La Difesa Aerea siriana respinge l’ultima aggressione israelo-statunitense

Alessandro Lattanzio, 10/02/2018Il 10 febbraio, aerei israeliani attaccavano diverse aree in Siria, ma la difesa aerea siriana abbatteva 2 aviogetti dell’IAF (1 F-16I Sufa e 1 F-15I Baaz), impiegando missili del sistema di difesa aereo S-125 Pechora-2M. I piloti si eiettavano, ma uno decedeva in seguito alle ferite. Gli israeliani avevano tentato di attaccare le postazioni dell’Esercito Arabo Siriano utilizzando 15 missili da crociera, quindi senza avvicinarsi allo spazio aereo siriano, ma la difesa aerea siriana abbatteva 13 dei missili israeliani, e uno dei jet israeliani veniva abbattuto nella regione al-Jalil, nel nord della Palestina, dal tiro di un’unità della difesa aerea siriana presso Qunaytra. Le difese aeree siriane (SyAAD) avevano abbattuto i missili più pericolosi, lasciando andare quelli che non avrebbero causato danni in territorio siriano. L’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv veniva chiuso e le sirene antiaeree suonavano nelle alture del Golan e nella Galilea. Subito dopo gli israeliani, per “rappresaglia”, attaccavano le postazioni dell’EAS nella regione meridionale della Siria, mentre le difese aeree siriane sventavano il nuovo attacco. “Il nemico israeliano all’alba aveva attaccato una postazione militare nella regione centrale, e le difese aeree siriane respingevano l’attacco colpendo più di un aereo”. In seguito gli israeliani attaccavano alcune postazioni nella regione meridionale, che le difese aeree respingevano ancora una volta. In seguito, le autorità israeliane facevano appello alla Russia per contribuire a ridurre le tensioni al confine con la Siria; questo a seguito di un incontro urgente tra il Primo ministro, il ministro della Difesa e altri alti funzionari israeliani. Il disinformatore Magnyer tentava di spacciare la tesi che gli aviogetti israeliani siano stati abbattuti da missili iraniani Shaheen, cercando di giustificare a livello mediatico la propaganda sionista. Ma il sistema di difesa Shaheen è la copia iraniana del sistema statunitense Hawk, ed è quindi incompatibile con la rete dei sistemi di difesa aerea siriana d’impronta sovietica-russa.
Tutto questo avveniva poche ore dopo che l’Esercito arabo siriano spazzava via ogni residua presenza di al-Qaida e Stato Islamico dai governatorati di Hama ed Aleppo, liquidando in poche settimane una sacca di 1100 kmq con 500 terroristi intrappolati dentro. Il Comando Generale dell’Esercito e delle Forze Armate siriane dichiarava lo sradicamento dei terroristi dello SIIL e dei gruppi affiliati nelle aree tra Qanasir, Aleppo, Sinjar e Sinah. Inoltre, la bufala della strage di soldati siriani nel bombardamento statunitense su Tabiyah e Qasham, presso Dayr al-Zur, svanisce con l’ammissione dello stesso Mattis che le forze d’occupazione statunitensi avevano colpito solo 2 carri armati delle milizie tribali governative siriane; probabilmente si trattava di due autoveicoli civili, dato che le autorità siriane riferivano di 40 civili uccisi o feriti. I timori negli USA riguardo a un coinvolgimento in Siria sono sempre più acuti; il senatore degli Stati Uniti Tim Kaine, membro del comitato per le relazioni estere e i servizi armati del Senato, criticava l’attacco degli Stati Uniti, “Anche se sono grato che nessun membro degli Stati Uniti o della coalizione sia stato ferito nell’attacco, sono gravemente preoccupato dall’amministrazione Trump che volutamente s’infila in un grande conflitto, senza il voto del Congresso ed obiettivi chiari“. Mattis stesso mostrava dei dubbi sugli eventi a Dayr al-Zur, definendola “situazione di perplessità“, non potendo dare “alcuna spiegazione sul perché” forze filogovernative avrebbero attaccato una base delle SDF. Come affermano chiaramente le fonti governative siriane, non c’è mai stata alcuna operazione siriana contro il territorio occupato dalle SDF, ma un’operazione di ricognizione contro le infiltrazioni dello SIIL nel governatorato di Dayr al-Zur.
Va notato che almeno un paio di presunti ‘giornalisti freelence’ in Siria, un presunto corrispondente russo e un noto mercenario statunitense, hanno amplificato e spacciato tale operazione da guerra psicologica e di disinformazione. Il falso corrispondente russo arrivava a dire che nell’azione statunitense erano morti “130 mercenari russi” della compagnia Wagner (!?), mentre il mercenario statunitense, due ore prima dell’attacco statunitense, aveva tweettato che forze siriane stavano per attaccare obiettivi detenuti dalle SDF nella regione, lanciando alle forze militari del proprio Paese un preallarme. Le autorità siriane dovrebbero mostrare estrema attenzione verso coloro che si presentano come amici, solo per poi monitorare con metodi, modalità e scopi poco chiari, le aree del territorio siriano sottoposte a maggior conflitto.

Nel frattempo, un capo di Jabhat al-Nusra, Abu Yaman, e cinque sue guardie del corpo, venivano uccisi presso Jisr al-Shughur, a sud d’Idlib, da disertori della stessa organizzazione terroristica, mentre un elicottero d’attacco turco Agusta/TAI T-129B ATAK veniva abbattuto dalle YPG ad al-Qudah, presso Raju, a nord-ovest d’Ifrin. I due piloti restavano uccisi. Un’unità dell’Esercito arabo siriano respingeva l’attacco del gruppo terroristico Jabhat al-Nusra su Tal Hadada, ad est di Qinsiba, a nord di Lataqia, eliminando l’intero gruppo. Ad est di Damasco, tra Irbin e Harasta, la 4.ta Divisione dell’Esercito arabo siriano liberava diversi edifici, numerose trincee e cinque tunnel occupati dai terroristi dell’Hayat Tahrir al-Sham. Inoltre, un distaccamento delle Forze di Difesa Nazionali (NDF) liquidava 12 terroristi dello SIIL, e ne sequestrava l’autocarro che trasportava missili anticarro AGM-114 Hellfire e dispositivi per il controllo dei missili.
Note
Anàlisis Militares
FNA
Global Security
al-Masdar
Moon of Alabama
Muraselon
Muraselon
Muraselon
Muraselon
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
RIAFAN
SANA

Annunci

Il primo assassinio della CIA: George Polk

Constantine Report 17 dicembre 2012La CIA ha perso i dati sul reporter della CBS assassinato in Grecia nel 1948 e ha distrutto i relativi dossier FOIA
Washington DC, 10 agosto 2007 – La Central Intelligence Agency ha perso i documenti relativi alle indagini sul misterioso omicidio nel 1948 del reporter della CBS George Polk e ne ha distrutto il dossier delle richieste FOIA per i documenti su Polk, secondo una lettera dell’Archivista degli Stati Uniti Allen Weinstein. Nel giugno 2006, l’Archivio chiese alla CIA e agli Archivi nazionali d’indagare sulla possibilità che la CIA avesse perso o distrutto i dati sul caso Polk. Polk, reporter della CBS in Grecia al culmine della guerra civile tra sinistra e destra, fu assassinato da ignoti nel 1948. Su richiesta dei membri della famiglia Polk, l’Archivio della sicurezza nazionale aveva chiesto alla CIA di riesaminare i documenti sul caso, rilasciati negli anni ’90. La CIA trovò una serie di documenti da riesaminare, ma nel dicembre 2005 informò l’Archivio che nove documenti, comprese le note del direttore dell’Agenzia, furono distrutti. Secondo la lettera di Scott Koch, coordinatore delle informazioni e della privacy della CIA, “i documenti originali erano stati distrutti in conformità coi registri degli archivi e degli archivi nazionali approvati“. Fu la risposta della CIA a spingere il direttore dell’Archivio nazionale della sicurezza Thomas S. Blanton a scrivere lettere all’Archivista degli Stati Uniti e all’Ispettore Generale della Central Intelligence Agency chiedendogli d’indagare sulla distruzione dei documenti sul caso Polk. La settimana scorsa, il dott. Weinstein informava l’Archivio della sicurezza nazionale che la CIA “non è in grado di localizzare i documenti originali o le informazioni sulla loro disposizione”. Come spiega la lettera, il fascicolo FOIA della CIA venne distrutto secondo il programma delle registrazioni; ciò che è scomparso sono le copie originali dei documenti relativi a Polk (e qualsiasi raccolta a cui appartenessero). Che la CIA abbia stabilito che i documenti non possono essere trovati (e potrebbero esser stati distrutti) pone domande preoccupanti sulla politica di conservazione dei dati storici della CIA. Perché la CIA perde ciò che sarebbe stata documentazione permanente? Se i documenti su Polk facevano parte di un sistema di documenti distrutti, quali altri dati storicamente significativi non esistono più? Che anche il dossier FOIA, contenente copie dei documenti ora mancanti, sia stato distrutto pone domande su tale prassi standard delle agenzie federali.

The Polk Conspiracy: omicidio e copertura nel caso di George Polk, corrispondente della CBS News
The George Polk Awards for Investigative Journalism, 2004
Sono passati più di 40 anni da quando il corrispondente radiofonico della CBS George Polk fu assassinato a Salonicco, in Grecia. Ma come Kati Marton mostra nel suo avvincente nuovo resoconto del caso Polk, vita e morte di questo giovane reporter incarnano tuttora la lotta tra giornalisti impegnati a scoprire la verità e i governi decisi a manipolarla. Polk morì nel maggio 1948, apparentemente vittima della guerra civile tra un’oligarchia insolitamente di estrema destra e veterani guerriglieri di sinistra guidati dal Partito Comunista greco. Il suo omicidio pose un potenziale problema diplomatico. Nel tentativo di contenere il comunismo, gli Stati Uniti con la dottrina Truman si erano gettati in sostegno alla destra greca. Da inviato Polk aveva documentato senza timore brutalità e corruzione dell’élite greca, nonostante le minacce di morte anonime e la contrarietà espressa dai funzionari statunitensi. Se si scopriva che il giornalista fu assassinato su ordine del regime greco, si sarebbe indebolito il sostegno interno alla politica degli Stati Uniti. La morte di Polk portò a diverse indagini, una diretta dall’editorialista Walter Lippmann e una dal generale William (“Wild Bill”) Donovan, ex-capo dell’OSS. Anche FBI e CIA furono coinvolti. Un sospetto fu finalmente trovato dalla polizia greca e una “confessione” estorta (con la tortura, come in seguito si scoprì). In un processo farsa, il sospetto testimoniò (il falso, come conferma Morton) di aver aiutato i guerriglieri comunisti a uccidere Polk. Lippmann e Donovan, che conoscevano la realtà, furono contenti di tale risultato politicamente utile. Ma i dubbi sul caso Polk persistettero. Nel 1977, il colonnello James Kellis, investigatore statunitense improvvisamente rimosso dal caso nel 1948 per volere dei diplomatici ad Atene e Washington, giurò in una dichiarazione che la morte di Polk fu organizzata da “un pugno di fanatici di destra e dai loro alleati inglesi“, e che i funzionari statunitensi l’avevano insabbiato. Questa è una conclusione che Marton sostiene nell’avvincente cronaca. Attingendo a lettere, diari, interviste e documenti governativi precedentemente classificati, penetra anche nei bizantinismi dei “servizi di sicurezza legali, paralegali e illegali” greci e statunitensi, coinvolti nel caso. I capitoli sul misterioso furto dei documenti su Polk dopo la sua morte danno al libro ritmo e trama di un thriller di spionaggio. The Polk Conspiracy è anche sorprendentemente attuale. Ancora una volta gli Stati Uniti sono coinvolti in un conflitto estero; ancora una volta il dipartimento di Stato e l’esercito fanno un tentativo, in nome della sicurezza nazionale, di controllare le notizie. Sebbene George Polk appartenga a un’epoca più innocente del giornalismo statunitense, rimane un modello di coraggio, idealismo e schietta onestà. William Bowles

George Polk e lo scrittore antifascista George Seldes
Fu un evento importante nella storia dal dopoguerra dei media statunitensi, eppure l’omicidio in Grecia di George Polk della CBS, nel maggio 1948, generò sorprendentemente pochi articoli e libri. Ho letto solo parte di questa letteratura: e non vi ho mai sentito menzionare il contributo necessariamente anonimo di Polk al notevole settimanale di George Seldes, IN FACT, alla fine di marzo 1948. Iniziai a studiare il caso nel tentativo di comprendere l’acquiescenza della stampa statunitense alle numerose e ovvie bizzarrie avanzate dal rapporto Warren; e a meglio misurare il coraggio di Richard Starnes scrivendo “L’arrogante CIA disobbedisce agli ordini in Vietnam” (Washington Daily News, 2 ottobre 1963, p.3). È quasi inutile dire che lo studio del caso Polk non ridusse mai la mia meraviglia per la pura e intrepida sanguinaria mente di Scripps-Howard… Interessante, il caso fu gestito dallo studio legale di New York di William Donovan, il primo e unico capo dell’OSS. poi la responsabilità della causa ricadde su un giovane avvocato di nome William Egan Colby, futuro direttore della CIA. I titani della stampa statunitense, Lippmann, Morrow, Paley e altri, sostennero vergognosamente e senza eccezioni la successiva ripulitura ufficiale, compreso arresto e processo-farsa di un “comunista”. L’esempio del destino di Polk non fu sicuramente ignorato dai giornalisti statunitensi in patria e all’estero: sarebbe interessante sapere in che misura aiutò a prosciugare il segreto flusso dei contributi della stampa meanstream degli USA alla pubblicazione di Seldes. Education Forum

Assassinio
Il governo greco è ora nelle mani di monarchici ed ex-fascisti. Quasi ogni giorno uccide numerosi ex-aderenti all’Esercito di Liberazione. Queste vittime del fascismo non sono comunisti. The NY Herald Tribune, uno dei pochi a riportare la verità sulla Grecia, titola: l’ultima serie di arresti, deportazioni ed esecuzioni è “il risultato dell’interpretazione della dottrina Truman da parte del governo greco“, riferisce il corrispondente di NYHT Homer Bigart. Finché gli inglesi avevano il controllo, il governo monarchico-fascista si asteneva dall’infiammare l’opinione pubblica mondiale uccidendo membri della forza di liberazione; ora che l’ambasciata e la missione militare degli Stati Uniti consigliano Atene, il governo procede alle esecuzioni. Il NYHT è uno dei pochi giornali ad aver denunciato questi omicidi. La maggior parte della stampa statunitense è silente quando gli antifascisti sono le vittime.

L’ambasciata USA mente
Il giorno in cui l’ambasciata degli Stati Uniti dichiarò che “c’è vera libertà di stampa in Grecia oggi come negli Stati Uniti“, il governo greco incarcerava due redattori “socialisti (ma anticomunisti)” secondo il NYHT, che aggiunge che i “crimini” addebitatigli “furono commessi contro le forze di occupazione nazifasciste italo-tedesche” anni prima. Naturalmente è possibile, ma non probabile, che la dichiarazione dell’ambasciata USA non sia una smentita, ma ironia sulla stampa statunitense, che è al 99% reazionaria, seguendo la linea NAM al 95% contraria al New Deal e al benessere generale per il popolo; o semplicemente “libera” come la stampa greca.

William Donovan

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Come Wall Street ha salvato i nazisti

Jerry Meldon, Consortium 6 giugno 2013Verso la fine della seconda guerra mondiale, la collaborazione segreta tra la spia statunitense Allen Dulles e gli ufficiali delle SS naziste permise a molti criminali di guerra tedeschi di sfuggire ai procedimenti giudiziari posizionandosi per alimentare le tensioni del dopoguerra tra gli ex-alleati Stati Uniti e Unione Sovietica. In questo modo, i vecchi nazisti, aiutati da Dulles e altri ex-avvocati di Wall Street, impedirono un’accurata denazificazione della Germania e misero il timbro del Terzo Reich su decenni di atrocità durante la Guerra Fredda, diffondendo le brutali tecniche degli squadroni della morte, in particolare nell’America Latina. Sebbene la generazione della Seconda Guerra Mondiale sia passata di scena e la Guerra Fredda sia finita da più di due decenni, le conseguenze delle azioni di Dulles negli ultimi giorni della Seconda Guerra Mondiale ancora riecheggiano in Germania. Uno dei postumi fu avvertito in un tribunale di Monaco lo scorso mese, con l’apertura del processo a Beate Zschape, neonazista di 38 anni accusata di complicità in due attentati, 15 rapine in banca e dieci omicidi tra il 2000 e il 2007 della cellula terroristica “National Socialist Underground” (NSU). Due membri della banda si uccisero per evitare l’arresto prima che Zschape ne indicasse il nascondiglio e si consegnasse nel novembre 2011. Ma la storia precedente non è meno inquietante. Nove delle dieci vittime della NSU erano immigrati, otto turchi e un greco. Tutti uccisi con un’esecuzione con la stessa pistola Browning Ceska. Eppure ci volle più di un decennio alla polizia e all’agenzia d’intelligence interna della Germania, l’Ufficio per la protezione della Costituzione (BFV), per collegare i punti tra gli omicidi e il necrofilo sottobosco neo-nazista xenofobo in Germania.

Sfondo inquietante
Ma la domanda è se le connessioni mancate derivino da incompetenza o complicità. L’estate scorsa, in seguito a notizie sulla massiccia distruzione di dossier del BFV sugli estremisti di destra, il capo dell’agenzia rassegnava le dimissioni. Poi a novembre, Der Spiegel riportò: “Quattro commissioni parlamentari analizzano il lavoro delle forze dell’ordine. Quattro capidipartimento hanno già rassegnato le dimissioni. I fallimenti del governo nella lotta ai terroristi di destra hanno gettato il BFV nella peggiore crisi da quando fu… istituito nella Germania postbellica per fermare proprio l’estremismo che permise ai nazisti di salire al potere negli anni ’30. La scoperta della NSU e dei suoi crimini scosse il sistema fino al midollo. “Più segreti vengono alla luce, più diventa chiaro quanto estesamente le agenzie d’intelligence si siano infiltrate nei gruppi estremisti di destra. Il trio di neonazisti che componeva la NSU era circondato da informatori collegati al BFV. Una delle grandi domande è se il BFV abbia effettivamente rafforzato i gruppi di destra militanti“. Il modo in cui il BFV operava intrecciandosi coi neonazisti, mentre presumibilmente li controllava, non è del tutto sorprendente alla luce delle circostanze sulla nascita del BFV. Le prime elezioni parlamentari della Germania ovest nel 1950 portarono alla cancelleria Konrad Adenauer, fedele sostenitore del partito dell’attuale cancelliera Angela Merkel, la conservatrice Unione Cristiana Democratica (CDU). Quando Adenauer nominò Hans Globke suo segretario di Stato, il cancelliere della Germania ovest posò le carte sul tavolo. Il passato oscuro di Globke incluse il servizio in guerra alla guida dell’Ufficio per gli Affari Ebraici del Ministero dell’Interno nazista. Redasse le famigerate leggi di Norimberga per la protezione del sangue tedesco e scrisse il “Commentario” che pose le basi del genocidio. Il ministro dell’Interno che firmò le Leggi di Norimberga, Wilhelm Frick, fu condannato a morte a Norimberga e impiccato nell’ottobre 1946. Anche Globke era colpevole, avendo fatto carriera durante il dominio nazista. Il suo diretto superiore, il Consigliere giuridico del Ministero dell’Interno Bernard Loesner, si dimise dopo la decisione di Hitler di procedere allo sterminio degli ebrei europei. Quando Loesner si dimise, Globke intensificò e guidò la Soluzione Finale. Ma a Globke fu risparmiato non solo il destino dei camerati processati a Norimberga, ma divenne figura importante nel plasmare la Germania occidentale del dopoguerra. Nel 1961, The New Germany and the Old Nazis, di TH Tetens, economista tedesco che lavorava per la Commissione per i crimini di guerra degli Stati Uniti, osservò che Globke controllava ogni dipartimento del governo della Germania occidentale e “fece più di chiunque altro nel nazificare la Germania occidentale“.

Adenauer e Globke

Ex-nazisti ovunque
Der Spiegel rivisitò l’argomento in un articolo del marzo 2012 intitolato “Il ruolo degli ex-nazisti nella nascita della Germania ovest“, riferendo che due dozzine di ministri del governo, un presidente e un cancelliere erano appartenuti ad organizzazioni naziste. L’articolo riportava che gli storici stavano analizzando i voluminosi dossier del BFV. “Determinare quanti funzionari della dittatura nazista si nascondono sotto le spoglie dei servizi segreti interni nel passato della Repubblica federale” e se “la protezione di una costituzione giovane e ottimista fosse nelle mani di ex-nazionalsocialisti”. Lo storico di Berlino Michael Wildt raccontò a Der Spiegel di essere convinto che polizia e servizi segreti del dopoguerra fossero infiltrati da ex-nazisti. Intere amministrazioni e agenzie governative, disse, “coprivano, negavano e reprimevano” la loro torbida storia che evocò il seguente mea culpa dello staff di Der Spiegel: “È un’accusa che non si applica solo ai politici e ai dipendenti pubblici, almeno non nei primi anni della repubblica. Membri dei media, tra cui Spiegel, si sono dimostrati riluttanti o incapaci di dare l’allarme. Questo non sorprende, dato il numero di ex-nazisti arrivati negli uffici editoriali“. L’autore TH Tetens notava l’ironia di Globke, “l’ex-amministratore chiave della Soluzione finale, aveva il pieno controllo dell’Ufficio per la protezione della Costituzione“. Se fosse vissuto abbastanza a lungo, Tetens avrebbe potuto suggerire che il BFV venisse ribattezzato Ufficio per la protezione dei neonazisti. Tetens poteva anche sentirsi giustificato dai documenti della CIA rilasciati di recente che descrivono un’altra branca dell’intelligence tedesca controllata da Globke, la vasta rete di spionaggio dell’ex-zar di Adolf Hitler tenente-generale Reinhard Gehlen, alias “Gehlen Organization“, alias “The Gehlen Org” o semplicemente “Org“. Fino al 1955, quando la Germania occidentale divenne uno Stato sovrano, la Gehlen Org operò nominalmente sotto l’egida di James Critchfield della CIA che ne comprava l’intelligence. In realtà, Gehlen gestì l’Org dalla sua creazione nel 1946 fino al pensionamento nel 1968. Nel 1956, l’Org divenne ufficialmente il servizio d’intelligence estero della Germania e fu ribattezzato Bundesnachrichtendienst (BND). Recentemente, il BND ha declassificato i dossier per ripulirsi le origini postbelliche. I documenti rilasciati fino ad oggi da BND e CIA confermano il sospetto che, almeno negli anni di Gehlen, l’Org/BND fosse poco più di un’operazione di “pecore immerse nel sangue” degli Stati Uniti per i nazisti fuggiaschi.La connessione degli Stati Uniti
E questa storia inquietante risale addirittura ai giorni della Seconda Guerra Mondiale quando l’agenzia d’intelligence statunitense, Office of Strategic Services, cadde sotto il controllo di un gruppo di avvocati di Wall Street che vide il mondo col grigio morale degli affari, misurando più che giusto e sbagliato i dollari e i centesimi. Nell’introduzione a The Old Boys: The American Elite and Origins of the CIA, l’autore Burton Hersh identifica questo comune denominatore: “Nel 1941 (l’anno dell’entrata in guerra degli USA), un antitrust straordinariamente agile di New York chiamato William “Wild Bill” Donovan indusse Franklin Roosevelt a sottoscrivere la prima entità d’intelligence, l’Ufficio del coordinatore delle informazioni (OCI). La professione di Donovan era rilevante, e non era un caso che tutti e tre i protagonisti principali, Bill Donovan, Allen Dulles e Frank Wisner, avessero uno status grazie ad importanti partnership con Wall Street. La fazione che guidavano (OCI) cedette nel 1942 all’OSS. Da quel momento un servizio di spionaggio orientato verso l’impiego dei civili sarebbe stato in cima alla lista dei desideri dell’emergente élite del potere statunitense“. Questi avvocati di Wall Street, convertitisi in spie, portarono il loro relativismo morale e il loro ardore per il capitalismo aggressivo nel processo decisionale nella Seconda guerra mondiale. Così crearono una porta per i criminali di guerra nazisti che, dopo la schiacciante sconfitta della Germania nella battaglia di Stalingrado, nel febbraio 1943, capirono il futuro del Terzo Reich e iniziarono a fare le loro scommesse. Mentre la guerra sarebbe durata altri due anni, migliaia di loro presero provvedimenti per eludere i processi nel dopoguerra, in parte organizzandosi una protezione con ufficiali inglesi e statunitensi, la cui maggioranza prestava servizio nelle agenzie d’intelligence dell’esercito statunitense e dell’OSS civile, precursore della CIA. Il capo delle spie dell’OSS Allen Dulles giocò al gioco nazista nella primavera 1945, quando le forze sovietiche, inglesi e statunitensi convergevano su Berlino. Dulles s’impegnò in negoziati per la resa separata delle forze tedesche in Italia col generale delle SS Wolff. A quanto pare, Dulles non era infastidito dal fatto che Wolff, come molti suoi camerati delle SS, fosse un grande criminale di guerra. Dal settembre 1943, quando l’Italia si ritirò dall’Asse e fece pace con gli Alleati, le truppe di Wolff commisero in media 165 crimini di guerra al giorno eseguendone gli ordini per liquidare la Resistenza italiana e terrorizzarne i sostenitori. (Nel 1964 un giudice tedesco condannò Wolff a 15 anni di prigione per vari crimini di guerra, tra cui l’ordine di deportazione di 300000 ebrei dal ghetto di Varsavia al campo di sterminio di Treblinka).

Gehlen

Dipanando la rete
Inizialmente, Dulles incontrò Wolff sfidando gli ordini del morente presidente Franklin D. Roosevelt. I contatti furono anche all’insaputa del leader sovietico Josif Stalin, il cui esercito non solo aveva cambiato le sorti della guerra a Stalingrado, ma sosteneva la maggior parte dei combattimenti. Mentre il Terzo Reich di Hitler si avvicinava alla fine, sei divisioni tedesche su sette erano schierate contro l’Armata Rossa. Infine, Dulles ottenne l’autorizzazione di ciò che aveva il nome in codice “Operazione Sunrise”, ma la sua determinazione a concludere un accordo con Wolff non si fermò ai negoziati. Quando la Resistenza italiana tese una trappola al generale Wolff, Dulles lo salvò in ciò che il collega dell’OSS (e futuro giudice della Corte Suprema) Arthur Goldberg descrisse come tradimento. Inoltre, quando le spie sovietiche comunicarono a Stalin i contatti Dulles-Wolff che continuavano anche quando l’Armata Rossa aveva subito 300000 perdite in tre settimane, la conseguente reazione giocò nel piano di sopravvivenza di Hitler. Disperato nel sostenere il morale dell’esercito in rovina, Der Fuehrer s’impadronì del dissenso tra le fila degli Alleati. Fece ai suoi generali il seguente discorso d’incoraggiamento (come trascritto in The Politics of War di Gabriel Kolko): “Gli stati che sono ora nostri nemici sono i più grandi opposti che esistano sulla terra: Stati ultra-capitalisti da una parte e Stati ultra-marxisti dall’altra. I loro obiettivi divergono ogni giorno e chiunque può vedere come crescano queste antitesi. Se possiamo assestare all’alleanza un paio di colpi duri, il fronte comune costruito artificialmente potrebbe crollare con potente fragore in qualsiasi momento“. In effetti, la resa di Wolff a Dulles avrebbe potuto essere il tentativo di salvare la pelle ed aiutare Hitler a spaccare il “fronte comune costruito artificialmente“. Anche il valore complessivo delle trattative di Dulles verso la fine della guerra era dubbio. Meno di una settimana prima che l’armistizio ponesse fine alla guerra in Europa, Dulles offrì agli ufficiali nazisti un affare vantaggioso, lasciare che un milione di combattenti tedeschi si arrendesse alle forze anglo-statunitensi il 2 maggio 1945, piuttosto che ai sovietici. Cedendo ad inglesi e statunitensi, la maggior parte di questi tedeschi non solo evitò un duro trattamento da parte dei sovietici, ma alti ufficiali nazisti approfittarono della rapida svolta dell’amministrazione Truman dall’alleanza di guerra con Stalin allo scontro da guerra fredda con Mosca. I consiglieri fermamente anticomunisti del presidente Harry Truman, come il segretario di Stato James Byrnes, persuasero Truman a farla finita con l’impegno di FDR alla completa denazificazione della Germania postbellica, con una serie di decisioni che permisero a migliaia di criminali di guerra di evitare la giustizia ed assumere posizioni chiave nel nuovo governo della Germania ovest.

Verso la guerra fredda
Tuttavia, l’uso dei nazisti da parte delle agenzie d’intelligence statunitensi ebbe l’ulteriore pericoloso effetto di lasciare che i nazisti influenzassero come gli Stati Uniti percepissero gli ex-alleati di Mosca. Washington formulò gran parte delle prime politiche sulla guerra fredda secondo le informazioni delle intenzioni di Mosca originate dagli agenti spuri di Gehlen. Questi malfamati perpetratori di soluzioni finali includevano:
– Willie Krichbaum, a quanto si dice, il miglior reclutatore delle Gehlen Org. Come ufficiale della Gestapo nell’Europa sudorientale, Krichbaum gestì la deportazione di 300000 ebrei ungheresi per lo sterminio.
– Franz Six, ex-preside di Facoltà dell’Università di Berlino e supervisore immediato di Adolf Eichmann nella sezione Lotta ideologica dell’apparato di sicurezza delle SS. Nel 1941, secondo un rapporto che scrisse (che Christopher Simpson cita in Blowback: Il primo resoconto del reclutamento statunitensi di nazisti, e suo effetto disastroso sulla nostra politica interna ed estera), un gruppo di commando SS guidato da sei persone uccise 200 persone nella città sovietica di Smolensk, “tra cui 38 intellettuali ebrei”. Ricercato per crimini di guerra, Six si unì alla Gehlen Org nel 1946, ma in seguito fu tradito da un ex-ufficiale delle SS che lavorava sotto copertura per una rete USA/Regno Unito che perseguiva i nazisti latitanti. Nel 1948, un tribunale militare statunitense lo condannò a 20 anni per crimini di guerra come l’omicidio. Dopo aver scontato quattro anni, fu graziato da John McCloy, altro avvocato di Wall Street che aveva la carica di Alto Commissario USA per la Germania. Six poi aderì all’Org.
– capitano della Gestapo Klaus Barbie, il famigerato “Macellaio di Lione”, fuggì attraverso le cosiddette “linee dei ratti” in Sud America, dove lavorò coi servizi segreti di destra e organizzò il sostegno neonazista ai colpi di Stato contro i governi riformisti, incluso il “golpe della cocaina” del 1980 in Bolivia. Dopo decenni di diffusione di tecniche naziste in America Latina, Barbie fu arrestato ed estradato in Francia dove fu condannato all’ergastolo nel 1984 per aver ordinato la deportazione di 44 orfani ebrei nel campo di sterminio di Auschwitz
– colonnello delle SS Walter Rauff, che evitò il processo per lo sviluppo dei furgoni a gas e averne amministrato il dispiegamento per assassinare circa 250000 europei dell’est, in maggioranza donne e bambini ebrei. La presenza di Rauff è interessante perché, come capo dell’intelligence delle SS a Milano nel 1945, era il collegamento del generale Wolff con Allen Dulles. Secondo un editoriale del Boston Globe del 1984 dell’ex-avvocato del dipartimento di Giustizia John Loftus, Rauff, dopo aver svolto il suo ruolo nell’operazione Sunrise, si consegnò di nascosto e disse agli agenti del Counter-Intelligence Corps (CIC) dell’esercito statunitense che aveva fatto “accordi con Dulles per evitare ulteriori spargimenti di sangue a Milano”.
Secondo Loftus, Dulles “promise che nessuno dei negoziatori della resa sarebbe mai stato processato come criminale di guerra. Quando Truman e Stalin scoprirono ciò che Dulles fece, vi furono ordini indignati di sopprimere Sunrise, ma Dulles andò comunque avanti, con la riluttante partecipazione di Truman. Dulles mantenne l’accordo e Rauff fu rilasciato“. Christopher Simpson conferma in Blowback che “Ognuno degli ufficiali delle SS coinvolti nell’operazione Sunrise evitò la punizione nonostante fossero grandi criminali di guerra. Un tribunale militare statunitense provò che il capo dell’intelligence delle SS Walter Schellenberg contribuì a catturare e sterminare gli ebrei di Francia. Fu condannato, ma poco dopo venne graziato su ordine dell’Alto Commissario USA per la Germania, John McCloy… Wolff fu condannato al “termine” nel processo di denazificazione inglese nel 1949, poi rilasciato senza obiezioni dalle autorità statunitensi. Quindici anni dopo, un tribunale della Germania occidentale processò Wolff una seconda volta. Fu condannato per l’omicidio di 300000 persone, la maggior parte ebrei, e per aver sovrinteso la presenza delle SS nei programmi dei lavori forzati“.

Fuggire in America Latina
Tuttavia, quando la guerra finì, né il programma di reclutamento della Gehlen Org né le sentenze di clemenza di McCloy, avvocato di Wall Street, erano iniziate, lasciando decine di migliaia di criminali di guerra cercare disperatamente di trasferirsi in avamposti sicuri all’estero. Il colonnello delle SS Rauff ebbe la fortuna di avere gli agganci giusti. In Unholy Trinity: Vatican, nazis and soviet intelligence, il giornalista investigativo australiano Mark Aarons e l’ex-avvocato del dipartimento di Giustizia Loftus ricostruiscono come Rauff divenne l’agente di viaggio dei genocidi. Poco dopo che i negoziati per la resa Wolff/Dulles finirono con successo il 29 aprile 1945, Rauff fu arrestato da statunitensi non identificati e consegnato a un’unità dell’OSS guidata da James Angleton, il futuro capo del controspionaggio della CIA. Dalla descrizione di Aaron e Loftus, la squadra di Angleton sembra avesse rintracciato i comunisti italiani clandestini che sarebbero stati coerenti con la politica postbellica di Washington verso i leader di sinistra della Resistenza, dai partigiani europei ai vietnamiti di Ho Chi Minh, indipendentemente dal peso del contributo alla causa alleata. La squadra di Angleton, secondo quanto riferito, interrogò Rauff a lungo, probabilmente su ciò che sapeva quando eseguiva gli ordini di Wolff per liquidare la Resistenza. Dopo che il team di Angleton lo liberò, Rauff contattò il camerata ex-SS Friederich Schwendt, che era già sul libro paga del Corpo di controspionaggio dell’esercito statunotense (CIC) e, come lo stesso Rauff, era ricercato per omicidio. Schwendt era anche un maestro contraffattore. Riciclò i suoi prodotti attraverso le banche, ottenendo in cambio valuta occidentale legittima; in effetti, in tre anni Rauff poté fornire a migliaia di criminali di guerra false identità e biglietti di sola andata per il Sud America. Rauff si ritrovò in Cile, dove in seguito avrebbe riferito di aver consigliato la spietata polizia segreta del generale Augusto Pinochet. Allen Dulles divenne direttore della CIA dal 1953 al 1961. Sotto la sua guida, la CIA rovesciò governi democraticamente eletti in Iran (1953) e Guatemala (1954) e li sostituì con dittature antidemocratiche. Finora, nessuno dei due Paesi ha completamente riacquistato le basi democratiche. Dopo la disastrosa invasione della Baia dei Porci nel 1961, il presidente John F. Kennedy licenziò Dulles, ma non si allontanò dai centri di potere. Dopo l’assassinio di JFK, due anni dopo, il presidente Lyndon B. Johnson chiese a Dulles di aderire alla Commissione Warren sull’omicidio Kennedy. Dulles morì il 29 gennaio 1969. Tuttavia, ancora oggi, sette decenni dopo che Dulles aprì le porte alla collaborazione degli Stati Uniti coi criminali di guerra nazisti, la sua decisione continua a infettare le azioni del governo nel mondo.

Dulles e Kennedy

Jerry Meldon, professore associato di ingegneria chimica presso la Tufts University di Medford, nel Massachusetts, è il traduttore inglese di The Great Heroin Coup, del giornalista danese Henrik Kruger e collaboratore di ConsortiumNews.com.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

La dimenticata alleanza nazisti-statunitensi del dopoguerra

Shane Quinn, The Duran 20.09.2017

Mentre la Seconda Guerra Mondiale era nelle prime fasi, gli Stati Uniti valutavano su chi avrebbe vinto. I pianificatori statunitensi dovettero pazientare, comunque. Una serie apparentemente infinita di conquiste naziste stupì il mondo, in particolare negli Stati Uniti, portando Adolf Hitler ad essere incoronato “nuovo Napoleone”. Nell’estate 1942, sotto il dominio prepotente dell’esercito di Hitler, i tedeschi controllavano vaste aree d’Europa, da Varsavia a Oslo a Parigi e da Atene a Kiev e Sebastopoli. Una vittoria importante dopo l’altra per il Terzo Reich, rovinate dall’incapacità di misura a prendere Mosca alla fine del 1941, dopo un celebre contrattacco sovietico, e dall’incapacità di avere la superiorità aerea sulla Gran Bretagna. Eppure, nel novembre 1942, Hitler era precipitato in profondità nel territorio russo persino più di Napoleone al culmine 130 anni prima. A questo punto, le forze naziste avevano ucciso milioni di sovietici, molti civili inermi, in “una guerra di annientamento”, come aveva predetto Hitler. All’inizio del novembre 1942, il 90% di Stalingrado era stato preso dalla fanteria tedesca dopo settimane di feroci combattimenti casa per casa. La svastica sventolava sull’edificio più alto al centro di Stalingrado. Tale notizia spinse un vivace Hitler a dire, in un discorso dopo cena a Monaco: “Volevo prendere Stalingrado, e sapete, l’abbiamo fatto. Ce l’abbiamo davvero, tranne alcune posizioni nemiche che ancora resistono. Ora dicono: ‘perché non finiamo il lavoro più velocemente?’ Bene, preferisco fare il lavoro con gruppi d’assalto abbastanza piccoli. Il tempo non ha alcuna rilevanza“. In questa fase, i pianificatori statunitensi si preparavano con certezza a un mondo post-bellico diviso tra Terzo Reich e leader del mondo libero. I nazisti avrebbero controllato l’intera Europa continentale e l’Eurasia, mentre gli Stati Uniti avrebbero dominato l’emisfero occidentale, l’estremo oriente e l’ex-impero inglese. Gli imperialisti statunitensi diedero a queste conquiste inedite un titolo, “la Grande Area”. I piani furono presto modificati, comunque. Nonostante le affermazioni di Hitler, il tempo scadeva per i tedeschi. Pochi giorni dopo, Josif Stalin, Premier sovietico, orchestrò un altro famoso contrattacco con nuove riserve, distruggendo le linee tedesche troppo estese. Il 23 novembre la 6.ta Armata tedesca, che guidò la conquista della Francia nel 1940, fu completamente circondata da forze superiori. L’anno seguente, nel 1943, fu sempre più chiaro all’amministrazione Roosevelt che i tedeschi andavano verso la sconfitta, il che fu esattamente ciò che accadde due anni dopo. L’URSS meritò la stragrande maggioranza del credito per la vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, cosa che non viene mai menzionata, eppure l’URSS fu quasi distrutta, perdendo oltre 25 milioni di persone con danni incalcolabili alle infrastrutture. Gli Stati Uniti non subirono invasioni o bombardamenti e nel 1945 controllavano il 50% della ricchezza mondiale. La Grande Area andava estesa per controllare il più possibile anche l’Eurasia. Gli statunitensi avevano un problema da superare, tuttavia, con la fine della guerra la Resistenza anti-nazista era diventata potente e aveva molti elementi socialisti e comunisti. L’ordine tradizionale andava ripristinato.
Le fazioni della resistenza non sarebbero state favorevoli alle richieste statunitensi e sarebbero state distrutte. A questo punto, gli Stati Uniti non sapevano come infiltrare le organizzazioni indesiderabili per distruggerle. Eppure c’era chi poteva: i capi nazisti da anni esperti nel minare la Resistenza con tecniche segrete. Uomini come il generale della Wehrmacht Reinhard Gehlen, che era a capo dell’intelligence tedesca sul fronte orientale (1942-45), dove venivano commessi i crimini più atroci. Gli Stati Uniti ingaggiarono il capitano Klaus Barbie, “il macellaio di Lione” , che svolse un ruolo chiave nella destabilizzazione della resistenza nei Paesi Bassi, e dal 1942 in poi, nella Francia occupata dai nazisti. Lo stesso Gehlen fu inizialmente controllato dall’esercito degli Stati Uniti, prima di essere supervisionato dalla neonata CIA nel 1949. Gehlen dirigeva lo spionaggio contro l’Unione Sovietica a capo della cosiddetta Organizzazione Gehlen, con centinaia di ex-ufficiali dell’intelligence della Wehrmacht e delle SS sotto il suo comando, tutti protetti dagli statunitensi. Un documento della CIA declassificato lo descrive come “Capospia, uomo del mistero, spia del secolo“. Più tardi, per 12 anni, Gehlen fu il primo presidente del Servizio federale d’intelligence della Germania occidentale (1956-1968) e fu anche il più alto ufficiale della riserva militare della Germania occidentale, prima di essere costretto al ritiro nel 1968.
Barbie, ex-delle SS e della Gestapo, fu reclutato dal Corpo di controspionaggio dell’esercito degli Stati Uniti nel 1947, gli storici ritengono che abbia la diretta responsabilità della morte di 14000 persone. Fu responsabile di altri crimini come l’uso della tortura e la deportazione di bambini ebrei ad Auschwitz. Ora sotto i suoi padroni statunitensi, Barbie fu nuovamente usato per distruggere i movimenti comunisti in Europa. Eugene Kolb, ex-maggiore del Corpo di controspionaggio dell’Esercito degli Stati Uniti, disse decenni dopo che “Non avevamo grandi problemi di coscienza nel reclutare nazisti“. Kolb affermò inoltre che le “capacità di Barbie erano assolutamente necessarie… Le sue azioni erano dirette contro il partito comunista e la resistenza in Francia”. Un altro ex-ufficiale dei servizi segreti degli Stati Uniti, Ed Dobringhaus, dichiarò: “esagerammo ad essere gentili con quel tizio (Barbie). Andavamo a bere birra ogni tanto“. La Francia condannò a morte Barbie due volte in contumacia per crimini di guerra. Dopo aver scoperto che operava per gli Stati Uniti, i francesi chiesero all’Alto Commissario USA per la Germania, John J. McCloy, di consegnarlo per l’esecuzione. McCloy rifiutò la richiesta. All’inizio degli anni ’50, Barbie era troppo scottante per gli Stati Uniti, e lo spedirono via “ratline”, gestita dal Vaticano, dai preti nazisti croati e altri simpatizzanti fascisti, in Bolivia da Genova. Barbie risiedette in Sud America per oltre 30 anni, godendosi la protezione delle dittature appoggiate dagli Stati Uniti. Lì operò da signore della droga collaboratore di CIA e polizia segreta. Barbie fu coinvolto nel putsch militare del 1980 in Bolivia, noto come “il golpe della cocaina”, prima di essere estradato in Francia nel 1983 dal nuovo governo democratico della Bolivia, morendo in prigione a Lione otto anni dopo.
In un altro importante esempio, non ci furono problemi nel mandare negli Stati Uniti oltre 1600 scienziati ed ingegneri nazisti per lavorare sui programmi spaziali, con l’ulteriore scopo di prevalere nella Guerra Fredda. Tra questi scienziati c’era Wernher von Braun, il principale ingegnere ed inventore nazista del temuto missile V-2, che uccise oltre 2700 persone a Londra. Negli Stati Uniti, Von Braun fu la forza trainante del programma di allunaggio Apollo, nonostante i rapporti della sicurezza statunitensi lo descrivessero come “seria potenziale minaccia alla sicurezza”. Von Braun fu membro delle SS e divenne maggiore sotto Hitler. Il progetto altamente classificato per inviare centinaia di tecnici nazisti negli Stati Uniti era noto come “Operazione Paperclip“, intrapreso nonostante molti scienziati avessero un passato noto. L’operazione fu autorizzata nel 1946 dal presidente degli Stati Uniti Harry Truman.Traduzione di Alessandro Lattanzio

La rinascita del Partito Comunista Indonesiano

Srechko Vojvodich, Communism, 12 novembre 2017

Il seguente saggio tratta della ripresa dell’attività legale del Partito comunista indonesiano dopo 50 anni di proibizione. È un adattamento ed elaborazione della presentazione di Vladimir M. Soloveichik, pubblicata su Leningrad Internet TV e YouTube il 27 giugno 2016, in lingua russa. L’articolo offre interessanti informazioni sulla storia eroica e tragica del Partito Comunista non al potere più grande del mondo ed esprime l’ottimismo che le nuove generazioni di comunisti indonesiani continuino la lotta, unendosi al movimento marxista-leninista per la materializzazione dell’ideale comunista.Prologo
Questo argomento ha grande importanza morale per noi comunisti. Qui parliamo del Partito Comunista Indonesiano, la cui storia è ricca di eventi, tragedie e coraggio dei comunisti e di crimini contro di loro commessi dalla reazione borghese. Ora, dopo un divieto di 50 anni, il Partito Comunista Indonesiano ha tenuto il suo congresso e riprende l’attività legale nel Paese.

Origini
Uno dei più grandi partiti comunisti del mondo, uno dei più grandi partiti comunisti dell’Asia, il Partito Comunista dell’Indonesia aveva, al momento del divieto nel 1965, circa tre milioni di seguaci, tra cui due milioni di iscritti. Era il terzo partito comunista più numeroso del mondo, subito dopo il Partito Comunista dell’Unione Sovietica (PCUS) e il Partito Comunista Cinese (PCC). La storia di quel partito iniziò nel maggio 1920. L’Indonesia è un Paese su un vasto arcipelago nel sud-est asiatico, che in quel momento era colonia olandese. Il socialdemocratico olandese Henk Sneevliet iniziò a radunare i compagni, lasciando i socialdemocratici olandesi e locali organizzò il congresso fondativo del partito, che entrò nella storia come Partito comunista indonesiano. Porta questo nome dal 1924. Chi era Henk Sneevliet? Già non molto giovane, quasi 40 anni, aveva accumulato molta esperienza nel lavoro sindacale nei Paesi Bassi e, in quanto tale, fu nominato rappresentante della sezione orientale del Comintern. Dopo aver fondato il Partito Comunista Indonesiano, andò in Cina, dove si trovò alla fondazione del Partito comunista cinese. Fu lui che organizzò, nel luglio 1921, il Congresso fondativo del Partito Comunista cinese a Shanghai. Non fu nientemeno che lui che invitò al Congresso, tra gli altri, un giovane studente dell’Università di Pechino, Mao Tse-tung, vedendo in lui i tratti del futuro leader comunista. Dopo aver lavorato nella sezione orientale del Comintern, Henk Sneevliet tornò nei Paesi Bassi e poi ruppe drammaticamente con la leadership comunista olandese, passando al trotskismo e poi separandosi da Trotzkij. Più tardi, negli anni della Seconda Guerra Mondiale, deputato indipendente dell’Olanda, il rappresentante dei lavoratori Sneevliet guidò la resistenza clandestina olandese ed organizzò il più grande sciopero durante l’occupazione nazista dell’Europa occidentale contro l’hitlerismo, nel novembre 1941. Fu arrestato e giustiziato dalla GeStaPo di Hitler nell’aprile del 1942. Non aveva ancora 60 anni.
Il Partito fondato da Sneevliet si sviluppò come molti altri partiti orientali del Comintern, i partiti comunisti asiatici, attraverso il Terrore Bianco nel 1926, la lotta ai colonizzatori, l’occupazione giapponese e la resistenza armata agli alleati giapponesi di Hitler. Dopo la debacle del militarismo giapponese nel 1945, i nazionalisti indonesiani, guidati dal presidente Sukarno, iniziarono la lotta per l’indipendenza contro gli olandesi e il loro dominio coloniale. Il PKI sostenne Sukarno, come doveva fare qualsiasi forza patriottica, e ciò fu ricambiato con oscura ingratitudine. Non fu altri che Sukarno che, insieme ai nazionalisti e ai generali islamici, organizzò una provocazione armata nel 1948 coinvolgendo l’esercito e le formazioni armate del partito, il cui esito fu il sanguinoso massacro dei comunisti indonesiani, l’assassinio dell’allora Segretario generale della Comitato centrale del Partito comunista indonesiano, Munawar Musso, e del membro del Politburo Amir Sjarifuddin, ministro della Difesa nel governo di coalizione tra comunisti e nazionalisti, il governo anticolonialista di Sukarno. Tuttavia, comprendendo di dover ancora aver bisogno dei comunisti nella lotta contro i generali islamici e i colonizzatori olandesi, Sukarno evitò di bandire il PKI, sperando che i nuovi leader fossero più leali nei suoi confronti di Munawar Musso e Amir Sjarifuddin, che fece giustiziare. In realtà, al timone del Partito arrivarono Dipa Nusantara Aidit, Njoto, MH Lukman e alcuni altri, orientati verso il vittorioso Partito Comunista Cinese e la collaborazione del Partito Comunista Indonesiano con il PCC. Nel 1951, la piena attività legale del PKI fu ripristinata e quell’anno i comunisti indonesiani adottarono il programma di partito, che conteneva, come si rivelò in seguito, molti punti errati e confusi che costrinsero il Primo Segretario del CC del Partito Comunista (bolscevico) dell’Unione Sovietica, Stalin ad esprimere critiche al progetto di programma del PKI. Sfortunatamente, nelle condizioni di semi-legalità e terrore condotte contro il PKI dai generali islamici, in assenza di contatti diretti tra PKI e PC(b)US, le deliberazioni di Stalin raggiunsero la nuova leadership del PKI solo dopo l’adozione del nuovo programma. Invece di considerare queste critiche mentre sviluppavano l’attività, i leader del PKI scrissero una risposta a Stalin rifiutando praticamente tutte le considerazioni e mostrando l’aplomb dei neofiti: il loro leader Aidit non aveva allora 30 anni! Solo uno dei membri del Politburo, Rinto, in realtà il prof. Iskandar Subekti, marxista che parlava correntemente olandese, inglese e molte altre lingue straniere, istruito in Europa e che conosceva a fondo le opere dei classici del marxismo, espresse dissenso e scrisse una lettera a Stalin chiedendogli di abbozzare alcune idee sulle prospettive della rivoluzione indonesiana. Con stupore di Aidit e Njoto, Stalin rispose alla lettera di Subekti, invitandolo con altri comunisti indonesiani al 19° Congresso del PCUS nell’ottobre 1952. Subekti arrivò a Mosca e più tardi, nel dicembre del 1952, Dipa Nusantara Aidit con Njoto arrivò nella capitale dell’Unione Sovietica, dopo aver partecipato al Congresso del Partito Comunista dei Paesi Bassi. Così, ai primi del gennaio 1953, iniziarono le conversazioni di Stalin con la dirigenza del PKI su come muovere le forze, prospettive e carattere della rivoluzione indonesiana. Le conversazioni furono abbastanza interessanti e significative, tra amici. Stalin cercò di convincere i comunisti indonesiani che le sue conclusioni erano corrette. Nel complesso, ci riuscì. Sulla base di questi colloqui, Stalin compose un ponderoso documento il 16 febbraio 1953, indirizzato a Aidit: “Sul carattere e le forze mobili della rivoluzione indonesiana, sulle prospettive del movimento comunista in Asia orientale, sulla strategia e le tattiche dei comunisti sulla domanda agraria“. Di fatto, fu l’ultima opera teorica di Stalin, purtroppo ignota nell’URSS per molto tempo. Per la prima volta fu pubblicata in russo nel 2009, stampata direttamente dal suo manoscritto. Questo originale manoscritto è conservato nell’Archivio Presidenziale della Federazione Russa, nel Fondo Stalin. Quest’ultima opera teorica di Stalin del 16 febbraio 1953, solo due settimane prima della scomparsa, è molto interessante, in primo luogo perché formulava il punto chiave della rivoluzione indonesiana: la questione agraria. Criticò i comunisti indonesiani quando scrivevano: “Combatteremo contro il feudalesimo”, senza chiarire di quali resti del feudalesimo nella società indonesiana parlavano e insistendo chiaramente che il PKI doveva puntare allo slogan sulla consegna della terra ai contadini indonesiani come proprietà privata e senza indennizzo, fornendo una spiegazione teorica per cui doveva essere fatto esattamente così, dato che la situazione agraria in Indonesia all’epoca era diversa dalla situazione agraria nella Russia pre-rivoluzionaria e dell’Europa orientale, quindi in Indonesia era esatto lo slogan della consegna della terra ai contadini indonesiani come loro proprietà privata e senza un compenso, mentre spiegava perché lo slogan sulla nazionalizzazione della terra non avrebbe funzionato nella situazione data. È esattamente in questo lavoro che Stalin sollevò la questione del Fronte nazionale, mettendo in guardia la leadership del Partito Comunista Indonesiano sul possibile assorbimento del Partito da parte della borghesia nazionale, sulla conversione del Partito in appendice del presidente Sukarno e della sua cricca, in modo che i comunisti dell’Indonesia non divenissero pedine nella lotta di clan tra nazionalisti e islamisti, tra colonizzatori diretti e loro complici, in modo da condurre una linea autonoma di alleanza tra classe operaia e contadini e sottolineando che più forte era l’alleanza, più solide sarebbero state le posizioni del Partito nel Fronte Nazionale. Il lavoro è interessante di per sé, per l’approccio completamente non dogmatico. Ad esempio, analizzando la situazione agraria in Russia alla vigilia della Rivoluzione d’Ottobre, Stalin valutò positivamente non solo il programma agrario dei bolscevichi ma anche dei socialisti rivoluzionari (SR), definendoli entrambi “partiti socialisti”. Dichiarò inoltre che l’ottobre fu vittorioso grazie all’alleanza della classe operaia coi contadini, che si materializzò politicamente nelle azioni comuni dei due partiti socialisti, bolscevico e socialista rivoluzionario, una visione assolutamente non tradizionale nelle scienze sociali sovietiche del tempo!
In questa situazione, il PC indonesiano si armò, naturalmente, di tutti questi chiarimenti. Le formulazioni di Stalin trovarono il loro posto anche nella una nuova versione del Programma, adottata nel 1954, e in un grande lavoro teorico di Aidit, pubblicato l’anno dopo. Naturalmente, date le circostanze della campagna di Krusciov per screditare la lotta rivoluzionaria per il socialismo e il comunismo, sotto l’apparenza insensata dell'”anti-stalinismo”, il nome di Stalin non fu mai menzionato in questi documenti e le sue formulazioni divennero note solo dopo la pubblicazione del testo in lingua russa nel 2009. In pratica, la semplice attuazione dei suggerimenti di Stalin per spostare l’attenzione del lavoro politico del PKI nei villaggi comportò una tale crescita del PKI in numero e forza che divenne il terzo partito comunista più potente del mondo! L’afflusso massiccio di contadini, la creazione di associazioni di contadini, guidate dai comunisti, il rafforzamento delle posizioni del partito nel movimento operaio, portarono a vittorie elettorali, nonché all’impulso della reputazione dei comunisti nella società indonesiana. Tre milioni di iscritti e seguaci, tra cui due milioni aderenti al Partito e un milione alle organizzazioni giovanili, sindacali, contadine, delle donne e altre guidate dai comunisti. Questi numeri parlano da soli. E non sono miti, sono accuratamente documentati. La crescita delle contraddizioni sociali in Indonesia, mancata soluzione della questione agraria, peggioramento della situazione dei lavoratori, coperta da slogan nazionalisti e retorica antimperialista del presidente Sukarno e dalla sua amicizia con Krusciov; provocarono la graduale transizione del PKI all’opposizione al regime di Sukarno, anche se due dei suoi aderenti erano ancora ministri nel Gabinetto di Sukarno, uno dei quali era il membro del Politburo Njoto, e a un nuovo passaggio alle posizioni del maoismo, vedendo nel motto di Mao che il fucile porta al potere una soluzione semplicistica a tutti i problemi della società indonesiana. Le azioni di Krusciov vi contribuirono molto. Aveva incontrato Sukarno sempre presentandogli regali esclusivi del Tesoro dell’URSS, senza consultare nessuno, e definendolo “distinta figura progressista dei nostri tempi“, mentre trattava i comunisti indonesiani da servitori. A differenza di Stalin, che non risparmiava tempo o sforzi per convincerli sulla validità delle sue argomentazioni, Krusciov li trattava come un padrone che cammina altezzoso trattandoli da suoi servi: “Il capo ha parlato, punto! Chi non è d’accordo: esca!” Tutto questo contribuì all’atmosfera psicologica della transizione della leadership del PKI all’idea maoista di sviluppo del Partito. E questo fu una delle cause più importanti della tragedia avvenuta il 30 settembre 1965 e della successiva debacle del PKI, della liquidazione fisica di un milione di comunisti e di loro seguaci per mano della reazione borghese.Incombente esplosione
In superficie e al centro di una marea di contadini analfabeti ma devoti, l’Indonesia era gestita con la fraseologia pseudo-rivoluzionaria di Sukarno sul “socialismo indonesiano”, che dichiaratamente si adattava a tutti, dagli abitanti dei villaggi senza terra ai proprietari terrieri ereditari, con la borghesia compradore e la burocrazia dilagante al centro. In verità, vi furono dei risultati significativi, soprattutto nell’assistenza sanitaria e nell’istruzione, ma l’economia in generale declinò: all’inizio degli anni Sessanta, la produzione era inferiore ai livelli del 1940. L’industria lavorava a un quarto della capacità, principalmente per la cronica mancanza di materie prime, e il budget ricevuto nel 1961 era solo 1/8 delle entrate previste dal settore statale! Anche le costose apparecchiature importate inutilizzate in assenza di una pianificazione sistematica, furono spesso lasciate arrugginire o semplicemente rubate. In tali circostanze, il finanziamento per l’esercito si prosciugò e i comandanti badarono agli affari, fino al saccheggio delle proprietà dello Stato, al contrabbando e al traffico di droga. Molti giovani ufficiali, nati nella povertà, si unirono rapidamente a compradores e proprietari terrieri e il tutto favorì inevitabilmente lo sviluppo dei sentimenti militaristi e della visione del mondo avversa ai politici in generale, ma in particolare ai comunisti. Preparando le condizioni per l’instaurazione della dittatura e della soppressione di ogni resistenza, i militaristi indonesiani concentrarono gli sforzi sui villaggi. Dai tempi in cui fu introdotto lo Stato di emergenza, nel 1957, i comandanti dell’esercito gestirono tutti gli affari dei villaggi: nominarono e sostituirono gli anziani, gli amministratori e così via. Infatti, la cupola dell’esercito decise, come disse un giornalista statunitense, “di competere col PKI nel campo del lavoro con le masse“. Poi il ministro della Difesa, generale Nasution, assegnato alle truppe, avviò dopo il conflitto sull’Irian con l’Olanda tra il 1961 e il 1963, una “missione civica”, denominandola “operazione lavoro”. Quei soldati ararono le terre vergini insieme agli abitanti dei villaggi, costruirono e ripararono abitazioni, scuole, centri sanitari, strade, canali e dighe; distribuivano cibo e semi agli abitanti dei villaggi, ai quali insegnavano ad alfabetizzarsi e a purificare l’acqua. Alla luce della costante protrazione della riforma agraria, questa “missione civica” dell’esercito attirò molti contadini. Tuttavia, il lavoro utile era sempre accompagnato dal lavaggio del cervello propagandistico di soldati e contadini con spirito anticomunista. Secondo la dottrina di Nasution, l’attività “civica” delle forze armate era intervallata dalla preparazione per la “difesa del Paese” insieme ai contadini, come ai tempi della guerra contro gli olandesi. Tuttavia, questa volta “il nemico” non era estero, ma interno. I villaggi non furono preparati alla guerra, ma al terrore di massa. Scorte armate dei proprietari terrieri, distaccamenti di fanatici religiosi e bande criminali furono fusi in un sistema di formazioni terroriste stragiste. Come in America Latina, sarebbero diventati noti, diversi anni dopo, come “squadroni della morte”, dal nome di una di esse. Lo spazio di manovra del regime tra blocchi sociali e classi antagoniste si esaurì gradualmente, evolvendo verso la transizione di tutti i poteri nelle mani di uno di essi. La crisi nazionale generale poteva essere risolta solo in uno dei due modi: o attraverso
· la dittatura democratico-rivoluzionaria dei lavoratori, con l’egemonia del proletariato, aprendo una prospettiva socialista al Paese, o attraverso
· la dittatura reazionaria delle classi sfruttatrici, con l’egemonia della burocrazia corrotta (solo 100 ministri!) amalgamata ad imprenditori in divisa. I comunisti li chiamavano “cabiri” (capitalisti-burocrati).
Lo scontro si avvicinò inesorabilmente. Nell’agosto 1965 il presidente si unì pubblicamente all’appello del CC del PKI a “rafforzare l’offensiva rivoluzionaria”. Il procuratore generale dichiarò che la magistratura era pronta a liquidare i “cabiri”. A settembre, le forze di sinistra scesero più volte nelle strade di Giacarta con lo slogan “Morte ai cabiri!” L’8 e 9 settembre, i manifestanti comunisti assediarono il consolato statunitense a Surabaya. Il 14 settembre, Aidit invitò il Partito alla vigilanza. Infine, il 30 settembre, la Gioventù popolare e l’Unione delle donne organizzarono a Giakarta una manifestazione di massa contro l’inflazione e la crisi economica. Alla vigilia, durante una manifestazione studentesca, il presidente invitò apertamente a “distruggere i generali che sono diventati protettori dei controrivoluzionari“. Se questa non era una situazione rivoluzionaria, cos’era? Tuttavia, come Lenin avvertì ne “Il crollo della Seconda Internazionale“: “…non sempre ogni situazione rivoluzionaria porta alla rivoluzione; la rivoluzione nasce solo da una situazione in cui i summenzionati cambiamenti oggettivi sono accompagnati da un cambiamento soggettivo, vale a dire la capacità della classe rivoluzionaria d’intraprendere un’azione di massa rivoluzionaria è abbastanza forte da spezzare (o abbattere) il vecchio governo, che mai nemmeno in periodi di crisi, “cade” se non viene rovesciato“. Soprattutto osservò: “Non si può vincere solo con l’avanguardia. La vittoria richiede che non solo il proletariato, ma anche vaste masse di lavoratori oppressi dal capitale, arrivino con la propria esperienza al diretto sostegno all’avanguardia o, perlomeno, a una benevola neutralità e piena incapacità di sostenere il nemico“. Pertanto, il carattere oggettivo della base di massa della controrivoluzione indonesiana dimostrò che, in quella situazione, era inutile e anche peggio, mortalmente pericoloso, aspettare un più favorevole equilibrio di forze. C’era solo un modo per impedire la catastrofe: sfruttare tutte le possibilità per elevare la rivoluzione al nuovo stadio democratico popolare, aprendo non solo al proletariato ma anche alle masse piccolo-borghesi la prospettiva visibile di una vita migliore.

N. Aidit e Revang, segretario del PKI di Giava.

La battaglia persa
Il 30 settembre 1965 un gruppo di giovani ufficiali, per lo più della Guardia Presidenziale e dell’Aeronautica, cercarono di catturare e distruggere i vertici dell’Esercito, dalle posizioni islamiste. Cinque generali e il loro seguito furono uccisi ma la figura principale tra i comandanti catturati dagli ufficiali di sinistra, il Capo di Stato Maggiore dell’esercito, fuggì, si nascose e poi lanciò, insieme al comandante dell’esercito Suharto, il contrattacco al Consiglio rivoluzionario, costituito da questi giovani ufficiali di sinistra. L’esercito aveva la superiorità numerica e il supporto delle truppe aviotrasportate e della Marina. La loro superiorità numerica sulla Guardia presidenziale e l’Aeronautica fu così grande che alla fine del giorno successivo, il 1° ottobre, distrussero il Consiglio rivoluzionario, che praticamente fu fatto a pezzi dal feroce assalto delle truppe di Suharto e Nasution. I leader del Consiglio rivoluzionario si nascosero nella base aerea di Halim e l’esercito l’assaltò. Esattamente in quel momento, né un giorno prima né un giorno dopo, la dirigenza del PKI dichiarò di sostenere il Consiglio rivoluzionario e il Movimento del 30 settembre! Nel momento in cui era già crollato, ed era abbastanza chiaro che i suoi avversari vincevano. Resta inteso che non fu facile convocare un congresso, una conferenza o il plenum del Comitato centrale. Ma il presidente del Comitato centrale, Aidit, non convocò nemmeno la sessione del Politburo. Cinque di loro, Aidit, Njoto, il primo vice di Aidit Saidman, il suo secondo vice Lukman e il membro del Politburo Sudisman, decisero di sostenere il Consiglio rivoluzionario. Poi, la mattina del 2 ottobre, quando la base aerea di Halim fu praticamente conquistata dai nemici della Rivoluzione, i comandanti islamisti, l’organo centrale del PKI pubblicò l’appello a sostenere il Consiglio rivoluzionario che, in quel momento, non esisteva più, e una dichiarazione della posizione del PKI.Catastrofe
Va da sé che tutto questo fu il pretesto per massacrare i comunisti da parte delle forze islamiste. Incendiarono l’edificio del Comitato centrale, la redazione dell’organo centrale del PKI e la sua tipografia. In tutto il Paese, fanatici furiosi iniziarono a uccidere comunisti, in modi bestiali. Sul torace dei comunisti catturati e dei loro familiari incidevano martelli, falci e stelle a cinque punte; poi fecero lo stesso sulla schiena e sulla fronte; tagliarono i loro genitali; li sventrarono; l’impalarono, li decapitavano nei villaggi mettendo palizzate intorno ai villaggi con le loro teste in cima.. Il terrore di massa anti-comunista nell’ottobre del 1965 uccise 500000 membri del PKI mentre la sua leadership sperava che Sukarno li proteggesse. Ahimè, non successe niente del genere! Il 6 ottobre, Sukarno consegnò all’esercito il suo ministro e membro del Politburo del PKI Njoto, che giustiziò il giorno dopo; poi il 7 ottobre, il Primo Vicepresidente del CC del PKI Sakirman, e il Secondo Vicepresidente Lukman furono giustiziati. Aidit stesso scappò in un villaggio, cercando di organizzare la resistenza, ma fu catturato il 22 novembre 1965 dai paracadutisti e fucilato. Sudisman, che guidò il Partito dopo l’assassinio di Aidit, Lukman, Sakirman e Njoto, sopravvisse fino al 1967, organizzò la resistenza clandestina nelle città, ma fu catturato dal controspionaggio dell’ammiraglio Sudomo ed ucciso dopo essere stato torturato in modo bestiale. Il 12 marzo 1966, su pressione di Suharto e Nasution, il presidente Sukarno, amico di Krusciov, decise di bandire il Partito Comunista Indonesiano. Il mese successivo, i sindacati furono banditi, così come altre organizzazioni di massa guidate dai comunisti. I fanatici islamisti furono sostituiti dalle truppe di controintelligence dell’ammiraglio Sudomo e dalle forze speciali che lanciarono il terrore di massa anti-comunista. Uccisioni per strade, detenzione di comunisti e membri delle loro famiglie nei campi di concentramento e loro esecuzione, uccisioni per mano di soldati, forze speciali, truppe di contro-intelligence, squadroni della morte islamici… Sembrava che un’ombra scura avesse coperto l’Indonesia. Tuttavia, un fattore umano giocò, come sempre, il suo ruolo e gli agenti del controspionaggio dell’ammiraglio Sudomo commisero un errore di calcolo. Il membro del del Politburo del CC del PKI Iskandar Subekti, messo da parte da Aidit e Njoto come elemento filo-sovietico, teorico, intellettuale ed oratore ma non organizzatore, l’uomo che non tenne mai tra le mani qualcosa di più pesante di una penna o una matita, rimase fuori della zona d’influenza degli agenti del controspionaggio dell’ammiraglio Sudomo, che conclusero fosse emigrato in Unione Sovietica a scrivere le memorie alla periferia di Mosca, o tenere conferenze sul marxismo nelle università europee. Tuttavia, Iskandar Subekti non emigrò ma andò invece nelle zone rurali del Giava Orientale, dove i comunisti avevano la maggiore influenza nelle associazioni dei contadini, e lanciò l’insurrezione dei contadini! Insieme ai suoi compagni: il leader della gioventù cominista indonesiana Sukatno e il vicepresidente del sindacato Ruslan Wijayasastra. L’esercito dei contadini iniziò ad attuare la riforma agraria, quella che Stalin scrisse nel 1953! La distribuzione delle terre dei proprietari terrieri ai contadini senza compenso ne fece una vera forza di massa. I distaccamenti armati di comunisti non solo combatterono i fanatici islamisti, ma schiacciarono le loro bande, espellendole dal territorio e assaltarono le forze militari e di polizia del regime di Sukarno. Allo stesso tempo erano in corso i preparativi per la costituzione di un fronte comune dei distaccamenti di tutti gli insorti su tutte le isole dell’arcipelago indonesiano, per l’istituzione di un comando congiunto e dell’Armata Rossa Indonesiana. Dopo le prime vittorie acquisirono armi pesanti.
I primi a riprendere il combattimento furono i diplomatici statunitensi, le spie degli Stati Uniti. spaventati dal fatto che l’Indonesia divenisse un altro Vietnam. Fecero forti pressioni su Sukarno e Suharto; diedero supporto finanziario e tecnico all’esercito indonesiano, nonché armamenti ed istruttori. Misero a tacere le contraddizioni tra i regimi malese e indonesiano, consentendo a Suharto di ritirare le truppe dal confine con la Malesia e organizzare, di fatto, la rappresaglia contro i territori rossi liberi. Avendo sia superiorità numerica e tecnica, che migliore addestramento, l’esercito indonesiano distrusse gli ultimi focolai di resistenza nel 1968. Il Prof. Iskandar Subekti, che incontrò Stalin, cadde e anche i suoi compagni Ruslan e Sukatno caddero insieme a migliaia di comunisti indonesiani…

Robert Kennedy e il generale Nasution

Epilogo
L’ombra della reazione borghese cadde infine sul Paese e Sukarno, avendo venduto tutti e tutto, non era più necessario ai generali islamisti e fu gettato via nel nulla politico. Suharto divenne presidente e Nasution vicepresidente. Per più di trent’anni il Paese fu preda al terrore anticomunista. I comunisti furono uccisi o inviati nei campi di concentramento e nelle prigioni. Le ultime condanne a morte per la partecipazione agli eventi del 30 settembre 1965 furono eseguite alla fine del regime di Suharto, nel 1996. Per trent’anni la gente fu in carcere, in attesa nei bracci della morte. Tuttavia, scoppiò la crisi finanziaria asiatica. Dato che il regime di Suharto e Nasution non risolse alcuno dei gravi problemi economici, non solo non migliorò la situazione dei lavoratori ma, anzi, la peggiorò, massicce dimostrazioni popolari spazzarono via questo regime come mera spazzatura politica. Il presidente Abdurrahman Wahid, che fu il primo presidente eletto dell’Indonesia dopo le dimissioni di Suharto nel 1998, dichiarò l’amnistia generale e chi era da trenta e più anni nelle prigioni e nei campi di concentramento iniziò ad uscire. Nel 2000 cercò di legalizzare l’attività del Partito Comunista invocando la Costituzione. I generali, tuttavia, si opposero. Ugualmente infruttuoso fu il secondo tentativo di legalizzare il PKI nel 2009, gli islamisti obiettarono sostenendo che non fosse ammissibile avere in Indonesia un partito che dichiarasse apertamente il suo ateismo.

Boccioli testardi
Tuttavia, nel 2004 e dopo quarant’anni, tutte le limitazioni relative ai diritti civili dei comunisti furono rimosse. Cominciarono a comparire circoli marxisti, organizzazioni comuniste aziendali, studentesche, ecc. Inoltre, il Comitato estero del PC dell’Indonesia lavorò per 50 anni tra la numerosa emigrazione indonesiana in Europa e in Cina, tra i leader degli attivisti di sinistra indonesiani, sebbene senza connessione diretta con la madrepatria. Infine, la crescita delle contraddizioni sociali, lo sviluppo della lotta di classe e del capitalismo in Indonesia, così come il coraggio e la tenacia dei comunisti indonesiani costrinsero il regime a cedere. Eccoci nel giugno 2016, il PC dell’Indonesia riprende l’attività legale. Tuttavia, le autorità non hanno revocato il divieto. Pertanto, il prossimo congresso del PC dell’Indonesia sarà considerato il primo, e non l’ottavo, dopo il settimo del 1962, come se il Partito fosse costituito da zero. Tuttavia, il Partito manterrà il nome: Partito Comunista dell’Indonesia e i suoi simboli fondamentali: la bandiera rossa con falce e martello e stella a cinque punte. Ciò vale per l’ideologia del marxismo-leninismo e la leadership collettiva. Il Partito unirà tutti coloro fedeli alle idee comuniste nei lunghi decenni di clandestinità, sotto Suharto o nell’emigrazione, tutti coloro che erano e rimangono comunisti.Conclusione
La ripresa dell’attività legale dei comunisti indonesiani è di per sé un importante evento morale, indipendentemente da come si svilupperà il PKI, quale ruolo giocherà nella vita politica e sociale del Paese e quanto i comunisti riusciranno ad avere la fiducia delle masse, dei lavoratori. Dimostra che le idee del comunismo non possono essere squartate, abbattute o bruciate vive. Non possono essere uccise o bannate. Anche dopo cinquanta anni di divieto, come è successo in Indonesia, continuano la loro strada, sotto la stessa bandiera rossa con falce e martello e stella a cinque punte. Questa è l’ideologia fondata dai nostri grandi maestri: Marx, Engels e Lenin!
Siamo sicuri che la nuova generazione di comunisti indonesiani continuerà le tradizioni dei maestri: Munawar Musso, Iskandar Subekti e molti, molti altri che caddero nelle mani degli islamisti, della reazione militare e borghese. Siamo sicuri che il Partito Comunista Indonesiano si unirà al movimento comunista internazionale, all’esercito dei combattenti per il comunismo e il socialismo. Pertanto, auguriamo con tutto il cuore ai comunisti indonesiani, a nome di tanti compagni, la vittoria nella lotta per la nostra causa comune, la materializzazione del nostro ideale comunista!
In sintesi: il comunismo non può essere ucciso, non può essere vietato. L’idea rossa, l’idea di giustizia sociale e fratellanza dei lavoratori di tutte le terre, dell’uguaglianza sociale vinceranno, indipendentemente dagli ostacoli!
Così sarà! Riferimenti principali:
· Presentazione di Vladimir M. Solovejchik su Leningrad Internet TV, 27 giugno 2016
· ТЯЖКИЙ УРОК ИСТОРИИ: К 50-летию антикоммунистического геноцида в Индонезии автора А.В. Харламенко © Рабочий Университет им. И.Б. Хлебникова 2007 – 2016
· Pretesto per la stage: il Movimento del 30 settembre e il colpo di Dtato di Suharto in Indonesia, John Roosa, Univ. di Wisconsin Press, 2006.

Traduzione di Alessandro Lattanzio