La svolta: India, Pakistan e Iran verso l’organizzazione di Shanghai

Covert Geopolitics, 23 aprile 2017Pakistan e India sono Paesi nucleari bloccati da decenni di intrighi indotti dall’occidente. Ciò finirà presto quando i due nemici siederanno con gli altri aderenti all’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO) guidata dalla Cina, una delle organizzazioni che attuano il progetto “Fascia e Via” volto a rilanciare l’antica Via della Seta che permise lo scambio di beni e cultura in Eurasia dal 120 aC al 1450 dC. Considerando che la “B” dei BRICS è compromessa dal golpe di Wall Street di un anno fa, il gruppo può estendersi attraverso la SCO, e permette a India e Pakistan di parlarsi su come collaborare in modo mutualmente vantaggioso è davvero gradito.
Lavrov ritiene che l’adesione di India e Pakistan alla SCO “farà storia”
L’adesione di India e Pakistan all’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO) farà storia e aumenterà l’influenza globale dell’organizzazione, dichiarava il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dopo la riunione di Astana del Consiglio dei Ministri degli Esteri della SCO. “Abbiamo considerato un pacchetto di documenti per l’approvazione dai capi di Stato; innanzitutto, questi documenti riguardano le decisioni per completare il processo di adesione di India e Pakistan”, ha detto il diplomatico russo. “Non sarebbe esagerato dire che sarà un evento storico che aumenterà l’influenza globale dell’organizzazione. Dopo che India e Pakistan aderiranno, la SCO comprenderà il 43% della popolazione mondiale, mentre gli Stati aderenti rappresenteranno il 24% del prodotto interno lordo globale”. Lavrov affermava che la riunione fu “decisiva per i preparativi del prossimo vertice della SCO” previsto per l’8-9 giugno nella capitale del Kazakistan Astana. La dichiarazione relativa all’istituzione dell’Organizzazione della cooperazione di Shanghai fu scritta nel giugno 2001 dai sei Stati fondatori: Russia, Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan. Afghanistan, Bielorussia, India, Pakistan, Iran e Mongolia hanno attualmente lo status di osservatori mentre Sri Lanka, Turchia, Azerbaigian, Armenia, Cambogia e Nepal di partner del dialogo. Il processo di adesione di India e Pakistan iniziò nel 2015”. (TASS)
Il capo diplomatico della Russia dice che l’Iran soddisfa pienamente i criteri di adesione della SCO
L’Iran ora soddisfa pienamente i criteri d’adesione all’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai, secondo il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dopo la riunione dei Ministri degli Esteri della SCO. “L’Iran è vicino (all’adesione alla SCO). Molti hanno detto così oggi. Ha risolto tutti i problemi legati alle sanzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite”, ha detto Lavrov. “Ora è in piena conformità con i criteri di adesione alla SCO. Speriamo che i capi di Stato possano considerare l’avvio della procedura per la piena adesione dell’Iran, ad Astana, a giugno”. Tra gli altri documenti discussi dai ministri degli esteri della SCO, Sergej Lavrov ha scelto un progetto di convenzione per contrastare l’estremismo. “Si tratta di un documento molto importante e innovativo che formula per la prima volta i compiti per contrastare l’ideologia estremista, l’estremismo come fenomeno che pregiudica la stabilità dei Paesi”, ha detto. Speriamo che anche questa convenzione sia approvata dai leader dei nostri Paesi“. (TASS)
Oltre a contrastare l’estremismo, prevede la condivisione dell’intelligence e l’adozione di azioni coordinate contro chi sostiene il terrorismo in ogni Stato aderente, la dimensione delle rispettive economie e popolazioni sarebbe una forza formidabile da affrontare.
Il presidente kazako favorevole all’ammissione di India, Pakistan e Iran alla SCO
L’eventuale ammissione di India, Pakistan e Iran all’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO) è un passo importante nello sviluppo dello spazio economico eurasiatico, ha detto alla TASS il Presidente del Kazakistan Nursultan Nazarbaev. In un’intervista con il Primo Vicedirettore Generale della TASS Mikhail Gusman, il leader kazako ha dichiarato: “L’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai è un’organizzazione molto importante nello spazio eurasiatico… Ora c’è un passo molto importante, a Tashkent accoglieremo nuovi aderenti: India e Pakistan. Dopo di che considereremo i termini dell’ammissione dell’Iran… è una risposta alla sfida dei tempi“. (TASS)
Gli intrighi politici sono vanificati ora che i giganti si parlano pacificamente. Questo non va bene per la grande scacchiera di Zbigniew Brzezinski che preferisce la balcanizzazione degli Stati eurasiatici affinché la mafia khazara possa sfruttarne le enormi riserve di gas e petrolio. Con Cina e Russia che avviano una pacifica collaborazione e proteggono la regione dallo sfruttamento occidentale, vi è solo il completo crollo dell’egemonia occidentale. Questa è la ragione del gioco delle continue accuse alla Russia sui media occidentali. Trump, d’altra parte, è lacerato tra cooperazione con la Cina e sua definizione di manipolatore di valuta. La sua confidente Ivanka Trump, che ha ammesso di averlo spinto a lanciare i missili da crociera di Tomahawk sulla Siria, ha un conflitto di interessi lavorando alla Casa Bianca e trafficando con la Cina allo stesso tempo.
La famiglia Trump s’è impegnata a mantenere i vasti interessi finanziari separati dal governo. Ma si è già manifestato un possibile conflitto di interessi della figlia e confidente del presidente Ivanka Trump. La Cina approvò provvisoriamente affari potenzialmente lucrosi il giorno in cui lei e il presidente Trump cenavano con il presidente cinese presso la proprietà nel sud della Florida” (CBS).
Non solo, Trump ha interessi finanziari in Cina.
Il presidente Trump ha avuto l’approvazione preliminare per registrare 38 nuovi marchi in Cina tra cui ristoranti e pubblicità, interessi commerciali che potrebbero aggiungere possibili conflitti critici. Come uomo d’affari, Trump ha accumulato un vasto portafoglio di marchi nel mondo, e cerca di proteggere i propri marchi e prodotti. Questi marchi a volte si scontrano con la visione di presidente populista che sostiene la strategia “America First”. La Cina è tra i maggiori obiettivi dei suoi futuri affari, incluse gli ultimi, le sue aziende hanno depositato almeno 130 marchi in Cina dal 2005 per ristoranti, bar, alberghi, servizi di intermediazione, consulenza pubblicitaria e amministrativa”. (NYTimes) L’uomo è dappertutto. Ha solo tratto profitto aumentando il valore delle azioni della Raytheon dopo i massicci bombardamenti in Siria. Potremmo perdonare tutto se solo avesse perseguito il “drenaggio della palude”. Ma finora solo i fanatici trumpisti continuano a sognare che ciò sia davvero “dietro le quinte”. Ma non è ciò che accade ai nostri occhi.
Stati Uniti: ‘Senza dubbio’ il cattivo del giorno ha brandito le armi
Mattis: ‘Il regime siriano ha senza dubbio armi chimiche’
“Non c’è dubbio nella mente della comunità internazionale che la Siria mantenga armi chimiche in violazione dell’accordo e della dichiarazione di rimozione. Non c’è più dubbio”, ha detto Mattis ai giornalisti”.
Testo integrale del discorso di Dick Cheney del 27 agosto 2002
Semplicemente non c’è dubbio che Sadam Husayn abbia armi di distruzione di massa. Non c’è dubbio che li raccolga per usarle contro i nostri amici, i nostri alleati e noi. E non c’è dubbio che le sue aggressive ambizioni regionali lo porteranno a scontri futuri con i suoi vicini…
Chi non conosce la storia è destinata a ripeterla” – Edmund Burke.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Mosca si gasa

Chroniques du Grand Jeu 5 aprile 2017

Meno mediatico delle guerre siriana e ucraina, il Grande gioco dell’energia ancora vede inesorabile vincente lo Zar del gas e sconfitto il sistema imperiale, incapace d’impedire la giunzione sempre più forte tra Heartland e Rimland. Nel primo trimestre del 2017, Gazprom ha ulteriormente aumentato le esportazioni di oro blu in Europa con 51 miliardi di mc, in crescita del 15%. Di questo passo, 200 miliardi di mc arriveranno nel Vecchio Continente quest’anno, contro i 180 miliardi del 2015 e i 160 miliardi del 2014, anno d’inizio della guerra fredda dovuta alla crisi ucraina. Nonostante eruzioni e altri colpi di testa occidentali, il principio di realtà s’impone. Niente sorprese, lo spiegammo già due anni fa: “L’interesse strategico degli statunitensi è isolare la Russia dall’Europa per mantenere l’Eurasia divisa. Questo è un classico delle relazioni internazionali della potenza marittima che mira ad impedire l’integrazione del continente per paura di essere emarginata. In questo caso, si accompagna al desiderio degli Stati Uniti di controllare le rotte energetiche di rivali e alleati per mantenere una certa capacità d’infastidire nel contesto di un relativo declino. Il libero flusso di energia tra Russia e Europa sarebbe doppiamente tragico per Washington. (…) I capi europei si danno la zappa sui piedi. In modo divertito, Gazprom ironizza sulla necessità di leggere 50 sfumature di grigio prima di avviare le discussioni con gli europei! Dietro l’umorismo della dichiarazione, una vera e propria domanda sorge spontanea: come si misura il masochismo europeo? Il gas russo è il più economico, vicino e abbondante. È veramente da deviati (o più probabilmente da totalmente succubi alle pressioni di oltreoceano) non approfittarne… Promosse da Washington, le fonti alternative sono tutte più costose e difficili d’attuare, se non irrealistiche. Bisogna ricordare che a differenza del petrolio, abbastanza diffuso sul pianeta, il gas è dominato da quattro Paesi, gli assi dell’oro blu: Russia, Iran, Qatar e Turkmenistan, rappresentando circa i 2/3 delle riserve mondiali. Se l’Europa vuole una fornitura regolare e significativa deve puntare su uno dei quattro Paesi. O semplicemente guardare la mappa e conoscere le basi dell’industria del gas (LNG è il 30% più costoso del gas naturale via gasdotto) per capire che tre di queste quattro soluzioni non sono realistiche. (…) Le altre fonti sono presentate qua e là da una stampa che non ne sa nulla e sono grottesche o effimere. L’Azerbaigian non ha gas; sviluppa nuovi giacimenti per mettere un po’ di gas sul mercato, ma non più di 10 miliardi di mc all’anno (rispetto ai 63 del South Stream o del nuovo Turk Stream). Lo scisto degli USA è una fantasia: costoso più del doppio (costo di estrazione e trasporto del LNG), la produzione supera di poco il consumo locale e la tecnica della fratturazione provoca terremoti, ponendo serie domande sulla sostenibilità del scisto. Le altre fonti sono valide nel breve periodo, ma non di più: un po’ di gas norvegese qui, algerino là, ma le riserve di questi Paesi sono tutt’altro che coerenti e quasi esauste. In poche parole, non ci sono alternative al gas russo. Secondo un analista, il gas russo è qui e ci resterà, non perché l’Unione energetica dell’UE è ancora lontana dalla solidarietà che cerca, ma perché le alternative non ci sono (e ancora una volta, l’articolo implica che il gas turkmeno verrebbe trasportato attraverso il Mar Caspio, cosa che non avverrà mai, come abbiamo visto). La questione è se i capi europei finalmente smetteranno di farsi del male e sfuggiranno alla morsa della formidabile molestia statunitense. Washington era riuscita a mantenere la gamba europea per anni con l’illusorio progetto Nabucco, ormai ridottosi a scherzo”. I vassalli europei sembrano averlo capito, e leniscono il sistema imperiale con dichiarazioni belle e vuote, ma in realtà si avvicina inesorabilmente il gas russo. Attualmente rappresenta 1/3 del consumo totale europeo e questa percentuale aumenterà in futuro.L’Eldorado del gas chiamato Jamal nella Siberia artica
La Total guida il faraonico progetto LNG finanziato da banche russe e cinesi a causa delle sanzioni occidentali. Titolo dell’episodio: Euronullità o come spararsi ai piedi. L’episodio è interessante: oltre alla Total francese vi sono Novatek (secondo produttore russo dopo Gazprom), il gigante cinese CNPC e il Fondo Via della Seta. Vediamo che il piano è ben messo e coprirà l’Eurasia grazie alle metaniere rompighiaccio, tra cui la prima (abilmente chiamata Christophe de Margerie, in omaggio al CEO di Total ucciso nel 2014) appena consegnata. Tutto ciò fa dire a Vladimirovich che la Russia diventerà presto il primo produttore mondiale di gas naturale liquefatto. Ma LNG è solo una parte del tesoro d’oro blu di Jamal: più di 26000 miliardi di mc di riserve di gas e una produzione che può raggiungere i 360 miliardi di mc. Brzezinski avrà i sudori freddi… Perché si tratta di uno tsunami gas russo sull’Europa. Ai primi di gennaio ne parlammo: “La persona comune non avrà probabilmente mai sentito parlare di Bovanenkovo, Ukhta o Torzhok. Ma dietro questi nomi poetici si nascondono punti di partenza, intermedi e finali della rete di gasdotti per portare ad ovest l’ immensa ricchezza gasifera della penisola di Jamal nel nord della Russia”. Nord Stream II giustamente. Come previsto, si avvicina a grandi passi. Non avendo la pressione del sistema imperiale sulle spalle, la Commissione europea inizia a riprendere i sensi e nega tutte le argomentazioni giuridiche contro il raddoppio del gasdotto. Con grande dispiacere dei soliti eccitati baltici e polacchi, ma anche di Paesi più vicini a Mosca come la Slovacchia, che perderà molto in diritti di passaggio. Grazie Majdan… E parlando della junta ucraina, non ha niente di meglio da fare che citare in giudizio la Commissione Europea per l’autorizzazione concessa a Gazprom del pieno uso dell’OPAL. I vassalli orfani dell’impero si mangiano a vicenda divertendo il Cremlino.
Le dighe energetiche già piuttosto rovinate tra Europa e Russia vanno sfaldandosi con la grande varietà di investimenti su petrolio e gas previsti entro il 2025 (113 miliardi di dollari per 29 progetti), la riconciliazione petrolifera con la Bielorussia è negli oleodotti, dopo il battibecco di cui abbiamo parlato… in breve, Mosca si gasa. E non c’è “trovata” dell’ultimo minuto che impedirà il sonno dello Zar degli idrocarburi. Una delegazione europea ha infatti visitato Israele per discutere la costruzione di un possibile gasdotto Israele-Cipro-Grecia rifornito da Leviathan. Anche di questo ne abbiamo parlato: “Nel 2010 fu scoperto il Leviathan, grande giacimento offshore al largo delle coste d’Israele, Libano e Cipro che competono con Israele. Anche una società, la Delek Energy, in combinazione con una società del Texas, dal nome ingannevole Noble Energy, iniziò ad esplorare lo sviluppo del giacimento di gas più o meno bloccato. Dati gli enormi investimenti, difficili nel contesto del calo dei prezzi, e soprattutto di una battaglia politica e giuridica intra-israeliana. Nel 2012, il gigante Gazprom si propose di entrare nel giro, ma i propositi furono, al momento, respinti su pressione statunitense. Forse non è così ora… Molto è cambiato da allora in effetti:
– le relazioni USA-Israele sono al minimo (accordo sul nucleare iraniano, sostegno di Washington ai Fratelli musulmani egiziani e persino colpo di Stato neonazista di Majdan che turbò Tel Aviv).
– avanzata inesorabile della potenza russa in Medio Oriente con l’intervento in Siria e conseguenze (di fatto alleanza con Hezbollah, rottura con la Turchia)
Con tutto il loro Grande Gioco, gli strateghi vedono con preoccupazione i russi insediarsi in questa zona essenziale quale diventa il Mediterraneo orientale. Basi siriane, accordo navale con Cipro e ora Gazprom… più di quanto Washington possa sopportare! Gli statunitensi fanno di tutto per impedire ad Israele qualsiasi discussione con il gigante russo e far vendere il loro gas alla Turchia, fortemente dipendente dal gas russo. Joe Biden, che appare sempre dove gli interessi di CIA e neocon sono in gioco, visitò Israele ai primi di marzo per rattoppare tra Tel Aviv e Ankara (e tentare di emarginare Mosca). A quanto pare senza alcun risultato… Dopo la visita di Joe l’indiano, l’Alta Corte israeliana si pronunciò bloccando lo sviluppo di Leviathan, ma potrebbe essere solo la punta dell’iceberg. La dirigenza militare israeliana preferisce la cooperazione militare con Mosca e non dispiacere Putin che riprende i contatti con il sultano pazzo. Soprattutto con l’intervento siriano che ha dato a Vladimirovich altre carte, soprattutto Hezbollah. A fine febbraio scrivemmo: “Era lì quando l’intervento russo sconvolse le carte, Tel Aviv e Bayrut Sud puntano su Putin. L’alleanza tra Mosca e Hezbollah è logica, quasi naturale. Stessi alleati (Assad, Teheran) e feroce opposizione all’Islam sunnita. La tolleranza assoluta di Hezbollah verso i cristiani orientali (si vedano queste incredibili immagini di combattenti sciiti sull’attenti davanti a Gesù nei villaggi cristiani siriani liberati) gioca a suo favore, considerando la Russia come il protettore del Cristianesimo orientale. Allarmato, Netanyahu corse a Mosca per fare le fusa a Putin. Conoscevamo un Bibi Terrore meno placido… Questo viaggio non impedì a Hezbollah di ricevere armi russe. Sia che fossero state consegnate dai siriani che le avevano ricevute (probabile) o da Mosca, secondo le dichiarazioni del movimento sciita, poco importa, tutto sommato. Lo Stato Maggiore delle IDF è più che turbato, dato che il movimento libanese probabilmente possiede missili da crociera supersonici Jakhont. Le recenti dichiarazioni di Nasrallah, “i depositi di ammoniaca di Haifa sono la nostra bomba nucleare”, ha anche causato panico in Israele, che considera seriamente il trasferimento degli impianti chimici nel sud del Paese, a costi esorbitanti”.
Da allora, diversi colpi di scena si sono avuti. La battaglia politica e giuridica è terminata, la situazione è sbloccata ed i primi investimenti sono stati avviati. Solo che le riserve sono state riviste al ribasso (500 miliardi di mc invece di 620), spiegando l’improvviso disinteresse di Gazprom, queste quantità sono scarse per alimentare il consumo interno israeliano e l’esportazione in Europa. Per dare un senso, le riserve di Leviathan sono cinquantadue volte inferiori a quelle di Jamal ed equivalgono al traffico di Nord Stream per dieci anni. In queste condizioni, costruire un oleodotto sottomarino lungo 1300 km sopra una faglia geologica, per trasportare una misera decina di miliardi di mc, sembra contorto, per non dire altro. Un nuovo pipedream?Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il Myanmar sfida la “comunità internazionale”

Gearóid Ó Colmáin, 01/02/2017

Aung San Suu Kyi, leader del de facto del Myanmar, ha rigettato la richiesta delle Nazioni Unite per un’indagine sulla situazione della cosiddetta minoranza etnica Rohingya nel Paese. Le violenze sono esplose nella provincia di Arakan, nell’ottobre 2016, quando i terroristi jihadisti hanno attaccato un posto di blocco della polizia al confine del Bangladesh, uccidendo nove poliziotti. Gli attacchi furono attribuiti all’Organizzazione Solidarietà dei Rohingya (RSO), organizzazione terroristica jihadista con collegamenti con l’Arabia Saudita. Gruppi per i diritti umani legati al dipartimento di Stato degli Stati Uniti e ai servizi segreti inglesi, come Human Rights Watch e Amnesty International, hanno lanciato un appello congiunto alla “comunità internazionale” per fare qualcosa per evitare il “genocidio” contro la minoranza rohingya dopo che le truppe birmane lanciavano un’operazione per sedare l’insurrezione islamista. L’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) accusava il governo del Myanmar di genocidio basandosi sule relazioni delle suddette dubbie organizzazioni, dalla lunga storia di diffusione di menzogne e disinformazione per giustificare le guerre di aggressione mascherate da “interventi umanitari”. Il governo del Myanmar ha istituito una commissione per indagare sulle accuse di crimini nello Stato di Arakan. La condizione dei rohingya ha ricevuto una copertura stampa copiosa negli ultimi anni. I rohingya sono bengalesi musulmani migrati nella provincia ex-buddista dell’Arakan nel 19.mo secolo, quando l’impero inglese stanziò i feudatari musulmani di Chittagong per coltivare la zona. La provincia ha una gloriosa storia islamica risalente al 15.mo secolo; ma la popolazione buddista è divenuta una minoranza nel nord dell’Arakan negli ultimi decenni. Migliaia di donne buddiste furono violentate e uccise dai bengalesi musulmani; eppure i media occidentali non mostrano interesse. Invece, l’attenzione si è concentrata sulla demonizzazione dei monaci nazionalisti che boicottano ciò che vedono come tentativo dei musulmani bengalesi di pulizia etnica della provincia. Alcun obiettivo esame della violenza etnica nella provincia si ha nella stampa occidentale. Invece, i monaci nazionalisti sono stati descritti come “razzisti”, e numerosi video mal tradotti ed estrapolati dal contesto vengono prodotti in tal senso. Aung San Suu Kyi è stata un’agente dell’imperialismo anglo-statunitense dalla rivolta della CIA del 1988 che tentò di rovesciare il regime nazionalista ed installarvi la leader fantoccio favorevole all’occidente. Si sperava che aprisse il Paese ricco di minerali alle società occidentali. Tuttavia, la “comunità internazionale”, cioè gli Stati vassalli degli Stati Uniti, ha recentemente espresso rammarico per la lentezza delle riforme economiche da quando è stata eletta alla guida del Paese nel 2015: Aung San Suu Kyi avrebbe dovuto consegnare il Myanmar agli interessi occidentali, ma finora non l’ha fatto.
Leader della Lega nazionale per la democrazia (LND), Aung San Suu Kyi ora sembra sfidare la comunità internazionale giocando la carta nazionalista. Con l’occidente in fase terminale, è probabile che Suu Kyi abbia capito meglio che gli interessi del Paese si ritrovano nell’ulteriore avvicinamento con la Cina. Focolaio di tensioni etniche, Yangon potrebbe anche affrontare, tra l’altro, una rivolta dello Stato islamico e del Kashin Independence Army (KIA). Il Paese attualmente vive le prime elezioni suppletive dall’ascesa di Aung San Suu Kyi al potere nel 2015 e le tensioni etniche sono già palpabili. Attivisti della LND sarebbero stati minacciati nello Stato Shan dal Shan State Army. L’Unione del Myanmar è fragile e potenze straniere potrebbero facilmente destabilizzarlo se la LND decidesse di respingere l’occidente a favore della Cina.
La causa dei rohingya ha il sostegno del miliardario degli hedge fund George Soros, le cui Open Society Foundations promuovono il neoliberismo spacciato da diritti umani e democrazia. Alcuni sostenitori della storie sui rohingya hanno sottolineato che l’esercito birmano ha stretti contatti con Israele e che la violenza contro la minoranza rohingya è alimentata da Tel Aviv. L’esercito del Myanmar ha certamente stretti legami con Israele e agenti israeliani supportano l’islamofobia nel Paese, ma anche Russia e Cina hanno stretti rapporti con Israele; ciò significa che la repressione in Cina dei terroristi filo-occidentali uiguri nella provincia del Qingyang e la guerra della Russia contro i jihadisti nel Caucaso del Nord, sono parte di un complotto sionista? Difficile. Il conflitto in Myanmar è estremamente complesso, ma la narrazione costruita dal complesso militare-industriale-mediatico-spionistico-ONG accusa il governo di tutti i problemi del Paese, ricordando le prime fasi della campagna terroristica filo-occidentale contro Libia, Siria e molti altri Paesi. Aung San Suu Kyi potrebbe ancora essere un’agente dei suoi ex-sponsor occidentali, o seguire le orme del padre, che tradì i suoi sostenitori imperialisti giapponesi perseguendo una linea nazionalista. Forse Aung San Suu Kyi ha appreso una lezione importante durante i suoi anni agli arresti domiciliari da parte del regime militare: il Paese non potrà mai svilupparsi se si vende completamente alla “comunità internazionale”. Nel secolo cinese c’è solo la Fascia e Via. Molti circoli elitari in Europa e negli Stati Uniti chiedono che il premio Nobel ad Aung San Suu Kyi sia revocato. Lei affronta una scelta chiara: espellere tutte le ONG straniere e avvicinarsi economicamente e militarmente alla Cina in modo da garantire un futuro al Paese o cedere alla pressione neocoloniale occidentale sulla questione rohingya. Se fa la prima, finirà con Gheddafi e Assad nella sala dei demoni occidentale. Ma potrà vincere la guerra, se resiste e potrà candidarsi al Premio per la Pace Confucio, la medaglia indossata da chi segue la vera via della pace e dello sviluppo.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il ‘Pivot in Asia’ dell’Arabia Saudita

Jean Perier, New Eastern Outlook, 25/03/2017

L’anno scorso non va descritto come il periodo migliore nelle relazioni tra Arabia Saudita e Stati Uniti, dato che gli interessi di queste due nazioni sono mutati drasticamente negli anni. Oggi, Washington e Riyadh hanno posizioni diverse su argomenti importanti come Siria, Iran, conflitto israelo-palestinese, Egitto, cosiddetta “democratizzazione” del Medio Oriente e dumping del prezzo del petrolio proposto da Washington nel tentativo di minare l’economia della Russia. Uno dei principali confronti nelle relazioni bilaterali USA-Arabia Saudita è il cosiddetto Justice Against Sponsors of Terrorism Act approvato dal Congresso l’anno scorso. La risposta saudita è stata dura, con Riyadh che annunciava piani per vendere 750 miliardi di dollari di titoli del Tesoro e altre attività nel tentativo d’impedirne il sequestro. In queste circostanze l’Arabia Saudita cominciava ad esplorare la possibilità di sviluppare rapporti bilaterali con Stati che potrebbero sostituire gli Stati Uniti quale principale sostenitore, avviando contatti attivi con la Russia e numerosi Stati membri dell’UE. Finalmente rendendosi conto che l’era unipolare è finita, Riyadh ha deciso che è il momento di cercare un posto nel mondo in cui diversi Paesi, culture e civiltà hanno un ruolo. Inoltre, questo processo viene usato per mostrare il dispiacere di Riyadh verso la politica di Trump compiendo un’inversione a U distanziandosi dal globalismo che persegue gli interessi degli Stati Uniti. Così, il re saudita Salman bin Abdulaziz al-Saud decise di recarsi in Malaysia, Indonesia, Brunei e Maldive, oltre che in Giappone e Cina. Nell’annuncio ufficiale del viaggio, l’obiettivo fu indicato come ricerca per rafforzare i legami con i maggiori importatori di petrolio saudita in Asia, oltre ad esplorare le possibilità di mitigare la dipendenza dalle esportazioni di petrolio. Commentando questo viaggio, un giornalista di uno dei principali giornali sauditi notava che c’erano due componenti in questo viaggio:
La visita di Salman nei Paesi musulmani (Malesia, Indonesia, Brunei e la Repubblica delle Maldive) nel quadro del progetto di Riyadh di ristrutturazione economica e sociale denominata “Vision 2030″, per acquisirne l’esperienza nella coesistenza di rappresentanti di varie religioni e gruppi etnici e nello sviluppo economico.
Le visite agli “amichevoli giganti economici” Cina e Giappone nel tentativo di migliorare la cooperazione strategica con essi.
Il viaggio era volto a dimostrare il Perno in Asia di Riyadh e si concluse il 18 marzo, di fatto, riprendendo il cambiamento geopolitico che Washington di Obama e Mosca perseguono. Nella visita di Salman nei primi quattro Paesi, Ryadh dimostrava il desiderio di costruire legami militari e politici, in particolare con Malaysia e Indonesia a maggioranza musulmana e che rientrano nella cosiddetta “alleanza militare islamica” proposta dall’Arabia Saudita nel 2015. Non va dimenticato che l’Indonesia è uno dei maggiori fornitori di manodopera dell’Arabia Saudita, con la cifra record di 1,4 milioni di cittadini che lavoravano in Arabia Saudita nel 2010, anche se il numero è sceso recentemente. A tal proposito, uno dei temi cardine della discussione fu la domanda sulla futura presenza nel regno dei migranti provenienti da questi Paesi, soprattutto alla luce dell’intenzione di Riyadh di espellere circa cinque milioni d’immigrati clandestini. Il valore degli accordi firmati nel quadro del Project Vision 2030, con la Malaysia sarà di 9 miliardi e con l’Indonesia di 4,6 miliardi di dollari, indicando che la prima parte del viaggio del monarca saudita è riuscita.
Nella visita di Salman in Giappone, è stato il primo re saudita a visitare questo Stato negli ultimi cinque decenni. La delegazione saudita era composta da un migliaio di uomini arrivati a Tokyo su dieci aerei di linea. Mentre commentava il viaggio, la stampa giapponese sottolineava che l’Arabia Saudita rimane il “primo fornitore di petrolio” del Giappone, con Riyadh che copre un terzo delle importazioni di petrolio di Tokyo. Un grande successo della visita di re Salman in Giappone è stato l’accordo per lo sviluppo della partnership strategica basata sulla “Joint Saudi-Japanese Vision 2030”, con l’intenzione saudita di sostenere la presenza militare giapponese al largo delle coste della penisola arabica e in Africa orientale. La visita in Cina è stata avviata dal fatto che Vision 2030 che re Salman propose un anno prima, è destinato a fallire senza investimenti cinesi. A questo punto è chiaro che nessun altro investirà denaro o tecnologie nel regno saudita. Dopo tutto, l’Europa è occupata dai propri problemi, come gli Stati Uniti, mentre il deficit di bilancio del regno continua a crescere, soprattutto alla luce delle guerre del dumping dei prezzi del petrolio in cui era impegnato. La cooperazione tra Cina e Arabia Saudita negli ultimi anni guadagna slancio, riflettendo i cambiamenti delle priorità strategiche di Pechino. Oggi la Cina è il secondo maggiore importatore (18% del totale delle importazioni) e il primo maggiore esportatore (22% delle esportazioni totali) del regno saudita. Allo stesso tempo, la Cina è l’importatore più significativo di prodotti non-petroliferi sauditi (petrolchimico, agricolo e allevamenti). Il volume commerciale cino-saudita ha raggiunto i 42,3 miliardi di dollari nel 2016. Questo, naturalmente, è significativo per un Paese relativamente piccolo, ma per la Cina non è un così grande affare. Tuttavia, la visita di re Salman è stata molto importante per la Cina, dato che la necessità di proteggere le comunicazioni marittime (come nel caso del Giappone) la costringe ad espandere la propria presenza militare in varie regioni del mondo. Il dispiegamento di pattuglie militari nei mari Arabo e Rosso (con la possibilità di rifornirsi a Jidah), così come la creazione di una base militare a Gibuti, sono l’ulteriore conferma di questa nozione. Tuttavia, la cooperazione saudita-cinese diventa molto più ampia. Secondo il Ministro del Commercio della Repubblica popolare cinese, Gao Hucheng, nel 2017 un centinaio di aziende cinesi ha iniziato ad operare in Arabia Saudita, lavorando in settori come esplorazione di petrolio e gas, petrolchimica, costruzione di alloggi, ferrovie, porti oltre che di centrali elettriche. Pertanto, il risultato naturale del viaggio di Salman a Pechino era attrarre investimenti dalla Cina, con accordi raggiunti dal valore totale di quasi 65 miliardi di dollari.
Inoltre, non va dimenticato che l’Arabia Saudita rimane un grande importatore di armi, tra i più alti rapporti tra armi acquisite e PIL nel mondo. E se in precedenza i sauditi acquistavano armi per lo più statunitensi, questo mercato è oggi sempre più occupato da produttori di armi cinesi. In particolare, nel prossimo futuro una parte di tale cooperazione militare vedrà la partecipazione di produttori di materiale militare cinesi nella costruzione di almeno una fabbrica di velivoli senza pilota in Arabia Saudita.Jean Perier ricercatore indipendente, analista e noto esperto del Vicino e Medio Oriente, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Russia-Iran: “road map” per il sistema di cooperazione

EADaily, 20 marzo 2017

L’economia iraniana mostra segnali di ripresa. Il Presidente Hassan Ruhani e il suo governo sono riusciti a raddrizzarla dopo le sanzioni paralizzanti dell’occidente. L’inflazione a due cifre che ossessionava l’Iran per decenni s’è ridotta al 7,5% (contro il 40% nel 2013). Nel 2016, il PIL del Paese è cresciuto del 7% rispetto al -5,8% nel 2013, con 9,5 miliardi di dollari investiti nell’economia durante l’anno scorso. Ma non possiamo chiamarlo passo avanti, con una disoccupazione che continua ad essere molto alta, 12,7% nel 2016 contro il 14,4% nel 2013. Tra i giovani, che rappresentano i 2/3 della popolazione iraniana, arriva al 30%. Gli esperti danno due ragioni a questo piccolo miracolo economico. La prima è che a differenza del predecessore Mahmud Ahmadinejad, Ruhani assegna maggiore comprensione monetaria e minore populismo economico-sociale in politica interna. La seconda ragione è che il petrolio iraniano è tornato sul mercato europeo e alcune sue attività in occidente sono state scongelate (la somma totale ammonterebbe a circa 100 miliardi di dollari). Soprattutto, dopo l’accordo nucleare del 2016, l’Iran ha migliorato i rapporti con la maggior parte delle capitali europee. Ma gli ultimi sviluppi in Medio Oriente hanno tenuto gli iraniani in allerta. La peggiore minaccia proviene dagli Stati Uniti. Donald Trump non è neutrale nei confronti dell’Iran, come lo fu Barack Obama. L’accordo dell’Iran Air con la Boeing avvenne prima dell’elezione e potrebbe essere l’ultimo grande accordo. Trump sembra preferire il linguaggio delle sanzioni e questo può avere conseguenze dannose per gli occidentali che desiderano espandersi nel vasto mercato iraniano.
C’è un piccolo gruppo di grandi potenze che può aiutare l’Iran a confrontare tale turbolenza geopolitica. Russia e Cina. L’Europa è ancora fortemente dipendente dagli Stati Uniti e difficilmente agirà contro la loro volontà. Così, a due mesi dalle prossime elezioni presidenziali, Ruhani ha un grande obiettivo, migliorare le relazioni economiche con la Russia e la Cina e mostrare al popolo che l’Iran ha alleati che possono aiutarlo a scansare Trump. Ma anche i rivali geopolitici dell’Iran sono in allerta. Il re saudita Salman bin Abdulaziz al-Saud ha visitato Pechino a metà marzo e firmato accordi per 65 miliardi di dollari. Così, gli iraniani devono agire in fretta finché i cinesi possono concedere ampi investimenti. I russi possono aiutare con la tecnologia nucleare, petrolio e gas, metalmeccanica e difesa. E questo sarà un ottimo guadagno per Ruhani. Nella prossima visita a Mosca, il presidente iraniano dovrebbe firmare una serie di accordi miliardari, in particolare, nelle comunicazioni ed idrocarburi, adottando una road map per la cooperazione economica a medio-lungo termine. Una delle opzioni è il programma “petrolio per beni e servizi”. Per l’Iran c’è la possibilità di diversificare le esportazioni di petrolio, per la Russia la buona occasione di ottenere attrezzature per le sue industrie del petrolio, gas e trasporti. Alcune fonti dicono che i russi pagheranno agli iraniano la metà del petrolio in denaro e metà in beni e servizi, questa metà sarà pari a circa 45 miliardi di dollari l’anno. L’anno scorso, i russi decisero di prestare agli iraniani 1,2 miliardi di euro per la costruzione di nuove unità elettrotermiche e 1 miliardo per il programma per l’elettrificazione della tratta ferroviaria Garmsar-Ince Burun. Questo mese le ferrovie russa, iraniana e azera hanno deciso di dimezzare le tariffe promuovendo il corridoio di trasporto Nord-Sud. L’Iran guadagnerà ancora di più se questo corridoio sarà collegato alla cintura economica della Via della Seta cinese (1). La cosa migliore è che l’Iran acquisti dai russi prodotti e servizi e non solo carburante. Ma il problema è che il commercio con l’Iran non è mai stato molto elevato, finora. Il livello più alto si ebbe nel 2011, pari a 3,75 miliardi di dollari. Nel 2015 scese a 1 miliardo. Secondo gli esperti, l’anno scorso fu di 1,5 miliardi, ma il Ministero dello Sviluppo Economico della Russia sostiene che avvivò a 2,1 miliardi, e in cui le esportazioni russe crebbero dell’80% e le importazioni iraniane del 13%.
Un’altra cosa che sarà discussa da Ruhani a Mosca è il progetto di zona economica speciale russo-armena. I mass media dicono che la zona sarà aperta al confine tra Armenia e Iran stimolando il commercio iraniano con l’Unione economica eurasiatica. I russi hanno fatto dichiarazioni ufficiali, ma gli armeni discutono attivamente il progetto sia a livello governativo che di esperti. La zona dovrebbe essere aperta entro la fine dell’anno, coprendo circa 10-15 h presso la città armena di Meghri, ospitando 100-120 aziende. Le autorità armene sono pronte a spendervi 32 milioni di dollari. Secondo il Ministero per lo Sviluppo Economico dell’Armenia, nei prossimi 10 anni la zona potrà ricevere 350-400 milioni di dollari in investimenti e si prevede che avrà una produzione annua di 80-100 milioni. Se il progetto viene realizzato, sarà il primo di questo tipo nell’area post-sovietica. I beneficiari del progetto potranno godere di esenzione da IVA, tassa sul profitto e tassa di proprietà. Un’altra cosa buona è che la zona economica speciale russo-armena entrerà nella zona economica libera di Aras, in Iran. L’Armenia spera che Iran, Russia e gli altri membri dell’Unione economica eurasiatica stilino presto la lista dei beni che attraverseranno il confine con bassa o senza tariffa doganale. La visita di Ruhani a Mosca chiarirà la questione. Secondo il Ministro dell’Energia russo Aleksandr Novak, il presidente iraniano dovrebbe firmare un accordo per creare una zona di libero scambio tra Iran e Unione economica eurasiatica. Nella fase iniziale, l’area riguarderà solo l’industria leggera e i prodotti agricoli. Ma l’unico problema è che l’Iran non è membro del WTO (2).
I contatti dell’Iran con la Russia possono provocare una reazione a catena in occidente. Alcuni esperti iraniani mettono in guardia le autorità da contatti attivi con i russi. Gli esperti russi dicono che i contatti russo-iraniani non sono stabili, abbastanza sistematici e che sono vulnerabili ad interventi da Stati terzi. In ogni caso, entrambe le parti sono ansiose di sviluppare le relazioni economiche, tanto più che uno scambio di 2 miliardi è in stridente disaccordo con il reciproco accordo geopolitico. Una visita non potrà risolvere tutti i problemi. Qui le parti devono compiere sforzi coerenti, in particolare, su una serie di progetti comuni efficaci in settori come energia nucleare (3), petrolio e gas, e difesa. Questo sarà una buona base per trasformare i contatti economici iraniani-russi in un sistema.1) Russia e Iran: il riavvio economico – vestifinance.ru, 15/03/2017.
2) Rustem Faljakhov, La zona armena può avvicinare Russia e Iran – Gazeta.ru, 16/03/2017.
3) Il 14 marzo, l’Atomstroexport iniziava la costruzione di due reattori nucleari a Busher, in Iran, in linea con l’accordo del novembre 2014 con la società di sviluppo e produzione nucleare dell’Iran. Nei prossimi 10 anni, i russi aiuteranno gli iraniani a costruire due reattori VVER-1000 a Bushehr. La seconda unità sarà attivata nel 2024, la terza nel 2026. La prima unità fu commissionata nel 2011.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora