Il conflitto armeno-azero sul Nagorno-Karabakh

Ereven, Baku, Tel Aviv e l’Eurasia
Alessandro Lattanzio, 22/4/2016nagorno-karabakh_occupation_mapNell’autunno 2015, i capi politici turchi fecero varie dichiarazioni minacciose contro l’Armenia, il primo ministro turco Davoutoglu disse due giorni dopo aver fatto abbattere l’aereo russo in Siria, che avrebbe “fatto del suo meglio” per aiutare l’Azerbaigian a liberare le sue terre. Le stesse dichiarazioni furono fatte nel corso della riunione tra Erdogan e il presidente azero Ilham Aliev. La Turchia ha molti consiglieri militari nell’esercito azero. Inoltre Ilham Aliev, a Washington per il vertice sulla sicurezza nucleare, si era incontrato con il vicepresidente Biden che gli disse che l’Azerbaigian è strategicamente importante per gli USA confermando il sostegno all’integrità territoriale dell’Azerbaigian, compreso il Karabakh. Nel frattempo, la brigata azera dello SIIL abbandonava la Siria per avviarsi nel Nagorno-Karabakh, attraversando la Turchia. Il 2 aprile si ebbero scontri intensi tra azeri e armeni presso Martuni, Matakert, Fizuli, Tartar e Agdam. Il 3 aprile, il ministero della Difesa dell’Azerbaigian riferiva che il Paese “cessava unilateralmente le ostilità nel Karabakh“, ma senza rispettarlo. Secondo il Ministero della Difesa armeno, le forze armene avanzarono sulle posizioni occupate dalle truppe azere il 2 aprile, bombardandone le posizioni presso Martakert, nel Nagorno-Karabakh. E nonostante il cessate il fuoco, nel Karabakh almeno altri 5 carri armati azeri furono distrutti dai bombardamenti delle forze armene, mentre tre civili armeni venivano uccisi dal bombardamento notturno azero sul villaggio di Talysh. In un caso, un drone IAI Harop veniva fatto schiantare dagli azero su un autobus con militari armeni a bordo, uccidendone 7. Il Ministero della Difesa dell’Armenia riferiva che un attacco azero era stato respinto, “Le unità azere cercando di attaccare ed avanzare, finivano sotto l’accurato tiro dell’artiglieria delle Forze Armate del Nagorno-Karabakh, e venivano completamente distrutte“. Difatti, il Ministero della Difesa armeno aveva dichiarato che negli scontri nel Nagorno-Karabakh, iniziati il 2 aprile, almeno 29 carri armati azeri erano stati distrutti.
Nel 2009 Turchia e Azerbaigian firmarono un accordo di cooperazione militare. Baku dispone di un esercito di 57000 effettivi, dotati di 100 carri armati T-90S acquistati nel 2013-2015, 400 carri armati T-72 aggiornati allo standard ASLAN dell’azienda israeliana Elbit Systems, con nuovi sistemi di rilevamento e corazze aggiuntive. Similmente venivano modernizzati 400 BMP-2 e BTR-70, che affiancano 100 BMP-3M e 100 BTR-80A acquisiti dal 2007 e 2015. La riserva delle forze armate azere conta centinaia di mezzi corazzati T-55, BMP-1, MT-LB e BTR-60. Riguardo ai blindati leggeri, il materiale è quasi completamente costituito da mezzi turchi Otokar Cobra e ZPT, israeliani Abir e Storm, e da 140 mezzi blindati Marauder e Matador prodotti su licenza sudafricana nel 2009 – 2014. L’artiglieria è stata modernizzata adottando 15 semoventi israeliani Atmos-2000 e Cardom, 36 semoventi da 155mm turchi Firtina e da lanciarazzi pesanti russi TOS-1, entrati in servizio dal 2010. Le armi di supporto della fanteria comprendono missili anticarro israeliani Spike e MANPAD russi SA-24, mentre una trentina di UAV e radar israeliani e russi sono impiegati per il supporto all’artiglieria azera. Ma gli UAV, Hermes-450, Heron, Orbiter e Seacher di produzione israeliana vengono utilizzati anche dall’aeronautica azera che, inoltre, allinea 13 MiG-29 acquistati dall’Ucraina e ammodernati nel 2006, 11 Su-25 acquistati dalla Bielorussia nel 2009, 24 elicotteri d’attacco Mi-24 Hind aggiornati allo standard Mi-35M nel 2011, 12 velivoli da supporto aereo L-39 e 66 elicotteri d’assalto Mi-17. La difesa aerea azera dispone di 2 batterie di SAM Barak-8 israeliani e 2 batterie di S-300PMU2 russi.
middle_1459748981_5013290 Le Forze Armate armene dispongono di 56000 effettivi e le forze di autodifesa del Nagorno Karabakh di altri 21000 effettivi. L’esercito armeno dispone di 137 carri T-72 e 20 carri armati T-80 ceduti dalla Federazione russa, di 450 blindati da combattimento BMP-1 e 2, BTR-70 e BRDM. Il parco dell’artiglieria è composto dai classici pezzi sovietici e da missili a corto raggio Iskander con personale russo. La fanteria armena dispone di mortai israeliani, missili anticarro russi e francesi, e di missili antiaerei spalleggiabili russi Igla. L’Aeronautica armena schiera 15 velivoli d’attacco Su-25 e 6 aerei da supporto L-39 acquistati da Ucraina e Slovacchia nel 2004-2010, e 16 elicotteri d’attacco Mi-24 e 18 elicotteri d’assalto Mi-17. La difesa aerea di Erevan dipende dai reparti dell’Aeronautica Militare russa. Nel febbraio 2016, il governo russo e quello armeno firmarono un accordo per concedere all’Armenia un prestito di 200 milioni di dollari per il finanziamento dell’acquisizione di materiale militare dalla Russia, tra cui MLRS Smerch, sistemi missilistici antiaerei portatili Igla-S, complessi per il disturbo elettronico Avtobaza-M, sistemi lanciafiamme pesanti TOS-1A, missili anticarro 9K113M, razzi anticarro RPG-26, fucili di precisione Dragunov, autoblindo Tigr, mezzi per genieri e sistemi di telecomunicazione. Il Ministero della Difesa russo schierava 4 caccia Mikojan MiG-29SMT, 9 cacciabombardieri MiG-29 e 1 elicottero Mil Mi-8MT nella base russa di Erebuni, presso Erevan, capitale dell’Armenia. Gli armeni avrebbero subito 63 caduti (15 ufficiali, 34 soldati, 11 volontari e 2 soldati della riserva e 1 ufficiale è disperso), oltre a quindici civili uccisi, e la perdita di 7 carri armati, mentre gli azeri avrebbero perso di 36 mezzi corazzati, diversi pezzi d’artiglieria, 2 elicotteri, 7 droni e 300-600 effettivi. I militari azeri avevano occupato le cime presso Seisulan, Talish e Madagiz.
Mentre le Forze Armate armene schieravano missili anticarro 9P148 Konkurs e sistemi mobili missilistici antiaerei 9K33 Osa, il Presidente dell’Armenia Serzh Sargskan, in un incontro con gli ambasciatori dell’OSCE a Erevan, dichiarava che l’Armenia riconosce l’indipendenza della Repubblica del Nagorno-Karabakh (NKR) e che l’Azerbaigian inasprirà l’offensiva. Secondo Sargsjan, “L’Armenia, nell’ambito del cessate il fuoco del 1994, continuerà ad adempiere ai propri obblighi per garantire la sicurezza della popolazione del Nagorno-Karabakh”, mentre Erevan avviava il lavoro per un trattato di cooperazione militare con l’esercito del NKR. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan affermava, “Preghiamo i nostri fratelli azeri che prevalgano in questi scontri. Se il gruppo di Minsk avesse compiuto i passi giusti e decisivi, tali incidenti non sarebbero accaduti. Tuttavia, le debolezze del Gruppo di Minsk purtroppo hanno portato la situazione a questo punto“. Al vertice dell’Organizzazione per la cooperazione islamica (CIO) del 12 aprile ad Istanbul, presieduto dal presidente della Turchia Recep Erdogan, il primo ministro turco Ahmet Davutoglu affermava l’importanza dei “territori occupati” islamici: Palestina, Nagorno-Karabakh e Crimea, sottolineando l’urgenza di ricorrere a mezzi culturali, religiosi ed altri, per recuperare questi territori staccati dall’Ummah islamica. Il comunicato finale del vertice condannava la Repubblica di Armenia, accusata di aggressione alla Repubblica dell’Azerbaigian ed esprimeva interesse sui tartari della Crimea, alla luce dei “recenti sviluppi” nella penisola. Il capo degli estremisti della cosiddetta “Majlis dei tartari di Crimea” Mustafa Abduelcemil Qirimoglu partecipava ad una riunione congiunta con i presidenti turco e azero. Al vertice era presente anche il re saudita Salman bin Abdulaziz al-Saud, che ad Ankara riceveva la massima onorificenza della Turchia. Il presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbaev sosteneva l’Azerbaigian e il Kazakistan poneva il veto a una riunione dei Primi ministri dell’Unione economica eurasiatica (UEE) a Erevan, mentre i media armeni sponsorizzati dagli USA alimentavano speculazioni anti-russe. Da un lato, gli Stati Uniti esprimevano sostegno ad Aliev attraverso la Turchia, ma dall’altra i diplomatici statunitensi sostenevano la campagna mediatica armena.
azerbaycan_ve_turkiye_ortak_hava_tatbikati_yapacakL’ex-ministro degli Esteri israeliano Avigdor Lieberman accusava l’Armenia di aver provocato i quattro giorni di scontri, “l’Azerbaigian non aveva alcuna ragione per l’escalation del conflitto”, nonostante il fatto che si stato proprio l’Azerbaigian a lanciare l’offensiva per rioccupare la Repubblica del Nagorno-Karabakh. E l’ex-generale delle Forze di Difesa Israeliane Ephraim Sneh osservava che l’Azerbaigian è un “alleato strategico” d’Israele e che Baku “ha bisogno di tutto l’aiuto diplomatico che Israele può raccogliere“. Sneh accusava Tel Aviv di “rimanere in silenzio” nel momento del bisogno per Baku, spiegando che l’Azerbaigian è uno dei pochi amici d’Israele nel mondo islamico e che ne assicura la sicurezza energetica, dato che Baku fornisce ad Isarele il 40% del petrolio. La mediazione della Russia sul conflitto, secondo Sneh, era disastrosa per Baku e accusava l’Armenia delle violazioni del cessate il fuoco. Ma Sneh affermava di aver fiducia che “ora che l’Azerbaigian ha dimostrato superiorità militare, ci sia la possibilità di negoziati diplomatici reali che portino ad un accordo tra i due Paesi”, cioè cedere il Nagorno-Karabakh a Baku. Secondo Sneh, gli azeri potrebbero prendere esempio da Tel Aviv negoziando secondo la formula “terra in cambio di pace”, usata da Israele con l’Egitto per restituire la penisola del Sinai. Per Sneh gli azeri dovrebbero fare lo stesso promettendo all’Armenia pace in cambio del Nagorno-Karabakh, la “debole economia armena ne beneficerebbe da tale accordo, e il miglioramento delle relazioni economiche con la Turchia sono un importante vantaggio economico di cui l’Armenia può essere certa non appena si ritira dai territori azeri occupati. Nel frattempo, l’Azerbaigian ha bisogno di un ben più robusto appoggio diplomatico di quanto riceva oggi“, si lamentava Sneh riguardo l’atteggiamento di Tel Aviv. In realtà Israele ha venduto a Baku droni, sistemi radar, centri di comando ed equipaggiamenti per l’intelligence, entrando anche nel consorzio per fornire all’Azerbaigian un satellite di osservazione da 150 milioni di dollari. Il presidente del partito Meretz, Zehava Galon, avvertiva che Israele intendeva inviare altri droni a Baku, sollecitando il ministro della Difesa Moshe Yalon ad interrompere le vendite di armi agli azeri finché Baku non sospenderà del tutto i combattimenti nel Nagorno-Karabakh. Lo specialista d’intelligence israeliano Yossi Melman affermava che che Israele ha un’enorme e assai segreta presenza nella difesa dell’Azerbaigian, spiegando che Israele e Azerbaigian hanno scambi commerciale per 5 miliardi di dollari, più di quello tra Israele e la Francia. “La maggior parte degli scambi resta riservata, essendo composta da petrolio azero venduto ad Israele e di tecnologie belliche e d’intelligence israeliane acquistate dall’Azerbaigian,… il secondo maggiore mercato in Asia, dopo l’India, per le armi israeliane. I migliori promotori delle vendite militari sono ministri e funzionari in cravatta israeliani che visitano la nazione caucasica. The Washington Post permise al mondo di avere una finestra sulle relazioni segrete tra i due Paesi quando pubblicò una foto del ‘drone suicida’ israeliano fatto esplodere su un autobus che portava combattenti armeni in prima linea. Sette persone furono uccise, e il governo armeno protestò con Israele. Pochi giorni dopo l’incidente, giornalisti militari visitavano le strutture delle Israel Aerospace Industries venendo informati sui vari prodotti, dai droni ai satelliti, che l’azienda vende. A un portavoce delle IAI è stato chiesto se la società era coinvolta nelle rivelazione del Washington Post. Si rifiutava di rispondere, ma sorrise quando un giornalista commentò che tale foto era utile per gli affari promuovendo la vendita di prodotti definibili ‘testati in combattimento’“. Oltre ai legami militari, i due Paesi hanno anche forti legami d’intelligence, con il Mossad che ha creato una grande stazione in Azerbaigian per eseguire operazioni nel Caucaso settentrionale. Russi e iraniani avevano accusato l’Azerbaigian di permettere al Mossad di usare il proprio territorio per operazioni che vanno dal “reclutamento e impianto di agenti” a “intercettazione delle comunicazioni e ricognizione aerea“. Inoltre, più di un anno fa, l’Iran affermò di aver abbattuto un drone israeliano. Melman concludeva osservando come “il presidente azero Ilham Aliev sia stato citato in un cablo di WikiLeaks inviato dall’ambasciata degli Stati Uniti a Baku secondo cui ‘le relazioni bilaterali fra Azerbaigian e Israele sono come un iceberg. I nove decimi sono al di sotto della superficie’. Apparentemente, Israele e Azerbaigian sono una strana coppia, male assortita, ma d’altra parte, Israele non è troppo schizzinosa nella scelta degli amici quando si tratta di vendita di armi ed interessi nazionali. Un rapido sguardo alla mappa mostra che l’Azerbaigian confina con l’Iran, nemico giurato d’Israele, spiegando le priorità d’Israele“.
Il 6 aprile, il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian confermava che l’accordo sul cessate il fuoco, sulla linea di contatto nel Nagorno-Karabakh, era stato raggiunto con la mediazione della Russia, durante la riunione a Mosca dei capi di Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Azerbaigian Najmadin Sadigov e dell’Armenia Jurij Khachaturov. “Nel corso della riunione è stato raggiunto un accordo per porre fine alle operazioni militari sulla linea di contatto delle forze dell’Azerbaigian e dell’Armenia“, dichiarava il ministero. I Ministeri della Difesa armeno e azero annunciavano la cessazione delle operazioni in Nagorno-Karabakh dalle 11:00, ora di Mosca, del 5 aprile. Il 7 aprile, in un vertice a Baku tra il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, il Ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif e il Ministro degli Esteri azero Elmar Mamamdjarov, poche ore dopo che l’Azerbaigian aveva rinunciato a un grande attacco militare contro il Nagorno-Karabakh (voluto dal presidente turco Erdogan), il Ministro degli Esteri russo dichiarava che Russia, Iran e Azerbaigian avviavano i colloqui per realizzare il corridoio dei trasporti Nord-Sud, “Abbiamo discusso le questioni relative alla sfera materiale della cooperazione. Siamo d’accordo sul fatto che le nostre agenzie istituzionali dovranno avviare lo studio nel dettaglio degli aspetti pratici della realizzazione del progetto di corridoio dei trasporti “Nord-Sud” lungo la costa occidentale della Mar Caspio. Questo implica anche la cooperazione fra i servizi consolari e di uso comune, ed oggi abbiamo deciso su questo punto“.trend_mammadyarov_zarif_lavrov_070416_02Riferimenti
BBC
Fort Russ
Fort Russ
Fort Russ
Reseau International
RID
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
South Front
South Front
South Front
South Front
Sputnik
Sputnik

L’Operazione Beluga contro Putin e la Russia

Il Capitano Barril, ex-comandante del GIGN, “ho le prove di chi ha ucciso Litvinenko, e non sono i russi
Russia Insider Reseau International 30 marzo 20167472491-le-capitaine-barril-etait-dans-un-etat-de-delireIl capitano Barril non è più al centro delle operazioni segrete condotte una volta dalla Francia. Avendo parlato per una volta, l’ira dal cielo gli è caduto sulla sua testa più volte, spesso con l’aiuto e la complicità dei media.
Un ex-ufficiale francese che ha ricoperto posizioni importanti nella sicurezza territoriale e nell’antiterrorismo ha fatto una dichiarazione drammatica annunciando che ha i documenti che provano che Aleksandr Litvinenko, la spia russa avvelenata dal polonio, fu ucciso dai servizi speciali statunitensi e inglesi. In una lunga intervista che sarà pubblicata a breve, va oltre dicendo che l’uccisione di Litvinenko fu opera dei servizi speciali per diffamare la Russia e Vladimir Putin, e in cui fu coinvolto il famoso oligarca russo Boris Berezovskij, anch’egli ucciso dall’MI6 quando divenne un problema. Si dice anche che sapesse dell’operazione “Beluga“.

OpEd News, 27 marzo:
Operazione Beluga: complotto anglo-statunitense per screditare Putin e destabilizzare la Russia
MI6Il famoso esperto di sicurezza francese Paul Barril ha appena lasciato una bomba: l’esistenza dell’operazione Beluga, un’operazione segreta dell’intelligence occidentale per minare la Russia e i suoi leader. Causa della retorica minacciosa, ormai reciproca, tra Stati Uniti e Russia? Barril ha rivelato l’Operazione Beluga in una recente intervista con l’imprenditore svizzero Pascal Najadi sulla morte di Aleksandr Litvinenko nel 2006. Litvinenko era un’ex-spia che molti (in occidente) credono assassinato con il polonio radioattivo su ordine di Vladimir Putin. Najadi ha detto che l’intervista rivela che Litvinenko fu effettivamente ucciso da “un italiano che avrebbe amministrato il mortale polonio 210“. Ancora più sorprendentemente dice che l’operazione fu condotta sotto gli auspici di Stati Uniti e Regno Unito. Nei miei libri, Il falso omicidio Litvinenko e Caso Litvinenko risolto, scrissi della connessione italiana. Ma non posso confermare che Barril parlasse della stessa persona. Le accuse di Barril dovrebbero essere prese sul serio. È famoso nell’intelligence francese ed è noto in Francia come il “Superpoliziotto”. Agli occhi del pubblico francese è una combinazione di Eliot Ness, James Bond e William Bratton. Per molti anni fu il comandante del GIGN, la leggendaria unità delle forze speciali di élite francese, il capo tra le più “cazzute” forze speciali del mondo, e ha ricoperto altri alti incarichi nella sicurezza interna in Francia. Da quando ha lasciato il servizio segue i problemi della sicurezza da imprenditore privato per i capi di Stato in Medio Oriente, America Latina e Africa. Fu al centro di numerose controversie negli anni, ed è un noto autore. Non vi è dubbio che abbia accesso ad informazioni di Stato che darebbero qualche prospettiva al caso. Nell’intervista, Barril dice che Berezovskij lavorava a stretto contatto con MI6 e CIA per screditare la Russia e Putin, e che notevoli somme da tali organizzazioni passarono per le sue mani a personaggi coinvolti in tali sforzi. Barril dice che Litvinenko trasportava le valigie di denaro ai destinatari per conto di Berezovskij.
Estratto dall’intervista: “Bomba. La Russia non ha nulla a che fare con l’omicidio di Litvinenko. Il caso è fabbricato del tutto. Il polonio fu scelto come veleno perché, a causa della sua produzione in Russia, avrebbe coinvolto la Russia. L’obiettivo dell’operazione era screditare Putin e il FSB. Ciò perché la Russia bloccava gli interessi degli Stati Uniti nel mondo, in particolare in Siria. Fu un tentativo d’indebolire il potere di Putin destabilizzando la Russia”. Nell’intervista, Barril cita il dichiarato nemico di Putin, il finanziere William Browder, a stretto contatto con Berezovskij nel tentativo di screditare Putin. Sostiene anche che è sicuro che Berezovskij fu assassinato dai suoi mandanti nel servizio segreto dopo aver capito che si comportava in modo irregolare e doveva tacere prima che cedesse. Infine, dice che darà le prove per un’inchiesta pubblica sul caso, se condotta da una persona credibile. Suggerisce Carla del Ponte come buona scelta, perché convinto che non sia controllata dalla CIA. Le accuse di Barril sicuramente solleveranno altre domande sull’assassinio di Litvinenko nel 2006, che ancora volta fece titolo sui giornali nel gennaio 2016, quando un’inchiesta in Regno Unito non riusciva a produrre una conclusione. Il caso risale a 10 anni fa, ma ha sempre suscitato ampio interesse pubblico per le misteriose morti su ragioni spionistiche, controspionaggio, avvelenamento radioattivo, accuse (definitivamente sfatate) che Putin avesse “probabilmente” ordinato l’uccisione, squallide discoteche, un oligarca caduto in disgrazia e morto misteriosamente nel bagno, vedove piangenti in TV, l’assurdo “spettacolo” del processo politicizzato, grandi pose dei politici e altro ancora. Un autore aduso a misteriosi omicidi farebbe fatica a scrivere qualcosa di più surreale.

William Browder

William Browder

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Scontro Armenia-Azerbaigian per il Nagorno-Karabakh

The Saker, 3 aprile 2016ngkb-en-annIl 2 aprile, al momento dell’escalation degli scontri nel Donbas con i militari ucraini che bombardavano Donetsk e villaggi vicini, l’Azerbaigian attaccava il Karabakh armeno. Il 30 marzo Kerry incontrava il presidente dell’Azerbaigian Aliev chiedendo la ‘risoluzione definitiva’ del conflitto del Nagorno-Karabakh. Per la Reuters, “il segretario di Stato degli USA John Kerry ha chiesto “una risoluzione finale” del ventennale conflitto del Nagorno-Karabakh tra Azerbaigian ed Armenia nei colloqui con il presidente azero Ilham Aliev al dipartimento di Stato. Aliev è a Washington per un vertice sulla sicurezza nucleare ospitato dal presidente Barack Obama“. Naturalmente dobbiamo ricordare che nulla è mai ciò che sembra. Non si tratta della “risoluzione” del conflitto Armenia-Azerbaigian, ma del nuovo passo nella guerra a Russia e Cina. Che l’Armenia fosse il prossimo Paese da attaccare per il “parassita globale” è noto dall’estate 2015. Questo è ciò che scrissi il 16 gennaio. “Se europei e statunitensi restano lontano dal Medio Oriente, Russia ed alleati gradualmente pacificheranno la regione, come la Russia ha fatto per secoli senza molto sangue e atrocità, e Cina, Iran e India inizieranno a ricostruire la regione. La pressione migratoria sull’Europa sarà eliminata e i giovani arrabbiati musulmani toneranno a casa, e quelli che restano si mescoleranno con la gente del posto. Se, d’altra parte, europei e statunitensi decidono di rimanere e “vincere” in Medio Oriente, aiuteranno la Turchia a destabilizzare Ucraina, Azerbaigian, Uzbekistan e Kazakistan. Se Turchia e Azerbaigian attaccano di nuovo l’Armenia, gli Stati Uniti lasceranno lo SIIL in Iraq e Afghanistan, e supporteranno i sauditi che attaccano l’Iran. In questo scenario, la linea che gli europei cercano di tracciare a sud della Russia attraverserà Varsavia, Berlino, Parigi e Londra con milioni di giovani arrabbiati che vengono in Europa in cerca di divertimento“.Barack-Obama-e-Ilham-AliyevPromemoria dell’estate 2015 sul tentativo di “rivoluzione di colore elettrica” in Armenia.
“Una “rivoluzione colorata” è in corso in Armenia?
Le proteste armene assomigliano allo scenario del colpo di Stato ucraino di Majdan, deputato russo
Le proteste armene sono contro la Russia? Paul Craig Roberts
Erevan elettrica non cambierà l’orientamento filo-russo dell’Armenia
Le basi militari estere della Turchia e la loro minaccia alla stabilità
Abbiamo la nostra vecchia, buona e un po’ folle Turchia. Abbiamo una Georgia cristiana ortodossa occupata dalla NATO e sotto il completo controllo del regime di Washington. Inoltre, l’economia della Georgia è occupata dalla Turchia. Il 90% dell’industria del turismo, tra cui hotel e ristoranti, è di proprietà di turchi. In realtà, la Turchia può semplicemente premere l’interruttore e dichiarare la Georgia parte della Turchia. Questo è il piano di Erdogan. Non è un caso che chiami Azerbaigian e Turchia “una nazione, due Paesi”, Georgia e Armenia cristiane sono solo di ostacolo. La Turchia prevede di costruire basi militari in Georgia e anche in… Armenia. “I piani per una base militare turca in Georgia e possibile futura base turca in Azerbaigian, forse nella ex-enclave di Nakhichevan tra Armenia e Turchia, ha spinto la popolazione prevalentemente armena delle regioni georgiane di Javakhq e Tsalka a contemplare la secessione dalla Georgia e l’adesione all’Armenia“. Abbastanza interessante, tale escalation avviene dopo diversi mesi di “sforzi” diplomatici di Stati Uniti ed Unione europea per minare la fragile stabilità della regione.

Bruxelles e Washington chiedono all’Armenia di cedere popolazione e territori all’Azerbaigian controllato dalla NATO
L’allerta EAFJD mira a bloccare le misure anti-Karabakh in Europa
• L’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) ha tenuto un dibattito su due relazioni sul Nagorno-Karabakh: “Escalation delle violenze in Nagorno-Karabakh e gli altri territori occupati dell’Azerbaigian“, del relatore Robert Walter (UK) e “Gli abitanti delle regioni di frontiera dell’Azerbaigian sono volutamente lasciati senz’acqua“, della relatrice Milica Markovic (Bosnia-Erzegovina). L’Assemblea parlamentare ha respinto la relazione di Walter e ha adottato la relazione di Markovc.
L’inviato dell’Azerbaigian si dice pronto a una soluzione militare al problema del Nagorno-Karabakh, Erdogan sostiene Baku
Kerry chiede ‘la risoluzione finale’ del Nagorno-KarabakhCfDiHK1WwAU2meSSitrep
1. Colonel Cassad sulle schermaglie in Nagorno-Karabakh del 02/04/2016 – mattina
Colonel Cassad sulle schermaglie in Nagorno-Karabakh del 02/04/2016 – giorno
Colonel Cassad sulle schermaglie in Nagorno-Karabakh del 02/04/2016 – notte

2. 2 Aprile mattina e giorno
Dopo la Russia, la NATO ha invitato Azerbaigian e Armenia a cessare il fuoco. Secondo la dichiarazione ufficiale dell’Azerbaigian, ha dichiarato un cessate il fuoco.
Il confronto nella zona di conflitto, dopo alcuni scontri con l’impiego di velivoli, corazzati e artiglieria, si è fermato secondo il capo del servizio stampa del Ministero della Difesa dell’Azerbaigian Vagif Dargjakhli. “Gli scontri sulla linea di contatto delle truppe si sono fermati. La situazione è stabile“, aveva detto aggiungendo che le forze armate azere “sono pronte a qualunque azione dal lato armeno“. La sera, la situazione si stabilizzava in qualche modo. Le truppe del Karabakh hanno respinto nella maggior parte delle località l’attacco dell’esercito azero, mentre gli azeri sono riusciti a mantenere alcune vette prese con l’attacco a sorpresa. Ora ci sono scontri con mezzi corazzati e artiglieria. Al momento né Armenia e Karabakh, né Azerbaigian hanno indetto la piena mobilitazione che significherebbe che la guerra è inevitabile.CfDGH0AW4AUuAar.jpg largeDagli armeni:
Al momento la situazione è la seguente: “Penso che sia chiaro che ci troviamo in stato di guerra. È ovvio che ora, come nell’agosto 2014, lo scopo degli azeri è prendere territori in almeno un settore del fronte, anche a costo di centinaia di vittime. I combattimenti iniziati la scorsa notte sono ancora in corso su tutto il confine armeno-azero dell’Artsakh. Questo è il caso in cui informazioni ufficiose a volte diventano ufficiali, e di conseguenza abbiamo ritenuto necessario fare alcune precisazioni.
• Almeno finora, le perdite nemiche sono 3 carri armati, 2 elicotteri d’attacco e 2 velivoli senza equipaggio e un numero imprecisato di morti e feriti tra i combattenti. Vi sono morti e feriti anche tra la popolazione civile. Si noti che il Ministero della Difesa dell’Azerbaigian ha confermato la perdita di solo un elicottero Mi-24, 1 carro armato e la morte di 12 militari.
• E’ stato anche ufficialmente confermato che la parte armena ha subito perdite. A questo punto, i dati non sono pubblici e invitiamo tutti a rispettare identità e diritti del personale militare e non, leggendo “rapporti informali” prima della pubblicazione dei documenti.
• Un certo numero di villaggi azeri, Sysarch-Margushavan, Gapanlij, Gargage, è stato interamente o parzialmente evacuato. Questo è noto da parecchio tempo da parte armena, anche così la macchina della propaganda azera (attraverso APA) ha pubblicato articoli su “residenti dei villaggi di confine felici e coraggiosi”.
• Abbiamo anche vittime tra la popolazione civile nei pressi della linea del fronte ma, per fortuna, gli abitanti dei nostri villaggi sono forti di spirito ed episodi di panico non sono stati osservati.
• L’Azerbaigian ha subito pesanti perdite soprattutto a Nord-Est e nel distretto di Aghadam. Nel Sud la situazione dopo il successo improvviso si è stabilizzata e ci sono già cenni (tra gli azeri) della controffensiva degli armeni.
• L’addetto stampa del Ministero della Difesa della RA ha confermato ufficialmente le informazioni sulle numerose perdite della parte armena, così come sulle false informazioni su evacuazione e mobilitazione. Vorrei aggiungere che in Azerbaigian la mobilitazione non è dichiarata”.
Informazioni tratte e tradotto qui sulla situazione al fronte nel Karabakh
Il 2 aprile, il presidente armeno Serzh Sargsjan ha annunciato che i militari armeni hanno avuto 18 morti e 35 feriti. Come sempre nelle guerre della NATO, l’Azerbaigian spara sulle scuole. Una scuola a Stepanakert è stata colpita. Uno scolaro di 12 anni è stato ucciso e diversi feriti.CfCR2q7WIAAJtqdPS: Dato che tutto riguarda la Russia e la guerra alla Russia, un piccolo fatto. Il 31 marzo, le forze dell’ordine russe arrestavano circa 200 criminali durante il loro “incontro” a Ekaterinburg. Secondo alcuni rapporti, erano tutti azeri. Il motivo principale, per cui furono arrestati i boss azeri degli Urali è stato postato da qualcuno di nome Agaev (00:56) con un video. Nel post Agaev si chiede se la riunione dei criminali dell’Azerbaigian avveniva per “prendere il potere nelle nostre mani, in modo che i russi non ci sconfiggano. Voglio dominare questa città“. E altre cose oltraggianti e minacciose. I commenti dei giornalisti sul video sono assai sarcastici, secondo cui il post sarebbe falso. La storia conosce tali precedenti. Resta il fatto che tutti quei criminali giunsero sul posto e furono arrestati. 167 azeri furono arrestati, loro impronte digitali e foto segnaletiche prese. Dopo di che furono rilasciati. E’ un fatto noto che i russi trattano i migranti molto bene, ecco perché la Russia è il secondo Paese al mondo dopo gli Stati Uniti per immigranti. Tuttavia, l’Europa ci dimostra che il mondo cambia, e non al meglio. L’Europa è occupata dagli immigrati musulmani, che hanno anche portato con sé alcuni terroristi islamici. Il rappresentante del Consolato Generale di Azerbaigian ad Ekaterinburg, (6.35) dichiarava che i cittadini dell’Azerbaigian hanno sempre rispettato le leggi della Federazione Russa.

CfDTZXRWsAEg5bw.jpg large

b3f772bdd61f9817f726bed4daac72a9-kYGF-U1070872317529InH-1024x576@LaStampa.itTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’intesa Russia-Cina volge verso l’alleanza

MK Bhadrakumar, Indian Punchline, 26 marzo 2016dg54fphlSb6jzJq1pV9k0kj2hTLc3jzWPer più motivi, la visita a Beijing di questa settimana di Sergej Ivanov, capo del personale dell’ufficio esecutivo del Presidente della Repubblica, al Cremlino, non può passare inosservata. Ivanov viaggia raramente all’estero (data la natura del suo oneroso lavoro interno); la carriera nel KGB dove fu generale e la lunga collaborazione con il Presidente Vladimir Putin; il ruolo centrale nel processo decisionale e la stretta associazione con le politiche ‘Verso Est’ della Russia, rendono questo evento significativo. La visita di Ivanov era su invito di Li Zhanshu che dirige l’Ufficio generale del Comitato centrale del Partito comunista cinese e che lavora direttamente sotto la supervisione del Presidente Xi Jinping. Ivanov e Li hanno firmato un ‘Protocollo di cooperazione’ tra l’Ufficio esecutivo presidenziale del Cremlino e l’Ufficio generale del Comitato centrale del PCC. Non vi sono dettagli sull’accordo. (Sito web del Cremlino) Significativamente, la Russia è l’unico Paese con cui il Comitato centrale del PCC ha stipulato tale cooperazione ai vertici di leadership. E’ dubbio se tale legame tra la ‘fucina’ del Comitato Centrale del PCC e la ‘Sala verde’ del Cremlino sia mai esistito in epoca sovietica, quando entrambi i Paesi sposavano al socialismo. A dire il vero, Ivanov è stato accolto col tappeto rosso a Beijing. Il primo giorno della visita lo stesso Presidente Xi l’ha accolto ed ha avuto incontri anche con due aderenti al Politburo, Liu Qibao che dirige il Dipartimento di Propaganda del Comitato Centrale e, curiosamente, l’estremamente potente Wang Qishan (da molti considerato la seconda figura più potente del Politburo, dopo solo Xi), dalla reputazione favolosa di risolutore di crisi ed estrema competenza nel campo degli investimenti e del commercio esteri. Inoltre, Wang è la punta di diamante dell’eccezionale campagna anticorruzione di Xi. Quale aspetto della personalità politica di Wang sia rilevante per l’incontro con Ivanov non lo sapremo forse mai. (Sito web del Cremlino) In ogni caso, la competenza di Ivanov sui problemi della sicurezza nel contrastare le tecniche da guerra fredda della sovversione occidentale è considerevole. In realtà, il Cremlino ha una vasta esperienza nella gestione di tali situazioni dalla Guerra Fredda, istigate dai servizi segreti occidentali e che negli ultimi tempi sono sorte, con intrighi, in Cina dove un autore è spuntato improvvisamente su internet minacciando personalmente Xi se dovesse persistere nella campagna anticorruzione. (Guardian).
image_update_cbbdaee6d73a0a3c_1336404932_9j-4aaqsk All’interazione con i media a Pechino, Ivanov si è concentrato sulle questioni economiche, in particolare la cooperazione energetica tra Russia e Cina, ed ha espresso soddisfazione per l’aumento del volume degli scambi, i progressi dei negoziati relativi alla proposta del gasdotto siberiano occidentale per la Cina. (Sito web del Cremlino) Il Cremlino ha dato alta pubblicità al viaggio di Ivanov, sottolineandolo quale grande evento che di conseguenza merita attenzione. Nella riunione con Xi, Ivanov in realtà ha ringraziato personalmente il leader cinese per “l’aiuto nell’organizzare la visita“. (Sito web del Cremlino) Infatti, sotto ogni apparenza, qualcosa di grosso sembra costruirsi attorno la prossima visita di Putin in Cina, a giugno. Solo due settimane prima, il Ministro degli Esteri Wang Yi visitava Mosca. Beijing ha emesso una dichiarazione straordinaria sulla visita il cui unico scopo era evidenziare la fiducia nella partnership strategica sino-russa (qui). Ai colloqui a Mosca l’11 marzo, durante la visita di Wang, i due ministri degli Esteri hanno deciso di ampliare il coordinamento bilaterale sulla politica estera a livelli senza precedenti. Sembra che abbiano stilato un documento completo su cui avviare circa 50 consultazioni tra i Ministeri degli Esteri dei due Paesi nel prossimo futuro, a livello di viceministri degli Esteri e capi di dipartimenti. Chiaramente, Mosca e Beijing stringono il coordinamento intergovernativo sulle questioni globali.
A mio avviso, l’intesa sino-russa diverrà inesorabilmente un’alleanza. Naturalmente, la saggezza convenzionale è che né Russia, né Cina avessero mai desiderato tale alleanza. Ma poi, il ‘co-rapporto di forze’ (prendendo in prestito il concetto sovietico) nella situazione mondiale contemporanea spingerebbe Mosca e Beijing su questa direzione. Nel libro La Russia in Estremo Oriente: Nuove dinamiche in Asia-Pacifico e oltre, il co-autore Prof. Artjom Lukin dell’Università Federale dell’Estremo Oriente di Vladivostok (una voce influente nella politica ‘Verso Est’ della Russia) avrebbe menzionato che dal 2014 lo stesso Putin cerca un’alleanza sino-russa. In effetti, in quel periodo, nel 2014, il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu (e il Viceministro della Difesa Anatolij Antonov) chiesero apertamente l’alleanza militare tra Russia e Cina per lottare contro terrorismo e rivoluzioni colorate. La grande domanda è se sia giunto il momento, infine, dell’idea nell’aria da quasi due anni.

Wang Qishan

Wang Qishan

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Cina 2016: la grande svolta e le prospettive dell’Eurasiatismo

Strogo SekretnoSouth Front00221917e13e14a04f171c“La confusione in Siria” attira l’attenzione sul crescente cumularsi di fatti disparati e spesso contrastanti. Ma la globalizzazione richiede una valutazione del quadro complessivo mondiale. Da questo punto di vista, il volano delle tensioni della terza guerra mondiale ibrida fu aperto il 3 dicembre 2013, quando l’allora presidente dell’Ucraina Viktor Janukovich visitò Pechino e firmò l’accordo con la Cina per la creazione in Crimea di una “zona di sviluppo economico della Nuova Via della Seta” con un polo logistico multifunzionale da 140 milioni di tonnellate all’anno, e prestando alla Cina 3 milioni di ettari di terra coltivabile per fornire ai cinesi 10 milioni di tonnellate di grano all’anno. Così la Crimea doveva diventare un importante punto di transito della Via della Seta marittima del XXI secolo. In precedenza, nel novembre 2013, Janukovich si rifiutò di firmare l’accordo sull’associazione e libero scambio con l’UE. La politica di Kiev verso Cina e Russia, Stati Uniti e NATO non potevano tollerarla e così inscenarono il colpo di Stato, in seguito del quale in Ucraina giunsero al potere le forze filo-statunitensi e filo-sioniste, e nel Donbas iniziava la guerra civile. Dal punto di vista cinese, nel prossimo futuro ci sarà un nuovo cambio della tecnologia di produzione. La cosiddetta quinta tecnologia con priorità su microelettronica e informatica sarà sostituita dalla sesta basata su nano e biotecnologie e nuove forme di energia. A tale svolta se ne aggiunge un’altra. Il ciclo di “riproduzione del capitale” statunitense sarà sostituito da quello cinese del modo di produzione asiatico, mentre il centro della vita economica del pianeta passa dall’Atlantico (in cinese chiamato Oceano occidentale) al Pacifico. Così la forza trainante della nuova avanzata dell’Eurasia è ciò che in scienze politiche viene denominata “processi tettonici di trasformazione globale”, uno dei quali, nel prossimo futuro, è il cambio del leader globale entro il 2025, quando la Cina sorpasserà complessivamente gli Stati Uniti nell’economia, potenza militare, cultura, diplomazia, studi, ecc. La via della Cina per uscire dalla crisi globale e dalle follie del consumo e credito della società industriale occidentale fu chiamata “Nuova Via della Seta” nel 2013. Si suppone che collegherà la Cina, la “fabbrica del XXI secolo”, al mercato ad alta tecnologia europeo, soprattutto la Germania. Ricordiamo che l’iniziativa internazionale della Cina è attuare il “sogno cinese”, vale a dire fare del Paese nel 2025 in uno “Stato globale di primaria importanza”. Il Presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping ne fece un primo accenno nella prima visita all’estero, a Mosca, nel marzo 2013, sullo sfondo della crisi finanziaria russa a Cipro. Nella conferenza al MGIMO, a Mosca il 23 marzo 2013, Xi Jinping prese atto dei risultati positivi delle relazioni pragmatiche dei due Paesi nel quadro della “Grande Via del Tè” (Chadao Vanli) fin dal XVII secolo. Ma questo segnale non fu ascoltato o compreso nei corridoi del Cremlino. Il modello economico simbolo dei nuovi rapporti pragmatici tra Federazione russa e Repubblica popolare cinese, non fu neanche capito. Il 16 settembre 2013, durante la visita in Kazakistan e gli incontri con Nazarbaev, Xi Jinping definì le relazioni della Cina con i Paesi dell’Asia centrale “Grande Via della Seta”. Poi l’idea dell’integrazione economica di Paesi con differenti credi e tradizioni culturali fu udita ad Astana. Successivamente l’iniziativa per la Nuova Via della Seta dalla Cina all’Europa assunse la forma della dottrina della “Cintura economica della Nuova Via della Seta” e della “Via della Seta marittima del XXI secolo”. Si tratta dell’iniziativa che costruisce il XXI secolo. Motivo per cui, da due anni, vi prestiamo maggiore attenzione, così come alla Cina e alle sue prospettive di sviluppo.
Ovviamente, la Nuova Via della Seta non è solo un corridoio dei trasporti che collega la Cina con l’Europa, ma una via della Zona di sviluppo economico cinese con profitti negli investimenti garantiti e protetti dai… dollari USA. Così la Cina vuole liberarsi e riparare l’errore colossale di questi ultimi 20 anni, quando la produzione di grandi volumi di varie merci veniva scambiata con biglietti verdi basati sul nulla, reinvestendone nel proprio Paese, in progetti regionali, circa 8 miliardi. A questo scopo fu creata la Banca asiatica per gli investimenti per le infrastrutture (AIIB) nel 2015, che gradualmente si sbarazzerà del dollaro, guadagnando posizione verso i Paesi beneficiari dei prestiti, trasferendoli in yuan. Se la pensano così a Pechino non è chiaro, ma dovrebbe essere logico per sfuggire al cappio del dollaro che si è messo negli ultimi anni, passando per un certo periodo dai dollari agli yuan. E’ chiaro che nella crisi del credito globale e del sistema finanziario basato sui petrodollari degli Stati Uniti, il progetto cinese della Cintura economica della Nuova Via della Seta e della Via della Seta marittima del XXI secolo (“Una fascia – Una via”) è la demarcazione geopolitica della globalizzazione della terra, guidata dalla Cina, dalla globalizzazione del mare guidata dagli Stati Uniti, con una transizione graduale dal ciclo di accumulazione, emissione e credito del capitale degli Stati Uniti, al ciclo di produzione ed economico cinese, ma senza il dollaro al collasso, col quale le perdite della Cina sarebbero colossali.
La dottrina della Nuova Via della Seta si divide in due:
– A. La Cintura economica terrestre della Nuova Via della Seta come spazio di “destino comune, co-prosperità e sviluppo equo”. L’essenza è la via della globalizzazione terrestre nell’Asia centrale, dove sotto l’ombrello della potenza della Cina saranno garantiti gli investimenti con cui la Cina lascerà industrie e tecnologie ad alta intensità energetica e antiambientali, come petrolchimico e metallurgico, grazie al finanziamento della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali e secondo la programmazione dei capitali (il cosiddetto sistema bancario islamico).
– B. La Via della Seta Marittima del XXI secolo come progetto puramente logistico, collegando i Paesi nell’ambito della Via della “fabbrica del XXI secolo” globale cinese, per garantirne l’approvvigionamento di materie prime e di combustibile, così come l’esportazione dei prodotti finiti.
In altre parole, il cardine dell’integrazione eurasiatica saranno i valori comuni dei popoli delle civiltà non occidentali, secondo la dottrina del nuovo “internazionalismo”, rivestita dal progetto della “Cintura culturale della Via della Seta”. La Cintura economica della Nuova Via della Seta comprende 16 Paesi, 12 dei quali appartengono al “mondo islamico”. È sommamente importante notare che la Zona economica e la Via marittima attraversino la zona d’interesse della Turchia. Storicamente, la Turchia è sempre stato il “tappo” della Via della Seta rientrando nella famiglia delle nazioni dello Stato unitario di Gengis Khan, poi controllato da Timur. La Turchia oggi rivendica anche un ruolo particolare nella cintura economica e un ruolo importante nella sicurezza della cintura. “La Fascia e Via” sarà una tendenza importante per la Cina nel 2016. Saranno decise altre importanti questioni. La prima è la separazione dalla cosiddetta “proprietà di Shanghai”, cambiando il paradigma della crescita comune, dominante in Cina negli ultimi 20 anni, con il paradigma dello sviluppo di nuove condizioni più complesse:
– Il ruolo del Partito comunista come sinonimo di sviluppo stabile del Paese;
– La ridistribuzione dei beni dello Stato;
– Operazione “erede di Xi Jinping”, che inizierà al 19.mo Congresso di fine 2017;
– La situazione di Taiwan
– Nuovo equilibrio di potere nella società, l’ambiente, i pensionati, ecc;
– Problemi macroeconomici;
– Minacce estere;
– Relazioni sino-russe;
– Alleanza anticinese nel Mare cinese meridionale tra Giappone e altri.
La soluzione di tali problemi nel 2016 sarà fondamentale per lo sviluppo della RPC fino alla fine del 21.mo secolo.belt and roadTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.259 follower