La Cina è divenuta il banchiere dell’America Latina

Ariel Noyola Rodríguez*celac_beijing_2015I prestiti concessi dalla Cina sono diventati strumento di politica estera. Allo stesso tempo, consentono relazioni più strette con alleati chiave, riducendo l’influenza delle istituzioni finanziarie sotto l’egida degli Stati Uniti in regioni strategiche. Nel 2014, le banche cinesi hanno concesso prestiti in America Latina per un totale di 22,1 miliardi di dollari, secondo i dati pubblicati da Dialogo Interamericano (1). Dato il rallentamento dell’economia globale e l’aumento delle tensioni geopolitiche, la Cina ha la necessità indispensabile di rafforzare i legami con Paesi con abbondanti risorse naturali (petrolio, gas, metalli, minerali, acqua, biodiversità, ecc.) Quasi tutti i prestiti emessi provenivano da enti come China Development Bank e China Ex-Im Bank, ma vi hanno anche partecipato ICBC e Bank of China. Anche se non sono presi in considerazione i prestiti inferiori ai 50 milioni di dollari, i dati riportano un aumento di oltre il 70% rispetto ai 12,9 miliardi previsti nel 2013. Dal 2005 (quando i dati del Dialogo iniziarono ad essere registrati) al 2014, la Cina ha fornito prestiti ai Paesi dell’America Latina per un totale di 119 miliardi di dollari (2). I crediti dalla Cina superano l’importo concesso da US Ex-Im Bank, Banca Interamericana di Sviluppo (BID) e Banca mondiale, una situazione che contribuisce ad indebolire l’egemonia finanziaria di Washington nella regione (3). Il massiccio credito mostra anche la stretta collaborazione che la Cina coltiva con i Paesi latino-americani. Nell’ultimo vertice della Comunità degli Stati d’America Latina e Caraibi (CELAC, che comprende 33 Paesi), il presidente della Cina Xi Jinping annunciava che per il 2020 si prevedono che gli scambi tra le due parti raggiungano i 500 miliardi all’anno con investimenti oltre i 250 miliardi. (4) Inoltre, è da notare la costruzione di alleanze strategiche con alcuni Paesi latinoamericani cui si concentra il 90% dei prestiti concessi l’anno scorso: Brasile affermatosi come primo beneficiario con 8,6 miliardi seguito dall’Argentina con 7 miliardi, Venezuela con 5,7 miliardi e infine Ecuador con 820 milioni di dollari.
Dopo la crisi delle società d’informatica negli Stati Uniti, le banche centrali dei Paesi industrializzati ampliarono l’espansione del credito su scala globale. Con l’aumento dei prezzi delle materie prime dal 2002, l’America Latina è diventata la regione preferita degli investitori alla ricerca di rendimenti elevati. Più di sei anni dopo lo scoppio della crisi finanziaria del 2008, davanti l’estrema volatilità dei mercati finanziari, causata dalla maggiore fragilità sistemica, i cinesi sono diventati i banchieri preferiti delle economie emergenti, poiché al contrario delle banche statunitensi ed europee offrono prestiti con meno condizioni e tassi di interesse più bassi. Secondo le stime di Fred Hochberg, presidente dell’Ex-Im Bank degli Stati Uniti, gli enti statali cinesi hanno collocato circa 650 miliardi di dollari nel mondo negli ultimi due anni. Tuttavia, vi è anche la faccia perversa della moneta. Sembra che i prestiti cinesi nella futura esportazione di materie prime, piuttosto che puntellare lo sviluppo tecnologico, orientino i progetti d’investimento connessi all’estrazione (agricoltura, industria mineraria, energia, ecc.) quindi rischiando di approfondire il modello di esportazione primaria delle economie dell’America Latina e moltiplicando le minacce di spoliazione dei popoli indigeni. D’altra parte, intervistato da Deutsche Welle, Kevin Gallagher, accademico responsabile dell’archivio del Dialogo Interamericano, mette in guardia dai rischi crescenti posti ai Paesi dell’America Latina nel saldare opportunamente i debiti con il gigante asiatico (5). La caduta delle valute regionali nei confronti del dollaro statunitense e la deflazione persistente (caduta dei prezzi) nel mercato delle materie prime, inducono l’aumento delle importazioni e di conseguenza la diminuzione dei saldi positivi (nota corrente) delle economie orientate all’esportazione. Prevedibilmente, la redditività dei progetti d’investimento connessi all’estrazione diminuirà significativamente nei prossimi mesi.
Se il rallentamento nei Paesi emergenti si rafforzasse, probabilmente rovinerebbe lo spirito di cooperazione economica Sud-Sud tra Cina e America Latina. Con la crisi vi è il rischio che le banche cinesi adottino, sotto forme diverse, i meccanismi di coercizione imperiali tradizionalmente applicati dal Fondo monetario internazionale (FMI) in America Latina.

First Ministerial Meeting Of China-CELAC ForumNote:
1. “China-Latin America Finance Database” Kevin P. Gallagher e Margaret Myers, Dialogo Inter-American.
2. “China keeps credit flowing to Latin America’s fragile economies“, Kevin P. Gallagher e Margaret Myers, The Financial Times, 27 febbraio 2015.
3. “China Kicks World Bank To The Curb In Latin America“, Kenneth Rapoza, Forbes, 26 febbraio 2015.
4. “Despite US-Cuba Detente, China Forges Ahead in Latin America” Shannon Thiezzi, The Diplomat, 9 gennaio 2015.
5. “Chinese loans helping Latin America amid oil price slump“, Deutsche Welle, 27 Febbraio 2015.

* Laureato in Economia e Commercio presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico. Twitter: @noyola_ariel.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia sbarca nella tenda dell’UE

MK Bhadrakumar Indian Punchline 26 febbraio 2015

WireAP_22239a7bc3094190bd426dca41294cb2Il significato dell’accordo firmato a Mosca che consente alle navi della Marina russa si sostare nei porti a Cipro si può prestare a nozioni esagerate su un patto militare tra i due Paesi, certamente non è così. D’altra parte, il profondo significato dell’accordo in termini politici, e la visita del presidente cipriota Nicos Anastasiades a Mosca, non può essere trascurato a Washington e capitali europee, in particolare Bruxelles dove ha sede l’Unione europea. In termini strategici, l’accordo non significa che la Russia stabilisce basi navali a Cipro. L’accordo prevede solo supporto giuridico alle navi della Marina russa che fanno scali regolari a Cipro. In termini militari, tuttavia, la Marina militare russa avrà sempre garantito tale accesso quando la sua unica base di manutenzione sembra essere Tartus, in Siria, coinvolta nel profondo continuo travaglio. In poche parole, le operazioni nel Mediterraneo della Flotta del Mar Nero avranno solide basi, con il sostegno di Cipro. Allo stesso modo, la Russia crea la cooperazione militare con un Paese in cui la Gran Bretagna ha una base militare. Ci sono notizie secondo cui anche la Cina parlerà con Cipro per avere strutture simili a quelle che la Russia si è assicurata. Tuttavia, molto più della cooperazione militare russo-cipriota è presente. La visita di Anastasiades a Mosca ha anche un enorme aspetto geopolitico in cui molte correnti trasversali operano. Per cominciare, Cipro è un Paese membro dell’UE che rafforza i legami con la Russia, attualmente bersaglio delle sanzioni dell’UE. Anastasiades, infatti, ha provocatoriamente messo in discussione la logica delle sanzioni occidentali contro la Russia.
Negli ultimi quindici giorni Cipro è diventato il secondo Stato membro dell’Unione europea, dopo la visita del Presidente Vladimir Putin in Ungheria, a mostrare pubblicamente dissenso e risentimento verso le sanzioni occidentali, sponsorizzate dagli USA, contro la Russia. Come l’Ungheria, anzi, molto più dell’Ungheria, Cipro ha forti ragioni per assicurarsi la cooperazione con la Russia. Circa l’80% degli investimenti esteri a Cipro è russo. Mosca ha dato un grosso aiuto a Cipro nel superare la crisi finanziaria, fornendo un prestito di 2,5 miliardi di euro nel 2011 (e questa settimana ha tagliato il tasso di interesse annuo dal 4,5% al 2,5%, oltre a prorogare il periodo di riscatto dal 2016 al 2018-2021), oltre ad aiutare Cipro ad organizzare con successo la sua prima emissione di Eurobond sovrani, dopo la crisi, per 750 milioni di euro. Si stima che il denaro che fluisce dalla Russia a Cipro superasse i 200 miliardi di dollari nel periodo 1994-2011. La qualità del rapporto russo-cipriota appare evidente nei commenti di Putin ai media a Mosca, mentre dava il benvenuto ad Anastasiades. In fondo sarà dura per Washington, nel prossimo periodo, radunare i Paesi dell’UE nella strategia di contenimento degli Stati Uniti contro la Russia. L’emergere del governo di sinistra in Grecia (mentore di Cipro), accreditato di forti legami con ideologi russi, già irrita Washington. Ungheria e Grecia sono anche membri della NATO. Così in effetti anche la Turchia, che si è anche avvicinata a Mosca negli ultimi anni quasi in proporzione diretta con le tensioni apparse nel rapporto tra Washington e Ankara. In effetti, ad uno sguardo più attento, un ambito di grande complessità compare, suggerendo che tagliare il cordone ombelicale che lega la Russia ‘post-sovietica’ all’Europa sarà un compito titanico per la diplomazia degli Stati Uniti. Ma non per questo mancano tentativi, come testimonia l’ultimo sforzo della burocrazia dell’UE, sostenuto dagli Stati Uniti, d’integrare il mercato energetico del blocco con il singolare intento di ‘centralizzare’ e controllare i legami energetici della Russia con i singoli Stati membri. Ma il punto è che la Russia diventa un attivo globalizzatore, battendo gli Stati Uniti nel loro gioco, ed intende continuarvi.
Tornando alla partnership russo-cipriota, alcuni altri modelli di politica regionale vanno notati. Innanzitutto i legami energetici. Cipro possiede vasti giacimenti di gas naturale offshore non sfruttati nel Mediterraneo orientale. Le compagnie petrolifere russe sperano di entrate nel settore energetico di Cipro, attualmente dominato da aziende statunitensi. Anastasias ha chiaramente invitato le aziende energetiche russe a parteciparvi. Ora, i giacimenti di gas di Cipro sono contigui alla zona economica della Siria, che ha anche giacimenti di idrocarburi non sfruttati. I giacimenti di gas ciprioti e israeliani s’intersecano, come per Qatar e Iran. L’esportazione del gas di Cipro in Europa sarebbe una priorità statunitense con l’obiettivo di ridurre la dipendenza dell’Europa dalla Russia. D’altra parte, il tracciato del gasdotto ideale da Cipro passerebbe per la Turchia, con cui Cipro non ha rapporti dall’occupazione del nord di Cipro da parte turca nel 1974. Washington incoraggia profondamente la riconciliazione turco-cipriota, i colloqui sono ripresi all’inizio di febbraio dopo due anni di pausa, ma l’opinione pubblica cipriota è fortemente contraria ad accettare la presenza della Turchia nel nord di Cipro. La situazione di stallo è difficile da rompere. Ciò richiederà alla Russia d’intervenire come partner energetico di Cipro. La Russia inoltre sostiene i colloqui con la Turchia sul nuovo gasdotto dal Mar Nero (sostituendo il South Stream, che Mosca ha sommariamente abbandonato) ai Paesi dell’Europa sud-orientale. Chiaramente, la politica energetica della regione del Mediterraneo orientale avanza e la Russia vi è presente quasi ovunque. Tutto sommato, dopo essersi assicurato una posizione di forza in Ucraina, la Russia torna sulla scena mondiale raccogliendo i fili tralasciati. La visita di Putin in Egitto e quella di Anastasiades a Mosca indicano che la diplomazia russa non è sulla difensiva, né che la Russia sia impantanata in Ucraina.TURKEY-RUSSIA-SYRIA-CONFLICT-DIPLOMACYTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La svolta di Putin e dell’Iran

F. William Engdahl New Eastern Outlook 22/02/201510904459Le dinamiche della politica estera russa dopo che gli Stati Uniti hanno dichiarato de facto la guerra delle sanzioni finanziarie ed economiche alla Russia, sono impressionanti, per usare un eufemismo. Se sarà sufficiente a spezzare l’assedio economico di Washington e aprire la via ad una vera economia globale alternativa alla bancarotta del sistema del dollaro USA, non è ancora chiaro. Ciò che è chiaro è che Vladimir Putin e la fazione dei baroni industriali che ha deciso di sostenerlo, non sono spaventati. L’ultimo esempio è la visita del ministro della Difesa russo a Teheran, concludendo importanti accordi di cooperazione militare con l’Iran. Le implicazioni per entrambi i Paesi, così come il futuro dell’Eurasia, sono potenzialmente enormi. Il 20 gennaio a Teheran, Russia e Iran hanno firmato un accordo di cooperazione militare. Il ministro della Difesa russo Sergej Shojgu e il ministro della Difesa e Logistica iraniano Hossein Dehghan hanno firmato il nuovo accordo. Commentandone il significato, Shojgu ha dichiarato, “è stata posta la base teorica della cooperazione militare“, aggiungendo che i due Paesi hanno deciso “una cooperazione bilaterale su attuazione e promozione dell’incremento delle capacità militari delle forze armate dei nostri Paesi“. I due hanno anche concordato “l’importanza della necessità di sviluppare la cooperazione tra Russia e Iran nella lotta all’ingerenza negli affari regionali di forze esterne, è stata inquadrata“, ha dichiarato il Ministro della Difesa iraniano Dehghan. Per assicurarsi che nessuno lo fraintendesse, aggiungeva che la ragione dell’aggravarsi della situazione nella regione era la politica degli Stati Uniti “d’intromissione negli affari interni di altri Paesi”. L’avvicinamento dei due Paesi eurasiatici, che si affacciano sullo strategico Mar Caspio, ha enormi implicazioni nella geopolitica globale. L’amministrazione Obama ha cercato di corteggiare l’Iran con il bastone (sanzioni economiche) e la carota (promessa di toglierle) negli ultimi diciotto mesi affinché Teheran facesse concessioni importanti sul suo programma nucleare. Fino a poco tempo prima, nonostante le sanzioni degli Stati Uniti per l’Ucraina, la Russia era disposta a mostrare “buona fede” verso Washington partecipando al negoziato 5+1 sul nucleare con l’Iran, convincendo Teheran a fare concessioni importanti sul suo programma nucleare, in cui la Russia ha completato la centrale nucleare di Bushehr, la prima in Medio Oriente. Questa fase è chiaramente finita e la mano dell’Iran nei negoziati con Stati Uniti, Francia, Germania, Regno Unito è ora più forte, sanzioni o meno.

Iran, Siria e guerra delle pipeline
Per Washington, la pressione nucleare rientra nel tentativo di costringere l’Iran ad abbandonare l’alleato Bashar al-Assad in Siria, aprendo la via al Qatar, stretto alleato dell’Arabia Saudita e sito del maggiore giacimento di gas naturale del mondo, nel Golfo Persico. Il Qatar, primo finanziatore dei terroristi del SIIL addestrati da statunitensi ed israeliani in Siria e Iraq, vuole esportare il suo gas nell’UE attraverso Siria e Turchia. L’Iran, che detiene l’altra parte dell’enorme giacimento di gas del Golfo Persico, il North Pars, al largo delle sue coste, ha firmato un accordo per un oleodotto strategico con Assad e l’Iraq nel giugno 2011, per costruire il nuovo gasdotto Iran-Iraq-Siria di 1500 chilometri dal grande giacimento di gas ad Asaluyeh, porto iraniano nei pressi di South Pars e Damasco in Siria. Da lì il gasdotto arriverebbe via Libano sul Mediterraneo orientale e al grande mercato europeo del gas. L’hanno chiamato “gasdotto islamico”. Il volume di gas dell’Iran sarebbe modesto rispetto all’originale gasdotto South Stream di Gazprom della Russia. Si stima che circa 20 miliardi di metri cubi all’anno rimarrebbero, dopo il consumo locale (pre-guerra in Siria) per il gasdotto Iran-Iraq-Siria per l’Europa, rispetto ai 63 miliardi di South Stream. Il Qatar ne uscirebbe perdente. Al Qatar, Paese sunnita che finanzia SIIL, Fratelli musulmani e altri jihadisti, non piace l’idea. Il Qatar avvicinò Assad nel 2009 proponendo la pipeline Qatar-Siria per l’Unione europea attraverso la Turchia, ma fu respinto di netto. Assad disse che le sue relazioni con Russia e Gazprom erano più importanti. Fu solo al momento della firma sul gasdotto islamico Iran-Iraq-Siria nel giugno 2011, che Washington, Arabia Saudita e Qatar decisero di lanciare la grande guerra per rovesciare Assad e sostituirlo con un regime sunnita amico di Qatar e Washington. Difficilmente una coincidenza.

Stretti legami militari tra Iran e Russia
Oggi la Russia di Putin e l’Iran sono solidi alleati della Siria di Assad nella guerra per liberare la Siria dai terroristi del SIIL addestrati dagli Stati Uniti. Tuttavia, la collaborazione tra Mosca e Teheran è stata cauta finora. Nel 2010, quando era presidente, responsabile della politica estera e di difesa russa, Dmitrij Medvedev fece molte mosse concilianti per mettersi sul “lato buono” di Washington. Era l’epoca dello stupido “Reset” nelle relazioni USA-Russia di Hillary Clinton dopo che Putin aveva lasciato e Obama era appena divenuto un “pacifista democratico”. Una delle mosse più costose di Medvedev fu la firma del decreto del Presidente della Repubblica nel settembre 2010 per sostenere il bando dell’ONU sponsorizzato dagli USA sulle vendite di armi all’Iran, nell’ambito delle sanzioni USA contro il presunto programma di armi nucleari dell’Iran. Il costo del bando russo per le industrie militari fu pari ai 13 miliardi di dollari di fatturato militare-tecnico con l’Iran negli ultimi anni, secondo una stima da parte del Centro per l’Analisi del mondiale sul commercio delle armi (CAWAT). Il decreto di Medvedev vietava vendite militari della Russia all’Iran, compreso il trasferimento di armi all’Iran al di fuori dei confini russi o con aerei o navi sotto bandiera dello Stato russo. Medvedev inoltre retroattivamente annullò l’acquisto prepagato dall’Iran dei sofisticati sistemi missilistici superficie-aria russi SAM S-300. L’Iran quindi citò in giudizio la Rosoboronexport russa presso la Corte di conciliazione e di arbitrato dell’OSCE a Ginevra. Fino ad oggi il problema degli S-300 era stato un importante pomo della discordia tra Teheran e Mosca. Ora, secondo un rapporto di DebkaFile.com, sito collegabile all’intelligence israeliana, la Russia ha accettato non solo di fornire i sistemi missilistici S-300 che l’Iran ha acquistato nel 2007. La Russia gli consegnerà anche gli avanzati sistemi missilistici S-400. Citando il ministero della Difesa iraniano, il Colonnello-Generale Leonid Ivashov, ex-funzionario del Ministero della Difesa russo, ha aggiunto: “I due Paesi hanno deciso di risolvere il problema dell’S-300: un passo è stato compiuto verso la cooperazione su economia e tecnologie bellica, almeno per sistemi difensivi come S-300 e S-400“. Gli specialisti militari dicono che l’S-400 è di gran lunga superiore ai missili degli USA Patriot PAC-3. Si crede siano il primo sistema al mondo che può utilizzare selettivamente diversi tipi di missili dei sistemi SAM precedentemente sviluppati che dei nuovi e unici SAM; un sistema mobile dal difficile il rilevamento e che può colpire i bombardieri strategici come B-1 e B-52H; aerei da guerra elettronica come EF-111A e EA-6; aerei da ricognizione come il TR-1; gli aerei radar come E-3A e E-2C; caccia come F-15 ed F-16; aerei Stealth come il B-2; missili da crociera strategici come il Tomahawk e missili balistici con gittata fino a 3500 km. Inoltre, il più colossale spreco del Pentagono, ad oggi, il Lockheed Martin F-35 Joint Strike Fighter, non è progettato per penetrare le difese dei sistemi S-300P/S-400. Oops… L’F-35 degli Stati Uniti può trasportare armi nucleari e doveva essere il “caccia del futuro” quando fu avviato nel 2001, quando Rumsfeld era al Pentagono. Con un decennio di ritardo, sforando del 100% il budget, costerà 1500 miliardi di dollari nella sua vita utile, di cui circa 400 miliardi già spesi. Solo due anni fa gli obbligatori tagli della difesa con il “sequestro” di Obama, hanno affettato i piani sull’F-35 e altri progetti-mangiatoia del Pentagono. Ora, utilizzando il SIIL in Siria e Iraq e il “conflitto” in Ucraina con la Russia, l’ultimo bilancio della difesa di Obama prevede oltre 35 miliardi di dollari da salvare dalle dovute riduzioni con il sequestro. Le crisi Ucraina e del SIIL sembrano aver salvato il complesso militare industriale degli Stati Uniti nel momento giusto…
Se il rapporto di DEBKAfile sul sistema missilistico S-400 all’Iran è vero, e certamente sembra esserlo, allora la geopolitica dell’intera battaglia dell’amministrazione Obama contro Russia Iran, Siria e presto Cina, è davvero stupidissima. La battaglia è guidata dai falchi ottusi del presidente Obama, come la consigliera del NSC Susan Rice. Sembrano incapaci di cogliere le connessioni tra gli eventi, e quindi, per definizione, non sono persone intelligenti, ma istruite dal complesso militare-industriale statunitense, ben evidenziato dalla Lockheed Martin primo contraente del disastroso F-35, e guidate dalla ricchissima oligarchia drogata dal potere che pensa di possedere il mondo. In realtà, come testimoniano i recenti avvenimenti, perde quel mondo che pensa di controllare con la sua stupidità. Alcuni la chiamano legge delle conseguenze non intenzionali.

russia-iranF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La bussola diplomatica di Atene punta su Mosca

Ariel Noyola Rodríguez*, Città del Messico, 3 febbraio 2015
*Economista presso l’Universidad Nacional Autónoma de México.tsipras_economia_940Dopo la vittoria di Syriza, tutto sembra indicare che il nuovo orientamento in politica estera della Grecia punti sulla Russia a danno dell’Unione europea. La troika europea tenta d’imporre gli interessi dei creditori alla Grecia, così come a rafforzare le sanzioni economiche contro la Federazione russa e a rafforzare la partnership con la NATO per ridisegnare la mappa geo-politica ed economica dell’Europa. Senza dubbio, l’intransigenza delle autorità europee ha spinto Atene ad ‘assumere posizioni di maggiore convergenza con Mosca. Finora, i creditori continuano a rifiutarsi di modificare i termini del debito (la Grecia ha un debito di 315 miliardi di euro, pari al 175% del PIL). Settimane prima delle elezioni, la troika europea (composta da Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea) aveva chiarito che se Atene osava abbandonare i programmi di aggiustamento strutturale, le fonti del finanziamento estero si sarebbero chiuse. Tuttavia, è evidente che qualsiasi strategia per una ripresa e per sostenere crescita economica e creazione di posti di lavoro della nuova amministrazione greca, è incompatibile con le proposte della troika europea (1). Negli ultimi 5 anni, le politiche di austerità fiscale hanno imposto all’economia greca un calo del 25% del PIL. I programmi di aggiustamento strutturale non hanno dinamizzato l’attività economica, ma rafforzato la spirale depressiva: la deflazione è divenuta una tendenza cronica (nel dicembre 2014, i prezzi al consumo registrarono un calo del 2,6% annuale), il tasso di disoccupazione ha superato il 25% e presso la gioventù la disoccupazione arriva al 50%. Nonostante ciò, i capi di Bruxelles insistono nel portare avanti e ampliare la privatizzazione di imprese e servizi pubblici, diminuire la spesa sociale, deregolamentare il lavoro, ecc.
Si noti inoltre che il conflitto in Europa non è solo sul piano economico, ma anche sul piano delle tensioni geopolitiche nell’Europa orientale, per il controllo territoriale e la sovranità sulle risorse naturali strategiche. Dopo gli scontri tra nazionalisti e separatisti nella città di Mariupol (nell’est dell’Ucraina) l’ultima settimana di gennaio, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) accusava i russi delle violenze (2). Il giorno dopo l’Unione europea emetteva una dichiarazione per imporre, a nome dei 28 Stati membri, nuove sanzioni economiche contro il Cremlino (3). Tuttavia, il governo di Alexis Tsipras (primo ministro della Grecia) rifiutava tale dichiarazione (4). Il 28 gennaio, Panagiotis Lafazanis (responsabile del Ministero della ricostruzione della produzione, ambiente ed energia) ha affermato categoricamente: “la Grecia non ha alcun interesse ad imporre sanzioni alla Russia. Non abbiamo differenze con la Russia e il popolo russo” (5). In modo straordinario, la diplomazia ellenica usa la sua posizione verso la crisi in Ucraina e la Russia quale moneta di scambio nelle trattative con i creditori. Da una parte richiede un dialogo rispettoso dall’Unione europea, essendo inaccettabile trattare la Grecia come ‘Paria’ per il suo elevato indebitamento. Dall’altra parte, ha confermato la posizione contro l’unilateralismo di Bruxelles. “La Grecia non deve essere parte del problema o tagliare i rapporti storici con la Russia, ma può giocare un ruolo speciale nella mediazione e nello sviluppo delle trattative tra le parti (…)” l’Unione europea dovrebbe considerare una volta per tutte cosa vuole fare con la Russia a lungo termine, piuttosto che reagire in modo moralmente diretto e schietto, ma spasmodico”, ha dichiarato il ministro degli Esteri della Grecia Nikos Kotzias (6).
D’altra parte, il Cremlino promuove, tramite il ministero degli Esteri greco, la diminuzione dell’intensità dell’offensiva economica di Unione europea e Stati Uniti, laddove le nuove sanzioni coinvolgono l’industria dell’energia e della difesa, così come bloccare l’accesso alla società di comunicazioni interbancarie e finanziarie internazionale (SWIFT, dal suo acronimo in inglese), che danneggerebbe l’economia russa in proporzioni drammatiche. Il Presidente Vladimir Putin considera l’approfondimento della crisi, se Alexis Tsipras non raggiungesse un accordo con Bruxelles, e pertanto il suo governo non esclude di sostenere l’economia greca. “Possiamo immaginare la situazione, se c’è una richiesta di aiuto al governo russo, la considereremo prendendo in considerazione tutti i fattori del nostro rapporto bilaterale; tutto quello che posso dire è che se c’inviano una richiesta, la considereremo”, ha detto Anton Siluanov, ministro delle Finanze russo, in un’intervista alla CNBC (7). In risposta, Wolfgang Schäuble, ministro delle Finanze tedesco, ha lanciato un ultimatum al ministero degli Esteri greco: “non credo che la Russia possa sostituire la solidarietà europea” (8). Atene non ha alcun interesse a sviluppare relazioni con la Russia su un piano vago, ma con un supporto decisivo. Di conseguenza, anche prima della scadenza del credito cautelare del 28 febbraio, gli sforzi del governo greco si concentreranno sui colloqui con la troika. “Abbiamo serie trattative con i nostri partner in Europa e coloro che ci hanno dato credito. Abbiamo degli obblighi con loro“, ha detto Alexis Tsipras a Nicosia, al termine di una riunione con il presidente cipriota Nikos Anastasiades (9). Ha anche sottolineato che non c’è finora alcuna intenzione di abbandonare l’Unione monetaria da parte del suo governo. “La zona Euro senza Cipro e Grecia amputerebbe l’Europa sud-orientale”, ha detto. Tuttavia, lo smantellamento dei meccanismi istituiti sul controllo dei prestiti è ritenuto necessario: “Penso che sia ora di sostituire la troika, perché l’Europa ha bisogno di una tregua. La troika è stata criticata per mancanza di legittimità. Sostituirla sarebbe un importante passo istituzionale per il bene della Grecia e dell’Europa” (10).
L’approvazione di Jean-Claude Juncker (presidente della Commissione europea) nel smontare i meccanismi dei negoziati della troika con la Grecia, così come il sostegno del presidente Barack Obama ai piani economici del primo ministro Alexis Tsipras, evidenziano le ansie di Bruxelles e Washington per l’ascesa elettorale della sinistra (Syriza in Grecia, Podemos in Spagna, ecc.) e la loro vicinanza diplomatica con la Russia. Insomma, la vittoria di Syriza nelle elezioni del 25 gennaio sul neoliberismo, ha scatenato le spettacolari mosse del governo greco per una rapida trasformazione della mappa economica e geo-politica dell’Europa in collaborazione con Mosca.

kotziasNote
1 «Syriza has bold solutions to the forces of austerity that are strangling Europe», Costas Lapavitsas, The Guardian, 2 febbraio 2015.
2 «EU to tighten noose on Russia, expected to extend sanctions», Russia Today, 29 gennaio 2015.
3 «Declaración de los jefes de Estado o de Gobierno de la Unión Europea sobre Mariupol», Rete Voltaire, 27 gennaio 2015.
4 «Grecia denuncia manipulación de la Unión Europea sobre Ucrania», Rete Voltaire, 28 gennaio 2015.
5 «Greece Steps Back Into Line With European Union Policy on Russia Sanctions», Andrew Higgins, The New York Times, 29 gennaio 2015.
6 «Foreign Minister: ‘Greece should not be treated as a pariah», Phantis, 1 febbraio 2015.
7 «Russia extends olive branch to Greeks», Geoff Cutmore e Jeny Cosgrave, CNBC, 30 gennaio 2015.
8 «Germany’s Schaeuble doesn’t like Greek proximity to Russia», Reuters, 2 febbraio 2015.
9 «Greece not negotiating financial aid from Russia ‘right now’ – PM», Russia Today, 2 febbraio 2015.
10 «Greece says not in ‘Wild West showdown’ with Europe», Reuters, 3 febbraio 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Un’altra teoria della cospirazione diventa realtà: il collasso del petrolio per spezzare il controllo russo sulla Siria

Tyler Durden Zerohedge 03/02/2015

20150123_saudi

Ti prego diventa il mio spacciatore di petrolio! Gente! Vi dispiacerebbe essere un pochino come lui?!

Mentre i mercati ancora discutono se il prezzo del petrolio sia più influenzato dall’estrazione di greggio, o da mancanza di domanda, o sia solo un momento di compressione nella ricerca degli algoritmi dell’HFT che acquistano millisecondi prima delle 14:30, portiamo l’attenzione dei lettori su ciò che qualche mese fa fu indicata come greve teoria della cospirazione. Allora scrivemmo di una certa visita di John Kerry in Arabia Saudita, l’11 settembre di sempre, per negoziare un accordo segreto con l’ormai defunto re Abdullah, per avere “via libera agli attacchi aerei contro il SIIL, o meglio, parti di Iraq e Siria“. Non sorprende, ancora una volta che il destino di Assad fosse merce di scambio dei sauditi con gli Stati Uniti, perché lanciare l’incursione sul territorio sovrano siriano, “richiese mesi di lavoro sotterraneo tra Stati Uniti e capi arabi, concordando sulla necessità di cooperare contro lo Stato islamico, ma non su come e quando. Il processo diede ai sauditi la leva per estorcere un rinnovato impegno degli Stati Uniti a rinforzare i ribelli che combattono Assad, la cui scomparsa i sauditi vedono ancora come priorità assoluta“. Concludemmo: “Detto altrimenti, la libbra di carne pretesa dall’Arabia Saudita per “benedire” gli attacchi aerei degli Stati Uniti e farli apparire come atto di una qualche coalizione, è la rimozione del regime di Assad. Perché? Come abbiamo spiegato l’anno scorso, permettere alle aziende dei grandi giacimenti di gas del Qatar di raggiungere l’Europa, incidentalmente anche desiderio degli USA; quale modo migliore per punire Putin, per le sue azioni, che spezzare la leva principale che il Cremlino ha in Europa?” Perché alla fine, si tratta di energia. Chiarimmo il mese dopo, quando a metà ottobre dicemmo, “Se il crollo del petrolio continua” sarà il panico “per le nostre aziende dello scisto”. Il momento del panico è iniziato da tempo, ma solo dopo aver tracciato il problema in modo sufficientemente chiaro per tutti: “…Mentre abbiamo capito che l’Arabia Saudita segue una strategia del dumping per punire il Cremlino, secondo l'”accordo” con la Casa Bianca di Obama, molto presto ci sarà una comunità dello scisto assai rumorosa, insolvente ed interna che chiederà risposte dall’amministrazione Obama, mentre ancora una volta i “costi” per punire la Russia paralizzano l’unica industria veramente vitale sotto tale presidenza. Come promemoria, l’ultima volta che Obama ha minacciato la Russia di un “prezzo”, ha mandato l’Europa in tripla-recessione. Sarebbe davvero il coronamento della carriera di Obama se, incredibilmente, riuscisse a mandare in bancarotta anche il “miracolo” dello scisto degli Stati Uniti”. Naturalmente, tutto ciò rientra nel complottismo, perché l’ultima cosa che l’amministrazione ammetterebbe è che il compromesso con l’Arabia Saudita per l’attuazione della (fallita) politica Estera sul SIIL (divenuta campagna della coalizione) è mettere a rischio l’intero miracolo del scisto degli USA, un miracolo che evapora davanti a tutti. E tutto grazie al “più vicino” degli alleati degli Stati Uniti in Medio Oriente: l’Arabia Saudita. Era complottismo, finora, ma quando grazie al men che meno “foglio avvolgente” NYT un’altra teoria della cospirazione diventa realtà, con un articolo secondo cui “l’Arabia Saudita cerca di fare pressione sulla Russia del Presidente Vladimir V. Putin per farne abbandonare il sostegno alla Siria del Presidente Bashar al-Assad, dominando i mercati petroliferi globali mentre il governo russo si riprende dagli effetti del crollo dei prezzi del petrolio”.
Dal NYT: “Arabia Saudita e Russia hanno avuto numerose discussioni negli ultimi mesi che finora devono ancora produrre una svolta significativa, secondo funzionari statunitensi e sauditi. Non è chiaro come i funzionari sauditi collegassero esplicitamente il petrolio alla Siria nei colloqui, ma i funzionari sauditi dicono, e hanno detto agli Stati Uniti, che pensano di avere qualche influenza su Putin riducendo l’approvvigionamento di petrolio e possibilmente far salire i prezzi”. Come avevamo previsto giustamente a settembre: si tratta della Siria: “Se il petrolio può servire per portare la pace in Siria, non vedo come l’Arabia Saudita abbandoni il tentativo di raggiungere un accordo”, ha detto un diplomatico saudita. Vari diplomatici, agenti d’intelligence e politici di Stati Uniti e Medio Oriente ne parlavano sotto anonimato aderendo ai protocolli diplomatici”. Allora, cosa dovrebbe accadere per far rialzare il prezzo finalmente? Non molto: l’annuncio di Putin che il leader siriano Bashar non è più un alleato strategico della Russia. “Qualsiasi indebolimento del sostegno russo al signor Assad potrebbe essere uno dei primi segnali che il recente tumulto nel mercato del petrolio impatta sul governo globale. Funzionari sauditi hanno detto pubblicamente che il prezzo del petrolio riflette solo domanda e offerta globali, e hanno insistito sul fatto che l’Arabia Saudita non segue una propria geopolitica nell’agenda economica, ma credono che ci possano avere dei benefici diplomatici accessori nell’attuale strategia del Paese che permette ai prezzi del petrolio di rimanere bassi, tra cui la possibilità di negoziare l’uscita del signor Assad…. La Russia è stata una dei sostenitori più tenaci del presidente siriano, vendendo attrezzature militari al governo per anni, rafforzando le forze di Assad nella lotta contro i gruppi ribelli, tra cui lo Stato islamico, e fornendo di tutto, dai pezzi di ricambio ai carburanti speciali dall’addestramento dei tiratori scelti alla manutenzione degli elicotteri. Ma Putin cederà? “Putin, tuttavia, ha più volte dimostrato che preferirebbe accettare le difficoltà economiche che piegarsi alle pressioni estere per mutare politica. Le sanzioni di Stati Uniti e Paesi europei non hanno spinto Mosca a por termine al suo coinvolgimento militare in Ucraina, e il signor Putin è deciso a sostenere il signor Assad, che vede come un baluardo nella regione sempre più instabile per l’estremismo islamico”. In realtà non si tratta di questo: la Siria, come spieghiamo da quasi due anni, è la zona cruciale del transito di un gasdotto proposto dal Qatar all’Europa centrale. Lo stesso Qatar “sponsor militare e finanziario dei ribelli mercenari” divenuti poi SIIL. Lo stesso Qatar che ora finanzia direttamente il SIIL. Naturalmente, se Putin dovesse consegnare la Siria ai principi sauditi (e al Qatar), effettivamente si sparerebbe su un piede mettendo fine alla leva di Gazprom in Europa. Anche questo è ben noto a Putin. Per ora ha dimostrato di non avere alcuna intenzione di cedere la Siria e perdere una leva fondamentale quale fornitore definitivo di gas all’Europa: “I sauditi hanno avanzato lusinghe economiche ai leader russi in cambio di concessioni regionali come la Siria, ma mai con i prezzi del petrolio così bassi. Non è chiaro quale effetto, caso mai, le discussioni abbiano. Mentre gli Stati Uniti sarebbero a favore di iniziative per porre fine al sostegno russo al signor Assad, il successo dei sauditi nel ridurre la produzione e aumentare i prezzi del petrolio potrebbe danneggiare molti elementi dell’economia statunitense. Dopo l’incontro a Mosca a novembre tra il principe Saud al-Faysal, ministro degli esteri saudita, e Sergej V. Lavrov, il ministro degli Esteri russo, Lavrov ha respinto l’idea che la politica internazionale debba svolgere un ruolo nella definizione del prezzo del petrolio. “Incontriamo faccia a faccia i nostri colleghi sauditi ritenendo che il mercato del petrolio dovrebbe basarsi sull’equilibrio tra domanda e offerta”, ha detto Lavrov, “e che dovrebbe essere esente da qualsiasi tentativo d’influenza per scopi politici o geopolitici”.” Il che, in retrospettiva illumina meglio il conflitto in Ucraina, e l’isolamento occidentale della Russia, il cui punto è danneggiarla il più possibile, in modo che Putin non abbia altra scelta che consegnare la Siria.
La Russia subisce danni finanziari e l’isolamento diplomatico per le sanzioni derivanti dall’incursione in Crimea e Ucraina orientale, secondo funzionari statunitensi. Ma Putin ancora desidera essere visto come giocatore chiave in Medio Oriente. I russi hanno ospitato una conferenza a Mosca tra il governo Assad e alcuni gruppi d’opposizione della Siria, anche se pochi analisti ritengono che i colloqui produrranno molto, soprattutto perché molti dei gruppi di opposizione li hanno boicottati. Alcuni esperti sulla Russia hanno espresso scetticismo che il signor Putin sia suscettibile a un qualsiasi accordo che preveda il supporto alla rimozione di Assad. La leva dell’Arabia Saudita dipende da quanto seriamente Mosca vede le sue entrate petrolifere in calo. “Se sono così gravi da necessitare di un accordo petrolifero subito, i sauditi sono in buona posizione per imporre un prezzo geopolitico”, ha dichiarato F. Gregory Gause III, specialista di Medio Oriente presso la Texas A&M’s Bush School of Government and Public Service”. Riguardo Assad, il presidente siriano “non ha dimostrato nessuna volontà di farsi da parte. Ha detto in una recente intervista alla rivista Foreign Affairs che la vera minaccia in Siria proviene dai gruppi Stato islamico e affiliati ad al-Qaida che, secondo lui, sono la “maggioranza” della ribellione. Funzionari statunitensi e arabi hanno detto che, anche se la Russia abbandonasse Assad, il presidente siriano avrebbe ancora il suo maggior sostenitore, l’Iran. Gli aiuti iraniani al governo siriano sono uno dei principali motivi per cui Assad è rimato al potere mentre altri autocrati in Medio Oriente sono stati deposti. E come importante produttore di petrolio, l’Iran trarrebbe beneficio se l’Arabia Saudita contribuisse a rialzare i prezzi del petrolio, nell’ambito di un accordo con la Russia. “State rafforzando il vostro nemico, che vi piaccia o no, e gli iraniani non mostrano alcuna flessibilità qui”, ha detto Mustafa Alani, analista presso il Centro di Ricerca del Golfo, vicino alla famiglia reale saudita. Ma l’aiuto militare che la Russia fornisce alla Siria è abbastanza diverso da quello che Damasco riceve dall’Iran, altro fornitore principale, se “la Russia ritirasse tutto il sostegno militare, non credo che l’esercito siriano funzionerebbe”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione Obama”.
Conclusione: “numerosi Paesi arabi spingono sauditi e russi, agli antipodi nelle posizioni verso Assad, a trovare un terreno comune sulla questione per por fine alla carneficina della guerra civile in Siria, che ormai ha quasi quattro anni. Ma come un diplomatico arabo ha detto, “Questa decisione è in definitiva nelle mani di Putin”. E questo, signore e signori, è ciò che il grande crollo petrolifero 2014/2015 rappresenta per coloro che vogliono sapere quando comprare petrolio, e la risposta è semplice: subito dopo (o idealmente prima) che Putin annunci che non sosterrà più il regime di Assad. Se, cioè, Putin faccia mai tale passo distruggendo le leva che ha sull’Europa e, conseguentemente, e prematuramente, ponendo fine alla propria carriera. Fino ad allora, ogni singolo picco petrolifero indotto dall’HFT infine scompare perché, come gli ultimi mesi dimostrano, se i sauditi decidono il prezzo, e non avranno un no come risposta, ciò significherà paralizzare l’intera l’industria dello scisto, e dell’energia, degli Stati Uniti.

Quanto durerà?

Quanto si abbasserà?

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 469 follower