Hama 1982: i Fratelli Musulmani in Siria

La banda dei Fratelli Musulmani in Siria: Una storia di criminalità e collaborazione con i colonizzatori
Munir Ayham
1 – La nascita dell’organizzazione avvenne nel 1936
Il capo dell’organizzazione aveva rapporti con i servizi segreti inglesi, si chiamava Hassan al-Banna, l’istruttore di Mustafa al-Sibai in Egitto. Quando Mustafa tornò a Damasco, incontrò l’organizzatore dal nome di “giovane Maometto”, Mustafa al-Sibai, che aveva costituito l’organizzazione dal nome “Fratelli Musulmani”. L’organizzazione tenne numerose conferenze e nella terza conferenza tenutasi a Damasco, si decise di creare il comando centrale a Aleppo, perché era più vicina alla Turchia; la fratellanza musulmana considera il dominio ottomano una continuazione del califfato islamico. Mustafa Sibai, il primo osservatore dei fratelli musulmani, ne emerse come il fondatore. Un altro, Marwan Hadid che aveva studiato a Cairo negli anni cinquanta, tornò in Siria come Imam della moschea ed iniziò a diffondere “Il pensiero della mia colpa” dal pulpito della sua moschea. Nel 1973 Marwan Hadid contattò i criminali Hosny Abo e Mohammad Tamim al-Shaqfa e concordarono la costituzione di una sezione armata della fratellanza musulmana nominandola “i combattenti dell’avanguardia” autori dei crimini più indicibili in Siria, tra cui i massacri di Azbaqiah e della scuola di artiglieria. Il criminale Marwan Hadid aveva collaborato con molte bande ad Hama e contattò religiosi musulmani e associazioni islamiche in provincia, chiedendoli di emettere fatwa per la jihad contro il regime e la condanna a morte di chi si opponeva alle sue idee.
Nel 1976 il successore di Marwan Hadid fu Abd al-Satar, che nella sua prima operazione uccise il Maggiore Muhammad Gharra ad Hama. A Damasco altri criminali, Irfan Madani, Jamal Amari, Ayman Sharbatji, Basam Faraon, Abdulnasser Abasi e Riad Humul formarono un ramo dell’organizzazione dei fratelli musulmani, questa banda distribuiva volantini firmati come Partito comunista, in modo da ingannare le autorità; due settimane dopo fu assassinato il Dottor Mohammad Fadil dai criminali Amar Marqa e Faisal Ganama, poi fu assassinato il Dottor Ibrahim Naamah dai criminali Hisham Jumbaz e Ayman Sharbatji. Nell’organizzazione in Siria fu eletto Ali al-Byanuni, supervisore generale che, come ufficiale nelle istituzioni, era l’informatore dell’organizzazione. Ad Hassan Haluf fu assegnato il compito di arruolare i vari infiltrati nelle istituzioni, per operazioni criminali nelle province.
Ad Homs furono assegnati Abdel-Qadir Zahran e Ismail Jada
Ad Idlib furono assegnati Ahmad Salah Hasnawi e Said Qais
Ad Aleppo fu assegnato Hassan Agil
A Jisir al-Shughur fu assegnato Ali al-Jabi
A Lataqia furono assegnati Ahmad Nisana e Burhan Julaq
A Damasco, l’organizzazione prese di mira i circoli religiosi nelle moschee per reclutare i giovani. Uno dei luoghi più importanti per il reclutamento fu la moschea nella zona di Muhajirin e un’altra nella zona di Midan. I nomi dei funzionari dell’organizzazione a Damasco erano:
Jamil al-Jamil a Qafar Susah
Ali al-Sidawi a Duma
Muhammad al-Sfar a Quswah
Muhammad al-Qatib a Dara
Ahmad Az al-Din a Madaya
Shahdan al-Ammar e al-Din al-Bazilti nella zona di Ruqun al-Din.
Questi personaggi attirarono i giovani e li reclutarono nei combattenti dell’avanguardia. Questi giovani furono istruiti nelle tecniche per nascondere armi da fuoco e nello smontare e rimontare l’arma, nel pedinamento di personaggi politici e dei palazzi istituzionali, facendo ogni sorta di pressione psicologica in modo che fossero implicati nel loro gruppo, comunque. Un modo crudele di addestrarli consisteva nell’uccidere persone innocenti come gli spazzini che uscivano all’alba per pulire le strade.

2 – La banda di criminali dei fratelli musulmani
L’organizzazione segreta avviò le operazioni terroristiche in Siria, sotto forma di attentati, uccisioni, esplosioni, omicidi di figure governative, leader politici e religiosi, membri del partito, oltre ad una serie di brillanti professionisti, medici, ingegneri e funzionari. Le vittime più importanti furono i martiri:
1 – il colonnello Ali Haidar governatore di Hama assassinato nell’ottobre 1976
2 – il dottor Muhammad Fadil presidente dell’università di Damasco assassinato nel febbraio 1977
3 – Il comandante della brigata missilistica Abdul-Qarim Razuq che l’occidente considerava uno dei migliori al mondo nella tecnica missilistica, assassinato nel giugno 1977
4 – il professore Ali bin Abdul al-Ali dell’università di Aleppo, assassinato nel novembre 1977
5 – il direttore generale dei medici dentisti Dottor Ibrahim Naamah ucciso nel marzo 1978
6 – il colonnello Ahmad Qalil direttore della polizia nel ministero dell’interno, assassinato nell’agosto 1978
7 – Adel Mayina, procuratore della suprema corte per la sicurezza assassinato nell’aprile 1979
8 – il Dottor Shahadah Qalil specialista mondiale di neuro-chirurgia oltre ad essere medico privato del defunto presidente siriano Hafiz al-Assad, assassinato nell’agosto 1979.
Gli atti più eclatanti si verificarono ad Aleppo dal 16 giugno al luglio 1979, quando fu assassinato un grande numero di allievi ufficiali della scuola d’artiglieria di Aleppo, in seguito noto come massacro della scuola ufficiali, comandata dal criminale Ibrahim Yusif, complice dell’organizzazione dei Fratelli mussulmani, che fece riunire gli studenti nella sala da pranzo e che separò secondo la loro appartenenza religiosa, per poi dare l’ordine ad elementi dei fratelli musulmani di aprire il fuoco con fucili mitragliatori e granate, provocando 83 caduti, senza risparmiare dei tecnici russi, anche loro uccisi, inoltre ci fu il ferimento di dieci esperti in una serie di attentati nel gennaio 1980.
Agli inizi del 1980 il team dei Fratelli musulmani inviò dei cecchini per uccidere membri del governo e del partito, Abdul Aziz al-Adi della sezione di Hama fu ucciso brutalmente con sua moglie e i suoi figli, e il corpo gettato in strada; invece sopravvisse ad un attacco un membro del partito che si chiamava Ahmad al-Assad, dopo che fu gettata una bomba a casa sua, e nel giugno 1980 i terroristi della Fratellanza musulmana tesero un agguato al consigliere esecutivo della provincia di Aleppo, Ali Baghdadi, e ammazzarono uno dei suoi fratelli, invece l’altro fratello fu ferito allo stomaco. Ad Aleppo tra il 1979 e il 1981, i terroristi dei Fratelli musulmani uccisero 300 persone tra membri del governo e del partito, professionisti e una dozzina di religiosi musulmani che si opponeva ai loro crimini, il più importante martire fu l’imam Muhammad al-Shami, massacrato nella sua moschea di Sulaimania di Aleppo, il 2 febbraio 1980, inoltre il presidente siriano Hafiz al-Assad sopravvisse ad un attentato dei Fratelli musulmani che lanciarono due bombe e spararono mentre il presidente era in attesa di un diplomatico africano, presso la porta del Palazzo degli ospiti, il presidente Hafiz al-Assad si accorse di una delle bombe e la calciò allontanando il pericolo, mentre l’altra fu vista da una delle guardie la guardia del corpo, il martire Qalid al-Husain, che gettò il presidente a terra e fece uno scudo con il suo corpo per proteggerlo.

3 – Massacro della scuola di artiglieria di Aleppo
Alle prime ore dell’alba di domenica 17 giugno 1979, il generale Hiqmat al-Shihabi contattò il Capo di stato maggiore dell’esercito Hafiz al-Assad che era presente in quel momento a Baghdad e lo informò del massacro accaduto nella scuola di artiglieria di Aleppo per mano della banda dei Fratelli musulmani, alcune ore prima le truppe dei servizi segreti militari siriani erano entrati nella scuola di artiglieria dove trovarono i corpi dei martiri degli allievi ufficiali, nella sala del simposio piena di cadaveri, sangue e resti umani ovunque e dei molti allievi ufficiali feriti; le parole scritte sulla lavagna macchiata di sangue dagli attentatori: la Fratellanza musulmana, i combattenti dell’avanguardia firmarono il massacro. Nel cortile della scuola i servizi segreti militari trovarono un allievo ufficiale ferito, era fuggito dalla sala del seminario e aveva incontrato l’ufficiale in servizio chiedendo aiuto, dicendo: signore non vede cosa hanno fatto questi criminali, ma questi era traditore e complice della banda, il capitano Ibrahim Yusif che ordinò al commando degli attentatori di sparargli ferendolo gravemente. Riguardo la pianificazione dell’atroce massacro contro gli allievi ufficiali, alle 18.30 del sabato 1979 il capitano traditore Ibrahim Yusif aveva lasciato la scuola di artiglieria con un’auto guidata dal sergente, criminale anche lui, il traditore Abdul Rashid Husain, recandosi lì vicino dove li attendeva il commando dei criminali fratelli mussulmani, i più importanti dell’organizzazione di Aleppo, il capo egiziano Hosni Abo e il suo vice Adnan Aqla, Zuhair Qaluta, Ramiz Issa e Ayman al-Qatib. Diede loro uniformi con diversi gradi e si sparpagliarono attorno l’edificio del seminario, dicendogli di attendere il suo segnale dopo di che il traditore Ibrahim Yusif fece raccogliere tutti gli allievi ufficiali con il pretesto di una riunione con il direttore del collegio per dargli alcune istruzioni, erano 300 allievi ufficiali riuniti nella sala e una volta entrati il criminale Ibrahim Yusif, accompagnato da Hosni Abo e Adnan Aqla, lesse alcuni nomi e gli chiese di lasciare la sala, ma questi erano i criminali infiltrati Yahia Qamil al-Najar e Mani Mahmud al-Qalaf, che erano d’accordo con il criminale Ibrahim Yusif e tornarono a prendere posizione fuori dal seminario per l’esecuzione del delitto, che fu respinta dagli allievi ufficiali, i martiri Muhsan Amir e Muhammad al-Dawiya, anche loro usciti dal seminario. Dopo l’ordine dello sporco crimine, Ibrahim Yusif con alcuni ufficiali in ostaggio che dovevano essere in contatto con la dirigenza… andarono verso il quartiere generale della guardia accompagnati dai criminali Mustafa Qasar, Mahir Attar, Adel Dalal e uccisero la prima recluta Hosib Manuqian e quando vide il suo collega insanguinato la seconda recluta, che si chiamava Abdul Aziz Qalif, con il suo fucile tentò di sparare ma era scarico, perché il criminale Ibrahim Yousif aveva ordinato di non caricare i fucili prima delle otto, quando videro che prese in mano l’arma, lo uccisero subito.
Verso le otto, il criminale Ibrahim Yusif diede ordine ai criminali che avevano circondato l’edificio di aprire il fuoco intensamente e di lanciare granate da tutte le direzioni sugli allievi ufficiali, ne morirono 34 all’istante e altri morirono dissanguati, l’eroe martire capitano Ahmad Zuhairi prese in mano una bomba lanciata dai criminali, per proteggere i suoi colleghi e corse fuori dalla sala facendo da scudo con il suo corpo; un altro capitano, che si chiamava Sulaiman Rashid Ismail Amar, aveva affrontato la morte attaccando un aggressore che gli sparò in testa, nel frattempo molti feriti riuscirono a scappare dal seminario, i criminali cercarono di inseguirli, ma alcuni sopravvissero al massacro. Dopo l’operazione, i terroristi della fratellanza mussulmana uscirono dalla scuola accompagnati dal traditore Ibrahim Yusif con l’auto guidata dal traditore Abdul Rashid Husain, che tornò come se nulla fosse accaduto.
I militari dell’intilligence Abdul-Rashid al-Husain, Mani Qalaf e Yahya Najar furono consegnati immediatamente al tribunale su testimonianza degli ufficiali sopravvissuti. I criminali furono portati nel campo della scuola di artiglieria e condannati a morte. Nel novembre 1979 la sicurezza militare arrestò il criminale Hosny Abo, coapo del gruppo armato di Aleppo, e dopo essere stato processato fu anch’egli condannato a morte e giustiziato. Il 3 giugno 1980 le forze di sicurezza scovarono il criminale Ibrahim Yusif nel suo nascondiglio ad Aleppo, e dopo averlo circondato fu ucciso dopo un feroce scontro e si dice che il suo corpo fu trasferito nella scuola di artiglieria passando davanti le classi degli allievi ufficiali che sputarono sul cadavere e cercarono di farlo a pezzi. Nel 1982 le forza di sicurezza arrestò il criminale Hadnan Aqla e lo consegnarono alla corte di sicurezza dello Stato.
Dopo il massacro il popolo siriano manifestò in massa ad Aleppo, Homs, Idlib, Damasco Lataqia, Hasaqah, Dair al-Zur e altre località, chiedendo la cattura dell’intera banda.

4 – Il massacro dell’Azbaqiah
Il 29 novembre del 1981 la banda dei fratelli musulmani di Yasin bin Muhammad Sarij fece esplodere un’autobomba nel quartiere di Damasco di al-Azbaqiah, un’auto Honda caricata con 300kg di tritolo (TNT), uccidendo oltre 175 persone. Alcuni nomi dei martiri individuati dai resti dei corpi: Muhammad Iqsan al-Musaian, Umar Faruq al-Zubi, Burhan Shams al-Din, Qasim bin MUhammad Rustam, Id Maqario Qira, Zahi Lutfi al-Samin, Muhammad bin al-Abidin, Dia al-Laham. E alcuni nomi dei feriti: Muhammad Ziad Biram, Muhammad Nur, Muhammad Shahadah, Nasir Fashetqi, Muhammad Ahmad Sadiq, Antun Tahtuh, Abdul Nadir Qatib, Musa Mahmud, Marwan al-Salah, Mahmud Hamidi, Muhammad Dudi, Uzzo Shah al-Bustani, Najah Salim al-Hulu, Rana Ayub, Nada al-Sadiq, Ratibah al-Hajah, Ismail Abdo Abbud, Nazir Abdalla Hazim, Mustafa Najar, Ali Saqaf, Riad Bilal, Maliq Shahadah, Ahmad Qarim, Adnan Muhammad Tahan, Ahmad Awad, Muhammad Zaqaria Sharif, Mutanios Jabur Isbar, Yasin Sharara, Umaya Usman e altri. Questo attentato fu il più devastante della storia siriana. La maggior parte delle vittime erano civili, quest’esplosione avvenne nell’ora di punta delle 11,20 del mattino, e furono danneggiati gravemente anche i palazzi circostanti e parti di corpi volarono dappertutto, i soccorritori impiegarono parecchio tempo per estrarli dalle macerie. Alcuni testimoni oculari dissero di avere visto un autobus che passava in quel momento in via Baghdad, alzarsi da terra a seguito dell’esplosione e disintegrarsi, tutti i 31 passeggeri morirono; i feriti furono trasportati nei vari ospedali della capitale e alcuni furono trasportati con auto private, a seguito dell’esplosione 40 famiglie persero le loro abitazioni.
Racconta un testimone oculare del tragico attentato: ero giovane quando vi furono le esplosioni di Damasco, negli anni ottanta, ci eravamo spostati nella zona di Ruqun al-Din, in una casa in affitto per nostra sicurezza, ma non eravamo tranquilli, perché arrivarono a minacciarci nel nostro appartamento. Un ufficiale dice: non dimenticherò mai e rimarrà nella mia memoria come se l’orologio si fosse fermato il 29 novembre 1981, quando morirono 175 persone, dice l’amico, un ufficiale che era nella zona dell’esplosione e che per prima cosa vide, tra la polvere, un gatto stringere tra i denti una mano umano, e l’ufficiale prese in mano la sua pistola e sparò al gatto. Fino ad oggi non riuscirò a dimenticare quella scena e l’importanza della pace in Siria.
I fratelli musulmani si giustificarono dicendo che i combattenti dell’avanguardia che compirono l’attentato all’Azbaqiah, avevano agito indipendentemente. Una delle rivendicazioni dei Fratelli musulmani fu che non era stato sparato nemmeno un colpo contro Israele, e per questo si sentivano in diritto di terrorizzare la popolazione.

5 – L’inizio degli scontri con i Fratelli musulmani
Hama, la notte del 2-3 febbraio del 1982. Durante un pattugliamento, un’unità dell’esercito in città cadde in un’imboscata e dei cecchini dai tetti uccisero una ventina di soldati, i soldati trovarono il nascondiglio del leader dei terroristi (Muhammad Jawad) meglio conosciuto con il nome di guerra Abu Baqr, aveva nei quartieri densamente popolati una rete di cellule, e dopo una chiamata via radio, arrivarono immediatamente sul posto le forze governative che lo circondarono. Abu Baqr diede l’ordine di effettuare un attacco armato e lanciò un appello alla jihad contro il governo dagli altoparlanti delle moschee e a quel punto, centinaia di terroristi uscirono dai loro nascondigli uccidendo, saccheggiando e attaccando le case dei funzionari e dei leader del partito, forzarono i depositi delle armi nelle caserme della polizia e le rubarono per impadronirsi della città, aggredirono le ragazze paracadutiste che massacrarono mentre dormivano: due assassini erano scesi dai tetti. Un gruppo dei fratelli musulmani circondò l’abitazione del governatore Muhammad Harba chiedendogli di uscire con le mani alzate, ma lui difese se stesso e la famiglia, finché arrivarono le forze di sicurezza. Alla mattinata del 3 febbraio furono ammazzate 70 persone del governo e del partito, e i fratelli musulmani dichiararono l’occupazione della città. Il giorno seguente si riunirono il governatore Muhammad Harba, il segretario del partito Ahmad al-Asad e i membri delle autorità sopravvissuti al massacro della notte, ognuno di loro prese la propria arma presso la sede del partito per difendere la Patria, chiamando le forze del governo a ripulire Hama: dopo tre settimane di violenti combattimenti le forze governative riuscirono a ripulire la città dai fanatici.

6 – I rapporti all’estero
Nel 1980 il presidente Hafiz al-Assad accusò la CIA di incoraggiare e sostenere il terrorismo e il fondamentalismo in Siria; dopo due anni, il 10 febbraio 1982 furono rilasciate le dichiarazioni dal dipartimento di Stato USA e dai fratelli musulmani in Germania ovest (ufficio di Isam al-Atar) che annunciarono di essere i protettori dell’insurrezione terrorista, chiara prova della cooperazione tra la confraternita e gli statunitensi. La prova più significativa ad accusare gli statunitensi furono dei dispositivi elettronici che furono trovati in possesso dei fratelli musulmani, e che non potevano essere stati venduti da terzi senza il consenso e l’approvazione del governo degli stati uniti. I servizi dell’intelligence siriani erano convinti che questi strumenti fossero di produzione statunitensi e che venissero infiltrati in Siria da Israele, Beirut est, Amman e Baghdad. Il presidente siriano accusò gli statunitensi di complicità con i terroristi che negarono ogni interferenza dicendo che per sollevare quelle accuse bisognava avere delle prove concrete; a quel punto il presidente siriano mostrò le apparecchiature con i loro numeri di serie e chiese agli statunitensi d’informarlo a chi avessero fornito le apparecchiature corrispondenti a quei numeri, gli statunitensi rifiutarono di fornire quelle informazioni e infine il presidente siriano evidenziò il fatto che gli statunitensi erano complici dei terroristi.
Durante il funerale di Tito, nel maggio 1980, erano presenti il re giordano Hussein e il presidente siriano Hafiz al-Assad, quest’ultimo in quell’occasione lo accusò decisamente di essere complice dei massacri in Siria. Dopo cinque anni, quando i rapporti tra i due governanti migliorarono, il re giordano ammise la sua colpevolezza, e si seppe in seguito che il regime giordano aveva accolto esponenti dei fratelli musulmani in Siria, tra cui il criminale Ali al-Bayanuni che era riuscito a fuggire in Giordania con la complicità e l’assistenza dei servizi segreti giordani. Molte persone arrestate ammisero il loro tradimento e i loro rapporti con il regime di Saddam, ammisero il loro collegamento con gli ufficiali di Baghdad e il loro coinvolgimento nel contrabbando di armi attraverso il deserto del al-Sham. Erano iniziati i contatti tra il capo dei terroristi (del braccio armato dei fratelli musulmani) e il regime iracheno, dopo la fuga dei criminali Umar al-Wani e Mahdi al-Wani a Baghdad, nel 1979, che furono ricevuti dal regime iracheno con grande entusiasmo e considerarono Umar al-Wani il rappresentante ufficiale dei fratelli musulmani in Iraq. Inoltre Baghdad annunciò la volontà di equipaggiare completamente l’organizzazione, e il governo iracheno inviò 200.000 sterline con 10 mortai e 10 lanciarazzi RPG, con 100 colpi di ogni tipo e grandi quantità di munizioni per fucili russi. Questa consegna avvenne attraverso Dair al-Zur. Il governo iracheno addestrò elementi dell’organizzazione negli anni ’80, per un mese, e promise la piena apertura di un nuovo ciclo ogni primo del mese. I corsi del governo iracheno per i combattenti dei fratelli mussulmani consistevano nell’uso, nel montare e smontare pistole o fucili, oltre a usare granate, mortai, esplosivi, RPG e radio. Fu il comandante dei fratelli musulmani a chiedere al leader iracheno d’insegnare alla sua banda tutte queste cose, oltre a chiedere d’insegnare come usare i carri armati, e la richiesta fu accettata dal regime iracheno.
Il governo siriano sequestrò le armi ottenute dai terroristi della confraternita da parte dei guardiani della milizia dei cedri libanese, collegata direttamente ad Israele (era l’equivalente dell’attuale milizia del Futuro e di Samir Geagea in Libano), inoltre il capo prese ufficio in Egitto, per risolvere il sostegno della banda in Siria, e vale la pena ricordare che l’ufficio della guida è il massimo organo direttivo dell’organizzazione dei fratelli musulmani, e i più importanti capi furono: Rashid al-Gawash in Tunisia, Abdul Fatah abu Ghaddah e Adnan Saad al-Din in Siria, Yusif al-Qaradawi in Qatar, Yasin al-Abdel in Yemen, Faysal Mawlawi e Ibrahim Masri in Libano.Documento interno riservato
Il documento segreto trovato in un covo della fratellanza musulmana riguardo la sicurezza, il regolamento recita che il documento indica che coloro che Dio ha creato capi dei fratelli, avevano la responsabilità delle basi che, una volta aperte, non dovevano comprometterne la sicurezza, e per mantenere la propria sicurezza dovevano fare quanto segue:
– Un fratello è il comandante del gruppo, è il riferimento in tutte le questioni e non è mai permesso scavalcarlo.
– Conoscenza limitata del gruppo, basandosi sul fatto che non si devono conoscere posizione e regole di un’altra base.
– Divieto di portare qualsiasi amico nella base ed essere cauti e prudenti con gli altri.
– Parlare a voce bassa e ridurre gli incontri a uno o due giorni alla settimana.
– Avere estrema cautela quando si lascia la base rientrando nelle proprie abitazioni.
– Chi dona la base, ha la missione di dedicarsi ai servizi pubblici del gruppo.
– Conversare senza nominare il movimento.
– Distruggere tutto ciò che si riferisce all’organizzazione.
– Uscire di casa immediatamente se c’è un rischio, basandosi sul principio dell’arrangiarsi da solo (in arabo si dice Dabir rasaq)
– In caso di un ferito che ostacola il ritiro, deve essere ucciso dai suoi amici, l’auto-esecuzione è permessa con parere consultivo legittimo dell’imam (in arabo si chiama shaiq) Abdul-Aziz bin Baz direttore dell’università islamica di Madina al-Munawara e dell’imam Faysal al-Mawlawi. Un’altra fatwa su un elemento dei fratelli musulmani che si suicida per non cadere in mano ai nemici, per non danneggiare l’organizzazione, viene considerato un martire.
Gli obiettivi più importanti dell’organizzazione devono essere:
– caserme ed aeroporti
– abitazioni dei militari
– fabbriche della difesa
– stazioni delle poste e vie di comunicazione, silos dei cereali
– club e scuole degli ufficiali, il movimento dei convogli militari, specialmente quelli di ufficiali, e l’elenco potrebbe continuare.

Fonti
Al-Assad e il conflitto in medio oriente (Patrik Seale)
Il flagello della patria (Robert Fisk)
Lo specchio della mia vita (Mustafa Tlas)
I Fratelli musulmani e la nascita di un nero sospetto
Memorie di alcuni dei criminali della fratellanza musulmana, i combattenti dell’avanguardia.

A cura di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

ONG occidentali e Siria: le maschere sono cadute!

S. Bensmail, Mondialisation, 27 marzo 2017Il conflitto siriano, giunto al settimo anno, ha fatto cadere molte maschere, come quelle delle ONG internazionali, neutrali e indipendenti in apparenza e chiamate “umanitarie”. In effetti, numerosi ricercatori e giornalisti investigativi, assai poco noti in Francia e per una buona ragione, cominciano ad indagarle. In collaborazione segreta con l’aggressore statunitense, ONG come “Medici senza frontiere” (MSF), “Amnesty International” e molte altre, dall’inizio del conflitto nel 2011 (e anche prima), sono strumenti sovversivi e di propaganda volti a fare cadere Damasco. Si sono quindi volutamente schierate coi gruppi armati cosiddetti “ribelli”, cioè i terroristi, fornendogli supporto medico e logistico. Con questo articolo vi proponiamo i principali risultati di queste analisi sul campo e nei media, in particolare di MSF, quindi chiedendo agli Stati di contrastare con nettezza tali strutture estere detonatori di guerre future. Infine, collegando le attività di tali ONG che destabilizzano i Paesi che resistono alla egemonia imperialista all’insediamento in Europa di milioni di “migranti” dovuti alla distruzione della Siria (e altri Paesi sovrani della regione), ipotizziamo il “caos pianificato” contro questo continente vassallo delle nazioni anglosassoni.
In Francia, le proteste contro “la violenza della polizia” per il presunto stupro del giovane Theo da parte di un poliziotto nel 93.mo Dipartimento, aumentano per dimensioni e violenze. Nelle città i gruppi radicali di estrema sinistra, “antifascisti”, comprendenti studenti delle superiori, nelle ultime settimane, categoria da sempre minacciata dai governi. Come negli Stati Uniti, ma su scala minore e con una colorazione molto particolare, la violenza urbana è controllata da organizzazioni che hanno esperienza in tafferugli, vandalismo e provocazione. “No Border“, “Antifa” e altre fazioni radicali, facilmente manipolati e impuniti, generalmente appartengono alla stessa nebulosa che violentemente si oppose alla polizia a Calais e altrove, in difesa dei “migranti” (1). Tanto in Francia che negli Stati Uniti, le associazioni di attivisti e organizzazioni non governative, che difendono l’assenza dei confini, l’eventuale eliminazione degli Stati e dei loro servizi pubblici e il massiccio afflusso di milioni di profughi, quale assalto all’Europa, non esitano a usare la violenza organizzata. Sono attivi verso l’obiettivo finale dell’élite sovranazionale, ultra-potente e intoccabile rappresentata da grandi nomi come Bill Gates e molti altri: la globalizzazione mondialista supportata dal controllo totale e dal dominio delle popolazioni e delle loro élite locali. Al servizio di tale progetto, con il pretesto di “diritti umani”, l'”Asilo è la grandezza del nostro Paese”, particolarmente sostenuto dalla sinistra al caviale (o salmone biologico!) francese, il sistema mediatico-intellettuale arruola il consenso generale e il pensiero perverso di tale idea di governo oligarchico. In quale altro modo descrivere la posizione straordinaria dei vertici della Pubblica Istruzione, che fa capo al centro d’istruzione e d’indirizzo nello stesso dipartimento problematico di Seine Saint-Denis, dove ricercatori e psicoanalisti per lo più confessarono senza mezzi termini, nel settembre 2015: “Finalmente, l’economia risparmiata dalla politica di austerità del governo sarà felice di accogliere i migranti…” (2) Le classi medie sempre più povere e “sdentate”, secondo questa immagine spregevole del presidente F. Hollande contro gli svantaggiati, l’apprezzeranno.
La confusione dei confini e la mescolanza forzata e brutale dei popoli, le cui conseguenze in divisioni e scontri sono certe, appaiono cruciali per le ONG della “solidarietà internazionale” e i benpensanti intellettuali dominanti e prezzolati. Negli ultimi decenni, questo punto di vista è stato preparato a tutti i livelli, in particolare dai grandi e influenti mass media, cultura e tempo libero, in particolare promuovendo la cultura del “meticciato”, eretta a valore intrinseco. Dal Libro nero delle ONG di Julien Teil: “Le organizzazioni non governative, da una cinquantina nel 1948 sono quasi quattromila oggi. Hanno invaso la società civile e la fedeltà ad essa. In realtà, molte, spesso le più grandi per dimensioni, rivaleggiano con le multinazionali con cui condividono il desiderio di cancellare i confini, hanno di “non governativo” solo il nome. Perché dietro loghi e acronimi ben scelti, per dare la sensazione che la loro unica ragione di esistere sia promuovere un mondo migliore, ci sono agenzie governative o personalità le cui carriere e posizioni lasciano pochi dubbi su intenzioni e collusioni“. (3) I sui articoli ben studiati e documentati, nati dall’esperienza in tali grandi organizzazioni umanitarie, sono inoppugnabili (4). Ora va molto più avanti, laddove il corso del mondo si traccia in decenni almeno, dove due visioni radicalmente opposte dell’umanità si oppongono: la Siria.

Siria e ONG umanitarie occidentali
Testimoni inconfutabili ed analisti che lavorano con indagini sofisticate ed affidabili mostrano gradualmente il vero volto di ONG come “Amnesty International” e “Medici senza frontiere” (MSF). La loro neutralità apparente è un’illusione poiché è accertato che partecipano, con una complessa interazione tra finanza, operazioni e propaganda, alla distruzione più o meno rapida degli Stati sovrani che resistono all’egemonia anglosassone: la Siria, forse prefigurando l’Iran, molti “regimi” di America Latina (Venezuela, Brasile, Bolivia, Ecuador e Argentina, per non parlare di Cuba), Asia e Africa, per non parlare dei precedenti di Libia e Tunisia, Jugoslavia, Iraq, ecc. Julien Teil spiega: “Sia nelle Nazioni Unite dove alcuni sono riusciti a entrare, o nella coscienza di cui il potere dei media gode permettendogli d’infiltrarsi con facilità, le ONG hanno acquisito da decenni lo status di partner o autorità morale che li mette al di sopra della sovranità delle nazioni. Questa posizione, legittimata da alcun processo democratico, giustifica, presso coloro che li seguono in buona fede, le interferenze il cui vero scopo è lontano da ciò per cui generosi donatori mettono una mano in tasca“. (5) A dispetto del diritto internazionale e degli statuti che gli danno un ruolo strettamente umanitario, sotto la copertura del travestimento dell’azione “umanitaria”, MSF e altri si misero al servizio dei gruppi terroristici mercenari attivi nelle “zone liberate” in Siria, per almeno sei anni. Tali ONG contribuiscono a generare e moltiplicare le atrocità, che fanno finta di combattere, dell’aggressione internazionale fomentata anche prima del 2006, quando il Paese era già nella lista segreta dei Paesi da massacrare, ben prima degli attacchi dell’11 settembre 2001. Nella trasmissione di Klagemauer.TV, lo stretto legame tra alta finanza e umanitarismo viene spiegata: “(…) con la copertura delle azioni umanitarie, le ONG sono infatti le “mani pulite” dei gruppi che non hanno nulla a che fare con il bene dell’umanità. Molti, se non tutti, sono strumenti al servizio di una causa incoffessabile. Lo si può dire di certe fondazioni. La sede di Greenpeace USA, che dà gli ordini, è finanziata dalla Fondazione Rockefeller. Ciò significa che la finanza ha voce in capitolo nella scelta delle campagne di Greenpeace. Se ne comprende meglio il silenzio su eventi mondiali cruciali…
Per i comuni mortali non adusi ai misteri della politica estera degli Stati occidentali, che hanno fortemente riattivano i loro vecchi desideri coloniali, tale fatto triste sembra improbabile in quanto credono che tali istituzioni fin dagli anni ’70 lavorino nella completa neutralità. Decodificando le notizie geopolitiche, presentate in modo fazioso e sfacciato, un abisso compare con le chiacchiere ufficiali sull’aiuto alle vittime di guerre e catastrofi naturali (sfruttate anche per gli interventi umanitari). Infatti, nonostante la sincerità della maggioranza della base, molti importanti ONG internazionali, vicine alle istituzioni internazionali e alle principali nazioni del G7, svolgono un ruolo destabilizzante: “Questi missionari della democrazia dimostrano di essere angeli della morte. Le ONG occidentali sono al servizio del belluismo dei globalisti e sono ad essi collegate. Negli ultimi rovesciamenti di governi nel mondo, le ONG occidentali, in coppia con i vari servizi segreti, hanno svolto un ruolo centrale; in Serbia, Iraq, Georgia, nei Paesi della primavera araba e, infine, in Ucraina. Hanno destabilizzato i Paesi presi di mira con il pretesto della missione per la democrazia. Le organizzazioni non governative o ONG sono organizzazioni private, che non agiscono sotto il mandato di un governo. (…) Le ONG più pericolose al mondo agiscono sitto una gerarchia del potere e sono anche ben al di sopra di alcuni governi. Vengono poi intrecciare con altre influenti reti di ONG. A esse piace vantarsi di agire da privati e indipendenti dal governo. Ad esempio, organizzando ‘nobili’ soccorsi, possono avere un’influenza politica ed economica profonda nei Paesi sottosviluppati“. (6) A differenza dei media mainstream francesi, servi per natura dei magnati e delle lobby della finanza e della grandi imprese (7), accademici e giornalisti stranieri credibili tentano d’informare il pubblico, come i rinomati professori di sociologia Hans-Jürgen Krysmanski e Georges William Domhoff. Secondo la loro classificazione, le grandi ONG, in particolare quelle chiamate alla “democratizzazione”, appartengono alla seconda categoria, quella dei “finanziamenti e formazione“. (8)
Questi ricercatori ne citano le principali:
Open Society Foundation: (…) Questa è l’unione di ONG patrocinate da George Soros (György Schwartz). Già nel 2003, queste ONG organizzarono e seguirono la rivoluzione delle rose georgiana che consegnò il potere al beniamino degli Stati Uniti Mikheil Saakashvili. La rivoluzione arancione in Ucraina, nel 2004, fu anche finanziata dalle fondazioni di Soros. Già nel 2011, il canale televisivo russo RT avvertì che Soros, seguendo il modello libico, finanziava un imminente colpo di Stato in Ucraina, avvenuto nel 2014 con l’euromaidan. Queste fondazioni preparano il terreno per ogni sorta immaginabile di future agitazioni in diversi Paesi. E’ stato recentemente rivelato che davano 1500 dollari al mese agli studenti macedoni per rovesciare il governo.
National Endowment for Democracy, NED:
In più di 90 Paesi il NED supporta più di 1000 progetti con obiettivi cosiddetti democratici. Troviamo la sua firma in quasi tutti i recenti rovesci di governi. Le élite del NED radunano membri del CFR e rappresentanti di grandi multinazionali, presenti anche in altri gruppi di riflessione. Il fondatore del NED, Allen Weinstein, disse chiaramente, “gran parte di quello che facciamo oggi fu fatto in segreto dalla CIA 25 anni fa”. Anche il New York Times riconobbe in un articolo che il NED orchestrò con decisione la primavera araba.
Movements.org:
E’ un’ONG specializzata in tumulti giovanili per la democratizzazione, e trasse, ad esempio, i movimenti giovanili egiziani del 6 aprile da un insignificanti gruppetto facebook, a capo del movimento della rivoluzione egiziana del 2011. E’ finanziata dalle stesse multinazionali presenti anche nei vertici di think tanks, Google, Facebook, CBC, MSNBC, Pepsi ecc. Movements.org è anche collegato direttamente al dipartimento degli Esteri.
Fondazione Ford, Fondazione Oak, Sigrid Rausing Trust, Fondazione Rockefeller sono della seconda categoria, finanziano e addestrano la facciata locale sulle piazze, indictaa dalla quinta categoria, che consiste in piccoli gruppi di protesta violenta che, secondo i bisogni, i media erigono a eroi della libertà e della democrazia”. (9)
Ampiamente rispettato per l’onestà intellettuale e la grande conoscenza di alcune aree di conflitto, il Professor Tim Anderson dice anche in un articolo sul lavoro delle ONG occidentali in Siria, “Ogni attacco contro al-Nusra viene quindi descritto come un attacco a civili e cliniche, o contro personale sanitario. Lo stesso vale per Medici Senza Frontiere (MSF), che finanzia le cliniche di al-Nusra (per lo più senza volontari stranieri) in diversi territori dominati dai terroristi”. (10) In un altro testo importante, “Aleppo, storia di due ospedali”, Brandon Turbeville indica: “Mentre MSF è spesso descritto dai media occidentali come indipendente, niente potrebbe essere più lontano dalla verità. In primo luogo, Medici Senza Frontiere è finanziato interamente dalle stesse istituzioni finanziarie di Wall Street e circoli dominanti della politica estera di Londra che sperano nel cambio di regime in Siria e Iran. La relazione annuale di Medici Senza Frontiere (rapporto 2010), cita come donatori Goldman Sachs, Wells Fargo, Citigroup, Google, Microsoft, Bloomberg, Bain Capital, la società di Mitt Romney, e una miriade di altre società finanziarie. MSF ha anche banchieri nel suo comitato di sponsorizzazione, come Elizabeth Beshel Robinson della Goldman Sachs”. (11)

ONG, lupi camuffati da nonnine premurose
L’internazionale umanitaria è quindi in buona parte, almeno, strumento di sbiancamento dei principali mercati finanziari occidentali, in particolare New York e Londra. Basta leggere i rapporti di numerose organizzazioni non governative coinvolte nelle attività nelle aree di tensione, accessibili sul web. È una coincidenza che un altra potente ONG francese, “Azione contro la fame” (ACF), veda alla guida la nuova presidentessa Stéphanie Rivoal, della (ma guarda!) Goldman Sachs? Colto in tali gravi contraddizioni e altre carenze, il grande “Mammut” (12) del ministero della Pubblica Istruzione sembra (o fa finta) di non sapere: tale ONG, grande lupo nell’ovile, è guidata dalla stessa potente banca statunitense che saccheggia i beni pubblici in Grecia e nel mondo (13). Ad ogni primavera, numerose scuole dell’esagono accolgono centinaia di migliaia di scolari, studenti universitari e delle scuole superiori durante la sacrosanta “Giornata contro la fame” della stessa “Azione contro la fame”. In un liceo di Nanterre, alla periferia di Parigi, gli insegnanti furono unanimemente indignati quando uno di loro, quasi alla pensione, osò ricordargli che “la povertà non è solo il sacco dell’Africa o di Haiti, ma anche della Francia“. (14) Questo conforma l’appiattimento e l’ignoranza della realtà sociale in cui si ritrova, in generale, la categoria (a sua volta scadente e ideologizzata) dei docenti, anche dell’istruzione superiore, che si occupano dei “cittadini di domani” (15), ma inconsapevoli dell’inganno che perpetrano da decenni. Qualche amico degli Interni me l’ha confermato, in questa “giornata contro la fame”, in cui studenti e docenti sono convocati sotto pena di licenziamento, nell’ideale sublimato dei “diritti dell’uomo”, tutti corrono… per la gioia del nuovo catechismo laico umanitario al servizio della finanza (Wall Street e City) e della geopolitica (dell’ambulanza e della cannoniera). Per dirla diversamente, il sistema accademico occidentale che segue i nostri figli dalla scuola materna opera affinché la società acconsenta alla propria riduzione in schiavitù e a promuovere, nelle zone ambite, come priorità l’ospedale all’ultimo grido per i terroristi e la salva dei missili da crociera contro esercito e infrastrutture del Paese da “liberare”.
Vediamo brevemente il pedigree della presidentessa di Azione contro la fame, come tracciato delle sue pubbliche relazioni: “Dopo un percorso netto nel mondo della finanza, ESSEC, Goldman Sachs, Lazard e JP Morgan, Stéphanie Rivoal decise nel 2003 un nuovo inizio investendo nel campo della fotografia e poi dell’associazionismo umanitario”. (16) Ambulanza e cannoniera o salvatore e carnefice, il contrario è anche vero: la duplicità delle istituzioni internazionali, finanziarie e umanitarie, che più volte distribuiscono baci mortali a Stati e popoli da sottomettere. Durante l’operazione greca di Goldman Sachs, che truccò i conti pubblici per consentirle di entrare in buona (e falsa) salute nell’Unione europea (ingannandola), la banca non esitò a rivoltarsi contro la cliente immersa in una crisi economica senza precedenti (17), realizzando enormi profitti durante l’applicazione del solito credo per privatizzare il denaro pubblico e socializzare il debito privato. Finanzializzare il debito sociale: in tal modo, sulla base del principio che ogni parvenza d’indipendenza della Francia può essere rapidamente sanzionata con un forte aumento dei tassi sui prestiti regolarmente concessi dai mercati finanziari anglosassoni; comportando ipso facto l’abbandono della “rete di sicurezza sociale”, garante della pace sempre più precaria per via di austerità, molteplici scandali e provocazioni, e l’esplosione di tutti i territori destinatari del bilancio statale (18). Non dimenticando la malvagia legge del gennaio 1971 passata sotto G. Pompidou (19), che vietava ai ministeri e agli enti pubblici di prendere in prestito (a tasso zero) dalla Banca di Francia, costringendo lo Stato francese a un debito enorme ed esponenziale verso le banche private, nazionali ed estere.
Nell’indagine estremamente approfondita su MSF e altri, da una dichiarazione del direttore esecutivo Stephen Cornish, B. Turbeville deduce che: “L’organizzazione finanziata da Wall Street supporta i terroristi armati e finanziati dall’occidente e dai suoi alleati regionali, molti dei quali si sono rivelati stranieri, affiliati o direttamente appartenenti ad al-Qaida e al suo braccio politico de facto, i Fratelli musulmani. Tale cosiddetta organizzazione umanitaria internazionale è in realtà un altro ingranaggio della macchina militare segreta contro la Siria, di cui interpreta il ruolo di battaglione medico”. (20)

Il servizio di ambulanza di MSF per Jabhat al-Nusra e altri gruppi terroristici
Brandon Turbeville continua: “In un intervista a NPR che Cartalucci cita parzialmente nel suo articolo, “il direttore esecutivo di MSF, Stephen Cornish, ha ammesso che l’organizzazione ha fornito assistenza significativa agli squadroni della morte; non solo le cure secondo il giuramento d’Ippocrate, ma ciò che appare un programma rivolto ai ribelli”. (21) Ricordiamo lo sfogo (colpevole e tardivo) di Jacques Bérès (22) chirurgo volontario francese impegnatosi in alcune missioni presso i “ribelli” in Siria. Dopo aver ampiamente utilizzato (e volontariamente) la propaganda dell'”opposizione moderata” mai realmente esistita (23), Beres infine testimoniò di aver curato dei veri terroristi…” France Info riferì allora, e ci chiediamo ancora come?: “Il chirurgo, co-fondatore di Medici Senza Frontiere, compì una missione ad Aleppo bombardata di frequente, dove curava i combattenti. Ha incontrato molti jihadisti, tra cui due francesi. Fu sorpreso dall’incontro con i due francesi, “fu inquietante, uno disse che Mohammed Merah era un esempio da seguire. Dicevano che combattevano Bashar per il momento ma che il loro obiettivo è l’emirato mondiale e la Sharia (…) Tra le decine di feriti che Jacques Bérès curò, le maggioranza erano combattenti, spiegandola con la vicinanza di Aleppo con la linea del fronte. Ma ciò che cambiò rispetto alle altre missioni, come quella di febbraio a Homs, sono i profili dei combattenti, “la metà sembravano jihadisti”, avevano “la fascia, i versetti coranici, anche le auto che li portavano avevano la bandiera di al-Qaida“. (24) Infatti, disturbato dal realizzare, a questo punto, un attivismo schizofrenico, osservato anche da molti interlocutori, evitò di collegare le figure interne ed esterne del terrorismo islamista identicamente barbaro e manipolato. Durante la campagna di menzogne su Aleppo tramite la collusione dei media e delle classi politiche occidentali (25) sugli “attacchi agli ospedali, attribuiti in modo sistematico al “regime siriano”, che costituivano crimini di guerra e che aprivano di fatto la porta all’intervento NATO, spiegando l’insistenza dei media a riferire in modo fuorviante con l’unico scopo di accelerare tale processo per preparare gli occidentali ad accettarne i costi umani e finanziari” (26). Ascoltiamo, per esempio, da Gaziantep, città di confine della Turchia, la testimonianza di Carlos Francisco, capo della missione Siria di MSF: “la cosa peggiore mai vissuta ad Aleppo (…) pesanti bombardamenti senza interruzioni, (…) i medici siriani con cui ho parlato inviarono immagini in cui vedemmo vittime curate sul pavimento. (…) l’assedio alla città impediva a qualsiasi aiuto umanitario di entrare e… l’evacuazione di feriti… Inoltre, la stazione che forniva acqua ad Aleppo orientale fu bombardata. Quasi 250000 persone furono private dell’acqua potabile”. (27)
Come giustamente osserva Marie-Ange Patrizio, che ha analizzato il discorso vago nella sua descrizione ma preciso nelle pretese: “Francisco sottolinea i corridoi umanitari, uno dei punti chiave della campagna di MSF. Obiettivo chiave anche di Ayrault e accoliti della comunità internazionale. La dichiarazione è immediatamente e completamente ripresa dai media con il titolo (al solito): “Carlos Francisco (MSF) ad Aleppo, ‘vediamo vittime curate a terra’”. Ma Francisco poté trasmette le immagini che ha ricevuto? L’unica immagine che illustra il comunicato stampa di MSF è quella di un camion che brucia dietro un uomo in piedi che attraversa la strada, che non indica nulla. E la foto non viene dai “medici di cui (Francisco) parla”, ma da Amir al-Habi, “fotografo freelance ad Aleppo” e corrispondente di AFP appena arrivato ad Aleppo est. Tutte le foto di al-Habi che possiamo vedere, seguendo il consiglio di Power, si trovano su “Internet” e sono realizzate esclusivamente nelle zone “ribelli”. Fotografo moderatamente freelance”. (28) In questi tempi difficili, quando il lavoro scarseggia e dove tensioni e comportamenti violenti e/o irrazionali sono esacerbati tra accuse reciproche, chi ha tempo di leggere, verificare e controllare le informazioni, il tempo di parlarne? Chi, nonostante il continuo flusso di cattive notizie, si districa dai racconti di fantasia su tale terribile conflitto, rifiutando l’imposizione delle narrazione e spiegazioni mediatiche di tali tragedie? La giornalista indipendente nota per aver smantellato diverse volte i trucchi di tale propaganda e i tentativi di screditare chi indaga in modo professionale sui ribelli, Eva Bartlett. riferiva: “Non sorprende che, invece di riportare questi esempi documentati di terroristi (che si filmano da soli) mentre attaccano gli ospedali siriani, i media commerciali e la propaganda dei gruppi di diritti umani riempiono prime pagine e schermi televisivi di aspre accuse all’esercito siriano e/o russo che bombarda un presunto ospedale di MSF ad Aleppo“. (29) A parte la macchina della propaganda che ha raddoppiato gli sforzi nella disinformazione e demonizzazione, dopo la liberazione dei quartieri orientali di Aleppo, continuamente presentata come sua “caduta”, preparando le menti a una guerra diretta (30), la questione etica e della responsabilità legale di MSF (e consorelle) in questo conflitto si pone chiaramente. Ascoltiamo argomentare il legale di MSF sulla sua posizione in Siria, il 7 ottobre, quando il premio Nobel per la pace tanto atteso infine non fu assegnato ai “caschi bianchi”, i nostri cari angeli custodi che si filmano da “bravi organizzatori” della protezione civile, mentre partecipano alle esecuzioni di civili ritenuti “pro-regime” e combattono l’Esercito arabo siriano, durante lo spettacolo “Il grande tavolo” di France Culture, “Siria: si dovrebbe ripensare il diritto umanitario?” “Sappiamo che la popolazione viene privata degli aiuti dallo Stato siriano (…) i gruppi armati di opposizione organizzano la protezione civile, con l’aiuto di esperti inglesi molto militanti e molto impegnati. (…) Non ci poteva essere alcun aiuto perché il governo siriano ci aveva posto una serie di ostacoli (…) vietava gli aiuti (perché) che affida alla Mezzaluna Rossa siriana, che non è un’organizzazione neutrale”. (31) Quindi MSF non riconosce questo diritto allo Stato siriano, continua il direttore legale: “Abbiamo sempre rifiutato di passare dalla Mezzaluna Rossa, che non è né imparziale né neutrale (…) I caschi bianchi non possono essere neutrali perché il governo vieta l’attraversamento delle famose linee del fronte“. Il diritto alla cura è un requisito, aveva detto senza tema: “(…) Così agiamo nel territorio non governativo“. (32) Perché in effetti, “Questo è il concetto della guerra contro il terrorismo da rivedere (…) è totalitario, basato sul concetto di sicurezza totalitaria (…) È pertanto necessario ridurre i concetti di lotta al terrorismo (…) che schiacciano le leggi di guerra”. “Finora, dice Marie-Ange Patrizio, secondo MSF, il governo siriano applicherebbe una “concezione totalitaria” della sicurezza difendendo il Paese non dal terrorismo, ma dall'”opposizione moderata” e avrebbe utilizzato “l’argomento della sovranità” per proibire alle ONG neutrali e imparziali d’intervenire. “Ed è perciò che MSF chiese sin dall’inizio della guerra siriana il diritto di non essere considerati dei criminali”: cioè il diritto d’ignorare la sovranità dello Stato siriano. Trascinato dal suo ruolo di “facinoroso di MSF”, il direttore legale non ebbe più ritegno: “Siamo andati due volte al Consiglio di Sicurezza per dire che l’aiuto medico doveva essere derogato dalla legislazione sul terrorismo, si non è complicato comunque!”… soprattutto per un’ONG che ha vinto il premio Nobel per la Pace a Groznij contro la lotta al terrorismo “totalitaria” di Mosca, ed ha un bilancio di’ 353,1 milioni di euro, per il 96,3% di origine privata, grazie a donatori non governativi come la Fondazione Clinton“. Sospettando un’operazione coperta dei servizi segreti francesi, la reazione di Damasco, nel febbraio 2016, non si fece aspettare quando accusò formalmente l’ONG. In effetti, il suo rappresentante alle Nazioni Unite, Jafari, disse: “Questo presunto ospedale fu installato senza il permesso del governo siriano alla cosiddetta rete francese che si chiama Medici Senza Frontiere, che è un ramo dei servizi segreti francesi che opera in Siria (…). Se ne assumeranno tutte le conseguenze, perché non hanno consultato il governo siriano”. (33) Iran e Russia, alleati leali ma esigenti della Siria, non avrebbero accettato una falsa accusa di Damasco, mettendone a rischio le azioni diplomatiche in sede internazionale. In pericolo di fronte l’impero, queste potenze sanno che la prova inconfutabile proverrebbe da un’eventuale smentita. Sarebbe interessante approfondire e rendere pubblica questa denuncia contro MSF, strumento come tante altre ONG internazionali, della finanza e dei servizi segreti dei Paesi anglosassoni e della NATO (34). Nonostante il loro lucro e il loro cinismo, la minaccia che rappresentano per la pace e la sicurezza degli Stati, tali organizzazioni continuano ad ingannare tanti ingenui ed ad attirare sempre una grande quota di donazioni pubbliche e private, in Francia e altrove.
In una recente conversazione, un ex-funzionario della “sezione di Parigi”di MSF m’illustrò il quadro interno squallido. Come non dimettersi quando si vede una giovane volontaria di 23 anni piena di vita e di energia in Sudan, tornare come uno zombie dopo essere stata violentata nella totale impunità? Non solo non vi fu alcuna reazione ufficiale di MSF, ansiosa di restare sul campo e di non chiudere le sue antenne, ma perfino uno dei dirigenti di Parigi rispose al suo ritorno: “Ma sta zitta un po’! Non sei morta!!” E mi raccontò anche di aver sentito, questa volta per caso e prima di una riunione cruciale, lo strano discorso di un capo a un collega più giovane: “Se parli, ti ammazzo…“! Avete detto “umanitari”?!…

ONG, detonatori di future guerre
Lo specialista del nuovo tipo di guerra chiamata “ibrida”, Korybko spiega che per le potenti lobby ed altre, le ONG servono da “detonatori”, “Le ONG legate agli interessi stranieri giocano nel mondo un ruolo insostituibile nel fomentare le guerre ibride. La legge della guerra ibrida dice che tali conflitti sono scontri di identità creati da zero per disturbare, controllare o influenzare i piani infrastrutturali transnazionali comuni multipolari che transitano in Stati chiave, per mezzo della manipolazione del regime, della strategia del cambio di regime o del riavvio del regime (R-TCR). Queste tre tattiche potrebbero anche essere descritte come concessioni politiche, transizione di leadership, “pacifiche” o violente, o cambiamento fondamentale nello Stato deviandolo su pressione verso una federazione di identità facilmente manipolabile”. (35) Spiega: “Quando una rivoluzione colorata avanza verso la transizione alla guerra ibrida, evolvendo nella guerra non convenzionale, gran parte del vecchio dispositivo strutturale che tira le corde resta in piedi, ma sotto un altro nome. La maggior parte delle reti di ONG e del loro personale diventano ribelli armati o vi danno supporto informativo, organizzativo, logistico e/o materiale. Anche se le tattiche R-TCR sono cambiate, il principio rimane lo stesso, ma con un significativo afflusso o meno di aiuti esteri segreti (insorti, armi) per raggiungere tali obiettivi. Tutte le ONG e i loro lavoratori non sono legati a interessi stranieri e non partecipano ad attività sediziose apertamente, ma è probabile che molte lo siano in un modo o nell’altro, dato che dopo tutto l’unica differenza tra i rivoluzionari colorati e le controparti nelle guerre non convenzionali sono i mezzi disponibili per raggiungere l’obiettivo comune, con una mano che lava l’altra nello svolgimento delle attività aggiuntive a tale scopo“. Andrew Korybko nota: “Dobbiamo ricordare che le guerre ibride si basano sull’istigazione estera e la manipolazione per creare un conflitto identitario nello Stato di transito di un grande progetto infrastrutturale congiunto transnazionale multipolare. È molto più facile concepire la funzione delle ONG in relazione alle forze estere ostili che hanno interesse nel mettere tale sequenza di “caos controllato” in movimento. Questi gruppi sono responsabili del sentimento di separazione identitaria nella popolazione, sentimento manipolato dall’ingegneria sociale che gli organizzatori ritengono che alla fine trasformi i cittadini patriottici in attivisti antigovernativi“.

L’urgenza di scoprire (e combattere) le ONG in quanto struttura, ideologia e propaganda
Sempre secondo il ricercatore, assieme ad altri noti investigatori come J. Teil B. Turbeville, Krysmanski, Domhoff e T. Anderson, v’è l’urgenza di comprendere ruolo e funzionamento delle ONG nel provocare queste devastanti guerre ibride, destinate a svilupparsi in un contesto di disoccupazione e riduzione delle risorse finanziarie e materiali. Molti osservatori comprendono tale pericoloso sviluppo, visto ciò che accade non solo in Medio Oriente, ma anche nei Balcani (con la sovversione della Moldova in particolare) e in tutti gli Stati che si allontanano o rifiutano la volontà egemonica di Stati Uniti e loro alleati: “La guerra ibrida è l’ultima forma di aggressione delle forze unipolari contro l’ordine mondiale multipolare emergente, e la via indiretta con cui viene praticata, protegge il responsabile dall’impatto immediato aumentando l’attrattiva di tale sistema. Poiché l’uso della guerra ibrida come strumento di politica estera non mostra alcun segno di cedimento reale nel prossimo futuro, per via della novità e della natura redditizia dell’applicazione, v’è l’urgenza di capirne tutte le sfaccettature per meglio combatterla, e quindi la rilevanza di esporre il ruolo centrale svolto dalle ONG in tale processo”. (36) Alla luce del pretesto ‘umanitaria’ nella destabilizzazione degli Stati nazionali contrari al dominio unilaterale dell’impero (37), v’è l’urgente bisogno che tutti gli Stati si garantiscano sovranità e coesione nazionale controllando rigorosamente tali organizzazioni straniere ed anche ne combattano con nettezza struttura, ideologia e propaganda: “Le reti di ONG e il personale locale coinvolti in questo programma supportato dall’estero aspirano a spezzare, controllare o influenzare i progetti infrastrutturali di cui sopra con vari gradi di pressione R-TCR contro le autorità. Possono trasformarsi in ribelli o altre forme di minacce asimmetriche quando la loro tattica della rivoluzione colorata non riesce ad avviarsi divenendo gradualmente una forma di guerra non convenzionale migliorata. Dato che le ONG legate agli interessi stranieri sono l’avanguardia nell’ultima iterazione della guerra ibrida nel mondo, è nell’interesse di ogni governo responsabile imporre controlli e restrizioni su questi gruppi al fine di neutralizzarne le capacità offensive e garantirsi la sicurezza nazionale”. (38) A seguito della Brexit, dei primi mesi di presidenza Trump, della liberazione di Palmyra e tante altre importanti sorprese (impensabili) per le classi dirigenti occidentali, le notizie internazionali mostrano sempre più una situazione senza precedenti e del tutto eccezionale.
Lacerato da un vento potente e nuovo, tramite gruppi di attivisti efficaci ed integrati da patrioti anti-corruzione (civili e militari), intelligence, informatori e hacker, sotto la crescente pressione dell’opinione pubblica, le maschere cadono una dopo l’altra. Per chi vuole conoscere e proteggere le proprie radici (in un Paese, regione, città, quartiere), come gli altri mezzi e strumenti di dominio e potere, le ONG mostrano sempre più il loro vero volto. In Ungheria, ad esempio, il vicepresidente di Fidesz Szilárd Németh aveva dichiarato che “l’Ungheria dovrebbe liberarsi dell’impero di ONG di Soros. Il contesto internazionale ora lo consente“. A fine dicembre, il primo ministro ungherese ancora una volta denunciava influenza di Soros mentre proclamava il 2017 “l’anno della ribellione dei cristiani e degli europei nazionali della nostra specie contro le forze liberali e globaliste“. In Algeria, il recente scioglimento del Rotary Club di Relizane suscitava grande scalpore nel contesto della mobilitazione generale dei servizi di sicurezza contro le attività di sovversione e spionaggio, con l’aggiunta del caos libico e sahariano, con la Tunisia diventata parco giochi di servizi segreti stranieri particolarmente aggressivi. Di fronte alla pirateria elettronica verso gli ultimi aerei da combattimento Sukhoj consegnati dalla Russia (e il controllo dei loro voli), ai droni non identificati provenienti dal confinante, alle incursioni continue di gruppi armati nel Sud, agli arresti di spie confuse nel flusso di rifugiati africani, ai persistenti disordini nelle comunità nel Mazab e in Cabilia, i servizi di sicurezza e controspionaggio sono in allerta. L’inseguimento eccezionale continua. Inoltre, con un tipico ripiegamento all’interno da “fine del mondo” o “reset” pericoloso, tali ONG sono ora utilizzate nel cuore dell’impero, con sincronia implacabile con, tra gli altri, la militarizzazione delle forze di polizia (39), l’applicazione di tattiche di guerra, acquisite nelle ultime guerre neocoloniali con il pretesto della “guerra al terrore”, per mantenere l’ordine, la sorveglianza totale dei propri cittadini, riducendo le libertà individuali con l’impoverimento volontario e generale. Come un mostro ferito, o impazzito, che divora i propri figli, l’inizio di una “Primavera americana” (40), violenta e organizzata, si avvia con strumenti, tattiche e finanziamenti identici a quelli usati nel resto del mondo. Questa primavera potrebbe portare a una guerra civile dalle conseguenze inimmaginabili, non solo nazionali, se mai Donald Trump venisse deposto o assassinato.

In Francia, le ONG sono contro i confini e per le guerre
Al contrario di Nanterre, di cui stavamo parlando, dall’altra parte di Parigi, la socialista Créteil celebrava al buffet di saluto del sindaco L. Cathala, “l’ardente difensore dei diritti degli stranieri” Lenka Middlebos. In un post maliziosamente intitolato “I nostri prima dei nostri“, il presidente locale del Fronte Nazionale G. Marzo indicava che quella serata ai pasticcini del maggiore rosticciere, “Serge, 47 anni, trema” con meno 2 gradi. Chiama ogni notte il 115 per un alloggio di emergenza, alloggio ahimè saturo negli ultimi mesi a causa degli ulteriori migranti che si aggiungono ai “Senza dimora fissi”. Avendo studiato nella scuola di cinema in Ungheria, Paese ed anche arte favorita dal potente apostolo del globalismo G. Soros, Lenka si trasferì in Francia nel 1977, dove lavorò presso la sede di “Francia Terra d’Asilo”, altra ONG dove si prese cura dei “boat people“. Come notato nel giornale locale Vivere insieme, tutto un programma nella bocca del PS!, Lenka “invita la Francia ad aprire nuovi centri e a sostenere l’integrazione dei richiedenti asilo”. (42) Con la lenta implosione del sistema siamese “UMPS” (43) assistiamo allo stesso scenario d’impeachment più o meno legale (anche brutale?) che verrebbe applicato contro l’unica candidata presidenziale data vincente: Marine Le Pen. La maggioranza della popolazione francese, anche di origine straniera, è assai scontenta verso tale politica di rottura generalizzata del loro modello, attribuito giustamente a questa casta politica, Partito Socialista, Repubblicani ed alleati occasionali, sempre più attratto dalla strategia globalista di questa élite corrotta, basata sull’indebolimento dello Stato (e dei suoi servizi) e sul disarmo di tutte le componenti della società. Lavoro, identità, tradizioni, famiglia, mascolinità e altri fondamenti antropologici e sociali sono specificamente e distintamente attaccati, con cui il disarmo accelera ed anzi propone, supremo insulto alla nostra intelligenza collettiva, questo spaventapasseri dell’alta finanza che ci mostrano come nostro Messia: Emmanuel Macron…
Privare, in un modo o nell’altro (44), la maggioranza dei francesi del diritto di scelta potrebbe anche portare, come probabilmente negli Stati Uniti, all’esplosione popolare fuori controllo. Le ultime confidenze di un sergente arrabbiato per l’assenza di ascolto degli ufficiali di Stato Maggiore, “che si sentono a loro agio con la blusa“; alti ufficiali in breve “che, nella base vivono in ciò che noi e la truppa chiamiamo il sedicesimo”, la dice lunga su ciò che può accadere. “Grandi lavori sono previsti nelle nostre caserme, richiesti con urgenza…“, mi aveva detto. E alla mia osservazione che alcuni informatori degli Interni prevedono che i 20000 uomini delle forze dell’ordine sarebbero insufficienti in caso di grave rivolta, finendo rapidamente in prima linea con le loro famiglie, mi rispose con un sorriso stanco: “Sì, abbiamo avuto alcune decine di anni tranquilli in Francia; e ora corriamo verso un periodo per nulla tranquillo; e non parlo di terrorismo…
Nella folle corsa verso l’abisso, gli strumenti della “transizione democratica” imposti dall’impero (a cui la Francia è asservita), le ONG della “solidarietà internazionale” continuano il loro lavoro all’interno, con milioni di “migranti” creati dalla destabilizzazione a cui partecipano attivamente. Per oltre un anno, questi grandi flussi organizzati dalle ONG col loro traffico via mare fino all’Europa (45) si sono organizzati e nelle ultime settimane il Patrono di Frontex, l’agenzia della sicurezza che monitora le frontiere della Comunità europea, accusava pubblicamente alcune ONG. (46) Appartenenti o meno ai 5000 sostenitori e attivisti dello SIIL, secondo l’Interpol, questi rifugiati di Francisco de Goya, il Saturno che divora i figli delle nuove guerre coloniali, ibride o dirette, militari o socio-economiche, potrebbero servire ad innescare incendi futuri, e questa volta “a casa”.

Emmanuel Macron

Note:
1 Molti testimoni ed eletti da diversi mesi parlano di “vera e propria guerra civile” soprattutto di notte con colpi di mortaio, bombe molotov, movimenti coordinati di gruppi, attacchi coi camion, sbarramenti, ecc.
2 Che dire poi dell’esplosione della povertà in Francia? Alloggi di emergenza completamente saturi a Parigi e nelle grandi città? Alla mia domanda falsamente ingenua se l’interesse della direttrice verso il giovane migrante (o esiliato), per il quale organizzò un servizio speciale, provenisse dalla famiglia o dalla storia personale, m’interruppe con molta freddezza: “niente affatto. È professionale“…
3 Il Libro nero delle ONG, ed. Kontre Kulture, Parigi. Julien Teil “ha lavorato diversi anni in una società specializzata nella raccolta di fondi per le principali ONG. Dal 2008 è passato alla ricerca e al giornalismo investigativo nella geopolitica e nelle relazioni internazionali, pubblicando su riviste e partecipando a vari lavori (Lobby Planet con AITEC; La guerra illegale della NATO alla Libia con Cynthia McKinney). Lavorò in una commissione internazionale d’inchiesta condotta in Libia durante l’operazione della NATO United Protector nel 2011, rivelandone i crimini di guerra e le disfunzioni alle Nazioni Unite e nella Corte penale internazionale. Nel 2012 partecipò alla creazione del Centro per lo Studio sull’Interventismo, istituto indipendente del Regno Unito con affiliati a Parigi, Washington e Roma“, Ibid.
4. qui
6. Klagemauer.TV
7. E che, coi loro articoli, coprono le tracce in modo che il lettore non capisca nulla dei conflitti che insanguinano il mondo, con una cacofonia mediatica deliberata. 7 miliardari in Francia controllano il 95% dei media mainstream (stampa, TV, radio). Vedasi Fabrice Arfi, giornalista di Mediapart e co-autore del libro sulla nuova censura. Fabrice Arfi e Paul Moreira, Informare non è un crimine, Ed Calmann-Levy, settembre 2015.
8. Secondo la seguente classificazione: “camera, think tank globalisti; 2.da categoria: finanziamento e formazione, ONG per la democratizzazione; 3.za categoria: retorica dei media, le fondazioni occidentali per i diritti umani ne fanno parte; 4.ta categoria: organizzazioni internazionali sul modello dell’ONU. 5.ta categoria: fronte locale sulle piazze, picchiatori come i “No border” pagati da Soros e che hanno il biglietto da visita degli avvocati di Parigi in caso di fermo…” Ibid.
9. Ibid.
11. “Aleppo: La storia di due ospedali
12. Per l’ex-ministro Claude Allegre, scienziato senza peli sulla lingua sul Climategate (IPCC e istituzioni internazionali e francesi coinvolti negli accordi sul clima che Trump e il suo team mettono in discussione), né sugli arcani del suo ministero di via Grenelle e i trucchetti dei sindacati.
13. Come anche spiegare che lo stesso ministero, ora guidato dalla giovane e fotogenica Najet Vallaud-Belkacem, ha recentemente approvato un contratto in esclusiva con Microsoft per tutte le scuole, dimenticando Linux, Ubuntu e il software libero? Quando si sa del vero pericolo di tale azienda monopolistica degli Stati Uniti, mancanza di etica e stretta collaborazione con l’agenzia d’intelligence NSA. Il nuovo sistema operativo Windows 10 è, ad esempio, fortemente criticato per la sua invadenza della privacy (compresa l’introduzione via “porte” nascoste e “sotto-attività” fuori dal controllo dell’utente), che in qualche modo ha modificato su pressione complessiva. Il capo della banca Goldman Sachs aveva anche chiesto pubblicamente di gettare nella spazzatura la BREXIT, dettata dalla volontà popolare inglese. Vedasi UPR e BBC
14. Gli stessi professori che scherzavano sul “piccolo Muhamad che picchia, di sicuro, la sua ragazza” o peggio ancora, i ragazzi automaticamente destinati ai cantieri BTP e le ragazze alle cure paramediche.
15. Questa espressione tanto cara al politicamente corretto. Formare i “cittadini di domani”? Studenti di scuole “difficili” per lo più provenienti da un’immigrazione repressa e discriminata che percepiscono acutamente con rabbia e umorismo la grande differenza tra il motto repubblicano “Libertà – Uguaglianza – Fraternità” e la realtà della loro vita quotidiana.
16. Stephanie Rivoal
17. YouTube o qui e Les Echos
18. Va ricordato a tale titolo come, lo scorso anno, furono indicati alcuni facinorosi provvidenziali (demonizzando i manifestanti) durante una manifestazione contro la “Legge sul lavoro” di fronte all’ospedale pediatrico Necker. Basta confrontare il costo dei danni: poche centinaia di euro per la sostituzione di finestre rotte, ai 15 milioni, anzi, decine di milioni di euro consapevolmente amputati dal bilancio della Sanità e Assistenza pubblica, sopratutto per gli ospedali di Parigi (APHP). La stragrande maggioranza dei lettori-spettatori (sotto ipnosi di massa) s’indignò per le finestre rotte, dimenticando il caso generale e molto più drammatico dei servizi pubblici e il tabù dell’obbligo storico per gli ospedali pubblici di prendere prestiti da banche private, spesso con titoli tossici… Leggasi Rue89
19. Banchiere dei Rothschild, E. Macron ora da lezioni di anticolonialismo all’Algeria! …
20 Vedasi Land Destroyer
21 Ibid.
22. Inoltre co-fondatore di Medici Senza Frontiere e Medici del mondo, secondo la sua pagina Wikipedia. Vedi qui e qui.
23. In “Siria: scienziati tedeschi smascherano le posizioni dei media mainstream”: “gli scienziati sono estremamente sorpresi dal fatto che i media mainstream non solo non criticano, ma non dicono una parola sulla politica “fatale di rovesciare regimi nel Vicino e Medio Oriente guidata dagli Stati Uniti”. Eppure gli “Stati falliti” sono terreno fertile per il terrorismo e fonte principale del flusso di migranti verso l’Europa, conseguenze della politica di Washington. In conclusione, il rapporto espresse preoccupazione per l’emergere di “una nuova guerra fredda tra occidente e Russia” ed esortava le istituzioni civili a partecipare al dibattito politico e affiancare i sostenitori del pacifismo nel raccomandare i modi per prevenire conflitti e guerre”.Sputnik
24. France Info
25. Propaganda chiaramente denunciata, in particolare da Eric Dénécé, capo del Centro d’Intelligence Francese (CFR) il 21 dicembre su LCI (di fronte al giornalista improvvisamente indifeso Y. Calvi, che giocava all’ingenuo e si chiedeva se fosse stato ingannato!.. )
26. Ecco perché uno dei candidati alla presidenza, Emmanuel Macron, fortemente sostenuto dai media e ormai insultato da sempre più francesi, aveva appena detto come Aleppo fosse “una sconfitta per la Francia“.
27, Marie-Ange Patrizio, “MSF nel Consiglio di Sicurezza, la campagna “crimini di guerra ad Aleppo est”, “Marseille”, 9 dicembre 2016.
28. Ibid.
29. Alle Nazioni Unite, in una riunione sulla Siria trasmessa da Russia Today
30. Imponendo a poco a poco “corridoi umanitari” e “no-fly zone” fino al verificarsi (forse causata se necessario) di un grave incidente per l’ingresso formale in guerra, come la distruzione del Su-24 russo da parte di un F16 turco, Putin si rifiutò di rispondere, e quindi attrasse con successo la Turchia di Erdogan nella sua trappola.
31. France Culture.
32. Françoise Bouchet-Saulnier, direttore legale di MSF, con il professor Pitti (UOSSM). Come indica M. A. Patrizio: “Il diritto umanitario fu creato da Henri Dunant per conto di un Paese neutrale, la Svizzera. Consente ai neutrali di soccorrere i due lati contemporaneamente“. La dichiarazione di agosto 2015 consente “la condotta in un’azione collettiva tempestiva e decisiva attraverso il Consiglio di Sicurezza, in conformità con la Carta (…) in cui le autorità nazionali non riescono a proteggere le loro popolazioni da genocidio, crimini contro l’umanità o crimini di guerra“. Ibid.
33. L’ambasciatore siriano a Mosca accusò l’aviazione statunitense di aver “distrutto” l’ospedale supportato da MSF, mentre Washington accusò il governo siriano e l’alleato russo. Jafari ribadì l’accusa contro Washington, dicendo che Damasco aveva “informazioni credibili”. “È più facile diffamare il governo siriano e i nostri alleati“, aggiunse. Vedasi SANA, 17 febbraio 2016.
34. In particolare francesi, i cui leader sono diventati atlantisti sotto “Yankee Sarko
35. Andrew Korybko “ONG e meccanismi della guerra ibrida“, Oriental Review, 23 settembre 2016. Ibid.
36. Katehon
37. “Stati canaglia” nella terminologia di Bush nel sua concezione (pseudo) messianica.
38. A. Korybko, op. cit.
39 Con il diritto di uccidere i manifestanti nell’ambito del nuovo Trattato europeo, già nei manuali delle forze dell’ordine statunitensi.
44 Un’indagine fu opportunamente istruita in quei giorni a livello europeo, con l’obiettivo di non fare eleggere Le Pen.
45. Tramite geo-localizzazione dei movimenti delle flotte.
46. “Richiesta di Frontex per fermare le ONG che “sostengono le reti degli scafisti”, 27 febbraio 2017.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Turchia e Stato islamico: una cooperazione anti-cinese

Ruben Kruglov, EoT, 18/2/2016

Se lo “Stato islamico” riuscisse ad occupare rapidamente i territori controllati in Afghanistan e Pakistan dai taliban ed annetterli all’autoproclamato “califfato”, la minaccia della destabilizzazione sarebbe alle porte della Cina.7062304455_c395eeaa32_bGli ultimi mesi hanno dimostrato quanto profondamente la Turchia sia coinvolta con lo SIIL. La Turchia ha inscenato gli eventi dello “Stato islamico” per molto tempo, favorendone la attività non solo indirettamente o ufficiosamente. Tuttavia, una dichiarazione ufficiale avvenne nell’autunno 2015 ad Istanbul, che potrebbe essere vista come dichiarazione turca sullo “Stato islamico”. La dichiarazione fu fatta dal capo dell’Organizzazione nazionale dell’intelligence della Turchia Hakan Fidan, che di solito non fa apparizioni pubbliche. Fidan dichiarò: “Lo ‘Stato islamico’ è una realtà. Dobbiamo riconoscere che non possiamo debellare un’organizzazione così radicata e popolare, come lo “Stato islamico”. E perciò esorto i nostri partner occidentali a riconsiderare le precedenti nozioni sui rami politici dell’Islam e mettere da parte la loro mentalità cinica, e insieme annullare i piani di Vladimir Putin per sopprimere la rivoluzione islamica in Siria“. In base a ciò Hakan Fidan trasse la seguente conclusione: è necessario aprire un ufficio o un’ambasciata permanente dello SIIL ad Istanbul, “La Turchia ci crede fortemente”. La storia della dichiarazione del capo dell’Organizzazione nazionale dell’intelligence è curiosa. In primo luogo comparve sui media on-line il 18 ottobre 2015, ma non ebbe molta attenzione. La dichiarazione di Hakan Fidan divenne famosa quando fu ripubblicata sui siti web delle agenzie di stampa il 13 novembre, alla vigilia degli attacchi terroristici di Parigi, nella notte tra il 13 e il 14 novembre. Il caso volle che la Turchia esortasse l’occidente a riconoscere un quasi-Stato che, da parte sua, si rifiuta di riconoscere il diritto degli altri Stati ad esistere. In sostanza, era un appello ad accettare le richieste del terrorismo globale dello SIIL. La pretesa è ben chiara, il giuramento di fedeltà al nuovo califfato.
983033-cpec-1446339827 Cosa significa la partecipazione diretta della Turchia nella vita del promesso “Stato islamico” per il mondo islamico e i suoi vicini (Russia compresa)? Questa domanda diventa più importante oggi, dopo che migliaia di rifugiati sono stati trasportati, non senza la partecipazione della Turchia, dal Medio Oriente all’Europa; dopo l’incidente con l’aereo russo che bombardava lo SIIL, abbattuto dalla Turchia; dopo le ampie affermazioni dei funzionari turchi. A questo proposito va ricordato un altro aspetto importante della politica mediorientale. La caduta del regime di Mubaraq in Egitto e la distruzione dello Stato gheddafino in Libia, all’inizio della “primavera araba”, quasi fecero crollare i legami economici di questi Paesi con la Cina, la cui presenza economica era in rapida crescita. In questo modo, è comprensibile come gli eventi della “primavera araba” abbiano creato una barriera all’espansione economica cinese in Medio Oriente e Africa, che minacciava gli Stati Uniti. In altre parole, la “primavera araba” era anche uno strumento efficace nelle mani degli Stati Uniti nella competizione globale con la Repubblica Popolare Cinese. Ora, studiando i collegamenti tra Turchia e SIIL, è necessario discutere cosa significhi l’espansione dello “Stato islamico” per la Cina.
Nell’autunno 2015, i media riferirono che le agenzie d’intelligence turche preparavano i terroristi uiguri cinesi. Si potrebbe pensare che il motivo qui siano i tradizionalmente forti legami tra i popoli turchi, oltre alla Turchia interessata a rafforzare l’influenza sulla parte orientale del mondo turcofono, il Turkestan. Tutto questo, naturalmente, è vero. Ma non è tutto. Si tratta anche dei gruppi uiguri addestrati e armati nelle fila dello SIIL. Vi sono sempre più prove della presenza di tali gruppi in Siria. Pertanto, lo SIIL è un nuovo strumento, migliorato dalla “primavera araba”, per destabilizzare il principale concorrente degli Stati Uniti, la Cina. Se lo “Stato islamico” riuscisse a catturare rapidamente i territori controllati dai taliban in Afghanistan e Pakistan e annetterli al loro autoproclamato “califfato”, la minaccia della destabilizzazione sarebbe alle porte della Cina. Le capacità dell’organizzazione califista che vi comparirebbe, con la prospettiva di raggiungere gli uiguri, renderebbero tale destabilizzazione inevitabile. Tuttavia, lo SIIL non è riuscito ad avanzare rapidamente nella zona afghano-pakistana. Ricordiamo cosa scrisse il quotidiano Daily Beast nell’ottobre 2015 con un articolo intitolato “Un’alleanza talebano-russa contro lo SIIL?” Il giornale scrisse che i rappresentanti dei taliban andarono in Cina più volte per discutere il problema degli uiguri del Xinjiang che vivono nel sud dell’Afghanistan. The Daily Beast citò uno dei rappresentanti dei taliban: “Gli abbiamo detto che (degli uiguri) sono in Afghanistan, e che gli abbiamo impedito di compiere attività anti-cinesi“. Gli esperti insistono sul fatto che il Pakistan (le cui agenzie d’intelligence hanno giocato un ruolo decisivo nella creazione dei taliban) passano dagli Stati Uniti alla Cina. Dato che le prospettive di cedere le aree pashtun, proprie e afghani, allo “Stato islamico”, che non si fermerebbe, sono inaccettabili per il Pakistan. Questo è ciò che, ovviamente, ha causato la svolta del Pakistan verso la Cina. E questa volta è stata così drastica che le conseguenze creano una nuova minaccia agli Stati Uniti con l’espansione dell’influenza della Cina.
Durante il Forum sulla Sicurezza di Xiangshan, dell’ottobre 2015, il ministro della Difesa, Acqua ed Energia pakistano, Khawaja Muhammad Asif, annunciò la messa al bando dei terroristi uiguri del “Movimento islamico del Turkestan Orientale” dicendo: “Credo fossero pochi nelle zone tribali, e che siano stati tutti cacciati o eliminati. Non ce ne sono più“. Asif aggiunse che il Pakistan è pronto a combattere contro il “Movimento islamico del Turkestan Orientale”, perché non è solo nell’interesse della Cina, ma anche del Pakistan. Successivamente, nella prima metà di novembre 2015, il giornale cinese China Daily annunciava che la compagnia statale cinese China Overseas Port riceveva dal governo pakistano 152 ettari di terreno nel porto di Gwadar, in affitto per 43 anni (!). Forse è giunto il momento di ammettere che la Cina ha quasi raggiunto il Mare Arabico attraverso la regione d’importanza strategica pakistana del Baluchistan (dove si trova Gwadar) e che il progetto di ampliamento dello SIIL ad oriente non è riuscito ad evitarlo? E’ ovvio che la lotta degli Stati Uniti contro la Cina continuerà in questo senso, motivo per cui la Cina si affretta a consolidare i risultati raggiunti e a creare una propria zona economica nei pressi dello Stretto di Hormuz. China Daily ha scritto: “Nell’ambito dell’accordo, la società cinese di Hong Kong sarà incaricata del Porto di Gwadar, il terzo più grande porto del Pakistan“. C’è un dettaglio degno di nota in questa storia: Gwadar è considerata la punta meridionale del grande corridoio economico cino-pakistano. Questo corridoio inizia nella regione autonoma uigura dello Xinjiang nella Repubblica Popolare Cinese. Ciò significa che la necessità di destabilizzare la Cina diventa ancor più acuta per i suoi concorrenti.
13940407000518_photoi Dato che il Pakistan e i taliban rifiutano di radicalizzare i cinesi uiguri (più di 9 milioni dei quali vivono in Cina), questo ruolo va a, da un lato, alla Turchia come patrona degli uiguri, e dell’altro allo SIIL, in quanto islamista ultra-radicale. Poi, se il corridoio afgano-pakistano per rifornire i gruppi radicali in Cina viene bloccato, per il momento, significa che ne serve un altro. Quale? Ovviamente, il mondo turco, dalla Turchia ai Paesi turcofoni dell’Asia centrale e gli uiguri cinesi. E’ più che probabile che la regione del Volga e il Caucaso del Nord dovranno fare parte del corridoio che serve a Turchia e SIIL per collegarsi agli uiguri. I media cinesi lo sottolinearono alla fine del 2014. A quell’epoca il sito web Want China Times pubblicò un articolo intitolato “I separatisti del ‘Turkestan orientale’ vengono addestrati dallo SIIL e sognano di tornare in Cina“. Il sito riprendeva i dati pubblicati dal media cinese Global Times. Secondo questi dati, i radicali uiguri fuggivano dal Paese per unirsi allo SIIL, addestrarsi e combattere in Iraq e Siria. I loro obiettivi soono avere un ampio riconoscimento dai gruppi terroristici internazionali, stabilire dei canali di contatto ed acquisire esperienza nei combattimenti reali prima di esportare le loro conoscenze in Cina. Global Times riferiva, citando esperti cinesi, che uiguri dello Xinjiang entravano nello SIIL in Siria e Iraq, o nelle sue divisioni nei Paesi del Sud-Est asiatici. Inoltre, la pubblicazione informava che, dato che la comunità internazionale aveva lanciato la campagna anti-terroristica, lo SIIL ora evitava il reclutamento di nuovi membri secondo la propria “base”, preferendo separarli inviandoli in piccole cellule in Siria, Turchia, Indonesia e Kirghizistan.
Il problema uiguro complicò i rapporti turco-cinesi nell’estate 2015. Tutto iniziò in Thailandia. Le autorità decisero di espellere oltre 100 uiguri in Cina. Nella notte tra l’8 e il 9 luglio, gli uiguri turchi attaccarono l’ambasciata cinese a Istanbul, per protestare contro questa decisione. In risposta, le autorità della Thailandia cambiarono posizione e dichiararono che gli emigranti uiguri non sarebbero stati deportati in Cina senza le prove dei loro crimini. Invece… furono deportati direttamente in Turchia! Non fu una decisione nuova, deportazioni di uiguri in Turchia già si erano avute. 60mila uiguri vivono in Turchia. Ciò significa che non si parla di singoli casi di espulsione, ma di concentrazione consistente di gruppi uiguri dai vari Paesi asiatici in Turchia. A luglio il sito arabo al-Qanun citò Tong Bichan, alto funzionario del Ministero di Pubblica Sicurezza cinese, dire: “I diplomatici turchi nel sud-est asiatico hanno dato carte d’identità turche ai cittadini uiguri della provincia dello Xinjiang, inviandoli in Turchia a prepararsi alla guerra contro il governo siriano a fianco dello SIIL“. Infine, solo di recente la risorsa propagandistica dello “Stato islamico” ha registrato una canzone in lingua cinese. La canzone contiene l’appello a svegliarsi diretta ai fratelli musulmani cinesi. Tali appelli fanno parte della campagna anti-cinese lanciata dallo SIIL. Un altro video dei califisti mostra un 80enne predicatore musulmano dello Xinjiang esortare i compatrioti musulmani ad unirsi allo SIIL. Il video mostra poi una classe di ragazzi uiguri, di cui uno promette di alzare la bandiera dello SIIL nel Turkestan. Tutto questo porta alla conclusione che tra gli obiettivi che lo SIIL cerca di raggiungere in cooperazione con la Turchia, vi è l’avvio della “Primavera cinese” in termini piuttosto chiari. Tale obiettivo richiede “collaboratori” presenti nei territori vicini alla Cina, in primo luogo negli Stati turcofoni dell’Asia centrale. Ad esempio, il Kirghizistan, a questo proposito, chiaramente dovrebbe diventare il luogo di concentramento e addestramento dei gruppi radicali.
La grande riformulazione del Medio Oriente cerca di volgersi ad est, in direzione della Cina. Il che significa che nuove gravi fasi di tale guerra non sono lontane.

china-pakistan-economic-corridor-2

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il partito Baath, tra il Saladino babilonese e il Bismarck siriano

René Naba, Madaniya 26 settembre 2014sadat-al-assad-kadhafi-in-cairoIl Partito Baath (di rinascita) socialista arabo fu fondato da un gruppo di giovani nazionalisti arabi guidato da Michel Aflaq, Zaqi al-Salahdin e Arsuzi Bitar durante una riunione, il 4-7 aprile 1947, in un caffè di Damasco. 67 anni dopo, la proclamazione del Califfato su porzioni di Iraq e Siria suonava come un colpo al partito Baath mente il fenomeno SIIL ebbe il grande merito di far rompere i codici della guerra asimmetrica precedentemente in vigore, in quanto riusciva con un blitz, una “guerra lampo”, ad ottenere in tre settimane ciò che 40 anni di governo baasista in Iraq e Siria non furono capaci a causa delle guerre tra i burocratici fratelli nemici del Baath, Sadam Husayn e Hafiz al-Assad: unire Mesopotamia ed Eufrate. Sotto la bandiera dello SIIL, insorti sunniti occupavano in tre settimane ampi territori a nord e ad ovest dell’Iraq. Nella tradizione dell’assalto delle brigate leggere, motorizzate ma senza armi pesanti, aerei e droni, aprievano nell’ovest del Paese una via per la Siria cogliendo il posto di frontiera di Buqamal, mentre quello di al-Qaim già lo controllavano grazie a un accordo locale con al-Qaida. Il curioso percorso dei baathisti iracheni, componente dello SIIL, che piuttosto che opporsi facendo fronte comune con i fratelli baathisti siriani, si univano ai loro ex-boia sauditi, sostenitori arabi e musulmani dell’invasione dell’Iraq dagli Stati Uniti, abbandonando al loro destino il governo siriano, già forte sostenitore dei guerriglieri anti-USA in Iraq e quindi oggetto delle ire di Washington con il “Syrian Accountability Act” del 2003. E’ opportunità una retrospettiva sul partito panarabo che ha governato Siria e Iraq tramite i due “mostri sacri” del mondo arabo: Hafiz al-Assad (Siria) e Sadam Husayin (Iraq), dieci anni dopo la caduta di Baghdad. Madaniya sottopone all’attenzione dei lettori questo pezzo del 2008 di René Naba, responsabile del coordinamento editoriale del sito.maxresdefault

Parigi, 4 aprile 2008
_73502134_saddam1Sovrastando i contemporanei, espressione finale della pretesa nazionalista araba in un ambiente sballottato tra opposizione islamica ed occupazione degli Stati Uniti, guidarono il destino dei loro Paesi in implacabili conflitti di legittimità, ma la cui alleanza avrebbe sconvolto il quadro strategico del Medio Oriente. Sono le “Superstar” del mondo arabo, almeno nella versione repubblicana. Entrambi posero le fondamenta del loro potere su quattro pilastri, clan, comunità, partito Baath ed esercito; entrambi si dichiararono devoti militanti del Baath, il partito pan-arabo che professa un’ideologia secolare e socialista. Di estrazione modesta entrambi, tuttavia raggiunsero la vetta del potere quasi contemporaneamente, nel crepuscolo del nasserismo, di cui assunsero la direzione, sostituendone la leadership. Loro unica comunanza. Tutto il resto li separò e la loro faida alimentò i commenti politici nel mondo arabo nell’ultimo quarto del XX secolo, mentre la giunzione dei due Paesi avrebbe garantito continuità territoriale alla regione dal Golfo Persico al Mediterraneo, attraverso il Medio Oriente, con l’effetto di spezzare le pinze formate dall’alleanza tra Israele e Turchia, i perni della potenza militare USA nella regione. Uno, un generale dell’Aeronautica, non smise da quando salì al potere nel 1970 di posare da civile come statista. Il secondo, militante di base, guidò l’evoluzione inversa, scalando, grazie a guerre incessanti in cui gettò il proprio Paese contro i vicini Iran e Quwayt, tutti i livelli della gerarchia militare raggiungendo il grado di Maresciallo. Uno e l’altro cacciarono i rispettivi mentori per avere il potere.
Il militare Assad ebbe per mentore il civile Salah Jadid, capo dell’ala sinistra del partito Baath al governo a Damasco, il civile Sadam ebbe uno sponsor militare, il Generale Ahmad Hasan al-Baqr, il “padre tranquillo” dell’esercito iracheno. Il più anziano Hafiz al-Assad, Presidente della Repubblica araba siriana, impassibile, imperturbabile, governò il suo Paese senza patema d’animo, con pugno di ferro per un quarto di secolo, 30 anni esattamente, utilizzando una rete di collaboratori praticamente inamovibili, in particolare i militari (Generale Mustafa Tlas) e diplomatici (Abdulhalim Qadam), entrambi garanti sunniti del suo regime. Senza vergogna, l’ex-proconsole siriano in Libano, Qadam, fu bandito alla morte del leader Assad per aver aderito al campo del miliardario saudita-libanese Rafiq Hariri.
Il secondo, il cui nome in arabo significa “tiratore”, Sadam Husayn al-Taqriti, prima di essere sloggiato dai suoi mentori statunitensi nel 2003, governò Baghdad per trentatré anni, prima come vicepresidente (1969-1979), e poi come presidente, per effetto di una svolta che gli permise di espellere o eliminare gran parte dei suoi associati dalle posizioni chiave del governo, con la notevole eccezione del suo messaggero internazionale, Tariq Aziz, la faccia cristiana e laica del regime. Questa rabbia purificante non salvò neanche la sua famiglia. Suo cognato Adnan Qayrallah Tulfah, ministro della Difesa, ben rappresentò la storia irachena in quanto una delle più celebri vittime della meteorologia politica. Un misterioso incidente aereo, in una bella giornata d’estate, tuttavia causato da assenza di visibilità, mise bruscamente fine al beniamino in carriera dell’esercito vittorioso nella guerra all’Iran. Suo figlio, Husayn Qamal, figlio d’arte, perì pure di morte violenta, nonostante il suo pentimento per la defezione presso il nemico, dopo la seconda guerra del Golfo (1995). Un esempio.
In balia dei colpi di scena nel conflitto in Libano (1975-1990) e del processo di pace arabo-israeliano, Siria e Iraq divennero l’incarnazione del fronte della fermezza (Damasco) o del rifiuto (Baghdad) alternativamente corteggiati e respinti dall’occidente. Mentre guidavano la lotta in nome dell’arabismo, il tema della mobilitazione assoluta degli arabi nei due decenni dopo l’indipendenza nel 1945, il loro approccio fu radicalmente diverso e, alla prova dei fatti, il loro comportamento diametralmente opposto, come le loro indomabili personalità.131107134037-04-arafat-horizontal-gallery

Prima sequenza (1970-1980): prima prova del potere
hafez_al-assad_1Dalla loro prima prova di potere, la guerra civile giordano-palestinese, la loro traiettoria devierà inesorabilmente. A capo di un Paese, “cuore pulsante dell’arabismo”, i siriani affrontavano Israele, il nemico degli arabi. Principale Paese sul fronte orientale del campo di battaglia anti-israeliano, Assad forgiò il potere identificandosi con la causa palestinese, di cui si voleva portavoce esclusivo. Proveniente da una setta islamica, gli “alawiti”, ruppe l’emarginazione politica delle minoranze etnico-religiose arabe occupando quattro anni prima uno dei poli del potere dell’ortodossia musulmana e araba, Damasco. Hafiz al-Assad si vide come il depositario dei maggiori interessi della nazione araba. Uomo d’ordine, soldato che si applicava ad essere il “garante dell’ordine costituito”, si oppose a ciò che vide come “avventurismo” dei suoi compagni d’armi e dei loro alleati iracheni. Di fronte all’attivismo della sinistra della sua formazione, l’ala civile del partito Baath, Assad condusse il “movimento di rettifica”, il 17 novembre 1970, spodestandone il quartetto responsabile, disse, della sconfitta: il teorico del partito Salah Jadid, il presidente Nuradin Atasi, il ministro degli Esteri Ibrahim Maqus e il loro complice Yusif Zuayan. Per due volte, in Giordania nel 1970 e in Libano nel 1976-1977, si scontrò con Yasir Arafat, leader dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina, preferendo patteggiare con Husayn di Giordania e il presidente libanese Sulayman Franjah. Ruppe allo stesso tempo con l’avventurismo rivoluzionario dei guerriglieri palestinesi nei due Paesi confinanti della Siria, ad occidente il primo e ad oriente il secondo. Nel 1970, quando i carri armati siriani su ordine della leadership civile del partito Baath furono inviati ad assistere i Fedayin assediati ad Amman durante i combattimenti del “settembre nero”, il ministro della Difesa, Generale Assad, imbrigliò le ali dell’Aeronautica permettendo ai bombardieri giordani di decimare le colonne di carri armati siriani nella pianura di Jarash-Ajlun. Più tardi, in Libano, obbedendo alla stessa logica, neutralizzò in due fasi, nel giro di sette mesi, la coalizione delle forze progressiste palestinesi con la caduta del campo palestinese di Tal Zatar, nell’agosto 1976, e l’assassinio del leader progressista druso Qamal Jumblatt, nel marzo 1977, posando da baluardo dell’equilibrio confessionale islamico-cristiano. Salito al potere sei settimane dopo la morte di Nasser, il 28 settembre 1970, Assad preparò metodicamente la vendetta dell’affronto militare israeliano inflitto tre anni prima, mentre era Ministro della Difesa, quando il suo Paese perse le alture del Golan, nel 1967, durante la terza guerra arabo-israeliana. Cercò la “parità strategica” con Israele tramite l’alleanza militare con l’Unione Sovietica, cercando di unire intorno alla Siria, Giordania, Libano e palestinesi. Il credo palestinese della dottrina baathista ebbe la sua formulazione più completa con l’intervento del capo della diplomazia siriana al vertice di Algeri (7-10 giugno 1988), mentre la guerra iraniano-irachena stava per finire e l’Intifada, la rivolta palestinese in Cisgiordania e Gaza, lanciata sei mesi prima, pose la questione palestinese in prima linea. “La storia parla della “Bilad al-Sham” (la terra di Cam). Dagli Omayadi, questa sfera geografica costituita da Siria, Giordania, Palestina e Libano è un’entità politica di cui Damasco è il cuore pulsante. Questa è la verità storica. Così fu finché l’accordo Sykes-Picot, la peggiore violazione della realtà storica, divise l’intera Bilad al-Sham in vari Stati. L’accordo Sykes-Picot, con spazi comuni d’influenza inglese e francese in Medio Oriente, non può alterare la realtà. Sapendo che la popolazione di questa zona è un unico popolo… E’ naturale che l’interesse con cui la Siria sostiene la causa palestinese sia diversa da quella prestatagli dagli altri Stati arabi”, affermò senza senza mezzi termini Faruq al-Shara ai suoi omologhi arabi, vietando l’approccio unilaterale nella ricerca della pace, mentre il leader palestinese Yasir Arafat si dichiarò per una autonomia della centrale palestinese.
saddam_chiracAvamposto del mondo arabo sul fronte orientale, l’iracheno affrontò l’Iran, avanguardia della rivoluzione sciita, religione minoritaria nel mondo arabo, e suo rivale ereditario. Nato attivista rivoluzionario, Sadam, sunnita, la corrente principale dell’Islam nel mondo arabo, sviluppò una visione unitaria panaraba per ripristinare il prestigio dell’impero mesopotamico e l’autonomia della potenza irachena, volendosi equidistante tra i due blocchi politici intrecciò la doppia alleanza militare ed economica con URSS e Francia. Accusando la gerarchia militare irachena di passività in Giordania, trovò l’argomento per sbarazzarsi dell’ala destra del partito Baath e dei suoi alleati nell’esercito, sospettandoli di collusione con i fratelli d’arme hascemiti. Mentre il contingente iracheno controllava Mafraq, nodo strategico che collega i due ex-membri della “Federazione dei Regni Hashemiti”, tuttavia, attese la fine delle ostilità per regolare i conti, in un Paese scosso da mezza dozzina di colpi di Stato militari in dieci anni (Abdalqarim Qasim, Abdasalam e Abdarahman Arif), tenendo a freno i militari e sottoponendoli al potere civile influenzato dal partito Baath. L’operazione fu effettuata in due fasi: il ministro degli Interni, Generale Salah Mahdi Amash, e il ministro della Difesa, Generale Abdal Ghafar Hardan, furono promossi vicepresidente prima che l’ex-ministro della Difesa perisse in un attentato in Quwayt e l’ex-ministro degli Interni finisse in una sede diplomatica in Europa. A capo di un Paese dai vasti giacimenti di idrocarburi, Sadam si dedicò a vendicare l’insulto inflitto al Paese dalle compagnie petrolifere occidentali, tra cui l’IPC (Iraq Petroleum Company), Stato nello Stato, pacificando il fronte interno con, in rapida successione, la soluzione della questione curda, nel marzo 1971, e soprattutto la soluzione della controversia di confine iraniano-irachena, da lui stesso negoziata con lo Scià di Persia nel 1975 a Algeri, con il patrocinio del Presidente algerino Huari Bumidiyan. A metà del decennio, i due leader baathisti erano allo zenit: il siriano coronato dalla vittoria della guerra di ottobre del 1973, che permise al Paese di recuperare Qunaytra, la capitale delle alture del Golan, mentre l’Iraq ebbe un prestigio amplificato dalla nazionalizzazione della IPC e dalla politicizzazione dell'”arma del petrolio” nella guerra dell’ottobre 1973. Assad e Sadam poi sfuggirono al discredito che colpì altri regimi arabi, “la crisi di legittimità” per le sconfitte militari consecutive inflitte da Israele. Anche se entrambi erano legati al partenariato strategico con l’Unione Sovietica, e con Baghdad rifugio dei radicali nel mondo arabo, incluso il gruppo scissionista di Abu Nidal, fu il siriano, dato che agiva per affermarsi garante dell’ordine costituito, lo stesso che i libanesi progressisti palestinesi accusarono di “tradimento” per il comportamento ostile nei 60 giorni di assedio del campo palestinese di Tal Zatar, che paradossalmente si tenne a distanza dai governi occidentali che sospettava volessero occupare il Libano.
L’iracheno fu promosso partner strategico dai Paesi occidentali, in particolare dalla Francia che forgiò la cooperazione militare e anche e nucleare con lo Stato petrolifero, per l’ambizione di espandere la Francofonia in questa vecchia riserva di caccia inglese. Il significativo passo nella storia della regione, il periodo che va dalla guerra di ottobre (1973) al trattato di pace tra Egitto e Israele di Washington (1979) sconvolse i rapporti strategici regionali, segnati dall’emarginazione diplomatica dell’Unione Sovietica e dalla sponsorizzazione dei soli USA, al di fuori del quadro del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, dei primi accordi parziali sul conflitto arabo-israeliano, il ritiro d’Israele dal Sinai egiziano in cambio della neutralizzazione del maggiore Paese arabo, oltre al ritiro dalla città siriana di Qunaytra, capitale del Golan. Camp David appare in retrospettiva la risposta diplomatica degli Stati Uniti alla sconfitta militare in Vietnam nel 1975. Una delle conseguenze dirette di questa ripartizione regionale fu la guerra civile in Libano, punto di frattura regionale per la fragilità della configurazione della struttura socio-confessionale di un Paese dalle molte fedeltà estere. Una guerra che modulò le tribolazioni del processo di pace israelo-egiziano e, successivamente, i colpi di scena militari nel conflitto iracheno-iraniano. Parte del fallimento che portò il presidente siriano ad essere privato del naturale alleato egiziano, compagno nella guerra di ottobre, modulando il suo sostegno ai protagonisti della guerra del Libano in relazione alle alternative strategiche regionali.543888262

Seconda sequenza (1980-1990)
sadam_briefMentre Assad era impantanato nella gestione della crisi libanese, indebolito dalla defezione dell’alleato egiziano, Sadam, con le mani libere e le casse piene, era al culmine della popolarità. Consacrazione suprema, accolse a Baghdad, nel 1978, il primo vertice arabo mai tenuto nel suo Paese, bandendo l’Egitto dalla Lega araba dopo il viaggio del presidente Anwar Sadat a Gerusalemme, nel novembre 1977. L’Iraq divenne il perno del fronte del rifiuto a qualsiasi accordo di pace unilaterale con Israele, naturalmente, nominandosi sostituto dell’Egitto e di voler compensarne il fallimento. Mettendo a tacere le rivalità, i due regimi baathisti conclusero un “patto nazionale”, nell’aprile 1979, dopo il Trattato di Washington. Questo patto rafforzò la cooperazione militare con l’Unione Sovietica, principale fornitore di armi di entrambi i Paesi. Ci vollero sei mesi, tanto il sospetto reciproco era grande. Sfruttando l’argomento dalla scoperta di un complotto anti-iracheno ordito, secondo Baghdad, dalla Siria, Sadam attuò una purga di massa nelle file dei compagni baathisti, aprendosi la via alla massima carica cacciando il Presidente Ahmad Hasan al-Baqr. Colma di machiavellismo, tale purga televisiva fu l’arte consumata dell’ipocrisia politica: all’appello, i supplicanti si alzavano lasciando il Congresso Baath, uscendo tra le lacrime di Sadam. Alcuni dei suoi più stretti collaboratori, Abdalqalid al-Samarai, leader dell’ala sinistra del Baath, giovane speranza della politica araba, saranno deposti. Fu condannato a morte tra un fiume di lacrime in un macabro spettacolo trasmesso dalla televisione. Spinto dal senso d’invincibilità amplificato dalla ricchezza del petrolio e dai costumi occidentali, Sadam Husayn prese direttamente le redini nel settembre 1979, alla soglia di un decennio che inghiottirà il Medio Oriente, alimentando regolarmente l’incendio della sue guerre dei missili, delle petroliere e infine chimica.
La protesta islamica era al culmine, segnata dalla caduta della monarchia iraniana nel febbraio 1979 e dall’attacco alla Mecca, nell’ottobre dello stesso anno, e il laico si mise in prima linea nella lotta per contenere il proselitismo religioso sciita dagli accenti rivoluzionari; questo baathista sunnita si trasformerà nel protettore delle petromonarchie del Golfo, contro il suo ex-ospite ayatollah Khomeini, profugo per quattordici anni nel santuario sciita di Najaf (a sud di Baghdad) e promosso guida spirituale della Repubblica islamica iraniana dopo 18 mesi passati in Francia, a Neauphle-le-Château (regione di Parigi). La guerra contro l’Iran, avviata il 22 settembre 1980, fu un’opportunità per l’Iraq di costruire uno Stato moderno e una macchina da guerra dalla potenza militare e tecnologiche senza precedenti nel mondo arabo. Ma questo conflitto fu la più lunga guerra convenzionale dopo il Vietnam, distogliendo gradualmente l’Iraq dal Libano nel momento preciso in cui ad Assad fu dato via libera da USA e Israele, con sigillo arabo, formalizzando la presenza militare nel Paese con la Forza di deterrenza araba. Si ebbe quindi una prima inversione di alleanza attuando il principio di prossimità. Secondo il principio che il nemico del mio nemico è mio amico, l’Iraq avvicinò le milizie cristiane libanesi e Yasir Arafat. Simmetricamente, la Siria si alleò apertamente con l’Iran, il nemico dell’Iraq, in nome della solidarietà rivoluzionaria con la duplice preoccupazione di evitare l’apertura di un nuovo fronte sul fianco orientale del mondo arabo ed evitare che il conflitto iraniano-iracheno divenisse una guerra razzista arabo-persiana. In Libano, dissociando le milizie sciite dagli ex-fratelli d’arme palestinesi e cercando di cacciare il capo dell’OLP, assediato a Tripoli (nord del Libano) prima del bando di Damasco, nel 1983, per tradimento. La prima conseguenza di questa rivalità strategica fu l’invasione israeliana del Libano nel 1982, costringendo l’esercito siriano a ritirarsi senza gloria da Beirut, mentre l’esercito iracheno fu inchiodato da un’offensiva iraniana nella battaglia di Khorramshar, nel maggio 1982. La Siria fu poi ostracizzata per l’alleanza con i peggiori nemici del blocco occidentale, il cuore del mondo arabo-islamico, non solo l’Iran, punta di diamante del mondo rivoluzionario islamico, ma anche l’Algeria, rifugio dei rivoluzionari del Terzo Mondo, e della Libia che turbava la diplomazia internazionale, soprattutto in Africa, appannaggio della Francia. Nel Golfo, nel Medio Oriente o in Africa, l’urto fu frontale e lo scontro generale. Mentre le truppe iraniane penetravano le linee irachene nella battaglia di Khorramshahr, la Fratellanza musulmana siriana sostenuta dall’Arabia Saudita attaccò la città di Hama, a nord della Siria, provocando la risposta severa del potere baathista annegandola nel sangue, 10000 morti secondo i dati, 2000 secondo la DIA degli Stati Uniti, considerata un’operazione diversiva dell’invasione israeliana del Libano, che avvenne tre mesi dopo. Allo stesso tempo, all’altra estremità del campo di battaglia, il Ciad, proprio quando i siriani si ritiravano dal confronto con gli israeliani a Beirut, la Francia inflisse una schiacciante sconfitta militare e diplomatica alla Libia, alleata della Siria, sloggiando da N’Djamena il protetto di Gheddafi, il presidente ciadiano Goukouni Weddeye, per sostituirlo con il suo ex-tenente Hissène Habré, carceriere dell’etnologa francese Francoise Claustre, che tenne in ostaggio per mesi. Assad accolse questa sconfitta senza batter ciglio. Basandosi sul forte sostegno del nuovo ed effimero Presidente sovietico Jurij Andropov, cercò senza indugio di ritornare in Libano, opponendosi con forza alla creazione dell’asse Beirut-Cairo-Tel Aviv.
31581In 15 mesi (10 novembre 1982 – 9 febbraio 1984), periodo del governo di Jurij Andropov, il corso della guerra in Libano cambiò. Il trattato di pace israelo-libanese del 1983 fu abrogato prima di essere ratificato, la forza multinazionale occidentale fu cacciata dal Libano un anno dopo, nel 1984, dopo gli attacchi sanguinosi contro le basi francese e statunitense che causarono 300 morti, mentre Beirut ovest, il 6 febbraio 1984, finì sotto il controllo delle milizie filo-siriane. Soddisfazione suprema, il presidente libanese Amin Gemayel, il negoziatore del trattato di pace con Israele, si recherà in visita un mese dopo a Damasco, annunciando nel marzo 1984 la fine del patto con Israele e facendo della Siria il baluardo del blocco arabo in Libano. Responsabile dei piani politici occidentali nei due Paesi confinanti con la Siria, la Francia pagherà doppiamente un prezzo pesante, prima come “co-belligerante” con l’Iraq nel conflitto contro l’Iran e poi come sponsor del doppio salvataggio di Yasir Arafat nel 1982. Prima, nell’assedio di Beirut da parte d’Israele, poi nel 1983, durante l’assedio di Tripoli (nord Libano) da parte dei siriani. Parigi, il cui ambasciatore a Beirut Louis Delamarre fu assassinato nel 1981, a sua volta divenne bersaglio di attentati nel 1986-1987, mentre Tripoli e Bengasi in Libia furono le vendette trasversali occidentali, divenendo bersagli dell’Aeronautica statunitense (aprile 1986), e cittadini occidentali, per rappresaglia del sostegno militare dei loro Paesi all’Iraq nella guerra contro l’Iran, furono presi in ostaggio in Libano. Tra le vittime illustri di questa guerra nell’ombra, tre persone di solito citate senza che questa ipotesi sia mai stata smentita dai francesi: il Generale Remy Audran, responsabile del dossier iracheno presso la direzione generale degli armamenti, George Besse, amministratore delegato di un’industria automobilistica, e soprattutto l’ex-capo dell’industria nucleare francese, Michel Baroin, personalità del mondo massonico e degli affari. Lo sviluppo dell’affare degli ostaggi occidentali fece della Siria il Paese indispensabile nel processo di pace in Medio Oriente. Di transito tra Libano ed entroterra arabo, Damasco divenne il fulcro del traffico diplomatico regionale, percependo dividendi politici dalle transazioni politiche sul caso degli ostaggi occidentali. Di fronte a un Gheddafi aleatorio e a un Khomeini imprecante, Assad era enigmatico ed intrigante. Temuto e rispettato, divenne rispettabile. Gli analisti politici gli diedero la statura di “Bismarck arabo”. Henry Kissinger l’incontrò molte volte durante la guerra dell’ottobre 1973, nel corso dei negoziati per l’accordo di disimpegno siriano-israeliano, lodò l'”estrema intelligenza” di questo “negoziatore molto ostico”. Ma allo stesso tempo, per riequilibrare, l’Iraq, con il massiccio sostegno dell’occidente, operò un capovolgimento del fronte militare anche con bombardamenti chimici, come ad Halabjah, nel Kurdistan iracheno, e forzando l’Iran, al prezzo di otto anni di guerra, a cessare le ostilità.
Alla testa di un esercito presentato come uno dei più potenti del Medio Oriente, ritenendosi il vincitore sull’Iran tre volte più popoloso del suo Paese, Sadam apparve un “moderno Saladino” protettore delle monarchie petrolifere del Golfo, oltre degli interessi dei loro sponsor occidentali. L’uomo che attraverso un suo protetto, il gruppo del radicale palestinese Abu Nidal, eliminò dalla scena diplomatica internazionale i primi fautori del dialogo israelo-palestinese, Said Hamami, Izadin Qalaq e Isam Sartawi, rispettivamente i rappresentanti dell’OLP a Londra, Parigi e presso l’Internazionale socialista; lo stesso che diede il pretesto ad Israele per invadere il Libano nel maggio 1982, dopo l’attentato all’ambasciatore a Londra, beneficiando, curiosamente in tutta questa sequenza, della compiacenza indulgente dei Paesi occidentali e delle monarchie arabe. Indeboliti dalla guerra tra Iraq e Iran e dalla rivolta palestinese, temendo altrimenti un nuovo discredito, i leader arabi cercarono di salvarsi la faccia. Il vertice arabo di Amman nel novembre 1987 mise pressione sui due fratelli nemici affinché si ritrovassero superando le divisioni e reintegrassero l’Egitto nell’ovile arabo. Al culmine del potere, Assad e Sadam, vecchi volponi della politica, si riconobbero ancora una volta, come quando conclusero il loro patto contro Sadat nel 1979, ma senza abbassare la guardia. Incontro occasionale, non riconciliazione; al massimo tregua armata.unnamed

Terza sequenza (1990-2000)
0bb69d6b4b53985a68b760baa7accd57 Ubriaco di gloria per la vittoria sull’Iran, il maresciallo Sadam lanciò il Paese alla conquista del Quwayt, appena due anni dopo la fine della guerra iraniano-irachena. Fu l’inizio del forno che carbonizzò il suo esercito, il suo popolo e, infine, il suo Paese, spazzando via 20 anni di massicci investimenti, infliggendo un tremendo sacrificio umano, circa tre milioni di vite in due decenni di guerra e blocco, indebolendo in modo permanente il mondo arabo, evidenziandone la sottomissione. Il crollo del blocco comunista offrì al Presidente Assad la possibilità di negoziare una svolta filo-statunitense senza intoppi, ma senza rinnegare, a differenza di Sadat, l’amicizia con i sovietici. La seconda guerra del Golfo nel 1990, a cui prenderà parte con un distaccamento simbolico, gli permise di completare il lavoro metodico di 15 anni per inserire nella sfera d’influenza siriana il Libano, facendone terreno di manovra privilegiato contro Israele. Ebbe la gratitudine dalla comunità internazionale per la stabilizzazione del conflitto libanese. Il trattato di amicizia, cooperazione e coordinamento firmato il 22 maggio 1991 tra Beirut e Damasco legò il destino del Libano alla Siria. Preferendo la riposta asimmetrica al confronto diretto, tattico impareggiabile, illustrato da un quasi impeccabile percorso internazionale, Assad si dedico nel 1999 alla fase più delicata del suo governo: i negoziati di pace con Israele con la prospettiva di recuperare il Golan. La malattia, la leucemia e l’aggravarsi del diabete e della malattia al cuore non gli permettono di ripetere i precedenti successi diplomatici compiuti con ciò che Cheysson, ex-ministro degli Esteri francese, definì “diplomazia vessata”, arte consumata del negoziato trattenendo l’interlocutore per molte ore (in media sette) con infinite conversazioni generali prima di affrontare il cuore del problema nella fase finale, quando l’ospite si contorceva per la ritenzione urinaria e aveva fretta di chiudere.
Sadam, che nutriva obiettivi strategici ripristinando l’impero babilonese, commise due errori imperdonabili, fatali: la guerra contro l’Iran, che svuotò il suo tesoro, e l’annessione del Quwayt, subendo una terribile punizione dalla coalizione internazionale di 26 Paesi mobilitati sotto la bandiera degli USA. L’erede di Nabucodonosor credette presuntuosamente nelle sue capacità di manovra contro l’ex-sodale statunitense. Sotto il regime di sovranità limitata, che gli sottrasse l’autorità dal nord curdo e dal sud sciita del Paese, fino al confine con il Quwait, l’Iraq fu ulteriormente sottoposto a un embargo internazionale di dodici anni. Come il suo vicino Iran, il laico baathista iracheno divenne un islamista popolare e il primo verso del Corano adornò la bandiera irachena, riflettendo un feroce istinto di sopravvivenza. Questa bandiera sarà anche l’unico relitto del regime baathista che continua a garrire nell’Iraq sotto l’occupazione statunitense. Attivamente corteggiato dagli interlocutori statunitensi, il Presidente Assad vide nel frattempo alle due estremità del proprio Paese le superpotenze regionali Israele e Turchia, due Stati non arabi legarsi con un patto di cooperazione militare, avvolgendo la Siria in una morsa. Di fronte a pericoli crescenti, i due uomini operarono un riavvicinamento tra i rispettivi Paesi fino a sperimentare una contiguità passiva assieme alla riorganizzazione delle proprie famiglie: entrambi i figli del presidente iracheno, Uday e Qusay, furono associati al potere, prima di perire insieme durante un raid degli USA sull’Iraq settentrionale, nel luglio 2003, togliendo al dittatore la prole maschile. Uno scenario simile si ebbe a Damasco. In nome della lotta alla corruzione che affliggeva il Paese da tre decenni, il fratello minore del presidente, Rifat al-Assad, dopo un lungo esilio in Europa fu dimesso nel febbraio 1998 della vicepresidenza; il secondo fratello, Jamil, fu messo da parte per il proselitismo mercantile-religioso, e il figlio minore del capo di Stato siriano, Bashar, prese il posto del fratello maggiore Basil, morto in un incidente, ascendendo sulla scena politica in vista della successione al capo dello Stato, istituendo la prima dinastia repubblicana del mondo arabo. L’ostinata resistenza mostrata da Assad a ciò che considerava la presa israelo-statunitense nella regione, diede al siriano l’ambito titolo di “ultimo refrattario”, facendone, dubbio onore, da baluardo arabo tra la resa araba al nemico tradizionale, Israele, a capo di un Paese in stato pietoso, però. “Il leone di Damasco” morì il 10 giugno 2000 sconfitto dall’età e dalla malattia, due settimane dopo il ritiro d’Israele dal Libano, un lascito al suo attivo. Ma l’impresa non gli permise, però, di raggiungere l’obiettivo strategico ultimo, recuperare il Golan, sua ambizione silenziosa, senso occulto di tutte le sue azioni. Assad accusò di tradimento Sadat. Non poteva quindi accettare meno del suo rivale egiziano, il recupero di tutto il territorio nazionale, cioè il ritorno ai confini del 4 giugno 1967. Era diventata la sua ossessione al punto d’ipotecare, secondo gli analisti occidentali, la flessibilità, divenendo suo principale scopo diplomatico. La Siria, tuttavia, non assaporò a lungo il successo. Se il disimpegno d’Israele spinse il Libano al rango di cursore diplomatico regionale e spinse i palestinesi a rilanciare, quattro mesi dopo, la lotta armata, l’intifada “al-Aqsa” nel settembre 2000. La pesante tutela siriana sulla sovranità libanese, la predazione della sua economia nazionale, l’imposizione di un controllo morboso, le accuse, giuste o sbagliate, ai servizi baathisti (dell’assassinio dei presidenti del Libano Bashir Gemayel e René Muawad, dell’ex-primo ministro Rafiq Hariri e del leader del partito socialista Qamal Jumblatt), causarono, a loro volta, su istigazione degli Stati Uniti e della Francia, la ritirata dei siriani dal Libano, nell’aprile 2005, dopo un vasto movimento di protesta popolare.
Sadam Husayn al-Taqriti, trattato come un paria dalla comunità internazionale, fu una delle principali vittime collaterali della “guerra per le risorse energetiche”, lanciata sotto la copertura di guerra al terrorismo da George Bush Jr., dopo il raid islamista contro gli Stati Uniti dell’11 settembre 2001. Il rovesciamento della sua statua nella piazza centrale di Baghdad, l’8 aprile 2003, e la sua brutale impiccagione dopo un processo farsa, passeranno alla storia come il culmine della grande operazione per cancellare qualsiasi traccia della cooperazione occulta tra gli statunitensi e il baathista, iniziata con gioia quarant’anni prima con il colpo di Stato contro il Generale Qasim, nel 1961, sostenuto dalla CIA e che si concluse con due spedizioni punitive distruttive lanciate dagli USA contro l’Iraq; la prima guidata da George Bush, ex-capo della Central intelligence degli Stati Uniti; la seconda tredici anni dopo dal figlio George Bush, complice il responsabile della cooperazione strategica tra USA e Iraq, Donald Rumsfeld, ministro della Difesa degli Stati Uniti ed ex-inviato di Bush a Baghdad.
76769All’alba del XX secolo, alla vigilia della dissoluzione dell’impero ottomano, un diplomatico supplicò la creazione di “una Siria che non sia un Paese ristretto territorialmente (…) con un ampio confine comprendente la Palestina… il cui territorio comprendesse i wilayet di Gerusalemme, Bayrut, Damasco, Aleppo, Adana (Turchia), con a oriente la regione mineraria di Qirquq (nord dell’Iraq)”. La proposta non promanava da un dottrinario esacerbato dal nazionalismo arabo, né da un orientalista occidentale sospettato di proselitismo filo-arabo, ma da uno statista molto rispettato per la sua azione in favore della pace, un visionario che temeva gli effetti della balcanizzazione e previde la globalizzazione, Aristide Briand, Primo ministro e ministro degli Esteri francese. Le sue istruzioni sono contenute in una lettera del 2 novembre 1915 a Georges Picot, console di Francia a Bayrut, alla vigilia dei negoziati Sykes-Picot per dividersi il Vicino Oriente in aree d’influenza inglese e francese. La domanda può sembrare sacrilega, ma merita comunque di essere posta: cosa ne valse per la Francia, e forse oggi per gli arabi, mentre l’Iraq decade, la Siria è in apnea, il Libano è martoriato trent’anni di furie e Giordania ed Egitto sono sull’orlo del collasso economico? Come capitali dei primi due imperi arabi, la rivalità tra Damasco e Baghdad risale ai primi giorni dell’Islam. Al tempo degli Omayadi, Damasco fu la capitale del primo impero arabo, prima di essere soppiantata da Baghdad al tempo degli Abbasidi. Damasco e Baghdad infine soccombettero a Costantinopoli, la Sublime Porta dell’Impero Ottomano, e secoli di sottomissione seguirono.
Alle soglie del XXI secolo, la storia vorrebbe ripetersi? L’Iraq subisce il giogo statunitense guidato da un presidente curdo, mentre la Siria è il bersaglio di una nuova manovra coercitiva in conseguenza dell’assassinio dell’ex-primo ministro libanese Rafiq Hariri, il 14 febbraio 2005, di cui è stata accusata, costringendola a una ritirata ingloriosa dal Libano, come prima Israele, i palestinesi, la Francia e gli Stati Uniti. La prima potenza planetaria di tutti i tempi, cacciata dal Libano nel 1984, è impantanata questa volta in Iraq, dove si scontra frontalmente con i suoi ex-alleati della lotta antisovietica, esposta a una nuova guerra di usura, stigmatizzata da Abu Ghraib (Iraq) e Guantanamo (Cuba), “gulag contemporaneo”; dal credito diplomatico e militare erosi come la relativa posizione morale, con il saccheggio del museo di Baghdad, le torture nei campi di prigionia, le menzogne sulle armi di distruzione di massa e lo spionaggio ai danni del segretario generale delle Nazioni Unite. Ciò che vale per gli occidentali nella costruzione dei grandi insiemi regionali, dall’autonomia energetica, non vale certamente per gli arabi, almeno in questa fase della storia e almeno nell’ottica occidentale. Questo potrebbe essere uno dei principali insegnamenti di tale sequenza la cui vittima principale fu, al di là dell’interferenza occidentale, il “Rinascimento” (al-Baath) del mondo arabo, grandioso progetto che si trova, dopo il trentennale odio implacabile tra i suoi sostenitori contemporanei, il Saladino babilonese e il Bismarck siriano, in brandelli e in via di estinzione. Dieci anni dopo la caduta dell’Iraq, la Siria è sua volta oggetto della destabilizzazione da parte di un ampio concerto, con gli alleati tradizionali dei Paesi occidentali nel loro ruolo di “utili idioti” della strategia atlantista… il resto è storia.126341727Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra islamo-islamista in Siria

Alessandro Lattanzio, 1/2/2017

1-91shkhtemkwn2kjgc9u4cwIntensi scontri si svolgono tra i gruppi terroristici Jabhat al-Nusra e Ahrar al-Sham in Siria, dove la nuova formazione Hayat al-Tahrir al-Sham (Consiglio di Liberazione del Levante), sostenuta dai wahhabiti (Arabia Saudita, Qatar e Quwayt), combatte il raggruppamento terroristico filo-turco Ahrar al-Sham.
Qatar e Arabia Saudita hanno rilanciato il supporto ai loro gruppi ascro-terroristici, soprattutto Jabhat al-Nusra (ora rinominatosi Jabhat Fatah al-Sham), formando la nuova coalizione allo scopo di distruggere il gruppo terroristico rivale Ahrar al-Sham, armato dalla Turchia, in risposta alla partecipazione di Ankara ai colloqui di pace di Astana. Centinaia di membri di Ahrar al-Sham hanno rotto con il gruppo aderendo all’Hayat Tahrir al-Sham. Le defezioni da Ahrar al-Sham erano causate dall’adesione del gruppo terroristico all’operazione “Eufrate Shield” della Turchia, contrapponendosi a Jabhat Fatah al-Sham, alleata dello SIIL, contro cui ‘ufficialmente’ si svolge l’operazione turca. Ahrar al-Sham subiva anche la defezione del suo capo supremo che si alleava con i gruppi terroristici Suqur al-Sham, Jaysh al-Islam, Jaysh al-Mujahidin, Tajamu Istaqam Qama Amarat, Jabhat al-Shamiyah e altri gruppetti.
Jabhat al-Nusra creava l’Hayat al-Tahrir al-Sham rappattumando Nuradin al-Zinqi, Jaysh al-Sunah, Jabhat Ansar al-Din, liwa al-Haq, Ajnad al-Sham, Suqur al-Sham, Jabhat al-Shami, Tajamu al-Istaqim, Faylaq al-Rahman, Jaysh al-Islam e Jabhat Ahl al-Sham. Qui convergono le forze mercenarie-terroristiche assoldate da Arabia Saudita, Qatar e Quwayt.
A sua volta Ahrar al-Sham creava assieme ai gruppi terroristici Faylaq al-Sham (dei Fratelli musulmani, armato direttamente dagli USA), Jaysh al-Izah (armato direttamente dagli USA), Hizb Islami al-Turqistani (fazione uigura di al-Qaida) e liwa al-Tamaqin un’altra colazione chiamata, Jabhat al-Tahrir (Fronte della Liberazione), formando un nuovo fronte islamista al servizio della Turchia.
Riyadh ha sempre finanziato i gruppi jihadisti-salafiti che rivendicano la creazione di uno stato teocratico nella sola Siria e che non mettono in discussione la legittimità del regno saudita. Fu l’Arabia Saudita che nel 2013 finanziò e coordinò la coalizione del Jaysh al-Islam (Fronte Islamico), costituito da 7 gruppi salafiti, il cui obiettivo è imporre la legge islamica in Siria.
Nel marzo 2015, Ryadh finanziò anche la creazione del Jaysh al-Fatah, assieme a Turchia e Qatar; l’operazione aveva lo scopo di organizzare l’occupazione della provincia siriana di Idlib. Il Jaysh al-Fatah era incentrato sul ramo siriano di al-Qaida, Jabhat al-Nusra, ma l’altro membro più importante della coalizione era proprio il gruppo jihadista-salafita Ahrar al-Sham. Anche se Jabhat al-Nusra e Ahrar al-Sham combattevano assieme ad Idlib, la provincia è suddivisa tra le zone da essi occupate, con gli organi di governo del Jaysh al-Fatah che di fatto non funzionano. Quando Obama parlò al telefono con il re suadita Salman cinque giorni dopo l’occupazione di Idlib da parte di Jabhat al-Nusra, non vi fu alcuna traccia d’insoddisfazione per il ruolo saudita nel finanziare l’organizzazione di al-Qaida. Invece Obama discusse con Salman delle “attività di destabilizzazione nella regione” dell’Iran… Va ricordato che nel maggio 2015 l’amministrazione Obama approvò il finanziamento di Arabia Saudita e Qatar di Jabhat al-Nusra e la decisione degli Stati membri del Consiglio del Golfo, ovvero i petroemirati, d’intensificare gli aiuti ai gruppi estremisti in Siria. Ma oggi, con l’avvento della presidenza Trump, il sostegno di Washington al terrorismo inizierà a svanire, limitandosi a sostenere il secessionismo curdo; tale passaggio ha quindi spinto i mandanti dei terroristi a riorganizzarli in vista della riduzione delle risorse a loro destinate, scatenando i conflitti intestini nella nebulosa islamista, allo scopo di occupare il posto in cima alla lista dei futuri aiuti, ridotti, promessi dall’Arabia Saudita, che va esaurendosi nello Yemen, e dagli insignificanti staterelli petrowahhabiti Qatar e Quwayt, che oltre al denaro non possono permettersi aiuti di altro genere.

Schema sintetico del terrorismo contro la Siria
Jabhat al-Nusra è quindi al-Qaida nel Levante, organizzazione terroristica salafita che vuole fare della Siria uno Stato islamico. L’uomo d’affari e accademico qatariota Abdurahman al-Nuaymi trasferì nel 2013 366000 sterline al “rappresentante di al-Qaida in Siria” (Jabhat al-Nusra) Abu Qalid al-Suri, che era anche un capo di Ahrar al-Sham. Ministero degli Esteri, Ministero della Difesa, agenzia d’intelligence e ufficio dell’emiro del Qatar coordinavano i finanziamenti e l’invio di armi a Jabhat al-Nusra assieme alla Turchia.
Haraqat Ahrar al-Sham al-Islamiya è una coalizione di gruppi terroristici wahhabiti supportata da Arabia Saudita, Turchia, Quwayt e Qatar.
Gli altri gruppi terroristici sono:
Asala wal-Tamiya, un’alleanza di gruppi islamisti supportata dagli Stati Uniti e Arabia Saudita, e il cui gruppo più importante era l’haraqat Nuradin al-Zinqi che faceva anche parte del Jaysh al-Mujahidin. Ha ricevuto dagli USA i missili anticarro BGM-71 TOW, che poi consegnò allo SIIL.
Jabhat al-Shamyah è un’alleanza di 19 gruppi collegati alla Fratellanza musulmana.
Jaysh al-Mujahidin è un’alleanza di gruppi islamisti che nel settembre 2014 ricevette dagli USA i missili anticarro BGM-71 TOW e addestramento in Qatar. Nel 2015 annunciò il sostegno alla Turchia contro il Partito dei Lavoratori del Kurdistan e nel dicembre 2016 si fuse con Thuwar al-Sham e Bayariq al-Islam per formare il Jabhat Ahl al-Sham. Il 23 gennaio 2017 Jabhat al-Nusra occupava le basi di Jabhat Ahl al-Sham ad Atarib e Idlib, e il gruppo sconfitto aderiva ad Ahrar al-Sham.
Ajnad al-Sham è un’altra coalizione di gruppi salafiti, come liwa Habib al-Mustafa, Amjad al-Islam, liwa al-Sahaba, qatiba Shabab al-Huda, liwa Dar al-Asima e Faylaq al-Rahman. Stretto alleato di Jabhat al-Nusra.
Jaysh al-Islam è un’altra coalizione di gruppi islamisti salafiti e principale gruppo terroristico sostenuto dall’Arabia Saudita dopo Ahrar al-Sham. Il raggruppamento vuole creare uno Stato dominato dalla sharia. Il Jaysh al-Islam è designato organizzazione terroristica da Siria, Russia, Iran ed Egitto.13886969Fonti:
The Daily Beast
Telegraph
Globalo
Foreign Policy
Foreign Policy
FNA
Aymenn Jawad
Ahram