Consolidamento dell”Asse della Deterrenza’

Alessandro Lattanzio, 20/10/2016e5cb8c5263e33bb2e70553723dfb960dAerei da combattimento dell’Aeronautica iraniana effettuavano le manovre aeree Fadaiyan-e-Harim e-Velayat-6, abbattendo gli obiettivi volanti con nuovi missili. I caccia F-5, MiG-29 e Saeqeh (Tuono) lanciavano missili aria-terra contro obiettivi nella provincia centrale di Isfahan, mentre i cacciabombardieri Sukhoj Su-24 colpivano posizioni nemiche simulate con missili aria-superficie Kh-29 e Kh-25 di fabbricazione russa, e caccia F-4 Phantom II attaccavano bersagli terrestri con le versioni aggiornate dei missili Maverick di origine statunitense. L’Aeronautica Militare iraniana impiegava in 3 giorni di esercitazioni militari caccia, cacciabombardieri, aerei da trasporto e da ricognizione, Boeing 707 da aerorifornimento e droni. I cacci F-14 e MiG-29 si esercitavano in operazioni di combattimento e guerra elettronica con i velivoli da guerra elettronica Falcon 50. “In questa fase, le operazioni di disturbo dei radar nemici sono state effettuate con successo utilizzando gli aviogetti da guerra elettronica Falcon 50, creati nell’ambito del programma Sayeh (ombra)“, dichiarava il Generale di Brigata Massud Ruzkhosh. L’Iran ha sviluppato l’industria della difesa ottenendo l’autosufficienza nella produzione della maggior parte del materiale per la difesa.
Dal 15 ottobre è in navigazione verso le coste della Siria la portaerei Admiral Kuznetsov della Marina Militare russa, salpata dalla base navale di Severomorsk assieme all’incrociatore lanciamissili a propulsione nucleare Pjotr Velikij, alle grandi navi antisom Severomorsk e Vitzeadmiral Kulakov, alla nave rifornimento Sergej Osipov e al rimorchiatore d’altura Nikolaj Chiker. Al gruppo Kuznetsov si aggiungeranno un sottomarino a propulsione nucleare nel Mar del Nord, le fregate leggere lanciamissili Serpukov e Zeljonij Dol a Gibilterra, e nel Mediterraneo la fregata lanciamissili Admiral Grigorovich, la fregata antisom Pytlivij, la corvetta lanciamissili Mirazh, le navi d’assalto anfibio Tzesar Kunikov e Nikolaj Filchenkov, il cacciamine Ivan Golubets, la nave oceanografica Jantar e un sottomarino convenzionale. Una volta giunta nel Mediterraneo orientale la Kuznetsov si coordinerà con le operazioni aeree dalla base aerea russa di Humaymim. La portaerei russa schiera a bordo 10 caccia multiruolo Su-33 aggiornati con il nuovo sistema di puntamento SVP-24, 4 caccia MiG-29K e una ventina elicotteri d’attacco Kamov Ka-52K, antisom Ka-27 e radar volante (AEW) Ka-31. Tale schieramento navale rafforzerà la deterrenza russa e dell’Asse della Resistenza nei confronti degli sponsor del terrorismo internazionale sul fronte siriano: la NATO e i suoi alleati regionali. Si aggiunga a questo che l’Aeronautica Militare russa ha iniziato la costruzione di una nuova pista nella base aerea T-4 nell’est della provincia di Homs, in Siria, per aumentare le sortite operative contro i terroristi dello SIIL che arrivavano su diversi convogli in fuga dall’operazione per la liberazione della città di Mosul da parte dell’esercito e delle forze popolari iracheni. Il Comando Generale dell’Esercito Arabo Siriano, infatti, aveva dichiarato che Stati Uniti ed Arabia Saudita permettevano ai terroristi dello SIIL di fuggire da Mosul verso Raqqa, nell’ambuto del “piano malvagio” dei sostenitori del terrorismo internazionale avviato dopo l’inizio delle operazioni militari dell’esercito iracheno per liberare Mosul. Il piano provvedeva vie di transito sicure ai terroristi per il territorio siriano, proteggendo i terroristi e aumentarne la presenza sul territorio siriano, nel tentativo d’imporre una nuova realtà militare nelle regioni di Dayr al-Zur, Raqqa e Tadmur. Il Comando Generale dell’Esercito Arabo Siriano dichiarava che la battaglia pe r liberare Mosul e l’Iraq dal terrorismo è anche una sua battaglia, ed avvertiva che considera ogni tentativo d’infiltrarsi in Siria un “attacco alla sovranità della Repubblica Araba Siriana“, e che affronterà gli aggressori con tutti i mezzi a disposizione. E difatti, secondo il quotidiano libanese al-Aqbar, “Mentre la Turchia di Erdogan cerca di piazzarsi nella provincia irachena di Niniwa, a Mosul, dove si combatte, dove ha una stretta concertazione con gli statunitensi, i russi preferiscono intervenire prima che i capi dello SIIL arrivino nella Siria orientale. Ciò ha indotto la Russia ad impegnarsi nella battaglia. Secondo le informazioni, lo Stato Maggiore dell’Esercito russo ha avvertito l’Iraq e la coalizione statunitense su ogni tentativo di spingere lo SIIL verso il confine siriano. Secondo le autorità di Baghdad, Mosca collabora ampiamente in questa fase con Baghdad, aiutando l’esercito iracheno a bloccare i capi dei terroristi al confine siriano-iracheno“. “Le azioni dei terroristi a Mosul sono costantemente monitorate ed i dati sono raccolti dai nostri siti”, dichiarava il Generale Valerij Grasimov, Capo di Stato Maggiore dell’Esercito russo. “Unità da ricognizione notturna del nostro esercito sono già schierati a Mosul e una dozzina di droni e aerei da ricognizione attualmente raccolgono le informazioni in Iraq”. Il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov dichiarava la disponibilità di Mosca ad inviare rinforzi in Iraq per rintracciare i terroristi e bloccarne l’infiltrazione in Siria. Riguardo ciò, l’analista Hassan Hani Zadah indicava che il piano per liberare Mosul, “era pronto da un mese, ma le forze irachene incontravano l’opposizione degli statunitensi che chiedevano l’evacuazione dei terroristi da Mosul a Raqqa! Mosul è il centro di transito per la Siria e i russi intendono colpirvi i terroristi. La Russia sembra agire in piena coordinazione con le forze popolari irachene nell’aspra battaglia che si svolge a Mosul”.
Nel frattempo, su un altro fronte dell’Arco della Resistenza, l’Egitto, si registrano movimenti interessanti. Il direttore dei servizi di sicurezza siriani, Generale Ali Mamluq, visitava Cairo il 16 ottobre, incontrando il Generale Qalid Fuzi, Vicecapo della Sicurezza Nazionale dell’Egitto, per discutere “sul coordinamento delle posizioni politiche tra Siria e Egitto, nonché del rafforzamento della cooperazione nella lotta al terrorismo nei due Paesi“. La visita avveniva due settimane dopo il voto alle Nazioni Unite dell’Egitto a favore della risoluzione russa sulla Siria, provocando le ire dell’Arabia Saudita. La risoluzione chiedeva la cessazione delle ostilità in Siria. Nel discorso a un forum delle Forze Armate, il Presidente egiziano Abdalfatah al-Sisi affermava che l’Egitto segue una politica indipendente sulla questione siriana, sottolineando la necessità di rispettare la volontà del popolo siriano, di disarmare i gruppi estremisti e di ricostruire la Siria. E commentando la decisione dei sauditi di sospendere le forniture di petrolio all’Egitto, al-Sisi affermava “L’Egitto si prostrerà a Dio. Non abbiamo alcun problema ad affrontare qualsiasi sfida, finché gli egiziani hanno un cuore… l’indipendenza è onore, nobiltà ed etica. Chi vuole la libertà subisce pressioni“.
Già il 23 settembre, il Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif incontrava l’omologo egiziano Samah Shuqry a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York. Sulla crisi siriana Shuqry sottolineava le differenze tra Arabia Saudita ed Egitto: “I combattimenti della coalizione in Siria possono decidere il cambio del regime nel Paese, ma non è la posizione dell’Egitto“. In seguito si ebbe un incontro tra il nuovo capo della sezione degli interessi egiziani a Teheran Yasir Uthman, e Hossein Amir-Abdollahian, direttore generale per gli affari internazionali del Parlamento iraniano, già Viceministro degli Esteri per gli affari arabi e africani. Abdollahian espresse l’entusiasmo dell’Iran a una cooperazione con l’Egitto sulle questioni regionali, come la crisi siriana, “Iran ed Egitto sono Paesi importanti e influenti che possono avere un ruolo costruttivo nel diminuire le tensioni regionali tramite la cooperazione“. Uthman esprimeva la speranza che la cooperazione con gli “amici iraniani” colmasse il divario tra i due Paesi, “L’avanzare dei negoziati e delle consultazioni tra i funzionari dei due Paesi migliorerà la situazione della regione“.imagesRiferimenti:
al-Manar
al-Monitor
FARS
FARS
Press TV
RID

Il Gruppo della portaerei Admiral Kuznetsov diretto verso la Siria

Sputnik 15/10/ 2016

La Flotta del Nord della Marina russa annunciava che un gruppo di navi da guerra guidato dalla portaerei Admiral Kuznetsov, completa di armi e aerei, lasciava il porto di stazionamento per aderire all’operazione russa contro lo Stato islamico in Siria.22proxyL’Admiral Kuznetsov lasciava il porto di Severomorsk alle 15:00 del 15 ottobre, iniziando il lungo viaggio nel nord-est Atlantico verso il Mar Mediterraneo orientale. La portaerei, ufficialmente classificata dalla Marina russa incrociatore portaerei, è accompagnata dall’incrociatore pesante lanciamissili della classe Kirov Pjotr Velikij, dai cacciatorpediniere Vitseadmiral Kulakov e Severomorsk, e da navi di supporto. I velivoli dell’Admiral Kuznetsov comprendono le versioni navali del caccia per superiorità aerea Su-33 e gli elicotteri antisom Ka-27/Ka-29. Il mese scorso fu detto che i Su-33 sarebbero stati dotati del sistema di puntamento ultra-preciso SVP-24, utilizzato con successo da altri aeromobili nell’operazione antiterrorismo russa in Siria. 4 caccia multiruolo uymx_qlhdocMiG-29K si sono aggiunti all’arsenale della nave, insieme a diversi elicotteri da ricognizione e combattimento Ka-52K. Questi ultimi erano originariamente progettati per le operazioni a bordo delle navi d’assalto anfibio di costruzione francese Mistral, la cui consegna Parigi rinviò e poi annullò nel 2014. Gli elicotteri sono dotati di missili aria-aria e aria-terra, come anche di bombe e cannoni automatici. I MiG si prevede usino bombe intelligenti della famiglia KAB-500 con sistema di navigazione satellitare Glonass, e che possano anche essere dotati dei missili antinave subsonici Kh-35. Oltre ai velivoli, l’Admiral Kuznetsov è dotati di 12 lanciamissili per i missili da crociera antinave Granit, del sistema missilistico antiaereo Kinzhal (4 moduli e 192 missili) e del sistema d’arma ravvicinato Kortik, con 8 moduli, 256 missili e 48000 proiettili. L’Admiral Kuznetsov, costruita nel cantiere sul Mar Nero di Nikolaev, Ucraina, nel 1985, è lunga 306 metri, larga 75 metri e ha un dislocamento di 60000 tonnellate. Nel 2012, la nave entrò nei cantieri Sevmash di Severodvinsk per aggiornamento ed ammodernamento completati poco prima dello schieramento nel Mediterraneo. La nave ha un’autonomia di 15000 km e un equipaggio di 1960 effettivi, tra cui 518 ufficiali e 210 sottufficiali.
Il mese scorso, il Ministro della Difesa Sergej Shojgu annunciava che la Russia avrebbe inviato il gruppo navale dell’Admiral Kuznetsov nel Mediterraneo per rafforzare la presenza navale russa nella regione. Da allora il gruppo navale russo nel Mediterraneo orientale consiste in 6 navi da guerra e 4 navi di supporto. Il 6 ottobre, la corvetta lanciamissili Mirazh, armata di missili da crociera Kalibr, lasciava Sebastopoli per le coste siriane. Tre giorni prima, 2 corvette, Serpukhov e Zeljonij Dol, lasciavano il Mar Nero per schierasi nel Mediterraneo. Durante il viaggio verso gli obiettivi, i terroristi dello SIIL, l’Admiral Kuznetsov sarà raggiunta da un sottomarino nucleare e da bombardieri strategici Tu-160, per manovre antipirateria e antiterrorismo. Il dispiegamento operativo anti-SIIL sarà storico, essendo il primo dispiegamento operativo di una portaerei russa.11cuvy7lyxgaamqqfGli aerei della portaerei russa effettueranno attacchi ‘ultraprecisi’ contro lo SIIL
Sputnik  02/09/2016

1026963248I caccia da superiorità aerea Sukhoj Su-33 della portaerei russa Admiral Kuznetsov, che sarà schierata presso le coste siriane a novembre, avranno un sistema di puntamento ultra-preciso noto come SVP-24, secondo le Izvestija che citano una fonte anonima del Ministero della Difesa russo. Il sistema, sviluppato dall’azienda della difesa Gefest&T, permetterà agli aerei da guerra russi di sganciare bombe non guidate con la stessa precisione di quelle guidate. Inoltre, il caccia multiruolo di 4.ta++ generazione Mikojan MiG-29K recentemente unitosi all’arsenale dell’Admiral Kuznetsov, impiegherà bombe guidate e missili contro obiettivi terroristici in Siria, aggiungeva il giornale. L’unica portaerei della Russia farà parte di un gruppo operativo di superficie che si trasferirà in Siria a novembre. Il gruppo aereo a bordo dell’Admiral Kuznetsov comprenderà 10 Su-33 e 4 MiG-29K, dettaglia il giornale. “I Su-33 dotati dell’SVP-24 effettueranno attacchi utilizzando le bombe stupide“, affermava la fonte del giornale. “Tuttavia, l’elenco delle armi che i MiG-29 useranno non è stato ancora completamente specificato, ma includerebbe bombe intelligenti della famiglia KAB-500, come quelle che utilizzano il sistema di navigazione satellitare GLONASS, e missili Kh-35“. L’SVP-24 ha il compito di determinare la traiettoria ottimale per sganciare una bomba, utilizzando la posizione dell’aereo, parametri di volo e dati del bersaglio. Si è già illustrato nella campagna antiterrorismo russa nel Paese arabo assediato. “I Su-24 dotati dell’SVP-24 sono il cavallo di battaglia delle Forze Aerospaziale russe in Siria“, affermava l’analista della difesa Anton Lavrov, aggiungendo che il sistema è una valida alternativa alle munizioni a guida GPS, popolari in occidente. Inoltre, la soluzione russa è più conveniente rispetto a prodotti analoghi sviluppati altrove.
L’analista statunitense noto come The Saker ha spiegato come funziona il sistema SVP-24, che confronta la posizione del velivolo e dell’obiettivo misurando parametri ambientali, come umidità, velocità del vento, angolo d’attacco, ecc. Può ricevere dati aggiuntivi da aerei AWACS, stazioni a terra e altri aerei. Il sistema quindi “calcola un ‘pacchetto’ (velocità, quota, rotta) entro cui le bombe stupide vengono sganciate automaticamente ed esattamente nel momento preciso in cui il loro volo senza guida li porta dritto sul bersaglio (con una precisione di 3-5m)“, aggiungeva l’analista. “In termini pratici ciò significa una bomba ‘stupida’ vecchia di 30 anni può essere sganciata da un aereo russo di 30 anni con la stessa precisione di una nuova bomba guidata sganciata da un avanzato bombardiere moderno”, osservava l’esperto.cutbm4awiaad3ei-jpg-largeTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

India e Iran: manovre tra Oriente e occidente

Dmitrij Bokarev New Eastern Outlook 28/09/2016

110India e Iran avevano un rapporto abbastanza stretto per affinità religiose e culturali, nonché una cooperazione economica. L’Iran era divenuto il terzo fornitore di petrolio dell’India. La domanda del prezioso oro nero era in rapida crescita presso l’industria dell’India. Tuttavia negli ultimi dieci anni, dall’istituzione di diverse sanzioni contro l’Iran per il programma nucleare, le relazioni tra i due Paesi si sono complicate. Su pressione degli Stati Uniti, l’India fu costretta ad aderire alle sanzioni. All’epoca fu molto importante per Delhi, essendo influenzata dalla firma dell’accordo nucleare con gli Stati Uniti dalle ampie conseguenze per l’industria nucleare indiana. Quando il test segreto di armi nucleari dell’India del 1974 divenne noto, fu creato il Nuclear Suppliers Group (NSG) su iniziativa degli Stati Uniti, per controllare l’approvvigionamento di combustibile nucleare e la diffusione delle tecnologie nucleari in India. All’epoca l’organizzazione non era abbastanza potente da controllare l’industria nucleare indiana. Molti Paesi, tra cui l’URSS, continuarono a cooperare con l’India nonostante le pretese del NSG. Di conseguenza, nel 1988, URSS e India firmarono l’accordo per la costruzione della centrale nucleare di Kudankulam. Dieci anni dopo, Mosca e Delhi stipularono un nuovo contratto basato su questo accordo, avviandone l’operatività nonostante l’opposizione di Stati Uniti e NSG. Tuttavia, durante questi decenni, quasi tutti i Paesi che esportano tecnologie e combustibile nucleari aderirono al NSG, aumentandone il potere. Negli anni 2000, l’industria nucleare indiana affrontava momenti difficili. Inoltre, l’NSG frenò la fornitura di uranio all’India. Dato che le riserve di uranio dell’India non erano inesauribili, i reattori dovettero ridurre l’operatività. L’unica condizione affinché l’NSG rimuovesse le sanzioni era il disarmo nucleare dell’India. Tuttavia, l’India si rifiutò sostenendo che Cina e Pakistan già possedevano armi nucleari. Tali sviluppi bastavano a condannare l’industria nucleare dell’India, che fu quindi costretta ad accordarsi con gli Stati Uniti. Nel 2006, i due Paesi firmarono un accordo di cooperazione sulla tecnologia nucleare civile, che prevedeva una serie di requisiti che l’India doveva adempire per far togliere le sanzioni del NSG. Una di esse era il sostegno alle sanzioni internazionali degli Stati Uniti contro l’Iran. Da allora l’India votò più volte le risoluzioni anti-Iran al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ed inoltre aderì alle sanzioni commerciali, riducendo l’approvvigionamento energetico dall’Iran sostituendolo con idrocarburi provenienti da altri fornitori. Se l’Iran fu il terzo maggior esportatore di petrolio per l’India prima, nel 2015 era solo settimo. Inoltre, l’India smise di utilizzare il dollaro per pagare il petrolio che continuava ad acquistare. Negli ultimi anni, il 55% delle merci veniva pagato in euro, e il 45% in rupie.
faa47c3c-caac-40aa-9ad2-ea7dfc359a75 Tali azioni, insieme all’attuazione di altri requisiti decisi dagli Stati Uniti, portarono alla revoca delle sanzioni contro l’India del NSG, nel 2008. Fu una decisione controversa, dato che difatti gli Stati Uniti permisero all’India di possedere armi nucleari in diretta violazione del trattato di non-proliferazione. Tali concessioni incredibili vanno spiegate con il fatto che l’India è d’importanza strategica per gli interessi di Washington, che vuole mantenere l’influenza nell’Asia-Pacifico e avere un alleato contro la Cina. L’accordo nucleare è solo una parte dei numerosi accordi attraverso cui gli Stati Uniti cercano di legare l’India separandola dal resto dell’Asia. Tuttavia, i recenti eventi hanno dimostrato che tali tentativi non hanno raggiunto gli obiettivi di Washington. L’India è disposta ad accettare aiuti e regali dagli Stati Uniti, ma ha anche un proprio ordine del giorno e non ha intenzione di estraniarsi dall’Asia. Allo stesso tempo, gli indiani sanno che gli Stati Uniti non l’aiuteranno a risolvere i problemi più gravi. Oggi il potere economico e militare di qualsiasi Stato si basa sull’industria energetica, e l’India deve garantirsene la sicurezza indipendentemente dagli interessi degli Stati Uniti. L’attuale rapido ripristino delle relazioni tra India e Iran lo dimostra. Nei primi mesi del 2016 le sanzioni anti-iraniane furono abolite. Nell’aprile 2016, il Ministro del Petrolio e Gas naturale dell’India Dharmendra Pradhan visitava l’Iran. Lo scopo era aumentare gli scambi di idrocarburi. A Teheran s’incontrava con il Ministro dell’Industria Petrolifera iraniano Bijan Zangeneh, annunciando che l’India voleva acquistare gas naturale liquefatto iraniano (GNL), raggiungendo un accordo con il governo iraniano che avrebbe preso in considerazione la richiesta indiana e i più convenienti metodi per inviarlo. Un altro aspetto importante seguito dalla riunione tra i ministri indiano e iraniano era la partecipazione dell’India allo sviluppo del giacimento di gas Farzad B, scoperto nel 2012 e avviato nel 2013. D. Pradhan informava il collega iraniano di un piano dettagliato di sviluppo del giacimento preparato poco prima della visita. Tra l’altro, il piano tiene conto degli investimenti che l’India attua con un programma da 10 miliardi di dollari. Poco prima della visita, D. Pradhan riferiva che le imprese indiane prevedono d’investire circa 20 miliardi di dollari nel porto di Chabahar, in Iran, d’importanza strategica per l’India in quanto apre l’accesso ai mercati dell’Asia centrale nonostante il blocco del Pakistan. Chabahar si trova anche vicino al porto pachistano di Gwadar, che la RPC usa dal 2013. Al momento la Cina dichiarò che il porto non sarebbe stato utilizzato dai militari cinesi. Tuttavia, l’India sospetta di piani per istituirvi una base militare, una delle tante dispiegate dalla Cina nell’ambito del Filo di Perle. Pertanto, Chabhar è importante per l’India non solo economicamente, ma anche dal punto di vista della difesa. L’India ha investito centinaia di milioni di dollari nello sviluppo del porto, quando ancora l’Iran era sotto sanzioni. Gli Stati Uniti hanno cercato d’impedirlo, ma l’India trova che i propri interessi strategici siano più importanti dei requisiti di Washington.
Attualmente, l’Iran sviluppa rapidamente il commercio di risorse energetiche dopo le fine delle sanzioni, prestando particolare attenzione alla regione Asia-Pacifico. Se l’India vuole assicurarsi l’approvvigionamento energetico, data la costante crescita della domanda di petrolio e gas, deve concentrarsi sullo sviluppo delle relazioni con l’Iran e altri esportatori, mentre gli Stati Uniti andranno in secondo piano. L’India ha ottenuto tutto ciò che voleva dagli Stati Uniti, tra cui la revoca delle sanzioni del NGS e il riconoscimento, anche se non ufficiale, del diritto a possedere armi nucleari. Delhi ora persegue nuovi obiettivi.629139587effd2e2384fa6939f5b757d-origDmitrij Bokarev, osservatore politico, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Cina e Russia formano una nuova alleanza antiterrorismo in Siria

Andrej Akulov Strategic Culture Foundation 22/09/20161044729422Gli Stati Uniti sono venuti meno ai loro impegni sull’accordo Russia-USA per la cessazione delle ostilità in Siria. Il 19 settembre, le forze governative siriane dichiaravano di ritirarsi dall’accordo date le molteplici violazioni dei terroristi filo-Stati Uniti. Il 17 settembre, la coalizione degli Stati Uniti attaccava le forze governative siriane nei pressi di Dayr al-Zur, una grave violazione dell’accordo. L’incapacità di rispettare l’accordo ha messo in dubbio la credibilità degli Stati Uniti suscitando la questione del futuro ruolo degli USA nel consolidamento della pace post-conflitto. Con la Turchia, alleata degli Stati Uniti nella NATO, che bada ai propri fatti e i ribelli appoggiati dagli USA che insultano le forze speciali statunitensi, il peso degli Stati Uniti in Siria sembra essere tutt’altro che serio. Con la credibilità seriamente danneggiata, gli USA difficilmente saranno più visti come partner affidabili. Gli Stati Uniti non sono certamente l’unico attore in campo. Con il governo di Bashar Assad saldamente al potere, la sistemazione del dopoguerra non appare più un sogno irrealizzabile, ma Washington difficilmente potrà decidervi. Con un importante cambio politico, la Cina ha lanciato il perno sul Medio Oriente volto ad aumentarne il coinvolgimento regionale, fornendo addestramento militare e aiuti umanitari alla Siria. Ad aprile, la Cina nominava un inviato speciale a Damasco per lavorare alla soluzione pacifica del conflitto. Prima dell’assegnazione ad inviato cinese, Xie Xiaoyan elogiava “il ruolo militare della Russia nella guerra, e ha detto che la comunità internazionale deve lavorare di più per sconfiggere il terrorismo nella regione”. Il 14 agosto, il Contrammiraglio Guan Youfei, a Capo dell’Ufficio per la Cooperazione militare internazionale della Commissione centrale militare che sovrintende ai 2,3 milioni di effettivi delle Forze Armate della Cina, visitava la Siria incontrando il Ministro della Difesa siriano Fahd Jasim al-Furayj e il Tenente-Generale Sergej Chvarkov, a capo della missione di monitoraggio del cessate il fuoco in Siria, così come i vertici russi della base militare di Humaymim sulle coste siriane. La visita segna una tappa importante dell’allineamento di Pechino sul conflitto. Durante la visita, Cina e Siria annunciavano l’intenzione di aumentare la cooperazione militare, compresi addestramento e aiuti umanitari, indicando un maggiore sostegno cinese a Damasco. E’ la prima visita pubblica di un alto ufficiale cinese nel Paese da quando le Forze Armate russe hanno lanciato le operazioni in Siria lo scorso settembre. Secondo il Global Times, pubblicato dal Quotidiano del Popolo del Partito Comunista Cinese, Pechino aveva già schierato consiglieri speciali e personale militare in Siria alla visita storica e fornito all’Esercito arabo siriano fucili di precisione e lanciamissili. Senza dubbio, la visita è stata un pugno diplomatico a un occhio degli Stati Uniti tra crescenti tensioni sulle dispute territoriali nel Mar Cinese Meridionale.
L’ingresso cinese nella guerra è dovuto al crescente numero di terroristi uiguri che combattono con i terroristi nel nord della Siria. Il Contrammiraglio Guan Youfei aveva detto oltre 200 uiguri attualmente combattono in Siria. La Cina vuole processarli o sterminarli sui campi di battaglia siriani. Le sue preoccupazioni sono giustificate. Oggi c’è un quartiere uiguro a Raqqah, e il gruppo Stato islamico (SIIL) pubblica un giornale per i suoi membri. Inoltre, la stabilità geostrategica in Medio Oriente è importante per l’attuazione della strategia cinese “Fascia e Via” volta a facilitare la connettività economica eurasiatica sviluppando una rete di infrastrutture e rotte commerciali che colleghino la Cina ad Asia meridionale e centrale, Medio Oriente ed Europa. L’attuale frattura del Medio Oriente, dovuta alla crisi siriana, ostacola gli sforzi per attuare questo progetto. L’anno scorso, la Cina modificava la legislazione nazionale per consentire il dispiegamento delle forze di sicurezza all’estero nell’ambito dell’antiterrorismo. La Cina può giocare un ruolo chiave nella ripresa economica dopo il conflitto in Siria. Nonostante la guerra, la China National Petroleum Corporation detiene ancora azioni dei due maggiori produttori di petrolio della Siria: Syrian Petroleum Company e al-Furat Petroleum Company, mentre Sinochem detiene anche quote sostanziali di vari campi petroliferi siriani. A dicembre, la Cina offriva alla Siria 6 miliardi di dollari di investimenti oltre ai 10 miliardi dei contratti esistenti, oltre che un grande accordo tra il governo siriano e il gigante delle telecomunicazioni cinesi Huawei per ricostruire le infrastrutture delle telecomunicazioni della Siria nell’ambito dell’iniziativa infrastrutturale della Via della Seta cinese da 900 miliardi di dollari. A marzo il Presidente siriano Bashar Assad disse che Russia, Iran e Cina avranno la priorità nei piani di ricostruzione del dopoguerra.
La Cina non è l’unica potenza mondiale ad incrementare i contatti con il governo della Siria. Il 20 agosto, solo sei giorni dopo i colloqui dell’alto ufficiale cinese con i funzionari del governo della Siria e i comandanti russi, il Ministro degli Esteri indiano Mobasher Jawed Akbar visitava Damasco per dimostrare il sostegno dell’India al governo siriano nel conflitto. I due Paesi hanno deciso di aggiornare le consultazioni sulla sicurezza. Il Presidente siriano Bashar al-Assad ha invitato l’India a svolgere un ruolo attivo nella ricostruzione dell’economia siriana. Va notato che il recente incontro trilaterale dei Presidenti di Russia, Iran e Azerbaigian ha dato nuovo impulso alla realizzazione del progetto dei trasporti nord-sud. La Siria si trova in prossimità di questo corridoio che, secondo i piani, sarà il centro per l’integrazione della vasta regione comprendente Medio Oriente, Caucaso, Asia centrale, Russia e Nord Europa, con l’India che aderisce al progetto. Russia, Cina e India godono di buone relazioni con l’Iran, grande potenza regionale coinvolta nel conflitto della Siria. Su scala regionale, la collaborazione dei grandi Paesi indica come, in futuro, un’entità antiterrorismo regionale o addirittura un blocco militare indipendente dagli Stati Uniti potrebbe emergere contrastando la minaccia del terrorismo.

china_syria

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il fattore curdo

Christof Lehmann, New Eastern Outlook 11/09/2016kurdistan_mapPartiti e militanti curdi, e loro alleanze, sono divenuti i fattori principali nei teatri siriano, iracheno e turco. Anche se i curdi sono stati un fattore regionale significativo dalla metà degli anni ’80, il loro ruolo nella regione è diventato importante nel 2015 e sempre di più dal tentato golpe militare in Turchia il 15 luglio 2016. L’articolo tenta di analizzare l’intelligence disponibile per avere una prospettiva su una situazione confusa e avvolta nella disinformazione.

Gli attori principali
Il Partito Democratico del Kurdistan (KDP) nella semi-autonoma regione a maggioranza curda del nord dell’Iraq e i peshmerga. Il Partito dei lavoratori del Kurdistan turco (PKK), comprese le ali politica e militare. Il gruppo scissionista dal PKK dei Falchi della libertà del Kurdistan. Il Partito dell’Unione democratica della Siria (PYD) e l’ala militare YPG e quella femminile YPJ. Le YPG/YPJ costituiscono la maggior parte delle forze che combattono sotto la bandiera delle cosiddette Forze Democratiche siriane (SDF) comprendenti anche combattenti di altri gruppi etnici, tra cui armeni. Il governo del KDP nel nord dell’Iraq, guidato da Masud Barzani, così come i peshmerga, dal rovesciamento del governo iracheno di Sadam Husayin sono sostenuti da Stati Uniti e diversi altri Stati membri di UE e NATO. Il governo regionale del KDP è stato anche uno dei primi beneficiari del contrabbando dello Stato Islamico del petrolio siriano spacciato dal nord dell’Iraq alla Turchia nel 2013-2016. È interessante notare che tale business ha indebolito il governo federale iracheno di Baghdad e il governo siriano di Damasco, ricevendo una spinta significativa dopo che l’Unione europea, nell’aprile 2013, revocò il divieto d’importazione di petrolio siriano dai “territori dei ribelli”. A metà agosto 2016, Masud Barzani osservò che l’indipendenza del Kurdistan era l’unica opzione rimasta. L’Iran, dall’invasione dell’Iraq dello SIIL nel 2013, si avvicinò provvisoriamente all’amministrazione KDP e in qualche misura coordinò i peshmerga e la milizia popolare irachena, addestrata dagli iraniani, nella lotta allo SIIL. Il sostegno statunitense, europeo e turco al KDP ha diversi obiettivi strategici. La destabilizzazione del governo federale dell’Iraq e la divisione dell’Iraq in tre Stati. La strategia della NATO mira a sfidare la Russia e l’influenza russa dal Mediterraneo orientale, lungo il relativamente molle e ricco fianco meridionale della Russia, al Pakistan.
kurdish-population-mapIl Partito dei Lavoratori del Kurdistan della Turchia (PKK) iniziò l’insurrezione armata contro lo Stato turco nel 1984. Cioè, prima della fine della guerra fredda e dell’Unione Sovietica. La lotta del PKK fu lanciata con l’obiettivo di creare uno Stato curdo indipendente. La filosofia politica non è dogmatica o settaria, ma socialista democratica. Il PKK sin dall’inizio fu sostenuto dall’Unione Sovietica e continua a godere della buona volontà della Russia, anche se il supporto non è palese. Come nota storica va ricordato che il SIPRI riferì che la Germania, dopo la riunificazione, offrì blindati e armi pesanti tedesco-orientali alla Turchia, a condizione che venissero usati solo contro il PKK. Logica e strategia dell’alleanza di Mosca con il PKK erano che potesse operare come versione sovietica/russa di ciò che la NATO chiama “Stay Behind“. Il PKK poteva, in altre parole, essere utilizzato per sfidare o contenere la NATO e la Turchia in caso di conflitto. L’ex-capo dell’intelligence militare turca Haki Pekin e altri ultranazionalisti turchi dichiararono all’autore che il PKK è “un agente di Stati Uniti ed Israele” e collabora con il governo dell’AKP e gli Stati Uniti per “balcanizzare” la Turchia. L’autore, tuttavia, non vide alcuna prova che giustificasse tale affermazione. E’ inoltre sempre consigliabile essere consapevoli che “gli ex-capi dell’intelligence” ed altri, hanno spesso un ordine del giorno riservato che decide quali informazioni divulgare e quando. Il generale (in pensione) Pekin e altri ultra-nazionalisti turchi erano fortemente contrari ai colloqui di pace del governo dell’AKP con il PKK, interrotti nel luglio 2015. Un altro pezzo interessante dell’intelligence sono dei documenti che l’autore ha recentemente ricevuto, che dimostrano che il governo federale dell’Iraq ha diverse centinaia di combattenti del PKK a libro paga e che combattono per 1000 dollari USA al mese. Tali documenti appaiono, per quanto l’autore può discernere, autentici ma è difficile ed estremamente costoso verificarli in modo indipendente. La fonte di questi documenti pretende che Baghdad sostenga i combattenti del PKK nel nord dell’Iraq per indebolire l’influenza di Masud Barzani, KDP e peshmerga. Tale politica sarebbe plausibilmente e coerente con gli interessi di Mosca e Teheran, ma è importante distinguere tra intelligence ed analisi.
I Falchi della libertà del Kurdistan è un’organizzazione scissasi dal PKK protesa su piccoli attacchi ed attentati. Le risorse sono molto limitate e conterebbe un massimo di 200 militanti. L’organizzazione è, secondo fonti turche, infiltrata e in parte controllata da intelligence turca e della NATO, utilizzata per screditare PKK e HDP. Attacchi relativamente minori attribuiti a tale organizzazione furono più volte utilizzati come pretesto per le operazioni militari turche nel sud-est della Turchia e nella repressione dei sostenitori della causa curda nella politica turca.

PYD, YPG, YPJ e SDF
Il Partito dell’Unione Democratica della Siria (PYD) risale pure alla metà degli anni ’80. Il PYD e le ali militari YPG ed YPJ sono alleati tradizionali del PKK. PYD e PKK condividono l’approccio non dogmatico al socialismo democratico. Va notato che il governo siriano del partito Baath di Damasco non ha mai “approvato” il PYD, ma il nesso PYD-YPG-YPJ faceva parte della “strategia del contenimento” di Mosca e Damasco verso Turchia e NATO. Va inoltre notato che le relazioni tra PYD e KDP iracheno, nonostante una cooperazione pragmatica occasionale, sono tese come quelle tra PKK e KDP. I rapporti tra il governo del partito Baath a Damasco e il PYD si sono guastati dopo che le YPG/YPJ hanno ricevuto aiuti, consiglieri militari dalle forze speciali e “volontari” dagli Stati Uniti, e il PYD indicava l’obiettivo di costruire uno Stato indipendente nel nord della Siria. La Russia, da parte sua, riconosce YPG/YPJ e Forze Democratiche siriane come tra i combattenti più efficaci contro lo Stato Islamico (SIIL) sul confine turco-siriano. Mosca ha ripetutamente chiesto l’inclusione dei curdi nei colloqui di Ginevra sulla Siria. Il governo dell’AKP turco denuncia PYD e militanti come terroristi alleati del PKK e si oppone con forza alla loro presenza sul confine meridionale della Turchia. Fonti sul terreno nel nord della Siria hanno riferito all’autore, giorni prima dell’invasione turca di Jarablus in Siria, che i combattenti dello SIIL si stavano ritirando. Le informazioni ricevute dopo l’invasione della Turchia con la presenza di unità dell’esercito libero siriano (ELS) indicano che esercito turco ed ELS, difatti, combattono le forze curde piuttosto che lo SIIL.

Nebbia di guerra e diritto
Inutile dire che la situazione dei partiti curdi nella regione è complessa. Opportunismo e realpolitik creano i compagni di letto più strani. Va notato che i curdi sono il maggiore gruppo etnico-nazionale senza Stato. Ci vorrebbe un altro articolo per spiegare la situazione dei curdi e le loro aspirazioni all’indipendenza dal punto di vista del diritto internazionale. In breve, il discorso curdo contrappone il diritto internazionalmente garantito dell’auto-determinazione al principio altrettanto valido del diritto all’integrità territoriale. Semplicemente la Dichiarazione dei principi dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite del 1970 prevede che entrambi i principi siano ugualmente validi, ma che non vanno attuati se si violano mutuamente. In termini pratici, ciò significa che i curdi dipendono dai cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (P5) che hanno il mandato, nonché l’obbligo, di risolvere la questione della sovranità e dell’autodeterminazione curde contro l’integrità territoriale di Turchia, Siria, Iraq e Iran. Il problema è che gli attori del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite usano da sempre i curdi come pedine geopolitiche. Detto ciò, chi potrebbe biasimare i partiti curdi per le alleanze opportuniste dettate dalla realpolitik, e per la lotta condotta con tutti i mezzi e “partner” presunti disponibili, per raggiungere un obiettivo strategico di lungo termine.
kurdistan_workers_partyDr. Christof Lehmann è un consulente politico indipendente su conflitto e loro risoluzione. Fondatore e caporedattore di Nsnbc, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora