Ucraina: cosa resta di Minsk?

Jacques Sapir, Russeurope 6 giugno 2015rtr4p7j3La situazione in Ucraina e nelle zone ribelli del Donbas si deteriora gradualmente. I combattimenti degli ultimi giorni, certamente limitati, sono stati i più violenti dal gennaio 2015. L’accordo “Minsk-2″ è in procinto di decadere e ciò è dovuto soprattutto al governo di Kiev. Era prevedibile. Dobbiamo quindi rivedere la situazione per cercare di capire come ci si é arrivati.

Le violazioni del cessate-il-fuoco
Il cessate-il-fuoco dichiarato dopo gli accordi di Minsk-2 non è mai stato pienamente rispettato. Gli osservatori dell’OSCE insistono che tali violazioni siano, il più delle volte, opera delle forze di Kiev. I bombardamenti da fine maggio sono gradualmente aumentati, provocando la “controffensiva” delle forze ribelli su Marinka. Ma, dopo aver preso il controllo della cittadina, dove osservatori guidavano il tiro dell’artiglieria delle forze di Kiev, le forze ribelli non sono andate oltre. Il discorso del 4 giugno del presidente Poroshenko a Kiev, al parlamento (Rada), dove ricordava le migliaia o decine di migliaia di soldati russi nel Donbas, va preso per ciò che è: propaganda [1]. Kiev ha ovviamente voluto giocare la carta della strategia della tensione per cercare di ricucire con i sostenitori internazionali che appaiono disintegrarsi. Il meno che si possa dire è che tale tentativo s’è invece rivolto contro gli autori. Tali violazioni del cessate il fuoco non indicano solo la possibile ripresa dei combattimenti. Sono significativi solo nel contesto della non applicazione dell’accordo di Minsk-2. Ricordiamo che l’accordo di Minsk-2 ha un’importante componente politica oltre che militare (cessate il fuoco, scambio di prigionieri). Tale componente politica riguarda la federazione dell’Ucraina nel rispetto dell’integrità territoriale del Paese, con notevole autonomia concessa a Lugansk e Donetsk. Fin dall’inizio, il governo di Kiev ha dimostrato forte riluttanza ad attuare la parte politica dell’accordo. Ma se non procede all’applicazione dell’aspetto politico, la questione militare necessariamente riemergerà. Ecco perché c’è l’impasse politica che rischia la ripresa di ampi scontri.

Il campo di battaglia
Qui dobbiamo dire che da entrambe le parti c’è chi chiede la ripresa delle ostilità. Riguardo Kiev, i vari gruppi di destra, anche apertamente fascisti, ovviamente spingono per la ripresa dei combattimenti. Oltre a sperare nelle vittorie sul campo, tali gruppi sanno che conteranno nello spazio politico di Kiev mantenendo clima di ostilità e conflitto. Se la tensione scendesse, tali gruppi appariranno per ciò che sono, bande pericolose di eccitati nostalgici del nazismo. Altri elementi versano benzina sul fuoco: certi oligarchi che formano la spina dorsale del regime di Kiev e cercano di prosperare sugli aiuti militari (soprattutto statunitensi). Anche loro interessati a nuovi combattimenti. Gli insorti, ci sono gruppi e individui che si rammaricano che le forze di RPD (Donetsk) e RPL (Lugansk) non abbiano sfruttato le avanzate del settembre 2014. Al momento l’esercito di Kiev era in disordine. Era possibile riprendere Marjupol, e anche arrivare a Kherson. Se le offensive di RPD e RPL si erano fermate, ciò è dovuto all’intervento russo. Il governo russo chiarì agli insorti che dovevano fermarsi. E qui vi è uno dei paradossi della crisi ucraina: Unione europea e Stati Uniti avrebbero dovuto prendere in considerazione l’atteggiamento della Russia. Non è accaduto, contribuendo non poco a convincere la leadership di Mosca della malafede degli interlocutori. Se i rapporti sono così difficili oggi tra questi Paesi e la Russia, è anche dovuto al loro atteggiamento verso la Russia, quando quest’ultima ha fatto di tutto per calmare la situazione militare. Le relazioni di Mosca con RPD e RPL sono complesse. Coloro che vogliono ignorare l’esistenza dell’autonomia di Donetsk (più che di Lugansk) commettono un grave errore. Naturalmente, i leader di RPD e RPL cercano di avere buoni rapporti con la Russia, ma i loro obiettivi non necessariamente coincidono.

La vita nello status quo
Senza l’attuazione della componente politica dell’accordo di Minsk, la vita tende a basarsi sull’indipendenza di fatto di Lugansk e Donetsk. Ed è chiaro che è una vita tutt’altro che facile. La popolazione delle zone sotto il controllo degli insorti è di circa 3 milioni di persone, di cui 1 milione fuggito in Russia. I continui combattimenti impediscono qualsiasi seria ricostruzione, tranne il ripristino della linea ferroviaria tra Lugansk e Donetsk. Uno dei motivi, del resto, dei combattimenti e delle continue violazioni del cessate il fuoco da parte delle forze ucraine è la chiara volontà dei dirigenti di Kiev di tenere la popolazione del Donbass in un clima di grave insicurezza e terrore. Il governo di Kiev ha sospeso il pagamento delle pensioni, in qualche modo riconoscendo di non considerare più Lugansk e Donetsk di sua competenza. Ricordate anche che il governo russo aveva sempre pagato le pensioni in Cecenia quando Dudaev proclamò la cosiddetta “indipendenza”. Non è detto che la leadership di Kiev misuri le implicazioni legali delle proprie azioni. Uno dei punti dell’accordo Minsk-2 è garantire il ripristino dei pagamenti. Inutile dire che Kiev continua ad opporvisi. La popolazione in gran parte dipende dagli aiuti russi. Una produzione minima di carbone continua nelle miniere e in alcun impianti, ed era venduta a Kiev fino a dicembre. Poi, dopo la distruzione da parte ucraina della linea ferroviaria per Kiev, queste vendite hanno smesso e sono state sostituite dalle vendite in Russia. Insistendo su questo punto si provoca il progressivo impoverimento della grivna nel Donbas e l’ascesa del Rublo Russo. Inoltre, data la maggiore resistenza del rublo rispetto alla grivna, è divenuto mezzo di risparmio massiccio e unità di conto nel Donbas. Ma la questione della moneta che circola è eminentemente politica. Le autorità di RPD e RPL hanno tre opzioni: mantenere la grivna (e riconoscere che RPD e RPL sono repubbliche autonome nell’ambito dell’Ucraina), passare al rublo, che parrebbe l’annessione alla Russia, o creare una propria moneta e rivendicare l’indipendenza. Quest’ultima soluzione non è impossibile. Gli Stati baltici, prima di adottare l’euro, ebbero proprie valute. Ma solleva problemi estremamente complessi da risolvere. Infatti, sulla questione della moneta si basa quella del futuro istituzionale del Donbas. Le autorità di RPD e RPL, per il momento, mantengono la grivna. Ma la scarsità di banconote e la disponibilità del rublo potrebbero costringere tra alcuni mesi a cambiare idea. Va poi visto cosa comporta. Se Donetsk e Lugansk avranno lo status di repubblica autonoma nell’Ucraina, andrà rivista la Costituzione, o se passassero all’indipendenza di fatto, sarà riconosciuta dalla comunità internazionale? La Russia per ora invece sostiene il primo passo, mentre i leader di RPD e RPL non nascondono la loro preferenza per il secondo.

La posizione occidentale
Di fronte a una situazione che degenera per mancanza di volontà nell’attuare una soluzione politica, non vi è stato nelle ultime settimane alcun cambio di posizione di Stati Uniti e Unione europea. Gli Stati Uniti, attraverso il segretario di Stato John Kerry, sottolineano la necessità di Kiev di applicare l’accordo Minsk-2 [2]. Chiaramente gli Stati Uniti non intendono sopportare il peso dell’Ucraina, la cui economia si disintegra e potrebbe nei giorni o settimane prossimi chiedere il default sul debito, come sembra annunciare il fallimento delle trattative con i creditori privati [3] .A-Dette-UkrL’Ucraina, che in questi mesi subisce un’inflazione galoppante e la cui produzione potrebbe scendere del 10% nel 2015, dopo un calo del 6% nel 2014, ha disperato bisogno di massicci aiuti. Ma gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di fornirli. Guardano all’Unione europea, anch’essa riluttante. Naturalmente, il segretario di Stato alla Difesa Ash Carter insiste su nuove sanzioni alla Russia [4]. Ma questo attesta l’inefficacia delle sanzioni precedenti, ora accertata. La posizione francese comincia a cambiare dagli ultimi mesi. Non solo il Quai d’Orsay comincia a riconoscere che la questione non può essere riassunta come scontro tra “democrazia” e “dittatura”, ma si sente da certe dichiarazioni molta stanchezza sulle posizioni del governo di Kiev che non applica gli accordi di Minsk. Si comincia a rimpiangere, ma probabilmente è troppo tardi, l’adesione alla logica diplomatica dominante nelle istituzioni dell’Unione europea, che danno un peso sproporzionato alle posizioni polacche e baltiche sul tema. Il vertice UE del 21-22 maggio a Riga, infatti, suona la fine delle speranze ucraine e di certi Paesi vocianti nell’UE [5]. Anche la Germania comincia ad evolvere sul tema. Dopo aver adottato una posizione istericamente anti-russa per mesi, sembra essere sorpresa dal cambio di posizione degli Stati Uniti. Chiaramente, vedono che se gli USA riescono a scaricare il peso dell’Ucraina sull’Unione europea, la Germania avrà più da perderci. E’ estremamente interessante leggere nel verbale della riunione di Riga che l’accordo di libero scambio globale o Deep and Comprehensive Free Trade Agreement (DCFTA) è ora soggetto all’applicazione di un accordo trilaterale. Essendo due delle parti evidenti (UE e Ucraina) non si può che pensare che la terza sia la Russia, e quindi si dovranno riconoscere gli interessi di quest’ultima nell’accordo che lega l’Ucraina alll’UE. In realtà, siamo tornati alla situazione invocata dai russi nel 2012 e 2013, ma dopo un anno di guerra civile in Ucraina. Così sembra che solo la Gran Bretagna continui ad avere un atteggiamento aggressivo nei confronti della Russia, mentre altre capitali sono piuttosto stanche da corruzione, incompetenza e cinismo politico che dominano a Kiev.

La Russia in posizione di arbitro
Gli ultimi eventi dimostrano che la Russia è in realtà in posizione di autorità sul problema ucraino. La posizione ufficiale del governo russo chiede la piena attuazione degli accordi di Minsk-2. Ma d’altra parte, si sa che il tempo è dalla sua parte e potrebbe essere tentata di lasciare deteriorare la situazione. Incapace di riforme, vivendo una drammatica crisi economica, Kiev è già gravata da problemi seri. La guerra degli oligarchi continua nell’ombra mostrando chiaramente che nell’alleanza di governo a Kiev vi sono importanti differenze. La nomina da parte del presidente Poroshenko dell’ex-presidente georgiano Mikhail Sakaachvili, responsabile della guerra in Ossezia del Sud nel 2008 e accusato di abuso di potere nel suo Paese, a governatore della regione di Odessa mostra che Kiev diffida nettamente dei grandi feudatari ucraini, che potrebbero cambiare fedeltà all’improvviso. Una recente indagine mostra che la popolarità di Poroshenko è molto diversa in occidente e Oriente. Gli eventi degli ultimi 18 mesi non hanno eliminato l’eterogeneità politica e della popolazione in Ucraina.A-Sondage-UkrLa realtà del Paese, una nazione divisa e fragile attraversata da gravi conflitti, può essere mascherata per un certo tempo con repressione e terrore, come avvenuto negli ultimi mesi. Ma tali pratiche non risolvono nulla e i problemi rimangono. Ancora più importante, anche il governo ucraino capisce il ruolo economico delle relazioni con la Russia fino al 2013. Senza un accordo con la Russia, l’Ucraina non può sperare di riprendersi. Anche il governo russo lo sa. La Russia sa che vincerà: sia con il governo di Kiev che gradualmente diventa sensibile ai suoi argomenti sia con la disintegrazione dell’Ucraina. Preferirebbe vincere a costi minimi, sicuramente, ma non lesinerà sul prezzo da pagare con tale vittoria. Ricordiamo questi versi della poesia Gli Sciti:
La Russia è una sfinge. Felice e triste allo stesso tempo,
E coperta del suo sangue nero,
Guarda, guarda te”.4062015Note
[1] Sul tema delle forze russe nel Donbas e della “minaccia” all’Ucraina, si veda l’audizione del Generale Christophe Gomart, direttore dei servizi segreti militari, alla commissione per la Difesa Nazionale e le Forze Armate, 25 marzo 2015
[2] J. Helmer Naked Capitalism 19/05/2015
[3] Karin Strohecker e Sujata Rao, “L’Ucraina e i suoi creditori lontani da un accordo sul debito“, Thomson-Reuters, 6 giugno 2015
[4] Challenges
[5] Cfr La risoluzione finale

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Chi è Joel Harding, il capo della propaganda della junta di Kiev?

Alessandro Lattanzio, 31/5/2015

nato_20io_20isafJoel Harding è un ex-ufficiale dell’intelligence militare statunitense che oggi dirige le Operazioni per Informare e Influenzare (IIO) del regime golpista ucraino. Si ricordi che le “Operazioni per Informare e Influenzare” non hanno per scopo creare opinioni o tracciare una politica, ma strappare all’opinione pubblica il sostegno agli obiettivi perseguiti dalle operazioni tramite tecniche di gestione della percezione rivolte al pubbliche manipolandone emozioni, motivazioni e ragionamenti.
Joel Harding (F-off@email.ru), prima di diventare il ‘re dei troll’ ucronazisti, fu per 26 anni Berretto Verde e contribuì a pianificare l’invasione di Haiti, Iraq e Afghanistan. Ha fatto parte dello Stato Maggiore per le operazioni speciali J2 dell’US Army. Era il collegamento del J2 per le Information Operations (le operazioni psicologiche e di disinformazione militari) con CIA, DIA, NSA, DISA e varie agenzie di Washington. Ha contribuito a sviluppare diverse metodologie spionistiche utilizzate da NSA, CIA e Pentagono poi svelate da Edward Snowden. Joel Harding, una volta andato in congedo, è divenuto direttore dell’(Old Crows) Information Operations Institute, dopo aver studiato programmi hacker informatici sponsorizzati dal governo ed esser stato analista presso la SAIC, impresa che sviluppa applicazioni informatiche per le agenzie militari e d’intelligence. Harding creò anche un comitato consultivo per le IO formato da 20 esperti di IO aziendali, governativi, militari e accademici inglesi e statunitensi, ed infine scrisse un libro bianco sulle IO utilizzato dal segretario della Difesa degli USA. Nel 2008 Harding e il suo istituto parteciparono all’elaborazione delle strategie per l’US Cyber Command, con una nuova definizione di Operazioni d’Informazione e delineando le nuove prospettive della guerra elettronica e cibernetica. Infatti, già nel 1997 Harding svolse un lavoro pionieristico nel software spionistico utilizzato da governo e aziende per sorvegliare le reti sociali, influenzarle e tracciarne gli utenti.
Il 28 febbraio 2014 Harding fu nominato direttore del Centro Informazione Strategica NSE, “che sviluppa programmi nel campo delle operazioni d’informazione, psicologiche, della diplomazia publica e dell’influenza strategica”, e subito il 1° marzo stipulava il primo contratto con la junta golpista di Kiev. Il 3 marzo, appena arrivato a Kiev, Harding fece una proposta ai golpisti majdanisti: “Ora un pensiero rimbalza nella testa, ed effettivamente ha senso ma le cui ripercussioni sono selvagge, inaudite, sanguinose da poter distruggere la nazione… Se si guarda al grafico dei gasdotti che attraversano l’Ucraina, si potrebbero chiudere le valvole in una di tali condotte, chiudendo una parte importante delle esportazioni della Russia e, di conseguenza, una fonte di denaro e potere che Putin deve comprendere veramente. Se fa questo passo, fa saltare in aria quelle condotte, anche se così si creasse un casino. Ciò si tradurrebbe nell’invasione russa. Fine della storia? No. Immaginate di provare a difendere migliaia di miglia di condotte. Gli insorti ucraini costringerebbero la Russia a dedicarvi decine di divisioni…” Al momento Victoria Nuland corteggiava Pravij Sektor offrendogli legittimità, denaro e sostegno. Lo stesso giorno Harding notava, “Improvvisamente ho 510 persone in Ucraina che seguono il mio blog. Vediamo, 510 diviso per quattro, moltiplicato per 100 fa il 12,750 per cento in un solo giorno. Cacchio mi chiedo perché!?” E infatti, il 16 marzo 2014 Dimitrij Jarosh, ducetto di Pravij Sektor, minacciava i gasdotti dell’Ucraina. Il consiglio di Harding minacciava una delle ultime fonti di reddito della junta di Kiev. Da quel momento Harding iniziava a fornire consigli su azioni militari, mediatiche, tattiche cibernetiche per le IO, manuali militari, psy-op e per una grande copertura mediatica internazionale, spingendo per la creazione del nuovo Ministero della politica dell’informazione, di una strategia nazionale dell’informazione, di un centro di propaganda unificato a Kiev e di un cyberesercito al servizio dei golpisti di Gladio ucraini.
Le fotografie possono essere ritoccate, come i video. I testimoni oculari sono sospetti. I reportage non sono affidabili. Anche se è la persona più affidabile al mondo a dire qualcosa, si può sempre bollarla come speculazione, faziosa o agente pagato dai russi… Che cosa faremo? Sradicare, rifiutare, corrompere, ingannare, usurpare o distruggere le informazioni. Le informazioni, non va dimenticato, sono l’obiettivo finale della cyberguerra per aver un impatto diretto sul processo decisionale dei leader avversari“. Così Harding ha sviluppato una strategia di contenimento informatico dei media russi, mentre barriere vengono erette per controllare l’informazione ucraina. In quest’ambito, a Kiev, grazie ad Harding e alla NATO, è stato creato il cyberesercito per le IIO ucraine da utilizzare a livello mondiale. “Ho discusso sul possibile uso delle informazioni nei social media come arma. Coloro con cui parlavo hanno uno strumento che rastrella i social media, ne calibra i sentimenti e fornisce all’utente la possibilità di generare automaticamente una risposta convincente. Tale strumento si chiama “Social Networking Influence Engine”… lo si può classificare come munizione? Pare di no, ma le implicazioni sembrano ampie per l’ambiente delle informazioni, oltre al dipartimento della Difesa. Le persone che possiedono questo strumento sono civili e lontani dall’industria della difesa, quindi avere l’approvazione del dipartimento di Stato potrebbe anche non essere necessario“, affermava Harding.
Uno sei social media utilizzati da Harding per le sue operazioni IIO è Wikipedia. Dal giugno 2014 c’è stato un forte aumento delle IIO su Wikipedia riguardo l’Ucraina. Gli operativi di Harding si occupano di continuo di redigere un dato argomento, modificando eventi e dati a favore della junta di Kiev e relativi sostenitori. Sugli eventi di Majdan, il massacro di Odessa e l’abbattimento del volo MH17, il pensiero di Harding si riassume in questa sua frase, “La guerra d’informazione per l’Ucraina ha assunto un nuovo aspetto. La Russia va abbattuta. Deve soffocare, sentire un dolore oltre ogni limite accettabile. Deve pagare. La Russia deve soffrire”.
Pic7 Harding dirige la propaganda filo-golpista ucraina presso i media occidentali, coordinandoli nell’ambito delle sue IIO; quindi ha pianificato e unificato la disinformazione e la propaganda del regime golpista ucraino e dei media occidentali sulla guerra contro la Novorossija, e come visto, manipolando od oscurando l’informazione su eventi come il massacro di Odessa o l’abbattimento del volo MH17, o spacciando di continuo la propaganda menzognera sull’“invasione russa” dell’Ucraina. Harding, che ha contribuito a creare il ministero dell’Informazione ucraino, dirige anche la campagna per denigrare ed eliminare giornalisti e attivisti critici verso la junta di Kiev, etichettandoli come “agenti russi”, indicando ai suoi adepti quale metodi usare al riguardo. Ad esempio, Harding si presentò come ufficiale russo, con tanto di email presso l’“Ambasciata russa” di Washington, all’attivista pacifista statunitense David Swanson per chiedergli di pubblicare articoli di “propaganda russa”. Swanson lo smascherò e lo denunciò. Harding, inoltre, ha delineato l’infoguerra ucraina ricorrendo alla repressione armata del giornalismo ucraino. E’ in quest’operazione che rientra il sito nazigolpista Peacekeeper, che indica gli oppositori e i giornalisti critici verso il regime nazi-atlantista da “neutralizzare” (tra cui lo scrittore Oles Buzin). Il sito Peacekeeper è ospitato sul server della NATO in Lettonia, nell’ambito del Strategic Communications Centre of Excellence (StratComCOE) della NATO a Riga, Lettonia. In sostanza, StratComCOE e Harding dirigono l’omicidio di giornalisti e politici ucraini a Kiev, oltre l’infoguerra e la disinformazione mediatica occidentale sull’Ucraina.
Il sociopatico e megalomane Joel Harding ha probabilmente reclutato anche degli italiani, fantocci degli ucronazisti come Mauro Voerzio, Fabio Prevdello, Massimiliano di Pasquale, il nazipiddino Matteo Cazzulani o la spia nazistoide travestita da reporter Cosimo Attanasio, il quale ha illustrato le tecniche esposte dal suddetto mentore della CIA dei golpisti di Kiev, denigrando le proteste per il massacro di Odessa come assalto di teppisti contro la polizia ucraina, o facendo credere che i civili russofoni assassinati dai nazisti e dai golpisti, in realtà fossero una messinscena di agenti russi che uccidevano civili per denigrare il nuovo governo ‘democratico’ di Kiev.

2nd_information_operations_btn_dui_n14103Riferimenti:
Fort Russ
Oped News
Prisonplanet

La guerra speciale che infuria in Novorossija

L’esito della guerra in Ucraina sarà deciso delle forze per operazioni speciali, non ucraine
Sergej Ishenko, Svpressa.ru, 29 maggio 2015 – Fort Russ

C1igSyUNZSwWiki: Operazioni speciali (S.O.) sono operazioni militari considerate “speciali” (cioè, non convenzionali) solitamente effettuate da unità dedicate. Le operazioni speciali vengono eseguite in modo indipendente o combinato con operazioni militari convenzionali. L’obiettivo primario è realizzare un obiettivo politico o militare, laddove non esistono forze convenzionalo che possano influenzare negativamente il risultato strategico generale. Le operazioni speciali sono solitamente condotte occultamente sfruttando vantaggi come velocità, sorpresa e violenza dell’azione contro un bersaglio ignaro. Le operazioni speciali in genere sono effettuate con un numero limitato di effettivi altamente qualificati capaci di operare in tutti gli ambienti, grazie a fiducia in se stessi, facile adattamento nel superare gli ostacoli e uso di abilità ed equipaggiamenti nei combattimenti non convenzionali per raggiungere gli obiettivi. Le operazioni speciali sono solitamente implementate con intelligence specifica. Nel 2003-2012 si è vista la strategia della sicurezza nazionale degli Stati Uniti basarsi sulle operazioni speciali a livelli inauditi. Identificare, cacciare ed uccidere i terroristi è diventato il compito centrale nella Guerra globale al terrorismo (GWOT). Linda Robinson, assistente per la sicurezza nazionale e la politica estera presso il Consiglio per le relazioni estere degli Stati Uniti, ha sostenuto che la struttura organizzativa sia divenuta più orizzontale e la cooperazione con la Comunità dell’intelligence più forte, consentendo alle operazioni speciali di passare alla “velocità di guerra”. Gli stanziamenti per le operazioni speciali sono costosi: il bilancio è passato da 2,3 miliardi nel 2001 a 10,5 miliardi di dollari nel 2012. Alcuni esperti sostengono che l’investimento è stato utile, indicando il raid nel maggio 2011 che uccise Usama bin Ladin ad Abbottabad, Pakistan. Altri sostengono che l’enfasi sulle operazioni speciali crea l’equivoco che sostituisca il conflitto prolungato. “Incursioni e attacchi dei droni sono tattiche raramente decisive e spesso comportano notevoli costi politici e diplomatici per gli Stati Uniti. Anche se incursioni e attacchi dei droni sono necessari per distruggere minacce terribili e imminenti… i capi delle operazioni speciali ammettono che non dovrebbero essere il pilastro centrale della strategia militare degli Stati Uniti“. Invece, i comandanti delle operazioni speciali dichiarano che la grande strategia dovrebbe includere l'”approccio indiretto”, cioè collaborare con partner non-USA negli obiettivi per la sicurezza. “Le forze per operazioni speciali forgiano relazioni decennali con vari gruppi tramite addestramento, consulenza, informazioni ed operazioni al fianco di forze armate, polizia, tribù, milizie o altri gruppi di altri Paesi“. (Come nel caso di Settore destro e dei nazibattaglioni, le cui risorse sono invidiate dai militari, alla luce delle recenti rivelazioni secondo cui Kolomojskij è semplicemente una facciata per i finanziamenti degli Stati Uniti? – KR)TKpN3ydTOzwI recenti avvenimenti nel Donbass meritano uno sguardo più attento. La cronaca inquietante è questa:
1. Il 22 maggio, alle ore 13:00, dal quartiere Kambrod di Lugansk la polizia riceveva una telefonata da residenti locali su un gruppo di sospetti elementi armati e in tuta mimetica che si definivano della milizia. Poiché gli sconosciuti chiedevano la posizione delle basi militari, i cittadini s’insospettirono. A Kambrod fu inviata una squadra di risposta rapida del Ministero degli Interni della RPL contro cui ebbero uno scontro a fuoco. Nei combattimenti alcuni degli stranieri furono uccisi e uno arrestato. Costui aveva una mimetica occidentale, una maschera e un elenco di numeri di telefono non identificati. Lugansk controlla i passaporti per identificare coloro che risiedono illegalmente nella città.
2. Il 23 maggio alle 17:40 sul territorio di Donetsk, tra i checkpoint “Gorlovka” (controllato dalla milizia della RPD) e “Majorsk” (delle forze armate ucraine) un’auto del Centro congiunto di controllo e coordinamento (SCCC) fu oggetto del tiro di armi automatiche. Nell’auto vi era il capo dell’ufficio russo presso il SCCC, Colonnello-Generale Aleksandr Lentsov e altri ufficiali che rientravano da Shirokino, dove vi sono continui scontri e bombardamenti. L’attacco all’auto di Lentsov era fallito.
3. Lo stesso giorno alle 18:50, vicino al villaggio Mikhajlovka, un convoglio di tre auto finiva su una mina antiuomo (secondo altre fonti era una mina MON-50) e sotto il tiro di armi automatiche. A bordo vi era il popolare comandante del Battaglione ‘Prizrak‘ dell’esercito della RPL Aleksej Mozgovoj, che venne ucciso insieme ad altre quattro persone.
Tralasciando le aspre dispute scoppiate immediatamente su chi abbia effettivamente ucciso Mozgovoj, se (come argomentato da Kiev), “partigiani ucraini” del gruppo “Ombre” (come insiste il suo capo Aleksandr Gladkij) o qualche assai professionale gruppo sovversivo appositamente inviato nella RPL per eliminare Mozgovoj. Qualcos’altro è più importante. Gli eventi degli ultimi giorni, a mio parere, dimostrano che una guerra sovversiva va acutamente intensificandosi in Novorossija. Da chi, è una questione a parte. Se ne parla qui di seguito. Per ora facciamo un’altra ipotesi. Tutti gli analisti militari di entrambi i lati del fronte ci fornivano previsioni: quando la neve si scioglierà la guerra per il Donbas s’infiammerà con forza rinnovata. E quindi? La neve è scomparsa da tempo e la terra s’è prosciugata da un mese, ma nessuno è all’offensiva, le parti si limitano solo a tiri con armi di tutti i calibri. Il problema è che la natura della guerra civile in Ucraina è cambiata drammaticamente. Vladimir Putin ha già chiaramente affermato che non permetterà a nessuno di distruggere le repubbliche popolari del Donbas. Petro Poroshenko non solo non può fermare i militari, ma neanche ammorbidire la retorica aggressiva a Kiev. In questo caso, il presidente semplicemente soffocherebbe nel fumo dei pneumatici che bruciano. Così per tutto autunno e inverno entrambi i lati hanno scavato trincee e bunker, costruito campi minati, rifornito, addestrato ed equipaggiato le unità da combattimento. Questo lavoro gigantesco ha prodotto un risultato. Al fronte c’è una sorta di parità militare quando ogni tentativo di avanzare causa alte perdite e non garantisce alcun risultato ragionevole. Quale sarebbe l’obiettivo di un’offensiva oggi, per la milizia e per i militari ucraini? La milizia ha deciso di non attaccare Kiev l’anno scorso, non prese Mariupol anche se era a due passi. A sua volta, l’esercito e i nazibattaglioni ucraini combatterono inutilmente e in modo incompetente per il minuscolo (anche per la scala di questa guerra) aeroporto di Donetsk. Come poteva tale esercito provare a prendere seriamente il controllo di una metropoli di 1 milione di persone? Sì, nelle strade dell’ostile Donetsk i 60mila militari della cosiddetta operazione ATO di Kiev sarebbero stati dissolti e sconfitti dai cittadini arrabbiati. E ci sono ancora Lugansk, Gorlovka, ecc. Come i militari ucraini possono imporre così tanti presidi?
Quindi c’è il cosiddetto conflitto congelato nel Donbas, come in Transnistria? Se non c’era nessuno dietro il regime di Poroshenko, sarebbe probabilmente successo. Ma lontano dai confini dell’Ucraina vi sono molte forze che vogliono la guerra infinita da queste parti. Togliamo i politici e prendiamo i militari, più schietti e “militarmente” diretti. Ad esempio, il tenente-generale statunitense John Mulholland, dal gennaio 2015 vicedirettore della CIA per gli affari militari. In un recente incontro con dei politici a Washington, ha dichiarato che “tutto va fatto per trascinare la Russia in una guerra con l’Ucraina”. Come il generale Mulholland agisce in questo affare difficile e rischioso? Oh, ne ha la competenza. In passato l’attuale vicedirettore della CIA era vicecomandante delle operazioni speciali delle forze delle forze armate degli Stati Uniti. Cioè Mulholland per quattro anni supervisionava spie e sabotatori professionisti. Stranamente, dopo l’assunzione nella CIA, le forze per operazioni speciali oggi sopportano il peso dei combattimenti nel Donbas. Se è così, non si tratta certamente di forze speciali ucraine ma di gruppi sovversivi nel Donbas che di ucraino hanno solo la facciata, dato che Kiev ha appena iniziato a creare proprie unità speciali di questo tipo (“SP” ne ha scritto in dettaglio ad aprile).
Tuttavia, lo Stato Maggiore ucraino per diversi mesi aveva un direttorato per le operazioni speciali, il cui comandante è il colonnello Sergej Krivonos. Ma è solo all’inizio. Ad aprile Krivonos aveva detto: “Abbiamo una scadenza, così dobbiamo iniziare a creare le forze per operazioni speciali al più presto, non parlare ma agire concretamente“. Che chi combatte al posto di Krivonos, che ha una scadenza? Guardiamo i vecchi dossier. Ad esempio, un rapporto del luglio del 2014, quando in estrema segretezza 180 commando-istruttori giunsero a Kiev dalla base per operazioni speciali degli USA di Fort Benning (GA). Tutti parlavano russo fluentemente e furono subito trasferiti a Marjupol, dove iniziavano l’addestramento degli ucraini. Organizzano corsi speciali solo teorici? O con pratica sul campo? E se sì, gli ospiti dagli Stati Uniti vi partecipano?
In secondo luogo. Vi sono molte informazioni sulle forze georgiane, istruite a Fort Benning ed efferate nel Donbas. Ad esempio, si vedano i fatti del 16 maggio, quando vicino Shastje furono feriti e catturati due combattenti ex o attuali operativi delle operazioni speciali russe della 3.za Brigata del GRU dello Stato Maggiore Generale delle Forze armate russe: il capitano Evgenij Erofeev e il sergente Aleksandr Aleksandrov. In Ucraina infuria il dibattito: li hanno presi i nostri militari? Chi dovrebbe ricevere la medaglia? La 92.ma brigata meccanizzata delle forze armate o il 24.mo nazibattaglione Ajdar? O il controspionaggio militare del SBU? Tuttavia, ecco un commento del vicecomandante del Ministero della Difesa della RPD Eduard Basurin: “C’è una ragione per la confusione a Kiev su chi esattamente abbia sequestrato i combattenti: i soldati della 92.ma brigata delle forze armate ucraine o gli aguzzini di Ajdar o SBU. Secondo informazioni dalla nostra intelligence, quel giorno nella zona c’era un gruppo sovversivo di spetsnaz georgiani“. Basurin ha detto che la base degli spetsnaz georgiani opera sotto la copertura di centro di addestramento della guardia nazionale ucraina nel distretto di Severodonetsk, la cui esistenza era nota solo al SBU. Né la 92.ma brigata, né “Ajdar” lo sapevano che, avendo partecipato alla guerra, credono che quando gridano a Kiev “Gloria agli eroi!” si pensi a loro, e solo a loro. Si noti che rapporti sulla partecipazione di commando georgiani avevano già violato la segretezza militare. Fu riportato dalla stampa che Alexander Grigolashvili, morto nel Donbas il 18 dicembre 2014, operava nelle forze speciali del ministero della Difesa della Georgia. Anche prima, nella battaglia per l’aeroporto di Donetsk, fu ucciso l’ex o attuale commando georgiano Tamaz Sukhiashvili. (È interessante notare che il famoso comandante novorusso Givi è un georgiano cresciuto nel Donbas, dato che molti nell’Unione Sovietica viaggiavano liberamente stabilendosi fuori dalle loro repubbliche di origine, KR).
Vi sono ulteriori prove della partecipazione nei combattimenti nel sud-est dell’Ucraina di forze speciali polacche. Così, l’8 dicembre 2014, la radio intelligence della milizia intercettava conversazioni del nemico in polacco e dopo poche ore, la notte del 9 dicembre, a 11 chilometri da Nikishino, vi fu uno scontro con un gruppo sovversivo di otto persone, tutte eliminate. Una volta esaminate fu scoperta una fascia del reggimento delle forze speciali “Jednostka Wojskowa Komandosów” delle forze armate della Polonia. Il 26 giugno 2014, vicino Saur-Mogila, fu ucciso un cecchino polacco armato con un avanzato fucile di grosso calibro statunitense. Tali armi sono utilizzate solo dagli spetsnaz. Prima, il 16 giugno 2014, sul luogo dello schianto dell’aereo da trasporto militare Il-76 ucraino abbattuto dalla milizia, furono trovati molti documenti carbonizzati in polacco. Se fossero spetsnaz o mercenari stranieri è impossibile concluderlo. Tuttavia, è possibile. Secondo l’intelligence della milizia vi sono diciannove gruppi sovversivi operanti con il nemico e formati da commandos stranieri. È ovvio che nei prossimi mesi non permetteranno che la guerra per il Donbas finisca, non importa ciò che dicono i politici.10385485Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA addestrano la guardia ucraina

Dean Henderson 24/04/2015

Sergej Shkil e Julija Timoshenko

Andrej Shkil e Julija Timoshenko

In chiara violazione dell’accordo di Minsk, le truppe statunitensi hanno iniziato l’addestramento della Guardia Nazionale ucraina nella nazione in guerra. Interfax cita il portavoce del Ministero della Difesa russo Maggiore-Generale Igor Konashenkov dire che le truppe statunitensi addestrano le forze ucraine non solo in Ucraina occidentale, “ma direttamente nella zona dei combattimenti di Marjupol, Severodonetsk, Artjomovsk e Volnovakha“. Il Pentagono ha negato qualsiasi attività ad est, ma ha riconosciuto che circa 300 membri della 173.rd Airborne Brigade degli Stati Uniti di Vicenza, Italia, sono stati inviati presso il Peacekeeping International & Security Center di Javorov, vicino il confine polacco, per addestrare le forze della Guardia nazionale di Kiev. I combattimenti sono aumentati nelle ultime settimane in Ucraina orientale, nonostante l’accordo di pace firmato a febbraio a Minsk. La portavoce del dipartimento di Stato Marie Harf accusava la Russia di disporre difese aeree e truppe vicino alla linea del cessate il fuoco. Più di 6000 persone sono morte in Ucraina orientale dall’avvio dei combattimenti dopo il colpo di Stato filo-occidentale contro il presidente democraticamente eletto Victor Janukovich. L’Ucraina ha dichiarato l’indipendenza dall’ex-Unione Sovietica nel 1991. Nel 2004-2005 le ONG occidentali operarono con finanziamenti di CIA/Mossad/MI6 inscenando la falsa rivoluzione arancione. Victor Jushenko divenne primo ministro, ma fu avvelenato durante la campagna. I media occidentali incolparono i russi, ma probabilmente era un operazione del Mossad per sostituirlo con la più banksterofila miliardaria di destra Julija Timoshenko. Timoshenko co-condusse la rivoluzione arancione ed è una delle persone più ricche dell’Ucraina. Nel 2005 Forbes la nominò terza donna più potente del mondo. Nel 2007 si recò negli Stati Uniti per incontrare il vicepresidente Dick Cheney e la consigliera della sicurezza nazionale Condaleeza Rice per parlare di energia. Timoshenko divenne ricca essendo dirigente di una società gasifera. L’Ucraina fu inserita nella distorta Policy Task Force Energy di Cheney, che aprì il pianeta alla selvaggia esplorazione di petrolio e gas, tra cui il fracking. Timoshenko privatizzò oltre 300 industrie di Stato durante il suo dominio, ma il popolo ucraino sentì puzza di ratto. Nel 2010 votò Primo Ministro Viktor Janukovich con il 48% dei voti. Il suo Partito delle Regioni sconfisse ancora il partito Patria di Timoshenko nelle elezioni parlamentari del 2012. Timoshenko fu condannata per appropriazione indebita di fondi statali e abuso di potere, a sette anni e a una multa di 188 milioni di dollari. I reati avvennero nel settore del gas. Timoshenko fu rilasciata dal carcere nell’ambito di un accordo ordito durante un incontro segreto tra Janukovich, e funzionari UE, NATO e russi svelato da William Engdahl in un articolo per Veterans Today. Subito dopo il rilascio si scatenò l’inferno.

Gli amici fascisti del Mossad
shkil_una_unso_shrine Il 22 febbraio cecchini spararono dai tetti sulla piazza di Kiev. Engdahl spiega che tali cecchini erano membri di una cellula terroristica fascista chiamata Assemblea Nazionale ucraina – Autodifesa popolare ucraina (UNA-UNSO) guidato da Andrej Shkil: il gruppo ha legami con il neo-nazista Partito Nazionaldemocratico tedesco. Secondo fonti d’intelligence di Engdahl, UNA-UNSO è parte di una cellula segreta della NATO, Gladio, ed è coinvolta nei conflitti che vanno dalla Georgia al Kosovo e alla Cecenia, nell’ambito della strategia della tensione contro la Russia. Shkil aveva anche legami diretti con Timoshenko, con il neopremier Aleksandr Turchnov, predicatore battista ed ex-consigliere di Timoshenko, che andò al potere dopo che Janukovich era fuggito in Russia per le minacce alla vita. Nel 2006 i pubblici ministeri aprirono un procedimento contro Turchinov, accusato di distruggere i documenti che mostravano i legami di Timoshenko con il capo della criminalità organizzata Semjon Mogiljovich. Con Turchinov primo ministro, l’Ucraina è dominata dai mafiosi fascisti noti collettivamente come settore destro. Non sorprende quindi, quanto Press TV riferì su Haaretz e Times of Israel vantarsi apertamente di come un gruppo di “ex” soldati israeliani, conosciuti come caschi blu di Majdan, avessero posto i “manifestanti” di Kiev sotto la guida di un uomo dal nome in codice Delta. Secondo Paul Craig Roberts, tali “manifestanti” erano pagati dall’UE e dagli Stati Uniti. Il colpo di Stato del Mossad portò al potere Settore Destro, emarginando le voci più moderate finanziate e sostenute dagli Stati Uniti, come rivelato sul video di YouTube dall’ormai famigerata assistente del segretario di Stato Victoria Nuland, mentre discute con l’ambasciatore statunitense in Ucraina Geoffrey Pyatt (entrambe agenti israeliani nel dipartimento di Stato), su chi insediare come primo ministro ucraino, una volta sbarazzato Janukovich.

Rubare risorse
Come al solito questo putsch dei bankster di Rothschild rigaurda le risorse. L’Ucraina si trova in una posizione geografica altamente strategica, costeggiando Mar Nero e Mare d’Azov. L’Ucraina è il granaio dell’emisfero orientale. Nel 2011 fu il 3.zo maggiore esportatore mondiale di grano. È tra i primi 10 Paesi al mondo per terreni agricoli. L’Ucraina aveva il 2.ndo maggiore l’esercito dell’Europa dopo la Russia e, la NATO, strumento dei Rothschild, non vorrebbe altro che cacciare la Flotta del Mar Nero russa da Sebastopoli, simbolo della potenza navale russa dal 18.mo secolo. L’Ucraina ha vasti giacimenti di gas naturale, una base industriale avanzata ed è crocevia altamente strategico degli oleogasdotti che collegano i giacimenti dei Quattro Cavalieri del Mar Caspio ai consumatori europei. Nel 2009 una disputa tra Putin e Timoshenko sulle forniture di gas trans-ucraine della Russia causò un enorme aumento dei prezzi del gas in Europa. Nell’ottobre 2013, il Fondo monetario internazionale incontrò funzionari ucraini per discutere della presunta “crisi del bilancio” del Paese. Il braccio armato dei bankster chiese che l’Ucraina raddoppiasse i prezzi al consumo di gas naturale ed energia elettrica, svalutasse la moneta, tagliasse i finanziamenti statali a scuole e anziani, e togliesse il divieto di vendita dei suoi ricchi terreni agricoli agli stranieri. In cambio all’Ucraina fu promessa la miseria di 4 miliardi di dollari. Janukovich disse al Fondo monetario internazionale di sparire e la Russia si presentò subito promettendo energia più economica e dichiarando che avrebbe acquistato 15 miliardi di obbligazioni ucraine. Janukovich era ormai sulla lista dei nemici dei bankster, e il resto è storia.

00-ukraine-map-04-11-06-141Dean Henderson è autore di cinque libri: Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries, Das Kartell der Federal Reserve, Stickin’ it to the Matrix & The Federal Reserve Cartel. Potete iscrivervi gratis al settimanale Left Hook.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le forze di sicurezza ucraine ricevono istruttori della NATO

Cassad, 23 aprile 2015z_fea800Il governo della Repubblica Popolate di Donetsk indica l’aumento degli istruttori militari stranieri nei territori controllati dall’Ucraina. Ora c’è un enorme numero di istruttori provenienti da diversi Paesi. Ad esempio, 200 provengono dal Canada e ci sono inglesi ed altri. Ora, solo legalmente, sul territorio ucraino ci sono circa 1500 istruttori militari, che non combattono ma insegnano agli altri a farlo, senza contare istruttori illegali, mercenari e agenti speciali, ha detto al corrispondente di “RG” il Presidente del Consiglio nazionale della RPD Andrej Purgin, secondo cui specialisti stranieri addestrano i membri dei gruppi sovversivi e battaglioni territoriali dalle “mani sporche di sangue“. “Ci sono anche mercenari che combattono direttamente dalla parte delle forze ucraine. Per lo più provengono dalla Georgia e si uniscono ai battaglioni territoriali che, tra l’altro, sono del tutto illegali secondo la legislazione ucraina. Chi li paga non lo so. La maggior parte dei battaglioni territoriali riceve poco, vivendo “allo stato brado” e saccheggiando””, dice Andrej Purgin. Ci ricorda, come già è stato riferito, che a Volnovakha, nella parte ucraina, erano giunti 70 mercenari della statunitense “Academi” (Blackwater). “Secondo i dati disponibili, nel territorio controllato dagli ucraini, a Volnovakha, è stata svelata la presenza di 70 membri della compagnia militare privata “Academi o Blackwater, come era nota la formazione“, ha detto il rappresentante del Ministero della Difesa della RPD Eduard Basurin, che ha anche spiegato che i mercenari di questa compagnia seguono gli ordini del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, nelle zone calde, e contrabbandano armi.

PS. A poco a poco la naturale crescita della presenza militare straniera, vista la situazione, diventa sempre più evidente assomigliando a scenari come la guerra di Corea. Come nel caso dell’appoggio russo a RPD e RPL, il sostegno dei “px” statunitensi ad alleati e satelliti ha due livelli, legale e illegale.
Sul piano legale, si osserva:
1. Istruttori di ufficiali e militari che rientrano nella leggenda su “esercitazioni” e “addestramento”.
2. Informazioni inviate dalla costellazione di satelliti statunitensi “presumibilmente per aiutare”.
3. Fornitura di equipaggiamenti (giubbotti antiproiettile, caschi, ecc.).
4. Forniture speciali (termocamere, dispositivi di visione notturna, puntatori)
5. Forniture di mezzi speciali (radar controtiro, attrezzature da guerra elettronica, blindati)
6. Attenzione su unità meccanizzate dell’esercito statunitense e dell’Europa orientale.

Sul piano illegale, si osserva:
1. Attive compagnie militari private (Academi, ASBA Otago, Greystone, Green Group)
2. Armi contrabbandate dall’Europa orientale e occidentale.
3. Contrabbando di blindati dall’Europa dell’Est.
4. Diffusione di infrastrutture delle intelligence negli enti ex-ucraini o con pretese organizzazioni internazionali come l’OSCE.
5. Lavoro di istruttori e consiglieri militari, la cui presenza in Ucraina non è ufficiale o è coperta.

screen-shot-2014-05-14-at-12-16-13-pmInoltre, sebbene non ci sia nessuna chiara prova di:
1. Artiglieria fornita dall’Europa orientale.
2. Blindati fronti dai Paesi dell’Europa occidentale.
Le principali vie della presenza militare straniera sono:
1. Basi aeree nel sud-est dell’Ucraina per fornire e trasferire personale speciale tramite l’aviazione da trasporto militare degli Stati Uniti.
2. Collegamenti ferroviari con l’Ucraina occidentale, attraverso cui passano treni con armi e munizioni provenienti dall’Europa orientale.
3. Basi aeree in Ucraina centrale e occidentale per importare legalmente materiale ed equipaggiamenti, così come personale legale come istruttori, “ispettori”, “osservatori”.
4. Porto di Odessa usato per il contrabbando di armi via mare.
I principali Paesi coinvolti nel sostegno militare alla junta sono Stati Uniti e Polonia. Il compito principale del sostegno militare è aumentare la prontezza al combattimento delle forze armate ucraine e migliorarne l’efficienza in guerra. Pertanto, i principali cambiamenti strutturali delle FAU non sono neppure legati all’invio di armi (di norma obsoleti), ma ai cambiamenti nelle strutture logistiche, d’intelligence, informazione e comando che dovrebbero aumentarne l’efficienza. In generale, la presenza militare straniera continua ad evolversi e diventa sistematica. Il lavoro dei “px” stranieri si sentirà a luglio-agosto. In questa fase, la trasformazione delle FAU è abbastanza lenta per l’inadeguatezza delle strutture organizzative e di comando di base cui si sovrappone elevata corruzione, mancanza di comprensione, in una significativa parte del corpo degli ufficiali, delle esigenze della guerra moderna, basso livello di formazione tecnica del personale riguardante l’uso di attrezzature non familiari. Ma non ci dovrebbero essere illusioni, è un problema che in qualche modo può essere superato, ed in realtà è ciò che fanno consiglieri e istruttori. Alla fine, Stati Uniti e alleati cercano di adattare i militari alle esigenze belliche della junta nel perseguire l’obiettivo voluto. Non devono combattere in prima linea, quindi, in questa fase della guerra, sarà difficile vedere in prima linea dei marines o chissà quale reparto meccanizzato statunitense, che potrebbero apparire solo con l’acutizzarsi degli scenari ucraini.
Mentre il Voentorg è semi-legale, ciò in linea di principio riflette la linea dell’amministrazione Obama su un lungo confronto senza coinvolgimento militare diretto degli Stati Uniti. I falchi vogliono aggiungere ai punti sopra elencati l’invio aperto di armi e un coinvolgimento più attivo del Pentagono. Tutto ciò sullo sfondo di battaglie a bassa e media intensità (entrambe le parti utilizzano attivamente artiglieria pesante e carri armati), di fatto iniziate il 12 aprile e che non si pensa smettano, dato che il primo comma del “cessate il fuoco” di fatto non viene seguito, così come il “ritiro delle armi pesanti”, comunque. In generale, una presenza militare straniera muterà gradualmente la natura della guerra divenendo sistematica, organizzata e centralizzata su entrambi i lati. Non sarà una guerra parzialmente scomposta tra milizie, ma una guerra tra eserciti regolari addestrati da consiglieri e istruttori militari.

6806a996003cdfadecff4bc5c7101ae9Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.898 follower