La guerra somalo-etiope dell’Ogaden, luglio 1977 – giugno 1978

Alessandro Lattanzio, 4/3/2017ethAllo scoppio della guerra l’Aeronautica militare dell’Etiopia (Ye Ityopia Ayer Hayl o ETAF) disponeva di:
18 caccia-attacco Northrop F-5 Freedom Fighters (15 F-5A, 2 F-5B e 1 RF-5A da ricognizione), del 5.to Squadrone assegnato alle operazioni di attacco al suolo;
9 caccia Northrop F-5E/F Tiger II dotati di missili aria-aria AIM-9B, del 9.no Squadrone assegnato alle operazioni di difesa aerea;
3 bombardieri English Electric Canberra B.52 del 44.mo Squadrone da bombardamento;
8 caccia leggeri North American F-86F su una squadriglia.

L’Aeronautica della Somalia (Ciidamada Cirka Soomaaliyeed o CCS) disponeva di:
12 caccia-attacco Mikojan-Gurevich MiG-17F su uno squadrone;
29 caccia Mikojan-Gurevich MiG-21MF su due squadroni;

20_4Le forze armate somale
Negli anni ’60, l’Egitto fornì 12 imbarcazioni ed addestrò i piloti e i guerriglieri somali dell’Ogaden. Il Sudan addestrato gli ufficiali di Stato Maggiore e i sottufficiali delle trasmissioni e del genio. I soldati somali furono addestrati anche in URSS, Repubblica Popolare Cinese, Egitto, Italia, Iraq e Siria. Stati Uniti, Italia e Repubblica Federale Tedesca equipaggiarono e addestrarono la polizia e un battaglione di commando fino al 1970.
Nel 1964, i sovietici costruirono le basi aeree di Mogadiscio, Hargeisa, Baidoa e Kisimaio, la base navale di Berbera, e fornirono 150 blindati, tra cui carri armati T-34/85, veicoli corazzati per il trasporto di truppe BTR-50 e BTR-152, e blindati da ricognizione BTR-40A, oltre ad armi antiaeree, artiglieria e automezzi. Nel 1974, i sovietici fornirono altri 100 carri armati T-34/85, 150 carri armati T-54/55 e 70 carri armati T-62, 300 veicoli corazzati per il trasporto delle truppe BTR-50PK, BTR-60PB e BTR-152KP, numerosi blindati leggeri BTR-40P, BRDM-1 e BRDM-2, pezzi di artiglieria da 85mm, 100mm, 122mm e 152mm, mortai da 82mm e 120mm, sufficienti per costituire 9 battaglioni meccanizzati, 4 corazzati e 2 di artiglieria, formando così quattro brigate meccanizzate. La fanteria ricevette fucili d’assalto AK-47, mitragliatrici RPD, pistole-mitragliatrici PPshK-41, lanciarazzi anticarro RPG-2 e RPG-7, mitragliatrici pesanti DShK da 12,7mm e KPV da 14,5mm, missili anticarro 9M114 Maljutka, cannoncini antiaerei da 14,5mm, 23mm, 37mm e 57mm su impianti singoli, binati e quadrinati (ZPU-1 ZPU-2 e ZPU-4), alcuni semoventi antiaerei ZSU-23-4 Shilka e missili antiaerei portatili Strela-2. Le quattro brigate meccanizzate costituirono il nucleo delle forze armate somale.
Nel 1977, mentre 2000 consiglieri sovietici e 50 cubani addestravano le forze armate somale, circa 600 aviatori somali si istruivano nell’URSS. Mogadiscio infatti ricevette nel 1974-77 velivoli MiG-21MF e MiG-21UM e un paio di elicotteri Mi-8, che raggiunsero i superstiti aerei occidentali nelle file del CCS: 1 C-45 Expeditor, 3 C-47 Dakota e 3 Piaggio P.148 forniti dall’Italia negli anni ’50. I tecnici del Patto di Varsavia e di Cuba gestivano la flotta aerea del CCS composta da 12 caccia-attacco MiG-17F, 29 caccia leggeri MiG-21MF, 15 elicotteri, tra cui Mi-4 e Mi-8T, 4 aerei-cargo An-24T, 4 aerei da trasporto tattico An-26 e 5 biplani da trasporto An-2TP; e la difesa aerea somala affidata a sistemi missilistici S-75 e S-125.

Northrop F-5A

Northrop F-5A

Le forze armate etiopi
derg-badgeIn Etiopia, l’imperatore Haile Selassie fu deposto il 12 settembre 1974 e dopo una serie di scontri interni, salì al potere il Tenente-Colonnello Mengistu Haile Mariam. Nell’inverno del 1977, l’Etiopia era preda del caos e di scontri politici, su cui infine s’impose il Derg, il Comitato amministrativo-militare provvisorio, organizzazione marxista-leninista che avviò la nazionalizzazione delle terre e creò il Partito rivoluzionario popolare (EPRP), istituendo la Repubblica democratica popolare. Al Derg si opposero le fazioni etiopi sostenute dal Sudan, ma il 3 febbraio 1977 Mengistu s’impose, venendo subito riconosciuto da Cuba. L’EPRP venne quindi attaccato dal gruppo maoista di Haile Fida, un agente dei francesi, il Meison, che avviò la rivolta nel nord dell’Etiopia. Ma entro la metà del 1977, il Meison fu sconfitto e Fida arrestato. Nel maggio 1977 Mengistu visitò Mosca dove firmò 13 accordi di cooperazione con i sovietici. Tornò in Etiopia passando dalla Libia, che poi gli inviò il primo carico di armi sovietiche. Il regime del Derg ereditò vari problemi dall’imperatore Selassie, come la rivolta in Eritrea e nell’Ogaden, provincia etiope rivendicato dalla Somalia. Barre supportava l’irredentismo somalo contro Etiopia, Gibuti e Kenya. Nei primi anni ’70, il regime somalo rifornì di armi i separatisti del Fronte di liberazione somalo occidentale (FLSO), allo scopo di annettersi tutto l’Ogaden. Dopo che il Presidente Mengistu Haile Mariam dichiarò l’Etiopia Repubblica socialista e i tentativi di Washington d’invertire la situazione, nell’aprile 1977 Addis Abeba chiuse il centro dello spionaggio elettronico statunitense di Kegnew e la missione militare degli Stati Uniti, che aveva addestrato e inquadrato i 70000 ufficiali e sottufficiali dell’esercito etiope. Ciò portò il governo degli Stati Uniti ad imporre l’embargo militare all’Etiopia. Le forze armate etiopi, impegnate contro la guerriglia eritrea e dell’Ogaden, iniziarono a soffrire la mancanza di pezzi di ricambio e munizioni. Per risposta, la Cecoslovacchia inviò 100 carri armati T-34/85 e i consiglieri militari cecoslovacchi presenti in Somalia furono trasferiti in Etiopia. Infatti, data l’attività destabilizzante del regime somalo di Siad Barre, Mosca si volse verso il nuovo presidente etiope, e già nel 1976 il governo sovietico contattò segretamente Addis Abeba.

Mengistu Hile Mariam

Mengistu Haile Mariam

Le origini della guerra dell’Ogaden risalgono alla conferenza di Berlino del 1881, quando il regno d’Etiopia si vide assegnare la regione dell’Ogaden, abitata in gran parte dall’etnia somala. Con la creazione dello Stato somalo, nel secondo dopoguerra, s’impose il nazionalismo somalo volto a creare ciò che veniva presentato come la “Grande Somalia”, comprendente quasi tutto il Corno d’Africa: Somalia, Ogaden e nord del Kenya. Subito dopo l’indipendenza della Somalia, nel 1960, Mogadiscio sponsorizzò i movimenti insurrezionali nell’Ogaden e in Kenya, creando tensioni con l’Etiopia. Nel 1969, con un colpo di Stato Siad Barre andò al potere in Somalia. Siad Barre annunciò che avrebbe supportato qualsiasi movimento di liberazione nei “territori occupati illegalmente”, ovvero i territori di Kenya, Etiopia (Ogaden) e Gibuti in cui viveva più di un milione di somali. Cuba avviò una mediazione tra Etiopia e Somalia all’inizio del 1977, portando il 16 aprile 1977 alla conferenza di Aden, nella Repubblica Democratica Popolare dello Yemen, dove il presidente Ali Rubayi e Fidel Castro ospitarono il Presidente Mengistu Haile Mariam e il presidente Siad Barre. Alla conferenza, l’Etiopia fu conciliante, avendo a che fare con cinque fronti guerriglieri in Eritrea, Ogaden, Dankalia, Tigray e Galla. Era anche disposta anche a un’alleanza con Mogadiscio. Ma Siad Barre non era disposto a negoziare o a fare concessioni, convinto che la sua forza militare gli permettesse di realizzare il sogno della Gran Somalia. Perciò, se all’inizio Siad Barre promise a Fidel Castro che le sue forze armate non avrebbero attaccato l’Etiopia, e di ridurre al minimo il sostegno ai separatisti dell’FLSO, l’organizzazione irredentista somala dell’Ogaden, e Addis Abeba ne approfittò per spostare le forze etiopi dall’Ogaden verso l’Eritrea, tre mesi dopo Siad Barre ordinò alle forze armate somale d’invadere l’Ogaden e di aumentare il sostegno ai guerriglieri del FLSO. L’Avana e Mosca reagirono criticando fortemente Mogadiscio.ethio-somali_war_map_1977L’invasione somala iniziò nel maggio 1977, quando una forza di 6000 combattenti del FLSO attraversò il confine per unirsi alle forze locali. I 6000 nuovi combattenti erano in realtà soldati delle forze armate della Somalia. L’11 luglio, Siad Barre ordinò alle sue forze di entrare nel territorio etiopico, per sostenere i 6000 “guerriglieri” dell’FLSO. Alle 3:00 del 13 luglio del 1977, 5 brigate somale entrarono nell’Ogaden etiope avviando la guerra. Si trattava di 50000 soldati, 300 carri armati T-34/85 e T-55, 300 blindati e oltre 600 pezzi di artiglieria. Il supporto aereo venne fornito dalla base aerea di Hargeisa, da cui furono attaccate le posizioni e le basi aeree etiopi nella regione. Le forze somale colsero di sorpresa la 3.za divisione di fanteria etiope e conquistarono la città di Gode, dopo oltre 50 sortite degli aerei ed intensi bombardamenti dell’artiglieria dei somali. Gli etiopi schierarono a Jijiga, Dire Dawa e Harar 2 compagnie di carri armati leggeri M-41 e una compagnia di carri armati medi M-47, supportate da 3 semoventi d’artiglieria M-109 da 155mm. Il giorno dopo intervennero 3 caccia F-5A dell’Aeronautica etiope (ETAF) ma uno degli aerei, quello del leader, fu colpito da un missile antiaereo portatile SA-7 e precipitò. L’ETAF quindi ordinò ai suoi piloti di adottare nuovi profili di attacco, volando a quote medie nei bombardamenti o, in alternativa, attaccare a bassa quota e quindi cabrare avendo il sole alle spalle, per impedire di essere agganciati dai SA-7. Al confine settentrionale dell’Ogaden, i somali entrarono in azione il 16 luglio, occupando la città di Aisha; con l’appoggio degli aerei, l’artiglieria somala bombardò la città. La situazione diveniva critica per l’Etiopia, e solo il 21 luglio gli etiopi iniziarono a reagire, impiegando i 22 velivoli da trasporto C-47, C-54 e C-119K dell’ETAF per rifornire le guarnigioni assediate dal nemico che avanzava coperto dai velivoli somali. Durante una di queste missioni, un C-47 fu intercettato da 2 MiG-17 somali ed abbattuto. Infine, la CCS (Ciidamada Cirka Soomaaliyeed o Corpo Aereo della Somalia), attaccò la base aerea etiope di Harar, distruggendo un DC-3 dell’Ethiopian Airlines. Da allora i caccia F-5E etiopi iniziarono a scortare gli aerei da trasporto nelle zone dei combattimenti.
tumblr_inline_o35ys6olou1t90ue7_400La situazione per gli etiopi comunque andava aggravandosi e il presidente Mengistu aveva bisogno di ritardare l’avanzata dei somali attendendo l’arrivo degli aiuti cubani e sovietici. L’unica alternativa possibile era sfruttare al massimo l‘Ethiopian Air Force (ETAF), afflitta da gravi problemi operativi causati dell’embargo degli Stati Uniti. Addis Abeba riuscì a mettere in piene condizioni operative gli F-5A ed F-5E, che svolsero un ruolo cruciale nelle operazioni contro i somali. Inoltre, per aumentare il numero di piloti disponibili, furono recuperati i veterani che avevano volato sui vecchi F-86F che furono rapidamente istruiti all’impiego dei caccia F-5, facendoli volare sui caccia biposto F-5B e F-5F e sugli 8 velivoli da addestramento T-33A, di cui uno ricevuto dall’Iran. Questo personale fu cruciale per lo sforzo bellico etiope.
E così, il 24 luglio pomeriggio, una coppia di F-5E intercettò 2 caccia MiG-21 somali diretti verso un aereo da trasporto. Grazie alla guida del radar TPS-43D della stazione sul passo di Karamara, gli F-5 riuscirono ad abbattere uno dei MiG-21; fu la prima vittoria nella storia dell’ETAF. Il 25 luglio, 3 caccia F-5E dell’ETAF intercettarono 4 caccia MiG-21 somali. I 2 MiG ai lati eseguirono una virata di 180 gradi, scontandosi così in volo, mentre l’F-5 leader abbatté il terzo MiG a colpi di cannone, e gli altri due F-5 inseguirono il MiG superstite che, manovrando a bassa quota, si schiantò al suolo. Subito dopo, gli F-5 individuarono una formazione di 4 caccia assaltatori MiG-17, abbattendone due con i missili aria-aria Sidewinder. I somali, quindi, in soli due giorni persero 5 MiG-21 e 2 MiG-17 con i loro piloti. Il 26 luglio, 2 F-5E dell’ETAF intercettarono 2 MiG-21 somali abbattendone uno, che fu prima danneggiato da un missile Sidewinder e quindi abbattuto dagli F-5 con i cannoncini M-39 da 20mm di bordo. Le 8 vittorie dell’ETAF rappresentarono il 18% dei 38 velivoli schierati dal CCS, che ora non poteva disporre di più di 20 tra MiG-17F e MiG-21MF.
Nonostante tali sconfitte, la città di Gode cadde e la 5.ta Brigata della 4.ta Divisione dell’esercito etiope, che la difendeva, si ritirò verso ovest. Alla fine del mese, gli etiopi si erano ritirati a Jijiga, distante oltre 300 km. Ai primi di agosto, il fronte si era stabilizzato mentre gli F-5A etiopi avevano effettuato 300 sortite sulle posizioni somale. Dopodiché i caccia F-5A dell’ETAF, armati di razzi da 127mm e 68mm, e di bombe da 113kg e 223kg, passarono ad effettuare missioni d’interdizione contro le linee di rifornimento dei somali, con effetti devastanti. I vecchi cacci F-86F cominciarono a svolgere missioni di attacco e supporto aereo ravvicinato, impiegando razzi da 68mm e bombe da 113kg, mentre i bombardieri Canberra compirono alcuni raid notturni sulla Somalia.

Canberra

Canberra B.52

Il 9 agosto, Addis Abeba ricevette dall’Iran pezzi di ricambio e munizioni per le sue forze armate, mentre URSS e Cuba inviarono i loro consiglieri militari in Etiopia, che fornirono dettagliati rapporti d’intelligence sulle forze armate somale allo Stato Maggiore etiope. Mosca avviò i rifornimenti militari e dispiegò i sistemi missilistici antiaerei S-125. A novembre Mengistu volò a L’Avana per cercare di avere un maggior sostegno militare. I primi ad arrivare furono i sistemi missilistici antiaerei S-125 Neva promessi da Mosca e che, schierati nell’Ogaden, l’11 agosto abbatterono 2 caccia MiG-21MF somali inviati a bombardare l’aeroporto di Aisha, mentre 2 MiG-17 somali inviati ad attaccare il radar di Karamara, il 14 agosto, invece si schiantarono sulla montagna. Il CCS era in rovina, dei MiG-17F solo 4 erano in condizione di volo, mentre dei MiG-21MF, solo una dozzina era pienamente operativa. Quindi, i somali concentrarono tutte le operazioni aeree sulla base aerea di Hargeisa. E il 12 agosto, 4 caccia F-5E dell’ETAF bombardarono la base danneggiando la pista, il deposito di carburante e la torre di controllo, e distruggendo un aereo da trasporto Antonov An-26. Gli F-5 non incontrarono alcuna risposta dalle difese aeree somale. Intanto, gli etiopi inviarono tutte le forze nell’Ogaden, ritirandole dall’Eritrea, e rafforzarono le difese di Harar e Jijiga. In quel momento i somali avevano occupato l’80% dell’Ogaden e puntavano sull’Etiopia storica. Perciò gli F-5 eritrei furono ritirati dalla base aerea di Dire Dawa, lasciandovi solo gli 8 velivoli T-28D e gli 8 SAAB 17A/B del 3.zo Squadrone COIN (controinsurrezione) per il supporto e la ricognizione per conto dell’esercito etiope.
Il 17 agosto, gli etiopi furono colti di sorpresa quando i somali assaltarono Dire Dawa, che riuscirono ad occupare distruggendo nella base aerea gli AT-28D e i SAAB 17A/B dell’ETAF. Gli etiopi contrattaccarono il giorno successivo, senza il sostegno dell’artiglieria ma con quello degli aerei, che compirono 68 sortite contro il nemico, distruggendo l’80% degli automezzi somali e permettendo all’esercito etiope di riconquistare Dire Dawa. 1 MiG-21 somalo fu abbattuto sulla città il 19 agosto, e nei giorni successivi la base aerea fu ripristinata permettendo l’arrivo degli aerei-cargo C-119K e dei caccia F-5, grazie a cui l’ETAF compì, il 22 agosto, 50 sortite contro i somali, la cui ritirata si era trasformata in rotta, lasciandosi dietro una scia di mezzi ed equipaggiamenti abbandonati, e perdendo un altro MiG-21 in combattimento aereo.
etisom20Ad est di Dire Dawa, a Jijiga, gli etiopi attesero l’assalto dei somali, concentrandovi la maggior parte delle loro difese. Ma in quest’area il CCS godeva della superiorità aerea, per la prima volta nella guerra. MiG-17 e MiG-21 somali effettuarono diverse sortite sulle posizioni etiopi e alla fine, il 1° settembre, la città fu abbandonata. I somali occuparono Jijiga, e gli etiopi così persero la base aerea oltre a 9 carri armati M-47, 14 carri armati M-41 e 2 blindati per il trasporto truppe M-113. Dopo di ché, la NATO incominciò a propendere per la Somalia. Sempre il 1° settembre, 2 F-5E etiopi abbatterono 2 MiG-21 somali, mentre un sistema antiaereo ZSU-23-4 Shilka somalo abbatté un F-5E dell’Etiopia. Il 5 settembre il Derg organizzò il contrattacco che liberò la città, mentre i somali la circondarono. E il 9 settembre, 2 MiG-17 somali attaccarono una colonna di etiopi in ritirata, ma uno dei velivoli venne abbattuto dal tiro antiaereo della colonna. Dopo la ritirata etiope, il 12 settembre i somali rioccuparono Jijiga e arrivarono nel passo Karamara, dove con l’artiglieria a lungo raggio distrussero il radar TPS-43 che aveva guidato finora i caccia etiopi. Il passo Karamara infine cadde nelle mani somale e Mogadiscio si spianò la strada per lanciare l’offensiva sul resto dell’Etiopia. L’altro radar etiope, di stanza a Debra Zeit, fu trasferito sul monte Megezez, a metà strada tra Addis Abeba e Karamara, e l’ETAF non poté più contare sulla copertura radar nelle missioni sull’Ogaden. Ma la cattura di passo Karamara fu il culmine dell’invasione somala. Essendosi spinti oltre il raggio d’azione della CCS e finendo sotto quello dell’ETAF, i somali si fermarono preparando l’assalto su Harar, circondata su tre lati e dove si erano concentrati i resti della 3.za divisione etiope e 2 battaglioni di carri armati sudyemeniti. Il presidio venne rifornito con un ponte aereo attuato dai velivoli da trasporto C-47. L’assenza degli aerei somali permise al piccolo ponte aereo di rifornire il presidio e la città. Durante queste operazioni un C-47 fu abbattuto con un missile portatile antiaereo Strela-2.
I somali assaltarono Harar il 29 settembre, e la battaglia ben presto divenne una guerra di posizione, mentre 3 MiG-17 somali furono abbattuti dalla contraerea etiope. Un grande assalto fu attuato il 19 ottobre, ma i somali furono respinti dopo aver subito più di 200 morti; e il 23 ottobre i somali tentarono una nuova offensiva, non più da sud come prima, ma da nord-ovest. Anche questa volta le forze somale si ritirarono dopo aver perso altri 600 soldati. Nel frattempo, per evitare ulteriori perdite, gli etiopi concentrarono a Dire Dawa i propri mezzi corazzati, cioè tutti i carri armati M-47 rimasti e la maggior parte dei carri armati leggeri M-41. Il 30 ottobre, i somali tentarono un’altra offensiva, mentre gli etiopi schierarono con gli elicotteri altri 2 battaglioni di commando paracadutisti, permettendo ai difensori di resistere a una settimana di assalti nemici. Ma il 4 novembre, i somali avanzarono costringendo gli etiopi ad inviare la 2.da Brigata paracadutisti. I somali avevano concentrato i rifornimenti presso Jijiga, che perciò l’aviazione etiope sottopose a continui attacchi. Il 16 novembre, iniziò un’altra offensiva somala, nello stesso luogo in cui il primo assalto era fallito, il 23 ottobre; ma questa volta l’assalto fu accompagnato dai bombardamenti intensivi con i lanciarazzi multipli BM-21 Grad e dalle sortite dei MiG-17. I somali finalmente sfondarono le difese, ma con un’operazione d’assalto eliportato, le due brigate di paracadutisti etiopi bloccarono il nemico; e lo stesso giorno 2 F-5E, 2 F-5A e 2 Canberra dell’ETAF bombardarono la base avanzata somala di Jeldessa, che ospitava il principale deposito di munizioni della Somalia. Gli etiopi persero un caccia F-5A, ma il deposito di munizioni somalo fu letteralmente spazzato via e l’offensiva somala fu fermata, per sempre.
1-onxe1-siduwvc2_xvmpkcw Proprio mentre l’offensiva era bloccata, Siad Barre commise un grave errore geopolitico. I sovietici appoggiavano il suo regime, ma erano contrari all’invasione dell’Ogaden, e quando si avvicinarono all’Etiopia del Derg, la Somalia passò all’occidente. Nelle prime fasi della guerra dell’Ogaden, Barre visitò Mosca nel tentativo di mantenere neutrali i sovietici, mentre contemporaneamente negoziava con la NATO l’invio di armi. Così Leonid Brezhnev si rifiutò d’incontrarlo quando si recò a Mosca ai primi di novembre. Il 13 novembre 1977, per reazione, Barre stracciò il trattato di amicizia con l’URSS, firmato solo nel 1974, ed espulse i 20000 consiglieri e cittadini del Patto di Varsarvia presenti in Somalia. Ciò aggravò di molto la situazione militare della Somalia, tanto più che il 25 novembre 1977 i sovietici crearono uno dei più grandi ponti aerei della storia militare, impiegando 225 aerei da trasporto Antonov An-12BP e An-22 Antej, e Iljushin Il-18 e Il-76, trasportando rifornimenti militari da Tashkent ad Addis Abeba facendo scalo a Baghdad e Aden. Il tutto avvenne sotto la supervisione del contingente di 1500 consiglieri militari sovietici, diretto dal Generale Vasilij Petrov, presente ad Addis Abeba. Il comandante della missione degli istruttori aeronautici sovietici era il Tenente-Generale G. Dolnikov. A dicembre, giunse ad Addis Abeba il grosso del contingente dei consiglieri cubani, comandato dal Maggior-Generale Arnaldo Ochoa. E il 28 dicembre 1977 divenne operativo il primo battaglione corazzato cubano.
Nei successivi sei mesi, i sovietici sbarcarono sull’aeroporto internazionale Bole, di Addis Abeba, circa 600 carri armati T-55, T-62 e PT-76, 300 blindati BMP-1 e BRDM-2, più di 400 pezzi di artiglieria. L’Etiopia ricevette 2 velivoli d’addestramento MiG-15UTI, 13 cacciabombardieri MiG-17, 8 aerei d’addestramento MiG-21UM che sostituirono i caccia leggeri statunitensi F-86 negli squadroni di addestramento dell’ETAF. Furono anche trasferiti 40 MiG-21MF, che riequipaggiarono completamente la prima linea dell’ETAF. Già nel gennaio 1978 diversi piloti etiopi erano pronti a volare sui caccia sovietici MiG-21. Ora l’ETAF disponeva di circa un centinaio di aerei. Inoltre, Cuba inviò 18000 consiglieri in Etiopia, assieme a un distaccamento di 40 piloti istruttori della DAAFAR (Defensa anti-aerea Y Fuerza Aérea Revolucionaria) che costituì il 4.to Squadrone indipendente dell’ETAF, sotto il comando del Tenente-Colonnello pilota Ruben Interián e del Tenente-Colonnello Luis Alonso Reina, diplomatisi presso l’Accademia della Difesa Aerea Kalinin di Mosca. Così i cubani schierarono uno squadrone di cacciabombardieri MiG-17F e uno di caccia MiG-21bis, e anche 2 aerei da ricognizione tattica MiG-21R, per un totale di 40 piloti. Inoltre, Petrov creò una potente forza eliportata basata su 10 elicotteri pesanti Mil Mi-6 e 20 elicotteri da trasporto medio Mil Mi-8T, scortati da 6 elicotteri d’attacco Mil Mi-24A. Tale forza poteva trasportare i blindati leggeri ASU-57, armati con un cannone anticarro da 57mm. Oltre ai sovietici e ai cubani, furono schierati in Etiopia anche oltre 200 consiglieri cecoslovacchi, polacchi e tedeschi. I polacchi inviarono anche 2 piloti e 20 tecnici specializzati nell’impiego dei caccia F-5, che continuarono a volare grazie ai pezzi di ricambio ricevuti dal Vietnam e dall’Iran. Inoltre, la Repubblica Popolare Democratica dello Yemen integrò i suoi 2 battaglioni corazzati inviando in Etiopia altri 2000 effettivi. Infine, il 4 dicembre i sovietici lanciarono il satellite da ricognizione Kosmos 964, che sorvolò la regione il 17 dicembre trasmettendo all’ETAF le immagini delle basi aeree somale di Berbera e Hargeisa, dando un quadro dettagliato delle forze aeree somale.
Venne costituito anche un centro di coordinamento operativo per tutte le forze estere presenti in Etiopia, uno Stato Maggiore Congiunto guidato politicamente dal Presidente etiope Mengistu e militarmente dal Generale Arnaldo Ochoa, coordinato da cinque generali etiopi, otto cubani, cinque sovietici e due yemeniti.
tumblr_inline_o35yf4uc7b1t90ue7_1280Siad Barre fu spaventato dalla presenza del contingente militare cubano-sovietico, sapendo inoltre che la sua aviazione era ridotta al lumicino, incapace di mantenere i pochi velivoli rimasti. Siad Barre quindi chiese aiuto, e il primo a soccorrerlo fu il Pakistan, che inviò 20 piloti e 120 tecnici per riparare i velivoli velivoli sopravvissuti. Seguirono Arabia Saudita, Quwayt ed Egitto che, istigati da Washington, cominciarono a finanziare i guerriglieri eritrei e il governo somalo al fine di “fermare l’espansione comunista nella regione”. Furono inviati rifornimenti di armi e pezzi di ricambio. Ma ciò non bastò, dato che dopo più cinque mesi di combattimenti le forze armate somale si erano esaurite. Il 6 gennaio 1978, il presidente egiziano Anwar Sadat accusò i cubani di bombardare le truppe somale e annunciò il pieno sostegno alla Somalia, inviando piloti e tecnici dell’aeronautica per ricondizionare gli ultimi MiG somali. Anche Arabia Saudita e Iraq inviarono molti pezzi di ricambio, munizioni e personale. L’Egitto inviò anche carri armati T-54 e pezzi di artiglieria, mentre l’Arabia Saudita inviò carri armati M-47 e Centurion, e vi addestrò il personale somalo. Iraq ed Egitto inviarono cacciabombardieri MiG-17F e 2 caccia MiG-21MF, pilotati da pakistani ed egiziani. Gli egiziani riattivarono anche delle postazioni di missili antiaerei S-75 e S-125. Tutto il materiale ricevuto dai somali veniva immediatamente spedito al fronte.
Il 27 dicembre 1977, gli ultimi 4 caccia F-5E etiopi attaccarono Berbera, con il sostegno di un C-119K che operava come posto di comando volante. I caccia danneggiarono la pista e distrussero 1 cargo Antonov An-24/26 e 1 caccia MiG-21 somali. Così, all’inizio del 1978, i caccia somali non osarono più sorvolare l’Ogaden. L’8 gennaio 1978, un caccia F-5A e alcuni caccia MiG-21MF etiopi, assieme a MiG-17F e MiG-21bis cubani, effettuarono una serie di attacchi aerei sulle posizioni somale. La base aerea di Hargeisa fu attaccata diverse volte dalle forze combinate, creando ulteriori danni all’aviazione somala. Inoltre, le forze aeree combinate concentrarono gli attacchi presso Harar, infliggendo ai somali pesanti perdite, anche se la contraerea somala impiegò tutte le armi disponibili, come i missili portatili Strela-2 e i sistemi antiaerei ZSU-23-4.

Fairchild C-119K

Fairchild C-119K

Il 22 gennaio 1978, venne scatenata la grande controffensiva cubano-etiopica, che contava su 35 battaglioni, 270 carri armati e 162 pezzi di artiglieria, appoggiati da 46 aerei da combattimento. L’obiettivo era liberare Harar e Dire Dawa e preparare il terreno per la grande controffensiva su Jijiga, la base principale delle operazioni somale nell’Ogaden. Facendo largo uso dei velivoli da ricognizione tattica MiG-21R, i cubani incrementarono il vantaggio tattico delle forze combinate raccogliendo informazioni sulle posizioni somale, tra cui la difesa antiaerea e le linee logistiche, permettendo di concentrare gli attacchi su obiettivi strategici e ridurre la resistenza del nemico. Anche i somali avevano concentrato 27 brigate, 135 carri armati, 100 blindati e 205 pezzi di artiglieria in vista dell’assalto su Harar, ma furono fermati dalle difese etiopi, mentre l’ETAF bombardò le retrovie somale colpendo depositi e convogli. In pochi ore l’offensiva somala fallì e il relativo fronte crollò. Lo stesso giorno, gli ultimi 4 F-5E e 4 caccia MiG-21MF dell’ETAF attaccarono la base aerea somala di Hargeisa, distruggendo la stazione radar e 6 velivoli. Il 23 gennaio, a Fedis gli etiopi catturarono 15 carri armati, 48 pezzi di artiglieria, 7 cannoni antiaerei e numerosi blindati somali, e a fine gennaio raggiunsero passo Karamara. Ad Harar i combattimenti durarono fino al 2 febbraio, quando i somali si ritirarono dopo aver perso 57 carri armati e 50 pezzi di artiglieria, e subito 4000 soldati tra morti, feriti, prigionieri e disertori. In seguito, mentre l’esercito etiope dilagava in tutto l’Ogaden, gli F-5A e 2 Canberra etiopi bombardarono le linee dei rifornimenti somali, mentre i piloti cubani si concentrarono sulle difese aeree somale costituite da ZSU-23-4 Shilka e da squadre dotate di MANPADS. I MiG-17F e MiG-21bis cubani, insieme ai MiG-21MF etiopi, armati di razzi da 57mm e 80mm e di bombe da 250kg, devastarono il sistema logistico somalo, mentre gli F-5A etiopi aumentarono le operazioni d’attacco al suolo e gli F-5E svolgevano le missioni di scorta. In queste operazioni, i somali abbatterono il MiG-17F del tenente Eladio Campos, il MiG-21bis del tenente Raul Hernandez Vidal, che caddero, e il MiG-21bis del Maggiore Benigno Cortés, che riuscì ad eiettarsi, oltre a un F-5A e a un MiG-21MF etiopi.
57_3_a1Il 1° febbraio, le forze etiopi finsero una manovra verso sud, mentre la 1.ma Brigata Paracadutisti, di nascosto, avvolse ai fianchi i somali, sorprendendoli completamente e accerchiandoli a Jijiga. I somali così furono costretti a ritirarsi abbandonarono altri 42 carri armati, 50 pezzi di artiglieria e centinaia di autoveicoli. Nelle retrovie, gli egiziani preparavano i contingenti di rinforzo che venivano inviati subito al fronte. Il 3 marzo 1978 la brigata di carri armati cubani del Generale Fleitas e due brigate di fanteria etiopi, attaccarono Jijiga da sud, con un grande supporto di artiglieria. Le cinque brigate somale stanziate a Jijiga cercarono di opporre resistenza, mentre altre due brigate, schierate a Gara Martha, lanciarono una controffensiva. Ma i somali finirono in una trappola, le forze sovietiche avevano effettuato un’operazione d’assalto eliportato al tergo dello schieramento somalo. 9 elicotteri Mi-6 e una dozzina di elicotteri Mi-8T, guidati dal Generale Petrov e da un piccolo contingente di Spetsnaz russi, decollarono da Dire Dawa e sbarcarono 500 soldati presso Jijiga, garantendosi una vasta area di atterraggio, dove giunse un battaglione di fanteria etiope dotato di mortai e cannoni senza rinculo. Non appena tutto fu pronto, giunse la seconda ondata dell’assalto, quando oltre a 1000 soldati della fanteria etiope e cubana, gli elicotteri Mi-6 trasportarono 70 blindati leggeri ASU-57, consentendo di consolidare le posizioni delle forze combinate. Successivamente, ondate di elicotteri trasportarono altri 3000 soldati e diversi blindati BRDM-1. Il 5 marzo scattò l’offensiva a tenaglia per liberare Jijiga. L’ETAF compì quel giorno 140 sortite contro le posizioni nemiche, e il 6 marzo le forze somale furono completamente distrutte. Sfruttando l’opportunità tattica, il Generale Ochoa ordinò alla seconda brigata di carri armati cubana del Generale Cintra Frias, e ad altre unità di fanteria etiope, di attraversare il passo di Gara Marda, a nord-ovest di Jjiga, accerchiando le forze somale, che dovettero ritirarsi dopo aver subito 6000 morti e perso le armi pesanti. Le forze aeree etiope e cubana compirono più di 250 sortite contro i somali, e si ebbe il primo impiego operativo degli elicotteri d’attacco Mil Mi-24A, che impiegarono razzi da 57mm e bombe contro le truppe somale, e missili anticarro 3M111 Fljuta contro i blindati nemici. Lo Stato Maggiore somalo fu completamente sorpreso e le truppe al fronte iniziarono a disgregarsi, diverse unità fuggirono verso il confine con la Somalia, a 70 km di distanza, mentre l’aviazione combinata bombardava l’ultima base somala dell’Ogaden. Il fronte somalo cedette all’avanzata cubano-etiope, e Jijiga venne liberata.

Generale Vasilij Ivanovich Petrov

Generale Vasilij Ivanovich Petrov

Dopo aver appreso del disastro di Jijiga, Barre ordinò a tutte le truppe di ritirarsi fino al confine. Le forze etiopi inseguirono i resti delle truppe somale che fuggivano verso il confine, mentre l’8 marzo liberavano Degehabur, a 200 km a sud di Jijiga, e delle sacche di resistenza somale si formarono a Fik, Gabredarre e Kelafo, dove però rimasero completamente isolate. Il 13 marzo venne liberata la città di Gode, la prima ad essere occupata dai somali, all’inizio della guerra. Il 23 marzo, l’ultimo posto di frontiera etiope fu ripreso, segnando la fine della guerra dell’Ogaden. Quel giorno divenne operativo, in Etiopia, il primo dei 44 caccia-bombardieri sovietici MiG-23BN ordinati dall’ETAF. Quindi gli etiopi avviarono l’Operazione Lash, per distruggere le forze somale e filo-somale rimaste nell’Ogaden est, e che si concluse ai primi di aprile 1978. E quell’aprile, i tecnici egiziani e pakistani riattivarono 12 caccia MiG-21MF e 4 MiG-17F, e ricostruirono gran parte della base aerea di Hargeisa. Nel maggio 1978, arrivò il primo F-6B (copia cinese del MiG-19SF), dei 12 forniti dalla Cina popolare attraverso il Pakistan. Nel 1980, il contingente cubano iniziò il ritiro. L’ultimo incidente tra Etiopia e Somalia si ebbe nel 1981, quando 2 MiG-21MF etiopi abbatterono 2 F-6B somali sull’Ogaden.
tumblr_inline_o35yldpqct1t90ue7_1280Nella guerra dell’Ogaden, gli etiopi subirono 9800 morti, 10000 feriti ed ebbero 1362 disertori. Cuba ebbe 160 caduti, 100 tra caduti e feriti lo Yemen e 33 i sovietici. I somali ebbero circa 20000 morti. L’Etiopia perse 23 velivoli, tra cui 2 F-5A e 3 F-5E abbattuti dalla contraerea somala, 3 C-47, 8 T-28D e 8 SAAB 17A/B. I somali persero 19 caccia MiG-21, 9 cacciabombardieri MiG-17, 3 aerei da trasporto Antonov An-24/26. L’ETAF aveva compiuto 2865 sortite tra luglio 1977 e giugno 1978, mentre la DAAFAR ne compì 1013. Il ruolo della DAAFAR fu importante; delle 1013 sortite la metà fu svolta dai MiG-17F, e il resto dai MiG-21bis, distruggendo decine di carri armati ed altri mezzi nemici, e subendo la perdita di due piloti. I MiG-21bis cubani non usarono mai i missili aria-aria K-13, dato che gli F-5E etiopi aveva già ottenuto la superiorità area prima dell’arrivo degli aiuti sovietico-cubani. Secondo i rapporti cubani, i piloti somali si rifiutano di combattere quando seppero che i cubani operavano sull’Ogaden. Molti piloti di Siad Barre avevano studiato a Cuba, e questo fu uno dei fattori che portò l’aviazione somala ad interrompere le operazioni di volo, anche su elicotteri o aerei da trasporto. Dopo la guerra, le truppe cubane furono ridotte a 3000 nel 1984, e furono ritirate definitivamente nel settembre 1989, quando dopo 12 anni di collaborazione, più di 40000 soldati cubani avevano prestato servizio in Etiopia. Per Siad Barre, la sconfitta portò al declino del suo potere in Somalia, puntellato comunque dagli italiani, che gli inviarono armi ed elicotteri che alimentarono la guerra civile nel Paese. Il sogno della “Grande Somalia” alla fine portò alla distruzione dello Stato somalo e alla destabilizzazione del Corno d’Africa. L’Etiopia mantenne l’integrità territoriale fino al 1991, quando il crollo dell’URSS e i conflitti interni destabilizzarono la situazione etiope. Nel 1977, l’adesione di Addis Abeba al blocco sovietico inflisse un duro colpo ai guerriglieri del Fronte Popolare per la Liberazione dell’Eritrea (EPLF), mentre gli arabi decisero di sostenere il rivale Fronte di Liberazione dell’Eritrea (FLE). Dal 1978, l’EPLF ricevette sostegno politico dalla Somalia, e politico-militare dal Quwayt, mentre l’FLE ricevette il sostegno politico- militare da Sudan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Quwayt e Yemen, mentre la Repubblica Democratica Popolare dello Yemen continuò a sostenere l’Etiopia.

MiG-23BN

MiG-23BN

Fonte:
ACIG
Dintel-gid
DITC
K/planes
Urrib2000

Annunci

Fidel Castro Geopolitico

Rakesh Krishnan Simha RBTH 30 novembre 2016

Mentre i russi hanno una percezione positiva di Fidel Castro, alcuni indiani sembrano aver dimenticato che il leader cubano è stato uno dei pochi amici dell’India nella Guerra Fredda.1904_3_9762La morte di Fidel Castro ha rivelato il lato oscuro dell’odio che si annida in occidente nei confronti di chi segue vie diverse. Gli occidentali, che amano affermarsi più civili degli altri, celebrano la morte del vecchio cubano. La loro frustrazione è comprensibile dato che Castro era una spina nel fianco, sfidando i numerosi tentativi occidentali di assassinarlo durante la guerra fredda. Russi e indiani erano grandi sostenitori del Comandante durante la guerra fredda, e dimostrano emozione per la sua scomparsa. Mentre la Russia è assolutamente positiva sull’eredità di Castro, e la maggior parte degli indiani e dei media tradizionali ricorda con affetto il torreggiante leader, una frazione di indiani sui social media attacca il defunto leader. Questo è curioso, perché l’India ha avuto rapporti molto amichevoli con Cuba. In contrasto coi criminali capi occidentali come Richard Nixon e Margaret Thatcher, il carismatico Castro era una figura popolare tra tutte le classi indiane e rappresentava la lotta dei piccoli Paesi contro il colonialismo. Chi attacca Castro rigurgita le stesse accuse che i media occidentali spacciano da anni. Sono convinti che fosse un “dittatore spietato” che incarcerava “migliaia” di persone, seguendo la narrazione occidentale che Castro avesse imposto lo stato di polizia in cui i cittadini non avevano libertà di parola. E accusano Castro dei problemi economici di Cuba.

Capire Fidel
Gli indiani che twittano idee anti-castriste probabilmente non sanno che il reddito pro-capite nazionale di Cuba è 18000 dollari contro i 5000 dell’India. Nonostante il blocco, i cubani hanno accesso a una migliore assistenza sanitaria che negli Stati Uniti. L’aspettativa di vita di 78 anni, regge il confronto coi 79 negli USA. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il sistema sanitario del Paese è un esempio che tutti i Paesi del mondo devono seguire. Secondo Denise Baden dell’University of Southampton Business School, è sbagliato dire che Castro ha governato con pugno di ferro. Durante i suoi viaggi, ha scoperto che i cubani potevano parlare liberamente e anche criticare Castro apertamente senza essere arrestati o uccisi. Baden, che ha trascorso molti anni a Cuba, dice: “Mentre la vecchia generazione tende a vederlo come un eroe, altri lo descrivono come una figura paterna. Molti dicono che non sarebbero nemmeno qui se non fosse per i progressi nella salute“. Mentre molti indiani che seguono media come CNN, BBC e New York Times, faziosi e vocianti, come era evidente durante le ultime elezioni negli USA, ne accettano le pretese come sensate. Dato che i media occidentali dominavano i notiziari per decenni, molti si fanno condizionare iniziando la giornata seguendo questi essenzialmente strumenti di propaganda. Quindi, qualsiasi cosa pubblicata su Castro viene interiorizzata acriticamente o senza consultare fonti alternative. (Questo sta cambiando con la crescente popolarità di RT della Russia e di Press TV dell’Iran, e così via).

Guardare il mondo in modo diverso
Gli indiani devono capire non vi è nulla che sia giusto o sbagliato, amico o nemico. Prendono sul serio il concetto del “Mondo è una sola famiglia” senza guardare il contesto in cui tali vecchi concetti furono tracciati. Si dimentica che Castro era un nemico degli Stati Uniti, che erano nemici dell’India durante la guerra fredda. Il presidente Richard Nixon e il suo Segretario di Stato Henry Kissinger pensarono seriamente di bombardare con armi nucleari l’India nella guerra del 1971. Gli indiani ignorano la dottrina Chanakyan, vecchia di 2400 anni, che dice che il nemico del tuo nemico è tuo amico. Durante la Seconda guerra mondiale, Subhash Chandra Bose, capo dei ribelli dell’esercito nazionale indiano, cercò aiuto dai tedeschi per combattere gli inglesi. Anche se nessun leader indiano contemporaneo approvò le azioni della Germania, tutti celebrarono i rovesci subiti dalla Gran Bretagna contro l’esercito tedesco. Se Bose non va contaminato per i suoi legami durante la guerra, allora Castro non va trattato come un paria per essere stato un comunista. Gli indiani dovrebbero guardare il mondo attraverso la lente geopolitica e collaborare con chi lavora per gli interessi del loro Paese. Ancora una volta, fingere di essere indignati per le presunte violazioni dei diritti dell’uomo di Castro, è risibile quando lo si confronta con la storia degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti giustiziano più persone ogni anno di qualsiasi altro Paese, con la possibile eccezione della Cina che non rivela i suoi dati. A causa delle invasioni di Iraq e Libia, gli Stati Uniti sono responsabili della morte di centinaia di migliaia di persone in Medio Oriente, nonché della fuga di milioni di persone. Quando CNN e New York Times accusano Castro, o se perciò qualsiasi governante straniere, di violazioni dei diritti umani, si tratta di mera ipocrisia. Quando piangono per i “cubani comuni”, sono ancora risibili. E’ molto probabile che non saprebbero trovare Cuba sulla mappa. Hanno dimenticato che gli Stati Uniti hanno imposto un illegale blocco economico per 50 anni a questo piccolo Paese. Ogni nave che ancorava a L’Avana non poteva entrare nei porti degli Stati Uniti. Era l’apartheid economico puro e semplice. Nessuno saprà mai quante migliaia di bambini cubani, anziani e malati sono morti a causa della scarsità di cibo e medicine durante i lunghi decenni del blocco. Nel frattempo, gli Stati Uniti non si fanno scrupolo di negoziare con la Cina e l’alleato saudita. L’argomento che i cubani tentano di fuggire o migrare verso gli Stati Uniti, perché Castro era malvagio, non va. La gente di solita emigra verso un Paese più ricco e i cubani non fanno eccezione alla regola. Inoltre, molti cubani si accanivano nel raggiungere gli Stati Uniti prima dell’abrogazione della Legge di Aggiustamento Cubano che dice che chi fugge a Cuba ed entra negli Stati Uniti, avrà il permesso di residenza un anno e un giorno dopo. Se tale legge esistesse per l’India, il Punjab si svuoterebbe presto.

Visione dei russi
Per i russi Castro rimane una figura eroica fedele all’ideale fino alla fine. Secondo Andrej Fomin, direttore di Oriental Review di Mosca, “Nel braccio di ferro della guerra fredda era impossibile sottovalutare il significato della Rivoluzione cubana per Mosca. Da giovane, vivace e brillante oratore che coraggiosamente sfidò l’impero nel cortile di casa, divenne subito l’eccezionale opportunità di proiettare l’influenza di Mosca nella regione e nel mondo“. Qualcuno potrebbe obiettare che Castro fu uno strumento di propaganda utile, ma per la Russia era un fedele alleato. Fomin ha detto a RIR: “Anche se era un amico sincero dell’Unione Sovietica, non ha mai compromesso gli interessi fondamentali del popolo cubano. La storia della rivoluzione cubana nel 1959-1991 è un eccellente esempio di leadership impegnata e giusta dall’entusiasmo popolare“. La Russia potrebbe essersi allontanata dal comunismo, teoria superata ideata dal tedesco Karl Marx mentre era rintanato nella biblioteca di Londra, umida e fredda, ma molti russi comprendono che il capitalismo clientelare nel loro Paese è un male peggiore del comunismo. Al contrario, le élite di Cuba non mutano in “conglomerati di cinici avidi”. La prosperità di Cuba è in larga misura dovuta ai miliardi di dollari di aiuti sovietici, fondamentali davanti a blocco e sanzioni economiche. Tuttavia, dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991, Cuba non si è arresa al bullismo statunitense. “Ciò che seguì dimostrò che fonte e forza della Rivoluzione Cubana giacevano nel popolo cubano e nei suoi leader“, dice Fomin. “In assenza del sostegno straniero negli ultimi 25 anni e soggetti a severe sanzioni economiche dagli Stati Uniti, non si arresero né scelsero la Pepsi. Per la maggioranza dei russi fu e sarà per sempre un pilastro di speranza e vera libertà. Ci sarebbe piaciuto avere il nostro Fidel, e sono sicuro che molte altre nazioni pensano lo stesso“.

Castro scaccia l’apartheid dall’Africa
Negli anni ’70, con il sostegno russo, i cubani diedero un ampio aiuto militare estero a numerose nazioni come Algeria, Etiopia, Guinea-Bissau, Congo, Camerun, Mozambico, Zimbabwe, Sierra Leone, Yemen, Vietnam, Cambogia e Laos. In molte occasioni i militari cubani combatterono battaglie feroci contro gli ascari degli occidentali, spesso vincendo, e il più spettacolare fu nel 1977, quando la tenaglia cubano-etiopica, sostenuta da un massiccio ponte aereo russo per carri armati e artiglieria, sconfisse la Somalia appoggiata dagli USA. Tuttavia, fu in Angola che la macchina militare cubana ebbe la vittoria più celebre, schiacciando gli occupanti delle Forze di Difesa del Sud Africa, contribuendo al rapido crollo dell’apartheid. Cuba per primo inviò truppe nel novembre 1975, dopo la richiesta del Presidente angolano Agostinho Neto che temeva l’invasione del Sud Africa. I sudafricani, che sostenevano l’assassino Jonas Savimbi e la sua forza Unita, ebbero molti sostenitori in occidente, in particolare negli Stati Uniti, Regno Unito e Francia. Allarmati dal crescente coinvolgimento degli occidentali nella guerra, Cuba inviò più di 65000 truppe in Angola. Con Castro che inviava gli ufficiali in Angola, i cubani inflissero una pesante sconfitta al regime razzista. Più di ogni altra cosa, questa sconfitta l’occidente non poté sopportarla, dato che Stati Uniti e Regno Unito la considerarono propria, aggravando la ferita. Perciò i media di questi Paesi sono i più striduli nel dipingere Castro come un malvagio. Hanno perso la bussola ed ora che non c’è più, l’occidente vuole usurparne l’eredità. Ma questi sono semplici fatti scomodi per chi critica Castro. Se volete partecipare alle celebrazioni degli statunitensi per la sua morte, fate pure. Non sanno, o non gli interessa, della vostra esistenza.indira-gandhi24_102911010714Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Lo spirito rivoluzionario di Fidel Castro ispira il mondo nel perseguire equità e giustizia

Zhong Sheng, Quotidiano del Popolo, 29 novembre 2016 – Global Research

xi-jinping-firmaIl leader rivoluzionario cubano Fidel Castro è morto il 25 novembre, persone da tutto il mondo hanno offerto le condoglianze per la perdita, rendendo omaggio a una vita leggendaria e a uno spirito immortale. Nel corso dell’ultimo mezzo secolo, Castro è stato considerato simbolo del perseguimento della giustizia. “Ha dedicato tutta la vita alla grande causa della lotta per la liberazione nazionale, la salvaguardia della sovranità statale e la costruzione del socialismo del popolo cubano“, ha detto il Presidente cinese Xi Jinping nel messaggio di condoglianze all’omologo cubano Raul Castro. “Ha dato un contributo storico immortale al popolo cubano e allo sviluppo del socialismo nel mondo“, ha aggiunto Xi. Definendo Castro “grande figura del nostro tempo”, ha detto che il compagno Castro sarà ricordato dalla storia e dai popoli.
Il segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon, in un comunicato, ha lodato il contributo di Castro, dicendo che “era una voce forte per la giustizia sociale nelle discussioni globali presso l’Assemblea generale delle Nazioni Unite e nei forum internazionali e regionali“. Negli ultimi 60 anni, Castro ha combattuto per la rivoluzione, lo sviluppo del socialismo, l’indipendenza nazionale, così come la giustizia, sia a Cuba che nel mondo. Parlando dell’atteggiamento di Cuba verso gli Stati Uniti, Castro ha detto che “Cuba non s’inginocchierà mai agli Stati Uniti con tutto il popolo unito“. Cuba non si oppone alla soluzione sulle storiche discordanze con gli Stati Uniti, ma nessuno dovrà aspettarsi che Cuba cambi posizione o ceda nei suoi principi. Cuba è e continuerà ad essere socialista, osservava.
La perdita di una leggenda spinge anche il mondo a rivedere la storia e ad esplorare il futuro. Dato che equità e giustizia sono sempre necessarie allo sviluppo umano, ogni nazione dovrà lottare per questi obiettivi favorendo la civiltà umana in ogni epoca. Tuttavia, va ammesso che non tutti gli esseri umani godono di equità e giustizia ad oggi. E’ naturale per tutti i Paesi cercare l’uguaglianza sovrana e il proprio sviluppo autonomo, ma sfide ed ostacoli ancora ostacolano questo processo. Finché certi Paesi non abbandoneranno ambizione e tentazione di monopolizzare gli affari internazionali nel sistema globale, ci sarà ancora molta strada prima della democratizzazione definitiva delle relazioni internazionali. Per lo sviluppo umano, il crescente divario tra ricchi e poveri avanza nel mondo. Circa 800 milioni di persone vivono in estrema povertà, 6 milioni di bambini sotto i 5 anni muoiono ogni anno, e quasi 60 milioni di bambini sono lasciati senza cure. Su questi fatti duri va riconsiderata la visione dello sviluppo e dell’approccio globale, ponendo maggiore attenzione a equità e giustizia, e perseguendo la globalizzazione economica più inclusiva e mutualmente vantaggiosa. Il mondo non deve mai fermarsi dall’esplorare la via dello sviluppo.
Ricordiamo l’appello di Castro alla chiusura del 7° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cubano di diversi mesi fa. “Cambieremo ciò che va riformato nel Paese pur mantenendo lealtà e unità, proprio come i nostri eroi dell’indipendenza Marti, Maceo e Gomez“, dichiarò il leader nella risoluzione.
Lo spirito di Fidel Castro vivrà per l’eternità. Oggi, il mondo apprende dalla sua saggezza per un futuro migliore, mentre è in lutto per la morte di questo grande combattente.x0e3525bb3ebd1860235e1187912726cc1f7fa665e05c007e71xpimgpsh_fullsize_distrTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fidel Castro ha sfidato l’imperialismo degli USA fino all’ultimo

Finian Cunningham Strategic Culture Foundation 27/11/2016

13934813A 90 anni, Fidel Castro è morto dopo decenni di lotta eroica per la giustizia sociale, non solo per la nativa Cuba, ma per tutte i popoli del mondo. Anche nell’ultimo decennio di malattia, l’icona rivoluzionaria ancora combatteva attivamente scrivendo articoli sulla politica internazionale e sostenendo la causa del socialismo. Misura del suo peso storico è il fatto che sia sopravvissuto a 10 presidenti degli Stati Uniti quando si ritirò ufficialmente dalla politica, nel 2008, per motivi di salute. Contando Barack Obama, la vita politica di Fidel equivale a 11 presidenze degli Stati Uniti. Tutte dedite alla barbara politica di strangolamento economico di Cuba con il blocco commercio della piccola nazione caraibica. Molti capi degli Stati Uniti sanzionarono complotti criminali per assassinare Fidel e istigare il cambio di regime. Tutti falliti. Castro sconfisse tutti ed è morto serenamente nel suo letto dopo aver vissuto la vita pienamente. Quando la notizia della morte si è diffusa nel mondo, anche i Paesi occidentali che cospirarono in varia misura per contrastare la rivoluzione cubana, furono costretti a riconoscere l’enorme eredità di Fidel. Le TV hanno aperto con le “ultime notizie” sulla sua morte. CNN e BBC hanno subito tirato fuori la biografia di un uomo e del passato rivoluzionario. Tra le prevedibili offese verso una “figura autoritaria”, anche i propagandisti occidentali hanno dovuto ammettere che Fidel ha liberato il suo popolo dalla miseria e dalla povertà, lasciando in eredità una Cuba dall’immenso sviluppo sociale e probabilmente, ancor più importante, dando ai popoli del mondo l’ispirazione monumentale a sforzarsi continuamente per rendere questo mondo un posto giusto per tutti. Alla fine, ha sostenuto il socialismo denunciando lo sfruttamento capitalista e il suo distruttivo bellicismo imperialista. Due titoli spiccavano sul Washington Post, senza potersi astenere dal denigrarlo, “L’ex-dittatore cubano Fidel Castro è morto”. L’uso della parola “dittatore” è gratuito e senza dubbio per infangarne la grandezza anche nel momento della morte. Il New York Times sembrava essere un po’ più magnanimo col titolo: “Fidel Castro è morto a 90 anni. Il rivoluzionario cubano fu la nemesi di 11 presidenti statunitensi”. Ma le parole del tributo erano avvelenate dalla diffamazione. Il NY Times continuava a dire che l’“apostolo ardente della rivoluzione”, aveva “portato la guerra fredda nell’emisfero occidentale nel 1959… e il mondo sull’orlo della guerra nucleare (nel 1962)”. Non fu Castro che portò la guerra fredda nell’emisfero occidentale, né incitò la guerra nucleare. In entrambi i casi, furono i governi degli Stati Uniti. Eppure, insidiosamente, i media statunitensi imputano a Fidel il male dei loro governi. Nel 1960, mesi dopo che Fidel aveva rovesciato il corrotto dittatore sostenuto dagli Stati Uniti, Fulgencio Batista, il leader della rivoluzione visitò ufficialmente gli Stati Uniti come gesto di amicizia. Ma fu snobbato dall’allora presidente Eisenhower che si rifiutò d’incontrarlo. Eisenhower poi impose gli embarghi diplomatico e commerciale a Cuba per vendetta delle politiche economiche di Fidel volte ad eliminare la decennale povertà della maggioranza dei cubani, indotta dagli Stati Uniti.
Nell’aprile 1961, sotto la nuova presidenza di John F. Kennedy, la CIA e il Pentagono lanciarono sulla Baia dei Porci un esercito privato mercenario composto dai fedelissimi Batista. JFK fece marcia indietro sull’attacco su vasta scala e le forze di Fidel infine sconfissero gli aggressori. CIA ed esuli cubani non perdonarono mai a JFK questo “tradimento” e si vendicarono sparandogli in testa nel corteo di Dallas del 22 novembre 1963. Contrariamente al ritratto del New York Times, furono gli Stati Uniti di Eisenhower e Kennedy che portarono la guerra fredda nell’emisfero occidentale. Non Fidel Castro. Se Castro rispose alle aggressioni degli Stati Uniti, abbracciando l’Unione Sovietica ed i suoi missili nucleari, fu evidentemente per auto-difesa. La crisi dei missili di Cuba dell’ottobre 1962, quando JFK e il leader sovietico Nikita Krusciov si scontrarono con una drammatica prova di forza nucleare, gli Stati Uniti avevano già intrapreso la guerra contro Cuba. L’installazione di armi nucleari sovietiche sul territorio cubano, a 90 miglia dagli Stati Uniti, fu prima di tutto un atto di legittima sovranità del governo cubano e in secondo luogo un ragionevole atto di autodifesa data la criminale aggressione degli Stati Uniti dell’anno prima, nella baia dei Porci. Neanche in questo caso fu Fidel Castro che “portò il mondo sull’orlo della guerra nucleare”, ma la politica aggressiva contro una nazione povera da poco indipendente, il cui popolo esercitò il diritto all’autodeterminazione sostenendo un governo socialista. I vanitosi funzionari statunitensi amano raccontare come JFK costrinse i sovietici a ritirare i missili nucleari da Cuba. Ma un fatto trascurato è che l’accordo per evitare la guerra nucleare elaborato da Kennedy e Krusciov invocò l’impegno degli Stati Uniti ad abbandonare i piani di guerra segreti contro Cuba. Gli Stati Uniti non rispettarono a pieno la promessa di lasciare Cuba in pace. I piani per assassinare Castro e altri leader cubani continuarono durante le successive amministrazioni degli Stati Uniti, così come il sabotaggio e il terrorismo sponsorizzati dallo Stato, come l’abbattimento di un aereo civile cubano nel 1976. L’embargo commerciale imposto dagli Stati Uniti alla nazione di 11 milioni di abitanti iniziò nel 1961 e continua con Barack Obama, anche se con un leggero, alcuni direbbero “estetico”, allentamento. Tuttavia, il piccolo vantaggio avuto dall’“orlo della guerra nucleare” nel 1962 fu che gli Stati Uniti desistettero dal ripetere l’aggressione palese vista sulla Baia dei Porci.
Fidel Castro è un gigante che ha visto due secoli, un gigante dell’intelletto e dell’umanità, la cui compassione per gli oppressi e la loro liberazione dallo sfruttamento e dall’egemonia artificiale fu luminosa fin dai giorni della giovinezza. Fidel era la luce sul mondo, e anche nella morte, la luce della sua giustizia sociale brilla. Nemmeno i più formidabili nemici possono sminuire questa illuminazione rivoluzionaria. Il New York Times ha detto che “tormentò 11 presidenti degli Stati Uniti”. È solo un’altra spregevole calunnia. Fidel non li tormentò, li ha trascesi assieme ai loro malvagi piani, con un’umanità che fa ombra alla loro corruzione. Della sua splendida eredità, è forse un attributo che vita e lotta di Fidel dimostrino con chiarezza eloquente la distruttiva natura aggressiva e guerrafondaia del sistema politico degli Stati Uniti. Dalla sua vita, il mondo può chiaramente vedere che, nonostante le calunnie, furono i governi degli Stati Uniti che scatenarono la guerra fredda dimostrandosi abbastanza criminali da spingere il mondo verso una sconsiderata guerra nucleare. Questa è la lezione storica lasciata in eredità da Fidel, importante oggi come allora. L’aggressione degli Stati Uniti a Cuba è ancora attuale nella belligeranza verso Russia, Cina o qualunque altro Paese che ne sfidi l’egemonismo. Comprendere la storia della rivoluzione di Cuba e di Fidel Castro permette di comprendere le vere cause e i veri colpevoli delle aggressioni nel mondo di oggi. Anche nella morte, lo spirito rivoluzionario di Fidel vive, insegna, ispira.fidel-castroLa ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Fidel Castro – Morte di un Titano

Alexander Mercouris, The Duran 26 novembre 2016

La morte di Fidel Castro toglie dalla scena mondiale un genio politico che ha trasformato Cuba garantendone l’indipendenza dagli Stati Uniti e giocando un ruolo chiave nel determinare la caduta dell’apartheid nel Sud Africa.
1480139571_674437_1480151417_noticia_fotogramaLa morte del leader rivoluzionario cubano Fidel Castro ha provocato il solito elogio di alcuni e la condanna di altri. Ciò che nessuno nega è l’impatto colossale che ha avuto, non solo sul suo Paese, ma nel mondo. Questo fatto va ripetuto perché notevole. Cuba, il Paese che Fidel Castro ha guidato, è di piccole dimensioni (la sua popolazione attuale è di 11 milioni di abitanti) e relativamente povera. Non ha grandi ricchezze naturali né grandi industrie. Quando Fidel Castro salì al potere i  servizi sociali erano primitivi, la scuola e i sistemi sanitari estremamente squilibrati e arretrati, e gran parte della popolazione analfabeta. In alcun aspetto immaginabile Cuba era una grande potenza, e prima che Fidel Castro ne diventasse il leader, nessuno poteva pensarlo. Che il leader di un Paese così piccolo abbia avuto un impatto straordinario sulla scena mondiale è non poco sorprendente, e dice moltissimo sulla personalità di Fidel Castro, come del resto su Cuba e la rivoluzione che ha guidato. Basti dire che a confronto con le nazioni guidate da Mao Zedong, Ho Chih Minh, Ruhollah Khomeini e Nelson Mandela, i quattro altri grandi leader rivoluzionari del mondo dopo la seconda guerra mondiale, Cina, Vietnam, Iran e Sud Africa, in confronto a Cuba sono dei giganti (nel caso della Cina un titano) e non sorprende quindi se i loro leader rivoluzionari poterono attrarre l’attenzione mondiale. E’ vero, ma anche banale, dire che uno dei motivi per cui Fidel Castro e Cuba hanno avuto così tanta attenzione, fu perché nel 1960 divenne il fulcro della guerra fredda, con USA e URSS quasi in guerra per Cuba durante la crisi dei missili nel 1962. E’ banale, perché Cuba è diventata così importante nella Guerra Fredda solo perché Fidel Castro lo permise. Ci furono molti altri leader di sinistra e rivoluzionari nei Caraibi e in America Latina, prima e dopo Fidel Castro. Nessuno, nemmeno Hugo Chavez, si è mai avvicinato alla statura politica di Fidel Castro, o messo il proprio Paese al centro del conflitto tra superpotenze. La ragione per cui Fidel Castro è riuscito a farlo, è perché era disposto a fare ciò che nei Caraibi e in America Latina, cortile degli Stati Uniti, nessun altro leader era disposto a fare. A differenza di loro, negli anni ’60 rivoluzionò la società cubana, cosa che nessun altro leader di Caraibi e America Latina fece mai. Ciò significa, in pratica, che non vi è continuità istituzionale tra Cuba pre-Castro e Cuba di oggi. Esercito, polizia, burocrazia statale, media e magistratura sono completamente diversi, la ricchezza, tra terre e fabbriche, della vecchia oligarchia cubana fu espropriata in modo rivoluzionario globale e i sistemi economico, sanitario e istruttivo  furono interamente ricreati a propria immagine da Fidel Castro. Dire che ciò fu controverso sarebbe un eufemismo, in realtà sono  prima accusa e risentimento contro Fidel Castro degli esiliati di oggi, spiegandone l’implacabile ostilità. E sono anche motivo dell’embargo degli Stati Uniti.
I cambiamenti rivoluzionari di Fidel Castro effettuati a Cuba negli anni ’60 resero impossibile che il suo governo e la rivoluzione venissero sovvertiti, destino di ogni altra rivoluzione dei Caraibi e dell’America Latina, prima e dopo, privando gli Stati Uniti dei soliti strumenti usati per sovvertire queste rivoluzioni. Gli Stati Uniti, che non tolleravano nulla che somigliasse lontanamente a un cambiamento rivoluzionario nel cortile dei Caraibi e dell’America Latina per molto tempo, lottano per trovarvi una risposta, da allora. L’embargo imposto a Cuba fu un tentativo di risposta. Anche se da tempo è visibilmente fallito, le solite caparbietà e petulanza degli Stati Uniti e i potenti interessi costituiti che sostengono l’embargo, ne permettono la continuazione fin da allora. Ciò per dire quale fu la trasformazione rivoluzionaria della società cubana che Fidel Castro attuò negli anni ’60, rappresentandone sopravvivenza e successo, e tuttavia ponendo la questione di come sia avvenuto. Parte della risposta si trova senza dubbio nella personalità di Fidel Castro. E’ chiaro che aveva la massima chiarezza di idee, determinazione e spietatezza senza cui alcun leader rivoluzionario può avere successo. È comunque importante dire che Fidel Castro poté  farlo grazie al sostegno della società cubana. La ragione di ciò è in parte dovuta a una caratteristica peculiare della rivoluzione cubana, legata alla relazione insolita di Cuba con gli Stati Uniti. Ne discussi due anni fa, in un articolo per Sputnik, che riprendo qui, “La rottura delle relazioni tra Stati Uniti e Cuba fu conseguenza della rivoluzione castrista del 1959. Una rivoluzione lanciata dalla campagna contro l’oligarchia corrotta a L’Avana, che a sua volta aveva strettissimi legami con gli Stati Uniti, risalenti alla guerra di liberazione di Cuba contro la Spagna nel 1890. Gli Stati Uniti v’intervennero, arrivando a dominare Cuba fino alla rivoluzione di Castro nel 1959. Non sarebbe esagerato dire che in quel periodo Cuba fu essenzialmente un protettorato degli Stati Stati. È opportuno chiarire che si trattava di un rapporto che differiva in modo significativo da quello degli Stati Uniti gli altri Paesi dell’America Latina. Gli Stati Uniti ebbero un’influenza politica dominante, a tutti gli effetti partner non così silenziosi, sul sistema politico di ogni Stato latino-americano nel secolo scorso. Tuttavia in alcun altro Stato latino-americano, salvo Panama e Puerto Rico, si ebbe un impegno politico così diretto e aperto come a Cuba. Tale forma di dominio degli Stati Uniti ebbe un importante significato pratico. Non solo gli Stati Uniti acquisirono l’importante base militare di Guantanamo Bay (che mantengono ancora), ma ebbero il dominio totale del sistema politico ed economico di Cuba, facendone in effetti un appendice del sistema economico e politico degli Stati Uniti. Come è ben noto Cuba divenne gradualmente un importante parco giochi per i ricchi o quasi statunitensi. Dal 1920 al 1950 L’Avana fu il centro dei festini e del gioco d’azzardo degli Stati Uniti che concorreva con Miami e Las Vegas. Inoltre, molti ricchi statunitensi vi avevano la seconda casa, tra cui lo scrittore Ernest Hemingway e la ricca famiglia Dupont, la cui villa Xanadu ispirò il palazzo nel film di Orson Welles, Quarto Potere. Rimane un punto di riferimento nella località turistica di Varadero ad oggi. Fu il periodo in cui la discoteca Tropicana dell’Avana era al culmine dello splendore, quando l’edificio Capitolio dell’Avana fu costruito a imitazione del Campidoglio di Washington, quando la società del cioccolato statunitense Hershey costruì una ferrovia elettrica per le proprie piantagioni di zucchero e quando L’Avana divenne sinonimo di edonismo e vizio tropicali. Il controllo politico ed economico degli Stati Uniti arrivò assieme a una notevole corruzione. Lo status di protettorato era incompatibile con la democrazia, che mai prima della rivoluzione di Castro nel 1959 si ebbe davvero. Al tempo della rivoluzione cubana vi era la dittatura dell’ex-sergente Fulgencio Batista. Dietro la facciata della dittatura il vero potere a Cuba stava, come sempre, nell’oligarchia delle famiglie benestanti (le cui origini risalgono alla dominazione spagnola), nei militari, nell’ambasciata e negli affaristi degli Stati Uniti, molti dei quali dei ben noti banditi. Le figure chiave tra questi ultimi furono i mafiosi Meyer Lansky e Santos Trafficante, con il primo spesso considerato il vero sovrano di Cuba. L’immediato periodo pre-rivoluzionario a Cuba vide la povertà cronica e l’abbandono della campagna cubana in combinazione con il boom edilizio all’Avana. Il periodo in cui la discoteca Tropicana dell’Avana era al culmine e L’Avana era sinonimo di edonismo tropicale e prostituzione, fu anche un periodo di crescente disuguaglianza e tensioni sociali. In tutta onestà, fu anche un momento di notevole conquista culturale, la comparsa a L’Avana di una classe media consistente e la costruzione del sistema autostradale, unico in quel periodo tra gli altri Stati latino-americani. Tali intensi legami tra Cuba e Stati Uniti spiegano la successiva perenne ostilità. Per i cubani molti problemi sociali divennero spiegabili con la posizione subordinata agli Stati Uniti, per un popolo fiero era umiliante e dannoso. La rivoluzione di Castro fu la dichiarazione d’indipendenza dagli Stati Uniti di Cuba“.
Nello stesso articolo scrissi dei vari tentativi degli Stati Uniti di rovesciare Fidel Castro e come, proprio perché la rivoluzione cubana fu l’effettiva dichiarazione d’indipendenza di Cuba dagli Stati Uniti, si consolidò il sostegno a Fidel Castro e al suo governo rivoluzionario. “Le conseguenze furono cinque decenni di lotta degli Stati Uniti per rimettere Cuba sotto controllo. Ciò comportò il blocco economico e gli incessanti tentativi per destabilizzare e rovesciare il governo cubano. A volte ciò ebbe aspetti farseschi, come il complotto per assassinare Fidel Castro con una conchiglia esplosiva o il tentativo di reclutare artisti hip-hop cubani per rovesciare il governo. Ciò non dovrebbe tuttavia sminuire gli enormi danni materiali e psicologici inflitti a Cuba. La guerra economica e politica degli Stati Uniti contro Cuba fu ampliata da potenti interessi. perpetuandola. I gruppi anti-castristi ebbero il controllo politico della comunità cubana negli Stati Uniti negli anni ’60 e la perpetuazione della guerra non dichiarata degli Stati Uniti contro Cuba ne cementò il controllo sulla comunità e l’influenza politica negli Stati Uniti. Alleatisi a vari gruppi politici ed economici negli Stati Uniti, contrari alla riconciliazione per ragioni ideologiche, economiche o politiche, si formò una potente lobby politica che si oppose a qualsiasi riavvicinamento tra i due Paesi. Tuttavia, il conflitto tra Cuba e Stati Uniti fu anche lo scontro di una forza irresistibile con un ostacolo inamovibile. Proprio perché la rivoluzione cubana dichiarò l’indipendenza dagli Stati Uniti  di Cuba, la pressione politica degli Stati Uniti su Cuba, infine, consolidò il sostegno al governo cubano, piuttosto che indebolirlo“.
Naturalmente è anche vero, come già detto in questo articolo, che Fidel Castro e Cuba non avrebbero potuto vincere senza il supporto cruciale, negli anni ’60 e ’70, dell’URSS. Tuttavia dirlo anche se vero è anche banale, perché la ragione dell’URSS ad impegnarsi a Cuba nel modo che fece, e che non fece per qualsiasi altra rivoluzione nei Caraibi o nell’America Latina, fu proprio dovuto al cambio rivoluzionario globale che Fidel Castro effettuò a Cuba, dimostrando all’URSS che la rivoluzione cubana sarebbe durata, e lo è per davvero. Il genio di Fidel Castro non fu nella capacità di garantirsi l’aiuto sovietico per effettuare il cambiamento rivoluzionario a Cuba, ma che anche nel sapere sfruttare il sostegno dell’URSS per effettuare il cambiamento rivoluzionario in Africa australe. L’importanza del coinvolgimento di Cuba nelle guerre contro il regime dell’apartheid in Angola e Namibia è sempre stato riconosciuto dalla leadership dell’ANC (anche da Nelson Mandela), anche se in occidente viene completamente ignorato e contestato da certuni in Sud Africa. La mia opinione, avendo personalmente discusso la questione con testimoni oculari dei combattimenti in Angola e con protagonisti della lotta anti-apartheid, è che la sua importanza non può essere sopravvalutata, e che la vittoria di Cuba a Cuito Cuanavale nel 1987 fu decisiva, come Fidel Castro, Nelson Mandela e molti altri hanno sempre detto, catalizzando la fine del regime dell’apartheid. E’ chiaro che il regime sarebbe prima o poi caduto, in ogni caso. L’intervento di Cuba e Fidel Castro fu comunque decisivo per la caduta, quando avvenne. Dato che l’ulteriore perpetuarsi dell’apartheid negli anni ’90 sarebbe stato un disastro totale per la popolazione dell’Africa del Sud, qualcosa di cui loro e il resto del mondo devono essere enormemente grati a Fidel Castro. Come Fidel Castro in numerose occasioni ammise, l’intervento di Cuba nelle guerre nell’Africa australe non sarebbe stato possibile senza il supporto dell’URSS. La brillante abilità di Fidel Castro ad averne il sostegno e ad impiegarlo in modo eccezionale fu però decisiva. Dato che l’URSS era una superpotenza, fu l’abilità di Fidel Castro a sfruttarne il sostegno, che per un certo tempo fece di Cuba una grande potenza.
Nel riconoscere le colossali realizzazioni di Fidel Castro, è anche necessario ammettere che la sua rivoluzione ha fatto il suo corso, e da qualche tempo. Anche se la rivoluzione ha trasformato Cuba, in particolare la campagna esaurita, e diede a tutti sistemi sanitari e d’istruzione eccezionali, il grado di controllo politico e sociale che Fidel Castro fu costretto a imporre alla società cubana, per salvaguardarne la rivoluzione, secondo tutti aumenterebbe la frustrazione a Cuba, e come l’incommensurabilmente più istruita, sana e sicura di sé nuova generazione cubana ritenga sempre più, a torto o a ragione, il sistema attuale non dare il massimo per svilupparne le capacità. Nonostante le perenni critiche occidentali sulla situazione dei diritti umani a Cuba, Fidel Castro non impose il terrore noto in altre rivoluzioni, e questo in una regione dove la repressione politica continua ad essere comune e la vita precaria; e la vita della popolazione nella Cuba di Fidel Castro è immensamente più sicura e garantita di quanto non lo sia in alcuno dei Paesi vicini. Tuttavia la grande sfida per Cuba, oggi, è andare avanti nonostante il probabile protrarsi dell’ostilità statunitense, per fare di Cuba una società più libera e meno controllata, più adatta alle attuali esigenze degli abitanti, pur conservando l’indipendenza e le grandi conquiste sociali della rivoluzione di Fidel Castro. Ciò è qualcosa che Cuba quasi certamente può raggiungere ma, come Fidel Castro sapeva, data la vulnerabilità e le risorse limitate di Cuba, può raggiungere solo con l’aiuto estero. I grandi cambiamenti nel sistema internazionale fanno sì che tale aiuto sia presente. Già in risposta alla morte di Fidel Castro vi sono segnali della volontà di fornirlo.
15241168Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora