Il “Lago della Russia”: La flotta del Mar Nero contro la nuova coalizione ucraino-turca

Svjatoslav Knjazev, PolitRussia 19 maggio 2016 – Fort Russ

ukraina-s-turtsiey-611-4567577Il 17 maggio 2016 le agenzie stampa hanno riportato la notizia molto interessante che Kiev e Ankara sono diventati ufficialmente dei partner militari. Il piano di attuazione della cooperazione militare è stato firmato delle Forze Armate di Turchia e Ucraina, definendo direzione e portata della cooperazione fino al 2020. Il documento si occupa di problemi generali e questioni piuttosto specifiche in materia di pianificazione, consulenza e assistenza nella difesa e cooperazione tra le forze armate in settori generali e particolari. Kiev ha sottolineato che la cooperazione con i militari turchi è un passo verso l'”integrazione nella NATO”. Gli esperti dicono che non è tanto l’Ucraina a prepararsi ad aderire all’alleanza, ma della “supervisione” della NATO sulle forze armate dell’Ucraina attraverso i militari turchi. Nei prossimi mesi, oltre alle tradizionali esercitazioni “Sea Breeze” nel formato “Ucraina-NATO” (che si terranno nelle regioni di Odessa e Nikolaev), le manovre navali ucraino-turche saranno organizzate nel Mar Nero, dopo di che si prevede passino ai pattugliamenti congiunti lungo le coste. Per quanto si sa, potrebbe essere la prova generale delle attività di una futura flotta della NATO del Mar Nero, la cui creazione sarà discussa l’8-9 luglio al vertice dell’Alleanza a Varsavia. Gli Stati membri della NATO sul Mar Nero e i partner ucraini e georgiani sostengono l’idea. Dopo l’approvazione formale di tale progetto, navi e aerei delle marine statunitense, tedesca, italiana e turca vi si uniranno assieme alla partecipazione di Ucraina e Georgia. Tutto questo, per usare un eufemismo, disturba i confini della Russia. Se un esame viene condotto su chi ha già aderito all'”Alleanza Marittima”, dal carattere chiaramente anti-russo. dal punto di vista degli armamenti l’unica minaccia per la Russia sono le forze turche.

Ucraina: una fregata e molta spazzatura
Le forze navali ucraine sono costituite formalmente da 17 navi da combattimento ma, a giudicare dalla stampa, solo la fregata Hetman Sadajdachnij e alcune imbarcazioni sono operative. L’aviazione navale dell’Ucraina è essenzialmente un trucco, formata da alcuni aerei ed elicotteri obsoleti basati nel villaggio di Chornobaevka, presso Kherson. La guardia costiera ucraina esiste sulla carta. L’unica vera forza della marina ucraina sono i marines e le forze speciali. C’è una brigata di marines a Nikolaev che in realtà opera a Marjupol, e c’è il 73.mo centro per le operazioni speciali della marina ucraina (ad Ochakov) e l’801.mo distaccamento per la lotta ai sabotatori subacquei (a Nikolaev). L’Ucraina ha una base navale a Odessa e due punti di ancoraggio a Nikolaev e Ochakov. Ma anche se esistente, la modesta flotta non può davvero fare molto. Tutti i punti nelle acque di Odessa sono occupati da progetti commerciali, mentre Nikolaev e Ochakov sono sulla foce del Dnepr, dove è lungo e difficile per le navi attraccare e dove, del resto se lo si desidera, potrebbero essere facilmente bloccate. In teoria, vi è una base per le costruzioni navali militari a Nikolaev, dove c’era il più grande complesso cantieristico nell’ex-Unione Sovietica che, di fatto, era l’unico in grado di produrre portaerei. Vi sono due imprese di costruzioni navali a Kherson e Kiev, ma per 25 anni sono state saccheggiate e nessun nuovo quadro vi è stato preparato, mentre i vecchi sono emigrati. La leadership della Marina ucraina, però, vuole rilanciare le costruzioni navali ucraine e attivare 66 navi prima del 2020, ma è una fantasia che non ha nulla a che fare con la realtà. Per realizzare tali ambizioni, è necessario più denaro di quanto ne esista nel bilancio dello Stato ucraino.

Turchia: una potente ma dispersa marina
Tutto si complica nel caso della Turchia. La Turchia vanta 16 fregate, 8 corvette e 14 sottomarini più un Corpo dei marines ed incursori. Tale forza è una delizia per i nemici della Russia, ma qui vanno notati alcuni punti importanti. In primo luogo, confrontare la flotta della Turchia con la Flotta del Mar Nero della Federazione Russa è sbagliato. La marina turca è divisa in zone navali a nord e a sud: Mar Nero e Mediterraneo. Gran parte delle basi della marina turca si trova lontano dal Mar Nero e sono molto trascurate da Ankara. Le cattive relazioni tra Turchia e Grecia, Cipro, Egitto e Siria, i flussi dei migranti, e le navi russe nel Mar Mediterraneo non portano da nessuna parte. Ankara, quindi, non può permettersi di rafforzarsi radicalmente sul Mar Nero. In secondo luogo, la Turchia non ha nulla di paragonabile all’incrociatore missilistico russo Moskva. In terzo luogo, l’aviazione navale di Ankara è solo embrionale mentre l’aeronautica è notevolmente più debole di quella della Federazione Russa. Eppure l’alleanza ucraino-turca può abbastanza mettere in difficoltà la Russia. Kiev può condividere posizioni e infrastrutture con i nuovi alleati e le flotte della NATO. In particolare, per compiacere i padroni e infastidire la Russia, Kiev potrebbe inviare navi civili da Odessa per fornire la copertura dei sistemi radar e missilistici nelle immediate vicinanze di Crimea, a sud di Kherson e sull’isola Zmejnij. La Russia avrebbe poco da gioirne.

Crimea: una fortezza inespugnabile
In considerazione delle potenziali minacce esistenti ed emergenti, la Russia ora rafforza rapidamente le difese della penisola di Crimea. Nel 2015, la Flotta del Mar Nero ha aggiunto circa 200 unità militari, tra cui 40 navi, 30 velivoli (multiruolo SU-30SM), e in Crimea sono stati assegnati più di 100 blindati moderni. Delle navi che meritano particolare attenzione, vi sono i 3 più recenti sottomarini diesel-elettrici Proekt 636 Varshavjanka e due navi armate di missili da crociera Kalibr. Tali armi sono solide e in un prossimo futuro proseguirà il potenziamento della Flotta del Mar Nero. Inoltre, la Crimea non è solo difesa dalla Marina. La 27.m Divisione aerea combinata viene schierata sulla penisola dispiegando lo squadrone della Guardia dei bombardieri a lungo raggio Tu-22M3 e vi è la prospettiva dell’espansione del gruppo a reggimento. A Dzhankoe si trova un battaglione aerotrasportato che dovrebbe essere convertito in reggimento. Nei pressi di Sebastopoli, la stazione del sistema di allarme antimissile è stata ripristinata dopo essere stata consegnata all’Ucraina nel 1991 e abbandonata negli ultimi 10 anni. La stazione ha solo bisogno di un radar centimetrico per integrare la stazione in Armavir che opera su frequenze ultra-alte. Il complesso di Sebastopoli potrà tracciare i missili da crociera lanciati dai nostri “partner”. Inoltre, le coste sono difese in modo sicuro dal sistema missilistico Bastion che può distruggere qualsiasi nave nemica sul Mar Nero in 10-15 minuti. Per questi motivi Erdogan chiama il Mar Nero “lago russo”. E’ già chiaro che, nonostante i mantra dei liberali filo-occidentali, della serena Ucraina e della tranquilla Turchia, nessuno ci lascerà in pace. Affinché i cittadini russi siano al sicuro, il buon vecchio principio del “si vis pacem, para bellum” (Se amate la pace, preparatevi alla guerra) va messo in pratica. Questo è ciò che viene fatto e proprio in Crimea in particolare.187996733Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

“Dobbiamo minacciare seriamente gli Stati Uniti”

Leonid Ivashov, Pravda, 20 maggio 2016 – Fort Russ

278ZN76d7z01YJF7MS9sAWevuNegli ultimi anni, la situazione geopolitica e l’equilibrio strategico-militare nel mondo è sempre più preoccupante. Assomiglia sempre più alla situazione del 1939. C’è l’odore nell’aria di una grande guerra. Negli anni ’90, molti rappresentanti dei circoli dominanti russi ebbero l’impressione che il confronto con l’occidente fosse finalmente finito. Si parlava anche di adesione della Russia alla NATO, “fine della storia” e così via. Tuttavia, ciò durò finché le élite d’oltreoceano ritennero che i processi distruttivi generati dal crollo dell’Unione Sovietica sarebbero divenuti irreversibili per la Russia. Non si dimentichi che la politica per distruggere la Russia continuava, ma velata dalla dolce voce su amicizia e cooperazione. Il discorso a Monaco di Baviera di Vladimir Putin, nel 2007, fu il primo segnale che in occidente sfatava l’illusione di una Russia debole, illusione generata dall’inerzia del 1991. Il conflitto in Ossezia del Sud, l’anno dopo, fu uno shock, dopo di che le potenze occidentali presero il confronto militare “in modo serio”. Oggi vediamo come sia disturbata la parità delle forze in Europa in connessione all’impiego dei sistemi di difesa missilistica in Romania e Polonia: in pochi anni la Russia non potrà lanciare un attacco nucleare di rappresaglia. Quale dovrebbe essere la risposta asimmetrica della Russia alle nuove minacce e sfide moderne? Il presidente del Centro Internazionale di Analisi Geopolitiche, dottore in scienze storiche, Colonnello -Generale ed ex-presidente dell’Unione del Popolo Russo Leonid Ivashov, ha parlato con Pravda di questi temi.
“Dovete capire la situazione in Europa, militarmente colonizzata dagli statunitensi che hanno imposto regimi filo-USA nei Paesi dell’Europa occidentale e completamente soggiogato l’Europa orientale. E qui, con una base in Europa orientale, si fa pressione su Germania, Francia e in misura minore Regno Unito. Dall’altro lato i turchi lavorano ai fianchi l’Europa ma, di concerto con gli statunitensi, hanno avviato il processo dei migranti musulmani, e così l’Europa di oggi è vittima della politica di Stati Uniti, multinazionali, Rothschild e Rockefeller. Questo è ciò che accade oggi in Europa, che ha bisogno di uno spauracchio. E questo è la Russia. E inoltre mentono così spudoratamente, senza prestare la minima attenzione all’equilibrio di potere. Come potrebbe un Paese minacciare la NATO, che ha più volte meno capacità militari? Soprattutto nel senso strategico occidentale. E per dimensione della difesa e composizione del materiale militare, siamo tre o quattro volte svantaggiati, così come negli equipaggiamenti militari complessivi. Pertanto, possiamo solo essere sulla difensiva, difenderci in qualche modo, ma riguardo i gruppi offensivi, non abbiamo praticamente nulla. Tutto il resto è solo disinformazione e propaganda. I nostri tentativi di creare qualcosa di simile al Patto di Varsavia non hanno mai funzionato. Non abbiamo Paesi dell’Europa orientale pronti a stringere una cooperazione militare e tecnico-militare. Gli statunitensi li tengono per la gola. Ma non abbiamo bisogno di alleati come Polonia, Stati baltici e Romania. E’ meglio averli nemici. Che dobbiamo fare in questo campo?
“Primo: rafforzare il nostro potere militare, per portarlo al livello richiesto per la difesa.
Secondo: rafforzare l’amicizia con la Bielorussia e, naturalmente, creare un unico spazio di difesa con essa. Inoltre, ci dev’essere lavoro politico e diplomatico necessario per dire agli europei cosa li aspetta. Non abbiamo intenzione di liberarli dall’occupazione e alcun appoggio militare, non dai migranti, né dagli Stati Uniti o dai turchi, dovranno aspettarsi. E, naturalmente, lavorare attivamente con i serbi, continuare a lavorare con i bulgari. Nei Balcani dobbiamo lavorare attivamente con mezzi politici, diplomatici ed economici.
Terzo: è necessario capire che sono gli statunitensi responsabili dell’intera isteria anti-russa e del potenziamento della NATO. Quindi dobbiamo creare un gruppo militare capace di operare sul territorio degli Stati Uniti. Gli Stati sviluppano attivamente il sistema di difesa missilistico per neutralizzare i nostri missili balistici intercontinentali. Quindi è necessario creare una serie di mezzi di alta precisione. Missili da crociera stanziati vicino gli Stati Uniti. Così sarà possibile neutralizzarne la difesa missilistica. Dobbiamo porre una seria minaccia agli Stati Uniti, fondamenta di tali piani. Quando gli statunitensi si sentiranno minacciati, come nel 1962, allora inviteranno al tavolo dei negoziati e cominceranno a negoziare”.maxresdefaultTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

T-14 Armata: salto generazionale nella guerra dei corazzati

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 04/05/201613047779Il nuovo carro armato principale (MBT) della Russia T-14 Armata fece la prima apparizione un anno fa, durante la Parata del Giorno della Vittoria del maggio 2015. A differenza di oggi, il mezzo era solo un prototipo segreto. E’ noto da poco che Uralvagonzavod fornirà il primo lotto di 100 carri armati operativi T-14 Armata alle forze di terra russe tra il 2017 e il 2018. L’esercito russo prevede di acquisire 2300 T-14 prima del 2020. Sergej Chemezov, amministratore delegato della società statale Rostec, ha detto a Wall Street Journal che il carro armato è in produzione di serie. Il mezzo dovrebbe apparire alla Parata del Giorno della Vittoria del 2016 a Mosca. Il nuovo carro armato pesa 48 tonnellate e può raggiungere una velocità di oltre 90 km/h. La stampa 3D è stata utilizzata dal 2015 per la produzione dei prototipi, una rivoluzione tecnologica!
Attualmente il carro armato è dotato del cannone standard da 125mm in grado di sparare diversi tipi di munizioni. La torretta è automatizzata e priva di condotto d’espulsione. Il ritmo di tiro è di 10-12 colpi al minuto. La gittata massima con effettiva penetrazione è 8 km. Il raggio di rilevamento dei sensori ottici del serbatoio è oltre 5 km per obiettivi dalle dimensioni di un carro armato di giorno e di almeno 3,5 km di notte con i visori termici. Il telemetro laser ha una portata massima teorica di 7,5 km. Questi sistemi sono duplicati; inoltre vi è un terzo sistema che può sparare in movimento. Il veicolo può essere facilmente dotato di un molto più potente cannone da 152 mm in futuro. L’armamento secondario è composto da una mitragliatrice da 12,7 mm KORD (GRAU 6P49) con 300 colpi e una mitragliatrice da 7,62,mm PKTM (6P7K) con 1000 colpi. Tutte le armi sono telecomandate. Inoltre, altri 1000 colpi possono essere immagazzinati. Una mitragliatrice da 12,7mm è installata sul visore della torretta del comandante, evitando ostacoli visivi, mentre la parte anteriore della torretta ha una feritoia presumibilmente destinata alla mitragliatrice coassiale da 7,62 mm. Un sistema di controllo digitale dirige il movimento del carro armato, insegue gli obiettivi e attiva i sistemi di difesa, permettendo all’equipaggio di concentrarsi sul combattimento. Il carro armato è dotato di GLONASS e GPS NAVSTAR. “Armata è di gran lunga migliore dei migliori analoghi stranieri nei sistemi di protezione integrati”, osserva l’esperto della controllata Impianto Trattori. “Alcuno all’estero incorpora le principali protezioni a strati. La Russia sì”, ha detto Mikhail Alekseev, direttore della ricerca e capo progettista dell’Istituto di Ricerca sull’Acciaio. Un’altra caratteristica specifica è il sistema di protezione attiva (APS) Afghanit. Il sistema include un radar millimetrico per rilevare, monitorare, intercettare e interrompere il sistema di guida delle munizioni anticarro, con penetratori cinetici o doppia carica. Il veicolo è inoltre dotato di una suite di contromisure per disturbare i sistemi di guida laser nemici. E’ possibile utilizzare dei proiettili intercettori per l’APS, dotati di penetratori esplosivi. Se un proiettile riesce a superare l’APS, il veicolo è protetto da due strati di corazza esplosiva reattiva Malakit oltre a robuste blindature passive. Piastre blindate proteggono alcune zone altrimenti vulnerabili ai lanciagranate.
L’equipaggio di tre effettivi è protetto dalla capsula blindata interna. Il telaio e la torretta sono dotate di armatura reattiva esplosiva anteriormente, lateralmente e superiormente. La forma della torretta è progettata per ridurne le firme radar e termica. Il T-14 utilizza il sistema di controllo computerizzato integrato che monitora stato e funzioni dei moduli del serbatoio. In battaglia, il software può analizzare le minacce e poi suggerire o attivare automaticamente le azioni per eliminarle. Può rilevare e correggere gli errori dell’equipaggio. Il T-14 è propulso dal motore diesel a controllo elettronico ChTZ 12N360 (A-85-3A) da 1500 CV. L’autonomia operativa è di oltre 500 km. Il carro armato si distingue per la mobilità strategica con una velocità di 90 chilometri all’ora. Il peso moderato di 48 tonnellate permette di essere facilmente trasportato via ferrovia e con il rimorchio, preservando la vita operativa di motore e trasmissione, e può attraversare la maggior parte dei ponti. 2 carri armati con i loro equipaggi e tutte le attrezzature associate possono essere facilmente aerotrasportati dall’aereo da trasporto pesante An-124. Il carro armato è dotato di un radar da 26,5-40 GHz dalla portata di 100 km, utilizzato principalmente dal sistema di protezione attiva. 40 bersagli aerei e 25 terrestri con dimensioni minime di 0,3 m possono essere monitorati contemporaneamente. Il sistema di sorveglianza provvede automaticamente al tiro per la distruzione del bersaglio, e può passare all’APS e ai principali computer di controllo dell’arma. Il carro armato può indicare i bersagli all’artiglieria e svolgere funzioni di difesa aerea e ricognizione. Il T-14 utilizza canali di comunicazione altamente protetti che collegano il gruppo di T-14 al posto di comando. Riassumendo il tutto, va sottolineato che il veicolo ha una serie di caratteristiche uniche che lo fanno risaltare sugli altri carri armati nel mondo. Ha un sistema di protezione moderno, una torretta automatica e un compartimento per l’equipaggio protetto da ogni diffusa arma del nemico.
La piattaforma di combattimento universale Armata costituisce il principale carro armato da battaglia T-14, il veicolo da combattimento pesante per la fanteria T-15, il veicolo recupero corazzato T-16 e una miriade di altri veicoli. La flessibilità della piattaforma Armata dà buone possibilità sul mercato dell’esportazione. Il T-14 ha un potenziale illimitato nella modernizzazione, insieme a un costo di produzione ragionevole, aumentandone significativamente le possibilità di esportazione. Armata può soddisfare le diverse esigenze dei possibili clienti, operando su tutto lo spettro dei combattimenti. Altro importante vantaggio, il carro armato avrà un costo di soli 250 milioni di rubli (3,75 milioni di dollari) quando sarà in produzione di serie, mettendo il carro armato in posizione di forza nel competere con i concorrenti europei e degli Stati Uniti sul mercato globale dell’esportazione. I concorrenti dell’Armata, come Leopard 2 tedesco, M1 Abrams statunitense e Challenger 2 inglese costerebbero comunque 6,8 – 8,6 milioni di dollari. Egitto, Cina, India e Iraq sono potenziali acquirenti. Senza dubbio, l’Armata ha un grande futuro. Dopo tutto, è il il carro armato leader mondiale dal design più nuovo e radicale da molti anni. E non vi è quasi alcun rivale in vista.13130923La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Qual è la forza della CSTO?

Leonid Ivashov Rusplt 2/05/2016 – South Front
Leonid Ivashov, Colonnello-Generale delle Forze Armate della Federazione Russa e direttore dell’Accademia dei Problemi Geopolitici.

inner11828531Il territorio della Federazione Russa è stato teatro di una grande esercitazione delle forze di terra della Collective Security Treaty Organization (CSTO). Allo stesso tempo, il Tagikistan è stato lo scenario principale delle esercitazioni da ricognizione delle forze speciali Lyaur “Ricerca-2016″. Nell’esercitazione partecipavano 1500 soldati con il supporto di velivoli da combattimento, tattici e da trasporto e di droni. Nel ruolo di primo piano vi erano, ovviamente, i militari russi. Secondo lo scenario, i nostri commando respingevano l'”attacco” a un convoglio umanitario e completavano una missione di ricerca e salvataggio. Allo stesso tempo, i nostri atterravano nella base dei terroristi, catturandone i comandanti. In seguito, coordinate venivano trasmesse per colpire le milizie in ritirata sulle montagne. “Ricerca-2016” era volta a presentare l’interazione in tempo reale tra diverse truppe, a controllare le competenze sul campo, a valutare il personale nell’effettuare missioni di combattimento in modo rapido ed efficiente. I partecipanti a “Ricerca 2016”, così come ad altre esercitazioni della CSTO, elaboravano le misure per combattere le bande che s’infiltrano nell’Asia centrale.

Abbiamo finalmente visto la luce
La CSTO venne fondata nel 1992 e per lungo tempo, fatta eccezione per la missione militare della Federazione russa in Tagikistan, il suo potenziale non fu utilizzata. La situazione è cambiata radicalmente nel 2009, quando le Forze di Reazione Rapida Collettiva (CRRF) furono create, includendo le truppe meglio addestrate di Russia, Bielorussia, Armenia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. Il numero di soldati partecipanti alle esercitazioni era più di 20mila, indicativo della capacità di risolvere problemi di qualsiasi dimensione, che siano operazioni locali, conflitti o mantenimento della pace. Come dimostrato dalle esercitazioni a sorpresa dello scorso anno per la preparazione delle CRRF, 2500 aviotruppe delle CSTO poterono essere trasferite in Tagikistan nel più breve tempo possibile. L’attività della CSTO è dovuta al deteriorarsi della situazione in Medio Oriente e Asia centrale. La leadership russa e l’élite dei Paesi post-sovietici sono consapevoli delle minacce comuni dei narcotrafficanti e dei vari gruppi radicali che penetrano o già operano nella regione. In precedenza, quando avevamo buoni rapporti con la NATO, il tema dell’atteggiamento difensivo fu trascurato, perché ritenevamo che non avevamo nemici. Volentieri, ora abbiamo compreso. La grande attenzione è ora rivolta alla frontiera tagiko-afghana, probabilmente la principale minaccia estera all’Asia centrale. In Tagikistan si trova la 201.ma Base militare russa, il cui personale sarà portato a 9mila soldati in futuro. Nel 2005, le guardie di frontiera russe si ritirarono e si dedicarono ad addestrare i colleghi tagiki e a fornirgli equipaggiamenti militari. Le forze russe compiono esercitazioni bilaterali regolari con l’esercito tagiko. A metà marzo, un gruppo di forze combinate “trovò e distrusse” un grande gruppo motorizzato. Le azioni dei nostri Marines e della 7.ma Brigata d’assalto aereo tagica furono supportate dai seguenti aeromobili: elicotteri Mi-8 e Mi-24 ed aerei da attacco Su-25. È interessante notare che l’aviosbarco avvenne sull’altopiano, in una zona sconosciuta.

Continuiamo a lavorare
I rapporti con i Paesi della CSI nell’ambito militare non sono così perfetti come può sembrare. A volte si hanno critiche dalla dirigenza dei Paesi membri della CSTO, per non aver dimostrato la fedeltà politica desiderata, per lo più sotto la guida della Federazione Russa. A questo proposito, vorrei ricordare che la nostra élite russa avviò il crollo dell’Unione Sovietica e di conseguenza l’eliminazione dell’esercito sovietico. La Russia sotto il gruppo di Eltsin non offriva un’adeguata formula per l’interazione. A mio parere, le istituzioni ora funzionanti, con la sola eccezione, forse, della CSTO, in realtà non hanno una natura reciprocamente vantaggiosa. Pertanto, non dobbiamo limitarci al minimo, ma dobbiamo agire. Dobbiamo continuare a lavorare sul rafforzamento della cooperazione militare. Non è necessario rispondere velocemente alle dichiarazioni di Lukashenko. La Bielorussia copre la strategicamente importante direzione occidentale ed è pronta a lavorare con la Russia nel contrastare la possibile aggressione della NATO. E’ anche importante non rovinare i rapporti con gli altri membri della CSTO, perché la minaccia del terrorismo va eliminata nel prossimo futuro. E’ ovvio che se l’Asia centrale “esplode”, la situazione geopolitica e della sicurezza della Russia si deteriorerebbe significativamente. La CSTO è una piattaforma che permette al nostro Paese di risolvere numerosi problemi già agli inizi.79B90DC7-A733-4C1F-8973-9124B04EE744_mw1024_s_nTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

I velivoli ipersonici di Russia e Cina spezzeranno l’ABM statunitense

Sputnik, 30/04/2016

128424395Russia e Cina hanno testato di recente con successo i loro velivoli ipersonici, in grado di violare il sistema THAAD (Terminal High Altitude Area Defense) che gli USA vorrebbero schierare in Corea del Sud; il test è un “avvertimento agli Stati Uniti“, secondo gli esperti militari cinesi. “I test ipersonici di Cina e Russia hanno lo scopo di minacciare gli Stati Uniti che vorrebbero piazzare un sistema di difesa missilistico in Corea del Sud“, scrive The South China Morning Post, giornale in lingua inglese di Hong Kong citando il professor Lui Qisong, specialista della politica della difesa presso l’Università di Scienze politiche e Giurisprudenza di Shanghai. Il commento si riferisce ai recenti test riusciti dei due Paesi sui velivoli ipersonici. L’osservazione fa eco a quelle dell’esperto militare di Pechino Li Jie, che ha detto che la Cina cerca d’impiegare l’ultimo test del DF-ZF per avvertire gli Stati Uniti che l’EPL (Esercito Popolare di Liberazione cinese) ha “un’altra potente arma capace di contrastare il sistema THAAD“. Gli Stati Uniti si propongono di mobilitare il sistema Terminal High Altitude Area Defense (THAAD) in Corea del Sud, sostenendo sia necessario per proteggere gli alleati regionali dalla Corea democratica. La proposta è stata condannata da Cina e la Russia quale aggravamento della situazione nella penisola coreana. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, insieme all’omologo cinese Wang Yi, ha messo in guardia dall’uso delle attività di Pyongyang, come ad esempio il recente test nucleare e i vari lanci di missili, come pretesto per porre la presenza militare degli Stati Uniti nella regione. La settimana precedente Pechino aveva condotto il settimo test riuscito del velivolo DF-ZF progettato per violare le difese missilistiche.
Il DF-ZF è un missile iperveloce che può viaggiare velocità tra Mach 5 e Mach 10, 5-10 volte la velocità del suono, e può penetrare i sistemi di difesa aerea degli Stati Uniti basati sui missili intercettori. Il velivolo d’attacco ipersonico (denominato in codice dal Pentagono Wu-14) è costituito da un missile che raggiunge l’atmosfera superiore che poi rilascia un velivolo che raggiunge velocità ipersoniche discendendo. Il missile balistico vettore veniva lanciato dal centro spaziale di Wuzhai nella Cina centrale. Trasportava l’HGV (velivolo ipersonico) DF-ZF al limite dell’atmosfera, al confine tra spazio e atmosfera terrestre a 100 km di altitudine, separandosi dal vettore e quindi planando per qualche migliaio di chilometri prima d’impattare, secondo il Washington Free Beacon. Una volta che l’HGV raggiunge tale quota, comincia a planare su una rotta relativamente piatta eseguendo manovra di frenata e accelerazioni fino alla velocità di Mach 10. La sua velocità può variare tra i 6400 e gli 11200 chilometri all’ora. La fase di volo planato permette al velivolo non solo di manovrare aerodinamicamente, compiendo azioni evasive eludendo l’intercettazione, ma anche d’estendere la gittata del missile. Le manovre in volo, viaggiando a diverse migliaia di chilometri all’ora, venivano tracciate dai satelliti mentre volava verso ovest lungo il limite atmosferico, verso la zona d’impatto nella parte occidentale della Cina. Resta ancora da chiarire se l’HGV DF-ZF sarà armato con testate nucleari o convenzionali. L’HGV DF-ZF potrebbe anche essere lanciato con un missile balistico antinave contro mezzi navali. Ad esempio, un DF-21 armato con un HGV DF-ZF estenderebbe la gittata da 2000 a oltre 3000 km. Secondo i funzionari dei servizi segreti degli Stati Uniti, il DF-ZF potrebbe essere utilizzato nell’ambito di un sistema d’arma d’attacco strategico convenzionale capace di colpire bersagli in tutto il mondo nel giro di un’ora. Il Pentagono ha seguito da vicino lo sviluppo del DF-ZF da quando è stato testato la prima volta nel gennaio 2014. La Commissione di revisione economica e militare USA-Cina del Congresso ha affermato nell’ultima relazione annuale che il programma del velivolo ipersonico “progredisce rapidamente” e che la nuova arma offensiva potrebbe essere schierata entro il 2020. Una versione più potente è in fase di sviluppo e potrebbe essere operativa nel 2025, ha scritto. Il Ministero della Difesa cinese ha confermato un altro rapporto del Beacon secondo cui Pechino ha testato il nuovo missile balistico intercontinentale DF-41 dalla gittata di almeno 12000 chilometri, il 12 aprile.
Sempre ad aprile, la Russia ha effettuato il secondo test di volo di un rivoluzionario velivolo ipersonico noto come 3M22 Tsirkon. Il velivolo ipersonico è stato lanciato con un missile balistico strategico RS-18A (UR-100N, designazione NATO SS-19 Stiletto) dalla Russia orientale, ed è stato un successo. Tuttavia non sono stati forniti dettagli su velocità o gittata raggiunte dal velivolo. Il velivolo 3M22 della Russia dovrebbe entrare in produzione nel 2018.WU-14_HGV

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.259 follower