Putin lungimirante su Donbas e Ucraina

L’analista russo Ishenko respinge le accuse che Putin stia vendendo il Donbas, invece guida un gioco lungimirante
Rostislav Ishenko Russia Insider 15 luglio 2015ukraine-putin-mural_0Annibale portò Roma sull’orlo della sconfitta durante la seconda guerra punica. L’esercito di Cartagine marciò in Italia come se fosse il proprio cortile di casa. Tuttavia, alla fine, Publio Cornelio Scipione Africano, il Vecchio, poté spostare il teatro delle operazioni in Africa, distruggere gli eserciti di Cartagine, sconfiggere l’invincibile Annibale e imporre la pace nei termini di Roma. Il vincitore effettivo di Annibale non fu il brillante tattico Scipione, ma il profondo stratega e politico eccezionale Fabio Massimo Cunctator. I romani lo elessero console e addirittura dittatore durante la guerra. Fabio Massimo rimase un influente politico anche quando non esercitava il potere ufficialmente. La sua autorità personale fu rafforzata con l’elezione al Pontificio Collegio e al Senato dei Principi. I suoi protetti e familiari diventarono consoli, mentre sacrificò gli avversari “non favoriti” e i risultati delle elezioni vennero cancellati in diverse occasioni. Quale fu la strategia di Fabio Massimo? La giusta scelta del metodo di lotta contro Annibale. L’esercito di Cartagine era fondamentalmente diverso da quello di Roma. L’esercito romano era composto di cittadini (reclute, militari di leva), mentre quello cartaginese da mercenari. Nelle mani di un comandante di talento come Annibale, l’esercito fu uno strumento potente. I romani subirono una sconfitta catastrofica dopo l’altra, nei primi anni della guerra. Annibale sapeva aumentare le sue forze, non solo grazie alla bellicose tribù galliche della valle del Po, ma anche portandosi con sé gli alleati di Roma nel centro e sud Italia. Perciò ogni sconfitta di Roma non solo comportava la perdita di un esercito, cosa già abbastanza dolorosa (Cartagine perse i cittadini-mercenari di qualcun altro, mentre Roma i propri), ma anche per la perdita di altri alleati. Quindi Fabio Massimo prese l’unica decisione corretta, Annibale andava privato della possibilità di avere altre vittorie con l’esercito. Roma doveva contrastare le manovre di Annibale con la sua presenza distruggendo distaccamenti locali, sostenendo gli alleati leali e, quando possibile, punire i traditori, ma evitare uno scontro generale. In un’occasione, i consoli del 216 a.C. decisero di abbandonare questa strategia e organizzarono un’offensiva contro le posizioni di Annibale a Canne. La catastrofe che seguì fu di tale portata che la successiva sconfitta del genere si ebbe solo al culmine della potenza quando l’imperatore Valente morì alla testa della sua fanteria a Adrianopoli, nel 378 d.C. Roma trattenne Annibale per un intero decennio aderendo alla strategia di Fabio Massimo. Solo allora le vittorie di Scipione l’Africano furono possibili. Tuttavia, anche in questo caso il Cunctator era contro la ripresa delle operazioni attive credendo che potesse finire Annibale e Cartagine, senza eccessive perdite di vite, soprattutto con l’esercito mercenario che si indeboliva e disintegrava per mancanza di grandi vittorie, mentre la situazione al fronte peggiorava il conflitto tra Annibale e Cartagine crebbe. Una battaglia comporta sempre del rischio, dopo tutto.
Oggi vediamo la Russia adottare una strategia identica nel conflitto con gli Stati Uniti. Questa strategia non è nata oggi ed ha permesso allo Stato di sopravvivere dopo i devastanti anni ’90 e recuperare forza sufficiente per sfidare Washington. Fu così che, fino al riuscito ritorno della Crimea e allo spargimento di sangue in Donbas, le masse nemmeno notarono che Stati Uniti e Russia hanno molte differenze inconciliabili e che si muovono verso un conflitto aperto, e sia nell’interesse della Russia ritardarlo il più a lungo possibile. Inoltre, durante questo tempo guadagnato gli USA si sono indeboliti sprecando forze in varie conflitti locali nel mondo. La Russia nel frattempo si rafforzava cambiando élite (in modo tale da non disturbare la situazione politica interna), rafforzando il ruolo dello Stato nell’economia, riarmando i militari, restaurando vecchie alleanze e reclutando nuovi alleati. In generale, la Russia cambia deliberatamente i rapporti di forza da molto tempo, e continua a farlo oggi quando lo scontro con Washington è una realtà. Tuttavia, l’assenza del trionfante ritorno della Crimea e di parate militari nelle città liberate dai nazisti, e il sangue che scorre nel Donbas, permettono a vari speculatori politici, così come a romantici immaturi, di piagnucolare continuamente su “Putin che teme d’irritare gli Stati Uniti”, “Surkov consegna di nuovo il Donbas all’Ucraina”, e il solito “hanno tradito tutti”. Bene, Putin è il capo dello Stato e Surkov segue la situazione in Ucraina. Per valutare i risultati del loro lavoro non vanno sentiti solo i detrattori. Il problema sta nel fatto che né Putin né Surkov si sono messi a discutere pubblicamente con i teorici del “tradimento”. Da un lato è giusto fare così, perché una volta che un politico discute con un emarginato politico, ne alza il livello, aumentandone l’importanza e assicurandogli nuovi alleati. D’altra parte, l’assenza di una risposta immediata ad accuse isteriche scoraggia parte della società (coloro che non sono abituati a pensare da soli), coloro che non riescono a valutare la situazione se non adottando la prima spiegazione plausibile, un approccio sbagliato perché parte della società (piccola, ma anche politicamente attiva e patriottica) si prende dei caporioni immeritevoli e si muove nella direzione sbagliata, rendendo più difficile allo Stato raggiungere l’obiettivo che quella parte della società in realtà vuole vedere raggiunto. Dato che i media statali russi non si sono distinti per la loro iniziativa e non possono reagire a nuovi problemi senza indicazioni dall’alto, cercheremo di valutare in modo indipendente, sulla base di fatti noti, se le affermazioni secondo cui la politica di Putin-Surkov in Ucraina sie inefficace, siano vere. Inizieremo col dire che, dal mio punto di vista, accusare Vladimir Vladimirovich e Vladislav Jurevich di tentare di concludere una pace a qualsiasi prezzo e di disponibilità a “consegnare il Donbas di nuovo all’Ucraina” è per lo meno una distorsione dei fatti e al massimo una netta bugia. Oggi, anche secondo i teorici del tradimento, la milizia dispone di ben 55-6mila effettivi addestrati. Un anno fa aveva solo15mila partigiani in distaccamenti sparsi, ed è quasi imbarazzante chiedersi chi abbia creato questo esercito?
L’attività economica nel Donbas riprende, alcune imprese industriali sono riattivate e le banche lavorano, il bilancio ha i soldi per pagare stipendi e pensioni e, per quanto strano possa sembrare, l’80% della valuta è in rubli russi. Gli studenti seguono a studiare permettendosi di entrare non solo nelle università locali, ma anche russe. Gli studenti prendono i diplomi che gli permettono di entrare nelle università russe. Un anno fa ciò era un grosso problema. Il bombardamento di Donetsk non era nemmeno iniziato, in quel momento, e i bambini già non potevano ricevere i documenti attestanti i loro titoli, non li avevano e l’Ucraina non se ne interessava. Solo ora il problema è stato risolto, e così sono molti altri. La leadership delle repubbliche è legittimata non solo dalle elezioni, ma anche in parte dal diritto internazionale. Indipendentemente da tutte le nostre idee su “amici e partner” a Minsk 2, Plotnitskij e Zakharchenko sono stati riconosciuti autorità politiche non solo da Kiev ma anche da Berlino e Parigi, dato che garantiscono la firma dei documenti che regolano la situazione. L’OSCE ha contatti ufficiali con le autorità di Donetsk e Lugansk, che gradualmente si affermano come attori internazionali. Ancora una volta, è quasi imbarazzante chiedersi se Putin ordina Surkov, che a sua volta ordina Zakharchenko e Plotnitskij, perché Putin e Surkov armano e addestrano un esercito e creano istituzioni governative, facilitandone anche la crescita dei contatti economici con la Russia, in territori che vorrebbero cedere. E se Putin non da ordini a Surkov, e Surkov non ha alcuna influenza su Zakharchenko e Plotnitskij, e tutto ciò che oggi esiste nel Donbas è apparso grazie ai rapporti della milizia con l’anziano Khottabich, allora è costui che deve rispondere alle domande su Minsk, offensive, bombardamenti e tutto il resto.
Al fine di verificare la correttezza delle mie riflessioni, c’è un altro metodo disponibile, vedere ciò che il nemico dice di tutto questo. Ho già scritto che il termine “propaganda di Surkov” è apparso tra i liberal-traditori di destra dopo una delle loro visite all’ambasciata statunitense, molto tempo fa, forse qualcosa è cambiato da allora? No. Non è cambiato nulla. Kiev accusa Surkov di organizzare personalmente l’uccisione dei centoneri e allo stesso tempo accusa Putin di aver spinto Janukovich a sparare su Majdan. Pertanto Kiev, pur senza prove, continua ad accusare Putin e Surkov di attuare piani aggressivi in Ucraina, ciò tra la fine del 2013 e l’inizio 2014. Forse coloro che dicono che Putin volesse annettersi la Novorossia (o la totalità del Donbas), temevano di aver ragione. Inoltre non è vero, Geoffrey Pyatt, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina e de-facto reggente dello Stato ucraino, ha detto in un’intervista a Forbes del 3 luglio 2015 quanto segue: “Contrariamente alle intenzioni del Cremlino, l’Ucraina ha mantenuto l’unità e i piani di Surkov per suscitare una fratture nel Paese e provocare la guerra civile in tutta la Ucraina sono completamente falliti”. Il tempo ci dirà quanto sia nel giusto l’ambasciatore (come Obama sull'”economia russa ridotta a brandelli”), ma anche ora, nel luglio 2015, gli Stati Uniti sono certi che Putin (Cremlino) e Surkov attuino “un piano per scatenare la guerra civile in tutta l’Ucraina”. Esclusa la numerosa leadership russa, questi due provocano la peggiore irritazione di Washington. Non c’è da meravigliarsi che i liberali russi riecheggino Washington. E’ un miracolo che al coro si siano unite persone che si definiscono patrioti russi.
Ogni volta che i romani cercarono di derogare ai principi strategici stabiliti da Fabio Massimo Cunctator e cercato di sconfiggere eroicamente sul campo di battaglia i cartaginesi, Annibale li sconfisse. Alla fine i romani compresero che la strategia del Cunctator, anche se incomprensibile, era vincente e smisero di fare tentativi. La guerra contro il Donbas prosegue. Nessuno la sta per finire. Il Cremlino ha intenzione di vincere e non solo nel Donbas. Il nemico è forte, intelligente e non è vincolato da regole. Il desiderio di rompersi il collo gettandosi nello scontro frontale può sembrare nobile, ma è una cosa rischiare se stessi, altra mettere a rischio un Paese. Se un soldato vuole combattere, può andare nel Donbas e morirvi. Ad esempio, il colonnello-generale Werner von Fritsch che dispiacque a Hitler e fu rimosso dal comando, partecipò alla campagna polacca del 1939 alla testa del 21.mo Reggimento d’Artiglieria e morì a Varsavia il 22 settembre. Tuttavia, un politico non ha il diritto di mettere a rischio il Paese per un bel gesto.pro-russian_activists_declare_donetsk_republicTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

BRICS e SCO becchini degli USA

Ilija Vakhlakov Cont 9 luglio 2015 – America’s Done Wrongs

Fino al vertice congiunto delle unione interstatali BRICS e SCO, che si svolge in questi giorni a Ufa, erano tra i pochi club di Stati dagli interessi dissimili e privi di un qualsiasi contenuto specifico. Tuttavia gli attuali progetti su trasporti e finanziari possono vanificare secoli di grande gioco degli USA2015-07-09T122942Z_1289193856_GF10000153731_RTRMADP_3_EMERGING-BRICS-RUSSIA-MARKETSConversione
I leader dei Paesi BRICS di volta in volta tengono riunioni congiunte, come i vertici G7, per discutere e agire su un comune messaggio “mondiale”, dimostrando una crescente importanza mondiale, ma non solo. Allo stesso modo, i Capi di Stato dei Paesi della SCO periodicamente comunicano tra loro dichiarando l’impegno a “tutto ciò che va bene contro ogni male”, ma oltre le parole non si andava. La crisi globale, che ha colpito le economie di questi Paesi, poteva sembrare a qualcuno l’inizio della fine del Fronte antioccidentale. Perciò molti osservatori con malcelato stupore hanno visto quest’anno che le due organizzazioni iniziano un ambizioso e concreto sostegno a una revisione integrale della relazione geo-economica mondiale esistente. A metà 2015, al vertice di Ufa appare chiaro che BRICS e SCO diventano attori mondiali a pieno titolo e come tali vanno considerati. Questi ambiziosi superprogetti sono in primo luogo la nuova Banca di sviluppo dei BRICS e la riserva valutaria dei Paesi dell’associazione, così come il corridoio dei trasporti ed energetico della “Grande Via della Seta”, facendo della SCO un’influente unione politica ed economica. Nel caso che i promettenti progetti assorbano il traffico transatlantico, la base della globalizzazione attuale e le istituzioni finanziarie prevalentemente pro-USA cadranno nel dimenticatoio, l’equilibrio strategico globale passerà all’Asia e l’attuale egemone planetario Stati Uniti sarà finalmente emarginato dal mondo.

La Nuova Banca di Sviluppo: miliardi per la Russia
Cos’è la nuova banca di sviluppo? E’ un concorrente diretto degli usurati strumenti finanziari della trans-oligarchia come Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale. Entrambe tali strutture, controllate da Washington, hanno da tempo cessato di rispondere alla realtà perché non tengono conto del rapido sviluppo dei cosiddetti Paesi del terzo mondo, tra cui l’occidente vedeva i cinque Paesi BRICS. Questi ultimi non hanno alcuna leva sulle vecchie istituzioni finanziarie e non potevano sfruttare al massimo le proprie risorse per i propri progetti. Perciò pochi anni fa, i leader dei cinque Paesi decisero di creare la propria banca, dove essere azionisti con tutti i poteri necessari e l’accesso preferenziale a vere risorse. Da marzo a luglio di quest’anno i cinque Paesi BRICS hanno ratificato la creazione della banca ed entro la fine di quest’anno formeranno il primo pacchetto di progetti per gli investimenti futuri. Formalmente hanno permesso che il capitale della banca ammontasse a “soli” 100 miliardi dollari, ma con l’aiuto dei fondi in prestito su garanzia del fondatore, tale importo potrebbe facilmente aumentare a 300-400 miliardi di dollari. Quindi avviare la net economy: la banca di sviluppo guadagnerebbe miliardi da investimenti redditizi in infrastrutture, ricerca e progetti commerciali nel mondo, ponendo tassi speciali ai prestiti per le iniziative nel BRICS. Per la Russia, una nuova fonte per un facile uso dei fondi sarà cruciale date le sanzioni economiche imposte dall’occidente. Limitare l’accesso ai prestiti esteri a basso costo per un anno ha un impatto negativo su una serie di progetti infrastrutturali nazionali: costruzione di assi stradali e ferroviari e posa di condotte strategiche, scoperta di nuovi giacimenti di petrolio e gas e modernizzazione delle raffinerie. Nel prossimo futuro tutte queste iniziative avranno una solida base finanziaria grazie allo sviluppo della banca in cui la Russia avrà tutti i poteri necessari.

La Nuova Via della Seta: gli USA emarginati
La maggior parte dei progetti infrastrutturali russi, senza dubbio, sarà avviata sulla base dei nuovi interessi economici comuni dei Paesi della SCO. Si tratta del corridoio Estremo Oriente – Europa che rinnova la tradizione della Via della Seta medievale. La Cina è il motore ideale, ma la Russia è sempre estremamente importante, in quanto può di nuovo e più equamente integrarsi nell’economia mondiale, tramite partner chiave, con le più importanti arterie dei trasporti nel continente. Come è noto, i corridoi terrestri per centinaia di anni presiedettero agli scambi eurasiatici, e furono emarginati circa 500 anni fa quando gli europei aprirono le rotte marittime. Fu allora che la stella dell’Europa occidentale sorse, estinta dal crollo dell’impero romano. Dopo aver stabilito il suo potere con il controllo delle rotte marittime, la civiltà “atlantica” per mezzo millennio ha dettato la sua volontà su tutti i popoli e neanche oggi è disposta a rinunciare allo status di egemone globale. Oggi, tuttavia, il commercio marittimo tra Vecchio Mondo e “tigri” dell’Asia orientale subisce gravi limitazioni. La merce che viaggia da Guangzhou a Rotterdam, su rotte marittime, impiega in media 45-60 giorni, a seconda delle rotte e ridurlo drasticamente è impossibile. Con la realizzazione del progetto della nuova rotta terrestre della Via della Seta, il viaggio di uno stesso volume di merce sul ramo settentrionale, attraverso la Russia, occuperebbe solo 10-12 giorni. Oltre alla velocità, diventa un fattore importante la sicurezza. Negli ultimi anni le comunicazioni marittime sono sempre più oggetto di assalti ed anche di contrattazione geopolitica. Ciò si manifesta in molti modi: dagli attacchi dei pirati al largo delle coste del Corno d’Africa e nello Stretto di Malacca agli scontri diplomatici tra superpotenze su isole contese o sui piani per la costruzione di canali transcontinentali. Problemi gravi potrebbero verificarsi alle linee di approvvigionamento degli idrocarburi dai Paesi del Golfo per tutto il mondo, che sono quasi esclusivamente marittime. Il fenomeno terroristico dello “Stato islamico” (un gruppo vietato dalla Corte Suprema russa) può sconvolgere la regole del gioco, reclamando un proprio ruolo geopolitico in Medio Oriente. Tra l’altro ciò comporterebbe il forte aumento del ruolo del petrolio e del gas russo nel mercato energetico mondiale. Non è un caso, ad esempio, che siano costruiti gasdotti dalla Siberia occidentale e orientale verso la Cina quali elementi di base della futura Via della Seta.
Le conseguenze della costruzione e dell’ammodernamento del corridoio trans-Eurasia sono difficili da sopravvalutare. Basti dire che il passaggio del vettore degli scambi tra l’Europa e l’Asia agli itinerari terrestri inciderà immediatamente sulla configurazione dell’intero sistema finanziario mondiale ancora basato sul dollaro USA. La Nuova Via della Seta, che collega i produttori di materie prime più grandi del mondo ai principali mercati, rende gli USA semplicemente inutili, e la loro moneta irrilevante. E’ qui che l’Europa occidentale e l’Estremo Oriente potrebbero trovare il “punto di contatto” per un fruttuoso compromesso a lungo termine.2015_7$largeimg110_Jul_2015_074422440galleryLa Federazione Russa è tutt’altro che isolata: ospita BRICS e Shanghai Cooperation Organization
Galina Zobovo, Michiyo Tanabe e Lee Jay Walker Modern Tokyo Times

La Federazione russa è all’avanguardia nel sostegno al mondo multipolare rompendo la morsa dell’ordine tradizionale per cui USA, potenze europee e monarchie del Golfo collaborano. Naturalmente, le differenze rimangono su questioni specifiche e interessi geopolitici interni. Tuttavia, in generale tali forze sono solite collaborare quando si tratta di importanti questioni economiche, politiche e di sicurezza. Ultimamente la Federazione russa ha in primo luogo ignorato la politica di quelle nazioni nel caso di Abkhazia e Ossezia del Sud, seguite quindi dagli eventi in Crimea, Siria e Ucraina sud-orientale e orientale. Altri eventi internazionali testimoniano le gravi divisioni tra Federazione russa e potenze occidentali. Eppure, la crisi in Crimea (Federazione Russa) e in Ucraina sono l’ultima goccia. Dopo di ché Mosca ora affronta sanzioni economiche e altri aspetti negativi dovuti alle ambizioni geopolitiche di USA e Unione Europea (UE). Tuttavia, la Federazione russa ai primi di luglio di quest’anno ospita BRICS e Shanghai Cooperation Organization (SCO). Ciò significa che Mosca ospiterà nazioni come Brasile, Cina, India, Iran e Sud Africa, insieme a molte altre collegate alla SCO. In effetti, anche il Pakistan dimostra grande interesse per la SCO come altre nazioni dell’Asia centrale ritenute partner essenziali. In altre parole, è evidente che le élite politiche di Mosca ritengono di poter mettere evitare i rapporti negativi con USA e Unione europea grazie alla forza di trazione della Federazione Russa. Allo stesso tempo, la Federazione Russa fa appello ai tradizionali alleati di Washington per via della natura mutevole della geopolitica. Pertanto Paesi come Egitto e Pakistan, e altri, si allontanano dal loro approccio apertamente sbilanciato verso Washington per uno più equilibrato. Infatti, anche se può sembrare che il Giappone sia completamente nel campo degli USA, è altrettanto vero che i leader del Giappone e della Federazione russa condividono diversi rapporti cordiali. Altrettanto importante, le élite politiche di Tokyo sanno bene che relazioni positive con Mosca sono nell’interesse del Giappone. Ciò vale in particolare per gli eventi geopolitici in Asia nordorientale riguardanti penisola coreana e Cina in cui la Federazione Russa è vista come onesta mediatrice. Inoltre, di grande importanza è la questione energetica perché il Giappone non si affida più al Medio Oriente.
Asian News relaziona su fattori economici affermando: “L’obiettivo è rafforzare la cooperazione finanziaria contrastando il dollaro. Ciò che Cina e Russia già fanno è commerciare in altre valute. In realtà, la borsa di Mosca commercia già i futures in rubli-yuan e la Russia è uno dei tre massimi attori nella Banca di investimenti infrastrutturali asiatici (AIIB) insieme a Cina e India“. Le organizzazioni BRICS e SCO giungono in un momento molto opportuno per il Presidente della Federazione Russa Putin, perché mette in luce le sabbie mobili economiche e come Mosca non dipenda dalle potenze occidentali. Altrettanto importante, nonostante le parole del presidente degli USA Obama e di certi leader europei, è chiaro che la Federazione russa è tutt’altro che isolata. I media occidentali nel complesso hanno la possibilità d’immaginare un quadro assai negativo della Federazione Russa di Putin, ma le élite politiche a Mosca si concentrano sul sostegno del mondo multipolare nascente. In effetti, la Federazione russa è fermamente convinta che l’agenda da Guerra Fredda appartenga alle élite di Washington, perché Mosca continua a specificare che è aperta a scambi e colloqui con tutti. Tuttavia, nonostante l’approccio imparziale intrapreso dalla Federazione russa, è comunque evidente che questa nazione rifiuta la camicia di forza occidentale.

5111-0295RTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra economica tra Russia e Stati Uniti si accende

Eric Draitser New Eastern Outlook 02/07/2015csf978Mentre Stati Uniti ed Europa acuiscono le sanzioni contro la Russia, un’intrigante guerra economica prende forma ed avrà notevoli ripercussioni negli anni a venire. Mentre Washington e Bruxelles cercano di dividere la Russia dall’Europa per mantenere l’egemonia occidentale, bloccando l’integrazione eurasiatica, Mosca contrasta tale strategia facendo leva sulla sua potenza economica, sotto forma di esportazioni energetiche e cooperazione. Anche se la maggior parte delle macchinazioni economiche è occulta, essendo meno eclatanti del conflitto per l’Ucraina, sanzioni e rafforzamento militare della NATO in realtà sono ugualmente importanti. Il colosso energetico russo Gazprom ha stipulato accordi economicamente e strategicamente cruciali con le principali compagnie occidentali, esattamente nello stesso momento in cui l’occidente cerca d’isolare economicamente la Russia. Allo stesso tempo, i gasdotti russi nel Nord e Sud d’Europa (oltre che in Europa centrale e orientale) complicano le cose per coloro che cercano di allontanare la Russia dal mercato europeo e dal potenziale potere politico ed economico che l’accesso a tale mercato comporta. Da una prospettiva geopolitica e strategica, il conflitto tra Russia e Stati Uniti e subalterni europei si manifesta tanto nei consigli di amministrazione, che nei parlamenti; tanto sotto il Mar Baltico e Mar Nero, che nelle sale operative di Pentagono e Cremlino.

E’ l’economia, stupido
Tra seminari e discussioni sullo sviluppo dei BRICS, integrazione eurasiatica, e Nuova Via della Seta al St. Petersburg International Economic Forum, un enorme accordo di cooperazione energetica è stato firmato, e dovrebbe essere visto come un gran colpo di Mosca. Un accordo tra il primo produttore mondiale di gas, Gazprom, e Royal Dutch Shell, per costruire due nuovi gasdotti Nord Stream per la Germania avrà importanti implicazioni sul futuro della cooperazione economica tra Russia e imprese energetiche europee. Inoltre, consoliderà ulteriormente la Russia quale partner fondamentale per l’industria tedesca, cuore dell’economia tedesca. I dettagli dell’accordo non sono ancora del tutto chiari ma le basi sono note, e sono chiaramente significative. Non solo Royal Dutch Shell e partner minori come E.ON tedesca e OMV austriaca, fanno parte di un consorzio per l’ampliamento del Nord Stream, ma si estenderà ad asset swap e partnership in vari altri progetti, in Europa e altrove. Come Aleksej Miller, amministratore delegato di Gazprom, ha spiegato: “Documenti di tale importanza sono firmati solo una volta ogni cinque anni o forse anche 10… Molti dei nostri partner tradizionali si pongono da forti attori regionali… Shell è un attore globale. E mentre i mercati mondiali del gas si sviluppano… creeremo una partnership strategica globale… conosciamo i mercati di Brasile, Australia e Asia, permettendoci di parlare di partenariato globale… Il nostro livello di preparazione è molto alto”. E’ chiaro che, dal punto di vista puramente economico, la partnership tra Gazprom e Shell e partner avrà implicazioni globali, consentendo l’espansione del progetto offshore GNL Gazprom-Shell di Sakhalin-2 che ha raggiunto la piena capacità solo nel 2014. Tale espansione del progetto già riuscito ne farà un attore fondamentale nel fornire la tanto necessaria energia alle economie in crescita della regione Asia-Pacifico, così come a clienti in Nord America. Considerando gli alti costi di trasporto del GNL, la posizione strategica del progetto così come l’espansione recentemente decisa della joint venture Gazprom-Shell Sakhalin-2, è pronta a fare della Russia la futuro fornitrice fondamentale di GNL della regione. L’accordo riguarda anche i principali asset swap a monte, termine che indica la cooperazione in esplorazione, fattibilità, perforazione preliminare e test, ed altri processi iniziali. In sostanza, ciò farà di Gazprom e Shell partner interconnessi in numerosi aspetti chiave, non solo nella produzione ed esportazione di energia. L’importanza di questo punto non va sottovalutata perché, a differenza dei semplici contratti di fornitura che possono essere rinegoziati, rescissi o terminati, questo tipo di cooperazione è un processo a lungo termine con enormi investimenti di capitale in attività di base, che renderebbe le modifiche sostanziali per circostanze politiche assai meno probabili. In breve, la Russia avrà un partner seriamente garantito; un’assicurazione contro sviluppi politici negativi. Naturalmente l’accordo con la Shell non è l’unico grande sviluppo economico energetico degli ultimi mesi. Il tanto pubblicizzato accordo sul gas Russia-Cina, annunciato un anno fa, comincia a dare frutti oltre l’ovvio colpo propagandistico.
Il Vicepresidente di Gazprom Aleksandr Medvedev ha recentemente annunciato che la Cina inizierà la costruzione del suo ramo del gasdotto Potenza della Siberia, il 29 giugno 2015. Con la Russia che ha già iniziato la costruzione del gasdotto sul suo territorio, nel settembre 2014, il progetto sembra sarà terminato a fine 2017. Il significato di questo sviluppo non va sottovalutato; un rapido sguardo alla cartina dei progetti di gasdotti orientali di Gazprom dimostra chiaramente che Potenza della Siberia, insieme ad altri gasdotti già attivi, farà della Russia uno dei principali fornitori di energia, sia della Cina tramite gli impianti di trattamento del gas e chimici che sono in costruzione a Blagoveshensk, al confine tra Russia e Cina, che di altri Paesi dell’Asia orientale. Oltre a questi importanti sviluppi energetici orientali, costruzione e avvio del gasdotto Altaj potrebbe fare della cooperazione energetica tra Russia e Cina un’alleanza energetica in piena regola. Progettato per fornire 30-38 mld di metri cubi di gas russo dalla Siberia occidentale alla Cina, il gasdotto consoliderà la Russia a primo partner economico energetico della Cina. Non solo l’enorme volume di gas sarà fornito dalla Russia, ma facendolo passare a sud, ad Urumqi, la capitale della provincia cinese dello Xinjiang sarà il fulcro di molti piani della Nuova Via della Seta cinese. Così l’energia russa diverrà il motore principale di sviluppo ed espansione economico cinese. In generale, il gas russo e la produzione cinese diverranno le forze motrici gemelle dell’integrazione eurasiatica. Naturalmente l’importanza politica di tale interdipendenza è piuttosto evidente, con partenariati economici che molto spesso si traducono in politici e strategici. Ed è la politica dove questi accordi economici sono particolarmente vitali per la Russia.

La dimensione politica e strategica
L’imperativo strategico della Russia verso l’Europa è chiaro: fare tutto il necessario per evitare che gli Stati Uniti scavino efficacemente un solco tra Russia e Europa. Come Washington ha dimostrato negli ultimi 18 mesi, non si fermerà davanti a nulla per recidere qualsiasi forma di cooperazione tra Mosca e partner europei. Fomentando la guerra in Ucraina, imponendo sanzioni e accrescendo le forze NATO, gli Stati Uniti fanno chiaramente tutto il possibile per staccare l’Europa orientale, nel tentativo di creare una “cortina di ferro” che separi la Russia dalle partnership politiche ed economiche in Europa. Visto da qui l’accordo con la Shell è una chiara contromossa. Piuttosto che accontentarsi semplicemente delle controsanzioni, Mosca s’incunea in Europa diventando il partner importante della Royal Dutch Shell, una delle più potenti e influenti compagnie europee. Mentre gli Stati Uniti creano un cuneo geografico, la Russia ovviamente ne crea uno economico; l’accordo divide i capi politici europei legati al diktat statunitense dagli imprenditori europei legati a profitto ed investitori. Data la redditività del commercio con la Russia, sarà molto più politicamente irrealizzabile per l’istituzione europea continuare i passi contro la Russia, mettendosi ulteriormente in conflitto con le élite economiche. Inoltre, la Russia attua il suo perno in Asia ampliando notevolmente le relazioni economiche con la Cina in vari settori, tra cui trasferimento di tecnologia della difesa, come dimostra la notizia che la Russia venderà il tanto apprezzato sistema missilistico S-400 alla Cina, divenendo il primo Paese a ricevere questa tecnologia. Così Russia e Cina diventano partner energetici e militari. Anche se non possono utilizzare il termine “alleanza”, si tratta esattamente di questo. Così, la guerra economica iniziata da Stati Uniti e leccapiedi ha generato il contraccolpo finale, una piena guerra lampo economica della Russia. Naturalmente, non era così che la Russia voleva incamerare profitti, continuando a collaborare con l’Europa pre-crisi ucraina. Ma ora che la marea s’infrange, i russi dimostrano di non essere disposti ad essere sul lato sbagliato della guerra economica. Piuttosto, esibiscono i loro grossi calibri, il tipo di arsenale verso cui Stati Uniti e NATO hanno poca difesa.

Eric Draitser é analista geopolitico indipendente di New York City e fondatore di StopImperialism.org, ed editorialista di RT, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

sakhalin2_2_eng
La Russia diventa il terzo attore dell’AIIB dopo Cina e India
La Russia ha un voto del 5,92% e una quota del 7,5% nell’Asia Infrastructure Investment Bank. La Cina un voto del 20,06% e una quota del 30,34% e l’India un voto del 7,5% e una quota del 8,52%
RT 2 luglio – Russia Insider

unnamed_risultatoLa Russia è il terzo attore della Banca d’investimento infrastrutturale asiatica (AIIB) della Cina, avendo ricevuto una quota di voto del 5,92 per cento, mentre Cina e India hanno rispettivamente 20,06 per cento e 7,5 per cento. La cerimonia della firma del documento di base per la creazione dell’AIIB ha avuto luogo a Pechino e vi hanno partecipato 300 delegati provenienti dai 57 Paesi fondatori della nuova banca. I delegati hanno deciso il capitale sociale complessivo, la quota di voto di ciascun aderente, struttura della governance, meccanismo decisionale e procedure aziendali operative. La Cina non cerca il veto nella banca ha detto il Viceministro delle Finanze Yaobin Shi, citato da Xinhua News Agency. Il Ministro delle Finanze cinese Luo Jiwei, a sua volta, ha detto che la banca opererà secondo i più elevati standard e seguirà le regole internazionali. La Cina ha il 30,34 per cento delle azioni della banca; India e Russia 8,52 e 7,5 per cento rispettivamente. La quota della Russia nel capitale sociale di AIIB sarà di 6,5 miliardi di dollari, ha detto il Viceministro delle Finanze russo Sergej Storchak dopo la cerimonia della firma, secondo la TASS. “La quota di partecipazione della Russia nell’AIIB ammonterà a 1,3 miliardi dollari in termini monetari e 6,5 miliardi di capitale sociale della banca. Cioè, il capitale versato è pari al 20 per cento. In questo caso, la Russia avrà 65362 azioni della banca“, ha detto Storchak aggiungendo che la direzione amministrativa della della banca sarà affiancato da un rappresentante russo. “La Federazione russa parteciperà alla gestione della banca; abbiamo l’opportunità di nominare un direttore da parte russa avendo una quota nel capitale della banca di oltre il 6 per cento“, ha detto. Il Consiglio di Amministrazione approverà progetti e strategia della banca.
L’AIIB è stata istituita su iniziativa della Cina nell’ottobre 2014. L’accordo è stato firmato da 21 Paesi. I Paesi che partecipano alla banca come soci fondatori erano già 57 ad aprile 2015. Il capitale iniziale sottoscritto dalla banca è di 50 miliardi di dollari che dovrebbero aumentare 100 miliardi. Il capitale autorizzato è suddiviso in 1000000 di azioni da 100000 dollari ciascuno. L’AIIB fornirà fondi per lo sviluppo di sistemi stradali, telecomunicazioni e altri progetti infrastrutturali nelle regioni più povere dell’Asia. Nella fase iniziale, AIIB si concentrerà sulla creazione della ‘nuova Via della Seta’, un sistema di rotte commerciali che collega i mercati di Europa e Asia. Gli esperti considerano AIIB potenziale rivale di Fondo monetario internazionale e Banca mondiale. Tuttavia, il capo del Fondo monetario internazionale, Christine Lagarde, ha detto che FMI e BM sono pronti a collaborare con l’AIIB.

htm_2010122222164250005010-001Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sanzioni e nascita della nuova Russia

F. William Engdahl New Eastern Outlook 25/06/2015csf978Voglio condividere le mie impressioni sulla recente visita a San Pietroburgo, dove sono stato invitato a parlare a una conferenza intitolata “Mai sprecare una buona crisi”. Il titolo è una versione del vecchio proverbio cinese: “Una crisi presenta anche opportunità”. Questo è ciò che appare oggi nella Federazione Russa e s’irradia dall’ampia distesa dell’Eurasia ad Asia, Africa, Medio Oriente e America Latina. In mancanza di un termine migliore, chiamerò ciò che avviene Ordine del Nuovo Mondo, per differenziarlo dal Nuovo Ordine Mondiale dominato dagli Stati Uniti di George HW Bush, proclamato dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, in un discorso dell’11 settembre 1990 al Congresso degli Stati Uniti, dove disse “Oltre questi tempi difficili, il nostro… obiettivo, un Nuovo Ordine Mondiale, può emergere…” Oggi è chiaro che il Nuovo Ordine Mondiale di Bush era destinato a sfruttare senza scrupoli il disordine successivo alla fine dell’Unione Sovietica forgiando un mondo unipolare in cui un piccolo gruppo avrebbe dettato al mondo intero le sue condizioni. Il suo perseguimento è stato l’unico obiettivo della politica estera degli Stati Uniti e delle loro guerre e campagne terroristiche sotto tre presidenti degli Stati Uniti, nell’ultimo quarto di secolo dalla fine dell’Unione Sovietica. Ciò motiva la guerra civile istigata dagli USA in Ucraina, Siria, contro la Cina nel Mar Cinese orientale, e il sostegno occulto degli USA al SIIL. Si avanzano le sanzioni economiche statunitensi contro la Russia, a cui Washington ha costretto l’UE ad appoggiare, con grande danno per la sua economia. Ciò che ho visto non solo a San Pietroburgo, ma anche in altre recenti visite in Russia, è qualcosa che posso solo definire straordinario. Piuttosto che farsi terrorizzare da interminabili attacchi e sanzioni economiche e finanziarie lanciate contro di essa, la Russia e la sua dirigenza sono sempre più sicure di sé e, soprattutto, più autosufficienti e positivamente aggressive come mai prima. Alcuni esempi l’illustrano.

Leader negli alimenti biologici
I leader russi di oggi hanno capito che ciò che sotto il corrotto Eltsin era considerato una passività, l’agricoltura, è uno dei beni più grandi della Russia. Ho avuto occasione, nel contesto di questa edizione del San Petersburg International Economic Forum, di parlarne con il Viceministro dell’Agricoltura che mi ha detto che il governo ha preso la decisione strategica di usare le sanzioni “contro le sanzioni”, cioè vietare le importazioni di prodotti alimentari dall’Unione europea, per realizzare una produzione di alimenti naturali e biologici russi. Il Viceministro Sergej Levin mi ha detto che la Russia già oggi ha vietato ogni nuova commercializzazione di sementi OGM. Le sue osservazioni furono riprese dal Viceprimo ministro russo Arkadij Dvorkovich che annunciava che la Russia non userà organismi geneticamente modificati (OGM). Il ministro dell’Agricoltura russo Nikolaj Fjodorov ha promesso di fare della Russia un Paese senza OGM. In una riunione dei deputati rappresentanti le zone rurali ha dichiarato sugli OGM che il governo non “avvelenerà i cittadini”. Hanno capito che il ricco e fertile suolo russo, quando le esigenze della guerra fredda deviarono la produzione di sostanze chimiche per la difesa, in gran parte evitò il pesante uso di prodotti agrochimici che ha gravemente danneggiato i terreni agricoli degli Stati Uniti e di gran parte dell’Unione europea dal 1945, secondo i metodi agro-alimentari statunitensi che in modo meraviglioso aumentarono la resa dei raccolti, ma non la qualità nutrizionale del cibo prodotto. Qui è dove la Russia ha capito che può divenire un importante produttore mondiale di prodotti agricoli organici di qualità. I fertili terreni agricoli russi diventano ancora più strategici per le forniture alimentari mondiali, mentre le fertili terre nere dell’Ucraina vengono distrutte da guerra e caos.

La Russia come catalizzatore dell’energia
10952140 Ciò che era evidente nei miei colloqui e osservazioni a San Pietroburgo è la tremenda dinamica russa nel mutare l’ordine mondiale esistente. Le sanzioni spingono la Russia a fare cose molto buone. Gli sforzi di Washington sono ridicolmente inefficaci cercando di bloccare i capitali occidentali per le imprese russe, in particolare quelle energetiche, e la drammatica escalation delle provocazioni della NATO attorno la Russia hanno spinto a decisioni strategiche autonome o alla cooperazione con partner commerciali non NATO. La diversità di tali accordi commerciali strategici emersa a San Pietroburgo è impressionante. Andrew Korybko, giornalista e analista di Sputnik ha dettagliato alcuni dei più significativi accordi emersi nel forum russo. Korybko sottolinea che lungi dall’essere considerato a livello internazionale come uno Stato paria, “spezzando” le regole del gioco di Washington, la Russia calamita l’interesse internazionale come mai prima nella storia. Ciò è dimostrato dalla partecipazione al forum annuale di San Pietroburgo. Nonostante i grossi stupidi sforzi del dipartimento di Stato USA per scoraggiare la presenza a San Pietroburgo, quest’anno vi era un numero record di partecipanti, circa 10000, che in tre giorni di intense discussioni hanno firmato oltre 200 contratti da 5,4 miliardi dollari per nuovi accordi commerciali con la Russia, con decine di miliardi di nuovi accordi negoziati seriamente. L’affluenza è stata del 25% più alta rispetto all’anno prima, un record per il 19.mo forum nonostante i ripetuti sforzi di Washington e Bruxelles di demonizzare la Russia e Putin. Si invia un segnale chiaro ai governi della NATO che non considerano le sanzioni alla Russia un ostacolo all’ulteriore cooperazione con la Russia per sviluppare le vaste risorse di idrocarburi, da parte dell’inglese BP e dell’anglo-olandese Royal Dutch Shell, così come della tedesca E.ON, che hanno stipulato importanti nuovi accordi con la Russia a San Pietroburgo.
I colossi energetici Gazprom e Shell hanno firmato un memorandum per la costruzione di una terza linea per l’impianto di gas naturale liquefatto di Sakhalin sulla costa del Pacifico della Russia. Gazprom ha inoltre firmato un memorandum per la costruzione di un gasdotto dalla Russia alla Germania sul Mar Baltico con E.ON, Shell e la società energetica OMV di Vienna. L’accordo del Baltico prevede la costruzione di un nuovo gasdotto verso la Germania a fianco dell’attuale Nord Stream. Il nuovo progetto avrà una capacità di 55 miliardi di metri cubi l’anno, il doppio del volume del Nord Stream. Nonostante i rapporti tesi tra Mosca e Bruxelles, l’Europa avrà bisogno di più gas nel prossimo futuro e la Russia è l’unico Paese che può soddisfare la domanda ad un prezzo competitivo. “Considerando il declino dell’estrazione locale di gas in Europa e l’aumento della domanda, le imprese europee devono sviluppare nuove infrastrutture per garantire l’approvvigionamento di gas russo a i consumatori europei“, ha detto Gazprom in un comunicato. Dopo lo stupido tentativo di Bruxelles di sabotare ulteriori forniture di gas Gazprom-UE, generando da parte dei governi dell’UE il caos incontrollato in Ucraina, una quota importante delle forniture via gasdotto all’UE dalla Russia minaccia di ridursi. In conseguenza alle pressioni dell’UE su Bulgaria e altri Paesi dell’UE, lo scorso dicembre, nei colloqui con il presidente turco Erdogan ad Ankara, il presidente russo Vladimir Putin annunciava, scioccando Bruxelles, che South Stream, un progetto da 45 miliardi di dollari per inviare gas naturale russo via gasdotto sottomarino nel Mar Nero in Bulgaria e nei mercati dei Balcani e del sud Europa, era morto. Invece Putin annunciava colloqui con Erdogan per creare ciò che oggi è chiamato Turkish Stream, un gasdotto che porterà il gas russo attraverso la Turchia direttamente ai confini della Grecia. Il percorso successivo ai Paesi dell’UE dipenderà dalle decisioni dell’UE. In particolare in tale contesto, durante i colloqui a San Pietroburgo tra il primo ministro greco Alexis Tsipras e funzionari russi, tra cui Putin e ministri dell’Energia russo e greco, la Grecia ha firmato un memorandum per portare il gas russo dal gasdotto Turkish Stream al membro dell’UE (almeno per ora) Grecia. Grecia e Russia hanno firmato il memorandum per il progetto che Tsipras ha descritto come “Greek Stream“. Allo stesso convegno, il presidente della Republika Srpska Milorad Dodik ha rivelato che “la Serbia senza dubbio parteciperà al Turkish Stream”. Non erano gli unici accordi energetici raggiunti a San Pietroburgo. Gazprom e la società francese del gas Engie hanno discusso la necessità di nuove vie di forniture di gas all’Europa. E il gigante petrolifero russo Rosneft ha firmato un accordo con la compagnia petrolifera e gasifera inglese BP che ha acquistato il 20 per cento della Taas-Jurjakh Neftegazodobicha nella Siberia orientale, creando una nuova joint venture energetica anglo-russa. Per coloro che in occidente affermano, come i neo-con del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, della Casa Bianca di Obama o dell’ufficio del segretario alla Difesa “Ash” Carter, che Putin pone furtivamente le basi per la ricostruzione l’Unione Sovietica, che non vi è alcuna base del genere, e che è chiaro che più l’economia della Russia dipende da cooperazione e rispetto reciproco con i Paesi UE, più assurde tali accuse appaiono.

L’accordo a sorpresa con i sauditi
Come se scala e diversità di questi nuovi accordi non fossero sufficienti, gli accordi della Russia di Putin con i massimi rappresentanti di Arabia Saudita e dell’India sottolineano il ruolo di avanguardia che la Russia svolge sempre più nel creare un Nuovo Mondo dall’ordine multipolare. Uno degli sviluppi più geopoliticamente affascinanti del forum di San Pietroburgo è stata la comparsa del principe saudita Muhamad bin Salman, ministro della Difesa e figlio del re Salman. Il principe bin Salman e Putin hanno tenuto una conferenza stampa congiunta durante il St. Petersburg International Economic Forum, dove Putin ha annunciato di aver invitato il re saudita Salman a visitare la Russia, e di aver accettato l’invito a visitare l’Arabia Saudita. Inoltre, i due hanno discusso dell’acquisto saudita di tecnologia russa nucleare. Il ministro degli Esteri saudita Adil al-Jubayr ha detto a RT che l’Arabia Saudita ha intenzione di utilizzare l’esperienza della Russia per costruire 16 reattori elettronucleari. Russia e Arabia Saudita firmarono un accordo intergovernativo sulla cooperazione per l’uso pacifico dell’energia nucleare. Secondo l’agenzia per l’energia atomica russa Rosatom, per la prima volta nella storia delle relazioni russo-saudite si crea un quadro giuridico per la cooperazione bilaterale nel campo dell’energia nucleare, aprendo prospettive di cooperazione nella costruzione e gestione di reattori, ciclo del combustibile nucleare, nonché istruzione e formazione. Il presidente russo Putin e il principe saudita hanno discusso la possibile cooperazione nel commercio di armi. Hm. Finora l’Arabia Saudita è il primo cliente degli armamenti di Stati Uniti e Gran Bretagna. Non c’è dubbio che il 9 maggio, la sfilata a Mosca dei sistemi d’arma russi più avanzati abbia catturato l’attenzione del principe bin Salman. Riferendosi ai colloqui tra bin Salman e Putin su possibili acquisti di sistemi d’arma russi dall’Arabia Saudita, il ministro degli Esteri al-Jubayr ha dichiarato: “La questione (di acquistare armi) viene considerata dagli esperti militari dei nostri Paesi. Ma voglio sottolineare che nulla c’impedisce di acquistare sistemi di difesa russi, proprio come nulla impedisce alla Russia di venderli all’Arabia Saudita“. Possiamo immaginare come questa affermazione abbia preoccupato Washington e Londra e il quartier generale di Bruxelles della NATO, su quanto deciso dall’incontro del 1945 tra il presidente statunitense Roosevelt e il re saudita Ibn Saud per garantire i diritti esclusivi alle major petrolifere statunitensi nel sviluppare gli enormi giacimenti di petrolio del regno saudita, facendo di Riad uno Stato vassallo degli Stati Uniti.
Altri accordi nel contesto dell’ultimo Forum economico internazionale di San Pietroburgo sono troppo numerosi da dettagliare. Riguardano India, Myanmar e numerosi altri Paesi. In breve, San Pietroburgo ha dimostrato al mondo il fallimento totale della politica degli Stati Uniti nel cercare di isolare e demonizzare la Russia di Vladimir Putin. Perseguendo la strategia di pacifici accordi economici e commerciali con gli alleati della Shanghai Cooperation Organization, soprattutto con la Cina, di accordi con i Paesi BRICS come India, Brasile, Sudafrica e Cina e nell’ambito dell’Unione economica eurasiatica, la Russia emerge quale avanguardia dell’Ordine del Nuovo Mondo, in cui il rispetto di confini nazionali e sovranità nazionale è ancora la pietra angolare. Parafrasando il testo del grande cantante country statunitense Carl Perkins, la Russia dice a Washington, “Puoi abbattermi, calpestarmi, calunniarmi dappertutto. Ttutto ciò che vuoi, ma uh uh, bello, lascia in pace il mio diritto sovrano ad esistere e prosperare in pace con i miei vicini“. Il Nuovo Ordine Mondiale di Bush si sgretola sotto i nostri occhi mentre la Russia dà vita all’Ordine del Nuovo Mondo. E’ affascinante e molto bello da vedere.CDH1iCRWYAApHyl_risultatoF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in politica alla Princeton University, è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Da Slavjansk a Minsk

Rostislav Ishenko Fort Russ 23 giugno 2015SONY DSCIl periodo tra il primo assalto a Slavjansk e Minsk I non è stato solo il più difficile per RPD e RPL, ma ha anche consolidato la concezioni dei cosiddetti “militaristi” e “operatori di pace”. Li metto tra virgolette di proposito, perché entrambi abbastanza vaghi. Se si guardano le attività dei media, si vedrà che la stragrande maggioranza degli esperti e politici sottolinea l’inevitabilità della risoluzione della questione ucraina con mezzi militari. In altre parole, non vi sono differenze di opinione quando si tratta di valutare la situazione. Non ci sono forze politiche serie (l’opposizione liberale è del tutto emarginata) che chiedono la pace a qualsiasi prezzo. Il disaccordo reale tra “costruttori di pace” e “militaristi” non è se combattere. È stupido discutere sull’appropriatezza della guerra in corso, ma come combatterla. Se fosse valsa la pena utilizzare l’esercito russo nelle prime fasi della crisi in Ucraina per rovesciare la dittatura nazista non-ancora-trinceratasi. I “militaristi” dicono di sì. E sarei incondizionatamente d’accordo con loro se si trattasse solo del conflitto tra Russia e Ucraina. E’ veramente innaturale vedere un regime nazista formasi accanto, un regime che ha già dichiarato l’obiettivo di distruggere il vostro Paese e la vostra nazione, e non fare nulla. Non è un segreto che le autorità ucraine abbiano organizzato così tante provocazioni nei primi mesi del 2014, che si sarebbero potuto legittimamente lanciare dieci guerre. Il trasferimento della Crimea alla giurisdizione russa richiede, come minimo, richiede la ricostruzione dello Stato ucraino. L’attuale Ucraina considererà sempre la Crimea come sua proprietà e, dal punto di vista del diritto internazionale (e non dei patriottardi russi), la questione non sarà mai chiusa definitivamente. Pertanto lo Stato ucraino va distrutto, in un modo o nell’altro. Posso citare una lista infinita di argomenti a favore dell’invasione già nel febbraio del 2014. Ma perché? La leadership russa, a giudicare dai risultati ottenuti negli ultimi 15 anni, è invece più intelligente dei blogger isterici e ha una visione migliore di ciò che accade di coloro che ricevono soffiate dal governo senza nemmeno comprendere che tali informazioni in “esclusive” sono semplicemente disinformazione. Se anche i patriottardi capiscono l’inevitabilità del coinvolgimento della Russia nel conflitto a un certo momento, è bizzarro supporre che il Cremlino non lo veda o lo sottovaluti. Se si guarda al lavoro dai media statali russi, si vedrà che hanno reindirizzato l’opinione pubblica negli ultimi 18 mesi secondo l’opinione più diffusa, da “non ci serve. Gli ucraini la capiranno da soli” ad “arriveremo a Parigi, se necessario”. Non si guida una campagna d’informazione di questo tipo per puro divertimento. Non si cambia l’immagine degli Stati Uniti da “amico tremendo” a “nemico comico” per caso. Tuttavia, le forze che occupano posizioni minacciose alla frontiera non apparvero in Ucraina. Non si presentarono a dispetto del permesso del Consiglio della Federazione e della richiesta di Janukovch, legittima in quel momento. Inoltre, tali permessi non vengono rilasciati per capriccio, e tali richieste non sono fatte con leggerezza. Invece dell’esercito abbiamo avuto Minsk. E il gioco è diventato lungo. Perché dunque la Russia si prepara alla guerra, ma non l’inizia?
Perché ai “militaristi” dalla corta visione e con l’ossessione per l’Ucraina gli impedisce di capire che la guerra globale tra Russia e Stati Uniti non distruggerebbe Kiev e Donbas, ma il futuro dell’umanità. Anche il nostro. Si tratta di un conflitto globale e sistemico. Il vecchio e terminale mondo statunitense combatte per prolungare la propria agonia. Quel mondo non sopravviverà. La sua vittoria significa semplicemente rimandarne la morte. Ma anche morendo, quel mondo può infliggere danni letali al nuovo mondo che nasce sotto i nostri occhi e con la nostra partecipazione. Affinché il nuovo mondo, dove l’egemonia unilaterale degli Stati Uniti o qualcosa del genere non sarà possibile, la Russia deve concludere il confronto con gli Stati Uniti su posizioni di forza, conservando o addirittura aumentato la potenza, piuttosto che subire l’attrito del conflitto. Solo l’esistenza di una Russia forte e autorevole, che non pretende il titolo di potenza egemone assoluta, ma che può sconfiggere chiunque cerchi di occupare il trono vacante degli Stati Uniti, garantisce che le vittime che l’umanità ha subito nell’ultimo conflitto della vecchia era non siano vane, ricevendo un meraviglioso nuovo mondo e non la riedizione di quello vecchio. Solo in questo caso le lacrime dei figli del Donbas, ma anche di Damasco, Baghdad e Belgrado, non saranno state versate invano. Se guardiamo la situazione da questa posizione, vedremo che gli Stati Uniti preparavano la classica trappola per la Russia in Ucraina. Hanno deliberatamente portato al potere un regime non solo russofobo (Jushenko era più russofobo di Poroshenko), ma feroce. Non a caso hanno dato al regime carta bianca con il massacro di Odessa, la soppressione degli attivisti a Dnepropetrovsk, Kharkov, Zaporozhe, gli omicidi politici a Kiev, le camere di tortura di Fazione destra, e altri eccessi nazisti. Hanno creato una situazione in cui la leadership russa non poteva non intervenire. Era necessario intervenire su pressione dell’opinione pubblica russa. L’esercito sarebbe entrato in Ucraina, dopo di che la Russia avrebbe avuto Vietnam e Cecenia combinate. Prima di tutto i militari ucraini sono chiaramente totalmente incapaci, e la resistenza anemica sarebbe durata giorni o addirittura ore. Ma i volontari nazisti e decine di migliaia di sempliciotti avrebbero “difeso la patria” contro “l’aggressione russa” nel Donbas, o raccolto denaro per le esigenze dell’esercito, dal cibo alle uniformi e armi, o anche diffuso disinformazione che non sarebbe facilmente scomparsa. Alcuni di loro sarebbero diventati partigiani, altri sabotatori, altri ancora avrebbero semplicemente odiato il nuovo governo. La Russia sarebbe stata bloccata su un territorio in bancarotta con 40 milioni di poveri ostili o sleali. Avrebbe consumato le risorse russe, che non sono di gomma. In secondo luogo, gli Stati Uniti avrebbero consolidato l’Europa su una linea antirussa più velocemente e con maggiore decisione. Le forze politiche che attualmente occupano posizioni filo-russe sarebbero state semplicemente zittite dicendo che l’infido e armatissimo orso aveva attaccato i pacifici democratici coniglietti giallo-blu. Sarebbe stata la fine del discorso. L’Europa deve difendere i propri valori. E’ del tutto possibile che avremmo visto la versione europea del maccartismo. Le sanzioni sarebbero state attuate immediatamente e totalmente e avrebbero colpito un’economia russa gravemente impreparata. L’Ucraina occidentale, con l’ausilio di “volontari” europei, istruttori statunitensi, armi della NATO e altre prelibatezze, sarebbe diventata l’equivalente del Donbas per la Russia, una piccola guerra di attrito che non può essere vinta e che può durare decenni. L’esercito sarebbe stato legato alla necessità di controllare l’Ucraina e di sopprimere il banderismo, l’economia sarebbe stata in crisi. Il popolo avrebbe chiesto alle autorità di spiegare “a cosa ci è servito?” e la società sarebbe entrata nel vortice della destabilizzazione. E i “militaristi” se ne sarebbero lavati le mani, criticando il Cremlino per incompetenza e, in solidarietà con i liberali, avrebbero detto che non avrebbero mai permesso una simile catastrofe. In terzo luogo, gli alleati della Russia in Eurasia, BRICS, Organizzazione di Shanghai, ecc, che già non guardano la leadership di Mosca con approvazione avrebbero sospettato un tentativo di “resuscitare l’URSS” o di sostituire gli USA per dettare la propria volontà al mondo, e avrebbero abbandonato tutti i programmi comuni. Alcuni avrebbero pensato che se l’esercito può essere inviato in Ucraina, può essere inviato anche altrove. Altri ancora, più intelligentemente, sarebbero giunti alla conclusione che non era saggio legarsi a un Paese che non prevede le conseguenze delle proprie azioni. Così, invece di tutto ciò abbiamo avuto Minsk. Cosa ha fatto la Russia per averlo?
_74727052_ukraine_donetsk_luhansk_referendum_624 Prima di tutto, da Slavjansk a Minsk, i cittadini russi che diressero la rivolta e che, come Portos, combattevano per combattere, furono sostituiti da controllati abitanti locali. La leadership di RPL/RPD divenne presentabile. Potevano presentarsi senza sentirsi chiedere: “Perché la rivolta nazionale in Ucraina è guidata da cittadini russi?” L’anarchia incontrollabile del tutto imprevedibile fu trasformata in normale struttura organizzativa. I “comandanti” sul campo che combattevano senza supporto logistico e che ritenevano che i “civili” fossero un fardello, sono divenuti ufficiali degli eserciti di RPL RPD. Strutture amministrative civili normali furono create tra Minsk 1 e 2. Il banditismo e i furti sventati. Una parvenza di sistema finanziario ed economia delle repubbliche fu instaurata. In generale, le strutture hanno permesso una vita normale (anche se sotto tiro). Le repubbliche non sarebbero sopravvissute senza questi cambiamenti impercettibili ma fondamentali. Le “oche selvatiche” non sarebbero sopravvissute senza il sostegno popolare, e la popolazione ha rapidamente smesso di sostenere coloro che combattono per tornaconto personale nel territorio in cui vive la popolazione, e che non si preoccupano di come la popolazione debba sopravvivere. Inoltre, la Russia ha costretto Kiev, scalciando e urlando, a sedersi con gli insorti, quindi de-facto riconoscendoli come partito legittimo nei negoziati. Poi Merkel e Hollande apparvero nello stesso tavolo nella seconda fase. Mosca ottiene ciò che richiedeva l’accordo di associazione con l’Ucraina, il dialogo diretto con l’Europa sull’Ucraina. Ora, con il gruppo Karasin-Nuland, vi è anche una piattaforma per il dialogo diretto con gli Stati Uniti. Tutto ciò che Washington ha cercato di evitare per 18 mesi, è accaduto. Gli Stati Uniti, contro i propri desideri, hanno riconosciuto il loro coinvolgimento nella crisi ucraina (la versione ufficiale precedente parlava di lotta al regime corrotto del popolo ucraino). Ora Washington e Bruxelles sono responsabili dello svilupparsi della situazione politica e giuridica. E’ impossibile pretendere che la Russia tiranneggi i deboli, mentre gli Stati Uniti non ne siano coinvolti. Poroshenko, che ha chiesto negoziati diretti con Putin, si trova ora nella stessa sala d’attesa con Zakharchenko e Plotnitskij, in attesa di vedere ciò che le vere parti in conflitto decidono. In terzo luogo, mentre la guerra continua e continuano i negoziati a Minsk, vi è la crescente delusione dei politici ucraini, che promettendo vita facile hanno portato la guerra invece, verso l’Europa che non li aiuta, e gli Stati Uniti che non li salvano. Il processo può essere lento, ma continua. Proprio come l’acutizzarsi delle contraddizioni nel regime. I ragni nel vaso iniziano a mangiarsi l’un l’altro. Ciò significa che quando l’Ucraina si sarà liberata del regime nazista, solo gruppi marginali della popolazione continueranno a rifiutare la Russia (nazisti, intellighenzia liberale e i burocrati che perdono il posto con lo svanire dello Stato, per esempio gli agenti di MVD e SBU, neo-banderisti e gli ideatori della nuova storia ucraina). Gli altri, delusi dalla scelta europea, non avranno altra alternativa che rivolgersi a Mosca; si deve vivere in qualche modo.
Idealmente, in caso di piena attuazione, il piano degli “operatori di pace” otterrebbe tutto questo senza perdite e battaglie, ma dopo. L’Ucraina federata con una nuova costituzione e ampie autonomie non solo riconoscerà la Crimea come parte della Russia (la Crimea non sarà menzionata come territorio ucraino nella nuova costituzione), ma a poco a poco s’integrerà nelle Unione Eurasiatica e Unione doganale. Semplicemente non avrà altro posto dove andare. Né Stati Uniti, né Unione europea sostengono l’Ucraina. Quel piano era fattibile? No. Alcun piano ideale potrà mai essere attuato completamente. Va già bene se si arriva a metà. Gli Stati Uniti volevano trascinare la Russia in un conflitto e fare dell’Ucraina un Vietnam. Pertanto Kiev non era assolutamente disposta a negoziare ed ha aggredito il Donbas prima ancora di avere il pieno controllo dell’esercito. Di conseguenza, Minsk è una piattaforma per le manovre di Mosca e Washington per creare un Vietnam e indicare l’aggressore alla comunità internazionale. Finora la Russia ne è uscita al meglio da tali manovre. Ma le manovre finiscono. C’era una situazione unica la scorsa settimana, quando l’amministrazione Obama ha mostrato interesse per la soluzione pacifica del conflitto. E’ comprensibile. Deve lasciare l’Ucraina entro il 2016 senza perdere la faccia, altrimenti i democratici non potrebbero neanche partecipare alle elezioni. Il GOP li farebbe a brandelli per “indecisione”. Il regime di Kiev, nonostante i patriottardi che urlano sulla crescente forza delle FAU, è sempre più debole, come accadrebbe a qualsiasi regime che istiga la guerra civile in un Paese in bancarotta. La vecchia Europa, anche se non ha il coraggio di lasciare l’ombrello statunitense, non è contenta delle perdite connesse alla necessità di dimostrare “solidarietà atlantica”. L’UE vuole voltare pagina. La situazione generale in e intorno l’Ucraina è sempre più fuori dal controllo degli Stati Uniti. Obama cerca di preservare, attraverso il compromesso, la possibilità di giocare sul tavolo ucraino in futuro. La leadership della Russia potrebbe aiutarlo. Il Cremlino batte costantemente la Casa Bianca, e l’adesione dell’Ucraina ai programmi d’integrazione della Russia non è più questione di principio come un paio di anni fa. Si possono attendere con calma gli eventi, dopo tutto Kiev non ha nessuno a cui rivolgersi; l’UE non vuole ammetterlo, ma non darà soldi e l’economia è già distrutta. Tutto ciò che rimane è inchinarsi alla Russia. Ciò le consentirà di risparmiare l’Ucraina anche perché non ha bisogno di una zona con 40 milioni di poveri ed instabile ai suoi confini. Tanto più che i cittadini ucraini, indistinguibili da quelli russi, diffonderebbero l’instabilità in Russia. Ma sono assolutamente certo che lo scenario di pace, sebbene avvantaggi gli interessi a lungo termine russi e statunitensi, non passerà. I “falchi” di Washington sono troppo forti. I due partiti perseguono una campagna basata sul rafforzamento delle sanzioni contro la Russia. L’ammissione del fallimento in Ucraina (quale sarebbe l’assenso degli Stati Uniti al compromesso) porrebbe fine anche a molte carriere promettenti nella CIA e dipartimento di Stato. I politici di Kiev non possono cambiare la propaganda, rinunciare alla guerra e raggiungere un accordo con il Donbas. Perché allora diverrebbero nemici non solo degli antifascisti, ma anche dei fascisti. Per cosa si combatte se avranno un’eventuale accordo alle condizioni proposte prima della guerra? I nazisti convinti dei battaglioni di volontari, e la parte motivata dell’esercito per cui la guerra è una questione di principio, potrebbero non perdonare tale “tradimento”. E’ una cosa quando un esercito demoralizzato e sconfitto si arrende. Qualcos’altro quando gli ufficiali ritengono che i politici hanno “rubato” la vittoria. In altre parole, tutto fa pensare che, nonostante una certa riduzione delle tensioni con i negoziati, una grande guerra in Ucraina sia inevitabile e una provocazione finalizzata a scatenarla sia già stata elaborata dagli Stati Uniti. Anche se non possono attuare il loro piano di pace ideale, gli “operatori di pace” hanno ottenuto un risultato eccezionale considerando le condizioni di partenza per una campagna militare. La Russia non è diventata l'”aggressore” per la maggior parte del pianeta. La situazione in Ucraina è in stallo dal punto di vista occidentale, e non può essere risolta senza la Russia, il che significa che la Russia non avrà fretta. Il prestigio internazionale della leadership russa è cresciuto, contrariamente a quanto dicono i patriottardi. Anche l’Egitto ha deciso di condurre esercitazioni congiunte con la nostra Marina nel Mediterraneo. L’Egitto, che dalla metà degli anni ’70 era sotto il pieno controllo degli Stati Uniti. Non è nemmeno un gesto, ma la campana che suona a morto per l’influenza di Washington in Medio Oriente.
E chi teme che, a causa dell’invasione “ritardata”, la propaganda nazista a Kiev crei milioni di zombie che odieranno la Russia per generazioni, vorrei ricordare che la maggior parte di coloro che combattono contro i russi del Donbas, creando l’attuale Ucraina russofoba, crebbero e si politicizzarono con la propaganda comunista che operò costantemente ed efficacemente per 74 anni. Ciò che appresero era completamente diverso da quello che fanno oggi.

Federal_States_of_New_Russia_in_Ukraine_(Envisaged)Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.903 follower