La potenza dell’Iran irrita gli USA

L’Iran è la deterrenza contro gli Stati canaglia in Medio Oriente
Shane Quinn The Duran 17 ottobre 2017Dopo l’invasione dell’Iraq del 2003, lo storico militare israeliano Martin van Creveld disse: “Il mondo ha visto come gli Stati Uniti hanno attaccato l’Iraq benché, come si è scoperto, non ne avessero motivo. Se gli iraniani non costruiranno armi nucleari, sarebbero dei pazzi“. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha recentemente scartato il JCPOA, l’accodo nucleare con l’Iran, e inoltre ha imposto nuove sanzioni al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie islamiche, un ramo dell’Esercito iraniano. Due mesi prima, il Presidente dell’Iran Hassan Rouhani dichiarò che il suo Paese riavvierà il programma nucleare “in poche ore” se venivano adottate altre sanzioni. Considerando che l’Iran è nuovamente sotto lo spettro dell’attacco dalla vecchia nemesi, tali sviluppi potrebbero rivelarsi inevitabili. È il segnale che gli USA, dall’aggressivo militarismo, inviano al mondo: sviluppate le armi nucleari se volete proteggervi da noi. È un messaggio che la Corea democratica da tempo segue. La RPDC sarebbe sicuramente stata attaccata se non avesse testate nucleari e artiglieria massiccia. Le minacce a Corea democratica e Iran violano la Carta delle Nazioni Unite. Gli Stati Uniti furono tra i firmatari chiave della creazione delle Nazioni Unite nel 1945. Da tempo sembrano considerarlo una mera cerimonia. Il testo di apertura della Carta dichiara che siano “salvate le generazioni future dal flagello della guerra… riaffermando la fede nei diritti umani fondamentali… e nelle nazioni grandi e piccole“. Tra le accuse all’Iran dell’occidente vi è quella di “alimentare l’instabilità”. In termini semplici, ciò significa ignorare i desideri degli USA. Mentre lo SIIL dilagava nel nord dell’Iraq nel 2014, fu l’Iran che intervenne in aiuto dei curdi assediati. Azioni come questa sono chiamate “destabilizzazione” e “sostegno al terrorismo”. L’Iraq fu attaccato dagli Stati Uniti nel 2003, lasciando rovine che gli iracheni non videro dall’invasione mongola del 13° secolo. In occidente lo si chiamò “promozione della democrazia” o “stabilizzazione”, senza trascurare di menzionare un milione di iracheni morti, con un attacco che pose le basi dello SIIL. Nel frattempo, l’accordo nucleare iraniano del 2015, ha affermato il capo della vigilanza atomica dell’ONU Yukiya Amano, “è attuato nell’ambito degli impegni relativi all’energia nucleare presi dall’Iran col JCPOA. Il regime di verifica in Iran è il più robusto… attualmente esistente. Abbiamo aumentato i giorni d’ispezione in Iran, abbiamo aumentato le ispezioni… e dati sono aumentati“. Questa è la prova che l’Iran adempie ad ogni richiesta, a differenza di altri. Ancora una volta, sono Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita che decidono d’ignorare il diritto internazionale. In tal modo, promuovono il proprio isolamento mondiale. Le cinque altre potenze che hanno preso parte all’accordo nucleare, Cina, Russia, Francia, Germania e Gran Bretagna, hanno affermato di continuare indipendentemente dalla posizione statunitense. Le vere ragioni di tale rinnovata ostilità verso l’Iran non sono naturalmente specificate. Per esempio, l’Iran aumenta l’influenza in Medio Oriente, sempre più potente rivale d’Israele. L’Iran ha inoltre svolto un ruolo importante, alleato di Russia ed Esercito arabo siriano, nella sconfitta dei terroristi filo-occidentali ad Aleppo.
Altre preoccupazioni sono il “sostegno al terrorismo” dell’Iran, come ribadito dal presidente Trump, riecheggiando i predecessori. Ciò si riferisce principalmente al sostegno dell’Iran a Hezbollah e Hamas, organizzazioni nate dall’aggressione degli Stati Uniti nel Medio Oriente, sostenuti da Israele ed Arabia Saudita. Il terrorismo occidentale supera notevolmente qualsiasi cosa attribuita ad Hezbollah o Hamas. Hezbollah, per esempio, ha svolto un ruolo nel ritiro dello SIIL, dopo aver combattuto gli estremisti per tre anni in Siria, Iraq e Libano. Il duo è anche nemico deciso d’Israele, quindi degli Stati Uniti. Né l’Iran, insieme a Hezbollah e Hamas, può competere con l’Arabia Saudita nella sponsorizzazione del terrorismo islamico. Lo SIIL stesso è un complotto del fanatismo religioso saudita e dell’ampliamento del suo messaggio jihadista. Inoltre, all’Iran, quarto produttore di petrolio mondiale, non è mai stato perdonato aver rimosso il controllo statunitense 38 anni fa. Come una banda che da una lezione a chi tradisce il boss mafioso, l’Iran viene punito senza pietà. I cubani sostengono le affermazioni dell’Iran con mezzo secolo di prove. Anche l’intelligence statunitense riconosce che le dottrine strategiche dell’Iran sono difensive e non sono una minaccia militare importante. L’anno scorso il bilancio degli armamenti statunitensi era 50 volte superiore quello iraniano. Tuttavia, in occidente l’Iran viene considerato “la peggiore minaccia alla pace“, nonostante non abbia mai invaso un altro Paese. Una delle grevi ironie è come le azioni statunitensi di questo secolo abbiano aiutato la causa dell’Iran. Quattordici anni dopo la fine della guerra in Iraq, il New York Times lamentava che “camminando nei mercati in Iraq gli scaffali siano pieni di beni iraniani… accendendo la televisione canale dopo canale trasmettono programmi favorevoli all’Iran. Si costruisce un nuovo edificio? È probabile che i mattoni e il cemento provengano dall’Iran. E non è che l’inizio“. La causa principale di ciò, la devastazione lasciata dall’invasione degli Stati Uniti, non viene menzionata nell’articolo. L’Iraq è da tempo un Paese a maggioranza sciita, ma prima dell’attacco del 2003 era governato dalla minoranza sunnita. Gli statunitensi spazzarono i governanti sunniti, avvicinando inavvertitamente l’Iraq all’Iran, altra nazione sciita.
Con l’ostilità crescente degli USA verso l’Iran, è sorprendente che la Cina, in particolare, ne sia l’alleata chiave. Oggi la Cina rappresenta il maggiore mercato di esportazione ed importazione dell’Iran. Dal 2000 al 2014 la quota cinese delle esportazioni iraniane è passata dal 4% al 49%, soprattutto nel greggio. In questi 14 anni, la quota di importazioni cinesi verso l’Iran è passata dal 5% al 45%. Anche i legami militari sino-iraniani sono più stretti. Nel 2012, per la prima volta, navi da guerra cinesi apparvero nel Golfo Persico per un’esercitazione congiunta con la Marina iraniana. Col Presidente Rouhani (in carica dal 2013), le relazioni sono aumentate, con l’aumento complessivo del 70% degli scambi con la Cina, che vede favorevolmente Rouhani. L’anno scorso Cina e Iran decisero di aumentare il commercio a 600 miliardi di dollari nel prossimo decennio. La Cina è anche un importante fornitore di armi avanzate dell’Iran, tra cui missili antinave, missili da crociera, aviogetti da caccia J-10, ecc. Il caccia J-10 è “paragonabile allo statunitense F-15, letale in combattimento“. Nel novembre 2016, un accordo di cooperazione militare fu firmato da Cina e Iran, con esercitazioni militari congiunte avvenute a giugno. L’allora Ministro della Difesa iraniano Hossein Dehghan dichiarò: “L’aggiornamento delle relazioni e della cooperazione militare a lungo termine nella difesa con la Cina è una delle priorità della diplomazia della Repubblica islamica dell’Iran“. Ponendo un altro deterrente importante ai nemici dell’Iran. Si può supporre che questi sviluppi siano visti con orrore a Washington, Tel Aviv e Riyadh.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La difesa aera siriana spara per prima

PressTV 17 ottobre 2017

Il Segretario Generale di Hezbollah ha predetto nell’ultimo discorso che una guerra è vicina e che gli ebrei anti-sionisti dovrebbero lasciare Israele tornando nei Paesi d’origine, altrimenti “bruceranno” senza che Netanyahu possa o abbia il tempo di salvarli. Abdalbari Atwan, rinomato editore del quotidiano Rai al-Yum, ritornava nell’ultimo articolo sul combattimento aereo tra Israele e forze armate siriane sul Libano, il 16 ottobre, sullo sfondo della reazione della difesa aerea siriana all’aggressione degli aerei da combattimento israeliani che conducevano una missione da ricognizione, non nel cielo siriano ma in quello libanese: “Il comunicato dell’Esercito arabo siriano sugli aerei da combattimento israeliani colpiti e costretti a fuggire, è uno sviluppo completamente nuovo che segna una svolta nella strategia dell’Asse della Resistenza, una strategia che non tollera più alcuna violazione dello spazio aereo libanese o siriano“. “È vero che la dichiarazione dell’esercito israeliano, pubblicata precipitosamente nei minuti successivi l’attacco, deforma la realtà nascondendo il panico dell’esercito israeliano. A credere al testo, l’aeronautica israeliana avrebbe distrutto una batteria di missili dispiegati a est di Damasco. I capi politici e militari di Tel Aviv non hanno dimenticato che per la prima volta “subivano e non infliggevano”. In seguito, ufficiali israeliani si sono susseguiti ad affermare che “Israele non cerca tensioni a tutti i costi e preferisce la tranquillità su tutto! Calma, dicono… strano!” Nel resto dell’articolo, l’autore ribadisce i termini del comunicato israeliano e aggiunge: “La cosa più strana di tutti è il silenzio del primo ministro Netanyahu e dei suoi portavoce, che non hanno detto nulla dell’attacco. Netanyahu si è accontentato di generalizzare: “Chiunque voglia attaccare Israele o la sua sicurezza sarà punito” o “ho fatto della salvaguardia della sicurezza una missione personale”, che verrà svolta “secondo le esigenze specifiche d’Israele”. Ciò significa che anche Lieberman, il capo dell’esercito, non può più garantire la sicurezza d’Israele. E capiamo perché Netanyahu abbia cercato di aiutarlo calmando i coloni che ora si aspettano il peggio“. Allo stesso tempo, Atwan si concentra, non senza ragione, sul messaggio del “missile sparato dall’antiaerea siriana” scrivendo: “Il messaggio è più che chiaro: la pazienza di Damasco ha raggiunto il limite. Non è più tollerabile vedere aerei di combattimento sionisti spiare siti sensibili sul suolo siriano dal cielo libanese, prima di abbatterli impunemente. Come Israele sa, il cielo del Libano costituisce ora il prolungamento naturale dello spazio aereo della Siria e pertanto qualsiasi violazione del cielo libanese sarà contrastato, non importa a quale prezzo. Il messaggio è cruciale. Israele è nel panico totale davanti a uno Stato siriano che, dopo sette anni di guerra, è riuscito a distruggergli degli aerei. Stato siriano che, inoltre, è affiancato da Hezbollah ben armato e pronto a qualsiasi evenienza. Il panico si legge soprattutto nelle parole di Avigdor Lieberman affidate a Walla, dove riconosceva la vittoria di Assad con franchezza inedita: “Assad ha vinto, e tutti i Paesi musulmani si accodano per averne i favori“.”
Poi nell’editoriale, l’autore collega il bellicismo anti-siriano d’Israele e la risposta di Damasco da un lato e la nuova strategia degli Stati Uniti verso l’Iran dall’altro, una strategia basata sul rifiuto del presidente Trump di certificare l’accordo nucleare o sulle sanzioni imposte al Corpo dei Guardiani Rivoluzionari Islamici. “Una strategia espressa durante un discorso che accusava l’Iran di sostenere il terrorismo, destabilizzando il Medio Oriente e gli alleati di Washington“: “Questi sono i segni di una conflagrazione del fronte che si stagliano all’orizzonte, una sfida su cui il Segretario generale di Hezbollah, Nasrallah, avvertiva indicando al premier israeliano come colui che la vuole. Ciò che preoccupa Netanyahu in realtà sono lo Stato siriano in ripresa, un Iraq che ritorna e un “ponte” che viene issato tra Iran e Libano attraverso Siria e Iraq, così come le forze di Hezbollah schierate a Qunaytra e Dara col sostegno dei consiglieri militari iraniani, permettendogli di costruire delle basi, anche se significa aprire un fronte sul Golan occupato, alle porte d’Israele. “Questo corridoio”, di cui lui e i suoi compari continuano a parlare, si estende da Mazar i-Sharif in Afghanistan a Zahiya, a sud di Beirut, sul Mediterraneo, una via per inviare armi e munizioni per l’Asse della Resistenza. E questo asse è una realtà poiché l’Esercito arabo siriano ora usa le batterie dei missili antiaerei S-200 contro i caccia israeliani in fuga. Nulla dice che i prossimi missili non siano S-400 che Damasco sparerebbe contro aerei attaccanti col via libero russo”.
Atwan è pronto a scommettere che “il Medio Oriente cambierà” perché “la Siria è sul punto di riprendere forza molto rapidamente, con l’aiuto di Russia e Iran“: “È un una realtà così profondamente capita da Washington e Tel Aviv, da far tremare Israele e i generali statunitensi… Non senza motivo Nasrallah invitava gli ebrei a lasciare Israele prima che sia troppo tardi, dato che la prossima guerra con Israele sarà diversa: ora arabi e musulmani del Medio Oriente possiedono una “forza deterrente”. Queste persone, gli israeliani le hanno già messe alla prova tre volte senza poterli sconfiggere. I nemici d’Israele non sono più dei regimi arabi corrotti che puntano tutto sulle carte truccate statunitensi. Sono diversi, nuovi a memoria dell’uomo mediorientale“.Traduzione di Alessandro Lattanzio

L’Italia finanzia le milizie libiche?

Bob Woodward, Decrypt News 3 ottobre 2017Marco Minniti, ministro degli Interni, si compiace del fatto che il numero dei migranti che lasciano la Libia per l’Europa è diminuito: – 50% a luglio e – 87% ad agosto rispetto allo stesso periodo del 2016. Inoltre, Minniti, ex-capo dei servizi segreti, è anche la causa principale della guerra a Sabratha, a 80 km ad ovest di Tripoli, iniziata il 17 settembre. I combattimenti hanno provocato almeno 26 vittime e 170 feriti, danneggiando anche l’antico teatro romano classificato come patrimonio mondiale dall’UNESCO. Là, macchie di sangue e centinaia di bossoli sono ancora sparsi a terra. Il luogo, sopravvissuto alle scosse della storia libica, è oggi segnato anche nelle pietre da tale nuovo dramma che non ha niente di teatrale. Marco Minniti è accusato di aver firmato un accordo finanziario con il capo della milizia Ahmad Dabashi, alias al-Amu (“lo zio”), per porre fine alle sue attività nel contrabbando e quindi del numero degli arrivi sulle coste italiane. L’uomo è uno dei contrabbandieri più potenti di Sabratha, le cui spiagge sono il punto di partenza della grande maggioranza dei candidati ad entrare in Europa. Nei caffè di Sabratha, gli avventori ridono quando si evoca il “pentimento” di Ahmad Dabashi: “Vuole essere rispettabile, ma siate sicuri che alle 3 del mattino le sue navi continuano a salpare“, dice Salah, che preferisce l’anonimato per paura delle rappresaglie dal capomafia, membro di una importante famiglia della città. A settembre, più di 3000 migranti sono stati salvati in mare e molti avevano lasciato le spiagge di Sabratha. Se le partenze sono rallentate, non sono completamente finite. Il conflitto a Sabratha oppone gli uomini di al-Amu (alleato della Brigata 48, guidata da un fratello di Ahmad Dabashi), e la Camera delle Operazioni (CDO) del Ministero della Difesa, l’Ufficio per la lotta al traffico clandestino degli immigranti del Ministero degli Interni (BLMC) e la milizia salafita al-Wadi, accusata anch’essa di traffico di esseri umani. Tutti sostengono di essere affiliati al governo di unità nazionale (GUN) di Fayaz al-Saraj, sostenuto dalla comunità internazionale. Ma quest’ultima riconosce solo CDO e BLMC. Prova, nel caso, che la Libia, preda del caos, è solo un’ombra grigia. Bashir Ibrahim, portavoce del gruppo di Ahmad Dabashi parlava di un accordo verbale con il governo italiano e il GUN di Fayaz al-Saraj. Ma questi due ultimi negano qualsiasi accordo finanziario con la milizia. La voce non s’è estinta. Gli abitanti della città ricordano i forti legami tra la milizia di Dabashi e l’Italia: è il gruppo armato che protegge il sito gasifero Malitah, ad ovest di Sabratha e gestito dall’ENI. Inoltre, la milizia ha due gommoni ultraveloci appartenenti alla marina libica, uno dei quali recuperato a Malitah… Basim al-Garabli, capo del BLMC, è sorpreso dall’ambasciatore italiano Giuseppe Perrone che non aveva visitato la sua unità quando arrivò a Sabratha, il 10 settembre, per felicitarsi della riduzione delle partenze dei migranti. L’ambasciatore italiano a Tripoli, da parte sua, non ha voluto rispondere alle nostre domande.
L’Italia ha pagato 5 milioni di euro ad al-Amu a luglio per tre mesi di tranquillità“, ha dichiarato un membro del CDO, sotto anonimato. “Lo scambio si è svolto in alto mare“. Questa fonte ricorda il doppio gioco del capo della milizia, che avrebbe quattro approdi in cui le navi possono imbarcare diverse centinaia di migranti, quando saranno ripristinati. Tuttavia, il 28 luglio l’Unione europea stanziò 46 milioni di euro per aiutare le autorità libiche a rafforzare la gestione dei flussi migratori e proteggere le proprie frontiere. Una somma non corrisposta dai risultati sul terreno. Ad oggi, solo 136 marinai libici sono stati addestrati in Italia per ricerca e salvataggio ed impedire il traffico di esseri umani. Quest’anno, la Guardia Costiera ha ricevuto quattro imbarcazioni da un contratto stipulato nel 2008 e, per di più, vecchie. “L’aiuto italiano è reale, ma non è all’altezza, riassume il portavoce della Marina libica, Generale Ayub Gasim. Abbiamo bisogno di nuove navi per intercettare le imbarcazioni dei migranti, che sono sempre più scortate da uomini armati su motoscafi“. La marina è più soddisfatta del “Codice Minniti”, che ha ristretto le condizioni per “l’intervento delle navi delle ONG presenti ad aiutare i migranti in difficoltà, tra lo sgomento delle organizzazioni umanitarie. “Queste navi sono come taxi per gli immigrati clandestini“, dice Ayub Gasim. “I contrabbandieri sanno che basta che i migranti raggiungano le acque internazionali per arrivare in Europa”. Si deve ancora aspettare. “Quando eravamo a Sabratha, arrivò una barca”, dice Shaada, un bangleshi di 17 anni. Ci presero soldi, cellulari, telefoni satellitari e il motore prima di partire“. Oggi presso il centro di detenzione di Tripoli, Shaada descrive l’aumento della pirateria contro gli immigrati in mare come nel deserto. Un fenomeno che spiega anche in parte il calo delle partenze dalla Libia.

L’Italia finanzia le milizie libiche?
Per Ayman Dabashi, cugino di al-Amu ma anche membro del CDO, non c’è dubbio sull’esistenza di un “contratto” con l’Italia. Ma non capisce la logica italiana. “È incomprensibile, perché mio cugino non è una persona istruita, può solo dire qualche frase“, dice. “Ha detto che avrebbe fermato le barche, ma non è vero. Arresterà le navi degli altri, ma non le sue“. “Marco Minniti sta spingendo il governo di unità nazionale ad “integrare” le milizie, come quella di al-Amu, nel Ministero della Difesa. Lo stesso ministero italiano l’ha riconosciuto. Questo è molto più grave per la sicurezza della Libia dell’esistenza o meno dello scambio di sacchi di banconote“, avverte Jalal Harshaui, che prepara una tesi sulla dimensione internazionale del conflitto libico presso l’Università Parigi-VIII. La stessa preoccupazione è stata espressa dal generale Umar Abduljalil, capo della Camera delle Operazioni: “L’Europa deve stare attenta con chi negozia. I contrabbandieri non hanno alcun problema ad introdurre terroristi con le navi dei migranti“, citando il caso di due camerunensi trovati su una barca e immediatamente inviati in prigione a Tripoli per il sospetto di appartenere a Boko Haram. Fino al febbraio 2016, i campi di addestramento islamisti si trovavano a Sabratha, prima che gli statunitensi bombardassero il sito. Il gruppo terroristico era guidato da Abdullah Dabashi, un parente di al-Amu. Un’affiliazione familiare che potrebbe servire come pretesto per Qalifa Haftar per entrare nelle danze. L’uomo forte dell’est del Paese, sebbene oppositore del governo di Fayaz al-Saraj, potrebbe inviare aerei dalla base militare di al-Watiya (80 chilometri a sud-ovest di Sabratha) per bombardare la milizia di al-Amu. Ufficialmente in nome della lotta al terrorismo, ufficiosamente per mettere piede nella Tripolitania, regione occidentale del Paese. “Se Haftar interviene, l’alterazione probabilmente non rimarrà locale“, prevede il ricercatore Jalal Harshaui. “Un conflitto prolungato spingerà altre milizie a prendere posizione e ad entrare nella lotta. Questa parte della Libia è la più popolata del Paese. Può avviare ed essere soggetto a un mutamento significativo“. Il maresciallo Haftar è stato anche ricevuto da Marco Minniti a Roma. La questione di Sabratha è stata discussa. Mattia Toaldo non crede all’escalation: “Marco Minniti vuole proteggere la sua politica anti-migrazione convincendo Qalifa Haftar a starne fuori. Quest’ultimo non ha interesse a intervenire, sarebbe una missione suicida“. Che il conflitto esploda o no, il traffico di migranti non scomparirà e le reti si adatteranno. “Al momento per i trafficanti è più conveniente contrabbandare benzina o cibo che uomini. Ma è una vittoria di Pirro. Riprenderà“, dice Shuqri Fitis, che ha partecipato ad una relazione dell’Altai Consulting intitolata “Lasciare la Libia, rapida panoramica dei comuni di partenza“, indicando la spiaggia di Sidi Bilal, a venti chilometri ad ovest di Tripoli, come prossimo centro d’imbarco. Qui l’al-Amu locale è Saborto, che dirige una milizia della tribù Warshafana nota per i rapimenti di ricchi tripolitani e di stranieri.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Lo Stato islamico resta potente (ma solo nella realtà virtuale)

Alessandro Lattanzio, 30/9/2017Il 28 settembre, lo SIIL aveva attaccato con 12 autobombe vari punti dell’autostrada Tadmur-Dayr al-Zur: al-Shula, Bir Qabajib, Suqanah e T3, venendo però respinto dall’EAS che eliminava almeno 58 terroristi. Lo scopo dell’attacco era fermare le operazioni della 4.ta Divisione corazzata dell’EAS per attraversare l’Eufrate e schierare mezzi pesanti contro l’asse tra islamisti, curdi e forse speciali statunitensi. Il 29 settembre sera, nell’est del Governatorato di Homs, delle cellule dello SIIL di Mahin, Huarin e Hadath, dove dominavano elementi wahabiti e sauditi, attaccavano l’autostrada Shuayrat-Raqama presso Quraytin. Ma le cellule terroristiche venivano eliminate dopo alcune ore di combattimenti.
Poco prima, sempre il 28 settembre, veniva diffusa la ‘fake news’ di una “super-operazione” dei terroristi del Faylaq al-Rahman, ramo dell’Hayat Tahrir al-Sham (al-Qaida in Siria), che annunciava la distruzione di un edificio della Guardia Repubblicana dell’Esercito arabo siriano ad Ayn Tarma, quartiere presso Damasco, uccidendo 45 soldati siriani (dicevano 19 +25 altri uccisi altrove, e si sa, 19 + 25 fa 45… secondo la matemagia islamista). Tale ‘notizia’ proveniva da un PR dello stesso Faylaq al-Rahman, intervistato da siti vicini alla Fratellanza mussulmana, e tale ‘notizia’ veniva poi rilanciata da siti e pagine facebook di presunti sostenitori della Repubblica Araba di Siria. Fatto sta che questa ‘notizia’ non veniva confermata da alcun fonte ufficiale o ufficiosa siriana. Anzi, le Forze di Difesa Nazionale siriana di Damasco, annunciavano, alle 9.11 del 28 settembre, di aver loro distrutto, sempre ad Ayn Tarma, un comando dei taqfiri, eliminando 13 terroristi nascostisi in un tunnel lungo 40 metri.
I presunti filo-siriani tiravano fuori le foto dei funerali di questi soldati ancor prima che i presunti cadaveri venissero tirati fuori dalle presunte macerie di Ayn Tarma. Tra l’altro esibendo foto di miliziani paramilitari sciiti e non di militari siriani della Guardia Repubblicana, presunte vittime dell”attentatuni’ di al-Qaida. Contemporaneamente, in concomitanza con l’assalto all’autostrada M-20 da parte dello Stato islamico, diverse paginette e profili social-media ‘filo-siriani’, diffondevano la panzana che presso Dayr al-Zur i terroristi avessero eliminato 58 soldati siriani; in realtà era vero proprio il contrario, l’assalto islamista sull’autostrada M-20, da Tadmur a Dayr al-Zur, era stato respinto dalle forze governative eliminando almeno 62 terroristi solo ad al-Suqanah.
In realtà, si era assistito a un’offensiva propagandistica taqfirita su internet in supporto di quella sul campo contro l’Esercito arabo siriano. Un’offensiva collaterale e virtuale che aveva più successo di quella concreta, dato che riusciva a terrorizzare e convincere tanti tonti ‘filo-siriani’ della sconfitta imminente di Siria (e Iran e Russia!) per mano dei raccogliticci supermen di al-Qaida e Stato islamico. Organizzazioni terroristiche che godono del supporto mediatico delle unità di guerra psicologica e disinformazione della NATO, pieni di psicologi e influencer che ben conoscono la pochezza culturale, la debolezza mentale e l’ambiguità morale di non pochi presunti ‘sostenitori’ (verbali) della causa della Repubblica Araba di Siria.
Nel frattempo, a dimostrazione di quale fosse la realtà sul campo, e non sui siti internet islamisti e filo-atlantisti più o meno dichiarati, Salah al-Salah, un capo religioso dello SIIL, fuggiva da al-Mayadin, cittadina a sud di Dayr al-Zur, obiettivo imminente delle operazioni dell’Esercito arabo siriano.

Il Generale Suhayl al-Hasan, che secondo le ‘notizie’ fornite dai Taqfiriti, era morto nell’assalto dello SIIL a sud di Dayr al-Zur, quando in realtà si prepara ad intervenire su Idlib.

C’è un accordo tra SIIL e Stati Uniti?

Valentin Vasilescu, Reseau International 28 settembre 2017Il Ministero della Difesa russo ha pubblicato le immagini riprese dai droni dall’8 al 12 settembre 2017, che mostrano il dispiegamento dei terroristi dello SIIL a nord di Dayr al-Zur in Siria. La sorpresa è la presenza di blindati Humvee-Hummer (HMMWV) delle forze speciali statunitensi nelle basi difensive dello SIIL presso Dayr al-Zur. Sulla mappa del Ministero della Difesa russo, appaiono sei schieramenti difensivi dello SIIL (per un totale di 1500 terroristi) in cui erano posizionati dei blindati statunitensi Humvee diretti verso la periferia di Dayr al-Zur. Il Ministro della Difesa russo affermava che i reggimenti curdi controllati dalle Forze Speciali degli Stati Uniti (SOF) e dalle Forze democratiche siriane (SDF) avanzavano senza ostacoli tra le posizioni dello SIIL sulla sponda orientale l’Eufrate, in direzione di Dayr al-Zur. Ad esempio, un’immagine aerea dell’8 settembre mostra una postazione di controllo fortificata dello SIIL situata a 23 km a sud-ovest di Jisr al-Shadadi, sulla strada per Dayr al-Zur. 3 autocarri statunitensi con 2 blindati e 5 Toyota dello SIIL erano fermi nella postazione di controllo. Allo stesso tempo, sulla strada, vi erano 4 tecniche delle SDF curde accompagnate da 1 Hummer statunitense.
Ciò che è incomprensibile è l’assenza di tracce di combattimenti tra SIIL e Forze democratiche siriane (SDF) e SOF. Le SOF non avevano creato pattuglie mobili come avanguardia delle colonne SDF per difenderle da un possibile attacco dello SIIL. Non ci sono crateri di proiettili di artiglieria e bombe della coalizione anti-SIIL guidata dagli Stati Uniti presso le fortificazioni dello SIIL in cui i veicoli di SDF e SOF stazionavano. Va inoltre osservato che tutte le fortificazioni dello SIIL erano circondate da campi minati. Alcun concentramento di mezzi di SDF e SOF aveva adottato un sistema di sorveglianza militare e di sicurezza, anche se erano nelle zone difensive dello SIIL. La conclusione del Ministero della Difesa russa è che “i soldati statunitensi si sentono al sicuro nelle aree controllate dai terroristi in Siria“.
Gli ufficiali russi riferivano che quando l’Esercito arabo siriano arrivò a Dayr al-Zur tra il 26 e il 28 agosto, molti elicotteri dell’esercito statunitense evacuarono 22 capi dello SIIL di origine europea con le loro famiglie da diverse aree a nord-ovest di Dayr al-Zur. Va osservato che al momento in cui le SDF scortate dalle forze speciali dell’esercito degli Stati Uniti (SOF) avanzavano per 100 km attraversando senza combattere le linee dello SIIL, nella zona industriale di Dayr al-Zur, i 600 terroristi dello SIIL presenti nelle nuove posizioni occupate dalle SDF, avviarono forti contrattacchi contro le truppe siriane sbarcate sulla sponda orientale dell’Eufrate. Non è una coincidenza che lo SIIL non si preoccupi dell’occupazione del suo territorio dalle SDF, concentrandosi nella lotta all’Esercito arabo siriano per impedirgli di liberare la provincia di Dayr al-Zur fino al confine con l’Iraq. Una provincia che gli Stati Uniti vogliono occupare con i loro alleati curdi delle SDF.
La stampa occidentale e rumena evita di riportare queste informazioni, suggerendo che sia una falsificazione o che, se vera, disturberebbe la percezione pubblica della lotta degli USA contro lo SIIL, infastidendo Casa Bianca e cancellerie europee.Traduzione di Alessandro Lattanzio