Trump svela che Stato islamico e CIA sono “partner” contro la Russia

John Helmer, 16 maggio 2017Un giornalista del Washington Post ha rivelato che la storia dei computer portatili dello Stato islamico (SIIL), che il presidente Donald Trump ha descritto il 10 maggio al Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov alla Casa Bianca, proveniva dallo SIIL tramite la CIA. Il motivo della fuga contro Trump, seguita da Post e media anglo-statunitensi, fu divulgato sempre dal Post. La CIA e almeno un funzionario del Consiglio di Sicurezza Nazionale, che informò la CIA di ciò che Trump aveva detto, si arrabbiarono col presidente per aver rivelato la collaborazione tra terroristi dello SIIL e loro gestori statunitensi negli attacchi contro obiettivi russi, comprese le compagnie aeree russe. L’articolo dal Washington Post affermava che Trump aveva “rivelato informazioni altamente classificate al Ministro degli Esteri russo Lavrov e all’Ambasciatore Sergej Kisljak, nella riunione alla Casa Bianca della settimana prima, secondo funzionari statunitensi che hanno detto che le divulgazioni di Trump mettevano in pericolo una fonte cruciale dell’intelligence nello Stato islamico“. La fonte, secondo il Post, era “un partner degli statunitensi grazie a un accordo di condivisione delle informazioni considerate così sensibili che i dettagli non sono forniti agli alleati e sono strettamente limitati anche nel governo degli Stati Uniti”, dichiaravano i funzionari. Il partner non aveva concesso agli Stati Uniti l’autorizzazione a condividere il materiale con la Russia, e i funzionari dichiaravano che la decisione di Trump di farlo metteva in pericolo la cooperazione con un alleato che ha accesso alle attività interne allo Stato islamico“. L’articolo non si riferiva al “partner” come Paese, governo o agenzia d’intelligence straniera. Invece vi si riferiva come “partner chiave” affermando che “Trump ha rivelato la città nel territorio dello Stato islamico dove il partner dell’intelligente statunitense ha rilevato la minaccia“. Ciò significa che la posizione geografica in cui il “partner” opera sia nel “territorio” dello SIIL. L’articolo aveva anche rivelato che fu concesso l’accesso alla trascrizione verbale di ciò che Trump aveva detto nell’incontro con Lavrov, definendo la fonte “un funzionario che sa dello scambio“. Uno dei giornalisti che ha scritto la storia apparve in un’intervista pubblicata dal Post dopo l’uscita dell’articolo. È Greg Miller, californiano che ha lavorato per il Los Angeles Times prima di trasferirsi a Washington nel 2010, per “seguire le agenzie d’intelligence e il terrorismo“. Ascoltando attentamente, Miller divulga le sue fonti tra i funzionari del Consiglio di Sicurezza Nazionale (NSC) e della CIA. Dal minuto 1:52, Miller identifica ciò che ha saputo e come da membri del Consiglio di Sicurezza di Trump, funzionari di alto livello che hanno letto i resoconti. Chiamarono il direttore della CIA e il capo dell’NSA per avvisarli: “Guardate, ciò che è accaduto nell’incontro con i russi vi va detto. Perciò erano in parte allarmati e preoccupati dalle conseguenze. Sono le agenzie, come la CIA, che avrebbero comunicato direttamente o trattato con il partner straniero. Ne sarebbero le più preoccupate“. Miller non nomina i funzionari che hanno letto le trascrizioni Trump-Lavrov del 10 maggio su cosa si sono detti.
Due funzionari direttamente interessati alle operazioni statunitensi contro la Russia in Siria e nel mondo sono Fiona Hill, direttrice per la Russia del NSC, e Gina Haspel, nominata il 2 febbraio vicedirettrice della CIA, ex-capo del terrorismo e delle operazioni clandestine della CIA. Sui collegamenti di Hill con la Russia, leggasi questo. Haspel è un ufficiale della CIA, le cui posizioni ed operazioni rimangono segrete; non vi sono foto di lei. Secondo il Washington Post, “dopo la riunione di Trump, i funzionari della Casa Bianca avviarono misure per contenere i danni, chiamando CIA e NSA“. I funzionari della Casa Bianca, tra cui Trump stesso e il consigliere della sicurezza nazionale generale HR McMaster, hanno contestato tali “danni”. Secondo McMaster, “il presidente e il ministro degli Esteri hanno esaminato le minacce comuni dalle organizzazioni terroristiche, incluse quelle all’aviazione“. Secondo il quotidiano, “il Washington Post trattiene la maggior parte dei dettagli, tra cui il nome della città, i funzionari che hanno avvertito che rivelarli potrebbero compromettere l’importante intelligence“. Il Post aggiungeva senza indicare la fonte: “Per chiunque nel governo, discutere di tali questioni con un avversario sarebbe illegale“. McMaster rispose il giorno dopo: “La premessa di tale articolo è falsa“.
La differenza tra le due versioni, del generale e del giornale, è che il “partner” statunitense è gestito dalla CIA nelle operazioni dello SIIL contro la Russia. La “minaccia comune” a cui McMaster si riferisce, complotto dello Stato islamico contro i viaggiatori statunitensi e russi, è il complotto che i funzionari di NSC e CIA non vogliono rivelare al loro vero avversario, che secondo Miller e le sue fonti tra i funzionari statunitensi non è lo Stato islamico, ma la Russia. Nel video, Miller rivela che la sua fonte nel NSC chiamò prima la CIA e poi lui. Ciò significa che almeno un insider, probabilmente due, nell’ufficio NSC della Casa Bianca e presso la CIA, diedero al Post una storia volta a danneggiare Trump. La ragione, secondo tali fonti vicine alle operazioni terroristiche contro la Russia, è che Trump aveva identificato un legame statunitense con lo Stato islamico, operativo contro obiettivi russi. Che l’amministrazione Obama e la CIA facessero questo non è un segreto. Né, in prospettiva, che Stato islamico e CIA tramino contro l’aviazione russa ed internazionale sia un segreto. Miller rivela anche un tentativo di coprire, e poi denunciare ciò che lui, la direzione del suo giornale e le sue fonti nel governo statunitense credono sia dannoso per il loro collaboratore dello Stato islamico. Tra i minuti 0:55 e 1:02 del video, Miller dice che “il problema è che gli Stati Uniti conoscono queste informazioni per via dell’intelligence proveniente da un partner di un altro Paese“. Non c’è nulla nel testo pubblicato che dica che il “partner” fosse di “un altro Paese”; cioè un governo o un servizio d’intelligence di un altro Paese. Nel video, Miller non menziona più la parola “Paese”.Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Guerra mediatica dello Stato Profondo e scia di morti dei Clinton

Alessandro Lattanzio, 17/5/2017

Nell’indagine per l’omicidio di Seth Rich, ex-staffer del Comitato Nazionale del Partito Democratico degli USA, avvenuto il 10 luglio 2016, si scopriva che Seth Rich avrebbe fornito 44000 email dei democratici (e quindi anche di Hillary Clinton) a WikiLeaks tramite il documentarista Gavin MacFadyen, investigatore e direttore di WikiLeaks statunitense che viveva a Londra, dove morì all’improvviso poco prima delle elezioni negli USA. Gli investigatori dell’FBI avevano trovato 44053 email e 17761 allegati dei capi del DNC dal gennaio 2015 al maggio 2016 e che Rich aveva poi passato a WikiLeaks prima di essere ucciso a Washington DC, a pochi passi da casa. Il 22 luglio, 12 giorni dopo l’assassinio, WikiLeaks pubblicò le email interne del DNC sulla cospirazione per impedire a Bernie Sanders di candidarsi alle presidenziali per conto del partito democratico. Ciò costrinse la presidentessa del DNC, Debbie Wasserman Schultz, a dimettersi. L’investigatore privato Rod Wheeler assunto dalla famiglia di Rich, vede confermate le proprie scoperte. Wheeler, confermando che il portatile di Rich contenesse le prove dei contatti con Wikileaks, afferma “Ho una fonte nel dipartimento di polizia che mi ha guardato dritto negli occhi e ha detto: “Rod, ci è stato detto di abbandonare questo caso e non posso condividere alcuna informazione con te”. Ora, ciò è assai insolito per un’indagine di omicidio, specialmente nel dipartimento di polizia. Il dipartimento di polizia e l’FBI non sono mai stati vicini. Non hanno collaborato affatto. Credo che la risposta sulla sua morte sia nel computer, che credo stia nel dipartimento di polizia o all’FBI. Mi è stato detto ciò da entrambi. La mia indagine a questo punto mostra che ci fu un certo scambio di email tra Seth Rich e WikiLeaks. Credo che la risposta su chi l’abbia assassinato sia nel suo computer, su uno scaffale della polizia di DC o nella sede dell’FBI. La mia indagine mostra che qualcuno del governo, del Comitato nazionale democratico o della squadra di Clinton, blocca l’indagine sull’omicidio. È una sfortuna, l’omicidio di Seth Rich rimane irrisolto per questo“. Wheeler continua, “Ciò che è veramente interessante da quando indago su questo caso, è che ho scoperto parecchie cose, non necessariamente correlate con la morte di Seth, ma legate a una rete di corruzione, un possibile gruppo segreto che organizza la corruzione nel Distretto di Columbia (Washington). Perché ho iniziato a indagare su altri omicidi e morti, chiamate “morti accidentali”, ma potrebbero essere stati omicidi. Quindi questo caso può effettivamente aprire un verminaio su ciò che accade qui a DC“.
La storia che Rich sia stato vittima di una rapina, secondo la polizia, non sta in piedi. I due aggressori presero la videocassetta di una telecamera esterna di un vicino negozio di generi alimentari, spararono per due volte alla schiena di Rich, alle 4:17, ma non presero portafoglio, cellulare, chiavi, portafoglio e la collana da 2000 dollari. Rich fu rinvenuto dalla polizia tre minuti dopo, era cosciente ma morì in ospedale due ore dopo. Il portavoce della famiglia Rich dichiarava, dopo la comparsa della notizie che Rich avesse contatti con WikiLeaks, che “Abbiamo visto l’anno scorso affermazioni non confermate, niente fatti, niente prove, niente e-mail e abbiamo appreso ciò solo quando contattati dalla stampa. Ed anche se domani, una e-mail sarà trovata, non basterà a dimostrare tali contatti, dato che le e-mail possono essere alterate e abbiamo visto gli interessati alle cospirazioni non fermarsi davanti a nulla“. Ma il “portavoce” della famiglia Rich non è altri che il consulente di PR dei democratici Brad Bauman. La prima azione di Bauman quale portavoce della famiglia, fu chiedere che si smettesse d’interrogarsi sulle circostanze oscure dell’omicidio Rich. Infine, nell’agosto 2016, Julian Assange indicava che Rich fosse la fonte delle fughe delle email del DNC, smentendo l’affermazione che la Russia ne fosse responsabile.
57 minuti dopo la notizia sui contatti tra Rich e Wikileaks, il Washington Post, di proprietà di Jeff Bezos, padrone di Amazon e in affari con la CIA spacciava la grottesca storia sul presidente Trump che consegnava informazioni segrete ai russi, allo scopo di suscitare un polverone mediatico e nascondere un indizio sui mandanti di uno dei tanti omicidi che circondano i Clinton e la loro cerchia nel PD.
L’accusa di pirateria informatica russa contro i server del DNC, nasce da un “Trump Russian Dossier” stilato da un’agenzia di ricerca creata dai democratici, la Fusion GPS, e finanziato dalla fazione di Hillary Clinton. Inoltre, se il direttore dell’FBI Comey da un lato riferiva di interferenze russe nelle elezioni del 2016, violando i server del partito democratico, dall’altro l’FBI ammetteva di non aver mai esaminato i server che sarebbero stati violati dai russi. Anzi, il comitato elettorale di Hillary Clinton e il partito democratico affermano che l’FBI non gli ha mai chiesto di esaminarli, mentre l’FBI dice che invece l’aveva fatto, ma che la richiesta venne rifiutata. Fu una società privata finanziata dai Clinton, la Crowdstrike, che affermò che la Russia avesse violato i server informatici del DNC. Ma ora Crowdstrike si rifiuta di collaborare anche con il Congresso degli Stati Uniti. Comey però affermava che le accuse di Crowdstrike andavano credute, venendo smentito da uno dei massimi esperti mondiali di cyber-sicurezza, Jeffrey Carr, che dichiarò: “I metadati nei documenti fuoriusciti sono forse i più rivelatori: un documento scartato è stato modificato utilizzando impostazioni della lingua russa, da un utente denominato “Feliks Edmundovich”, nome in codice che si riferisce al fondatore della polizia segreta sovietica. Vabbene, alzi la mani chi pensa che un ufficiale del GRU o dell’FSB avrebbe aggiunto il nome di Feliks di Ferro ai metadati di un documento rubato prima di diffonderlo fingendosi un hacker rumeno. Qualcuno aveva chiaramente un pessimo senso dell’umorismo“. Mentre la teoria della pirateria russa svaniva, Comey ed FBI tentarono di arruolare un vero hacker russo, Evgenij Nikulin, ricercato in Russia per aver rubato 3450 dollari con una truffa informatica. Il 5 ottobre 2016, Nikulin fu arrestato nella Repubblica ceca e il 21 ottobre fu accusato da un procuratore generale della California di pirateria contro società statunitensi e il 27 ottobre, lo stesso procuratore lanciò delle nuove accuse, ma secretate a tutti. Con una testimonianza scritta, Evgenij Nikulin dichiarò che dopo l’elezione di Trump, agenti dell’FBI, il 14-15 novembre 2016 e il 7 febbraio 2017, gli “…proposero di dichiarare di aver violato il server email di Hillary Clinton per conto di Donald Trump e su ordine di Vladimir Putin; devi accettare l’estradizione negli Stati Uniti, qui ti toglieranno tutte le accuse e ti daremo appartamento, denaro e la cittadinanza statunitense. Rifiutai, l’interrogatorio finì e l’agente mi disse che sarebbero tornati”. L’avvocato di Nikulin, Martin Sadilek, afferma che le accuse statunitensi contro il suo cliente sono “letteralmente” basate su richieste degli agenti dell’FBI che non hanno però fornito prove a sostegno.
Infine, la storia propagandistica diffusa dai media statunitensi riguardo il presidente Trump che consegnava intelligence sui terroristi islamisti (cioè Gladio-B, ovvero al-Qaida in Siria/Jabhat al-Nusra e al-Qaida in Iraq/Stato islamico) ai russi, un diritto riconosciuto al presidente degli USA, rientra nelle operazioni del “Governo invisibile” o “Stato profondo” contro l’attuale amministrazione. Va anche ricordato che il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, il generale Herbert Raymond McMaster sarebbe la fonte della notizia di Trump che concede informazioni segrete ai russi. McMaster sarebbe collegato a un’associazione formata da ex-spie statunitensi, The XX Committee, il cui capo è l’autore russsofobo John Schindler, che il 15 febbraio 2017 promise di “passare in modalità nucleare e far morire Trump in prigione”.Fonti:
AIM
Buzzfeed
Constitution
Daily Mail
Infowars
Infowars
Newsweek
South Front
The XX Committee
Zerohedge

Donald Trump non sopravviverà

Sic semper tyrannis 14 maggio 2017Ho una scommessa con un vecchio amico e mentore. Entrambi crediamo che Donald Trump non completerà il mandato, ma abbiamo idee diverse su quanto tempo sopravviverà. Il mio amico pensa che sarà imputato entro il Labor Day (1 settembre). Mentre non respingo tale possibilità, scommetto che arriverà al 2018, ma sarà così grave allora che i repubblicani lo lasceranno in asso. Il vincitore di questa scommessa pagherà all’altro una cena in un bel ristorante di Washington, DC.
L’agitprop volto a distruggere Trump è attivo e sempre più repubblicani sembrano controfirmare i miti anti-Trump spacciati dai democratici. Ma non è solo una parte che spinge per abbattere Trump. Donald Trump stesso è impegnato a spararsi sui piedi con la sua bocca incontrollabile. Penso che un buon numero di elettori abbia scelto Trump contro Hillary nella speranza che fosse un uomo d’affari dall’abilità organizzativa e una visione sul fare. Quegli elettori si allontanano da Trump. Invece di una buona organizzazione, la nazione viene diretta dall’esibizionismo petulante dall’immaturità noiosa. Quale dirigente sano di mente elimina il capo dell’FBI in modo così spavaldo e sconsiderato. Per favore capite, credo che Comey dovesse andarsene. Andava licenziato. Ma c’è modo e modo. Cosa ha fatto Trump? Ha scelto il modo sbagliato danneggiando ulteriormente la propria immagine. Invece di chiamare Comey per un incontro e dargli la possibilità di dimettersi, Trump ha scelto di sbagliare. Così Trump ha dato ai democratici le munizioni per attaccarlo come qualcuno che interferisce su un’inchiesta. Trump ha creato il caos minacciando velatamente Comey sollevando lo spettro della registrazione delle conversazioni di Comey con il presidente. Ciò ha attratto l’interesse del Congresso e ora abbiamo una richiesta bipartisan su tali registrazioni (se esistono). Sono stanco di ascoltare le grida di gente come Kelly Anne Conway, allo show di Howard Kurtz, che spiegava il mancato interesse dei media sul commercio con la Cina o l’assistenza sanitaria. Scusa Kelly Anne, ma i media non hanno licenziato Comey e non hanno dato spiegazioni alternative su perché Trump ha fatto quello che ha fatto. Non c’è semplicemente una scusa per tali rozze decisioni. Purtroppo, Trump vi ha fatto l’abitudine dalle elezioni. Allora non si dimostrò fatale. Ma di certo così non si va avanti. Trump non avrà un secondo termine e non finirà il primo mandato. L’unica domanda è quando cederà o sarà cacciato.
Gli unici vincitori di tale triste situazione saremo il mio amico e me, ma condivideremo un ottimo pasto.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Trump raggira i media e persegue l’intesa con la Russia

Trump dimostra di non essersi ancora piegato ai falchi russofobi
Gilbert Doctorow, Russia Insider 12/5/2017Secondo l’ideologia neocon che ostacola l’istituzione politica statunitense, è assiomatico che i Paesi democratici siano amanti della pace perché riflettono veramente in politica la mentalità pacifica e imprenditoriale della popolazione. Al contrario, i regimi autoritari sono guerrieri poiché intrinsecamente instabili e senza sostegno sostanzialmente fondato, ricorrono all’aggressione o alle minacce all’estero per mantenere il popolo in riga. I regimi autoritari dovrebbero essere abbattuti se si vuole la pace globale. Così gira la storia. Le azioni dell’amministrazione Trump nelle ultime settimane dimostrano, oltre ogni dubbio, che le democrazie ricorrono ad aggressioni o minacce all’estero proprio per risolvere i conflitti politici interni. Ciò è ancor più vero quando la politica è consigliata dal maestro del realismo Henry Kissinger, dalla profonda esperienza nell’ambito dei compromessi che ora esamineremo.
L’attacco missilistico statunitense sulla base aerea siriana di Shayrat del 6 aprile scioccò e sorprese il mondo, come previsto. Certo, la portata fu limitata, i danni causati dall’infrastruttura militare minimi per intenti o grazie alle contromisure elettroniche russe e le perdite di vite, in particolare russe, evitate dal preavviso al Cremlino, conformemente al memorandum tra le parti sulle regole d’ingaggio nello spazio aereo siriano. Ma fu comunque un atto di aggressione degli Stati Uniti contro un Paese con cui non è in guerra, dimostrando la disponibilità degli Stati Uniti a violare il diritto internazionale e di letteralmente “eliminare” Assad in qualsiasi momento bombardandone il palazzo con missili inarrestabili sparati dal Mediterraneo. Inoltre, l’attacco fu giustificato in modo sfrenato come risposta al presunto uso di armi chimiche da parte del governo siriano contro una città nella provincia di Idlib. Alcuna indagine neutrale e professionale fu chiesta dagli statunitensi. Tutto ciò costituiva ancora un’altra dimostrazione di come gli USA agiscano da giudice, giuria e poliziotto mondiale, l’approccio agli affari internazionali che Donald Trump stesso respinse nella corsa per la presidenza. L’impatto disorientante di tale improvviso uso della forza all’estero, senza sanzione del Congresso, quindi violando la Costituzione statunitense, per chi come noi ancora crede nello stato di diritto, fu ampliato da ciò che seguì successivamente: i terribili avvertimenti di Washington alla Corea democratica a fermare i test dei missili e nucleari o affrontare gravi conseguenze. L’amministrazione Trump annunciò l’invio della portaerei Vinson e della sua flotta di scorta nelle acque coreane, e suggerì di valutare le opzioni per un attacco preventivo per abbattere il regime di Pyongyang. Il risultato di tali iniziative in Siria e Corea fu il rapido sostegno dei media mainstream e dei politici statunitensi tra i critici più aspri di Trump. Per un breve periodo anche la caccia alle streghe sull'”influenza russa nelle elezioni statunitensi del 2016″ venne sospesa. Allo stesso tempo, il resto di noi rimase sconvolto e sgomento su come questo presidente e la sua amministrazione avessero ceduto completamente alla mafia interventista neocon/liberal che dirige il nostro Paese dal secondo mandato di Bill Clinton. Inoltre, le rivendicazioni dei rivali elettorali secondo cui Donald Trump è un narcisista potenzialmente instabile, volatile e pericoloso per lasciarlo vicino al bottone nucleare, cominciarono ad apparire corrette. C’era ancora più di un motivo di preoccupazione, dato che Trump si circondava di consulenti per la sicurezza nazionale e dal capo del Pentagono appellati “cani pazzi” tra i duri, da cui erano saliti al comando. A fronte di tale sfondo di nostri crescenti timore e paura per il nostro Paese e il mondo, nel campo dell’opposizione, fu notevole notare che due giorni fa, il 10 maggio, Donald Trump incontrava nell’ufficio ovale il Ministro degli Esteri Sergej Lavrov e l’Ambasciatore russo Sergej Kisljak, che altrimenti sarebbero al centro della tempesta del “Russiagate”. Ancora più notevole, questi colloqui venivano descritti da tutti come “costruttivi” nel definire l’agenda della riunione tra Vladimir Putin e Donald Trump ai margini del G-20 in Germania, a luglio. Nella copertina il russofobo Financial Times parlava di nuovo “reset”.
Suggerisco una correlazione diretta tra il bombardamento del 6 aprile e l’incontro cordiale con Lavrov nell’ufficio ovale. Il bombardamento e le minacce alla Corea democratica avevano un obiettivo preciso: rinchiudere gli avversari di Trump nei media e a Capitol Hill e avere spazio di manovra per ottenere qualcosa di significativo sul programma interno. Infatti lo spazio fu sufficiente a Trump per far passare al Congresso il disegno di legge per abrogare o sostituire l’Obamacare, uno dei due più importanti cambiamenti legislativi che il candidato Trump propose nella campagna elettorale, accanto alla riforma fiscale, ma fortemente contestato nel proprio partito fallì al primo tentativo. Il voto del 4 maggio fu una vittoria puramente partigiana, con tutti i membri democratici del Congresso che votarono contro. Ma il capo della maggioranza di Trump al Congresso ebbe i numeri necessari e dichiarò vittoria. Con tale dimostrazione di forza tra i repubblicani, che controllano entrambe le camere del Congresso, Trump dismise le speranze democratiche di aver finalmente attuato le procedure d’impeachment. E ora il presidente è all’offensiva: due giorni fa licenziava il direttore dell’FBI James Comey, che dirigeva la losca inchiesta sulla presunta collusione di membri della sua campagna con i russi. E convocava per “colloqui costruttivi” il Ministro degli Esteri Lavrov, sollevando la speranza che una riconciliazione con i russi possa ancora avvenire, allontanandoci dall’abisso della guerra nucleare.
La correlazione tra attacco missilistico di aprile alla Siria e gli ultimi sviluppi del dialogo ai vertici USA-Russia non era prevedibile da un presidente e un’amministrazione appena entrati negli affari mondiali e senza esperienza di governo, per non parlare dell’ambiente molto speciale delle relazioni internazionali. Ecco dove va presa seriamente la menzione nella copertina del Financial Times secondo cui Henry Kissinger fu spesso consultato dal Presidente in questi giorni. E accuratamente, alla conferenza stampa di due giorni fa in cui Trump rispose alle domande sul licenziamento di Comey, Henry K. era comodamente seduto sulla poltrona accanto al Presidente. Credo che il bombardamento della base aerea di Shayrat, sotto qualsiasi pretesto, reale o fabbricato, sia proprio il tipo di politica che Kissinger sosterrebbe e forse avrebbe autorizzato per ricondurre le iene della stampa e i nemici politici che avevano accerchiato Trump nel periodo immediatamente precedente l’attacco. Trump inviava i suoi subordinati, l’ambasciatrice all’ONU Nikki Haley, il segretario di Stato Tillerson, il segretario alla Difesa James Mattis o il vicepresidente Mike Pence a fare dichiarazioni antirusse, riprendendo i predecessori dell’amministrazione Obama, in patria e all’estero, nelle settimane successive alla nomina che non aveva quietato i nemici sembrando politicamente assediato. Il bombardamento di Shayrat era un trucco interno. Gli USA erano sempre uno Stato-canaglia con un Presidente che i nostri falchi potevano rispettare. Tutto ciò promana dalla presidenza Nixon, in particolare dal cosiddetto bombardamento di Natale del porto di Hanoi, Haiphong, nel 1972. Fu feroce, inutile militarmente, costò enormi danni in vite e beni a terra, e molti aerei statunitensi furono abbattuti dalla difesa aerea vietnamita. Doveva mostrare che Richard Nixon era squilibrato, volatile e pericoloso con cui avere a che fare. E l’accordo fu firmato un mese dopo i bombardamenti. Naturalmente, se un accordo con la Russia si verifica nell’atmosfera “costruttiva”, non sarà solo risultato degli sforzi dell’amministrazione di Trump. Nelle ultime settimane, e in particolare dal 2 al 7 maggio, il Presidente Putin e il suo team di negoziatori lavorarono per trovare una soluzione di compromesso nella guerra civile siriana che consenta a tutte le parti di salvare la faccia, lasciando che i siriani passino a una sistemazione politica pur liquidando lo SIIL dal Paese. La visita di Angela Merkel alla residenza di Putin a Sochi, il 2 maggio, fu un esercizio di riscaldamento. Merkel aveva le proprie ragioni per venirci, contrastando le accuse degli avversari politici nelle prossime elezioni federali di aver rovinato i rapporti con la Russia. Ma sicuramente la visita fu usata anche per indicare a Merkel, e all’Unione europea dietro di lei, le iniziative russe presso i protagonisti del conflitto siriano. Quella stessa sera, Putin telefonò a Donald Trump concentrandosi sulla Siria. Ancora più importante, il giorno dopo il presidente Erdogan giunse a Sochi per l’accordo sulle posizioni comuni russo-turche nei colloqui ad Astana, in Kazakistan, tra le parti in guerra in Siria, dai risultati molto più sostanziali e orientati di quelli sponsorizzati da Stati Uniti e UE a Ginevra, che ricevevano tutta l’attenzione dei media occidentali. La mancata accettazione delle posizioni precedentemente pianificate ad Astana avrebbe portato i combattenti filo-turchi in Siria a non partecipare. Tuttavia, questa volta turchi e russi tracciarono attentamente i contorni dell’accordo. A conclusione dei negoziati di Astana, il 7 maggio, fu firmato un memorandum sulla creazione di 6 “zone di de-escalation” in Siria con tre potenze garanti: Russia, Turchia e Iran. Questo quadro può anche essere descritto da USA e Unione Europea come “zone sicure” o “zone non volo” a lungo richieste, perché una volta stabilite sul terreno, l’accordo garantisce la cessazione di tutti gli attacchi aerei da parte di Siria, Russia e Stati Uniti sulle zone in questione, in cui proseguirà la disattivazione dell’opposizione armata ad Assad tramite l’amnistia. Queste forze avranno la possibilità di unirsi all’attacco dell’Esercito arabo siriano allo Stato islamico e ai relativi combattenti estremisti, o resteranno ferme mentre le forze di Assad adempiono al compito. Le zone di de-escalation vengono attuate per un periodo iniziale di sei mesi e saranno rinnovate se funzioneranno. Possono portare alla pace e alla liberazione delle province siriane, preparando il ritorno dei rifugiati. In un certo senso ciò che Vladimir Putin ha raggiunto oggi assieme a Turchia, Iran e governo di Assad, è altrettanto significativo, forse ancor più, di quello che fece con Obama nel 2013 per rimuovere e distruggere le scorte di armi chimiche del governo siriano. La soluzione scelta ad Astana viene presentata per l’approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Vedremo come gli Stati Uniti voteranno per capire meglio la direzione futura delle relazioni USA-Russia. La rimozione della questione controversa della Siria dall’ordine del giorno delle due grandi potenze sarà un buon inizio della soluzione del problema altrettanto spinoso dell’Ucraina, del Donbas e della Crimea.Gilbert Doctorow è un analista politico indipendente di Bruxelles. Il suo ultimo libro La Russia ha un futuro? Fu pubblicato nell’agosto 2015. Il suo prossimo libro Gli Stati Uniti hanno un futuro? sarà pubblicato il 1° settembre 2017.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Resa di conti a Washington e finta invasione della Siria

Alessandro Lattanzio, 10/5/2017Tre medi dopo la nomina del generale HR McMaster a consigliere per la sicurezza nazionale, nel febbraio 2017, Trump vi si scontrava apertamente. Secondo il consigliere della Casa Bianca Steve Bannon, McMaster cercava d’ingannare il presidente sulla Siria, mentre il capo dello staff della Casa Bianca, Reince Priebus, impediva a McMaster di compiere una nomina cruciale. Trump sarebbe sempre più irritato verso McMaster, che non riesce a dialogare durante i briefing con il presidente. In effetti, Trump, secondo tre funzionari della Casa Bianca, dopo aver letto sul Wall Street Journal che McMaster aveva chiamato la controparte sudcoreana per assicurarla che la minaccia del presidente di fargli pagare il sistema di difesa missilistico THAAD non era la politica ufficiale degli USA, irato avrebbe sgridato McMaster accusandolo di sottovalutare gli sforzi per fare comprare alla Corea del Sud il THAAD. Inoltre, Trump si lamentava in un briefing sull’intelligence che, “il generale mina la mia politica“, secondo due funzionari della Casa Bianca. Il presidente ha ridotto gli appuntamenti con McMaster, le cui richieste d’informare il presidente prima di certe interviste venivano rifiutate. McMaster non aveva neanche accompagnato Trump all’incontro con il primo ministro australiano. In sostanza, nelle ultime settimane Trump avrebbe espresso rammarico per la nomina di McMaster. L’ex-ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, John Bolton, incontrava Trump per discutere di varie questioni con il Consiglio di sicurezza nazionale, forse con la prospettiva di nominare Bolton vice McMaster. Il primo conflitto tra McMaster e Trump si ebbe già alla fine di febbraio, a una sessione congiunta del Congresso. McMaster chiese al presidente di non usare la frase “terrorismo islamico radicale”, consiglio che Trump ignorò, sottolineando nel discorso le parole “terrorismo”, “islamico” e “radicale”. Anche la cerchia di Trump cominciava a scontrarsi con McMaster. Il primo fu Ezra Cohen Watnick, direttore dell’intelligence del Consiglio di Sicurezza Nazionale. McMaster inizialmente si appoggiò alla CIA per rimuovere Watnick, nominato peraltro da Flynn, ma alla fine McMaster cambiò idea su pressione di Bannon e del genero di Trump Jared Kushner. In seguito, Bannon e Trump avrebbero imposto a McMaster il licenziamento di coloro che furono nominati da Obama al Consiglio di Sicurezza Nazionale, sospettati di fare rivelazioni alla stampa. L’elenco fu compilato da Derek Harvey, ex-colonnello dell’Agenzia d’intelligence della difesa, nominato sempre da Flynn. McMaster si oppose. Infine, il capo dello staff della Casa Bianca impediva a McMaster di nominare il brigadiere-generale Ricky Waddell suo vice. Intanto, il segretario alla Difesa degli USA Jim Mattis, secondo un senatore repubblicano, sosterrebbe la decisione dell’amministrazione Trump di fornire ai curdi delle YPG, in Siria, armi pesanti per attaccare la base dello SIIL di Raqqa, a dispetto delle preoccupazioni di Ankara. Il presidente del Comitato per le Relazioni Estere, senatore Bob Corker, affermava che è “l’unica soluzione corretta in questo momento… Gli interessi della Turchia e nostri non sono allineati, adesso. E a un certo punto va presa una decisione“, concludendo che gli Stati Uniti “per un po’ di tempo si spintoneranno con la Turchia“.
E se mentre Trump accoglie il Ministro degli Esteri russo Lavrov, il capo dell’FBI, James Comey, veniva licenziato per aver voluto continuare un’indagine, quella sui presunti legami tra Trump e la Russia, che da gennaio non ha prodotto una sola prova sull’influenza di Putin nell’elezione di Trump. Secondo la Casa Bianca, il licenziamento di Comey non è legato alle indagini sui presunti legami Trump-Russia, ma all’inefficienza dimostrata da Comey, nominato da Obama. Comey inoltre chiuse rapidamente l’inchiesta contro Hillary Clinton sulle fughe via posta elettronica di segreti di Stato, oltre che sulle rivelazioni sui suoi traffici con potenze estere (Arabia Saudita). Sempre sul caso di queste indagini, Comey veniva anche accusato di violare le regole, ignorando il dipartimento della Giustizia da cui dipende, “Il presidente Trump ha licenziato il direttore dell’FBI James B. Comey, su consiglio di alti funzionari del dipartimento della Giustizia, avendo trattato erroneamente il caso Hillary Clinton, in tal modo danneggiando la credibilità di FBI e dipartimento della Giustizia”. Dantr’onde, l’ex-direttore dell’Intelligence nazionale James Clapper, nominato da Barack Obama, aveva dichiarato sotto giuramento il 5 marzo che non aveva alcuna prova della collusione tra Trump e il governo russo, ed anche l’ex-procuratrice generale Sally Yates non poté portare alcuna prova a sostegno della tesi sui rapporti tra Trump e i russi. Trump, quando fu eliminato il suo ex-consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, non aveva abbastanza forze, ma oggi l’amministrazione Trump ha nominato abbastanza funzionari ai vertici del dipartimento della Giustizia per poter agire contro Comey e i resti dell’amministrazione Obama.Infine, le aziende del magnate israeliano Beny Steinmetz citavano in giudizio George Soros, sostenendo che abbia speso 10 miliardi di dollari per una campagna di diffamazione che le ha private dei diritti su una miniera di ferro in Guinea. Soros avrebbe finanziato studi legali, gruppi sulla “trasparenza”, investigatori e funzionari governativi in Guinea per assicurarsi che la BSG Resources Ltd. perdesse i diritti sul giacimento Simandou, nell’aprile 2014, dichiarava la BSGR in una denuncia presentata al tribunale federale di Manhattan. La BSGR accusa Soros di aver diffuso le accuse di corruzione che hanno portato alla perdita di Simandou; è la prima volta che viene presa un’azione legale diretta contro Soros. Nella denuncia, la BSGR sostiene che Soros fosse guidato da un rancore risalente al 1998, quando non poté acquisire un’impresa in Russia. “A Soros, il successo di Steinmetz, così come la sua attiva e appassionata promozione della vita, del business e della cultura israeliana, sono un anatema“, dichiarava la BSGR. “Soros è anche noto per il suo animus da lungo tempo avverso allo Stato d’Israele”. Simandou è una delle miniere di ferro più grandi del mondo, ed il gruppo Rio Tinto citò in giudizio proprio Steinmetz, accusandolo di aver collaborato con la Vale SA per rubargli i diritti, nel 2015. La BSGR chiese miliardi di dollari di danni alla Rio Tinto nel dicembre 2015 dopo che la Rio affermò di aver dato 10,5 milioni di dollari per consulenze ad un amico del presidente della Guinea. Anche Steinmetz fu indagato dalle forze dell’ordine svizzere e israeliane per tangenti versate per vincere la gara su Simandou. Steinmetz e BSGR persero i diritti su Simandou, perché il governo guineano scoprì che furono versati milioni in tangenti anche a Mamadie Toure, quarta moglie dell’ex-presidente della Guinea. Tale decisione, secondo BSGR, si basava su rapporti fabbricati dalle società finanziate da Soros. Toure avrebbe ricevuto 50000 dollari da un consulente del presidente Alpha Conde e 80000 dollari da un “agente o affiliato di Soros”, secondo la denuncia della BSGR. “Il potere finanziario di Soros gli ha dato potere sul governo della Guinea, abusandone completamente. Soros era motivato esclusivamente dalla malizia, in quanto non ha interessi economici in Guinea“, secondo la BSG Resources.
In conclusione, citiamo il sempre solerte “sito d’informazione filo-siriano” al-Masdar che, va ripetuto per gli ottusi, non è siriano, ma statunitense, e non ha corrispondenti in Siria, ma redattori negli USA; quindi sono più lontani dalla Siria del sottoscritto. Al-Masdar aveva diffuso, con il solito allarmismo che nasconde un’ampia collusione attiva verso la propaganda e la disinformazione islamista e atlantista, la voce dell’ammassamento di migliaia di soldati anglo-giordano-statunitensi che, con il supporto di “400 mezzi da combattimento”, si preparavano a conquistare non meno della metà della Siria, quella orientale, facendone un sol boccone. Fatto sta che le foto utilizzate a supporto di tale voce riprendevano un deposito per mezzi abbandonati dell’esercito giordano creato nel 2010 (infatti i mezzi sono malamente allineati, anzi, ammassati e lasciati tutti all’aperto, in mezzo al deserto, ad arrugginire sotto il sole senza teloni di copertura). La base in questione si trova a 50 km dal confine siriano-giordano, ad al-Zarqah. Ebbene, il numero dei mezzi presenti nel deposito, sostanzialmente non è mutato tra marzo e maggio 2017. L’unica cosa che cambia nella base di al-Zarqah è la disposizione dei mezzi ammassati nel deposito giordano.
Comparazione delle foto aeree: rosso gli stessi mezzi, verde i mezzi differenti. Fonte.
Va ricordato che periodicamente nell’area si svolgono le manovre congiunte Giordania-NATO denominate “Eager Lion”, a cui partecipano anche i reparti speciali italiani.
Fonti:
The Duran
Russie Politics
MSN
Moon of Alabama
McClatchyDC
Bloomberg