Riaperto il caso bin Ladin

MK Bhadrakumar Indian Punchline 11 maggio 2015article-2217185-157DB1DC000005DC-754_634x331Il racconto agghiacciante del giornalista investigativo statunitense Seymour Hersh, nel suo ben curato saggio nell’ultimo numero della London Review of Books, intitolato ‘L’assassinio di Usama bin Ladin’, sull’assassinio a sangue freddo di quattro anni fa del capo latitante di al-Qaida nella città pakistana di Abbottabad, dovrebbe far trarre alle élite indiane certe cupe conclusioni sulla “definizione di partnership del XXI secolo” tra India e Stati Uniti.
Hersh afferma:
Usama bin Ladin era sotto la custodia dell’Inter-Services Intelligence (ISI) del Pakistan dal 2006 all’assassinio nel 2011. L’Arabia Saudita era l’unico Paese interessato. I sauditi compensarono finanziariamente il Pakistan per tenere bin Ladin, cittadino saudita, vivo e al sicuro.
L’operazione di Abbottabad fu attuata congiuntamente da Stati Uniti e Pakistan, con l’esercito pakistano e ISI che diedero supporto logistico. Il capo dell’esercito Generale Ashfaq Kayani insisteva che bin Ladin fosse sommariamente ucciso.
Così bin Ladin fu deliberatamente ucciso a sangue freddo anche se era disarmato, gravemente malato, non era più coinvolto nelle attività di al-Qaida e avrebbe potuto essere catturato vivo.
Il suo corpo a pezzi fu gettato dagli elicotteri statunitensi di ritorno alla base in Afghanistan, non ebbe esattamente un “funerale musulmano” in mare, come affermò la Casa Bianca.
Un elaborato cover-up fu poi inscenato dalla Casa Bianca e un falso resoconto dato ai media e al Congresso degli Stati Uniti.
Il saggio di Hersh dà un quadro misero del presidente Barack Obama. A meno che Obama non chiarisca ciò che successe realmente, e perché e come successe, l’assassinio a sangue freddo di bin Ladin peserà sul suo lascito, anche se sarà un politico ben protetto e non vivrà il resto della vita nella paura della vendetta da parte di al-Qaida, a differenza di Kayani o dell’ex-capo dell’ISI Generale Shuja Pasha, uomini condannati d’ora in poi. Il punto è che infine Obama raggiunse un accordo con Kayani, l’assassinio di bin Ladin in cambio di una borsa d’oro e mano libera all’esercito pakistano in Afghanistan. Senza dubbio, l’ex-presidente afgano Hamid Karzai aveva ragione quando insisteva che gli Stati Uniti non combattevano seriamente i taliban, ma si creavano solo l’alibi per mantenere la presenza militare a lungo termine in Afghanistan, servendo la propria agenda geopolitica. Come potremmo dimenticare che gli Stati Uniti sono l'”impero del male” che non rispetta diritto internazionale, sovranità di altre nazioni e utilizza l’omicidio a sangue freddo come arma politica? Per lo meno bin Ladin avrebbe dovuto essere catturato e processato. Ma poi, forse, avrebbe gravemente compromesso la reputazione di Arabia Saudita e Pakistan e reso difficile ad Obama condurvi affari normali.
Ironia della sorte, Obama doveva ospitare Salman bin Abdulaziz, re dell’Arabia Saudita, alla Casa Bianca e a Camp David, con principale argomento di discussione la guerra al terrore che i due alleati combattono insieme. Il cordone ombelicale che lega l’ISI alla CIA è ben noto. Tuttavia sorprende che Obama e Kayani abbiano cospirato in segreto per pianificare ed eseguire un omicidio. E come ogni complice di un “delitto perfetto”, CIA e ISI sono legati per tutta la vita. Tra l’altro, Kayani dirigeva l’ISI nel periodo precedente gli attentati di Mumbai del 26 novembre 2008, in cui un ruolo fondamentale ebbe David Headley, che lavorava per l’intelligence degli Stati Uniti. Cosa suscita tutto ciò sulla tanto declamata cooperazione per la sicurezza tra India e Stati Uniti?Dobbiamo riflettere seriamente se il Pentagono potrà mai essere un partner affidabile per le forze armate indiane. Basti dire del braccio di ferro dagli Stati Uniti per costringere la Francia ad affossare il contratto da 1,5 miliardi di dollari per la portaelicotteri Mistral con la Russia, un dramma allegorico anche per noi. Hersh ci ha fatto un favore pubblicando questo saggio, alla vigilia della visita di un alto procacciatore statunitense a Delhi, il segretario della Difesa Ashton Carter.article-1382859-0BDFDE7A00000578-216_964x604Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

E se Putin dice la verità?

F. William Engdahl New Eastern Outlook 15/05/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraLOUGH ERNE: G8 Summit, Hollande meets PutinIl 26 aprile la principale emittente televisiva nazionale della Russia, Rossija 1, ha intervistato il Presidente Vladimir Putin in un documentario sugli eventi recenti come l’adesione della Crimea, il colpo di Stato degli USA in Ucraina, e lo stato generale della relazioni con Stati Uniti ed Unione europea. Le sue parole erano sincere. E nell’intervento l’ex-dirigente del KGB russo ha sganciato una bomba politica nota dai servizi segreti russi da vent’anni. Putin ha dichiarato senza mezzi termini che a suo parere l’occidente sarebbe contento d’indebolire la Russia, farla soffrire e mendicare dall’occidente, qualcosa chiaramente cui il carattere russo non è disposto. Poi con un breve passo nel suo intervento, il presidente russo ha dichiarato per la prima volta pubblicamente ciò che l’intelligence russa sa da vent’anni, ma su cui è stata in silenzio finora, molto probabilmente nella speranza di una normalizzazione delle relazioni Russia-Stati Uniti. Putin ha dichiarato che il terrorismo in Cecenia e nel Caucaso russo, nei primi anni ’90, fu attivamente sostenuto dalla CIA e dai servizi segreti occidentali per indebolire deliberatamente la Russia. Ha osservato che l’intelligence russa FSB aveva documentato il ruolo occulto degli Stati Uniti, senza fornire dettagli. Putin, professionista dell’intelligence di altissimo livello, ha solo accennato nel suo discorso a ciò che è documentato in dettaglio da fonti non russe. Il rapporto ha enormi implicazioni rivelando al mondo la lunga agenda occulta dei circoli influenti a Washington per distruggere la Russia come Stato sovrano; un ordine del giorno che include il colpo di Stato neo-nazista in Ucraina e la greve guerra delle sanzioni contro Mosca. Quanto segue è tratto dal mio libro, Amerikas Heilige Krieg.

Le guerre cecene della CIA
Non molto tempo dopo che mujahidin finanziati da CIA e servizi segreti sauditi avevano devastato l’Afghanistan alla fine degli anni ’80, costringendo alla ritirata l’esercito sovietico nel 1989, e la dissoluzione dell’Unione Sovietica qualche mese più tardi, la CIA iniziò a cercare possibili luoghi nell’ex-Unione Sovietica dove i suoi “afghani arabi” potessero essere schierati per destabilizzare ulteriormente l’influenza russa nello spazio eurasiatico post-sovietico. Erano chiamati arabi afghani perché furono reclutati dagli ultraconservatori wahabiti di Arabia Saudita, Emirati Arabi, Quwayt e altrove nel mondo arabo in cui si pratica l’ultra-rigida visione wahabita dell’Islam. Furono portati in Afghanistan nei primi anni ’80 da una recluta saudita della CIA inviata in Afghanistan, Usama bin Ladin. Con l’ex-Unione Sovietica nel caos totale e allo sbando, l’amministrazione di George HW Bush decise di “colpirla quando era stesa a terra”, un triste errore. Washington riposizionò i suoi terroristi afghani per creare caos e destabilizzare l’Asia centrale e anche la Federazione Russa, in crisi profonda e traumatica per il collasso economico dell’era Eltsin. Nei primi anni ’90 la società di Dick Cheney, Halliburton, aveva esaminato le potenzialità petrolifere offshore di Azerbaigian, Kazakistan e dell’intero bacino del Mar Caspio. Si stima che la regione fosse “un’altra Arabia Saudita” del valore di diversi miliardi di dollari, sul mercato attuale. Stati Uniti e Regno Unito decisero di tenere quella miniera d’oro petrolifera fuori dal controllo russo con tutti i mezzi. Il primo obiettivo di Washington fu organizzare un colpo di Stato in Azerbaigian contro il presidente Abulfaz Elchibej ed installarne uno più amichevole al Baku-Tbilisi-Ceyhan (BTC) controllato dagli statunitensi, “il gasdotto più politico del mondo”, l’oleodotto da Baku in Azerbaijan attraversava la Georgia verso la Turchia e il Mediterraneo. All’epoca, l’unico oleodotto esistente da Baku era il gasdotto sovietico che attraversava la capitale cecena, Groznij, seguendo la rotta a nord, nel Daghestan della Russia e attraversava la Cecenia fino al porto russo sul Mar Nero di Novorossijsk. L’oleodotto era l’unico concorrente e maggiore ostacolo alla molto costosa rotta alternativa di Washington e dei giganti petroliferi inglesi e statunitensi. Il presidente Bush Sr. diede ai suoi vecchi amici della CIA il mandato di distruggere il gasdotto russo e creare un tale caos nel Caucaso che nessuna società occidentale o russa potesse considerare l’uso dell’oleodotto russo di Groznij. Graham E. Fuller, collega di Bush ed ex-vice direttore del Consiglio nazionale sull’intelligence della CIA, fu l’architetto chiave della strategia dei mujahidin della CIA. Fuller descrisse la strategia della CIA nel Caucaso nei primi anni ’90: “La politica per guidare l’evoluzione dell’Islam e aiutarlo contro i nostri avversari ha funzionato meravigliosamente bene in Afghanistan contro l’Armata Rossa. Le stesse dottrine possono ancora essere utili per destabilizzare ciò che resta del potere russo“.
La CIA assunse un veterano degli sporchi trucchi, il generale Richard Secord, per l’operazione. Secord creò una società di copertura della CIA, MEGA Oil. Secord fu condannato negli anni ’80 per il ruolo centrale nelle operazioni illegali armi e droga della CIA, l’Iran-Contra. Nel 1991 Secord, ex- viceassistente del segretario alla Difesa, sbarcò a Baku e costituì la società di facciata della CIA MEGA Oil. Era un veterano delle narco-operazioni segrete della CIA in Laos durante la guerra del Vietnam. In Azerbaigian creò una compagnia aerea che trasportò segretamente centinaia di mujahidin di al-Qaida di bin Ladin dall’Afghanistan all’Azerbaijan. Nel 1993, MEGA Oil aveva reclutato e armato 2000 mujahidin, mutando Baku in una base per le operazioni dei terroristi nel Caucaso. L’operazione segreta dei mujahidin del generale Secord nel Caucaso, scatenò il colpo di stato che rovesciò il presidente Abulfaz Elchibej e piazzò Hejdar Aliev, fantoccio più flessibile degli Stati Uniti. Un rapporto segreto dell’intelligence turco trapelato al Sunday Times di Londra confermò che “due giganti della benzina, BP e Amoco, inglese e statunitense rispettivamente e che formano l’AIOC (Azerbaijan International Oil Consortium), erano dietro il colpo di Stato”. Il capo dei servizi segreti sauditi, Turqi al-Faysal, dispose che il suo agente Usama bin Ladin, che inviò in Afghanistan all’inizio della guerra dei primi anni ’80, usasse l’organizzazione afgana Maqtab al-Qidamat (MAQ) per reclutare gli “arabi afghani” per ciò che stava rapidamente divenendo la jihad globale. I mercenari di bin Ladin furono utilizzati come truppe d’assalto di Pentagono e CIA per coordinare e sostenere le offensive musulmane non solo in Azerbaigian, ma anche in Cecenia e, in seguito, Bosnia. Bin Ladin si portò un altro saudita, Ibn al-Qatab, divenuto comandante o emiro dei jihadisti in Cecenia (sic!) e il signore della guerra ceceno Shamil Basaev. Non importa che Ibn al-Qatab fosse un saudita che parlava a malapena qualche parola di ceceno, per non parlare del russo. Sapeva chi fossero i soldati russi e come ucciderli.
La Cecenia poi era tradizionalmente una società prevalentemente sufi, un ramo apolitico dell’Islam. Ma la crescente infiltrazione dei terroristi sponsorizzati, ben finanziati e ben addestrati dagli USA per predicare la jihad o guerra santa contro i russi, cambiò l’inizialmente riformista movimento di resistenza cecena. Diffusero l’ideologia estremista di al-Qaida nel Caucaso. Sotto la guida di Secord, le operazioni terroristiche dei mujahidin si estesero rapidamente nel vicino Daghestan e in Cecenia, trasformando Baku in un punto del traffico di eroina afgana della mafia cecena. Dalla metà degli anni ’90, bin Ladin pagava i capi guerriglieri ceceni Shamil Basaev e Umar ibn al-Qatab diversi milioni di dollari al mese, la fortuna di un re nell’economicamente desolata Cecenia degli anni ’90, consentendogli di emarginare la maggioranza moderata cecena. I servizi segreti statunitensi furono profondamente coinvolti nel conflitto ceceno fino alla fine degli anni ’90. Secondo Yossef Bodansky, allora direttore della Task Force del Congresso degli Stati Uniti su terrorismo e guerra non convenzionale, Washington partecipò attivamente all'”ennesima jihad anti-russa, cercando di sostenere e potenziare le forze islamiste anti-occidentali più virulenti“. Bodansky rivelò in dettaglio l’intera strategia della CIA nel Caucaso, nella sua relazione, affermando che i funzionari del governo statunitense vi parteciparono, “Una riunione formale in Azerbaijan, nel dicembre 1999, in cui i programmi specifici per addestramento e equipaggiamento dei mujahidin in Caucaso, Centro/Sud Asia e mondo arabo, furono discusse e concordate, concludendosi con il tacito incoraggiamento di Washington agli alleati musulmani (principalmente Turchia, Giordania e Arabia Saudita) e ‘società di sicurezza private’ degli Stati Uniti… ad aiutare i ceceni e i loro alleati islamici nella primavera del 2000 e sostenerne la conseguente jihad per un lungo periodo… la jihad islamista nel Caucaso era un modo per privare la Russia di un oleodotto attivo attraverso la spirale di violenza e terrorismo“. La fase più intensa delle guerre cecene calò nel 2000, solo dopo la pesante azione militare russa che sconfisse gli islamisti. Fu una vittoria di Pirro che costò un enorme numero di vite e la distruzione di intere città. L’esatto bilancio delle vittime dal conflitto ceceno istigato dalla CIA è sconosciuto. Stime non ufficiali variano da 25000 a 50000 morti e dispersi, la maggior parte civili. Le perdite russe furono vicine a 11000, secondo il Comitato delle Madri dei soldati. Le major petrolifere anglo-statunitensi e agenti della CIA erano felici. Avevano quello che volevano: il loro oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan, bypassando a Groznij il gasdotto della Russia. I jihadisti ceceni, sotto il comando islamico di Shamil Basaev, continuarono la guerriglia dentro e fuori la Cecenia. La CIA si riorientava nel Caucaso.

baku_pipelines_risultatoIl legame saudita di Basaev
Basaev era parte fondamentale della Jihad Globale della CIA. Nel 1992 incontrò il terrorista saudita Ibn al-Qatab in Azerbaijan. Dall’Azerbaijan, Ibn al-Qatab portò Basaev in Afghanistan per incontrare l’alleato, il saudita Usama bin Ladin. Il ruolo di Ibn al-Qatab era reclutare musulmani ceceni disposti a intraprendere la jihad contro le forze russe in Cecenia, per conto della strategia segreta della CIA per destabilizzare la Russia post-sovietica e garantire il controllo anglo-statunitense sul Caspio. Una volta tornati in Cecenia, Basaev e al-Qatab crearono la Brigata Internazionale Islamica (IIB) con denaro saudita e intelligence della CIA, coordinata dal collegamento saudita a Washington, l’ambasciatore e amico dei Bush principe Bandar bin Sultan. Bandar, ambasciatore saudita a Washington per oltre vent’anni, era così intimo della famiglia Bush che George W. Bush disse che il playboy saudita “Bandar Bush” era un membro onorario della famiglia. Basaev e al-Qatab fecero arrivare in Cecenia combattenti sauditi del ceppo fanatico wahabita dell’Islam sunnita. Ibn al-Qatab comandava coloro che erano chiamati “mujahidin arabi in Cecenia”, suo esercito privato di combattenti arabi, turchi e altri stranieri. Fu anche incaricato di creare campi di addestramento paramilitare nelle montagne del Caucaso della Cecenia, addestrando ceceni e musulmani delle repubbliche russe del Caucaso del Nord e dell’Asia centrale. La Brigata Internazionale Islamica finanziata da sauditi e CIA era responsabile non solo del terrorismo in Cecenia. Compì nell’ottobre 2002 il sequestro di ostaggi nel Teatro di Mosca, Dubrovka, e il raccapricciante massacro della scuola di Beslan del settembre 2004. Nel 2010, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite pubblicò il seguente rapporto sulla Brigata Internazionale Islamica di al-Qatab e Basaev: “La Brigata Internazionale Islamica (IIB) fu indicata il 4 marzo 2003… come associata ad al-Qaida, Usama bin Laden e taliban “partecipando a finanziamento, progettazione, supporto, preparazione e attuazione di atti o attività, in collegamento, in nome di, per conto o a sostegno di al-Qaida… La Brigata Internazionale Islamica (IIB) fu fondata e guidata da Shamil Salmanovich Basaev (deceduto) ed è collegata al Battaglione ricognizione e sabotaggio dei Martiri ceceni Rijadus-Salikhin (RSRSBCM)… e al Reggimento forze speciali islamico (SPIR)… La sera del 23 ottobre 2002, i membri di IIB, RSRSBCM e SPIR congiuntamente sequestrarono oltre 800 ostaggi al Teatro di Mosca (Dubrovka). Nell’ottobre 1999, emissari di Basaev e al-Qatab si recarono nella base di Usama bin Ladin, nella provincia afghana di Kandahar, dove bin Ladin accettò di fornire assistenza militare sostanziale e aiuti finanziari, e anche di prendere accordi per inviare in Cecenia centinaia di combattenti per lottare contro le truppe russe e perpetrare atti di terrorismo. Nello stesso anno, bin Ladin inviò ingenti somme di denaro a Basaev, Movsar Baraev (capo del SPIR) e al-Qatab, da utilizzare esclusivamente per l’addestramento militare, reclutamento di mercenari e acquisto di munizioni”. La “ferrovia terrorista” afgano-caucasica di al-Qaida, finanziata dall’intelligence saudita, aveva due obiettivi. Uno era l’obiettivo saudita di diffondere la fanatica jihad wahabita nell’Asia centrale dell’ex-Unione Sovietica. Il secondo era l’obiettivo della CIA di destabilizzare la Federazione Russa post-sovietica e farla collassare.

Beslan
Il 1° settembre 2004 i terroristi di Basaev e dell’IIB di al-Qattab presero più di 1100 persone in ostaggio, tra cui 777 bambini, nella Scuola Numero Uno (SNO) di Beslan, in Ossezia del Nord, repubblica autonoma nel Caucaso settentrionale della Federazione russa, vicino al confine della Georgia. Il terzo giorno della crisi degli ostaggi, mentre esplosioni furono sentite nella scuola, FSB e altre truppe russe d’élite assaltarono l’edificio. Alla fine, almeno 334 ostaggi furono uccisi, tra cui 186 bambini, con un numero significativo di feriti e dispersi. Fu poi chiaro dopo che le forze russe avevano gestito male l’intervento. La propaganda di Washington, da Radio Free Europe al New York Times e CNN, non persero tempo a demonizzare Putin e la Russia per la cattiva gestione della crisi di Beslan, piuttosto che concentrarsi sui legami di Basaev con al-Qaida e i servizi segreti sauditi. Ciò avrebbe denunciato al mondo le relazioni intime tra la famiglia del presidente degli Stati Uniti George W. Bush e la famiglia miliardaria saudita dei bin Ladin. Il 1 settembre 2001, dieci giorni prima degli attentati al World Trade Center e al Pentagono, il capo dei servizi segreti sauditi, il principe di cultura statunitense Turqi bin Faysal al-Saud che dirigeva l’ntelligence saudita dal 1977, e anche l’intera operazione dei mujahidin di Usama bin Ladin in Afghanistan e Caucaso, all’improvviso e inspiegabilmente si dimise, pochi giorni dopo aver accettato un nuovo mandato a capo dell’intelligence dal suo re. Non diede alcuna spiegazione e fu subito spedito a Londra, lontano da Washington. La cronaca degli intimi legami tra le famiglie bin Ladin e Bush fu insabbiata, in realtà del tutto cancellata con la motivazione della “sicurezza nazionale” (sic!) dalla relazione ufficiale della Commissione sull’11 settembre degli Stati Uniti. L’origine saudita di quattordici dei diciannove presunti terroristi dell’11 settembre a New York e Washington, fu anch’essa eliminata dal rapporto finale della Commissione 911 del governo degli Stati Uniti, pubblicata solo nel luglio 2004 dall’amministrazione Bush, quasi tre anni dopo i fatti.
Basaev si vantò di aver inviato i terroristi a Beslan. Le sue richieste includevano la completa indipendenza della Cecenia dalla Russia, che avrebbe dato a Washington e Pentagono un enorme pugnale strategico sul ventre meridionale della Federazione russa. Alla fine del 2004, a seguito del tragico dramma di Beslan, il Presidente Vladimir Putin ordinò una missione cerca e distruggi segreta all’intelligence russa, per dare la caccia ed eliminare i capi dei mujahidin di Basaev nel Caucaso. Al-Qatab fu ucciso nel 2002. Le forze di sicurezza russe scoprirono che la maggior parte dei terroristi ceceni, afgani ed arabi era fuggita. Si erano messi al sicuro in Turchia, membro della NATO; in Azerbaijan, quasi membro della NATO; in Germania, altro membro della NATO; a Dubai, uno dei più stretti alleati arabi degli Stati Uniti, e nel Qatar, strettissimo alleato degli Stati Uniti. In altre parole, i terroristi ceceni trovarono nella NATO un santuario.

energia_fig_vol1_001330_011F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia si prepara alle guerre ibride

Denis Kungurov, RIR 7 maggio 2015

La Guerra ‘Ibrida’, è una strategia militare che riunisce guerra convenzionale, guerra irregolare compreso l’uso di armi di distruzione di massa, e guerra informatica e dell’informazione in una forma importante del conflitto internazionale di oggi. Lo Stato Maggiore delle forze armate russe ha accusato gli Stati Uniti di condurre tale guerra contro la Russia. RIR ha scoperto il significato di “guerre ibride” e se la Russia può contrastarle.

SOVESHANIE_150505_01Il termine “minaccia ibrida” comprende una vasta serie di situazioni e intenzioni ostili, afferma Aleksander Bartosh, direttore del Centro di Informazione per la Sicurezza Internazionale presso Università Statale Linguistica di Mosca, a una tavola rotonda (RT) sulle “Guerre ibride del XXI secolo”. La RT s’è svolta presso l’Università Militare nel gennaio 2015, con la partecipazione di rappresentanti delle forze dell’ordine e di altre armi. La guerra ibrida è una strategia militare che combina guerra convenzionale, guerra irregolare e guerra informatica, il termine viene anche usato per descrivere attacchi di armi nucleari, biologiche e chimiche, ordigni esplosivi improvvisati (IED) e guerra dell’informazione. É ritenuto una complessa e potente variante di guerra. Invece di conflitti diretti, le circostanze delle guerre ibride comprendono guerra informatica, conflitti a bassa intensità e asimmetrici, terrorismo globale, pirateria, migrazione illegale, corruzione, conflitti etnici e religiosi, sfide demografiche, criminalità organizzata transnazionale, globalizzazione e proliferazione delle armi di distruzione di massa (WMD). L’esercito russo da tempo si preoccupa al nuovo tipo di minaccia amorfa. L’arrivo di Sergej Shojgu a capo del Ministero della Difesa ha visto questa nuova forma di guerra ricevere seria attenzione. Il ministero sviluppa un programma globale per contrastare tali minacce.

Caos sanguinario attraverso metodi morbidi
A metà ottobre 2014, il Ministero ha iniziato a pubblicizzare le opinioni di Shojgu su un possibile conflitto con la NATO e le minacce esterne. “Nel mondo di oggi non c’è una sola sede di tensioni senza la presenza delle forze armate statunitensi. Inoltre, al termine delle “missioni per portare la democrazia’, queste regioni sprofondano nel caos sanguinario, come Iraq, Libia, Afghanistan e ora la Siria, solo per citarne alcuni. L’aperto sostegno della Task Force del Comando centrale dell’esercito statunitense è anche dietro i tragici eventi in Ucraina“, ha detto. Nel tentativo di prendere l’iniziativa, Stati Uniti e NATO si precipitano ad accusare la Russia di condurre una guerra ibrida in Ucraina e Crimea. Alexander Vershbow, vicecapo della NATO, mentre parlava alla Conferenza interparlamentare per la politica estera e di sicurezza comune dell’UE, ha detto che la NATO si prepara alla “guerra ibrida” contro la Russia. Secondo Vershbow, parlando il 5 marzo 2015 a Riga, la risposta di NATO e UE a tali minacce includerebbe strumenti complementari “duri e morbidi”. Una guerra ibrida potrebbe iniziare con l’utilizzo di attacchi informativi per 5-10 anni. In questa fase, un’opposizione si crea nel Paese ‘aggredito’ fra i giovani dai valori occidentali. Quindi, si esercita pressione attraverso strumenti economici. Il terreno viene così preparato alle rivoluzioni “colorate” e cambi di regime. Di regola, l’uso di metodi militari è minimo o avviene sotto forma di attacchi telecomandati senza forze di terra.

La guerra perfetta
Lo sviluppo di tale nuova strategia di guerra è una nuova pietra miliare, essendo una strategia di guerra sviluppata da politici ed economisti invece che dai militari. Il Paese che utilizza la guerra ibrida subisce perdite minime e alla fine cessa di sostenerne i costi scaricandoli sul Paese aggredito, preservando la vita dei propri soldati, evitando così le proteste sociali come avvenne durante la guerra del Vietnam. “Se consideriamo tre aspetti della guerra ibrida: economico, informativo e militari, la Russia è pronta ad affrontarne due“, ha detto l’ex-Colonnello Mikhail Timoshenko, analista militare indipendente.

Difesa e Sicurezza
E’ difficile reprimerci economicamente per la nostra vasta esperienza nel sopravvivere durante il periodo sovietico, quando il blocco fu molto più forte. Anche militarmente, la Russia è pronta alle condizioni moderne e può affrontare la situazione in aree locali al confine. Lo scudo nucleare e i moderni vettori nucleari rimangono efficaci. L’anello debole nella guerra ibrida sono i media dell’informazione”, ha detto Timoshenko. “Abbiamo ereditato questo bagaglio dall’Unione Sovietica. Inoltre, vi è la barriera linguistica. Tutto il mondo parla inglese, e sempre meno si parla russo. Considerando il crescente ruolo delle reti sociali in occidente, ciò rappresenta per la NATO un vantaggio evidente. Ma dato che il campo delle informazioni dipende spesso da quello economico, la sicurezza della Russia dipenderà dal successo del nostro sviluppo economico“, ha detto Timoshenko. Uno degli strumenti fondamentali per combattere la guerra ibrida per la Russia è il Centro di gestione della difesa nazionale (NDMC) creato nel 2014. Si tratta di un nuovo sistema per monitorare, analizzare e rispondere efficacemente a tutte le possibili minacce alla sicurezza nazionale. In caso di minaccia militare, la leadership del Paese, compresi i vari rami del governo potranno coordinarsi con i servizi di sicurezza e militari e altri nell’edificio del NDMC. In precedenza, questo tipo di operazioni coordinate non era un’opzione. Il software permette al NDMC di simulare possibili scenari, sviluppare le opzioni per risolvere eventuali situazioni critiche e decidere se rappresentano una minaccia per la Russia.

120720.4Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Jade Helm, ammissione del fallimento degli USA

Gordon Duff New Eastern Outlook 06/05/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraJade-Helm-15I fallimenti della politica estera e militare statunitensi sono innumerevoli e si accumulano ogni giorno. Non vi è più dubbio che l’eccessiva dipendenza da aziende private, influenza di Israele e altre potenti lobby, e una struttura di comando divisa con elementi canaglia che eseguono “operazioni” private lasciano gli USA senza difese. Lo vediamo oggi, mentre la città di Baltimora brucia, nelle minacce della NATO alla Russia, nella nuova partnership degli USA con il Giappone e la belligeranza che rappresenta, e anche in Turchia, Ucraina, Yemen e nel bizzarro blocco navale e aereo agli aiuti umanitari a una nazione devastata dal confinante con valori del 5° secolo e armi del 21° secolo. Per gli USA governare il mondo è un compito difficile, essendo uno Stato di polizia fallito agli interni e una nazione fascista “co-dipendente” all’estero.

Jade Helm
Due mesi fa, il dipartimento della Difesa annunciava un’esercitazione in gran parte degli Stati Uniti. Il testo del documento ha fato eco in tutto il mondo con i teorici della cospirazione annuncianti “la fine del mondo come lo conosciamo”. La vera importanza di Jade Helm non sono le teorie del complotto, ma la verità, e cioè che il mondo che pensiamo di conoscere è finito molto tempo fa. Molti di noi semplicemente non l’hanno capito. Il 27 aprile, gli organizzatori di Jade Helm hanno tenuto una riunione in una piccola città del Texas per descrivere i loro piani. Chi ha una certa simpatia per i militari s’è lamentato di come il portavoce dell’esercito ha fallito epicamente nel tentativo di corteggiare il pubblico sbandierando e tirando corde patriottiche. Nessuno c’è cascato.

Il lungo e il corto
2707A6FA00000578-0-image-a-13_1427416241579Qualsiasi possa essere la grande paura per Jade Helm, la triste realtà è che Jade Helm potrebbe veramente essere peggio. Dopo un’attenta analisi delle dichiarazioni dell’esercito, tolte nebbia e ragnatele della neolingua, ecco cosa è stato detto nella piccola città del Texas:
Jade Helm è una simulazione per addestrare l’esercito a non uccidere ogni civile che vede, come fece in Iraq e Afghanistan.
Jade Helm insegnerà, si spera, a militari del tutto sprovveduti ad operare con l’intelligenza, per non alienarsi tutti agendo da pazzi totali ed incompetenti.
Jade Helm addestrerebbe le truppe in operazioni speciali, sopravvivendo senza Playstation, pasti da 6000 calorie e la “mamma esercito” per 24/7.
• Le unità con Jade Helm apprenderanno a muoversi inosservate, facendo finta, e sottolineiamo “facendo finta”, di guadagnarsi la fiducia dei civili rappresentati da giocatori di ruolo. Spero che la gente del posto che collabora, sia pagata per questo.
Jade Helm è un tentativo di spacciare la storia che le sconfitte in Iraq e Afghanistan e l’insuccesso orribile di aver lasciato queste nazioni nel disastro totale, siano un successo. Naturalmente, ciò è delirante.
Jade Helm si basa sull’ipotesi che se le truppe sono addestrate ad operare tra la gente, otterrebbero l’intelligence e aiuto dai locali, come fecero Viet Cong e taliban. Non è realistico.
Jade Helm potrebbe addestrare a un guerra negli USA secondo lo scenario da Alba rossa o anche di una guerra civile.
Jade Helm potrebbe essere un prequel del coinvolgimento statunitense in Ucraina.
Jade Helm, tuttavia, sembra essere “un lavoro confuso” per una serie di problemi che affliggono i militari e che non vengono affrontati, come combattere le guerre sbagliate contro i popoli sbagliati per le ragioni sbagliate.
Jade Helm, nei termini più diretti, è un tentativo di addestrarsi nell’arte dell'”Offensiva del sorriso”.
Nel tentativo di dissipare le voci di confische di armi e arresti di massa, chi sa leggere tra le righe potrebbe cogliere, attraverso i giri di parole, l’odore della paura e lo sguardo di panico e disperazione. Se molti statunitensi hanno chiaramente capito cosa dice Jade Helm, si saranno ben presto resi conto che non c’è l’Esercito a proteggere gli USA, non certo uno da 1000 miliardi dollari all’anno.1020184101-587x451Le recenti debacle degli USA in Siria
La sera del 27 aprile 2015, un’unità delle forze speciale siriana di 22 uomini entrava dietro le linee di al-Nusra, al confine con la Turchia, ad ovest della città di Aleppo, attaccando il centro comando di al-Nusra, uccidendo o catturando 31 dirigenti dell’organizzazione. Queste informazioni e dettagli dell’attacco furono dati da un comunicato direttamente dai vertici del governo siriano. Due siriani furono uccisi, un ufficiale e un soldato. Tra i nemici uccisi o catturati vi furono 6 ufficiali turchi e 2 qatarioti. L’intelligence nella missione fece molto di più che chiarire come Turchia e Qatar sostengano attivamente al-Qaida da molti anni. Ha inoltre chiarito la posizione delle compagnie private statunitensi che collaborano con l’esercito degli Stati Uniti e la CIA in Turchia e il loro rapporto con i servizi segreti israeliani. La prova dell’invio occulto dagli Stati Uniti di armi pesanti in Turchia, consegnate ad al-Nusra “ramo” di al-Qaida, e provenienti dai depositi d’Israele, è stata trovata. Tali scorte non sono israeliane, ma piuttosto degli Stati Uniti che pagano per depositarle in Israele. L’invio unico di 500 missili TOW ultimo modello, insieme a 50 Stinger, è stato citato. Ciò non sorprenderebbe se non fosse per il nuovo programma di “indirizzo e addestramento” guidato dall’ex-generale dei marines degli USA John Allen, ex-comandante in Afghanistan che condivide personale e strutture con al-Qaida. Ogni aspetto di tale occulta bizzarra e piuttosto illegale operazione che coinvolge SIIL, al-Nusra, Mossad, servizi segreti turchi ed eserciti di Turchia e Qatar, per armare apertamente gruppi terroristi in collaborazione con CIA, US Army e mercenari statunitensi, è stato dimostrato.

USA sempre più deboli
Anche la Siria è disposta ad ammettere che ciò che ha scoperto non indica doppiezza e inganno in nome del presidente Obama. Infatti, rappresenta qualcosa peggio. Cosa succede se il presidente Obama non lo sapeva? Da ciò che è stato scoperto, non ci sono prove che l’amministrazione statunitense, il presidente Obama e il segretario Kerry ne fossero “avvertiti” in qualche modo. Lo stesso non si può dire per dipartimento della Difesa USA e CIA. Il grado di complicità è significativo. Per un chiarimento ho contattato il colonnello James Hanke (in pensione), ex-addetto in Israele. Ecco cosa ha risposto: “Nel rivedere i contratti del Pentagono con le aziende, Raytheon in particolare produttrice del sistema TOW, ho visto di recente più di una “voce opaca”. Questi erano contratti, più di uno di oltre i 40 milioni di dollari, per sistemi d’arma non specificati, contratti collegati ad altri in modo da ingannare facilmente Congresso ed esecutivo. Generalmente sarebbero armi, come quelle per l’Iran-Contra di anni fa o per SIIL, al-Nusra, Boko Harum o altri gruppi. Ci sono alcune prove che aviolanci di tali armi siano stati effattuati verso tali organizzazioni“.

Esercito forte, esercito debole
Jade Helm tenta d’insegnare a un militare statunitense stanco e scoraggiato come “andare d’accordo con la gente”, mentre lo stesso militare sostiene attivamente i nemici degli Stati Uniti. Il denaro speso per insegnare ai soldati a “fare amicizia e influenzare la gente” potrebbe essere meglio speso cacciando chi a Washington spreca milioni in armi statunitensi da dare ai nemici degli USA.

jade-helm1Gordon Duff è un marines veterano della guerra del Vietnam, ha lavorato su veterani e prigionia per decenni, ed è consultato dai governi su problemi di sicurezza. E’ redattore e presidente del consiglio di Veterans Today, per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il governatore del Texas richiama la Guardia per contrastare l'”Invasione federale”

Tyler Durden Zerohedge 29/04/2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAuroraimrs.phpAbbiamo citato le prossime esercitazioni militari Jade Helm in alcune occasioni (qui e qui). In breve, Jade Helm è un’esercitazione militare di otto settimane e dell’Interagency Unconventional Warfare da svolgersi in Texas, New Mexico, Arizona, California, Nevada, Utah e Colorado. Ecco il comunicato ufficiale:
Fort Bragg, NC (USASOC News Service, 24 marzo 2015) – I membri dell’US Army Special Operations Command si addestreranno con altre unità delle Forze Armate degli Stati Uniti dal 15 luglio al 15 settembre nell’esercitazione in diversi Stati Jade Helm 15. USASOC conduce periodicamente esercitazioni di questo tipo per addestramento sui principali compiti della guerra speciale, per proteggere la nazione contro nemici esterni. E’ imperativo che i soldati delle Operazioni Speciali ricevano i migliori addestramento, attrezzature e risorse. Mentre le esercitazioni di questo tipo non sono uniche, dimensione e portata di Jade Helm la distinguono. Per stare al passo con le sfide affrontate all’estero, Jade Helm si svolgerà in sette Stati. Tuttavia le forze delle operazioni speciali dell’esercito (ARSOF) si addestreranno solo in cinque Stati: Texas, Arizona, New Mexico, Utah e Colorado. Il territorio in questi Stati replica le aree in Paesi esteri in cui i soldati delle Operazioni Speciali regolarmente operano. L’esercitazione sarà condotta su terreni privati e pubblici con il permesso dei proprietari, delle autorità statali e locali. In sostanza, le esercitazioni si svolgeranno in modo pre-coordinato su terreni pubblici e privati. Il pubblico non dovrà aspettarsi niente di diverso nelle attività quotidiane dato che gran dell’esercitazione sarà condotta in aree isolate. L’effetto più evidente che l’esercitazione può avere sulle comunità locali è l’aumento del traffico stradale e aereo militare e del rumore associato. Ci sarà anche un vantaggio economico: incremento dell’economia locale, di acquisti di combustibile e alimentari e di alloggi negli hotel. L’esercitazione è un addestramento di routine per mantenere elevata la preparazione delle ARSOF ed esser pronte a sostenere possibili missioni in qualsiasi parte del mondo e con poco preavviso. In queste otto settimane, i soldati dell’ARSOF utilizzeranno questa opportunità per sviluppare ulteriormente tattiche, tecniche e procedure emergenti nelle operazioni speciali. USASOC intende condurre l’esercitazione in modo sicuro e cortese fornendo il migliore addestramento alle forze speciali dell’esercito nazionale. I funzionari statali e locali sono stati informati della portata di Jade Helm e saranno aggiornati sull’esercitazione”.
Fatto ciò, in sostanza dal 15 luglio al 15 settembre dei militari faranno una gita nell’ovest facendo finta di condurre operazioni segrete all’estero. Non pare troppo eccitante, ma questo è solo il comunicato stampa. Il diavolo, come si dice, è sempre nei dettagli, motivo per cui abbiamo aspettato per guardare meglio la presentazione di Jade Helm per scorgervi altro. Ecco alcuni punti salienti che troviamo interessanti e divertenti. In primo luogo, c’è la mappa piuttosto divertente degli Stati, dove Texas e Utah sono considerati “ostili” e il New Mexico “appoggiato dagli ostili”. La California è “amica” (supponiamo significhi che la popolazione sia rassegnata a alla probabile, se reale, invasione dei militari degli Stati Uniti), ma purtroppo sembra che vi sia una rivolta a San Diego.JadeHelmMapLa prossima è la sezione intitolata “Perché il Texas?”, in cui il Comando Operazioni Speciali dell’esercito statunitense prima descrive il patriottismo dei texani, per poi procedere in modo esilarante suggerendo (nel modo più educato possibile) che lo Stato della Stella Solitaria 1) assomiglia al tipo di deserto che i soldati dovrebbero aspettarsi d’incontrare in un moderno conflitto all’estero; 2) è abbastanza sottosviluppato in molte aree per dare alle reclute un’idea di come potrebbero operare sotto copertura in un Paese mediorientale ostile; 3) c’è il tipo di xenofobia che rende la popolazione scettica verso gli “stranieri”, proprio come gli abitanti di un Paese occupato potrebbero essere, ma anche abbastanza ingenua per essere indotta a fidarsi degli “invasori” e, meglio di tutto, 4) vi sono condizioni sociali ed economiche che un normale statunitense considererebbe “sconosciute”. Ecco alcuni estratti:
Perché il Texas? L’US Special Operations Command (USSOCOM) ha svolto numerosi esercitazioni in Texas, perché i texani sono storicamente favorevoli agli sforzi per preparare i nostri soldati, aviatori, marines e marinai per combattere i nemici degli Stati Uniti. Per affinare le competenze, militari e interagenzie richiedono vaste aree di territorio non edificato, con bassa densità di popolazione urbana… Operare in queste comunità sarà straordinario e verrà riportato (i locali sono i primi a notare qualcosa di anomalo). L’opportunità di operare con i civili per guadagnarne la fiducia e comprenderne i problemi… Adattarsi a terreno e condizioni socio-economiche sconosciuti”.
In sostanza 1200 soldati delle operazioni speciali condurranno una falsa infiltrazione segreta nel Texas perché l’US Special Operations Command ritiene che in molti aspetti esso assomigli all’Afghanistan. Questo va bene, però perché il governo fa notare nelle note informative che l’operazione avrà un impatto serio sull’economia locale grazie all’iniezione di 150000 dollari con l’acquisto di “cibo, benzina, alloggi e servizi” dai finti invasori. Tale cifra appare bassa, ma si ricordi che un dollaro vale 57 afgani, quindi se ci atteniamo all’analogia con l’Afghanistan, il governo in realtà investirebbe 8550000 in valuta locale. Sebbene siamo certamente preoccupati dalla militarizzazione strisciante delle comunità statunitensi (come discusso in dettaglio qui), chiaramente siamo alquanto sarcastici nell’analisi di Jade Helm, ma come si potrebbe immaginare, molti texani nell’operazione non trovano nulla da ridere, come si legge sul Washington Post:
In un incontro informativo a Bastrop il portavoce del comando tenente-colonnello Marco Lastoria ha affrontato gli interrogativi su Jade Helm 15 che riguarda combattenti stranieri dello Stato Islamico in Texas, truppe statunitensi che confiscano armi ai texani e che applicano la legge marziale, secondo l’Austin American-Statesman. E’ la stessa cosa accaduta nella Germania nazista: ritrovarsi le truppe per strada, la comparsa di soldati e militarizzazione della polizia”, ha detto il residente di Bastrop Bob Wells allo Statesman, dopo la riunione. “Raccolgono informazioni, questo è ciò che fanno, e impiegano la logistica per la legge marziale. Questa è la mia sensazione. Ora, potrei sbagliarmi, spero di sbagliarmi. Spero sia ‘complottismo.'” Secondo lo Statesman, Lastoria ha tentato di placare le preoccupazioni dei residenti dicendo che l’operazione nella contea di Bastrop si svolgerà quasi interamente su un terreno privato affittato dall’esercito. E i partecipanti non cercheranno d’infiltrarsi tra la popolazione, le persone interessate indosseranno uniformi e bracciali arancioni, indicando la partecipazione all’esercitazione, ha detto”.
Nel frattempo, alcuni siti web che il Post descrive come “di varia fama” sono arrivati a postulare un legame tra i problemi “idraulici” della Wal-Mart e Jade Helm. Lasceremo ai lettori di decidere autonomamente quanto inverosimile sia o non sia tutto ciò, ma sicuramente la battuta finale di tutta la storia è che il governatore del Texas, Greg Abbott, ha ordinato alla Guardia dello Stato del Texas di sorvegliare le esercitazioni Jade Helm. Ecco la lettera di Abbott al maggior-generale “Jake” Betty: Abbott su Jade HelmUnited-States-Middle-East-mapQuesto sicuramente indica “una grave falla” di Jade Helm, con il governatore del Texas che ora contrappone la Guardia texana all’US Special Operations Command, temendo che il governo federale, eventualmente assieme a Wal-Mart, utilizzi le forze speciali per raccogliere informazioni sul modo di occupare lo Stato. Solo negli USA.
Presentazione di Jade Helm

Greg Abbott

Greg Abbott

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 545 follower