Le ragioni occulte per l’ambasciata degli USA a Gerusalemme

Wayne Madsen, SCF 11.12.2017

Irving Moskowitz

La decisione di Donald Trump di riconoscere Gerusalemme capitale d’Israele e spostarvi l’ambasciata da Tel Aviv, abbandonando completamente l’impegno a una soluzione a due Stati, ha radici nella politica religiosa di Jared Kushner, consigliere sul Medio Oriente e genero di Trump. Kushner, uno dei preferiti dal primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu e dal magnate statunitense pro-Netanyahu Sheldon Adelson, ha inserito nel suo team da “inviato” del Medio Oriente due ideologi rabbiosamente filoisraeliani, l’ambasciatore statunitense in Israele David Friedman e il “rappresentante speciale per i negoziati internazionali” Jason Greenblatt. Friedman era un avvocato dello studio legale Kasowitz, Benson, Torres & Friedman, che rappresentava la Trump Organization e Greenblatt era il capo legale della Trump Organization. Kushner, ebreo ortodosso, insieme a Friedman e Greenblatt, rappresenta la cabala sionista di estrema destra che rifiuta sia lo Stato palestinese che la nazione israelo-palestinese che accorderebbe ai palestinesi la cittadinanza in uno Stato israeliano laico. Kushner, Friedman e Greenblatt favoriscono l’apartheid in cui i palestinesi sono cittadini di seconda classe. Oltre a Netanyahu e Adelson, ci sono altre ragioni occulte dietro il riconoscimento degli Stati Uniti di Gerusalemme a capitale israeliana. Nel 2009, il Federal Bureau of Investigation (FBI) fermò un gruppo di rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York che organizzava raccolte fondi per il partner della coalizione di Binyamin Netanyahu, il partito degli ultra-ortodossi Shas. Il legame tra rabbini statunitensi e il flagello della corruzione Netanyahu evidenziò il finanziamento segreto dell’espansione delle costruzioni ebraiche a Gerusalemme Est. Le Nazioni Unite non riconoscono Gerusalemme Est parte d’Israele e la Palestina la considera come capitale “de jure” dello Stato di Palestina. Un finanziere chiave delle costruzioni a Gerusalemme Est è il ricco ebreo-statunitense magnate del gioco d’azzardo Irving Moskowitz. Noto neo-conservatore, Moskowitz sostiene operazioni neocon come Hudson Institute, Istituto ebraico per gli affari di sicurezza nazionale (JINSA), American Enterprise Institute e Center for Security Policy (CSP). Frank Gaffney, controverso islamofobo ed ex-consigliere per la sicurezza nazionale della campagna presidenziale di Trump, è a capo del CSP. Moskowitz acquistò terre dagli arabi, soprattutto a Gerusalemme Est, per farne una città esclusivamente ebraica. Più preoccupante per le prospettive di pace del Medio Oriente è il finanziamento di Moskowitz del movimento di destra Ateret Cohanim, che cerca di demolire la moschea al-Aqsa di Gerusalemme, il terzo santuario islamico, noto anche come Cupola della Roccia, per ricostruire il tempio degli ebrei. Di maggiore interesse, tuttavia, fu l’acquisto di Moskowitz dello Shepherd Hotel di Gerusalemme Est, che si affaccia sul Monte Scopus. L’hotel, considerato legalmente proprietà del regno hascemita di Giordania, fu sequestrato come “bottino di guerra” dopo la guerra israelo-araba del 1967. L’hotel era al centro della controversia sull’espansione tra amministrazione Obama e governo di Netanyahu, e riguardava i piani per trasformare l’hotel in appartamenti esclusivamente per ebrei. In un editoriale del 27 luglio sul Jerusalem Post di Jeff Baraq, ex-caporedattore del giornale, si afferma: “Il fatto è che mentre gli ebrei statunitensi come Irving Moskowitz possono acquistare terreni nei quartieri arabi di Gerusalemme Est, un residente palestinese di, ad esempio, Shayq Jarah (dove si trova l’Hotel Shepherd) non può acquistare un appartamento in molte parti di Gerusalemme Ovest, perché l’amministrazione delle terre israeliane, che possiede i terreni, stipula contratti sulla cittadinanza israeliana con persone aventi diritto secondo la legge sul ritorno”. Notando l’instabilità politica del governo Netanyahu, Baraq intitolava l’editoriale “Il governo traballante di Netanyahu, la crisi che gli USA si autoinfliggono“.
Col partner di coalizione di Netanyahu, il Shas, al centro dello scandalo dei rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York, e la famiglia Kushner legata a crimini in entrambi gli Stati, l’influenza dei sostenitori di destra d’Israele sull’amministrazione Trump appare ovvia. L’FBI usò un testimone per identificare numerosi rabbini ebraico-siriani di New Jersey e New York che usavano sinagoghe e yeshivas per il riciclaggio di denaro dalla vendita illegale di borse firmate e persino di organi umani. Il testimone Solomon Dwek, è un importante immobiliarista e proprietario di una barca da gioco, arrestato nel 2006 per aver tentato di passare un assegno a vuoto per frodare la PNC Bank per 25 milioni di dollari. Dwek è anche una figura chiave del potente clan ebraico-siriano di New Jersey e New York, soprannominato “SY Empire” e “clan Dwek”. Tale clan ha anche legami con la società di Kushner, una società immobiliare con importanti partecipazioni nel New Jersey e a New York. Jared Kushner e Trump Organization sono indagati dal Consigliere speciale del dipartimento della Giustizia Robert Mueller per riciclaggio di denaro che coinvolge le famiglie Trump e Kushner. Secondo quanto riferito, l’indagine riguarda il riciclaggio di denaro estero attraverso l’acquisto di proprietà immobiliari, compresi i condomini degli edifici Trump e Kushner a Manhattan e New Jersey. Il riciclaggio di denaro era al centro dell’inchiesta sul sindacato ebraico-siriano durante il mandato di Mueller a direttore dell’FBI. Il seguente estratto dell’atto d’accusa federale spiega il tipo di riciclaggio di denaro effettuato dagli agenti dello Shas. Nella denuncia penale contro il rabbino Eliahu “Eli” Ben Haim della congregazione Ohel Yaacob di Deal, New Jersey, un co-cospiratore identificato solo come “IM”, residente in Israele e principale fonte del denaro per Ben Haim, viene citato, “L’imputato BEN HAIM ha detto al CW (testimone confidenziale) che “clienti di due, tre anni fa mi chiamano” e dichiarava che “viene segnalato che il mercato è stretto”. L’accusato BEN HAIM aveva anche parlato della fonte del denaro, il co-cospiratore IM, e dichiarava di avergli parlato ogni volta a giorni alterni. Riferendosi al co-cospiratore IM, l’accusato BEN HAIM poi chiese al CW: “Tu sai che mi ha mandato negli ultimi 4 anni a tendere fili ogni volta in un posto diverso nel mondo, con un nome diverso? È incredibile. Non ho mai visto niente del genere. Quando CW chiese se l’accusato BEN HAIM si riferisse a luoghi diversi solo in Israele, l’accusato BEN HAIM rispose “no, in tutto il mondo… In tutto il mondo, dall’Australia alla Nuova Zelanda all’Uganda. Tu e io [incomprensibile] ogni Paese immaginabile. La Turchia, non puoi crederci… Tutti nomi diversi. Mai lo stesso nome… Svizzera, ovunque, Francia, ovunque, Spagna… Cina, Giappone’. L’imputato BEN HAIM aveva anche spiegato che il mercato del contante era stretto ‘solo all’inizio dell’anno e alla fine dell’anno’“. La dichiarazione indica quanto persone coinvolte nel riciclaggio di denaro a sostegno della costruzione illegale israeliana sul territorio palestinese cancellino le proprie tracce. Il 26 luglio 2009, il quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth riferì che il rabbino David Yosef, figlio del capo spirituale del Shas ed ex-rabbino capo d’Israele, il rabbino Ovadia Yosef, lasciò Long Branch, nel New Jersey, residenza di Ben-Haim, per Israele poche ore prima del raid dell’FBI che fermò Ben-Haim. Nel maggio 2009, Aryeh Deri visitò la comunità ebraico-siriana di New York-New Jersey alla ricerca di fondi per un nuovo partito politico. Il successore di Deri a capo dello Shas, Eliyahu “Eli” Yishai, che lasciò per formare il partito di estrema destra Yachad, fu ministro degli Interni e viceprimo ministro di Israele. Yishai impedì alla Santa Sede di controllare le proprie proprietà a Gerusalemme e in Cisgiordania.
Ovadia Yosef aveva anche condannato il presidente Obama per aver spinto Israele a congelare gli insediamenti. Yosef chiese anche la ricostruzione del tempio ebraico sul sito della moschea di al- Aqsa a Gerusalemme, lamentandosi del fatto che lì “ci sono arabi”. È con tale sfondo arabofobo che Trump, al servizio degli interessi della cabala Kushner-Moskowitz-Adelson, ha ribaltato 70 anni di politica statunitense riconoscendo Gerusalemme capitale israeliana.

Eliyahu “Eli” Yishai

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La dichiarazione di vittoria di Putin in Siria apre la via agli attacchi russi in Libia

La notizia della Russia che negozia l’uso delle basi egiziane ha molto più senso
Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 12 dicembre 2017Se la Russia dichiara vittoria sullo SIIL in Siria e chiede basi in Egitto, si preparebbe a colpire lo SIIL in Libia.
Quando due settimane fa il Cremlino ordinò pubblicamente al Ministero degli Esteri di negoziare l’accordo dell’Aeronautica della Russia per l’utilizzo delle basi militari egiziane, confesso che non sapevo di cosa si trattasse. Pensai alla possibilità che fosse il preludio al coinvolgimento militare della Russia in Libia, ma poi dissi che non credevo che accadesse con l’intervento della Russia in Siria ancora in pieno svolgimento: “Ammetto che onestamente non lo so. L’Egitto è troppo lontano per essere direttamente utile all’intervento russo in Siria. L’uso delle basi egiziane sarebbe necessario se Mosca avesse intenzione di combattere lo SIIL nel Sinai egiziano o d’intervenire in Libia, ma non vedo alcun segno che la Russia sia interessata ad ulteriori avventure prima che la Siria sia chiusa”. Beh indovinate? Putin ha appena dichiarato vittoria in Siria, affermando che gli obiettivi dell’intervento russo sono stati ampiamente raggiunti e ordinava il massiccio ritiro che vedrà il grosso delle forze russe lasciare il Paese: “Forze speciali, polizia militare, squadre di genieri e 25 aeromobili russi lasceranno la Siria e l’ospedale da campo sarà rimosso. Consiglieri, difese aeree e alcuni velivoli rimarranno”. Avevo ragione nel dire che Putin non vorrebbe essere visto aumentare portata e dimensioni dell’intervento militare della Russia all’estero, soprattutto a pochi mesi dalla rielezione. Quello che non avevo previsto era che avrebbe usato la sconfitta dello SIIL come opportunità per dichiarare la vittoria in Siria e ritirarvi la maggior parte delle truppe. Le avventure estere chiaramente infinite sono una cosa. Ma dopo aver dato il benvenuto alla maggior parte delle truppe dalla Siria, il pubblico russo ha la prova che possono finire. Il massiccio ritiro dalla Siria che Putin ha ordinato elimina il problema chiave che l’intervento in Libia dovrebbe affrontare, la percezione in Russia che si c’impantani in infinite avventure estere. Inoltre il fatto che Mosca abbia annunciato pubblicamente di negoziare l’uso delle basi militari egiziane dice due cose:
I negoziati sono una mera formalità, tutt’al più per risolvere problemi tecnici. La Russia ha già assicurazioni che l’Egitto firmerà.
Il Cremlino testa e gradualmente prepara il pubblico a qualcosa di più serio a cui pensa.
Bene, cosa potrebbe essere? Cosa richiederebbe basi egiziane e attenta preparazione e misurazione del polso del pubblico russo? Un altro intervento militare pare adattarvisi. In effetti, c’è chi crede che l’esercito russo sia già presente nell’Egitto occidentale da cui colpisce lo SIIL in Libia assieme all’Egitto. Se è così, i negoziati annunciati pubblicamente sulla concessione dell’accesso alla Russia sono semplicemente kabuki per regolarizzare una situazione già esistente. Mosca e Cairo hanno già svolto un teatro simile. Nel 1972 l’Egitto di Sadat e l’Unione Sovietica inscenarono l’espulsione rabbiosa dall’Egitto dei consiglieri sovietici. Di fatto, l'”espulsione” fu pianificata con l’Unione Sovietica per coprire il ritiro segreto di migliaia di truppe sovietiche regolari e non riconosciute dall’Egitto. I veri consiglieri intanto rimasero in Egitto fino alla fine della guerra dello Yom Kippur del 1973. In ogni caso, appare chiaro che la Russia consideri l’intervento militare aperto in Libia, che potrebbe essere annunciato dopo le elezioni di marzo. Ciò che si vede ora è il Cremlino gettare le basi necessarie per l’intervento, se vi optasse.
Nell’ottobre 2015 un aereo di linea russo fu abbattuto da una bomba dello SIIL in Egitto, uccidendo 224 russi. La Russia perseguirà lo SIIL per questo fino in Libia? Tale intervento sarebbe molto più piccolo rispetto a quello in Siria, semplicemente perché lo SIIL non è così potente in Libia. Ritirandone la maggior parte dopo la vittoria sullo SIIL, penso che Putin abbia dimostrato in modo conclusivo che non è interessato ad avere personale militare russo combattere tutti i nemici di Assad (come le SDF sostenute dagli Stati Uniti) e acuire il confronto con gli Stati Uniti. SIIL, al-Qaida e loro alleati sono gli unici che la Russia ritiene di combattere direttamente in Siria. Allo stesso modo, penso che Mosca non abbia alcun interesse a decidere il vincitore tra i due governi rivali in Libia, coi quali ha contatti, e almeno uno è sostenuto dalla NATO. Invece sarebbe un intervento contro SIIL e gruppi di al-Qaida, che verrebbe pubblicizzato come “conclusione del lavoro” per non permettere allo SIIL di fuggire, evidenziando il fatto scomodo che dove l’occidente semina caos e distrugge Paesi, la Russia invece raccoglie i cocci per stabilizzarli. Per inciso, subito dopo la proclamazione della vittoria dalla base aerea russa in Siria, Putin saliva sull’aereo per giungere in… Egitto. L’astuto MK Bhradakumar pensa che il viaggio sia incentrato sulla creazione di qualcosa per la Libia: “Il punto è che il “dossier libico” è stato riaperto. Lo Stato islamista vi si trasferisce dopo la schiacciante sconfitta in Iraq e Siria. Russia ed Egitto avvertono l’imperativo di mobilitarsi rapidamente e affrontare i gruppi estremisti in Libia. Entrambi appoggiano il comandante dell’Esercito nazionale libico Qalifa Haftar, trincerato a Bengasi, che (giustamente) vedono come baluardo all’estremismo in Libia. Il vuoto di potere in Libia e la crescente insicurezza nell’Egitto occidentale minacciano la stabilità dell’Egitto e il prestigio del Presidente Sisi è in gioco. D’altra parte, il coinvolgimento egiziano in Libia influisce sugli equilibri di potere in Medio Oriente. È interessante notare che le monarchie del Golfo sono coinvolte anche nella crisi libica. Per prima cosa, Mosca si rivolge all’ONU su questioni chiave e contatta anche il governo di Saraj a Tripoli. Il che suggerisce che Mosca potrebbe agire da intermediaria tra i partner rivali della Libia Saraj e Haftar, ed infine a manovrare per compensare le perdite finanziarie subite nel 2011 a seguito del cambio di regime, stimate oltre 10 miliardi di dollari in contratti ferroviari, progetti di costruzione, accordi energetici e vendite di armi”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Gli USA si arrendono sulla Siria, la Resistenza punta ad Israele

Moon of Alabama 12 dicembre 2017L’articolo del New Yorker è noto per il titolo arrogante e varie falsità, necessari a distrarre dal vero messaggio, la resa degli Stati Uniti sulla realtà in Siria: Trump permette ad Assad di rimanere fino al 2021, mentre Putin dichiara la vittoria in Siria, “L’amministrazione Trump ora è pronta ad accettare il governo del Presidente Bashar al-Assad fino alle prossime presidenziali programmate in Siria nel 2021, secondo funzionari statunitensi ed europei. La decisione sovverte le ripetute dichiarazioni degli Stati Uniti secondo cui Assad deve dimettersi nell’ambito del processo di pace… L’amministrazione Trump dice di voler ancora un processo politico con la prospettiva della partenza di Assad. Ma conclude che potrebbe volerci il 2021, quando è prevista la prossima elezione… I funzionari degli Stati Uniti temono che Assad possa vincere le elezioni siriane del 2021 e rimanere al potere in futuro”. Gli Stati Uniti “lasciano che Assad rimanga” perché semplicemente non c’è altro che possano fare senza affrontare una grande guerra. Hanno provato tutto il resto, perdendo. Nel 2012 tentarono di assassinare Assad, ma non era presente alla riunione che la CIA fece saltare in aria. Inviarono 100000 terroristi da tutto il mondo in Siria spedendogli decine di migliaia di tonnellate di armi e munizioni. La propaganda anti-siriana globale a favore dei terroristi non ha precedenti. Cercarono di costruire un’opposizione politica sponsorizzandola con centinaia di milioni. Alla fine invasero il Paese cercando di dividerlo con la forza. Fallirono su tutti i fronti. “La decisione degli Stati Uniti riflette le opzioni limitate dell’amministrazione, la realtà militare sul campo e il successo degli alleati siriani, russi, iraniani e di Hezbollah nel sostenere l’assediato regime di Assad…. L’opposizione siriana sostenuta dagli Stati Uniti è inutile. Era litigiosa e si è divisa in fazioni… Diplomaticamente, Washington è emarginata dalla potente troika Russia, Iran e Turchia che ora domina il processo di pace”.
Nel 2013 l’autore del pezzo, Robin Wright, presentò il sogno israeliano della divisione del Medio Oriente. Era il remake della mappa “Blood Borders” diffusa nel 2006 dal neocon Colonello Ralph Peters, a sua volta versione aggiornata della mappa del “Nuovo Medio Oriente” di Bernhard Lewis pubblicata da Foreign Affairs. Tali mappe furono cestinate quando gli Stati Uniti dovettero lasciare l’Iraq. L’espressione cartografica dell’arroganza imperiale di Wrigth ci finirà pure. Wright è pesantemente colluso a Washington, essendo il borg che detiene posizioni presso Institute of Peace degli Stati Uniti (che pianifica guerre), Wilson Center, Brookings e Carnegie Endowment. Che ora abbia rinunciato alla sua ridicola mappa rifletterà le opinioni di tali istituzioni. Ci si chiede se la giunta militare alla Casa Bianca ne sia d’accordo, continuando a sognare di aver il controllo di Siria e Iraq: “Il colonnello John Thomas, portavoce del Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), affermava che le forze della coalizione internazionale sarebbero rimaste in Siria a sostenere le operazioni delle “forze democratiche siriane” arabo-curde fino alla conclusione dei negoziati sulla soluzione politica a Ginevra. Aggiungeva che le forze USA continueranno a combattere le organizzazioni terroristiche vicine ad al-Qaida in Siria, come Jabhat al-Nusra, “indipendentemente dalla presenza dello SIIL”.” Continua a sognare.
Putin visitava la Siria, dichiarando la vittoria e annunciando che parte delle truppe russe in Siria ritornerà a casa. Si assicurava che tutti, Stati Uniti, turchi, sauditi ed israeliani, capissero che le truppe ritorneranno se cercassero di riaccendere la guerra: “Se i terroristi alzeranno di nuovo la testa, subiranno attacchi che non hanno visto finora“, dichiarava Putin. Un altro elemento dell’alleanza siriana, il partito libanese Hezbollah, si rivolse ad Israele. Il passo più lungo della gamba di Trump, il riconoscimento illegale di Gerusalemme come capitale d’Israele, arrivò giusto in tempo a ridare slancio alla resistenza: “Nasrallah ha chiesto all'”Asse della Resistenza”, riferimento ad Hezbollah ed alleati e sostenitori siriani e iraniani, di “dedicare tutta la forza e il tempo ai palestinesi”, chiedendo a tutte le fazioni della resistenza nella regione di unirsi e di attuare una strategia comune e un piano pratico per affrontare tale minaccia”, affermava”. Israele era dietro la campagna per smantellare Siria ed Iraq. Fallita completamente, la vendetta sarà dura. Hezbollah è meglio armato e addestrato che mai. I gruppi di veterani iracheni e iraniani sono pronti. L’Esercito arabo siriano è molto meglio addestrato ed equipaggiato di prima della guerra. Il leader della resistenza irachena Qais al-Qazali recentemente visitava il sud del Libano osservando il confine con Israele. Esaminava il nuovo campo di battaglia. La nuova grande alleanza d’Israele con l’Arabia Saudita non ne migliora la posizione. Il tiranno Salman e suo figlio sono incerti e le grandi relazioni con Trump si saranno, presumibilmente, ridotte sulla questione di Gerusalemme. Il primo ministro israeliano Netanyahu è sotto pressione interna. Le accuse di corruzione si accumulano e il suo incarico ora è limitato. Chi lo sostituirà? Qual è il nuovo piano che i sionisti scoveranno per reagire alla situazione cambiata?Traduzione di Alessandro Lattanzio

Israele non è più una potenza aerea

PressTV 10 dicembre 2017Ci sono voluti tre anni alle Forze Armate siriane per ristrutturare le unità da difesa aerea, primi bersagli dei terroristi taqfiri che, subito dopo l’inizio della guerra nel 2011, ne attaccarono i siti principali nel sud della Siria. Guidati dal servizio segreto israeliano, i terroristi distrussero queste unità prima di smembrarle e consegnarne i pezzi ai servizi segreti israeliani. Uno dei siti, probabilmente il più grande, vicino al confine israeliano, era a metà strada tra Dara e Qunaytra, nel sud della Siria. Gli attacchi dei terroristi al sito di Tal Hara, al centro di sorveglianza di Saydnaya e al centro di comando aereo tra Jarmanah e al-Maliha, minarono gravemente la difesa aerea siriana. Ma ora è finita e i recenti fallimenti dell’aviazione israeliana lo provano. L’analista libanese Umar Marabuni ritorna su un articolo ripreso dal sito del canale televisivo al-Mayadin.
L’autore evoca la liberazione di Saidnaya e Marj al-Sultan da parte dell’Esercito arabo siriano e degli alleati che permisero alla Difesa Aerea siriana di riattivarsi, “creando nuovi siti di sorveglianza e radar” e ripristinando le batterie della difesa danneggiate. Una delle conseguenze della riabilitazione fu la distruzione da parte della difesa aerea siriana, quasi un anno e mezzo fa, di un aereo da guerra israeliano sulle alture del Golan. Gli israeliani furono presi dal panico, ma non fu l’ultima sorpresa. Due mesi fa, un F-35 israeliano veniva colpito da un S-200 siriano ottimizzato, sistema missilistico di fabbricazione russa su cui la Russia basava la propria difesa missilistica. Questi due eventi scossero lo Stato Maggiore dell’esercito israeliano: l’incidente dell’F-16 israeliano sul Golan, al confine tra Siria, Giordania e Israele, spinse quest’ultimo a cambiare tattica senza rinnovarla: l’Aeronautica militare israeliana riprese le tattiche degli anni ’80 quando colpì le batterie missilistiche SAM-6 della Siria dai cieli del Libano. L’abbattimento dell’F-35 fu il secondo shock, costringendo Israele a cambiare tattica una seconda volta aumentando la quota di volo dei suoi caccia, che prima dell’incidente sorvolavano il Libano a una quota molto bassa per evitare i radar siriani. Israele è riuscito a riconquistare la piena capacità d’attacco aereo in Siria, che inizia a vedere la fine del tunnel? Nulla è meno sicuro. Sfortunatamente per Tel Aviv, gli ultimi due attacchi aerei israeliani contro i sobborghi di Damasco (al-Qiswa e Jamariya) rivelavano un’altra capacità recuperata dalla difesa aerea siriana: le batterie missilistiche siriane intercettavano sei sofisticati missili da crociera israeliani Ariha-1 e LORA. Al quartier generale dell’esercito israeliano regna la totale confusione: è tempo di revisione e soprattutto di chiedersi: cosa fare?
È chiaro che Israele cerca una soluzione. Negli anni ’70, fece la stessa cosa: moltiplicò gli attacchi limitati e sporadici per distruggere la forza aerea siriana. Ma il problema non è lo stesso. L’Aeronautica siriana degli anni ’70 non ha nulla a che fare con la difesa aerea attuale dell’Esercito arabo siriano. Gli aerei israeliani troveranno difficile impegnarsi in un grande combattimento aereo data la dispersione delle unità antiaeree siriane in tutta la Siria e, soprattutto, il netto miglioramento della qualità dei sistemi d’intercettazione. L’S-200 o SAM-5, con una gittata di 150 chilometri vicino a al-Zamir e Homs, copre quasi l’intero cielo siriano. Ma ci sono anche il Buk-M2, con un raggio di 50 chilometri, e il Pantsir-S1, che ha una portata identica. Queste batterie possono intercettare i missili da crociera israeliani. La Russia ha danneggiato gli interessi d’Israele?Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Stato di paura: come i più micidiali bombardamenti della storia crearono l’attuale crisi in Corea

Ted Nace, Mondialisation, 9 dicembre 2017Mentre il mondo osserva con crescente preoccupazione tensioni e retorica bellicosa tra Stati Uniti e Corea democratica, uno degli aspetti più notevoli della situazione è la mancanza di qualsiasi riconoscimento pubblico del motivo dei timori della Corea democratica, o come l’ha definito l’ambasciatrice dell’ONU Nikki Haley, “stato di paranoia”, cioè l’orribile campagna di bombardamento statunitense durante la Guerra di Corea, dal numero senza precedenti di vittime. Anche se non sapremo mai tutti i fatti, le prove disponibili portano a concludere che i bombardamenti di città e villaggi nella Corea democratica uccisero più civili di qualsiasi altra campagna di bombardamenti nella storia. Lo storico Bruce Cumings descrive la campagna dei bombardamenti come “probabilmente uno dei peggiori episodi di violenza statunitense scatenata contro un altro popolo, ma certamente quella meno nota agli statunitensi”. La campagna, condotta tra il 1950 e il 1953, uccise 2 milioni di nordcoreani secondo il generale Curtis LeMay, capo del comando aereo strategico e organizzatore del bombardamento di Tokyo e di altre città giapponesi. Nel 1984, LeMay disse all’ufficio dell’Aeronautica che il bombardamento della Corea democratica “uccise il 20% della popolazione“. Altre fonti citano un numero leggermente inferiore. Secondo i dati raccolti dai ricercatori del Centre for the Study of Civil War (CSCW) e dall’International Peace Research Institute di Oslo (PRIO), la “migliore stima” dei decessi civili in Corea democratica è 995000, con una stima minima di 645000 e una massima di 1,5 milioni. Sebbene metà delle stime di LeMay, CSCW/PRIO calcola che 995000 morti superassero le vittime civili di qualsiasi altra campagna di bombardamenti, tra cui quella sulle città tedesche durante la seconda guerra mondiale, che fece tra 400000 e 600000 morti, i bombardamenti incendiari e nucleari delle città giapponesi causarono tra 330000 e 900000 morti; i bombardamenti in Indocina tra il 1964 e il 1973 causarono tra 121000 e 361000 morti, durante le operazioni Rolling Thunder, Linebacker e Linebacker II (Vietnam); Menu e Freedom Deal (Cambogia) e Barrel Roll (Laos). Il pesante bilancio dei bombardamenti della Corea democratica è tanto più notevole in quanto la popolazione del Paese era relativamente modesta: solo 9,7 milioni nel 1950. In confronto, c’erano 65 milioni di persone in Germania e 72 milioni in Giappone alla fine della seconda guerra mondiale. I bombardamenti dell’Aeronautica degli USA sulla Corea democratica impiegarono tattiche sviluppate durante la Seconda guerra mondiale per bombardare Europa e Giappone: esplosivi per distruggere edifici, napalm e altre armi incendiarie per innescare massicci incendi e bombardamenti pesanti per impedire alle squadre antincendio di estinguerli. L’uso di tali tattiche non era evidente. Secondo la politica statunitense all’inizio della guerra di Corea, fu vietato il bombardamento incendiario dei civili. Un anno prima, nel 1949, diversi ammiragli della Marina degli Stati Uniti condannarono tali tattiche al Congresso. Durante la “rivolta degli ammiragli”, la Marina sfidò i colleghi dell’Aeronautica sostenendo che bombare i civili era controproducente dal punto di vista militare e violava gli standard morali internazionali.
Giunte nel momento in cui il tribunale di Norimberga sensibilizzò l’opinione pubblica sui crimini di guerra, le critiche degli ammiragli furono riprese dall’opinione pubblica. Pertanto fu vietato attaccare le popolazioni civili secondo la politica degli Stati Uniti all’inizio della guerra di Corea. Quando il generale George E. Stratemeyer dell’Aeronautica militare chiese il permesso di usare gli stessi metodi di bombardamento, su cinque città nordcoreane, di quelli che “piegarono il Giappone”, il generale Douglas MacArthur respinse la richiesta, invocando la “politica generale”. Cinque mesi dopo l’inizio della guerra, mentre le forze cinesi intervennero a fianco della Corea democratica e le forze delle Nazioni Unite si ritiravano, il generale MacArthur cambiò posizione e accettò la richiesta del generale Stratemeyer, il 3 novembre 1950, di bruciare la città nordcoreana di Kanggye e diverse altre: “Bruciale! Meglio ancora, Strat, brucia e distruggi qualsiasi città o villaggio pensi abbia interesse militare per il nemico”. La stessa sera, il capo di Stato Maggiore di MacArthur disse a Stratemeyer che anche il bombardamento di Sinuiju veniva approvato. Nel diario, Stratemeyer riassume le istruzioni: “Ogni edificio, ogni sito e ogni villaggio della Corea democratica diventa un bersaglio militare e tattico“. Stratemeyer ordinò alla Quinta Forza Aerea e al Comando Bombardieri di distruggere tutti i mezzi di comunicazione e tutti i servizi, le fabbriche, città e villaggi. Sebbene l’Aeronautica fosse diretta nelle comunicazioni interne sulla natura dei bombardamenti, incluse mappe che mostravano l’esatta percentuale incenerita di ogni città, le comunicazioni alla stampa descrissero i bombardamenti come incentrati esclusivamente su “concentramenti di truppe nemiche, depositi, edifici militari e linee di comunicazione“. Gli ordini della Quinta Forza Aerea erano chiari: “Gli aerei della Quinta Forza Aerea distruggeranno tutti gli obiettivi, inclusi gli edifici che possono servire da rifugio“. In meno di tre settimane dal bombardamento di Kanggye, furono incendiate dieci città, tra cui Chosan (85%), Hoeryong (90%), Huichon (75%), Kanggye (75%), Kointong ( 90%), Manpochin (95%), Namsi (90%), Sakchu (75%), Sinuichu (60%) e Uichu (20%). Il 17 novembre 1950, il generale MacArthur disse all’ambasciatore statunitense in Corea John J. Muccio, “Sfortunatamente, questa regione sarà trasformata in un deserto“. Con “questa regione“, MacArthur indicava l’intera area tra “le nostre attuali posizioni e il confine”.
Mentre l’Aeronautica continuava a bruciare le città, seguiva da vicino i livelli di distruzione inflitti:
* Anju – 15%
* Chinnampo (Nampo) – 80%
* Chongju (Chongju) – 60%
* Haeju – 75%
* Hamhung (Hamhung) – 80%
* Hungnam (Hongnam) – 85%
* Hwangju (Contea di Hwangju) – 97%
* Kanggye – 60% (precedentemente stimato al 75%)
* Kunu-ri (Kunu-dong) – 100%
* Kyomipo (Songnim) – 80%
* Musan – 5%
* Najin (Rashin) – 5%
* Pyongyang – 75%
* Sariwon (Sariwon) – 95%
* Sinanju – 100%
* Sinuiju – 50%
* Songjin (Kimchaek) – 50%
* Sunan (Sunan-guyok) – 90%
* Unggi (Contea di Sonbong) – 5%
* Wonsan (Wonsan) – 80%
Nel maggio 1951, una squadra investigativa internazionale dichiarò: “I membri, durante il viaggio, non videro una singola città che non fosse stata distrutta, e c’erano pochissimi villaggi intatti“. Il 25 giugno 1951, il generale O’Donnell, comandante del Comando bombardieri dell’Estremo Oriente, testimoniò in risposta a una domanda del senatore Stennis (“...La Corea democratica è stata praticamente distrutta, no?“) “Oh, sì .. direi che quasi tutto nel nord della penisola coreana è in condizioni terribili. Tutto è distrutto. Non c’è nulla che valga essere nominato… Poco prima dell’arrivo dei cinesi, i nostri aerei erano inchiodati a terra. Non è rimasto nulla da bombardare in Corea“. Nell’agosto 1951, il corrispondente di guerra Tibor Meray dichiarò di aver assistito alla “totale devastazione tra il fiume Yalu e la capitale” e “che non c’erano più città nella Corea democratica“, aggiungendo che “mi sentivo come se viaggiassi sulla luna perché c’era solo devastazione… Ogni città non era altro che un allineamento di camini“.
Diversi fattori si combinarono aumentando la mortalità dei bombardamenti incendiari. Come si apprese durante la seconda guerra mondiale, gli attacchi incendiari potevano devastare le città a velocità incredibile: il bombardamento della Royal Air Force di Wurzburg, in Germania, negli ultimi mesi di guerra impiegò solo 20 minuti per avvolgere la città in una tempesta di fuoco con temperature stimate a 1500-2000° C. La gravità dell’inverno nordcoreano contribuì ai raccapriccianti dati dei bombardamenti. A Pyongyang, la temperatura media di gennaio è -13°. I peggiori bombardamenti si verificarono nel novembre 1950, chi sfuggì alla morte per incendio morì di freddo nei giorni e mesi successivi. I sopravvissuti crearono dei ripari di fortuna in canyon, caverne o cantine abbandonate. Nel maggio 1951, una delegazione della Federazione internazionale delle donne democratiche (WIDF) visitò la città bombardata di Sinuiju: “La stragrande maggioranza delle persone vive in trincee scavate e rinforzate con legno di recupero. Alcuni di tali rifugi hanno tetti di tegole e di legno, recuperati da edifici distrutti. Altri vivono in cantine rimaste intatte dopo il bombardamento e altre ancora in tende di paglia con carpenteria recuperata da edifici distrutti e in capanne di mattoni e macerie senza malta“. A Pyongyang, la delegazione descrisse una famiglia di cinque persone, tra cui un bambino di tre anni e uno di otto mesi, che viveva in uno spazio sotterraneo di due metri quadrati, a cui si poteva accedere solo percorrendo un tunnel di tre metri. Un terzo fattore fu l’uso intensivo del napalm. Sviluppato all’Università di Harvard nel 1942, la sostanza appiccicosa e infiammabile fu usata per la prima volta durante la Seconda guerra mondiale. Diventò un’arma chiave durante la guerra di Corea, quando ne vennero usate 32557 tonnellate; secondo lo storico Bruce Cumings la logica fu la seguente: “Sono selvaggi, il che ci dà il diritto di spalmare napalm sugli inermi“. Molto tempo dopo la guerra, Cumings descrisse l’incontro con un anziano sopravvissuto: “All’angolo di una strada c’era un uomo (penso che fosse un uomo o una donna con le spalle larghe) che aveva una curiosa crosta viola su ogni parte visibile della pelle, spessa sulle sue mani, sottile sulle braccia, coprendosi completamente la testa e il viso. Era calvo, non aveva orecchie o labbra e gli occhi, senza palpebre, erano di un bianco grigiastro, senza pupille… Questa crosta violacea risultò dal contatto col napalm, poi il corpo della vittima, non curata, guarì in un modo o nell’altro“. Durante i colloqui per l’armistizio alla fine dei combattimenti, i comandanti statunitensi non avevano più città da colpire. Per fare pressione sui negoziati, diressero i bombardamenti sulle grandi dighe coreane. Come riportato dal New York Times, le inondazioni causate dalla distruzione di una diga “liberarono” 40 km di valle distruggendo migliaia di ettari di riso appena piantato. All’indomani dei bombardamenti incendiari contro Germania e Giappone durante la Seconda guerra mondiale, un gruppo di ricerca del Pentagono di 1000 membri redasse una valutazione completa nota come “US Strategic Bombing Survey“. L’USSBS pubblicò 208 volumi per l’Europa e 108 per il Giappone e il Pacifico, tra cui il numero di vittime, interviste con sopravvissuti e indagini economiche. Tali rapporti redatti industria per industria furono così dettagliati che la General Motors li usò per avere con successo dal governo degli Stati Uniti 32 milioni di dollari per i danni alle sue fabbriche tedesche.
Dopo la guerra di Corea, non fu fatta alcuna registrazione dei bombardamenti, ad eccezione delle mappe interne per l’Aeronautica che mostravano la distruzione città per città. Queste carte rimasero segrete per venti anni. Quando furono declassificate, di nascosto nel 1973, l’interesse degli Stati Uniti per la Guerra di Corea era svanito da tempo. È solo negli ultimi anni che il quadro completo comincia ad emergere negli studi di storici come Taewoo Kim del Korean Korea Analysis Institute, Conrad Crane dell’Accademia Militare degli Stati Uniti e Su-kyoung Hwang dell’Università della Pennsylvania. Nella Corea democratica, la memoria è perpetuata. Secondo lo storico Bruce Cumings, “Fu la prima cosa che la guida mi disse”. Cumings scrive: “La campagna senza ostacoli dei bombardamenti incendiari al Nord durò tre anni, dando origine a un deserto e a popolo di talpe sopravvissute che imparò ad amare il riparo di caverne, montagne, tunnel e ridotte, un mondo sotterraneo diventato la base per la ricostruzione di un Paese e ricordo per costruire un feroce odio tra la popolazione“. Ancora oggi, la campagna dei bombardamenti incendiari contro città e villaggi della Corea democratica rimane ignota al pubblico e non è riconosciuta nelle discussioni nei media sulla crisi, nonostante l’ovvia importanza per la Corea democratica nel persegue il programma di deterrenza nucleare. Senza conoscere e confrontarsi con questi fatti, non possiamo comprendere i timori al centro degli atteggiamenti e delle azioni della Corea democratica.Traduzione di Alessandro Lattanzio