ONG: Organizzazione Non Grata

Ahmed Bensaada, Mondialisation, 8 giugno 2016colour_revolution1Dato il grande successo delle rivoluzioni colorate negli anni 2000 in diversi Paesi in Europa orientale o repubbliche ex-sovietiche, sono state identificate le missioni politiche di molte ONG (Organizzazioni Non Governative) [1]. Sotto il falso pretesto di esportare democrazia, diritti umani e libertà di espressione, tali organizzazioni, in sostanza delle GO (organizzazioni governative), seguono gli ordini degli strateghi della politica estera dei Paesi occidentali. In quest’ambito, il premio va sicuramente agli Stati Uniti per l’elevata potenza assoluta, difficile da eguagliare. In effetti, il Paese dello Zio Sam ha un’ampia gamma di organizzazioni politiche e di beneficenza specializzate nella destabilizzazione non violenta dei Paesi considerati “non-friendly” o “non-vassalli”. Tali organizzazioni hanno quadri politici prescelti, risorse materiali colossali e finanziamenti regolari. Agendo metodicamente, le tecniche utilizzate sono estremamente efficaci soprattutto contro Paesi autocratici o con gravi problemi socio-economici. [2] Le agenzie d’esportazione della democrazia più note sono USAID (Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale), NED (National Endowment for Democracy), IRI (International Republican Institute), NDI (National Democratic Institute), Freedom House e OSI (Open Society Institute). Tranne l’ultima, tali organizzazioni sono finanziate dal governo degli Stati Uniti. L’OSI, nel frattempo, fa parte della Fondazione Soros, dal nome del fondatore George Soros, miliardario e illustre speculatore finanziario statunitense. Inutile dire che Soros e la sua fondazione collaborano con il dipartimento di Stato degli Stati Uniti per la “promozione della democrazia”. E la lista delle conquiste è eloquente: Serbia (2000), Georgia (2003), Ucraina (2004), Kirghizistan (2005) [3] e Libano (2005) [4]. Nonostante certi gravi errori, Venezuela (2007) e Iran (2009), il successo è stato ancora una volta raggiunto con l’impropriamente denominata “primavera” araba (2011). Il coinvolgimento delle agenzie degli Stati Uniti nell'”esportare” la democrazia è stata chiaramente dimostrata nelle rivolte che hanno scosso i Paesi arabi “prioritari”, Tunisia ed Egitto, e quelli con una guerra civile ancora in corso, Libia, Siria e Yemen. [5] L’efficienza relativa con cui furono destabilizzati e l’apparente spontaneità riflettono il ruolo di cavallo di Troia di tali “ONG”, sostenute da una rete di attivisti indigeni adeguatamente addestrati da enti specializzati. [6] Per evitare l’effetto dannoso di tali cambiamenti, molti Paesi hanno vietato tali organizzazioni sul loro suolo, per profilassi o cura. Così, l’8 febbraio 2012, quasi un anno dopo la caduta del presidente Mubaraq, il giornali di tutto il mondo parlavano di nuovo di Cairo: “Egitto: la magistratura accusa le ONG di attività ‘politica’ illegale” [7] dicendo: “Queste tensioni sono il risultato delle indagini in 17 sedi di ONG egiziane e internazionali, il 29 dicembre. Tra cui le organizzazioni statunitensi National Democratic Institute (NDI), International Republican Institute (IRI) e Freedom House“. 43 dipendenti egiziani e stranieri delle organizzazioni non governative in Egitto furono accusati di ricevere finanziamenti stranieri illegali e d’interferire negli affari politici del Paese. Tra di loro c’era Sam LaHood, capo della sezione egiziana dell’International Republican Institute (IRI) e figlio del ministro dei Trasporti degli Stati Uniti Ray LaHood. [8] Dal 2014, le ONG che lavorano in Egitto sono tenute a registrarsi presso le autorità, o rischiano il sequestro delle proprietà o un procedimento. D’altra parte, le autorità devono approvare qualsiasi finanziamento dall’estero. [9]
Student-for-liberties Oltre l’Egitto, alcuni Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa) hanno leggi che vietano o rafforzano il controllo sulle ONG sul loro territorio. La Russia, che non fu risparmiata dai tentativi di rivoluzioni colorate, ha legiferato in questo senso. Nel 2012, il Presidente russo Vladimir Putin firmava una legge che definisce le ONG che ricevono finanziamenti esteri, “agenti stranieri”. [10] L’USAID ne fu particolarmente colpita: è bandita da Mosca dal 1° ottobre 2012 per “interferenze nella vita politica russa” [11]. L’elenco delle ONG “indesiderabili” in Russia è aumentato nel 2015. Tra queste vi sono NED, NDI, IRI, Freedom House e OSI di Soros [12]. La giornalista Julia Famularo si chiede se le autorità russe e cinesi collaborano nella lotta alle ONG “tossiche”. Ancora, la Commissione per la Sicurezza Nazionale cinese (NSC) ha iniziato ufficialmente ad indagare nel 2014 [13]. Infine, come la Russia, la Cina ha recentemente legiferato su questo tema. Dal 1° gennaio 2017, le ONG straniere saranno costrette a registrarsi presso il Ministero della Pubblica Sicurezza e a permettere alla polizia di controllare le loro attività e finanze. Il New York Times osserva che organizzazioni come NED e OSI sono particolarmente prese di mira dalla nuova normativa. [14] E’ chiaro che le manifestazioni che hanno scosso Hong Kong nel 2014, chiamate “rivoluzione degli ombrelli”, non sono estranee all’indurimento legale cinese sulle attività delle ONG. Infatti, è dimostrato che NED, Freedom House e NDI siano pesantemente coinvolte in quelle manifestazioni. [15] Da parte sua, l’India ha anche tirato fuori gli artigli contro le ONG straniere. Nel 2015, il governo del Primo ministro Narendra Modi annullava la licenza a non meno 9000 di esse e i fondi da donatori esteri sono stati significativamente limitati.[16] Il Brasile dovrebbe essere cauto: le proteste contro la presidentessa Dilma Rousseff e il suo licenziamento hanno l’aria di una “rivoluzione colorata”, come ha spiegato l’esperta in questioni di latinoamericane e brasiliane Micheline Ladouceur [17]. Non c’è solo la Russia ad aver avuto problemi con l’USAID. Si noti che una risoluzione dei Paesi dell’ALBA (Alianza Bolivariana para los Pueblos de Nuestra America), che richiede l’immediata espulsione dell’USAID dai Paesi membri dell’Alleanza, fu firmata nel giugno 2012. I firmatari erano Bolivia, Cuba, Ecuador, Dominica, Nicaragua e Venezuela. [18] Tra i Paesi arabi, gli Emirati Arabi Uniti (EAU) nel 2012 chiusero le attività di diverse ONG straniere, tra cui il NDI [19]. Nel gennaio 2016 il Premier giordano Zaqaria al-Shayq chiese alla camera bassa del Parlamento della Giordania di porre fine alle attività di tale organizzazione, sostenendo che “è un pericolo per la sicurezza nazionale“. [20] Va da sé che il bilancio fatale della sanguinosa e disastrosa “primavera” araba certamente comporterà un giro di vite contro le ONG “tossiche”, che in realtà non sono né “non governative” né caritatevoli. Passando dallo stato specioso di “organizzazioni non governative” a quello più salutare di “organizzazioni non grate”.

Il premier Zaqaria al-Shayq: la NDI è un pericolo per la sicurezza pubblica araba (31 gennaio 2016) (Il mio libro “Arabesque Américaine” è citato al 10° minuto)

Riferimenti
1. G. Sussman et S. Krader, “Template Revolutions: Marketing U.S. Regime Change in Eastern Europe”, Westminster Papers in Communication and Culture, University of Westminster, London, vol. 5, n° 3, 2008, p. 91-112
2. Ahmed Bensaada, “Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes”, Éditions Investig’Action, Bruxelles, 2015, chap. 2
3. Ibid., chap. 1
4. Ahmed Bensaada, “Liban 2005-2015: d’une révolution colorée à l’autre”, Afrique Asie, Ottobre 2015, pp. 50-58
5. Ahmed Bensaada, “Arabesque$: Enquête sur le rôle des États-Unis dans les révoltes arabes”, Op. Cit., chap. 5 et 6
6. Ibid., chap. 1 et 3
7. AFP, “Egypte: la justice accuse des ONG d’activités “politiques” illégales”, Le Point.fr, 8 febbraio 2012
8. AFP, “Égypte: début du procès de membres d’ONG égyptiennes et étrangères”, L’Express, 26 febbraio 2012
9. France 24, “Le pouvoir égyptien renforce son contrôle sur les ONG”, 10 novembre 2014
10. AFP, “Russie : les ONG “agents de l’étranger” selon une loi signée par Vladimir Poutine”, Le Huffington Post, 21 luglio 2012
11. AFP, “USAID interdite en Russie”, La Presse, 19 settembre 2012
12. RIA Novosti, “Soros and MacArthur Foundations among 12 NGOs in “patriotic stop list””, Meduza, 8 luglio 2015
13. Julia Famularo, “The China-Russia NGO Crackdown”, The Diplomat, 23 febbraio 2015
14. Edward Wong, “Clampdown in China Restricts 7,000 Foreign Organizations”, The New York Times, 28 aprile 2016
15. Ahmed Bensaada, “Hong Kong : un virus sous le parapluie”, Reporters, 14 ottobre 2014
16. Pierre Cochez, “Bras de fer entre le gouvernement indien et les ONG”, La Croix, 7 luglio 2015
17. Micheline Ladouceur, ““Révolution de couleur” à la brésilienne. Qui a peur de Dilma?”, Mondialisation.ca, 19 marzo 2016
18. ALBA-TCP, “ALBA Expels USAID from Member Countries”, Venezuela Analysis, 22 giugno 2012
19. Samir Salama, “German, US institutes in UAE closed”, Gulf News, 5 aprile 2012
20. Ammon News, “Le député Al-Cheikh : le NDI représente un danger pour la sécurité nationale”, 31 gennaio 2016image7027Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La guerra finanziaria di Washington alla Cina: l’eclissi del dollaro

Mahdi Darius Nazemroaya Strategic Culture Foundation 30/08/20156528323078786260b9d74c8520a2cad299d7dc0dI cinesi sono in procinto di eliminare il monopolio del dollaro USA, cedendo le obbligazioni del Tesoro USA, stoccando riserve auree e aprendo banche regionali per distribuire la propria valuta nazionale. Questo darà più facile accesso ai mercati dei capitali, isolando la manipolazione finanziaria di Washington e Wall Street. Temendo l’eclissi di dollaro e sistema di Bretton Woods con l’architettura finanziaria rivale, la risposta degli Stati Uniti è un tentativo di danneggiare i mercati cinesi e rivalutare la valuta cinese. La Cina ha risposto attraverso le regole del mercato e quindi con i quantitative easing della propria moneta mantenendo bassi i prezzi dei prodotti industriali cinesi e delle esportazioni. Il quantitative easing di Pechino è una reazione alla manipolazione finanziaria di Washington e Wall Street. Inoltre, Washington non ha mai pensato che i cinesi rispondessero con il dumping dei buoni del tesoro statunitensi. Al posto dell’isteria sull’economia cinese, “il crollo imminente del dollaro dovrebbe avere sempre l’attenzione degli investitori”, avvertiva l’economista Peter Schiff. La voce di Schiff è una dei molti analisti che dicono che i discorsi su una vacillante economia cinese sono esagerati e pessimi.

La guerra finanziaria contro Cina e Russia: la guerra degli USA alla “comunità del destino”
Mentre l’architettura finanziaria mondiale è alterata da Cina e Russia, il dollaro USA viene gradualmente neutralizzato come arma preferita di Washington. Anche il monopolio del sistema di Bretton Woods di Washington, formato da Fondo monetario internazionale (FMI) e Banca Mondiale, è messo in discussione direttamente. Anche se non costituiscono un’alternativa all’economia neoliberista, la New Development Bank (NDB) dei BRICS e l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) di Pechino sfidano il sistema di Bretton Woods attraverso una struttura finanziaria rivale. L’impero degli Stati Uniti è consapevole delle mosse per creare un ordine finanziario rivale. I politici di Washington, Pentagono e Wall Street guardavano con preoccupazione al duplice vertice di BRICS e Shanghai Cooperation Organization nella città russa di Ufa. Fino a quel momento perseguivano guerre di propaganda, sui mercati energetici, finanziari, valutari ed economici in generale contro la Federazione russa. Dopo Ufa hanno esteso la guerra finanziaria ed economica alla Cina. Banche e governi dell’Unione europea esaminano l’uso della moneta nazionale cinese, renminbi/yuan, come valuta di riserva. Ciò per l’attrattiva stabilità del renminbi come valuta. Ciò preoccupa Washington e Wall Street, ed è uno dei fattori che hanno determinato l’espansione della guerra monetarie e finanziaria dalla Russia alla Cina. Utilizzando speculazione e manipolazione del mercato come arma psicologica, gli Stati Uniti lanciavano un attacco finanziario contro i cinesi. Ciò attraverso il tentativo di affondare o mandare in crash il mercato azionario cinese e colpire la fiducia degli investitori nell’economia cinese e le sue riserve. Pechino, tuttavia, ha reagito rapidamente imponendo controlli sui prelievi d’investimento. Ciò ha impedito la valanga di vendite azionarie e disinnescato la bomba finanziaria degli Stati Uniti. Mentre il prezzo del renminbi ha cominciato a salire, Pechino ha iniziato il quantitative esaing svalutando la moneta nazionale, per continuare le esportazioni. Il Congresso degli Stati Uniti e della Casa Bianca vi si oppongono nettamente, accusando i cinesi di manipolazione finanziaria e chiedendo che Pechino non regoli il valore del renminbi. Ciò che la gente della periferia di Washington vuole é che i cinesi lasciano valutare il renminbi per distruggere economia e mercato cinesi.

Il Drago cinese colpisce ancora: Pechino liquida i BOT degli USA
Spingendo la Cina, essa respinge. Il dollaro (o, più propriamente, renminbi/yuan) non si ferma con l’introduzione di norme da parte di Pechino. La Cina ha adottato misure che scuotono Wall Street e Washington è avvertita. Mentre le istituzioni finanziarie statunitensi cercano di danneggiare la fiducia degli investitori in Cina attraverso tattiche psicologiche, sostenendo che l’economia cinese rallenta e che il mercato cinese è in caduta libera, Pechino annuncia di aver acquistato 600 tonnellate di oro nel giro di un mese e la Banca Popolare Cinese si sbarazza di oltre 17 miliardi di dollari dalle riserve di valuta estera. Le riserve in valuta estera cinese, escluse le riserve in valuta estera delle Regioni amministrative speciali di Hong Kong e Macao, erano 371o miliardi di dollari nel maggio 2015. Sono scese a 3690 miliardi nel giugno 2015. Il sito sul mercato finanziario ZeroHedge, che segue questa evoluzione, ha spiegato ciò che accade: “Abbiamo poi messo il cambio della Cina sulle riserve valutarie assieme al totale delle partecipazioni del Tesoro USA della Cina e relativo ‘anonimo’ rivenditore off-shore di Euroclear (‘Belgio’), rilasciato dal TIC, scoprendo che il rapporto drammatico che avevamo rilevato a maggio persiste, cioè praticamente il delta delle riserve valutarie cinesi trascina via tutti i buoni del Tesoro USA detenuti dalla Cina”. Il punto principale qui è che i i buoni del Tesoro USA detenuti dalla Cina “sono venduti in modo aggressivo, per la somma di 107 miliardi di dollari, finora nel 2015”. Seguendo le transazioni finanziarie della Cina in Belgio, ZeroHedge ha effettivamente calcolato che Pechino ha mollato 143 miliardi di dollari in tre mesi. Pochi mesi dopo, ad agosto, altri 100 miliardi di dollari in titoli del Tesoro USA sono defluiti nel giro di due settimane. Il giorno dopo, il 27 agosto, Bloomberg confermava ciò che ZeroHedge aveva notato, spiegando in un rapporto: “La Banca Popolare della Cina scarica dollari e acquista yuan per sostenerne il tasso di cambio, una politica che ha ridotto di 315 miliardi di dollari le riserve valutarie negli ultimi 12 mesi. Le scorte di 3650 miliardi diminuiranno di circa 40 miliardi al mese per il resto del 2015, secondo le stime di un’indagine di Bloomberg”. Mentre Bloomberg sottolinea che i cinesi usano i dollari per acquistare la propria valuta nazionale, casualmente dice, “Strategicamente e probabilmente è intenzione della Cina trovare il momento giusto per alleggerire l’eccessivo cumulo di titoli del Tesoro USA”, citando un economista della Reorient Financial Markets Limited di Hong Kong.

L’eclisse del dollaro da parte del Renminbi cinese
Wall Street dovrebbe preoccuparsi dei problemi economici degli Stati Uniti invece di cercare di minare la Cina. Il discorso sul rallentamento dell’economia cinese è in parte distrazione. Si distoglie l’attenzione dal declino degli Stati Uniti e si rafforzano gli sforzi di Washington e Wall Street per frenare Pechino. I cinesi, tuttavia, continuano ad andare avanti imperterriti. Pechino ha scelto il Qatar come prima piazza di cambio del renminbi per i mercati dei cambi regionali in Medio Oriente e Nord Africa, nell’aprile 2015. Il nome di questo centro di cambio è Renminbi Qatar Center, ed aggirerà le strutture finanziarie USA e darà maggiore accesso a petrolio e gas naturale di Medio Oriente e Nord Africa alla Repubblica Popolare Cinese. Nonostante i desideri di Wall Street e Washington, l’Ordine Mondiale di Seta va avanti.renminbi2La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Le banche occidentali in fermento mentre HSBC va verso il collasso

What Does It Mean 28 agosto 2015HSBC_4C83Il Ministero delle Finanze riporta che il gigante bancario inglese HSBC si avvicina al collasso totale dopo aver perso quasi 1 trilione di dollari nel corso del Grande Crash del Mercato Globale del 2015, oggi completamente a corto di denaro per pagare obbligazioni e depositanti. Secondo il rapporto, HSBC, multinazionale bancaria e finanziaria di Londra, Regno Unito, è la quarta banca del mondo con un patrimonio dal valore di 2670 miliardi di dollari. Non è noto a molti occidentali, continua la relazione, che HSBC fu istituita nella forma attuale a Londra nel 1991 dalla Hong Kong e Shanghai Banking Corporation Limited per agire da nuova holding le cui origini risiedono ad Hong Kong e, in misura minore, Shanghai, dove le filiali furono aperte nel 1865. Con il crollo sconcertante del Shanghai Composite Index, che perde il 38% del valore dal 12 giugno, la relazione spiega, HSBC ha perso quasi 700 miliardi di dollari in Cina, mentre ulteriori 300 miliardi sono andati persi con il crollo del Dow di oltre 1800 punti dal suo picco annuale, raggiunto il 27 maggio. Conseguenza di tale massiccia perdita da 1000 miliardi della HSBC, afferma la relazione, rapporti apparivano dal Regno Unito secondo cui centinaia di migliaia di persone non ricevevano lo stipendio, cosa che il gigante bancario inglese inizialmente ha cercato di negare, ma di cui poche ore dopo ne incolpava un “errore del computer”.hsb1Esperti del MoF in questo rapporto liquidano la spiegazione della HSBC dell'”errore del computer”, notando che tale frase viene comunemente usata da banche e istituzioni finanziarie occidentali come “storia di copertura” per mascherare l’incapacità ad accedere ai contanti… e anche per spiegare ciò che impedisce a centinaia di fondi comuni d’investimento e scambio statunitensi di ripagare gli investitori delle aziende, e motivo per cui uno dei più grandi broker del mondo, Charles Schwab, ha chiuso in anticipo. Essendo HSBC la più grande banca della Gran Bretagna, questa relazione nota, si è lanciato un appello per un prestito di emergenza dalla Banca d’Inghilterra (BoE), che fa quindi appello alla Banca centrale europea (BCE), e la BCE al Federal Reserve System (FRS). Il Congresso degli Stati Uniti, dopo aver verificato che oltre 16000 miliardi di dollari del popolo statunitense sono stati consegnati dalla Federal Reserve degli Stati Uniti a imprese e banche europee, presumibilmente per “assistenza finanziaria” durante e dopo la crisi fiscale 2008, la relazione afferma che è “molto probabile” lo facciano di nuovo prima che HSBC crolli del tutto. Con la Cina che continua a scaricare centinaia di miliardi di debito statunitense per stabilizzare i propri mercati ed economie, emerge dalla relazione, il quasi collasso di HSBC oggi non è che un preludio al prossimo grande crollo finanziario globale che secondo alcuni esperti “cambierà il quadro mondiale“.
Anche se non menzionato nella presente relazione, è interessante notare che almeno il popolo statunitense vede la realtà e, secondo un notiziario, “ritirerà il proprio denaro da quasi tutto“… portando il principale portavoce delle élite, il Financial Times, a pubblicare un articolo anonimo sull’abolizione definitiva del denaro per dare a banche centrali e governi più potere.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina liquida i buoni del Tesoro USA, avvertendo Washington

Tyler Durden Zerohedge 27/08/2015

ChinaUSTHoldingsCi siamo chiesti cosa accadrebbe se i mercati emergenti della Cina si sbarazzassero dei buoni del Tesoro statunitensi. Per mesi abbiamo documentato la liquidazione della PBoC della gran quantità di carta degli Stati Uniti. A luglio, per esempio, notammo che la Cina aveva scaricato ben 143 miliardi di dollari in buoni del Tesoro USA in tre mesi via Belgio, lasciando la Goldman senza parole per una volta. Abbiamo seguito tutto ciò, questa settimana, osservando che grazie al nuovo regime FX (che, in ogni caso in teoria, avrebbe dovuto richiedere minor intervento), la Cina ha probabilmente venduto da qualche parte circa 100 miliardi di buoni del Tesoro USA nelle ultime due settimane, e solo come operazioni FX aperte per stabilizzare lo yuan. In parole povere, con la svalutazione della Cina e i successivi tentativi di contenerla, la Cina s’è liberata di una quantità epica di buoni del Tesoro USA. Ma anche con il gatto fuori dal sacco per i lettori di Zerohedge e anche, mescolando metafore varie, il genio uscito dalla bottiglia da metà agosto, la Cina, grazie al rifiuto netto di far galleggiare lo yuan, continuerà a vendere lentinaia di miliardi di USTS, e il mondo lentamente si sveglia su cosa in realtà implichino gli interventi FX della Cina, quando accadono due cose: i) Bloomberg, citando l’ufficio dei redditi FIX di New York, ha osservato una “pressione alla vendita sostanziale” degli USTS a lungo termine proveniente dall'”estremo oriente”, e ii) Bill Gross s’è chiesto, in un tweet, se la Cina vende buoni del Tesoro. Con certezza, abbiamo avuto la conferma di ciò che abbiamo descritto in modo esauriente per mesi. Ecco Bloomberg: “La Cina ha ridotto le sue dotazioni di titoli del Tesoro USA questo mese raccogliendo i dollari necessari per sostenere lo yuan dopo la svalutazione di due settimane fa, secondo persone vicine alla vicenda. Canali per tali operazioni di vendita diretta della Cina, sono agenti in Belgio e in Svizzera, ha detto una fonte anonima, poiché l’informazione non è pubblica. La Cina ha comunicato alle autorità statunitensi le vendite, ha detto un’altra fonte. Non hanno rivelato le dimensioni delle disposizioni. Gli ultimi dati disponibili del Tesoro e stime strategiche suggeriscono che la Cina controlla 1480 miliardi di dollari di debito pubblico degli Stati Uniti, secondo i dati compilati da Bloomberg. Compresi 200 miliardi di dollari detenuti tramite il Belgio, che Nomura Holdings Inc. dice sia la patria dei conti protetti cinesi. La PBoC ha venduto almeno 106 miliardi di attività di riserva nelle ultime due settimane, buoni compresi, secondo una stima della Société Generale SA. La cifra si basa sul calcolo della banca sulla liquidità aggiunta al sistema finanziario cinese dalla riduzione dei tassi d’interesse e dai requisiti di riserva richiesti ai creditori. Il presupposto è che la banca centrale si propone di ricostituire i fondi drenati quando comprava yuan per stabilizzarli”. Ora che ciò che è lampante da almeno sei mesi, è l’approvazione ufficiale basata sui fatti, e cosa esattamente significa il via libera alla speculazione dilagante per la politica monetaria degli USA. Ecco di nuovo Bloomberg: “La Cina vende titoli del Tesoro “non è una sorpresa, ma forse non è pienamente valutata”, ha detto Owen Callan, stratega FIX a Dublino presso Cantor Fitzgerald LP. “Cambierebbe la prospettiva sui buoni un bel po’, se iniziano a scontare abbastanza sulla liquidazione delle riserve nei prossimi sei mesi, o sulle intenzioni di come gestiranno lo yuan a qualsiasi livello”. “Con la vendita di titoli del Tesoro a difesa del renminbi, impediscono il ribasso dei rendimenti del Tesoro, nonostante il forte calo del mercato azionario“, ha detto a Bloomberg Television David Woo, a capo della Ricerca tassi globali e valute della Bank of America Corp. “La Cina impatta direttamente sui mercati globali tramite i tassi statunitensi“. Come avevamo detto, se facciamo una revisione della letteratura accademica esistente, come intrapresa da Citi, si ha idea di cosa significhi la liquidazione della riserva estera FX per i buoni del Tesoro USA (USTS). “Supponiamo che EM e Paesi in via di sviluppo, che detengono 5491 miliardi di riserve, riducano le partecipazioni del 10% in un anno, ciò equivale a 3,07% del PIL degli Stati Uniti e a un’ascesa decennale dei tassi del Tesoro per l’enorme cifra di 108 miliardi“, secondo Citi, in una nota d’inizio settimana. In altre parole, per ogni 500 miliardi di riserve valutarie cinesi liquidate, corrispondono 108 miliardi di pressione al rialzo decennale. Ricordate che, grazie alla minaccia dell’incombente aumento dei tassi della FED, e altri fattori tra cui il precipitare dei prezzi delle materie prime e rischi politici idiosincratici, le valute dei mercati emergenti sono in caduta libera, il che significa che non è solo la Cina a liquidare beni in dollari USA.
E’ chiaro che ci sia notevole pressione al rialzo dei rendimenti dei buoni del tesoro USA e che sia una situazione decisamente indesiderabile per la FED, che dovrà affrontarla a settembre. Avevamo riassunto la situazione così: “uno dei catalizzatori dei deflussi EM è l’incombente balzo della FED che, assieme a quanto sopra, indica che se il FOMC alza i tassi, quasi sicuramente accelererà la pressione sugli EM, innescando ulteriore uso degli FX di riserva (cioè svendita di buoni del tesoro USA), con conseguente notevole pressione sul rialzo dei rendimenti e un’inversione politica immediata, forse anche un QE4“. Bene, ora che la Cina liquida con frenesia i buoni del Tesoro USA, a un ritmo tale da non poterlo nascondere o minimizzare come irrilevante, e ora che Bill Dudley ha ufficialmente aperto la porta a un “ulteriore allentamento quantitativo“, sembrerebbe che l’unico modo per evitare che Cina ed EM liquidino i buoni del Tesoro USA, come indica Citi, “sia soffocare il mercato immobiliare degli USA” ed imporre una restrizione, tramite il canale di emissione degli UST, del FOMC avviando il QE4.20150826_EMFXTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La svalutazione dello yuan testa l’ascesa della Cina a potenza mondiale

Ariel Noyola Rodriguez* RussiaToday
*Laurea in Economia e Commercio presso l’Università Nazionale Autonoma del Messico.scmp_22jan15_bz_xiaominote6Dopo la svalutazione dello yuan, i mercati finanziari internazionali iniziano a tremare. Washington ha accusato Pechino di concorrenza sleale. Mentre la Cina vuole che lo yuan abbia diritti speciali di prelievo, non è opportuno estenderne la svalutazione. Inoltre, se una guerra valutaria esplode, il governo cinese rischierebbe di aumentare le tensioni economiche e geopolitiche tra i Paesi dell’Asia-Pacifico. Pertanto, gli Stati Uniti ne smantellerebbero le iniziative per la cooperazione regionale, minando quindi l’ascesa della Cina a potenza mondiale. Le 3 svalutazioni dello yuan, tra il 10 e il 12 agosto, hanno implicazioni importanti per l’economia mondiale e l’equilibrio geopolitico dell’Asia-Pacifico (1). Il surplus commerciale “relativamente grande” mantiene “relativamente forte” un cambio efficace che, però, non è “del tutto coerente con le aspettative del mercato“, afferma la Banca popolare di Cina in una dichiarazione. C’è panico tra gli investitori nei mercati finanziari negli ultimi giorni. Il cambio arriva a 6,3306 yuan per dollaro, una svalutazione non oltre il 5%. Comunque la Cina mostra interesse a far aderire lo yuan ai diritti speciali di prelievo (2), il paniere di valute lanciato dal Fondo monetario internazionale (FMI) nel 1969, ed è chiaro che il valore della moneta dovrebbe rimanere stabile, essendo uno dei requisiti che le valute di riserva globale devono soddisfare (non nel caso del dollaro sceso dal 70 al 60% in proporzione alle riserve valutarie delle banche centrali, tra il 1999 e il 2014) (3).

La campagna mediatica contro lo yuan
Tuttavia, gran parte della stampa occidentale non ha esitato a sostenere che la svalutazione della “moneta del popolo” (‘RMB’) miri a sostenere l’economia d’esportazione in modo brusco. Donald Trump, candidato presidenziale del partito repubblicano, s’è lanciato contro le misure adottate dalla banca centrale: un tentativo cinese di “distruggere” le industrie degli USA. Tale campagna mediatica contro la Cina non è nuova. Per anni Washington ha accusato Pechino di manipolare il tasso di cambio. Tuttavia, la verità è che lo yuan non s’è deprezzato in modo “artificiale”, ma piuttosto s’è apprezzato nei confronti della valuta statunitense. Dal 2005 (quando il regime di cambio era più flessibile) ad oggi, la valuta cinese s’è apprezzata di circa il 30% nei confronti del dollaro, quindi è solamente esagerato sostenere che la svalutazione dello yuan, del 4,6%, nella seconda settimana agosto sia il principale responsabile del crollo dell’economia degli Stati Uniti. E’ vero che merci a basso costo prodotte in Cina sono vendute agli statunitensi come mai prima. Tuttavia, dato che posti di lavoro ben retribuiti non esistono negli Stati Uniti da decenni, famiglie e imprese sono più preoccupate a risolvere i loro debiti che a porsi domande sull’origine dei prodotti a basso costo che acquistano quotidianamente nei supermercati. Tuttavia, il governo degli Stati Uniti insiste nel screditare le politiche della Banca di Cina. Niente di strano, le banche centrali non sono note per i compromessi. La storia dimostra che in tempi di crisi e recessione globale, le istituzioni responsabili della politica monetaria agiscono unilateralmente per sostenere le proprie economie. La Federal Reserve degli Stati Uniti è di gran lunga il caso più illustre. Senza consultarsi con altre banche centrali, senza assoggettarsi alla volontà del Congresso, l’ex-presidente Ben S. Bernanke annunciò nel dicembre 2013 la riduzione del programma d’iniezione di liquidità (‘quantitative easing’). La mossa precipitò il crollo dei mercati azionari e dei tassi di cambio delle economie emergenti. Un anno dopo, la nuova presidentessa della Federal Reserve Janet Yellen annunciava la decisione di aumentare il tasso d’interesse dei fondi federali per il 2015. Anche se Yellen non contrasse il credito (‘tightening’), le valute di tutto il mondo accelerarono la debacle degli ultimi mesi. Tale situazione ha indotto Banca centrale europea (BCE), Banca d’Inghilterra e Banca del Giappone a lanciare programmi d’iniezione simili a quelli della Federal Reserve, con l’obiettivo di limitare l’aumento del dollaro verso la loro valute. Invece, la Banca popolare di Cina non fece alcuna azione straordinaria lasciando lo yuan molto stabile. Perché? In pratica, la valuta cinese resta in gran parte legata alle quotazioni del dollaro. Così, mentre tra la metà del 2014 e l’inizio del 2015 il dollaro si è apprezzato del 15-20% sulle valute più scambiate al mondo (euro, sterlina, yen, ecc), solo lo 0,6% fu osservato con lo yuan (4).

Il gioco cinese con diverse palle
Tuttavia, gli ostacoli che la Cina deve superare non sono pochi (5). Per diversi anni il governo cinese ha attuato una serie di “riforme strutturali” affinché l’economia passasse dal modello di accumulazione massiccia a uno che favorisce l’espansione degli investimenti sul mercato interno. L’obiettivo a lungo termine del Partito comunista cinese è aumentare il consumo degli abitanti (crescente potere d’acquisto attraverso i salari) e diminuire la centralità del risparmio. Questo spostamento è diventato più urgente che mai con la contrazione degli investimenti d’impresa e il crollo della domanda estera. Il mese scorso le esportazioni della Cina si sono ridotte dell’8,3% in termini annui, mentre le importazioni dell’8,1%. Mantenendo l’involuzione in sincronia con l’estrema debolezza del commercio mondiale, il cui tasso di crescita è al livello minimo degli ultimi 20 anni (6). “Nonostante un tasso ancora più elevato, la crescita del PIL della Cina è rallentata; la svalutazione, anche se non può essere definita radicale, invertirebbe tale tendenza“, ha detto Paulo Nogueira Batista, Vicepresidente della banca di sviluppo BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa), in un’intervista con l’agenzia Sputnik (7). Tuttavia, va notato che le società cinesi hanno esportato quasi il 60% della produzione verso i Paesi industrializzati, secondo le stime di Jonathan Anderson, dell’Emerging Advisors Group (8). Dato che i Paesi del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Giappone e Regno Unito) sono quasi immersi da stagnazione e deflazione (diminuzione dei prezzi), rivitalizzare l’economia cinese tramite l’esportazione sarà molto complicato. D’altra parte, il settore immobiliare comincia a risentire degli effetti del sovrainvestimento. Le agenzie immobiliari non trovano più abbastanza clienti nel mercato cinese. Il calo delle vendite non può aumentare gli investimenti. Di conseguenza, le aziende impegnate nella produzione di materiali da costruzione (acciaio, cemento, legno, vetro, ecc.) ne sono anche gravemente danneggiate, a causa degli stretti legami con il settore immobiliare (9). Le azioni della banca centrale per gestire il rallentamento dell’economia sono molteplici e non limitate alla svalutazione della moneta. Durante l’ultimo anno, la Banca popolare di Cina ha abbassato il tasso d’interesse di riferimento e i requisiti patrimoniali del sistema bancario in modo da rilanciare i prestiti alle attività produttive. La Cina ha anche lanciato un piano di stimolo fiscale i cui costi sono stimati il 12% del PIL. Il governo cinese gioca con più palle (10). I cinesi cercando di passare da un’economia focalizzata sui massicci investimenti a una trainata dai consumi senza sacrificare la crescita economica; cercano di frenare la speculazione nel settore immobiliare e sui titoli azionari (azioni, materie prime, ecc), ma senza tagliare il credito all’industria; aspirano alla leadership nel settore finanziario, ma sono preoccupati dalla volatilità finanziaria imposta dal mercato globale dei capitali. Il governo cinese saprà adempiere a questa impresa?

Il rischio di deflazione globale
La sfida non è da poco. Le autorità di Pechino appaiono sempre più preoccupate dalle prospettive globali. L’economia mondiale accelera la transizione verso la deflazione (caduta dei prezzi). Non si tratta più solo della debolezza dei prezzi delle materie prime (‘commodities’) e della stagnazione economica deflazionistica in Paesi come il Giappone, che ne soffre dal 1990. La crisi deflazionistica in Grecia s’è consolidata e minaccia di diffondersi in gran parte delle economie della periferia europea. Secondo i dati pubblicati da ELSTAT, l’inflazione in Grecia è scesa al 2,2% annuo, il mese scorso. Così, la deflazione si è accumulata per 29 mesi consecutivi nella nazione ellenica (11). Dopo che la troika (composta da Fondo monetario internazionale, Banca centrale europea e Commissione europea) ha imposto ad Atene un nuovo piano di salvataggio che promuove la politiche di austerità, è chiaro che la deflazione avrà alla fine maggiore slancio e, quindi, diverrà una minaccia letale per la Germania, il socio commerciale della Cina. In breve, Pechino non risparmia sforzi per ricacciare le tendenze recessive che si avvicinano poco a poco alla propria economia, e che tra l’altro colgono di sorpresa sempre più Paesi: da Germania, Francia e Regno Unito, a Canada, Messico e Sud America (Argentina, Brasile, Venezuela, ecc).

Washington punta i missili su Pechino
Il contesto economico regionale non è esente da focolai deflazionistici (12). L’indebolimento dello yuan non è ben visto dai Paesi limitrofi della Cina (13). Le valute di Corea del Sud, Indonesia, Malesia, Singapore e Thailandia hanno toccato i minimi storici dopo la svalutazione del ‘renminbi’, e allo stesso tempo le borse hanno chiuso con perdite comprese tra 0,5 e 1,5%. Se le banche centrali dell’Asia-Pacifico sono tentate dall’intraprendere la corsa alla svalutazione, volta ad “impoverire il vicino” (“beggar-they-neighbor‘) (14), i riusciti appelli della Cina per attivare Banca Asiatica per gli Investimenti Infrastrutturali (‘Infrastrutture Asian Investment Bank‘), Fondo per la Via della Seta (‘Silk Road Fund’) e Zona di libero scambio del Pacifico (‘Area di libero scambio dell’Asia-Pacifico’) sarebbero gravemente minacciati. Al contrario, le società statunitensi non perdono occasione per cercare il sostegno da diversi leader asiatici per ampliare l’adozione dell’accordo di Partnership Trans-Pacifica (15). Il Pentagono, nel frattempo, si propone di rilanciare la dottrina del perno contro la Cina, con il sostegno militare del Giappone. Non c’è dubbio che sia un piano astuto degli Stati Uniti minare la crescente influenza della Cina nella regione Asia-Pacifico. Nell’offensiva imperiale statunitense, il governo cinese deve rimanere vigile e soprattutto tener conto delle lezioni del Generale Sun Tzu (autore de “L’arte della guerra’): per sconfiggere il nemico senza combattere. La svalutazione dello yuan ha evidenziato che i prossimi mesi saranno decisivi nel consolidare la crescita della Cina a potenza mondiale. Solo il tempo potrà infine rivelare se sia possibile risolvere le contraddizioni economiche interne senza mettere a repentaglio la coesione regionale. La moneta cinese è nell’aria…image-from-foreign-exchange-2013-renminbi-trading-1403500475Note
1 “Un mapa muestra el impacto global de la devaluación del yuan“, Russia Today, 18 agosto 2015
2 “El desafío de China ante el FMI: incorporar el yuan a los Derechos Especiales de Giro“, Ariel Noyola Rodríguez, Russia Today, 31 marzo 2015.
3 “Get ready for yuan in IMF basket“, Mike Bastin, China Daily, 17 agosto 2015
4 “China’s exchange-rate policy: Currency peace“, The Economist, 21 febbraio 2015.
5 “Five reasons to be worried about the Chinese economy“, Larry Elliott, The Guardian, 14 agosto 2015.
6 “World shipping slump deepens as China retreats“, Ambrose Evans-Pritchard, The Telegraph, 17 agosto 2015.
7 “Devaluación del yuan puede acelerar economía china, dice funcionario del BRICS“, Sputnik Mundo, 12 agosto 2015.
8 “China, the Fed and emerging markets: Yuan thing after another“, The Economist, 13 agosto 2015.
9 “Devaluation Hints at China’s Rising Distress Over Economy “, Neil Gough, The New York Times, 12 agosto 2015.
10 “Markets and economics: The curious case of China’s currency“, The Economist, 11 agosto 2015.
11 “Greek deflation steady in July, prices fall for 29th month“, Reuters, 7 agosto 2015.
12 “China’s currency devaluation could spark ‘tidal wave of deflation‘”, Heather Stewart, The Guardian, 12 agosto 2015.
13 “Renminbi fallout threatens Asian neighbours“, Steve Johnson, The Financial Times, 14 agosto 2015.
14 “China’s Renminbi Devaluation May Initiate New Phase in Global Currency War“, Peter Eavis, The New York Times, 13 agosto 2015.
15 “Currency Devaluation Shows the High Cost of China’s Soft Power“, David Francis, Foreign Policy, 11 agosto 2015.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.287 follower