La Turchia non otterrà tecnologia dall’accordo sugli S-400

Ankara dice che dopo l’accordo avrà ancora bisogno dell’aiuto europeo per costruire missili
Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 14 novembre 2017

La Turchia non ha ottenuto l’accordo che sperava sui sistemi di difesa aerea S-400 della Russia. So ricordi che quando nel 2013 iniziò a cercare un’arma del genere, la Turchia era molto interessata al Patriot statunitense e all’Aster franco-italiano, ma desiderava trasferimenti di tecnologia per creare dei veri lanciamissili. Fu questa insistenza sui trasferimenti di tecnologia che stracciò gli accordi spingendo la Turchia ad annunciare a sorpresa di aver optato per un’azienda cinese, presumibilmente disposta a condividere la tecnologia. Sembra che non fosse proprio così, perché anche quest’accordo abortì nel 2015. Coi rapporti russo-turchi in disgelo dopo il tentato colpo di Stato ad Ankara nel luglio 2016, i turchi rapidamente iniziarono a discutere un accordo per l’acquisto di missili e tecnologia antiaerea russi, anche se avevano teso un’imboscata e abbattuto un aviogetto militare russo sul confine siriano-turco solo un anno prima, nel novembre 2015. Tuttavia, i russi coerentemente affermarono che sarebbero stati felici di vendere i missili, ma il trasferimento di tecnologia non è realistico. Ciononostante, le parti confermassero all’inizio dell’anno che c’era l’accordo per l’esportazione di S-400, non era esattamente chiaro di che tipo fosse. Presumibilmente due delle quattro batterie S-400 verranno assemblate in Turchia, il che poteva significare che l’operazione comporterebbe trasferimento di tecnologia. I turchi hanno ora chiarito che non è così. Il ministro della Difesa turco affermava che l’acquisto dei missili russi S-400 è “completo”, ma che la Turchia discute un “ulteriore” accordo col consorzio italo-francese EUROSAM per aiutarla a sviluppare il proprio sistema di difesa missilistica. Chiaramente, se anche dopo l’accordo con la Russia la Turchia avrà ancora bisogno di trasferimenti tecnologici da Italia e Francia, significa che non otterrà granché o nulla dai russi.
Il mese scorso il portale russo Gazeta.ru affermò che i sistemi S-400 saranno venduti alla Turchia senza codici di controllo, in modo che il software amico-nemico non possa essere modificato dai turchi. Un’altra cosa, avendo ottenuto molto meno di quanto sperato da Mosca, la Turchia chiaramente controlla se i franco-italiani faranno un’offerta migliore. Qualcosa di simile a ciò che i turchi chiesero nel 2013. Se è così, il trasferimento dell’S-400 potrebbe anche non esserci. Nonostante le assicurazioni dei ministri turchi non è assolutamente possibile che ci siano accordi con russi ed europei. Non c’è modo che gli europei, che hanno già rifiutato di trasferire tecnologia prima che Ankara firmasse l’accordo dell’S-400, aiutino la Turchia a sviluppare missili propri dopo il conferimento dei turchi alla Russia di 2,5 miliardi di dollari per la vendita diretta di armi, questo è l’ultima cosa che devono chiedersi. Se ciò dovesse accadere sul serio, si potrebbe parlare di magistrale finta turca usando Mosca per ottenere quelle concessioni dalla NATO che non potevano ottenere prima. Anche i russi non ne saranno troppo preoccupati, visto che i turchi hanno già dato un acconto. D’altra parte, se EUROSAM non rientra resterà il sospetto che i turchi si siano impegnati a un rigido accordo russo sugli S-400 che inizialmente avevano concepito solo come bluff.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Sorprendenti sorprese a Raqqa: i “tesori” presi dall’Esercito arabo siriano

Enqaz Syria, 2 novembre 2017La battaglia più difficile e più importante per Washington è la presenza senza precedenti dell’Esercito arabo siriano e dei suoi alleati per controllare T2, la leva per avanzare verso le città di confine attraverso il Badiyah. Allo stesso tempo, la battaglia per la liberazione di al-Qaim in Iraq è stata lanciata dall’altra parte del confine, dove le forze irachene e i combattenti popolari si preparano ad assaltarla in qualsiasi momento, dopo averne raggiunto la periferia. Su entrambi i lati del confine siriano-iracheno, Washington insegue Damasco e gli alleati nella corsa ad al-Buqmal, mobilitando per la battaglia tutte le capacità logistiche e d’intelligence per impedirne la risoluzione a vantaggio dell’Asse della Resistenza, come rivelava un ex- ufficiale della Marina Militare statunitense, basandosi su rapporti d’intelligence secondo cui il comandante della Forza al-Quds della Guardia rivoluzionaria iraniana, Generale Qasim Sulaymani, aveva preparato una sorpresa “di calibro”. I separatisti curdi Ishiah in Siria ricevevano informazioni su un imminente grande evento militare dopo che gli eserciti siriano ed iracheno, e loro alleati, liberavano al-Buqamal e al-Qaim, collegando i confini siriano e iracheno. L’ex-ufficiale statunitense probabilmente riceveva informazioni da Washington su un piano dell’intelligence concluso a Damasco, alla presenza del Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate iraniane, il Maggior-Generale Mohammad Baqari, atterrato nella capitale siriana due settimane prima alla guida di una delegazione militare iraniana di alto livello, e durante cui completava con l’omologo siriano il piano per liberare al-Buqamal e collegare il confine siriano ed iracheno, dove gli statunitensi hanno mobilitato molte risorse militari dopo aver assicurato il passaggio a un gran numero di combattenti “ospiti”. Un gruppo di combattenti tribali fu diretto ad al-Buqmal per formare una potente forza dotata di sofisticate armi e mezzi di comunicazione statunitensi, sufficiente ad affrontare Esercito arabo siriano ed alleati per rimescolare le carte sul fronte orientale siriano, dove si vincono le battaglie più importanti di tutte. D’altro canto, una fonte vicina alla sala operativa degli alleati dell’Esercito arabo siriano, sottolineava che la mobilitazione statunitense per al-Buqamal per impedire il congiungimento del confine siriano-iracheno, non è paragonabile a ciò che Damasco ed alleati hanno preparato per questa battaglia. Recentemente, Washington ed alleati circondavano del silenzio ufficiale statunitense-“israeliano”:
1 – Il colpo del processo della restaurazione irachena a Qirquq, che ha sorpreso Washington e Tel Aviv; poche ore dopo che il comandante della Forza al-Quds delle Guardie rivoluzionarie iraniane, Generale Qasim Sylaymani, arrivava in Iraq, spazzava via i loro sogni sull’istituzione dello Stato curdo, costringendoli dopo poche settimane ad abbandonare Masud Barzani, dopo che aveva dichiarato che Qirquq era “il santuario del Kurdistan”.
2 – Il lancio dei missili siriani il 16 ottobre contro un velivolo “israeliano” che precipitava sul confine libanese, negato dai media ebraici che parlavano di “difetto tecnico” dovuto a una collisione con un uccello… In particolare l’azione della difesa aerea siriana coincise con la visita del Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu nella Palestina occupata, per portare un importante messaggio russo “a chi vuol sentire”. L’Esercito arabo siriano non si fermava, a questo punto; un altro colpo a statunitensi ed “israeliani” passava col sequestro dell’arsenale, abbandonato dall’organizzazione “SIIL” durante la fuga dei suoi capi e combattenti dalla città di al-Mayadinm quando l’esercito vi entrò, conservato nei depositi e nelle fortificazioni difficili da penetrare e comprendente sistemi di comunicazione e ricognizione statunitensi e “israeliani”, presentato al pubblico come bottino preso dalle forze siriane, un colpo simile a quello inflitto durante la battaglia per la liberazione di Aleppo, quando le unità dell’Esercito arabo siriano sequestrarono grandi quantità di armi statunitensi inviate da Washington ai terroristi “prima” della vittoria, giunte nel momento in cui la città veniva investita da militari ed alleati. Il successo dell’intelligence siriana fu notevole quando arrestò una squadra dell’intelligence inglese in Siria, che negli ultimi anni ebbe il compito di assassinare molti scienziati e militari della Siria, ottenendo, con questo risultato, la liquidazione dell’agente inglese ad al-Raqqa che lavorava con lo SIIL, “Qadis”, nome in codice di Grace Harris, eliminata con una bomba; ma i rapporti occidentali rivelavano che l’Esercito arabo siriano conosceva “decisamente” la realtà dei fatti.
Damasco è consapevole dell’interesse di Washington e dei Paesi della NATO, oltre che d'”Israele”, per una base in questa città, dove si è scoperto che anche Riyadh è entrata per rafforzare l’influenza dei separatisti curdi nella Siria nordorientale, e la visita del ministro saudita Thamir al-Subhan di due settimane fa prova tale sostegno, in coincidenza con la politica d'”integrare gli israeliani” sui curdi in Siria, dopo la disintegrazione del sogno d’istituire uno Stato curdo in Iraq, consentendo a Tel Aviv di lanciare una pipeline per rubare il petrolio siriano dalle aree d’influenza curda e trasferirlo in “Israele” attraverso la Giordania. Sullo sviluppo delle basi militari statunitensi e francesi a Raqqa viene sollevato un grosso interrogativo dalle gravi informazioni che rivelano l’intenzione di disimpegnare la NATO nel breve periodo dalla base turca d’Incirlik. Pertanto, la “stupidità” dei separatisti curdi in Siria, non comprendendo il messaggio del “colpo della restaurazione a Qirquq”, come prima versione per “disciplinare” i loro compari del Kurdistan iracheno, una seconda versione “disciplinare” è pronta e li aspetta. Secondo un esperto militare russo, la battaglia per “eradicare” l’influenza dei separatisti curdi in Siria è inevitabile. Questo si aggiunge alle relazioni confermate dal Centro studi FIRIL secondo cui la prossima battaglia con la milizia Qusd partirà da al-Hasaqah. Tuttavia, le informazioni più importanti sono quelle nominate da una fonte militare russa, secondo cui dopo la fine delle battaglia di al-Buqmal inizierà lo scenario più importante della storia della guerra siriana, comportando, in sostanza, la riapertura delle ambasciate occidentali a Damasco il prossimo anno, incoronata dalla visita senza precedenti di un capo di Stato nella capitale siriana, per incontrare il Presidente Bashar al-Assad.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’esercito iracheno blocca le operazioni statunitensi in Siria

La vittoria significherà che gli Stati Uniti non potranno più passare dall’Iraq alla Siria
Marko Marjanovic Checkpoint Asia 29 ottobre 2017Il mero ritorno dell’Iraq ai confini curdi del 2003 non basta. Comprendendo la debolezza dell’autorità regionale curda divisa, il governo centrale di Baghdad opera per spezzarne completamente il potere. Esercito e milizie irachene avviavano i combattimenti nel nord del Paese per espellere i pishmirga dalla zona strategica del triplice confine tra Siria, Turchia e Iraq, che i curdi controllavano almeno dalla guerra del Golfo del 1990-91. Secondo il Washington Post: “Le forze irachene sostenute dalle milizie filo-iraniane hanno iniziato l’assalto per recuperare altro territorio curdo all’Iraq, avanzando verso un valico nella regione del confine occidentale del Paese che permette l’unico accesso ai militari statunitensi nel nord della Siria”. Uno scontro prolungato alle frontiere potrebbe rovinare seriamente l’attività militare statunitense nella vicina Siria. Dopo un breve ma intenso scontro, il Primo ministro iracheno dichiarava la sospensione di 24 ore dei combattimenti. La fine del cessate il fuoco doveva servire anche da termine entro cui i pishmirga si ritirassero dal valico di frontiera con la Turchia, nella città assira di Faysh Qabur. La scadenza è ormai passata, ma è ignoto se l’offensiva sia ripresa (numerose forze irachene sono ancora impegnate nella grande offensiva contro lo SIIL più a sud).
Se l’Iraq, dopo un quarto di secolo di assenza, riprende il controllo di questa parte fondamentale di territorio, vorrà dire che:
– Bagdad controllerà il confine con la Turchia, il che significa che il petrolio potrà essere esportato e l’oleodotto attivato senza che i curdi avranno parola o tangente.
– Il Kurdistan iracheno sarà isolato dalla Siria settentrionale occupata dai curdi, il che significa che non potranno comunicare facilmente.
– Infine, come nota il Washington Post, significherà che le forze statunitensi non potranno più trasferire mezzi dall’Iraq curdo alla Siria. Tali trasferimenti dovranno essere approvati da Baghdad. Visto che le simpatie dell’Iraq in Siria vanno al governo di Bashar al-Assad, non è chiaro se il via libero sarà dato facilmente o a buon mercato.
L’unica via rimanente agli Stati Uniti per la Siria settentrionale è la Turchia, ma Ankara è altrettanto profondamente frustrata dalle attività statunitensi, vedendone il sostegno ai curdi siriani ispirati dal PKK. Gli Stati Uniti affrontano la prospettiva di avere due potenze regionali ostili al loro piano siriano, e sono le porte di accesso per la Siria. Non c’è da meravigliarsi che gli Stati Uniti chiedano calma e soluzione senza combattere, cioè che l’Iraq non approfitti del proprio vantaggio. Sebbene pubblicamente criticassero il referendum per l’indipendenza curda (per non perdere tutta l’influenza su Baghdad e Ankara) l’ultima cosa che gli Stati Uniti vogliono è che il governo regionale curdo, molto più filo-occidentale di quello dell’Iraq, non sia piegato. In realtà il Pentagono già si lamenta dell’offensiva irachena che gli ha reso la vita più difficile in Siria: “Il colonnello Ryan Dillon, portavoce della coalizione internazionale statunitense contro lo Stato islamico, ha dichiarato che i combattimenti hanno ostacolato gli sforzi per sconfiggere il gruppo, citando l’incapacità di spostare mezzi e rifornimenti militari alle forze alleate in Iraq e Siria. Dillon ha dichiarato che la maggior parte dei voli che trasportano rifornimenti umanitari in Siria non è stata interrotta, ma il trasporto di equipaggiamenti militari pesanti non può avvenire per via aerea”.
Se i combattimenti riprenderanno gli Stati Uniti accuseranno sicuramente il ruolo delle milizie popolari sostenute dall’Iran, ma va ricordato che queste milizie sono formalmente parte delle Forze Armate irachene (pagate dal governo), e che in realtà lo sforzo è guidato dall’Esercito regolare iracheno agli ordini del Premier Abadi, come ammette perfino il Washington Post. Almeno una voce dei media mainstream, Tom Rogan dell’Examiner di Washington, già chiede agli Stati Uniti di entrare nel conflitto e bombardare gli iracheni: “Questa vittoria non solo impedirà ai curdi di trasferire personale e rifornimenti, ma sottoporrà gli Stati Uniti alle stesse restrizioni. L’Iran potrà quindi ottenere concessioni politiche in cambio del permesso di attraversare le frontiere… Al contrario, questa è solo l’ultima tappa dello sforzo russo, iraniano e turco per realizzare una nuova realtà politica in Iraq e Siria… In primo luogo, il presidente Trump deve cercare di persuadere il primo ministro dell’Iraq a sospendere qualsiasi coinvolgimento della forza federale nell’offensiva su Faysh Qabur… Tuttavia, gli Stati Uniti dovrebbero prepararsi ad usare la forza per assicurarsi che i restanti valichi di frontiera occupati dai curdi non cadano. Le PMF sanno della loro vulnerabilità alla potenza aerea statunitense e probabilmente saranno dissuase dall’avanzare a nord. Altrimenti, gli Stati Uniti devono essere pronti a bombardarle per respingerle”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Il tentativo degli USA di dividere Iraq e Iran fallisce

MK Bhadrakumar, Indian Punchline, 26 ottobre 2017Il piano statunitense per creare una frattura tra Iraq e Iran falliva solo un paio di giorni il lancio da Riyadh, il 22 ottobre, da parte del segretario di Stato USA Rex Tillerson. Washington ha cercato di rilanciare l’Arabia Saudita in contrappeso all’Iran nel teatro iracheno, basandosi sulla presunzione che l’accordo di Riyad per concedere finanziamenti per la “ricostruzione” dell’Iraq post-SIIL fosse irresistibile per Baghdad. Washington immaginava che il Primo ministro iracheno Haydar al-Abadi cercasse di respingere Teheran, poiché la dipendenza dal sostegno militare iraniano ne sminuisce la vittoria sullo SIIL. Tillerson si recava Riyad nel fine settimana per presenziare quale ospite speciale alla riunione inaugurale del cosiddetto Consiglio di coordinamento Arabia Saudita-Iraq. Le cose sembravano andare bene e le osservazioni di Tillerson sui media erano ottimistiche. In una conferenza stampa a Riyadh affermò che la larghezza saudita “rafforzerà l’Iraq come Paese indipendente e integro… (e) questo sarà contrario alle influenze improduttive dell’Iran in Iraq“. Tillerson poi giunse al punto: “Certamente, le milizie iraniane in Iraq, ora che i combattimenti contro lo SIIL vanno concludendosi, devono tornare a casa. Ogni combattente straniero in Iraq deve tornare a casa e permettere al popolo iracheno di controllare le aree occupate dallo SIIL e liberate, consentendogli di ricostruire la propria vita con l’aiuto dei vicini. E ritengo che questo accordo tra Regno dell’Arabia Saudita e Iraq sia cruciale per aiutare il popolo iracheno”. Il riferimento era ai gruppi sciiti finanziati, addestrati e guidati dal Corpo della Guardia Rivoluzionaria iraniana e che hanno sopportato il peso della lotta contro lo SIIL negli ultimi anni. Washington è particolarmente ossessionata dal ruolo dei gruppi paramilitari sciiti che hanno liberato recentemente Qirquq dai pishmirga curdi alleati degli Stati Uniti. (Vedasi La campane di Qirquq suonano anche per la strategia degli Stati Uniti in Siria). Evidentemente, Tillerson è andato oltre. Il punto è che questi gruppi sciiti, conosciuti collettivamente come Forze di mobilitazione popolare, con decine di migliaia di effettivi, faranno probabilmente parte delle Forze Armate irachene. L’ufficio di Abadi a Baghdad ha subito rimproverato che, “Nessuno ha il diritto d’interferire nelle questioni irachene“, e definiva i paramilitari sciiti “patrioti”. Il giorno dopo, quando Tillerson si presentò a Baghdad per incontrare Abadi, questi fu abbastanza esplicito dichiarando che le Forze di mobilitazione popolare sono “parte delle istituzioni irachene” e sono “la speranza del Paese e della regione“. (Reuters) Poi, in un’intervista alla stampa statunitense, Abadi ribadiva: “Vorremmo lavorare con gli Stati Uniti… Ma per favore non portate i vostri problemi in Iraq. Potete farlo altrove“. Abadi quindi suggeriva il ritiro degli Stati Uniti dall’Iraq, affermando che il potere aereo statunitense non è più necessario e il requisito iracheno sarà d’ora in poi la condivisione delle informazioni e l’addestramento delle forze irachene. Per come le cose vanno tra Washington e Teheran, la presenza militare statunitense in Iraq diverrebbe un problema nel prossimo futuro. Nel frattempo, dopo aver usato il referendum sull’indipendenza solo per perdere Qirquq, il capo curdo-iracheno Masud Barzani decideva il cessate il fuoco e i colloqui con Baghdad. Gli Stati Uniti invitavano Abadi a rispondere all’offerta di Barzani e ad impegnarsi in colloqui. L’amministrazione Trump assicurava il sostegno forte del Congresso alle richieste ad Abadi. Segnalandone la serietà al presidente della Camera Paul Ryan, al presidente del Comitato sull’Intelligence Devin Nunes, al presidente del Comitato per gli affari esteri Ed Royce, e al presidente del Comitato per le forze armate Mac Thornberry, che stilavano una dichiarazione per far pressione su Baghdad: “Gli scontri tra le forze governative irachene e del governo regionale del Kurdistan minano i progressi della lotta contro lo SIIL e minacciano d’immergere l’Iraq in nuove violenze settarie. Lo spargimento di sangue deve finire immediatamente. Noi sosteniamo un Iraq unito sotto il governo federale di Baghdad e sosteniamo il governo regionale del Kurdistan. A tal fine salutiamo le dichiarazioni dei curdi che s’offrono di sospendere i risultati del referendum in cambio del cessate il fuoco e di negoziati col governo centrale. Baghdad dovrebbe accettare questa offerta e discutere seriamente delle preoccupazioni curde riguardo autonomia, quota del bilancio nazionale e ricavi petroliferi. Nel frattempo, è fondamentale che il governo iracheno consideri la preoccupazione del segretario Tillerson su ruolo e attività delle milizie sciite sostenute dall’Iran. Siamo molto preoccupati dal coinvolgimento iraniano nelle recenti operazioni. Queste forze sono state responsabili di orribili abusi, tra cui la morte di statunitensi. Non hanno posto in un Iraq pacifico, unito e stabile”.
Ma Abadi rispondeva visitando Ankara per consultare il presidente Recep Erdogan (Rudaw). Le ultime notizie suggeriscono che le forze irachene col sostegno delle forze sciite potrebbero isolare i curdi iracheni. Baghdad vuole sfruttare il vantaggio sui curdi divisi tra PUK (guidato dai Talabani) incline a collaborare con Baghdad e Teheran, isolando così Barzani che si riduce sempre più a fantoccio d’Israele e USA. Sputnik riferiva “notizie straordinarie” sulle truppe irachene e le milizie sciite che impiegavano armi pesanti contro le posizioni dei pishmirga vicino Zumar, bombardandole. (Sputnik) Se nei prossimi giorni si avranno scontri, gli Stati Uniti saranno messi in un angolo, a meno che non rompano con Baghdad. Il problema statunitense è, in sostanza, che le loro intenzioni sono sospette presso le capitali che affrontano la questione curda, Ankara, Baghdad, Teheran. Nell’ultimo incontro con l’ambasciatore statunitense Douglas Sliman, il Vicepresidente iracheno Nuri al-Maliqi dichiarava con brutale franchezza, “Non permetteremo la creazione di un secondo Israele nell’Iraq settentrionale“.
Gli eventi della scorsa settimana sottolineano tre cose. Uno, gli Stati Uniti non intendono finirla con la loro presenza militare in Iraq (e Siria), anche se il pretesto della guerra allo SIIL non è più presente. Due, gli Stati Uniti vogliono fare dell’Iraq l’arena del confronto con l’Iran. Il controllo statunitense sull’Iraq permetterebbe di fare pressione sull’Iran da diverse direzioni, interferendo con le rotte iraniane di approvvigionamento per la Siria e il Libano; rientrare in gioco sulla sistemazione siriana; interferire sulla crescente produzione di petrolio in Iraq e attuare operazioni segrete per destabilizzare il regime iraniano. Infatti, con la presenza militare statunitense in Afghanistan, l’intenzione è quella di schiacciarlo con un Paese confinante ad occidente sotto tutela statunitense. Tre, fondamentalmente appare evidente che l’alleanza statunitense-saudita nella politica regionale è molto viva e scalcia, e qualsiasi indicazione contraria è esagerata. Il ritorno degli USA sulla scena dell’Iraq per sfidarne l’influenza regionale ravviverebbe l’alleanza con l’Arabia Saudita. È interessante notare che il giornale di regime saudita Asharq al-Awsat riferiva che il Pentagono pensa di aumentare la presenza in Medio Oriente proprio per contrastare l’Iran. Il rapporto citava il generale Joseph Votel, comandante del Comando centrale statunitense, affermare: “Gli Stati Uniti vogliono aiutare i Paesi arabi ad affrontare le minacce iraniane. Il Pentagono lavora per adempiere a questo desiderio e a garantirne l’efficace attuazione. Ciò include la creazione di battaglioni statunitensi per missioni regionali progettate appositamente per fornire consulenza e assistenza”.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Prima e dopo Qirquq: l’Iraq non sarà diviso

Elijah Magnier, al-RaiIl piano per dividere l’Iraq è stato affrontato con la decisione del Primo ministro iracheno Haydar Abadi d’inviare l’esercito e le forze di sicurezza a recuperare tutti i territori iracheni controllati dai curdi di Masud Barzani. Il capo curdo cavalcava la divisione irachena (difatti, su un cavallo zoppo) per creare uno Stato curdo nel settentrione del Paese. Dopo il fallimento del piano di Barzani d’approfittare della lotta contro lo SIIL e dichiarare il suo “Stato”, ogni Paese del Medio Oriente l’abbandona perché alcuno ama essere associato al fallimento. Barzani aveva inviato suoi emissari (ne ho incontrati personalmente alcuni) in tutto il mondo, tornando con risultati apparentemente promettenti: “oltre 80 Paesi hanno promesso di riconoscere il nuovo Stato del Kurdistan“. Queste promesse si sono rivelate false (“nessun amico se non le montagne”), altre alleanze politiche (esistenti) si sono rivelate più forti e Barzani è rimasto solo con le sue promesse vuote e i suoi consigli infidi. I Paesi nella regione, Francia, Arabia Saudita ed Emirati per cominciare, ora instaurano un rapporto chiaro e inequivocabile col governo di Baghdad. Abadi, dopo l’autorizzazione del parlamento, ha usato il pugno di ferro per frantumare il piano di divisione, non solo dell’Iraq ma dell’intera regione, che doveva essere scatenato dai curdi in Iraq e in Siria attraverso il tentato cambio di regime nel Levante. In meno di 48 ore le forze irachene, con tutti i loro servizi (esercito, unità di mobilitazione popolare, antiterrorismo e polizia federale), imponevano il controllo su Qirquq, Qanaqin (Diyala), Bashiqa, Maqmur (Niniwa) fino ai confini con la Siria. Tutti i territori posti sotto il controllo di Baghdad dall’amministratore statunitense di Paul Bremer nel 2003-2004 (coi limiti sul Kurdistan) sono stati recuperati. Abadi ha costretto i pishmirga a tornare nelle aree che controllavano nel 2003, dopo aver approfittato dell’occupazione dello Stato islamico (SIIL) di grandi territori nel nord dell’Iraq nel 2014. Più importante, il governo di Baghdad inizia il recupero del territorio (dopo il referendum del Kurdistan) della provincia di Qirquq, che produce oltre il 65% del petrolio dell’Iraq settentrionale (circa 500000 bpd), circa il 40% della produzione totale nazionale di petrolio. Qirquq comprende i campi petroliferi di Tuqi, Pishqabir, Atrush, Shayqan, TaqTaq, Qurmala, Bab Jambur, Bab Hasan: tutti recuperati e ora sotto il controllo del governo centrale di Baghdad. Così, liberando Qirquq (e i suoi campi petroliferi), Abadi fermava l’ascesa dello “Stato del Kurdistan”, che non può esistere con il rimanente petrolio e il sostanziale sostegno finanziario di Baghdad per pagare gli stipendi dell’esercito (pishmirga) e dei funzionari, e questo fin quando Irbil consegnerà la produzione totale di petrolio, in cambio del 17% delle entrate dovute al Kurdistan. Masud Barzani dovrà ritirarsi dalla scena politica perché non sarà disposto a chiedere il ritorno del vecchio rapporto col governo di Baghdad e ad obbedire al Primo ministro, sarebbe troppo umiliante.
Bafil Talabani, figlio dell’ex-presidente iracheno Jalal Talabani, dichiarava che l’esercito curdo nelle regioni orientali di Qanaqin-Sulaymaniyah è sotto il comando del comandante in capo delle Forze Armate, Primo ministro Haydar al-Abadi, distanziandosi così da Irbil, isolando ulteriormente il capo curdo Masud Barzani: in realtà il grande perdente oggi in Iraq. La prima ad abbandonare Barzani è stata la Turchia che annunciava la chiusura del confine (dopo giorni di esitazione in attesa dei risultati concreti del rifiuto di Masud di attenersi alla costituzione e alle direttive di Baghdad) col Kurdistan, e consegnava il valico di frontiera principale tra i due Paesi al governo centrale di Baghdad e alle sue forze. Il re dell’Arabia Saudita Salman subito contattava direttamente, offrendo le sue congratulazioni, Abadi e condannava la ribellione di Barzani. Con il crollo del piano di Barzani, gli Stati Uniti avevano ancor meno speranze di spingere i curdi siriani verso l’indipendenza da Damasco. Baghdad ha ripreso il controllo dei valichi tra Iraq e Siria di Sinjar-Rabiyah. Due ulteriori valichi non sono controllati da Baghdad: Tanaf, temporaneamente sotto il controllo statunitense, e Qaim, occupato dallo SIIL. Ciò significa che alcun sostegno, uscita od ingresso è legalmente disponibile ai curdi siriani. La nuova situazione bloccherà lo spazio aereo su al-Hasaqa, circondata dalla Turchia ad ovest, dalle forze di Damasco a sud e dalle forze irachene ad est. L’accordo di Sykes-Picot, che divise il Levante dopo la Prima guerra mondiale, è stato ripreso dopo che analisti e diplomatici pretesero la ridefinizione dei confini del Medio Oriente, in particolare Iraq e Siria, creando i nuovi Stati chiamati Kurdistan (Iraq e Siria), Sunnistan (dai sunniti di Anbar in Iraq, e Idlib in Siria) e Sciistan nel sud dell’Iraq. La Turchia ha cominciato a rivedere la politica verso l’Iraq e cercherà certamente di trovare un terreno comune con Baghdad affinché ritiri le proprie truppe da Bashiqa e altre aree, ora che Abadi ha mostrato i denti contro la decisione di Irbil e disponibilità a combattere contro chi vuole dividere l’Iraq (e senza badare ai costi). L’attraente rapporto commerciale, al centro dell’attenzione del presidente Recep Tayyip Erdogan, prevarrà e incoraggerà Iraq e Turchia a ristabilire relazioni di buon vicinato (le relazioni turco-siriane certamente seguiranno dopo la fine della guerra in Siria). Gli Stati Uniti saranno costretti a riconsiderare la loro presenza nel nord-est della Siria, perché diventata inutile. Le forze statunitensi sono stanziate ad al-Tanaf senza alcuna finalità strategica e ad Hasaqa/Raqqah coi curdi, mentre lo SIIL è stato sconfitto nella propria capitale. Infatti, è probabilmente più facile per i propri agenti, i curdi siriani, lasciare in tempo tale alleanza, prima che gli stessi Stati Uniti li abbandonino. Gli interessi curdi non sono a Washington ma a Damasco, pronta a ristabilire un dialogo costruttivo se smettono di farsi sedurre dai temporanei interessi statunitensi nel Levante. Infine, Haydar al-Abadi si è dato la forza politica che aveva perso negli ultimi anni. Sì, l’Iran ha svolto un ruolo chiave avvertendo Masud Barzani, il giorno prima dell’inizio dell’operazione irachena per recuperare tutti i territori dai pishmerga: il comandante della Guardia rivoluzionaria iraniana Qasim Sulaymani avvisò Barzani della gravità della situazione (invano). Ha spinto l’alleato Talabani ad abbandonare Barzani e a sostenere Abadi contrastando i “piani di divisione” del Kurdistan. Ma la decisione di agire era di Abadi, rendendo un servizio enorme alla Siria e al suo Paese. Abadi si è assicurato la preminenza nell’arena politica irachena e per le prossime elezioni un secondo mandato da primo ministro. Sarà assai difficile fargli concorrenza, avendo distrutto lo SIIL, ma soprattutto essendo l'”eroe” che ha sventato il più peggiore pericolo: la divisione dell’Iraq… e della Siria.Traduzione di Alessandro Lattanzio