Test termonucleare, la Corea democratica si protegge?

Aleksandr Vorontsov Strategic Culture Foundation 31/01/2016article-2380055-1B0420D6000005DC-611_964x906Il 2016 ha iniziato con una nota preoccupante nella penisola coreana. C’è stato un altro test nucleare di Pyongyang che avrà egualmente conseguenze a lungo termine, innescando l’ennesima censura dal Consiglio di Sicurezza con un ampio pacchetto di sanzioni, e verrà anche chiesto di aumentare l’attività militare nella regione di Stati Uniti, Giappone e Corea del Sud. Ciò porterà inevitabilmente a nuove crescenti tensioni nella penisola coreana.

I motivi di Pyongyang
I leader della Corea democratica non sono spaventati dalla prospettiva di azioni di ritorsione, sono pronti a soffrire ancor di più in cambio del diritto a rafforzare le “forze di deterrenza nucleare” della nazione. Una serie di dichiarazioni ufficiali di Pyongyang non lascia alcun dubbio su questo punto. Spiegando la decisione, i leader della Corea democratica ancora una volta indicano i criminali interventi militari statunitensi per cacciare i regimi indesiderabili degli Stati indipendenti. Confutando le terribili previsioni dei politici occidentali, Pyongyang insiste: “Non diffondiamo armi nucleari, né trasferiamo mezzi o tecnologia legati alle armi nucleari. Continueremo i nostri sforzi per denuclearizzare il mondo. Ancora sono valide le proposte per preservare pace e stabilità nella penisola e in Asia del nord-est, inclusi la fine dei nostri test nucleari e la stipula del trattato di pace, in cambio della fine delle esercitazioni militari congiunte degli Stati Uniti”. Eppure le domande rimangono. Perché questo test ora? Era del tutto inaspettato? Lungo quale traiettoria e a quale velocità corre il programma nucleare della Corea democratica? I Paesi vicini corrono un rischio maggiore? Quali sono le possibili conseguenze legali, militari e internazionali di questo test?
Iniziamo cercando di capire che tipo di test si è svolto il 6 gennaio quando Pyongyang ha annunciato ufficialmente di aver testato una piccola bomba a idrogeno, e che solo i limiti geografici della repubblica impediva ai fisici della Corea democratica di testare un serie di testate all’idrogeno da diverse centinaia di kilotoni o megaton. Naturalmente tale messaggio ha attratto l’attenzione del mondo. La produzione nordcoreana di una nuova e molto più potente arma nucleare suscita naturalmente profonde preoccupazioni. Tuttavia, guardando i dati sismici dell’esplosione da 5-6 kiloton, oltre ad altri dettagli, la maggior parte degli esperti nucleari tende a credere che sia stata soltanto la detonazione di una semplice bomba atomica, dato che l’ordigno termonucleare, secondo alcuni scienziati, avrebbe una potenza di almeno un centinaio di kilotoni. Tuttavia, molti esperti avvertono che i fisici nucleari della Corea democratica, questa volta, hanno utilizzato un nuovo tipo di bomba ibrida “potenziata” che permette che la reazione nucleare sia più attentamente controllata e che il combustibile nucleare sia utilizzato in modo più economico ed efficiente, anche se il vero problema è che il test era volto ad iniziare la produzione dell’arma termonucleare.
Pyongyang mostrò sincera moderazione nel 2014 e nei primi mesi del 2015, presentando numerose proposte di pace a quasi tutte le parti interessate. Gli avversari etichettarono le proposte come “propaganda” e le respinsero. Pyongyang avanzò una proposta l’8 gennaio 2015, respinta senza risposta, suggerendo l’annullamento delle manovre militari bilaterali di Stati Uniti-Corea del Sud in cambio del congelamento dei test missilistici e nucleari Pyongyang. In una intervista su YouTube del 22 gennaio 2015, il presidente statunitense Barack Obama ammise con franchezza scioccante che l’obiettivo di un cambiamento di regime a Pyongyang si faceva sempre più complicato: date le notevoli capacità militari della Corea democratica tra cui missili e armi nucleari, non era chiaramente possibile eliminarla con mezzi militari. Tuttavia, Washington, calcolando che la Corea del Sud possa inghiottire rapidamente il vicino settentrionale, spera che la Corea democratica crolli dall’interno. Con ciò, Washington ha distrutto completamente la base per eventuali contatti bilaterali sostanziali con Pyongyang in futuro, confermando la validità della scelta dei leader della repubblica “di una politica incentrata sulla costruzione delle capacità economiche e nucleari”. Non va sottovalutato il capitale politico interno guadagnato effettuando il test nucleare durante la preparazione del 7° Congresso del Partito dei Lavoratori di Corea (PLC), previsto nel maggio 2016 (il primo in 36 anni). Al congresso il giovane leader della Corea democratica potrà annunciare con sicurezza che la repubblica è entrata nella nuova era termonucleare del “Kimjongunismo” ed è oggi ancora più protetta dalla minaccia di aggressione estera. A noi sembra che la Corea democratica abbia aggiunto il concetto di “pazienza strategica” al suo arsenale di armi per difendersi dagli Stati Uniti e far sì che essi si abituino a convivere con una Corea democratica potenza nucleare. Il Ministero degli Esteri della Corea democratica ha inviato un messaggio chiaro sull’argomento nelle dichiarazioni di gennaio: “Dato che atti ostili degli Stati Uniti sono un ‘fatto comune’… Gli Stati Uniti devono ora abituarsi allo status nucleare della Corea democratica, che lo vogliano o meno”. Allo stesso tempo, il colpo di “tuono nucleare” del 6 gennaio 2016 era la risposta di Pyongyang all’idea, piuttosto avulsa dalla realtà, dell’inevitabile collasso imminente della Corea democratica e sua annessione dalla Corea del Sud.

Le conseguenze del “tuono nucleare” per Corea democratica, penisola coreana e nord-est dell’Asia
1379774 A causa della violazione di Pyongyang delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che le proibiscono di effettuare test missilistici e nucleari, sembra inevitabile che il Consiglio di Sicurezza adotti un nuovo più duro documento. Alcuni negoziati difficili avvengono a porte chiuse e, come sempre, Stati Uniti e Cina sono i principali architetti del piano. Possiamo tranquillamente presumere che in questo momento queste potenze facciano dure contrattazioni e che Washington spinga per sanzioni più dure possibili, mentre Pechino sia a favore di un documento più moderato ed equilibrato. In occidente, le azioni della Corea democratica sono definite “bullismo irresponsabile del giovane Kim” e “grave minaccia alla pace mondiale”, ed altre richieste sono avanzate per una “punizione draconiana” di quel regime ribelle. Si suggerisce che “le sanzioni non funzionano solo perché non ce ne sono abbastanza”. Le raccomandazioni possono essere ridotte all’embargo totale della Corea democratica, richiedendo che il Paese sia posto sulla lista ufficiale degli Stati Uniti degli Stati che sponsorizzano il terrorismo, commettono crimini finanziari o riciclaggio di denaro. Bruce Klingner, ricercatore presso l’Heritage Foundation, suggerisce che gli Stati Uniti abbiano il diritto d’imporre sanzioni a Paesi terzi e privare gli istituti finanziari in quei Paesi dell’accesso al sistema finanziario statunitense, se avesse alcun contatto con le aziende della Corea democratica. Non è difficile intuire che la lama di tale politica punitiva punta principalmente a società ed enti finanziari ed economici di Cina e Russia. E’ stato anche consigliato alla Camera dei Rappresentanti che aerei e navi nordcoreani siano fermati e internati, ovunque si trovino, nel tentativo di espandere la giurisdizione statunitense sul mondo intero, segno della tenace determinazione nell’imporre volontà e dettami di Washington. In tale contesto, la posizione contenuta della Russia appare sobria e lucida. Mosca continua a insistere sulla possibilità di utilizzare i negoziati per risolvere il problema coreano in generale, e la componente nucleare in particolare. Il Ministero degli Esteri russo ha preso atto che il test nucleare in Corea democratica rappresenta “… il successivo passo dello sviluppo di Pyongyang delle armi nucleari, in flagrante violazione del diritto internazionale e delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza”. Inoltre, il documento sottolinea la necessità di trovare una via d’uscita diplomatica da questa situazione: “...chiediamo a tutte le parti interessate alla moderazione e ad evitare azioni che potrebbero creare ulteriori tensioni incontrollate nell’Asia nordorientale. Ribadiamo il nostro sostegno a una soluzione diplomatica della situazione nella penisola coreana nel formato dei colloqui a sei, e nel dialogo volto a creare al più presto possibile un sistema affidabile per la pace e la sicurezza nella regione“.
Esperti razionali negli Stati Uniti sono giunti alla conclusione che in 25 anni i tentativi di Washington per fermare e distruggere il programma nucleare di Pyongyang attraverso sanzioni e pressione sono stati un fallimento completo. Gli unici successi degli statunitensi in questi anni furono episodi associati ai loro passi verso un dialogo sostanziale con la Corea democratica: il ritiro unilaterale delle armi nucleari tattiche dalla Corea del Sud di George HW Bush (1991), aprendo la via alla firma della dichiarazione comune delle due Coree sulla denuclearizzazione della penisola coreana, nel 1992, e la conclusione dell’accordo quadro tra Stati Uniti d’America e Repubblica democratica popolare di Corea, nel 1994, che congelò il programma nucleare di Pyongyang per dieci anni. Mentre tale accordo era in vigore (1994-2002), la penisola coreana visse il periodo più tranquillo dal dopoguerra. Attenti scienziati, oltre a un certo numero ex-diplomatici, negli Stati Uniti spingono il governo a riconoscere la necessità di una soluzione diplomatica globale al problema coreano, quale unico modo per risolvere la questione nucleare. Purtroppo, tali raccomandazioni non vengono ascoltate dalla Casa Bianca oggi. Ciò significa che, in assenza del dialogo USA-Corea democratica e dato il continuo confronto, Pyongyang mantiene incentivi e mano libera nel sviluppare ulteriormente il programma nazionale missilistico e nucleare. Una valutazione realistica suggerisce che avendo la Corea democratica effettuato quattro test nucleari, la moderazione sia ora necessaria, proseguendo gli sforzi per una soluzione diplomatica. E questa non è la politica per placare un “piantagrane” o incoraggiare “il cattivo comportamento” di un trasgressore delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Si tratta della comprensione razionale dell’ovvio fatto che non vanno ignorate le preoccupazioni del tutto valide di Pyongyang sulla sicurezza. L’unica via d’uscita dalla situazione attuale (in realtà un vicolo cieco) va basata su equi colloqui a sei, rivelatisi utili nel 2003-2009 e che sono un formato per i negoziati da riprendere. Tutto ciò che serve è la buona volontà di tutte le parti, senza eccezioni.ss-130213-kim-jong-un-tease.photoblog900

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

USAF vs RVVS: un confronto

Georgij Nizovoj, Federalnoe Agentstvo Politicheskikh Novostej 28.01.2016 – South Front

Il mondo torna al suo posto, dov’era 30 anni fa. Due potenti coalizioni cercano di sconfiggersi in una serie di guerre e conflitti ibridi. Le loro forze armate finora non si sono scontrate direttamente, ma la loro potenza, utilizzata in varie parti del mondo, spesso decide chi sarà il vincitore. Questa serie di articoli non è un tentativo di descrivere dettagliatamente la situazione in questo o quell’aspetto degli affari militari. È piuttosto il tentativo di esaminare le tendenze nelle forze armate di Russia e Stati Uniti, i due Paesi militarmente più potenti del mondo. Pertanto questi articoli saranno scritti a “volo d’uccello”, concentrandosi sugli eventi più importanti e dando libertà all’immaginazione. Il ciclo conterrà articoli su Aeronautiche, Marine ed Eserciti, occupandosi anche di questioni relative ad industria militare, tattica e strategie nelle guerre del 21° secolo.Blue over HawaiiUSA
Durante il confronto delle superpotenze, l’Aeronautica militare degli Stati Uniti rispettava pienamente le esigenze moderne. Lo sviluppo di velivoli concettualmente avanzati come F-15 e F-16 si rivelò un ottimo investimento sul futuro. Ma mentre gli equipaggiamenti militari divenivano più complessi, raggiungevano i limiti dello sviluppo e le possibilità tecnologiche di fine 20° secolo si esaurivano, il criterio più importante diventava il costo-efficacia. Purtroppo, l’USAF non fece tale riesame, anche se ne notò l’importanza. Questo giocò un brutto scherzo all’USAF causandone il declino, al punto di minacciare la perdita della superiorità aerea. Già il costo della manutenzione degli aeromobili degli anni ’70-’80 era importante quanto le capacità di combattimento. La corsa agli armamenti assorbì ingenti risorse, e il mantenimento di una flotta di 1000 aerei da combattimento si rivelò un’ardua sfida anche per gli Stati Uniti. Non è un caso che dal 1990 la forza di prima linea di USAF e USN iniziò a declinare rapidamente. Nel 1990 l’USAF (e la sua componente Guardia Nazionale) avevano più di 3100 aerei da combattimento tattici. Nel 2014 solo 1500. E quale sarà la situazione nel 2020? Il problema dell’USAF è dovuto agli errori di calcolo nella scelta del concetto di sviluppo della potenza aerea e della progettazione di nuovi aeromobili, e la sua flotta di aerei ora mostra la tendenza pericolosa all’obsolescenza fisica combinata con l’incapacità di riprendersi a breve termine.

F-117
Pertanto, la flotta di aerei da combattimento tattici dell’USAF è in rapido declino negli ultimi anni. Tutti i velivoli F-117 (il velivolo più moderno all’epoca, tranne l’F-22) furono ritirati dal servizio alla fine del 2008. La spiegazione ufficiale fu la carenza di risorse finanziarie, ma in realtà l’aereo fu condannato all’estinzione già durante la campagna in Kosovo, dove il “velivolo invisibile” fu abbattuto da un obsoleto SAM S-125.

F-15
Pilastri della flotta, i velivoli da combattimento F-15 e F-16 sono in servizio da oltre 20 anni ed hanno quasi esaurito la loro vita operativa (8000 ore di volo). Alcuni F-15 furono sostituiti nei primi anni 2000 dagli F-22 (15 squadriglie di 12 aerei ciascuna), e il resto è ancora in servizio per mancanza di fondi. Nel 2020, 400 di questi aerei (soprattutto F-16) sarà in pensione. Devono essere sostituiti dai moderni F-35. Purtroppo per le forze armate statunitensi, questa parte del loro arsenale darà gravi preoccupazioni. Per capire perché, diamo un’occhiata alla struttura dell’USAF negli ultimi decenni. Nel corso degli ultimi 40 anni, l’USAF ha aderito al concetto di due aerei “principali”. Un caccia intercettore per avere la superiorità aerea, e un cacciabombardiere per il combattimento aereo. Negli anni ’70, tale concetto fu attuato mediante l’introduzione dell’F-15 (intercettore) e dell’F-16 (cacciabombardiere). I piani del riarmo a lungo termine ne postularono la sostituzione tra fine anni ’90 e primi anni 2000 con la nuova generazione di F-22 (intercettore) ed F-35 (cacciabombardieri). Questi piani inizialmente comportavano l’acquisto di 800 F-22 (solo 187 effettivamente costruiti) e circa 2000 F-35 (attualmente 1736 previsti per l’USAF). Tutti i velivoli d’attacco A-10 (20 squadriglie) saranno sostituiti dagli F-35.

F-22
I problemi sono iniziati quando il costo del programma F-22 ebbe un drastico aumento, anche se ci sono sospetti che l’aumento dei prezzi sia dovuto alla manutenzione del velivolo, piuttosto che alla produzione. Ogni ora di volo di un F-22 costa circa 50000 dollari rispetto ai 30000 dell’F-15. Se un aereo vola in media 300-400 ore all’anno, il costo sarebbe di 6-8 milioni di dollari all’anno. Una flotta di 800 aeromobili richiederebbe 40 miliardi all’anno per la sola manutenzione. In confronto, il bilancio del DoD degli Stati Uniti per l’operatività è di 240 miliardi di dollari nel 2016. In 20 anni, i costi di manutenzione lieviterebbero a 800 miliardi di dollari. Mentre “solo” 200 miliardi sarebbero spesi per sviluppo e approvvigionamento (assumendo, ancora una volta, una flotta di 800 aerei). Come possiamo vedere, il problema principale dell’aeromobile non è il costo di produzione o sviluppo. I suoi costi operativi minacciano letteralmente di divorare il budget del Pentagono, imponendo una forte riduzione del numero di caccia da acquisire. L’F-22 soffre anche un altro problema. È molto esigente riguardo le condizioni della base. Distribuirli su un gran numero di basi aeree sarebbe molto costoso, non consentendogli di essere schierati in prima linea. Questo rende le basi aeree adattate agli F-22 un obiettivo molto attraente. Danneggiandone la base aerea, si mette fuori operatività l’intera unità di caccia e per lungo tempo.f35_cbuF-35
Problemi simili attendono l’F-35. Calcoli preliminari indicano che un’ora di volo del nuovo cacciabombardiere costa 31000 dollari (e questo è solo una stima di ciò che potrebbe rivelarsi superiore). L’F-16, in confronto, costa 22000 dollari per ogni ora di volo. Ma non è tutto. Il nuovo aereo doveva inizialmente sostituire parzialmente l’F-15, per l’incapacità di sostenere un numero sufficiente di F-22. Ma i problemi tecnici di progettazione e l’incapacità nel raggiungere le prestazioni cercate (rapporto spinta-peso e carico di g) fanno dell’aereo un bombardiere puro capace di lanciare missili aria-aria a medio-lungo raggio. A distanze brevi l’F-35 non ha alcuna possibilità nel combattimento aereo anche contro caccia di 4.ta generazione. Ma non è tutto. Le prove del 2013 hanno dimostrato che l’aeromobile non può essere accettato in servizio anche dopo aver ridotto le capacità. Soffre di numerosi problemi, il più importante è stato indicato nella difficoltà del software estremamente complesso che, secondo le forze armate statunitensi, non saranno risolte prima del 2019. Esiste il velivolo ma non ha capacità di combattimento e non si sa quando l’avrà. Ma il tempo non si ferma. Il logorio fisico dei vecchi aerei e la necessità di preservare le unità da combattimento richiedono una decisione: iniziare a costruire aerei “grezzi”, prima di affrontarne i problemi di sviluppo. È una mossa rischiosa: si può rimanere senza caccia e senza soldi. L’alternativa sarebbe riprendere la produzione di F-15 e F-16, preservando la forza attuale dell’USAF al prezzo del ritardo tecnologico assicurato. Ecco ciò che tale decisione produrrà nel breve termine. Nel 2020 l’USAF avrà 15 squadroni di F-22 (180 aerei), 12-13 squadroni di F-15 e circa 25 squadroni di F-35, anche se non c’è alcuna garanzia che questi caccia saranno pienamente operativi. Vorrebbe dire che l’F-35 non potrà essere utilizzato in combattimento, tranne in casi estremi, e avrebbe notevoli restrizioni nell’impiego. Ci sarebbero anche 18 squadriglie di F-16 e 22 squadriglie di cacciabombardieri F-15E, tutti da sostituire con l’F-35 entro il 2030. A partire dal 2006, USAF ha cominciato a modernizzare 20 squadriglie di A-10 allo standard A-10C per i problemi dell’F-35. Quindi, in totale: 15 squadriglie di caccia moderni, 12-13 squadriglie di caccia obsoleti ed usurati, e circa 65 squadriglie di cacciabombardieri, due terzi dei quali messi a terra per problemi tecnici. E fino a 20 squadriglie d’attacco.1029802323Russia
I piani di approvvigionamento della VKS sono già noti, come sono noti i velivoli che saranno in servizio. Nel 2014 la VKS aveva 32 squadriglie di caccia (8 di MiG-29, 12 di Su-27, 8 di MiG-31, 2 di Su-30 e 2 di Su-35), 14 squadriglie di bombardieri (9 di Su-24 e 5 di Su-34), e 10 squadriglie d’attacco (Su-25).

T-50
Non ho dati sui piani per implementare nuove unità nella VKS ma solo sul riarmo di quelle esistenti. Nel 2020 ci sarà un piccolo numero di squadriglie di T-50 in servizio (non più di 1-2). Anche 6-8 squadriglie di Su-35, 12 squadriglie di MiG-31BM, 5 squadriglie di Su-30 e 2 squadriglie di MiG-35. 4 squadriglie di Su-27SM modernizzati nel 2003-2009 e 1 squadriglia di Su-27SM3 probabilmente rimarranno in servizio. Ci sono informazioni secondo cui nel 2020 altre 3 squadriglie di Su-27 saranno aggiornati a Su-27SM3. La VKS inoltre ha acquisito 28 caccia MiG-29SMT respinti dall’Algeria, e altri 16 sono stati ordinati direttamente dalla VKS, in modo che nel 2020 avrà almeno 3 squadriglie di questi aerei. Quindi vi sono tutte le ragioni per credere che nel 2020 la VKS crescerà di almeno il 37-39 squadriglie di caccia, tutte dotate di velivoli modernizzati o costruiti dopo il 2003, per il 90% dopo il 2010.

Su-35
La VKS continuerà a crescere dopo il 2020 continuando la produzione di Su-35, T-50, MiG-35 e Su-30SM. L’aviazione da bombardamento nel 2020 avrà 10 squadriglie di Su-34 e forse 4 (o più, se ne decide la modernizzazione) squadriglie di Su-24M3 e più di 10 squadriglie d’attacco di Su-25SMT. Così la flotta di aerei di combattimento tattici della Russia avrà una forza di prima linea di circa 61-65 squadriglie (730-800 aerei da combattimento). 100-150 velivoli modernizzati o nuovi saranno assegnati ai centri di addestramento.

Conclusioni
Se si confronta la forza dei caccia, la Russia avrà la parità numerica con gli Stati Uniti e almeno una parità qualitativa. Se l’F-35 non sarà pronto, gli Stati Uniti avranno ancora un notevole vantaggio numerico, anche se, come la Siria dimostra, la Russia avrà un vantaggio qualitativo. Se l’F-35 viene rapidamente accettato in servizio, il costo elevato ne forzerà la riduzione nell’acquisizione a 1300-1500 velivoli, creando 105-110 squadroni nel 2040. In assenza di un forte aumento dei finanziamenti, l’USAF può aspettarsi solo una riduzione numerica. Vi sono due ragioni perciò: concetti e costruzione sbagliati. Gli Stati Uniti commisero un errore negli anni ’90, quando decisero si essere il solo egemone nel mondo. Quell’errore, combinato con il degrado dei mezzi e dell’industria, impedirà agli USA di poter mantenere l’USAF al livello richiesto. Ecco perché gli Stati Uniti sono costretti a considerare l’utilizzo di droni da combattimento come alternativa a basso costo. Una buona idea, forse, quando utilizzati contro selvaggi armati di bastoni, ma interamente inefficaci contro un avversario tecnologicamente avanzato, quindi gli Stati Uniti riconsiderano la loro concezione sugli aerei da combattimento senza pilota di 6.ta generazione. Vi torneremo in un altro articolo.PAK-FA-armament-infographic-1-640x360

Quando la Russia avrà il bombardiere stealth?
Dave Majumdar, The National InterestRussia Insider

625x465_1271180_1231129_1429682426Il primo volo del nuovo bombardiere stealth Tupolev PAK-DA di Mosca viene ritardato di circa tre anni. Secondo funzionari russi, il nuovo bombardiere ora difficilmente volerà prima del 2021. In precedenza il velivolo avrebbe dovuto volare nel 2019. “I lavori sul PAK-DA vanno avanti e il ritmo attuale va bene“, ha detto il comandante della RVVS Colonnello-Generale Viktor Bondarev a Sputnik, questa settimana. “Resta la sfida rimane di far volare il prototipo nel 2021, ma se tutto continua al ritmo attuale, avverrà anche prima”. Tuttavia, il 2021 è un ritardo di tre anni. “Il primo volo dovrebbe essere effettuato nel 2019. Prove e forniture saranno completate nel 2023“, aveva detto Bondarev a RIA Novosti nel maggio 2014. Secondo il piano precedente, l’aereo doveva diventare operativo nel 2025. Tuttavia, questo ritmo pareva ottimista. Con il primo ritardo del volo, il resto del programma PAK-DA probabilmente ritarderà di diversi anni i test operativi e l’operatività. Non si sa molto del PAK-DA, se non che sarebbe un aereo tuttala subsonico più o meno analogo al B-2 Spirit della Northrop Grumman e del prossimo Long Range Strike-Bomber dell’US Air Force. Le ali volanti si prestano bene a caratteristiche particolari come bassa osservabilità ai radar a bassa frequenza operanti nelle bande UHF e VHF, ma la produzione potrebbe ancora essere un problema. Il PAK-DA sarà probabilmente caratterizzato da avanzati avionica, tra cui un nuovo radar, suite di comunicazione e sistemi di guerra elettronica. Nel frattempo, i motori, in fase di sviluppo presso il Design Bureau Kuznetsov, sono un derivato avanzato dei turbofan NK-32 del Tu-160. Il PAK-DA non sarà un piccolo aereo. Dovrebbe avere un peso massimo al decollo di circa 120 tonnellate e le dimensioni di un aereo di linea Boeing 757. Secondo Russia and India Report, i requisiti della RVVS indicano che il velivolo avrà un’autonomia di 10000 km e potrà trasportare 27 tonnellate di armamenti. Ma le cifre non possono essere verificate in modo indipendente. Il PAK-DA è un cambio rispetto ai precedenti bombardieri russi e sovietici, generalmente vettori incentrati sulla combinazione di velocità e missili da crociera a lungo raggio trasportati a bordo. Il PAK-DA è il primo bombardiere russo ottimizzato per la furtività. Tuttavia, i commenti precedenti dei funzionari della Difesa russi suggeriscono che il PAK-DA fungerà da piattaforma di lancio per missili da crociera a lunga gittata nucleari e convenzionali, e una serie di munizioni guidate. Potrebbe anche eventualmente essere armato di missili ipersonici secondo precedenti dichiarazioni dei funzionari russi.
Il PAK-DA sostituirà la flotta di epoca sovietica di Tupolev Tu-22M, Tu-95 e Tu-160. I russi hanno la capacità tecnica per sviluppare e costruire il PAK-DA, ma come Mosca finanzierà il massiccio programma in un momento di difficoltà economica, è una questione aperta.PAK-DATraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Cos’hanno imparato i leader russi dal collasso dell’URSS?

Pjotr Akopov, Vzglyad, 27/01/2016 – South Frontnikolai-patrushev-vladimir-putin-silovikiLa dichiarazione del Segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolaj Patrushev sulle cause del crollo dell’URSS è di per sé molto eloquente. Dimostra che la leadership del Paese non solo individua correttamente le ragioni di quella catastrofe, ma ha la volontà politica di rispondere alle sfide interne ed estere. A tale proposito, la sua valutazione della situazione attuale in Ucraina è particolarmente indicativa. Durante l’era di Putin, Nikolaj Patrushev è stato uno dei principali leader del Paese. Inizialmente divenne successore di Putin a capo del FSB, ed occupa il posto di Segretario del Consiglio di sicurezza (SB) negli ultimi otto anni. Negli ultimi quattro anni, l’SB in definitiva è divenuto la principale istituzione del governo collettivo della Russia. Ne fanno parte i vertici militari e della sicurezza e i ministri del blocco presidenziale, così come i vertici del Parlamento. L’SB si occupa di una vasta gamma di problemi. Ma a parte questo, Patrushev è uno dei quattro individui che decidono il corso del Paese sulla scena internazionale insieme a Putin, Sergej Ivanov e Sergej Lavrov. In occidente Patrushev è tradizionalmente raffigurato come un “falco”, ma è semplicemente un sobrio realista che non si fa illusioni sugli atlantisti che hanno portato il mondo sull’orlo della guerra sotto i nostri occhi. E non c’è divisione in “falchi” e “colombe” tra i quattro, proprio come non ci sono divergenze fondamentali riguardanti la situazione internazionale e gli obiettivi della Russia. Ma dei quattro, Patrushev ha minore esposizione pubblica. Per via del carattere e della biografia, così come dell’attuale posizione, non viene distratto da cerimonie e discorsi rituali. Pertanto il principale modo per avene il punto di vista sul Paese e il Mondo sono le interviste. Ma Patrushev rimane molto attento nelle dichiarazioni e revisiona le interviste dopo averle fatte, eliminando tutto ciò che sia troppo rivelatore. Quindi ciò che viene pubblicato è tanto più importante, come ad esempio l’intervista alla Moskovskij Komsomolets.
La discussione post-intervista era incentrata sulle parole di Patrushev su come gli Stati Uniti, al fine di raggiungere il dominio globale, debbano indebolire la Russia per quanto possibile, “anche attraverso la disintegrazione della Federazione russa”. Patrushev ha detto che “Washington crede che, se necessario, potrà fungere da catalizzatore di tale processo”, che darebbe “agli Stati Uniti accesso alle enormi ricchezze naturali che, a loro avviso, la Russia non merita di avere“. Tale affermazione è importante in quanto definisce apertamente gli obiettivi dell’avversario strategico, ma non contiene nulla di veramente nuovo, perché Patrushev già fece dichiarazioni simili. Nell’era post-Crimea, tutti i membri del gruppo dirigente, da Putin a Lavrov, sono più aperti nel criticare le azioni degli Stati Uniti. Non perché hanno sanno qualcosa di nuovo sui piani di Washington, ma perché il rapporto con gli atlantisti è entrato nella fase del conflitto geopolitico diretto. Anche l’estremamente riservato Patrushev ha fatto affermazioni più nette, la guerra è guerra. Da sempre il Cremlino continua a sottolineare che non ha iniziato il confronto con gli Stati Uniti, e qui Patrushev ricorda ancora una volta che “gli Stati Uniti hanno avviato l’attuale conflitto. L’Europa, da parte sua, si sottomette alla loro volontà“, e “neutralizzando i membri della NATO troppo indipendenti (Francia, Germania e Italia), Washington abilmente utilizza l’orientamento anti-russo dei Paesi del fianco orientale della NATO“. In effetti, la pressione cominciò sulla Russia dal 2011, attraverso gli emirati delle “rivoluzioni colorate” e i preparativi per le elezioni presidenziali in Russia. Washington non voleva vedere il ritorno di Putin e cominciò totalmente ed apertamente ad interferire negli affari interni del nostro Paese. Dopo non esser riusciti a evitare la presidenza Putin, gli Stati Uniti passarono a rafforzare la politica del contenimento e “chiusura” della Russia, che alla fine portò al colpo di Stato in Ucraina. Riferendosi al conflitto in Ucraina, non solo Patrushev disse che “la comunità internazionale dovrebbe ringraziarci per la Crimea. Ma ringraziarci che in quella regione, a differenza del Donbas, non vi furono gravi perdite di vite“, ma fece anche la sua previsione sul futuro dell’Ucraina. Una delle due più importanti dichiarazioni in quell’intervista. Il Segretario dell’SB di fatto disse che se Kiev persisteva nel suo corso, l’Ucraina cesserà di esistere. Non era un ultimatum o una minaccia, ma semplicemente un dato di fatto. Ed anche una spiegazione di come il Cremlino valuti la situazione in Ucraina e della nostra strategia verso quello Stato. “Al momento attuale la leadership ucraina è composta da agenti statunitensi che attuano la volontà di forze estere che mirano ad allontanare l’Ucraina dalla Russia. Questo processo non ha futuro. Se non cambia, porterà al collasso totale dell’economia ucraina e alla disintegrazione dell’Ucraina“. “Inoltre, Federazione russa e Ucraina sono abitate da quella che è veramente una sola nazione, ancora divisa. L’Ucraina inevitabilmente sperimenterà un ripensamento di ciò che accade oggi. Infine si tornerà alle normali relazioni tra i nostri Paesi“.
No, Patrushev non disse nulla che suggerisse che il Cremlino presupponesse che i due Paesi inevitabilmente si riuniranno in futuro, e perché dire una cosa del genere in quel momento, quando le fiamme del conflitto ucraino e del conflitto tra Kiev-Mosca erano attivamente alimentate dall’interno e dall’estero? Perché dare a qualcuno motivo di accusare la Russia di espansionismo (riunificazione del popolo russo e del territorio russo non è affare di nessuno), quando il primo ordine del giorno era respingere l’attacco che permise agli atlantisti di prendere il controllo di Kiev, mentre allo stesso tempo gli consente di costruire un muro tra noi e l’Unione europea. Sì, Patrushev menzionò “siamo interessati a conservare l’Ucraina come Paese unificato e non siamo interessati alla sua frammentazione. Crediamo che gli accordi di Minsk debbano essere pienamente attuati. La questione è se Kiev è disposta a farlo“. Il che è del tutto vero, la Russia non vuole la frammentazione dell’Ucraina, perché porterebbe a maggior spargimento di sangue e a complicare. anche se non ad impedire, la futura riunificazione con la Russia. Ma per arrestare la disintegrazione ucraina già avviata, va respinta l’idea che “L’Ucraina non sia Russia, ma parte dell’Europa” (di orientamento atlantista e per di più anti-russa). Può l’attuale élite ucraina fare questo passo? No, quindi il tutto inasprisce lo scisma ucraino. Per ora il Donbas, sotto patrocinio e protezione russi, dovrà aspettare fino al momento in cui l’Ucraina sarà formata da Malorossija e Novorossija. Il riferimento alla “nazione ancora divisa” indica che Patrushev la vede come Putin, vi è un grande popolo russo di cui gli “ucraini” fanno parte, che sarà riunito. Naturalmente non dirà come e quando, perché nessuno conosce il futuro, ma è fondamentale che la leadership della Russia lavori al presupposto dell’esistenza di un unico popolo russo e si sforza di riunirlo. Strategia e tattica del Cremlino erano e sono attuati per raggiungere tale obiettivo. Questa politica soffre di pubblicità eccessiva e avrà successo solo se le persone che la guidano non dubiteranno della sua correttezza e non avranno paura di decidere. Il tema della leadership responsabile sembra il tema della seconda dichiarazione importante di Patrushev in quell’intervista.
Rispondendo ad una domanda sull’aspettativa degli Stati Uniti secondo cui la Russia esaurirà le proprie risorse economiche e si arrenderà, Patrushev ha detto che siamo un Paese autosufficiente che può avere tutto ciò di cui ha bisogno. Poi passò ad analizzare i parallelismi con gli eventi di un quarto di secolo fa: “Mi ha chiesto del crollo dell’URSS. L’URSS, naturalmente, non crollò a causa dei problemi economici. I leader dell’URSS semplicemente persero la rotta. Non capirono cosa dovevano fare e come, non videro una via alla soluzione dei problemi del Paese. E, soprattutto, la leadership dell’URSS non accettò responsabilità. Dimenticò il principio fondamentale del governare uno Stato: se si prende una decisione, si deve risponderne. Ricordiamo, ad esempio, la decisione d’inviare truppe in Georgia e Lituania. Qualcuno crede davvero che fu presa dal comandante locale? Non è semplicemente una spiegazione seria“.
– Concordo che non sia seria. Ma qual è il collegamento dei problemi economici dell’URSS con quelli della Russia contemporanea?
– C’è un collegamento diretto col decadimento del sistema statale di governo. La leadership dell’URSS non dimostrò volontà politica quando era necessario, non ebbe convinzione nella capacità di preservare il Paese, e non prese le misure economiche necessarie. L’attuale leadership russa ha dimostrato più di una volta la volontà politica e che può mantenere e rafforzare disegno costituzionale, sovranità e integrità territoriale dello Stato russo”.
Pertanto Patrushev del tutto correttamente osservò che il crollo dell’Unione Sovietica non fu causata dalla crisi economica, ma dal comportamento irresponsabile dalla leadership del Paese che portò alla decadenza del sistema di governo statale. Infatti, nonostante l’inflessibilità dell’economia pianificata, il Paese non fu distrutto dal calo dei prezzi del petrolio o dalle insensate riforme economiche. Ma piuttosto da serpeggiante assenza di visione strategica, debolezza e viltà del leader del Paese, al momento, Gorbaciov. Dopo aver iniziato la riforma del sistema politico ed economico senza un piano strategico coerente, non appena le riforme non risolsero i problemi si spaventò e si confuse, e spese tutti gli sforzi per conservare la propria autorità, in intrighi e cambi tra i principali quadri. Dopo aver perso l’appoggio nel partito, spostò il baricentro verso i soviet e l’espansione dei diritti delle repubbliche, mentre allo stesso tempo sacrificava la posizione internazionale del Paese. Gorbaciov non era particolarmente brillante, ma la sua posizione fece sì che tutto il potere esecutivo l’esercitasse solo lui. I suoi associati si ribellarono nell’agosto 1991, quando si scoprì che Gorbaciov arrivò al punto di preparare un trattato che avrebbe trasformato l’URSS in una confederazione, distruggendo l’unità dello Stato. La loro ribellione fu di fatto supportata da Gorbaciov, che si rese conto che non aveva altre alternative, ma li sostenne per mondarsi da ogni responsabilità. “Vai avanti” è ciò che il presidente dell’URSS disse a chi decise di creare il GKChP, ma solo il giorno dopo, quando vide che falliva, non a causa degli intrighi di Eltsin, ma perché i golpisti guardavano Gorbaciov, quando videoregistrò una dichiarazione sulla sua “prigionia”. Irresponsabilità, mancanza di comprensione di ciò che andava fatto e mancanza di fede nelle proprie capacità, questo è ciò che condannò un grande Paese. L’attuale leadership del Cremlino lo sa perfettamente.
È per questo che Patrushev dice che sono responsabili delle loro decisioni, che hanno la volontà di preservare lo Stato e di rafforzarlo, che sanno che la Russia è un Paese autosufficiente, che credono in esso e, non meno importante, hanno fede nelle proprie capacità. Il Segretario dell’SB parla prima di tutto del presidente (senza nominarlo), ma si riferisce anche alla leadership del Paese, che riunisce anche l’SB. Le politiche economiche del governo e i dibattiti associati sono, in queste condizioni, di secondaria importanza. Senza negare l’enorme importanza di ciò che si fa e quali siano le preferenze macro-economiche di questi o quei ministri o del governo nel complesso, la sicurezza di sé di coloro che al Cremlino che tracciano e seguono la rotta della Russia è molto più importante. Attraverso la tempesta, con un coro di osservazioni “intelligenti” a sostegno, avanzando attraverso il fuoco nemico verso uno scopo condiviso da tutta la squadra, si va verso la vittoria. L’auto-certezza combinata con la forza di volontà bastano a chiudere le brecce causate dalle palle di cannone nemiche e a contrastare i tentativi interni d’incagliate la nave ed annullare il raddobbo dei vecchi fori delle cannonate. La responsabilità accettata dal primo leader del Paese, basata sul lavoro ben coordinato di una squadra di persone dalla visione condivisa che occupano posizioni chiave, tutto questo significa molto. Questa è la differenza fondamentale tra il nostro Paese oggi e ciò che esisteva durante l’era della perestrojka.d0bfd0bed0bbd0b8d182-47Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Putin: ‘Non bruciai la mia tessera di partito’

“Apprezzavo enormemente ed apprezzo tutt’oggi le idee comuniste e socialiste”
Histoire et Societé 26 gennaio 2016

Nel 2014, il 61% dei russi ritiene che Lenin dovrebbe essere rimosso dal mausoleo sulla Piazza Rossa e sepolto, secondo un sondaggio della Fondazione sull’opinione pubblica. Vladimir Putin, incontrando il 24 gennaio a Stavropol i membri del Fronte popolare pan-russo, un gruppo di associazioni e rappresentanti della società civile, ha parlato a lungo sulla questione e, più in generale, della sua relazione col passato sovietico.untitled_risultatoDiscorso diretto
Penso che questa domanda se o meno seppellire Lenin vada trattata con grande cautela, non dovremmo intraprendere nulla che possa dividere la società russa. È necessario tuttavia riunirla, questo è la cosa più importante. (…) Come 20 milioni di miei compagni sovietici, aderivo al Partito comunista sovietico e ho lavorato quasi 20 anni nell’organizzazione che allora si chiamava Comitato per la Sicurezza dello Stato dell’URSS (KGB). Il KGB era l’erede della CEKA, ed era anche soprannominato il braccio armato del partito. Non posso dire che fossi un comunista ideologicamente assai impegnato, ma ancora considero queste idee molto sul serio. Ci tengo a precisare che non ero un funzionario, ma un aderente del partito. A differenza di molti che erano funzionari da tempo, non ho stracciato la mia tessera di partito al momento del crollo dell’Unione, non l’ho bruciata. Ora non faccio processi alle persone, avevano varie ragioni, è affare di ognuno darsi un contegno. (…) Apprezzavo enormemente ed apprezzo tutt’oggi le idee comuniste e socialiste. Sapete, il Codice del costruttore del comunismo, stampato in grande quantità in Unione Sovietica, ricorda molto da vicino la Bibbia. Non scherzo, è davvero una sorta di estratto della Bibbia. I panorami sono bellissimi: uguaglianza, fratellanza, felicità; ma la realizzazione pratica di queste idee notevoli nel nostro Paese si è rivelata ben lontana da ciò che fecero i socialisti utopici Saint-Simon e Owen. Il nostro Paese non era la “Città del Sole”. Tutti accusavano il regime zarista di repressione. Ma qual era il fondamento della futura Unione Sovietica? Repressioni di massa. Prendete l’esempio più lampante: l’esecuzione di tutta la famiglia imperiale, compresi i bambini. Certamente ci potrebbero essere considerazioni ideologiche sull’eliminazione di tutti i discendenti. Ma perché uccidere il dottor Botkin? Perché hanno ucciso i servi: le persone di origine proletaria? Per cosa? Per nascondere un crimine, davvero. Vi preghiamo di comprendere, non abbiamo mai pensato su ciò prima. I primi bolscevichi combatterono individui affrontandoli armi alla mano, si capisce, ma perché sterminare i preti? 3000 sacerdoti furono uccisi solo nel 1918 e 10000 in dieci anni. Ne gettarono a centinaia nel Don, sotto il ghiaccio. Il giudizio è diverso quando si comincia a pensare a tutto ciò. Lenin scrisse in una lettera a Molotov, mi pare, “Più rappresentanti della borghesia reazionaria e del clero fuciliamo, è meglio sarà”… Questo approccio non si attaglia tanto a certe nostre vecchie rappresentazioni sull’essenza stessa del potere. Sappiamo anche del ruolo del partito bolscevico nella debacle al fronte nella Prima Guerra Mondiale. Perdemmo contro il Paese perdente, qualche anno dopo la Germania si arrese, e noi perdemmo contro la perdente, è un caso unico nella storia. E in nome di cosa? A nome della lotta per il potere. Sapendo questo ora, cosa dobbiamo pensare di quella situazione che provocò enormi perdite al nostro Paese? (…)
A proposito di economia, oggi. In pratica, perché il Paese passò alla NEP? Perché anche la Prodrazvjorstka, la politica della requisizione del surplus non funzionò, non poté garantire l’approvvigionamento alimentare delle grandi città. È perciò passammo a un’economia di mercato, la politica della NEP poi fu rapidamente abolita. Quello che ribadisco qui sono le mie conclusioni personali. L’economia pianificata presenta alcuni vantaggi, offre la possibilità di concentrare le risorse del governo verso l’adempimento dei compiti fondamentali. Ciò ha risolto i problemi della salute pubblica, merito indiscusso del Partito comunista del tempo. Così furono affrontate le questioni relative all’educazione, indubbio merito del Partito Comunista del tempo. Ciò risolse la questione dell’industrializzazione, soprattutto per la Difesa. Penso che senza la concentrazione delle risorse statali, l’Unione Sovietica non avrebbe potuto prepararsi alla guerra contro la Germania nazista. E grande era la possibilità di perderla, con conseguenze catastrofiche per la nostra struttura statale e per il popolo russo e gli altri popoli dell’Unione Sovietica. E così vi sono, infatti, vantaggi innegabili. Ma alla fine fu l’incapacità di capire i cambiamenti, di capire la rivoluzione tecnologica, le nuove tecniche, comportando la rovina dell’economia. Infine sono arrivato alla cosa più importante: perché dico che dobbiamo considerare diversamente le idee che Lenin formulò. (…) Ricordate la discussione tra Lenin e Stalin su come costruire il nuovo Stato, l’Unione Sovietica. Stalin formulò l’idea di rafforzare la futura Unione Sovietica. Secondo questa concezione, tutti gli altri soggetti aderivano all’URSS con un’autonomia dagli ampi poteri. Ma Lenin criticò aspramente la posizione di Stalin, dicendo che era un’idea impropria, erronea. Ed avanzò l’idea dell’unione di tutti i futuri soggetti di questo Stato, che erano quattro all’epoca: Russia, Ucraina, Bielorussia e federazione di Russia Meridionale e Caucaso del Nord. Lenin era per l’Unione Sovietica formata sulla piena parità di ciascun soggetto, con il diritto di lasciare l’Unione. Ciò in realtà fu una bomba a orologeria posta sotto le fondamenta del nostro Stato. I gruppi etnici dello Stato multinazionale e unitario (l’Impero russo, ndr) si trovarono legati a territori i cui confini erano delineati arbitrariamente, lungi dall’essere fondati. Con quale pretesto cedemmo il Donbas all’Ucraina? Loro (i bolscevichi) volevano aumentare la percentuale della popolazione proletaria originaria dell’Ucraina, in modo da avervi un ampio sostegno sociale. Un’assurdità, in altre parole, capite? E questo non è l’unico esempio, ce ne sono molti altri. L’autonomia culturale è una cosa, l’autonomia con ampi poteri un altra, e il diritto si uscire dallo Stato un’altra ancora. E questo è in definitiva ciò che portò, assieme all’inefficienza dell’economia e della politica sociale, al crollo dello Stato. Questo è ciò che chiamo bomba a orologeria.A woman displays gold watches with RussiTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dove esploderà la prossima crisi economica mondiale?

Ariel Noyola Rodriguez* Russia Today
*Laurea in Economia e Commercio presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico.

world-economic-forum-pwcE’ appena iniziato il 2016 e le perdite nelle varie borse nel mondo sono colossali: quasi 8 miliardi di dollari nelle prime tre settimane di gennaio, secondo Bank of America Merrill Lynch. Il governo degli Stati Uniti ha reso le banche d’investimento tossicodipendenti dal credito a buon mercato. E ora che lo stimolo monetario della Federal Reserve è finito tutti ne pagano le conseguenze. Nell’ultimo vertice di Davos è stato sottolineato che l’incertezza prevale tra le grandi imprese: non si sa dove la prossima crisi esploderà.
Un tremito finanziario ha sprofondato Davos nel pessimismo. Più di 2000 leader aziendali e politici riunitisi in Svizzera (dal 20 al 23 gennaio) non sanno più come convincere la gente che l’economia mondiale è sotto controllo. Solo pochi giorni prima del XLVI World Economic Forum (1), gli investitori erano in preda al panico: nelle prime tre settimane di gennaio diversi scambi registravano perdite per 7,8 miliardi di dollari, secondo la Bank of America Merrill Lynch (2). Per la banca d’affari statunitense questo gennaio sarà ricordato come il più drammatico per la finanza dalla Grande Depressione del 1929. I circuiti finanziari internazionali sono ora sempre più vulnerabili. E il crollo della fiducia delle imprese sembra irreversibile. La PricewaterhourseCoopers (PwC) ha recentemente pubblicato i risultati di un sondaggio che riflette le opinioni di 1409 amministratori delegati delle società (CEO, Chief Executive Officers) di 83 Paesi sulle prospettive economiche: il 66% degli intervistati ritiene che le loro aziende affrontino maggiori minacce oggi rispetto a tre anni fa, e solo il 27% ritiene che la crescita globale migliorerà (3). L’incertezza è tale che al vertice di Davos non c’era consenso tra i giganti aziendali su dove la prossima crisi esploderà. Eppure i media occidentali non si stancano mai di accusare il rallentamento della Cina come principale causa delle turbolenze nell’economia globale. In realtà, lo speculatore George Soros (che eliminò la sterlina nel 1990), a Davos ha detto che un atterraggio duro dell’economia cinese è “inevitabile” (4); senza dubbio era un’esagerazione. A mio avviso c’è una campagna di propaganda contro Pechino che tenta di nascondere le gravi contraddizioni economiche e sociali che persistono nei Paesi industrializzati (Stati Uniti, Germania, Francia, Regno Unito, Giappone, ecc). Nonostante il trionfalismo della presidentessa della Federal Reserve System (FED) Janet Yellen. nelle ultime settimane l’economia statunitense ancora mostra segni di debolezza. Il settore manifatturiero ha accumulato lo scorso dicembre due mesi di contrazioni: il livello più basso degli ultimi sei anni. Inoltre, il crollo dei prezzi delle materie prime (“commodities”) ha sostenuto l’apprezzamento del dollaro, divenendo quindi più difficile per il governo degli Stati Uniti seppellire la minaccia della deflazione (calo dei prezzi). L’orizzonte è di gran lunga più tetro dopo che il prezzo di riferimento internazionale del petrolio è sceso sotto i 30 dollari al barile (5). Ancora peggio, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha diminuito le nuove prospettive di crescita del Prodotto Interno Lordo (PIL) per quest’anno, da 3,6 a 3,4% (6).
La verità è che le politiche di credito a buon mercato dalle banche centrali dei Paesi industrializzati, dopo il fallimento di Lehman Brothers, ha causato enormi distorsioni nei mercati del credito e ora tutti ne pagano il conto (7). Secondo i calcoli del fondo d’investimento Elliot Management (guidato da Paul Singer), le banche centrali delle maggiori potenze hanno iniettato nell’economia globale 15 miliardi di dollari, secondo le stime, dalla crisi del 2008, acquistando obbligazioni sovrane e attività ipotecarie (8). Purtroppo tale strategia non ha posto le basi per un progressivo recupero ma, al contrario, ha aumento la fragilità finanziaria. La zona euro ancora non esce dai bassi tassi di crescita economica. La crisi non solo ha colpito Paesi come Spagna e Grecia, ma anche il cuore d’Europa è in gravi difficoltà: la minaccia di deflazione incombe sulla Germania, dove si sa che i prezzi al consumo sono cresciuti solo dello 0,3% nel 2015, il dato minore dalla recessione del 2009, quando il PIL tedesco ebbe una contrazione del 5%; e il presidente della Francia Francois Hollande ha recentemente annunciato lo “stato di emergenza economica” per l’alto tasso di disoccupazione e gli scarsi investimenti (9). Ciò davvero preoccupa il presidente della Banca centrale europea (BCE) Mario Draghi, costretto a prendere in considerazione misure di stimolo l’espansione dal prossimo marzo (10). Lo stesso vale per Banca d’Inghilterra e Banca del Giappone pur avendo un tasso d’interesse di riferimento minimo e lanciato aggressivi programmi di liquidità, ma ancora non riescono a far uscire le loro economie dal pantano o ad aumentare sostanzialmente l’inflazione, che rimane lontana dal dato ufficiale del 2%. Tuttavia, lo stradominio del dollaro nel mercato finanziario globale ha attribuito agli Stati Uniti un ruolo decisivo nel determinare la politica monetaria in altri Paesi. Non vi è dubbio che la FED ha sbagliato aumentando il tasso d’interesse dei fondi federali lo scorso dicembre. Semplicemente non c’erano prove sufficienti per permettere di concludere che la ripresa dell’economia statunitense fosse solida e sostenuta. Ora che la situazione è peggiorata, quasi certamente nelle prossime riunioni del Federal Open Market Committee (FOMC, nell’acronimo in inglese), non solo la FED non aumenterà il costo del credito, ma neanche potrà ridurre il tasso di riferimento. Tuttavia, il grosso problema è che nessuno sa con certezza come reagiranno i mercati finanziari (11) alla minima mossa della FED. Crolli successivi a Wall Street innescheranno la recessione globale? Finalmente ne sarà mortalmente ferita l’egemonia del dollaro prima della massiccia vendita di buoni del Tesoro USA? Fino a che punto resisteranno Cina e Paesi emergenti? La prossima crisi è un enigma per tutti…International Monetary Fund and World Bank Group Annual MeetingsNote
1. “Davos 2016: Global economy seen to be hanging in the balance“, The Financial Times, 19 Gennaio 2016.
2. “Nearly $8 trillion wiped off world stocks in January, U.S. recession chances rising: BAML“, Jamie McGeever, Reuters, 22 gennaio 2016.
3. “En Davos, el pesimismo es el sentimiento de moda”, Dana Cimilluca, il Wall Street Journal, 20 GENNAIO 2016.
4. “Soros: China Hard Landing Is Practically Unavoidable” Bloomberg, 21 gennaio 2016.
5. “Goldman Sachs baja el precio del petróleo” Mikhail Leontiev, traduzione Aldo Malca, 1tv (Russia), Réseau Voltaire, 22 gennaio, 2016.
6. “IMF Cuts Global Growth Forecast to 3.4% in Year of ‘Great Challenges’“, Bloomberg, Bloomberg, 19 gennaio 2016.
7. “El crédito barato ya no alcanza para estimular la economía mundial”, Lingling Wei & Jon Hilsenrath, The Wall Street Journal, 20 gennaio 2016.
8. “Fears of global liquidity crunch haunt Davos elites”, Ambrose Evans-Pritchard, The Telegraph, 20 gennaio 2016.
9. “François Hollande en état d’urgence” Gérard Courtois, Le Monde, 19 gennaio 2016.
10. “Draghi hints at more stimulus in March”, Claire Jones & Elaine Moore, The Financial Times, 21 gennaio 2016.
11. “The world has glimpsed financial crisis. But is the worst to come?”, Jamie Doward, Larry Elliott, Rod Ardehali & Terry Macalister, The Guardian, 24 gennaio 2016.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.212 follower