Il Pentagono fa fuggire in Turchia centinaia di terroristi dello Stato Islamico

South Front 17/08/2016re_evolution__jalal_hajirCome Southfront ha riferito il 13 agosto, la “liberazione finale” di Manbij è il risultato di un accordo tra le Forze Democratiche siriane (SDF) appoggiate dagli USA e il gruppo terroristico dello Stato islamico (SIIL). Ora, l’informazione è ufficialmente confermata dal Pentagono. Manbij era un nodo logistico chiave e importante roccaforte dello SIIL. Le forze della coalizione guidata dagli USA hanno passato quasi tre mesi effettuandovi attacchi aerei e assalti. Il colonnello dell’US Army Carver, portavoce dei combattenti della coalizione degli USA, ha detto che le SDF avevano permesso a ”diverse centinaia di veicoli con 100-200 combattenti del SIIL, di uscire al sicuro dalla città di Manbij“. Secondo il colonnello Carver, la decisione era stata presa dai capi delle SDF perseguendo l’obiettivo di evitare vittime, aggiungendo che lo SIIL aveva civili in ogni autoveicolo. Osservò che alcuni civili erano probabilmente ostaggi, ma non negò che potessero essere saliti a bordo volontariamente. “Continuavano a spingere i civili sulla linea del fuoco, cercando di farli uccidere per usarli nella propaganda, pensiamo“, aveva detto il colonnello Chris Garver. L’ufficiale aggiunse che i terroristi cedettero le armi prima di andarsene. I terroristi dello SIIL lasciavano Manbij il 12 agosto sotto la sorveglianza dei droni della coalizione per garantirsi che non si raggruppassero cercando di rientrare in città. Il colonnello Carver sottolineò che era il primo accordo di questo tipo con lo SIIL.
Questa bella storia del Pentagono pone alcune domande:
– i tizi del Pentagono credono davvero che qualcuno accetti la versione sui terroristi dello SIIL che gettano le armi al centro di Manbij (dove gli ultimi scontri erano in corso) per avere un passaggio sicuro delle SDF dopo 3 mesi di scontri pesanti e attacchi aerei sulla città? Dopo che centinaia di combattenti delle SDF avevano perso la vita in questa operazione, i loro comandanti aprivano giusto un passaggio sicuro per i terroristi dello SIIL “disarmati”?
– dopo 3 mesi di attacchi aerei sulle zone residenziali di Manbij, si persegue l’obiettivo di evitare “vittime civili”? Perché le “vittime civili” fermarono la coalizione il 12 agosto?
– “alcuni” civili negli autoveicoli dello SIIL erano “probabilmente” degli ostaggi. Come poterono i combattenti “disarmati” dello SIIL sequestrarli?
– se i terroristi dello SIIL avevano ceduto le armi, perché il Pentagono si aspettava che potessero riorganizzarsi e rientrare in città?
L’unica risposta logica a queste domande è che i 100-200 terroristi dello SIIL che lasciavano Manbij erano armati di tutto punto, non avevano consegnato le armi alle SDF e né avevano intenzione di farlo. Purtroppo, ciò danneggia seriamente l’immagine di Stati Uniti e SDF. Perciò il colonnello Carver decise di “edulcorare” la realtà.Cpp0ghiWgAEOWpg

CqMrhB_WIAAbu2G

CqMrg_dWgAIhQFp

CqMrg7vW8AAbg6_

Dalle foto è possibile capire che non si tratta di 200 terroristi, ma forse di un migliaio (gli ‘ostaggi’ probabilmente erano solo altri terroristi da coprire). La battaglia di Mambij non è stata la favola hollywoodiana che la CIA e le sue appendici dei centri sociali in Italia raccontano.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Alessandro Lattanzio a ParsToday: Ecco come George Soros manipola politiche ed elezioni europee

Boao Forum for Asia 2013Teheran (ParsToday  Italian) – Alessandro Lattanzio, saggista e analista delle questioni politiche internazionali e’ stato intervistato dalla nostra Redazione. Con Lattanzio abbiamo esaminato la forte influenza di Soros nelle politiche europee soprattutto per quanto riguarda l’immigrazione e le elezioni.
Per ascoltare la versione integrale dell’intervista potete cliccare qui.

Alessandro Lattanzio: la NATO al centro del golpe in Turchia

Turkey+19TEHERAN (Parstoday Italian) – Alessandro Lattanzio, saggista, e analista delle questioni politiche internazionali e del Medio Oriente, e Aldo Braccio, redattore della rivista Eurasia hanno partecipato al dibattito di questa settimana della Tavola Rotonda. Con i due ospiti abbiamo esaminato i vari aspetti del golpe in Turchia, il ruolo degli Stati Uniti e di altri Paesi come l’Arabia Saudita, e di come questo colpo di Stato voleva e doveva cambiare gli equilibri interni ed esteri della Turchia, anche riguardo la sua presenza nella NATO.
Per ascolatre la versione integrale di questa puntata potete cliccare qui.

Il ruolo della Turchia ‘post-golpe’ nel conflitto siriano

Samir Husayn, Stalker Zone 15 ago 2016NC_Putin_Erdogan_MEM_160809_12x5_1600Ultimamente c’è molta confusione circondata da disinformazione e voci sul futuro ruolo dello Stato turco nel conflitto siriano. Abbiamo sentito molte stranezze, di come Erdogan improvvisamente diventi amico ed alleato di Siria e Russia per sconfiggere il terrorismo a come, improvvisamente, si affianchi alla Russia per fare da contrappeso alla NATO, oltre a voci che farà entrare la Turchia nei BRICS. Analizziamo solo un paio di cose:
L’8 agosto 2016, solo un giorno prima dell’incontro con il Presidente russo Vladimir Putin, Erdogan rilasciava un’intervista alla agenzia ITAR-TASS in cui affermava che i turchi non possono cooperare con il “regime” del Presidente siriano Bashar al-Assad. Allo stesso tempo, espresse ancora supporto all’organizzazione terroristica al-Nusra, uno degli attori più ripugnanti nel conflitto siriano, noto per massacrare sistematicamente civili siriani, bruciandoli vivi ad Adra nel dicembre 2013, così come per decine di attentati terroristici, decapitazioni, attacchi settari, massacri e rapimenti di civili (l’intervista completa si può leggere qui). Detto questo, è chiaro che il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non vuole por fine al conflitto e quindi non va visto come nuovo alleato di russi e siriani nella guerra al terrorismo, come certi “esperti” vorrebbero farci credere. Le dichiarazioni di Erdogan pertanto non sorprendono, date le azioni passate e presenti. Dal presunto “colpo di Stato” più di 30000 terroristi sono entrati in Siria dalla Turchia. La maggioranza sarebbero cittadini turchi, soprattutto se crediamo al fatto che un numero significativo di terroristi eliminati dalle forze russe, siriane e di Hezbollah aderiva all’organizzazione terroristica ultranazionalista turca dei “Lupi grigi”. Inoltre, molti dei terroristi ultimamente eliminati sono stati identificati come cittadini di Kazakhstan, Uzbekistan e Cina (terroristi uiguri della provincia dello Xinjiang) e anche dell’Arabia Saudita. Il 1° agosto 2016 un elicottero russo veniva abbattuto dai terroristi di al-Nusra sul territorio che occupano nella provincia di Aleppo. Data la vicinanza di Erdogan a tale gruppo terroristico, non è difficile notare come sia lungi dal voler porre fine al conflitto in Siria od essere un nuovo attore nei BRICS. E a proposito va ricordato che i BRICS attualmente non sono assolutamente il posto adatto per la Turchia di Erdogan. La Turchia è un membro della NATO e finora ha attuato varie mosse ostili agli aderenti dei BRICS Russia e Cina. Il 24 novembre 2015 l’esercito turco abbatteva un aviogetto militare russo durante una missione antiterrorismo, pur essendo sul territorio della Repubblica araba siriana. Non solo l’aviogetto fu abbattuto, ma il pilota venne catturato e consegnato ai lupi grigi turcomanni guidati dal noto terrorista turco Arpaslan Celik, che l’assassinavano. Nonostante avesse violato pienamente il diritto internazionale abbattendo l’aereo russo sul territorio siriano, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva ripetutamente rifiutato di scusarsi per l’abbattimento e l’assassinio del pilota russo Oleg Peshkov. Un’altra cosa per cui la Turchia non può aderire ai BRICS è anche il fatto che sia pesantemente coinvolta nel movimento terroristico del Turkestan orientale, sempre più attivo, negli ultimi anni, nella lotta al legittimo esercito siriano, oltre a rappresentare la maggioranza dei terroristi eliminati nella provincia di Aleppo nelle ultime settimane. Inoltre, vi è un insediamento di coloni uiguri nella città siriana occupata di Jisr al-Shughur, dove ben 3500 terroristi uiguri e loro familiari presumibilmente vivono.
Quando Erdogan incontrò il Presidente russo Vladimir Putin il 9 agosto 2016, ha un tratto vi fu un gran parlare di come i due si riconciliassero e di come la Turchia post-golpe divenisse un attore regionale importante e potente, assai utile nel modellare lo spettro geopolitico a favore delle cosiddette forze “anti-imperialiste/anti-atlantiste”. Niente di tutto questo è vero. In politica estera non è stata raggiunta alcun accordo, nel corso di tale vertice. In realtà c’è la voce che ci sia stato un incontro a porte chiuse sulla crisi in Siria, tra Putin e Erdogan, che sarebbe durato 2 ore. Il risultato non è (ancora) noto. Oltre a ciò, i due motivi principali per cui l’incontro avrebbe avuto luogo erano, primo, la realizzazione dell’accordo sul gasdotto, bloccato dall’incidente dell’aviogetto abbattuto e, secondo, l’assenza di turisti in Turchia. L’economia turca dipende in larga misura dal turismo e dato che la maggioranza dei turisti europei non ci va per motivi di sicurezza (il numero di viaggi in Turchia offerti dalle agenzie turistiche europee è drasticamente sceso per gli incidenti legati al terrorismo, negli ultimi mesi), Erdogan ora in qualche modo cerca di far tornare nel Paese gli una volta molto redditizi turisti russi. Oltre a ciò, molti desiderata di Erdogan sono rimaste insoddisfatte. I russi non mutano posizione sulla Siria adottando ben altro atteggiamento verso i famigerati gruppi terroristici “moderati” sostenuti da Ankara, come ELS, Ahrar al-Sham, Jaysh al- Fatah, al-Nusra, ecc., un vecchio desiderio di Erdogan. La situazione in Siria è tale che il nuovo incontro è stato “rinviato”. E’ chiaro che questo è il problema su cui le parti non si accordano, date le circostanze, e quindi la Turchia non può essere vista come nuovo attore nella soluzione della crisi siriana. Vi è stato un polverone sulla Turchia “post-golpe” che diverrebbe qualcosa di molto diverso da ciò che è stata finora, dato che tutte le “mele e uova marce” sono state eliminate. Ma se si da uno sguardo attento, si vedrà che a più di 3 settimane dal “colpo di stato” sventato non ci sono ancora veri cambiamenti. Il flusso di terroristi dalla Turchia alla Siria continua come sempre e l’amministrazione Erdogan invoca la caduta di Assad quale unica soluzione per la fine del conflitto, ponendo la domanda: sul serio è stato sventato un colpo di Stato?
L’unico cambiamento visibile dal 15 luglio 2016 è l’arresto di un numero considerevole di ufficiali, poliziotti, politici, accademici (a tutti gli studiosi è stato anche impedito di lasciare il Paese), insegnanti, giornalisti, attivisti, scrittori, musicisti turchi… molti dei quali non hanno nulla a che fare con il movimento di Gulen e che negano qualsiasi coinvolgimento nel presunto colpo di Stato. Inoltre, secondo le notizie del giornale armeno Asbarez del 2 agosto 2016, le purghe violente di Erdogan hanno ormai raggiunto anche la comunità armena, già stigmatizzata in Turchia. Cosa un’insegnante di musica armeno avrebbe a che fare con il movimento di Gulen??? Niente. Questo è solo uno dei tanti esempi di come Erdogan sfrutti la situazione per sbarazzarsi di quanti più avversari possibili, col pretesto di “salvare il Paese dalle pedine di Gulen”. Non c’è quindi da stupirsi se Erdogan abbia definito il presunto “colpo di Stato” un “dono di Dio” in diverse occasioni. Ora sappiamo perché. Oltre a ciò, un numero considerevole di volontari decisi a “contrastare il colpo di Stato” vengono identificati come il nucleo del salafismo/wahhabismo turco, molti dei quali hanno già combattuto contro l’Esercito arabo siriano e che furono coinvolti in alcune azioni raccapriccianti, come la decapitazione di soldati che sarebbero stati “golpisti”. In realtà, la maggioranza dei soldati era di leva ed eseguiva solo gli ordini. Il “colpo di Stato” fu eseguito anche ingenuamente. Ad esempio, l’aviogetto che inseguiva l’aereo di Erdogan, improvvisamente rimase a corto di carburante, e centinaia di migliaia di persone, tra cui islamisti stranieri, improvvisamente scesero per le strade al momento convenuto, ecc… Non assomigliava assolutamente ai colpi di Stato degli anni ’70/’80 in America Latina e Asia orientale che possano ricordarsi. Inoltre, perché le potenze occidentali orchestrerebbero un golpe in uno Stato leale alla NATO e dalla politica estera comune, in particolare su Siria e Donbas? Anche se ci fosse stato un “golpe”, sarebbe stato comunque legittimo contro il regime Erdogan, se effettuato in modo appropriato. Spodestare il regime di Erdogan sarebbe estremamente utile non solo per la regione e in particolare la Siria, ma anche per la stessa Turchia. Non va dimenticato il coinvolgimento del regime di Erdogan nel coordinamento dei gruppi terroristici che operano in Siria e riforniti dalla Turchia, che non ha avuto problemi legati al terrorismo islamista. Spodestando tale regime si sarebbe contribuito a mantenere pace, stabilità e diritto internazionale. A meno che non vi fosse un particolare (occulto) scopo contro il governo e l’esercito siriani, è estremamente ingenuo dire che il regime Erdogan all’improvviso sarà il nuovo partner e alleato di Siria e Russia nella lotta al terrorismo, date azioni e dichiarazioni passate ed attuali.
Chi sostiene il terrorismo nel modo più ripugnante fin da quando i primi colpi furono sparati, nel marzo 2011, contribuendo a saccheggiare 1300 fabbriche nella provincia di Aleppo, addestrare ELS, Ahrar al-Sham, al-Nusra e, secondo alcune voci, anche lo SIIL, trafficare con essi (è stato spesso detto che finora il regime Erdogan ha ricavato miliardi di dollari dal contrabbando di petrolio dei giacimenti petroliferi siriani occupati dallo SIIL, ed anche Erdogan e famiglia sarebbero dietro tali attività), non può diventare all’improvviso l'”alleato chiave nella lotta al male”. Tale cambiamento radicale nella politica verso la Siria sarebbe anche molto difficile da spiegare al pubblico turco. Che Erdogan non abbia cambiato posizione sulla Siria appare chiaro quando improvvisamente tutti i valichi di frontiera con la Siria venivano aperti, subito dopo che i membri delle cosiddette Forze Democratiche siriane annunciavano la piena sconfitta dello SIIL a Manbij. Nel migliore dei casi, lo scopo di tali vertici è dire al regime di Erdogan di non sostenere più il terrorismo. Per farla breve: non ci saranno cambiamenti significativi nella situazione in Siria.putin_vs_erdogan__jalal_hajirTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Battaglia di Aleppo: l’Esercito Arabo Siriano riprende il controllo

J. Flores, Fort Russ, 12 agosto 2016CpmKzi_WcAEp7Fq.jpg largeGli eventi dell’assedio di Aleppo dall’ultimo aggiornamento hanno seguito un corso teso e decisivo. Mentre la situazione rimane fluida, il quadro complessivo ha seguito un corso prevedibile, dato l’equilibrio di forze. I cambiamenti sembravano favorire i ‘ribelli’ taqfiriti, la sera del 6 agosto, quando al-Nusra e ELS cominciavano ad avanzare nel tentativo di collegarsi con la forza taqfirita nella zona sud-ovest di Aleppo. Ci fu un breve collegamento, ma ben presto finito sotto i bombardamenti, rendendolo, come detto qualche giorno prima, operativamente inutilizzabile. Come detto il 7 e 8 agosto, tale tentativo di rompere l’assedio in realtà è fallito. La fluidità della situazione della zona è raffigurata qui sopra, a sud-ovest di Aleppo vi era una striscia di 2,4 km controllata da EAS ed alleati, oggi divenuta una striscia sottile e contestata. Tuttavia, non sarebbe accurata. Due video dell’ELS che mostrano alcune delle zone in questione furono caricati il 9 agosto, ma i video risalgono a giorni prima, prima del loro passaggio all’EAS. Ciò che è interessante è la grande dimensione di queste aree e strutture. Viene facilmente dimenticato che prima della guerra Aleppo era una grande città con diversi milioni di persone. Sulla mappa, queste zone del sud-ovest di Aleppo sembrano piccole, ma i video mostrano qualcosa di completamente diverso. Il primo, in particolare, riguarda il distretto industriale di Ramusyah, da cui si può apprezzare l’entità delle distruzioni, veramente apocalittiche.

Il secondo mostra l’Accademia Militare.

World Islamic News fornisce l’aggiornamento della mappa al 10 agosto 2016, pubblicato riflettendo l’11 agosto. Crediamo che questa mappa rifletta la situazione del 9 o forse 10 agosto. Ci sono notizie contrastanti su ciò, ma la solida informazione che il Blocco 1070, il cementifici, la stazione elettrica e l’accademia di Ramusyah siano supervisionati dall’EAS. Questi dovrebbero essere inclusi tra i ‘contestati’. Distinguiamo ‘supervisione’ da ‘controllo’ perché l’EAS l’aveva dichiarato il 9 sull’andamento della battaglia, e per comprenderne le tattiche di combattimento. Ma Fort Russ l’aveva previsto diversi giorni prima, nell’articolo della mattina dell’8 agosto. Al momento attuale, abbiamo conferma che le informazioni sul mutare della situazione della battaglia, date il 7/8 agosto, sono precise e riflettono in generale la situazione attuale. Questo articolo pertanto comprenderà ulteriori informazioni interessanti, nonché una previsione circa la strategia dell’avanzata.
Il 9 agosto, l’EAS finalmente annunciava ciò che avevamo riportato l’8 agosto: Il passaggio che i terroristi avevano aperto verso Aleppo vecchia, dopo che alle unità dell’Esercito arabo siriano era stato ordinato di ritirarsi e riorganizzarsi, era sotto il tiro dell’EAS. Il passaggio non era sicuro, nemmeno per la fanteria di notte; restava sigillato. Tuttavia, ciò non significa che non sarà ripreso e che le postazioni da cui le forze siriane si erano ritirate non saranno recuperate. Purtroppo non possiamo conoscerne ancora le tattiche; forse quando la battaglia sarà finita cercheremo di spiegare molte azioni dell’EAS. Ciò che possiamo dire ora è che l’EAS prepara la controffensiva volta a stabilizzare la situazione. Il video proviene da una zona, il 6 agosto, quando l’offensiva dei ribelli per rompere l’assedio avanzava, respingendo i tentativi dell’EAS di stringere l’assedio.

Ma fin d’allora, al-Nusra, ELS e loro sostenitori occidentali erano chiaramente consapevoli che l’avanzata era finita già il 6 agosto, ed erano nel panico. Ciò è evidente dal cambiamento della natura dei loro resoconti sui social media. Ormai non si parlava più di ‘vittoria’ ad Aleppo, ma si passava alla ‘tragedia umana’ chiedendo l’intervento occidentale per ‘alleviarla’. Reuters segue, supportando la guerra dell’informazione dei terroristi. Nell’articolo dal titolo, Le Nazioni Unite esortano al cessate il fuoco ad Aleppo per riparare il sistema idrico e arginare gli incendi, è chiaro ciò che avviene. In effetti, tale ‘aiuto’ è possibile solo attraverso le Nazioni Unite di Ban Ki Moon, che sarebbero autorizzate ad inviare forniture mediche ai terroristi, assieme a ricambi per la loro artiglieria (ecc.) con il pretesto d’inviare aiuti per le infrastrutture (elettrica, idraulica, ecc). Che le forze filo-occidentali chiedano un cessate il fuoco, con cui riorganizzarsi, riarmarsi e rifornirsi, è molto indicativo in tale teatro, avendo la consapevolezza che la loro situazione è terribilmente grave. Reuters impazzisce riferendo della situazione umanitaria, insistendo che la “lotta che s’intensifica ad Aleppo soffoca la popolazione civile”. Ciò naturalmente significa che i gruppi di al-Nusra ed ELS ad Aleppo ‘soffocano’. Per controllarli, infatti, l’EAS prima di stringere la morsa finale sui “ribelli”, due settimane prima, apriva dei corridoi umanitari da cui i civili sono passati nella zona libera di Aleppo ovest, dove erano stati creati accantonamenti per decine di migliaia di residenti. Va ricordata la storia dell’elicottero russo abbattuto mentre compiva una missione umanitaria, in relazione a ciò. Le intenzioni del governo qui sono evidenti e chiare. Mentre gli alleati degli Stati Uniti e il GCC cercano di creare uno Stato fallito, il governo siriano cerca di mantenere unita una Siria governabile, con la popolazione che non vede lo Stato impegnato inutilmente in azioni punitive contro di essa. La strategia dell’EAS sarà liquidare le principali risorse dei “ribelli” in uno o più grandi battaglie. Se al-Nusra ed ELS, ora di nuovo completamente assediate ad Aleppo, non potranno accedere ai necessari rifornimenti, non avranno altra scelta che arrendersi o in qualche modo compiere un disperato attacco suicida. L’unico fattore che mitiga ciò sarebbero maggiori sviluppi geopolitici, rendendo ampiamente opportuno impegnarsi in un altro cessate il fuoco. Ci sono pochi scenari in cui ciò sarebbe vantaggioso, e se tale scenario effettivamente si verificasse, è difficile prevederlo in questo momento. Potrebbe includere qualcosa che riguardi la situazione sempre più tesa in Ucraina, all’indomani dell’assalto sventato in Crimea e dell’ultimatum di Putin. Ciò che è importante nelle perdite dei taqfiriti, è che un numero sproporzionato di essi provenivano dalle forze speciali, circa 3000 eliminati nell’assalto. Erano i battaglioni sauditi, qatarioti e turcomanni addestrati dagli occidentali. Che tale avanguardia sia stata lanciata per prima è evidente per varie ragioni, essendo rinforzate dal grosso dei blindati. Quando i taqfiriti hanno gettato il grosso dei loro blindati contro EAS ed alleati, apparve anche chiaro che la loro fanteria era composta da forze speciali. Il piano era aprire una grande breccia e poi inviarvi la riserva per colmare le perdite dovute alla forza aerea. Non è andata come avevano sperato. In questo momento, l’EAS non ha avviato la controffensiva finale, ma invece strangola i taqfiriti e ne esaurisce la potenza di fuoco. Nel frattempo, le riserve dell’EAS affluiscono, compresi parte della 15.ma Divisione delle Forze Speciali, diversi battaglioni, i battaglioni di Hezbollah, diverse milizie sciite dalla forza di centinaia di elementi ciascuna, e alcune grandi unità dell’Esercito arabo siriano, in particolare una nuova divisione corazzata. Le Forze Tigre controllano la via di al-Qastal, evitando le trappole. I “ribelli” hanno un grande gruppo ad ovest di Qastal, e il piano era che, assaltando la posizione da sud, l’Esercito arabo siriano avrebbe portato le riserve da nord e quindi attaccato lungo la via di Qastal, terreno aperto non adatto alla guerriglia urbana. Ma l’EAS evitava tale trappola, continuando a fare pressione a sud ed avendo apparentemente due opzioni.
La prima è trattenerli nella sacca esaurendone le risorse, bombardando le loro colonne dalla Turchia e da Idlib, strategia molto efficace dell’Esercito arabo siriano e dei russi.
La seconda opzione è contrattaccare immediatamente. Per le suddette ragioni, in questo momento, e sulla base dei movimenti osservati oggi, tra cui le ‘grida’ di aiuto diffuse da Reuters, sembra che l’Esercito adotterà la prima opzione. ELS e al-Nusra sono ora in un angolo senza via d’uscita. Lasciano gli altri fronti, come Lataqia, dove hanno anche subito gravi sconfitte, per partecipare a una battaglia che non possono vincere, perché hanno subito. rispetto all’EAS. perdite maggiori di varie volte. Non possono vincere, e allo stesso tempo non possono permettersi di perdere. Eppure vi sono pesanti combattimenti nella provincia di Lataqia. Sembrerebbe che attualmente, i taqfiri guadagnino tempo tentando di consolidare la propria legittimità. Qualsiasi controffensiva possano lanciare in questo momento, sarebbe dal loro punto di vista una vittoria reale. Ciò che succede in Turchia avrà un peso notevole. Uno dei fattori contingenti è se o quando la Turchia chiuderà il confine. Una teoria credibile è che Erdogan abbia permesso il passaggio per la battaglia perché sa che perdendo Aleppo potrà lavarsene le mani, ma non può districarsene in fretta, e e ha purgato i gulensiti tra i militari, nel sistema giudiziario ed educativo, c’è la questione dei Fratelli musulmani. Si affida ai Fratelli musulmani che allo stesso tempo sono un suo pilastro e un peso interno che assieme a NATO e Stati Uniti lo costringono a sostenere lo SIIL e altre formazioni nel conflitto siriano. Questo ricorderebbe Poroshenko che invia le avanguardie dei gruppi Azov e Pravij Sektor per eliminare certi problemi, alleggerendo la pressione politica e della sicurezza interna, una volta liquidati dalle milizie del Donbas. Anche l’Iraq e il suo confine avranno peso. Gli Stati Uniti hanno iniziato a rifornire di F-16 l’Iraq, ottenendo ulteriori risorse dall’Iraq prima che Mosul cada, ma il governo iracheno è ora attento ed agisce con intelligenza acquisendo indipendenza. Chiuso il confine tra Iraq e Turchia, restano due fattori importanti. Il fronte sud della Giordania è quasi del tutto pacificato. I risultati nel Ghuta orientale e a Lataqia saranno favorevoli, ma il governo siriano ha saggiamente trasferito la popolazione dal Ghuta per effettuare un attacco decisivo impiegando la superiorità aerea. L’esercito siriano si è saggiamente ritirato dalle operazioni presso Raqqa, perché ora si tratta semplicemente della lotta ultima tra le YPG curde e lo SIIL. Interessante per i lettori: Hezbollah ha usato un drone per attaccare posizioni dei taqfiriti a Aleppo.

CpL9tFDUkAE5HXO.jpg large

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.295 follower