La battaglia di Aleppo consacra la strategia di Hezbollah

René Naba, Mondialisation, 8 dicembre 201615384463_348901145474938_7295210096971225039_oAleppo è la svolta della guerra, e la pesante sconfitta dei terroristi e dei loro mandanti occidentali è un epico affronto alla Francia
La Siria e i suoi alleati hanno inflitto una pesante sconfitta ai nemici nella guerra lanciata contro questo Paese sei anni fa, riprendendo il controllo della città vecchia di Aleppo, importante svolta della guerra, primo passo per sventare il piano di spartizione regionale degli occidentali. A 48 ore dalla Conferenza internazionale in Siria dei “Paesi che rifiutano la guerra totale”, la svolta militare è un colpo magistrale alla Francia, organizzatrice dell’incontro. Aleppo è caduta, ex-roccaforte dei terroristi, secondo lo scenario osservato a Yabrud, 80 km a nord-est di Damasco, il 15 marzo 2014, giorno dell’annessione della Crimea alla Russia con un referendum, svuotando la conferenza di Parigi e ammutolendo il coro degli islamistofili che per sei anni si appollaiano sui trespoli nazionali, ostentando falsità e farsa.

Francia ridimensionata
Scacciati i principali responsabili francesi della guerra in Siria (Nicolas Sarkozy, Alain Juppé, Francois Hollande, Laurent Fabius, Manuel Valls), la sconfitta di Aleppo, oltre alla sconfitta in Siria, è tra quelle che segnano la storia militare e diplomatica francese da almeno due secoli. Esattamente come Waterloo nel 1815, passando da Fascioda, spedizione in Messico, Sedan (1870), capitolazione verso la Germania nazista dopo 39 giorni di combattimenti, nel giugno 1940, finendo a Dien Bien Phu (1954), Suez (1956) e Algeria (1962). Tale tracciato delle sconfitte diplomatiche della Francia è oggetto dello storico Marcel Gauchet, che diagnostica un verdetto netto: “Nel giugno 1940, la Francia improvvisamente finì di essere una grande potenza“. Sulla scia del crollo in Siria, la Francia, volente o nolente, viene ridimensionata. Non avendo i mezzi per la sua politica, riduce la politica ai suoi mezzi.

I piani di battaglia di Hezbollah nella guerra in Siria insegnati nelle accademie militari russe
La liberazione di Aleppo da parte delle forze governative siriane suggella il ritorno del potere centrale nel cuore del “Paese utile”, rappresentato dalle cinque maggiori città siriane (Damasco, Aleppo, Homs, Hama, Lataqia). Duro colpo strategico e psicologico ai terroristi, questa vittoria clamorosa del potere baathista e dei suoi alleati internazionali e regionali (Russia, Iran, Hezbollah) potrà cambiare l’esito del conflitto. L’ex-prigioniero politico siriano, Michel Kilo, traditore comunista delle petromonarchie, vede senza mezzi termini che “l’Arabia Saudita è un Paese che non conosce né democrazia né diritti umani. Un Paese in cui non vi è alcun senso per l’arabismo e l’Islam. I sauditi e le altre petromonarchie del Golfo vogliono la distruzione della Siria, non l’instaurazione della democrazia nel Paese“, proclamava il vecchio commensale del principe Bandar bin Sultan, il capo dei terroristi nella prima fase della guerra alla Siria.
La porta, “al-Bab”, a una trentina di chilometri ad est di Aleppo, sarebbe il prossimo passo dell’offensiva del governo per bloccare l’accesso alla capitale economica della Siria e congelare la progressione delle forze curde e turche nelle zone di confine, preludio al crollo dei terroristi in Siria. La continuazione dell’offensiva governativa verso le ultime roccaforti di Idlib e Raqqa, darà il colpo di grazia al piano di smembramento del Paese sotto la tutela atlantista. Ispirati dal precedente di Bengasi, nel caso della Libia, Aleppo, per gli strateghi turchi e occidentali, doveva fungere da testa di ponte degli aiuti umanitari per i profughi e militari per i terroristi, fino alla disintegrazione del regime con la guerra di logoramento. Secondo i russi, uno dei principali architetti dell’inversione di tendenza è Hezbollah, ora promosso a stratega.607082501001498640360noSul ruolo di Hezbollah e Iran in Siria
La guerra in Siria ha consacrato Hezbollah a stratega e fatto della formazione sciita diretto interlocutore del comando russo, i cui piani di battaglia attuati per cinque anni in questo Paese ora vengono insegnati nelle accademie militari russe. “In prima linea, l’ayatollah ha potuto neutralizzare rapidamente gli effetti dell’avanzata dei terroristi, il 28 ottobre 2016, favorendo la tregua umanitaria nell’ovest della capitale economica della Siria, colmando le lacune soprattutto nella zona delle posizioni chiave dell’Esercito arabo siriano: l’Accademia militare e la città di Assad”, secondo il quotidiano libanese al-Akhbar, la cui versione in arabo è in questo link.
Hezbollah, che ha dovuto lamentare la perdita in Siria di diversi leader di primo piano, soprattutto Muhamad Badradin, capo dell’ala militare di Hezbollah, Jihad Mughniyah, figlio del fondatore dell’ala militare Imad Mughniyah, Samir Qintar, ex-decano dei prigionieri politici arabi in Israele e comandante della difesa aerea missilistica, riusciva a sventare la risposta dei terroristi. Vanificandone l’offensiva con dodici autocarri carichi di esplosivo, Hezbollah spazzò via i distaccamenti d’assalto nemici di Jaysh al-Fatah e gruppuscoli alleati, imponendo i combattimenti per strada, ripulendo edificio dopo edificio per eliminarne i resti dalla zona dei combattimenti, conclude il quotidiano di Bayrut. Davanti ai risultati della battaglia e all’abilità strategica e tattica che i capi militari di Hezbollah hanno mostrato nel teatro operativo di Aleppo, affrontando sia l’operazione “grande epopea” del 28 ottobre, che l’operazione “conquista di Abu Umar Saraqab” presso Dara (Siria meridionale), durante l’assalto dei terroristi nella battaglia di Shaiq Misqin, il comando militare russo chiese, a metà novembre, un incontro diretto con il comando di Hezbollah chiedendogli che i suoi piani di battaglia siano insegnati nelle accademie militari della Russia, scrive il giornale. Abu Umar Saraqab guidava la maggiore coalizione di ribelli e terroristi in Siria, responsabile dell’occupazione di Jisr al-Shughur. L’annuncio della morte su twitter del suo gruppo, Jabhat Fatah al-Sham, ex-Jabhat al-Nusra, avvenne un paio di mesi prima dell’adesione ad al-Qaida. Il gruppo fa parte del movimento della coalizione internazionale anti-jihadista guidata dagli Stati Uniti. L’incontro tra i militari di Russia ed Hezbollah a metà novembre, fu il primo tra i due alleati nella guerra in Siria. Fino ad allora, gli scambi tra le parti furono nelle consultazioni regolari quadripartite a Baghdad, nel Centro comando comune (Russia, Iran, Siria, Hezbollah), o nel centro operativo congiunto in Siria ed anche sul campo di battaglia. Dall’intervento militare russo in Siria, il 1° settembre 2015, Hezbollah è stato attento ad evitare il contatto diretto con la gerarchia militare russa per via delle differenze sui rispettivi approcci al conflitto arabo-israeliano. Durante la visita di Dmitrij Medvedev, in Israele, a fine novembre 2016, il premier russo chiese ai suoi interlocutori israeliani delle loro differenze con Iran ed Hezbollah, precisando: “Hezbollah non è un’organizzazione terroristica e l’Iran non è nostro. Iran e Hezbollah sono nostri alleati nella guerra in Siria“. La battaglia per la conquista di Aleppo ha reso così Hezbollah uno stratega piuttosto che un semplice esecutore della strategia iraniana, uno dei principali attori militari contro Israele e in Siria.

Sul piano militare: Humaymim e Tartus, missili S-400 e semoventi Buk e Pantsyr
La Russia ha due basi in Siria, la base aerea di Humaymin, a sud-est di Lataqia, e l’importante base navale di Tartus. Il dispositivo difensivo include missili da crociera K-300P, autocarrati e con radar, dalla gittata di 300 km; le batterie di missili S-400 Trjumf, ad Humaymin, la cui gittata copre l’intero Mediterraneo orientale (Siria, Turchia, Cipro, Libano, Israele), garantendo la protezione non solo dello spazio aereo della Siria, ma anche della zona di schieramento di Hezbollah nel sud del Libano. Il raggio di azione va da 20 a 400 km e la quota da 3 a 30 km. Sovrapponendosi alla missione della forza navale articolata attorno alla portaerei Admiral Kuznetsov, completata dal sistema missilistico semovente Buk da difesa aerea a medio raggio, il più efficace al mondo. La linea di difesa immediata di Humaymin comprende il sistema antiaereo Pantsyr. La Russia ha inoltre dotato l’Esercito arabo siriano del sistema di difesa aereo S-200VE.

La Cina compie la grande avanzata strategica nel Mediterraneo: Tartus (Siria) e Sharshal (Algeria)
Nel 2016, la Cina entrava militarmente in Siria, importante passo avanti strategico del Regno di Mezzo nel Mediterraneo, costruendo una piattaforma operativa navale per la Marina cinese nella base russa di Tartus. Ansiosa di alleviare le finanze russe e di sostenere lo sforzo bellico della Siria, la Cina ha fornito aiuti militari per 7 miliardi di dollari alla Siria, le cui forze combattono ad Aleppo i terroristi uiguri (musulmani cinesi), dove 3500 famiglie, quasi diecimila persone, si trovano. Gli uiguri, a memoria dell’osservatore, non sono mai morti per la Palestina, neanche uno. Ma molti sono contro la Siria per via della perversione settaria della loro ideologia. I terroristi uiguri provengono dalla provincia del Xinjiang in Cina, al confine con otto Paesi (Mongolia, Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Afghanistan, Tagikistan, Pakistan e India). Dato ciò, la Siria è il ricettacolo del terrorismo globale, anche dalla Cina. Molti uiguri combattono in Siria sotto la bandiera del “Movimento islamico del Turkmenistan dell’Est”, separatisti armati il cui obiettivo è la creazione dello “Stato islamico uiguro” nello Xinjiang. I terroristi uiguri sono aiutati dai servizi segreti turchi che li inviavano in Siria attraverso la Turchia, generando tensioni tra i servizi di intelligence turchi e cinesi, essendo la Cina preoccupata dal ruolo dei turchi nel sostenere i terroristi uiguri in Siria, buon indizio del ruolo del sostegno turco nei combattimenti nello Xinjiang. Per approfondire sulla connessione turchi-uiguri.
La Cina ha già strutture portuali per la propria flotta nel Mediterraneo, come la grande base navale algerina di Mars al-Qabir, e prevede di ampliare gli sforzi per avere nuovi servizi per la flotta a Sharshal. La città sulla costa mediterranea ospita l’Accademia militare mista, la più grande accademia militare congiunta dell’Africa. Le estremità del Mare Nostrum, una linea mediana da Algeri al porto del Pireo, roccaforte del commercio cinese in Europa, riuniscono le fortezze navali cinesi di Tartus e Sharshal. Una linea vista dal mondo come linea di demarcazione del nuovo rapporto di forze mondiale. Una linea tracciata con l’inchiostro indelebile, a poca distanza dal Colosso di Rodi. Hic Rhodus Hic Salta: il passaggio del Rubicone avverrà tra Mediterraneo occidentale, Nord Africa, Africa settentrionale, Ponente arabo ed ex-Ifriqiya romana. Sulla strategia cinese nel Mediterraneo e le relazioni tra Algeria e Cina.32Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La vittoria della Russia in Siria: il vero significato della tragedia dell’ospedale ad Aleppo

Ruslan Ostashko, Fort Russ, 8 dicembre 2016

Le dottoresse Nadezhda Durachenko e Galina Mikhajlova, assassinate dai terroristi filo-occidentali ad Aleppo. Nessuna Boldrini o affine, ha pigolato sul femminicidio.

Le dottoresse Nadezhda Durachenko e Galina Mikhajlova, assassinate dai terroristi filo-occidentali ad Aleppo. Nessuna Boldrini o affine, ha pigolato di femminicidio.

Non sono sorpreso dai doppi standard dei media e dei capi occidentali che non riconoscono il fatto che i nostri medici militari sono stati uccisi o dichiarano che “gli sta bene”. Sono ancor meno sorpreso dall’assenza di condoglianze di “circostanza” offerte in occasione dell’omicidio dei nostri consiglieri militari. Dirò qualcosa di cinico: sarei molto preoccupato se i media e i politici occidentali improvvisamente facessero altrimenti. Il punto è che la cavalleria è un lusso che solo i vincitori possono permettersi, e le forze globaliste in Siria subiscono una gravissima sconfitta dalle conseguenze di vastissima portata. Pertanto, quando il Pentagono sorride e la Croce Rossa Internazionale sputa sulla memoria dei nostri medici, significa che tutto è in ordine. Questo vuol dire che facciamo ciò che è necessario e che le nostre truppe sono dalla parte giusta della storia e sono vicinissime alla vittoria. I nostri nemici sputano da sempre sulle tombe dei morti quando non riescono a sconfiggere i vivi. Questo è un segno sicuro che perdono e noi vinciamo. La situazione per i globalisti che coordinano i terroristi dell'”opposizione siriana” è così disperata che faranno qualsiasi cosa per rovinare la vicina vittoria delle truppe russe in Siria. La catastrofe incombe sui globalisti e si avvicina il momento in cui saranno privati della leva finanziaria, come la leva del controllo di certe risorse militari statunitensi. Un comandante prudente ora negozierebbe con calma con Mosca il ritiro degli istruttori militari statunitensi da Aleppo dove coordinavano i terroristi. Ma invece, i globalisti sparano coi mortai su un ospedale russo come addio, sapendo perfettamente che la risposta sarà il massimo spargimento di sangue. Le probabilità che gli istruttori occidentali escano da Aleppo vivi è ormai zero. E’ evidente che non si preoccupano della sorte dei loro istruttori e che non gliene potrebbe fregare di meno, proprio perché il Pentagono finirà presto nelle mani di Trump. Non potranno utilizzare più tali istruttori. Allora, perché proteggerli? Secondo la logica del team di Clinton in uscita, è molto più importante e interessante rovinare la festa e far costare ancora di più la vittoria russa. Non c’è nulla di sorprendente, la logica dei globalisti, per i quali siriani e statunitensi sono carne da cannone per le loro guerre personali, si riflette cristallina in questa situazione. Non so voi, ma mi ricorda l’aprile 1945, quando affrontammo un maniaco che si comportò in modo simile, finendo molto male.
Seguo da vicino le guerre di informazione contro la Russia, e ricordo molto bene come ci dicessero ad ogni passo che la Siria sarà il nuovo Afghanistan della Russia. Ricordo come specialisti sul Medio Oriente ci hanno detto che Assad era segnato in ogni caso. Ricordo come ci dissero che Aleppo è inespugnabile e che Turchia e Stati Uniti avrebbero lottato fino alla fine per proteggere i loro terroristi in Siria. In sostanza c’invitavano a riconciliarsi con tali “fatti” e a non cercare d’interferire nei piani dei clintoniani per rimodellare il Medio Oriente, pensando ai gasdotti del Qatar verso l’Europa e trasformando la regione in una fabbrica di terroristi da usare per attaccare la Russia. Ma cosa vediamo ora? Assistiamo non solo alla battaglia finale per Aleppo, ma al trionfo delle Forze Armate e dei consiglieri militari russi. Abbiamo imparato a combattere con la massima preoccupazione per la vita dei nostri soldati. Ecco perché i casi in cui non riusciamo a salvare i nostri medici o consiglieri militari, sono così dolorosi. Si può già dire che la loro morte non è stata vana. Oltre agli ovvi vantaggi geopolitici ora in gioco e alla drastica riduzione dei terroristi che potrebbero, in altre circostanze, presentarsi in Russia, l’operazione in Siria ha mostrato a noi stessi e al mondo che la Russia può difendere i propri interessi geopolitici oltre i propri confini, anche meglio di quanto facesse l’URSS. 25 anni fa, l’operazione in Afghanistan permise alla società d’essere indifferente o perfino d’accettare il crollo dell’Unione Sovietica. Ma ora la nostra operazione in Siria fa il contrario: rafforza la nostra fiducia nella nostra forza e nel nostro Paese. Questo va molto bene. Forse 25 anni fa imparammo a trarre le giuste conclusioni dagli errori del passato.

Funerali del pilota Oleg A. Peshkov, del velivolo abbattuto a tradimento dai turchi, nel novembre 2015

Funerali del pilota Oleg A. Peshkov, del velivolo abbattuto a tradimento dai turchi, nel novembre 2015

Come i commando russi liquidano i terroristi ad Aleppo
Rusreinfo 9 dicembre 2016

97540_800Il successo dell’Esercito Arabo Siriano ad Aleppo deve molto alle operazioni delle Forze Speciali russe nella regione, che disturbano i gruppi terroristici liquidandone i comandanti.
Nelle ultime settimane nella regione di Aleppo decine di capi di vari gruppi sono stati eliminati da cecchini e operazioni aeree mirate basate sulle informazioni trasmesse da infiltrati e forze speciali russe sul campo. Questo è il metodo che Israele segue contro i gruppi terroristici: gli infiltrati individuano i capi dei terroristi, forse mettono un GPS sulle loro auto, e poi un drone o aviogetto lancia un missile sul bersaglio. L’assenza di coordinamento dei comandi provoca sbandamento e fuga nei gruppi terroristici, e l’Esercito arabo siriano può quindi facilmente neutralizzarli. Secondo informazioni riservate, molti cittadini statunitensi, inglesi e tedeschi, mercenari o ufficiali agli ordini dei loro governi, sarebbero caduti sotto le pallottole dei cecchini o degli attacchi mirati. Questo è probabilmente uno dei motivi dell’attuale isteria a Washington e Berlino sull'”aggressione russa in Siria” e dei tentativi disperati di raggiungere una tregua, giustamente respinta dalla Russia che nota come i precedenti cessate il fuoco, quando rispettati dai terroristi, furono utilizzati per consentirgli di riorganizzarsi. Senza pregiudicare gli ordini che il presidente Trump darà a gennaio, è chiaro che Obama s’imbarca in una corsa sfrenata di cui va chiesto quale sia il vero obiettivo: rendere la situazione il più difficile possibile per Trump, o innescare un’escalation con la Russia prima del giuramento di Donald Trump? Tutto è possibile nelle prossime settimane.
spetz-1728x800_cTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le Forze Speciali russe eliminano i capi dei terroristi in Siria

South Front

crb-flmxeaaksqfSecondo esperti ed analisti, le Forze Speciali russe partecipano attivamente alle operazioni militari in Siria, contribuendo all’eliminazione dei capi dei terroristi.
L’operazione militare avviata ad Aleppo è stata preparata da tempo e consiglieri militari ed ufficiali delle Forze Speciali russi vi hanno contribuito, secondo i media russi che citano esperti militari indipendenti. Secondo loro, ciò è confermato da numerose azioni per eliminare i capi più noti dei gruppi terroristici, con conseguenti perturbazioni e perplessità tra i terroristi. Prima dell’offensiva dell’Esercito Arabo Siriano, sulle reti sociali dei terroristi si riferiva della morte di dieci ben noti capi. La maggior parte liquidata a distanza con fucili da cecchino di grosso calibro. Altri con attacchi missilistici delle Forze Aerospaziali russe durante telefonate via cellulare o satellitare, indicando l’utilizzo di munizioni guidate. Tuttavia, con l’inizio della battaglia nei quartieri orientali di Aleppo, la tendenza proseguiva. Negli ultimi 10 giorni è stata indicata l’eliminazione di Abdulhamid Haj Ahmad, un capo dell’esercito libero siriano (ELS), Said Shahabi e Hasima al-Musa, capi di Jabhat al-Shamiyah, Umar Muhamad al-Haj, emiro dell’haraqat Nuradin al-Zinqi, Abu al-Haris capo del ramo ad Aleppo dell’haraqat Ahrar al-Sham, e Abu Muqirah al-Shishani, uno dei capi di Jabhat Fatah al-Sham (già noto come Jabhat al-Nusra). Secondo i media russi, l’efficace preparazione delle Forze Speciali russe ha garantito il successo delle operazioni delle truppe siriane ad Aleppo. Gli esperti militari sono sicuri che si possa vederlo chiaramente nell’eliminazione dei capi dei gruppi armati da parte delle Forze Speciali. Inoltre, gli analisti attirano l’attenzione sui raid aerei estremamente accurati delle Forze Aerospaziali russe, e ciò significa che dei controllori di volo avanzati, che di solito sono operatori delle Forze Speciali, vi hanno operato. Secondo gli esperti, l’Esercito Arabo Siriano non ha personale abbastanza qualificato per svolgere tali compiti. A sua volta, il Ministero della Difesa russo ha confermato la presenza delle Forze Speciali russe in Siria. Tuttavia, il Ministero afferma che i militari russi scambiano solo esperienze e operano come consiglieri militari. “Le divisioni delle nostre Forze Speciali operano sul territorio della Siria, controllando la ricognizione delle strutture per i raid della Forza Aerea russa, puntando i velivoli su obiettivi in aree remote e svolgendo altre missioni speciali“, dichiarava il comandante del gruppo militare in Siria Colonnello-Generale Aleksandr Dvornikov. Tuttavia, il fatto che le Forze Speciali partecipino attivamente alle operazioni è confermata dall’esempio di Palmyra, dove l’ufficiale Aleksandr Prokhorenko vi perse la vita, circondato dai terroristi mentre operava come controllore di volo avanzato. L’ufficiale Fjodor Zhuravlev, che guidava i missili da crociera, è stato ucciso in una situazione simile.czguxyfw8aarjyh

La Russia schiera la Polizia Militare della Repubblica di Cecenia ad Aleppo
South Front560e9418c36188b34b8b457aLa Russia schiera oltre 100 militari della Polizia Militare dalla Repubblica di Cecenia in Siria, secondo un video apparso sui social media il 7 dicembre. Il video mostra presumibilmente i preparativi della polizia militare cecena prima dell’invio in Siria, nella base militare di Hankala, presso la capitale della Repubblica cecena Groznij. Secondo i media russi, i combattenti ceceni proteggeranno le infrastrutture cruciali, civili e militari. in Siria. Gli esperti russi suggeriscono che almeno una parte dei combattenti ceceni verrà inviata ad Aleppo. Vi sono pochi dubbi che la città sarà presto liberata e il governo siriano avrà bisogno di assistenza per migliorare la situazione umanitaria e della sicurezza in città. In precedenza, il Presidente della Repubblica di Cecenia Ramzan Kadyrov aveva annunciato che alcune unità cecene operavano in Siria, insieme ad altre unità delle Forze Speciali russe. Il video del Mufti della Repubblica di Cecenia che arringa i combattenti ceceni prima del dispiegamento in Siria, è disponibile online:

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Come Blackwater ed Emergency traghettano migranti in Italia

Gefira 11/10/2016 – Newropeans

Regina e Chris Catrambone

Regina e Chris Catrambone

MOAS è l’acronimo di Stazione di aiuto ai migranti in mare aperto. Si tratta di un’organizzazione non governativa con sede a Malta che si è posto il compito di pattugliare il Mediterraneo e salvare persone in alto mare, recuperandole da gommoni, zattere e barche sul Phoenix, il peschereccio della MOAS, una nave completa di droni per sorvegliare le acque, traghettando i migranti per miglia, dalle coste libiche alla Sicilia. L’organizzazione è gestita da Chris Catrambone (35) e sua moglie Regina. Chris Catrambone, statunitense della Louisiana diplomato al college, gestiva un ristorante su un battello a vapore ed ha lavorato presso il Congresso degli Stati Uniti a Washington DC, prima di lavorare come investigatore assicurativo. In tale veste fu inviato nei luoghi più pericolosi del mondo, come ad esempio Iraq e Afghanistan. Dopo aver fatto abbastanza esperienza, e accidentalmente sopravvissuto all’uragano Katrina in Louisiana nel 2005, l’anno dopo Chris Catrambone fondava il Tangiers Group, azienda globale specializzata in “Servizi di assicurazione, assistenza di emergenza, gestione dei sinistri sul campo ed intelligence“(1)). Inizialmente operava dagli Stati Uniti, ma per gestire meglio l’azienda in espansione trasferiva le attività in Italia (dove incontrava la futura moglie) e poi a Malta. È qui che nel 2013 Chris Catrambone fondò la Migrant Offshore Aid Station (MOAS) per assistere la popolazione del terzo mondo ad attraversare il mare in cerca di una vita migliore. Catrambone e la moglie si dice che abbiano speso 8 milioni di dolari propri per tale fine, perché, come il fondatore della MOAS ha confessato, anche lui, una volta che perse la casa a causa di Katrina, capì la situazione degli altri.
ianIan Ruggier è un membro del consiglio della MOAS. Questi un tempo fece scalpore a Malta con un piano volto a frenare i migranti in rivolta a Malta. Le unità di polizia circondarono la folla, ed isolarono e colpirono i capi per evitare ulteriori dimostrazioni. Eppure qualcosa andò storto e fallì, con le organizzazioni pro-immigrati che fecero enorme clamore e i tribunali che se ne occuparono (2). Dopo 25 anni di servizio, Ian Ruggier ha trovato lavoro nella MOAS: incaricato di contenere i migranti ora è passato dalla loro parte: Saulo divenne Paolo. Forse.
Ma che succede se Ian Ruggier è soltanto l’uomo il cui compito è garantire che i migranti soccorsi o infiltrati in Europa non finiscano a Malta? Perché le barche della MOAS sono di stanza a Malta, da dove operano. Una volta caricati di immigrati, salpano dal porto di La Valletta verso l’Italia per scaricarvi il carico umano. Robert Young Pelton è consulente strategico della MOAS (3), fondatore di Migrant Report (4) e proprietario della Dpx (Posti estremamente pericolosi) Gear, che vende coltelli da guerra (5) per chi si reca nelle zone di conflitto da cui, stranamente, provengono le persone che si suppone MOAS e Migrant Report dovrebbero aiutare. Come giornalista free-lance ha incontrato Eric Prince, il fondatore della Blackwater, la società militare privata statunitense (mercenari) impegnata in operazioni in Afghanistan e Iraq; per inciso, la Blackwater è stata impiegata anche in Louisiana, durante l’uragano Katrina: Chris Catrambone era capitato lì proprio in quel momento. Robert Young Pelton ha incrociato Eric Prince su questioni finanziarie.
Ma tornando a Chris Catrambone. Un giovane laureato e dipendente, costituisce una società (Tangiers Group) che estende rapidamente le attività in oltre cinquanta Paesi, comportando profitti per milioni da potersi creare l’ente di beneficenza che si chiama MOAS. MOAS impiega uomini che contemporaneamente possono intervenire presso le aziende militari private o essere incaricati di frenare l’afflusso di persone che cercano di attraversare il Mediterraneo. Tale organizzazione non-governativa non è in concorrenza con i governi europei nel recupero dei migranti: piuttosto li integra, un riconoscimento per cui il suo fondatore riceve premi. (6)
aaeaaqaaaaaaaak Alcune domande sorgono. Come ha fatto Chris Catrambone ad accumulare tale fortuna, così giovane, sul mercato delle assicurazioni? (7) È il suo ente di carità è solo un’espressione delle proprie convinzioni personali? Persegue scopi politici? Il suo Tangiers Group opera nelle zone di guerra: è un puro caso? Lavorò presso il Congresso degli Stati Uniti a Washington DC. Alcuni suoi collaboratori spuntano nelle stesse zone pericolose dove opera Tangiers Group. Anche qui un puro caso? Sembra che ci sia una stretta relazione tra MOAS, marina maltese ed esercito statunitense. MOAS è guidata da un ufficiale di marina noto per il duro trattamento inflitto agli immigrati; fu promosso partner commerciale della Blackwater, ben nota per le azioni spietate contro i civili e di proprietà di una persona che ha fatto fortuna sfruttando le operazioni militari statunitensi in Afghanistan, Africa del Nord e Medio Oriente. Lo stesso denaro, in un modo o nell’altro, guadagnato creando caos in Africa e Medio Oriente, provocando la crisi dei rifugiati, viene ora usato per spedire migliaia di africani senza documenti nel cuore dell’Europa, causando problemi in Italia, Francia, Grecia e Germania. Non si può fare a meno di chiedersi se quelli della MOAS siano onesti salvatori o compiano la missione di destabilizzare ancora di più l’Europa.tumblr_nh96xy1z101u6emqdo1_1280

 Robert Young Pelton in Afganistan nel 2001, durante l'invsione degli USA. Qui era circodanto dai guerriglieri dell'Alleanza del Nord, il fronte di cui era leader il potente narcotrafficante afgano Ahmad Shah Masud, grande amico di Gino Strada. C'è un nesso? Pelton era presente

Robert Young Pelton in Afganistan nel 2001, durante l’invasione degli USA. Qui era circondato dai guerriglieri dell’Alleanza del Nord, il fronte di cui era leader il potente narcotrafficante afgano Ahmad Shah Masud, grande amico di Gino Strada. C’è un nesso?

Robert Young Pelton, in Iraq assieme agli amici della Blackwater

Robert Young Pelton, al centro, in Iraq assieme agli amici della Blackwater. Pelton è “consigliere strategico” dell’ente immigrazionista MOAS con cui Emergency di Gino Strada ha stretto forti legami.

Riferimenti
1. Christopher Catrambone, My Story.
2. Come l’esercito ha sbagliato, Times of Malta, 19/12/2005, un ufficiale responsabile della disastrosa gestione delle proteste, Malta Today 16/11/2007.
3. Robert Young Pelton: Aid Station Migrant Offshore (MOAS) e la crisi dei rifugiati dalla Siria.
4. Migrant Report
5. Dpx Gear
6. MOAS, giovane eroe tra coloro onorati nel giorno della Repubblica, 13/12/2015 Malta Today 2015/12/13.
7. “Avevo un patrimonio netto di 10 milioni di dollari prima di compiere trent’anni. (…) Non sono cresciuto nel denaro o nel lusso. Ho costruito tutto quello che ho da zero, attraverso il duro lavoro e la dedizione. Ad un certo punto, ho cominciato a vedermi arrabbattarmi tra questioni sui soldiPhoenix Rising.

Il sodalizio tra MOAS ed Emergency risale al 2011?

Il sodalizio tra MOAS ed Emergency risale al 2011?

La MOAS usa droni da ricognizione.

La MOAS usa droni da ricognizione di origine militare per le operazioni di ‘recupero’ di migranti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le ONG contrabbandano immigrati in Europa?

Qualcosa di molto strano accade nel Mediterraneo
GefiraSouth Frontjason_florio_moas-eu-8604Per due mesi, utilizzando marinetraffic.com, abbiamo monitorato i movimenti delle navi di proprietà di un paio di organizzazioni non governative e, utilizzando i dati di data.unhcr.org abbiamo tracciato l’arrivo quotidiano di immigrati africani in Italia. Abbiamo scoperto di essere testimoni di una grande truffa e di un’operazione di traffico illegale di esseri umani. ONG, contrabbandieri e mafia in combutta con l’Unione europea hanno spedito migliaia di clandestini verso l’Europa con il pretesto di salvarli, assistiti dalla guardia costiera italiana che ne coordina le attività. I trafficanti di esseri umani contattano la guardia costiera italiana per ricevere aiuto e raccogliere i loro dubbi carichi. Le navi delle ONG vengono dirette sul “luogo del soccorso”, anche se è ancora in Libia. Le 15 navi che abbiamo osservato sono di proprietà o affittate da ONG viste regolarmente salpare dai porti italiani in direzione sud, fermarsi a poche miglia dalle coste libiche, prendere il carico umano a bordo e naturalmente rientrare per 260 miglia in Italia, anche se il porto di Zarzis, in Tunisia, è solo a 60 miglia di distanza dal punto di salvataggio. Le organizzazioni in questione sono: MOAS (Migrant Offshore Aid Station), Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Medici Senza Frontiere, Save the Children, Proactiva Open Arms, Sea-Watch.org, Sea-Eye e Life Boat.
Le vere intenzioni dietro le ONG non sono chiare. Il loro movente può essere il denaro, che non sorprenderebbe se si rivelasse essere così. Possono anche essere politicamente pilotati; le attività dell’organizzazione di Malta, MOAS, che traffica persone in Italia, è la migliore garanzia che i migranti non appaiano sulla rive maltesi. MOAS è gestita da un ufficiale della marina maltese ben noto per maltrattamenti ai rifugiati (1). E’ anche possibile che tali organizzazioni siano gestite da ingenui “buonisti” che non sanno di servire da magnete per le persone provenienti dall’Africa e quindi, volenti o nolenti, causare altri morti, per non parlare delle azioni per destabilizzare l’Europa. Per quanto nobili siano le intenzioni di tali organizzazioni, sono criminali, come la maggior parte dei migranti che non può ricevere asilo, finendo per strada a Roma o Parigi, minando la stabilità in Europa aumentando le tensioni sociali a sfondo razziale. Bruxelles ha creato una legislazione particolare per proteggere i trafficanti di esseri umani dalle accuse. In una sezione dedicata a una risoluzione UE, intitolata Ricerca e salvataggio, il testo afferma che “proprietari privati di navi e organizzazioni non governative che assistono i salvataggi nel Mediterraneo non dovrebbero rischiare punizioni per tale assistenza“. (2)
Nei due mesi di osservazione, abbiamo monitorato almeno 39000 africani illegalmente contrabbandati in Italia con il pieno consenso delle autorità italiane ed europee.

Le navi utilizzate dalle ONG al largo delle coste libiche© Moas 2015 - Image Peter MerciecaLa Phoenix è una delle due navi della MOAS. La nave è regolarmente avvistata nelle acque territoriali della Libia. È registrata in Belize, Sud America. Tuttavia, la nave è di proprietà di maltesi che trasportano gli immigrati in Italia. Sito web: MOASfoto-emergencyLa Topaz Responder, un vascello di soccorso di 51 metri, ospita 2 lance di soccorso ad alta velocità. La nave è gestita assieme a MSF (e ad Emergency di Gino Strada. NdT). È uno dei tre traghetti che trasportano centinaia di persone alla volta. La nave è registrata nelle Isole Marshall. Sito web: MOAS
3x340630-k09c-600x337nwz-onlineLa Iuventa è registrata nei Paesi Bassi ed è di proprietà della ONG tedesca Jugend Rettet. Sito web: Jugend Rettet.stichting-bootvluchting2La Golfo Azzurro è utilizzata dall’olandese ‘Boat Refugee Foundation‘. Golfo Azzurro opera sotto la bandiera di Panama. La Fondazione trasporta rifugiati con la nave a un prezzo simbolico. Sito web: Bootvluchteling.Dignity I ready to bolster operations in the Mediterranean SeaLa Dignity 1 è registrata a Panama. Crediamo che la nave appartenga a Medici Senza Frontiere. Sito web: MSF.
msf147678La Bourbon Argos, nave di Medici Senza Frontiere. È una delle tre navi utilizzate per trasportare persone tratte da imbarcazioni più piccole in Italia. La nave è attualmente registrata in Lussemburgo. MSF2016-02-19t173113z_737741010_lr1ec2j1cnqnj_rtrmadp_3_europe-migrants-france_0La Aquarius è una delle tante navi gestite da Medici Senza Frontiere. È registrata a Gibilterra. Sito web: MSF.
eni-hires-vroons-vos-hestiaLa nave di ricerca e soccorso Vos Hestia, noleggiata da Save The Children, come molti vascelli delle ONG. è supervisionata dal sito della Guardia Costiera italiana: Save the Children. livio-lomonaco-oscar-camps-badalona_1597050523_29619824_3189x2126L’Astral della Proactiva Open Arms. Abbiamo individuato l’Astral molte volte nelle acque territoriali libiche. La nave è scomparsa regolarmente dal monitoraggio dei siti web AIS. Sito web: Proactiva Open Arms.seawatch1La Sea-Watch I è di proprietà di un’organizzazione di Berlino che collabora con Watch The Med, rete transnazionale di persone che combattono il regime di frontiera europeo, e chiedono il passaggio libero e sicuro per l’Europa. Sito web: Sea-Watch.
sea-watch_2_elbe-18-von-39-1La Sea-Watch II è di proprietà di un’organizzazione di Berlino che collabora con Watch The Med, rete transnazionale di persone che combattono il regime di frontiera europeo, e chiedono il passaggio libero e sicuro per l’Europa. Sito web: Sea-Watch.

L’Audur è registrata nei Paesi Bassi. Non sappiamo a chi appartenga.sea-eye_0_1314947-940x1000La Sea-Eye è di proprietà della Sea-Eye-eV. Michael Buschheuer di Regensburg, in Germania, un gruppo di familiari e amici che ha fondato l’organizzazione non-profit di soccorso in mare. Sito web: Sea-Eye.

Lo Speedy è un motoscafo di proprietà della Sea-Eye-eV, ma è stato confiscato dal governo libico. Sito web: Sea-Eye.
minden-ausgedienter-seenotrettungskreuzerLa Minden è una scialuppa di salvataggio di proprietà di un’organizzazione tedesca. La nave è attualmente registrata in Germania. Sito web: Lifeboat.

Altre informazioni:
Ad ottobre abbiamo scoperto che quattro ONG raccolgono persone nelle acque territoriali libiche. Abbiamo la prova che questi contrabbandieri comunicano in anticipo le loro azioni alle autorità italiane. Dieci ore prima che gli immigrati lascino la Libia, la guardia costiera italiana dirige le ONG sul luogo di “salvataggio”: il completo resoconto “Colti sul fatto: le ONG gestiscono il traffico di migranti
L’organizzazione MOAS ha stretti legami con il famoso contractor militare degli Stati Uniti Blackwater, con l’esercito degli Stati Uniti e la marina maltese (e ricordo, anche con Emergency di Gino Strada). Resoconto: “Gli statunitensi della MOAS traghettano i migranti in Europa“.
Vi è una relazione completa sulle navi coinvolte: “L’Armada delle Ong che opera al largo delle coste della Libia” e come le persone sono incoraggiate a venire in Europa: “La strada della morte per l’Europa promossa sul web“.

Le ONG pro-immigrazionismo, impiegano materiale militare, come questo drone di fabbricazione tedesca.

Le ONG pro-immigrazionismo impiegano materiale militare, come questo drone di fabbricazione tedesca.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora