Siria: verso la Liberazione di Aleppo est

Moon of Alabama 5 dicembre 2016

Questa è la situazione ad Aleppo dal 4 dicembre. L’area verde è occupata da al-Qaida ed alleati, sarà presto spazzata via.e-aleppo20161204Il ministro degli Esteri inglese dice che la vittoria del governo siriano ad Aleppo non è per nulla un bene. Bollocks e i suoi camerati evidentemente hanno mollato e si lamentano per salvarsi la faccia. Alleanza della Siria è vincente, la politica degli Stati Uniti cambia e la fine della guerra è ormai prossima. L’operazione di propaganda dell’MI-6 “Bana al-Abad” è fallita. La prima stella dell’operazione era una bambina di Aleppo che non sapeva l’inglese, ma la politica mondiale ha saputo twittarla in perfetto inglese, anche quando internet ad Aleppo non c’era. Ora è scomparsa, proprio come una delle prime operazioni di propaganda anti-siriane, la “lesbica di Damasco”, fallita nel 2011 poco prima che l’autore, uno statunitense che viveva in Scozia, venisse denunciato. Che diranno i media che volontariamente hanno spacciato le sciocchezze su “Bana”, ai loro lettori? Dall’inizio dell’offensiva dell’Esercito arabo siriano contro i taqfiri ad Aleppo est, oltre 21000 civili sono fuggiti verso le zone governative occidentali. Diversi media confermano che questi civili erano ostaggio dei taqfiri e che fuggivano sotto il loro tiro: “Eravamo sotto pressione con ogni mezzo, psicologico e finanziario. I terroristi cercavano d’impedirci di uscire fin quando l’esercito arrivò“, ha detto Amina Ruayn, fuggita con il marito, sette figlie e tre figli. “Siamo finiti sotto il tiro dei terroristi appena ce ne siamo andati e l’esercito ha colpito il minareto da cui sparava il cecchino, e poi siamo andati via“, ha detto. Circa 500 terroristi tra i civili si sono arresi all’Esercito arabo siriano. 480 erano del posto e non sapendo dove andare si sono impegnati a porre fine ai combattimenti. I restanti vogliono rimanere e continuare fino alla morte, sabotando i piani del segretario di Stato degli USA Kerry, che cerca un altro cessate il fuoco con cui far uscire i terroristi di al-Qaida, ma altri taqfiri occupano Aleppo est. Kerry arriva tardi comunque. L’accordo non è più in discussione e l’UE ha idee peggiori, vuole corrompere il governo siriano per mantenere al potere i terroristi. Uno scherzo! Le forze russe e siriane non lasceranno alcun terrorista vivo o alcun centimetro di Aleppo occupato da essi. E poi sarà lo stesso in tutta la Siria.
Nuove vie d’uscita controllate per la popolazione civile e terroristi che vogliono arrendersi saranno aperte a breve. Le vecchie vie d’uscita sono completamente sotto il controllo del governo siriano. Dubito che ci sono molti civili. Come avevo stimato il 15 ottobre: “Sulla base dei numeri a Daraya e altri assedi in Siria, vi sono probabilmente non più di 4-5000 combattenti e 3-5000 civili, ovvero i loro famigliari, nella zona est di Aleppo. Il totale potrebbe facilmente essere circa 20000”.
I funzionari dell’agenzia dei rifugiati delle Nazioni Unite hanno raccontato fiabe su 270000 civili assediati ad Aleppo est. I vari media “occidentali” lo ripetevano a pappagallo. Oltre il 60% del territorio è stato liberato. La Croce Rossa Internazionale l’ha trovato vuoto. Dove sono le centinaia di migliaia di civili che le Nazioni Unite si sono sognate? Ci sono ancora attacchi dalle zone dei taqfiriti contro il territorio governativo nelle zone occidentali, e ciascuno di essi costa vite. Secondo SANA, 8 persone sono state uccise e 25 ferite il 5 dicembre quando i taqfiriti hanno sparato razzi sulle zone residenziali di Aleppo ovest. Un ospedale da campo russo istituito negli ultimi giorni, per aiutare i rifugiati provenienti da Aleppo est, veniva attaccato dai taqfiriti “moderati”. Una dottoressa russa è stata uccisa, diversi altri feriti e l’ospedale distrutto. Tali attacchi creano l’urgenza di svuotare la sacca il prima possibile. Ci sono molti altri motivi, inoltre, perché l’attacco ad Aleppo est proceda molto più velocemente del previsto. Ogni volta che l’Esercito arabo siriano ed alleati rallentano, i terroristi occupano la sacca. Il 4 dicembre, il gruppo di al-Qaida Jabhat al-Nusra, si è unito al gruppo Zinqi, armato dalla CIA, nell’attaccare le basi di altri gruppi armati, che controllavano magazzini di cibo e munizioni. Tali lotte intestine sono ideali per le forze siriane che avanzano in modo inaspettato. Le forze governative siriane non procedono lungo le linee attese dagli esperti, non attaccano lungo le strade principali o gli assi con evidenti punti di controllo e trappole tese dai nemici, ma ne sondano i fianchi fin quando trovano un punto debole spezzandolo per effettuare massicci attacchi alle difese nemiche dal tergo. I 25000 combattenti dell’Esercito arabo siriano e 10000 alleati (4000 dall’Iraq, 4000 dall’Iran e 2000 di Hezbollah) hanno un inaudito supporto da aerei ed elicotteri siriani. I rapporti sui “bombardamenti russi” ad Aleppo est, delle ultime sei settimane, sono tutti falsi. Solo l’Aeronautica siriana è attiva sulla zona.
Il piano generale è scacciare i taqfiriti dalla piccola sacca ad Aleppo est (la “città vecchia”) e poi negoziare la loro dipartita per Idlib, nel nord-ovest della Siria. Idlib è travolta da lotte intestine tra i vari terroristi a cui fu offerta l’uscita dalle zone presso Damasco, Homs e Hama. Sarà presto un poligono di tiro per le forze aeree siriane e russe. I terroristi fuggono in Turchia, incubo di Erdogan, e da lì magari per le città europee “occidentali”, dove saranno coccolati e riposeranno fin quando i loro padroni vorranno un’altra guerra.

cyrqkv0w8aec1xg-jpg-large

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria: i terroristi crollano e l’Egitto entra nella lotta

Moon of Alabamae-aleppo20161127L’Esercito arabo siriano (EAS) e i suoi alleati hanno compiuto enormi progressi ad Aleppo nord, dove, come ovunque, i fronti terroristici crollano. La disunione nell’opposizione, riflesso della disunione tra i loro mandanti, ha sconvolto le loro tentate nuove iniziative. La campagna aerea russa in gran parte sulle retrovie dei “ribelli” ne ha diminuito le riserve di materiale e personale. Un nuovo aiuto all’alleanza siriana arriverà presto dalle forze egiziane. Con le varie enclavi “ribelli” eliminate da combattimenti o accordi di pace, altre truppe siriane saranno liberate e disponibili per le nuove operazioni. La Turchia avrebbe ritirato i suoi piani su Siria (e Iraq). Con più forze a disposizione e sotto lo scudo aereo della Russia, solide nuove operazioni dell’EAS su Idlib, a nord, e su Raqqa, ad est, ora diventano possibili. Dopo la rottura del fronte jihadista nel nord-est della sacca di Aleppo, le difese sono crollate completamente. I terroristi si sono dovuti ritirare da un terzo di Aleppo est occupata dai terroristi, che ora cedono rapidamente alle forze governative siriane. La ragione principale della sconfitta dei terroristi è, tadaaah, la “mancanza di ospedali”: “I rivoluzionari combattono ferocemente ma il volume dei bombardamenti e l’intensità dei combattimenti, i morti e i feriti, e la mancanza di ospedali, giocano un ruolo nel crollo di questa prima linea”, ha detto un capo di Jabhat al-Shamiya, uno dei più grandi gruppi che combattono contro Assad nel nord della Siria”. La distruzione dell’ultimo ospedale per gatti transessuali ad Aleppo con una bomba-barile termobarica nucleare, è stata la svolta della lotta. Credo sia la prima volta che una simile ridicola scusa propagandistica venga usata come scusa per la sconfitta. In realtà, le forze siriane evitano perdite e usano la schiacciante potenza di fuoco per aprire la strada alla fanteria, demolendo ogni difesa che i “ribelli” possano porre, anche prima che i combattimenti inizino. Solo truppe coriacee e molto disciplinate potrebbero tenere tale linea sotto il fuoco, opponendo una vera resistenza. I “ribelli” no. Circa 1500 i civili fuggiti da Aleppo est presso l’EAS. (Nuovi rapporti parlano di 4000, dimostrando che i “ribelli” li tenevano in ostaggio). La propaganda USA/ONU su 200000-300000 civili ad Aleppo est si dimostra rapidamente una sciocchezza (e un pizzo) quale è da sempre. Le aree liberate non hanno quasi civili. Come dimostrato a metà ottobre, il numero reale di persone ad Aleppo est era probabilmente 5000 terroristi (meno ora), metà dal nucleo di al-Qaida, e probabilmente 20000 civili, familiari dei terroristi. (E’ possibile che anche questo sia troppo sovrastimato). Ad est di Aleppo, i turchi puntavano su al-Bab, ma sono stati fermati da un attacco aereo siriano, coperto dai russi. I piani di Erdogan per un’entità filo-turca almeno su al-Bab, Raqqa e Manbij, vanno in fumo. Eljia Magnier fornisce un’eccellente panoramica degli interessi dietro le azioni e gli eventi nella zona: Lo stesso giorno, ad un anno di distanza, la Russia ha la rivincita e ferma la Turchia alle porte di al-Bab. Nel sud della Siria, presso Damasco due più piccoli enclavi “ribelli” cedono e si accordano con il governo. I terroristi che promettevano di morire sul campo di battaglia hanno la possibilità di trasferirsi ad Idlib dove saranno poi eliminati (o da cui, probabilmente, fuggiranno in Europa). La sacca jihadista nel Ghuta orientale è stata ridotta nelle ultime settimane, riducendosi a una cittadina vuota ed alcuni villaggi. Sarà eliminata nei prossimi giorni. Un tentativo dei jihadisti di aiutarla nel Ghuta occidentale è fallito: “Qalat al-Mudiq @QalaatAlMudiq, 03:49 – 26 novembre 2016. I ribelli hanno iniziato una nuova battaglia nella provincia di #Quneitra per rompere l’assedio del #Ghuta ovest. Bombardamenti protattivi sono in corso… (una grande “avanzata” e “successi” twittati)… Qalat al-Mudiq @QalaatAlMudiq, 06:53 – 27 novembre 2016. Battaglia terminata dopo disaccordi tra i gruppi coinvolti nella rottura dell’assedio del #Ghuta ovest e l’inizio dell’evacuazione da Qan al-Shaiq”.
I poteri egiziani, per lo più le Forze Armate, hanno scacciato i fratelli musulmani dal governo, che sostenevano i terroristi in Siria e in Libia e che andavano ulteriormente radicalizzandosi. La mossa dell’Esercito egiziano avveniva dopo che i sauditi l’avevano sollecitata, offrendo enormi aiuti economici al nuovo governo. I fratelli mussulmani erano visti come un pericolo da Riyadh. Poi le priorità saudite sono cambiate, e i wahhabiti improvvisamente si sono alleati con gli ideologi della Fratellanza musulmana, e insieme alla Turchia dominata dalla fratellanza e il Qatar suo sostenitore, i nuovi governanti sauditi ampliano le operazioni per imporre regimi islamisti in Libia, Iraq, Siria e Yemen. La situazione è cambiata in Egitto. Turchia e Qatar sono diventati nemici, come i loro ascari in Libia. Quando i sauditi chiesero ufficialmente al governo al-Sisi di sostenere la Fratellanza musulmana, l’alleanza finì. I fratelli mussulmani sono il nemico dell’Egitto, non saranno mai più accettati comunque. Ed ha anche rotto con gli Stati Uniti che sostengono la Fratellanza mussulmana in tutto il mondo. Invece i rapporti amichevoli con la Russia sono stati rinnovati. Cairo ritiene che l’insediamento di un qualsiasi regime islamista in Siria minacci l’Egitto. (Israele potrebbe facilmente trasferire i terroristi che supporta attivamente dalle alture del Golan siriane alla penisola del Sinai). Si ritiene inoltre che l’attuale regime saudita andrà a pezzi per le lotte interne nel 2017. Ora l’Egitto offre un aiuto serio alla Siria nel combattere i nemici. Poche settimane fa una delegazione militare egiziana di alto livello giungeva in Siria per discutere della partecipazione alle operazioni sotto il comando siriano e russo. Si sostiene che aerei ed elicotteri egiziani siano arrivati nell’aeroporto governativo siriana di Hama. L’Egitto ha un grande esercito e l’accesso via mare alla Siria. Può e probabilmente invierà truppe di terra. La Francia aveva costruito le due Mistral per la Russia ma, per via delle sanzioni sull’Ucraina, non le fu permesso di consegnarle alla Russia. Alla fine, le ha vendute all’Egitto. Sono dotate di elicotteri ed elettronica russi, e forse opereranno con ufficiali russi a bordo. Ognuna può trasportare e sbarcare un battaglione completo di 900 uomini, con tutto l’equipaggiamento. Con le navi egiziane fare la spola tra Suez e Lataqia, una brigata di fanteria completa di supporto potrebbe giungere in Siria in pochi giorni. Gli elicotteri russi a bordo delle Mistral sarebbe di supporto aereo e la flotta russa nel Mediterraneo orientale le coprirebbe. Ciò porterebbe una brigata completa capace di combattere in modo coerente e autonomo. Tale unità è più preziosa degli sciiti per lo più irregolari arruolati dagli iraniani nel sostenere la Siria, e che hanno bisogno di supporto logistico e del comando dall’Esercito arabo siriano. Gli egiziani possono, dato il compito, eseguirlo per conto proprio. Per ragioni geopolitiche (Canale di Suez) né USA né Turchia oserebbero toccarli. Vi sono attualmente 4000 iracheni e 4000 sciiti inviate dagli iraniani in Siria. 400 operativi del IRCG iraniano li coordinano. Hezbollah ha inviato circa 2000 forze speciali delle unità Ridwan. La Russia ha oltre alla componente aerea e di difesa aerea, elementi delle forze speciali e commando. La forza egiziana di 4000 soldati non sarebbe enorme, ma sarebbe un buon esempio di lotta congiunta. Il sostegno politico che tale unità simboleggerebbe è certamente di maggior valore. La Francia, che febbrilmente supporta i terroristi in Siria, sarebbe completamente imbarazzata da tale mossa. Il mondo intero riderebbe delle sanzioni alla Russia se le Mistral “egiziane” sostenessero il governo siriano sotto il comando russo. Se ciò accadesse, l’operazione del governo siriano su Raqqa improvvisamente diverrebbe non solo possibile ma anche probabile. L’Esercito egiziano ha una certa esperienza nella lotta ai terroristi nel Sinai. Non teme eccessivamente di fare vittime ed odia gli islamisti. Può facilmente rafforzare le proprie unità sempre per quanto necessario. Se l’Egitto è serio, lo SIIL a Raqqa è finito e il piano degli Stati Uniti sul “principato salafita” nel nord-ovest della Siria e in Iraq sarà sventato. Con tutto ciò e il presidente Trump che potrebbe ritirare il supporto ai terroristi in Siria, la fine della guerra è in vista. Anche se Qatar ed altri continuassero il sostegno promesso, i terroristi non avranno alcuna possibilità contro un’alleanza molto meglio organizzata intorno al governo siriano.
Il Consiglio europeo per gli esteri dominato dagli Stati Uniti ha pubblicato un nuovo documento sulla Siria per i governi dell’Unione europea: Il primo test di Trump sono la politica europea e l’assedio di Aleppo. Il sottotitolo recita: “Non vi è più alcuna reale speranza di deporre Assad. L’Europa deve invece lavorare molto per salvare qualcosa per il popolo siriano”. Un titolo migliore sarebbe stato: come l’UE s’è rovinata e ha perso tutto seguendo pedissequamente la follia degli Stati Uniti e la sua opposizione ad Assad e Russia. L’UE è così disunita ed ottusa che non può nemmeno affrontare il ricatto dell’aspirante sultano turco. Bloccare tutti i crediti comunitari all’economia turca manderebbe in bancarotta il governo di Erdogan in pochi mesi. Putin ha mostrato come gestire il tizio. Come mai nessuno a Bruxelles (e a Berlino) l’ha imparato?25-nov-2016-aleppoTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il nuovo Medio Oriente: l’alleanza Egitto-Siria

Syrian PerspectiveEGYPT-UNREST-SINAI-POLITICSSi è discusso su SyrPer dell’alleanza strategica tra Egitto, Iraq e Siria, coinvolgendo anche Iran, Libia, Algeria, Yemen e Russia. Il filo che segue illustra la visione egiziana dell’alleanza con la Siria. La cronologia è stata ripresa da Sa’ka@BTelawy, una delle migliori fonti di geopolitica e informazioni militari sull’Egitto.
1- La gente dovrebbe sapere che il sostegno dell’Egitto alla Siria non è nuovo o improvviso. Quindi partiamo dal principio.
2- Nel giugno 2013 Mursi ordinava la chiusura dell’ambasciata siriana a Cairo e una zona di non volo sulla Siria, mentre incitava a sostenere l’ELS.
3- Tuttavia, i rapporti diplomatici sono stati restaurati e le ambasciate riaperte solo poche settimane dopo che al-Sisi, nel luglio 2013, rimosse Mursi.
4- Da allora l’Egitto è prudente nelle dichiarazioni ufficiali pur insistendo sulla priorità a preservare i territori siriani e a combattere il terrorismo.
5- Nel 2014, al-Sisi cercò di riannodare le relazioni siriano-saudite con re Abdullah bin Abdalaziz. E avrebbe potuto riuscirci, se non fosse arrivato Salman.
6- Re Salman ribadì il sostegno al terrorismo in Siria, assieme gli occidentali, e rifiutò qualsiasi riconciliazione con il Dottor Bashar al-Assad.
7- Il 2015 fu un anno molto importante dove le cose cominciarono a cambiare, in particolare sul piano diplomatico tra Egitto e Siria.
8- Nel settembre 2015, al-Sisi disse alla CNN di essere contrario a rovesciare il governo siriano con la forza, che avrebbe portato alla partizione della Siria e alla dissoluzione del suo esercito.
9- Nello stesso periodo, fonti riferivano che al-Sisi incontrò Ali Mamluq a Cairo, dopo un incontro tra i vertici delle intelligence egiziana e siriana a Beirut.
10- Il 25 novembre, l’Egitto propose alle Nazioni Unite un piano per il ritiro totale di Israele dal Golan e il ritorno ai confini del 1967 per la Siria
11- Dicembre 2015: il Dottor Bashar al-Assad disse in un’intervista che la cooperazione con l’Esercito egiziano non è mai stata interrotta, neanche nel periodo di Mursi.
12- Ciò significa che i rapporti della sicurezza tra Egitto e Siria non furono mai interrotti durante la guerra. Si parla di cooperazione militare e d’intelligence, ma in che modo?
13- La cooperazione tra le intelligence siriana ed egiziana c’era, ma sul sostegno militare? Certamente riguardò munizioni, equipaggiamenti e supporto logistico,
14- Un esempio, come mai gli elicotteri Gazelle siriani sopravvivono a 5 anni di guerra senza manutenzione e parti di ricambio?
15- L’Egitto è l’unico Paese della regione che produce pezzi di ricambio e ha centri di manutenzione, anche per i lanciarazzi Grad.
16- Ora, negli ultimi 2 mesi, le cose sono accelerate con tre eventi importanti.
17- I funzionari egiziani iniziavano ad indicare nei discorsi in politica estera una visione molto diversa da quella saudita.
18- Il 26 settembre 2016, il Ministro degli Esteri egiziano Samah Shuqri affermava che i sauditi volevano cambiare il governo di al-Assad, ma l’Egitto non guarda a tale approccio
19- L’8 ottobre 2016, l’Egitto votava la risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’ONU della Russia sulla Siria e rifiutò di accusare l’EAS di crimini di guerra in una lettera firmata da 62 Paesi.
20- Il 16 novembre una fonte diplomatica egiziana disse che furono adottate misure per ristabilire la coesione tra i Paesi della regione e difendere gli interessi arabi.
21- Poiché alcuni Paesi volevano eliminare l’unità della regione e il ‘nazionalismo arabo’ con la guerra in Siria, Libia, Iraq, Yemen.
22- Il 17 ottobre 2016 vi fu il terzo noto incontro tra le delegazioni dei vertici delle intelligence egiziana e quella siriana guidata da Ali Mamluq, a Cairo.
23- Infine, il 20 ottobre 2016 l’Egitto annunciava il coordinamento con il governo della Siria e le Nazioni Unite, per supervisionare l’invio di aiuti umanitari e l’evacuazione dei feriti.
24- Si notava il crescente coinvolgimento dell’Egitto nel conflitto siriano, nel 2014-2016, e di fatto un sostegno mai interrotto.
25- Quando la politica non porta da alcuna parte, non ci sono molte opzioni. Ora si parla di truppe egiziane in Siria.
26- Fonti confermano che un mese fa ufficiali egiziani erano in Siria mentre il Ministro degli Esteri lo negava dicendo che non vi erano truppe “a combattere”.
27- Sì, non ci sono truppe coinvolte nei combattimenti, ma non significa che non ci siano consiglieri egiziani sul campo in Siria.
28- Ufficiali egiziani sono presenti su tutti i fronti della Siria, in particolare a Palmyra, che significa?
29- Ciò che è sicuro è che l’Egitto sostiene militarmente l’EAS e le sue truppe sono schierate per l’addestramento. (Non si dimentichi che l’EAS è la 1.ma Armata dell’Egitto).
30- Ci si può aspettare un coinvolgimento di unità aeree e speciali, ma il dispiegamento di una divisione corazzata? Non penso.
31- L’Egitto non è pronto ad impegnarsi in una guerra all’estero, ma può aiutare in altri modi. Un esempio, il nuovo 5.to Corpo.
32- Sono abbastanza sicuro che l’Egitto contribuisca a formare il 5.to Corpo, per la somiglianza con le forze di intervento rapido che ha creato,
33- L’aiuto è nello scambio di esperienze sul campo di battaglia con l’EAS, nella formazione di unità e nello sviluppo di equipaggiamento e tattiche, ecc.
34- Vi sarebbe un eccezione, il supporto aereo sui fronti di Raqqa/Dayr al-Zur, ma non ora. Penso che sia questione di tempo, e lo vedremo nel 2017.
35- Poche settimane fa l’Iraq annunciava che, dopo Mosul, aiuterà l’EAS a riprendere Raqqa, si comprende cosa significa?
36- Alti ufficiali egiziani si sono recati in Siria, di certo, e molte cose buone dovrebbero essere annunciate a breve da entrambe le parti
37- Una delle possibilità è che le truppe egiziane siano incaricate di proteggere alcune città siriane liberate nelle operazioni delle unità dell’EAS.
38- Concludendo, Egitto e Siria hanno legami storici molteplici, che nessuno può rompere, neanche con miliardi di dollari.
Col tempo si vedrà. La Siria è una questione di sicurezza nazionale per l’Egitto e rappresenta la nostra 1.ma Armata, non possiamo abbandonare i nostri fratelli.cuo1o6vwaaathcd-jpg-largeTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I disaccordi tra Egitto ed Arabia Saudita riflettono i problemi mediorientali

Pogos Anastasov New Eastern Outlook 21/11/2016

egypt_political_mapL’11 novembre, il Ministro delle Finanze egiziano Amir al-Garhy riferiva che la Repubblica araba d’Egitto (RAE) avrà un prestito da 12 miliardi di dollari dal Fondo Monetario Internazionale. L’Egitto, che affronta una grave crisi economica, ne ha un disperato bisogno. Il 40% degli oltre 80 milioni di cittadini del Paese è sulla soglia della povertà, mentre il 51,2% dei giovani è disoccupato. Nel novembre 2016, questa spiacevole situazione s’è ulteriormente deteriorata. A causa dei problemi finanziari, deficit di bilancio e condizioni dure stabilite dal FMI per la concessione dei prestiti, il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi ha dovuto liberalizzare la lira egiziana (il tasso di cambio è sceso a 18 lire per dollaro dalle 12 lire precedenti) e aumentare bruscamente i prezzi di benzina, gasolio e olio combustibile. E’ un passo piuttosto rischioso alla vigilia dell’inverno, soprattutto quando il Paese importa molta energia e prodotti alimentari. Questa misura disperata è dovuta a diverse circostanze. Cominciamo con il fatto che la situazione economica è peggiorata per via del terrorismo scatenato dai Fratelli Musulmani dopo il rovesciamento del loro capo M. Mursi, nell’estate 2013, che ha portato a una forte riduzione dei ricavi del turismo e al deflusso degli investimenti, le più importanti fonti della ricchezza del Paese. Ma questa non è l’unica ragione. Il grave deterioramento della situazione è stata in parte causata dalla sospensione dell’invio delle 700 mila tonnellate di gasolio, benzina e olio combustibile dall’Arabia Saudita a condizioni preferenziali (un prestito al 2% annuo, con 3 anni di sospensione) a fine settembre. Come è ben noto, questi accordi, così come la promessa dell’Arabia Saudita di aiutare l’Egitto con 24 miliardi di dollari, sostenendo la lira egiziana, furono raggiunti durante la visita di re Salman a Cairo ad aprile. All’epoca, la visita fu definita storica. Riyadh, che è anche in difficoltà economiche per il calo di quasi tre volte del prezzo del petrolio dalla fine del 2014, ha accettato queste spese per una serie di motivi. La ragione principale è che la monarchia saudita considera l’Egitto strumento principale per contrastare influenza iraniana in tutte le forme. Il rovesciamento del regime dei Fratelli musulmani fu sostenuto da Riyadh per il timore che Mursi sviluppasse rapporti con Teheran, considerato principale nemico geopolitico, economico, ideologico e militare di Riyadh. Con il versamento dell’enorme somma a Cairo, la monarchia saudita voleva certe garanzie in cambio. Prima di tutto, le isole Tiran e Sanafir, dalla posizione strategica nel Mar Rosso nei pressi del Golfo di Aqaba. Controllarle significa che controllare le navi che entrano ed escono dai porti di Israele e Giordania, così come il traffico di petroliere (anche iraniane) attraverso il canale di Suez. Un altro importante obiettivo era incoraggiare l’Egitto a sostenere l’Arabia Saudita nello Yemen, dove Riyadh attua una dura campagna militare, senza possibilità di vittoria, dal marzo 2015. Le forze aeree egiziane infatti aderirono, ma solo imponendo una zona di non volo nello Yemen finora. In ultima analisi, sfruttando i problemi economici di Cairo, i sauditi volevano subordinare l’Egitto ai propri fini e costringerlo ad abbandonare le pretese di leadership nel mondo arabo e passarla a Riyadh.
Gli ultimi sei mesi hanno dimostrato che i sauditi sono insoddisfatti dal comportamento della leadership egiziana, che ha preso il denaro ma non ha adempiuto alle aspettative. Come si è scoperto, gli egiziani non cederanno le isole nel Mar Rosso al “legittimo proprietario”. Mentre secondo i media ufficiali Tiran e Sanafir hanno sempre fatto parte dell’Arabia Saudita e furono prestate all’Egitto nel 1950, i leader dell’opinione pubblica in Egitto hanno altre versioni: l’Accordo sui confini marittimi firmato tra Egitto ed Impero ottomano nel 1906 riconosce la sovranità dell’Egitto su queste isole. Di conseguenza, il trasferimento delle isole passa ai tribunali. Il Tribunale amministrativo dell’Egitto, del Consiglio di Stato della RAE, ha confermato la precedente decisione del tribunale che invalida l’accordo siglato ad aprile sul trasferimento delle isole all’Arabia Saudita, e l’appello del governo è stato respinto. Tuttavia, la Commissione di Stato ha contestato queste decisioni, e la Corte sulle questioni urgenti ha sospeso la decisione del Tribunale amministrativo a settembre. Anche se il governo riesce a cambiare la situazione entro il quadro giuridico, l’opinione pubblica in Egitto si oppone fermamente al trasferimento delle isole e al-Sisi deve tenerne conto. Inoltre, l’Egitto non ha cambiato posizione nei confronti della crisi yemenita e, a quanto pare, non ha aumentato il contributo alla campagna militare nello Yemen. Nel frattempo, l’Arabia Saudita non vuole che i suoi soldati vi combattano. Cairo non segue le contorsioni diplomatiche saudite neanche in Libia. Dal giugno 2016, il Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate libiche, il maresciallo Qalifa Balqasim Haftar. non è più gradito a Riyadh, mentre Cairo l’usa attivamente per creare una zona cuscinetto al confine con Fratellanza musulmana, SIIL, al-Qaida ed altri gruppi terroristici provenienti da tutto il mondo e che hanno occupato la Libia occidentale (Tripolitania). Tuttavia, la goccia che fa traboccare il vaso per la famiglia reale saudita è il voto dell’Egitto al progetto di risoluzione russa sulla Siria al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ad ottobre (Cairo è un membro non permanente) e il riavvicinamento aperto tra Cairo e Mosca, che arriva all’addestramento militare congiunto con i russi, “non autorizzato” da Riyadh e alla decisione di acquisire gli elicotteri russi Ka-52 per le portaelicotteri Mistral originariamente costruite per la Russia, ma in seguito acquistate dagli egiziani con fondi sauditi (secondo voci nelle due capitali). Inoltre, Cairo ha rifiutato di condannare le azioni delle forze aerospaziali russe ad Aleppo, come richiesto dall’Arabia Saudita. Tuttavia, le sanzioni all’Egitto dei sauditi hanno avuto un effetto contrario su Cairo. Il tasso della lira potrebbe cadere e la situazione economica deteriorarsi, ma l’Egitto non abbandona la politica estera indipendente. Piuttosto al contrario. Il maresciallo Qalifa Balqasim Haftar ha risolto parte dei problemi sui carburanti, controllando i principali campi petroliferi della Libia in estate. Il resto dei problemi può essere risolto con rifornimenti da altri Stati, tra cui il nemico di Riyadh, l’Iran, o addirittura l’Azerbaigian (un protocollo d’intesa è stato firmato con la SOCAR dellAzerbaigian). Non è un caso che il 6 novembre siano apparse voci sulla visita imminente del Ministro del Petrolio dell’Egitto Tariq al-Mula in Iran. Non sono state ancora confermate, ma non c’è fumo senza fuoco… la leadership egiziana sicuramente vede che l’alternativa al riavvicinamento con l’Arabia Saudita esiste…
La rottura tra i due Paesi non è ancora aperta, la ricerca di un terreno comune e del compromesso è in corso, dimostrato dalla mediazione attiva svolta dagli Emirati Arabi Uniti che danno un forte sostegno alla leadership egiziana. Ma è già chiaro che la vittoria di D. Trump incoraggerà al-Sisi nell’intento di ripristinare il ruolo storico dell’Egitto a leader del mondo arabo, e Riyadh non dovrebbe farsi illusioni su ciò.2f6ba84995f83fceddfda6dea13e49bPogos Anastasov, scienziato politico e orientalista, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Medio Oriente in movimento, l’Asse della Resistenza si amplia all’Egitto

Mentre l’Asse della Resistenza si amplia all’Egitto, consolidando la lotta al terrorismo islamista, Renzi sbarca in Libia, a soccorrere gli islamisti di Misurata
Alessandro Lattanzio, 28/10/2016mosul-23-oct-2016-2abanIl 26 ottobre, oltre 100 velivoli e più di 130 centri di comando e controllo venivano allertati in Russia, Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan nell’ambito di una grande esercitazione nella difesa da “violazioni dello spazio aereo, tra cui da aerei dirottati” e nell'”assistenza agli equipaggi di aerei in difficoltà“. Tra i velivoli interessati vi erano aerei da combattimento Su-27, MiG-29 e MiG-31, cacciabombardieri Su-24 e Su-34, aerei d’attacco al suolo Su-25, elicotteri da combattimento, unità missilistiche superficie-aria e da guerra elettronica. Bombardieri Tu-160, Tu-95MS e Tu-22M3 svolgevano il ruolo di aggressori negli spazi aerei europei e dell’Asia centrale ed orientale. Tutte le unità si coordinavano con il centro di comando dell’Aeronautica russa di Mosca. Il sistema di difesa aerea congiunto della CIS, istituito nel 1995, è dedicato alla protezione dello spazio aereo delle repubbliche ex-sovietiche, oltre al compito di primo allarme su un attacco missilistico ed aereo, e al coordinamento della risposta.
Il 28 ottobre, il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ospitava gli omologhi iraniano e siriano Mohammad Javad Zarif e Walid al-Mualam, a Mosca, per discutere dell’intensificarsi delle operazioni antiterrorismo in Siria. L’ambasciatore iraniano a Mosca Mahdi Sanayi sottolineava la stretta cooperazione tra Iran e Russia con la Siria nella guerra ai gruppi terroristici, “In generale, Iran e Russia collaborano sulla questione siriana. Ora non ci sono problemi, e consultazioni regolari sulla soluzione della questione siriana sono in corso tra Iran e Russia a diversi livelli”. L’ambasciatore russo a Teheran Levan Jagarjan aveva sottolineato. “I nostri amici iraniani sono informati dei dettagli di ciò che negoziamo con gli Stati Uniti sulla Siria. Tutto è trasparente e i funzionari iraniani ne sono informati”. Queste osservazioni avvenivano dopo che un alto ufficiale delle forze alleate del governo di Damasco aveva ammonito la Turchia a sospendere le incursioni a nord di Aleppo, avvertendo che, “Affronteremo con decisione l’esercito turco che avanza a nord-est di Aleppo. Non permetteremo mai che la Turchia si avvicini alle linee di difesa delle nostre forze alleate con il pretesto di combattere il gruppo terroristico dello SIIL”. Anche l’ex-Generale siriano Haysam Hasun aveva affermato, “Vedremo l’inizio di operazioni militari verso il nord e il nord-est della provincia di Aleppo, presso al-Bab, per bloccare l’avvicinarsi dell’esercito turco e dei terroristi filo-turchi. L’Esercito arabo siriano ha inviato forze verso al-Bab, ad est di Aleppo, tre mesi fa, ma rinviava ulteriori progressi per aiutare le altre unità dell’esercito a consolidare le posizioni a sud e a sud-est di al-Bab e Dabar. Forze siriane e curde hanno avviato il 24 ottobre un’operazione per respingere l’esercito turco nel nord“. Inoltre, l’analista siriano Qamal Fayadh dichiarava che dopo la “Fine della battaglia di Aleppo ci si concentrerà su al-Bab, la più importante ed ultima base dello SIIL nel nord della provincia di Aleppo, una città in cui, nonostante i duri scontri, né i curdi, né le forze turche e i loro alleati dell’ELS avranno il coraggio di entrare, dati gli avvertimenti di Russia e Iran ai turchi“.
qassemsoleimani Il comandante della Forza al-Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione islamica (IRGC) Maggiore-Generale Qasim Sulaymani, giungeva nel centro operativo dell’Hashd al-Shabi di Mosul, per svolgere il ruolo di consigliere dell’operazione anti-SIIL, “Hashd al-Shabi inizierà presto le operazioni ad ovest di Mosul per tagliare le vie di rifornimento dello SIIL con la Siria e sventare i piani degli Stati Uniti di rinviare la partecipazione delle forze popolari nell’operazione, e il Generale Soleimani vi ha aderito in qualità di consigliere militare“, affermava al-Aqbar. Il portavoce delle forze popolari irachene Ahmad al-Asadi aveva confermato che “La presenza del Generale di Brigata Sulaymani nelle operazioni per liberare Mosul e la provincia di Niniwa è necessaria, essendo il più importante consigliere che abbia aiutato il governo iracheno nella guerra contro lo SIIL. Hajj Qasim Sulaymani è uno dei più importanti consiglieri militari della Repubblica islamica dell’Iran, ed è in Iraq su invito, domanda e accordo del governo iracheno“. A giugno, il Ministro degli Esteri iracheno Ibrahim al-Jafari aveva sottolineato che il “Generale Sulaymani è in Iraq su invito del governo iracheno per consigliare le forze irachene” e il comandante dell’Hashd al-Shabi, Abu Mahdi al-Muhandas, a sua volta sottolineava che i “consulenti iraniani, guidati dal caro fratello Qasim Sulaymani, sono al nostro fianco dall’inizio della guerra, e la loro presenza è richiesta dal governo ed è in accordo con il comandante in capo delle Forze Armate irachene“. Inoltre, l’esercito iracheno chiedeva a Mosca di fornire intelligence sui terroristi dello Stato Islamico (IS) attivi a Mosul e dintorni, secondo il quotidiano Izvestija. “Usando l’intelligence elettronica, gli iracheni hanno già intercettato i segnali di chiamata dei comandanti sul campo e sono riusciti a determinare quali unità dello SIIL operano nella zona di Mosul, e attraverso il Centro di coordinamento congiunto di Baghdad richiedevano informazioni su formazioni, consistenza, armi e tattiche dello SIIL. I russi hanno risposto positivamente e preparano i dati che saranno presto consegnati ai militari iracheni”. Il presidente del Consiglio del Comitato della Federazione per gli Affari Esteri, Konstantin Kosachev, confermava che “Russia e Iraq perseguono gli stessi obiettivi nel contesto della lotta al terrorismo, in questo caso sul territorio dell’Iraq. E non vedo alcun ostacolo allo scambio d’intelligence senza alcuna restrizione“, e secondo un rappresentante dell’Hashd al-Shabi (le Forze di mobilitazione del popolo iracheno), “La condivisione dell’intelligence sulle posizioni dei terroristi in Iraq, si svolge ad alto livello fra Baghdad e Mosca. La Russia è un alleato affidabile e supporta l’Iraq inviando armi e munizioni per la lotta ai terroristi dello SIIL. Usiamo elicotteri militari russi. C’è il pericolo di movimenti dei terroristi dall’Iraq alla Siria, e faremo tutto il possibile per eliminare i terroristi qui, sul suolo iracheno“. Gli esperti militari osservavano che l’aiuto russo a Mosul è di fondamentale importanza, e la Russia, in risposta, avrà le informazioni necessarie sui movimenti di terroristi verso il territorio della Siria. Mosca controlla la situazione a Mosul, e come aveva dichiarato il Capo di Stato Maggiore russo Generale Valerij Gerasimov, i militari russi controllano ciò che accade in tempo reale tramite satelliti da ricognizione e velivoli senza equipaggio (UAV). Secondo l’analista militare iracheno Safa al-Asam, “Turchia e Arabia Saudita cercavano di portare al-Baghdadi in Turchia, via Mosul e Qirquq, oppure via al-Qaim, al-Rataba a Dayr al-Zur in Siria, e quindi in Turchia, per poi trasferirlo in Libia. Lo SIIL ora cerca una nuova via attraverso i confini tra Iraq e Siria per portare al-Baghdadi in Turchia e poi in Libia o altrove”. Una fonte irachena aveva detto che “al-Baghdadi era stato gravemente ferito nella battaglia di al-Anbar, nell’ovest dell’Iraq, a settembre, e che le ferite erano tali che non poteva affatto muoversi liberamente“. Secondo altre fonti, invece al-Baghdadi e tre collaboratori erano stati avvelenati, e quindi trasferiti in un luogo sconosciuto. Nel maggio 2016, secondo fonti irachene, al-Baghdadi era rientrato in Iraq dalla Siria, “al-Baghdadi e un gruppo di capi dello SIIL sono tornati di nascosto nella provincia di Niniwa, in Iraq“. Nel novembre 2015 al-Baghdadi si era trasferito a Mosul dalla città siriana di al-Buqamal, dove si era rifugiato ad ottobre, dopo che aerei iracheni ne avevano bombardato il convoglio presso al-Qarablah, eliminando 25 terroristi nell’operazione organizzata dal Centro di condivisione dell’intelligence di Baghdad, gestito delle agenzie d’intelligence iraniane, russe, irachene e siriane. Al-Baghdadi, ferito nel raid aereo iracheno, fu trasferito a Raqqa, dove i chirurghi riuscirono a salvargli la vita, ma senza potersi ristabilire completamente.
isis_egypt_libya Il politologo del Centro studi politico-strategici egiziano Atif al-Sadawi dichiarava “Gli sviluppi internazionali, specialmente sull’Arabia Saudita, hanno costretto l’Egitto a cambiare diplomazia e a ricercare nuovi alleati nei Paesi come Iran, Venezuela e Russia per aiutarlo in tutti i campi. Il ripristino dei legami Cairo-Riyadh è un lavoro molto complicato e difficile in questo momento“, ostacolato dalla posizione dell’Egitto sulla crisi siriana e dalla sconfitta saudita nello Yemen. Ai primi di ottobre, il consigliere del Parlamento iraniano Hossein Amir Abdollahian definiva “costruttiva e utile” la posizione dell’Egitto su crisi siriana e lotta al terrorismo, ed incontrando il rappresentante egiziano Yasir Uthman a Teheran, affermava “Iran ed Egitto sono due grandi e influenti Paesi che possono svolgere un ruolo costruttivo cooperando nella regione per attenuare le tensioni“. Uthman sottolineava che “L’incremento delle consultazioni tra funzionari dei due Paesi sarà efficace nel migliorare la situazione regionale“. In precedenza il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi aveva dichiarato che la “Posizione dell’Egitto sulla situazione in Siria si basa su cinque semplici principi: rispetto dell’integrità territoriale e della volontà del popolo siriani, soluzione politica pacifica della crisi, disarmo degli estremisti, recupero della Siria e ripristino delle istituzioni statali“. L’Egitto, è consapevole di essere obiettivo del jihadismo sponsorizzato dagli Stati Uniti, e la guerra civile in Libia, dove lo SIIL ha il sostegno degli Stati del Golfo, è una minaccia immediata. La Libia con un governo fantoccio controllato dalle potenze del Golfo, potrebbe destabilizzare l’Egitto, e ciò significa che Cairo è interessata ad influenzare l’esito della guerra civile libica. In tale quadro, la Russia è essenziale per l’Egitto, potendo riempire il vuoto causato dall’azione occidentale e potendo difendere l’integrità politica e territoriale dell’Egitto contro ogni minaccia, come ha dimostrato in Siria. Perciò l’Egitto cerca una stretta cooperazione con la Russia. Sul piano militare, ad esempio le navi Mistral acquisite dall’Egitto riceveranno equipaggiamento elettronico ed elicotteri russi, mentre la Marina Militare egiziana aveva già ricevuto una corvetta lanciamissili classe Molnija. Per Mosca, l’Egitto è un baluardo contro l’invasione occidentale ed islamista, una risposta simmetrica all’espansione della NATO e alle rivoluzioni colorate della CIA.
E concludendo proprio sulla Libia, il governo Renzi ha stanziato per la missione Ippocrate, a Misurata, e per la partecipazione italiana ad UNSMIL (United Nations Support Mission in Libya), 17,39 milioni di euro per le spese entro il 31 dicembre 2016. Il contingente Ippocrate, già operativo, comprende 300 militari: 65 per l’ospedale da campo, 135 per il comando e la logistica, e 100 della forza di protezione del 186.mo Reggimento della Brigata paracadutisti Folgore.libya_egypt_mapFonti:
FARS
FARS
FARS
FARS
FARS
Global Research
RID
RussiaToday
South Front