L’amministrazione Trump pianifica un golpe alla Pinochet in Venezuela

Wayne Madsen SCF 05.02.2018L’amministrazione retrograda di Donald Trump progetta un colpo di Stato militare in Venezuela per estromettere il governo socialista del Presidente Nicolas Maduro. Il segretario di Stato Rex Tillerson, parlando all’Università del Texas prima d’intraprendere un tour in America Latina e Caraibi, ha detto che l’esercito è spesso intervenuto nella politica latinoamericana durante le crisi. Le osservazioni di Tillerson hanno evocato scene dal buio passato dell’America Latina. A peggiorare le cose, Tillerson invocava la dottrina imperiale Monroe del 1823, sottolineando che è “rilevante oggi come il giorno in cui fu scritta”. La Dottrina Monroe, nella storia americana, fu usata dagli Stati Uniti per giustificare l’intervento armato in America Latina, spesso allo scopo d’istituire “repubbliche delle banane” asservite ai capricci di Washington. Secondo la BBC, Tillerson fece l’affermazione dichiarando che non “difende il cambio di regime e che non ha informazioni su alcuna azione programmata”. Il consigliere per la sicurezza nazionale di Richard Nixon Henry Kissinger fece commenti simili prima del sanguinoso colpo di Stato dell’11 settembre sostenuto dall’Agenzia per l’Intelligence Centrale, nel 1973, contro il Presidente socialista cileno Salvador Allende. Mentre respingeva pubblicamente qualsiasi coinvolgimento degli Stati Uniti nella destabilizzazione del governo democraticamente eletto del Cile, Kissinger lavorava dietro le quinte con le forze armate cilene per rovesciare e assassinare Allende. Undici giorni dopo il colpo di Stato cileno, Kissinger fu premiato da Nixon venendo nominato segretario di Stato e mantenendo il portafoglio di consigliere per la sicurezza nazionale.
Da quando il predecessore di Maduro, Hugo Chavez, salì al potere nel 1999, la CIA tentò almeno un colpo di Stato militare, rapidamente annullato, nel 2002, diverse proteste e sommosse in stile “rivoluzione colorata”, guerra economica e scioperi generali iniziati dalla CIA per scacciare Chavez e Maduro dal potere. Tillerson, ex-amministratore delegato di Exxon-Mobil, ha lungamente supervisionato il controllo degli Stati Uniti sulla società petrolifera statale del Venezuela Petróleos de Venezuela, SA (PdVSA). L’itinerario latinoamericano di Tillerson tradisce i piani sul Venezuela. Tillerson si recherà in Messico, nazione dalla relazione travagliata con gli Stati Uniti per la retorica di Trump. Il consigliere per la sicurezza nazionale di Tillerson e Trump, HR McMaster, accusava la Russia, senza la minima prova, d’interferire nell’attuale campagna elettorale presidenziale in Messico. Il candidato del partito di sinistra MORENA, il leader Andres Manuel Lopez Obrador, o “AMLO”, ha dovuto respingere le false accuse di aver accettato finanziamenti dai russi. Il candidato di destra Jose Antonio Meade, il favorito di Washington, accusava AMLO di essere sostenuto dalla Russia. AMLO, rispondeva alle ridicole accuse di Meade, che corre col Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI), corrotto dal narcotraffico, indossando spesso scherzosamente una giacca col nome “Andres Manuelovich”. Oltre al Messico, Tillerson visiterà anche Argentina, Perù, Colombia e Giamaica. Le soste di Tillerson svelano le sue reali intenzioni. L’Argentina, governata da Mauricio Macri, immobiliarista di Trump, e Perù, il cui scandaloso presidente Pedro Pablo Kuczynski elogia Trump e guida le azioni anti-Venezuela nell’Organizzazione degli Stati americani e in altre istituzioni internazionali. La Colombia è la base per le operazioni paramilitari e d’intelligence della CIA contro il Venezuela. A causa delle sanzioni USA contro il Venezuela, la Colombia ora ospita migliaia di rifugiati economici venezuelani, terreno fertile per reclutare le pedine per un colpo di Stato contro Maduro. Tutte le soste di Tillerson in America Latina, con l’eccezione della Giamaica, sono Paesi membri del Gruppo Lima, un blocco di nazioni che cerca di rovesciare Maduro dal potere in Venezuela. Lo scalo di Tillerson in Giamaica è ovviamente volto a staccare dall’orbita venezuelana diversi Stati insulari della Comunità Caraibica (CARICOM) che hanno beneficiato del petrolio poco costoso del Venezuela.
Secondo la BBC, Tillerson aveva persino scherzato in Texas sul destino di Maduro: “Se la cucina diventa un po’ troppo calda per lui, sono certo che ha qualche amico a Cuba che potrebbe dargli una bella hacienda in spiaggia“. Per i venezuelani che sostengono il governo, la “battuta” di Tillerson ricorda che Chavez, dopo essere stato destituito dal colpo di Stato dell’aprile 2002, fu tenuto prigioniero presso la stazione aeronavale Antonio Diaz sull’isola venezuelana di La Orchila. Se il colpo di Stato non fosse fallito, si ritiene che gli Stati Uniti avrebbero esiliato Chavez, possibilmente a Cuba, nella stazione navale e gulag degli Stati Uniti nella baia di Guantanamo. Tillerson, che apparentemente continua a portare acqua ad Exxon-Mobil, riprende il ruolo svolto da Harold Geneen, presidente dell’International Telephone and Telegraph (ITT). Geneen, lavorando con la CIA, diede 1 milione di dollari all’avversario di Allende nelle elezioni presidenziali del 1970, Jorge Alessandri. Si scoprì anche che ITT aveva sostenuto finanziariamente i piani del golpe del 1973 in Cile. Nel 1964, Geneen e ITT collaborarono con la CIA per rovesciare il governo brasiliano eletto democraticamente di Joao Goulart. Oggi sono Exxon-Mobil e la sua dirigenza nell’amministrazione Trump, Tillerson, a fare gli straordinari interpretando i ruoli di ITT e Geneen nel tentativo di rovesciare Maduro in Venezuela; processare con accuse inventate Luiz Inácio Lula da Silva e Cristina Fernandez de Kirchner, ex e possibili futuri presidenti di Brasile e Argentina rispettivamente; e far tornare la “diplomazia delle cannoniere” degli Stati Uniti nell’emisfero occidentale. In una conferenza stampa a Città del Messico, il ministro degli Esteri messicano Luis Videgaray respinse l’idea di Tillerson del colpo di Stato militare in Venezuela per estromettere il governo di Maduro. Alla conferenza era presente la ministra degli Esteri canadesi Chrystia Freeland, nemica dichiarata di Venezuela e Russia.
Tillerson ha un odio viscerale per il Venezuela che trascende Maduro e Chavez. Nel 1976, l’anno dopo che Tillerson iniziò a lavorare per Exxon, il presidente venezuelano Carlos Andres Perez nazionalizzò l’industria petrolifera venezuelana. Tra le attività nazionalizzate c’erano le partecipazioni di Exxon. Chavez rinazionalizzò i beni di Exxon-Mobil nel 2007, durante il regno di Tillerson. Exxon-Mobil e Tillerson combatterono il Venezuela per un risarcimento da Caracas. Exxon-Mobil portò il caso all’arbitrato della Banca Mondiale e chiese al Venezuela di risarcire la società con 115 miliardi di dollari. La banca optò per un risarcimento di soli 1,6 miliardi, spennando Tillerson, che non ha mai dimenticato che il Venezuela ha vinto la battaglia per compensare Exxon-Mobil. Tillerson ora intende vendicarsi cercando di rovesciare il successore di Chavez, Maduro. Nel 2015, Exxon-Mobil avviò le operazioni petrolifere al largo delle coste della Guyana, a est del Venezuela, nel territorio conteso di Essequibo. Sebbene Venezuela e Guyana abbiano cercato un arbitrato internazionale sul caso, ciò non impedì a Tillerson, alla guida di Exxon-Mobil, di ordinare alle controllate in Guyana, Esso Exploration e Production Guyana Ltd., di continuare ad esplorare nella regione contesa. Per Tillerson e il suo capo, Trump, apparentemente gli accordi legali non valgono la carta su cui sono stampati. Mentre si trovava in Giamaica, Tillerson si aspettava che il Primo Ministro Andrew Holness acquistasse il 49 percento venezuelano della società giamaicana di raffinazione del petrolio, Petrojam. Tillerson vuole assoggettare le nazioni caraibiche che hanno accordi di cooperazione con l’industria petrolifera venezuelana attraverso l’alleanza PetroCaribe, per annullare tali accordi e conformarsi all’ordine esecutivo punitivo di Trump 13808, che estende le sanzioni “alla Russia” anche al Venezuela. Tillerson non vorrebbe altro che aumentare i profitti di Exxon-Mobil limitando gli accordi di PetroCaribe con nazioni come Haiti, Nicaragua, Giamaica, Guyana, Belize, Honduras, Bahamas, Suriname, St. Kitts-Nevis e St. Lucia, costringendole ad acquistare petrolio e benzina più costosi di Exxon-Mobil. Tillerson ha mostrato il vero volto dell’amministrazione Trump in America Latina. Non solo vuole deportare milioni di residenti senza documenti dagli Stati Uniti con un’operazione di massa che non si vede dalla Seconda Guerra Mondiale, ma vuole cambiare coi colpi di Stato governi non graditi a Trump in America Latina.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Chiaroscuri del 2018: chi governa gli USA, globalizzazione e geopolitica

Prof. James Petras, Global Research 28 gennaio 2018I profeti e i meteorologi del prossimo anno hanno già definito la loro visione globale, dalle economie emergenti alle guerre globali catastrofiche. Voglio discutere da una prospettiva diversa, concentrandomi su crescente suddivisione dei mercati, approfondimento dell’autonomia dell’azione politica dallo sviluppo economico, maggiore minaccia degli interventi militari e prevalere dell’adattamento politico. Credo che avremo un radicale processo di elaborazione e reintegrazione politico-economica, ad est e ad ovest, entro e fuori gli Stati-nazione. I “diritti degli Stati” riemergeranno come antidoto alla globalizzazione. I grandi Paesi competeranno in guerre regionali con ingaggi limitati ma obiettivi globali. Gli sviluppi catastrofici sono improbabili ma i cambiamenti radicali saranno frequenti e avranno nel complesso conseguenze. Per comprendere tali tendenze, è importante analizzare e discutere dei principali attori nazionali di questo panorama, a cominciare dagli Stati Uniti.

Tendenze negli Stati Uniti
Il presente e il futuro prossimo degli Stati Uniti non riguarda la Presidenza di Trump e la sua opposizione interna. Le lotte tra Congresso e Presidenza non hanno prodotto grandi cambiamenti nella posizione globale degli Stati Uniti, che continuano ad imporre sanzioni a Russia, Iran e Venezuela. Il commercio con la Cina cresce. Esercitazioni militari e minacce alla Corea democratica sollevano lo spettro della guerra nucleare. In altre parole, l’attività marginale ed insignificante accompagna una retorica di fuoco. Le politiche economiche aziendali beneficiano della generosità dello Stato, ma lungi dalla politica quotidiana. Ciò che è più significativo, i “mercati” sono frammentati o sconnessi: le azioni aumentano, ma la produttività ristagna. Il debito societario sale alle stelle, ma c’è il boom dei profitti high tech. Esportazioni ed importazioni si muovono in direzioni opposte. Aumentano i posti di lavoro e diminuiscono i salari. Ci sono uno, due, molti mercati, ognuno dei quali opera con principi simili, tutti approfondendo la concentrazione delle ricchezze e l’intreccio tra dirigenze aziendali. Proprio come ci sono diversi mercati, ci sono più centri di leadership politica. Nello specifico, gli Stati Uniti sono una “Presidenza” multipolare. Con tutti i discorsi su “Trump”, la politica e la strategia sono definite, promosse e contrastate da molti centri decisionali. In termini generali, le élite dell’intelligence, militari, mediatiche, finanziarie, legislative, commerciali e della politica internazionale sono impantanate in rivalità e alleanze provvisorie, facendosi strani compagni di letto. Inoltre, sono entrate nuove configurazioni di potere internazionali e posizioni di potere proprie.

Dominio
Chi governa gli USA? Questa domanda dovrebbe essere riformulata tenendo conto della pluralità delle élite autoritarie ed egoistiche totalmente divorziate dalla maggioranza del pubblico manipolato. Il ‘presidente’ nominale Trump decide in politica estera in base agli interessi dei centri di potere nazionali ed esteri. Trump discute e si oppone agli accordi commerciali multilaterali favorendo al contempo patti unilaterali, centrati sugli Stati Uniti. Nonostante la retorica, nulla del genere è apparso. Il commercio con Asia, Europa e America Latina è aumentato. Cina, Giappone, India, Germania, Corea, Canada e Messico rimangono centri per esportazioni ed importazioni degli Stati Uniti. Banchieri, multinazionali e miliardari della Silicon Valley continuano a scavalcare l’agenda di Trump, che ha sostenuto la riconciliazione con la Russia ed è stato minacciato d’impeachment. Congresso, agenzie d’intelligence, e NATO contraddicono, invertono e reindirizzano gli Stati Uniti sia verso che contro lo scontro nucleare. Trump propone di rinegoziare il commercio con l’Asia, in particolare con Corea del Sud, Giappone e Cina. Invece, Pentagono, media, neocon e militaristi giapponesi dettano il confronto nucleare con la Corea democratica e le minacce alla Cina. (Il primo ministro giapponese Abe è nipote del “Macellaio della Manciuria” Nobusuke Kishi). L’élite imprenditoriale, finanziaria e della Silicon Valley sfida sulla Cina gli ideologi dell'”America First”, il Pentagono e i produttori locali statunitensi. Nel frattempo, migliaia di navi portacontainer trasportano materie prime e merci tra Cina e Stati Uniti, i loro capitani salutano la manciata di navi da guerra statunitensi che pattuglia alcuni scogli nel Mar cinese meridionale. Trump avanza minacce ad Unione Europea ed Organizzazione Mondiale del Commercio e poi salta sul suo jet per Davos per socializzare con i “Free-Traders” tedeschi, francesi, inglesi e statunitensi. Le grandi decisioni sono non-decisioni. Le continuità di politiche ed élite, nel migliore dei casi, semplicemente amplia la vecchia politica che promuove i mercati finanziari, deprime i salari e moltiplica guerre locali e scontri militari. Le decisioni del 2018 non saranno di Trump, ma dei suoi alleati e avversari, in patria e all’estero.

La vacua America First di Trump
Un primo piano del processo decisionale marginale, aggirando Washington, includerebbe: riconciliazione Nord-Sud della Corea; accordo Russia-Cina sulle sanzioni statunitensi; aperto sopruso israeliano sui palestinesi; sfida tra Iran e Arabia Saudita e alleanza ‘segreta’ taliban-Pakistan. La marginalizzazione di Washington è evidente in economia. Il mercato azionario statunitense esplode ma la produttività diminuisce; gli utili aumentano, ma l’aspettativa di vita dei lavoratori cala; l’immensa concentrazione di ricchezza è parallela all’aumento della mortalità materna e infantile; i giovani statunitensi hanno la più alta possibilità di morire prima dell’età adulta di tutti i Paesi industrializzati. La mortalità ha sostituito la mobilità. Washington è il centro di un’intensa guerra su questioni irrilevanti. Oltre all’emarginazione degli Stati Uniti, sono emersi nuovi centri di potere regionali che hanno annientato o neutralizzato i clienti statunitensi. La Turchia è un esempio lampante. Ankara ha attaccato e minato i piani del Pentagono per una forza armata curda che controlli la Siria settentrionale. L’Iraq ha sopraffatto le milizie curde dei signori della guerra Barzani di Qirquq appoggiati da Stati Uniti ed Israele. I taliban lasciano campagne e montagne afghane per organizzare rivolte quasi quotidiane nei centri urbani e nella capitale Kabul. Il governo venezuelano ha sconfitto le insurrezioni sostenute dagli Stati Uniti a Caracas e altre città. Il regime fantoccio degli Stati Uniti di Kiev non è riuscito a conquistare le enclavi separatiste del Donbas, dove un governo di fatto opera col sostegno russo. Riconosciamo che marginalità, ritiri e sconfitte non significano “fine dell’impero”; ed ammettiamo anche che i settori concorrenti dell’economia statunitense (azioni, obbligazioni, tecnologia e profitti) sono in fase dinamica, anche se puntano verso una correzione importante. La ragione probabile è che l’economia opera indipendentemente dal sistema politico, dalle turbolenze a Washington e dalla marginalità degli Stati Uniti all’estero. I media propagano le faziosità nazionali attraverso gli scandali. La loro visione sull’imminente collasso e fine di Russia di Putin e Cina di Xi non ha alcuna influenza sulle reali dinamiche delle forze del mercato globale. La Cina cresce del 7% e tutti i principali attori economici USA-UE, da Airbus ad Amazon, lottano per entrare nei mercati multipolari di Pechino. I mercati ignorano, quando non prosperano, la sospensione del governo. I mercati ignorano le ultime eruzioni del Pentagono, “La nuova strategia militare” contro Cina e Russia. Le imprese sudcoreane abbracciano i mercati degli Stati Uniti mentre cercano di garantirsi l’accesso alla forza lavoro qualificata della Corea democratica.
La decisione di Washington di negare la realtà, che il futuro richiede l’aumento della produttività con una forza lavoro qualificata, sana e ben retribuita, condanna gli Stati Uniti a una spirale discendente verso marginalità politica, futilità militare e boati sonori. Media, sapientoni ed élite politica ignorano la frammentazione del potere degli Stati Uniti e la separazione tra forze militari e di mercato, dove ognuno va per la sua strada. Le disuguaglianze di classe e l’aumento dei tassi di mortalità della classe lavoratrice possono incoraggiare l’immigrazione, ma minano anche le fondamenta dell’influenza statunitense. Una classe dirigente governa collegando uno Stato unificato a un mercato dinamico, produttori a consumatori, importatori ad esportatori e aumento delle ricchezze ad aumento dei salari. Le buffonate di Trump e anti-Trump sono irrilevanti nella migliore delle ipotesi e distruttive nel peggiore dei casi. Le basi dello Stato nordamericano e dei suoi mercati sono sostanziali ma fatiscenti. Ciò che è importante non è lo status quo, ma direzione e struttura. Guerre prolungate ai margini del potere statale o minacce del segretario alla Difesa Mattis di conflitti globali con potenze mondiali come Russia e Cina per “proteggere il tenore di vita degli Stati Uniti”, porteranno inevitabilmente ed inesorabilmente ad approfondire l’abisso tra economia e Stato militarista statunitensi. Istituzioni politiche, Presidenza o Congresso degli Stati Uniti non riescono assolutamente a fare i conti con le reali dinamiche economiche del mercato mondiale, confondendo ancora aumento dei prezzi delle azioni e dei profitti coi fattori a lungo termine della crescita e della stabilità. Pensiamo a una “morte a rate!”Traduzione di Alessandro Lattanzio

Da Daktari a Óscar Pérez: l’impiego dei paramilitari contro il Venezuela

Mision Verdad 18 gennaio 2018Plan Colombia, un fenomeno importato e il confine
Durante il governo di Álvaro Uribe Vélez, la Colombia ha subito un processo di riconfigurazione del territorio a causa dello sfollamento forzato di oltre 2 milioni di persone (per lo più contadini) che portò all’offensiva del Plan Colombia e del paramilitarismo. Lungi dal risolvere qualcosa, anche se non era l’interesse iniziale, l’attività bellica si estese, come i suoi meccanismi e canali di finanziamento che l’alimentano: narcotraffico, commercio di armi, criminalità economica, ecc. Il confine venezuelano subì i primi effetti del fenomeno con caratteristiche transnazionali e transfrontaliere, causato da uno Stato fallito che ha consegnato la sicurezza interna agli Stati Uniti e deciso, principalmente, sull’importanza per quest’ultimo della cocaina prodotta ed esportata; un equilibrio che favorisce l’aumento della domanda di armi. Anche il traffico di droga ha la sua geopolitica. Tale processo di conquista sui generis il cui risultato è la progressiva depredazione, sempre sui generis, della vita economica e sociale del confine, porta al consolidamento dei gruppi armati che controllano le rotte del contrabbando, della vendita di armi e del narcotraffico. L’impresa bellica in Colombia, marchio USA, crebbe enormemente e cercò in Venezuela d’installare una sussidiaria, un’espansione che ridiede anche nuovo carattere al classico crimine organizzato in Venezuela dall’economia illegale basata su traffico di droga, contrabbando, assassini… e poi violenza politica. Nel caso di un’azienda, quindi, era naturale la necessità di un apparato di sicurezza privato, in questo caso il paramilitarismo, che acquisiva la forma di braccio esecutivo del neoliberismo, poiché contesta il controllo sociale allo Stato sul territorio. E questo vale per la Colombia che per la Siria. Tale penetrazione ha modellato la progressiva importazione dell’esercito privato, ma anche una cultura di violenze specifica in Venezuela, affermandosi come società oltre al mero crimine. Avendo tale qualità privata, i grandi interessi politici possono metterci le mani ed usarlo. Si tratta di assumere il rischio d’investimento. Il paramilitarismo non è un fenomeno venezuelano, le bande e i referenti del crimine organizzato non sono nati spontaneamente, i loro modi di punire e controllare determinati territori non l’hanno appreso su Internet; è una conseguenza della geopolitica bellica degli Stati Uniti in Colombia, di cui anche i colombiani sono vittime. Essere vicino al principale produttore di cocaina nel mondo e al mercato principale di armi nella regione sarebbe facile, proprio in tale dettaglio c’è la logica del paramilitarismo usato come strumento politico in Venezuela e fenomeno dalle implicazioni che ha. Non è un caso se il capo politico dei paramilitari colombiani, in un recente scambio con i giornalisti, simpatizzasse con le azioni di Perez e chiamasse l’esercito alla rivolta contro il governo.

Daktari, modus operandi e via armata
I fatti della fattoria Daktari al momento diedero la dimensione di dove si fossi disposti ad andare per togliere il chavismo dal potere, fino a che punto i confini erano gestiti. È stato un anno in cui il Paese fu mobilitato dal referendum di richiamo promosso dall’anti-chavismo, che cercò di consolidare una vittoria politica dopo il colpo di Stato/serrata/sabotaggio dei mesi precedenti. I fatti e le connessioni politiche e commerciali sono ben noti; più di 100 paramilitari assoldati e collegati ad agenti infiltrati nelle forze di sicurezza e affaristi diedero la misura di un modus operandi ripetutosi in modo inerziale negli ultimi anni: se le battaglie politiche si perdono, si ricorre al piombo; se le battaglie di strada (guarimbas) si perdono, si ricorre ancora al piombo, a sicari e assassini prezzolati. E qui manca solo chi mette il denaro e chi muove le fila (si pensi alla CIA), e chi nel tribunale politico e mediatico è complice nel distorcere, negare o legittimare ciò che ne risulta. In tale contesto generale, si acquisisce visibilità quando si usano cellule armate (germe di eserciti privati) per intensificare le violenze di strada o quando, in caso di riflusso, le si usano per scopi selettivi come omicidi politici. Dalla vicenda iconica della fattoria Daktari, si evidenziano molteplici forme di uso di tale strumento, notando i periodi delle guarimba come scuole o centri di formazione, sempre tentando di posizionare gruppi armati (mascherati da “manifestanti”, ovviamente) per intensificare lo scontro. Le guarimbas del 2017 descrivevano piuttosto bene come molotov e scudi di latta fossero strumenti di marketing che offuscavano, alla stampa mondiale, occupazione e sequestro urbano, uso di cecchini e armi da fuoco negli scontri e comprovata intenzione di compiere omicidi contro chi era o sembrava un chavista. C’era la chiara intenzione di testare la lotta armata, sia da parte di attori interni che esteri: riconoscimento internazionale dello scenario di scontro delle guarimbas, generante le cellule di Óscar Pérez e Juan Caguaripano, proveniente da Stati Uniti ed Unione Europea principalmente.

Cellule armate e caso libico
Dopo che il ciclo di violenza politica e armata in Venezuela fu chiuso, tre attacchi ebbero luogo. Uno contro il quartier generale della Corte Suprema di Giustizia (TSJ, mentre i bambini che studiavano nell’istituzione erano all’interno) e il Ministero degli Interni, Giustizia e Pace con un elicottero da cui lanciavano granate e sparavano; e gli altri due contro sedi delle Forze Armate Nazionali Bolivariane (FANB) nello Stato di Carabobo (Fort Paramacay) e di Miranda (Comando della Guardia Nazionale Bolivariana, GNB). L’obiettivo era prendere le armi per preparare un colpo ed acquisire capacità, ma anche imporre al pubblico una presunta superiorità tattica e militare, oltre al clima di terrore. Con questi attacchi le due nuove cellule armate (una di Óscar Pérez e l’altra del disertore Juan Caguaripano) ebbero una nuova scommessa. Una cellula non è fine a se stessa, serve da primo raggruppamento di una strategia superiore volta a formare un esercito parallelo: dopo un processo d’infiltrazione e cooptazione delle forze regolari per produrre diserzioni, si tenta di dargli forma ed obiettivo politico. Così avvenne durante la “Primavera araba” che travolse la Libia, dove i servizi d’intelligence della NATO riuscirono ad attrarre ufficiali dall’esercito verso i “ribelli”, con un quadro narrativo globale che poneva come unica via pratica l’agenda armata per abbattere Gheddafi. Vi ricorda qualcosa? Pérez e Caguaripano erano la prova di quell’intenzione (globale ma adattata a ciascun terreno) di “risolvere” i conflitti armati ed infiltrare le forze di sicurezza per formare il seme di un esercito privato. In Venezuela la visibilità di tale intenzione è ancora maggiore quando si nota l’assedio psicologico a cui furono sottoposte le FANB, i ricorrenti appelli dell’opposizione a “stare con la Costituzione” (eufemismo per insurrezione) e le infiltrazioni rilevate in tempo. In questo senso lo smantellamento di tali cellule assai pericolose non era solo volto a sventare qualsiasi sabotaggio o terrorismo futuro, secondo il dirigente Diosdado Cabello pronte a far esplodere un’autobomba nell’ambasciata cubana, ma anche a neutralizzare le operazioni all’interno delle forze di sicurezza. Quest’ultimo punto è fondamentale per prevenire i servizi d’intelligence stranieri che potrebbero essere operativi nel ricreare un Perez o un Caguaripano che, ancora una volta, cerchi di portare il Paese in guerra.

Media e politici statunitensi e legittimazione del paramilitarismo con un altro nome
Una componente fondamentale che consente la legittimazione e l’empatia coi gruppi armati sono i mezzi di propaganda privati. Sotto l’imposizione di un alias globalizzato (i “ribelli”), caos e mercenarizzazione dei conflitti sono stati giustificati dalle grandi compagnie mediatiche, come in Medio Oriente dopo la “Primavera araba”. E i “ribelli” sono, appunto, le cellule terroristiche o i gruppi armati che “emergono” in territori dai governi non allineati agli Stati Uniti. Il Venezuela non sfugge a tale trattamento, e durante le ultime guarimbas veniva avanzata la narrazione che rappresentava “scontri tra manifestanti pacifici con militari armati”, quando erano episodi di violenze, blocchi stradali, tiro di cecchini e saccheggi. Tuttavia, l’alias “ribelle”, nomenclatura che segna una risorsa militare, apparve chiaramente dopo che Óscar Pérez e il suo gruppo furono liquidati negli scontri; i media internazionali e locali assunsero un tono glorificandolo come “pilota ribellatosi a Maduro”, facendo appello ai vuoti di disinformazione lasciati dall’operazione e, soprattutto, alle voci più estreme dello spettro politico (María Corina Machado, Diego Arria, Antonio Ledezma, ecc.) che diedero a Pérez sostegno sfacciato. Sebbene tale alias denoti già l’intenzione di gestire la storia per legittimare le cellule armate, collocando Pérez nelle stesse coordinate simboliche delle organizzazioni terroristiche in Medio Oriente, un altro dato prefigura i supporti esteri che l’opzione armata ha: Marco Rubio, Otto Reich, Roger Noriega e Ileana Ros hanno difeso Óscar Pérez e supportato le sue azioni. Non si tratta di semplici parlamentari o portavoce degli Stati Uniti, ma di un settore che con l’ascesa dell’amministrazione Trump ha un’importante influenza nel configurare le relazioni degli Stati Uniti col Venezuela. Evidenziare i casi Otto Reich e Roger Noriega, entrambi agenti della guerra sporca in America centrale e strettamente legati ai servizi segreti statunitensi che Marco Rubio, da senatore, sostiene, in modo che la loro voce flebile sia ascoltata. Come nel caso di Luis Almagro, che approfittando dell’ondata sul suo account twitter, condivide il sostegno alle ONG finanziate dal dipartimento di Stato, come Human Rights Watch. A questo punto è necessario sottolineare l’ovvio: il prossimo attacco pianificato dalla cellula di Perez, o Caguaripano prima dello smantellamento, sarebbe stato legittimato da tali attori politici al Congresso degli Stati Uniti, che hanno mostrato influenza nel delimitare la politica estera nei confronti del Venezuela. Marco Rubio e Ileana Ros hanno persino accesso a budget neri con cui potrebbero concedere finanziamenti per non far calare l’entusiasmo, fatto già abbastanza pericoloso. Tale prova è più che sufficiente per inquadrare l’operazione contro la cellula di Perez nel contesto, ma soprattutto, poiché il paramilitarismo è sul tavolo di chi ha influenza relativa nella Casa Bianca, per decidere cosa fare con il Venezuela. In questi giorni c’è stato il tentativo di mostrare Óscar Pérez come caso isolato, quando in realtà rappresenta la continuità (non ancora raggiunta) dell’agenda paramilitare contro il Venezuela.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Le banche centrali europee iniziano a sostituire le riserve in dollari in yuan

Eshe Nelson, QZ 16 gennaio 2018Alla fine dello scorso anno, Xi Jinping affermava che era il momento per la nazione di “prendere il centro del mondo”. Ci sono molti modi con cui la Cina può farlo, tra cui la promozione della globalizzazione, il potenziamento degli aiuti esteri e lo sviluppo di tecnologie avanzate. Un altro passo fondamentale nel prendere il “centro” è essere al centro dell’economia globale. Per raggiungere questo obiettivo, la Cina, tra le altre cose, cerca d’internazionalizzare la propria valuta. Negli ultimi 70 anni, il dollaro USA è stata la valuta dominante nel mondo. Due terzi delle riserve valutarie allocate in dollari, da 6 trilioni di dollari, sono detenute in dollari USA. Lo yuan ha compiuto un passo importante verso l’ampia adozione internazionale nel 2016, quando il FMI decise d’includerla nel paniere di valute che costituiscono il diritto speciale di prelievo una riserva alternativa al dollaro. Tuttavia, dal terzo trimestre del 2017, solo l’1% delle riserve valutarie è in yuan, secondo gli ultimi dati del FMI. Ora, ci sono segnali che aumenteranno.
Lo yuan cinese ha raggiunto il massimo in due anni contro il dollaro USA questa settimana, dopo che la Bundesbank tedesca dichiarava che avrebbe incluso lo yuan nelle proprie riserve, per la prima volta. “Lo sviluppo notevole dal punto di vista europeo negli ultimi anni è stato il crescente ruolo internazionale del renminbi nei mercati finanziari globali”, dichiarava Andreas Dombret, del comitato esecutivo della banca centrale, in una conferenza a Hong Kong. La decisione fu presa lo scorso anno e non sono ancora stati effettuati investimenti, poiché i preparativi sono ancora in corso. La banca centrale francese ha poi rivelato di avere già delle riserve in yuan. Poiché la maggior parte delle riserve delle banche centrali sono detenute in dollari, qualsiasi trasferimento in altre valute, come lo yuan, avverrà a scapito del biglietto verde. A giugno, la Banca centrale europea annunciava di aver scambiato in yuan titoli per 500 milioni di dollari (611 milioni) delle riserve in dollari USA. Si trattò di un piccolo trasferimento: la BCE ha 44 miliardi di euro di riserve in valuta estera, ma ciò nonostante riflette la crescente importanza della Cina nel sistema finanziario globale. Mentre la politica “Prima l’America” di Trump caccia gli Stati Uniti dalle luci della ribalta internazionale, sempre più persone si aspettano che la Cina colmi il divario, anche nelle finanze mondiali. Barry Eichengreen, professore di economia all’Università della California, a Berkeley, ed esperto di sistemi valutari globali, prevede che il dollaro USA perda il dominio e più valute coesistano su base più equa nei mercati internazionali. In futuro, il dollaro sarà costretto a condividere la preminenza con lo yuan e l’euro in particolare, dice.
La Cina deve ancora affrontare diversi ostacoli per avere una valuta veramente internazionale. I controlli sul capitale e la mancanza di trasparenza normativa rendono le istituzioni finanziarie riluttanti ad investire in attività cinesi. Tuttavia, la scorsa settimana la Cina mostrava segni di voler rilassare alcune regole utilizzate per controllare la valuta. Dato che lo yuan guadagna più valore internazionale, Pechino potrebbe essere incoraggiata ad aprirsi ulteriormente.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Cosa significano gli attacchi di Donald Trump al Pakistan?

Vladimir Terehov, New Eastern Outlook 15.01.2018Pubblicato il 1° gennaio 2018, il tweet di Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, sull’errore di fornire al Pakistan aiuti finanziari (oltre 33 miliardi di dollari negli ultimi 15 anni), premiato con “nient’altro che menzogne e inganni“, è un importante notizia nella politica mondiale del nuovo anno appena arrivato. Parlando il giorno dopo ai giornalisti, la rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l’ONU, Nikki Haley, chiariva che il presidente considerava la possibilità di porre fine all’assistenza finanziaria al Pakistan, che fornisce “rifugio sicuro ai terroristi” cacciati dagli statunitensi in Afghanistan. Per spiegazioni sul significato della dichiarazione di Donald Trump, l’ambasciatore statunitense ad Islamabad fu convocato al ministero degli Esteri del Pakistan. Il capo del dipartimento della politica estera del Pakistan, Khawaja Asif, affermava che Washington cerca d’incolpare il suo Paese per il fallimento della propria politica in Afghanistan. Sottolineando la partecipazione attiva del Pakistan alla lotta al terrorismo, ricordava che durante la guerra in Afghanistan, gli statunitensi effettuarono oltre 5700 attacchi dalle basi situate nel territorio pakistano. In generale, Donald Trump e Nikki Haley non hanno detto nulla di nuovo o di utile. Ricordiamo che, grosso modo, lo stesso fu detto sempre da Donald Trump il 21 agosto 2017, quando (dopo un silenzio prolungato) affrontò per la prima volta in maniera eccezionalmente puntuale e dolorosa le prospettive dei militari USA nell’avventura di 16 anni in Afghanistan. S’ipotizza che l’attuale accusa al Pakistan sia semplicemente la realizzazione delle minacce esplicite di Nikki Haley ai Paesi che il 18 e il 21 dicembre 2017 (rispettivamente, nel Consiglio di sicurezza e all’Assemblea generale delle Nazioni Unite), votarono per la risoluzione che nega il riconoscimento di Gerusalemme a capitale d’Israele. Sembra, tuttavia, che la vera ragione del malcontento USA nei confronti del Pakistan sia molto più seria. È probabile che sia la risposta a un evento estremamente significativo, avvenuto il 26 dicembre a Pechino, dove si svolse il “Primo Dialogo dei Ministri degli Esteri di RPC, Pakistan e Afghanistan”. Nel comunicato stampa congiunto dell’occasione, alcuni punti sono di rilievo:
– i rappresentanti del Pakistan e dell’Afghanistan si congratulano con i cinesi “per la positiva conclusione del XIX Congresso del PCC e sostengono pienamente la proposta del Presidente Xi Jinping” di visione del futuro di tutta l’umanità;
– si esprime disponibilità ad approfondire la cooperazione trilaterale, anche nel quadro del progetto “Nuova Via della Seta”, nella lotta al terrorismo e nella sicurezza;
– si afferma che il processo di pace in Afghanistan, “sostenuto a livello regionale e internazionale“, va condotto con la partecipazione di tutte le parti, inclusi i taliban, ma va “guidato” dall’Afghanistan stesso;
– il secondo incontro nella stessa composizione si terrà a Kabul “nel 2018”.
Il documento non contiene accenni al ruolo apparentemente negativo del Pakistan nel conflitto afghano. Non menziona la presenza militare da 16 anni in Afghanistan della principale potenza mondiale che vi ha sepolto enormi risorse finanziarie e sostenuto alti costi politici. Pertanto, la leadership statunitense ha tutte le ragioni d’essere sconvolta. Tanto più che Washington prevedeva di tenere entro la fine dello scorso anno una sua riunione tripartita sul problema afghano, nel formato “USA-Afghanistan-India”. Tuttavia, qualcosa è andato storto e il principale oppositore geopolitico degli Stati Uniti ha chiaramente rubato l’iniziativa del processo di risoluzione pacifica del conflitto afghano. A giudicare dai contenuti del documento citato, gli autori assegnano ad India e Stati Uniti un ruolo abbastanza indiretto, parlando della necessità di mantenere il processo a “livelli regionale e internazionale“. I partecipanti all’incontro di Pechino fu designato principale iniziatore e “leader” (ancora una volta poniamo l’accento su questo punto eccezionalmente importante) “l’Afghanistan stesso“. Va notata, tuttavia, l’osservazione del 27 dicembre a una conferenza stampa del Ministro degli Esteri cinese Wang Yi, secondo cui l’istituzione del “dialogo cino-pakistano-afghano” non è inteso a sostituire altre piattaforme internazionali dedite a questo problema. Aggiungiamo che ciò è semplicemente impossibile. Stati Uniti ed India non sono Stati che accetterebbero il ruolo ausiliario di certe forze “regionali e internazionali” nel processo di risoluzione del conflitto afghano. Va anche ricordato che il Pakistan vede in modo esplicito l’Afghanistan come retrovia strategica (“cortile”) nel confronto con l’India. Cosa con cui quest’ultima non sarà mai d’accordo, va aggiunto.
La posizione delle forze filoindiane è piuttosto forte nell’élite afgana, mentre le relazioni pakistano-afghane affrontano gravi problemi (incluse la ragione di cui sopra), accumulatisi negli anni. Tali problemi difficilmente possono essere risolti con un solo evento a livello ministeriale. Nel frattempo, Washington, che negli ultimi anni ha espresso chiara preferenza a sviluppare relazioni con l’India (il tweet di D. Trump è stato definito dal giornale Indian Expresssweet music“), non vuole rompere completamente i legami col Pakistan e non ha intenzione di cederlo ‘senza combattere’ alla piena influenza della RPC. Ciò in particolare è evidenziato dalla visita a Islamabad del segretario alla Difesa USA James Mattis tre giorni dopo lo scandaloso tweet di Donald Trump. Tuttavia, l’osservazione del vicedirettore della CNN Michael Kugelman su questa visita (“Congratulazioni, segretario Mattis. Sei diventato l’ultimo funzionario degli Stati Uniti a fare da vocalist a un disco irrimediabilmente rotto”), a quanto pare, riflette adeguatamente lo stato dei rapporti Stati Uniti-Pakistan. Sembra che il treno pakistano lasci gli Stati Uniti acquisendo notevole velocità e non sarà facile per Washington salire sull’ultimo vagone. Un articolo del quotidiano cinese Global Times intitolato opportunamente “Trump tweet draws China, Pakistan closer“, elenca le componenti principali della cooperazione Cina-Pakistan in rapido sviluppo. Tutto sommato, va affermata la cosa principale: i giochi sul controllo del territorio dell’Afghanistan, durati almeno due secoli con vari protagonisti, continueranno dopo il “Dialogo” di Pechino. Gli ultimi attacchi anti-Pakistan degli Stati Uniti, chiaramente provocati dal suddetto evento, ne sono una testimonianza.Vladimir Terekhov, esperto sui temi della regione Asia-Pacifico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio