Il ruolo degli “intellettuali di sinistra” imperialisti

Prof. Michel Chossudovsky, Mondialisation, 13 gennaio 2018Ciò a cui assistiamo in Nord America ed Europa occidentale è la falsa militanza sociale, controllata e finanziata dalla dirigenza aziendale. Tale manipolazione impedisce la formazione di un vero movimento di massa contro guerra, razzismo ed ingiustizia sociale. Il movimento contro la guerra è morto. La guerra imposta alla Siria è descritta “guerra civile”. Anche la guerra allo Yemen è descritta guerra civile. Mentre l’Arabia Saudita continua a bombardare, il ruolo insidioso degli Stati Uniti viene banalizzato o semplicemente ignorato. “Dato che gli Stati Uniti non sono direttamente coinvolti, non vediamo la necessità di lanciare una campagna contro la guerra“. La guerra e il neoliberismo non sono più al centro della militanza della società civile. Finanziato da enti di beneficenza aziendali, attraverso una rete di organizzazioni non governative, l’attivismo sociale è frammentato. Non esiste un movimento integrato anti-globalizzazione e anti-guerra. La crisi economica non è percepita come legata alle guerre degli Stati Uniti. Il dissenso è compartimentato. I movimenti di protesta “incentrati su particolari questioni” (ad es. ambiente, anti-globalizzazione, pace, diritti delle donne, LGBT) sono incoraggiati e generosamente finanziati, a scapito di un movimento di massa omogeneo contro il capitalismo globale. Tale mosaico era già una realtà nei summit G-7 e dei Popoli negli anni ’90, così come nel primo World Social Forum del 2000, che raramente adottò un atteggiamento anti-guerra inequivocabile. Gli eventi organizzati dalle ONG e generosamente finanziati da fondazioni imprenditoriali hanno lo scopo tacito di creare profonde divisioni nella società occidentale per mantenere l’ordine sociale esistente e l’agenda militare.

Siria
Il ruolo dei cosiddetti intellettuali “progressisti” che parlano a favore del programma militare statunitense e della NATO va sottolineato. Non c’è niente di nuovo. Segmenti del movimento contro la guerra che si oppose all’invasione dell’Iraq nel 2003 tacitamente appoggiano gli attacchi aerei di Trump contro il “regime di Assad” in Siria, che presumibilmente “massacra il proprio popolo”, uccidendolo con attacchi chimici premeditati. Secondo Trump, “Assad ha tolto la vita a uomini, donne e bambini indifesi“. In un’intervista rilasciata a “Democracy Now” il 5 aprile 2017 (due giorni prima degli attacchi di Trump alla Siria), Noam Chomsky dichiarava di essere a favore del “cambio di regime” suggerendo che l'”eliminazione” negoziata di Bashar al-Assad portasse alla soluzione pacifica. Secondo Chomsky, “Il regime di Assad è immorale, compie atti orribili e pure i russi”. Accuse prive di alcuna prova e documento. Una scusa per coprire i crimini di guerra di Trump? Le vittime dell’imperialismo sono accusate con nonchalance dei crimini dell’imperialismo: “(…) Sa, non possiamo dirgli “vi uccidiamo. Vedete di negoziare”. Non funziona. Ma un processo in cui Bashar al-Assad sia eliminato coi negoziati (con i russi) potrebbe portare a una sorta di sistemazione. L’occidente non l’avrebbe voluto (…) All’epoca pensavano di poter rovesciare Assad, quindi non voleva farlo e la guerra continuò. Avrebbe funzionato? Non lo sapremo mai. Ma si sarebbe potuto provare. Nel frattempo, Qatar ed Arabia Saudita sostengono i jihadisti, che non sono diversi dallo SIIL. Quindi c’è orrore da tutte le parti. Il popolo siriano viene decimato”. (Noam Chomsky su Democracy Now, 5 aprile 2017).
In Gran Bretagna, Tariq Ali, descritto dai media inglesi come il capo del movimento pacifista di sinistra nel Regno Unito dalla guerra del Vietnam, invocava la dipartita del Presidente Bashar al-Assad. Il suo discorso ricorda quello dei guerrafondai di Washington: “Assad deve essere abbattuto, (…) e il popolo siriano fa del suo meglio per farlo (…) Il fatto è che la stragrande maggioranza dei siriani vuole che la famiglia di Assad se ne vada ed è il nocciolo che dobbiamo capire e che Assad dovrebbe capire (…) Ciò che è necessario in Siria è un governo nazionale laico per preparare una nuova costituzione (…) Se il clan di Assad si rifiuta di rinunciare al controllo sul Paese, prima o poi succederà qualcosa di disastroso (…) Il loro futuro si decide e non c’è per loro”. Intervista a RT nel 2012. Tariq Ali, portavoce della coalizione Stop the War, evitò di menzionare che Stati Uniti, NATO ed alleati sono attivamente coinvolti nel reclutamento, addestramento e armamento di un esercito di mercenari terroristi (sopratutto stranieri). Sotto le mentite spoglie del cosiddetto movimento progressista contro la guerra, Ali tacitamente legittima l’intervento militare occidentale sotto la bandiera della “guerra al terrore” e della cosiddetta “responsabilità di proteggere” (R2P). Il fatto che al-Qaida e Stato islamico siano segretamente supportati da Stati Uniti e NATO viene ignorato. Secondo l’autore inglese William Bowles, Tariq Ali è uno dei molti intellettuali di sinistra imperialisti che hanno distorto la militanza contro la guerra nel Nord America e in Europa: “Ciò evidenzia la contraddizione di essere un cosiddetto socialista pur avendo il privilegio di far parte dell’élite intellettuale dell’impero, venendo molto ben pagato per aver detto alla Siria ciò che dovrebbe e non dovrebbe fare. Non vedo alcuna distinzione tra l’arroganza di Ali e quella occidentale, che pretende esattamente la stessa cosa, che Assad deve andarsene!

John Deutch, capo della CIA nel 1995-1996. Amico intimo di Noam Chomsky.

Il movimento contro la guerra di oggi
Il capitalismo globale finanzia l’anticapitalismo. Tale relazione è tanto assurda quanto contraddittoria. Non può esserci alcun significativo movimento contro la guerra quando il dissenso è generosamente finanziato dagli stessi interessi aziendali obiettivo del movimento di protesta. Come McGeorge Bundy, ex-presidente della Fondazione Ford (1966-1979), una volta disse: “Tutto ciò che la fondazione Ford ha fatto va visto come sforzo per rendere il mondo sicuro per il capitalismo“. Molti “intellettuali di sinistra” oggi cercano di “rendere il mondo sicuro” per i guerrafondai. Il movimento contro la guerra di oggi non mette in discussione la legittimità di chi prende di mira. Oggi, i “progressisti” finanziati da grandi fondazioni, con l’approvazione dei media istituzionali, impediscono la formazione di un movimento popolare contro la guerra significativo e nazionale. Un movimento pacifista coerente deve anche opporsi a qualsiasi forma di cooptazione, essendo consapevole che una parte significativa della cosiddetta opinione “progressista” sostiene tacitamente la politica estera degli Stati Uniti, anche gli “interventi umanitari” auspicati da ONU e NATO. Un movimento contro la guerra finanziato da fondazioni aziendali è una causa e non la soluzione. Un movimento pacifista coerente non può essere finanziato dai guerrafondai.

La via da seguire
Ciò che è necessario è creare una rete ampia e popolare che cerchi di sradicare i modelli di autorità e processo decisionale relativi alla guerra. Questa rete va stabilita in tutta la società, le città e i villaggi, nei luoghi di lavoro e nelle parrocchie. Sindacati, associazioni di agricoltori, associazioni professionali e imprenditoriali, associazioni studentesche, associazioni di veterani e gruppi basati sulla fede sarebbero invitati ad unirsi alla struttura organizzativa pacifista. Questo movimento dovrebbe estendersi anche alle forze armate, di fondamentale importanza per infrangere la legittimità della guerra tra i militari. Il primo compito sarebbe neutralizzare la propaganda bellica con un’efficace campagna contro la disinformazione dei media. I media istituzionali sarebbero direttamente presi di mira, il che porterebbe al boicottaggio dei principali media, responsabili della disinformazione via media. Allo stesso tempo, questo sforzo richiederebbe la creazione di un processo per sensibilizzare i concittadini sulla natura della guerra e della crisi economica globale, permettendo anche di “diffondere il messaggio” efficacemente con una rete avanzata, attraverso media alternativi su Internet, ecc. Negli ultimi tempi, i media online indipendenti sono oggetto di manipolazione e censura, con lo scopo preciso di danneggiare l’attivismo pacifista su Internet. La creazione di tale movimento, che minerebbe seriamente la legittimità delle strutture del potere politico, non è un compito facile. Ciò richiederà solidarietà, unità e impegno senza precedenti nella storia del mondo. Rimuoverà anche gli ostacoli politici ed ideologici nella società e parlerà con una sola voce. Infine, sarà necessario deporre i criminali di guerra e processarli.

Jeremy Corbyn e Tariq Alì

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

Il fenomeno OSNI in Argentina

Basi biologiche sottomarine?
Luis Burgos (FAO – ICOU)C’è del marcio nell’Atlantico del Sud
A seguito dei tragici eventi verificatisi con l’ARA San Juan il 15 novembre 2017, vi sono state numerose richieste se tale caso potesse essere correlato a una parte del nostro tema. Inutile dire che sarebbe dolorosamente rischioso suggerirne una qualche associazione. Il tempo sarà testimone di ciò che è realmente accaduto una volta completate le ricerche sottomarine. L’unica cosa che possiamo fare è indovinare o aggiungere opinioni. Quindi vale il seguente contributo: Dopo il periodo di confusione generalizzata dalle varie versioni (sette chiamate, rumori biologici, anomalie idroacustiche, zattere galleggianti, boe, ecc.) e avendo la certezza dell’incidente, localizzati tempo e spazio del soggetto attraverso due assi fondamentali: cause dell’esplosione e rischio operativo.

Cause dell’esplosione
A – Interno per difetti delle batterie, il più accreditato “ufficialmente”.
B – Interno per immersione a profondità critiche a causa di un guasto.
C – Collisione con un “oggetto sconosciuto”.
D – Attacco da un “oggetto sconosciuto”.
Indubbiamente, questo ultimo punto è il più inquietante di tutti. L’ARA San Juan partecipava all’operazione Cormoran nelle acque del sud insieme a forze internazionali. Per la sua destinazione, sebbene fosse Mar del Plata, passava molto vicino all’area d’esclusione imposta dagli inglesi e, nonostante si sia in tempo di pace e non di guerra, l’ipotesi del conflitto è un problema che aleggia spettralmente.

Soccorso operativo
Un imponente schieramento di Paesi offre aiuto logistico e umanitario all’Argentina, tra cui quattro dei cinque membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (Stati Uniti, Russia, Regno Unito e Cina). Ciò è d’importanza superlativa, ma c’è buona ragione per una riflessione che scivola tra tre ipotesi:
A – Offrono aiuto in cambio di nulla perché sono “bravi ragazzi”.
B – Offrono aiuto, ma allo stesso tempo cercano di “approfittare” della situazione: risorse marittime, spionaggio, trattati futuri, ecc.
C – Vogliono davvero scoprire cos’è successo col pretesto del famoso rischio sicurezza.
E qui dobbiamo fermarci di nuovo: l’Argentina fa parte del famoso Trattato di non Proliferazione delle Armi Nucleari (1968) composto da numerosi Paesi e dalle potenze mondiali. Non appena la notizia divenne nota in tutto il mondo, molte di queste nazioni si sono mobilitate presso la nostra Patagonia, inviando subito truppe e tecnologia all’avanguardia. Una mega-operazione unica che coinvolge 4000 persone. In effetti, resteranno fin quando non scopriranno cos’è successo al San Juan, dato che la morte dei quarantaquattro membri dell’equipaggio è scontata. È ovvio, in questo momento, che qualcosa non quadra. La stessa dichiarazione ufficiale della Marina argentina è agghiacciante: “evento anomalo, singolare, breve, violento e non nucleare“. Sapendo anche che l’onda d’urto subacquea fu avvertita in Sud Africa e, probabilmente, nell’Oceano Indiano. E la domanda si pone… l’élite dei Paesi che operano nella zona zero (Stati Uniti, Russia, Francia, Regno Unito e Germania) sospettano qualcos’altro? Nell’ipotetico piano, valutano la possibilità che l’ARA San Juan avesse un’arma nucleare che avrebbe messo a rischio non solo l’ecologia marina, ma anche la politica internazionale e della difesa. Una questione fondamentale gioca contro di noi come Paese e questo ci fa riflettere. Il tema ricorda il missile Condor II e le sue conseguenze (1989). E la cosa più triste di tutte è che non potranno mai dirci le vere cause di tale incidente, ma questa ipotesi, una tra le tante, può portarci con una scorciatoia a “rispondere” sul perché siano tutti nel nostro mare… Nello specifico, non si può ignorare la storia dell'”oggetto subacqueo” rilevato dall’aereo yankee a 300 chilometri da Puerto Madryn, Chubut, a settanta metri di profondità, svelata il giorno successivo, quando era noto che il luogo in cui si trovava il sottomarino nel momento dell’esplosione era verso il Golfo di San Jorge, cioè a circa 140 miglia nautiche più a sud (?)…Riflessione finale
A conclusione di tutto ciò, l’unica cosa che sappiamo è che l’Argentina deve ripensare le proprie Forze Armate, ma con un ripensamento imminente e serio, che vada preso come tale dalle autorità coinvolte, cioè i tre poteri della Nazione (esecutivo, legislativo e giudiziario) e le tre armi (Aeronautica, Esercito e Marina). È la priorità di oggi, non domani o nei prossimi anni, non è uno scherzo. Purtroppo, e sebbene sia difficile dirlo, il “colpevole” dello stato in cui sono oggi le Forze Armate è… la democrazia. Sono passati trentaquattro anni dal suo ritorno del 1983 e alcun governo ha fatto nulla a favore… ma sempre contro: taglio del budget, mancanza di corretta manutenzione, smantellamento, ecc. Incredibilmente, in questi giorni, vediamo molti leader politici di questi tre decenni preoccupati nel dare ogni genere di spiegazioni. Bene, riguarda tutti il proverbio “la corruzione uccide”, quindi “il crack” è in sottofondo… con reverendo attuale ribollire!Introduzione
Successivamente, esamineremo il traffico non identificato in quei luoghi lontani. Dalla nascita stessa del fenomeno, piatti volanti all’epoca e UFO oggi, sono intimamente legati all’acqua. Gli oggetti non identificati proliferano nella casistica mondiale, emergendo o immergendosi in fiumi, laghi, lagune e mari. Da lì alla possibilità di basi nelle zone lacustri c’è un passo. Pertanto, sono nati gli OSNI, oggetti sommersi non identificati. Altri ricercatori parlano tacitamente di sottomarini od oggetti sottomarini. La cosa trascendente è che il nostro Paese non è sfuggito a tali eventi e già dagli anni ’40 incidenti in numerose zone idriche del territorio argentino furono segnalati. Qui circola una mia nota intitolata “Luci nei laghi” su episodi con queste caratteristiche, con la possibilità che possano essere usati come habitat o rifugio permanenti o temporanei.

Il primo OSNI nel Paese
Non era trascorsa una settimana dal “primo caso di piatto volante in Argentina” (10 luglio 1947 a La Plata, Buenos Aires) quando l’associazione UFO-AGUA si era già delineata, incredibilmente. In effetti, alle 09:00 del mattino del 15 luglio dello stesso anno, i membri dell’equipaggio di una nave polacca ormeggiata a Puerto Nuevo, così come il personale della prefettura uruguaiana, rilevarono la caduta sul Río de la Plata di uno “strano artefatto simile a un aeroplano“. Di fronte tale reclamo, un’inchiesta fu avviata dalle compagnie aeree se uno qualsiasi dei loro aerei avesse subito un incidente. Risultato negativo. Una domanda inquietante galleggiava sulle acque del Rio de la Plata: quale oggetto volante precipitò quel giorno d’inverno?

Segnalazioni negli anni ’50
E gli episodi continuarono negli anni successivi. Notizie dalle coste della Patagonia parlavano di oggetti enigmatici emergenti o immersi nelle acque marine, come accaduto a Rio Grande (Tierra del Fuego) e Puerto Coig (Santa Cruz) nel 1950, o a Comodoro Rivadavia (Chubut) nel 1953. Ma ciò che era veramente sconcertante fu che incidenti furono segnalati anche alle porte della capitale federale:Un curioso oggetto simile a “una mina sottomarina” di colore rosso fu osservato galleggiare davanti al pontone Recalada del Río de la Plata, il 19 febbraio 1953. Si trovava a 35° di latitudine sud e 56° di longitudine ovest e fu confermato dal capitano della nave San Jorge e dall’equipaggio del vapore Coracero. La ricerca non ebbe successo. Nel giugno 1959, secondo le informazioni ufficiali, un oggetto sommerso non identificato fu avvistato nelle acque del Rio de la Plata… Infine, una notte dell’agosto dello stesso anno, alle 21:15, il residente Victorio Perea, del quartiere Villa Lynch, distinse un oggetto volante luminoso simile a “un dirigibile” che cadeva sul Rio de la Plata.

I misteriosi anni ’60
E così arriviamo al decennio controverso dove vi furono numerosi “inseguimenti” della Marina argentina di “oggetti sottomarini non identificati”, strani e sfuggenti, nei golfi della Patagonia, specialmente nelle acque del Golfo Nuevo nella penisola di Valdés e nel golfo di San Jorge. Tutto ciò portò alla formazione delle famose Commissioni ufficiali e a tre presidenti interessati alla questione di questi comitati: Arturo Frondizi, Arturo Illia e il generale Juan Carlos Onganía. Intercettazioni e bombardamenti di profondità furono vani. Per anni, gli OSNI imperversarono nelle regioni meridionali fin quando gli incidenti non diminuirono nei decenni successivi. La Marina, quindi, ignorò la situazione e ogni episodio relativo ad oggetti enigmatici sommersi o emersi al largo delle coste proveniva da pescatori, turisti, automobilisti o residenti. Forse l’esempio più ricordato è quello dell’agricoltore Carlos Corosan, che nel 1966 fu testimone privilegiato di “un grosso oggetto metallico dall’aspetto rastremato che, lasciando una nuvola di fumo, precipitò alla luce del sole al largo di Puerto Deseado (Santa Cruz), producendo un grande rumore nelle acque“.Quindi, l’ipotesi che acquisì sempre più forza negli anni notava che potrebbero esistere sotto i nostri mari ricoveri permanenti che svolgerebbero la funzione di vere basi per OSNI. In breve, un’intensa attività biologica sconosciuta protetta da ogni rischio da queste profondità… Come aneddoto, in quegli anni mio fratello, Pedro Trachsler, prestava servizio sul cacciatorpediniere ARA Cervantes. In un’occasione l’allerta fu data quando un oggetto non identificato fu rilevato nelle acque del Golfo Nuevo. Procedendo all’intercettazione, furono lanciate bombe di profondità e poi una salva di siluri, che non colpendo il bersaglio furono poi prelevati in superficie e riportati a bordo. Continuando con la sua storia, prima di scomparire, l’OSNI “passò incredibilmente sotto la nave da guerra“…

ARA Cervantes

L’intruso del 1975
Tra le molte storie degli anni ’70, ce n’è una molto significativa per la qualità dei testimoni, sebbene desiderassero rimanere anonimi. Verso le 13:30 del mattino del 16 luglio, queste quattro persone, due uomini d’affari e due viaggiatori commerciali, stavano pescando nel molo di Caleta Olivia (Santa Cruz). La notte era serena. All’improvviso, uno di loro individuò a circa 100 metri sotto la superficie marina una strana sagoma fusiforme lunga circa dieci metri, in completo silenzio, con spigoli vivi e colorazione giallo-verdastra. Così, per venti minuti, l’OSNI scivolò lentamente lungo la costa verso sud finché non scomparve. La mattina dopo, molti abitanti di Caleta Olivia videro un gran numero di pesci morti sulle loro coste, oltre a gabbiani e albatros. Per l’intera giornata la pesca fu impossibile…Il caso di San Blas
E ancora, a metà degli anni ’80, un’altra presenza OSNI fu ufficialmente corroborata. Questa volta nella Baia di San Blas, a sud di Buenos Aires, conosciuta come “paradiso dei pescatori”. Infatti, la notte del 3 giugno 1988, la petroliera Puerto Rosales informò la Prefettura Navale di aver rilevato prima sul radar e poi visivamente, un enigmatico oggetto flottante non identificato a venti miglia dalle coste, di dimensioni regolari e che non rispondeva ad alcuno dei segnali fatti. L’allerta fu immediato e la Marina argentina dispiegò una grande operazione comprendente aerei della base Comandante Espora, la corvetta Grandville, il cacciatorpediniere Sarandí e un velivolo Electra 6 P-101 che decollò dalla base Almirante Zar di Trelew, Chubut. Dopo ore di monitoraggio il Ministero della Difesa chiuse la ricerca. Va notato che l’area in cui si muoveva l’intruso, di fronte al secondo faro di Barranca, non ha grande profondità, quindi sarebbe stato molto rischioso per una nave convenzionale sfuggire a tali acque, e forse a causa di ciò il rapporto della Marina sostituì la parola sottomarino con oggetto galleggiante…Epilogo
Trent’anni fa, in diversi articoli giornalistici sostenni l’esistenza di queste “basi sottomarine”. E molto poco o quasi nulla è cambiato oggi. Questi OSNI continuano a muoversi e a comportarsi come negli anni ’40 o ’50, con la stessa impunità di sempre, come se il territorio gli appartenesse o lo facessero da tempo, abitando sott’acqua. Si muovono sia in mare aperto stupendo navi e pescherecci, che a pochi metri dalle coste stupendo pescatori e residenti. Pertanto, l’esistenza di una presenza ignota operante sotto le acque del Mar Argentino e, quindi, dell’Oceano Atlantico, si allontana dalla mera ipotesi e si avvicina alla realtà. La casistica lo dimostra e gli eventi continueranno a ripetersi… dimostrando ancora una volta che nonostante la super tecnologia delle grandi potenze, capace di “localizzare” una targa automobilistica o una pallina da tennis dai satelliti, quando si paragonano alle capacità del fenomeno OVNI, si nota la grande differenza…Riferimenti:
Bollettino UFO PRESS, n. 13, ottobre 1979
Clarín, 5 giugno 1988
Expedientes OVNIs (Los Archivos Clasificados Argentinos), Luis Burgos, ottobre 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Auree incandescenti e fondi neri: il misterioso programma UFO del Pentagono

Helene Cooper, Ralph Blumenthal e Leslie Kean, New York Times 16 dicembre 2017

Robert Bigelow

Tra i 600 miliardi di dollari di budget annuali del dipartimento della Difesa, i 22 milioni spesi per il Programma d’identificazione delle minacce aerospaziali avanzate erano quasi impossibili da trovare. Come voleva il Pentagono. Per anni, il programma ha indagato sulle segnalazioni di oggetti volanti non identificati, secondo i funzionari del dipartimento della Difesa, interviste ai protagonisti del programma e documenti ottenuti dal New York Times. Era gestito da un ufficiale dell’intelligence militare, Luis Elizondo, al quinto piano del C Ring del Pentagono, nel ventre labirintico dell’edificio. Il dipartimento della Difesa non ha mai riconosciuto l’esistenza del programma, che dice di aver chiuso nel 2012. Ma i sostenitori dicono che, mentre il Pentagono ha finito i finanziamenti al momento, il programma resta. Negli ultimi cinque anni, dicono, i funzionari del programma hanno continuato ad indagare su episodi riportatigli dai militari mentre svolgevano altri compiti del dipartimento della Difesa. Il programma segreto, alcune parti restano classificate, iniziò nel 2007 ed inizialmente fu ampiamente finanziato su richiesta di Harry Reid, il democratico del Nevada che all’epoca era il leader della maggioranza del Senato e che da tempo s’interessa ai fenomeni spaziali. La maggior parte del denaro andò a una società di ricerca aerospaziale gestita da un imprenditore miliardario e vecchio amico di Reid, Robert Bigelow, che attualmente collabora con la NASA per produrre mezzi espandibili da utilizzare nello spazio. Su “60 minutes” della CBS a maggio, Bigelow disse di essere “assolutamente convinto” che gli alieni esistono e che gli UFO visitano la Terra.
Lavorando con la compagnia di Bigelow a Las Vegas, il programma ha prodotto documenti che descrivono avvistamenti di aerei che sembravano muoversi a velocità molto elevate senza segni visibili di propulsione, o che si libravano senza apparenti mezzi di sostentamento. Funzionari del programma hanno anche studiato video di incontri tra oggetti sconosciuti e aerei militari statunitensi, tra cui uno pubblicato ad agosto di un oggetto ovale biancastro, delle dimensioni di un aereo commerciale, inseguito da due caccia F/A-18F della Marina della portaerei Nimitz, al largo di San Diego, nel 2004. Reid, ritiratosi dal Congresso quest’anno, dichiarava di essere orgoglioso del programma. “Non sono imbarazzato, non mi vergogno o mi dispiace di aver fatto andare avanti questa cosa“, aveva detto Reid in un’intervista in Nevada. “Penso che sia una delle cose buone che ho fatto nella mia permanenza al Congresso. Ho fatto qualcosa che nessuno ha mai fatto prima“. Anche altri due ex-senatori e membri di spicco di una sottocommissione per le spese della Difesa. Ted Stevens, repubblicano dell’Alaska, e Daniel K. Inouye, democratico alle Hawaii, sostennero il programma. Stevens è morto nel 2010 e Inouye nel 2012. Pur non affrontando i meriti del programma, Sara Seager, astrofisica del MIT, ammoniva che non conoscere l’origine di un oggetto non significa che provenga da un altro pianeta o galassia. “Quando si dichiara di osservare fenomeni veramente insoliti, a volte vale la pena investigare seriamente”, ha detto. Ma aggiungeva, “ciò che la gente a volte non capisce della scienza è che spesso abbiamo fenomeni che rimangono inspiegabili“. Anche James E. Oberg, ex-ingegnere dello space shuttle della NASA e autore di 10 libri sui voli spaziali che spesso sfatano gli avvistamenti UFO, era dubbioso. “Ci sono molti eventi prosaici e tratti percettivi umani che possono spiegare queste storie“, ha detto. “Molti sono attivi nei cieli e non vogliono che gli altri lo sappiano. Sono felici di nascondersi non riconosciuti dalle voci, o persino ne fanno un camuffamento”. Tuttavia, Oberg affermava di accogliere favorevolmente la ricerca. “Potrebbe esserci una perla” dice.
In risposta alle domande del Times, i funzionari del Pentagono questo mese hanno riconosciuto l’esistenza del programma, iniziato nell’ambio dell’Agenzia d’intelligence della Difesa. I funzionari hanno insistito sul fatto che lo sforzo si concluse dopo cinque anni, nel 2012. “Fu deciso che c’erano altri problemi dalla priorità più alta che meritavano finanziamenti, e fu nell’interesse del DoD cambiare“, disse il portavoce del Pentagono Thomas Crosson, in un’email, riferendosi al dipartimento della Difesa. Ma Elizondo ha detto che l’unica cosa a finire fu il finanziamento del governo, prosciugatosi nel 2012. Da allora, Elizondo ha detto in un’intervista di aver collaborato con ufficiali della Marina e della CIA e continuato a lavorare fuori dal suo ufficio del Pentagono fino ad ottobre, quando si dimise per protesta contro ciò che definiva eccessiva segretezza ed ostruzione interna. “Perché non spendiamo più tempo e sforzi su questo tema?” scrisse Elizondo nella lettera di dimissioni al segretario alla Difesa Jim Mattis. Elizondo ha detto che lo sforzo continuò e che ebbe un successore, che si rifiutava di nominare.
Gli UFO sono stati studiati ripetutamente nel corso dei decenni negli Stati Uniti, anche dai militari. Nel 1947, l’Air Force iniziò una serie di studi che indagarono su oltre 12000 avvistamenti UFO prima che venissero ufficialmente conclusi nel 1969. Il programma, che includeva uno studio dal nome in codice Project Blue Book, iniziò nel 1952 e concluse che la maggior parte degli avvistamenti riguardava stelle, nuvole, aerei convenzionali o aerei spia, anche se 701 rimasero inspiegabili. Robert C. Seamans Jr., segretario dell’Aeronautica militare all’epoca, dichiarò in un memorandum che annunciava la fine del Project Blue Book, che “non può più essere giustificato né sulla base della sicurezza nazionale né nell’interesse della scienza”. Reid disse che l’interesse per gli UFO glielo trasmise Bigelow. Nel 2007, Reid disse in un’intervista che Bigelow gli disse che un ufficiale della Defense Intelligence Agency gli si era avvicinato per visitare il ranch di Bigelow nello Utah, dove conduceva ricerche. Reid disse di aver incontrato funzionari dell’agenzia poco dopo l’incontro con Bigelow e apprese che volevano avviare un programma di ricerca sugli UFO. Reid convocò Stevens ed Inouye in una stanza sicura al Campidoglio. “Avevo parlato con John Glenn alcuni anni prima”, disse Reid riferendosi all’astronauta ed ex-senatore dell’Ohio morto nel 2016. Glenn, secondo Reid, gli disse che pensava che il governo federale dovrebbe guardare seriamente agli UFO e dovrebbe parlare coi militari, in particolare i piloti, che avevano riferito di aver visto aerei che non potevano identificare o spiegare. Gli avvistamenti non venivano segnalati spesso alla catena di comando militare, secondo Reid, perché i militari temevano di essere derisi o stigmatizzati. L’incontro con Stevens e Inouye, disse Reid, “fu uno degli migliori che abbia mai avuto”, e aggiunse, “Ted Stevens disse, ‘Ho aspettato fin da quando ero nell’Air Force’.” (Il senatore dell’Alaska fu un pilota nell’aviazione dell’esercito, in missioni di trasporto aereo sulla Cina durante la Seconda guerra mondiale). Durante l’incontro, secondo Reid, Stevens raccontò di essere stato inseguito da uno strano aereo d’origine sconosciuta, che inseguì il suo aereo per chilometri. Nessuno dei tre senatori voleva un dibattito pubblico sul piano del Senato per il finanziamento del programma, affermava Reid. “Questo era il cosiddetto fondo nero“, disse. “Stevens lo sapeva come Inouye. Ma era così, ed era così che volevamo“, Reid si riferiva al budget del Pentagono per i programmi classificati.
I contratti ottenuti dal Times mostrano un’appropriazione congressuale di poco meno di 22 milioni di dollari dalla fine del 2008 al 2011. Il denaro fu utilizzato per la gestione del programma, la ricerca e la valutazione della minaccia posta dagli oggetti. Il finanziamento andò alla società di Bigelow, Bigelow Aerospace, che assunse subcontraenti e sollecitò ricerche per il programma. Sotto la direzione di Bigelow, la società modificò gli edifici di Las Vegas per lo stoccaggio di leghe metalliche e altri materiali che Elizondo e gli appaltatori del programma dichiararono essere stati recuperati da fenomeni aerei non identificati. I ricercatori hanno anche studiato persone che affermarono di aver subito effetti fisici dagli incontri con gli oggetti e li esaminarono per eventuali cambiamenti fisiologici. Inoltre, i ricercatori parlarono coi militari che avevano riferito avvistamenti di strani aerei. “Siamo un po’ nella posizione che si avrebbe se dessimo a Leonardo da Vinci la chiave del garage“, disse Harold E. Puthoff, ingegnere che condusse ricerche sulla percezione extrasensoriale della CIA e in seguito lavorò al programma. “Prima di tutto, cercherebbe di capire cos’è questa roba di plastica. Non saprebbe nulla di segnali elettromagnetici o loro funzione“. Il programma raccolse video e audio di incidenti UFO, come le riprese da un F/A-18 Super Hornet della Marina che mostra un velivolo circondato da una sorta di aura incandescente che viaggiava ad alta velocità e ruotava mentre volava. I piloti della Marina possono essere ascoltati mentre cercano di capire cosa vedevano. “Ce n’è un’intera flotta”, esclama uno. I funzionari della difesa si rifiutano di rilasciare posizione e data dell’incidente.
A livello internazionale, siamo il Paese più arretrato del mondo su questo tema“, ha detto Bigelow in un’intervista. “I nostri scienziati hanno paura di essere ostracizzati, e i nostri media sono spaventati dallo stigma. Cina e Russia sono molto più aperte e lavorano su questo con enormi organizzazioni nei loro Paesi. Anche Paesi più piccoli come Belgio, Francia, Regno Unito e latinoamericani come il Cile sono più aperti. Sono attivi e disposti a discuterne piuttosto che essere trattenuti da un tabù infantile“. Nel 2009 Reid decise che il programma aveva compiuto straordinarie scoperte sostenendo un aumento della sicurezza per proteggerlo. “Furono compiuti molti progressi nell’identificare numerose scoperte aerospaziali sensibili e non convenzionali“, scrisse Reid in una lettera a William Lynn III, vicesegretario della Dfesa all’epoca, chiedendo che venisse designato “speciale e riservato programma” dall’accesso per pochi funzionari scelti. Una sintesi del programma del Pentagono del 2009 preparata dal direttore all’epoca afferma che “ciò che era considerato fantascienza è ormai un fatto scientifico” e che gli Stati Uniti non potevano difendersi da certe scoperte tecnologiche. La richiesta di Reid per la designazione speciale fu respinta. Elizondo, nella lettera di dimissioni del 4 ottobre, affermava che era necessario prestare maggiore attenzione ai “molti resoconti della Marina ed altri servizi su insoliti sistemi aerei che interferiscono con le piattaforme militari e mostrano capacità oltre la prossima generazione“. Espresse frustrazione per le limitazioni imposte al programma, dicendo a Mattis che “rimane vitale accertare capacità e intento di questi fenomeni a beneficio delle forze armate e della nazione“. Elizondo ora, assieme Puthoff e un altro ex-funzionario del dipartimento della Difesa, Christopher K. Mellon, ex-vicesegretario alla Difesa per l’intelligence, partecipa a una nuova iniziativa commerciale intitolata To the Stars Academy of Arts and Science. Parlano pubblicamente dei loro sforzi mirando a raccogliere fondi per la ricerca sugli UFO. Nell’intervista, Elizondo ha detto che lui e i suoi colleghi governativi avevano deciso che i fenomeni che avevano studiato non sembravano provenire da alcun Paese. “Questo fatto non è ciò che un governo od istituzione dovrebbe classificare segreto al popolo“, aveva detto. Da parte sua, Reid ha detto di non sapere da dove gli oggetti provengano. “Se qualcuno dice di avere la risposta ora, vi prende in giro”, ha detto. “Non lo sappiamo”. Ma, concluse, “dobbiamo iniziare da qualche parte“.

Harry Reid e Hillary Clinton

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Gli USA cercano alleati per contenere Pechino

Tony Cartalucci, LD 28 dicembre 2017Ci sono stati rumori sul cosiddetto Quadrilateral Security Dialogue (Quad), una specie di coalizione tra Stati Uniti, India, Australia e Giappone. Promosso dai soliti pensatoi politica finanziati dalle grandi aziende finanziarie, il Quad viene descritto come un passo oltre lo sfortunato “pivot to Asia” di Washington per salvare il proprio potere in declino nella regione. Capire che il “perno” degli Stati Uniti era inteso a cooptare e costringere il Sud-Est asiatico a formare un fronte unito per contenere l’ascesa economica, diplomatica e militare della Cina nella regione, per preservare e forse persino espandere il primato degli Stati Uniti nell’Asia-Pacifico, spiega perché alla fine ha fallito, e va oltre spiegando cos’è il Quad e perché vine così fortemente promosso.

Il fallimento del perno e il declino del potere statunitense
Il Sud-Est asiatico, attraverso l’Associazione sovranazionale delle nazioni del Sud-Est asiatico (ASEAN) ha resistito ai tentativi di Washington di riallineare la politica regionale per soddisfarne gli interessi ai danni dei crescenti legami dell’ASEAN con Pechino. C’erano varie componenti nel perno tra cui gli sforzi degli Stati Uniti per minare, rovesciare e sostituire con regimi obbedienti i governi di diversi Stati dell’ASEAN, come Myanmar, Thailandia e Malaysia. L’espansione del “soft power” statunitense nell’ASEAN era una di queste componenti, in particolare gli sforzi a lungo termine del dipartimento di Stato USA attraverso National Endowment for Democracy (NED) e la sua “Young Southeast Asian Leaders Initiative” (YSEALI) lanciata nel 2013. Tali sforzi sono falliti finora, con un successo limitato nel mettere al potere un regime di clienti statunitensi in Myanmar con Aung San Suu Kyi e il suo partito della National League for Democracy (NLD). Altrove, nel 2014, il governo appoggiato dagli Stati Uniti di Yingluck Shinawatra, sorella dell’allora alleato Thaksin Shinawatra, fu estromesso con un colpo di Stato militare. Le proteste in Malaysia guidate dal fronte “Bersih“, finanziato dagli Stati Uniti, non hanno ancora prodotto risultati. E in Cambogia, il governo del Primo ministro Hun Sen ha iniziato una campagna aggressiva per sradicare ed espellere i media e il fronte d’opposizione del dipartimento di Stato degli Stati Uniti, arrestando il capo dell’opposizione Kem Sokha e sciogliendone il Partito di salvezza nazionale, una mossa che potrebbe essere replicata in una forma o nell’altra dagli altri Stati dell’ASEAN in caso di successo. Un altro componente era la serie di conflitti artificiali che gli Stati Uniti hanno prodotto per poi svolgervi un ruolo da mediatore per risolvere la controversia territoriale sul Mar Cinese Meridionale. L’ASEAN si è rifiutata di farsi coinvolgere, e persino presunti ricorrenti nella disputa, Vietnam e Filippine, si sono allontanati dall’approccio rigido proposto dagli Stati Uniti per affrontare Pechino. A un certo punto, le Filippine hanno persino respinto la presunta “sentenza del tribunale internazionale” a suo favore, organizzata da un gruppo di avvocati statunitensi, e ha invece proseguito i negoziati bilaterali con Pechino. La componente finale del perno degli USA in Asia era la proliferazione del terrorismo sponsorizzata dai più stretti alleati di Washington in Medio Oriente. Questo incluse un attentato del 2015 a Bangkok presumibilmente effettuato da terroristi turchi e l’improvvisa apparizione e diffusione del cosiddetto “Stato islamico” (SIIL) nelle Filippine. L’arrivo e l’occupazione dello SIIL della città filippina meridionale di Marawi era particolarmente “utile” alla politica estera degli Stati Uniti, arrivando in un momento in cui le Filippine avevano rimproverato il coinvolgimento degli Stati Uniti nella disputa sul Mar Cinese Meridionale, l’interferenza di Washington negli affari politici interni delle Filippine, e iniziato a chiedere la rimozione completa delle forze militari statunitensi dal proprio territorio. L’arrivo dello SIIL ha quindi dato un pretesto fin troppo conveniente agli Stati Uniti non solo per rimanere nelle Filippine, ma per espandervi la propria presenza.

Il “Quad” nasce quando il pivot decade
Nell’Asia-Pacifico, gli USA sono sempre più in disaccordo e ricorrono sempre più allo scontro nel “perno” che avrebbe dovuto unificare la regione dietro l’agenda regionale di Washington piuttosto che contro di essa. Per far fronte a ciò, Washington punta ai confini estremi dell’Asia-Pacifico alla ricerca di alleati disponibili, creando il “Quad”. L’India è all’estremità occidentale, l’Australia a sud e il Giappone ad est. Gli stessi Stati Uniti non hanno alcuna forma o posizione presso l’Asia se non come presenza militare estera in Corea, Giappone, Filippine e Australia, suscitando dubbi immediati sulla legittimità del programma della coalizione. Gli editoriali occidentali sul Quad non nascondono le vere intenzioni di tale iniziativa degli Stati Uniti, contenere la Cina. Il South China Morning Post in un editoriale intitolato “Stati Uniti, Giappone, India, Australia… il Quad è il primo passo verso una NATO asiatica?” afferma: “La nuova strategia per affrontare la Cina con un fronte unito ha sottolineato la crescente competizione regionale tra Pechino e Washington. Il Quad si ebbe mentre gli Stati Uniti sembravano spostare l’attenzione strategica. Mentre Trump visitava l’Asia orientale, si riferiva alla regione come “Indo-Pacifica” piuttosto che “Asia-Pacifico”, un chiaro colpo per Pechino”. The Diplomat nell’articolo intitolato “Incontro quadrilaterale sulla cooperazione regionale di Stati Uniti, Giappone, India e Australia“, seguiva le dichiarazioni prodotte dal dialogo, “Le dichiarazioni australiane e statunitensi hanno toccato tutte e sette le questioni sopra evidenziate sotto l’egida di un “Indo-Pacifico libero e aperto”. La dichiarazione del Giappone omette qualsiasi menzione di miglioramento della “connettività” che, per India e Stati Uniti, significherebbe una visione alternativa all’ambiziosa iniziativa Fascia e Via della Cina”. Il pezzo arrivava a dichiarare: “Nel frattempo, la dichiarazione dell’India nella riunione di sabato ha omesso ogni riferimento esplicito alla libertà di navigazione e di sorvolo, al rispetto del diritto internazionale e alla sicurezza marittima. Tuttavia, in varie dichiarazioni e dichiarazioni bilaterali con ciascuno degli altri partecipanti, Delhi ha espresso il proprio sostegno a questi principi. Sia le omissioni indiane che giapponesi non sono una dichiarazione di disinteresse, ma piuttosto sono tese a placare le preoccupazioni di Pechino che il quadrilatero tenti esplicitamente di contenere la Cina”. The Diplomat concludeva notando che molto lavoro serviva per incentivare gli asiatici a sostenere “lo status quo dell’architettura regionale e un ordine basato sulle regole” (leggi: primato degli Stati Uniti nella regione) “contro la visione concorrente della Cina“. Considerando questo fatto e che anche nel Quad c’è un’evidente disconnessione tra l’agenda di ogni membro e la realtà sul contenimento della Cina, Washington affronta una difficile battaglia. Convincere India o Australia a rifiutarsi di cooperare, beneficiandone, e quindi consentire l’ascesa della Cina, sarà una proposta sempre più difficile. Per il Sud-Est asiatico, il rifiuto d’impegnarsi in modo costruttivo con la Cina va dal difficile all’impossibile. Molti Stati nel Sud-Est asiatico hanno già firmato accordi e iniziato la costruzione di elementi dell’iniziativa cinese One Belt, One Road (OBOR), tra cui Laos e Thailandia che costruiscono linee ferroviarie ad alta velocità che collegheranno la città meridionale di Kunming a Malaysia e Singapore, attraversando entrambe le nazioni. Anche le forze armate del Sud-est asiatico si rivolgono sempre più alla Cina sia per nuovo materiale che per esercitazioni congiunte, due campi un tempo dominati dagli Stati Uniti, ma non più.

Martellare il piolo del Quad in un buco
È chiaro che una parte della dura battaglia di Washington consisterà nel destabilizzare e rimuovere dal potere quei governi regionali che supervisionano i progetti congiunti con la Cina, e mettere al potere governi che ritardino o abbandonino tali progetti. Ciò spiega ampiamente l’aumento delle interferenze politiche palesi degli Stati Uniti, anche direttamente con le ambasciate in nazioni come Thailandia e Cambogia, dove i gruppi d’opposizione sono apertamente protetti dall’ambasciata statunitense. In Thailandia, Stati Uniti ed UE hanno esercitato pressioni sul governo ad interim per tenere elezioni anticipate nella speranza di riportare Shinawatra al potere. In Cambogia, Stati Uniti ed Unione Europea minacciano sanzioni al governo per l’azione contro gruppi d’opposizione diretti e finanziati dagli Stati Uniti. E in Myanmar, gli Stati Uniti istigano violenze su entrambi i lati della crisi rohingya, minacciando la stabilità qualora i progetti congiunti con la Cina non siano abbandonati. In sostanza, gli Stati Uniti intendono continuare tutte le attività che hanno perseguito col “perno in Asia”, tra cui sovversione politica, scontro con Pechino e persino terrorismo. Il Quad non è un’alternativa per l’ASEAN a Pechino, è un’alternativa per impedirgli di sfuggire a coercizione e sovversione degli Stati Uniti.

Il Quad è una minaccia per tre dei quattro membri
Il successo o fallimento di nazioni come Cambogia, Thailandia e Myanmar nell’evitare le provocazioni di Washington determinerà successo o fallimento complessivo dell’iniziativa Quad di Washington. E anche per India, Giappone e Australia un Sud-Est asiatico destabilizzato non è in alcun modo d’interesse, che le rispettive leadership lo riconoscano o meno. Legami costruttivi tra i membri del Quad e un’Asia stabile avvantaggerebbero la regione nel complesso e beneficeranno ciascuna nazione. Questo è un punto che non è passato inosservato a Pechino o all’ASEAN. Per quanto Washington veda India, Australia e Giappone come contrappeso alla Cina, sono visti come potenziali alternative economiche e di sicurezza al ruolo sempre più sgradevole di Washington nell’Asia Pacifica. Mentre Washington cerca di cooptare e scagliare gli altri membri del Quad contro una Cina in ascesa per preservare il proprio primato regionale, la Cina potrebbe cercare di offrire invece un porto sicuro. I legami economici tra Cina e Australia sono già significativi con la Cina che funge da principale partner commerciale dell’Australia. Anche l’India svolge attività considerevoli in Asia e sempre più con la Cina. I piani di Washington per continuare ad interferire nella regione per il proprio primato potrebbero portare il Quad a divenire una trilaterale che cerca da sé accordi con la Cina senza compromettere o ritardare i propri interessi per amore di Washington. Senza il Quad, gli Stati Uniti dovranno cercare altri partner nella ricerca del primato asiatico. Col Regno Unito che segnala interesse ad inviare navi da guerra in tutto il pianeta per aiutare gli Stati Uniti a scacciare i cinesi dalle proprie rive, forse l’Asia-Pacifico verrà nuovamente riassegnata dall’Indo-Pacifico all’Anglo-Pacifico, e il Quad sostituito dalla coppia anglo-statunitense.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Da Snowden al Russia-gate: CIA e media

Moon of Alabama 26 dicembre 2017

Jeff Bezos, proprietario di Amazon

La promozione del presunto hackeraggio russo delle elezioni di alcuni media potrebbe essere il tentativo dei servizi segreti statunitensi di limitare la pubblicazione dei file dell’NSA ottenuti da Edward Snowden. Nel maggio 2013 Edward Snowden fuggì ad Hong Kong e consegnò i documenti interni dalla National Security Agency (NSA) a quattro giornalisti, Glenn Greenwald, Laura Poitras, Ewen MacAskill del Guardian e Barton Gellman del Washington Post. Alcuni di questi documenti furono pubblicati da Glenn Greenwald sul Guardian, altri da Barton Gellman sul Washington Post. Diversi altri siti internazionali pubblicarono altro materiale, anche se la massa di documenti dell’NSA che Snowden avrebbe acquisito non fu mai vista dal pubblico. Nel luglio 2013 il Guardian fu costretto dal governo inglese a distruggere le copie dell’archivio di Snowden. Nell’agosto 2013 Jeff Bezos acquistò il Washington Post per 250 milioni di dollari. Nel 2012 Bezos, fondatore, primo azionista e CEO di Amazon, già collaborava con la CIA, avendo investito insieme su una società di calcolo quantistico canadese. Nel marzo 2013 Amazon firmò un accordo da 600 milioni di dollari per fornire servizi informatici alla CIA. Nell’ottobre 2013 Pierre Omidyar, proprietario di Ebay, fondò First Look Media e assunse Glenn Greenwald e Laura Poitras. L’investimento totale sarebbe stato di 250 milioni di dollari. Solo nel febbraio 2014 la nuova organizzazione lanciò il suo sito, The Intercept. Solo alcune notizie sulla NSA vi apparvero. Intercept è un sito piuttosto mediocre, dalla gestione caotica e che ha pubblicato poche storie serie; ci si può chiedere se sul serio fu pensato per avere uno scopo. Omidyar collaborò col governo degli Stati Uniti nel cambio di regime in Ucraina. Aveva forti legami con l’amministrazione Obama. Snowden aveva 20000-58000 file della NSA e solo 1182 sono stati pubblicati. Bezos e Omidyar hanno ovviamente aiutato la NSA a mantenere il 95% dell’archivio di Snowden nascosto. I documenti di Snowden furono praticamente privatizzati da fidati miliardari della Silicon Valley collegati ai vari servizi segreti e all’amministrazione Obama. La motivazione di Bezos e Omidyar non è chiara. Si stima che Bezos possieda 90 miliardi di dollari. L’acquisto del Washington Post è un cambimento. Omidyar ha un patrimonio netto di circa 9,3 miliardi di dollari. Ma l’uso dei miliardari per mascherare operazioni d’intelligence non è nuovo. La Ford Foundation per decenni fu una facciata della CIA, la Fondazione Società Aperta di George Soros è una delle principali operazioni di “cambio di regime”, molto esperta nell’avviare le “rivoluzioni colorate”. Sarebbe stato ragionevole se la cooperazione tra tali miliardari e le agenzie d’intelligence si fosse fermata dopo che le fughe sulla NSA erano state chiuse. Ma sembra che continui la forte cooperazione di Bezos e Omidyar con la CIA e altri. Intercept ha bruciato un agente segreto, Realty Winner, che si era fidato dei suoi giornalisti. Ha infangato il presidente della Siria descrivendolo come un neo-nazista basandosi su una traduzione errata (intenzionale?) di uno dei suoi discorsi. Inoltre ha assunto un sostenitore del “cambio di regime dei jihadisti” della CIA in Siria. Nonostante la pretesa di fare “giornalismo senza paura e in contraddittorio”, non si allontana dalla politica statunitense.
Il Washington Post, dal peso molto maggiore, è la prima fonte del “Russia-gate” e delle falsità dei servizi segreti statunitensi e della campagna Clinton, secondo cui la Russia ha tentato d’influenzare le elezioni statunitensi, o sia addirittura “collusa” con Trump. Proprio oggi presenta due storie e un editoriale privi di prove nelle affermazioni anti-russe. Ne I troll del Cremlino bruciati su Internet quando Washington discuteva delle opzioni, gli autori insinuarono che certi scrittori anonimi che pubblicarono dei pezzi su Counterpunch e altrove facevano parte di un’operazione russa. Non fornivano prove a sostegno di tale pretesa. Qualunque cosa scrisse tale autore (vedasi la lista alla fine) era roba ritrita che aveva poco a che fare con le elezioni negli Stati Uniti. Il pezzo si tuffa poi in varie operazioni cibernetiche contro la Russia di cui le amministrazioni Obama e Trump discussero. Una seconda storia si basava su “un rapporto del GRU ottenuto dal Washington Post“. Affermava che il servizio d’intelligence militare russo GRU avrebbe avviato un’operazione sui social media il giorno dopo che il presidente ucraino Viktor Janukovich fu rovesciato con un’operazione di cambio di regime degli Stati Uniti. Ciò che la storia elenca come presunti post dei burattini del GRU appaiono normali discorsi su Internet di persone contrarie al cambio di regime fascista a Kiev. Il Washington Post non dice chi gli avrebbe consegnato tale presunto rapporto del GRU del 2014, chi l’ha classificato e come, se il caso, ne ha verificato la veridicità. Il pezzo e le sue affermazioni puzzano di stronzata. Un editoriale nello stesso Washington Post ha la stessa puzza; fu scritto dai falliti dell’intelligence Michael Morell e Mike Rogers. Morell sperava di diventare capo della CIA con Hillary Clinton. L’editoriale (che include un grave fraintendimento della “deterrenza”) afferma che la Russia non ha mai fermato gli attacchi informatici negli Stati Uniti: “Le tattiche per le operazioni d’informazione della Russia dopo le elezioni sono più numerose di quelle che possono essere elencate qui. Ma per dare l”idea dell’ampiezza dell’attività russa, si consideri il messaggio diffuso dagli account orientati dal Cremlino su Twitter, che gli esperti di sicurezza informatica e disinformazione hanno seguito nell’ambito dell’Alliance for Secure Democracy del German Marshall Fund”. Il link dell’autore di questa pagina afferma di elencare gli hashtag di Twitter utilizzati dagli agenti d’influenza russi. Apparentemente, il principale argomento che gli agenti d’influenza della Russia che attualmente promuovono è #merrychristmas.Quando gli autori sostengono che le operazioni russe sono “più numerose di quelle che possono essere elencate qui“, ammettono praticamente di non aver nulla di plausibile da citare. Mera confusione per giustificare la pretesa di ulteriori misure politiche e militari contro la Russia. Questo sempre per distrarre dalle vere ragioni per cui Clinton perse le elezioni e riavviare una nuova Guerra Fredda a beneficio dei produttori di armi e dell’influenza degli Stati Uniti in Europa. Alcuna delle storie sul Russia-gate finora ha resistito ai controlli. Non ci sono prove che la Russia abbia interferito nelle elezioni negli Stati Uniti o altrove. Non ci sono prove di “collusione” con la campagna di Trump. Uno dei più totali smascheramenti delle falsità appare sul London Review of Books: di cosa non parliamo quando parliamo di hackeraggio russo. Consortium News ha pubblicato molti articoli sulla questione, oltre ad analisi e avvertimenti su ciò che ne potrebbe derivare. Molti altri autori hanno sfatato le varie falsità. The Nation elenca vari casi di negligenza giornalistica sul Russia-gate. Chi promuove le sciocchezze sull'”influenza russa” sono politicanti o banditi. Prendiamo ad esempio Luke Harding del Guardian che ha appena pubblicato un libro intitolato Collusion: Secret Meetings, Dirty Money e How Russia Helped Donald Trump Win. È stato affettato in un’intervista su Real News. L’intervistatore osservava che non vi è assolutamente alcuna prova nel libro a sostegno delle sue affermazioni. Alla richiesta di prove Harding dichiarava difendendosi di essere solo un “cantastorie”, in altre parole di romanzare. Harding scrisse un libro su Edward Snowden; un altro romanzo. Julian Assange l’ha definito “pirateria nel senso più puro del termine“. Harding è anche noto come plagiatore. Quando lavorava a Mosca copiò passi dal defunto Exile di Matt Taibbi e Mark Ames. Il Guardian dovette pubblicare le scuse.
Il governo messicano controlla i media acquistando una quantità enorme di pubblicità. In tal modo garantisce reddito fin tanto che la sua linea politica viene seguita. Il governo degli Stati Uniti ha i suoi modi per controllare i media. Tra gli anni ’50 e ’70, la CIA gestì l’operazione Mockingbird che gli diede il controllo su gran parte delle notizie e delle opinioni espresse dai media statunitensi. In quel periodo 400 giornalisti lavoravano per la CIA. Il metodo di controllo è probabilmente cambiato. La gestione del caso Snowden lascia supporre che la CIA induca miliardari a comprare i media e favorire la CIA attraverso essi. Non si sa cosa ne traggano i miliardari. La CIA ha sicuramente molti modi per consentirgli di avere informazioni sulla concorrenza o d’influenzare le normative aziendali all’estero. Una mano lava l’altra. James Clapper da direttore dell’Intelligence nazionale, John Brennan a capo della CIA e James Comey a capo dell’FBI “ritengono” che la Russia abbia influenzato le elezioni presidenziali statunitensi. L’allegato B della loro relazione, che quasi nessuno si preoccupa di menzionare, recita: “Il giudizio non intende implicare che abbiamo prove che dimostrino qualcosa. Le valutazioni si basano su informazioni raccolte, spesso incomplete o frammentarie, oltre a logica, argomentazioni e precedenti”. Tale frase è al centro del Russia-gate. Ci sono molte affermazioni ma alcuna prova che una qualsiasi presunta influenza russa ci sia stata realmente. Probabilmente è grazie all’influenza indebita dei servizi d’intelligence che i media adottano gli stessi standard dell’allegato B. Le asserzioni sulla Russia (e altre questioni) bastano: non è necessario indagare, trovare la verità o verificare le affermazioni. Come funzionerà il sistema in caso d’incidente, jet abbattuto e tensione acuita. Ci sarà qualche reporter dei media principali che potrà porre domande vere?

Pierre Omidyar, proprietario di Ebay

Traduzione di Alessandro Lattanzio