Le operazioni in Iraq da Gennaio a Giugno 2016: la liberazione di Falluja

Alessandro Lattanzio, 29/6/2016IRAQ-CONFLICT-ISIl 6 gennaio, le forze di sicurezza irachene sventavano l’attacco dei terroristi del SIIL a una fabbrica chimica di al-Muthana, 40 chilometri a ovest di Samara. Il Tenente-Generale Abdulghani Asadi, comandante del contingente antiterrorismo iracheno, dichiarava “Poche zone di Ramadi sono ancora controllate dal SIIL, e saranno presto liberate. Avremo il pieno controllo di Ramadi in quattro o cinque giorni“. Il 12 gennaio le forze di sicurezza irachene liberavano Qaryat Saqran, nella provincia di Anbar, eliminando decine di terroristi. Nella regione di al-Qaim, provincia di Anbar, l’intelligence irachena eliminava diversi capi terroristi del SIIL, tra cui Abu Davud al-Rawi, Abu Qatadah al-Jazrawi, Abu Fatima e Abu Dua al-Rawi, governatore di Baghdad del SIIL, mentre un altro capo del SIIL, Abu Walid al-Araq, veniva gravemente ferito presso Falluja, dove era il responsabile della logistica del SIIL. Le forze irachene liberavano al-Shayi e al-Haditha, eliminando 70 terroristi. Il portavoce del Governatore di Anbar, Ayd Amash, dichiarava, “Le forze irachene sono riuscite a prendere il pieno controllo del distretto di Sofia, nella parte orientale della città di Ramadi, liberando 500 famiglie assediate dal SIIL“. Il 14 gennaio, l’esercito iracheno liberava Tal Qasiba, ad est di Tiqrit, nella provincia di Salahudin. Il 25 gennaio, la polizia irachena eliminava 42 terroristi del SIIL in quattro quartieri di Baghdad, “I nascondigli del SIIL nei quartieri di Albu Shajal, al-Naymiyah, al-Qaramah e Jasim al-Taqsim sono stati assaltati dalla polizia irachena. Oltre a numerose perdite inflitte al gruppo terroristico, equipaggiamento militare, armi e congegni esplosivi sono stati danneggiati negli attacchi. La 7.ma Divisione della polizia ha arrestato uno degli attentatori chiave del SIIL e la 22.ma Brigata della polizia irachena ha disinnescato numerosi ordigni esplosivi piazzati dai terroristi del SIIL nella regione Dawud al-Hasan, a nord di Baghdad. Nel frattempo, i residenti di al-Sharaqat nella provincia di Salahudin irrompevano in uno dei centri di raccolta dei terroristi del SIIL uccidendone e ferendone molti” dichiarava il portavoce della polizia irachena. Il 31 gennaio, durante un’operazione, le forze di sicurezza irachene eliminavano almeno 48 terroristi del SIIL, in un quartiere occidentale di Baghdad.

Febbraio
CEaerhsUUAE1KSvIl 1° febbraio 2016, Mula Shuwan Abu Harun e altri 4 capi del SIIL furono eliminati da un raid aereo iracheno nella regione di Huija, nella provincia di Qirquq, mentre le forze peshmerga irachene e le forze volontarie irachene dell’Hashd al-Shabi avanzavano nella regione di Huija. Nel frattempo, il professore universitario di Baghdad Sadiq al-Musavi avvertiva che “Ankara cerca di annettersi territori iracheni e siriani in Turchia mentre il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ancora pensa di far rivivere l’impero ottomano“. “La presenza di truppe turche nel nord dell’Iraq avviene con il sostegno degli Stati Uniti ed è un preludio alla separazione di queste regioni dall’Iraq, aprendo la strada alla creazione di un emirato sunnita che si estende dall’Arabia Saudita alla Turchia“, dichiarava il leader religioso sunnita della provincia di Anbar shayq Ibrahim al-Isawi. Il 9 febbraio, le forze armate irachene liberavano al-Sijariyah, ad est di Ramadi. Il 16 febbraio, le forze irachene lanciavano due offensive contro il SIIL nel governatorato di al-Anbar, ad est di Ramadi e a Qarma-Falluja, liberando i villaggi di al-Subhiyah e al-Qabishat, e il ponte di al-Hamidiyah, ad est di Ramadi, lungo l’autostrada Baghdad-Amman. 1 elicottero turco veniva abbattuto a nord-ovest della capitale del Kurdistan iracheno, Irbil, eliminando 6 militari turchi. Il 26 febbraio, esercito e Hashd al-Shabi iracheni eliminavano 38 terroristi del SIIL ad al-Bashir, nella provincia di Kirkuk. Il 29 febbraio, due bombe del SIIL uccidevano più di 70 persone in un mercato di Sadr City, a Baghdad, e feriva almeno altre 100 persone. Inoltre il SIIL lanciava un grande attacco alla periferia di Baghdad, uccidendo almeno una decina di poliziotti iracheni, mentre il 27 febbraio altre 10 persone erano state uccise da una serie di attentati ad ovest di Baghdad. 849 iracheni erano stati uccisi nel gennaio-febbraio 2016. Secondo la Missione di assistenza delle Nazioni Unite per l’Iraq (UNAMI), 670 iracheni (410 civili) erano stati uccisi a febbraio, e altri 1290 (1050 civili) erano stati feriti. A gennaio 849 persone erano state uccise e 1450 ferite negli attacchi terroristici in Iraq.

Marzo
13940312000201_PhotoI Il 2 marzo 2016, le forze irachene (unità dell’esercito, delle forze antiterrorismo, della polizia federale e dei volontari) liberavano al-Uaqalah, Um Jahir, Ala al-Nayaf, Ala al-Manfa, Tarqi al-Zafir, Ala al-Hamid, al-Fayaziyah, Sarsar Hayaf e Taha al-Buwasama, villaggi nel centro-nord della provincia di Salahudin, ad ovest di Samara. “Queste operazioni avranno un ruolo significativo nel spezzare tutte le vie di rifornimento nelle aree ancora controllate dai terroristi“, dichiarava il Generale di Brigata Yahya Rasul, portavoce dell’Esercito iracheno. Il 7 marzo, F-16 dell’Aeronautica irachena eliminavano almeno 50 terroristi del SIIL nella provincia di Qirquq, ad Huija. L’8 marzo, l’esercito iracheno liberava Zanqura a nord di Ramadi, e il 9 marzo eliminava almeno 30 terroristi del SIIL nelle province di Anbar e Diyala, e catturavano un centro di comunicazione dei terroristi tra Ramadi e Samara. Il 10 e l’11 marzo il SIIL bombardava Taza, nella provincia di Qirquq, utilizzando razzi con testate chimiche, intossicando almeno 409 persone. Il 15 marzo 11 aerei da guerra turchi bombardavano i campi del PKK nel nord dell’Iraq, a Gara e Qandil. Inoltre le forze di sicurezza turche intensificavano le attività nella Turchia orientale, a Yuksekova, Nusaybin e Sirnak. Intanto a Mosul, i peshmerga avanzavano da est, mentre esercito e milizie irachene avanzavano da sud. L’esercito e le milizie irachene avanzavano anche verso nord da Ramadi, scontrandosi con il SIIL ad al-Muhamadi, respingendolo verso i confini con Giordania e Siria; difatti i capi dello Stato islamico erano in fuga verso al-Rutabah. Una volta liberate queste regioni, tra Haditha e Samara, le forze irachene avrebbero avanzato verso al-Buqamal, al confine con la provincia siriana di Dair al-Zur. Il 17 marzo, le forze irachene liberavano al-Muhamadi, 160 km a nord-ovest di Baghdad, eliminando almeno 21 terroristi del SIIL. 2 capi del SIIL, insieme ad altri 62 terroristi, venivano eliminati dalle forze irachene nella città di Huijah, nella provincia di Qirquq. Il 19 marzo, l’esercito e le forze di mobilitazione popolare iracheni liberavano al-Bubayd e Qubaysa, nel Governatorato di Anbar, nell’ambito dell’operazione al-Jazira per liberare Hit, nodo stradale chiave sull’Eufrate occupato dal SIIL nell’ottobre 2014. Le forze di sicurezza irachene sventavano l’assalto del SIIL presso Haditha, nella provincia di Anbar, eliminando 5 attentatori suicidi che cercavano di entrare ad al-Haqlaniya, a sud di Haditha. Le forze volontarie irachene liberavano al-Mashatil e Mat-Hanah, presso Haditha, nel distretto di Hit, ad ovest di Ramadi, mentre 30 terroristi del SIIL venivano eliminati ad al-Qalidiya con la distruzione di un deposito di ordigni esplosivi, un’autobomba e 20 barili di C4 a Qaraya al-Asriya, sempre nella provincia di al-Anbar. Il 24 marzo, esercito e forze popolari iracheni liberavano i villaggi Munantar, Tal Shair, al-Salahia, al-Hitab e al-Maqmur presso Mosul, nella provincia di Niniwa, nell’ambito dell’operazione per librare la provincia, “Le aree centrali e meridionali di Mosul che ospitano le roccaforti dei comandanti del SIIL sono sotto il tiro dell’artiglieria e degli attacchi aerei“, dichiarava il Generale di Brigata Najm al-Jaburi, comandante dell’operazione dell’esercito iracheno. Il comandante dell’Organizzazione Badr, Sadiq al-Husayni, rivelava che il SIIL aveva utilizzato armi ed equipaggiamenti prodotti nel 2016 negli attacchi contro i giacimenti petroliferi Alas e Ajil, nella provincia di Salahudin, “Le attrezzature moderne utilizzate nei recenti attacchi dimostrano che lo SIIL riceve armi dai Paesi vicini“. Il 28 marzo, le forze irachene eliminavano Muhamad Ahmad Shayab, emiro del SIIL di Niniwa, e liberavano i villaggi Qudila, Qarmadi, Mahanah, Qatab, al-Nasr, Hamidat e Qarbardan, presso Mosul. Nel frattempo, l’Aeronautica irachena bombardava le posizioni del SIIL nella regione di al-Bashir, a sud di Qirquq, e nella regione di al-Ban, nella provincia di Niniwa. Altri 17 terroristi del SIIL venivano eliminati dall’Hashd al-Shabi nella provincia di Anbar, nelle zone di al-Mamurah e al-Huda, presso Hit. “Le forze di sicurezza hanno effettuato un’ampia operazione militare rastrellando le aree al-Mamurah e al-Huda sull’asse meridionale del distretto di Hit, dopo aspre battaglie con il SIIL; l’operazione ha comportato l’eliminazione di 17 terroristi del SIIL” dichiarava l’ufficiale dell’Hashd al-Shabi di Haditha Aysar Ubaydi. Il 31 marzo, le forze di sicurezza irachene liberavano la zona industriale di Hit dopo che gli aerei da guerra iracheni avevano bombardato le posizioni del SIIL nella città.

Aprile
iraq-ramadi Il 1° aprile 2016, l’esercito iracheno, sostenuto dalle Forze di mobilitazione popolare (PMF), liberava i quartieri al-Jamiyah, al-Mamurah e al-Asqari di al-Hit, nel Governatorato di al-Anbar, eliminando numerosi terroristi del SIIL. Il 2 aprile le forze irachene liberavano circa 1500 prigionieri in mano al SIIL, nel corso della battaglia per Hit, nella provincia di Anbar, mentre 60 terroristi del SIIL venivano eliminati nelle operazioni militari nelle province di Niniwa e Qirquq; almeno 30 erano morti negli attacchi aerei sul campo petrolifero di Qayarah, nel Governatorato di Niniwa. Le forze irachene Hashd al-Shabi eliminavano ad al-Qarama decine di terroristi, tra cui Abu Muhamad Shishani, capo del SIIL di Falluja. Il 5 aprile, presso Qirquq, oltre 30 terroristi del SIIL furono eliminati dall’esplosione di una cintura esplosiva difettosa, nel villaggio Rubayda, mentre si preparavano ad attaccare le forze di sicurezza irachene sul jabal al-Hamurin e presso i giacimenti Alas e Ajil nella provincia di Salahudin. Il 6 aprile le forze di sicurezza irachene liberavano il centro amministrativo di Hit, nella provincia di Anbar. Il 7 aprile, aerei dell’Aeronautica Militare irachena bombardavano la base del SIIL nella città di Qaim, nell’Anbar occidentale, eliminando 15 terroristi. L’8 aprile 9 terroristi del SIIL furono eliminati da un attacco aereo iracheno su Hit, distruggendo una base dello Stato islamico. “Le forze di sicurezza continuano le operazioni per liberare la città di Hit”, dichiarava il capo consiglio comunale Muhamad Muhanad al-Hiti, “il SIIL ora controlla meno del 30% della città, aree non superiori ai cinque chilometri quadrati”. Il 9 aprile, le Forze di Mobilitazione Popolare (PMF) dell’Iraq, circondavano al-Bashir, nel Governatorato di Qirquq, mentre l’Aeronautica irachena eliminava, nel Governatorato di Niniwa, Fadil Badr Ahmad, dirigente del SIIL, assieme a numerosi altri terroristi. Il 10 aprile, l’Hashd al-Shabi liberava Jasim Warda, nel Governatorato di Qirquq. Il 12 aprile, le forze irachene liberavano al-Hit, ad ovest di Ramadi, nel governatorato di al-Anbar.
Sette consiglieri militari statunitensi, il cui compito era coordinare le operazioni congiunte tra esercito iracheno, forze curde e volontarie, s’incontravano con alti dirigenti del SIIL con l’aiuto delle tribù locali, almeno due volte“, secondo il quotidiano turco Yeni Shafaq, sempre secondo cui le riunioni si erano svolte nei pressi di Mosul il 7 novembre 2015, con la mediazione della tribù Shamar, e nei pressi di Huija, nella provincia di Qirquq, il 3 febbraio 2016. “La CIA è la mente dell’invio clandestino delle forze speciali degli Stati Uniti presenti in Iraq come Delta Force“, dichiarava il Generale di Brigata dell’esercito iracheno Talal Abdarahman al-Hamdani, “La Delta Force è addestrata per assassinare figure politiche irachene e condurre operazioni militari pericolose“. Il deputato iracheno Rasul al-Tayi aveva chiesto al governo iracheno d’indagare sulla presenza di tali forze statunitensi. “Washington ancora aiuta militarmente i terroristi in Iraq”, dichiarava il portavoce di Ansarullah al-Nujaba Hashim al-Musavi, ribadendo che il movimento raccoglieva documenti, foto e video sugli aiuti paracadutati dalle forze della coalizione degli USA ai terroristi del SIIL in Iraq. “Le nostre forze hanno filmato un aereo degli Stati Uniti mentre sgancia aiuti militari ai terroristi del SIIL assediati“. E un membro del politburo del Qataib Sayad al-Shuhada, Hasan Abdal Hadi, dichiarava che le forze volontarie irachene erano preoccupate da ulteriori attacchi degli aerei da guerra statunitensi per impedire l’avanzata sulle aree controllate dal SIIL. “Purtroppo, ci sono ancora alcune persone in Iraq ingannate dalla coalizione degli Stati Uniti, mentre Washington sostiene il SIIL e cerca di compensare i danni inflitti ai terroristi taqfiri dalle forze volontarie“.
Il 16 aprile, le forze irachene eliminavano a Falluja Ahmad Muhamad Ubayd, il capo della ‘difesa aerea’ locale del SIIL, assieme ad altri 5 terroristi, mentre le forze volontarie irachene abbattevano un drone del SIIL che spiava le forze di sicurezza irachene ad al-Jarayashi, nella provincia di al-Anbar. Il 22 aprile, aerei da combattimento iracheni distruggevano un convoglio di autocisterne del SIIL presso al-Qayarah, a sud di Mosul, nella provincia di Niniwa, eliminando 10 terroristi. Il 23 aprile, l’esercito iracheno liberava al-Zuqayqah, ad ovest di al-Hit, avvicinandosi a Qan al-Baghdadi e Haditha, a 150 km ad est del confine siriano-iracheno. Il 26 aprile, la 7.ma Divisione dell’esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare (PMF) liberavano la regione tra al-Hit e al-Baghdadi, nel governatorato di Anbar, nell’Iraq occidentale. Il 30 aprile, il braccio destro del capo del SIIL Abu Baqr al-Baghdadi, Abu Ali al-Anbari, veniva eliminato insieme ad altri 14 terroristi da un attacco aereo iracheno presso al-Ash, vicino al confine con la Siria nord-orientale. Al-Anbari, noto anche Haji Iman, Abu Ala al-Afri e Abu Ala Qardash, era il numero due del SIIL dopo al-Baghdadi. “Le forze di sicurezza irachene hanno seguito i movimenti dei capi terroristi del SIIL. L’aviazione ha bombardato la base del gruppo presso al-Jazira, nella provincia nel nord-est della Siria di Hasaqah, uccidendo oltre 15 terroristi, tra cui il principale consigliere di Abu Baqr al-Baghdadi, Abu Ali al-Anbari“. L’Hashd al-Shabi eliminava 32 terroristi del SIIL presso al-Bashir, nella provincia di Qirquq, mentre 4 capi del SIIL venivano liquidati da un attacco aereo iracheno a sud di Huijah, mentre erano in riunione.ClZvbdZWMAAM1MDMaggio
CaJPy0RUcAAdDa2 Il 2 maggio 3 autobombe colpivano Baghdad uccidendo 14 civili, mentre il 1° maggio, 2 autobombe uccidevano 32 civili nella città di Samawa, e il 30 aprile, un’autobomba uccise 21 civili presso Baghdad, a Nahrawan. Tutti gli attentati furono rivendicati dal SIIL. la 7.ma Divisione dell’esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare (PMF), liberavano i villaggi al-Bustamiyah, al-Dubiyah, al-Qatarum e al-Washaniyah, tra al-Hit e al-Baghdadi, ponendo fine a 18 mesi di assedio da parte del SIIL ad Haditha. Inoltre la 7.ma Divisione irachena e le PMF liberavano Camp Fadayin, nel governatorato di al-Anbar. Tutti i villaggi tra al-Hit e al-Baghdadi erano ora sotto il controllo del governo e l’esercito iracheno avanzava fino a 115 km dal confine con la Siria. Le forze irachene eliminavano 10 gallerie del SIIL alla periferia sud di Falluja, nella provincia di Anbar, eliminando circa 100 terroristi, mentre elicotteri iracheni distruggevano 8 autobombe presso la città. “Le forze congiunte comprendenti polizia, esercito e gruppi tribali hanno liberato l’autostrada che collega Falluja ad Amuriyah e Ramadi, e i distretti di al-Busaiyf e Fahilat”. “Le forze peshmerga hanno lanciato una grande campagna per ripulire la regione dai terroristi del SIIL, soprattutto dopo aver preso le aree strategiche“, dichiarava il comandante curdo Izadin Wanqi, riferendosi all’operazione militare contro il SIIL presso Qirquq, “I peshmerga si sono scontrati con i terroristi del SIIL in diversi combattimenti, mentre il SIIL ha risposto bombardando le basi curde con i mortai“. Il SIIL aveva effettuato attentati con autobombe contro i peshmerga presso Tal Suquf, Bashiqah, Qazar e Quayr. Il 6 maggio le forze militari irachene ed Hashd al-Shabi avanzavano nella provincia di Anbar liberando l’autostrada Amuriyah-Salam, eliminando diversi autoveicoli del SIIL. I terroristi avevano cercato di attaccare le postazioni dell’esercito iracheno, con 3 autoveicoli suicidi, che venivano distrutti dall’Hashd al-Shabi, mentre gli aerei da combattimento iracheni distruggevano veicoli e depositi del SIIL lungo l’autostrada Amuriyah-Salam. Inoltre, le forze irachene liberavano al-Salam, ad ovest di al-Bugharib. Presso Fallujah, l’esercito iracheno e l’Hashd al-Shabi liberavano i villaggi al-Buqamis, al-Buqalid, al-Buasi e al-Bumanahi, eliminando almeno 100 terroristi del SIIL ed 8 autobombe. L’8 maggio, l’esercito iracheno liberava Qarabuq, ad ovest di Maqumur sul Tigri, 60 chilometri a sud di Mosul. Le forze irachene liberavano 7 villaggi dal SIIL nella regione di Maqumur: Mahanah, Qudilah, Qarbardan, Qamardi, Qharaba, Qaryat Umah Awah e Qarabuq. L’11 maggio, 3 autobombe esplodevano a Baghdad uccidendo 94 civili a Sadr City e ad al-Qadhimiya, sede di un importante santuario sciita. Il 12 maggio, la 7.ma Divisione dell’esercito iracheno, appoggiata dalle Forze di mobilitazione popolare (PMF o Hashd al-Shabi), liberavano 3 villaggi nel Governatorato di al-Anbar, Baraziyah, Adusiyah e Samaniyah, eliminando 40 terroristi del SIIL. Il 17 maggio, 44 persone venivano assassinate da 2 autobombe ad al-Sha e al-Rashi, quartieri di Baghdad. Il 17 maggio, la 7.ma Divisione dell’Esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare (PMF) liberavano Rutabah e Trabil, al confine con la Giordania. Il 22 maggio, l’Esercito iracheno liberava tre quartieri di Falluja, al-Shahabi, al-Harariyat e al-Duwayah, eliminando più di 40 terroristi del SIIL. L’esercito iracheno aveva avviato l’offensiva su Falluja con un tiro di sbarramento dell’artiglieria sulle posizioni dello Stato Islamico di Iraq e Levante (SIIL), assaltando e liberando il vicino cementificio ed avanzando su al-Niamiyah, a sud di Falluja, al-Sajar a nord di Falluja, e su al-Saqlawiyah, ad ovest di Falluja. Il 23 maggio, le forze militari e l’Hashd al-Shabi eliminavano decine di terroristi, tra cui due alti capi, Haji Hani e Abu Aishah, e il boia del SIIL di al-Sharqat, nella provincia di Salahudin, Abdullah Abu Maryam. Abu Abdarahman al-Anbari e la sua guardia del corpo venivano liquidati da uomini armati; al-Anbari era il responsabile della sicurezza del SIIL di al-Sharqat. Il comandante delle operazioni ad al-Anbar, Ismail Mahlavi, confermava che un altro capo del SIIL, Shaqir Wahib al-Fahdavi, era stato eliminato dell’Esercito iracheno a Rutabah, nella provincia di Anbar, oltre ad altri 7 capi del SIIL.Cly0Lp0WQAAYDGKL’offensiva su Falluja
Iraqi-Army-1 Il 24 maggio, Esercito e Forze di mobilitazione popolari iracheni liberavano la stazione di polizia di al-Sajar, a nord-est di Falluja, eliminando 20 terroristi del SIIL e liberavano al-Abadi, al-Asil, al-Luhayb, Buhadid al-Nasir, Yusifiyah, al-Juqayfah e al-Qarmah, a 4 chilometri ad est di al-Sajar, eliminando altri 30 terroristi dello Stato Islamico. Le forze di sicurezza irachene, guidate dal generale Abdulwahab al-Saidi, avevano lanciato l’operazione su Falluja, l’ultima grande base del SIIL nella provincia di Anbar, il 23 maggio 2016. Falluja fu occupata dal SIIL nel gennaio 2014. Il Primo ministro Haydar al-Abadi aveva ordinato l’avvio delle operazioni dichiarando: “Non esiste alcuna opzione per il SIIL se non fuggire“. L’operazione fu lanciata da sud-est, sud-ovest, nord-ovest e nord di Falluja. Secondo Qarim al-Nuri, portavoce delle unità di mobilitazione, “La loro resistenza non è stata pesante come ci attendevamo. Hanno fatto ricorso ad attacchi suicidi con autobombe, bombe e cecchini finora“. 10000 unità delle Forze di mobilitazione popolare partecipavano all’operazione cooperando con le forze di sicurezza irachene e i combattenti tribali sunniti. La coalizione degli Stati Uniti aveva effettuato 7 raid aerei presso Falluja tra il 14 maggio e il 20 maggio, ma il Colonnello Steve Warren, portavoce militare degli USA a Baghdad, dichiarava che la coalizione degli Stati Uniti non sosteneva le PMF alla periferia di Falluja, essendo gli Stati Uniti preoccupati dal coinvolgimento dei paramilitari iracheni, perché sostenuti dall’Iran. Le 20000 unità delle unità di Polizia Federale ed Esercito iracheno avevano eliminato Abu Hamza, governatore del SIIL di Falluja, e Abu Amr al-Ansari, altro capo del SIIL, già il 23 maggio, mentre i terroristi abbandonavano Qarmah e Saqlawiyah, ad est e a nord di Falluja, ultimo centro urbano importante della provincia di Anbar ancora occupata dal SIIL. Il 26 maggio, elicotteri Mi-28 iracheni eliminavano il vicegovernatore del SIIL di Falluja insieme a decine di altri terroristi, mentre cenavano nel centro della città. Un altro capo del SIIL, Qasim Aqab, veniva liquidato da un tiratore scelto nella vicina al-Qarmah, mentre Esercito e PMF iracheni liberavano al-Qarmah e al-Buayfan, a sud di Falluja, dopo aver eliminato una dozzina di terroristi dello Stato Islamico. Inoltre, l’Hashd al-Shabi scopriva una grande galleria del SIIL nei pressi di Falluja, nella fabbrica di mattoni vicino la città, e sequestrava anche una fabbrica di bombe e mine stradali del SIIL. La Polizia Federale irachena a sua volta smantellava almeno 37 ordigni esplosivi presso Falluja, sulla strada tra Mamal al-Azraq e al-Lifiyah. Il 27 maggio, la 7.ma Divisione dell’Esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare (PMF) libravano il ponte Sajar ed al-Muqtar, a nord di Falluja, e al-Bubayd, ad est di Falluja, eliminando 20 terroristi. Il 29 maggio, la 7.ma Divisione dell’Esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare (PMF) eliminavano ad al-Hit più di 50 terroristi del SIIL, e liberavano al-Hur e al-Buah, a sud di Fallujah, eliminando altri 36 terroristi dello Stato islamico. L’Esercito, le forze di polizia federale e l’Hashd al-Shabi iracheni eliminavano altri 75 terroristi del SIIL ad al-Naimiyah, a sud di Falluja, e liberavano il ponte di al-Tafaha, le regioni di al-Shihah e al-Saqlawiyah, e il quartiere di Shuhada di al-Saqlawiyah.

Giugno
FallujahIl 1° giugno, Esercito, Forze di mobilitazione popolare (PMF) e Polizia Federale iracheni liberavano al-Bushajal, ad al-Saqlawiyah, eliminando 30 terroristi del SIIL. Il 2 giugno, il SIIL tentava di assaltare il jabal al-Hamurin, presso Baiji, nel Governatorato di Salahudin, ma l’Esercito iracheno respingeva l’assalto eliminando 21 terroristi. Il 3 giugno, Esercito, Forze di mobilitazione popolare (Hashd al-Shabi) e Polizia Federale iracheni liberavano al-Saqlawiyah, eliminando oltre 70 terroristi dello Stato islamico provenienti da Arabia Saudita, Siria, Libano e Quwayt. Il 6 giugno, il SIIL assaltava al-Haditha, nel governatorato di al-Anbar, ma le forze irachene respingevano l’assalto eliminando oltre 30 terroristi e 10 autoveicoli dello Stato islamico. Inoltre, Esercito, Forze di mobilitazione popolare (PMF) e Polizia Federale iracheni liberavano al-Shuhada, Jabayl, al-Yatamah e la centrale elettrica a sud di Falluja, eliminando 3 autobombe e 14 terroristi del SIIL. Il 9 giugno, l’esercito iracheno avanzava nella provincia di Anbar liberando Albu Savit, ad al-Amuriya, a sud di Falluja. Ismail al-Isawy, dell’ospedale centrale di Falluja, dichiarava che 1500 famiglie erano fuggite della città e altre 500 dal villaggio Zuba, per rifugiarsi presso le aree liberate dall’esercito iracheno e dalle truppe volontarie nella provincia di Anbar. L’11 giugno, le truppe dell’8.vo Battaglione dell’Esercito iracheno avanzavano su Falluja liberando le regioni di al-Falahat e al-Sabihat, nella parte meridionale della città, dopo aver eliminato una dozzina di terroristi del SIIL, mentre il capo del tribunale religioso del SIIL Jasim Muhamad Sarhan al-Shablavi veniva eliminato da un raid aereo iracheno su al-Jumhuriya, nel sud della provincia di Salahudin. L’esercito iracheno catturava 543 terroristi del SIIL mascheratisi da profughi e sfollati, mentre tentavano di fuggire da Falluja. Il 13 giugno, 37.ma e 72.ma Brigate dell’Esercito iracheno e le Forze di mobilitazione popolare irachene (PMF) entravano nel quartiere Hay Nazal, al centro di Falluja, e rastrellavano i quartieri meridionali di Falluja di Naymiah e Shuhada, eliminando 72 terroristi del SIIL. Nelle operazioni per liberare Falluja, furono eliminati oltre 500 terroristi del SIIL, secondo il comandante dell’operazione Tenente-Generale Abdulwahab al-Saidi, mentre altri 42 terroristi del SIIL furono eliminati dalle forze irachene a Mahalah al-Shuhada Awal, a Falluja. Il 14 giugno, le forze governative irachene liberavano al-Shafaq, zona residenziale di Fallujah, mentre il 17.mo Reggimento dell’Esercito iracheno liberava al-Zanasah, al-Zayban e al-Atar, e il ponte Abas Jamil, a sud di Falluja. Inoltre, il 15.mo Reggimento dell’Esercito iracheno liberava al-Nasr, a sud di Mosul. Il 15 giugno, la 17.ma Divisione dell’Esercito iracheno liberava al-Tala, Bustan al-Taqrit e Rayqan a sud-est di Falluja. Un dirigente della sicurezza irachena rivelava “Thamir al-Sabhan, l’ambasciatore saudita a Baghdad, preparava un piano per far fuggire i terroristi dalla prigione di al-Hut“, con l’impiego di kamikaze e autobombe. “Volevano contrabbandare armi nella prigione incitando scontri e con l’aiuto di alcune persone far scoppiare una rivolta per aiutare i detenuti a prendere il controllo della prigione e fuggire“. Il 17 giugno, il comandante della Polizia Federale dell’Iraq, Maggiore-Generale Raid Shaqir Judat, dichiarava che Falluja era completamente liberata dai terroristi del SIIL, e il comandante dell’operazione a Falluja, Abdulwahab Saidi, dichiarava che le forze irachene avevano il controllo di tutti gli edifici governativi della città, mentre le truppe governative liberavano al-Arsan e al-Naza e sgombravano dalla presenza dei terroristi tutta la riva occidentale dell’Eufrate. La 34.ma Brigata dell’Esercito iracheno, le Forze di mobilitazione popolare (PMF) e la Polizia Federale liberavano i quartieri al-Jamhuriyah, al-Dhubat e al-Bazarah di Falluja, oltre al Complesso governativo di Fallujah. La 29.ma Brigata dell’Esercito iracheno, sostenuta dalle Forze di mobilitazione popolare (PMF) presso al-Hit tendevano un’imboscata a un gruppo di terroristi del SIIL, eliminandone 8 tra cui il capo locale del SIIL, Ahmad Majid. Il 19 giugno, la 34.ma Brigata dell’esercito iracheno, sostenuta dalle Forze di mobilitazione popolare (PMF) e dalla Polizia Federale, liberava nella regione di al-Zuba i villaggi Basatin, Shit, Qurush e Anaz, mentre a Falluja le forze irachene liberavano i quartieri Andalus e Risalah e il Distretto Industriale. Il 22 giugno, presso Falluja, le forze irachene avanzavano su Zanqura e al-Burisha, eliminando 50 terroristi dello “Stato islamico”. Il 23 giugno, la 9.na Divisione dell’Esercito iracheno liberava il jabal Maqul, Maqul e Ibrahim al-Alí, nel Governatorato di Niniwa, a sud di Mosul. A Falluja, Esercito iracheno, Forze di mobilitazione popolare (Hashd al-Shabi) e Polizia Federale liberavano il Ponte Vecchio e il quartiere al-Jamhuriyah. Il 25 giugno, le forze irachene liberavano il nodo stradale di Zawiya-Maqul e i villaggi al-Baydha e al-Jabariya, presso al-Sharqat, eliminando decine di terroristi del SIIL, mentre Sarmad Mazahim Ahmad Hasan al-Hanini, noto capo del SIIL e collaboratore di al-Baghdadi, veniva eliminato in un bombardamento aereo sulla periferia di Sharqat, dove fu liquidato anche Abdullah Abu Maryam, boia del SIIL della città di Sharqat. Altri due capi del SIIL, Haji Hani e Abu Aishah, incaricati della difesa di Sharqat, erano stati eliminati in precedenza nelle operazioni delle forze irachene. Il 25 giugno, l’esercito iracheno liberava il quartiere al-Julan di Falluja, ottenendo il pieno controllo della città. Il comandante delle operazioni per la liberazione di Fallujah, Tenente-Generale Abdulwahab al-Saidi, aveva dichiarato che almeno 1800 terroristi del SIIL erano stati eliminati nell’operazione. Il 28 giugno, le forze irachene eliminavano decine di terroristi del SIIL a sud di Hit, nella provincia di Anbar. La 9.na Divisione corazzata dell’Esercito iracheno liberava Tal Baj, presso al-Sharqat, nel Governatorato di Salahudin, e respingeva il contrattacco del SIIL sulla zona.CluHp1zXIAA00Ym

Brexit: la Russia avanza e gli USA perdono terreno

MK Bhadrakumar, Asia Times 27 giugno 2016

putinSe vi fosse nelle faccende degli uomini una marea, come dice Bruto nel Giulio Cesare di William Shakespeare, sarebbe lo stesso per gli affari delle nazioni.
Meno di una settimana fa, l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico strisciava verso i confini della Russia provocandola inesorabilmente, ma la marea è cambiata bruscamente, e la politica eurasiatica non sarà mai più la stessa dopo la Brexit. Indirizzandosi allo stesso tempo alla Duma russa a Mosca, il Presidente Vladimir Putin confidava alle élite politiche della Russia che la nazione affronta un’altra volta la minaccia ai confini, simile all’invasione nazista di esattamente 75 anni fa. Tuttavia, due giorni dopo, a Tashkent, Putin ha risposto con calma e tono distaccato, alla domanda della sua reazione alla Brexit. Vi ha accennato abbastanza intuitivamente, riconoscendo l’opportunità data dal destino. Putin ha detto: “La Brexit avrà “conseguenze” per la Gran Bretagna e l’Europa, e avrà inevitabilmente “effetti globali… sia positivi che negativi”; “Il tempo ci dirà se ci saranno più vantaggi o svantaggi”; la Brexit avrà un impatto su mercato e valute, ma difficilmente sarò uno “sconvolgimento globale”; sulle sanzioni contro la Russia, se i Paesi dell’UE sono pronti al “dialogo costruttivo”, Mosca sarà “non solo pronta, lo vuole e risponderà positivamente ad iniziative positive”. Detto questo, la Russia ha dei limiti nell’onere dell’attuazione dell’accordo Minsk sull’Ucraina, che spetta a Kiev e “senza, non possiamo fare nulla”.” Putin ha recentemente visitato la Grecia, il Paese dell’UE più vicino alla Russia. Significativamente, secondo il Primo ministro greco Alexis Tsipras, la Brexit “conferma la crisi politica profonda, la crisi di identità e la crisi della strategia europea”. Questo riecheggerebbe ampiamente nell’opinione russa. I commentatori russi sono entusiasti del voto per la Brexit che inesorabilmente indebolirà le sanzioni UE. In effetti, si aspettano un significativo miglioramento delle relazioni della Russia con la Gran Bretagna. Londra è il ricettacolo preferito degli oligarchi russi e delle élite di Mosca. Boris Johnson, molto probabilmente il primo ministro del Regno Unito post-Brexit, è un netto sostenitore di saldi rapporti con la Russia, e le élite di Mosca lo considerano un politico insolito senza una mentalità da guerra fredda e, ancora più interessante, senza mentalità da politica estera. Chiaramente, la congettura degli analisti russi è che Washington faticherà ad imporre la propria leadership transatlantica come in passato, e nella stessa Unione europea probabilmente non ci sarà consenso nell’estendere le sanzioni contro la Russia all’anno prossimo. Queste sono le puntate migliori della Russia. Tuttavia, le parole caute di Putin suggeriscono che Mosca manterrà le dita incrociate su come Washington potrà permettersi che la Brexit volga verso la logica conclusione, semplicemente permettendo ai cittadini inglesi di lasciare l’Unione europea. Ovviamente, Putin ha ordinatamente eluso qualsiasi discorso sulla disintegrazione europea. D’altra parte, Mosca non può ignorare che l’euroscetticismo è un fenomeno diffuso in Europa. Se la Brexit ha un ‘effetto domino’ e avvia referendum in altri Paesi europei, l’impensabile potrebbe accadere. Anche in caso contrario, i gruppi euroscettici in Europa hanno già rafforzato la loro posizione. Comunque, se George Soros ha scritto nel fine settimana che la disintegrazione dell’UE è “praticamente irreversibile”, avrebbe centrato il punto.
Chiaramente, ci sono punti interrogativi sulla sopravvivenza della Gran Bretagna. La Russia potrebbe trarne dei vantaggi, perché la Gran Bretagna è tradizionalmente non solo l’auriga degli interessi degli Stati Uniti in Europa, ma anche ‘arbitro’ nell’UE, un ruolo in cui è insostituibile. Di fronte alla crescente pressione occidentale, Mosca ultimamente si concentra ad espandere la propria influenza e a consolidare la propria leadership in Eurasia. Al St. Petersburg International Economic Forum di una settimana prima, Putin presentava il progetto di Grande Eurasia. Tutto indica che questo sia anche un punto all’ordine del giorno chiave nelle discussioni con la leadership cinese, nella prossima visita a Pechino. Putin prevede una grande collaborazione nell’ambito del piano della Grande Eurasia, coinvolgendo l’Unione Eurasiatica Economica (EEU) guidata dalla Russia, Cina e possibilmente India e Iran, ampliando efficacemente lo ‘spazio post-sovietico’ verso est, ovest e sud-est asiatico. La visione della Grande Eurasia di Putin ha tre modelli, sicurezza, mercato comune e governo interno. L’intenzione russa sembra sia portare la dilagante influenza cinese nello spazio eurasiatico entro negoziati multilaterali, in particolare sull’Iniziativa Fascia e Via della Cina. Ma la Cina difficilmente sarebbe d’accordo. La Cina ha avuto una giornata campale, con le tensioni in aumento tra Russia e occidente all’ombra dell’espansione della NATO. Ma con la Brexit, la dinamica di potere in Eurasia potrebbe cambiare radicalmente a favore della Russia. Probabilmente, la Brexit riduce la pressione occidentale sulla Russia e fornisce la tregua per prestare maggiore attenzione alla realtà degli ultimi anni, con la Cina che costantemente espande la propria influenza in Eurasia, non solo in Asia centrale, ma anche nei Balcani e in Europa centrale. La cosa più importante per Mosca sarà se la Brexit arresti la tendenza, incoraggiata in non piccola misura da Washington, alla militarizzazione dell’Europa.
Il prossimo vertice della NATO a Varsavia (8-9 luglio) si svolgerà all’ombra della Brexit. Può essere foriero del futuro che Bulgaria e Romania si siano opposte all’idea di una flotta NATO nel Mar Nero. Il primo ministro bulgaro Bojko Borisov ha detto con una punta di sarcasmo che il Mar Nero dovrebbe essere destinato a yacht e navi cariche di turisti piuttosto che essere un’arena militare. La cooperazione nell’alleanza potrà continuare nel breve termine. Ma resta da vedere fino a che punto Washington riuscirà ad impensierire gli europei con la tesi assai artificiosa della Russia quale Stato revisionista che pone la mobilitazione militare al centro del pensiero strategico. La Brexit pone delle questioni alla NATO, anche se i cittadini inglesi non hanno votato l’uscita dall’alleanza. Con un commento perspicace, la nota ‘mano russa’ nella rivista National Interest. Nikolas Gvosdev, notava che la Brexit “convalida due linee di tendenza in via di sviluppo in Europa“, spiegando: “La prima è l’esitazione nei Paesi dell’Europa occidentale a farsi trascinare in conflitti e problemi della periferia orientale del continente o nello spazio post-sovietico. La seconda sarà risvegliare la divisione regionale persistente nell’alleanza, con alcuni membri che sostengono che se la NATO avesse prestato molta più attenzione alle minacce sul Mediterraneo alla sicurezza europea, piuttosto che farsi coinvolgere nei giochi geopolitici in Eurasia, la crisi migratoria avrebbe potuto essere evitata o ridotta e, quindi, uno dei fattori chiave della Brexit sarebbe stato neutralizzato”. La linea di fondo è che UE e NATO sono complementari. E la Brexit sostiene che gli interessi nazionali prevalgono sugli interessi collettivi europei. Senza dubbio, la Brexit è anche, almeno in parte, un riflesso della stanchezza generale in Europa per la continua espansione della NATO ad est.

L’Ambasciatore MK Bhadrakumar è stato un diplomatico di carriera per più di 29 anni, ed ambasciatore dell’India in Uzbekistan (1995-1998) e in Turchia (1998-2001). Scrive sul blog Indian Punchline” e per Asia Times dal 2001.0b5c5083058cba6f446707aef0109828L’Eurasia s’integra e l’UE si disintegra
Dmitrij Kosyrev, RIA Novosti, 28 giugno 2016 – RBTH

13738925681India e Pakistan hanno firmato un memorandum d’intesa il 24 giugno, unendosi formalmente alla Shanghai Cooperation Organization. Lo stesso giorno, i risultati del referendum sull’adesione della Gran Bretagna nell’Unione europea sono stati dichiarati, con il 51,9% degli inglesi che opta per la Gran Bretagna fuori dall’Unione europea, lasciando un’Unione dal futuro travagliato.

L’idea di questo titolo viene da una serie di eventi evidenti, dato che India e Pakistan hanno firmato documenti chiave per aderire alla SCO al vertice di Tashkent, e gli inglesi hanno votato per ritirarsi dall’UE. È successo questo, l’integrazione qui e il collasso di là, tutto in un giorno. E poi ci sono le particolarità, anche molto interessanti, come sempre. Dal punto di vista formale, non sono state osservate grandi cerimonie per l’integrazione di India e Pakistan, non ci sono due nuove bandiere che si aggiungono alle sei attuali della SCO: Cina, Russia, Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan. La decisione fondamentale sul loro ingresso fu presa un anno fa, al vertice di Ufa, e ciò che è successo oggi è stato questo: al vertice, i leader dei sei stati membri della SCO hanno adottato un memorandum sugli obblighi delle controparti indiane e pakistane per l’adesione alla Convenzione dell’associazione, obbligatorio per gli Stati aderenti. Il Presidente Vladimir Putin, parlando su questo tema in occasione della conferenza stampa finale, ha detto: “Avete visto, accogliamo due grandi Paesi, India e Pakistan. Il resto è puramente formale, si può supporre che, a partire dal prossimo anno, saranno membri a pieno titolo dell’organizzazione. Con la loro adesione, naturalmente, l’organizzazione assume un valore e un peso diversi… e in questo senso, possiamo dire con piena fiducia che il vertice è stato un successo“. Dopo di che ha risposto alle domande su Regno Unito e UE. Come si veda, non è uno stadio, nessuno gioca la partita “Eurasia-UE: 1 – 0”. La SCO non si confronta con gli altri, soprattutto non per propaganda. Allo stesso tempo, coinvolgere indiani e pakistani a diversi livelli nei meccanismi della SCO è un processo, un lungo processo. Ci sono ancora circa 30 documenti che vanno firmato. Si tratta di una procedura burocratica lunga che a volte richiede negoziati con parlamenti e ministeri.

Non ripetere gli errori altrui
La SCO non è un’alleanza o un’unione, dato che i suoi membri ritengono che il tempo delle ‘unioni’ sia passato (ciò che accade a UE e NATO è molto evidente oggi). Ma se non è un’unione, allora cos’è? Forse un tentativo di costruire un nuovo, moderno modello di relazioni tra Paesi uniti dalla geografia, ma divisi da varie caratteristiche distinte che desiderano mantenere, piuttosto che muoversi su regole e norme rigorose. La SCO sfida l’occidente standardizzato? No, è il tentativo di non ripetere gli errori dell’Unione europea, in particolare quelli resi evidenti nel “giorno dell’indipendenza del Regno Unito”. Si tratta di “aperto regionalismo”, il che significa che nulla impedisce ai Paesi membri di far parte di altre associazioni. Questo non è assolutamente l’approccio occidentale e a volte inibisce fortemente l’organizzazione della SCO. Ma a quanto pare, è l’unica via.

La SCO diventa una potenza eurasiatica: Segretario Generale
Un’altra cosa nel documento (MO) firmato da India e Pakistan ipotizza che i membri della SCO non operino contro i mutui interessi. Ma l’atteggiamento di molti rimane oscuro e teso. Un’altra cosa è che la SCO è almeno una piattaforma dove provare a negoziare. Diamo un’occhiata a chi è interessato in qualche modo alla SCO. Sono 18 Paesi. Nel 2017 vi saranno 8 Paesi pienamente aderenti al vertice di Astana. Cina, India, Russia. Kazakistan, Pakistan, Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan. Gli altri 10 Paesi hanno lo status di osservatori. Sarebbe difficile immaginare dei Paesi più diversi. All’inizio dell’integrazione, i Paesi europei erano diversi, ma seguirono la via del livellamento dei caratteri e della riduzione della sovranità. Come possiamo vedere, si sbagliavano. “La formula SCO” a questo punto sembra semplice, non consente alcun rivolgimento politico-militare in Asia centrale e costruisce le infrastrutture (strade, informazioni e legislazione) collegando tutti i Paesi della regione. Tale infrastruttura comprende cultura e istruzione attive nel quadro della SCO, creando uno spazio umanitario comune eurasiatico. Questo processo non è solo enorme, è difatti eterno. Non dimentichiamo che la SCO non riguarda tutti i rapporti tra, per esempio, India e Russia o Cina e Russia, ma solo ciò che riguarda essenzialmente la riformulazione dell’Asia centrale, facendone un puro progetto regionale. Si può dire quanto si vuole, come fanno i cinesi, che il vecchio modello mondiale è stato ricreato, al centro del quale per secoli vi era la Grande Via della Seta dalla Cina all’Europa, ma tutti sappiamo che di fatto si tratta di modellare il futuro e non di ripristinare il passato.135464190_14667777565241nTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Siria, Egitto ed Israele chiedono di aderire alla Shanghai Cooperation Organization

Siria, Egitto ed Israele chiedono di aderire alla SCO
Asialive, 26 giugno 2016 – Fort Russmodi-sco-759Siria, Egitto e Israele hanno formalmente chiesto l’adesione alla Shanghai Cooperation Organization (SCO). I membri hanno discusso anche l’adesione dell’Iran. L’interesse di Siria, Israele e Egitto per partecipare alla Shanghai Cooperation Organization è stato dichiarato al briefing a Tashkent dal rappresentante speciale presidenziale per gli affari della SCO Bakhtijor Khakimov. La richiesta dalla Siria di adesione con lo status di osservatore si ebbe l’anno scorso, ma avendo gli Stati membri della SCO hanno deciso l’avvio della collaborazione con i nuovi arrivati dai fondamentali, si parla di “partnership nel dialogo”, secondo Khakimov. I presidenti dei Paesi membri della SCO hanno anche discusso la prospettiva di adesione permanente dell’Iran. Attualmente i sei membri permanenti della SCO sono Russia, Kazakistan, Kirghizistan, Cina, Tagikistan e Uzbekistan. L’ultimo vertice della SCO si è svolto a Tashkent, dove hanno partecipato i presidenti dei sei Paesi membri. Oltre ai sei presidenti della SCO erano presenti i leader dei Paesi osservatori: Presidente dell’Afghanistan Ashraf Ghani, Presidente della Bielorussia Aleksandr Lukashenko, Presidente della Mongolia Tsakhiagijn Elbegdorj, Presidente del Pakistan Mamnoon Hussain, Primo Ministro dell’India Narendra Modi e Ministro degli Esteri iraniano Mohammad Zarif. Ospite speciale del Presidente dell’Uzbekistan era il Presidente del Turkmenistan Gurbangulij Berdymukhammedov.

La SCO dimostra il vigore della cooperazione geopolitica
Global Times 24/06/2016

CloSfuvXEAAaKTGLa Shanghai Cooperation Organization (SCO) iniziava il vertice annuale a Tashkent, Uzbekistan. Poiché quest’anno ricorre il 15° anniversario dell’istituzione della SCO, è il momento di rivedere il passato e anche guardare al futuro. India e Pakistan sono decisi a firmare formalmente il memorandum fondamentale per l’adesione alla SCO. L’espansione dell’organizzazione ne indica fascino e prospettive. L’occidente ha spesso minimizzato la SCO da quando fu fondata nel 2001. I Paesi occidentali anzi sottolineano alcuni problemi inerenti alla SCO, come ad esempio diversi valori, livelli di sviluppo e dimensione degli Stati aderenti e l’assenza di un leader. Eppure, nonostante la sottovalutazione, la SCO è cresciuta realisticamente, senza adottare azioni clamorose chiaramente impegnata a creare un futuro costruito senza pretese. E’ difficile definire chiaramente la SCO rispetto alle organizzazioni occidentali. A qualunque cosa sia paragonata, NATO, UE o ASEAN, la SCO è fondamentalmente un’organizzazione di cooperazione nata dalla cooperazione anti-terrorismo contro le tre forze del male in Asia centrale, per poi dipanarsi verso i campi economico e culturale, difatti compiendo progressi. Con i sei osservatori, di cui due, India e Pakistan, che divengono membri ufficiali, la SCO ha dato speranza alle loro prospettive. Il continente asiatico presenta una forma di coesione differente dai raggruppamenti della Guerra Fredda. La SCO è la nuova costruzione di un gruppo di nazioni. Paesi geograficamente vicini che devono avere rapporti e affrontare sfide simili. La SCO svolge il proprio lavoro di cooperazione secondo richieste ed esigenze degli aderenti, chiedendo di potervi far beneficiare tutti, mentre gli Stati aderenti non debbono subirla. Nel periodo della Guerra Fredda, molte organizzazioni internazionali ebbero rivali strategici esteri, ma la SCO no, non essendo diretta contro alcuno. Con la partecipazione dell’India, la SCO non si potrà definirla NATO orientale. Nel frattempo, qualsiasi forza estera che consideri la SCO una minaccia è inguaribilmente dominata dalla mentalità da Guerra Fredda. Tali dubbi emergono probabilmente perché l’occidente, in particolare gli Stati Uniti, è ben consapevole di essere andato troppo oltre nel fare pressione su Cina e Russia da cui, quindi, la preoccupazione che esse costruiscano un’organizzazione per affrontarlo. Ma dalla SCO, l’occidente può trovare un nuovo tipo di vitalità nella cooperazione geopolitica. Questo sarà la via che le organizzazioni geopolitiche dovrebbero seguire. In 15 anni gli estremisti in Asia centrale sono stati ridimensionati notevolmente e i Paesi della regione rimangono stabili grazie alla SCO, perciò desiderano unirsi ulteriormente. Le forze estere come gli Stati Uniti dovrebbero avere pieno rispetto per un’organizzazione come la SCO. La voce della SCO, ad esempio sul Mar Cinese Meridionale, parla a nome del mondo non occidentale. Washington avrà seri guai se interpreta male questa voce.1041866366Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’intervista di Xinhua al Presidente Putin

San Pietroburgo, Russia, Xinhua 23 giugno 2016WzfFHcwPsmWpe6jv075HTA5HcuwLEKAjIl Presidente russo Vladimir Putin, in un’intervista esclusiva di un’ora con il presidente di Xinhua Cai Mingzhao in vista della prossima visita in Cina, ha espresso le opinioni sui legami bilaterali e il commercio, la cooperazione nella Shanghai Organization (SCO) e la cooperazione internazionale Cina-Russia, tra le varie questioni. Ciò che segue è il testo integrale dell’intervista esclusiva di Xinhua a Putin:

Cai: Onorevole Presidente Putin, è mio grande piacere avere un’intervista esclusiva con voi qui nella vostra bella città natale di San Pietroburgo, prima della vostra prossima visita in Cina. Mi permetta di esprimere il nostro rispetto per conto della Xinhua News Agency.
Putin: Grazie.

Cai: Grazie agli sforzi congiunti del Presidente cinese Xi Jinping e Vostri, il rapporto tra Cina e Russia è attualmente al meglio nella storia. Credo che l’intervista di oggi favorirà le nostre relazioni bilaterali. Possiamo iniziamo l’intervista?
Putin: Sì, prego.

Cai: Secondo i nostri calcoli, il Presidente Xi l’ha incontrata cinque volte l’anno scorso. E rivisiterete la Cina molto presto. La completa partnership di coordinamento strategica Cina e Russia s’è approfondita grazie agli sforzi congiunti del Presidente Xi e Vostri. Quest’anno ricorre il 15° anniversario della firma del Trattato di Buon vicinato, Amicizia e Cooperazione sino-russo, così come il 20° anniversario della costituzione del Partenariato di coordinamento strategico Cina-Russia. Quali, secondo Voi, sono i punti forti dei legami Cina-Russia? Quali sono le loro prospettive future? Cosa Vi aspettate da questa visita?
Putin: Ha detto che le nostre relazioni bilaterali sono a un livello molto elevato, nel suo commento sui nostri rapporti bilaterali. Qui voglio ricordare ai lettori di Xinhua due congiunture storiche:
Venti anni fa annunciammo un nuovo tipo di rapporti, un partenariato strategico; 15 anni firmammo il Trattato di Buon vicinato, Amicizia e Cooperazione sino-russo. Molto lavoro s’è fatto da allora, la fiducia tra Russia e la Cina ha raggiunto un livello senza precedenti ed è la solida base della cooperazione bilaterale. Poiché è un livello che probabilmente non è mai stato raggiunto nei nostri rapporti in passato, è molto difficile per i nostri esperti definire la causa comune di oggi che lega i due Paesi. In realtà, non basta ora chiamarla semplicemente coordinamento strategico. Pertanto, abbiamo iniziato a chiamarla “partenariato di coordinamento strategico globale”. La parola “globale” significa che collaboriamo su quasi tutte le aree di vitale importanza, e “strategico” dimostra l’importanza primaria che alleghiamo al nostro rapporto. Lei ha citato il coordinamento tra il Presidente Xi e me. In effetti, il lavoro tra di noi, il lavoro al nostro livello, è senza dubbio il motore dello sviluppo delle relazioni bilaterali. Attualmente discutiamo alcune questioni fondamentali nella nostra strategia di cooperazione. Il Presidente Xi apprezza molto lo sviluppo delle relazioni Russia-Cina. È un buon amico e un partner affidabile. Tuttavia, il buon sviluppo dei legami Russia-Cina non può limitarsi a dipendere dai nostri sforzi. Si chiede di migliorare ulteriormente il meccanismo operativo tra i governi della Federazione Russa e della Repubblica popolare cinese. I capi di governo dei nostri due Paesi s’incontrano regolarmente. Più di 20 sotto-commissioni e commissioni intergovernative sono state istituite, credo che ci siano 26 sotto-commissioni in realtà. La gente in queste commissioni già lavora in modo efficiente. Anche se i due Paesi sono ancora ben lungi dal poter raggiungere rapidamente un consenso su ogni problema complesso, condividiamo sempre l’obiettivo comune di far progredire la nostra collaborazione, indipendentemente dalla complessità dei problemi. Così troviamo sempre una soluzione. Le difficoltà che l’economia globale attraversa sono ampiamente note e si riflettono anche nel coordinamento tra i due Paesi. Per esempio, il volume degli scambi tra Russia e Cina è diminuito un po’. Ma crediamo che sia solo un rallentamento temporaneo dovuto ai prezzi di mercato di alcune materie prime e a differenze nei tassi di cambio. Nel frattempo, azioni vengono intraprese per risolvere i grandi problemi. Per ottimizzare la struttura del commercio bilaterale, abbiamo adottato alcune azioni sostanziali. Non posso ricordarlo correttamente e potrebbe essere necessario controllare, ma nell’ultimo anno le esportazioni russe di prodotti meccanici e tecnici per la Cina sono cresciute in modo significativo, del 44 per cento. Ciò significa molto per noi. L’abbiamo negoziato con i partner cinesi per anni. Voglio ringraziare i nostri amici per averla resa una realtà, rendendoci possibile realizzare gradualmente i nostri obiettivi nelle direttive più importanti. Questo è il nostro obiettivo comune, su cui concordiamo. Progrediamo insieme nella direzione che dobbiamo seguire. Pertanto, il compito più importante nelle relazioni bilaterali è portare diversità e maggiore qualità nelle relazioni commerciali, in particolare aumentando la cooperazione nei settori ad alta tecnologia. Collaboriamo anche nei programmi aerospaziali, in particolare nella ricerca congiunta sugli aerei wide-body e gli elicotteri pesanti. Cerchiamo soluzioni ai problemi ecologici e continuiamo a lanciare mega-progetti nel campo dell’energia, compresa l’energia nucleare.

Cai: La Russia è molto forte in questi settori.
Putin: In effetti, sì. Rosatom (compagnia statale nucleare russa) ha una notevole portafoglio ordini. I due reattori della centrale nucleare di Tianwan operano da otto anni e sono noti per le loro prestazioni. Stiamo costruendo altri due reattori e non credo che ci fermeremo lì. Dobbiamo espandere la nostra cooperazione, non solo nella costruzione di altre centrali nucleari in Cina, ma anche ampliando la nostra collaborazione tecnologica in questo senso. La Cina rafforza gradualmente la presenza nel nostro mercato dell’energia. Non solo è uno dei principali azionisti dell’impianto Jamal LNG, un importante mega-progetto sul gas naturale liquefatto, ma la Cina ha anche acquistato il 10 per cento delle azioni della Compagnia Petrolchimica e Gasifera Siberia-Urali, una delle prime società per azioni chimiche della Russia. Diamo il benvenuto a tale investimento dalla Cina, non solo per l’afflusso di capitali, ma anche perché aiuta ad approfondire la nostra collaborazione. Sulla famosa linea ferroviaria ad alta velocità Mosca-Kazan, assistiamo ad ottimi progressi e ci aspettiamo una velocità di 400 km all’ora in alcuni segmenti. Seguiamo da vicino il lavoro sui progetti, e può benissimo essere solo l’inizio della nostra un’ampia cooperazione nelle infrastrutture. Anche la nostra cooperazione nella cultura è di grande valore, tra cui il Capodanno cinese e l’anno della Russia alternativamente nei nostri due Paesi, l’anno degli scambi dell’amicizia della gioventù sino-russa, l’Anno della lingua russa e cinese, l’Anno del turismo, ecc Alcuni di questi furono proposti dalla Russia, mentre altri furono avviati dalla Cina. Hanno avuto tutti molto successo e senza dubbio promuoveranno la fiducia reciproca tra i nostri due popoli. L’importanza di queste attività non è inferiore a quella dei mega-progetti sull’energia come “Potere della Siberia”, riferendomi al progetto di gasdotto orientale tra Russia e Cina per fornire alla Cina 38 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Oltre a questo, abbiamo anche avuto costanti progressi nella cooperazione negli affari internazionali e militari e sulle tecnologie militari. Di solito discutiamo di tutte queste cooperazioni quando il Presidente Xi e io c’incontriamo. Sapete, la mia prossima visita è fitta, molto fitta in realtà. Quindi mi aspetto di avere incontri amichevoli con il Presidente Xi su una vasta gamma di argomenti, con fiducia reciproca, come sempre.

Cai: Grazie. Lei ha citato la crescita della cooperazione economica e commerciale, e molti mega-progetti di cooperazione molto incoraggianti. Ha detto molte volte che dobbiamo allineare l’Unione economica eurasiatica (EEU) all’iniziativa Fascia e Via proposta dalla Cina. L’economia della Cina segue attentamente la situazione. Così specificamente cosa suggerisce ai due Paesi a tal proposito? Come possiamo sfruttare l’allineamento di questi programmi di sviluppo per promuovere la cooperazione economica e commerciale tra Cina e Russia?
Putin: Quello che ha sollevato è un argomento interessante. Sappiamo che il Presidente Xi Jinping promuove la Fascia economica della Via della Seta. Riteniamo che la proposta di Xi sia molto tempestiva e accattivante, e l’iniziativa ha un grande potenziale mirando ad espandere la cooperazione della Cina con il mondo. I vicini della Cina vengono naturalmente prima in tale cooperazione, dato che la Via, ovunque conduca, passa dai Paesi limitrofi. Abbiamo avviato due trattative: una bilaterale tra Russia e Cina, e l’altra tra Cina e UEE. Proprio di recente, i cinque Paesi membri dell’UEE hanno discusso ad Astana (capitale del Kazakistan) i temi attinenti. Siamo tutti d’accordo a sviluppare la cooperazione con la Cina nel quadro dell’iniziativa della Cintura economica della Via della Seta. Devo essere assolutamente franco con Lei. Naturalmente, ci prenderemo cura degli interessi dei nostri produttori. Ma condividiamo il consenso sul nostro approccio fondamentale allo sviluppo economico mondiale e alla nostra cooperazione con la Cina eliminando gradualmente i vari ostacoli alla nostra causa comune dell’apertura. Quindi penso che ciò che possiamo fare nella prima fase è creare una zona di libero scambio. Siamo realisti e siamo consapevoli che non è possibile nella prima fase escludere eccezioni e casi particolari, ma dobbiamo essere chiari su dove vogliamo andare. Dato che sempre più Paesi nella nostra regione sono entusiasti della nostra cooperazione, per raggiungere il nostro obiettivo cercheremo di creare le condizioni favorevoli per ciò che chiamiamo cooperazione eurasiatica, e cercheremo di evitare di creare un blocco economico e commerciale chiuso.

Cai: Grazie. Il 16° vertice della Shanghai Cooperation Organization (SCO) si terrà nella capitale uzbeka di Tashkent. Fondata 15 anni fa, la SCO, con Cina e Russia come Stati membri fondatori, ha svolto un ruolo importante nel promuovere la sicurezza e lo sviluppo regionali. Qual è la sua attesa sul prossimo vertice? Cosa ne pensa del meccanismo della SCO?
Putin: La SCO, nei suoi primi giorni, si scelse degli obiettivi di piuttosto basso profilo. Voglio dire quegli obiettivi erano importanti e pragmatici, avendo lo scopo di affrontare i vari problemi sui confini collaborando. Tuttavia, facili o no, questi problemi non ci sono più nella cooperazione sulle frontiere. Ma siamo consapevoli che questi problemi sarebbero rimasti insoluti per decenni, senza sincerità, potendo essere facilmente risolti con sufficiente sincerità. Sia che tali problemi fossero stati risolti o meno, dipende dalla situazione interna di un Paese e dal relativo comportamento sulla scena mondiale, in ampia misura. Con la massima sincerità Russia, Cina e gli altri Stati membri della SCO hanno raggiunto tutti gli obiettivi prefissati in questo campo. Ovviamente, è consigliabile non abbandonare questo meccanismo e preservarne i risultati, nonché mantenere il livello attuale di interrelazioni tra tutti gli Stati membri della SCO. È un dato di fatto che cominciammo a risolvere altri problemi attraverso il meccanismo della SCO, iniziando la cooperazione in vari campi. Tale cooperazione non è solo politica, ma coinvolge anche la costruzione delle infrastrutture. Abbiamo anche iniziato a discutere le questioni concernenti sicurezza e traffico di droga, tra gli altri. Non voglio dire che abbiamo raggiunto molti risultati straordinari o effettuato varie operazioni esemplari. Ma dirò che la SCO è diventata un’organizzazione popolare e attraente nella regione. Molti Paesi nel mondo hanno espresso la volontà di farne parte. Al vertice SCO di Ufa dello scorso anno, decidemmo di avviare la procedura di ammissione di India e Pakistan. Al vertice di Tashkent implementeremo la decisione e discuteremo della volontà degli altri Paesi a partecipare ai lavori dell’organizzazione. L’espansione delle funzioni della SCO e l’aumento del numero dei membri, in particolare l’inclusione di questi importanti Paesi, l’hanno resa un’autorevole e popolare organizzazione internazionale nella regione e nel mondo in generale. Dato che la situazione internazionale è complessa e stratificata, alcuni Paesi potrebbero differire da altri per atteggiamento e opinione su alcune questioni internazionali. Anche se la loro adesione alla SCO potrebbe non offrire una soluzione ai loro disaccordi, tenteremo di spianare la strada alla soluzione di questi problemi. Abbiamo molte aspettative su questo.

Cai: Grazie. Oggi il mondo affronta molte sfide gravi, tra cui la lenta ripresa economica globale, instabilità e volatilità di alcune regioni, attività terroristiche rampanti e problemi ambientali come il cambiamento climatico. Come grandi Paesi influenti e responsabili, Cina e Russia, sono forze importanti nel mantenimento della pace e della stabilità mondiale, in particolare in situazioni internazionali difficili. Allora, quali altri sforzi pensa Cina e Russia dovrebbero fare per mantenere la pace nel mondo e migliorare la governance globale?
Putin: Come sapete, il coordinamento tra Russia e Cina sulla scena globale è di per sé un fattore di stabilità negli affari internazionali. Ricordiamo l’indirizzo del Presidente cinese Xi Jinping alla cerimonia del 70° anniversario della costituzione delle Nazioni Unite. Si prega di ricordarne le parole. Ha sostenuto che tutte le questioni controverse vanno risolte in conformità al diritto internazionale e solo attraverso mezzi pacifici. Il Presidente Xi anche detto che la Cina è pronta ad aiutare i Paesi poveri, ed anche a proporre misure specifiche di conseguenza. È uno dei pochi leader nazionali che si dedicano alla riduzione della povertà internazionale. Sono queste posizioni, invece della vicinanza geografica, che ci uniscono negli affari internazionali. Oltre alla nostra cooperazione nel quadro della SCO, abbiamo collaborato con altri nel quadro dei BRICS. In realtà, abbiamo creato congiuntamente il meccanismo BRICS. Abbiamo anche collaborazioni attive con altri presso le Nazioni Unite. Col senno di poi, il mio Paese, l’Unione Sovietica, fece del suo meglio per aiutare la Repubblica Popolare Cinese ad assicurarsi il seggio permanente al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, un posto di tutto rispetto che pensiamo da sempre la Cina debba avere. Fino ad oggi, siamo sempre stati molto felici che questo sia accaduto, avendo i nostri due Paesi, nel linguaggio della diplomazia, gli stessi o molto simili punti di vista negli affari internazionali. Tale allineamento delle nostre prese di posizione è anche motivata a livello tecnico. Abbiamo mantenuto i contatti con regolarità e avuto consultazioni su questioni globali e regionali. Vi vediamo come stretti alleati, così naturalmente ci consultiamo sempre, con questo voglio dire di ricordarsi gli interessi di ognuno. Credo che nella mia visita nella Repubblica Popolare Cinese, la nostra cooperazione continuerà a seguire questo spirito.

Cai: Grazie Signor Presidente. Siamo sinceramente lieti della Vostra visita in Cina e Vi auguriamo un enorme successo. Vorrei anche dirvi che durante la Vostra visita, Xinhua News Agency e TASS News Agency firmeranno un nuovo accordo di cooperazione.
Putin: Avete dato un grande aiuto su questo fronte. Grazie. Nel mondo di oggi, il lavoro nell’informazione non è meno importante di quello diplomatico.

Clnp2LYWAAQonrv.jpg medium

Putin e Xi danno il benvenuto alla SCO all’India
The BRICS Post, 24 giugno 2016

1041833099I presidenti cinese e russo Xi Jinping e Vladimir Putin hanno discusso “l’adozione degli impegni di India e Pakistan sulla loro adesione” alla SCO, secondo un comunicato del Cremlino. Putin e Xi si sono incontrati a Tashkent, a margine del vertice della Shanghai Cooperation Organisation (SCO) guidata da Cina-Russia. Putin e Xi hanno sostenuto l’adesione dell’India a membro permanente del blocco della sicurezza ed economico regionale. La SCO prevede una nuova banca di sviluppo e un nuovo corridoio dei trasporti. In precedenza Xi aveva detto al Primo ministro indiano Narendra Modi che la Cina non vede l’ora di rafforzare la cooperazione con la vicina India nel quadro della SCO. Attualmente, India e Pakistan sono osservatori nel blocco. Il Pakistan aveva chiesto la piena adesione nel 2006 e l’India nel 2014. Fondata nel 2001, la SCO ha ora Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Russia, Tagikistan e Uzbekistan aderenti a pieno titolo, con Afghanistan, Bielorussia, India, Iran, Mongolia e Pakistan osservatori. Ai vertici BRICS e SCO in Russia nel luglio dello scorso anno, il Presidente cinese Xi Jinping invitava gli Stati aderenti a “sostenere lo “Spirito di Shanghai” nello sviluppo comune“. Almeno 16 dei 40 miliardi del Fondo per la Via dell Seta della Cina saranno dedicati a progetti in Asia centrale. Xi annunciò ad Ufa che Pechino è disposta a rafforzare la cooperazione negli investimenti con gli altri aderenti alla SCO utilizzando il Fondo della cooperazione economica Cina-Eurasia e il Fondo per la Via della Seta, “concentrandosi su grandi progetti infrastrutturali, sfruttamento delle risorse, industria e finanza“. Nel frattempo, nell’incontro con il “vecchio amico” Putin, Xi ha detto che vuole “consolidare la nostra fiducia politica e strategica, rafforzare il sostegno reciproco, collegare le strategie di sviluppo dei nostri Paesi, raccordare il piano della Fascia economica della Via della Seta con l’UEE e promuovere una più stretta cooperazione ed interazione sulle attuali questioni internazionali e regionali“.
I governi di Russia e Cina dovrebbero accelerare il processo di collegamento dell’Unione Eurasiatica economica (UEE) e della Cintura economica della Via della Seta, secondo quanto detto dal Ministro degli Esteri cinese Wang Yi il mese scorso. “Cina e Russia dovrebbero accelerare il collegamento tra Cintura economica della Via della Seta ed UEE, per raccoglierne da subito i frutti“, aveva detto Wang. In precedenza Putin, Xi e il leader della Mongolia Tsakhiagiin Elbegdorj, adottavano il programma di costruzione di un corridoio economico tra i tre Paesi.Xi Jinping, Vladimir PutinTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia punta sulla ‘Grande Eurasia’

Sergej Blagov, Asia Times, 20 giugno 2016

EurAsian Conformity Mark-10-14La Russia ha a lungo sostenuto che l’espansione della SCO rafforzerà lo status internazionale dell’organizzazione. Ma ora a quanto pare la Russia suggerisce una sorta di raggruppamento economico oltre la SCO.
Il Cremlino ha delineato una visione ambiziosa del nuovo raggruppamento d’integrazione globale oltre le unioni economiche e politiche già esistenti in Eurasia. Eppure c’è mancanza di chiarezza su come l’entità proposta possa conciliarsi con le organizzazioni ed accordi regionali esistenti. L’Unione Economica Eurasiatica (UEE) della Russia diverrebbe parte di una entità d’integrazione maggiore, una “Grande Eurasia” annunciata dal Presidente Vladimir Putin. Questa maggiore partnership eurasiatica potrebbe includere anche Cina, India, Pakistan, Iran, Stati ex-sovietici ed altri interessati, ha detto. Al forum economico a San Pietroburgo il 17 giugno, Putin ha detto che la partnership della Grande Eurasia avrebbe lo scopo di sviluppare il commercio, riducendo ed infine eliminando le barriere tariffarie tra i Paesi partecipi. Più di 40 Paesi hanno indicato interesse nel forgiare accordi di libero scambio (FTA) con l’UEE, ha detto. L’UEE guidata dalla Russia già stringe accordi di libero scambio con i gruppi asiatici. Nel maggio 2016, annunciò al vertice di Sochi che l’ASEAN avrebbe considerato un FTA con l’UEE. Possibili legami economici più stretti tra UEE, ASEAN e SCO sono stati anche discussi. Tuttavia, il Cremlino a quanto pare non intende usare la “Grande Eurasia” come retorica anti-occidentale. Inoltre, Mosca ha invitato le nazioni europee a partecipare. Il progetto della “Grande Eurasia” è sicuramente aperto anche all’Europa, e sarebbe reciprocamente vantaggioso, ha detto Putin. Non a caso, il più vicino alleato della Russia, il Kazakistan, sostiene fortemente l’idea del partenariato della Grande Eurasia. Il Kazakhstan da tempo da priorità al tentativo di diventare un importante collegamento commerciale e dei trasporti tra Asia ed Europa. Il 17 giugno, il Presidente Nursultan Nazarbaev ha anche sostenuto una maggiore integrazione tra UEE ed Unione europea (UE) in modo da sviluppare la “Grande Eurasia”. L’UEE è interessata a una stabile Unione europea, ha detto. A fine mese, la Shanghai Cooperation Organization (SCO) finalizzerà l’ingresso di India e Pakistan nella SCO, ha osservato Nazarbaev. Pertanto, la popolazione totale degli Stati membri della SCO raggiungerà i tre miliardi di persone, quindi l’organizzazione diventa una grande potenza, ha sostenuto.
Non è certo una coincidenza che la retorica sulla “Grande Eurasia” emerge in vista del vertice della SCO a Tashkent, Uzbekistan, il 23-24 giugno. L’organizzazione, che attualmente include Russia, Cina, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan e Uzbekistan, ha accettato le principali nazioni dell’Asia meridionale. L’anno scorso, per la prima volta in 15 anni, la SCO decise l’ampliamento. Il 10 luglio 2015, al vertice SCO ad Ufa, in Russia, l’ingresso di India e Pakistan nella SCO fu approvato.
Mosca da tempo sosteneva che l’espansione SCO rafforzerà lo status internazionale dell’organizzazione. Ma ora a sembra che la Russia suggerisca una sorta di raggruppamento economico oltre la SCO. L’imminente ingresso di India e Pakistan cambierebbe l’equilibrio di potere nella SCO, organizzazione dominata dalla Cina sia economicamente che politicamente. La prevista entrata di nuovi membri provenienti da Sud-Est asiatico e Medio Oriente dovrebbe trasformare la SCO in un attore veramente globale. Eppure prima della materializzazione ufficiale dei piani di ampliamento della SCO, la Russia presenta una visione ancora più ambiziosa, la “Grande Eurasia”. La nuova entità non solo unirebbe i grandi Stati asiatici, ma inoltre si ricollegherebbe con l’Unione europea. Pertanto, il raggruppamento della “Grande Eurasia” dovrebbe diventare una grande potenza mondiale. Tuttavia, non è affatto certo come la proposta possa conciliarsi con le organizzazioni e gli accordi multilaterali esistenti in Eurasia. Resta da vedere se la visione della “Grande Eurasia” potrà materializzarsi presto.102015_0Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.289 follower