Il referendum italiano anticipa il 2018

Il Veneto e la Lombardia votano per migliorare la posizione decisionale della Lega Nord per dopo l’elezione di maggio
Tom Luongo, 22 ottobre 2017 Oggi gli italiani nelle regioni di Lombardia e Veneto votano su referendum non vincolanti per potenziare i governi locali ed avere più autonomia in futuro. Secondo un buon articolo su Zerohedge: “Al centro del voto di oggi vi è se le tasse raccolte nelle due ricche regioni vanno utilizzate ancor più per le due regioni o diluite tra le regioni più povere d’Italia, specialmente nel sud. La Lombardia invia a Roma 54 miliardi di dollari in più di quanto non usi per la spesa pubblica. Il contributo netto del Veneto è di 15,5 miliardi. Le due regioni vorrebbero approssimativamente dimezzare questi contributi, una concessione che lo Stato, in soldoni, gravato da una montagna di debiti, non può permettersi. Le due regioni sono amministrate dalla Lega Nord, una volta apertamente secessionista, sperando che il risultato gli dia il mandato per negoziare migliori accordi finanziari con Roma. La Lega Nord fu fondata negli anni ’90 per la campagna per lo Stato indipendente della “Padania”, che si estende nel nord d’Italia, dalla Lombardia a Venezia. Non fa più campagne secessioniste, ma sostiene che le tasse inviate a Roma siano sprecate da una burocrazia nazionale inefficiente”. Ciò che si nasconde sullo sfondo è che il sistema bancario italiano effettivamente fa brindisi. Le regioni più ricche ragionevolmente capiscono che quando la situazione è burrascosa, devono aggrapparsi ai salvataggi.

Referendum sulla BCE
L’implosione di due piccole banche del Veneto, Popolare di Vicenza e Veneto Banca, a giugno, sottolinea questo punto (per una buona descrizione della storia vedasi questo articolo). La Banca Centrale Europea avrebbe potuto “salvare” i depositanti e gli obbligazionisti ma scelse di non sapere che ciò sarebbe stato un suicidio politico. La banca centrale italiana e la BCE erano intimamente coinvolte nella gestione di queste due banche, che alla fine furono vendute per un simbolico euro. E in quel momento si ammiccò che non se ne socializzavano i costi. L’aspetto importante qui è che altre cose del genere accadranno finché l’Italia rimane nell’euro. Col valore dell’euro quest’anno a 1,21 dollari, grava ancor di più sulle banche italiane il serio bisogno di ricapitalizzarsi. I referendum sono semplicemente i preparativi ai negoziati con Roma per le elezioni generali di maggio 2018. Tra Lega Nord e Movimento Cinque Stelle c’è la possibilità di un governo di coalizione apertamente ostile ai piani di austerità dell’UE e se necessario, far uscire l’Italia dalla zona euro. Infatti, se l’Italia vuole sopravvivere, dovrà farlo svalutando il debito, salvare le banche e avviare il processo di riequilibrio. Che l’Italia abbia o meno il permesso di lasciare l’euro, la BCE farà leva sulla montagna del debito e il salvataggio derivante.
Ed è perciò che il Presidente della BCE Mario Draghi non può smettere di acquistare debito sovrano emesso dai Paesi in bancarotta. I due errori bancari dicono che la BCE pagherà il conto. Farà solo finta di non farlo. Così, invece di salvare titolari di obbligazioni e depositanti, spazzando via altre persone, la BCE imputa i costi al governo italiano che quindi rilascerà nuovo debito che la BCE comprerà.

Perché il voto ora?
Perché con altri prossimi fallimenti bancari le regioni più ricche d’Italia possono avere un controllo maggiore sui soldi inviati a Roma e quindi affrontare direttamente i propri emergenti problemi finanziari, proteggendosi dai peggiori problemi del sud. Questo è il nocciolo della questione. E la sfida al capo della Banca d’Italia, Ignazio Visco, alleato di Draghi, è un’altra possibile trappola per l’UE nel mantenere il controllo sulla situazione politica italiana. I piddini cercano di guadagnare punti politici attaccando la gestione della Banca d’Italia sui salvataggi. Sono bloccati nella lotta col Movimento Cinque Stelle, nei sondaggi. Inoltre, ci sarebbero altri referendum in preparazione, a seconda dei risultati di oggi. Il posizionamento per le elezioni di maggio è importante poiché sarà la prima vera opportunità per il Movimento Cinque Stelle di acquisire il controllo del parlamento italiano e ficcare una grossa spina negli occhi dell’UE. Perché in agguato c’è la Germania, che vuole mantenere un euro sottovalutato rispetto alla capacità produttiva tedesca e sopravvalutato sul resto d’Europa. E il grande risucchio che si ascolta è la ricchezza dell’Europa ingollata dall’UE controllata dalla Germania. I capi dei Cinque Stelle in Italia e del Front Nationale in Francia lo capiscono assei meglio dei partiti euroscettici di Spagna e Grecia. Ed è per questo che cercano di giocare ai negoziati con la Germania per alleviare il debito piuttosto che minacciare di lasciare l’euro. Gli italiani in generale hanno un atteggiamento molto meno rispettoso verso 1) il proprio governo e 2) qualsiasi governatore/occupante straniero. E per questo motivo l’Italia è la vera prova della leadership dell’UE e del perché le misure per mantenerla placata (salvataggi) e sottomessa (nomina dei dirigente) sono state così pesanti. Rimuovere Berlusconi nel 2011 fu una cosa. Non sarà la stessa se i Cinque Stelle vinceranno a maggio. E anche se on accadesse, la Lega Nord sarà nella posizione privilegiata per decidere e ottenere ciò che vuole. A questo punto l’UE avrà un serio problema tra le mani.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Prima e dopo Qirquq: l’Iraq non sarà diviso

Elijah Magnier, al-RaiIl piano per dividere l’Iraq è stato affrontato con la decisione del Primo ministro iracheno Haydar Abadi d’inviare l’esercito e le forze di sicurezza a recuperare tutti i territori iracheni controllati dai curdi di Masud Barzani. Il capo curdo cavalcava la divisione irachena (difatti, su un cavallo zoppo) per creare uno Stato curdo nel settentrione del Paese. Dopo il fallimento del piano di Barzani d’approfittare della lotta contro lo SIIL e dichiarare il suo “Stato”, ogni Paese del Medio Oriente l’abbandona perché alcuno ama essere associato al fallimento. Barzani aveva inviato suoi emissari (ne ho incontrati personalmente alcuni) in tutto il mondo, tornando con risultati apparentemente promettenti: “oltre 80 Paesi hanno promesso di riconoscere il nuovo Stato del Kurdistan“. Queste promesse si sono rivelate false (“nessun amico se non le montagne”), altre alleanze politiche (esistenti) si sono rivelate più forti e Barzani è rimasto solo con le sue promesse vuote e i suoi consigli infidi. I Paesi nella regione, Francia, Arabia Saudita ed Emirati per cominciare, ora instaurano un rapporto chiaro e inequivocabile col governo di Baghdad. Abadi, dopo l’autorizzazione del parlamento, ha usato il pugno di ferro per frantumare il piano di divisione, non solo dell’Iraq ma dell’intera regione, che doveva essere scatenato dai curdi in Iraq e in Siria attraverso il tentato cambio di regime nel Levante. In meno di 48 ore le forze irachene, con tutti i loro servizi (esercito, unità di mobilitazione popolare, antiterrorismo e polizia federale), imponevano il controllo su Qirquq, Qanaqin (Diyala), Bashiqa, Maqmur (Niniwa) fino ai confini con la Siria. Tutti i territori posti sotto il controllo di Baghdad dall’amministratore statunitense di Paul Bremer nel 2003-2004 (coi limiti sul Kurdistan) sono stati recuperati. Abadi ha costretto i pishmirga a tornare nelle aree che controllavano nel 2003, dopo aver approfittato dell’occupazione dello Stato islamico (SIIL) di grandi territori nel nord dell’Iraq nel 2014. Più importante, il governo di Baghdad inizia il recupero del territorio (dopo il referendum del Kurdistan) della provincia di Qirquq, che produce oltre il 65% del petrolio dell’Iraq settentrionale (circa 500000 bpd), circa il 40% della produzione totale nazionale di petrolio. Qirquq comprende i campi petroliferi di Tuqi, Pishqabir, Atrush, Shayqan, TaqTaq, Qurmala, Bab Jambur, Bab Hasan: tutti recuperati e ora sotto il controllo del governo centrale di Baghdad. Così, liberando Qirquq (e i suoi campi petroliferi), Abadi fermava l’ascesa dello “Stato del Kurdistan”, che non può esistere con il rimanente petrolio e il sostanziale sostegno finanziario di Baghdad per pagare gli stipendi dell’esercito (pishmirga) e dei funzionari, e questo fin quando Irbil consegnerà la produzione totale di petrolio, in cambio del 17% delle entrate dovute al Kurdistan. Masud Barzani dovrà ritirarsi dalla scena politica perché non sarà disposto a chiedere il ritorno del vecchio rapporto col governo di Baghdad e ad obbedire al Primo ministro, sarebbe troppo umiliante.
Bafil Talabani, figlio dell’ex-presidente iracheno Jalal Talabani, dichiarava che l’esercito curdo nelle regioni orientali di Qanaqin-Sulaymaniyah è sotto il comando del comandante in capo delle Forze Armate, Primo ministro Haydar al-Abadi, distanziandosi così da Irbil, isolando ulteriormente il capo curdo Masud Barzani: in realtà il grande perdente oggi in Iraq. La prima ad abbandonare Barzani è stata la Turchia che annunciava la chiusura del confine (dopo giorni di esitazione in attesa dei risultati concreti del rifiuto di Masud di attenersi alla costituzione e alle direttive di Baghdad) col Kurdistan, e consegnava il valico di frontiera principale tra i due Paesi al governo centrale di Baghdad e alle sue forze. Il re dell’Arabia Saudita Salman subito contattava direttamente, offrendo le sue congratulazioni, Abadi e condannava la ribellione di Barzani. Con il crollo del piano di Barzani, gli Stati Uniti avevano ancor meno speranze di spingere i curdi siriani verso l’indipendenza da Damasco. Baghdad ha ripreso il controllo dei valichi tra Iraq e Siria di Sinjar-Rabiyah. Due ulteriori valichi non sono controllati da Baghdad: Tanaf, temporaneamente sotto il controllo statunitense, e Qaim, occupato dallo SIIL. Ciò significa che alcun sostegno, uscita od ingresso è legalmente disponibile ai curdi siriani. La nuova situazione bloccherà lo spazio aereo su al-Hasaqa, circondata dalla Turchia ad ovest, dalle forze di Damasco a sud e dalle forze irachene ad est. L’accordo di Sykes-Picot, che divise il Levante dopo la Prima guerra mondiale, è stato ripreso dopo che analisti e diplomatici pretesero la ridefinizione dei confini del Medio Oriente, in particolare Iraq e Siria, creando i nuovi Stati chiamati Kurdistan (Iraq e Siria), Sunnistan (dai sunniti di Anbar in Iraq, e Idlib in Siria) e Sciistan nel sud dell’Iraq. La Turchia ha cominciato a rivedere la politica verso l’Iraq e cercherà certamente di trovare un terreno comune con Baghdad affinché ritiri le proprie truppe da Bashiqa e altre aree, ora che Abadi ha mostrato i denti contro la decisione di Irbil e disponibilità a combattere contro chi vuole dividere l’Iraq (e senza badare ai costi). L’attraente rapporto commerciale, al centro dell’attenzione del presidente Recep Tayyip Erdogan, prevarrà e incoraggerà Iraq e Turchia a ristabilire relazioni di buon vicinato (le relazioni turco-siriane certamente seguiranno dopo la fine della guerra in Siria). Gli Stati Uniti saranno costretti a riconsiderare la loro presenza nel nord-est della Siria, perché diventata inutile. Le forze statunitensi sono stanziate ad al-Tanaf senza alcuna finalità strategica e ad Hasaqa/Raqqah coi curdi, mentre lo SIIL è stato sconfitto nella propria capitale. Infatti, è probabilmente più facile per i propri agenti, i curdi siriani, lasciare in tempo tale alleanza, prima che gli stessi Stati Uniti li abbandonino. Gli interessi curdi non sono a Washington ma a Damasco, pronta a ristabilire un dialogo costruttivo se smettono di farsi sedurre dai temporanei interessi statunitensi nel Levante. Infine, Haydar al-Abadi si è dato la forza politica che aveva perso negli ultimi anni. Sì, l’Iran ha svolto un ruolo chiave avvertendo Masud Barzani, il giorno prima dell’inizio dell’operazione irachena per recuperare tutti i territori dai pishmerga: il comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana Qasim Sulaymani avvisò Barzani della gravità della situazione (invano). Ha spinto l’alleato Talabani ad abbandonare Barzani e a sostenere Abadi contrastando i “piani di divisione” del Kurdistan. Ma la decisione di agire era di Abadi, rendendo un servizio enorme alla Siria e al suo Paese. Abadi si è assicurato la preminenza nell’arena politica irachena e per le prossime elezioni un secondo mandato da primo ministro. Sarà assai difficile fargli concorrenza, avendo distrutto lo SIIL, ma soprattutto essendo l'”eroe” che ha sventato il più peggiore pericolo: la divisione dell’Iraq… e della Siria.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Indipendenza curda, Exxon Mobil e Grande Israele

Dean Henderson,  20/17/2017Ieri, quando le forze irachene presero la città di Qirquq e le sue installazioni petrolifere ai ribelli pishmirga curdi, i cittadini della città strategica del nord dell’Iraq uscivano per dimostrare giubilo. Il 25 settembre, dopo settimane di propaganda pro-curda nei media occidentali, Masud Barzani, presidente autodichiarato del governo regionale del Kurdistan, votava il referendum per la creazione del Kurdistan indipendente nella regione petrolifera. Non sorprese che il risultato fosse una valanga, il 93% dei curdi votava per l’indipendenza dal governo di Baghdad. Iraq, Iran, Turchia e Russia erano fortemente contrari al referendum. Anche l’amministrazione Trump richiamò la sua opposizione, anche se l’ex-CEO di Exxon Mobil, Rex Tillerson, ora segretario di Stato, sapeva che si trattava di un paravento. I curdi, pur essendo stati ritratti per decenni come perseguitati e sconfitti, sono in realtà assai meglio trattati della popolazione araba irachena. Parte importante della ragione di ciò è che i curdi di destra si sono dimostrato affidabili partner di CIA e Mossad nel destabilizzare la regione per conto di Big Oil. Il padre di Barzani, Mustafa, aveva guidato il Partito democratico curdo (KDP) nelle lotte contro vari governi iracheni progressisti. Un colpo di Stato iracheno del 1958 depose il fantoccio degli USA Nuri al-Said e diede origine a una serie di leader nazionalisti partendo da Abdalqarim Qasim.
Alla fine degli anni Sessanta, lo Shah dell’Iran cominciò ad armare i ribelli del KDP di Barzani per conto di Stati Uniti ed Israele. L’Iraq fece pace coi curdi nel 1970, ma nel 1972 Henry Kissinger e John Connelly si rivolsero a Teheran per arruolare lo Shah nella distruzione della tregua. Il colonnello Richard Kennedy, aiutante di Kissinger, incontrò il figlio di Mustafa Barzani, Masud, per consegnargli 16 milioni di dollari di aiuti militari della CIA. Nel 1972, l’Iraq aveva truppe in Siria. Armando i curdi, gli Stati Uniti poterono aprire un secondo fronte nella guerra segreta contro il governo di sinistra di al-Baqr, a Baghdad, che aveva chiesto l’unità araba come soluzione per un prezzo equo nella vendita del petrolio ai Quattro Cavalieri (Exxon Mobil, Royal Dutch Shell, Chevron Texaco e BP Amoco). Il presidente libico Muammar Gheddafi e il presidente egiziano Gamal Abdel Nasir avevano fatto dichiarazioni simili e furono obiettivo delle operazioni della CIA.
Il 3 ottobre 2017, il rivale curdo di Barzani, Jalal Talabani, moriva a Berlino. Talabani aveva fondato l’Unione patriottica del Kurdistan (PUK), alternativa progressiva al KDP reazionario di Barzani. Fu presidente dell’Iraq nel 2005-2014, sottolineando l’unità tra curdi ed arabi. Con Talabani moriva una voce della ragione, illustrando al meglio la tempistica della sua morte misteriosa. Il vero problema nel nord dell’Iraq è duplice: petrolio e acqua. Tillerson supervisionò i negoziati tra la sua società Exxon Mobil e il primo ministro iracheno Nuri al-Maliqi sui ricchi campi petroliferi di Qirquq. Quando Maliqi, che gli Stati Uniti avevano insediato dopo l’invasione e l’occupazione dell’Iraq, si rifiutò di svolgere il ruolo di fantoccio che pensavano fungesse, trasferendo il campo petrolifero di Qirquq alla Exxon Mobil e quello di Rumalah alla BP, lo SIIL lanciò l’offensiva sull’Iraq settentrionale e gli Stati Uniti insistettero affinché Maliqi si dimettesse. Il 14 agosto 2014 annunciò le dimissioni. Ma invece di ottenere un nuovo burattino che sottraesse i campi petroliferi a Baghdad, ebbero il primo ministro Haydar al-Abadi. Il ricco Abadi era tornato dall’esilio a Londra, proprio come Maliqi dopo l’invasione dell’Iraq, ma si disilluse su come l’insider della Kissinger Associates Paul Bremer gestiva l’Autorità provvisoria della coalizione (dal non così sottile acronimo CPA). Nel 2010 fu uno dei tanti politici iracheni a sostenere una causa contro i mercenari della Blackwater, che commisero molti crimini in Iraq. Sottolineò l’unità tra tutti gli iracheni, equilibrando l’aumento dell’influenza sciita, che segna l’Iraq post-invasione, nominando il prominente leader sunnita Qalid al-Ubaydi a ministro della Difesa e mediando un accordo col KDP di Barzani per dare ai curdi la metà delle entrate del petrolio di Qirquq. Ma l’unità non è ciò che Exxon Mobil o Israele vogliono in Iraq. Israele ambisce alle risorse idriche del Kurdistan iracheno del nord e prevede il giorno in cui la regione sia parte del Grande Israele, garantendogli petrolio e acqua.
Abadi fu sempre più critico sul sostegno tacito dell’amministrazione Obama allo ISIS e sull’addestramento e armamento dei pishmirga curdi di Barzani da parte di Stati Uniti e Israele. A causa di ciò, l’Iraq allacciò stretti legami con Russia e Iran. Con lo SIIL quasi sconfitto in Siria e Iraq con le forze di Russia, Iran ed Hezbollah, i tizi della CIA/Mossad pensano di poter contare sui loro combattenti curdi, ben armati e addestrati, per continuare a rubare il petrolio di Qirquq per conto dei Quattro cavalieri, una funzione che lo SIIL aveva svolto così bene? Con gli appelli del governo iracheno che accusano di corruzione Masud Barzani e molti cittadini che manifestavano ieri per le strade di Qirquq, felici per l’arrivo delle forze armate irachene che liberavano la loro città, gli ignoranti che guidano questi due letamai devono nuovamente grattarsi le teste pelate.

Curdi in fuga da Qirquq verso Irbil

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Soros, pussa via

Valerij Kulikov, NEO 18.10.2017Indiscutibilmente, le ONG statunitensi sono cadute in disgrazia in Europa negli ultimi anni. Stati come Italia, Ungheria e Repubblica ceca sono abbastanza decisi nel criticare le organizzazioni non governative statunitensi che operano nei rispettivi territori. Anche la Polonia, considerata satellite dichiarato di Washington nell’Europa orientale, non fa eccezione. Quindi giorni duri per i promotori della globalizzazione e della democrazia americana in Europa. Tra chi è finito sotto tiro troviamo George Soros, il cui nome è stato espressamente menzionato negli ultimi decenni in relazione a ogni protesta di massa, colpo di Stato e presenza delle sue ONG nei vari “movimenti rivoluzionari” nel mondo. Miliardario che preferisce farsi chiamare filantropo non solo desideroso di ridisegnare la mappa del mondo, ma anche di riorganizzare ogni sorta di fondazione per raggiungere i suoi obiettivi, Soros è stato accusato ripetutamente di abbattere i governi di numerosi Stati sovrani. Quanto al cosiddetto “sviluppo democratico” dell’Europa dell’Est e dell’ex-Unione Sovietica, Soros ha speso oltre 2 miliardi di dollari per intromettersi nella loro politica interna negli ultimi tre decenni. Destabilizzando economie e società di tali Stati, cerca di creare il cosiddetto caos controllato, permettendogli di distruggere i resti dello Stato. Come osservato dall’ex-viceministro per gli Affari della diaspora della Georgia e capo del movimento Marcia dei georgiani, Sandro Bregadze, nell’intervista a Dalma News, George Soros è il nemico principale dello Stato georgiano. Il fatto che Soros sia una minaccia per Israele e molti altri Paesi è stato recentemente annunciato dal Ministero degli Esteri israeliano. Come notato da diverse fonti, Soros ha svolto un ruolo cruciale nell’organizzazione la crisi migratoria in Europa, che appare un’operazione ben pianificata e generosamente sponsorizzata. Per esempio, i media italiani ricordano che Soros promise apertamente di assegnare mezzo miliardo di dollari alle ONG che aiutano i rifugiati a trasferirsi nel continente europeo. Tali casi di “carità” non sono altro che un tentativo d’incoraggiare la tratta degli esseri umani e di stimolare le attività dei contrabbandieri. Le fondazioni di Soros hanno sponsorizzato le forze politiche che sostengono la secessione della Catalogna. Il mano familiare di Soros si vede nelle strade di Barcellona con proteste di massa, incendi, scontri con la polizia. Queste proteste furono provocate dai numerosi tentativi di convincere la popolazione che non ha nulla in comune coi cosiddetti spagnoli. Sui fondi assegnati da Soros alla sua ONG, avrebbe usato ogni trucco, compreso il sostegno inaspettatamente fornito a movimenti come quello per la legalizzazione delle droghe leggere, anche se sconvolge le fondamenta cattoliche di Barcellona.
Nel suo inestinguibile desiderio d’inglobare alle sue aziende private la potenza finanziaria illimitata del Vaticano, idea duramente contestata dall’ex-Papa Benedetto, Soros gli scatenò una guerra legale ampliandola in tutto il mondo. Nelle rivendicazioni contro i ministri delle chiese per molestie e abusi sessuali, Jeff Anderson e Associates, studio legale collegato alle strutture di Soros, è stato scelto quale strumento. A seguito dell’azione accuratamente pianificata, questo studio preparò e sottopose a vari tribunali di molti Paesi cause legali che richiedono il perseguimento penale dei servi della Chiesa Cattolica Romana (RCC). Poi, con l’appoggio dei media internazionali controllati da Soros, un colpo fu inflitto ai capi del Vaticano. Jeff Anderson e Associates fece appello innanzitutto alla Corte Penale Internazionale dell’Aia, e poi alla Corte Suprema degli Stati Uniti con accuse contro Papa Benedetto e subordinati. Nel 2012, con la presenza dei media di Soros, furono pubblicati documenti segreti della Chiesa cattolica romana che rivelavano le frodi finanziarie della Banca Vaticana. A seguito di tale pressione il Papa dovette prendere un passo inaudito dal 1415: nel 2013 Benedetto rinunciò al trono papale e al suo posto salì Francesco, la cui figura era più che adeguata per Soros. Ultimamente, sotto la pressione di Soros è finito l’Ordine di Malta, la cui leadership è stata rimossa per volontà di Papa Francesco.
Oggi Soros è stato dichiarato persona non grata in molti Paesi. Inoltre, gli è vietato svolgere attività nelle sue terre patrie, Ungheria e Israele. Quindi non si esagera affermando che George Soros è un tumore che va rimosso. È anche accusato di aver cercato di distruggere lo Stato degli Stati Uniti. L’estate scorsa, hacker di DCLeaks.com rilasciarono centinaia di documenti interni del fondo Soros, tra cui certificati e rapporti sulla partecipazione del fondo nella sponsorizzazione del colpo di Stato in Ucraina. Dopo la caduta di Hillary Clinton, sponsorizzata da Soros, i fondi da lui controllati coordinano il movimento di protesta anti-Trump negli Stati Uniti. Si è scoperto che la manifestazione è organizzata dalla società MoveOn, finanziata da George Soros. Soros si oppose a Donald Trump subito dopo la vittoria, chiamandolo bugiardo, imbroglione e aspirante dittatore. Ma ora non solo critica il presidente, ma assegna mezzo miliardo di dollari al tentativo di abbatterlo, lavorando contro le società che si avvantaggiano delle politiche di Trump, soprattutto le compagnie petrolifere statunitensi. Anche nei recenti scontri razziali negli Stati Uniti, Soros apparentemente ha svolto un ruolo. Pertanto, non sorprende la petizione che chiede al presidente Trump di riconoscere il miliardario George Soros terrorista, pubblicato sul sito web delle petizioni della Casa Bianca. È già stato firmato da più di 150000 statunitensi, ed afferma che: “Noi, il popolo diciamo che Soros ha tentato volontariamente di destabilizzare e commettere atti di sedizione contro gli Stati Uniti e i suoi cittadini. Per raggiungere tali obiettivi, l’autore afferma che Soros ha creato molteplici organizzazioni al solo scopo di praticare la tattica terroristica sul modello Alinsky per distruggere il governo degli Stati Uniti”. Così ora, una volta che il numero di firme richiesto sarà raccolto, la decisione ricadrà sull’amministrazione Trump, ma non è chiaro se Soros e i suoi fondi saranno dichiarati sgraditi sul suolo statunitense.Valerij Kulikov, esperto politologo, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

La potenza dell’Iran irrita gli USA

L’Iran è la deterrenza contro gli Stati canaglia in Medio Oriente
Shane Quinn The Duran 17 ottobre 2017Dopo l’invasione dell’Iraq del 2003, lo storico militare israeliano Martin van Creveld disse: “Il mondo ha visto come gli Stati Uniti hanno attaccato l’Iraq benché, come si è scoperto, non ne avessero motivo. Se gli iraniani non costruiranno armi nucleari, sarebbero dei pazzi“. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente scartato il JCPOA, l’accodo nucleare con l’Iran, e inoltre ha imposto nuove sanzioni al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche, un ramo dell’Esercito iraniano. Due mesi prima, il Presidente dell’Iran Hassan Rouhani dichiarò che il suo Paese riavvierà il programma nucleare “in poche ore” se venivano adottate altre sanzioni. Considerando che l’Iran è nuovamente sotto lo spettro dell’attacco dalla vecchia nemesi, tali sviluppi potrebbero rivelarsi inevitabili. È il segnale che gli USA, dall’aggressivo militarismo, inviano al mondo: sviluppate le armi nucleari se volete proteggervi da noi. È un messaggio che la Corea democratica da tempo segue. La RPDC sarebbe sicuramente stata attaccata se non avesse testate nucleari e artiglieria massiccia. Le minacce a Corea democratica e Iran violano la Carta delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti furono tra i firmatari chiave della creazione delle Nazioni Unite nel 1945. Da tempo sembrano considerarlo una mera cerimonia. Il testo di apertura della Carta dichiara che siano “salvate le generazioni future dal flagello della guerra… riaffermando la fede nei diritti umani fondamentali… e nelle nazioni grandi e piccole“. Tra le accuse all’Iran dell’occidente vi è quella di “alimentare l’instabilità”. In termini semplici, ciò significa ignorare i desideri degli USA. Mentre lo SIIL dilagava nel nord dell’Iraq nel 2014, fu l’Iran che intervenne in aiuto dei curdi assediati. Azioni come questa sono chiamate “destabilizzazione” e “sostegno al terrorismo”. L’Iraq fu attaccato dagli Stati Uniti nel 2003, lasciando rovine che gli iracheni non videro dall’invasione mongola del 13° secolo. In occidente lo si chiamò “promozione della democrazia” o “stabilizzazione”, senza trascurare di menzionare un milione di iracheni morti, con un attacco che pose le basi dello SIIL. Nel frattempo, l’accordo nucleare iraniano del 2015, ha affermato il capo della vigilanza atomica dell’ONU Yukiya Amano, “è attuato nell’ambito degli impegni relativi all’energia nucleare presi dall’Iran col JCPOA. Il regime di verifica in Iran è il più robusto… attualmente esistente. Abbiamo aumentato i giorni d’ispezione in Iran, abbiamo aumentato le ispezioni… e dati sono aumentati“. Questa è la prova che l’Iran adempie ad ogni richiesta, a differenza di altri. Ancora una volta, sono Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita che decidono d’ignorare il diritto internazionale. In tal modo, promuovono il proprio isolamento mondiale. Le cinque altre potenze che hanno preso parte all’accordo nucleare, Cina, Russia, Francia, Germania e Gran Bretagna, hanno affermato di continuare indipendentemente dalla posizione statunitense. Le vere ragioni di tale rinnovata ostilità verso l’Iran non sono naturalmente specificate. Per esempio, l’Iran aumenta l’influenza in Medio Oriente, sempre più potente rivale d’Israele. L’Iran ha inoltre svolto un ruolo importante, alleato di Russia ed Esercito arabo siriano, nella sconfitta dei terroristi filo-occidentali ad Aleppo.
Altre preoccupazioni sono il “sostegno al terrorismo” dell’Iran, come ribadito dal presidente Trump, riecheggiando i predecessori. Ciò si riferisce principalmente al sostegno dell’Iran a Hezbollah e Hamas, organizzazioni nate dall’aggressione degli Stati Uniti nel Medio Oriente, sostenuti da Israele ed Arabia Saudita. Il terrorismo occidentale supera notevolmente qualsiasi cosa attribuita ad Hezbollah o Hamas. Hezbollah, per esempio, ha svolto un ruolo nel ritiro dello SIIL, dopo aver combattuto gli estremisti per tre anni in Siria, Iraq e Libano. Il duo è anche nemico deciso d’Israele, quindi degli Stati Uniti. Né l’Iran, insieme a Hezbollah e Hamas, può competere con l’Arabia Saudita nella sponsorizzazione del terrorismo islamico. Lo SIIL stesso è un complotto del fanatismo religioso saudita e dell’ampliamento del suo messaggio jihadista. Inoltre, all’Iran, quarto produttore di petrolio mondiale, non è mai stato perdonato aver rimosso il controllo statunitense 38 anni fa. Come una banda che da una lezione a chi tradisce il boss mafioso, l’Iran viene punito senza pietà. I cubani sostengono le affermazioni dell’Iran con mezzo secolo di prove. Anche l’intelligence statunitense riconosce che le dottrine strategiche dell’Iran sono difensive e non sono una minaccia militare importante. L’anno scorso il bilancio degli armamenti statunitensi era 50 volte superiore quello iraniano. Tuttavia, in occidente l’Iran viene considerato “la peggiore minaccia alla pace“, nonostante non abbia mai invaso un altro Paese. Una delle grevi ironie è come le azioni statunitensi di questo secolo abbiano aiutato la causa dell’Iran. Quattordici anni dopo la fine della guerra in Iraq, il New York Times lamentava che “camminando nei mercati in Iraq gli scaffali siano pieni di beni iraniani… accendendo la televisione canale dopo canale trasmettono programmi favorevoli all’Iran. Si costruisce un nuovo edificio? È probabile che i mattoni e il cemento provengano dall’Iran. E non è che l’inizio“. La causa principale di ciò, la devastazione lasciata dall’invasione degli Stati Uniti, non viene menzionata nell’articolo. L’Iraq è da tempo un Paese a maggioranza sciita, ma prima dell’attacco del 2003 era governato dalla minoranza sunnita. Gli statunitensi spazzarono i governanti sunniti, avvicinando inavvertitamente l’Iraq all’Iran, altra nazione sciita.
Con l’ostilità crescente degli USA verso l’Iran, è sorprendente che la Cina, in particolare, ne sia l’alleata chiave. Oggi la Cina rappresenta il maggiore mercato di esportazione ed importazione dell’Iran. Dal 2000 al 2014 la quota cinese delle esportazioni iraniane è passata dal 4% al 49%, soprattutto nel greggio. In questi 14 anni, la quota di importazioni cinesi verso l’Iran è passata dal 5% al 45%. Anche i legami militari sino-iraniani sono più stretti. Nel 2012, per la prima volta, navi da guerra cinesi apparvero nel Golfo Persico per un’esercitazione congiunta con la Marina iraniana. Col Presidente Rouhani (in carica dal 2013), le relazioni sono aumentate, con l’aumento complessivo del 70% degli scambi con la Cina, che vede favorevolmente Rouhani. L’anno scorso Cina e Iran decisero di aumentare il commercio a 600 miliardi di dollari nel prossimo decennio. La Cina è anche un importante fornitore di armi avanzate dell’Iran, tra cui missili antinave, missili da crociera, aviogetti da caccia J-10, ecc. Il caccia J-10 è “paragonabile allo statunitense F-15, letale in combattimento“. Nel novembre 2016, un accordo di cooperazione militare fu firmato da Cina e Iran, con esercitazioni militari congiunte avvenute a giugno. L’allora Ministro della Difesa iraniano Hossein Dehghan dichiarò: “L’aggiornamento delle relazioni e della cooperazione militare a lungo termine nella difesa con la Cina è una delle priorità della diplomazia della Repubblica islamica dell’Iran“. Ponendo un altro deterrente importante ai nemici dell’Iran. Si può supporre che questi sviluppi siano visti con orrore a Washington, Tel Aviv e Riyadh.

Traduzione di Alessandro Lattanzio