Come Blackwater ed Emergency traghettano migranti in Italia

Gefira 11/10/2016 – Newropeans

Regina e Chris Catrambone

Regina e Chris Catrambone

MOAS è l’acronimo di Stazione di aiuto ai migranti in mare aperto. Si tratta di un’organizzazione non governativa con sede a Malta che si è posto il compito di pattugliare il Mediterraneo e salvare persone in alto mare, recuperandole da gommoni, zattere e barche sul Phoenix, il peschereccio della MOAS, una nave completa di droni per sorvegliare le acque, traghettando i migranti per miglia, dalle coste libiche alla Sicilia. L’organizzazione è gestita da Chris Catrambone (35) e sua moglie Regina. Chris Catrambone, statunitense della Louisiana diplomato al college, gestiva un ristorante su un battello a vapore ed ha lavorato presso il Congresso degli Stati Uniti a Washington DC, prima di lavorare come investigatore assicurativo. In tale veste fu inviato nei luoghi più pericolosi del mondo, come ad esempio Iraq e Afghanistan. Dopo aver fatto abbastanza esperienza, e accidentalmente sopravvissuto all’uragano Katrina in Louisiana nel 2005, l’anno dopo Chris Catrambone fondava il Tangiers Group, azienda globale specializzata in “Servizi di assicurazione, assistenza di emergenza, gestione dei sinistri sul campo ed intelligence“(1)). Inizialmente operava dagli Stati Uniti, ma per gestire meglio l’azienda in espansione trasferiva le attività in Italia (dove incontrava la futura moglie) e poi a Malta. È qui che nel 2013 Chris Catrambone fondò la Migrant Offshore Aid Station (MOAS) per assistere la popolazione del terzo mondo ad attraversare il mare in cerca di una vita migliore. Catrambone e la moglie si dice che abbiano speso 8 milioni di dolari propri per tale fine, perché, come il fondatore della MOAS ha confessato, anche lui, una volta che perse la casa a causa di Katrina, capì la situazione degli altri.
ianIan Ruggier è un membro del consiglio della MOAS. Questi un tempo fece scalpore a Malta con un piano volto a frenare i migranti in rivolta a Malta. Le unità di polizia circondarono la folla, ed isolarono e colpirono i capi per evitare ulteriori dimostrazioni. Eppure qualcosa andò storto e fallì, con le organizzazioni pro-immigrati che fecero enorme clamore e i tribunali che se ne occuparono (2). Dopo 25 anni di servizio, Ian Ruggier ha trovato lavoro nella MOAS: incaricato di contenere i migranti ora è passato dalla loro parte: Saulo divenne Paolo. Forse.
Ma che succede se Ian Ruggier è soltanto l’uomo il cui compito è garantire che i migranti soccorsi o infiltrati in Europa non finiscano a Malta? Perché le barche della MOAS sono di stanza a Malta, da dove operano. Una volta caricati di immigrati, salpano dal porto di La Valletta verso l’Italia per scaricarvi il carico umano. Robert Young Pelton è consulente strategico della MOAS (3), fondatore di Migrant Report (4) e proprietario della Dpx (Posti estremamente pericolosi) Gear, che vende coltelli da guerra (5) per chi si reca nelle zone di conflitto da cui, stranamente, provengono le persone che si suppone MOAS e Migrant Report dovrebbero aiutare. Come giornalista free-lance ha incontrato Eric Prince, il fondatore della Blackwater, la società militare privata statunitense (mercenari) impegnata in operazioni in Afghanistan e Iraq; per inciso, la Blackwater è stata impiegata anche in Louisiana, durante l’uragano Katrina: Chris Catrambone era capitato lì proprio in quel momento. Robert Young Pelton ha incrociato Eric Prince su questioni finanziarie.
Ma tornando a Chris Catrambone. Un giovane laureato e dipendente, costituisce una società (Tangiers Group) che estende rapidamente le attività in oltre cinquanta Paesi, comportando profitti per milioni da potersi creare l’ente di beneficenza che si chiama MOAS. MOAS impiega uomini che contemporaneamente possono intervenire presso le aziende militari private o essere incaricati di frenare l’afflusso di persone che cercano di attraversare il Mediterraneo. Tale organizzazione non-governativa non è in concorrenza con i governi europei nel recupero dei migranti: piuttosto li integra, un riconoscimento per cui il suo fondatore riceve premi. (6)
aaeaaqaaaaaaaak Alcune domande sorgono. Come ha fatto Chris Catrambone ad accumulare tale fortuna, così giovane, sul mercato delle assicurazioni? (7) È il suo ente di carità è solo un’espressione delle proprie convinzioni personali? Persegue scopi politici? Il suo Tangiers Group opera nelle zone di guerra: è un puro caso? Lavorò presso il Congresso degli Stati Uniti a Washington DC. Alcuni suoi collaboratori spuntano nelle stesse zone pericolose dove opera Tangiers Group. Anche qui un puro caso? Sembra che ci sia una stretta relazione tra MOAS, marina maltese ed esercito statunitense. MOAS è guidata da un ufficiale di marina noto per il duro trattamento inflitto agli immigrati; fu promosso partner commerciale della Blackwater, ben nota per le azioni spietate contro i civili e di proprietà di una persona che ha fatto fortuna sfruttando le operazioni militari statunitensi in Afghanistan, Africa del Nord e Medio Oriente. Lo stesso denaro, in un modo o nell’altro, guadagnato creando caos in Africa e Medio Oriente, provocando la crisi dei rifugiati, viene ora usato per spedire migliaia di africani senza documenti nel cuore dell’Europa, causando problemi in Italia, Francia, Grecia e Germania. Non si può fare a meno di chiedersi se quelli della MOAS siano onesti salvatori o compiano la missione di destabilizzare ancora di più l’Europa.tumblr_nh96xy1z101u6emqdo1_1280

 Robert Young Pelton in Afganistan nel 2001, durante l'invsione degli USA. Qui era circodanto dai guerriglieri dell'Alleanza del Nord, il fronte di cui era leader il potente narcotrafficante afgano Ahmad Shah Masud, grande amico di Gino Strada. C'è un nesso? Pelton era presente

Robert Young Pelton in Afganistan nel 2001, durante l’invasione degli USA. Qui era circondato dai guerriglieri dell’Alleanza del Nord, il fronte di cui era leader il potente narcotrafficante afgano Ahmad Shah Masud, grande amico di Gino Strada. C’è un nesso?

Robert Young Pelton, in Iraq assieme agli amici della Blackwater

Robert Young Pelton, al centro, in Iraq assieme agli amici della Blackwater. Pelton è “consigliere strategico” dell’ente immigrazionista MOAS con cui Emergency di Gino Strada ha stretto forti legami.

Riferimenti
1. Christopher Catrambone, My Story.
2. Come l’esercito ha sbagliato, Times of Malta, 19/12/2005, un ufficiale responsabile della disastrosa gestione delle proteste, Malta Today 16/11/2007.
3. Robert Young Pelton: Aid Station Migrant Offshore (MOAS) e la crisi dei rifugiati dalla Siria.
4. Migrant Report
5. Dpx Gear
6. MOAS, giovane eroe tra coloro onorati nel giorno della Repubblica, 13/12/2015 Malta Today 2015/12/13.
7. “Avevo un patrimonio netto di 10 milioni di dollari prima di compiere trent’anni. (…) Non sono cresciuto nel denaro o nel lusso. Ho costruito tutto quello che ho da zero, attraverso il duro lavoro e la dedizione. Ad un certo punto, ho cominciato a vedermi arrabbattarmi tra questioni sui soldiPhoenix Rising.

Il sodalizio tra MOAS ed Emergency risale al 2011?

Il sodalizio tra MOAS ed Emergency risale al 2011?

La MOAS usa droni da ricognizione.

La MOAS usa droni da ricognizione di origine militare per le operazioni di ‘recupero’ di migranti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le ONG contrabbandano immigrati in Europa?

Qualcosa di molto strano accade nel Mediterraneo
GefiraSouth Frontjason_florio_moas-eu-8604Per due mesi, utilizzando marinetraffic.com, abbiamo monitorato i movimenti delle navi di proprietà di un paio di organizzazioni non governative e, utilizzando i dati di data.unhcr.org abbiamo tracciato l’arrivo quotidiano di immigrati africani in Italia. Abbiamo scoperto di essere testimoni di una grande truffa e di un’operazione di traffico illegale di esseri umani. ONG, contrabbandieri e mafia in combutta con l’Unione europea hanno spedito migliaia di clandestini verso l’Europa con il pretesto di salvarli, assistiti dalla guardia costiera italiana che ne coordina le attività. I trafficanti di esseri umani contattano la guardia costiera italiana per ricevere aiuto e raccogliere i loro dubbi carichi. Le navi delle ONG vengono dirette sul “luogo del soccorso”, anche se è ancora in Libia. Le 15 navi che abbiamo osservato sono di proprietà o affittate da ONG viste regolarmente salpare dai porti italiani in direzione sud, fermarsi a poche miglia dalle coste libiche, prendere il carico umano a bordo e naturalmente rientrare per 260 miglia in Italia, anche se il porto di Zarzis, in Tunisia, è solo a 60 miglia di distanza dal punto di salvataggio. Le organizzazioni in questione sono: MOAS (Migrant Offshore Aid Station), Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Medici Senza Frontiere, Save the Children, Proactiva Open Arms, Sea-Watch.org, Sea-Eye e Life Boat.
Le vere intenzioni dietro le ONG non sono chiare. Il loro movente può essere il denaro, che non sorprenderebbe se si rivelasse essere così. Possono anche essere politicamente pilotati; le attività dell’organizzazione di Malta, MOAS, che traffica persone in Italia, è la migliore garanzia che i migranti non appaiano sulla rive maltesi. MOAS è gestita da un ufficiale della marina maltese ben noto per maltrattamenti ai rifugiati (1). E’ anche possibile che tali organizzazioni siano gestite da ingenui “buonisti” che non sanno di servire da magnete per le persone provenienti dall’Africa e quindi, volenti o nolenti, causare altri morti, per non parlare delle azioni per destabilizzare l’Europa. Per quanto nobili siano le intenzioni di tali organizzazioni, sono criminali, come la maggior parte dei migranti che non può ricevere asilo, finendo per strada a Roma o Parigi, minando la stabilità in Europa aumentando le tensioni sociali a sfondo razziale. Bruxelles ha creato una legislazione particolare per proteggere i trafficanti di esseri umani dalle accuse. In una sezione dedicata a una risoluzione UE, intitolata Ricerca e salvataggio, il testo afferma che “proprietari privati di navi e organizzazioni non governative che assistono i salvataggi nel Mediterraneo non dovrebbero rischiare punizioni per tale assistenza“. (2)
Nei due mesi di osservazione, abbiamo monitorato almeno 39000 africani illegalmente contrabbandati in Italia con il pieno consenso delle autorità italiane ed europee.

Le navi utilizzate dalle ONG al largo delle coste libiche© Moas 2015 - Image Peter MerciecaLa Phoenix è una delle due navi della MOAS. La nave è regolarmente avvistata nelle acque territoriali della Libia. È registrata in Belize, Sud America. Tuttavia, la nave è di proprietà di maltesi che trasportano gli immigrati in Italia. Sito web: MOASfoto-emergencyLa Topaz Responder, un vascello di soccorso di 51 metri, ospita 2 lance di soccorso ad alta velocità. La nave è gestita assieme a MSF (e ad Emergency di Gino Strada. NdT). È uno dei tre traghetti che trasportano centinaia di persone alla volta. La nave è registrata nelle Isole Marshall. Sito web: MOAS
3x340630-k09c-600x337nwz-onlineLa Iuventa è registrata nei Paesi Bassi ed è di proprietà della ONG tedesca Jugend Rettet. Sito web: Jugend Rettet.stichting-bootvluchting2La Golfo Azzurro è utilizzata dall’olandese ‘Boat Refugee Foundation‘. Golfo Azzurro opera sotto la bandiera di Panama. La Fondazione trasporta rifugiati con la nave a un prezzo simbolico. Sito web: Bootvluchteling.Dignity I ready to bolster operations in the Mediterranean SeaLa Dignity 1 è registrata a Panama. Crediamo che la nave appartenga a Medici Senza Frontiere. Sito web: MSF.
msf147678La Bourbon Argos, nave di Medici Senza Frontiere. È una delle tre navi utilizzate per trasportare persone tratte da imbarcazioni più piccole in Italia. La nave è attualmente registrata in Lussemburgo. MSF2016-02-19t173113z_737741010_lr1ec2j1cnqnj_rtrmadp_3_europe-migrants-france_0La Aquarius è una delle tante navi gestite da Medici Senza Frontiere. È registrata a Gibilterra. Sito web: MSF.
eni-hires-vroons-vos-hestiaLa nave di ricerca e soccorso Vos Hestia, noleggiata da Save The Children, come molti vascelli delle ONG. è supervisionata dal sito della Guardia Costiera italiana: Save the Children. livio-lomonaco-oscar-camps-badalona_1597050523_29619824_3189x2126L’Astral della Proactiva Open Arms. Abbiamo individuato l’Astral molte volte nelle acque territoriali libiche. La nave è scomparsa regolarmente dal monitoraggio dei siti web AIS. Sito web: Proactiva Open Arms.seawatch1La Sea-Watch I è di proprietà di un’organizzazione di Berlino che collabora con Watch The Med, rete transnazionale di persone che combattono il regime di frontiera europeo, e chiedono il passaggio libero e sicuro per l’Europa. Sito web: Sea-Watch.
sea-watch_2_elbe-18-von-39-1La Sea-Watch II è di proprietà di un’organizzazione di Berlino che collabora con Watch The Med, rete transnazionale di persone che combattono il regime di frontiera europeo, e chiedono il passaggio libero e sicuro per l’Europa. Sito web: Sea-Watch.

L’Audur è registrata nei Paesi Bassi. Non sappiamo a chi appartenga.sea-eye_0_1314947-940x1000La Sea-Eye è di proprietà della Sea-Eye-eV. Michael Buschheuer di Regensburg, in Germania, un gruppo di familiari e amici che ha fondato l’organizzazione non-profit di soccorso in mare. Sito web: Sea-Eye.

Lo Speedy è un motoscafo di proprietà della Sea-Eye-eV, ma è stato confiscato dal governo libico. Sito web: Sea-Eye.
minden-ausgedienter-seenotrettungskreuzerLa Minden è una scialuppa di salvataggio di proprietà di un’organizzazione tedesca. La nave è attualmente registrata in Germania. Sito web: Lifeboat.

Altre informazioni:
Ad ottobre abbiamo scoperto che quattro ONG raccolgono persone nelle acque territoriali libiche. Abbiamo la prova che questi contrabbandieri comunicano in anticipo le loro azioni alle autorità italiane. Dieci ore prima che gli immigrati lascino la Libia, la guardia costiera italiana dirige le ONG sul luogo di “salvataggio”: il completo resoconto “Colti sul fatto: le ONG gestiscono il traffico di migranti
L’organizzazione MOAS ha stretti legami con il famoso contractor militare degli Stati Uniti Blackwater, con l’esercito degli Stati Uniti e la marina maltese (e ricordo, anche con Emergency di Gino Strada). Resoconto: “Gli statunitensi della MOAS traghettano i migranti in Europa“.
Vi è una relazione completa sulle navi coinvolte: “L’Armada delle Ong che opera al largo delle coste della Libia” e come le persone sono incoraggiate a venire in Europa: “La strada della morte per l’Europa promossa sul web“.

Le ONG pro-immigrazionismo, impiegano materiale militare, come questo drone di fabbricazione tedesca.

Le ONG pro-immigrazionismo impiegano materiale militare, come questo drone di fabbricazione tedesca.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Ungheria 1956, la controrivoluzione di Gladio

Alessandro Lattanzio, 24/10/2016

1507995La controrivoluzione di Gladio a Budapest, del 1956, attuata tramite le organizzazioni neofasciste ungheresi addestrate e finanziate dalla rete del generale nazista Gehlen, fu la capostipite delle ‘rivoluzioni’ colorate orchestrate dalla CIA e dalla rete terroristica della NATO, Gladio.
La rivolta neofascista e revanscista pianificata dalla NATO in Ungheria ebbe origine e genesi identiche alle future operazioni sovversive atlantiste: propaganda e disinformazione, cecchini misteriosi, omicidi mirati, assalti coordinati ed improvvisi contro i centri per la difesa dello Stato, come le agenzie di sicurezza e di controintelligence, le sedi del partito al governo o del governo. Tutto ciò che si è visto in Jugoslavia, Algeria, Tunisia, Egitto, Libia e Siria, si vide decenni prima a Budapest, nel 1956, dove le varie forze anticomuniste e filo-atlantiste si coalizzarono sotto la guida delle intelligence degli USA, per destabilizzare l’Europa orientale del Comecon e del Patto di Varsavia.
Il cosiddetto ‘popolo’ insorto e rivoluzionario ungherese, celebrato da vecchie carogne come Indro Montanelli ed altri scribacchini fascisteggianti e filo-atlantisti, così come da vari autori della sinistra settaria e anarco-liberale, adusi alla distorsione intenzionale di fatti ed eventi, si dedicò ad ogni sorta di efferatezza contro i militanti del Partito Socialista dei Lavoratori d’Ungheria. In realtà, la base ‘rivoluzionaria’ era una concrezione sociale formata tra borghesia revanscista, ceti sub-proletari e borghesia declassata, similmente all’alleanza sociale attuale che, in occidente, appoggia le guerre umanitarie occidentali, lo smantellamento sociale, la distruzione economica, il mero consumo di prodotti Made in USA, compresa l’ideologia artificiosa vigente sui mass media, prodotta dai centri ‘culturali’ di Hollywood e dai college statunitensi più trendy…
Tale concrezione sociale, dedicatasi a Budapest, nel 1956, a ‘distruggere, distruggere, distruggere’, massacrando militanti comunisti e, laddove diretta dagli squadroni della morte Gladio, ad eliminare ‘scientificamente’ gli apparati difensivi dello Stato socialista, viene celebrata fin da quei giorni da parte di un parco umano-ideologico contiguo, se non integrato, all’apparato terroristico e disinformativo di Gladio. Vi rientravano, e vi rientrano, organizzazioni neo-fasciste o cripto-fasciste, media atlantisti (esempio Repubblica) e filo-atlantisti (Il Fattoquotidiano), l’universo socio-affaristico e mediatico controllato dal PD con il suo attuale dozzinale organo di propaganda (l’Unità); l’area post-trotskista a sinistra del PD (SEL, SI, PRC, ilmanifesto e altre carabattole del bertinottismo residuale e persistente), ed infine l’area anarco-liberale estremista, camuffata da sinistra radicale per via del linguaggio settario e confusionario che utilizza (sollevazione/campo antimperialista, varie frattaglie pseudo-trotskiste, di cui la più nota è la coppia Ferrando-Grisolia; case editrici annesse come Massari e Alegre, centri sociali e altri dipendenti dalla rete di corruttela sociale gestita dal PD, esempio partitino virtuali, esistenti solo su internet, come Wu Ming, Militant od osservatorio-antirazzismo, altri siti web e giornalini di provincia legati a ONG, Chiesa, PD e affini; ONG ‘grigie’ o ‘nere’, oscure per scopi ed origini; ‘dirittumanitaristi’ e altri ‘attivisti’ collegati ai servizi segreti, non necessariamente italiani; ‘rifugiati’ stranieri o immigrati dai dubbi obiettivi, ad esempio i fratelli mussulmani arruolati dal PD a Milano o in Emilia Romagna, ecc.).
Tale fronte ha sempre sostenuto, coi vari distinguo utilizzati per irretire dal pubblico i più sprovveduti e boccaloni, tutte le operazioni sovversive e belliche della NATO nelle varie aggressioni all’Europa orientale, Medio Oriente, Africa e America Latina. Anzi, parte di tale fronte ha tentato, come nel caso della sinistra settaria anticomunista e antisovietica, di spacciare, sempre e comunque, come moto di un popolo rivoluzionario qualsiasi operazione sovversiva dell’apparato spionistico-terroristico statunitense e atlantista: dall’Ungheria nel 1956 all’Afghanistan nel 1979 alla Cina nel 1989, e cosi via in Jugoslavia, Europa Orientale, Medio Oriente, Venezuela nel 2002, Brasile nel 2015, Primavera araba, ecc. E per permettere il ripetersi all’infinito di tale schema, rendendo sempre efficace una propaganda stantia e ammuffita, vecchia di almeno 60 anni, l’apparato propagandistico della NATO, formato da ‘intellettuali’ neofascisti e revanscisti neonazisti da un lato, e dall’altro dall’intellighentsija social-imperialista e dell’estrema sinistra imperialista, ha la possibilità di accedere totalmente e in modo esclusivo ai grandi media atlantisti: giornali, TV, grandi case editrici (anche le case editrici della sinistra radicale occidentale, già indicate), ma ciò in cambio della divulgazione della narrativa atlantista, spesso scritta direttamente dalle intelligence di USA e NATO, volta a sostenere, sul piano propagandistico, le operazioni belliche e sovversive della NATO, come s’è visto in Jugoslavia negli anni ’90, in Libia nel 2011 e in Siria negli ultimi 5 anni, laddove ‘giornalisti’, scrittori, ‘documenaristi’, ‘storici’ e accademici provenienti da vari ambiti, dalla nebulosa piddina, agli orfani del Montanelli-pensiero, reazionari e revanscisti, ai neonazisti e defeliciani annessi, e infine agli intellettuali social-imperialisti, generalmente di scuola para-trotskista o anarchica, ex-comunisti pentiti o altri affabulatori di ‘nuove alternative’, ma sostanzialmente allineati agli obiettivi dei centri imperialistici (si pensi ai ‘professori’ trotskisti che arruolarono la spia e sabotatore filo-islamista Giulio Regeni). Tutti protesi a descrivere la teppa armata dagli squadroni della morte di Gladio quali, ‘pacifici studenti inermi che lottano per la democrazia contro il dittatore’ di turno, o roba del genere. Si è visto in Jugoslavia, s’è visto in Libia, si vede in Siria, e si era visto, per la prima volta in modo scientificamente organizzato, in Ungheria nel 1956, quando i fiancheggiatori dell’imperialismo atlantista, fossero neo-fascisti, eccitati all’idea di vedere comunisti massacrati, dopo anni di piagnistei su presunti massacri partigiani di inermi e innocui repubblichini ed SS; o trotskisti, sempre pronti a vedere un operaio rivoluzionario nel borghese revanscista ungherese o nel principe saudita integralista, parteciparono entusiasticamente ed attivamente alla prima grande ‘rivoluzione colorata’ concepita e attuata dalla CIA tramite Gladio.
Qui alcuni esempi del ‘popolo oppresso’ che pacificamente e a mani nude dimostrava dissenso verso un regime ‘dittatoriale’; dittatoriale perché nemico della NATO e dell’imperialismo.

Le varie sette dekl trotskistume, continuano a raccontare la favola che i 'rivoluzionari' fossero operai comunisti. E' pura menzogna, spacciata dall'alta 'sociale' della propaganda della NATO.

Le varie sette del trotskistume continuano a raccontare la favola che i ‘rivoluzionari’ ungheresi fossero operai comunisti. E’ pura menzogna, spacciata dall’ala ‘sociale’ della propaganda della NATO. A 60 anni di distanza non si conosce il nome di uno solo di tali ‘operai rivoluzionari socialisti’, mitizzati dagli ideologhi trotskisti dell’imperialismo NATO.

L'avariata feccia fascista si entusiasma per i cirmini dei 'ragazzi di Buda', e questo dopo aver rotto le scatole per decenni su chimeriche stragi di innocui fascisti e nazsiti da parte dei partigiani.

L’avariata feccia fascista si entusiasma per i crimini dei ‘ragazzi di Buda’, e questo dopo aver rotto le scatole per decenni su chimeriche stragi di innocui fascisti e nazisti da parte dei partigiani.

La 'rivoluzione' ungherese fu solo l'esplosione degli istinti bestiali della borghesia declassata e del sottoproletariato, prede del revanscismo nazista della NATO.

La ‘rivoluzione’ ungherese fu solo l’esplosione degli istinti bestiali della borghesia declassata e del sottoproletariato, prede del revanscismo nazista della NATO.

11059296

12049734

La rivoluzione ungherese, come le rivoluzioni colorate celebrfate dal fronte rossoburno autentico, quello tra neofascisti, orfani di Bertuinotti e Montanelli, e settari dell'estrema sinistra, oggi come ieri, fiancheggiatrice dei terroristi della NATO, iniziariono non con manifestazioni pacifiche, ma con massacri mirati e coordinati dei militanti, comunisti in Ungheria; socialisti in Libia e Siria.

La rivoluzione ungherese, come le rivoluzioni colorate celebrate dal fronte rossobruno autentico, quello tra neofascisti, orfani di Bertinotti e Montanelli, e settari dell’estrema sinistra, oggi come ieri, fiancheggiatori dei terroristi della NATO, iniziò non con manifestazioni pacifiche, ma con massacri mirati e coordinati dei militanti, comunisti in Ungheria; socialisti in Libia e Siria.

Un chiaro subumano deforme, preso per 'operaio rivoluzionario' dalle prostituite trotskiste della NATO. Da Pierre Broué fino ai Ferrero e Ferrando, il massacro di comunisti è foriero della 'rivoluzione' attiata da una classe rivoluzionaria vigente solo nei loro onirismi settari. In Ungheria come in Libia.

Un chiaro subumano deforme, preso per ‘operaio rivoluzionario’ dalle prostituite trotskiste della NATO. Da Pierre Broué fino ai Ferrero e Ferrando, il massacro di comunisti è foriero della ‘rivoluzione’ attuata da una classe rivoluzionaria vigente solo nei loro onirismi settari. In Ungheria come in Libia.

Per i trotskisti, uccidere comunisti ed antimperialisti, è 'rivoluzionario'

Per i trotskisti, uccidere comunisti ed antimperialisti, è ‘rivoluzionario’. Non a caso supportano tutte le operazioni belliche e sovversive degli USA e della NATO. Ovunque nel mondo.

Il primo atto della 'rivoluzione spontanea' ungherese, fu eliminari gli uomini dell'apparato difensivo, comunisti integri, per procedere allo smantellamento della repubblica operaia e alla destabiilizzazione riusicta 33 anni dopo.

Il primo atto della ‘rivoluzione spontanea’ ungherese, fu eliminare gli uomini dell’apparato difensivo, comunisti integri, per procedere allo smantellamento della repubblica operaia e alla destabilizzazione, riuscita 33 anni dopo, dell’Europa orientale.

Vecchio sogno del fascistume, come i sicari di primato nazionale, eccitati dai saccheggi del Partito Comunista ucraino nel 2014, bruciare libri di Lenin (e qualsiasi libro), è un'azione approvata anche dalla feccia settaria trotskista, quale esempio di corretta rivoluzione (cioé quella approvata dalla ditta CIA/Soros).

Vecchio sogno del fascistume, come i sicari di primato nazionale eccitati dai saccheggi delle sedi del Partito Comunista ucraino nel 2014, bruciare libri di Lenin (e qualsiasi libro) è un’azione entusiastica approvata anche dalla feccia settaria trotskista, quale esempio di corretta rivoluzione (cioé pianificata dalla ditta CIA/Soros).

La rivoluzione eccitava gli spiriti 'migliori' della borghesia oppressa.

La ‘rivoluzione’ eccitava gli spiriti ‘migliori’ della borghesia oppressa.

12036386

535909

Immagini che ricompariranno in Romania e Libia e laddove l’imperialismo NATO, con il suo circo di pidocchi neofascisti, gorbacioviani e anarco-sinistri, trovava via libera.

12118663

Alla fine, la fiera della bestialità ebbe la conclusione meritata, suscitando decenni di rumorosi guaiti tra neofascisti e social-imperialisti.

Alla fine, la fiera della bestialità ebbe la conclusione meritata, suscitando decenni di rumorosi guaiti tra neofascisti e social-imperialisti.

La rivolta ungherese del 1956

Il 23 ottobre 1956 iniziò la rivolta fascista ungherese, ideata e diretta dalle agenzie d’intelligence occidentali
Portal O Rossij

kadar

Janos Kadar

Negli ultimi 25 anni gli storici e i giornalisti cercano di presentare l’Ungheria nel 1956 come una rivolta spontanea delle masse contro il sanguinario regime filo-sovietico di Matyas Rakosi e del suo successore Erno Gero. Ma in realtà, l’intero scenario di questa orgia fu, dall’inizio alla fine, tracciato dalla Central Intelligence Agency, e se non fosse stato per il tempestivo intervento dei militari sovietici, l’Ungheria sarebbe diventata la prima vittima della rivoluzione arancione, come si chiamerebbe oggi una tale rivoluzione occidentale, allora ancora sconosciuta, ma la cui attuazione rientrava in quel tipo di operazione. L’operazione ebbe inizio con l’offensiva della disinformazione, quando centinaia di palloni iniziarono a lanciare volantini sull’Ungheria. Nella prima metà del 1956 furono registrati 293 casi della loro intrusione nello spazio aereo del Paese, e il 19 luglio causarono un incidente ad un aereo passeggeri. Dalla sera del 1 ottobre 1954, dalle parti di Monaco di Baviera, iniziarono a lanciare migliaia di palloncini, a ondate di 200-300, ognuno di loro trasportava tra 300 e 1000 volantini. Volantini trovarono terreno fertile. Durante la guerra, l’Ungheria aveva combattuto contro i sovietici dalla parte di Hitler, e molti ungheresi furono uccisi o fatti prigionieri dai sovietici. I loro parenti, naturalmente, non avevano alcun motivo di essere a favore dei sovietici, e molti li odiavano anche per gli eventi del 1848-49. Tuttavia, le speranze degli statunitensi erano riposte non tanto sulla popolazione, ma sui fascisti ungheresi superstiti, alcuni di loro sono fuggirono con i tedeschi in Austria, e quelli che non ne ebbero il tempo, istituirono delle organizzazioni segrete nel Paese. Le più grandi furono “Spada e croce”, “La Guardia Bianca”, “Divisione Botond”, “Unione dei Cadetti”, “Partigiani bianchi”, “Patto di sangue”, “Movimento di resistenza ungherese” e “Movimento di resistenza nazionale.” La maggior parte delle attività sovversive erano effettuate dalla Chiesa cattolica ungherese, guidata dal cardinale Jozsef Mindszenty. Tra i gruppi politici clandestini, un ruolo particolarmente pericoloso fu giocato dal cosiddetto partito cristiano, fondato nel 1950. Il suo compito principale riguardava l’indottrinamento dei giovani. Sotto la guida diretta del partito, agiva l’organizzazione giovanile clericale illegale, che aveva creato diversi sacerdoti e dei monaci, che cominciarono ad attivarsi nel 1949-1951. Tali chierici agirono in varie forme, tra cui conferenze, distribuzione di opuscoli e volantini. In uno di essi, dal titolo “Appello virile” alla gioventù, impartiva tale direttiva: “…verrà il momento in cui si avrà l’ordine da Dio di distruggere, distruggere, distruggere”.
tumblr_mjmn8b4omk1rcoy9ro1_1280Le attività delle organizzazioni clericali clandestine non potevano avvenire senza significativi “sussidi” finanziari dall’esterno. Così, il “Fronte cristiano” ricevette dai suoi sostenitori stranieri 130.000 fiorini, la “Congregazione di Maria” 75mila nel 1951 e nel 1954, 30mila nel 1955 e 90 mila nel novembre 1956. Presso la sede del Regnum Marianum, quando la sicurezza dell’AVH mise fine alla sua attività criminale, furono trovati 258230 fiorini, 45 napoleoni, 67 macchine da scrivere, 12 ciclostile e macchine di stampa. Il ruolo di coordinamento della cosiddetta “resistenza popolare” fu svolto dal “Comitato Free Europe” e dalle sue agenzie specializzate, attraverso diplomatici, spie e vari emissari, ed attraverso la trasmissione dei programmi radio mirati.
Gli eventi ungheresi cominciarono il 23 ottobre. Alle 3 del pomeriggio, iniziò la manifestazione, cui parteciparono circa un migliaio di persone, tra cui studenti e intellettuali. I manifestanti portavano bandiere rosse, striscioni su cui erano scritti gli slogan di amicizia sovietico-ungherese. Tuttavia, lungo il percorso ai manifestanti si unirono gruppi radicali che gridavano slogan di altro tipo, chiedendo il ripristino del vecchio emblema nazionale ungherese, della vecchia festa nazionale invece del giorno della liberazione dal fascismo, l’eliminazione dell’addestramento militare e delle lezioni di russo.
Alle 19.00, i ribelli sequestrarono degli autoparchi per poi consegnare ai “manifestanti” vari oggetti presi da camion e autobus. Alle 20 in punto, alla radio il primo segretario del Comitato Centrale del Partito Operaio Ungherese, Erno Gero, tenne un discorso condannando duramente i manifestanti. In risposta a ciò, un folto gruppo di manifestanti cercò di prendere d’assalto la sede della Radio, chiedendo la trasmissione dei punti del programma dei manifestanti. Questo tentativo portò a uno scontro con l’unità della Sicurezza AVH, posta a difesa della sede della Radio di Stato ungherese, per cui dopo le 21 vi furono morti e feriti. Allo stesso tempo, un gruppo di ribelli armati catturò la caserma Kilian che ospitava tre battaglioni di genieri, sequestrandone le armi. Molti soldati si unirono agli insorti, a cui si aggiunse il colonnello delle truppe corazzate Pal Maléter, che diresse dalla caserma gli insorti. Presto divenne uno dei capi militari della ribellione. Il capo della polizia di Budapest, il tenente-colonnello Sandor Kopachi ordinò di non sparare contro gli insorti, e di non interferire nelle loro azioni. Aveva implicitamente permesso che si radunasse una folla davanti al comando, che chiedeva la liberazione dei prigionieri e il ritiro delle stelle rosse dalla facciata. Alle ore 23, sulla base della decisione del Presidium del Comitato Centrale del Partito Comunista, il del capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate dell’URSS, il maresciallo Vasilij Sokolovskij ordinò al comandante del Corpo speciale d’iniziare l’avanzata su Budapest a sostegno delle forze ungheresi, “per il ripristino e la creazione delle condizioni per un lavoro creativo pacifico”. E le unità del Corpo speciale arrivarono a Budapest alle 6 del mattino, scontrandosi con l’insurrezione e i militari ungheresi.
Le forze militari dei ribelli di Budapest s’erano concentrate principalmente nelle zone VIII e IX, nonché nel distretto di Seina. Nella notte del 24 ottobre a Budapest entrarono circa seimila soldati dell’esercito sovietico, con 290 carri armati T-44, T-54, IS-3 e 120 BTR-152. In mattinata, in città arrivò la 33.ma Divisione meccanizzata della Guardia, e la sera la 128.ma Divisione fucilieri della Guardia, in seguito chiamato Corpo Speciale. Nel corso di una manifestazione davanti al parlamento, esplosero gli incidenti: dai piani superiori aprirono il fuoco uccidendo l’ufficiale di un carro armato sovietico che fu poi bruciato. In risposta, le truppe sovietiche aprirono il fuoco sui manifestanti, provocando 61 morti e 284 feriti.

I rivoluzionari uccisero diversi aderenti al Partito Comunista, all'avvio della rivoluzione di Gladio.

I ‘rivoluzionari’ uccisero decine di aderenti al Partito Comunista, avviando la ‘rivoluzione di Gladio’.

Le forze controrivoluzionarie organizzate trovato subito il sostegno di elementi criminali. Tutti i documenti disponibili mostrano il grande ruolo svolto dai criminali nelle bande controrivoluzionarie. Un reggimento di fanteria si scontrò, il 26 ottobre a Budapest, con un gruppo di controrivoluzionari catturando 23 banditi. La stragrande maggioranza dei criminali catturati erano evasi da una prigione. Nel complesso, tra il 25 e il 31 ottobre, furono rilasciati 9962 criminali e 3324 criminali politici, molti dei quali ricevettero un fucile, e la maggior parte di questi ultimi era coinvolta in attività politiche controrivoluzionarie. Parteciparono ai combattimenti anche semplici persone traviate, facendosi coinvolgere dalla propaganda contro-rivoluzionaria, scesero in strada con le armi, in primo luogo per l’attuazione dello slogan del “comunismo nazionale”. La responsabilità dei loro errori e della loro morte si trova nel “partito di opposizione”, nelle sue ideologia e propaganda demagogiche. Tra coloro che si trovarono dal lato della controrivoluzione, senza condividerne i veri obiettivi, una parte significativa era giovane. I leader degli agitatori della ribellione di Free Europe, approfittarono con incredibile cinismo dell’immaturità politica, dei sentimenti patriottici e del sogno di gesta eroiche di bambini, adolescenti e giovani. Ciò può spiegare alcuni dati. Durante il periodo di scontri armati, furono segnalati un totale di circa 3 mila morti, il 20% dei quali aveva un’età inferiore ai 20 anni, il 28% tra i 20 e i 29 anni. Tra i feriti, la percentuale di giovani era del 25%, e più della metà di loro di età tra i 19 e i 30 anni. La leadership della rivolta era di Radio Free Europe a Monaco. Con alcuni dei principali gruppi armati che avevano il supporto radiofonico diretto da RFE. Così, una banda del vicolo Corwin aveva due sessioni al giorno: alle 23 Free Europe passava loro direttive e istruzioni, e alle 01:00 inviava informazioni ai ribelli.
tumblr_mjmj2meo7g1rcoy9ro1_1280Erno Gero fu sostituito come Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Operaio da Janos Kadar, e fu avviata l’azione del gruppo meridionale di Szolnok delle Forze sovietiche. Il primo ministro Imre Nagy parlò alla radio, riferendo alle parti in conflitto una proposta di cessate il fuoco. Il 29 ottobre, i combattimenti si fermarono e per la prima volta in cinque giorni, per le strade di Budapest vi fu il silenzio. Le truppe sovietiche iniziarono a lasciare Budapest. Ma non appena i sovietici lasciarono Budapest, ribelli andarono di nuovo all’offensiva. Liberato dalla prigione, l’ex-ufficiale dell’esercito di Horthy, Bela Kiraly, che nell’esercito popolare ungherese aveva il grado di generale, ma che poi fu condannato per spionaggio all’ergastolo, organizzò insieme al Comitato Maléter le forze armate rivoluzionarie. Formazioni armate di questo comitato iniziarono a uccidere i comunisti e il personale dell’AVH fatti sbandare da Imre Nagy. Furono riportati anche casi di uccisioni di soldati sovietici in congedo e in diverse città d’Ungheria. Gli insorti avevano catturato la sede del comitato cittadino di Budapest del Partito dei lavoratori ungheresi, e più di 20 comunisti furono impiccati. Le immagini dei comunisti appese e torturati, con volti sfigurati dall’acido, fecero il giro del mondo.
La rivolta si diffuse in altre città, si diffuse il caos. Il servizio ferroviario fu interrotto e cessarono di operare aeroporti, negozi e banche furono chiusi. Gli insorti si aggiravano per le strade, sequestrando gli agenti della sicurezza. Venivano riconosciuti dalle famose scarpe gialle, fatti a pezzi o appesi per i piedi, a volte castrati. I ritratti dei leader di partito vennero sfigurati con enormi chiodi e venivano incendiati i ritratti di Lenin. Ogni giorno che passava, Imre Nagy si allontanava sempre più dalla suo passato. Il 1° novembre annunciava il ritiro dell’Ungheria dal Patto di Varsavia, e ministro della difesa fu nominato lo stesso Maléter, assegnandogli il grado di generale e inserendolo nel governo, e facendo scarcerare il cardinale Jozsef Mindszenty. Il 3 novembre Kiraly fu nominato comandante della Guardia Nazionale.

Gli Ussari di Kádár erano i reparti armati del Partito comunista ungherese che combatterono la controrivoluzione di Gladio in Ungheria.

Gli Ussari di Kádár erano i reparti armati del Partito comunista ungherese che combatterono la controrivoluzione di Gladio in Ungheria.

Una volta che le truppe sovietiche lasciarono l’Ungheria, come Nagy aveva chiesto, delle truppe si concentrarono al confine ungherese-austriaco, nella neutrale Austria, pronte ad aiutare i ribelli.
Si dovette ricorrere a uno stratagemma: per discutere i termini del ritiro delle truppe sovietiche nel quartier generale del Corpo speciale fu invitato il Magg. Gen. Pal Maléter, che fece parte della delegazione ufficiale che la sera del 3 novembre arrivò nella base militare sovietica Csepel, sull’isola di Tekel, da Budapest. Assieme a lui nella delegazione vi erano il ministro Ferenc Erdei, il Capo di Stato Maggiore generale Istvan Kovacs e il direttore delle operazioni dello Stato Maggiore, colonnello Miklos Szucs. A mezzanotte nella stanza in cui si svolgevano i negoziati giunse il presidente del KGB Ivan Serov, arrestando tutta la delegazione ungherese. L’Ungheria rimase senza leadership militare. La mattina del 4 novembre ha cominciarono ad entrare in Ungheria nuove truppe sovietiche sotto il comando del Comandante del Patto di Varsavia, il maresciallo dell’Unione Sovietica Ivan Konev, in conformità con il piano dell'”Operazione Vortice”. Il Corpo speciale aveva il compito primario di sconfiggere le forze del nemico. Il corpo era rimasto lo stesso, ma aveva aumentato il numero di carri armati, artiglieria e unità aeree. Le divisioni dovevano svolgere le seguenti attività:
La 2.nda Divisione di Fanteria Meccanizzata della Guardia, catturare la parte nord-orientale e centrale di Budapest, i ponti principali sul Danubio, il Palazzo del Parlamento, la Centrale telefonica, il Ministero della Difesa, la stazione Nyugati, il dipartimento di polizia e le caserme delle basi militari ungheresi, per evitare l’arrivo di ribelli a Budapest da nord e da est;
La 33.ma Divisione meccanizzata della Guardia, occupare il sud-est e il centri di Budapest, i ponti sul Danubio, l’Ufficio centrale, Via Corwin, la stazione Keleti, la stazione radio Kossuth, l’arsenale Csepel, le caserme delle unità militari ungheresi e impedire l’avvicinamento di ribelli a Budapest da sud-est;
La 128.ma Divisione Fucilieri della Guardia, doveva occupare la parte occidentale di Budapest, il centro comando della difesa aerea, il quartiere Mosca, la fortezza della collina Gellert, le caserme e impedire l’arrivo di ribelli ungheresi da ovest.
Per catturare gli obiettivi più importanti, in tutte le divisioni furono create una o due unità avanzate speciali, basati su un battaglione di fanteria con 100-150 elementi su veicoli blindati, rinforzati da 10-12 carri armati.
tumblr_mjmnb22dj71rcoy9ro1_400 Il 4 novembre iniziò l'”Operazione Vortice”. Gli obiettivi principali di Budapest furono occupati, i membri del governo Nagy si rifugiarono nell’ambasciata jugoslava. Tuttavia, le unità della Guardia Nazionale e singole unità militari ungheresi continuarono a contrastare le truppe sovietiche, che utilizzarono l’artiglieria contro le sacche di resistenza per poi rastrellarle con la fanteria appoggiata dai carri armati. Alle 8:30 i paracadutisti del 108.vo Reggimento Aeroportato della Guardia, in concomitanza con il 37.mo reggimento carri della Seconda Divisione Meccanizzata della Guardie catturarono 13 generali e 300 ufficiali del ministero della Difesa e li portarono presso il comando del generale dell’esercito Malinin. Le forze armate ungheresi furono completamente paralizzate. Nonostante la superiorità sovietica in personale e attrezzature, gli insorti ungheresi ne ostacolarono l’avanzata. Poco dopo le 08:00, a Budapest la radio aveva diffuso un appello di scrittori e scienziati di tutto il mondo, per aiutare il popolo ungherese. Ma per il momento le unità corazzate sovietiche avevano completato l’operazione e difendevano i ponti di Budapest sul Danubio, il Parlamento e la centrale telefonica. Combattimenti particolarmente feroce, come previsto, si ebbero a Corwin, nel Palazzo del Parlamento e nel Palazzo Reale. A mezzogiorno del 5 novembre nella capitale, l’unico centro di resistenza era nel quartiere di via Corwin. Per sopprimerlo furono schierati 11 battaglioni di artiglieria, con circa 170 cannoni e mortai, oltre a decine di carri armati. La sera, la resistenza degli insorti in tutto il quartiere finì.
Il 6 novembre l’esercito sovietico a Budapest continuò ad eliminare gli ultimi gruppi armati e punti di resistenza. I combattimenti continuarono fino alla serata del 6 novembre. Il 10 novembre i combattimenti cessarono. Imre Nagy e i suoi complici si rifugiarono nell’ambasciata jugoslava, ma il 22 vennero attirati fuori e arrestare. Il 16 giugno 1958 Maléter e gli altri golpisti furono impiccati. Il 16 giugno 1983 i resti di Nagy e Maléter furono solennemente seppelliti a Budapest, nella piazza Scoma. Kieraly riuscì a fuggire in Austria e presto divenne vicepresidente del Consiglio rivoluzionario ungherese a Strasburgo. Poi si trasferì negli Stati Uniti, dove fondò il Comitato ungherese e l’Associazione dei combattenti per la libertà. Nel 1990 tornò in Ungheria, ebbe il grado di colonnello e divenne un membro del parlamento. Morì il 4 luglio 2009.tumblr_mjmnmslxei1rcoy9ro1_1280A fianco delle truppe sovietiche agì il Corpo dei Volontari degli Ussari di Kadar, che indossavano giacche imbottite ed erano membri della Unione della Gioventù Comunista dei Lavoratori d’Ungheria.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La giornalista uccisa per aver scoperto la verità sullo Stato islamico

Eva Bartlett, The Duran 21 ottobre 2016serena-shim-1Anche se tutti gli indizi portano a un gioco sporco, un omicidio, dei servizi segreti turchi, finora il governo degli Stati Uniti non ha né diretto né invocato un’inchiesta sull’incidente d’auto che secondo i funzionari turchi uccise Shim, e tanto meno espressero le condoglianze alla famiglia.
Serena Shim era corrispondente da Kobane, dalla Turchia. Era una dei primi, se non la prima, a riferire sul campo dei “militanti taqfiri che attraversavano il confine con la Turchia“, non solo i terroristi dello SIIL, ma anche del cosiddetto Esercito libero siriano (ELS). La sorella Fatmah Shim dichiarò nel 2015, “li riprese mentre portavano capi del SIIL in Siria dai campi in Turchia, che si suppone siano campi profughi siriani“. Nel gennaio 2013 Serena Shim denunciò il “ruolo centrale della Turchia nell’insurrezione in Siria: riferiva PressTV dalla Turchia“, mostrando le immagini di ciò che si ritenevano essere 300 autocarri “in attesa che i militanti li svuotassero“; le testimonianze incluse spiegavano come la Turchia permettesse ai terroristi stranieri di passare “liberamente” in Siria; parlò dell’invio di armi dalla base aerea degli Stati Uniti di Incirlik in Turchia ai terroristi nei campi profughi in Siria; ed espose la questione dei campi di addestramento terroristici camuffati da campi profughi, e sorvegliati dai militari turchi. Shim disse che l’ONG Organizzazione Mondiale del Cibo, usava i camion per inviare armi ai terroristi in Siria, nell’ultima intervista, il giorno prima di essere uccisa. In particolare, nell’intervista disse esplicitamente che temeva per la vita perché l’intelligence turca l’aveva accusata di essere una spia. Disse a Press TV: “La Turchia è etichettata da Reporter senza frontiere come la più grande prigione per giornalisti, quindi temo ciò che potrebbero fare contro di me… spero che non accada nulla, di ciò che arriva. Penso che m’interrogherebbero, e la mia speranza è che il mio avvocato sua abbastanza bravo da farmi uscire al più presto possibile”. Due giorni dopo, Press TV ne annunciò la morte, affermando: “Serena è stata uccisa in un presunto incidente stradale mentre tornava da un’inchiesta a Suruch nella provincia di Urfa in Turchia. Tornava nell’albergo di Urfa, quando l’auto fu tamponata da un veicolo pesante”. Questa era la versione ufficiale della morte, anche se nelle versioni successive la storia cambiò. In un articolo del mese dopo, Russia Today (RT) parlò con la sorella, che disse: “Ci sono così tante storie. La prima è che la macchina di Serena fu tamponata da un autoveicolo pesante, che proseguì. Non trovarono né l’autoveicolo né il conducente. Due giorni dopo, a sorpresa, trovarono veicolo e conducente, e avevano le immagini dell’autoveicolo pesante che investì l’auto di mia sorella. Ogni giorno uscivano nuove foto con diversi danni all’auto. Serena e mio cugino, che guidava la vettura, furono portati in due ospedali diversi. Fu segnalata già morta sul posto. Poi uscirono altri articoli secondo cui era deceduta in ospedale 30 minuti dopo, per insufficienza cardiaca?!

Blackout politico, blackout mediatico
serenashimQuando il 20 novembre 2014, alla conferenza stampa, il giornalista della RT Gajan Chichakjan chiese per due volte al direttore dell’ufficio stampa Jeff Rathke aggiornamenti sulla morte di Shim, la risposta non sorprese nessuno:
Chichakjan: “era la giornalista Serena Shim, morta in Turchia in circostanze molto sospette. La morte ha sollevato sospetti al dipartimento di Stato?
Rathke: “Beh, credo che ne abbiamo parlato in una riunione diverse settimane fa, dopo che accadde. Non ho nulla da aggiungere a quanto detto dal portavoce al momento, però“.
Chichakjan: “Ma è morta alcuni giorni dopo aver detto di essere stata minacciata dall’intelligence turca. Avete chiesto informazioni? Domande? Non c’è davvero nulla di nuovo?
Rathke: “Beh, ho appena detto che non c’è alcun aggiornamento da riferirvi. Ancora una volta, ciò fu sollevato poco dopo la morte. Il portavoce si espresse. Non ho aggiornamenti da riferirvi in questo momento“.
Chichakjan: “Voglio solo tornare su Serena Shim. Ha giustamente detto che il dipartimento di Stato ne ha commentato la morte diverse settimane fa, e dice che non c’è alcun aggiornamento. Perché non ce n’è? Una cittadina degli Stati Uniti muore poco dopo aver detto di essere stata minacciata dall’intelligence turca“.
Rathke: “Beh, semplicemente non abbiamo informazioni da riferirvi oggi. Sarò felice di controllare e vedere se c’è qualcos’altro. Ne abbiamo parlato, come ho detto, proprio alcune settimane fa, dopo la morte, così non ho niente da dirvi oggi. Sarò felice di controllare e vedere se c’è altro che possa dire“.
Naturalmente, né lui né alcun funzionario del governo degli Stati Uniti si fece sentire. L’anno scorso, la madre di Shim, Judy Poe, rispose a un mio messaggio: “Non ho alcun dubbio che mia figlia non sia morta in un incidente stradale. Non aveva un solo graffio né sangue da alcuna parte. Cercai di contattare l’ambasciata degli USA in Turchia con i numeri di cellulare che mi diedero quando stavo per riprendermi mia figlia. Assolutamente alcuna risposta dall’ambasciata statunitense in Turchia, neanche dai cellulari personali“. La sorella di Shim nell’intervista a RT dichiarò, “Non abbiamo avuto alcun aiuto, né condoglianze”. Alcuna organizzazione giornalistica perseguì un’indagine sull’omicidio di Shim, tanto meno se ne lamentò. Il Comitato per la protezione dei giornalisti (CPJ) non da risultati quando si cerca il nome Shim sul suo sito web, eppure CPJ ha una lista di giornalisti uccisi in Turchia dal 1992 al febbraio 2016, evidentemente senza il nome di Shim. Lo stesso con una ricerca sul sito di Reporters sans frontières, non da risultati. In un articolo del 19 dicembre 2014 sul Greanville Post, il portavoce del CPJ afferma: “Il Committee to Protect Journalists ha indagato sulla morte di Serena Shim in Turchia e non ha trovato alcuna prova che ne indichi la morte come qualcosa di diverso da un tragico incidente. A meno che la morte sia confermata legata direttamente al lavoro di giornalista, non comparirà sul nostro database. Nel caso in cui nuove prove comparissero, CPJ riesaminerà il caso“. L’articolo osserva, “Dal febbraio 2016, il CPJ non ha cambiato posizione“. La Federazione internazionale dei giornalisti ha una breve sintesi su Shim: “Serena Shim, corrispondente di Press TV in Turchia uccisa in un incidente d’auto sul confine turco-siriano. Tornava da un’indagine a Suruch, distretto rurale della provincia turca di Sanliurfa, quando la sua auto si scontrò con un camion“. Ma senza invocare un’inchiesta e senza dubitare della narrazione ufficiale. In un articolo del 21 novembre 2014 sulla morte di Shim, RT osservò che, “l’Ufficio del rappresentante per la libertà dei media dell’OSCE ha detto a RT che la Turchia svolge indagini“, e citava il rappresentante dell’OSCE per la libertà dei media Gunnar Vrang dire: “Il rappresentante ha seguito il caso, dalle prime notizie apparse sull’incidente d’auto costato la vita alla giornalista Serena Shim. Secondo le informazioni disponibili, le autorità turche hanno avviato un’indagine sui dettagli dell’incidente d’auto“. Cercando sul sito dell’OSCE il nome di Serena Shim, non spunta nulla. Il 5 febbraio 2016, Judy Poe twittava: “Chiaramente il rappresentante accetta la narrazione turca. Pochi media corporativi hanno esaminato la morte sospetta di Shim, con una sola eccezione sorprendente, Fox News riferì della morte di Shim citando il portavoce del dipartimento di Stato degli USA affermare che il dipartimento “non conduce indagini sui morti all’estero“.” Dato che l’intelligence turca minacciò Shim, secondo la sua testimonianza, e che la Turchia è nota per imprigionare e uccidere giornalisti, l’assenza di preoccupazione del dipartimento di Stato degli Stati Uniti è compromettente di per sé.
In netto contrasto con il silenzio sulla morte di Shim, John Kerry almeno per due volte ha pubblicamente lamentato la morte di James Foley, lodandolo come eroico giornalista che s’infiltrava in Siria dalla Turchia lavorando con al-Qaida e altri terroristi, consegnando sincere condoglianze alla famiglia. Senza una traccia d’ironia, nell’agosto 2014 Kerry disse di Foley, e mai di Shim, “Onoriamo il coraggio e preghiamo per la sicurezza di tutti coloro che rischiano la vita per scoprire la verità, dove è più necessario“. Nel settembre 2014, Kerry smentì il portavoce del dipartimento di Stato dicendo: “Quando i terroristi ovunque nel mondo uccidono nostri cittadini, gli Stati Uniti devono rendere conto, non importa quanto tempo ci voglia. E coloro che hanno ucciso James Foley e Steven Sotloff in Siria devono sapere che gli Stati Uniti li ritengono responsabili, non importa quanto tempo ci voglia“. Sul blackout mediatico e politico sulla morte sospetta di Serena Shim, l’ex-collega Afshin Rattansi, ospite di RT a Going Underground, postulò: “Ci furono alcune notizie, ma niente che ci si aspetterebbe da una giovane giornalista coraggiosa. Perché la storia che seguiva era pericolosa perché si trattava di un alleato della NATO come la Turchia, che collaborerebbe con lo SIIL… ed è questa la ragione per cui la storia non fu riferita ampiamente? Non lo sappiamo“. In effetti, non sarebbe la prima volta che il governo degli Stati Uniti non cerchi giustizia per l’omicidio per mano di un alleato di un suo cittadino. L’omicidio di Rachie Corrie del 16 marzo 2013 da parte di un soldato israeliano alla guida di un bulldozer non solo fu testimoniato da numerosi attivisti a Rafah, nella Palestina occupata, ma fu anche ripreso. Non fu smentito che il soldato israeliano vide Corrie, e la travolse per poi invertirla di nuovo, schiacciandola due volte. Eppure, nonostante gli sforzi della famiglia e dei sostenitori, gli Stati Uniti non hanno mai cercato giustizia per questa cittadina statunitense. Judy Poe dice che il motto preferito di Serena era: “Preferisco morire in piedi che vivere in ginocchio“. Shim ha vissuto così. Aveva 29 anni e due figli quando fu uccisa.21

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora