L’innesco: USAID & egemonia degli Stati Uniti

Tony Cartalucci, LD 8 luglio 2016maniUSAIDUna nazione è le sue istituzioni. Se queste istituzioni sono invase e non esistono più, anche la nazione cessa di esistere. Le istituzioni vanno dal governo all’istruzione, sviluppo agricolo ed economico, gestione delle risorse naturali, infrastrutture energetiche, dei trasporti e della sicurezza. A questo si pensa nel concetto di moderno Stato-nazione. Contrariamente alla credenza popolare, invasione ed occupazione di una particolare nazione non è una mera azione militare. Inoltre, per necessità, comporta distruzione, occupazione o sostituzione delle istituzioni menzionate. L’esempio più estremo fu l’invasione dell’Iraq, dove le istituzioni irachene furono da cima a fondo completamente distrutte, sostituite o occupate dall’Autorità Provvisoria della Coalizione (CPA). La CPA era guidata dallo statunitense Paul Bremer che, lungi dall’essere un militare, proveniva dal dipartimento di Stato degli Stati Uniti e aveva in passato diretto organi d’amministrazione finanziaria. La CPA si assunse la responsabilità di tutti gli aspetti della vita in Iraq, dalla privatizzazione dell’economia alla “ricostruzione”, riorganizzando la nazione socialmente, politicamente ed economicamente. Lo spettatore medio si ricorderà lo “shock and awe” del presidente degli Stati Uniti George Bush e le battaglie più note dell’invasione e successiva occupazione. Quello che raramente ricorda è il dominio onnicomprensivo degli Stati Uniti della nazione attraverso una CPA meramente sostenuta dai militari degli Stati Uniti. Eppure, nonostante la natura relativamente noiosa del lavoro della CPA rispetto alle operazioni di sicurezza delle forze statunitensi, la CPA essenzialmente “occupò” e infine conquistò l’Iraq.

USAID & Co., invasione ed occupazione a bassa intensità
Iraq e Afghanistan sono esempi estremi dell’egemonia globale degli Stati Uniti, comprendente invasioni spettacolari, con grandi e lunghe occupazioni militari, e “nation-building” di varie organizzazioni utilizzate dagli Stati Uniti per proiettarsi all’estero. Una di tali organizzazioni è l’USAID. Dovrebbe, ma raramente accade, preoccupare le nazioni che l’USAID abbia svolto un ruolo fondamentale nelle invasione, occupazione e conquista di Iraq e Afghanistan, mentre ha anche una presenza capillare nel mondo ovunque vi siano interessi su cui gli USA rivolgono l’attenzione. L’USAID e un esercito virtuale di organizzazioni non governative (ONG) e aziende di facciata che supporta nel mondo, sono impegnati in attività in altre nazioni che vanno dall’istruzione ad energia, risorse naturali, sviluppo economico, trasporti e sicurezza, in altre parole a tutto ciò cui le nazioni dovrebbero badare da sé. L’USAID non cerca di collaborare sinceramente con i governi, ma invece crea reti che operano in modo indipendente e parallelo ad istituzioni e reti nazionali. L’USAID e la crescente rete di sostegno si estendono in ogni nazione, occupando lentamente le responsabilità in tutte le aree che un governo sovrano dovrebbe gestire, emarginando e svuotando i governi esistenti. Quando le reti parallele hanno il peso decisivo, vengono utilizzate per rimuovere i governi e installarvi un regime cliente al suo posto che risponda soprattutto agli interessi speciali che hanno patrocinato e diretto le attività dell’USAID. L’USAID cerca attivamente di cooptare elementi locali, sia gruppi che persone di valore. In genere mirano a iniziative e ONG indipendenti, motivo per cui USAID ed altre organizzazioni non governative finanziate dal governo degli Stati Uniti sono sempre più impegnate nella cooperazione, anche sponsorizzando creazione e gestione di nuovi spazi nel mondo in via di sviluppo, creandosi un vantaggioso terreno di caccia delle risorse locali.

Il gioco del “Go” globale
L’USAID non da a nessuno “aiuti”, ma invade la nazione presa di mira costruendovi reti su quelle autoctone esistenti, mettendo le persone contro la nazione e rendendo le reti preesistenti irrilevanti. Essenzialmente riempie lo spazio geostrategico, informativo, tecnologico e socio-politico con la propria influenza, eliminando tutto il resto. A differenza del gioco degli scacchi, in cui i giocatori cercano di eliminare i pezzi dell’avversario con un logoramento strategico, USAID ed altre organizzazioni similari perseguono una strategia paragonabile al gioco orientale del Go. Nel Go, i giocatori cercano di mettere il maggior numero di pezzi possibile ai bordi, assumendo il controllo di più territorio. In questo contesto, qualsiasi nazione potrebbe rappresentare la scacchiera, con i vari pezzi in settori quali energia, istruzione, sanità e sicurezza. L’USAID cerca di mettere i propri pezzi in questo ambito, in genere sotto forma di beneficenza o aiuti esteri e prosegue ponendo i propri pezzi sulla scacchiera, grazie a risorse inesauribili e al vantaggio che le sue vere intenzioni sono spesso ignote a governi e popoli delle nazioni in cui opera. Gli Stati Uniti, attraverso l’USAID , essenzialmente agiscono contro attori sprovveduti che non sanno nemmeno che il gioco è iniziato. L’USAID può quindi rapidamente e facilmente sopraffare il regime coi suoi “pezzi”, finanziando ONG, cooptando organizzazioni e singoli di valore e creando istituzioni parallele che seguono i vari aspetti della nazione presa di mira proprio sotto il naso del suo governo. In coordinamento con fronti politici ed altre organizzazioni non governative finanziati dal dipartimento di Stato USA, possono quindi iniziare ad eliminare le istituzioni locali e rovesciare i governi in favore di fantocci gestiti da interessi occidentali o da regimi clientelari piegati alla volontà degli Stati Uniti. Le nazioni prese di mira spesso si rendono conto troppo tardi che lo “spazio” sulla scacchiera è dominato da interessi stranieri e che ciò che rimane delle istituzioni e reti locali è trascurato ed atrofizzato, con scarsa possibilità di opporre resistenza.

Le “regole” dell’USAID sono dettate dai manuali controinsurrezionali
61BFB6527 La versione dell’USAID del “Go” ha le sue regole, che si possono scaricare facilmente on-line da uno qualsiasi dei numerosi siti web del governo degli Stati Uniti, sotto forma di manuali di contro-insurrezione. In tali manuali è descritto che per controllare una determinata popolazione vanno controllati gli elementi essenziali da cui la popolazione dipende, dalla produzione di energia ad istruzione, raccolta dei rifiuti e creazione di posti di lavoro. Controllando tali aspetti di ogni popolazione, si controlla la popolazione stessa. E’ la chiave per sconfiggere non solo una “rivolta”, ma anche per scatenare un’insurrezione. L’USAID proiettando la propria influenza in una data nazione, in realtà scatena una sorta d’insurrezione, un tentativo di prendere il controllo di un governo, per quanto graduale e paziente sia la natura di tale rivolta. Le aree indicate nei manuali di controinsurrezione degli Stati Uniti come essenziali da controllare, sono (ma non si limitano a):
– polizia e vigili del fuoco,
– acqua,
– elettricità
– istruzione e formazione,
– trasporto,
– medicina,
– servizi igienico-sanitari,
– banche,
– agricoltura,
– lavoro,
– fabbriche e,
– costruzioni
Alla domanda su quali aspetti sono regolarmente inclusi nei programmi diell’USAID, la risposta è praticamente tutti.

Sconfiggere il gioco dell’USAID
In ogni nazione l’USAID dovrebbe essere dichiarata agenzia estera le cui attività vanno fortemente limitate. Ogni centesimo che amministra, se ha il permesso di operare, dovrebbe andare direttamente ai programmi governativi. I programmi dell’USAID dovrebbero essere subordinati alle istituzioni governative, dirette da istituzioni governative e il suo ruolo nei programmi accreditati subordinato alle istituzioni governative. All’USAID dovrebbe essere severamente vietato avere reti, programmi, corsi, concorsi ed incontri indipendenti al di fuori degli USA. Ma ancora più importante, le nazioni devono capire che la scacchiera del “Go” è il loro territorio e le popolazioni che rappresentano; devono creare e posizionare i propri pezzi su questa scacchiera in quantità e qualità tali che non ci sia spazio per i pezzi dell’USAID. Così una nazione non solo contrasterà l’USAID e la sua cospirazione, ma sconfiggerà sul piano fondamentale tale “gioco”. Una nazione che crea istituzioni e reti forti gestendo e avanzando nelle aree essenziali al progresso della civiltà moderna, sventa la necessità di “aiuti esteri” in primo luogo. Non è solo per orgoglio che una nazione non debba affidarsi ad”aiuti esteri”, ma per sopravvivere, dato che l'”aiuto” non è gratuito e, come nel caso dell’ USAID, è vettore della proiezione egemonica nel cuore di una nazione.

Quando si dice: cooperante delle ONG dell'USAID, s'intende: CIA

Quando si dice: cooperante delle ONG dell’USAID, s’intende: CIA

Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore di geopolitica di Bangkok.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Socialismo Nucleare: i due alleati della Corea democratica

Aleksandr Ermakov, RIAC, 30 giugno 201656Il 3 luglio 2016, la Corea democratica festeggerà il suo primo giorno delle forze strategiche. Dopo il quarto test nucleare all’inizio di quest’anno, la Corea democratica ha recentemente effettuato prove riuscite con un missile a medio raggio. Quindi, che tipo di forze strategiche costruisce la Corea democratica?
La storia della crisi nucleare coreana è piena di ogni sorta di affermazione da entrambe le parti. In questo articolo si citano solo alcuni degli eventi più importanti [1]. Kim Il-Sung fu probabilmente interessato alle armi nucleari dal loro apparire, e la guerra 1950-1953, durante cui gli Stati Uniti in modo inequivocabile minacciarono di usarle contro la Corea democratica, ne incoraggiò ulteriormente l’interesse. Nel 1965, l’Unione Sovietica diede ai nordcoreani un reattore ad acqua leggera IRT-2000. A quel tempo, il regime nordcoreano considerava l’arma nucleare un mezzo per aumentare prestigio ed indipendenza. Nel dicembre 1985, la Corea democratica ratificò il trattato di non-proliferazione delle armi nucleari (TNP). La decisione fu presa sotto forte pressione dell’URSS, facendone condizione per continuare gli aiuti. Tuttavia, la situazione cambiò dopo il crollo dell’Unione Sovietica, portando al crollo quasi totale della cooperazione tra Corea democratica e la nuova Russia, e alla nascita del mondo unipolare dominato dagli Stati Uniti. La Cina s’impegnava a rafforzare i legami economici con l’occidente, rendendo problematico gli aiuti militari al Paese. La situazione della sicurezza della Corea democratica divenne precaria. Anche se gli Stati Uniti ritirarono le armi nucleari tattiche dal sud della penisola nel 1991, la superiorità dell’alleanza militare tra Corea del Sud e Stati Uniti era travolgente. A quanto pare, fu allora che la Corea democratica decise di sviluppare le armi nucleari. Nel 1993 il Paese rifiutò di permettere all’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA) di effettuare un’ispezione non programmata e dichiarò l’intenzione di ritirarsi dal TNP. A giudicare dalle informazioni disponibili, gli Stati Uniti al momento consideravano seriamente il lancio di operazioni militari, ma furono scoraggiati dalla previsione di alte perdite. Alcuni generali statunitensi valutarono le perdite a 490000 truppe della Corea del Sud e 52000 statunitensi nei primi 90 giorni, o anche un milione di morti, tra cui 80000-100000 soldati statunitensi, anche se tali cifre sarebbero troppo alte per essere prese sul serio [2]. Il fatto che il Pentagono rese tali dati pubblici, al contrario, suggerisce che la dirigenza militare era fortemente contraria a un conflitto.
Tuttavia, la Corea democratica non poté respingere la possibilità di un’offensiva aerea lanciata contro di essa. Tale operazione poteva essere condotta con perdite minime, perché l’Aeronautica dell’Esercito Popolare della Corea, anche se abbastanza forte numericamente, ha velivoli obsoleti e non può confrontarsi neanche contro la Corea del Sud, per non parlare degli Stati Uniti [3]. Una campagna aerea non avrebbe decimato l’esercito della Corea democratica, ma poteva perfettamente distruggerne le infrastrutture, mandando in frantumi l’industria energetica, interrompendo le comunicazioni e facendo pressione psicologica. Inutile dire che un disastro umanitario poteva derivarne. Tale scenario è relativamente indolore per gli avversari della Corea democratica, ma prima o poi avrebbe spinto il Paese a capitolare, a determinate condizioni, o a un’offensiva di terra contro un indebolito esercito della Corea democratica. Quindi, dal punto di vista della leadership politico-militare nordcoreana, per sopravvivere il Paese deve avere i mezzi per impedire che tale guerra aerea gli venga lanciato contro. L’unico deterrente credibile sono le armi nucleari. Le armi chimiche hanno una reputazione intimidatoria, ma non sono egualmente efficaci. Nel 1990, la crisi nucleare fu disinnescata con mezzi diplomatici: venne firmato l’accordo secondo cui la Corea democratica sospendeva il ritiro dal TNP in cambio di aiuti economici (soprattutto energetici) e della costruzione di reattori ad acqua leggera, che non possono essere utilizzati per militari scopi. Tuttavia, la cooperazione con l’occidente non si concretizzò mai, cosa probabilmente inevitabile perché le parti perseguivano obiettivi diversi: non era negli interessi di Stati Uniti e Corea del Sud sostenere l’economia della Corea democratica (il reattore non fu mai costruito e i rifornimenti di carburante furono irregolari), mentre la Corea democratica, insieme al programma missilistico dichiarato, proseguiva la ricerca nucleare in modo riservato. Nel 2002, l’accordo fu abbandonato e il 10 gennaio 2003 la Corea democratica si ritirò ufficialmente dal TNP, creando così un grave precedente che comprometteva l’intero sistema globale di non proliferazione [4]. Da allora la Corea democratica ha effettuato quattro test: nel 2006, 2009, 2013 e 2016. Nonostante gli sforzi diplomatici nei colloqui a sei, la Corea democratica continua a costruire le proprie Forze nucleari strategiche (SNF) [5]. Gli eventi del mondo, in particolare le guerre in Iraq e Libia (che abbandonò il suo programma nucleare nel 2003), spingono ad intensificare gli sforzi in questo campo. Quindi, che tipo di SNF costruisce la Corea democratica?

Poca scelta
rCostruire le Forze strategiche nucleari può contribuire a salvare le risorse e ad avere un esercito più snello. Una corsa agli armamenti convenzionali sarebbe costata molto di più, perché il Paese avrebbe dovuto competere da solo contro la potenza militare collettiva occidentali e i bilanci della difesa di una coalizione di Paesi. Impegnarsi nella corsa agli armamenti simmetrici con la Corea del Sud non aveva senso dato che i prezzi delle armi moderne iniziavano a salire e la Corea democratica è isolata (neanche la Cina le vende armi moderne). Le opinioni variano sul numero di testate della Corea democratica. La valutazione più ragionevole ed equilibrata sembra una decina di testate pronte. Più importante è la qualità delle testate, soprattutto il rapporto tra dimensione e potenza. La Corea democratica ha probabilmente, o avrà presto, la capacità di produrre testate a bassa potenza trasportabili. Ora la domanda riguarda la seconda componente nucleare, i vettori. La classica triade SNF si basa sulle componenti aerea, terrestre e navale, rappresentate rispettivamente da bombardieri lanciamissili con missili da crociera o bombe; missili balistici intercontinentali (ICBM) in silos di lancio o complessi mobili, e sottomarini lanciamissili balistici. L’idea iniziale di ordigni nucleari coreani grandi e poco maneggevoli spinse a previsioni sarcastiche sul loro possibile utilizzo, la cui unica possibile era piantarli come “mine” sulla strada del nemico avanzante. È interessante notare che gli scettici, forse involontariamente, descrivevano le tattiche impiegate dagli Stati Uniti durante la guerra fredda [6], quando decisero i punti in cui le mine nucleari potevano essere piantate lungo la presunta rotta dell’offensiva sovietica. Fino al 1991, il gruppo statunitense aveva tali punti nella penisola coreana. Il terreno, che offre una scelta limitata di vie per un’offensiva, sembra fatto su misura per tale tipo di arma, il cui uso può avere un grave effetto demoralizzante. Lo svantaggio è che può essere utilizzato solo in caso di campagna terrestre che, come detto sopra, è improbabile. I primi vettori nucleari furono gli aerei, ma non sono un’opzione per la Corea democratica, perché non ha bombardieri moderni e sono vulnerabili ad un primo attacco nucleare. La Corea democratica, che attribuisce grande importanza all’artiglieria, sarebbe tentata di trasformarli in armi nucleari tattiche sul modello dell'”artiglieria nucleare” della Guerra Fredda, ma non risolve il problema della deterrenza strategica e richiede la grande miniaturizzazione delle testate. Non è certo un’opzione per la Corea democratica, considerando le risorse limitate, compresi il materiale fissile arricchito. Così si arriva alla conclusione che l’unico vettore adatto alle esigenze della Corea democratica è il missile balistico.

L’ultimo alleato degli Stati canaglia
KN08 I Paesi del “primo mondo” affrontarono la minaccia dei missili balistici nemici nella guerra locale del Golfo Persico nel 1991. La minaccia di missili iracheni veniva contrastata dai più recenti missili MIM-104 Patriot, che teoricamente potevano intercettare i missili tattico-operativi [7]. Tuttavia, mentre la guerra in Iraq nel complesso fu un trionfo meritato della forza multinazionale, la “guerra dei missili” fu una sconfitta. Degli 88 lanci registrati [8], 53 colpirono gli obiettivi protetti dai Patriot, e 27 furono abbattuti [9]. La distruzione dei lanciamissili fu un’esperienza ancora più deludente. Nonostante le ingenti risorse impegnate, gli sforzi di tutta l’intelligence statunitense e le numerose operazioni delle forze speciali, come il 40 per cento delle sortite aeree (ritardando l’inizio della campagna di terra di una settimana [10]), non un singolo missile fu distrutto al suolo. Questo fu in parte compensato dagli scarsi risultati dei bombardamenti: gli obiettivi militari colpiti furono solo due, in un caso un aereo da caccia F-15C e un lanciamissili Patriot furono distrutti, e in un altro caso un missile colpì una caserma uccidendo 28 soldati e ferendone più di un centinaio. Fu un raro colpo di fortuna che le decine di missile che caddero sulle città non facessero molte vittime tra i civili: 14 persone [11] morirono in Israele e una in Arabia Saudita (più di 300 persone furono ferite e molti edifici distrutti) [12]. Nella guerra del 1991, l’Iraq usò missili a corto raggio sovietici R-17 (Scud) aggiornati, noti come al-Husayn [13]. Dopo la sconfitta, all’Iraq fu proibito possedere e sviluppare missili con gittata di oltre 150 chilometri [14]. Gli Stati Uniti ebbero più successo nella contesa tra difesa aerea e missili balistici nel 2003 per via del fatto che usarono una nuova versione del complesso Patriot (PAC-3), che considerava l’esperienza del 1991, ed anche perché il nemico era molto più debole. Al momento dell’invasione, l’Iraq aveva un piccolo numero di missili al-Samud 2 e Ababil-100 con gittata inferiroe ai 200 chilometri. Nel 2003, l’Iraq lanciò almeno 23 missili balistici e da crociera [15], di cui 9 abbattuti. Anche se la maggior parte degli altri missili finì nel deserto, fu segnalato un successo: il 7 aprile, un missile balistico colpì il comando di una brigata dell’esercito statunitense uccidendo tre militari e due giornalisti, ferendo 14 persone e immobilizzando una ventina di veicoli. La campagna del 2003 dimostrò che gli Stati Uniti rafforzarono la difesa missilistica di teatro, ma avevano ancora una lunga strada da percorrere per garantirsi l’intercettazione. Sebbene diversi lanciatori furono distrutti durante la seconda guerra in Iraq, il fatto che ci furono 20 lanci dimostra che la ricerca dei complessi missilistici non è ancora all’altezza. Non a caso, la leadership politico-militare della Corea democratica, che osservò da vicino le guerre localizzate degli anni ’90 e 2000, concluse che i complessi missilistici terresti mobili potrebbero costituire la base della deterrenza strategica. Essi sono perfettamente adatti alla geografia della parte settentrionale della penisola coreana: molti nascondigli e tunnel possono essere creati nelle montagne, rendendo vani i tentativi di distruggere i lanciamissili mobili dalla buona possibilità di sopravvivere a un attacco nucleare. Ovviamente, anche complessi antimissile specializzati come il Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) e l’AEGIS BMD non possono garantire il 100 per cento dell’intercettazione [16], e niente di meno basterà per contrastare un attacco nucleare. La Corea democratica non ha bisogno di dotare una parte significativa dei suoi missili di testate nucleari. In effetti, sarebbe addirittura dannoso farlo. Un gran numero di missili convenzionali sarebbe d’aiuto come mezzo per un “ultimo avvertimento”, e in caso di un grande attacco, servire da esche per la difesa antimissile balistico.
La Corea democratica persegue attivamente il proprio programma missilistico dagli anni ’80. Gli ingegneri della Corea democratica hanno imparato rapidamente come produrre i propri missili Scud (chiamati Hwasong-5) e persino fornirli in massa all’Iran durante la guerra Iran-Iraq. Nella prima metà degli anni ’90, l’Hwasong-5 fu alla base della produzione in serie dei missili dalla maggiore gittata Hwasong-6 (500 km) e Hwasong-7 (700-800 km), coprendo comodamente tutto il territorio della Corea del Sud. Esattamente quanti di questi missili siano stati costruiti non è noto, ma di sicuro saranno centinaia (il numero di lanciamissili, naturalmente, è di molto inferiore). Tuttavia, questi missili non hanno la gittata necessaria per colpire le infrastrutture chiave militari degli Stati Uniti di Okinawa e Guam. A metà degli anni ’90, i missili Rodong-1 dalla gittata di 1300-1500 chilometri entrarono in servizio [17]. Questi missili, che possono colpire qualsiasi bersaglio in Giappone, sono stati spesso indicati come vettori nucleari della Corea democratica. Un numero considerevole di questi missili sarebbe stato costruito e pronto al combattimento. Il missile Musudan è una potenziale minaccia per Guam [18], sede dell’Andersen Air Force Base, la principale base dell’aviazione strategica statunitense nella regione. E’ opinione diffusa in occidente che il Musudan si basi sull’SLBM sovietico R-27, eventualmente con l’assistenza di specialisti russi, anche se tali rapporti non possono essere né confermati né negati. La gittata del missile viene variamente stimata tra 2500 e 4000 km. Il missile è attualmente in fase di test, con il primo test riuscito effettuato il 22 giugno.
nksk1 La Corea democratica ha anche un suo “super-missile”, il KN-08 [19]. Vi è una certa confusione: durante le sfilate nel 2012, 2013 e 2015, gli stessi lanciamissili mostravano modelli del missile che differivano per dimensioni e numero di stadi [20]. Un missile a due stadi (a volte chiamato KN-14) fu illustrato nel 2015, mentre in precedenza furono illustrati missili a tre stadi. Indicando che il missile è ancora in progettazione con molti test ancora da compiere. Tuttavia, alla fine può diventare il primo ICBM della Corea democratica, capace di raggiungere Alaska, Hawaii e costa occidentale degli Stati Uniti. Tutti questi missili utilizzano lanciamissili terrestri mobili. Secondo notizie non confermate, la Corea democratica ha un piccolo numero di silo per missili, ma anche non fosse, la loro funzione è ausiliaria perché sono molto vulnerabili. Per lo stesso motivo i missili Taepodong non dovrebbero essere considerati missili militari perché vengono lanciati da una struttura di lancio ingombrante e richiedono molto tempo per il lancio. Il programma di sviluppo dei missili balistici lanciati da sottomarini va inoltre ricordato. I media nord-coreani ne hanno ampiamente coperto i test, probabilmente per impressionare i nemici. Sarebbe poco saggio, tuttavia, per la Corea democratica contare su di essi, perché i suoi sottomarini sono molto vulnerabili alle difese antisom di Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone. Ciò è aggravato dalla debolezza dell’aeronautica e della flotta di superficie della Corea democratica, che non possono creare aree di dispiegamento sicure. Se la possibilità di lanciare missili dalle loro basi navali ne valga il costo, è questione discutibile. Tuttavia, possono essere utili come logistica, data l’esistenza di anche un paio di sottomarini lanciamissili che costringerebbero il nemico a devolvere risorse sproporzionatamente grandi per contrastarli.
La conclusione che si suggerisce è pessimista. A questo punto non vi è alcuna soluzione coerente al problema nucleare coreano. La Corea democratica non cederà i suoi programmi missilistico e nucleare, e fare concessioni significative non è un’opzione per gli Stati Uniti. Entrambe le parti hanno ragione a modo loro, perché una combatte per la sopravvivenza, mentre l’altra, oltre al prestigio nazionale, sostiene il regime di non proliferazione nucleare, estremamente importante per le potenze nucleari riconosciute, come la Russia. Inoltre, in un certo senso, la situazione attuale va bene agli Stati Uniti, dato che giustifica la presenza di infrastrutture militari nel Pacifico. Né vi è una soluzione militare al problema, perché anche se si assumesse che la Corea democratica non ha armi nucleari utilizzabili oggi, il prezzo di una guerra contro di essa non giustifica i dubbi benefici dell’unificazione coreana. Così, il mondo guarderà la lenta maturazione di un’altra potenza nucleare. La questione delle dimensioni dell’arsenale nucleare che la Corea democratica vuole e la velocità con cui può aumentarlo portano al regno delle congetture. Considerando gli obiettivi, sarebbe ragionevole per la Corea democratica accontentarsi di 40-50 testate, anche nel lungo periodo. Entro la metà del prossimo decennio, le SNF della Corea democratica probabilmente saranno composte da numerosi missili mobili terrestri accompagnati da numerosi blindati; una piccola parte sarà nucleare. [21]f0205060_511c7bb677f10Note
1. Per una più dettagliata descrizione storica vedasi le opere di esperti russi sulla Corea, in particolare un articolo di A. Lankov dal titolo “Socialismo Nucleare” e il ciclo di conferenze di K. Asmolov.
2. Per mettere i dati in prospettiva, vi erano solo 36000 truppe statunitensi in Corea del Sud nel 1994. Perdite per 80000-100000 sarebbero il doppio di quelle che gli Stati Uniti sostennero nella guerra del Vietnam, durata molti anni.
3. Solo un piccolo numero di caccia MiG-29 (9-13) e aerei d’attacco Su-25 furono consegnati durante gli ultimi anni dell’URSS e sono senza valore operativo reale.
4. Israele, India e Pakisan non hanno firmato il TNP.
5. Le sei parti nei colloqui sono Corea democratica, Cina, Stati Uniti, Russia, Corea del Sud e Giappone.
6. L’URSS aveva sistemi simili, probabilmente destinati allo stesso scopo, ma molto meno noti sono i piani in questo campo.
7. C’è una certa confusione sulla classificazione delle armi nelle tradizioni russa e statunitense. Negli Stati Uniti, i missili sono divisi in tattici (con raggio di meno di 300 km), a corto raggio (fino a 1000 km), medio raggio (fino a 3500 km), i missili a breve e medio raggio sono a volte indicati insieme come “missili balistici di teatro”, e a raggio intermedio (fino a 5500 km). URSS/Russia classificano i missili in tattici (fino a 300 km), operativo-tattici (fino a 500 km), a breve o corto raggio (fino a 1000 km) e medio raggio (fino a 5500 km).
8. Di cui 46 su obiettivi in Arabia Saudita e Quwayt e 42 in Israele. Fu uno degli obiettivi di Sadam Husayn provocare una risposta da Israele e utilizzarla per minare la coalizione internazionale. I diplomatici statunitensi fecero grandi sforzi per impedire ad Israele di entrare in guerra.
9. Steven Zaloga. Missili balistici e sistemi di lancio Scud. 1955-2005, Osprey, 2006.
10. Robert Scales. Una certa vittoria: l’esercito degli Stati Uniti nella guerra del Golfo. Ufficio del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito degli Stati Uniti, 1993.
11. Due persone morirono nell’esplosione, mentre la maggioranza morì per “cause indirette”, in primo luogo infarto.
12. In confronto, durante la guerra Iran-Iraq nella primavera del 1988, massicci bombardamenti (circa 200 missili) delle città iraniane causarono 2000 morti e costrinsero all’esodo della popolazione civile dalle città.
13. La gittata fu aumentata da 300 a 550-650 km (secondo varie stime). I lanciamissili erano i telai MAZ-543 modernizzati degli R-17 e lanciatori di progettazione nazionale, come i semirimorchi per le tradizionali motrici civili.
14. Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 687 e 707.
15. Oltre a numerosi missili al-Samud 2 e Ababil-100, il numero comprendeva i missili sovietici Luna-M. I “missili da crociera” erano i missili antinave cinesi HY-2 riattati per colpire bersagli a terra. Non un singolo missile da crociera fu abbattuto.
16. In senso stretto, AEGIS è il sistema di informazione e controllo della Marina degli Stati Uniti, volto principalmente a difendere le portaerei. L’elevato potenziale dell’AEGIS ha spinto l’agenzia della difesa antimissili balistici degli Stati Uniti a lanciare il sistema AEGIS Ballistic Missile Defense (AEGIS BMD) per sviluppare mezzi d’intercettazione marini e terrestri dei missili mobili terrestri.
17. Questo è il nome dato dalla Corea del Sud. Meglio noti con i nomi Nodong-1/2 (1 e 2 differiscono per peso della testata e gittata) o Nodong-A. “Nodong“, con corrispondente lettera dell’alfabeto, è talvolta usato in occidente per indicare tutti i missili balistici a medio raggio nordcoreani. In Corea democratica, Hwasong (Marte) è apparentemente usato per scopi simili. Qui e altrove è stato utilizzato il nome più comune.
18. Inoltre noto in occidente come BM-2, Rodong (Nodong)-B. In Corea democratica forse è noto come Hwasong-10.
19. Rodong (Nodong)-B, o Hwasong-13.
20. Basato su un telaio commerciale cinese acquistato nel 2011.
21. L’avvio della produzione di telai pesanti per i missili KN-08/14 è una misura cruciale.nksk0[1]Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Da quando USA e NATO sponsorizzano il terrorismo?

Alberto Rabilotta, Mondialisation, 9 aprile 2015радио.либерти.Seminare odio e divisioni, aggravare le differenze religiose, linguistiche, culturali, nazionali e promuovere il razzismo in tutte le sue forme [1], sono ricette molto antiche e rodate nel dominio e sfruttamento dei popoli. In realtà, è il modo migliore per rovinare, indebolire e dividere al solo scopo di asservire, schiavizzare o semplicemente scacciare dalla mappa a favore di interessi colonialisti ed imperialisti. Durante la guerra fredda, tale politica fu praticata contro l’Unione Sovietica (URSS), la Cina e gli altri Paesi socialisti, e nonostante la caduta dell’URSS e dello spazio socialista europeo, è ancora molto viva. In realtà, la guerra ideologica e la sovversione della guerra fredda sono state adattate, più di quaranta anni fa, agli obiettivi egemonici che ossessionano l’imperialismo degli Stati Uniti d’America e dei loro alleati della NATO, del capitalismo che chiamiamo neoliberismo oggi, e che da allora colpiscono tutti i Paesi e le regioni che si oppongono all’egemonia imperialista. E’ in tale contesto che va posto il terrorismo derivante da fanatismo religioso o ideologia neonazista, dimostrando di aver contribuito e di contribuire a distruzione e caos che l’imperialismo deve diffondere; questo è ciò che accade quando distrugge gli inermi Iraq, Siria, Libia, Pakistan o Yemen, o quando si volge contro i mentori politici a Washington, Londra o Parigi. Il terrorismo servirà sempre gli obiettivi politici dell’imperialismo, perché il dibattito semplicistico, la copertura mediatica scandalosa e l’impatto globale di tali barbare nei Paesi occidentali, come i recenti attacchi in Francia, quasi sempre portano a giustificare misure socio-politiche antidemocratice e repressive, come visto negli stati Uniti con il “Patriot Act”, il cui contenuto sarà probabilmente integrato nei piano già in esame nell’Unione europea. Qui non si cerca di proporre una teoria del complotto, ma di riassumere una delle mie prime esperienze giornalistiche nei primi anni ’70, su cui mi sono già espresso ma che sono rimaste negli anni una chiave importante per la comprensione e l’analisi della propaganda e degli obiettivi politici dell’imperialismo. Mi baserò sui ricordi avendo perso i miei archivi cartacei da tempo e non avendo mezzi sufficienti per andare a Mosca o all’Avana a cercare sui giornali Pravda o Granma, che pubblicarono le informazioni originali.

I propagandisti della NATO si riuniscono in segreto a Montreal
CIA-logoNel 1972, quando iniziai a lavorare per Prensa Latina e a scrivere per giornali messicani come El Dia ed Excelsior, un collega canadese mi disse che una riunione segreta dei funzionari responsabili della politica dell’informazione delle radio ad onde corte della NATO (Radio Free Europe/Radio Liberty (REL/RL), Voce dell’America (VOA), eccetera), si sarebbe tenuta in un albergo di Montreal. Fu in quell’occasione che doveva essere presentato “la nuova strategia” per la lotta ideologica contro l’URSS e gli altri Paesi socialisti, ma oggi possiamo dire che parole e progetti proposti in quell’incontro furono amplificati in tutto il mondo e in tutti i settori della lotta ideologica tipica del confronto bipolare della guerra fredda. Così andai a Montreal, molto dubbioso sull’accesso alle credenziali della stampa, ma dopo un rifiuto iniziale e con mia sorpresa, mi furono finalmente concessi grazie all’accredito come “corrispondente” del giornale messicano Excelsior. Il suddetto incontro fu una lunga lista di presentazioni dei responsabili delle linee informative ed editoriali di tali stazioni, in particolare VOA e REL/RL che (per usare un linguaggio contemporaneo) decisero come costruire il quadro e la credibilità della propaganda contro l’URSS e il comunismo, anzi contro tutti i Paesi che all’epoca chiedevano una vera indipendenza, un nuovo ordine economico mondiale e la fine di razzismo e discriminazione razziale in tutte le loro forme, con posizioni antimperialiste e, di conseguenza, visti come alleati dell’URSS.

Come trasformare religione e nazionalismo in armi?
La nuova offensiva ideologica dell’impero, e il contenuto della propaganda, secondo gli ideologi della NATO, dovevano raggiungere le popolazioni prese di mira e radicarvisi: musulmani e nazionalisti radicali in alcune regioni dell’URSS e degli altri Paesi socialisti; sionisti ebrei (refusenik) russi che volevano emigrare in Israele e cattolici conservatori nei Paesi baltici, Polonia e altrove. Lo scopo perseguito nelle società socialiste laiche era finanziare e strutturare la “rinascita” di credenze e pratiche religiose radicali in modo da entrare in conflitto aperto con la società e il potere politico, causando proteste o contraddizioni nelle società o nelle regioni in cui il nazionalismo esisteva, suscitando movimenti separatisti supponendo che portassero a scontri tra civili, con la polizia e anche con i militari.

“Scontro di civiltà” e neoliberismo
zbigniew brezezinski.preview Il seme dello “scontro di civiltà” [2] fu piantato dalla propaganda NATO e diretto senza remore dai sempre più potenti media del mondo capitalista, giustificando la nascita di al-Qaida per combattere i sovietici e i progressisti afghani in Afghanistan e poi, con la caduta dell’URSS e dello spazio sovietica europeo, ampiamente utilizzata nei Balcani per la partizione dell’ex-Jugoslavia, per fomentare attentati terroristici e conflitto in Cecenia, Daghestan e altre regioni della ex-Unione Sovietica, tra cui ultimamente l’Ucraina. Ufficialmente Stato ateo, l’URSS era in realtà uno Stato socialista multinazionale e multiculturale dove convivevano molte nazionalità e religioni, dall’ortodossia cristiana all’Islam, passando per l’ebraismo e il cattolicesimo, tra gli altri. Tale era la forza apparente dell’internazionalismo proletario, come si diceva a Mosca, ma anche la sua principale debolezza agli occhi dei capi imperialisti. Tuttavia, va ricordato che il confronto generato dalle ambizioni imperialiste statunitensi non riguardava solo la guerra fredda tra Mosca e Washington, ma Medio Oriente e Asia dove predominavano, nei primi anni ’70, Stati laici, risultato della decolonizzazione e del consolidamento del movimento dei Paesi non Allineati; dove coesistevano i più diversi sistemi politici, culture, nazionalità e religioni. In altre parole, la lotta alla discriminazione razziale di tutti i tipi, anche all’apartheid del Sud Africa e al sionismo, era all’apice, sviluppando anche la risoluzione 3379 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite votata nel novembre 1975 e revocata il 16 dicembre 1991 con la risoluzione ONU 4866, otto giorni prima la dissoluzione l’URSS. Allo stesso modo, nella congiuntura storica, i Paesi non allineati chiesero, con il sostegno del campo socialista, la creazione di un “Nuovo Ordine Mondiale” che ponesse fine a sleali “ragioni di scambio” e facesse accedere allo sviluppo socio-economico, permettendosi di rivendicare, all’UNESCO, un “Nuovo ordine mondiale dell’Informazione e della Comunicazione”, tutte iniziative che l’imperialismo e i suoi alleati sono riusciti a zittire. Oggi, con prove e il senno del poi, appare ovvio che nello stesso tempo i circoli del potere di Stati Uniti, loro alleati europei e giapponesi, lanciarono l’offensiva per giustificare economicamente e politicamente lo smantellamento dello Stato sociale (l’intervento statale nell’economia per garantire un certo sviluppo socio-economico), con l’intenzione (diventata realtà negli ultimi venti anni) di sottomettere lo Stato agli interessi capitalistici, tornando al liberismo del 19° secolo e alle buone vecchie pratiche imperialiste e colonialiste [3].
Vista da una certa angolazione, il momento era particolarmente adatto per l’imperialismo ed alleati della NATO per amplificare il contesto e la copertura geografica della guerra fredda, continuando il passaggio dal confronto tra il sistema capitalista-imperialista e il sistema socialista, all’espansione imperialista del sistema neoliberale, già “decisa”. La creazione nel 1973 della Commissione Trilaterale [4] guidata da David Rockefeller, assistito dal consigliere per gli affari esteri Zbigniew Brzezinski del presidente democratico Jimmy Carter, fu il trampolino di lancio della nuova offensiva ideologica dei vertici dell’impero e della NATO, e non fu un caso la presenza nel quadro di Samuel Huntington, “intellettuale organico” dell’imperialismo e autore dell’infame libro “Lo Scontro di civiltà”. I documenti della Commissione Trilaterale, in particolare “La crisi della democrazia” del 1975, vanno letti alla luce degli eventi attuali e recenti, stabilendo, lungi da ogni teoria del complotto, che in quel momento ed apertamente furono definiti gli assi dell’offensiva politica ed ideologica dell’imperialismo per imporre l’egemonia nella fase neoliberista, compresa la liquidazione della democrazia liberale dal qualche reale contenuto sociale nei Paesi occidentali, come attualmente sperimentiamo. Tutto ciò spiega anche la continuità nel tempo dell’offensiva politica ideologica per minare le società e distruggere gli Stati dell’Unione Sovietica e degli altri Paesi socialisti, ed oggi di Russia, Cina ed altri Paesi in via sviluppo od emergenti che potrebbero arginare l’egemonia neoliberista.

Fanatici ed estremisti trasformati in “combattenti per la libertà”
276a876eb8135f1e72066c893e1fb2fa Se il 1979 è infatti il primo anno in cui Stati Uniti ed alleati addestrarono e mutarono gli estremisti islamici in “combattenti per la libertà” contro le truppe sovietiche in Afghanistan, ed anche per combattere contro i progressisti afghani, non passò molto tempo prima che fomentassero operazioni illegali con narcotrafficanti in America Latina per armare e finanziare i “combattenti per la libertà” che combattevano contro i sandinisti in Nicaragua, politica che portò dritto alla creazione dei “cartelli” del narcotraffico e all’ascesa di criminalità, corruzione e violenze nella regione. Da allora, politiche simili furono adottate in decine di Paesi in Asia, Medio Oriente e Africa, spesso con l’assistenza e il finanziamento dell’Arabia Saudita e il sostegno d’Israele (come nel caso Iran-Contra), confermando che il piano diabolico del “divide et impera” per distruggere Stati e società che difendono la sovranità nazionale veniva applicato in modo coerente dall’apparato propagandistico di Stati Uniti e NATO, così come dalle loro agenzie sovversive e spionistiche. Niente di nuovo o di sorprendente se si tiene presente che, dalla fine della seconda guerra mondiale, grazie all'”Operazione Gladio”, Stati Uniti e NATO mantennero contatti e collegamenti con le forze ultranazionaliste che sostennero i vari regimi nazifascisti europei, e che ora operano nei Paesi baltici e in Ucraina dove controllano l’apparato di sicurezza dello Stato, nell’ambito della politica del confronto con la Russia. André Vitchek sottolinea che “per l’impero, esistenza e popolarità dei leader progressisti, marxisti, musulmani, ai comandi del Medio Oriente o dell’Indonesia ricchi di risorse, è semplicemente inaccettabile. Se avessero preso l’abitudine di usare queste risorse naturali per migliorare la vita del popolo, cose ne sarebbe rimasto dell’impero e delle sue aziende? Ciò andava fermato con qualsiasi mezzo. L’Islam doveva essere diviso, infiltrato dai capi radicali anti-comunisti, a cui il benessere del popolo non interessa per nulla” [5]. Victoria Nuland, assistente del segretario di Stato a Washington, dichiarò pubblicamente [6] che cinque miliardi di dollari erano stati “investiti” nel “cambio di regime” in Ucraina e, probabilmente, la spese furono ancora più grandi per arrivare alla partizione dello Stato multinazionale della Jugoslavia. E sul finanziamento o sostegno dei Paesi della NATO a estremisti e terroristi islamici in Cecenia e Daghestan, che si pavoneggiavano in Europa come “combattenti per la libertà”? E gli estremisti islamici che ricevettero dalle autorità politiche europee e statunitensi finanziamenti e addestramento per rovesciare i governi di Libia e Siria, così come molti altri in Africa che rimarranno nel dimenticatoio?

“Non si trionfa con il fondamentalismo armato”
UKRAINE-RUSSIA-CRISIS-PILOT-CRIME Nel 1997 il grande pensatore Edward Said tenne una conferenza [7] sul tema dello “scontro di civiltà”, e di cui consiglio vivamente lettura o rilettura, e vorrei di riprodurne un ampio stralcio qui: “Data la realtà deprimente che ci circonda con conflitti interculturali e interetnici, appare irresponsabile suggerire che noi, in Europa e negli Stati Uniti, dobbiamo preservare la nostra civiltà, che Huntington definisce occidente, tenendo il mondo lontano ed alimentando conflitti tra i popoli al solo scopo di espandere il nostro dominio. Infatti, è ciò che Huntington sostiene, ed è abbastanza facile capire il motivo per cui il suo saggio sia stato pubblicato da Foreign Affairs, e il motivo per cui molti politici ne sono attratti, consentendo agli Stati Uniti d’America di sviluppare la mentalità della guerra fredda in un contesto e con un pubblico diversi. Un nuovo modo di pensare o di comprendere a pieno guardando i pericoli che abbiamo di fronte, dal punto di vista del genere umano nel complesso, è molto più costruttivo e utile. Tali rischi includono la perdita di gran parte della popolazione mondiale, la nascita di veterani della violenza tribale e nazionalista nella Bosnia etnica e religiosa, in Ruanda, Libano, Cecenia e altrove, la regressione dell’alfabetizzazione e l’emergere di un altro tipo di analfabetismo grazie a media elettronici, televisione e nuove autostrade dell’informazione globale, o la frammentazione e minaccia d’estinzione delle grandi epopee della liberazione e della tolleranza. Il nostro bene più prezioso davanti a tale terribile trasformazione della storia non è l’emergere del senso del confronto, ma la percezione di comunità, comprensione, solidarietà e speranza in antitesi perfetta a ciò che sostiene Huntington“.
Concludo questo articolo con una recente e profonda riflessione del filosofo Enrique Dussel [8]: “Il fondamentalismo (cristiano, come quello di G. Bush, sionista o islamico) è la rinascita di un concetto di Dio (o politeismo secondo Weber), che giustifica politica, economia, cultura, razza, genere, eccetera, in modo assoluto usando le armi al posto della ragione comprensibile dall’interlocutore (nulla come il fondamentalismo americano impiega le armi piuttosto che il ragionamento: pretende d’imporre la democrazia con la guerra invece di dialogare partendo dalla tradizione dell’altro, per esempio con i credenti dell’Islam del Corano). Non si sradica il fondamentalismo con la forza (non dimenticate che la CIA era responsabile dell’insegnamento dell’uso delle armi ai fondamentalisti islamici per combattere l’Unione Sovietica in Afghanistan, e ne subiamo oggi le conseguenze mortali), ma con un ragionamento e un comportamento onesto (come Bartolomé de las Casas disse riguardo la conquista). Ma ciò va oltre le considerazioni degli interessi dell’impero. Si manipola la violenza irrazionale islamica per giustificare e aumentare la violenza irrazionale del neoliberismo politico ed economico. La sinistra s’integra, e tuttavia dovrebbe intraprendere una critica della teologia come parte della critica alla politica liberale e all’economia capitalista, come fece Karl Marx“.radio-libertyAlberto Rabilotta, Alai-Amlatina El Correo

Note
[1] “Il ruolo del razzismo nell’offensiva imperialista“, Alberto Rabilotta. El Correo, 26 marzo 2014
[2] Anni dopo, leggendo Samuel Huntington (“The Clash of Civilizations?“, Foreign Affairs, 1993), appare chiaro che tale miscela di pregiudizi carichi di odio si riflette abbastanza bene in quello che sentì alla riunione delle radio della NATO a Montreal, alla base della politica seguita da allora dell’imperialismo e dai suoi alleati.
[3] Samir Amin, “Capitalismo transnazionale od imperialismo collettivo?“, Pambazuka News, 22 gennaio 2011 Karl Polanyi Levitt, “La forza delle idee“; The Powell Memo 1971
[4] “La crisi della democrazia“, Michel Crozier, Samuel Huntington e Joji Watanuki.
[5] “L’impero produce mostri musulmani“, André Vltchek, cineasta Vltchek ha seguito i conflitti in decine di Paesi. Ha pubblicato un libro con Noam Chomsky: “Sul terrorismo occidentale: da Hiroshima alla guerra dei droni“.
[6] “Cambio di regime a Kiev” Victoria Nuland, 13 dicembre del 2013.
[7] Edward Said, “Il mito della scontro di civiltà“, conferenza alla Columbia University di New York, 1997
[8] “La critica della teologia diventa critica della politica“, El Correo, 21 gennaio 20158710254881_df21a98d84_oTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il calo dei prezzi muta la scacchiera geopolitica

Thierry Meyssan Memoriabg, 15/6/2016 – South Frontnorway06Negli ultimi due anni, un colpo di Stato ha avuto luogo sul mercato globale dell’energia. Prima di tutto, vi era una notevole differenza di domanda e offerta. E poi i flussi commerciali cambiroono dopo che il prezzo della benzina crollò. Tali cambiamenti mettono in discussione i principi geopolitici del petrolio.

Il mito della carenza di risorse energetiche
Il declino economico dei Paesi occidentali e di alcuni Paesi in via di sviluppo ha portato alla riduzione della ricerca di risorse energetiche, mentre allo stesso tempo si osservava una crescita negli Stati asiatici. Così, la domanda mondiale ha continuato a crescere. Per le fonti, la produzione non fu ridotta negli Stati produttori, e Paesi come la Cina con notevoli riserve strategiche, riuscivano ad aumentare la loro e, di conseguenza, l’offerta superava la domanda. Questa affermazione, tuttavia, contraddice l’opinione consolidata di scienziati e industriali nel 2000, che la produzione globale raggiunse il picco e il mondo doveva affrontare il deficit energetico, traducendosi nella scomparsa di alcuni Paesi e nell’inizio di guerre per le risorse. Dopo il ritorno alla Casa Bianca nel gennaio 2001, Dick Cheney formò un gruppo di lavoro per lo sviluppo della politica nazionale per l’energia (National Energy Policy Development – NEPD), chiamato dal Washington Post “la società segreta”. In totale segreto i consiglieri della presidenza ascoltarono le relazioni dei capi delle grandi aziende, gli studiosi più importanti e i capi dei servizi speciali, raggiungendo la conclusione che non c’era tempo e la sopravvivenza dell’economia degli Stati Uniti andava garantita dal Pentagono acquisendo le risorse del “grande Medio Oriente”. Non è chiaro chi partecipò a tale gruppo, quali dati usasse e come raggiunse tale conclusione. Tutti i documenti sono stati distrutti e nessuno conosce l’entità dei dati statistici a disposizione del gruppo. In particolare il gruppo raccomandò lo scatenamento delle guerre contro Afghanistan, Iraq, Iran, Siria, Libano, Somalia e Sudan, e la decisione di ciò fu presa da George Bush il 15 settembre 2001, a Camp David. Mi ricordo di aver ascoltato il discorso del segretario generale del gruppo di lavoro della Casa Bianca al Congresso AFPO di Lisbona. Presentò un rapporto per lo studio sui siti aperti e l’inevitabilità del “picco di Hubbert” (terminologia introdotta dal geofisico M. King Hubbert, indicando che la produzione massima globale di petrolio porta all’inevitabile calo della produzione) e sulle misure intraprese negli USA per ridurre il consumo di energia. A quel tempo fui sopraffatto dalla sua valutazione e forza di persuasione. Nonostante questo, con il passare del tempo apparve chiaro che tale analisi era completamente errata e le prime cinque guerre (contro Afghanistan, Iraq, Libano, Libia e Siria) da questo punto di vista sono inutili anche se continuano oggi. Ma tale valutazione della prognosi non dovrebbe sorprendere, perché è conseguenza del “pensatoio”. Un certo gruppo di persone si riunisce intorno a un’idea che nessuno osa mettere in dubbio, col rischio di essere visto come un pazzo. Questa è la legge del conformismo. A questo proposito, i consiglieri della Casa Bianca sembravano essere prigionieri della teoria di Malthus, che nel 19° secolo dominava la cultura anglosassone. Secondo la teoria di Malthus, la popolazione aumenta in progressione geometrica e le risorse in progressione aritmetica. Così nel tempo, le risorse per alcuni diventano insufficienti. Nella sua teoria, Thomas Malthus mirava a confutare la teoria di Adam Smith, secondo cui il libero mercato è un sistema di auto-regolazione. In realtà il pastore Malthus cercava, attraverso la sua teoria indimostrata, la conferma al suo rifiuto di aiutare i poveri della propria parrocchia. Perché nutrire queste persone quando i loro bambini moriranno di fame domani, in ogni caso? E se il petrolio non è una fonte rinnovabile di energia e quindi a un certo punto finisce, nulla c’impedisce di pensare che la fine è vicina. Nel 2001, si parlava solo di petrolio saudita, che sapevano come raffinare. Il petrolio del Venezuela le cui riserve sono sufficienti a coprire il fabbisogno globale per un anno intero, era considerato inadatto alla produzione. In seguito, si concluse che la “teoria del fattore umano come causa del riscaldamento globale” è infondata come la teoria del “picco del petrolio”. Proviene dalla stessa teoria di Malthus e, a parte ciò, permette ai suoi sostenitori di arricchirsi col Climate Exchange di Chicago, le quote di scambio per le emissioni di gas serra. Questa idea è stata spacciata alla popolazione come volta a ridurre il consumo di energia e carbonio nei Paesi occidentali, perciò il mondo sarebbe pronto quando ci sarà meno e più costoso petrolio.

La fine del prezzo artificiale del petrolio
Sembrava che il prezzo superiore a 110 dollari al barile confermasse le conclusioni del gruppo di Dick Cheney, ma l’improvviso calo a 35 dollari al barile ne dimostrava l’inesattezza. Iniziò nel 2008 e accelerò dopo il voto in Europa per le sanzioni anti-russe, disorganizzando il commercio internazionale; spostando capitali e di conseguenza facendo scoppiare la bolla speculativa del petrolio. Questa volta, il prezzo basso viene sostenuto dagli Stati Uniti, videndolo come ulteriore mezzo per rovinare l’economia russa. Il calo dei prezzi accelerò quando l’Arabia Saudita se ne interessò. Per inviare sul mercato il proprio petrolio, Riyadh cominciò ad abbassare il prezzo tra i 20 e i 30 dollari al barile di petrolio ‘leggero saudita’. Questo investimento rese le fonti alternative di energia non redditizie e garantì potere e profitti futuri a Riyadh. L’Arabia Saudita si attivò per convincere i partner dell’OPEC a continuare tale corso. I membri del cartello decisero di risparmiare energia con un piano a lungo termine, anche con la prospettiva di un reddito drasticamente ridotto per diversi anni. Oggi, il basso prezzo della benzina priva questi investimenti di redditività. Di conseguenza, la caduta dei prezzi del petrolio sostenuta da Washington mira a rovinare Mosca. Se i posti di lavoro perduti nell’industria energetica sono stati 250000 negli ultimi due anni, la metà di questi riguarda gli Stati Uniti. Il 78% dei pozzi sono stati chiusi. E anche se il calo di produzione non è così drammatico, non cambia il fatto che gli USA non siano così indipendenti sul piano energetico… Questo non si riferisce solo agli Stati Uniti. L’intero sistema capitalista occidentale ne è stato colpito. Nel 2015 l’azienda Total perse 2,3 miliardi di dollari, Conoco Phillips 4,4, BP 5,2, Shell 13, Exxon 16,2 e Chevron circa 23 miliardi di dollari. Questo ci riporta alla “dottrina Carter” del 1980, quando Washington si concesse il diritto d’intervenire in Medio Oriente per garantirsi l’accesso libero al petrolio. Per attuare tale dottrina, il presidente Reagan creò il Comando Centrale degli USA. Oggi, il petrolio viene estratto con più metodi. Il fittizio “picco di Hubbert” non c’è stato. Ora, il presidente Obama ha ordinato alle truppe del Comando Centrale di trasferirsi nel Pacifico (definito da Obama ‘Pivot in Asia’). Tale piano è stato modificato dopo la concentrazione di forze in Europa occidentale, ma probabilmente ricomincerà se il prezzo del petrolio resta tra i 20 e i 30 dollari al barile. In questo caso, la produzione di alcuni prodotti petroliferi finirà e solo il petrolio ‘saudita leggero’ sarà utilizzato. Ecco perché ancora oggi affrontiamo la domanda per inviare forze in Medio Oriente. Se Washington prende questa strada, cambierà la tattica del Pentagono. Anche se la “teoria del caos” permette il controllo di vasti territori da parte di pochi, richiede anche un lungo periodo per sviluppare ampie risorse, come dimostra l’esperienza in Afghanistan, Iraq e Libia. Forse sarà utile per Washington tornare a una politica più saggia: smettere di sostenere il terrorismo, accettare la pace e iniziare a commerciare con questi Stati, o quel che ne resta.AP9812180876Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia-Israele, o “amore folle”…

Philippe Grasset, Dedefensa 9 giugno 2016Russia IsraelLe relazioni tra Russia e Israele sono uno dei fattori più interessanti e notevoli della situazione generale, apparendo dei buoni rapporti, se non eccellenti, sfidano la logica delle azioni del capo del blocco BAO, gli Stati Uniti d’America naturalmente, sollevando numerose logiche pretese della politica-sistema. Parliamo di questi rapporti in occasione del 25° anniversario della ripresa delle relazioni diplomatiche tra Israele e Russia (interrotte nel 1967 con la guerra dei sei giorni, quando c’era l’URSS). L’anniversario è stato segnato dalla visita solenne di Netanyahu e moglie a Mosca; visita caratterizzata da interviste e cerimonie. Questa è la quarta volta in un anno che Netanyahu incontra Putin (contro una con Obama), e sono già tante. Inoltre, la visita era di alto profilo con dichiarazioni molto solenni e la cessione del famoso carro armato israeliano dal museo di Mosca. simbolo secondo il primo ministro israeliano dell’amicizia tra Israele e Russia. (Su questo tema della restituzione del carro armato catturato dai siriani a Beirut nel 1982 e ceduto a un museo militare russo, vedasi il nostro testo del 1° giugno). Durante il viaggio, si legge su RT del 7 giugno, la sostanza dei colloqui con Putin era l’aspetto interessante della natura delle relazioni tra i due Paesi, avendo l’accento sulla cooperazione militare nel Medio Oriente e sulla Siria… “L’incontro con Putin di Netanyahu riguardava l’attuazione delle posizioni concordate nell’ultima visita di Netanyahu a Mosca, concentrandosi in particolare sul coordinamento tra le forze militari russe e israeliane. Entrambe le parti sono desiderose di rispettare il cosiddetto meccanismo deconflittuale per garantire che gli aviogetti russi operino liberamente nello spazio aereo siriano in prossimità delle frontiere d’Israele. Saranno anche discusse varie questioni regionali, come la lotta globale al terrorismo, la situazione in Siria e l’orizzonte diplomatico tra Israele e palestinesi, nonché la cooperazione economica e commerciale e il rafforzamento dei legami culturali e umanitari”, dichiarava l’ufficio del primo ministro in un comunicato. I leader israeliani e russi discuteranno del cessate il fuoco in Siria mediato da Washington e Mosca a febbraio. I due leader discuteranno anche del processo di pace israelo-palestinese, oltre che di cooperazione commerciale e legami culturali israelo-russi“.
• Alla consegna del carro armato israeliano, Netanyahu, secondo RT dell’8 giugno, dava alcune indicazioni sulla natura simbolica della cessione: “Un carro armato perso da Israele sul campo di battaglia più di 30 anni fa è stato restituito da Mosca. Per colmate il vuoto del veicolo militare nel museo russo, Israele ha consegnato una carro armato simile alla regione di Mosca. (…) “Questo è un momento molto speciale e importante per me e tutto il popolo d’Israele”, ha detto il Primo ministro Benjamin Netanyahu alla cerimonia nella regione di Mosca. Netanyuhu, attualmente a Mosca per una visita in occasione del 25° anniversario delle rinnovate relazioni diplomatiche tra le due nazioni, ha detto che il carro armato non commemora solo il coraggio dei soldati israeliani, ma suo obiettivo sarebbe anche essere “simbolo dell’amicizia tra Israele e Russia”.”
• Infine, notiamo i commenti sulla visita che esplorano sempre più la possibilità che la Russia possa diventare un alleato almeno altrettanto importante degli Stati Uniti per Israele, ed anche più importante sul piano strategico. Sputnik con un testo rapido (6 giugno), riferisce fin dal titolo della possibilità di cambiare grande alleato strategico per Israele (“La Russia potrebbe sostituire gli Stati Uniti quale primo alleato d’Israele in Medio Oriente“). Dopo aver ricordato la “serie” d’incontri Putin-Netanyahu rispetto ai rapporti con gli Stati Uniti, oltre ai vertici (4 a 1), l’articolo osserva giustamente che la cooperazione tra Israele e Russia non è ostacolata dai legami tra Mosca ed Iran e Hezbollah; né, soprattutto, dalla consegna degli S-300 russi all’Iran, spesso citati quale caso di quasi rottura tra israeliani e russi: “Sorprendentemente il sostegno russo a Damasco e Teheran, per non parlare della vendita dell’avanzato sistema missilistico di difesa aereo S-300 all’Iran da parte di Mosca, non oscurano i rapporti tra Russia e Israele. La Russia di oggi è una potenza mondiale e le sue relazioni con Israele sono sempre più forti e profonde”, dice il Jerusalem Post citando Netanyahu. Questa osservazione è particolarmente interessante nel contesto delle sanzioni scatenate da Stati Uniti ed Unione europea contro Mosca dopo la riunificazione della Crimea con la Russia“. “Le relazioni tra Israele e Russia sono di particolare interesse, oltre al contenuto attuale, perché sono la dimostrazione quasi perfetta e molto istruttiva del problema dell’identificazione e dell’operatività dell’azione anti-sistema. Infatti, la situazione tra Russia e Israele, dal punto di vista anti-sistema, e non secondo giudizi specifici da poter attribuire a l’uno o l’altro, è estremamente variabile. Ciò che gli anti-sistema possono rifiutare con estrema virulenza e col più corretto giudizio su una o più situazioni, può e va considerato anti-sistema per una o più altre situazioni”.
Il caso più esemplare sono ovviamente Netanyahu e il suo governo, una squadra estremista che ha perseguito una politica insopportabile per molti anti-sistema, sia contro i palestinesi che verso la crisi siriana e l’Iran, ecc. In questo caso, i legami con gli Stati Uniti, in particolare con i neocon, di Netanyahu, possono essere giudicati assolutamente dipendenti dal sistema, collaborando attivamente con la politica-sistema. Quando è accusato dalla dirigenza della sicurezza nazionale di Israele, come nel caso attuale, si è egualmente completamente immersi nella logica direttamente correlata al sistema. Ma quando sviluppano a loro modo i legami con la Russia, senza alcuna preoccupazione per la politica-sistema anti-russa del blocco BAO, in particolare degli Stati Uniti, diventano completamente anti-sistema, senza la minima esitazione nell’identificarlo da parte nostra. Il malcontento degli Stati Uniti è significativo in questo senso (come quando Israele si astenne nella votazione all’Assemblea generale per condannare l’azione della Russia in Crimea). Per Putin, la sua posizione internazionale, soprattutto nella posizione anti-sistema cui viene incastrato suscitando l’ostilità totale e la narrazione del blocco BAO, quasi virtuosamente viene da dire, portandolo a una situazione in cui qualsiasi iniziativa prenda, diventa naturalmente anti-sistema. Nel caso dei rapporti con gli israeliani, effettivamente riesce a mettere il governo Netanyahu in una posizione chiaramente anti-sistema minacciando, con le loro relazioni consolidate, soprattutto quelle con gli Stati Uniti. Tutto questo va notato senza far giocare le rispettive ideologie, inimicizie, ostilità, ecc. Il processo anti-sistema richiede una grande flessibilità mentale (di giudizio) che alcuni potrebbero chiamare cinica, opportunista o ingenua. Ciò dipende ovviamente dalla posizione adottata nei confronti della questione del “nemico principale”. Inoltre, la questione dovrebbe essere considerata più radicalmente perché, a nostro avviso, non si tratta del vero “nemico principale”, ma del “nemico assoluto” e quindi dell'”unico nemico”, cioè il sistema. Possiamo facilmente essere d’accordo che ciò stronca il dibattito da un lato, rilassando il pensiero in un secondo tempo, quanto basta per condurre questa indagine (chi è anti-sistema? Dov’è l’anti-sistema?) Dobbiamo sapere condannare Netanyahu in un caso, e applaudirlo in un altro, ignorandone calcoli e secondi fini; stessa cosa per Putin, cui inoltre non mancano né l’uno né l’altro (calcoli e secondi fini). Dato che la nostra valutazione preferisce dare un’interpretazione prioritaria agli eventi meccanici che portano a comportamenti che escono dal controllo umano e alle situazioni che creano, e dato che tale meccanismo crea una situazione anti-sistema in tali circostanze e con tali attori, questa situazione va colta e apprezzata per il suo valore e il suo peso.57584db9c36188c1668b45c6Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.294 follower