Esercitazioni militari russo-bielorusse “Zapad 2017”

Valentin Vasilescu, Rete Voltaire, Bucarest (Romania), 18 settembre 2017
Valentin Vasilescu, esperto militare ed ex-vicecomandante dell’aeroporto militare di Otopeni.Dall’organizzazione del colpo di Stato in Ucraina, l’insediamento dei nazisti a Kiev e l’indipendenza della Crimea, la NATO alimenta la paranoia dei suoi membri europeo-orientali. Mosca non avrebbe protetto i crimeani da un governo nazista, ma conquistato e annesso questo territorio storicamente russo. Grazie a tale narrazione, Washington occupa l’Europa orientale militarmente, senza che i popoli sottomessi protestino. Al contrario, sono allarmati dalle manovre militari russe-bielorusse.
La stampa occidentale riferisce ogni sorta di preoccupanti ipotesi sulle esercitazioni militari “Zapad-2017” quale opportunità per la Russia d’invadere gli Stati sul fianco orientale della NATO. Nessuno si preoccupa di studiare lo scenario di queste esercitazioni ed ha la formazione necessaria per analizzarle. Vediamo cosa sono. Le esercitazioni militari russo-bielorusse Zapad-2017 si svolgono dal 14 al 20 settembre 2017 e mirano a: “Migliorare l’addestramento e l’uso di gruppi di forze armate per garantire la sicurezza dell’avamposto strategico della difesa collettiva di Russia e Bielorussia“. Lo scenario delle esercitazioni indica che il territorio della Bielorussia e l’enclave russa di Kaliningrad vengono infiltrati massicciamente da unità delle Forze Speciali che simulano i terroristi. Provengono da tre Paesi fittizi: Vajsnoryja, Vesbaria e Lubenia. Vesbaria si trova, sulla mappa, nel territorio di Lituania e Lettonia, e Lubenia comprende Lituania e Polonia, tutti membri della NATO. I terroristi infiltrati controllano importanti obiettivi nel Vajsnoryja, zona nordoccidentale della Bielorussia. Il primo passo è separare il Vajsnoryja dal resto della Bielorussia con azioni di sabotaggio volte ad aggravare la situazione socioeconomica del Paese e facilitare un colpo di Stato a Minsk. L’obiettivo è utilizzare il territorio bielorusso per lanciare una massiccia invasione della Russia. Il concetto delle esercitazioni Zapad-2017 si basa su misure militari capaci d’impedire la destabilizzazione della Bielorussia e la liberazione della regione occupata dal Vajsnoryja. Pertanto, il primo passo delle manovre è verificare la capacità delle Forze Armate russe e bielorusse di mantenere la supremazia aerea e bloccare il corridoio d’infiltrazione e rifornimento ai terroristi di armi e munizioni. Il secondo passo consiste nel verificare la capacità delle unità aeree d’intervenire a grande distanza dalle basi isolando e circondando i gruppi terroristici infiltrati. Questa operazione prevede la manovra di forze di supporto, terrestri e aeree, per bloccare la via di ritirata dei terroristi verso il Mar Baltico. L’ultima tappa delle manovre è circondare i terroristi ed eliminarli fisicamente.Quali conclusioni trarre?
Queste esercitazioni sono strettamente difensive, limitate all’ovest di Bielorussia e Russia. Si svolgono rigorosamente in sette poligoni terrestri in Bielorussia e tre in Russia, dove sono stati invitati osservatori militari di tutti gli Stati della NATO. Comprendono 12700 soldati (7200 in Bielorussia e 5500 in Russia), 680 mezzi, tra cui 370 blindati (di cui 250 carri armati), 200 sistemi d’artiglieria, 70 elicotteri e aerei e 10 navi da guerra. La necessità di pianificare queste esercitazioni deriva dal timore di un’invasione della NATO da Paesi baltici e Polonia. Per migliorare la sicurezza in questi Stati, la NATO ha recentemente schierato la 10.ma Brigata aerea statunitense, con più di 60 aeromobili, e la 3.za Brigata corazzata statunitense. Inoltre, nei tre Stati baltici, i membri della NATO svolgono un servizio in rotazione con uno squadrone di aerei da combattimento. La NATO ha anche creato una forza di risposta ultrarapida, formata da 10000 soldati di sette Stati membri appositamente addestrati per agire sulle coste di Mar Baltico e Mar Nero. I timori della Russia sono ragionevoli perché, secondo la dottrina della NATO, Mosca è nel “teatro operativo militare europeo”, sull’asse strategico bielorusso che inizia a Berlino, attraversa la Polonia, l’enclave di Kaliningrad e la Bielorussia, arrivando a Mosca e proseguendo per Samara (ex-Kujbishev). I carri armati possono avanzare rapidamente su questa vasta pianura. Questo percorso è chiaramente progettato per invadere Mosca. Gli obiettivi strategici sono i concentramenti vitali economico-politici (con complessi economici, fonti energetiche, materie prime, reti dei trasporti energetici, ecc.). La loro conquista o controllo temporaneo provoca automaticamente il cambio dell’equilibrio di forze in qualsiasi teatro di operazioni militari. Ad esempio, durante l’Operazione Barbarossa nella Seconda Guerra Mondiale, lanciata il 22 giugno 1941, il Gruppo armate centro guidò l’offensiva sull’asse strategico bielorusso, con 50 divisioni tedesche concentrate in Polonia, con obiettivo strategico per eccellenza Mosca. La Russia ha ripetutamente affermato che i 5 miliardi di dollari del finanziamento di euromajdan a Kiev (secondo Victoria Nuland, ex-vicesegretaria di Stato per l’Europa) portarono al colpo di Stato con cui l’Ucraina passò da amica a nemica della Russia. Tale situazione consente agli Stati Uniti di considerare in futuro l’invasione della Russia dalla NATO. Questa ipotesi non è priva di fondamenta, perché l’invasione potrebbe seguire l’asse ucraino; certamente la via migliore del teatro d’operazione in Europa. Tale asse strategico comincia a Monaco di Baviera, in Germania, attraversa Polonia, Ucraina, fino alla Russia sud-occidentale, passando per Volgograd (già Stalingrado) e seguendo il Volga fino al mare Caspio. Il piano Barbarossa, l’invasione dell’URSS durante la Seconda guerra mondiale, affidò la conquista dell’Ucraina al Gruppo armate sud composto da 57 divisioni tedesche, italiane, ungheresi e rumene. Alcune di queste (in totale 330000 soldati) furono circondate e distrutte a Stalingrado o forzate a consegnarsi ai sovietici il 26 gennaio 1943. Se l’Ucraina venisse scelta come punto di partenza per l’offensiva sulla Russia della NATO, darebbe il vantaggio alla NATO di poter evitare i combattimenti nei Carpazi, che raggiungono i 2061 metri di altezza.

[1] Queste esercitazioni non sono di notevoli dimensioni. Occupano meno di 13000 effettivi, mentre gli Stati aderenti all’OSCE, tra cui Bielorussia e Russia, s’impegnano ad invitare come osservatori tutti i partner dell’organizzazione.
[2] “Le osservazioni di Victoria Nuland alla Conferenza della Fondazione USA-Ucraina“, di Victoria Nuland, Voltaire Network, 13 dicembre 2013.

La Russia effettuava lanci del missile balistico tattico Iskander-M
Vladimir Rodzianko, The Duran 18 settembre 2017

I militari russi hanno condotto il lancio di un missile balistico Iskander-M alla gittata massima operativa, secondo il Ministero della Difesa russo.
Un sistema missilistico Iskander-M ha eseguito il lancio di un missile dal poligono di Kapustin Jar nella regione di Astrakhan, nell’ambito dell’esercitazione strategica Russia-Bielorussia Zapad-2017″, dichiarava il Ministero della Difesa russo a Sputnik. “Il missile ha volato per 480 chilometri colpendo l’obiettivo nel poligono Makat (Kazakistan)“, affermava la dichiarazione. Il 9K720 Iskander è un sistema missilistico mobile a corto raggio creato e schierato dalla Federazione Russa. Questi sistemi missilistici sostituiranno i sistemi obsoleti OTR-21 Tochka, ancora impiegati dalle Forze Armate russe, entro il 2020. L’Iskander ha diverse testate convenzionali, tra cui una da combattimento con submunizioni, una esplosiva aria-combustibile, una esplosiva ad alta potenza, una a penetrazione anti-bunker e una ad impulsi elettromagnetici per le missioni anti-radar. Il missile può anche trasportare testate nucleari. Nel settembre del 2017, il Direttore Generale della KBM, Valerij M. Kashin, dichiarò che c’erano almeno sette versioni (e “forse più”) del missile Iskander, tra cui una da crociera.

Le manovre russo-cinesi enfatizzano la guerra anti-som
Sputnik 18.09.2017

Un distaccamento della Marina Militare cinese arrivava a Vladivostok per partecipare alla seconda fase delle esercitazioni navali russo-cinesi Joint Sea-2017. In un’analisi speciale per Sputnik, l’osservatore militare russo Vasilij Kashin ha spiegato ciò che rende uniche le esercitazioni nella cooperazione militare russo-cinese.
La seconda fase delle Joint Sea-2017 iniziavano ufficialmente il 18 settembre per proseguire fino al 26 settembre. La fase costiera delle esercitazioni si svolgerà fino al 28 settembre e prevede le manovre congiunte della fanteria navale russa e cinese. La seconda tappa, dal 22 settembre, sarà costituita dalla fase marittima nel Mar di Giappone e nell’area meridionale del Mare di Okhotsk. Le navi della Marina Militare russa coinvolte nelle esercitazioni sono l’Admiral Tributs, cacciatorpediniere classe Udaloj progettato per la guerra anti-som, nonché la Sovershennyj, corvetta classe Steregushyj che la NATO designa fregata per le dimensioni, la nave di supporto Igor Belusov, dotata di apparecchiature di soccorso subacqueo AS-40, oltre a 2 sottomarini diesel, una corvetta classe Tarantul e diverse navi appoggio. La Cina è rappresentata dal cacciatorpediniere Shijiazhuang, dotato del sistema missilistico antiaereo russo S-300FM, dalla fregata Daqing e dalla nave di supporto Changdao, che dispone di un veicolo di soccorso subacqueo Elar-7.
Commentando le esercitazioni, Kashin spiega che sono significative per la particolare attenzione alla guerra anti-som. Secondo l’osservatore, ciò è importante perché, mentre le precedenti esercitazioni congiunte marittime prestavano particolare attenzione alle operazioni di assalto anfibio, queste ne sono totalmente prive. “Le unità della fanteria navale condurranno una manovra congiunta sulla riva, ma gli sbarchi non sono inclusi nel programma di quest’anno“, secondo Kashin. “Invece“, sottolinea l’analista, “per la prima volta sono incluse le manovre congiunte di navi di salvataggio sottomarini russe e cinesi dotate di veicoli di salvataggio in mare profondo. Gli aerei anti-som russi e gli elicotteri anti-som russi e cinesi partecipano alle esercitazioni: due sottomarini della Flotta del Pacifico russa ne sono coinvolti, probabilmente il loro ruolo sarà essere trovati e “salvati” dalla task force congiunta russo-cinese“. Secondo Kashin la novità di queste esercitazioni è che aiuteranno lo scambio di preziose esperienze nell’organizzare operazioni di salvataggio. “Inoltre, grazie alla cooperazione, nuove opportunità saranno aperte per realizzare effettive missioni congiunte russo-cinesi se un disastro accadesse mai a un sottomarino appartenente ad uno dei due Paesi“. Naturalmente, anche l’ampliato scambio di esperienze sulla guerra anti-som avrà “particolare interesse per i cinesi“, nota l’analista. Infine, Kashin ritiene che la crescente importanza delle operazioni di guerra anti-som nei programmi delle esercitazioni congiunte russo-cinesi indica crescente fiducia tra i due Paesi nella sfera militare, “e la volontà di scambiare informazioni su questioni complesse“. “La cooperazione russo-cinese in questo settore non è ancora pari alla cooperazione tra Russia e India, con quest’ultima che affitta sottomarini nucleari russi, tuttavia si può ipotizzare che l’obiettivo della cooperazione tra Russia e Cina sia ottenere un simile livello di fiducia e cooperazione“, concludeva l’esperto.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Esercitazione strategica Zapad 2017

Alessandro Lattanzio, 16/9/2017L’esercitazione strategica congiunta Zapad 2017 si svolge dal 14 al 20 settembre sotto la direzione degli Stati Maggiori Generali della Federazione russa e della Repubblica di Bielorussia. 12700 truppe (7200 bielorusse e 5500 russe), 70 aeromobili e 680 mezzi, tra cui 250 carri armati e 200 sistemi d’artiglieria, nonché 10 navi da guerra, partecipano alle manovre. Inoltre, da parte russa operano raggruppamenti operativi delle Guardia di Frontiera, FSB ed EMERCOM. L’esercitazione si svolge nelle Repubblica di Bielorussia e regioni russe di Kaliningrad, Leningrado e Pskov, ed è volta a migliorare l’interoperabilità dei comandi nei diversi livelli, nonché l’integrazione di truppe e sistemi d’arma. Saranno testate le nuove tattiche sviluppate dalle Forze Armate russe e bielorusse. L’esercitazione simula alcuni gruppi estremisti che s’infiltrano nei territori della Repubblica di Bielorussia e nella regione di Kaliningrad della Federazione russa per eseguire attacchi terroristici e destabilizzare Russia e Bielorussia. Gli estremisti sono supportati dall’estero ricevendo logistica e materiale aerolanciato.
Per sconfiggere i terroristi le truppe devono svolgere una serie di compiti tattici:
– dispiegamento di unità dei raggruppamenti regionali nelle aree occupate dai terroristi, isolandoli;
– operazioni aeree e di difesa aerea per sostenere le forze terrestri e bloccare gli aviorifornimenti ai terroristi;
– operazioni speciali per eliminare i terroristi e stabilizzare la situazione;
– blocco navale dell’area ed operazioni speciali volte ad impedire la fuga dei terroristi via Baltico.
L’esercitazione congiunta Russia-Bielorussia Zapad 2017 ha suscitato isteria in occidente, sebbene si tengano regolarmente dal 2009 e con un preavviso di mesi, tanto che la ministra della Difesa tedesca Ursula von der Leyen farneticava di esercitazioni con oltre 100000 soldati alla “periferia orientale della NATO”. “I militari russi sono “sorpresi” da tali cifre insensate“, dichiarava il portavoce del Ministero della Difesa russo Maggior-Generale Igor Konashenkov, mentre il politico neonazista ucraino Aleksandr Turchinov, a capo del Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa dell’Ucraina, sproloquiava di 240000 soldati, 10000 mezzi e 100 aerei, contraddicendo qualsiasi dato concreto.
Le esercitazioni Zapad 2017 sono volte a verificare la compatibilità operativa delle Forze Armate russe e bielorusse nelle operazioni antiterrorismo. Ma ciò veniva visto dalla presidenta lituana Dalia Grybauskaite come “giochi aggressivi diretti contro l’occidente“, mentre a luglio, il tenente-generale Ben Hodges, comandante delle forze armate statunitensi in Europa, le definiva “cavallo di Troia” contro la NATO. “Vorrei sottolineare che, a parte la componente antiterrorismo, l’esercitazione Zapad-2017 è di carattere puramente difensivo“, dichiarava il Tenente-Generale Aleksandr Fomin, definendo “mito” qualsiasi accusa contro di esse. “Non progettiamo l’attacco a nessuno. Per vedere di cosa si tratta, abbiamo invitato chiunque voglia assistervi. Venite a vedere“, dichiarava il Presidente Aleksandr Lukashenko, invitando ONU, NATO e OSCE, ed oltre 80 osservatori stranieri.
Nel frattempo la Svezia svolgeva le più grandi manovre in vent’anni, mentre 40000 truppe della NATO avevano partecipato a 18 esercitazioni in Europa, anche in Paesi come Georgia e Ucraina, vicino al confine con la Russia, mentre Ungheria, Romania e Bulgaria partecipavano con gli Stati Uniti alle manovre Sabre Guardian 2017, con 25000 militari provenienti da 22 Paesi, e l’Ucraina aveva ospitato le esercitazioni navali Sea Breeze 2017 degli Stati Uniti, che videro la presenza di 2500 truppe e 30 navi provenienti da 17 Paesi.

Fonti:
Cassad
Russia Feed
MoD RF

La Russia lavora sui caccia spaziali

La Russia lavora su aerei da caccia ultraveloci con capacità di volo spaziale. Il nuovo intercettore pesante viene progettato dal MiG Bureau per sostituire i MiG-31
Russia FeedIl rinomato Ufficio Mikojan, che al fianco all’Ufficio Sukhoj è dagli anni ’50 il principale centro di progettazione degli aerei da combattimento della Russia, ha confermato che dal 2013 lavora sul sostituto dell’intercettore pesante a lungo raggio MiG-31, secondo il programma PAK- DP (“complesso aereo prospettico per un intercettore a lungo raggio”). Fin dagli anni ’60 l’Ufficio Mikojan produce due distinte e diverse linee di aerei da combattimento. Una sono velivoli austeri e relativamente economici, i caccia “leggeri” destinati ad integrare gli aeromobili “pesanti” più avanzati e costosi prodotti dall’Ufficio Sukhoj. Questi sono i “caccia MiG” noti al pubblico, che l’associano al nome MiG e che hanno svolto un ruolo importante nei conflitti regionali durante la Guerra Fredda. Esempi di tali MiG “leggeri” sono i famosi caccia MiG-21, MiG-23 e MiG-29. L’ultima della serie è il nuovo MiG-35. L’altra linea sono invece gli intercettori ultra-veloci, molto potenti e sofisticati, e finora ve ne sono stati solo due: il MiG-25, entrato nel servizio nel 1970, e il MiG-31, operativo dal 1981. L’intercettore pesante PAK-DP sarà un velivolo in questa serie. Qui è importante dire qualcosa sul ruolo degli intercettori, completamente diverso da quello di qualsiasi altro aereo da combattimento progettato e costruito altrove dalla fine della seconda guerra mondiale. MiG-25, MiG-31 e PAK-DP non sono caccia tattici o per superiorità aerea destinati ad impegnare altri caccia nei combattimenti aerei. La loro missione è la difesa aerea del vasto territorio della Russia, specialmente dei grandi spazi vuoti nell’Artico russo, una zona immensa in cui le condizioni climatiche sono dure e le basi militari poche, richiedendo aerei molto grandi e potenti con sistemi radar molto avanzati, in grado di operare su grandi distanze e a velocità molto elevate, in modo da intercettare e distruggere obiettivi aerei come missili da crociera e bombardieri prima che penetrino profondamente nelle aree popolate russe. Questa specifica determina la natura di questi velivoli, anche se va detto che possono anche essere molto diversi, in quanto evolvono per contrastare diverse minacce. Ad esempio, anche se MiG-25 e MiG-31 sembrano simili perché condividono le stesse dimensioni e disegno, sono in realtà aeromobili completamente diversi, progettati per missioni piuttosto diverse.
Il MiG-25 è un velivolo molto veloce in grado di volare a quote molto alte a tre volte la velocità del suono (Mach 3), rendendolo l’aereo da combattimento più veloce mai entrato in servizio. La sua missione è intercettare velivoli veloci e aerei da ricognizione che operano a quote elevate. Il MiG-31 invece ha una velocità più ridotta, ma ancora elevata, e un raggio d’azione più ampio, e a differenza del MiG-25 può volare a velocità supersoniche a bassa quota. Il compito principale è intercettare e distruggere missili da crociera. Dato che i missili da crociera tendono a volare in gruppi, il MiG-31 è dotato di un radar gigantesco ed estremamente potente: il primo radar a scansione elettronica passiva (“PESA”) montato su un aereo da combattimento, in grado di osservare e seguire contemporaneamente più bersagli aerei (ossia i missili da crociera) e puntarvi i missili aria-aria R-33, molto avanzati, per distruggerli. Non è chiaro quale sia il ruolo preciso del PAK-DP, i russi non hanno fornito molte informazioni. Tuttavia i rapporti dicono che potrà volare quattro volte la velocità del suono (Mach 4), rendendolo molto più veloce anche del MiG-25, e che potrà raggiungere e operare nello spazio, diventando in effetti uno spazioplano. I concetti che combinano aeromobile e velivolo spaziale nell’aerospazioplano esistono fin dagli anni ’60. Tuttavia, se le relazioni sono vere, il PAK-DP è il primo serio tentativo di avere tale velivolo. Lo sviluppo dei missili ipersonici (missili in grado di raggiungere la velocità di Mach 5), utilizzando motori aspiranti come i ramjet, ha recentemente compiuto progressi drammatici, con la Russia al primo posto in tale sviluppo, ad esempio con il nuovo missile ipersonico antinave Tzirkon. Non sorprende che questa tecnologia sia ora utilizzata per costruire intercettori che, se non ipersonici, saranno ancora più veloci di qualsiasi altro aereo militare finora entrato in servizio. I motori disegnati per aspirare l’aria, come i ramjet, ovviamente non possono funzionare nello spazio. Tuttavia sono stati proposti vari altri tipi di motori, con la possibilità di un motore-razzo a ciclo combinato. L’Ufficio Mikojan ha esperienza nei voli spaziali grazie ai test del MiG-105 Spiral degli anni ’70 e del BOR-5 degli anni ’80. Supponendo che l’Ufficio Mikojan possieda ancora i dati da questi test, cosa certa, allora senza dubbio li usa per sviluppare il PAK-DP. Rimane una grande incertezza su questo velivolo. Sebbene la velocità di Mach 4 e una capacità spaziale siano certamente raggiungibili con la tecnologia di oggi, non è chiaro quale sia lo scopo o il tipo di armamento destinato a un tale velivolo. Forse l’affermazione che l’aereo potrà operare nello spazio è esagerata e ciò che è realmente significato è che l’aeromobile, come il MiG-25, opererà a quote altissime.
Prima di concludere, si possono trarre altri punti:
1) Vi sono suggerimenti che questo non sia un vero progetto ma uno studio dell’Ufficio Mikojan. Tuttavia il fatto che il programma abbia una denominazione ufficiale, PAK-DP, dimostra che ciò è sbagliato e che è sicuramente un programma del Ministero della Difesa, previsto per produrre in seguito un vero aereo;
2) Sebbene l’aereo avrà prestazioni estreme, non è un velivolo di sesta generazione che segue il Su-57 di quinta generazione. Piuttosto è un intercettore specializzato della serie MiG-25/MiG-31 che, come tutti questi aeromobili, non si adatta al concetto di generazione ora applicato per gli aeromobili da combattimento;
3) Un aereo in grado di volare quattro volte la velocità del suono e possibilmente di operare nello spazio ovviamente non può essere furtivo. Alcun intercettore pesante MiG-25/MiG-31 è furtivo. Dato che sono destinati ad operare quasi interamente sul territorio russo, la necessità di essere furtivi per eludere le difese aeree nemiche ovviamente non sussiste;
4) Come intercettore l’aereo non è principalmente progettato per il combattimento con altri aerei da caccia. L’aereo progettato per questo ruolo è il Su-57. Come MiG-25 e MiG-31, il PAK-DP non è né furtivo né manovrabile, come il Su-57. Naturalmente il sistema d’arma altamente avanzato che il PAK-DP trasporterà gli permetterà di affrontare altri caccia nei combattimenti aerei, se necessario, come nel caso dei MiG-25 e MiG-31 in varie occasioni. Tuttavia questo non è il suo compito principale;
5), Sebbene il PAK-DP segua il MiG-31 nella serie degli intercettori pesanti MiG, iniziata negli anni ’70 con il MiG-25, l’Ufficio Mikojan insiste sul fatto che non sia una versione del MiG-31, ma un aereo completamente nuovo. Ovviamente è vero. Se questo velivolo è veramente capace di raggiungere Mach 4 e operare nello spazio, allora non può essere uno sviluppo del MiG-31, che non può fare queste cose;
6) La designazione “MiG-41” che i media hanno assegnato è per il momento puramente speculativa. È improbabile che il Ministero della Difesa abbia ancora dato un nome formale all’aereo. Questo è ovviamente un programma top secret che non ha ancora raggiunto la fase dei prototipi. Tuttavia il fatto che i russi ne parlino apertamente suggerisce che un prototipo possa essere costruito. Probabilmente con la fine dei test del Su-57, che presto entrerà in servizio, per questo programma sono stati liberati altri fondi, che possono cominciare a fluire. Se e quando un prototipo di questo aereo apparirà, sarà possibile abbandonare le speculazioni per i fatti. Nel frattempo tutto ciò che si può dire con sicurezza è che questo è un vero e proprio programma, e che le specifiche del velivolo che s’intende produrre sono estremamente ambiziose per qualsiasi standard.

Caccia orbitale: cosa aspettarsi dal futuro intercettatore russo MiG-41
Sputnik 27.08.2017Gli intercettatori russi MiG-31 sono famosi per la capacità di accelerare alla velocità incredibile di 3000 chilometri all’ora e volare a quote superiori ai 20 chilometri. Nei prossimi dieci anni, gli intercettori a lungo raggio MiG-41, ancora più avanzati, che distruggeranno bersagli nello spazio, li sostituiranno.
Gli intercettori russi MiG-31, definiti “Foxhound” in occidente, sono unici e non hanno ancora concorrenti. Copriranno i confini aerei della Russia per i prossimi dieci anni fino alla radiazione. La prossima generazione di MiG-41 li sostituirà quali intercettori principali della Russia. Andrej Stanavov di RIA Novosti ha esplorato le nuove caratteristiche dell’intercettore MiG-41, confrontandole con i MiG-31.

Dominatori dei cieli
La questione della ripresa della produzione del MiG-31 o sviluppare un nuovo intercettore ad alta quota fu discussa nel parlamento russo nel 2013. Fu la prima volta nella storia che la camera dei deputati russa dedicasse un’intera sessione al destino di un’arma specifica mentre la NATO si espande ad est. Il MiG-31 è davvero un aereo molto interessante, nonostante sia stato sviluppato nei primi anni ’70. I suoi motori spingono un velivolo da 40 tonnellate a velocità quasi ipersoniche. L’aereo è dotato di un cannone a sei canne da 23 millimetri e di sei piloni per una serie di missili aria-aria. Il carico bellico massimo è di nove tonnellate. Il MiG-31BM aggiornato individua gli obiettivi a una distanza di 320 chilometri e li raggiunge con i missili da una distanza di 280 chilometri. Quattro intercettori in volo possono avere il controllo dei cieli per un ampiezza di 1200 chilometri. L’aereo può intercettare missili balistici e da crociera, così come satelliti orbitanti a bassa velocità. La produzione del MiG-31 terminò nel 1994; la Russia ne dispone attualmente di oltre 250 in varie versioni. Il comandante delle forze aerospaziali russe Viktor Bondarev respinse l’idea di riprenderne la produzione, dicendo che sia meglio investire in un nuovo progetto. Fu deciso di aggiornare gli aerei esistenti nella versione MiG-31BM e cercare nuove soluzioni. Poi, i colloqui sul possibile successore iniziarono, l’intercettore a lungo raggio PAK-DP.

Spazio
I rapporti precedenti suggerivano che l’aeromobile del progetto PAK-DP verrebbe chiamato MiG-41. Allo stesso tempo, l’intercettore non sarà il completo ammodernamento del MiG-31, ma un “aereo completamente nuovo”. Il Direttore generale della MiG Ilja Tarasenko dichiarò che le consegne degli intercettatori MiG-41, già noti come PAK-DP, inizieranno a metà del 2020. “Il PAK-DP è lo sviluppo logico dei nostri MiG-31. Una volta contattati dal Ministero della Difesa, seguiremo questo progetto e penso che le consegne inizieranno a metà del 2020“, dichiarava Tarasenko. Non si sa molto del MiG-41 perché l’aereo, come tutti i progetti militari moderni, rimane classificato. Anche se il MiG-31 è l’aereo più veloce, dovrà infine lasciare il posto a nuovi e più avanzati aerei. Il MiG-41 sarà ipersonico (velocità stimata in 4500 km/h) e armato di missili ipersonici. È anche progettato per l’Artico e potrebbe divenire un drone. Il direttore generale della MiG disse in precedenza al canale Zvezda TV che l’aereo avrà capacità operative uniche, in particolare sarà invisibile ai radar nemici e potrà volare nello spazio. Non forniva ulteriori dettagli. È noto solo che alcuni MiG-31 modificati possono già di lanciare piccoli satelliti intorno la Terra. Secondo il pilota di test e veterano dell’URSS, l’Eroe Anatolij Kvochur, la velocità e il raggio d’azione, non la manovrabilità, sono le caratteristiche principali di un intercettore ad alta quota, e secondo lui tali aeromobili potranno essere utilizzati anche per scopi pacifici, ad esempio, eliminare i detriti spaziali su orbite basse. “Questi aerei non sono stati progettati per manovrare (…), devono fornire una grande spinta agli oggetti che trasportano, è una loro caratteristica: raggiungere elevate altitudini è importante, introno al pianeta vi sono centinaia di satelliti, alcuni non più controllati e considerati detriti spaziali. In particolare, tali aeromobili possono essere usati per raccoglierli e distruggerli“, affermava Kvochur a RIA Novosti. Va inoltre rilevato che, oltre all’eliminazione di velivoli da ricognizione e bombardieri nemici, gli obiettivi degli intercettori ad alta quota rimangono ricerca e distruzione di missili balistici e da crociera nell’ambito della difesa aerea. Hanno già dimostrato efficacia nel compito. In estate, un MiG-31 abbatteva un missile che volava a 12 chilometri di quota a una velocità tre volte quella del suono.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La cooperazione militar-tecnica tra Russia e India continua

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 9.08.2017L’India è ampiamente nota come il maggiore importatore dei prodotti dell’industria della Difesa russa e la Russia è il fornitore principale di armamenti dell’India. L’India collabora nell’ambito militar-tecnico con molti altri Paesi, tra cui i tecnologicamente avanzati Stati Uniti, Francia, Corea del Sud e Giappone. Pertanto, la leadership della Russia nel mercato indiano può essere considerata un attestato dell’alta qualità dei prodotti russi. Inoltre, ciò dimostra l’affidabilità delle relazioni Russia-India e la grande fiducia tra i due Paesi. Tuttavia, negli ultimi anni, l’India ha iniziato seriamente a sviluppare la propria industria della Difesa. Nel settembre 2014, il Primo ministro indiano Narendra Modi lanciò l’iniziativa “Make in India”, intesa a portare l’industria indiana ad un nuovo livello, creando molti posti di lavoro e assicurandosi un flusso di investimenti esteri. Secondo il programma, l’India intende sviluppare vari tipi di produzione ad alta tecnologia sul proprio territorio e in tutti i campi. Oltre all’effetto economico, grazie al “Make in India”, l’India si aspetta di compiere un salto nel campo tecnico-scientifico. Il programma copre un’ampia gamma di settori, tra cui la tecnologia militare. Di fronte alla crescente concorrenza dei produttori indiani, alcuni esportatori esteri potrebbero essere costretti a ridurre le forniture o addirittura a ritirarsi dall’India. Tuttavia, è improbabile che ciò influenzi la Russia. La cooperazione militar-tecnica Russia-India (MTC) ottiene slancio. Uno dei motivi per cui la Russia ritiene di restare nel mercato indiano è che la Russia non solo vende mezzi all’India, ma fornisce anche tecnologia. Molti tipi di armamenti sviluppati dall’industria della Difesa russa sono ora prodotti su licenza in India. Ciò è coerente con il programma “Make in India” e contribuisce al progresso scientifico e tecnologico indiano. A questo proposito è indicativa la storia della cooperazione russo-indiana nei blindati. Dal 1980 al 1990, il carro armato sovietico T-72M1 fu prodotto in India. L’assemblaggio del carro armato T-90S nel territorio indiano iniziò nel 2003. Nel settembre 2015, si ebbe la notizia che l’India negoziava con la Federazione russa l’acquisto della versione aggiornata T-90MS. E nel marzo 2016, la società statale russa Rosoboronexport annunciò l’inizio dei negoziati relativi alla produzione di T-90MS in India. Nel novembre 2016, i media indiani riferirono dell’acquisto in Russia di una grande quantità di armi, tra cui 464 carri armati T-90MS. Nel febbraio 2017, la Russia estese agli indiani la licenza per la produzione dei T-90S. I veicoli blindati sono solo una delle molte direzioni della cooperazione militar-tecnica russo-indiana. Nel marzo 2017, i media riferirono che quest’anno Russia e India concluderanno i contratti per la vendita di 48 elicotteri Mi-17V-5 e 4 fregate. Gli elicotteri e le navi russi sono già a disposizione delle forze armate indiane. Il desiderio dell’India di acquisirne di ulteriori indica che è soddisfatta delle acquisizioni passate.
Particolarmente importante da notare è la cooperazione russo-indiana sul programma BrahMos, dove la società aerospaziale russa NPO Mashinostroenia e l’Organizzazione indiana di Ricerca sulla Difesa hanno sviluppato un missile supersonico antinave che supera le controparti estere in velocità e potenza di fuoco. Il lavoro iniziò nel 1998, il primo lancio avvenne nel 2001 e ora il missile BrahMos è in servizio nell’esercito indiano da diversi anni. Lo sviluppo russo-indiano interessa anche altri Paesi; numerosi Stati di Africa e America Latina hanno deciso di acquistarne per un valore complessivo superiore ai 10 miliardi di dollari. Nel 2011 l’India ordinò 200 missili per 4 miliardi di dollari per le proprie forze armate. Il programma BrahMos continua. In questi anni esperti russi e indiani hanno collaborato per migliorare i progetti, adattandoli per risolvere nuovi problemi. Furono sviluppate versioni terrestri e navali del missile. Nel 2011 furono confermate le notizie che fossero in corso progetti per dotare gli aerei da combattimento FGFA dei missili BrahMos. Questo velivolo, unitamente ai velivoli russi Su-30MKI (ora prodotti su licenza in India), è un altro sviluppo russo-indiano. Fu una decisione molto audace, dato che finora nessuno ha ancora osato installare tali armi pesanti sui caccia. Nel 2017, l’obiettivo è stato raggiunto, fu necessario creare una versione leggera del missile pesante 2,5 tonnellate, 500 kg in meno del prototipo. Così il BrahMos è diventato il primo missile nella storia con tali velocità e gittata ad essere installabile sui caccia. Nel marzo 2017, il missile BrahMos ER aggiornato fu testato per la prima volta in India. Il nuovo missile può colpire bersagli a una distanza di 450 km. La società russo-indiana BrahMos Aerospace attualmente lavora su un nuovo missile in grado di raggiungere 5000 km all’ora. Presumibilmente, sarà pronto tra 2-3 anni.
Nel giugno 2017, il Ministero della Difesa russo ospitò una riunione della Commissione russo-indiana per la cooperazione tecnico-militare cui parteciparono il Ministro della Difesa Sergej Shoygu e l’omologo indiano Arun Jaitley. Le parti adottarono un piano di ulteriore cooperazione. Secondo Sergej Shojgu, Russia e India rafforzeranno la cooperazione per aumentare la disponibilità al combattimento delle forze armate. Ricordava che un partenariato strategico privilegiato esiste da molti anni tra i due Paesi. Il ministro inoltre affermò che parte importante di queste relazioni sono le esercitazioni militari congiunte regolari e che le manovre russo-indiane annuali “Indra-2017” si terranno nel territorio russo, come previsto, nell’autunno 2017. Quindi si può concludere che la cooperazione con la Russia aiuta l’India ad acquisire non solo equipaggiamenti militari moderni, ma anche a sviluppare il proprio potenziale scientifico e tecnico, che per il programma Make in India è solo utile. Ma non è l’unico motivo per cui la cooperazione militare-tecnica russo-indiana continuerà a crescere. Come è noto, la cooperazione militar-tecnica non esiste solo nell’ambito del commercio internazionale. Quando i due Paesi permettono il reciproco accesso a settori legati alla propria sicurezza, vi è dimostrazione di grande fiducia ed interessi strategici comuni. Parlando al 18° vertice russo-indiano all’inizio di giugno 2017, il Presidente Vladimir Putin notava soprattutto che la cooperazione militar-tecnica tra Russia e India è un fattore che attribuisce particolare significato alle relazioni russo-indiane. Secondo lui, la Russia non ha tale stretta collaborazione con altri Paesi nei settori delicati della difesa. L’India ha bisogno del sostegno russo per mantenere la posizione nella concorrenza con Pakistan e Cina, nonché per combattere la minaccia terroristica che proviene dal Medio Oriente. La Russia ha bisogno di un’India potente per assicurare la stabilità dell’Asia centrale, soprattutto nelle ex-repubbliche sovietiche al confine russo. Così, la cooperazione strategica russo-indiana è molto importante per entrambi i Paesi.Dmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mosca e Baghdad siglano un grande contratto militare

Peter Korzun SCF 22.07.2017Fu segnalato il 20 luglio che Russia e Iraq siglarono un accordo per la fornitura di numerosi carri armati T-90. Vladimir Kozhin, assistente del presidente russo per la cooperazione tecnica militare, confermava l’accordo ma rifiutava di fornirne i dettagli, dicendo solo che “il numero di carri armati è sostanzioso”. L’analista militare russo Ruslan Pukhov affermava al quotidiano russo Izvestija che l’accordo potrebbe riguardare la consegna di centinaia di carri armati T-90 e che il contratto supererebbe il miliardo di dollari. Il T-90 è tra i carri armati più venduti al mondo. Centinaia ne sono stati venduti a India, Algeria, Azerbaigian e altri Paesi. Un piccolo numero fu consegnato alla Siria per rafforzarne le capacità militari contro lo Stato islamico (SIIL). Quwayt, Vietnam ed Egitto considerano la possibilità di acquistarlo. Noto per la potenza di fuoco e le grandi protezione e mobilità, il T-90 è dotato di un cannone da 125 mm 2A46M che può sparare proiettili e missili anticarro e di un sistema di puntamento 1A45T. Le misure di protezione standard includono un’armatura sofisticata, che assicura una protezione completa all’equipaggio e ai sistemi cruciali, comprendente l’armatura reattiva esplosiva Kontakt-5 e sistemi attivi ad infrarossi di protezione del T-90 da granate a razzo, missili anticarro e altri proiettili. L’accordo per l’acquisto dei carri armati fu confermato dal Ministero della Difesa iracheno. I T-90 rafforzeranno la flotta di M1A1 Abrams iracheni logorata nella lotta contro lo Stato islamico (SIIL). La decisione di acquistare i carri armati russi fu decisa dalla buona prestazione dei T-90 in Siria. Nella battaglia per Aleppo, un T-90 fu colpito da un missile BGM-71 TOW prodotto dagli USA. L’impatto diretto non causò danni. Invece, nell’ottobre scorso, un M1 Abrams fu colpito da un missile anticarro 9M133 Kornet al crocevia di Qurayah, a sud di Mosul. Il missile colpì al tergo la torretta facendo esplodere il vano munizioni. Nel 2014-2016 l’Iraq ricevette 15 elicotteri Mi-28NE Night Hunter dalla Russia, nell’ambito di un contratto per la difesa da 4,2 miliardi di dollari firmato nel 2012. L’accordo prevedeva 43 elicotteri d’attacco Mi-35 (28) e Mi-28NE (15), oltre a 42-50 sistemi combinati antiaerei a medio-corto raggio Pantsir-S1. Il contratto fu adempiuto nell’ottobre 2016, quando gli elicotteri d’attacco e i sistemi antiaerei furono consegnati all’esercito iracheno. Nel 2014, la Russia inviò urgentemente diversi aerei Su-25 su richiesta del governo iracheno, quando l’esercito del Paese perdeva terreno durante l’offensiva dello SIIL. L’esercito iracheno utilizza anche i lanciarazzi pesanti TOS-1A Buratino, i lanciarazzi multipli da 122 mm, obici MSTA da 152 mm e veicoli corazzati.
Le armi russe furono ampiamente utilizzate nella battaglia per Mosul. Uno dei sistemi notevolmente utilizzati nell’operazione fu il lanciarazzi termobarico multiplo da 24 tubi da 220 mm TOS-1A montato sul telaio del carro armato T-72, progettato per distruggere le fortificazioni nemiche, aree aperte e veicoli blindati leggeri e da trasporto. Può sparare razzi incendiari e termobarici con munizioni che vengono disperse sotto forma di nubi di liquido infiammabile sul bersaglio e poi accese per produrre un’esplosione significativamente più potente di una convenzionale. È un’arma efficace per colpire i terroristi nascosti nei bunker e nelle grotte. Anche gli elicotteri iracheni Mi-28 e Mi-35 lanciarono efficaci attacchi contro le posizioni dello SIIL a Mosul. Nel 2015 fu istituito il centro operativo congiunto di Baghdad tra Russia, Iraq, Iran e Siria, per scambiarsi intelligence e coordinare le azioni contro i terroristi. L’Iraq permise alle Forze Aerospaziali russe di utilizzare lo spazio aereo per attaccare gli islamisti in Siria.
Lo scambio commerciale tra i due Paesi è di circa 2 miliardi di dollari, principalmente esportazioni russe. All’inizio del 2016, una delegazione di 100 funzionari governativi e commerciali guidati dal Viceprimo ministro Dmitrij Rogozin visitò l’Iraq per rafforzare la cooperazione in tutti i campi. I funzionari firmarono un memorandum d’intesa molto ampio che incluse misure per raddoppiare gli scambi bilaterali e aumentare la produzione di energia elettrica in Iraq, che soddisfa solo il 60 per cento della domanda nei caldi mesi estivi. Il capo della delegazione dichiarò che la Russia è pronta a vendere aerei Sukhoj Superjet all’Iraq e continuerà a prestare assistenza militare per combattere lo Stato islamico. Mosca ha investito milioni di dollari nel settore energetico iracheno. Mosca e Baghdad sono in trattative sull’apertura di una linea aerea diretta tra Baghdad e Mosca e l’abolizione dei visti diplomatici. Gli Stati Uniti hanno ancora grande influenza in Iraq, ma non lo controllano. Le imponenti prestazioni delle armi russe in Siria suscitano una forte domanda dei Paesi che affrontano la minaccia del terrorismo. L’accordo sul carro armato tra Russia e Iraq riflette questa tendenza, e sarà anche esempio del crescente peso della Russia in Medio Oriente e Nord Africa.Traduzione di Alessandro Lattanzio – StoAurora