccia alla sua sicurezza nazionale.

La leadership del Regno Unito sapeva delle conseguenze
La relazione conferma che la comunità d’intelligence del Regno Unito presentava al primo ministro tutte le analisi necessarie sulle conseguenze della decisione d’invadere l’Iraq. In particolare, fu osservato che il rovesciamento di Sadam Husayn avrebbe comportato una forte affermazione degli estremisti islamici, trasformando il regno in una priorità per i loro scopi, massacri e frammentazione dell’Iraq. Blair fu informato che l’invasione dell’Iraq avrebbe aumentato la minaccia al Regno Unito e agli interessi del Regno Unito da parte di al-Qaida ed affiliati. Affrontando le prospettive future, la valutazione del JIC ha concluso: “...al-Qaida e gruppi associati continueranno a rappresentare di gran lunga la peggiore minaccia terroristica agli interessi occidentali, e che le minacce cresceranno con l’azione militare contro l’Iraq. Minacce più gravi dai terroristi islamici si avranno anche in caso di guerra, riflettendo un’intensificato sentimento anti-USA/anti-occidentale nel mondo musulmano, e anche tra le comunità musulmane in occidente. C’è il rischio che il trasferimento di materiale o esperienza CB (chimico e biologico), durante o dopo il conflitto, potenzierà al-Qaida“.

L’invasione è stata un atto di aggressione basata deliberatamente su menzogne
L’invasione si basò su deliberate menzogne e manipolazione dell’opinione pubblica. Sir John Chilcot dichiarava, presentando i risultati di un’indagine, che la politica del Regno Unito si basava su “intelligence e valutazioni imperfette, che non furono contestate ma avrebbero dovuto esserlo“. Il Regno Unito ha deliberatamente distorto i fatti sulla presunta minaccia rappresentata dall’Iraq. In particolare, Jack Straw, ministro degli Esteri inglese, all’epoca insistette sulla distorsione delle informazioni nei documenti ufficiali, per convincere gli altri responsabili politici e l’opinione pubblica della necessità di un intervento in Iraq: “Quando vide il progetto di documento sui Paesi preoccupati dalle ADM, l’8 marzo, Straw commentò: “Bene, ma non dovrebbe essere l’Iraq il primo, ed anche esservi altri testi? Il documento deve dimostrare il motivo per cui vi è una minaccia eccezionale dall’Iraq. Non riesco però a trovarlo ancora.” Il 18 marzo, Straw decise che un documento sull’Iraq doveva essere rilasciato prima di un indirizzo agli altri Paesi interessati. Il 22 marzo, Straw fu consigliato che la prova non avrebbe convinto l’opinione pubblica che vi fosse una minaccia imminente dall’Iraq. La pubblicazione fu rinviata”.

Fantocci degli Stati Uniti
L’unica ragione per invadere l’Iraq fu il forte impegno degli Stati Uniti. Il rapporto mostra chiaramente come la retorica e la visione della leadership inglese sull’Iraq cambiò, la strategia richiedeva sanzioni intelligenti prima dell’invasione influenzata dagli statunitensi. Allo stesso tempo, l’intelligence inglese riferì che l’Iraq non poneva alcun pericolo reale o che supportasse i terroristi. La decisione di Blair d’invadere l’Iraq fu influenzata dal suo interesse a proteggere il rapporto del Regno Unito con gli Stati Uniti, secondo Chilcot. Il sostegno incondizionato era giustificato dalla: “Preoccupazione che le aree vitali della cooperazione tra Regno Unito e Stati Uniti fossero danneggiate se il Regno Unito non dava agli Stati Uniti pieno appoggio sull’Iraq. Vi era la convinzione che il modo migliore d’influenzare la politica degli Stati Uniti verso la direzione preferita dal Regno Unito era dare un sostegno pieno e incondizionato, e cercare di convincere dall’interno”. Così, ufficialmente il motivo principale dell’invasione inglese dell’Iraq fu la dipendenza dagli Stati Uniti del Regno Unito. La commissione non si oppone all’orientamento filo-statunitense, ma al contrario lo sostiene dichiaratamente. Tuttavia, osservava che le relazioni con gli Stati Uniti “non hanno bisogno di un sostegno incondizionato laddove i nostri interessi e giudizi differiscono“, secondo Chilcot.

I venti del cambiamento
Formalmente, l’inchiesta Chilcot avrebbe dovuto essere resa pubblica sette anni fa. La pubblicazione fu rinviata più volte per via della posizione degli Stati Uniti. E ora è pubblica, riflettendo il declino dell’egemonia degli Stati Uniti: l’alleato più fedele, il Regno Unito, negli ultimi due anni mostra che il crollo del sistema statunitense è questione di tempo e si prepara a un nuovo mondo. La pubblicazione del rapporto ufficiale della commissione istituita su iniziativa del governo di Gordon Brown, in cui l’argomento degli avversari all’invasione dell’Iraq 13 anni fa, (principalmente Russia) viene ripetuto apertamente, è possibile solo in un caso, quando una parte dell’élite inglese desidera prendere le distanze dagli Stati Uniti, dalla loro politica e da chi nell’élite ha fin troppo stretti legami con gli Stati Uniti. Il fatto che nel Regno Unito ci sia chi guarda verso un futuro post-USA dimostra la stretta integrazione delle finanza inglese dei Rothschild con la Cina, e la decisione della Gran Bretagna di partecipare al progetto cinese dell’Asian Infrastructure Investment Bank, contro la volontà degli Stati Uniti. Ciò è anche dimostrato dai risultati del referendum sull’adesione all’UE. La Brexit e un conteggio dei voti onesto non avrebbero avuto luogo senza il sostegno delle élite. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sono apertamente contrari alla Brexit. Ora il referendum nel Regno Unito e l’incertezza seguente blocca la struttura del libero scambio transatlantico. Allo stesso tempo, il Regno Unito è escluso dai negoziati sull’accordo finché sarà in transizione. Paradossalmente, il Regno Unito ha costantemente implementato misure per allontanarsi dal mondo USA-centrico. Tuttavia, ciò non riflette l’intero quadro, ufficialmente è il primo alleato degli USA, ma sembra una tendenza importante. La spiegazione più plausibile è il desiderio di non farsi seppellire dalle macerie dell’impero USA. Va ricordato che il Regno Unito è diventato volontariamente un satellite degli Stati Uniti, consegnandogli il ruolo di Sea Power. Quindi nulla gli impedirà di lasciare gli Stati Uniti quando ritenuto necessario. L’indebolimento degli Stati Uniti introduce nuove regole del gioco. E queste regole si creano meglio quando il processo diventa irreversibile. E i cambiamenti in Gran Bretagna dimostrano tale irreversibilità. La Brexit e la stessa discussione su di essa, la posizione ambigua di Londra nelle relazioni tra Washington e Pechino, e ora il rapporto sulla guerra in Iraq, che potrebbe essere seguito dal processo a Tony Blair, indicano a Londra una serie di nuove possibilità d’influenza politica in Europa e nel mondo.Tony-Blair_0Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.289 follower