Dopo Ramadi, le operazioni in Iraq

Alessandro Lattanzio, 25/5/20151018971324Il Maggior-Generale Qasim Sulaymani, comandante delle Forze al-Quds della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana, ha affermato che l’esercito statunitense non guida la lotta allo Stato islamico, e quindi l’Iran è l’unica potenza regionale a combatterlo: “Oggi non c’è altri a lottare contro lo Stato Islamico se non la Repubblica islamica dell’Iran” e gli Stati Uniti “non hanno fatto un bel niente” per fermare l’avanzata dello Stato islamico a Ramadi. Gli Stati Uniti non hanno la volontà di affrontare l’avanzata islamista, concludeva Sulaymani, rispondendo al segretario alla Difesa statunitense, il sionista neocon Ashton Carter, che ha accusato le truppe irachene di non avere “alcuna volontà di combattere” contro i terroristi. Ramadi era stata occupata dallo Stato islamico all’inizio di maggio, dopo sei mesi di scontri, mentre l’esercito e le forze speciali iracheni si erano ritirati dalla capitale della provincia di Anbar, in Iraq. I commenti di Carter sono stati criticati dal governo iracheno, che ha accusato le autorità statunitensi di scaricare su altri la colpa della sconfitta. Haqim al-Zamili, capo del Comitato della Difesa e Sicurezza del Parlamento iracheno, ha definito le accuse di Carter “irrealistiche e infondate”, e ha detto che gli Stati Uniti non hanno fornito aiuto e mezzi alle truppe irachene. Intanto, il 24 maggio le forze di sicurezza irachene riprendevano il controllo della città di Qalidiyah, ad est di Ramadi. Le Forze di mobilitazione popolare dell’Iraq continuano a denunciare i rifornimenti aerei statunitensi ai terroristi dello Stato islamico, decidendo di abbattere tutti gli aerei della coalizione sospettati di fornire supporto logistico ai terroristi nelle zone di guerra. “Qualunque siano le conseguenze, qualsiasi aeromobile della coalizione che cerca di aiutare i terroristi sarà abbattuto dalle Forze della mobilitazione popolare“, rivelava una fonte vicina alle forze paramilitari irachene. La decisione arrivava due giorni dopo che armi lanciate su Falluja sono finite in mano allo Stato islamico. Nel frattempo un comandante delle Forze di mobilitazione popolari avvertiva dell'”imminente impiego di armi sofisticate, che saranno utilizzate per la prima volta a Ramadi. Queste armi sorprenderanno amici che nemici. I bombardamenti sulla città saranno intensi, perché la stragrande maggioranza della popolazione della regione è fuggita altrove“.
50000 combattenti di 10 reggimenti delle Forze di mobilitazione popolari e dell’esercito iracheni si erano radunati nella base militare di Habaniyah, Centro del comando generale delle operazioni militari, per essere successivamente schierati nelle zone operative. Le unità antiterrorismo, il Battaglione Ashura e le Forze Badr saranno schierati a Ramadi, le Brigate Hezbollah a Falluja, le Brigate Ahlulhaq e il comando delle operazioni a Qarma, le Brigate al-Salam e al-Abas a Nuqayb. Secondo un ufficiale iracheno, Ramadi è caduta per via della complicità di certi funzionari della polizia locale con lo Stato islamico. Il piano delle Forze popolari irachene per liberare Ramadi dovrebbe svolgersi in due fasi: proteggere la zona dai raid dello Stato islamico e preparare un massiccio attacco per liberare la regione attualmente occupata, “Le operazioni per recuperare il controllo di al-Anbar sono simili alle operazioni di rastrellamento di Salahuddin e Diyala, ma con minore complessità”, dichiarava Qarim al-Nuri, portavoce delle Forze popolari irachene. A Baiji, governatorato di Tiqrit, l’esercito iracheno eliminava un capo dello Stato islamico, Sadiq al-Husayni (alias Abu Anas), ex-generale del regime di Sadam Husayn.ebadi_medevedevIl primo ministro iracheno Haydar al-Abadi, mentre si diceva dispiaciuto e sorpreso dalle azioni degli Stati Uniti e dalla situazione dell’esercito iracheno, assumeva nell’ambito del suo governo otto decisioni relative alla lotta contro lo Stato islamico, come arruolare volontari, punire i disertori, dare via libera alle forze mobilitate nelle operazioni ad al-Anbar, addestrare la polizia locale nel prendere il controllo della città, dopo la liberazione, incarcerare coloro che diffondono voci allarmistiche. Infine, il Primo ministro iracheno incontrava a Mosca l’omologo russo Dmitrij Medvedev. Il terrorismo “è in continua evoluzione e prende nuove forme. Tutto questo richiede maggiore attenzione da parte della Russia e non vediamo l’ora di intensificare la nostra cooperazione“, dichiarava al-Abadi, “Attribuiamo grande importanza alle nostre relazioni con la Russia, crediamo che queste relazioni abbaino un futuro e penso che la nostra visita ne sia la prova“. Il primo ministro russo Dmitrij Medvedev dichiarava “Apprezziamo le nostre relazioni con l’Iraq (…) I rapporti bilaterali da ora si rafforzano. La visita di Abadi conferma la determinazione dei leader iracheni a proseguire la cooperazione con la Russia”. E difatti, il 23 maggio giungevano in Iraq nuovi lotti di mezzi corazzati russi, come carri armati T-72, lanciarazzi multipli TOS-1A e veicoli recupero BREM.

CE34ZcwW0AA-dSDCE34ZUQWYAAhD82CE4hPp-XIAA0XG5Riferimenti:
Analisis Militares
Fars
Fars
Reseau International
Sputnik

AIIB contro TPP, significato e conseguenze

Philippe Grasset, Dedefensa 24 maggio 2015xi-modi-handsMK Bhadrakumar indica la posizione dell’India sulla banca d’investimento AIIB lanciata dai cinesi, che raccoglie un successo senza precedenti e la furia degli Stati Uniti. Con il 10-15% dei 100 miliardi di dollari deposito, l’India è il secondo azionista e co-leader dell’istituto al fianco della Cina che ha naturalmente la leadership con il 25-30%. Entrambi i Paesi forniscono il 35-45% del deposito, mentre i Paesi asiatici nel complesso raggiungono il 75%. In tutto, 57 Paesi sono “fondatori” dell’AIIB, la cui carta sarà firmata a fine giugno e la cui operatività è prevista per la fine dell’anno. In un articolo del 22 maggio 2015, Bhadrakumar esamina la relazione tra India e Cina nella collaborazione nell’istituto la cui dimensione politica è ormai evidente. Bhadrakumar è sfumato e talvolta severo nei suoi giudizi sulla politica del Primo ministro Modi verso le attuali principali tendenze anti-sistema predominanti, da un lato, e nei confronti dell’attuale principale tendenza-sistema, dall’altro (il caso degli Stati Uniti). Giudica la politica di Modi strategicamente incerta mentre sembra perseguire diverse cose contemporaneamente, anche se la naturale posizione strutturata dell’India l’inserisce nella cosiddetta tendenza anti-sistema. Bhadrakumar ha osservato, questa volta, che la posizione nell’AIIB impegna realmente l’India al fianco della Cina, quindi contro gli Stati Uniti nel settore molto sensibile delle istituzioni finanziarie internazionali. (…E il campo delle istituzioni finanziarie nell’ambito della sfera economica è in via di politicizzazione permanente, in un momento in cui gli antagonismi politici si esprimono non solo con scontri strategici e militari, ma anche economici e di comunicazione, economia e comunicazione vanno di pari passo e mantengono la loro politicizzazione permanente tramite le rispettive interconnessioni, perché sono espressione di questa politica nell’attuale condizione di confronto generale). “Evidentemente un forte sostegno dell’India nell’AIIB indica condivisione delle preoccupazioni della Cina da aspirante potenza riguardo le ingiustizie dell’ordine economico internazionale. Ovviamente, sentendosi frustrati dal carattere rappresentativo dell’economia mondiale. e dopo anni di vani tentativi di riforma di Banca mondiale e Fondo monetario internazionale, Cina e India semplicemente vanno avanti. Oltre a ciò, in termini politici, l’India indica piena soddisfazione verso la Cina che mantiene la parola nel fornire elevati standard di governance alla nuova istituzione finanziaria. Certamente la Cina rispetta l’impegno a non avere alcuna intenzione di voler dominare il processo decisionale o le politiche di prestito della banca. Anche in questo caso, la banca certamente aumenterà la sfera d’influenza della Cina in Asia e, nel frattempo, eleva la valuta cinese, yuan, nella competizione con il dollaro statunitense e lo yen giapponese quale valuta di riserva della regione. Tale obiettivo chiaramente indica l’inevitabile incremento dell’influenza cinese negli affari mondiali e l’alto rischio per gli Stati Uniti di perdere ulteriormente peso in Asia. Cosa che non sembra preoccupare l’India…
Bhadrakumar continua quindi a sfumare le critiche ricorrenti già segnalate contro la politica di Modi, questa volta affermando che la mancata chiara scelta tra cooperazione con la Cina (in correlazione con la posizione indiana nei BRICS e presto nella SCO) e cooperazione con gli Stati Uniti merita tale sfumatura, con la posizione assai visibile dell’India nell’ente AIIB. (Una posizione più coerente con la politica dell'”incertezza strategica”, secondo Bhadrakumar, sarebbe l’impegno indiano nell’AIIB discreto, perso nella massa degli altri Paesi fondatori). Queste diverse osservazioni sull’AIIB sono tanto più importanti poiché, parallelamente allo sviluppo della banca AIIB con gli impegni che ne comporta, vi sono gli ultimi sviluppi sul trattato di libero commercio Asia-Pacifico TPP. (Come è stato detto in precedenza, vediamo l’emergere di questi meccanismi non dal punto di vista economico [finanziario, commerciale], ma dal punto di vista politico per la loro politicizzazione immediata). Dopo la sconfitta nell’avere supporto al Congresso sulla zona di libero scambio (Fast Track Authority), il 13 maggio 2015, Obama ha mutato l’andazzo con varie manovre politiche basate sulla cooperazione con i vertici di entrambi i partiti, particolarmente acquisiti agli interessi dei poteri aziendali, ottenendo un voto favorevole al Senato. Questo episodio sottolinea il notevole potere corporativo sui due rami principali del potere a Washington. La partita sul TPP non è ancora vinta negli Stati Uniti, perché resta il voto della Camera, notoriamente riluttante ad impegni sul libero scambio, ma è importante riconoscere che la speranza di un’inversione favorevole al TPP, a Washington, è abbastanza scarsa. Con il TTIP nell’area euro-atlantica, il TPP interessa l’Asia-Pacifico e i mega-accordi di libero scambio fanno parte delle più importanti offensive, se non di ciò che alcuni ritengono l'”offensiva finale” del sistema nel processo di dissoluzione dei principi di sovranità e legittimità degli Stati. E’ qui che un altro aspetto, il più importante per noi, mantiene il punto essenziale già indicato della dimensione politica di ogni azione economica e di civiltà (“... gli antagonismi politici sono espressi non più solo da scontri strategici e militari, ma da scontri economici e di comunicazione, dato che economia e comunicazione vanno di pari passo, mantenendo la loro politicizzazione permanente tramite le rispettive interconnessioni, perché espressione di questa politica nell’attuale condizione di confronto generale“). Ciò fa parte dell’aspetto politico del TPP, essenza occulta del trattato dietro l’apparenza economica, e il TPP in questo senso è politicamente diretto contro la Cina, come notammo l’11 maggio 2015: “Ma non si ferma qui il processo… va posta un’altra interpretazione del TTP, secondo l’eccellente Alastair Crooke del “Conflicts Forum”, nei suoi ultimi “Commenti settimanali” dell’8 maggio 2015, alla luce di un recentissimo importante studio del Council of Foreign Relations (CFR), del marzo 2015, e presentato dal suo presidente Richard Haas. Lo studio rileva che lo sviluppo della Cina è una minaccia all’egemonia statunitense, che va bloccata a tutti i costi… Crooke esamina la questione delle sanzioni contro l’Iran sotto l’aspetto giuridico delle sanzioni generalmente interpretate come politica egemonica degli Stati Uniti. Il documento del CFR viene presentato come analisi del regime delle sanzioni all’Iran prima di concludere che, nello spirito della prefazione del presidente del CFR Richard Haas, i trattati TTP per i capi degli Stati Uniti sono volti ad imporre un regime di sanzioni alla Cina…” Ma lo stesso argomento, secondo le regole che fanno di economia e comunicazione l’essenza politica costitutiva dell’antagonismo, va nella direzione opposta per l’AIIB. Se il TPP equivale a introdurre le sanzioni contro la Cina, l’AIIB diventa, piaccia o meno agli altri, anche a i cinesi, parte di una potente dinamica assolutamente politica, volta a consolidare tutte le iniziative che potremmo definire anti-sistema nell’ambito dell’AIIB (BRICS e la banca che hanno appena creato, SCO, ecc.). In questo caso, l’India secondo la critica di Bhadrakumar (soprattutto perché fa parte dei BRICS ed entrerà nella SCO), presto dovrà fare delle scelte strategiche e politiche in rapporto al suo impegno altamente visibile nell’AIIB. Non sarà la sola, e questo è il motivo per cui il caso indiano va considerato come riferimento piuttosto che specifico… Ci sarà, naturalmente, il caso dei Paesi asiatici ed altri che fanno parte del TPP e anche dell’AIIB, e ci sarà il caso dei Paesi del blocco BAO membri dell’AIIB nel quadro euroatlantico, che quando il TTIP passerà, si troveranno nella stessa situazione difficile ed incerta, perché il TTIP può essere considerato rispetto alla Cina, come la macchina per imporre le sanzioni occidentali alla Russia, cioè contro l’asse Russia-Cina.
È sufficientemente noto che l’asse Russia-Cina è ormai una realtà sempre più potente, principalmente su base economica, anche se l’aspetto strategico della sicurezza si amplia; ma quest’ultima osservazione non è di fondamentale importanza nel contesto che abbiamo proposto della politicizzazione immediata delle politiche economiche, e l’asse Russia-Cina è necessariamente un’entità completamente e istantaneamente politica (e antisistema). Il quadro economico e comunicativo non esprime più solo l’antagonismo che si materializzerebbe in veri e propri conflitti di natura politica e strategica e dalla dimensione militare, essendo esso stesso e direttamente, piuttosto che sostanza, essenza del confronto generale, perché l’antagonismo generale è appunto sempre meno esprimibile sul piano militare. A tali condizioni, tutti i Paesi che credono di poter fare il “doppio gioco” (India), inconseguenti nella loro sfera politica (Paese del blocco BAO entrato nell’AIIB), dovranno effettivamente affrontare i dilemmi politici della guerra totale poste dalla loro posizione, che va considerata ambigua e che implica ovviamente la necessità, prima o poi, di una scelta chiara.134239652_14316459047251nTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

9 maggio 2015: la Russia ha mostrato al mondo come uccidere le rivoluzioni colorate

Andrew Korybko The Saker 20 maggio 2015jxFiAPt11m7TWCRaCAQMCAEGrGWxchKhIl 70° anniversario della giornata della vittoria a Mosca è stata monumentale per due motivi principali (solenne venerazione di Shojgu, amicizia russo-cinese), non ultimo il fatto che simboleggiava la morte assoluta di qualsiasi rivoluzionaria colorata sperata ancora possibile dall’occidente fin dai primi anni 2000. La resistenza patriottica illustrata non si è placata quando la sfilata si concluse, ma invece si elevò a proporzioni epiche con la marcia del Reggimento Immortale quando le famiglie hanno reso omaggio ai loro cari che combatterono in guerra. Questo sfogo emozionale della memoria storica ha visto oltre mezzo milione di persone in piazza nella sola Mosca, tra cui il Presidente Putin, a dimostrazione che la Grande Guerra Patriottica è veramente il grande unificatore che trascende le linee etnico-sociali della società sovietica. E’ fondamentale sottolineare la solidarietà nazionale che le commemorazioni del Giorno della Vittoria suscitano, perché è proprio questa sensazione di diffuso patriottismo partecipativo la difesa più efficace contro le rivoluzioni colorate di oggi.

L’arma della Storia
L’autore ha scritto di recente sull’uso degli Stati Uniti della memoria storica come arma postmoderna, ma è necessario rivederne alcuni punti principali nel contesto di questo articolo. In sintesi, l’apparato statale profondo degli Stati Uniti si rende conto che il mosaico di ricordi (spesso contraddittori) dell’Eurasia fornisce terreno fertile per coltivare nuove divisioni tra i suoi partner. Se i Paesi dell’Eurasia saranno separati dai fantasmi del passato, allora i piani d’integrazione continentale promossi da Russia e Cina saranno nulli e, di conseguenza, gli Stati Uniti potrebbero estendere indefinitamente la propria egemonia sull’Eurasia continuando a dominare le leve chiave. L’attuazione più nota di tale strategia è il sostegno degli Stati Uniti alla memoria dell’estremismo nazionalista e fascista ucraino nel tentativo di trasformare il Paese in bastione russofobo, e l’aiuto alla rimilitarizzazione del Giappone contro la Cina ne è un altro un esempio calzante.

Vulnerabilità storiche
Russia e Cina possono avere difficoltà nel contrastare le ingannevoli narrazioni storiche che gli Stati Uniti fabbricano per le menti impressionabili di ucraini e giapponesi grazie alla dominante informazione unipolare in questi Paesi (e la censura attuata in Ucraina in questo momento), ma hanno assai successo e flessibilità nel difendersi da tale perversione della memoria storica all’interno. Le due ancore eurasiatiche sono multiculturali e, quindi, intrinsecamente vulnerabili alla militarizzazione delle informazioni e della memoria diffusa da campagne mediatiche sovversive (con i media tradizionali e on-line) e le ONG facciate dell’intelligence. Mentre questi due Stati resistenti adottano misure attive per contrastare tale minaccia prima che vada fuori controllo, rimarrà sempre la possibilità che alcuni episodi storici di vasta portata possano ancora essere usati per sminuire gli sforzi nazionali nel costruire l’unità. Nel caso della Russia, si tratta del periodo stalinista, mentre per la Cina del grande balzo in avanti e della Grande Rivoluzione Culturale. L’intenzione degli Stati Uniti è provocare disordini antigovernativi più ampi della destabilizzazione mirata rivolta a particolari minoranze nazionali, e in molti casi, tali continue campagne (alcuna delle quali appare avere possibilità di successo) non sono altro che test per procurare all’intelligence dati su contro-strategie e ricezione del pubblico, in previsione di una più seria futura offensiva.

Armatura Storica
Comunque, l’ultima commemorazione del Giorno della Vittoria dimostra che gli Stati Uniti portano avanti una strategia fallimentare, che non avrà sicuramente successo con la Russia neanche nei loro più sfrenati sogni. Il 9 Maggio 2015 ha decisamente dimostrato che i cittadini russi di tutte le classi, razze, religioni, orientamenti politiche possono naturalmente unirsi per celebrare il proprio Paese e mantenere la corretta memoria storica. L’enfasi è sul naturale e organico sostegno del pubblico alle commemorazioni parata militare e partecipazione al Reggimento Immortale, decisamente volontario e sua prerogativa. Contrasta questo patriottismo innato e relative espressioni di massa con la natura artificiosa delle rivoluzioni colorate, che devono essere create a tavolino all’estero e meticolosamente seguite nel loro svilupparsi. Considerando che le manifestazioni in tutta la Russia del 9 maggio avevano il pieno supporto popolare, le rivoluzioni colorate di Garner hanno solo l’illusione di un tale sostegno, dato che sottili tecniche di gestione della percezione sono necessarie per ingannare l’obiettivo (sia nazionale che estero) facendo credere che il movimento sia assai più popolare di quanto lo sia in realtà. Un confronto adatto è paragonare gli eventi dello scorso fine settimana alle verdure biologiche, e le rivoluzioni colorate alle loro controparti OGM; entrambi sembrano reali, ma solo uno è naturale e gli altri hanno richiesto anni di ricerca e sviluppo per perfezionarsi, e anche allora sono sempre fasulle e un abominio della natura (non importa come appaiono all’esterno). I cittadini russi che hanno marciato in tutto il Paese il 9 maggio (e che si univano agli omologhi cinesi in reciproca comprensione) sono l’opposto assoluto di ciò che gli Stati Uniti pensano di usare per rovesciare il governo russo, così fungendo da perfetto antidoto ai piani di Washington. L’armatura storica indicata dal titolo di questo paragrafo si riferisce alle manifestazioni organiche patriottico-storiche, come quella vista in Russia lo scorso fine settimana, che rafforzano l’unità nazionale e respingono le narrazioni false e contrarie. A seconda del caso, ciò potrebbe più che compensare eventuali incidenti storici che rischiano di essere regolarmente sfruttati dai provocatori (ad esempio, il periodo stalinista). Facendo un ulteriore passo avanti, l’armatura storica è fortificata da una corretta educazione patriottica nelle scuole e dalla creazione di organizzazioni non governative di supporto al governo, e quando questi tre elementi si combinano con l’eventuale manifestazione patriottica-storica, l’effetto risultante può ripulire il Paese dagli effetti collaterali negativi delle fallimentari iniziative per la rivoluzione colorata.10300315Le lezioni della storia
Russia e Cina sono immuni dagli intrighi degli Stati Uniti per una rivoluzione colorata, purché continuino a praticare un regime patriottico-storico con adeguata istruzione, ONG di sostegno e manifestazioni regolari. Lo stesso, però, non si può così facilmente dire per Stati che non hanno un’unica e solida eredità come queste due grandi civiltà. Mentre tutti i Paesi hanno una propria storia di cui essere orgogliosi, molti hanno confini arbitrari che a volte nemmeno indicano o rappresentano il loro ideale di stabilità (ad esempio, la maggior parte degli Stati ex-coloniali). In questi casi, ci deve essere assolutamente un’ideologia unificante capace di riunire le varie parti della società, sia fisicamente (demografia) che storicamente (memoria).

Siria:
La ragione per cui la Siria è riuscita a respingere il tentativo di rivoluzione colorata scatenatagli nel 2011 (successivamente trasformata in guerra non convenzionale per sostenere il fallito cambio di regime) fu dovuto a solidarietà e civiltà politica del popolo siriano. Il Paese, pur essendo geograficamente piccolo, è sproporzionatamente ricco di storia ed è sempre stato cosmopolita. Inoltre, la stragrande maggioranza dei cittadini capisce e rispetta l’ammodernamento e la stabilità data dal Partito Baath nel tumultuoso periodo post-indipendenza, quindi sostegno alle autorità legittime e netto rifiuto delle rivoluzioni colorate straniere (per lo più importate). Se non ci fosse stato un notevole e sincero sostegno interno alle autorità siriane dalla stragrande maggioranza della popolazione, il governo sarebbe crollato da tempo e il popolo non avrebbe continuato a combattere e morire per oltre quattro anni per salvare la propria cara civiltà di Stato laico.

Ucraina:
La Siria è un grande esempio di piccolo Paese che ha resistito con successo all’offensiva delle rivoluzioni colorate che all’improvviso l’ha aggredita; l’Ucraina ne rappresenta l’opposto, un Paese moderatamente grande che non è riuscito a respingere la rivoluzione del cambio di regime. La ragione per cui ciò è accaduto è proprio perché non ha un’ideologia unificante con cui integrare la popolazione intrappolata dai confini arbitrari dal 1991. Che siano russi, ungheresi, ruteni, tartari della Crimea o anche ucraini, nessun gruppo era contento dell’Ucraina. Mentre le minoranze costantemente chiedono a gran voce diritti e maggiore rappresentanza, gli ucraini non erano contenti del potere avuto e continuavano a volerne di più. In tali condizioni, quando l’apparato governativo che incredibilmente s’è tenuto su per oltre vent’anni, è stato brutalmente sconfitto dai terroristi urbani nazionalisti, la prima minoranza in Ucraina, la popolazione russa, ha deciso di gettare la spugna e secedere dallo Stato fallito. Guardando al passato e apprendendo le lezioni articolate in questo articolo, non sarebbe dovuto accadere. Il territorio dell’Ucraina ospita il magnifico patrimonio della civiltà della Rus di Kiev; invece di essere settari e sciovinisti per il loro complesso d’inferiorità nei confronti dei russi, gli ucraini potevano celebrare il patrimonio comune e farne un ponte per costruire migliori relazioni con i vicini. Dopo tutto, la Federazione Russa è l’ultimo Stato successore dell’antica entità che il territorio della moderna Ucraina diede alla luce, e sarebbe stato sensato se le nazioni sorelle si fossero avvicinate il più possibile negli anni post-indipendenza. Ad esempio, l’Ucraina avrebbe potuto usare il proprio patrimonio di civiltà comune con la Russia come trampolino per creare la propria versione di Unione statale come quella tra Russia e Bielorussia. Purtroppo, però, i capi ucraini non la vedevano così e, quindi, le buone intenzioni della Russia espresse nel periodo post-indipendenza furono respinte o sfruttate per vantaggi personali dall’oligarchia ucraina. Pertanto, quando gli Stati Uniti erano pronti a colpire il cuore dell’Europa orientale con le ultime tattiche asimmetriche del cambio di regime, non sorprende abbiano incontrato scarsa resistenza e avervi successo.

Conclusioni
La memoria storica è viva oggi, e invece di essere una sorta di concetto fossilizzato rinchiuso in una biblioteca, è un concetto attivo tangibilmente manifestato per le strade del mondo. In alcuni casi, è passivo e viene promosso senza alcuna considerazione politica di sorta, ma il più delle volte la tendenza è stata riconoscere l’influenza che ha sulla mente di milioni di persone ed adattarsi di conseguenza. Gli Stati Uniti hanno cominciato a militarizzare la storia per raggiungere i loro obiettivi geopolitici, mentre Russia, Cina e Siria hanno tradizionalmente usato la storia come bastione per difendere la propria civiltà. La lotta tra falsificazione e manipolazione storica postmoderna guidata degli Stati Uniti contro la difesa dei fatti storici orgogliosi e unificanti, così come enunciata dai suddetti tre attori, inizia solo ora ad attivarsi. Quindi, è prevedibile si ripetano gli scenari da ‘destabilizzazione storica’ visto in Ucraina, per esempio, divenendo presto la nuova quinta colonna che apre le porte ad ulteriori infiltrazioni delle informazioni (“per la democrazia”) e conseguenti obiettivi di cambio di regime. Mentre Russia e Cina sono in prima linea nel programma ‘di vaccinazione’ contro tale ‘malattia storica’ diffusa dagli agenti della disinformazione degli Stati Uniti, Stati più piccoli come Siria e Ucraina rimarranno obiettivo di tale accelerazione della guerra, nonostante Washington abbia raggiunto risultati assai diversi in ogni caso. Le Sirie nel mondo riusciranno a resistere (ma probabilmente pagando lo scotto del loro patriottismo), mentre le Ucraine crolleranno sprofondando nell’incubo distopico dell’iper-autoritarismo. In conclusione, la domanda a cui devono rispondere Stati similari sulla scacchiera eurasiatica è se potranno difendere la propria Storia come la Siria o se dovranno capitolare pateticamente come l’Ucraina.

inside putin gvTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Washington si suicida

F. William Engdahl New Eastern Outlook 24/05/2015yVXAwrNJA55Jf7pe8p4NM2m9AGgxAIzjSono giorni tristi a Washington e Wall Street. L’unica superpotenza una volta incontrastata, dal crollo dell’Unione Sovietica un quarto di secolo fa, perde influenza globale con una rapidità imprevedibile solo sei mesi fa. L’attore chiave che ha catalizzato la sfida globale a Washington quale unica superpotenza è Vladimir Putin, Presidente della Russia. Questo è il contesto reale della visita a sorpresa del segretario di Stato John Kerry a Sochi per incontrare il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e poi discutere per quattro ore con “Satana” in persona, Putin. Lungi da provare un “reset”, gli sfortunati strateghi geopolitici di Washington cercano disperatamente di trovare il modo migliore per piegare l’Orso russo. Un ritorno al dicembre 2014 è istruttivo per capire il motivo per cui il segretario di Stato degli USA porge apparentemente il ramoscello di olivo alla Russia di Putin in questo frangente. All’epoca Washington sembrava piegare la Russia, con le sue sanzioni finanziarie mirate e l’accordo con l’Arabia Saudita per far crollare i prezzi del petrolio. A metà dicembre il rublo era in caduta libera nei confronti del dollaro. Anche i prezzi del petrolio precipitarono a 45 dollari al barile da 107 di soli sei mesi prima. Poiché la Russia è fortemente dipendente dalle entrate petrolifere e dall’esportazione del gas per le finanze dello Stato, e le compagnie russe avevano enormi obbligazioni del debito in dollari all’estero, la situazione appariva desolante al Cremlino. Qui il destino, per così dire, è intervenuto in modo inaspettato (almeno per gli architetti della guerra finanziaria e del crollo petrolifero degli USA). Inoltre l’accordo di John Kerry con il morente re saudita Abdullah nel settembre 2014 affliggeva le finanze russe, ma minacciava anche l’esplosione dei circa 500 miliardi di dollari di titoli “spazzatura” ad alto rischio, il debito dell’industria dello scisto degli Stati Uniti assunta dalle banche di Wall Street negli ultimi cinque anni per finanziare la tanto vantata rivoluzione del petrolio di scisto degli USA, che brevemente ha sospinto gli Stati Uniti a superare l’Arabia Saudita come maggiore produttore di petrolio del mondo.

I danni collaterali della strategia degli Stati Uniti
Ciò che Kerry non ha notato nel suo intelligente mercato delle vacche saudita, era l’occulta doppia agenda dei monarchi sauditi che avevano già chiarito che non volevano affatto che il loro ruolo di primo produttore di petrolio del mondo e re del mercato venisse offuscato dall’industria del petrolio di scisto dei parvenu statunitensi. Volevano colpire Russia e anche Iran, ma il loro obiettivo principale era uccidere i rivali del petrolio di scisto degli Stati Uniti, i cui progetti si basavano sul petrolio a 100 dollari al barile, di meno di un anno prima. Il prezzo minimo del petrolio per evitare il fallimento, in molti casi era di 65-80 dollari al barile. L’estrazione di petrolio di scisto non è convenzionale ed è più costoso rispetto al petrolio convenzionale. Douglas-Westwood, società di consulenza energetica, stima che quasi la metà dei progetti petroliferi degli Stati Uniti in fase di sviluppo ha bisogno di un prezzo del petrolio superiore ai 120 dollari al barile, per fare cassa. Entro la fine di dicembre una catena di fallimenti del petrolio di scisto minacciava un nuovo tsunami finanziario mentre la carneficina della cartolarizzazione della crisi finanziaria 2007-2008 era tutt’altro che finita. Anche un paio di default di titoli spazzatura di alto profilo del petrolio di scisto scatenerebbe il panico negli Stati Uniti per i 1900 miliardi di dollari di titoli spazzatura sul mercato del debito, senza dubbio scatenando una nuova crisi finanziaria che l’affaticato governo degli Stati Uniti e la Federal Reserve a malapena gestirebbero, così minacciando la fine del dollaro quale valuta di riserva globale. Improvvisamente, nei primi di gennaio, il capo del FMI Lagarde lodava la banca centrale della Russia per la sua gestione di “successo” della crisi del rublo. L’Ufficio del terrorismo finanziario del Tesoro degli Stati Uniti, tranquillamente stilava ulteriori attacchi alla Russia, mentre l’amministrazione Obama fingeva la solita “III Guerra Mondiale” contro Putin. La loro strategia petrolifera aveva inflitto assai più danni agli Stati Uniti che alla Russia.

Fallimento della politica USA verso la Russia
Non solo, la brillante strategia bellica di Washington contro la Russia, avviata nel novembre 2013 a Kiev con il golpe di euromajdan, appare un manifesto fallimento totale creando il peggior incubo geopolitico che Washington possa immaginare. Lungi dal reagire da vittima inerme e rannicchiata dalla paura per gli sforzi degli Stati Uniti nell’isolare la Russia, Putin ha avviato una brillante serie di iniziative economiche, militari e politiche che entro aprile hanno contribuito a piantare il seme di un nuovo ordine monetario globale e del nuovo colosso economico eurasiatico che rivaleggia per l’egemonia con l’unica superpotenza USA. Ha sfidato i fondamenti stessi del sistema del dollaro e il suo ordine globale nel mondo, dall’India al Brasile a Cuba e dalla Grecia alla Turchia. Russia e Cina hanno firmato colossali nuovi accordi energetici che hanno permesso alla Russia di reimpostare la propria strategia energetica dall’ovest, dove UE e Ucraina su forti pressioni di Washington, sabotavano le forniture di gas russo all’Unione europea attraverso l’Ucraina. L’Unione europea, di nuovo su pressione intensa di Washington ha sabotato quindi il progetto di gasdotto della Gazprom, South Stream, per l’Europa meridionale. Piuttosto che essere sulla difensiva, Putin ha scioccato l’UE con la sua visita in Turchia, incontrando il presidente Erdogan e annunciando il 1° dicembre di aver cancellato il progetto South Stream di Gazprom e che avrebbe cercato un accordo con la Turchia per fornire gas russo al confine greco. Da lì, se l’UE vuole il gas, deve finanziare propri gasdotti. Il bluff dell’UE fu scoperto e il suo fabbisogno di gas in futuro sarà più remoto che mai. Le sanzioni dell’UE alla Russia sono fallite con la Russia che si vendica vietando l’importazione di prodotti alimentari dall’UE e rivolgendosi all’autosufficienza. E miliardi di dollari in contratti ed esportazioni per le imprese tedesche, come Siemens, o francesi come Total, si trovano improvvisamente nel limbo. Boeing ha visto annullati i grandi ordini per aeromobili dai vettori russi. La Russia ha annunciato di rivolgersi ai fornitori nazionali per la produzione di componenti cruciali per la Difesa. Poi la Russia è diventata fondatrice “asiatica” della riuscita nuova Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) della Cina, destinata a finanziare l’ambiziosa rete ferroviaria ad alta velocità della Cintura economica della Nuova Via della Seta dall’Eurasia all’UE. Invece che isolare la Russia, la politica statunitense ha fallito miseramente, nonostante le forti pressioni ai fedeli alleati degli Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Francia e Corea del Sud si precipitavano ad aderire alla nuova AIIB. Inoltre, nel vertice di maggio a Mosca, il presidente cinese Xi Jinping e Vladimir Putin annunciavano che la rete ferroviaria della Via della Seta cinese sarà pienamente integrata nell’Unione economica eurasiatica della Russia, una spinta sconcertante, non solo per la Russia, che avvicina l’Eurasia alla Cina, regione con la maggioranza della popolazione mondiale.
In breve, a John Kerry fu detto d’ingoiare il rospo e volare a Sochi, cappello in mano, per offrire una sorta di calumet della pace a Putin, dai circoli dirigenti degli Stati Uniti. Gli oligarchi avevano realizzato che i loro falchi neoconservatori come Victoria “Fottuta UE” Nuland, del dipartimento di Stato, e il segretario alla Difesa Ash Carter, favoriscono la creazione della nuova struttura mondiale alternativa che potrebbe significare la rovina del sistema del dollaro post-Bretton Woods dominato da Washington. Oops. Inoltre, costringendo gli “alleati” europei ad allinearsi agli USA contro Putin, con grave danno degli interessi economici e politici dell’Unione europea, evitando di partecipare al progetto di Cintura economico della Nuova Via della Seta e al boom economico degli investimenti che comporterà, i neo-conservatori di Washington sono riusciti anche ad accelerare il probabile distacco di Germania, Francia e potenze europee continentali da Washington. Infine, il mondo (tra cui anche occidentali anti-atlantisti) vede Putin quale simbolo della resistenza al dominio statunitense. Questa percezione, già emersa con la vicenda di Snowden, s’è consolidata con sanzioni e blocco, tra l’altro giocando un ruolo psicologico significativo nella lotta geopolitica: la presenza di un simbolo che accende nuovi centri di lotta all’egemonia. Per tutte queste ragioni, Kerry fu chiaramente inviato a Sochi per fiutare i possibili punti deboli per un nuovo assalto futuro. Ha detto ai pazzi furiosi sostenuti dagli Stati Uniti a Kiev di raffreddarsi e rispettare gli accordi di cessate il fuoco di Minsk. La richiesta è stata uno shock per Kiev. Il primo ministro, insediato dagli Stati Uniti, Arsenij Jatsenjuk, ha detto alla TV francese, “Sochi non è sicuramente il miglior resort e non è il posto migliore per una chiacchierata con il presidente e il ministro degli Esteri russi“. A questo punto l’unica cosa chiara è che Washington ha finalmente capito la stupidità delle sue provocazioni contro la Russia, in Ucraina e nel mondo. Quale sarà il loro prossimo piano non è ancora chiaro. Ciò che è chiaro è che un drammatico cambio di politica è stato ordinato all’amministrazione Obama dai vertici delle istituzioni statunitensi. Nient’altro può spiegarlo. Se la sanità mentale sostituirà la follia dei neo-con resta da vedere. Resta chiaro che Russia e Cina sono risolute più che mai a non rimanere in balia di una superpotenza irrazionale. Il patetico tentativo di Kerry di un secondo “reset” con la Russia, a Sochi, porterà poco a Washington. L’oligarchia degli Stati Uniti, come dice l’Amleto di Shakespeare “cade nella sua stessa trappola”, come il bombarolo che esplode con la sua bomba.

0508-world-putin-xi_jinping_620_434_100F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica dalla Princeton University è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Pivot giapponese

Per Fritzmorgen Fort Russ 23 maggio 2015E23DFBDC-F98B-437C-825D-74CBB2C566C4_mw1024_n_sIl Giappone accetterà di abbandonare le pretese sulle isole Kurili per firmare un trattato di pace con la Russia? Un paio di anni fa avrei detto con certezza che non era possibile e che i giapponesi avrebbero continuato a pretendere le nostre isole fino all’ultimo. Ricordiamo un po’ di storia. Il Giappone attaccò la Russia nel 1904 in modo brutale e dopo la pace 1905 ricevette la metà meridionale di Sakhalin e qualche altra isola. I giapponesi non festeggiarono per molto: alla fine della seconda guerra mondiale la Russia riprese i suoi territori. Il Giappone prese la perdita di ciò che aveva rubato piuttosto con calma. Durante l’era Krusciov cercarono di raggiungere un accordo di pace accettando la perdita e voltando pagina nelle sue relazioni con la Russia, gli Stati Uniti però posero il veto alla proposta di trattato. Vorrei aggiungere che non dobbiamo costringere il Giappone. Le due isole meridionali, Kunashir e Iturup, sono vitali per noi, visto che sono sul tratto di mare che non congela di Vladivostok. Sulle piccole isole Kurili, che non sono preziose per noi, Krusciov era disposto a rinunciarvi per porre fine al conflitto. Tuttavia, lo status quo andava bene a entrambe le parti. Abbiamo la nostra rotta per Vladivostok libera dal ghiaccio e il controllo delle isole, mentre i giapponesi non erano interessati al trattato di pace, perché capivano che la Russia non ha intenzione di attaccarli. I negoziati tiepidi sul “restituiteci le isole – non vogliamo” poteva continuare per decenni… se non fosse per il fatto che il colosso a stelle e strisce mostra visibilmente delle crepe. La bomba è scoppiata a metà settimana. Il Giappone improvvisamente invita Vladimir Vladimirovich e non solo per chiacchierare ma… per concludere un trattato di pace e risolvere la questione territoriale. La posizione della Russia non è cambiata, non siamo disposti a cedere le isole ai giapponesi in cambio di un trattato di pace, la cui firma non è così importante da fare concessioni territoriali. Quindi possiamo concludere con attenzione che la posizione del Giappone è cambiata. Forse il Giappone ha deciso di firmare il trattato di pace alle condizioni della Russia e, infine, rinunciare alle isole, che furono sotto il suo controllo per un paio di decenni nel 20° secolo. La serietà di ciò che accade può essere giudicata dalla reazione degli Stati Uniti. Poco dopo l’inaspettato annuncio giapponese, un assistente del segretario di Stato degli USA ha riunito i giornalisti per dirgli che il Giappone non dovrebbe trattare con la Russia, perché è colpevole e va punita. Inoltre, George Soros si è svegliato e verbosamente ha detto che la Cina trama per attaccare il Giappone, che sarà protetto dalle orde di occupanti cinesi solo dai coraggiosi US Marines.
cold-war-japan-456x450Come dobbiamo interpretare tutto ciò? Perché accade tutto questo e perché i giapponesi agiscono come se intendano, senza motivo apparente, essere inaccettabilmente generosi verso la Russia? Ricordiamo ancora una volta la storia, questa volta la Seconda guerra mondiale. Il Giappone combatté coraggiosamente contro gli Stati Uniti sul Pacifico, ma alla fine subì una tremenda sconfitta sottolineata dagli attacchi atomici statunitensi su Hiroshima e Nagasaki. Va notato che neanche i giapponesi furono proprio morbidi durante la guerra. L’esercito giapponese agì con tale brutalità che eclissò i crimini fascisti più odiosi. Chi è interessato può cercare in rete per esempio “Unità 731” o leggere il romanzo “Giocare a Go“. Il coraggio dei samurai era una spada a doppio taglio: non erano solo indifferenti alla propria sofferenza, ma al dolore altrui. Quindi in ultima analisi, il Giappone attaccò gli Stati Uniti… facendo una mossa temeraria. Riconobbero di esser stati completamente sconfitti e divennero i più fedeli servitori degli Stati Uniti. Hanno soddisfatto tutte le pretese degli Stati Uniti, perdonato i bombardamenti nucleari, rinunciato ad avere forze militari e trovato un posto sicuro nell’ordine mondiale quale colonia preferita degli Stati Uniti, agendo come se non furono Stati Uniti e URSS a combattere il Giappone, ma piuttosto USA e Giappone a combattere l’URSS. Sappiamo che il trucco ha funzionato. Il piccolo Giappone ha fatto un balzo in avanti e la sua economia è diventata la seconda mondiale, passando solo ora al quarto posto per la crescita di Cina e India. Certo, negli ultimi due decenni l’economia del Giappone soffoca sotto la schiacciante cappa coloniale degli Stati Uniti, ma il Giappone sconfitto è riuscito ad ottenere molti più benefici dalla sconfitta di quanto chiunque avrebbe potuto prevedere nel lontano 1945. Dobbiamo anche capire che gli Stati Uniti possono subordinare il Giappone con le loro armi nucleari, ma non addomesticarlo. I giapponesi non sono i selvaggi dei fumetti USA felici di baciare la mano del loro padrone bianco. Le élite giapponesi ricordano bene la “democrazia” che gli Stati Uniti gli inflissero prima, durante e dopo la seconda guerra mondiale. Ora il principale nemico degli Stati Uniti sono Cina e Russia, ma soprattutto Cina. Il Giappone serve da mazza contro la Cina: in altre parole, avviare una guerra con la Cina che permetta agli Stati Uniti di utilizzare la loro potenza nucleare contro la Cina o quanto meno indebolirla seriamente con una grande guerra. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non sono affatto preoccupati di ciò che possa accadere al martello, così come non sono preoccupati di ciò che accade a loro altro ascaro, l’Ucraina. Pertanto, secondo una fredda visione giapponese, ora è il momento per sottrarsi al tiranno malato. Lasciatemi dire ancora una volta che non vi è alcuna possibilità di una vera e propria amicizia tra Stati Uniti e Giappone: i giapponesi sanno benissimo che furono sconfitti e vedono gli statunitensi come occupanti. La cooperazione con la Cina è, dal punto di vista del Giappone, più preferibile che continuare come colonia statunitense. Il Giappone ha tecnologia e industria altamente sviluppate. Se i giapponesi forniranno scuse convincenti ai cinesi per lo stupro di Nanchino e altri crimini dell’epoca, se risolvono le dispute territoriali con la Cina, la Repubblica popolare cinese sarà lieta di stabilire una forte partnership con il Giappone. Ma cosa può proteggere il Giappone dalla rabbia degli USA? Ovviamente solo la Russia, che può estendere l’ombrello nucleare, se dovesse sentirne il bisogno. Quindi ora è il momento di una mossa coraggiosa: riconoscere le isole parte della Russia e avvicinare la Russia come partner. La potenziale cooperazione tra Giappone e Russia sembra ancor più promettente della possibile cooperazione tra Giappone e Cina. A parte l’ombrello nucleare, possiamo fornire al Giappone quegli idrocarburi di cui ha così bisogno costruendo un’estensione di Potenza della Siberia in Giappone. L’accesso al gas russo potrebbe permettere al Giappone di ridurre notevolmente i costi di produzione. C’è ancora la questione dell’incredibilmente grande debito nazionale che attualmente trascina l’economia del Giappone verso il basso. Tuttavia, questo problema può essere risolto nello stile giapponese. Basterebbe che il governo dica alla nazione: “Yamato è in pericolo, dobbiamo unirci contro le avversità“, quali default, iperinflazione e annullamento del debito e quindi… l’inevitabile decollo economico.

Chi ha paura del default?
Il default terrorizza chi ha un deficit commerciale. Coloro che acquistano più che vendere. In caso di inadempimento, non hanno nulla con cui coprire la differenza tra importazioni ed esportazioni, il che significa che devono ridurre drasticamente le importazioni, comportando conseguenze economiche catastrofiche. Ma i Paesi con un surplus commerciale, come il Giappone in questo momento, nonostante problemi energetici temporanei, non hanno bisogno di crediti. Il Giappone gode di un continuo afflusso di denaro per la sua attività economica estera. Oggi il Giappone è quasi in bancarotta perché gli Stati Uniti ne risucchiano le finanze costringendoli a comprare i loro titoli di Stato spazzatura. Se il Giappone riesce a liberarsene, presto si arricchirà. Inoltre, in un anno di svalutazione dello yen, il Paese subirebbe l’euforia della svalutazione: il costo di produzione scenderebbe bruscamente e i prodotti giapponesi diverrebbero ancora più competitivi. Se a questo si aggiungesse il gas russo a buon mercato e uno status commerciale che passa da colonia degli Stati Uniti a partner di russi e cinesi, il Giappone potrà ripetere il miracolo economico degli anni ’60. Questo scenario è vantaggioso per Giappone e Russia, non solo per il trattato di pace. Ci sono ragioni più importanti per aiutare il Giappone a liberarsi. Già oggi il Giappone cerca di acquistare petrolio con lo yen, per avere la piena indipendenza che gli consenta di sbarazzarsi dei dollari. La perdita di un’importante colonia e il conseguente restringimento dello spazio del dollaro collocherebbero gli Stati Uniti in una situazione così difficile che i nostri amici statunitensi, e soci, avrebbero molto meno desiderio di fare stupidaggini ai confini della Russia. D’altra parte, il nostro esercito e i nostri idrocarburi diverranno così importanti per l’indifeso Giappone che possiamo contare non solo su una relazione a lungo termine, ma anche sull’aiuto giapponese per espandere la produzione di macchine utensili. Quindi spingiamo il Giappone in quella direzione. Sergej Narishkin ha detto che i bombardamenti nucleari su Hiroshima e Nagasaki, “fino ad oggi non hanno avuto un’adeguata valutazione internazionale“.
Così diamo al Giappone un altro motivo per optare per l’indipendenza dagli Stati Uniti, che arroganti ancora pensano di essere l’unica superpotenza del pianeta e non intendono chiedere scusa per nulla. E’ evidente che sarebbe troppo presto cancellare lo Zio Sam, che può essere malato ma è ancora abbastanza forte e intelligente. Ma c’è un motivo in più che permette al Giappone di riuscire nella fuga. Gli Stati Uniti entrano nel ciclo elettorale e le élite statunitensi saranno assorbite dalle imminenti elezioni prestando meno attenzione alle irritanti questioni estere. Le elezioni presidenziali Stati Uniti si terranno nel novembre 2016, quindi il Giappone ha una finestra di opportunità di circa un anno. Se il Giappone crea rapidamente relazioni con Russia e Cina, o almeno una di esse, Washington con ogni probabilità non potrà reagire adeguatamente alla dipartita della prima perla della sua corona imperiale.000_dv862321.siTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 546 follower