Verso la guerra civile oligarchica ucraina

Alessandro Lattanzio, 24 marzo 201500-sergei-korsun-salo-as-the-bait-14-08-14Battaglioni territoriali
La Guardia Nazionale di Ucraina (GNU) dipende dal ministero degli Interni ucraina, fu creata il 12 marzo 2014 con la legge “Sulla Guardia Nazionale di Ucraina“, convertendo le truppe del ministero degli Interni nella Guardia Nazionale ucraina, ciò allo scopo di
– spezzare e comandi delle truppe interne e del ministero degli Interni, piazzandovi i golpisti;
– reprimere gli oppositori al golpe, con la scusa di “epurare le truppe e ministero degli Interni“;
– cancellare i dossier sui crimini commessi dai golpisti;
– sostituire le forze di sicurezza interna legali con squadroni basati su “purezza ideologica” e “ideali nazionalisti”, facendovi entrare i nazisti di Pravij Sektor.
Comunque la Guardia Nazionale veniva suddivisa in tre strutture:
1) battaglioni territoriali Azov, Donbass, Ajdar, Shakhtjorsk, ecc., composti da criminali neonazisti e elementi di Pravij Sektor, mercenari da Stati baltici, Georgia, Scandinavia, Francia, Polonia. Impiegano verso le popolazioni locali i metodi utilizzati nella seconda guerra mondiale dalla Divisione SS Galizien e dall’UPA banderista. Si identificano dai nastri adesivi gialli.
2) battaglioni territoriali Vinnitsa, Tavrja, Sich, Feniks, ecc. composti da volontari majdanisti privi di addestramento e di una vera base ideologica. Si identificano dai nastri adesivi gialli.
3) battaglioni della polizia Skif, Kherson, Kiev-1 e altri. Sono i resti delle truppe interne sopravvissute alle purghe nel ministero degli Interni. Si identificano dai nastri adesivi rossi.
La maggior parte dei battaglioni è subordinata alle forze di sicurezza ucraina e collabora strettamente con le Forze armate dell’Ucraina

Ministero degli Interni dell’Ucraina
Unità d’assalto della Guardia Nazionale di Ucraina:
• reggimento (ex-battaglione) Azov, creato a Marjupol e sponsorizzato da Igor Kolomojskij e Arsen Avakov, capeggiato da Andrej Biletskij e Igor Mosejchuk. Nucleo del battaglione Azov sono i neonazisti di Assemblea Nazional-Sociale, Pravij Sektor, Patrioti d’Ucraina ed Autodifesa di Majdan.
• battaglione Kulchinskov
• 2.do battaglione speciale Donbass, creato a Dnepropetrovsk da Igor Kolomojskij e capeggiato da Semjon Grishin (Semenchenko), composto da 630 elementi.
• 9.no reggimento Gepard delle forze speciali della GNU, il primo comandante Andrej Teteruk fu eliminato il 29 agosto 2014 ad Ilovajsk.
• battaglione Ucraina, creato da Oleg Ljashko.
• battaglione Kirovograd, primo comandante Snitsar eliminato il 23 luglio 2014.

Battaglioni speciali della Polizia:
Kiev-1 creato dai fratelli Klishko ed Arsen Avakov, capeggiato da Evgenij Dejdej e formato da 462 elementi.
Kiev-2 capeggiato da Bogdan Wojciechowski.
Golodnij Jar, primo capo Eugene Wojciechowski, eliminato il 7 luglio 2014, ora capeggiato da Nikolaj Shvalja
Tempesta
Mirotvorets
Artjomovsk
Santa Maria
Svitjaz, creato a Kherson.
Temur, capeggiato da Temur Juldashev.
Diritti di Destra, gruppo del SBU capeggiato da Dmitrij Snegirjov.
• 23.mo Skif, creato a Zaporozhe.
• Altri 21 battaglioni

Ministero della Difesa dell’Ucraina
Battaglioni territoriali:
• 21.mo Rus, creato a Kiev, il primo comandante Aleksandr Gumenjuk fu eliminato il 15 agosto 2014.
• 24.mo Ajdar, sponsorizzato da Igor Kolomojskij e capeggiato da Sergej Melnichuk, formato da due compagnie, distrutte una il 19 giugno 2014 presso il villaggio Metallist e l’altra il 1° settembre 2014 nell’aeroporto di Lugansk.
Chernigov-1, creato da Igor Kolomojskij, il primo comandante Radevskij, eliminato il 21 luglio 2014.
Shakhtjorsk, capeggiato da Andrej Filonenko.
Batkivshina
• 40.mo Krivbass, capeggiato da Aleksandr Motril.
Dnipro-1, creato il 14 aprile 2014 a Dnepropetrovsk, sponsorizzato da Igor Kolomojskij e Arsen Avakov, formato da 500 mercenari.
Dnipro-2, creato da Igor Kolomoiskij e capeggiato da Dmitrij Jarosh.
• 9.no Vinnitsa
Artjomovsk, creato a Dnepropetrovsk.
Volin
Gorin, creato a Rovno.
Ivano-Frankovsk
Lvov
Nikolaev
Tavrja, creato a Kherson.
Kherson, primo comandante Ruslan Storchius, eliminato il 25 agosto 2014.
• 5.to Transcarpazi, creato a Ivano-Frankovsk.
• 43.mo, creato a Dnepropetrovsk da Igor Kolomojskij.
• 39.mo
• altri 26 battaglioni

Forze armate dell’Ucraina:
• battaglione Feniks (3° battaglione della 79.ma brigata aeromobile)
• battaglione UNSO (54° battaglione da ricognizione della 30.ma brigata meccanizzata)

Si coordinano con i ministeri della Difesa e degli Interni:
• corpo volontari “Pravij Sektor
• battaglione OUN (Organizzazione dei nazionalisti ucraini)

Battaglione Dudaev: Isa Munaev e Iljas Musaev, due islamisti ceceni che parteciparono alle due guerre cecene degli anni ’90, rifugiatisi in Danimarca dopo la sconfitta del separatismo taqfirita ceceno, da cui condussero le attività terroristiche in Cecenia tramite l’ONG “Caucaso libero” dove incontrarono il terrorista anglo-ceceno Adam Osmaev. L’obiettivo di “Caucaso libero” era mobilitare islamisti e russofobi caucasici. Munaev ne fu presidente e Musaev capo del comitato organizzatore. Caucaso Libero ha poi creato il nazibattaglione Dzhokhar Dudaev, attivo nel Donbas, il cui capo Munaev, eliminato a Debaltsevo, fu sostituito da Adam Osmaev marito della rappresentante di Caucaso libero in Ucraina Amina Okueva. Non è un caso che tra i mercenari del nazibattaglione Dudaev vi siano diversi danesi. Per loro la guerra civile ucraina è una guerra contro la Russia, “la lotta contro i russi è la lotta di tutti noi“. Per Munaev la guerra in Ucraina era la continuazione delle guerre in Cecenia, inoltre denominò la prima compagnia del battaglione, Aleksandr Muzichko, membro dell’UNA-UNSO e di Pravij Sektor, che aveva combattuto in Cecenia, al fianco degli islamisti, prima di essere eliminato nel marzo 2014 dalla polizia ucraina.

Isa Munaev

Isa Munaev

Un’altra interessante infografica del sito propagandista uacrisis.org mostra i battaglioni ucraini a marzo 2015 rompere con la loro subordinazione. Va notato che il conteggio dei battaglioni è assai differente, e un certo numero di essi, evidentemente, non è più grande di una compagnia. Inoltre, alcuni di tali battaglioni (subordinati al ministero della Difesa dell’Ucraina) non sono puramente volontari, parzialmente comprendendo truppe mobilitate. La maggior parte dei battaglioni volontari è fuori dalle Forze armate ed è soggetta al ministero degli Interni dell’Ucraina (battaglioni speciali della polizia), o della Guardia nazionale di Ucraina (sempre del ministero degli Interni). Così, il nucleo più “ideologico” dei battaglioni volontari non mai ha preso parte direttamente alle ostilità o n’è stato coinvolto sporadicamente. In generale, i volontari di tali battaglioni sono sorprendentemente pochi e, secondo le stime più oggettive, in un anno di guerra civile non superano le 10 mila persone (esclusi gli stranieri) su 40 milioni di abitanti sotto il controllo di Kiev. Il nazionalismo ucraino è seriamente sopravvalutato, e ciò in particolare non ha permesso di fare della Guardia nazionale dell’Ucraina la “guardia rivoluzionaria” ideologica del regime mjadanista, come si era pensato alla sua creazione; per la maggior parte sono truppe del ministero degli interni “ri-verniciate”. In realtà, RPD e RPL hanno attratto un numero maggiore di volontari tra la popolazione dei territori sotto il loro controllo, rispetto al resto dell’Ucraina controllato dai “patrioti ucraini”. Tale fattore incide in modo significativo sull’efficienza complessiva delle forze ucraine, composte per lo più da mobilitati. Nonostante tutte le PR sulle unità di volontari ucraini, hanno avuto un impatto piuttosto limitato sulle ostilità, e praticamente il peso della guerra grava (e graverà) sulle forze armate ucraine.

V8P5

Jarosh, Kolomojskij e Poroshenko

Il 19 marzo la Rada approvava alcuni emendamenti alla legge sulle società per azioni, che privava Kolomojskij del controllo su Ukrnafta, licenziando il suo protetto Aleksandr Lazorko, e sulla Ukrtransnafta, nominandone a capo Jurij Miroshnikov, che veniva accompagnato alla sede di Ukrtransnafta da un gruppo di soldati. Kolomojskij vi aveva inviato i suoi uomini armati per reinsediare Lazorko. Nell’aprile-maggio 2014 Ukrtransnafta aveva pompato 675000 tonnellate di petrolio senza l’autorizzazione del ministero dell’Energia ucraino. Il primo ministro Arsenij Jatsenjuk aveva chiesto d’avviare un procedimento penale. Quindi, a Kiev, le sedi dell’Ukrnafta, la maggiore società petrolifera ucraina, e dell’Ukrtransnafta, società di trasporto petrolifero, venivano occupate dai mercenari del nazibattaglione Sich dell’oligarca Kolomojskij. Kolomojskij, socio di minoranza presso tali aziende, reagiva così alla nuova legge ucraina sulla gestione delle quote azionarie, che gli sottraeva il controllo delle società in questione. Oltre all’occupazione armata delle due compagnie, Kolomojskij chiedeva “la federalizzazione finanziaria” dell’Ucraina, secondo cui il 90% delle entrate fiscali non doveva lasciare le regioni. Kolomojskij era stato avvertito dall’ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina, Jeffrey Pyatt, a non permettere la continuazione della “legge della giungla” nella risoluzione delle questioni politiche ed economiche; avvertimento che Kolomojskij aveva chiaramente ignorato. Difatti, l’ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina aveva detto che “i vecchi tempi stavano finendo” e il presidente ucraino Poroshenko aveva dichiarato, il 23 marzo, che non avrebbe consentito a nessuno di disporre di eserciti privati, “La difesa territoriale (i nazibattaglioni) obbedirà ai vertici militari e a nessun governatore sarà permesso avere un proprio esercito”. Poroshenko in precedenza aveva rimproverato Kolomojskij anche per l’aggressione al giornalista di ‘Radio Liberty’ (Svoboda) Mustafa Najm (un agente della CIA). Per ripicca Kolomojskij aveva bloccato 50 milioni di dollari di Poroshenko presso la ‘PrivatBank’ (di prorpietà di Kolomojskij). Anche il capo del SBU Valentin Nalivajchenko aveva intimato agli occupanti della sede di Ukrnafta di disarmare, che invece si consolidavano stendendo una recinzione per impedire gli assalti. Nalivajchenko aveva anche detto che alcuni dirigenti dell’amministrazione regionale di Dnipropetrovsk guidavano dei gruppi di banditi, sostenendo così Poroshenko assieme al ministro degli Interni Arsenij Avakov, e mettendo Kolomojskij al centro del mirino della junta di Kiev. Il 22 marzo, numerosi battaglioni venivano ritirati dal fronte dirigendosi a Kiev, secondo il giornale ucraino Vesti, mentre a Odessa la raffineria di petrolio NPZ veniva presidiata da 50 uomini armati del nazibattaglione Dnipro-1.
paryvi SectorNel frattempo il braccio destro di Kolomojskij, Andrej Palitsa, imposto da Kolomojskij a sindaco di Odessa, affermava che i nazibattaglioni che occupavano la città fin dalla strage del 2 maggio, ora l’avevano lasciata. Il 23 marzo, Poroshenko faceva rimuovere da Odessa le strutture di sicurezza vigenti dal 6 maggio 2014, quando la polizia veniva affiancata da mercenari di Pravij Sektor e majdanisti controllati da Igor Palitsa, governatore di Odessa e socio di Kolomojskij. Igor Palitsa, fu messo da Kolomojskij a capo dell’Ukrnafta fino al 2007, quando divenne deputato. Dal 24 marzo, quindi, per ordine di Poroshenko, i paramilitari di Kolomojskij non svolgevano più ‘servizio d’ordine’ ad Odessa. Kolomojskij reagiva anche facendo togliere il sostegno di 4 deputati (Korban, Olinik, Filatov e Denisenko) a Poroshenko; chiedendo le dimissioni di Nalivajchenko a capo del SBU; chiedendo il riconoscimento di RPD e RPL, qui scontrandosi con gli Stati Uniti; accusando lo Stato Maggiore e Poroshenko di incompetenza militare e di nascondere le perdite subite; chiedendo una Majdan a Dnepropetrovsk allo scopo di crearsi una base di consenso popolare da cui contrattare con Kiev. Tutte misure volte a salvare ricchezza e potere, accumulati da Kolomojskij e complici, ricercando un compromesso con Poroshenko. Ma il vicegovernatore di Dnepropetrovsk, e quindi di Kolomojskij, Gennadij Korban accusava Poroshenko di voler attuare “il protocollo segreto” degli accordi di Minsk: la distruzione di “Pravij Sektor”, “Spero che non sia vero, ma ci sono dei dubbi dovuti alla reazione e alla persecuzione (contro Kolomojskij)”, sottolineando che “contro di lui ci sono 8 processi penali, e nessuno contro i deputati dell’opposizione. Putin s’è rotto i denti a Dnepropetrovsk, anche Poroshenko se li romperà. Sono fuori dal partito. Invitiamo tutti alla nuova Veche (assemblea popolare) a piazza Eroi di Majdan. Petro Poroshenko non ha alcuna relazione con la rivoluzione della dignità. Ha paura della terzo Majdan, ma in realtà la seconda rivoluzione non è ancora finita. Kiev, che ci ha promesso l’indipendenza economica con il decentramento finanziario, non ha fatto niente. Smettetela di mentire su decentramento, sui progressi dell’Operazione Anti-terrorista (repressione del Donbas), sul numero delle vittime; abbiamo dati accurati che raccogliamo da tempo sullo stato dei militari e della sicurezza ucraino. Oggi Kiev è occupata dai ladri. Ed è tempo che tali ladri fuggano”.
Vitalij Kuprij, altro deputato di Kolomojskij, accusava Poroshenko di:
• Non aver venduto le sua attività una volta eletto: la fabbrica di Lipetsk e “Canale 5″
• di esser colluso con Viktor Janukovich
• di aver, assieme alla presidentesse della Banca centrale ucraina Valerija Gontareva, accumulato miliardi con l’instabilità monetaria
• di coprire il tradimento dello Stato Maggiore e dei servizi di sicurezza nel Donbas
• di agire in favore di Putin, di aver violato gli obblighi internazionali dell’Ucraina verso l’Unione europea, fermato il processo di ratifica dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, in modo da non finire in carcere per la strage di civili nel Donbas
• di sabotare le riforme delle forze dell’ordine, del sistema fiscale, e per l’adozione di una finanziaria antipopolare che riduce i servizi sociali.
• di ostacolare la creazione dell’ufficio anti-corruzione.
• d’interferire nei processi più importanti. Nel “caso Gongadze” avrebbe bloccato la declassificazione dei documenti, per consentire ai mandanti dell’omicidio l’impunità
• di aver bloccato la riabilitazione dei prigionieri politici del ‘regime’ di Janukovich e aver avviato procedimenti contro i manifestanti che criticano il governo
• di supportare una “giustizia selettiva” e l’inazione nei casi di violazione dei diritti umani.
“Poroshenko continua a ingannare il popolo ucraino”, concludeva il fantoccio di Kolomojskij”
.
Igor-KolomoiskiIn generale, tutto ciò appare un azzardo enorme con pessime carte, dove Kolomojskij assai probabilmente sarà annientato o costretto ad accettare una pace umiliante con numerose concessioni a Poroshenko e soci. Le sue risorse sono molto più deboli di quelle di Poroshenko, ed è tutt’altro certo che “Pravij Sektor”, creatura del SBU, e Jarosh, uomo di Nalivajchenko, non passino dalla parte di Poroshenko, perché “Pravij Sektor” dipende sia dal SBU tanto quanto dai soldi di Kolomojskij. Le risorse finanziarie di Poroshenko sono molto più elevate (essendo a capo dello Stato e avendo la possibilità di utilizzare risorse estere)… L’illusione che Kolomojskij possa dettare condizioni a Kiev ricordano le illusioni di Khodorkovskij, che pensava che tanto denaro e l’influenza politica da esso acquistato potessero sconfiggere la sicurezza e l’apparato statali. Khodorkovskij ha avuto il tempo di pensarci a Chita (in prigione) per un certo numero di anni. Kolomojskij, grazie a un potere enorme e una montagna di denaro cadutigli addosso, aveva semplicemente perso il senso del pericolo e credeva che tutti gli fosse permesso, potendo imporsi al governo ucraino, dimenticando che i banditeschi nazibattaglioni sono un argomento piuttosto debole verso l’esercito, il Ministero degli Interni e il SBU, in una situazione di stallo. … La junta, controllata dagli Stati Uniti e che ne persegue gli interessi regionali, non sarà sentimentale sul monopolio della violenza ed osserva con freddezza le convulsioni di Kolomojskij, perché ha la cosa più importante: il sostegno degli Stati Uniti, quindi carta bianca contro di lui. Alle dichiarazioni isteriche di Kolomojskij si contrappongono fredde minacce ed ultimatum di coloro che possono facilmente organizzare una notte dei lunghi coltelli per gli assalitori estemporanei e i loro mandanti”. Invece, secondo Mikhail Pogrebinskij, del Centro di studi politici e conflitti di Kiev, lo scontro tra Poroshenko e Kolomojskij può devastare l’economia ucraina. Kolomojskij è l’oligarca che possiede PrivatBank, la maggiore banca privata ucraina, e il suo crollo può seppellire il sistema bancario del Paese. Inoltre, Kolomojskij controlla le regioni di Dnepropetrovsk, Odessa e Zaporozhe. Quindi, secondo Pogrebinskij, si dovrà negoziare con lui, “In caso contrario, questa guerra potrebbe seppellire l’intera economia del Paese. Senza discutere con Kolomojskij non si va da nessuna parte, e quindi i suoi battaglioni possono creare una terza repubblica popolare. Ma molto dipende dalle azioni dell’ambasciatore degli Stati Uniti“.
Il 24 marzo Poroshenko incontrava Kolomojskij che firmava le dimissioni da governatore di Dnepropetrovsk, venendo sostituito da Valentin Reznichenko. In precedenza il ministro dell’Energia Demchishin aveva ordinato a tutte le imprese del ministero di spostare le proprie riserve finanziarie dalla Privatbank alle banche statali. Ukrtransnafta vi aveva depositato diversi miliardi di grivne. Inoltre, la Rada aveva presentato un disegno di legge per nazionalizzare la Privatbank, che è la maggiore istituzione finanziaria dell’Ucraina detenendo il 26% dei risparmi personali e il 15% del patrimonio bancario ucraini, ammontante a 204,6 miliardi di grivne. La Privat ha 2600 filiali e 19400 bancomat per 16,3 milioni di carte. I principali azionisti sono Gennadij Bogoljubov e Igor Kolomojskij, ognuno con il 36,98% delle azioni, e la società Triantal Investments Ltd di Cipro, che ne detiene il 16,23%. Secondo il presidente dell’Investment-Trust Bank Aleksandr Podolkanko, e il presidente del Centro Analitico ucraino Aleksandr Okhrimenko, se la Privatbank crollasse, collasserebbe l’economia ucraina, “Detiene 169 miliardi di grivne in depositi personali. Né il governo né la Banca di assicurazione dei depositi potrebbero coprire tale importo“. La nazionalizzazione della Privat la porterebbe al fallimento, secondo Okhrimenko, e alla fuga di capitali, come fu evidente nel 2013 quando Janukovich tentò di sottrarre alcune attività a Kolomojskij, e costui trasferì i vertici della banca a Londra. La Banca nazionale ucraina a febbraio fornì a Privatbank 3,29 miliardi di grivne su un totale di 4,8 miliardi di rifinanziamenti. Il rifinanziamento fu ottenuto su garanzia delle proprietà personali di Igor Kolomojskij, che nel 2014 ebbe 749 milioni di grivne di profitti, superato solo da Citibank.

Geoffrey Pyatt,

Geoffrey Pyatt

Riferimenti:
Cassad
Cassad
Fortruss
Fortruss
Fortruss
Fortruss
Fortruss
Fortruss
Fortruss
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
Russie Sujet Geopolitique
Slavyangrad

Ogni mossa di Kiev mina la posizione degli Stati Uniti

Rostislav Ishenko RIA 16 marzo 2015 – The Sakerputin-chess-obama-435In un’intervista con Russia Today, Rostislav Ishenko, Presidente del Centro per l’analisi e la previsione sistemica, parla di come si cerca di trascinare la Russia in un conflitto militare e perché, del ruolo della Crimea e della secessione nell’Ucraina.

In uno dei suoi articoli ha scritto che l’Ucraina con ogni probabilità pensa a una sorta di attacco alla Crimea. Che voleva dire?
In primo luogo, non credo che l’Ucraina o anche i poteri forti a Kiev vogliano attaccare la Crimea. Credo che anche gli ordini di sparare che (Aleksandr) Turchinov avrebbe dato ai militari nel febbraio 2014 fossero pubbliche relazioni. E’ dubbio che desse tali ordini in quel momento. E se l’avesse dati, dei 20000 soldati presenti in Crimea in quel momento, qualcuno avrebbe obbedito. In secondo luogo, sull’attacco alla Crimea dall’Ucraina, ho già detto e ripetuto: dal mio punto di vista è l’ultima via per iniziare una guerra con la Russia. E’ perfettamente chiaro che, da febbraio a marzo dello scorso anno, cercarono di attirare la Russia allo scontro diretto con l’Ucraina. Ed è chiaro che l’idea non è nata a Kiev ma a Washington. Dopo i tentativi falliti di spingere la Russia ad inviare truppe nel sud-est Ucraina a marzo, aprile, maggio, agosto e a gennaio di quest’anno, la possibilità più o meno giustificata, dal punto di vista del diritto internazionale, d’istigare una guerra russo-ucraina è tentare di giocare la carta del ritorno-della-Crimea. Ed è importante fin dall’inizio garantire che l’Ucraina non sia vista come l’aggressore.

L’obiettivo di trascinare la Russia nelle operazioni militari è ancora all’ordine del giorno?
Sì. Ora è molto più difficile realizzarlo perché le principali forze dell’esercito ucraino sono nel sud-est, così Kiev non può montare un’offensiva sull’istmo (che collega la Crimea alla terraferma). La scorsa estate poteva farlo. Penso che il pericolo fosse piuttosto alto, ma poi un’altra decisione fu presa: gli Stati Uniti cercavano ancora di trascinare la Russia in guerra e in operazioni militari attive nel sud-est. Donetsk e Lugansk erano praticamente assediate. A quel punto l’obiettivo fu quasi raggiunto, perché in quella situazione la Russia non poteva lasciare che RPD e RPL fossero schiacciate, e se non fosse riuscita ad invertire gli eventi, le truppe sarebbe andate in Crimea.

Chi trae vantaggio dal trascinare la Russia in guerra? Dopo tutto è pericoloso per l’Europa avere una guerra proprio alle porte.
L’idea di un colpo di Stato e del più negativo degli eventi, vale a dire uno scenario militare, chiaramente non proviene dai politici europei. Non avevano alcuna obiezione al controllo economico sull’Ucraina, consentendogli di passare liberamente dal mercato ucraino per il mercato russo e della CSI. Ma non avevano alcun interesse a un confronto politico e militare con la Russia. D’altra parte, gli Stati Uniti, che non sono chiaramente entusiasti della cooperazione economica tra Russia ed Europa, cooperazione che avrebbe infine scacciato gli Stati Uniti dall’Europa, prima economicamente e poi politicamente, avevano interesse a che l’Europa e la Russia si scontrino da qualche parte. Non poteva accadere in Polonia o Lituania o addirittura Bielorussia, era possibile solo in Ucraina grazie alla politica completamente inetta di (Victor) Janukovich e del suo governo, che tentava di continuare l’obsoleta politica “multivettoriale” di (Leonid) Kuchma cercando di essere amici, e mungere, tutti. Tale politica ha creato le condizioni per il conflitto di interessi tra UE e Russia sull’Ucraina, soprattutto economico.

In altre parole, i politici europei non furono inattivi?
I politici europei hanno svolto un ruolo attivo nella situazione in Ucraina: hanno visitato, supportato, garantito, firmato accordi ed organizzato negoziati. Merkel riteneva che (Vladimir) Klishko sarebbe stato il prossimo presidente dell’Ucraina.. Ma il 21 febbraio gli europei furono spiazzati e il giorno dopo gli Stati Uniti presero il controllo in Ucraina, e tutte le altre azioni si svolsero su ordine di Washington, perché qualsiasi governo a Kiev, anche il più incompetente, avrebbe chiaramente capito che ciò che era necessario più di tutto era stabilizzare la situazione, anche se concessioni dovevano essere fatte a Crimea e sud-est. Era il momento sbagliato per l’Ucraina di adottare un’azione aggressiva; non fu abbastanza forte e il governo di Kiev non s’è consolidato, ma la Ucraina è stata letteralmente spinta al confronto con la Russia. Hanno anche cercato di provocare la Russia. Vi darò un semplice esempio: all’inizio di marzo, quando la Crimea non era nemmeno giuridicamente parte della Russia, Putin disse che la Russia non avrebbe tollerato il terrore contro la popolazione nel sud-est. Immediatamente unità dell’esercito ucraino iniziarono a muoversi verso sud-est. Due mesi dopo il processo non erano ancora completato, ma comunque Kiev disse che v’iniziava le operazioni antiterrorismo. Poi vennero gli eventi di Odessa: sfacciatamente, sotto le telecamere, uccisero decine di persone. Poi bombardarono il territorio russo. In qualche modo, oggi non vediamo alcun proiettile sparato dal territorio ucraino in Russia, ma a giugno e luglio piovevano. È improbabile che gli artiglieri ucraini non sapessero sparare fino ad agosto. Se i carri armati raggiungevano il territorio russo, qualcuno doveva farlo accadere. Se aerei violavano lo spazio aereo della Federazione Russa, qualcuno ne aveva bisogno. Stavano facendo ogni sforzo per trascinare la Federazione russa in guerra.

Quale sarebbe il beneficio per gli Stati Uniti se la Russia venisse coinvolta nel conflitto militare?
In quanto tempo le truppe russe potrebbero occupare Kiev o addirittura Lvov non è preoccupazione degli Stati Uniti. La cosa principale era dimostrare che la Russia aveva invaso uno Stato sovrano. L’Europa non sarebbe stata in silenzio, e in quel caso retorica e sanzioni sarebbero state più ampie e profonde di oggi. Ciò avrebbe comportato un confronto diretto, staccando l’Europa dalla Russia per un lungo periodo. Inoltre, avrebbe preoccupato gli alleati della Russia nell’unione doganale e nella nuova Unione eurasiatica. Naturalmente altre capitali avrebbero iniziato a preoccuparsi: se può succedere in Ucraina, allora perché non in Kazakistan e Bielorussia? Anche adesso, quando gli sforzi per spingere l’Europa in un confronto diretto con la Russia sono falliti o hanno scarse probabilità di successo, gli Stati Uniti sono interessati a vedere truppe russe in Ucraina perché non possono mantenere l’Ucraina, ed è chiaro che il governo di Kiev cadrà. Più a lungo dura il governo di Kiev, più soldi e risorse, anche politiche, diplomatiche ed economiche, gli Stati Uniti dovranno inevitabilmente perdere per puntellarlo. Nessuno vuole sprecare risorse per quella che è fondamentalmente una causa persa. Se la Russia prende il controllo dell’Ucraina, allora sarà sua responsabilità politicamente, economicamente e finanziariamente. Fino ad allora è responsabilità degli Stati Uniti. E ogni successiva mossa del regime di Kiev, ogni escalation del terrore lentamente ma inesorabilmente erode la posizione degli Stati Uniti, perché prima o poi dovrà ammettere di aver organizzato e sostenuto un regime nazista. E la gente ne parla apertamente in Europa. Penso che a dicembre gli Stati Uniti si resero conto non ci sarebbe stata alcuna invasione diretta; tutto è possibile, tranne un’invasione diretta.

Secondo voi cosa attende l’Ucraina? Qual è il possibile esito della situazione?
Molto probabilmente ci sarà un altro colpo di Stato a Kiev. Si riduce a una cosa semplice: è necessario rimuovere l’ultimo presidente semi-legittimo, (Petro) Poroshenko, che impedisce ai vari gruppi di aggredirsi. E’ chiaro che Poroshenko sarà rovesciato dai battaglioni nazisti, e il prossimo governo sarà ancora più rigido con conseguente regime di terrore totale. Poi i poteri forti non potranno mantenere il controllo completo sul territorio, iniziando a disgregarsi gradualmente in “principati”, ognuno con proprie truppe che si combatteranno tra loro. Ciò distruggerà quel che resta dell’industria ed aumenterà il numero di rifugiati che inondano la Federazione russa e l’Unione europea, così come le vittime, a causa della densità della popolazione e del tempo necessario per disarmare tali bande. Sorgerà allora la domanda: come si fa a garantire che tale “Somalia” non esca dai confini? Sarà soprattutto problema della Russia, perché l’Europa non ha risorse militari.

C’è una via d’uscita da tale situazione? Come si può ripristinare l’ordine e rendere le città sicure, se possibile?
La guerra finirà prima o poi, probabilmente il più presto possibile, semplicemente perché la capacità economica dell’Ucraina non permetterà di continuarla a lungo, e i suoi vicini non sono interessati ad avere una “Somalia” infinita in Ucraina. Azioni nell’anno passato mostrano che non c’è la lotta della Russia per la Crimea o il Donbas; ma in tutta l’Ucraina. Ho molti dubbi se l’Ucraina, anche con un sostanziale sostegno estero, rimarrà uno Stato indipendente per i prossimi 5 o 10 anni. Dovrà essere ricostruita da zero. Sarebbe assurdo per la Russia creare uno stato di continua ostilità ai confini. Il problema non è se sia necessario integrare l’Ucraina nel territorio della Federazione Russa, ma come farlo dal punto di vista del diritto internazionale. Tutto ruota sul confronto tra Federazione russa e Stati Uniti perché se la Russia perde, sarà divisa. Ma dato che sono sicuro che gli Stati Uniti perderanno, o addirittura che hanno già perso, è solo questione di tempo e formalità; il quadro del diritto internazionale cambierà. E in questo nuovo quadro sarà deciso cosa dovrà essere fatto con i territori ucraini e il loro status giuridico. Chi li ricostruirà ne deciderà destino e governance, e sarà la Russia.

ukraine-map-regionsTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’Ucraina e i Rothschild

Valentin Katasonov Strategic Culture Foundation 17/03/201510974160Un gruppo di grandi investitori internazionali ha acquistato titoli del governo ucraino. La Franklin Templeton è una di essi. Il gruppo d’investimento derubava il debito internazionale ucraino per un valore nominale di quasi 5 miliardi di dollari, a fine agosto, quasi un quinto dei titoli di Stato del Paese in circolazione. La Franklin Templeton ha i tratti dell'”avvoltoio finanziario”. Fino ad oggi la somma versata per il 20% del debito nazionale dell’Ucraina rimane un segreto commerciale. Gli avvoltoi acquistano titoli quasi spazzatura, valutati con prezzi bassi esigendone poi il completo pagamento dall’emittente. L’Argentina è un buon esempio dell’attività distruttiva degli avvoltoi. Il Paese ha un accordo sulla ristrutturazione del 95-97% dei titolari di debito, ma il resto è nelle mani di avvoltoi finanziari che hanno rovinato tutto, esigendone il pagamento completo. Gli avvoltoi (due fondi di investimento statunitensi) hanno avviato un procedimento giudiziario per mandare in bancarotta l’Argentina. Il Paese può essere spietatamente saccheggiato nel caso accetti gli ultimatum degli avvoltoi e la sentenza del tribunale degli Stati Uniti. La storia è un avvertimento per l’Ucraina che ha venduto i suoi titoli alla Franklin Templeton. Secondo un articolo di Bloomberg, il fondo d’investimento agisce sotto la giurisdizione degli Stati Uniti ed è controllato dalla famiglia Rothschild, nota per la sua efferatezza. L’anno scorso ho scritto nel mio articolo sulla situazione finanziaria del regime di Kiev e le prospettive sul default dell’Ucraina che essa affronterà una bancarotta che “non arriverà mai”, secondo le assicurazioni del premier ucraino Arsenij Jatsenjuk. Alcuni potrebbero perdere miliardi, altri acquisire ricchezze inaudite. Come l’esperienza globale dimostra, il default raramente è estemporaneo. Normalmente viene previsto. A volte i preparativi possono durare alcuni anni. L’Ucraina non è un’eccezione, non adempiendo ai debiti. Il tempo sarà definito da sponsor e modeste organizzazioni beneficiarie come Franklin Thompson. Al momento della stesura dell’articolo non sapevo i loro nomi, ma ora sono venuti allo scoperto. E’ un segno che il dramma si avvicina all’epilogo.
franklin-templeton-investments_logo_2888 La famiglia Rothschild ha messo a punto un’iniziativa per creare un gruppo di titolari di obbligazioni ucraine per plasmare una politica comune sul regolamento dei debiti. Banque Rothschild&Cie, una banca francese appartenente al gruppo Rothschild, ha offerto i suoi servizi d’intermediazione nei colloqui del ministero delle Finanze ucraino con i creditori sulla ristrutturazione del debito. Ora i creditori attendono che Kiev presenti le proposte a metà marzo, secondo Giovanni Salvetti, co-responsabile per Russia e CSI presso la Rothschild Inc., che si occupa di Europa centrale ed orientale e della Comunità degli Stati Indipendenti. Salvetti ha detto che ci sono due opinioni fra i creditori sull’istituzione del comitato: chi vuole aspettare e vedere cosa il governo dirà e chi vuole impostare “alcune linee dure sulla possibile ristrutturazione, dicendo di aspettare le proposte ma è consapevole di non poter accettare X, Y, Z”. Le informazioni di Bloomberg non sono dettagliate ma permettono di trarre le seguenti conclusioni: in primo luogo il default dell’Ucraina è inevitabile e i titolari del credito ne sono consapevoli; secondo, il default sarà accompagnato da ristrutturazioni con dure condizioni sfavorevoli per l’Ucraina. Un dettaglio colpisce, la fuga sulla ristrutturazione del debito e il default è coincisa con l’annuncio del Fondo monetario internazionale che l’11 marzo ha firmato un prestito di 17,5 miliardi di US per l’Ucraina a corto di liquidità, per mantenerne a galla l’economia. Il prestito del FMI coprirà quattro anni nel quadro del programma di stabilizzazione. La coincidenza può essere interpretata in vari modi.
Primo. Non vi è alcun coordinamento tra Fondo monetario internazionale e gruppo Rothschild; si contendono il controllo dell’economia ucraina.
Secondo. Non è una decisione “genuina” del Fondo monetario internazionale, ma piuttosto un’azione di PR intrapresa per impedire l’ulteriore caduta degli investimenti e del credito dell’Ucraina.
Terzo. La decisione è “autentica”. L’Ucraina riceve il denaro ma non per qualche effimero “programma di stabilizzazione economica”. Lo scopo è garantire che la Franklin Templeton e altri predatori finanziari che agiscono sotto la maschera di rispettabili “fondi di investimento” ricevano il pieno rimborso dei titoli dell’Ucraina. Se è così, Rothschild e Fondo monetario internazionale coordinano efficacemente le loro attività.
GESTIONE-di-Rothschild-Cie-Gestion I titolari della sicurezza sono fiduciosi sull’inevitabilità dell’inadempienza dell’Ucraina. In questo caso il Paese sarà governato dal duumvirato tra governo degli Stati Uniti e oligarchia finanziaria mondiale sulla base dell’accordo per la ristrutturazione del debito firmato da Kiev con i Rothschild. Si può presumere che l’accordo confermi il consenso del governo dell’Ucraina sulla completa privatizzazione del Paese, tra cui il resto dell’industria statale, territorio e risorse naturali. Franklin Templton e altre strutture dei Rothschild vi guadagneranno. Andrej Fursov, sociologo, storico, scrittore e pubblicista russo (autore di diversi libri di storia moderna), ritiene che i Rothschild siano invisibilmente presenti in tutte le regioni dell’Ucraina, compresa la parte orientale del Paese e in settori dell’economia. La missione principale è controllare l’Oblast (provincia) di Dnepropetrovsk, al centro dell’Ucraina, dove la Rothschild Europe Bank e la controllata Royal Dutch Shell già operano. Può essere definito centro dell’intelligence legale dei Rothschild. Gli esperti ritengono che la rappresentanza illegale sia molto più efficace includendo molti individui ed aziende controllati dai Rothschild. In realtà l’attuazione del programma di ristrutturazione del debito sovrano dell’Ucraina si baserà sui dati ricevuti dalle stazioni di spionaggio legali e illegali dei Rothschild in Ucraina. Non è tutto così facile. I Rockefeller hanno un punto d’appoggio nella parte occidentale dell’Ucraina, dove perseguono i propri obiettivi. I due gruppi cercano di dividersi le sfere d’interesse ma non possono farlo senza litigare. Ad esempio, molti esperti ritengono che il magnate Dmitrij Firtash sia il principale rappresentante dei Rothschild in Ucraina. La sua rimozione dalla scena è attribuita ai Rockefeller che effettivamente utilizzano il potere amministrativo di Washington a Kiev. Il duumvirato emergente in Ucraina e l’imminente bancarotta rendono la situazione in Ucraina poco prevedibile.

Mark Moebius, responsabile della Franklin Templeton

Mark Mobius, responsabile della Franklin Templeton

Dmitrij Firtash

Dmitrij Firtash

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Quando l’esercito di Kiev non avrà più carri armati

Denis Selesnev Odnako 15 marzo 2015 – The Saker

0_9326e_748bc1bf_XXLL’operazione militare nel Donbas ha comportato per l’esercito ucraino enormi perdite di materiale, prima di tutto carri armati. È stato stimato che durante le ostilità del 2014 le forze ucraine (FAU) persero 200 carri armati distrutti o catturati dall’avversario. La ripresa delle ostilità attive porta naturalmente a nuove perdite. Dall’inizio del 2015 alla metà di febbraio 50 carri armati sono stati distrutti, almeno 40 catturati e numerosi danneggiati e rimossi per le riparazioni. Pertanto, in un mese di combattimenti Kiev ha perso più di 100 carri armati, o almeno 300 dall’inizio della campagna militare. Il fattore età va notato, la maggior parte dei carri armati dell’esercito ucraino fu prodotta circa 30 anni fa. Ciò aumenta ulteriormente il tasso di usura e malfunzionamenti.

Non potranno più contare su se stessi
Teoricamente, le FAU potrebbero ancora compensare le perdite, avendo l’esercito oltre 600 T-64 all’inizio delle ostilità (anche se non tutti operativi), e nei depositi ulteriori 600 T-64, 600 T-72 e 150 T-80. Tuttavia, vi sono seri problemi nell’introdurre tale materiale nell’esercito. In primo luogo, in estate almeno 300 T-72 nei depositi furono ritenuti inidonei alle riparazioni. In realtà, molte di tali unità sono solo carcasse dopo essere state smontate ai fini dei contratti per l’esportazione. In totale 800 carri armati di questo tipo furono venduti nel periodo dell’indipendenza, o rimanendo fonte di pezzi di ricambio. Anche se i T-64 non furono esportati (con l’eccezione di un paio di carri armati venduti nell’autunno del 2014), le condizioni di conservazione inadatte hanno portato alla rottamazione di molte unità o delle apparecchiature esterne. Il presidente e il ministro della Difesa dell’Ucraina presentarono solennemente degli armamenti modernizzati e ricondizionati alle unità militari. A giudicare dalle foto circa un centinaio di carri armati riparati e ristrutturati furono trasferiti. Almeno un terzo erano carri armati da esportare in Congo e Nigeria prodotti prima della guerra. E’ anche interessante notare che il trasferimento di 31 carri armati (un battaglione), rinnovati nell’impianto di riparazione di Lvov, portò a uno scandalo. Dopo la presentazione solenne da parte del presidente, il comandante del battaglione carri armati della 14.ma brigata corazzata si rifiutò di accettarli per le loro condizioni tecniche insoddisfacenti. Poco dopo furono tutti rispediti nell’impianto per riparazioni supplementari. È interessante notare che, secondo il direttore generale della fabbrica Malishev, presente a una di tali cerimonie di trasferimento, il suo impianto riuscì a riparare 20 carri armati danneggiati tipo Bulat, modifica ucraina del T-64, in tre mesi. Considerando che l’impianto di Lvov e la fabbrica Malishev sono le aziende del genere nelle migliori condizioni, l’intera industria ucraina non è certo in grado di fornire più di un battaglione di carri armati al mese. Ciò significa che dovrebbe lavorare per 3-4 mesi per compensare le perdite subite in un mese. Sulle forniture di materiale nuovo piuttosto che rinnovato, le prospettive sono ancora meno ottimistiche. L’unica fabbrica in Ucraina in grado di produrre nuovi carri armati è la fabbrica Malishev di Kharkov. Secondo il suo direttore generale Nikolaj Belov, il ciclo di produzione attuale di un carro armato è di 9 mesi. Non è chiaro quanti carri armati la fabbrica possa produrre contemporaneamente. Secondo la valutazione più ottimistica dell’Ukroboronprom (compagnia delle aziende militari statale ucraina), nel 2015 l’industria ucraina potrà produrre 40 nuovi carri armati. Tale numero non sembra così piccolo, in particolare tenendo conto del fatto che negli ultimi due anni la fabbrica ha prodotto solo 10 nuovi mezzi. Ma sarà ancora necessario trovare fornitori affidabili per sostituire alcune componenti russe; e se la produzione raggiungesse anche questi numeri, sarebbe modesta in confronto con le esigenze del fronte. All’inizio di febbraio, il governo approvava la finanziaria militare per il 2015. E anche se il documento è considerato top secret, diversi politici l’hanno già criticato, rivelandone parzialmente il contenuto. Dalle loro dichiarazioni, in particolare, è chiaro che l’enfasi principale è su produzione e riparazione di carri armati, e che fondi considerevoli saranno spesi per tale scopo. E’ importante ricordare, però, che desiderose di finanziamenti, molte imprese ucraine chiaramente sovrastimano di molto le loro capacità. Il problema sembra così grave che il capo del Consiglio Nazionale di Sicurezza e Difesa Turchinov ha suggerito punizioni per il mancato rispetto dei contratti della difesa. Secondo lui, i le mancanze contrattuali sono diffuse nel settore. Ciò sembra logico considerando che l’industria ucraina soffre un deficit non solo di capacità di produzione, ma anche di operai. La speranza di trovare diverse migliaia di operai qualificati con stipendio mensile di 80-100 dollari oggi appare una greve ironia. Tenendo presente tutto ciò, se i combattimenti riprenderanno le unità corazzate dell’esercito Kiev si ridurranno con tasso accelerato o richiederanno l’importazione di carri armati chiavi in mano. Se ciò non avvenisse, con due o tre battaglie tipo saliente di Debaltsevo, le FAU dovranno affrontare una grave carenza di unità corazzate.

0_93271_5b9e68d3_XXLL’estero aiuterà?
Ovviamente, per una soluzione rapida, le FAU dovranno importare solo carri armati di origine sovietica. Tenendo conto delle specifiche dell’esportazione sovietica e dell’attuale situazione internazionale, solo carri armati T-72 sono disponibili in Europa orientale in misura adeguata. In totale circa 800 carri armati di questo tipo sono presenti oggi negli eserciti di Repubblica Ceca, Bulgaria, Ungheria, Polonia, Slovacchia e alcune repubbliche dell’ex-Jugoslavia; 500 sono nell’esercito della Polonia. Altri 600 sono immagazzinati nei depositi in questi Paesi. Naturalmente, tali carri armati sono in diverse condizioni tecniche, tanto che persino i ministeri locali della Difesa, come in Ucraina, non possono fare valutazioni. Tuttavia le FAU teoricamente possono contare su diverse centinaia di carri armati di questi Paesi. Tuttavia, tali piani incontrano diverse difficoltà. In primo luogo, è importante notare che l’Ucraina ha un serio concorrente nell’acquisto di carri armati T-72 in Europa, l’Iraq. I militari di quel Paese subiscono gravi perdite di materiale nei combattimenti contro i gruppi islamisti. Su 150 carri armati Abrams forniti dagli Stati Uniti, le unità corazzate irachene ne hanno perso circa la metà, e perdono anche carri armati di origine sovietica a un ritmo simile. Già nel 2009 il Ministero della Difesa iracheno annunciava l’intenzione di acquistare 2000 T-72. In realtà, solo più tardi, l’Ungheria fornì 77 carri armati dai suoi depositi, che furono modernizzati in strutture statunitensi. Inoltre, la Bulgaria ha fornito blindati, non carri armati, ma mezzi universali MT-LB delle vecchie scorte. Con l’inizio delle ostilità in Iraq nell’estate 2014, sorse una nuova domanda per esportare armi dall’Europa. A luglio, i capi dell’UE riconobbero ufficialmente la necessità d’inviare armi all’Iraq. I primi Paesi che annunciarono l’invio di carri armati furono Ungheria e Repubblica Ceca. In estate, un gruppo assai pubblicizzato di 58 carri armati T-72 ungheresi, che avrebbe dovuto essere consegnato all’Ucraina, fu in realtà inviato nella Repubblica Ceca per una rimessa a nuovo. E oggi lo sforzo dei riparatori nella Repubblica Ceca si concentra sui contratti con Iraq e Nigeria. A gennaio, un aereo ucraino Mrija consegnò 16 carri armati all’esercito nigeriano. Diverse fonti multimediali l’interpretarono come l’inizio dell’armamento dell’Ucraina da parte dei Paesi dell’Europa orientale. È interessante notare che, secondo la dichiarazione della ditta ceca Excalibur impegnata nell’esportazione dei carri armati rigenerati, il contratto con l’Iraq per l’esportazione di oltre un centinaio di carri armati, occuperà a pieno per due anni la capacità produttiva dell’impresa. Così, l’Ucraina dovrà aspettare per avere carri armati dalla Repubblica Ceca. Il secondo fornitore di tali contratti, l’Ungheria, oggi ha solo alcune decine di tali mezzi, che richiedono interventi di riparazione e ricondizionamento, e che non aiuteranno Kiev in alcun modo.
La Polonia appare l’opzione più realistica come fornitrice. In epoca sovietica, il Paese produceva T-72 su licenza e possiede oggi il più esteso arsenale di carri armati dell’Europa orientale. Oltre a 530 T-72 impiegati dall’esercito polacco, 200-300 unità sono nei depositi. Finora non si sa nulla di piani per l’invio di armi pesanti dalla Polonia in Iraq, così ci si aspetterebbe che carri armati delle riserve polacche siano disponibili per le FAU. Tuttavia, esistono difficoltà oggettive. Innanzitutto, l’industria polacca stessa non è nella forma migliore. Dopo la firma nel 2003 del contratto con la Malesia per la fornitura di 48 carri armati RT-91 (versione migliorata del T-72 polacco), i polacchi cumularono 2 anni di ritardo nell’adempimento, causa problemi di produzione. Le cose difficilmente sono migliorate da allora. Così, il programma di modernizzazione di 40 carri armati per lo stesso esercito polacco, nel 2011-2013, si trascina da tre anni. Naturalmente, rinnovare e modernizzare i carri armati dopo l’immagazzinamento non è la stessa cosa. Tuttavia non si potrà contare sulla grande capacità dell’industria polacca che, inoltre, non potrà ripianare le perdite delle FAU. Non sarebbe neanche saggio ignorare la posizione ufficiale polacca. E’ stato detto più volte dal ministero della Difesa della repubblica che la Polonia armerebbe l’Ucraina solo su decisione collettiva di NATO e UE. I polacchi non hanno alcuna intenzione di farsi trascinare, da soli, nel conflitto con la Russia sull’Ucraina. Condizione non meno importante è il pagamento completo delle armi da parte ucraina, i vicini non intendono fare regali a Kiev. Le parole del ministro della Difesa Tomas Semonyak secondo cui la Polonia è pronta a vendere carri armati RT-1 all’Ucraina in qualsiasi momento appaiono sarcastiche. La verità è che tale mezzo dalla tecnologia stealth attualmente esiste solo come unico prototipo sperimentale, e la sua ipotetica produzione potrebbe iniziare non prima del 2018. Tuttavia, i media ucraini non hanno inteso tale sarcasmo e alla fine dello scorso anno diffusero trionfanti la notizia che la Polonia iniziava a fornire all’Ucraina carri armati invisibili. La Bulgaria potrebbe essere un’altra fonte di carri armati, visto che tale Paese avrebbe in deposito 150 carri armati. Tuttavia, la Bulgaria vede prospettive più interessanti nel mercato iracheno. Nel tentativo di avere contratti dall’Iraq, funzionari bulgari hanno anche apertamente detto di volere consegnare all’Iraq 18 obici D-20 dai depositi dell’esercito, così come diverse migliaia di armi leggere. Tutto ciò, senza dubbio, nella speranza di un contratto maggiore. Inoltre, la Bulgaria non ha un’industria adeguatamente sviluppata, e la condizione dei carri armati, anche nelle unità dell’esercito, è tutt’altro che ideale. La relazione parlamentare dell’autunno 2014 afferma che solo il 20% dei carri armati T-72 bulgari ha i necessari pezzi di ricambio, e l’80% delle batterie dei carri armati è esaurito ed estremamente inaffidabile. Pertanto i carri armati T-72 nei depositi dell’esercito bulgaro oggi non sono niente più che fonte di pezzi di ricambio per gli 80 carri armati di quel modello ancora attivi nell’esercito. Sulle strutture in grado di riparare i carri armati, dopo la fine del Patto di Varsavia il Paese ha perso gran parte del proprio complesso industriale-militare. Le fabbriche non hanno personale qualificato in numero sufficiente, né attrezzature in grado di produrre il numero adeguato di carri armati richiesto dal fronte ucraino. Ad esempio, nel 2013 e 2014 molte manifestazioni si svolsero nello stabilimento TEREM-Khan Krum, principale impianto di riparazione per carri armati del Paese, per richiedere i salari arretrati. L’impianto era sull’orlo della bancarotta da anni ed epicentro di scandali sulla corruzione. Le imprese rumene, tra l’altro, sono in una posizione simile. Questo Paese non ha T-72, e l’esercito è armato solo con gli obsoleti T-55, ma la Romania non può neanche provvedere alle riparazioni di carri provenienti da altri Paesi. Negli ultimi 25 anni, l’industria militare romena è stata costantemente “riformata” o, più precisamente, semplicemente disintegrata. Nel 2014, molte imprese erano sull’orlo del fallimento. Solo nel maggio 2014, il governo condonò all’industria militare 200 milioni di dollari di debito, iniziando a rianimare le strutture rimanenti. La Romania percepisce il conflitto in Ucraina quale minaccia alla propria sicurezza, tenendo conto in particolare la possibilità di scongelare il conflitto in Transnistria. Possedendo l’esercito più obsoleto dell’Europa orientale, i rumeni hanno oggi la necessità di modernizzarlo rapidamente. Naturalmente, i problemi ucraini gli appaiono secondari. Riguardo i Paesi dell’ex-Jugoslavia, la Serbia è l’unica con risorse ragionevoli, ma per ovvie ragioni, non aiuterà Kiev contro la Russia. La Slovacchia, che ha in deposito almeno un centinaio di T-72, nonché i resti dell’industria militare dei tempi sovietici, ha una posizione simile e ha parlato molte volte contro l’armamento dell’Ucraina.
Pertanto, si può osservare che vi è una mera possibilità teorica di avere carri armati dall’Europa orientale. L’opzione migliore per l’Ucraina sarebbe il trasferimento diretto di carri armati pronti alle unità dell’esercito. Se ignoriamo l’aspetto politico della situazione, tale azione sarebbe, ovviamente, inaccettabile per i militari dell’Europa orientale. Nonostante l’aumento della tensione in Europa, i bilanci militari nella maggior parte di tali Paesi non solo non aumenta, ma continua a calare, rimanendo nel migliore dei casi al livello dello scorso anno. Pertanto, l’Europa dell’Est semplicemente non può permettersi di cedere le armi dei propri eserciti. Anche se esistesse la possibilità teorica di sostituire i carri armati forniti all’Ucraina dagli alleati orientali con quelli forniti da Stati Uniti e Germania, non ce ne sarebbero abbastanza per soddisfare le richieste ucraine. I Paesi confinanti con l’Ucraina non sono contenti delle dimensioni delle proprie forze armate, e chiedono in rinforzo contingenti da Stati Uniti ed Europa occidentale. Parlando di possibilità più realistiche, cioè riparazione ed invio di armamenti nei depositi, potrebbe succedere a condizione di una volontà politica unitaria in Europa e della mobilitazione industriale dell’Europa orientale ed occidentale. Affinché l’invio di carri armati all’Ucraina abbia un peso significativo, dev’essere un affare per tutta l’Europa. Non è realistico inviarli in segreto dato il tempo necessario per preparare i mezzi e anche per l’origine straniera dei carri armati, che verrebbe immediatamente scoperta una volta comparsi sul fronte. Ciò, a sua volta, significa ulteriore aggravamento della crisi politica in Europa. Finora non vi è alcuna volontà unitaria in occidente nell’armare l’Ucraina. Il leader dell’Unione Europea, la Germania, è contraria ad inviare armi all’Ucraina. Almeno per ora. Paesi come Repubblica Ceca e Slovacchia, che teoricamente potrebbero diventare i centri per l’invio di carri armati all’Ucraina, sono assolutamente contrari. La Repubblica Ceca ha smesso di vendere all’Ucraina perfino le capsule per cartucce. La Polonia, pur mantenendo una posizione leale a Majdan, non ha né voglia né risorse per farsi coinvolgere nel conflitto da sola, ed esige inoltre il pieno pagamento delle sue armi. Inoltre, la Polonia, come nessun altra, specula sulle proprie armi, avendo venduto alla Malesia i piuttosto obsoleti PT-91 per 5,5 milioni di dollari al pezzo. Pertanto, si potrebbe concludere che in questo momento l’unica opzione più o meno realistica per Kiev sia creare una linea per rifornirsi di pezzi di ricambio e componenti per carri armati dai Paesi dell’Europa orientale. Tuttavia, tali forniture su larga scala appaiono improbabili, a meno che l’occidente decida collettivamente di rendere possibili tali invi, cosa che non sarebbe del tutto da escludere, e Kiev, molto probabilmente, farà uno sforzo deciso in tal senso. Kiev sarebbe più interessata ai motori che in questo momento sono la componente più problematica per i produttori di carri armati ucraini. Tuttavia, date tutte le indicazioni, l’Ucraina dovrà risolvere da sola il problema dei carri armati, almeno per i prossimi mesi. Ciò significa che se le ostilità riprendono la componente corazzata delle FAU sicuramente si ridurrà significativamente.

0_93272_89ecf922_XXLTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Novorossija: Manovre ed esercitazioni

Alessandro Lattanzio, 15/3/201511025953Il 1 marzo si svolgevano combattimenti a Avdotino, Krasnij Luch e Shirokino, dove le FAN distruggevano 1 BTR dei majdanisti. Scontri a Peski, Bakhmutka, Majorsk, presso Novotoshkovskoe e presso Stanitsa Luganskaja. I majdanisti bombardavano Spartak, Vesjoloe e Gorlovka. Nell’area dell’aeroporto di Donetsk venivano recuperati 373 cadaveri di soldati ucraini. Il 2 marzo i majdanisti bombardavano Donetsk, Logvinovo e Spartak. 3 aerei da trasporto An-26 ucraini atterravano a Kramatorsk, 1 proveniva da Dnepropetrovsk. Il 3 marzo si avevano scontri a Bakhmutka, Spartak e Shirokino. I majdanisti bombardavano Opitnoe, Peski, Berjozovo, Avdeevka e Vodjanoe. Il 4 marzo i majdanisti bombardavano l’aeroporto di Donetsk, Gorlovka, Spartak, Vesjoloe, Kalinovo, Shirokino e Oktjabrskaja. Scontri si registravano a Majorsk, Novotoshkovskoe e Sizoe. Il 5 marzo i majdanisti bombardavano Donetsk e Spartak. Si avevano scontri a nord di Gorlovka. Il 6 marzo, a Marjupol i majdanisti arrestavano oltre 100 persone. Scontri si svolgevano presso Donetsk, Shumij, Majorsk, Komsomolets e Gorlovka. Il 7 marzo i majdanisti bombardavano Peski, Spartak, Vesjoloe, Donetsk, Gorlovka e Shirokino. Un convoglio di 20 autocarri del Centro nazionale per la gestione delle crisi del Ministero delle Emergenze trasportava oltre 200 tonnellate di aiuti umanitari a Donetsk, tra cui cibo e medicinali per le famiglie dei 32 minatori morti e feriti nell’incidente nella miniera Zasjadko. L’8 marzo i majdanisti bombardavano Shirokino, Kominternovo, Spartak, Majorsk e l’area dell’aeroporto di Donetsk. Il 9 marzo i majdanisti bombardavano Stanitsa Luganskaja, Pervomajsk, Donetsk e l’area dell’aeroporto di Donetsk. Scontri si avevano a Peski, Opitnoe, Krasnogorovka, Vodjanoe, Avdeevka, Majorsk, Trojtskoe, Mikhajlovka, Zolotoe e Bakhmutka. Ad Artjomovsk i majdanisti, violando tutti gli accordi, concentravano oltre 200 blindati e 15 sistemi d’artiglieria. Il 10 marzo si avevano scontri presso Majorsk. 2 carri armati T-64 ucraini venivano distrutti tra Uglegorsk e Lozovaja, assieme a 1 semovente d’artiglieria ucraino. L’11 marzo i majdanisti bombardavano Donetsk, Zolotoe e Pervomajsk. Scontri si svolgevano a Shirokino e Shastie. Il 12 marzo i majdanisti bombardavano Vesoloe, Gorlovka, Spartak, Oktjabrskij, l’area dell’aeroporto di Donetsk, Vesjolaja Gora, Khoroshee, Bakhmutka, Zhelobok e Pervomajsk. Scontri a Shirokino, Krimskoe e Sokolniki. Il 13 marzo i majdanisti bombardavano Gorlovka, Jasinovataja, Vesjoloe, Spartak, Bolotnoe, Sizoe, Nikolaevka, Vesjolenkoe, Valujskoe e Pankovka. Scontri si avevano nella zona dell’aeroporto di Donetsk, a Kolesnikovka e Bakhmutka.
Il 5 marzo, 6 navi da guerra della NATO conducevano manovre nel Mar Nero: l’incrociatore lanciamissili statunitense Vicksburg, la fregata canadese Fredericton, la fregata turca Turgut Reis, la fregata italiana Aliseo, la fregata romena Regina Maria e la nave rifornimento tedesca Spessart, del Standing NATO Maritime Group 2 (SNMG2) comandato dal contrammiraglio statunitense Brad Williamson. “Seguiamo attentamente movimenti e operazioni delle navi della NATO, perché a prescindere dalla pretesa delle esercitazioni, le attività delle navi dell’Alleanza hanno per scopo studiare le difese della Crimea“, dichiarava un ufficiale della Flotta del Mar Nero russa. Il 9 marzo 120 mezzi tra cui carri armati M1A2 e blindati M2A3 della 3.za divisione di fanteria statunitense arrivavano in Lettonia, nell’ambito della missione Atlantic Resolve guidata dal generale dell’US Army John O’Conner e che vedeva la presenza di 750 mezzi e sistemi d’arma della 1.ma Brigata della 3.za Divisione di Fanteria e del 2.ndo Reggimento di Cavalleria dell’US Army in Estonia, Lettonia e Lituania. Il 10 marzo, in Norvegia si svolgevano le esercitazioni Joint Viking con 5000 militari e 400 automezzi nella regione di Finnmark, la più settentrionale della Norvegia confinante con la Russia. Secondo un ex-consulente del partito repubblicano degli USA, James Dzhetras, l’arrivo di materiale e soldati dell’esercito degli Stati Uniti nel Baltico era solo uno spettacolo politico che fomentava l’isteria di guerra, illustrando l’impotenza di Stati Uniti e NATO in Ucraina. Dzhetras riteneva che l’arrivo di truppe statunitensi nei Paesi baltici fosse solo una dimostrazione di forza di Washington, incapace di cambiare gli equilibri di potere nella regione. “E’ solo incitamento all’isteria di guerra e uno spettacolo per ricordare che gli americani sono pronti a difendere i Paesi baltici, secondo l’articolo 5 della Carta della NATO. L’ironia è che 3000 soldati americani non potranno difendere i Paesi baltici contro alcuna minaccia, se esistesse realmente. Il motivo delle esercitazioni militari della NATO così vicine al confine con la Russia è il desiderio di ricordarne l’influenza, che svanisce mentre le azioni di NATO e Washington dimostrano di non influenzare gli eventi in Ucraina. Vediamo sempre più che l’Europa comincia a prendere le distanze in politica estera dagli Stati Uniti e ciò confonde sempre più i signori della guerra negli USA, il cui controllo sulla sicurezza dell’Europa s’indebolisce. L’invio di truppe americane nei Paesi baltici è uno spettacolo politico più che militare“.
Mentre Washington inviava a Kiev 600 paracadutisti della 173.ma brigata 02_03_2015-новороссия-украина-colonel-cassad-мгновения-войны-22dell’US Army “per addestrare le forze ucraine a combattere nel conflitto in corso“, e prometteva l’invio di droni Raven, 230 Humvees, radio, radar anti-mortaio, e mentre il Regno Unito stanziava 1,3 milioni di dollari per inviare alle forze armate ucraine kit di pronto soccorso, visori notturni, computer portatili, elmetti e unità GPS, l’Ucraina non riusciva più ad importare carbone per il crollo della Grivna, secondo il primo viceministro dell’Energia e dell’Industria del carbone ucraino Jurizh Zjukov, “in questo momento non è possibile acquistare carbone. Con un rapporto di 30 grivna/USD, una tonnellata ci costerebbe 2400-2600 grivne, mentre il prezzo di mercato è intorno a 1500 grivne per tonnellata”. Zjukov aveva anche detto che l’Ucraina interrompeva l’importazione di energia elettrica russa, “Abbiamo meno domanda di elettricità, e credo che non appena si possa farne a meno, tale accordo sarà interrotto“. In effetti, dato il crollo della produzione industriale, l’Ucraina majdanista aveva meno bisogno di energia: le acciaierie ucraine nel gennaio-febbraio 2015 riducevano la produzione del 19% rispetto a gennaio-febbraio 2014. La produzione complessiva di ferro laminato scendeva del 30%, della ghisa del 31%, dei tubi del 36% e di coke del 42%. Infine, presso Shishkovo, le FAN catturavano diverse attrezzature statunitensi per cercare petrolio di scisto della compagnia Ukrgazdobicha. Comunque la Verkhovna Rada approvava la proposta di Poroshenko di aumentare le dimensioni delle FAU di 250 mila effettivi, “formando 2 comandi operativi, 11 brigate, 4 reggimenti, 18 battaglioni, 16 compagnie e 13 plotoni di varia specializzazione“. Le forze armate dell’Ucraina dovrebbero ricevere nel 2015 300000 armi leggere e 3500 altri tipi di armamenti, secondo la portavoce del ministero della Difesa di Kiev Victoria Kushnir. Kiev prevede di aumentare al 5,2% del PIL la spesa per la difesa nel 2015, cioè 600 milioni di dollari. Nel 2014 la spesa per la difesa fu pari all’1,25% del PIL. Infatti, la ministra delle Finanze ucraina, la cittadina statunitense Natalia Jaresko, piazzava ordini per acquistare armamenti presso aziende degli Stati Uniti, da finanziare tramite l’Extended Fund Facility (EFF) e i prestiti da UE, USA, Banca mondiale, Fondo monetario internazionale, Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e Banca europea per gli investimenti (BEI). I militari ucraini compreranno 500 tipi di armamenti da società come la statunitense Network Technologies Corporation che consegnerà visori termici. Jaresko ha stretti legami con gli Stati Uniti, fu CEO della società di investimenti finanziari Horizon Capital e del Private Equity Fund WNISEF, finanziato dagli Stati Uniti ed attivo in Ucraina e Moldavia. Prima di entrare nel settore bancario Jaresko aveva lavorato per il dipartimento di Stato degli Stati Uniti. E difatti, nel frattempo, il Tesoro degli USA sanzionava diversi cittadini ucraini, russi e novorossi, oltre all’Unione della Gioventù Eurasiatica e alla banca RNKB, la più importante in Crimea: Sergej Vadimovich Abisov; Sergej Gennadijovich Arbusov, ex-Primo Vicepremier dell’Ucraina; Nikolaj Janovich Azarov ex-Premier dell’Ucraina; Raisa Vasilevna Bogatirova; Aleksandr Gelevich Dugin; Ekaterina Gubarjova; Jurij Vladimirovich Ivakin; Pavel Kanishev; Aleksandr Karaman; Aleksandr Sergeevich Khodakovskij; Andrej Kovalenko; Oleg Grigorevich Kozjura, a capo dell’ufficio di Sebastopoli del Servizio federale di migrazione russo; Roman Ljagin; Sergej Anatoljovich Zdriljuk.
Mosca annunciava la fine “completa” delle attività nell’ambito del Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa (CFE), la cui adesione russa fu già interrotta nel 2007. “La Federazione russa ha preso la decisione d’interrompere la partecipazione alle riunioni del gruppo di consulenza dall’11 marzo 2015. Pertanto, la Russia pone fine alle attività nel Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa, annunciate nel 2007, in modo completo“, dichiarava il Ministero degli Esteri russo. Mosca aveva chiesto alla Bielorussia di rappresentarne gli interessi nel gruppo a partire dall’11 marzo. Il Trattato CFE fu firmato nel 1990 da NATO e Patto di Varsavia, imponendo il blocco quantitativo sugli armamenti convenzionali come carri armati, veicoli corazzati da combattimento, artiglierie, elicotteri d’assalto e aerei da combattimento. Ad esempio, in base al trattato, ogni controparte non dovrebbe avere più di 16500 carri armati o 27300 veicoli corazzati da combattimento attivi. Nel 1999 vi fu una versione “adattata” del trattato, tuttavia la NATO si rifiutò di ratificarla finché la Russia non avesse ritirato le sue truppe da Georgia e Transnistria. La Russia rispose che tale condizione era “artificiosa”. Nel dicembre 2007 Mosca impose una moratoria sul Trattato CFE, definendolo “irrilevante” da quando la NATO si espande in Europa orientale. Nel novembre 2014 Mosca sospendeva l’applicazione del Trattato CFE e due mesi dopo il Congresso USA condannava la Russia invitando il presidente Obama a rivedere il CFE. “Per molti anni la Federazione russa ha fatto tutto il possibile per mantenere il trattato, avviando i colloqui per aggiornarlo, ratificandolo“, dichiarava Mosca aggiungendo che tutti questi sforzi furono rigettati dalla NATO in favore della propria espansione ad Est.
Ai primi di marzo, più di 2500 artiglieri partecipavano a una grande esercitazione nell’Estremo Oriente della Russia, “nell’esercizio, verranno effettuati tiri contro obiettivi da semoventi di artiglieria Gvozdika, Akatsija e Gjatsint, da sistemi lanciarazzi multipli Grad, Uragan e Shturm, da sistemi missilistici anticarro Konkurs e da mortai Sani”. Inoltre, 40 velivoli russi compivano esercitazioni militari sul Mare di Barents, “Oltre 20 caccia intercettori MiG-31 e cacciabombardieri Su-24 del Distretto Militare Centrale partecipavano alle esercitazioni tattiche sul mare di Barents dal 26 febbraio al 5 marzo. I piloti si sono addestrati a distruggere missili e aerei ‘nemici‘” secondo una dichiarazione del servizio stampa del Distretto. Il 12 marzo si svolgeva un’esercitazione delle truppe della Difesa Aerea nel Distretto Militare orientale della Russia, nella Repubblica di Burjazja; “Unità radar sviluppano tecniche nelle grandi esercitazioni delle truppe della Difesa Aerea del distretto militare orientale, iniziate nella base di Telemba nella Repubblica di Burjazja” dichiarava il Colonnello Aleksandr Gordeev, che aggiunse che nel 2014 il Distretto militare orientale della Russia aveva ricevuto 100 stazioni per la guerra elettronica. Altre esercitazioni militari si svolgevano nel sud della Russia, presso Stavropol, con circa 20 cacciabombardieri tattici Su-25SM che compivano lanci di missili e razzi; delle navi d’assalto anfibio Peresvet e Admiral Nevelskij nel Mar del Giappone; e a Kaliningrad, con 500 militari e 100 mezzi dell’esercito russo.11041966Riferimenti:
America’s Done Wrongs
Cassad
Cassad
Fort Russ
Fort Russ
Fort Russ
Fort Russ
Nations Presse
Nations Presse
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
Russia Insider
RussiaToday
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Stop NATO
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Voice of Sevastopol
Zerohedge

10982279

Marzo2015

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 525 follower