Il compito dei BRICS: promuovere la yuanizzazione dell’economia globale

Ariel Noyola Rodríguez* RussiaToday
*Economista laurato all’Universidad Nacional Autónoma de México.

bricks-logo-colored1Molto inchiostro viene versato dalla stampa internazionale sui Paesi BRICS. Non c’è dubbio che il blocco a cinque abbia incrementato la presenza nell’economia globale negli ultimi anni, in concorrenza diretta con Stati Uniti e Unione europea. Tuttavia, i dettagli della nuova banca di sviluppo e dell’accordo sulle riserve di emergenza dimostrano che i suoi membri sono restii a lasciare l’orbita del dollaro, distruggendo così il guscio delle istituzioni di Bretton Woods. Nella città russa di Ufa, quasi ai piedi degli Urali, si sono riuniti i vertici dei Paesi BRICS, Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa e dell’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO), formata da Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan e Uzbekistan. Riguardo la cooperazione finanziaria, i Paesi BRICS hanno annunciato i dettagli della nuova banca di sviluppo, come pure dell’accordo sulle riserve di emergenza. Tuttavia, il modus operandi di entrambe le istituzioni rivela che non promuove il processo della de-dollarizzazione globale.(1) E i crediti della Nuova Banca di sviluppo dei BRICS sono indicati in dollari, e lo stesso accadrà alla liquidità prevista dall’accordo di contingenza delle riserve, che dovrà anche aver l’avallo(2) del Fondo monetario internazionale (FMI) per stabilizzare le bilance dei pagamenti dei BRICS(3). D’altra parte, la Cina mina, da sola, il dominio del dollaro attraverso la yuanizzazione dell’economia globale, stabilendo scambi di valuta (‘swap’) di natura bilaterale fra le banche centrali, sia mediante l’insediamento di banche di pagamento diretto (Banca di compensazione), che concedendo licenze per partecipare al Programma cinese per gli investitori istituzionali stranieri qualificati in Renminbi (RQFII), la “moneta del popolo” (‘RMB’) si fa strada.
Tuttavia, va notato che la Cina incoraggia lo yuan solo attraverso accordi bilaterali, sprecando così le straordinarie potenzialità delle istituzioni per il finanziamento delle infrastrutture, in maggioranza supportate dalle economie emergenti. Le operazioni di credito della Banca asiatica di investimento nelle infrastrutture (AIIB), il Fondo per la Via della Seta (‘Silk Road Fund‘) e la Nuova banca di sviluppo dei Paesi BRICS, avvengono tutte in dollari. Pertanto, se è vero che la quantità di risorse disponibili per le 3 istituzioni cinesi (240 miliardi) sfida il potere di FMI e Banca mondiale, allo stesso tempo supporta l’impero del dollaro, pietra angolare del sistema monetario internazionale fondato nel 1944. Nei BRICS lo slancio dello yuan è marginale. Fin qui alcun membro dei BRICS ha mostrato la volontà di partecipare alla RQFII. Solo dalla scorsa settimana, la Repubblica del Sud Africa è il primo membro dei Paesi BRICS a insediare una banca per i pagamenti diretti (‘banca di compensazione’) per facilitare le operazioni in yuan. Nel caso dell’India, vicinanza geografica e complementarità geo-economica con la Cina non incoraggiano il primo ministro Narendra Modi a chiedere un accordo di ‘scambio’ con la Banca del Popolo della Cina (PBOC), per proteggere il suo Paese dalla volatilità del dollaro. Perché c’è resistenza nel sostenere lo yuan? E cosa succede alla cooperazione nel blocco? Secondo il FMI, il PIL combinato dei BRICS ha raggiunto i 16900 miliardi (a prezzi correnti) nel 2014, importo che rappresenta più di un quarto (27%) del PIL mondiale. Anche se i loro tassi di accumulazione di capitale sono diminuiti, i Paesi BRICS hanno contribuito per metà alla crescita dell’economia mondiale nell’ultimo decennio. Tuttavia, questi record storici sono in contrasto con i bassi volumi di scambi ed investimenti tra i Paesi BRICS. Mentre le esportazioni dei Paesi BRICS (336 miliardi) costituiscono il 16 per cento delle esportazioni globali, il commercio di beni nel blocco rappresenta solo l’1,5% del totale globale. Lo stesso vale negli investimenti, fatta eccezione per il programma da svariati milioni di dollari lanciato dalla Cina, i flussi di capitali tra Brasile, Russia, India e Sud Africa sono scarsi, ammontando a meno del 5% del totale investito dai quattro Paesi, secondo l’archivio della conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNCTAD).
Contro questo scenario è necessario che i Paesi BRICS s’impegnino in 3 compiti fondamentali. Primo, i Paesi BRICS dovrebbero accelerare la costruzione di un’associazione economica integrale(4) approfondendo la cooperazione industriale, tecnologica, energia, finanziaria, ecc. Secondo, creare un’Area di libero scambio (FTA) dei BRICS sarebbe un passo decisivo rafforzando i legami economici tra i membri del blocco a cinque(5). In questo senso, la Cina dovrebbe aumentare le importazioni per ridurre gli squilibri commerciali(6). Terzo, infine, è urgente abbandonare l’orbita del dollaro. Se si crea un ‘paniere di valute’, promuoverebbe l’uso dello yuan(7) e i Paesi BRICS inizierebbero a sfidare l’egemonia della valuta nordamericana(8). In breve, se i Paesi BRICS non pongono ancora lo yuan al centro delle loro transazioni, sarà impossibile poi che le iniziative per il finanziamento delle infrastrutture (AIIB, Fondo della Via della Seta e Banca di sviluppo dei Paesi BRICS) sponsorizzate dalla Cina diventino le fondamenta di un sistema monetario multipolare.

BRICS_puzzle-090713-680x365Note
1 “BRICS and the Fiction of “De-Dollarization”“, Michel Chossudovsky, Global Research, 8 aprile 2015
2 “Los beneficiarios del fondo BRICS deberán atenerse a los consejos del FMI“, Sputnik, 9 luglio 2015
3 “The US still decides the future of capitalism, not the G20, and not the Brics nations“, Leo Panitch, The Guardian, 27 agosto 2014
4 “The Strategy for BRICS Economic Partnership“, Offical website of Russia’s Presidency in BRICS, luglio 2015
5 “‘BRICS Free Trade Zone’ being considered: Russia, The BRICS Post, 6 luglio 2015
6 “Xi pushes BRICS potential“, Chen Heying, The Global Times, 9 luglio 2015
7 “Ufa could be the yuan moment“, Jagannath Panda, The Hindu, 7 luglio 2015
8 “The Brics are building a challenge to western economic supremacy“, Radhika Desai, The Guardian, 2 aprile 2013

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Dichiarazione dei BRICS di Ufa

TBP 9 luglio 2015iniziato-il-summit-dei-brics-a-ufa-in-russiaorig_mainDopo colloqui-maratone, le cinque potenze emergenti hanno firmato una serie di accordi intergovernativi e il comunicato di Ufa. Le deliberazioni dei BRICS sulla situazione politica ed economica mondiale sono riflesse nel documento. I BRICS notano la fragile ripresa della crescita mondiale e si dichiarano “preoccupati per le potenziali ricadute delle politiche monetarie non convenzionali delle economie avanzate”. Il rifiuto degli Stati Uniti di ratificare le riforme del voto al FMI rimane una preoccupazione centrale, ha detto il gruppo. “Siamo profondamente delusi dalla prolungata mancanza degli Stati Uniti nel ratificare il pacchetto di riforme del FMI 2010, continuando a minare credibilità, legittimità ed efficacia del FMI“, ha detto il documento. I BRICS rappresentavano oltre il 17 per cento del commercio globale, il 13 per cento del mercato dei servizi globale e il 45 per cento della produzione agricola mondiale, nel 2014. Il PIL dei cinque Paesi BRICS è salito da 10000 miliardi dollari nel 2001 a 32500 miliardi dollari nel 2014. La dichiarazione di Ufa afferma anche che “la NDB (Nuova Banca di Sviluppo) funge da potente strumento di finanziamento degli investimenti infrastrutturali e dei progetti di sviluppo sostenibile nei Paesi BRICS, Paesi in via di sviluppo ed economie emergenti“. La Banca BRICS approverà i primi propri progetti di investimento nel primo trimestre del 2016 e lavorerà a stretto contatto con la AIIB della Cina. Tutti i Paesi BRICS sono membri della AIIB. “Accogliamo con favore la proposta della NDB di cooperare strettamente con i meccanismi di finanziamento esistenti e nuovi, tra cui la Banca di investimenti infrastrutturali asiatica“, dichiara il documento. La dichiarazione di Ufa fa anche riferimento al 70° anniversario della sconfitta di Germania nazista, “fascismo” e “militarismo” durante la Seconda Guerra Mondiale e denuncia i tentativi di riscrivere la storia, ma non si cita il Giappone. “Esprimiamo il nostro impegno a respingere risolutamente i continui tentativi di travisare i risultati della seconda guerra mondiale. Mentre si ricorda il flagello della guerra, si evidenzia che è nostro dovere comune costruire un futuro di pace e di sviluppo“, dichiara il comunicato. I rapporti Cina-Giappone sono al minimo storico su ciò che Cina e Corea del Sud affermano essere l’assenza di rimorsi per le atrocità di guerra del Giappone. Cina e Russia hanno anche dichiarato di sostenere le aspirazioni al Consiglio di sicurezza dell’ONU di Brasile, Sud Africa e India. I leader dei BRICS hanno promesso di collaborare con le Nazioni Unite sostenendo i trattati internazionali pur criticando l’adozione di “doppi standard”. “Sottolineiamo la necessità di un’adesione universale ai principi e alle norme del diritto internazionale, nella loro interrelazione e integrità, scartando il ricorso a “doppi standard” ed evitando l’imposizione degli interessi di certi Paesi su altri“, dichiara il documento.
I Paesi BRICS hanno regolarmente criticato la politica estera interventista di Washington e gli attacchi aerei nei Paesi del Medio Oriente come Siria e Iraq. In supporto al presidente russo Putin, gli omologhi dei BRICS sostengono Mosca nell’opposizione alle sanzioni occidentali contro la Russia sul conflitto ucraino. “Condanniamo gli interventi militari unilaterali e le sanzioni economiche in violazione del diritto internazionale e delle norme universalmente riconosciute nelle relazioni internazionali. Ricordando questo, sottolineiamo l’importanza unica del carattere indivisibile della sicurezza e che alcuno Stato rafforzi la propria sicurezza a spese di quella di altri“, ha aggiunto il comunicato di Ufa. Il blocco ha sottolineato la propria posizione sulla teoria dei due Stati sul conflitto israelo-palestinese. I BRICS hanno chiesto che Gerusalemme Est sia la capitale dello Stato di Palestina e la fine della costruzione di insediamenti israeliani. “Ci opponiamo alle continue attività degli insediamenti israeliani nei Territori occupati violando il diritto internazionale e ostacolando seriamente la pace“, ha detto il documento. Il comunicato di Ufa ha anche detto che i Paesi BRICS “Condanno fermamente le violazioni dei diritti umani da ogni parte nel conflitto” in Siria.
I BRICS hanno inoltre adottato un “Piano d’azione” che traccia per il 2016 l’azione del gruppo. La “Strategia dei partenariati economici dei BRICS” proposta dalla Russia è un progetto sui rapporti commerciali e d’investimento del gruppo fino al 2020. Tra l’altro, dovrà aumentare la competitività dei Paesi BRICS nell’economia globale. I cinque ministri degli Esteri hanno inoltre firmato un accordo sulla creazione di un sito web congiunto dei BRICS, che fungerà da segretariato virtuale del gruppo. Le banche centrali dei cinque Paesi hanno inoltre firmato accordi di cooperazione con la Nuova Banca di Sviluppo.putin-xi-bricsLa Via della Seta cinese esce vincente al vertice SCO
TBP 11 luglio 2015

UfaBrics_risultatoNell’ultimo vertice della regione, Beijing ha consolidato la sua già forte posizione economica in Asia centrale. Nei vertici di SCO e BRICS in Russia, il presidente cinese Xi Jinping invitava gli Stati aderenti a “sostenere lo”spirito di Shanghai per lo sviluppo comune”. Almeno 16 miliardi di dollari del fondo da 40 miliardi per la Via della Seta della Cina saranno dedicati a progetti in Asia centrale. Il Presidente Xi ha annunciato a Ufa che Pechino è disposta a rafforzare la cooperazione negli investimenti con altri membri della SCO, incanalando il fondo di cooperazione economica Cina-Eurasia e il fondo della Via della Seta, “per concentrarsi sui grandi programmi infrastrutturali, sfruttamento delle risorse, industriali e finanziari“. La Cina aveva già annunciato il fondo da 40 miliardi l’anno scorso. Xi ha accolto anche la prevista espansione della SCO includendovi i vicini asiatici India e Pakistan. L’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai (SCO) ha approvato la risoluzione per avviare le procedure di concessione a India e Pakistan della piena adesione all’organizzazione al XV vertice della SCO a Ufa. Entrambi i Paesi diverranno membri a pieno titolo della SCO al vertice di Tashkent nel 2016. Attualmente India e Pakistan sono osservatori. Hanno presentato domanda nel 2006 il Pakistan e nel 2014 l’India. Inoltre la SCO ha elevato la Bielorussia dallo status di osservatore a partner del dialogo e ha assunto Azerbaigian, Armenia, Cambogia e Nepal a nuovi partner del dialogo. “La Cina ritiene che l’ammissione di nuove forze nella SCO darà nuovo slancio alla cooperazione nell’organizzazione“, ha detto Xi al vertice.
Fondata nel 2001, la SCO conta Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan e Uzbekistan come pieni aderenti, Afghanistan, Bielorussia, Iran, Mongolia, India e Pakistan come osservatori e Armenia, Azerbaigian, Cambogia, Nepal, Sri Lanka e Turchia come partner del dialogo. La SCO ha firmato un accordo sulla difesa dei confini al vertice di Ufa. Il blocco prepara anche un nuovo trattato sulla lotta all’estremismo. Il presidente russo Vladimir Putin ha detto al vertice che “garantire la sicurezza di territorio e frontiere dei Paesi aderenti resta uno dei compiti prioritari dell’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai. La crescente attività delle organizzazioni terroristiche islamiche che cercano d’estendere la loro influenza, peggiora la situazione. Abbiamo deciso di rafforzare il coordinamento tra i ministeri della Difesa per monitorare la situazione in modo più efficace e coordinare le nostre azioni per sventare potenziali minacce“.
I presidenti russo e cinese hanno firmato un decreto a maggio collegando lo sviluppo dell’Unione economica eurasiatica della Russia con l’ambizioso programma economico della “Via della Seta” della Cina. Gli Stati membri della SCO pianificano anche una nuova banca dopo il successo della nuova Banca BRICS e della Banca asiatica per gli investimenti infrastrutturali (AIIB). “I membri della SCO dovranno sforzarsi nell’istruire i risoettivi enti finanziari verso mutui vantaggiosi programmi multilaterali, così come lo sviluppo economico di ogni aderente“, ha detto Xi chiedendo agli Stati membri di accelerare l’attuazione del corridoio dei trasporti della SCO. La Cina fornirà i fondi per sostenere lo studio di fattibilità e i piani del progetto, ha detto. L’omologo russo ha accettato. “Vediamo la grande promessa dell’iniziativa di sviluppare una rete dei trasporti della SCO utilizzando il potenziale offerto dalle ferrovie Transiberiana e Bajkal-Amur in Russia“, ha proposto Putin. Nei prossimi anni la Cina completerà 4000 chilometri di ferrovia e oltre 10000 chilometri di autostrada nella regione, ha detto Xi. Beijing ha già investito miliardi di dollari nella rete dei gasdotti che collegano i produttori centroasiatici alla Cina. Collegando la regione ulteriormente con il programma della Via della Seta, la Cina sollecita gli Stati membri ad approfondire la cooperazione industriale ed accelerare la costruzione di parchi industriali in ogni Stato aderente.
L’Alleanza Russia-Cina in Asia centrale ha ricevuto una spinta con Putin che accetta la maggior parte delle proposte di Pechino. Nella conferenza stampa dopo i vertici di SCO e BRICS a Ufa, Putin ha sottolineato la necessità di ulteriore integrazione delle economie regionali. “La Cina rimane la locomotiva dell’economia mondiale“, ha detto Putin. “I nostri colleghi di SCO e BRICS parlano spesso della necessità di sviluppare le infrastrutture senza cui è impossibile garantire uno sviluppo sostenibile. Questo vale per ferrovie, strade, trasporti aerei e condutture. È difficile contestarlo. Nel frattempo i progetti della cintura economica della Via della Seta e i nostri piani per lo sviluppo delle ferrovie Tran-siberiana e Bajkal-Amur, ed altri nostri progetti nell’UEE, ovviamente richiedono sforzi congiunti“, ha aggiunto.

BRICS in Ufa, RussiaTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il vertice BRICS/SCO di Ufa segna l’inizio dell’Ordine Mondiale di Seta

Mahdi Darius Nazemroaya Strategic Culture Foundation 10/07/2015354737Preparatevi a sconvolgenti terremoti geopolitici. All’incrocio tra Asia ed Europa s’è deciso che la città russa di Ufa sarà il punto di convergenza di tutte le iniziative e i progetti commerciali e d’integrazione dell’Ordine Mondiale di Seta che Cina e Russia guidano. Ufa, capitale del Bashkortostan in Russia, ospita contemporaneamente i vertici straordinari dei BRICS, sempre più forum alternativo al G7, e della Shanghai Cooperation Organization (SCO), rispettivamente dall’8 al 9 luglio e dal 9 al 10 luglio 2015.

L’incontro tra Eurasia e altrove
I vertici congiunti di BRICS e SCO di Ufa sono organizzati da Mosca essendo alla presidenza temporanea di BRICS e SCO. Non è un caso, tuttavia, che il settimo vertice dei BRICS e il quindicesimo vertice della SCO sono stati uniti in un grande vertice internazionale. Il Cremlino sfrutta la possibilità di riunire i partner della Russia nell’ambito del processo d’integrazione dell’Ordine Mondiale di Seta. Ci saranno sessioni congiunte di BRICS e SCO e molti scambi e discussioni sul nuovo archetipo mondiale. Una sessione informale a Ufa non solo include i membri di BRICS e SCO, ma anche dell’Unione economica eurasiatica (UEE), secondo le informazioni dell’assistente del Presidente russo Putin, Jurij Ushakov fornite ai media prima del vertice di Ufa. A parte Brasile e Sud Africa, tutti i membri di BRICS e SCO si trovano in Eurasia, e il Cremlino ha ritenuto pertinente che l’UEE sia coinvolta nelle discussioni sullo sviluppo dello spazio eurasiatico. In sostanza ciò significa che l’Armenia sarà presente ai vertici BRICS e SCO nel Bashkortostan, dato che tutti gli altri aderenti dello spazio economico eurasiatico sono membri a pieno titolo della SCO o, nel caso della Bielorussia, interlocutori della SCO. Secondo l’Istituto di Studi cinesi Mercator (Merics) di Berlino, i colloqui BRICS-SCO-UEE sono “un segno che la Russia punta a politiche di blocco”, la Repubblica di Azerbaigian e il Turkmenistan parteciperanno alla riunione informale di BRICS, SCO e UEE. [1] Le convergenze eurasiatiche e globali a Ufa sono chiare. Usando i legami già esistenti, la Nuova Via della Seta cinese e l’Unione economica eurasiatica dei russi avvieranno i passi per unificarsi nel Bashkortostan quale perno dello spazio eurasiatico. E’ la continuazione delle discussioni di vertice annunciati dal presidente cinese Xi Jinping e da Putin l’8 maggio all’arrivo di Xi Jinping a Mosca, per le celebrazioni del Giorno della Vittoria del 9 maggio 2015. Dopo tentativi falliti, il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente iraniano Hassan Rohani finalmente s’incontrano a Ufa. India e Iran riaprono i rapporti strategici trascurati dal governo del predecessore di Modi, il primo ministro Manmohan Singh. L’uso del porto iraniano di Chabahar da parte dall’India per accedere a Russia e Asia centrale attraverso il Corridoio Nord-Sud, sicuramente sarà discusso dai funzionari indiani e iraniani a Ufa.

Il Nuovo Ordine Mondiale di Seta viene svelato a Ufa
Mentre la Nuova Via della Seta e l’UEE si fondono a Ufa, i BRICS tracceranno un piano di sviluppo e la SCO illustrerà i piani di espansione con nuovi membri a pieno titolo. Saranno affrontate le domande di India, Iran e Pakistan per la piena adesione. Inoltre, Egitto e molti altri Paesi hanno chiesto di aderire alla SCO in futuro. A Ufa si traccia la tabella di marcia del “secolo eurasiatico” e dell’Ordine Mondiale di Seta che va oltre l’Eurasia, comprendendo di tutto, dalla megarete ferroviaria transcontinentale che collega la penisola iberica al Mar Cinese Meridionale e ciò che viene definita la “città moderna del continente eurasiatico” in Bielorussia. Gli Stati Uniti sono chiaramente preoccupati dalla nascita dell’Ordine Mondiale di Seta, e iniziano a ostacolarla con ogni mezzo, corteggiando il Brasile alla vigilia del vertice di Ufa o chiedendo all’Unione europea di non partecipare al progetto bancario cinese. La Strategia Militare 2015 del Pentagono, che prevede la possibilità di uno scontro della versione aggiornata dell’“Asse del Male” composto da Cina, Russia, Iran e Corea democratica, si adatta alla propensione di Washington nell’affrontare i Paesi che sfidano l’ordine internazionale dominato dagli Stati Uniti. Mentre Washington e NATO invocano la chiamata generale alle armi, i cinesi sono occupati nel realizzare reti infrastrutturali civili e dei trasporti. In Bielorussia i cinesi costruiscono la prima “città moderna del continente eurasiatico” nelle foreste vicino all’aeroporto di Minsk, in ciò che Bloomberg definisce “trampolino di lancio industriale tra Unione europea e Russia”. [2] Al termine, la nuova città volta all’esportazione della Bielorussia, in costruzione sulla strada europea che collega Berlino, Varsavia, Minsk e Mosca, sarà il maggiore parco industriale in Europa.

Il dollaro USA e Bretton Woods sono finiti
L’Ordine Mondiale di Seta che si forma a Ufa vedrà l’attuale architettura finanziaria di Bretton Woods spianata e sostituita da una non più dominata dalla trilaterale Stati Uniti, Europa occidentale e Giappone. Il monopolio di Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale, che ha avvantaggiato Washington, è alla fine. Il dollaro USA come valuta commerciale è cancellata da BRICS, SCO ed UEE, e l’inondazione dei mercati petroliferi da parte di Washington era in parte volta a deragliare ciò imponendo una rinnovata dipendenza dal dollaro statunitense nel commercio energetico. La nuova Banca di sviluppo dei BRICS (NDB) è la prima istituzione BRICS lanciata da Brasile, Cina, India, Russia e Sud Africa. Ad essa si affiancano la Banca di sviluppo della SCO e la Banca di investimento infrastrutturale asiatica recentemente lanciata all’assalto di Bretton Woods. Sono finiti i giorni del dominio statunitense incontrastato. L’architettura del dopo-seconda guerra mondiale, o ordine globale post-1945, è ora in agonia, sul punto di finire. Con o senza Washington, il Nuovo Ordine Mondiale di Seta emerge e il suo avvento viene celebrato a Ufa rafforzando la SCO e istituzionalizzando i BRICS a pietra angolare del nuovo ordine mondiale multipolare.

Note
[1] Gabriel Domínguez, “Cosa aspettarsi dal vertice SCO e BRICS in Russia”, Deutsche Welle, 6 luglio 2015.
[2] Aliaksandr Kudrytski, “La Cina costruisce la testa di ponte comunitaria con una città da 5 miliardi di dollari in Bielorussia”, Bloomberg, 26 maggio 2013.

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Russian President Putin, Indian Prime Minister Modi, Brazil's President Rousseff, Chinese President Xi and South African President Zuma walk after the welcoming ceremony during the BRICS Summit in UfaElenco delle discussioni al vertice BRICS
Russia Insider 10 luglio 2015

• La cooperazione con la Mongolia sembra destinata ad aumentare. Putin ha sottolineato il grande potenziale della cooperazione sino-mongolo-russa.
• Il presidente della Mongolia ha chiesto che Cina e Russia ripensino il gasdotto Siberian-2 e ne considerino invece uno attraverso la Mongolia, che sarebbe meno costoso e più rapido da costruire di quello pianificato, che passa per la regione montagnosa dell’Altaj.
• I BRICS avviano un fondo valutario di riserva da 100 miliardi di dollari.
• L’India sembra proiettata ad entrare ufficialmente nella Shanghai Cooperation Organization (SCO).
• Alcuni accordi sono stati presi sullo sviluppo del gruppo. Si tratta di decidere alcuni progetti infrastrutturali e innovativi già previsti, che rientrano soprattutto nella “Nuova Via della Seta”. Maggiori dettagli in futuro.
• I BRICS ricercano un maggiore approccio comune nella lotta al terrorismo.
• Si lavora su strategie alimentari per le comunità più vulnerabili.
• Blindare in comune le economie contro forti fluttuazioni dei prezzi del petrolio.
• Un approccio multilaterale (cooperazione) nelle sfide globali (egemonia statunitense e NATO).
• Suggerimenti secondo cui i BRICS accolgano l’Iran, o almeno guardino ad una crescente cooperazione con esso. Turchia, Indonesia, Messico, Egitto, Argentina, Nigeria e Grecia si sono dichiarati interessati ad aderire ufficialmente ai BRICS. Per la Grecia sarebbe impossibile se rimane nell’UE.
• Forse più importante, i BRICS si preparano ad espandere l’uso delle monete nazionali nel commercio reciproco. I BRICS partecipano al 75% del commercio mondiale (interno o coinvolgente una nazione BRICS), con percentuale crescente nel commercio tra nazioni BRICS. Gli scambi commerciali tra Russia e Cina aumenteranno a circa 100 miliardi dollari nel 2015. L’uso delle monete nazionali nel commercio tra le due nazioni è aumentato di oltre l’800%.
• Le nazioni dei BRICS decidono di cooperare per impedire la ‘revisione’ della storia.
• La banca di sviluppo dei BRICS avvierà progetti già nel 2016.

5111-0294RTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

BRICS e SCO becchini degli USA

Ilija Vakhlakov Cont 9 luglio 2015 – America’s Done Wrongs

Fino al vertice congiunto delle unione interstatali BRICS e SCO, che si svolge in questi giorni a Ufa, erano tra i pochi club di Stati dagli interessi dissimili e privi di un qualsiasi contenuto specifico. Tuttavia gli attuali progetti su trasporti e finanziari possono vanificare secoli di grande gioco degli USA2015-07-09T122942Z_1289193856_GF10000153731_RTRMADP_3_EMERGING-BRICS-RUSSIA-MARKETSConversione
I leader dei Paesi BRICS di volta in volta tengono riunioni congiunte, come i vertici G7, per discutere e agire su un comune messaggio “mondiale”, dimostrando una crescente importanza mondiale, ma non solo. Allo stesso modo, i Capi di Stato dei Paesi della SCO periodicamente comunicano tra loro dichiarando l’impegno a “tutto ciò che va bene contro ogni male”, ma oltre le parole non si andava. La crisi globale, che ha colpito le economie di questi Paesi, poteva sembrare a qualcuno l’inizio della fine del Fronte antioccidentale. Perciò molti osservatori con malcelato stupore hanno visto quest’anno che le due organizzazioni iniziano un ambizioso e concreto sostegno a una revisione integrale della relazione geo-economica mondiale esistente. A metà 2015, al vertice di Ufa appare chiaro che BRICS e SCO diventano attori mondiali a pieno titolo e come tali vanno considerati. Questi ambiziosi superprogetti sono in primo luogo la nuova Banca di sviluppo dei BRICS e la riserva valutaria dei Paesi dell’associazione, così come il corridoio dei trasporti ed energetico della “Grande Via della Seta”, facendo della SCO un’influente unione politica ed economica. Nel caso che i promettenti progetti assorbano il traffico transatlantico, la base della globalizzazione attuale e le istituzioni finanziarie prevalentemente pro-USA cadranno nel dimenticatoio, l’equilibrio strategico globale passerà all’Asia e l’attuale egemone planetario Stati Uniti sarà finalmente emarginato dal mondo.

La Nuova Banca di Sviluppo: miliardi per la Russia
Cos’è la nuova banca di sviluppo? E’ un concorrente diretto degli usurati strumenti finanziari della trans-oligarchia come Banca Mondiale e Fondo Monetario Internazionale. Entrambe tali strutture, controllate da Washington, hanno da tempo cessato di rispondere alla realtà perché non tengono conto del rapido sviluppo dei cosiddetti Paesi del terzo mondo, tra cui l’occidente vedeva i cinque Paesi BRICS. Questi ultimi non hanno alcuna leva sulle vecchie istituzioni finanziarie e non potevano sfruttare al massimo le proprie risorse per i propri progetti. Perciò pochi anni fa, i leader dei cinque Paesi decisero di creare la propria banca, dove essere azionisti con tutti i poteri necessari e l’accesso preferenziale a vere risorse. Da marzo a luglio di quest’anno i cinque Paesi BRICS hanno ratificato la creazione della banca ed entro la fine di quest’anno formeranno il primo pacchetto di progetti per gli investimenti futuri. Formalmente hanno permesso che il capitale della banca ammontasse a “soli” 100 miliardi dollari, ma con l’aiuto dei fondi in prestito su garanzia del fondatore, tale importo potrebbe facilmente aumentare a 300-400 miliardi di dollari. Quindi avviare la net economy: la banca di sviluppo guadagnerebbe miliardi da investimenti redditizi in infrastrutture, ricerca e progetti commerciali nel mondo, ponendo tassi speciali ai prestiti per le iniziative nel BRICS. Per la Russia, una nuova fonte per un facile uso dei fondi sarà cruciale date le sanzioni economiche imposte dall’occidente. Limitare l’accesso ai prestiti esteri a basso costo per un anno ha un impatto negativo su una serie di progetti infrastrutturali nazionali: costruzione di assi stradali e ferroviari e posa di condotte strategiche, scoperta di nuovi giacimenti di petrolio e gas e modernizzazione delle raffinerie. Nel prossimo futuro tutte queste iniziative avranno una solida base finanziaria grazie allo sviluppo della banca in cui la Russia avrà tutti i poteri necessari.

La Nuova Via della Seta: gli USA emarginati
La maggior parte dei progetti infrastrutturali russi, senza dubbio, sarà avviata sulla base dei nuovi interessi economici comuni dei Paesi della SCO. Si tratta del corridoio Estremo Oriente – Europa che rinnova la tradizione della Via della Seta medievale. La Cina è il motore ideale, ma la Russia è sempre estremamente importante, in quanto può di nuovo e più equamente integrarsi nell’economia mondiale, tramite partner chiave, con le più importanti arterie dei trasporti nel continente. Come è noto, i corridoi terrestri per centinaia di anni presiedettero agli scambi eurasiatici, e furono emarginati circa 500 anni fa quando gli europei aprirono le rotte marittime. Fu allora che la stella dell’Europa occidentale sorse, estinta dal crollo dell’impero romano. Dopo aver stabilito il suo potere con il controllo delle rotte marittime, la civiltà “atlantica” per mezzo millennio ha dettato la sua volontà su tutti i popoli e neanche oggi è disposta a rinunciare allo status di egemone globale. Oggi, tuttavia, il commercio marittimo tra Vecchio Mondo e “tigri” dell’Asia orientale subisce gravi limitazioni. La merce che viaggia da Guangzhou a Rotterdam, su rotte marittime, impiega in media 45-60 giorni, a seconda delle rotte e ridurlo drasticamente è impossibile. Con la realizzazione del progetto della nuova rotta terrestre della Via della Seta, il viaggio di uno stesso volume di merce sul ramo settentrionale, attraverso la Russia, occuperebbe solo 10-12 giorni. Oltre alla velocità, diventa un fattore importante la sicurezza. Negli ultimi anni le comunicazioni marittime sono sempre più oggetto di assalti ed anche di contrattazione geopolitica. Ciò si manifesta in molti modi: dagli attacchi dei pirati al largo delle coste del Corno d’Africa e nello Stretto di Malacca agli scontri diplomatici tra superpotenze su isole contese o sui piani per la costruzione di canali transcontinentali. Problemi gravi potrebbero verificarsi alle linee di approvvigionamento degli idrocarburi dai Paesi del Golfo per tutto il mondo, che sono quasi esclusivamente marittime. Il fenomeno terroristico dello “Stato islamico” (un gruppo vietato dalla Corte Suprema russa) può sconvolgere la regole del gioco, reclamando un proprio ruolo geopolitico in Medio Oriente. Tra l’altro ciò comporterebbe il forte aumento del ruolo del petrolio e del gas russo nel mercato energetico mondiale. Non è un caso, ad esempio, che siano costruiti gasdotti dalla Siberia occidentale e orientale verso la Cina quali elementi di base della futura Via della Seta.
Le conseguenze della costruzione e dell’ammodernamento del corridoio trans-Eurasia sono difficili da sopravvalutare. Basti dire che il passaggio del vettore degli scambi tra l’Europa e l’Asia agli itinerari terrestri inciderà immediatamente sulla configurazione dell’intero sistema finanziario mondiale ancora basato sul dollaro USA. La Nuova Via della Seta, che collega i produttori di materie prime più grandi del mondo ai principali mercati, rende gli USA semplicemente inutili, e la loro moneta irrilevante. E’ qui che l’Europa occidentale e l’Estremo Oriente potrebbero trovare il “punto di contatto” per un fruttuoso compromesso a lungo termine.2015_7$largeimg110_Jul_2015_074422440galleryLa Federazione Russa è tutt’altro che isolata: ospita BRICS e Shanghai Cooperation Organization
Galina Zobovo, Michiyo Tanabe e Lee Jay Walker Modern Tokyo Times

La Federazione russa è all’avanguardia nel sostegno al mondo multipolare rompendo la morsa dell’ordine tradizionale per cui USA, potenze europee e monarchie del Golfo collaborano. Naturalmente, le differenze rimangono su questioni specifiche e interessi geopolitici interni. Tuttavia, in generale tali forze sono solite collaborare quando si tratta di importanti questioni economiche, politiche e di sicurezza. Ultimamente la Federazione russa ha in primo luogo ignorato la politica di quelle nazioni nel caso di Abkhazia e Ossezia del Sud, seguite quindi dagli eventi in Crimea, Siria e Ucraina sud-orientale e orientale. Altri eventi internazionali testimoniano le gravi divisioni tra Federazione russa e potenze occidentali. Eppure, la crisi in Crimea (Federazione Russa) e in Ucraina sono l’ultima goccia. Dopo di ché Mosca ora affronta sanzioni economiche e altri aspetti negativi dovuti alle ambizioni geopolitiche di USA e Unione Europea (UE). Tuttavia, la Federazione russa ai primi di luglio di quest’anno ospita BRICS e Shanghai Cooperation Organization (SCO). Ciò significa che Mosca ospiterà nazioni come Brasile, Cina, India, Iran e Sud Africa, insieme a molte altre collegate alla SCO. In effetti, anche il Pakistan dimostra grande interesse per la SCO come altre nazioni dell’Asia centrale ritenute partner essenziali. In altre parole, è evidente che le élite politiche di Mosca ritengono di poter mettere evitare i rapporti negativi con USA e Unione europea grazie alla forza di trazione della Federazione Russa. Allo stesso tempo, la Federazione Russa fa appello ai tradizionali alleati di Washington per via della natura mutevole della geopolitica. Pertanto Paesi come Egitto e Pakistan, e altri, si allontanano dal loro approccio apertamente sbilanciato verso Washington per uno più equilibrato. Infatti, anche se può sembrare che il Giappone sia completamente nel campo degli USA, è altrettanto vero che i leader del Giappone e della Federazione russa condividono diversi rapporti cordiali. Altrettanto importante, le élite politiche di Tokyo sanno bene che relazioni positive con Mosca sono nell’interesse del Giappone. Ciò vale in particolare per gli eventi geopolitici in Asia nordorientale riguardanti penisola coreana e Cina in cui la Federazione Russa è vista come onesta mediatrice. Inoltre, di grande importanza è la questione energetica perché il Giappone non si affida più al Medio Oriente.
Asian News relaziona su fattori economici affermando: “L’obiettivo è rafforzare la cooperazione finanziaria contrastando il dollaro. Ciò che Cina e Russia già fanno è commerciare in altre valute. In realtà, la borsa di Mosca commercia già i futures in rubli-yuan e la Russia è uno dei tre massimi attori nella Banca di investimenti infrastrutturali asiatici (AIIB) insieme a Cina e India“. Le organizzazioni BRICS e SCO giungono in un momento molto opportuno per il Presidente della Federazione Russa Putin, perché mette in luce le sabbie mobili economiche e come Mosca non dipenda dalle potenze occidentali. Altrettanto importante, nonostante le parole del presidente degli USA Obama e di certi leader europei, è chiaro che la Federazione russa è tutt’altro che isolata. I media occidentali nel complesso hanno la possibilità d’immaginare un quadro assai negativo della Federazione Russa di Putin, ma le élite politiche a Mosca si concentrano sul sostegno del mondo multipolare nascente. In effetti, la Federazione russa è fermamente convinta che l’agenda da Guerra Fredda appartenga alle élite di Washington, perché Mosca continua a specificare che è aperta a scambi e colloqui con tutti. Tuttavia, nonostante l’approccio imparziale intrapreso dalla Federazione russa, è comunque evidente che questa nazione rifiuta la camicia di forza occidentale.

5111-0295RTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sfida integrata? Cina-Russia contro Washington Consensus

Xin Zhang The BRICS Post 8 luglio 2015700x350c50.jpg_risultatoDurante gli anni ‘ 90 e i primi anni 2000, le relazioni bilaterali tra Cina e Russia furono spesso caratterizzate come “asse di convenienza”. Nonostante la difesa del mondo multipolare e il mutuo consenso su altre importanti questioni negli affari internazionali, Russia e Cina hanno ancora notevolmente differenti visioni su un appropriato ordine internazionale, del rispettivo ruolo e come affrontare le altre grandi potenze nel nuovo ordine mondiale. Ma la storica diffidenza tra i due giganti apparentemente è scomparsa nella contemporanea creazione di più stretti legami economici e politici. Dal cambio ai vertici di entrambi i Paesi nel 2012, le relazioni sino-russe hanno cominciato a ridefinirsi e reimpostarsi. Anche se le parti negano la formazione di un’ampia alleanza, le relazioni bilaterali ufficiali si avvicinano a un ritmo imprevisto anche dalla maggior parte degli esperti. In soli due anni, i due Paesi hanno firmato una vasta serie di grandi accordi economici tra cui esportazione di petrolio e gas, gasdotti, bancari e finanziari, su ferrovie ad alta velocità e aerei di grandi dimensioni. Hanno anche deciso di sostenere la de-dollarizzazione, intensificare la cooperazione militare e coordinare grandiosi progetti d’integrazione regionale. Il presidente russo Vladimir Putin e il presidente cinese Xi Jinping hanno osservato che il “nuovo ordine mondiale” sfiderà quello dominato dal paradigma di Washington, soprattutto il suo principio fondante del “consenso di Washington”.

Il consenso di Washington
Con consenso di Washington ci si riferisce a una serie di politiche di riforma che secondo il governo degli Stati Uniti e gli istituti finanziari con capitale statunitense debbano attuare le nazioni per garantirsi la crescita economica. Fu coniato negli anni ’90 riguardo le economie latino-americane. È opportuno notare che tale opposizione al Washington Consensus di Cina e Russia non vuole essere una misura rivoluzionaria, almeno non nel prossimo futuro. Da un lato Cina e Russia hanno beneficiato dell’espansione post-guerra fredda del neoliberismo, parzialmente approvando la politica sostenuta dal consenso di Washington. Il loro successo economico in larga misura è risultato dalla graduale integrazione nell’ordine liberale del mondo. Dall’altra parte, i sistemi economici politici nazionali di questi due Paesi si distaccano dai sistemi capitalisti liberali. Anche se Russia e Cina sono ora assai meno vincolate a sistemi internazionali e riserve di capitale internazionale, isolandosi dalla “condizionalità” internazionale finanziaria accumulando notevoli quantità di valute, tuttavia perseguono politiche che non si distaccano completamente da quelle prescritte dal consenso di Washington. Mentre lo “sviluppo nazionale” è nuovamente patrocinato direttamente o indirettamente dallo Stato in entrambi i Paesi, dopo la fine del comunismo, i governi si sono dotati di nuovi strumenti e competenze di governance per mobilitare misure capitaliste per raggiungere gli obiettivi della modernizzazione nel breve periodo. Internamente, entrambi i governi controllano dall’alto le economie nazionali e influenzano gli investimenti privati attraverso meccanismi sempre più ‘sofisticati’, come le partecipazioni di minoranza. Esternamente, entrambi i Paesi hanno ruolo attivo nell’investimento all’estero e nel commercio, diventando grandi investitori in molti Paesi e settori nel mondo, con risorse che possono competere con quelle dei tradizionali Paesi del centro capitalista. Le recenti iniziative per l’istituzione della Banca di sviluppo BRICS, della Banca per gli investimenti nelle infrastrutture asiatiche, e la proposta Banca dell’Organizzazione della Cooperazione di Shanghai, coincidono sempre con questa tendenza. Mosca e Pechino, tuttavia, guidano anche i Paesi in via di sviluppo nella richiesta di un ordine internazionale più ‘equo’ e nella riforma della governance globale. Né Cina, né Russia hanno apertamente sfidato l’ordine attuale del mondo capitalistico. Né cercano di creare un mondo con proprie regole completamente isolato dal capitalismo liberale. Di conseguenza, la rivalità bipolare “vita o morte” tra NATO e Patto di Varsavia della guerra fredda è improbabile che riemerga presto. Infatti, il presidente russo Putin in una conversazione telefonica con l’omologo statunitense Obama la scorsa settimana ha detto che “le relazioni russo-statunitensi rimangono il più importante fattore di stabilità e sicurezza internazionale”.

Mondi paralleli
81a05a1018b2f42001f35ef6189466fb_xl-e1422367258816 Dal 2003 Cina e Russia sono impegnate in tre approcci per modificare le regole dell’ordine internazionale e della governance globale. Il primo è riformare l’attuale sistema dall’interno. Ad esempio, entrambi i Paesi hanno proposto diritti di voto e quote maggiori alle economie emergenti presso il fondo monetario internazionale. Questo approccio era volto a democratizzare il processo decisionale ed aumentare rappresentatività e qualità della governance internazionale.
Il secondo è creare o modificare regole e istituzioni per riempire i vuoti lasciati dall’attuale sistema internazionale. Un esempio recente è la Banca asiatica di investimento infrastrutturale, che si rivolge principalmente a Paesi e aree dall’enorme domanda per investimenti in infrastrutture, ma che non sono adeguatamente aiutati dalle esistenti istituzioni di finanziamento come la Banca asiatica di sviluppo (ADB).
Il terzo approccio è creare un “mondo parallelo” intorno alle attuali istituzioni internazionali dominate dal capitalismo liberale. Rispecchiando la modalità con cui le élite politiche cinesi introdussero le riforme economiche negli anni ’80, tale strategia mantiene intatto il vecchio sistema pur consentendo al nuovo sistema di crescere di pari passo. Anche se non può impegnarsi in una competizione diretta, gradualmente il nuovo paradigma può crescere a tal punto che il vecchio sistema diverrà irrilevante.
Cina e Russia, possibilmente insieme a diversi altri Paesi emergenti, modificheranno o sfideranno la natura del “Leviatano liberale” creato e mantenuto dagli Stati Uniti durante la guerra fredda. Se hanno ‘intenzione’ e ‘capacità’ di sostituirla con un’alternativa fondamentalmente diversa, è una congettura. Ad esempio, nel campo finanziario, Cina e Russia preferirebbero investimenti a lungo termine principalmente attraverso il sistema bancario. Sono meno propense a sostenere il modello altamente liquido anglosassone, assai aperto al mercato azionario, quale principale mezzo di finanziamento. Molto probabilmente opteranno per il controllo di capitale e l’uso politico delle banche nazionali. Tale differenza, tuttavia, non cambia il fatto che gli attuali sistemi cinese e russo sono fondamentalmente guidati da profitto e siano sottotipi del capitalismo. Cina e Russia non rovesceranno la barca. Nel prossimo futuro, la loro “sfida integrata” al consenso di Washington sarà un problema altamente specifico e la sua natura globale dipenderà molto dai dettagli delle specifiche istituzioni e regole che promuovono. La “sfida integrata” diverrà il tema che definirà l’ordine mondiale capitalista nel prossimo futuro.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente la linea editoriale dell’editore.sco2L’India entra nella SCO: pivot in Eurasia
Arun Mohanty, RIR, 8 luglio 2015

L’adesione prevista dell’India alla SCO, la prima visita ufficiale del premier indiano Narendra Modi nelle cinque repubbliche dell’Asia centrale, in combinazione con la politica dei 12 punti “Per collegarsi all’Asia Centrale” sono indizi del perno di Nuova Delhi sull’emergente regione eurasiatica.Narendra  Modi-k1xG--4@LiveMint-kcr--621x414@LiveMintL’imminente visita del primo ministro Narendra Modi in Russia per partecipare al 7.mo vertice dei BRICS così come al 15.mo vertice della SCO rafforzerà una delle direttrici strategiche emergenti della politica estera indiana, verso l’Eurasia. L’India molto probabilmente sarà ammessa nella Shanghai Cooperation Organization (SCO) in occasione del vertice del 10 luglio a Ufa, capitale della Bashkortstan. La probabile ammissione dell’India nella SCO che comprende Russia, Cina, Kazakhstan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan, si combina alla visita del primo ministro indiano a tutte le Repubbliche dell’Asia Centrale (CAR) in un viaggio che rafforza la direttrice eurasiatica della politica estera di Delhi. L’India, osservatrice nella SCO dal 2005, pose domanda formale per la piena adesione al 14.mo vertice dell’organizzazione di sicurezza regionale a Dushanbe nel 2014. Togliendo la moratoria sulle nuove adesioni, nel 2010, si è aperta la porta all’ammissione di nuovi membri nell’organizzazione della sicurezza regionale. Anche se la Russia voleva ammettere l’India fin dall’inizio, la riluttanza cinese si rivelava un ostacolo all’ingresso dell’India. Con l’opposizione cinese alla piena adesione dell’India alla SCO che cedeva, e la qualifica a membro aderente, l’ingresso dell’India appare scontata. Gli aderenti alla SCO si sono resi conto che l’adesione dell’India accrescerà prestigio e peso dell’organizzazione. Il Pakistan è anch’esso destinato a essere ammesso nella SCO a pieno titolo. Mentre l’India, maggiore democrazia del mondo, accrescerà il profilo globale e regionale della SCO, New Delhi si aspetta di raccogliere i dividendi in settori come lotta a terrorismo e criminalità transnazionale, stimolazione della crescita economica ed ampliato accesso alle vaste risorse energetiche della regione. Fin dalla sua istituzione nel 2001, la SCO si è concentrata su due grandi aree: sviluppo economico e lotta al terrorismo, entrambi d’interesse per l’India. La Russia è un solido partner speciale e privilegiato strategico dell’India. L’appartenenza alla SCO dell’India darà l’opportunità di impegnarsi con la Cina più ampiamente sui problemi riguardanti Afghanistan e Asia centrale, che rientrano nel grande vicinato dell’India. Il ritiro imminente delle forze internazionali dall’Afghanistan aggiunge una nuova dimensione ai legami India-Asia centrale, in particolare nel contesto delle difficili relazioni tra India e Pakistan. Il terrorismo in questa regione può avere gravi implicazioni per la sicurezza dell’India. La mancanza di un progetto per l’Afghanistan attiverà serie sfide alla sicurezza di tutti i vicini, tra cui India, Russia, Cina e Asia centrale. La stabilità relativa dell’Afghanistan, tuttavia, apre enormi opportunità economiche. L’India punta sul gruppo di contatto SCO sull’Afghanistan, che dovrebbe svolgere un ruolo più efficace in futuro. I tre mali del fondamentalismo religioso, estremismo e terrorismo sono una grave minaccia non solo per Afghanistan e Asia centrale, ma anche per le tre maggiori nazioni eurasiatiche Russia, India e Cina. L’appartenenza alla SCO dell’India permetterà di partecipare alla struttura antiterrorismo regionale (RATS) di Tashkent.
Tre membri della SCO, Russia, Kazakistan e Uzbekistan, hanno grandi riserve energetiche. L’ingresso dell’India nella SCO agevolerà la partecipazione nel club dell’energia della SCO sostenuta dalla Russia, illuminando le prospettive di un maggiore accesso a vaste risorse energetiche. L’India compie investimenti significativi nel settore energetico di Russia e Kazakistan. Ostacolata dalla mancanza di accesso diretto all’Asia centrale, l’India potrebbe usare la SCO come veicolo per rafforzare la cooperazione commerciale ed economica con l’Asia centrale. L’India spera che il porto di Chabahar che ha sviluppato in Iran, diventi operativo a breve. Il collegamento di Chabahar con l’autostrada Zaranj-Delaram costruita dall’India in Afghanistan e con il corridoio internazionale Nord-Sud farà accedere l’India ad Afghanistan e Asia centrale bypassando il Pakistan. Ciò contribuirà ad aumentare la presenza indiana in Asia centrale ed eventualmente in Afghanistan. Il triangolo strategico Russia, India e Cina, che vide un inizio lento quando fu proposto nel dicembre 1998 dall’ex-primo ministro russo Evgenij Primakov, in gran parte per i contrasti India-Cina, acquisirà denti più forti nella SCO. Bilanciando i loro interessi nella SCO, Mosca, New Delhi e Pechino possono svolgere un ruolo importante nella riconfigurazione geopolitica della grande regione eurasiatica, escludendo altre potenze.
La visita del Primo Ministro Narendra Modi nelle CAR di oggi è la prima del genere nella diplomazia indiana. Quattro dei cinque Paesi dell’Asia centrale che visita: Uzbekistan, Kazakistan, Tagikistan e Kirghizistan, sono membri della SCO. L’India ha firmato accordi di partnership strategica con tre di essi: Kazakistan, Uzbekistan e Tagikistan. L’India ha adottato la politica “Connect Central Asia” per una maggiore presenza in questa regione strategicamente importante, ma l’attuazione è stata lenta. Ora l’attenzione è di nuovo volta sulla regione strategicamente vitale.1095830Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.907 follower