La Russia al centro della diplomazia coreana

Mosca ospita diplomatici provenienti da Corea democratica e Corea del Sud
Alexander Mercouris, The Duran 22 ottobre 2017Sebbene sia stato completamente ignorato, la Russia è al centro della diplomazia per risolvere la crisi coreana. La Russia è il migliore posto, tra le grandi potenze Russia, Cina e Stati Uniti, su questo. A differenza degli USA, la Russia ha rapporti di lunga data con la Corea democratica. Ha mantenuto una continua presenza diplomatica nella Corea democratica dalla divisione della penisola coreana nel 1945, più a lungo della Cina. La leadership nordcoreana (anche se non lo stesso Kim Jong-un) ha storicamente avuto stretti rapporti con la Russia. Kim Jong-il, il padre di Kim Jong-un e predecessore alla guida della Corea democratica, si dice fosse nato in Russia (anche se ciò è contestato in Corea) e secondo alcuni resoconti sapeva il russo. Putin visitò la Corea democratica dove ebbe colloqui con Kim Jong-il. Kim Jong-il e Kim Il-sung, il primo grande leader della Corea democratica e suo “eterno presidente”, visitarono la Russia. Inoltre negli ultimi due decenni si è gradualmente chiarito che la Corea democratica, durante la guerra fredda, era molto più strettamente legata all’Unione Sovietica di quanto ritenuto e che fino alla fine degli anni ’80 i suoi legami politici, economici e militari privilegiavano l’URSS piuttosto che la Cina. Il risultato è che i russi e i nordcoreani si conoscono molto, coi russi molto meglio informati della situazione in Corea democratica e quasi certamente con accesso di gran lunga superiore alla direzione della Corea democratica che non gli Stati Uniti. Allo stesso tempo, proprio perché la Russia ha solo una presenza economica insignificante in Corea democratica e non ha la storia millenaria d’intensa interazione con la Corea della Cina, non è temuta dalla Corea democratica quale potenziale dominatore come la Cina. Il risultato è che i nordcoreani, notoriamente riservati, parlano coi russi in un modo che probabilmente ritengono non poter avere con nessun altro. Ciò ha reso possibile il dialogo tra Corea democratica e Russia. I russi, da parte loro, hanno facilitato il dialogo essendo più simpatetici coi nordcoreani rispetto a tutti gli altri, inclusi i cinesi. Così mentre i russi hanno chiarito la loro netta opposizione ai programmi su missili balistici e armi nucleari della Corea democratica, hanno anche chiarito che comprendono e hanno simpatia per le preoccupazioni sulla sicurezza della Corea democratica, che guidano questi programmi. Hanno anche denunciato con forza i tentativi degli USA di soffocare economicamente la Corea democratica e parlato della necessità di rispettare la Corea democratica. Si considerino ad esempio i commenti di Putin sulla Corea democratica al vertice BRICS del 5 settembre 2017, dal tono comprensivo superiore ad ogni cosa che anche i cinesi hanno detto, “Tutti ricordano bene ciò che è successo all’Iraq e a Sadam Husayn. Husayn abbandonò la produzione di armi di distruzione di massa. Tuttavia, col pretesto di cercare queste armi, Sadam Husayn e la sua famiglia furono uccisi durante la ben nota operazione militare. Anche dei bambini morirono. Credo che suo nipote fu ucciso. Il Paese fu distrutto e Sadam Huayn impiccato. Ascoltate, tutti lo sanno e lo ricordano. I nordcoreani ne sono consapevoli e se lo ricordano. Pensate che dopo l’adozione di certe sanzioni, la Corea democratica abbandonerà la creazione di armi di distruzione di massa? La Russia condanna questi tentativi da parte della Corea democratica. Crediamo che siano provocatori in sé. Tuttavia, non possiamo dimenticare ciò che ho appena detto sull’Iraq, e cosa è accaduto dopo in Libia. Certamente, i nordcoreani non lo dimenticano. Le sanzioni di qualsiasi tipo sono inutili e inefficaci in questo caso. Come ho detto a uno dei miei colleghi, mangeranno erba ma non abbandoneranno questo programma a meno che non si sentano al sicuro. Cosa può garantirgli sicurezza? Il ripristino del diritto internazionale. Dobbiamo avanzare verso il dialogo tra tutte le parti interessate. È importante che tutti i partecipanti al processo, compresa la Corea democratica, non abbiano alcuna sensazione di essere minacciati di distruzione; al contrario, tutte le parti del conflitto dovrebbero cooperare. In questo contesto, in questa situazione, istigare l’isteria militare è assolutamente inutile; è un vicolo cieco. Inoltre, la Corea democratica non ha solo missili a medio raggio e armi nucleari, sappiamo che le ha, ma ha anche artiglieria a lungo raggio e lanciarazzi multipli con una portata di 60 chilometri. È inutile utilizzare sistemi di difesa missilistica contro queste armi. Non ci sono armi al mondo che possano contrastare l’artiglieria e lanciarazzi multipli a lungo raggio. Che possono essere collocati in modo tale da essere praticamente impossibili da trovare. In questo contesto, l’isteria militare non farà del bene, ma può portare al disastro globale e planetario e ad enormi quantità di vittime. La diplomazia è l’unico modo per risolvere il problema nucleare nordcoreano”.
Nel recente forum di Valdai, Putin ha nuovamente affrontato questo tema, chiarendo che è importante parlare con rispetto e cortesia coi nordcoreani e non lanciargli accuse e invettive, “Oppure, prendete un altro esempio, il cappio sulla penisola coreana. Sono sicuro che se ne è trattato ampiamente oggi. Sì, condanniamo in modo inequivocabile le prove nucleari condotte dalla RPDC e rispettiamo pienamente le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite relative alla Corea democratica. Colleghi, voglio sottolinearlo in modo che non ci sia un’interpretazione discrezionale. Siamo conformi a tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Tuttavia, questo problema può ovviamente essere risolto solo attraverso il dialogo. Non dovremmo cacciare la Corea democratica in un angolo, minacciarla, abbassarci alla maleducazione o all’invasione. Se si ama o no il regime nordcoreano, non dobbiamo dimenticare che la Repubblica popolare democratica di Corea è uno Stato sovrano. Tutte le controversie devono essere risolte in modo civile. La Russia ha sempre favorito questo approccio”. I leader della Corea democratica, compreso certamente Kim Jong-un, leggendo questi commenti prenderanno nota del promemoria di Putin, troppo spesso dimenticata nei commenti sulla Corea democratica, “la Repubblica popolare democratica di Corea è uno Stato sovrano“. Se i nordcoreani percepiscono la Russia se non propria amica, ma che comunque si sforza di capirli e accordargli rispetto, e a cui possono parlare senza essere minacciati o umiliati, per i russi assicurarsi la pace nella penisola coreana è questione di sicurezza nazionale vitale e di grande interesse economico. Dell’importanza per la Russia della pace nella penisola coreana non c’è bisogno di spiegazioni. La Russia confina con la Corea democratica (effettivamente limitata) e per i russi una guerra nucleare che devasti la Corea democratica sarebbe un disastro per la sicurezza nazionale ed umanitario. Solo per questo motivo i russi sono ansiosi di fare tutto il possibile per assicurarsi che non accada. Oltre a ciò, tuttavia, c’è il fatto che per la Russia la pace nella penisola coreana apre opportunità economiche. Oltre ai legami con la Corea democratica, la Russia ha sviluppato relazioni estremamente amichevoli con la Corea del Sud, che ha espresso grande interesse ad investire nell’economia russa. Al di là di questo, però, la prospettiva che la Russia costruisca un gasdotto e una ferrovia per la Corea del Sud attraverso la Corea democratica, fornisce alla Corea del Sud il gas russo, e alla Corea democratica una fonte di entrate sotto forma di tariffe di transito, dando ad entrambe le Coree un ponte verso l’Europa. Realisticamente questo progetto può avverarsi solo se gasdotto e ferrovia attraversano la Corea democratica, che a sua volta richiede la pace nella penisola coreana, che a causa delle tensioni appare lontana più di prima. Tuttavia un decennio fa si parlò seriamente di questo progetto, che non sorprende dati gli enormi vantaggi per tutti gli interessati. Va aggiunto che non solo i russi ne erano interessati. Le delegazioni nordcoreane visitarono la Russia per discuterne, e anche i sudcoreani ne erano interessati.
Durante una visita sulla linea di contatto tra le due Coree che feci dal lato sudcoreano nel 2004, vidi che i sudcoreani avevano addirittura costruito una stazione ferroviaria sul loro lato della linea di contatto, in vista del giorno in cui i treni avrebbero attraversano Corea democratica e Russia verso l’Europa. Ovviamente per i russi, ansiosi di sviluppare le relazioni economiche e politiche con le nazioni dell’Est asiatico, cercando investimenti per il loro Estremo Oriente, questa è una prospettiva attraente. Ha inoltre una dimensione politica, coi russi che si aspettano il ripristino dei legami politici tra le due Coree, forse una sorta di confederazione. L’idea di una confederazione tra le due Coree fu effettivamente proposta da Kim Il-sung negli anni ’70, e anche se la guerra fredda la rese impossibile, ma potrebbe non essere così difficile oggi. Se le due Coree, con una popolazione complessiva di quasi 80 milioni di persone, altamente addestrata e ben istruita, abbondanti risorse naturali ed industrie avanzate (anche della Corea democratica), se mai seguissero questo cammino diverrebbero un colosso economico che rivaleggerebbe col Giappone quale seconda economia, dopo la Cina, in Asia orientale. Per i russi, coi loro buoni rapporti con entrambe le Coree, è una prospettiva attraente, specialmente se possono utilizzare la prospettiva di migliori legami economici e politici con le due Coree, e tra le due Coree, allontanando la Corea del Sud dagli Stati Uniti e avvicinando le due Coree con relazioni più strette e forse, col tempo, con una piena integrazione con le potenze eurasiatiche (cioè Cina e Russia). Che queste idee siano di fondo, almeno nella mente di alcuni russi, è stato confermato da Putin durante l’ultima sessione alla conferenza di Valdai, dove ha specificamente richiamato il progetto per costruire collegamenti ferroviari e gasdotti con le Coree, collegandole alla Russia e infine, attraverso l’Eurasia, all’Europa, “Che ruolo può giocare la Russia? Può agire da intermediaria. Abbiamo proposto una serie di progetti tripartiti che coinvolgono Russia, Corea democratica e Corea del Sud, comprendenti la costruzione di una ferrovia, di un gasdotto e così via. Dobbiamo lavorare. Dobbiamo sbarazzarci di una retorica belligerante, capire il pericolo associato a tale situazione e superare le nostre ambizioni. È imperativo smettere di discutere. Infatti, è semplice”. Inutile dire che la natura stessa di questi piani russi per le due Coree garantisce l’opposizione statunitense, sebbene in ogni valutazione oggettiva la pace nella penisola coreana e una confederazione coreana ricca e economicamente potente, con la quale anche gli Stati Uniti commercerebbero, sono nell’interesse degli Stati Uniti, anche se ciò comporta una maggiore relazione politica tra le due Coree e le potenze eurasiatiche. Dopo tutto, anche se la Corea del Sud si allontanasse dagli Stati Uniti, è difficile che si faccia nemici gli Stati Uniti. Tuttavia la realtà della politica statunitense al momento è strettamente concentrata su obiettivi geopolitici spesso grandiosi, anche se troppo ambiziosi e che comportano gravi pericoli, piuttosto che perseguire ciò che qualsiasi valutazione oggettiva rende d’interesse reale per gli Stati Uniti. Il risultato è che le proposte russe richiedono agli Stati Uniti di ridurre ed eliminare la loro presenza militare nella Corea del Sud comportando col tempo che la Corea del Sud cambi i rapporti con gli Stati Uniti da alleato subordinato a pari economico, cosa a cui gli Stati Uniti si opporrebbero senz’altro.
Mi sono sempre chiesto se il fallimento della diplomazia multilaterale per por termine alla crisi coreana, sotto forma di crollo del 2006 dei cosiddetti colloqui dei sei partiti, poiché gli Stati Uniti rifiutarono senza motivo di por fine alle sanzioni finanziarie sulla Corea democratica in cambio della conclusione della Corea democratica dei programmi su armi nucleari e missili balistici, fu causato dai timori degli Stati Uniti che la fine della crisi nella penisola coreana avrebbe permesso i progetti russi per costruire linee ferroviarie e gasdotti attraverso la Corea democratica verso la Corea del Sud. In caso affermativo, gli Stati Uniti hanno deliberatamente scatenato la crisi nucleare nella penisola coreana mettendo in pericolo la pace mondiale, pensando che i propri obiettivi geopolitici venissero sfidati. Senza dubbio lo fecero perché sottovalutarono la capacità della Corea democratica di far progredire i propri programmi. Tuttavia i russi sembrano ora vedere un’apertura nell’ultima crisi, riproponendo le loro idee sulla penisola coreana, come affermava Putin al Valdai Forum. Il risultato è una frenesia della diplomazia russa, con ripetute visite a Mosca di Choe Son Hui, a capo del dipartimento nordamericano del Ministero degli Esteri della Corea democratica e uno dei massimi diplomatici della Corea democratica. Choe Son Hui era a Mosca a fine settembre, dove ebbe colloqui presso il Ministero degli Esteri russo, che sarebbero durati cinque ore. Quattro giorni fa TASS riferiva che fosse nuovamente a Mosca. I russi hanno anche tentato di utilizzare una recente riunione dell’Unione Interparlamentare (IPU) a Mosca, cui sia Corea democratica e Corea del Sud avevno inviato delegazioni, per farle discutere direttamente sui negoziati. Nell’evento si vide, non per la prima volta, come la Corea democratica sia un Paese difficile da aiutare, i nordcoreani, forse perché non avevano l’ordine di parlare coi sudcoreani, si rifiutarono di parlare direttamente ai sudcoreani. I russi, tuttavia, senza dubbio inviarono messaggi tra le due delegazioni, proponendosi così come possibile intermediario. Il fatto che l’interlocutrice nordcoreana dei russi sia Choe Son Hui, la cui responsabilità sono la relazioni della Corea democratica con gli Stati Uniti, è un segno che per il momento i russi coinvolgono gli Stati Uniti nei colloqui. Infatti è probabile che i colloqui di Mosca tra i russi e Choe Son Hui siano parte dei “rapporti occulti” tra Stati Uniti e Corea democratica, di cui il segretario di Stato Tillerson parlò ad inizio ottobre, stupidamente ridicolizzati dal presidente Trump. Tuttavia, il fatto che i russi avessero cercato di far incontrare a Mosca nordcoreani e sudcoreani, anche senza successo, dovrebbe servire da avvertimento prr gli Stati Uniti.
Tornando a ciò che Putin ha detto al Forum di Valdai, è notevole come abbia parlato di “progetti tripartiti che coinvolgono Russia, Corea democratica e Corea del Sud“. Al contrario, i commenti di Putin sul ruolo degli Stati Uniti nella creazione della crisi coreana mostrano poca fiducia, usando un eufemismo, verso la diplomazia degli Stati Uniti. “Eravamo d’accordo a un certo punto che la Corea fermasse i programmi per le armi nucleari. No, i nostri partner statunitensi pensavano che non bastasse e, poche settimane dopo, credo dopo l’accordo, imposero ulteriori sanzioni, dicendo che la Corea può fare di meglio. Forse può, ma non ha assunto tali obblighi. Inoltre, subito si ritirò da tutti gli accordi e riprese ciò che stava facendo prima”. Se gli Stati Uniti persistono nell’attuale posizione, dicendosi pronti a parlare con la Corea democratica, ma rifiutandosi di farlo; dicendo che non hanno piani per il cambio di regime nella Corea democratica, ma rifiutando di dare garanzie sulla sicurezza; dicendo che la Corea democratica deve disarmare ma escludendo il ritiro delle truppe statunitensi dalla penisola coreana; criticando Kim Jong-un per aver imposto difficoltà al popolo della Corea democratica, per poi cercare di aumentarle e chiedendo alla Cina di risolvere la crisi coreana senza che gli Stati Uniti diano nulla in cambio, prima o poi porteranno al momento in cui i russi diranno ai sudcoreani che il maggiore ostacolo a una soluzione pacifica della crisi nella penisola coreana non è la Corea democratica, ma gli Stati Uniti. A quel punto i russi senza dubbio evidenzieranno ai sudcoreani di aver più interesse alla soluzione pacifica della crisi che non gli Stati Uniti, dato che un fallimento della risoluzione della crisi mette a rischio la sopravvivenza non solo della Corea democratica, ma anche della Corea del Sud e di tutta la nazione coreana. A quel punto i russi, senza dubbio evidenzieranno ai sudcoreani che spetta a loro porre fine alla crisi coreana, avvicinandosi direttamente alla Corea democratica, e che non hanno bisogno degli Stati Uniti per raggiungere questo obiettivo.
Dopotutto non è affatto difficile notare i contorni di una possibile sistemazione coreana: patto di non aggressione tra le due Coree, ritiro delle truppe statunitensi dalla penisola coreana e accordo con la Corea democratica che rinuncia alle armi in cambio di garanzie formali sulla sicurezza dalle grandi potenze (in questo caso le due grandi potenze eurasiatiche, Russia e Cina). Non c’è ragione logica per cui su qualsiasi cosa si debba chiedere l’assenso degli Stati Uniti, e se le due Coree lo dovessero accettare, gli Stati Uniti non potrebbero impedirlo. I sudcoreani non sono pronti a questo passo, ma i russi, che hanno probabilmente già pensato a tutte queste cose, possono calcolare il momento aspettando quello giusto, in cui i sudcoreani saranno disposti ad ascoltare, affinché la realtà dell’intransigenza statunitense appaia chiara. Dopotutto, ciò è apparve chiaro nella crisi siriana, con Russia e Turchia che si accordavano dopo la caduta della fortezza jihadista ad Aleppo, senza coinvolgere gli Stati Uniti. Si è in qualche modo a questo punto nella crisi coreana. I nordcoreani richiederanno molta persuasione prima di essere pronti a parlare coi sudcoreani, il cui governo considerano un burattino degli Stati Uniti. I sudcoreani avranno bisogno di molta persuasione prima di essere disposti a rompere con gli Stati Uniti ed agire senza il loro previo assenso. Tuttavia, tenuto conto dei forti interessi che tutte le parti hanno su un accordo, se gli Stati Uniti non staranno attenti, potrebbero agire senza di essi. In quel caso si vedrebbero i diplomatici russi a Pyongyang e Seoul e i leader di Corea democratica e Corea del Sud, Kim Jong-un e Moon Jae-in, a Mosca, con gli Stati Uniti completamente esclusi dai colloqui mediati da Cina e Russia per la soluzione globale della crisi coreana, che avverrebbe senza di essi. Va da sé che la Cina sarà coinvolta in ogni fase. I russi indubbiamente informano i cinesi su ogni passo che prendono, proprio come l’Iran fu informato e coinvolto in ogni fase dai russi e turchi riunitisi per far finire la crisi siriana, divenendo co-presidente dei colloqui di Astana. Il coinvolgimento e l’accordo della Cina è difatti essenziale. In definitiva, per via della sfiducia tra le due Coree, Cina e Russia dovranno quasi certamente agire da co-firmatari e garanti di qualunque accordo le due Coree concludessero. Quasi certamente ciò richiederà a Cina e Russia di fornire garanzie formali non solo alla Corea democratica, ma probabilmente anche alla Corea del Sud.
Se si avesse questo risultato, oggettivamente non sarà contrario agli interessi statunitensi, perché la “nazione indispensabile” che “vede oltre” gli altri, ma sarebbe per essi una totale umiliazione. Questo è comunque il risultato più probabile a cui porta l’intransigenza statunitense sul tema coreano. Gli Stati Uniti hanno ancora tempo per evitarlo e ci sono alcuni a Washington, il segretario di Stato Rex Tillerson probabilmente, pronti a prendere le misure necessarie. Tuttavia, al momento, non vi è alcun segno nell’opinione prevalente, forse perché pochi a Washington sembrano riconoscerne il pericolo.

Choe Son Hui

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La potenza dell’Iran irrita gli USA

L’Iran è la deterrenza contro gli Stati canaglia in Medio Oriente
Shane Quinn The Duran 17 ottobre 2017Dopo l’invasione dell’Iraq del 2003, lo storico militare israeliano Martin van Creveld disse: “Il mondo ha visto come gli Stati Uniti hanno attaccato l’Iraq benché, come si è scoperto, non ne avessero motivo. Se gli iraniani non costruiranno armi nucleari, sarebbero dei pazzi“. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente scartato il JCPOA, l’accodo nucleare con l’Iran, e inoltre ha imposto nuove sanzioni al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche, un ramo dell’Esercito iraniano. Due mesi prima, il Presidente dell’Iran Hassan Rouhani dichiarò che il suo Paese riavvierà il programma nucleare “in poche ore” se venivano adottate altre sanzioni. Considerando che l’Iran è nuovamente sotto lo spettro dell’attacco dalla vecchia nemesi, tali sviluppi potrebbero rivelarsi inevitabili. È il segnale che gli USA, dall’aggressivo militarismo, inviano al mondo: sviluppate le armi nucleari se volete proteggervi da noi. È un messaggio che la Corea democratica da tempo segue. La RPDC sarebbe sicuramente stata attaccata se non avesse testate nucleari e artiglieria massiccia. Le minacce a Corea democratica e Iran violano la Carta delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti furono tra i firmatari chiave della creazione delle Nazioni Unite nel 1945. Da tempo sembrano considerarlo una mera cerimonia. Il testo di apertura della Carta dichiara che siano “salvate le generazioni future dal flagello della guerra… riaffermando la fede nei diritti umani fondamentali… e nelle nazioni grandi e piccole“. Tra le accuse all’Iran dell’occidente vi è quella di “alimentare l’instabilità”. In termini semplici, ciò significa ignorare i desideri degli USA. Mentre lo SIIL dilagava nel nord dell’Iraq nel 2014, fu l’Iran che intervenne in aiuto dei curdi assediati. Azioni come questa sono chiamate “destabilizzazione” e “sostegno al terrorismo”. L’Iraq fu attaccato dagli Stati Uniti nel 2003, lasciando rovine che gli iracheni non videro dall’invasione mongola del 13° secolo. In occidente lo si chiamò “promozione della democrazia” o “stabilizzazione”, senza trascurare di menzionare un milione di iracheni morti, con un attacco che pose le basi dello SIIL. Nel frattempo, l’accordo nucleare iraniano del 2015, ha affermato il capo della vigilanza atomica dell’ONU Yukiya Amano, “è attuato nell’ambito degli impegni relativi all’energia nucleare presi dall’Iran col JCPOA. Il regime di verifica in Iran è il più robusto… attualmente esistente. Abbiamo aumentato i giorni d’ispezione in Iran, abbiamo aumentato le ispezioni… e dati sono aumentati“. Questa è la prova che l’Iran adempie ad ogni richiesta, a differenza di altri. Ancora una volta, sono Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita che decidono d’ignorare il diritto internazionale. In tal modo, promuovono il proprio isolamento mondiale. Le cinque altre potenze che hanno preso parte all’accordo nucleare, Cina, Russia, Francia, Germania e Gran Bretagna, hanno affermato di continuare indipendentemente dalla posizione statunitense. Le vere ragioni di tale rinnovata ostilità verso l’Iran non sono naturalmente specificate. Per esempio, l’Iran aumenta l’influenza in Medio Oriente, sempre più potente rivale d’Israele. L’Iran ha inoltre svolto un ruolo importante, alleato di Russia ed Esercito arabo siriano, nella sconfitta dei terroristi filo-occidentali ad Aleppo.
Altre preoccupazioni sono il “sostegno al terrorismo” dell’Iran, come ribadito dal presidente Trump, riecheggiando i predecessori. Ciò si riferisce principalmente al sostegno dell’Iran a Hezbollah e Hamas, organizzazioni nate dall’aggressione degli Stati Uniti nel Medio Oriente, sostenuti da Israele ed Arabia Saudita. Il terrorismo occidentale supera notevolmente qualsiasi cosa attribuita ad Hezbollah o Hamas. Hezbollah, per esempio, ha svolto un ruolo nel ritiro dello SIIL, dopo aver combattuto gli estremisti per tre anni in Siria, Iraq e Libano. Il duo è anche nemico deciso d’Israele, quindi degli Stati Uniti. Né l’Iran, insieme a Hezbollah e Hamas, può competere con l’Arabia Saudita nella sponsorizzazione del terrorismo islamico. Lo SIIL stesso è un complotto del fanatismo religioso saudita e dell’ampliamento del suo messaggio jihadista. Inoltre, all’Iran, quarto produttore di petrolio mondiale, non è mai stato perdonato aver rimosso il controllo statunitense 38 anni fa. Come una banda che da una lezione a chi tradisce il boss mafioso, l’Iran viene punito senza pietà. I cubani sostengono le affermazioni dell’Iran con mezzo secolo di prove. Anche l’intelligence statunitense riconosce che le dottrine strategiche dell’Iran sono difensive e non sono una minaccia militare importante. L’anno scorso il bilancio degli armamenti statunitensi era 50 volte superiore quello iraniano. Tuttavia, in occidente l’Iran viene considerato “la peggiore minaccia alla pace“, nonostante non abbia mai invaso un altro Paese. Una delle grevi ironie è come le azioni statunitensi di questo secolo abbiano aiutato la causa dell’Iran. Quattordici anni dopo la fine della guerra in Iraq, il New York Times lamentava che “camminando nei mercati in Iraq gli scaffali siano pieni di beni iraniani… accendendo la televisione canale dopo canale trasmettono programmi favorevoli all’Iran. Si costruisce un nuovo edificio? È probabile che i mattoni e il cemento provengano dall’Iran. E non è che l’inizio“. La causa principale di ciò, la devastazione lasciata dall’invasione degli Stati Uniti, non viene menzionata nell’articolo. L’Iraq è da tempo un Paese a maggioranza sciita, ma prima dell’attacco del 2003 era governato dalla minoranza sunnita. Gli statunitensi spazzarono i governanti sunniti, avvicinando inavvertitamente l’Iraq all’Iran, altra nazione sciita.
Con l’ostilità crescente degli USA verso l’Iran, è sorprendente che la Cina, in particolare, ne sia l’alleata chiave. Oggi la Cina rappresenta il maggiore mercato di esportazione ed importazione dell’Iran. Dal 2000 al 2014 la quota cinese delle esportazioni iraniane è passata dal 4% al 49%, soprattutto nel greggio. In questi 14 anni, la quota di importazioni cinesi verso l’Iran è passata dal 5% al 45%. Anche i legami militari sino-iraniani sono più stretti. Nel 2012, per la prima volta, navi da guerra cinesi apparvero nel Golfo Persico per un’esercitazione congiunta con la Marina iraniana. Col Presidente Rouhani (in carica dal 2013), le relazioni sono aumentate, con l’aumento complessivo del 70% degli scambi con la Cina, che vede favorevolmente Rouhani. L’anno scorso Cina e Iran decisero di aumentare il commercio a 600 miliardi di dollari nel prossimo decennio. La Cina è anche un importante fornitore di armi avanzate dell’Iran, tra cui missili antinave, missili da crociera, aviogetti da caccia J-10, ecc. Il caccia J-10 è “paragonabile allo statunitense F-15, letale in combattimento“. Nel novembre 2016, un accordo di cooperazione militare fu firmato da Cina e Iran, con esercitazioni militari congiunte avvenute a giugno. L’allora Ministro della Difesa iraniano Hossein Dehghan dichiarò: “L’aggiornamento delle relazioni e della cooperazione militare a lungo termine nella difesa con la Cina è una delle priorità della diplomazia della Repubblica islamica dell’Iran“. Ponendo un altro deterrente importante ai nemici dell’Iran. Si può supporre che questi sviluppi siano visti con orrore a Washington, Tel Aviv e Riyadh.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

I siriani hanno colpito un F-35 israeliano?

DNI 17 ottobre 2017Notizie indicano che la difesa aerea siriana ha danneggiato un aviogetto da combattimento F-35 dell’aeronautica israeliana. Secondo le notizie, Israele nasconde il fatto che un suo avanzato caccia F-35 è stato colpito da un missile S-200 siriano. Anche PressTV copre l’evento indicando questo scenario. “Sembra che la “dimostrazione di forza” israeliana durante l’ultima visita del Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu, sia stato un fallimento totale“, scrive South Front. Lo stesso giorno, le forze di difesa israeliane (IDF) hanno affermato che i loro aerei avevano colpito una batteria antiaerea delle forze della difesa aerea siriana, che aveva lanciato un missile contro gli aerei israeliani che sorvolavano il Libano. Secondo le informazioni disponibili, le forze della difesa aerea siriana avevano utilizzato un missile S-200 contro i velivoli da guerra israeliani. Questo missile sovietico è il più avanzato sistema antiaereo a lungo raggio a disposizione dei militari siriani. Anche così, è vecchio per la guerra moderna. Nonostante ciò, il Ministero della Difesa siriano dichiarava che le forze governative avevano risposto alla violazione dello spazio aereo “colpendo direttamente uno degli aviogetti, costringendo gli altri aerei israeliani a ritirarsi“. Questa dichiarazione è in contraddizione con l’affermazione israeliana secondo cui “alcun centro” era stato confermato.
Poche ore dopo l’incidente in Siria, i media israeliani riferivano che un caccia multiruolo F-35 dell’aeronautica israeliana era stato danneggiato dalla presunta collisione con uccelli durante un volo di addestramento. L’incidente, presumibilmente, sarebbe accaduto “due settimane prima“, ma veniva rivelato pubblicamente solo il 16 ottobre. Tuttavia, le fonti israeliane non potevano mostrare alcuna foto dell’F-35 dopo la “collisione con gli uccelli“. Inoltre, non è chiaro se l’F-35 potrà rientrare in servizio perché il rivestimento stealth è stato danneggiato. Così, secondo la versione israeliana, l’aereo non sarebbe più operativo dalla collisione, nonostante l’F-35 abbia superato le prove d’impatto con uccelli con ottimi risultati (informazioni ufficiali qui).
L’F-35 è l’aereo da guerra più costoso del mondo. Il costo del suo sviluppo è ora di circa 406,5 miliardi di dollari. Israele acquista attivamente l’auto-proclamato caccia più avanzato del mondo a circa 100 milioni di dollari per aereo.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La difesa aera siriana spara per prima

PressTV 17 ottobre 2017

Il Segretario Generale di Hezbollah ha predetto nell’ultimo discorso che una guerra è vicina e che gli ebrei anti-sionisti dovrebbero lasciare Israele tornando nei Paesi d’origine, altrimenti “bruceranno” senza che Netanyahu possa o abbia il tempo di salvarli. Abdalbari Atwan, rinomato editore del quotidiano Rai al-Yum, ritornava nell’ultimo articolo sul combattimento aereo tra Israele e forze armate siriane sul Libano, il 16 ottobre, sullo sfondo della reazione della difesa aerea siriana all’aggressione degli aerei da combattimento israeliani che conducevano una missione da ricognizione, non nel cielo siriano ma in quello libanese: “Il comunicato dell’Esercito arabo siriano sugli aerei da combattimento israeliani colpiti e costretti a fuggire, è uno sviluppo completamente nuovo che segna una svolta nella strategia dell’Asse della Resistenza, una strategia che non tollera più alcuna violazione dello spazio aereo libanese o siriano“. “È vero che la dichiarazione dell’esercito israeliano, pubblicata precipitosamente nei minuti successivi l’attacco, deforma la realtà nascondendo il panico dell’esercito israeliano. A credere al testo, l’aeronautica israeliana avrebbe distrutto una batteria di missili dispiegati a est di Damasco. I capi politici e militari di Tel Aviv non hanno dimenticato che per la prima volta “subivano e non infliggevano”. In seguito, ufficiali israeliani si sono susseguiti ad affermare che “Israele non cerca tensioni a tutti i costi e preferisce la tranquillità su tutto! Calma, dicono… strano!” Nel resto dell’articolo, l’autore ribadisce i termini del comunicato israeliano e aggiunge: “La cosa più strana di tutti è il silenzio del primo ministro Netanyahu e dei suoi portavoce, che non hanno detto nulla dell’attacco. Netanyahu si è accontentato di generalizzare: “Chiunque voglia attaccare Israele o la sua sicurezza sarà punito” o “ho fatto della salvaguardia della sicurezza una missione personale”, che verrà svolta “secondo le esigenze specifiche d’Israele”. Ciò significa che anche Lieberman, il capo dell’esercito, non può più garantire la sicurezza d’Israele. E capiamo perché Netanyahu abbia cercato di aiutarlo calmando i coloni che ora si aspettano il peggio“. Allo stesso tempo, Atwan si concentra, non senza ragione, sul messaggio del “missile sparato dall’antiaerea siriana” scrivendo: “Il messaggio è più che chiaro: la pazienza di Damasco ha raggiunto il limite. Non è più tollerabile vedere aerei di combattimento sionisti spiare siti sensibili sul suolo siriano dal cielo libanese, prima di abbatterli impunemente. Come Israele sa, il cielo del Libano costituisce ora il prolungamento naturale dello spazio aereo della Siria e pertanto qualsiasi violazione del cielo libanese sarà contrastato, non importa a quale prezzo. Il messaggio è cruciale. Israele è nel panico totale davanti a uno Stato siriano che, dopo sette anni di guerra, è riuscito a distruggergli degli aerei. Stato siriano che, inoltre, è affiancato da Hezbollah ben armato e pronto a qualsiasi evenienza. Il panico si legge soprattutto nelle parole di Avigdor Lieberman affidate a Walla, dove riconosceva la vittoria di Assad con franchezza inedita: “Assad ha vinto, e tutti i Paesi musulmani si accodano per averne i favori“.”
Poi nell’editoriale, l’autore collega il bellicismo anti-siriano d’Israele e la risposta di Damasco da un lato e la nuova strategia degli Stati Uniti verso l’Iran dall’altro, una strategia basata sul rifiuto del presidente Trump di certificare l’accordo nucleare o sulle sanzioni imposte al Corpo dei Guardiani Rivoluzionari Islamici. “Una strategia espressa durante un discorso che accusava l’Iran di sostenere il terrorismo, destabilizzando il Medio Oriente e gli alleati di Washington“: “Questi sono i segni di una conflagrazione del fronte che si stagliano all’orizzonte, una sfida su cui il Segretario generale di Hezbollah, Nasrallah, avvertiva indicando al premier israeliano come colui che la vuole. Ciò che preoccupa Netanyahu in realtà sono lo Stato siriano in ripresa, un Iraq che ritorna e un “ponte” che viene issato tra Iran e Libano attraverso Siria e Iraq, così come le forze di Hezbollah schierate a Qunaytra e Dara col sostegno dei consiglieri militari iraniani, permettendogli di costruire delle basi, anche se significa aprire un fronte sul Golan occupato, alle porte d’Israele. “Questo corridoio”, di cui lui e i suoi compari continuano a parlare, si estende da Mazar i-Sharif in Afghanistan a Zahiya, a sud di Beirut, sul Mediterraneo, una via per inviare armi e munizioni per l’Asse della Resistenza. E questo asse è una realtà poiché l’Esercito arabo siriano ora usa le batterie dei missili antiaerei S-200 contro i caccia israeliani in fuga. Nulla dice che i prossimi missili non siano S-400 che Damasco sparerebbe contro aerei attaccanti col via libero russo”.
Atwan è pronto a scommettere che “il Medio Oriente cambierà” perché “la Siria è sul punto di riprendere forza molto rapidamente, con l’aiuto di Russia e Iran“: “È un una realtà così profondamente capita da Washington e Tel Aviv, da far tremare Israele e i generali statunitensi… Non senza motivo Nasrallah invitava gli ebrei a lasciare Israele prima che sia troppo tardi, dato che la prossima guerra con Israele sarà diversa: ora arabi e musulmani del Medio Oriente possiedono una “forza deterrente”. Queste persone, gli israeliani le hanno già messe alla prova tre volte senza poterli sconfiggere. I nemici d’Israele non sono più dei regimi arabi corrotti che puntano tutto sulle carte truccate statunitensi. Sono diversi, nuovi a memoria dell’uomo mediorientale“.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Intervista al Ministro degli Esteri della RPDC

TASS, 12 ottobre 2017Intervista al Ministro degli Esteri della RPDC, dove definisce la posizione ufficiale di Pyongyang sulle armi nucleari e le relazioni con gli Stati Uniti. La situazione sul programma nucleare coreano è diventata l’argomento più teso della politica mondiale negli ultimi mesi. Gli Stati Uniti, che chiedono a Pyongyang di abbandonare le armi nucleari, e la leadership della RPDC si scambiano dichiarazioni sempre più dure, non mostrando alcuna volontà d’incontrarsi. La delegazione TASS, guidata dal Direttore Generale Sergej Mikhailov, su invito dell’Agenzia Centrale Telegrafica di Corea, s’incontrava con il Ministro degli Esteri della Repubblica Popolare Democratica di Corea Li Yong-ho, che pochi giorni prima accresceva il proprio status nella leadership del Paese entrando nel Politburo del Comitato Centrale del PLC durante la sessione plenaria di ottobre. In un’intervista a TASS ha spiegato la posizione del suo Paese sul programma nucleare, ribadendo la tesi secondo cui tutte le minacce di Washington sono inaccettabili e sottolineando che le armi di distruzione di massa sono uno strumento per salvaguardare e proteggere la sovranità del Paese dall’aggressione estera. L’incontro si è tenuto alla vigilia dell’anniversario della costituzione delle relazioni diplomatiche del suo Paese con l’URSS, avviando quindi una conversazione con una breve analisi delle relazioni bilaterali.
Domani, 12 ottobre, è il giorno del 69° anniversario della creazione della relazioni diplomatiche tra RPDC e Russia e, a questo proposito, desidero esprimere la speranza che l’amicizia e la cooperazione tra i nostri popoli si rafforzino e che l’importanza strategica dell’interazione cresca nel tempo.
Oggi il nostro Paese è vincente, rappresentando un saldo contrappeso agli Stati Uniti definiti “unica superpotenza”. Credo che sia nell’interesse della Russia avere un vicino così forte. Recentemente, a causa di fattori interni ed esteri, alcune difficoltà e ostacoli, le relazioni coreano-russe non sono al livello desiderato, ma siamo ancora ottimisti sui potenzialità e prospettive, poiché esiste una forte base per lo sviluppo dei nostri rapporti che si basano su una lunga storia di amicizia e cooperazione. Ora gli Stati Uniti perseguono una politica di sanzioni nei confronti di entrambi i Paesi, RPDC e Russia, cercando di collegare la Russia alle sanzioni contro la RPDC, seminando discordia tra i nostri Paesi. Spero che TASS porti a conoscenza dei ussi l’assurdità di tale politica e contribuisca quindi a rafforzare l’amicizia tra i nostri popoli, assicurando pace e sicurezza in questa regione. Ho fiducia nella leadership e nel popolo della Russia, che supereranno tutte le sfide e le difficoltà, e che la Russia risorgerà e riconquistando il potere di grande potenza. Con la sua dichiarazione bellicosa e folle all’arena delle Nazioni Unite, Trump, si può dire, ha innescato la guerra contro di noi. Il Caro alto dirigente Kim Jong Un ha avvertito con severità: gli Stati Uniti dovrebbero agire con ragionevolezza e smettere di infastidirci se non vogliono disonorarsi di fronte al mondo, subendo i nostro colpo. Ha detto che le nostre forze strategiche, che hanno un potere inesauribile che nessuno ancora conosce, non lasceranno gli USA, gli aggressori, impuniti. Ora è il turno degli Stati Uniti pagare, e il nostro esercito e tutto il popolo insistono per chiedere che gli statunitensi la smettano per sempre solo infliggendogli una grandine ardente, non con le parole. Abbiamo quasi raggiunto il punto finale sulla via per raggiungere l’obiettivo finale, avere un reale equilibrio di forza con gli Stati Uniti. E le nostre armi nucleari non saranno mai negoziabili finché non viene eliminata la politica statunitense volta a spezzare la RPDC. Al secondo plenum della sedicesima convocazione del Comitato Centrale del Partito dei Lavoratori della Corea, che si è tenuto il 7 ottobre, il rispettato leader supremo ha ribadito che le nostre armi nucleari sono il risultato di una lotta sanguinosa volta a proteggere il destino e la sovranità del Paese dalle minacce nucleari statunitensi, garantendo pace e sicurezza nella regione e il diritto della nazione coreana ad esistere e svilupparsi, spada sacra della giustizia che ci permette di disperdere le nuvole nere della tirannia nucleare e garantire la vita indipendente di tutta l’umanità con un cielo lindo e chiaro.
La causa principale dell’attuale escalation delle tensioni sulla penisola coreana è degli Stati Uniti, ma comunque i Paesi che hanno votato l’adozione della “risoluzione sulle sanzioni” illegali, concepita dagli Stati Uniti, ne sono anche responsabili. Il governo della nostra repubblica ha ripetutamente dichiarato che qualsiasi tentativo di soffocaci, di strangolarci con il pretesto di attuare la “risoluzione delle sanzioni”, equivalente ad un atto di aggressione e di guerra, e in cambio non abbandoneremo i nostri mezzi estremi. Il Presidente Putin ha ammesso anche che i coreani non lasceranno mai le armi nucleari, anche se mangiassero erba, sottolineando che sanzioni ed isteria militare non porteranno nulla di buono. I Paesi limitrofi nel secolo scorso, a costo di perdite e prove gravi, adottarono le armi nucleari per resistere alle minacce e pressioni degli Stati Uniti. E se oggi cercano di essere in prima linea nella campagna delle sanzioni e delle pressioni contro di noi, allora si distruggeranno e trascinandosi nel disastro. Implementeremo costantemente la politica di sviluppo parallelo dell’economia e delle forze nucleari, delineata dal rispettato leader supremo, e completeremo con successo storico il miglioramento delle forze nucleari nazionali. Al tempo stesso, affidandoci alla forza trainante dell’auto-sviluppo e delle potenzialità scientifiche e tecniche, daremo nuovo impulso nella costruzione di una potenza economica socialista, smascherando la politica del nemico delle sanzioni e dello strangolamento e rendere i problemi felicità. Speriamo che TASS capisca correttamente lo spirito del nostro popolo, che si oppone in quest’ultima battaglia e che presenta alla comunità mondiale la verità sul nostro Paese, contribuendo a garantire pace e sicurezza regionale e giustizia internazionale.

La Russia ha sviluppato una tabella di marcia per risolvere i problemi della penisola coreana. Quanto realistico pensate sia l’attuazione di questa proposta, in questa fase?
Rendiamo omaggio al fatto che la Russia, come negli anni precedenti, presta molta attenzione ai problemi della penisola coreana e compie sforzi attivi per risolverli. E comprendiamo appieno motivi e scopo per cui la Russia ha sviluppato una tabella di marcia. Secondo le nostre stime, la situazione attuale, quando gli Stati Uniti ricorrono alla massima pressione e alle sanzioni, alle scandalose minacce militari contro la RPDC, non c’è affatto l’atmosfera per negoziare. In particolare, la nostra posizione di principio è che non accetteremo mai qualsiasi negoziato in cui le nostre armi nucleari saranno oggetto.

A quali condizioni pensare sia possibile avviare un dialogo tra RPDC e Stati Uniti?
Come abbiamo affermato più di una volta, la cosa più importante è che gli USA rimuovano la politica ostile e la minaccia nucleare contro la RPDC con tutte le loro fonti e radici.

Cosa pensa della politica delle nuove autorità della Corea del Sud?
Il caro leader supremo, il compagno Kim Jong-un, nella relazione al VII Congresso del Partito dei Lavoratori Coreani ha chiaramente illustrato i compiti per migliorare le relazioni inter-coreane. Recentemente le autorità sudcoreane propongono di avviare negoziati tra i militari di nord e sud, organizzano incontri di famiglie separate, forniscono assistenza umanitaria, ecc. Tuttavia, il problema è che essi sono contrari ai principi per “risolvere tutti i problemi delle forze della nazione coreana” e si attengono ciecamente alla politica ostile alla RPDC. Mentre seguono gli Stati Uniti, ricorrono a sanzioni e pressioni contro di noi, e non vediamo prospettive per migliorare le relazioni inter-coreane. Perciò, innanzitutto, è necessario che le autorità della Corea del Sud smettano l’obbediente sottomissione agli Stati Uniti nella loro politica ostili e campagna per sanzioni e pressione sulla RPDC. È importante che cambino politica a favore dell’interazione nazionale e della soppressione delle aggressioni ed interferenze estere.Traduzione di Alessandro Lattanzio