Perché la Francia è stata scelta per coordinare le operazioni dell’UE contro i terroristi di ritorno dalla Siria?

Ghaleb Kandil, direttore di New Orient News (Libano), 12/06/2013
Tradotto dall’arabo da Mouna Alno-Nakhal per Mondialisation

Alcuni dicono che la Siria avrebbe vissuto l’ultimo quarto d’ora nell’assalto universale, una guerra sporca che ha superato tutti gli orrori senza mai chiamarla per nome. Questo attacco è fallito e non può essere riconosciuto come vittoria. Questo perché gli attaccanti hanno scatenato dei mostri che gli sono sfuggiti e che possono minacciarli a loro volta. La Siria deve sconfiggerli per la sua salvezza e la loro. Ma gli aggressori non lo riconosceranno? [NdMAN]

544895Il 5 dicembre 2013 il ministro degli Interni francese Manuel Valls e la sua omologa belga Joëlle Milquet si sono incontrati a Bruxelles, mettendo in guardia contro il crescente numero di giovani europei che si recano in Siria per combattere nelle file dei gruppi legati all’organizzazione al-Qaida, costituendo un “potenziale pericolo” per i Paesi dell’Unione europea e i loro alleati USA, Canada e Australia!
Primo: nella dichiarazione congiunta [1] Milquet ha detto che il numero dei giovani europei recatosi a combattere in Siria è stimato a “più o meno 1500-2000” contro i 600 dello scorso giugno, e che per il Belgio questo dato oscillava “tra 100 e 150, ed è in movimento!”. Quanto alla Francia, Valls ha detto: “Prima dell’estate, meno di un centinaio erano in Siria. Oggi, quando ne parlo, sono più di 180! Si può immaginare che ci siano altre persone… almeno 14 francesi o residenti in Francia sono morti in combattimento. E poi, 80 sono tornati. Un centinaio sarebbe andato e 80… cui si aggiungono… sono di transito… Quindi la cifra menzionata è oltre 400 persone coinvolte nel fenomeno, ma oggi precisamente più di 184 persone vi sono presenti.” Giustificando i servizi offerti dai governi europei ai terroristi diretti in Siria, Valls ha osservato: “Le difficoltà all’inizio (del conflitto siriano) su questo fenomeno sono complicate, si trattava di combattere un regime condannato da tutti. Di qui la difficoltà dell’incriminazione“! Come se i poteri di un ministro degli Interni siano stati usati per concedere ulteriori agevolazioni ai gruppi armati in Siria, e non per prendere le misure necessarie per risolvere il problema. Detto questo, quando il ministro francese ha detto “tutti”, si devono includere tutti i Paesi alleatisi contro la Siria per distruggerne lo Stato e l’esercito, cioè i Paesi della NATO, Israele, i burattini del Golfo e la Turchia in primo luogo. Ma ora, secondo Valls, le cose sono cambiate dato che “la maggior parte di queste persone quando arriva lì (in Siria)… viene reclutati o vuole combattere nei ranghi del jihadismo”! Naturalmente le cose sono cambiate. Ma ciò che il ministro francese non dice è che l’aggressione contro la Siria, attraverso questi “terroristi” sostenuti dal blocco occidentale, è fallita! Non dice più che questi terroristi “allenatisi” con l’esperienza siriana che possono tornare in Europa, sono finanziati dall’Arabia Saudita, vero alleato della Francia, e di cui il presidente e i suoi ministri sbavavano per dei contratti mirabolanti… Questo non gli impedisce di essere ritenuti responsabili per ogni goccia di sangue francese versata, nel caso in cui tornassero illesi dopo la clamorosa sconfitta in Siria.
Secondo: riducendo al minimo i pericoli nascondendo la paura dell’occidente verso questo nuovo terrorismo europeo, nato con il sostegno militare e politico della NATO nella sua aggressione criminale contro la Siria, il ministro francese ha aggiunto: “Oggi non vediamo, tranne ciò che è stato riferito da una serie di informazioni o frammenti di informazioni, minacce dirette o provate ai nostri Paesi riguardo i nostri interessi e concittadini, o agli interessi dei Paesi amici. Ma, naturalmente, seguiamo con attenzione tutti gli individui che preoccupano ciascuno dei nostri Paesi,  in Europa, che rappresentano un potenziale pericolo.” In realtà, l’informazione essenziale è che la Francia e il Belgio hanno il compito di coordinare le operazioni e stabilire una formula comune nei Paesi dell’Unione Europea, consentendogli di perseguire i terroristi di ritorno dalla Siria; i due ministri hanno detto di aver già partecipato a tre incontri con i loro omologhi di Gran Bretagna, Germania, Olanda, Spagna, Italia, Svezia e Danimarca. [2] Pertanto, la domanda sorge spontanea: perché la Francia è stata scelta per coordinare le operazioni antiterrorismo dell’Unione europea? La risposta è che queste operazioni richiedono la cooperazione con le autorità siriane, per la semplice ragione che i volontari europei coinvolti nel sostegno ai rivoluzionari della NATO ora vengono arruolati nelle molteplici ramificazioni di una neo-organizzazione che solo il governo siriano conosce; ma, mentre il governo francese s’è dimostrato essere il più aggressivo della NATO verso la Siria, ora dove trovare un modo che gli permetta di riprendere i contatti con i siriani. Quindi il coordinamento in Francia della lotta antiterrorismo con la benedizione degli Stati Uniti, come testimonia la presenza di Rand Beers a Bruxelles, durante la prolungata precedente riunione dei ministri degli Interni dell’Unione europea, cui parteciparono anche i rappresentanti di Canada e Australia, dimostra che la minaccia del terrorismo riguarda tutti i Paesi occidentali che hanno contribuito all’aggressione contro alla Siria.
Terzo: è ormai noto che molti funzionari dell’antiterrorismo di alcuni Paesi europei, tra cui la Germania, hanno visitato Damasco per coordinare alcune iniziative con lo Stato siriano [3], richiedendo così naturalmente delle posizioni politiche chiare in riconoscimento dell’aggressione prima di una qualsiasi collaborazione. Questo è il problema del presidente Hollande che ha messo il governo francese al servizio di Bandar bin Sultan! Ed è anche per questo che gli Stati Uniti cercano di scavalcarlo delegando ai rappresentanti della NATO il coordinamento dei Paesi occidentali nella lotta antiterrorismo. Il governo francese ha guidato la campagna di menzogne che sostiene la presunta “moderazione” dei gruppi terroristici che operano sul territorio siriano, mentre inviava armi pagate dai sauditi, che infine caddero nelle mani di al-Qaida… deve ora affrontare la verità. Dovrà pagarla per le menzogne riguardo la partnership con Bandar, Hamad ed Erdogan, una partnership che ha portato all’avvio di una nuova generazione di reti di al-Qaida che certamente non rimarranno confinate in Siria, come apprende il suo ministro degli Interni… In futuro, il blocco occidentale negozierà con il Comandante in Capo Bashar al-Assad che non offrirà più una cooperazione gratuita. Il prezzo sarà politico è fissato i anticipo: fermare qualsiasi aggressione contro la Siria e dichiarare pubblicamente solidarietà al governo siriano nella sua guerra contro il terrorismo!
Infine, questa è la storia dell’avvelenatore avvelenato… la maledizione di coloro che hanno contribuito all’aggressione della Siria?

Note:
[1] Dichiarazione congiunta di Milquet e Valls sui combattenti stranieri in Siria, dopo i colloqui al Consiglio dei ministri europei.
[2] Combattenti stranieri in Siria: Belgio e Francia assicurano maggiore cooperazione europea, così come Stati Uniti, Canada e Australia
[3] Quando gli europei hanno tranquillamente ripreso la via di Damasco

Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché Viktor Janukovich non ha firmato l’accordo con l’UE

Le Courrier de Russie  – Réseau International 5 dicembre 2013

janykovi4_ESQuesta è la domanda che devono porsi gli ucraini riuniti in Piazza Indipendenza a Kiev, così come i commissari europei a Bruxelles. La rivista russa Ekspert offre la sua visione dei fatti. Viktor Janukovich ha sorpreso tutti annunciando, una settimana prima del vertice di Vilnius, che l’Ucraina non avrebbe firmato l’accordo di associazione con l’Unione europea. I partner europei, non abituati a modi simili, rimasero alquanto interdetti. Il popolo ucraino, cui tutti i canali televisivi all’unanimità hanno raccontato per mesi come l’adesione del Paese all’integrazione nell’UE avrebbe comportato dei vantaggi, si sono infuriati. Le piazze di molte città erano piene di manifestanti che marciavano gridando “l’Ucraina è Europa” e maledicendo il governo ucraino venduto a Mosca. Cos’è successo in realtà? Perché Janukovich ha promesso la firma dell’accordo pubblicamente senza infine mantenere tale promessa?
Janukovich ha commesso due errori. Il primo, al presidente ucraino mancava una stima delle proposte fatte dall’Unione europea. E’ importante notare che, nel programma per far aderire l’Ucraina nell’UE, il ruolo di primo violino era giocato dal Regno Unito, desideroso di punire la Russia rafforzando le proprie posizioni in politica estera, e dai Paesi dell’Est europeo (Polonia, Romania e Stati baltici), che hanno tradizionalmente sostenuto nell’UE gli interessi anglo-statunitensi. Sono proprio gli europei dell’Est che hanno condotto il dialogo con l’Ucraina sul tema dell’integrazione: l’eurodeputato polacco Alexander Kwasniewski, il commissario europeo ceco Stefan Füle e la presidentessa lituana Dalia Grybauskaite. Per convincere Janukovich a firmare l’accordo, questi politici hanno promesso all’Ucraina 20 miliardi di euro in prestiti e aiuti finanziari del FMI e dell’UE. Janukovich e i suoi ministri erano convinti che sarebbe stato possibile avere i soldi senza rilasciare Tymoshenko, né ridurre la spesa sociale, come il FMI chiede. Il calcolo degli europei dell’est era che il presidente ucraino, una volta coinvolto nel processo di associazione con l’UE e trascinato dal suo stesso popolo, non avrebbe potuto tornare indietro anche scoprendo che Kiev non avrebbe ottenuto granché di tutto ciò che gli era stato promesso.
Il secondo errore è stato quando Janukovich sperava di poter convincere la Russia a mantenere il regime di libero scambio con l’Ucraina. I suoi colleghi dell’UE gli hanno confermato anche questa assicurazione. Alexander Kwasniewski evidenziava sulla stampa come sarebbe più facile per l’Ucraina negoziare con Mosca, una volta firmata l’associazione con l’UE. Come sperava Janukovich, l’Ucraina, godendo di una zona di libero scambio con i Paesi dell’Unione doganale e dell’UE, avrebbe potuto vivere comodamente sul flusso di beni che passerebbe sul suo territorio, dall’Europa alla Russia e ai Paesi CIS dell’Unione doganale. Soprattutto perché la Russia e i Paesi dell’Unione doganale, che non avevano alcun effetto leva sull’UE, sarebbero stati costretti a chiedere all’Ucraina di fare da mediatore. Questo piano avrebbe accresciuto l’importanza dell’Ucraina agli occhi dell’Unione europea così come a quelli della Russia.

Brusco risveglio
Ma il risultato è stato molto diverso. Quando la Russia ha lanciato ad agosto misure severe contro l’Ucraina e ha bloccato l’importazione di merci, l’occidente ha dettato a Janukovich le vere condizioni dell’accordo. Come ha detto ad Ekspert una fonte informata di Kiev, Janukovich ha dovuto rilasciare Julija Tymoshenko e consentire alle imprese europee di partecipare alla privatizzazione di importanti settori dell’economia ucraina, compresa l’energia e le ferrovie. Inoltre, il FMI ha insistito, sottolinea, per aumentare i prezzi del gas, in modo che le aziende pubbliche ne beneficiassero, per poi privatizzarle e venderle alle aziende occidentali, come è stato fatto in Bulgaria. Bruxelles ha voluto iniziare in Ucraina lo stesso processo nell’Europa orientale, solo a condizioni assai peggiori, dato che l’Ucraina non è membro dell’Unione europea non può influenzarne le decisioni. Infine, il piano non aveva assolutamente valutato l’introduzione di un regime senza visti, e l’Ucraina non poteva esportare i suoi disoccupati nell’UE, come fanno gli altri Paesi dell’Europa orientale.
Se Janukovich avesse adempiuto alle pretese dell’Unione europea, il governo e l’imprenditoria ucraini sarebbero stati privati di tutti i loro beni e mezzi di controllo della situazione. Inoltre, la pretesa dell’UE sulla Tymoshenko ha mostrato che l’occidente intende interferire attivamente nella  politica interna dell’Ucraina, e non avrebbe aiutato Janukovich nelle elezioni del 2015. “A settembre-ottobre Janukovich comprese che se continuava, si sarebbe legato le mani trasmettendo il potere ai prescelti di Bruxelles. Aveva una possibilità: accettare questo ruolo e andarsene in pensione, l’anno dopo, con l’onorevole qualifica di euro-integratore, oppure lottare per il potere“, dice la nostra fonte a Kiev. Viktor Janukovich, uomo duro e deciso capendo che lo si metteva in un angolo, ha compiuto una svolta di 180° e di nuovo si è rivolto alla Russia per chiederne il sostegno nel rifiutarsi di firmare l’accordo con l’UE.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sconfitta dai taliban, Washington decide di aggredire Russia e Cina

Dr. Paul Craig Roberts, Global Research, 4 dicembre 2013

1450709I diversi giorni di proteste organizzate in Ucraina sono notevoli per la relativa mancanza di violenza della polizia. A differenza di Stati Uniti, Canada, Thailandia, Grecia e Spagna, i manifestanti pacifici non sono stati picchiati, e colpiti dai gas lacrimogeni, cannoni ad acqua e taser dalla polizia ucraina. A differenza di Egitto, Palestina e Bahrein, i manifestanti ucraini non sono colpiti da proiettili veri. La moderazione del governo e della polizia ucraini di fronte alle provocazioni è  notevole. A quanto pare, la polizia ucraina non è stata militarizzata dall’US Homeland Security. Quali sono le proteste ucraine? In superficie, le proteste non hanno senso. Il governo ucraino ha preso la decisione giusta di rimanere fuori dall’UE. Gli interessi economici dell’Ucraina sono con la Russia, non con l’UE. Ciò è del tutto evidente. L’UE vuole che l’Ucraina aderisca in modo che possa essere saccheggiata come Lettonia, Grecia, Spagna, Italia, Irlanda e Portogallo. La situazione è così grave in Grecia, per esempio, che l’Organizzazione Mondiale della Sanità riporta che alcuni greci si sono infettati con l’HIV per ricevere l’assegno mensile di 700 euro. Gli Stati Uniti vogliono che l’Ucraina aderisca in modo che possa diventare un luogo per altre basi missilistiche di Washington contro la Russia.
Perché gli ucraini vorrebbero essere saccheggiati? Perché gli ucraini vorrebbero diventare il bersaglio dei missili Iskander della Russia, divenendo una base dell’aggressione di Washington alla Russia? Perché gli ucraini dopo aver ottenuto la sovranità dalla Russia dovrebbero perderla con l’UE? Ovviamente, l’intelligente e consapevole popolazione ucraina non avrebbe accettato questo prezzo per l’adesione all’UE. Quindi, perché le proteste?
Parte della risposta è l’odio verso la Russia dei nazionalisti ucraini. Con il crollo dell’Unione Sovietica, l’Ucraina divenne un Paese indipendente dalla Russia. Quando gli imperi si dissolvono altri interessi possono impadronirsi del potere. Le varie secessioni produssero una collezione di staterelli come Georgia, Azerbaigian, repubbliche ex-sovietiche dell’Asia centrale, Ucraina, Paesi Baltici e i pezzi in cui andarono la Cecoslovacchia e la Jugoslavia spezzate dal “nazionalismo”. I governi di questi Stati deboli erano facili acquisti per Washington, essendo impotenti e quindi più sensibili verso Washington che verso i loro popoli. Gran parte dell’ex impero sovietico è ora parte dell’impero di Washington. La Georgia, terra natale di Stalin, ora manda i suoi figli a morire per Washington in Afghanistan, proprio come ha fatto la Georgia per l’Unione Sovietica. Questi ex-elementi costitutivi dell’impero russo/sovietico sono stati incorporati nell’impero di Washington. I nazionalisti ingenui, veramente tali, in queste colonie statunitensi potrebbero pensare di essere liberi, ma semplicemente hanno cambiato un padrone con un altro. Sono ciechi nel loro servilismo, perché ricordano la loro sottomissione alla Russia/Unione Sovietica e non hanno ancora realizzato il loro servilismo verso Washington, che vedono come il liberatore con libretto degli assegni. Quando questi nuovi, deboli e impotenti Paesi, senza protezione, si renderanno conto che il loro destino non è nelle loro mani, ma in quelle di Washington, sarà troppo tardi.
Con il crollo dell’Unione Sovietica, Washington sostituì rapidamente la Russia. I nuovi Paesi erano  devastati, come la Russia al tempo e quindi impotenti. Washington utilizzò le sue ONG e le sue marionette dell’UE per creare movimenti pro-Unione europea, anti-russi e filo-americani negli ex-elementi costitutivi della Russia sovietica. I popoli creduloni erano così felici di essere sfuggiti al pollice sovietico che non si resero conto che ormai avevano nuovi padroni. E’ una facile scommessa che le proteste ucraine siano organizzate dalla CIA che utilizza ONG finanziate Washington e dell’Unione europea manipolando l’odio dei nazionalisti ucraini per la Russia. Le proteste sono dirette contro la Russia. Se l’Ucraina potrà essere riallineata e intrappolata nell’impero di Washington, la Russia sarà ulteriormente emarginata come potenza mondiale. A tal fine la NATO ha condotto le esercitazioni Steadfast Jazz 2013 contro la Russia, il mese scorso. Finlandia, Ucraina, Georgia e la neutrale Svezia si sono offerte di partecipare alle prossime esercitazioni della NATO presso i confini della Russia, nonostante il fatto che non siano membri della NATO.
L’emarginazione della Russia come Stato potente è fondamentale nell’agenda di Washington per l’egemonia mondiale. Se la Russia può essere resa impotente, l’unica preoccupazione di Washington sarà la Cina. Il “Pivot in Asia” del regime di Obama annuncia il piano di Washington per circondare la Cina con basi navali e aeree e frapporre Washington in ogni disputa della Cina con i vicini asiatici. La Cina ha risposto alla provocazione di Washington espandendo il suo spazio aereo, un’azione che Washington definisce destabilizzante quando in realtà è Washington che destabilizza la regione. La Cina difficilmente sarà intimidita, ma potrebbe minare se stessa se la riforma economica apre l’economia cinese alla manipolazione occidentale. Una volta che la Cina libera la moneta e abbraccia il “libero mercato”, Washington può manipolare la valuta cinese e trascinarla nella volatilità scoraggiandone l’uso al posto del dollaro. La Cina è svantaggiata dal fatto di avere tanti laureati provenienti da università statunitensi, dove sono stati indottrinati alla visione del mondo di Washington. Quando questi laureati programmati torneranno in Cina, alcuni tenderanno a diventare una quinta colonna la cui influenza si alleerà con Washington nella guerra alla Cina.
Allora, dove ci porta tutto questo? Washington prevarrà fino a quando non collasserà il dollaro. Molti meccanismi di sostegno del dollaro vengono attuati. I lingotti della Federal Reserve e banche dipendenti hanno fatto scendere il prezzo di oro e argento vendendoli nel mercato dei futures di carta, consentendo ai lingotti di fluire verso l’Asia a prezzi stracciati, ma abbassando la pressione sul prezzo dell’oro, aumentando il valore di scambio del dollaro USA. Washington ha prevalso sul Giappone e, a quanto pare, sulla Banca centrale europea, stampando dollari al fine di impedire l’ascesa di yen ed euro. I partenariati trans-Pacifico e trans-Atlantico sono volti a mantenere i Paesi nel sistema dei pagamenti in dollari, sostenendo in tal modo il valore del dollaro sui mercati valutari. Ai membri dell’Europa orientale dell’UE che hanno ancora proprie valute è stato detto che devono stamparle al fine di evitare di aumentarne il valore rispetto al dollaro USA, che ne limiterebbe le esportazioni. Il mondo finanziario è sotto il controllo di Washington. E Washington stampa denaro a vantaggio di 4 o 5 mega-banche. Cose che si dovrebbero dire ai manifestanti in Ucraina, e che tutti hanno bisogno di sapere.

Copyright © 2013 Global Research

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Perché lo shale stagnerà e non si avranno bassi prezzi del petrolio

Rakesh Krishnan Simha RIR 1 dicembre 2013

53369petroleo7Gli Stati Uniti detronizzeranno l’Arabia Saudita e la Russia da pesi massimi del mercato energetico mondiale? L’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA) nel suo World Energy Outlook 2013 pubblicato a novembre, dice che gli Stati Uniti sorpasseranno la Russia quale primo Paese produttore di petrolio nel mondo, entro il 2015. Il rapporto ha fatto esplodere un pozzo di commenti nei media statunitensi, promettendo la nuova indipendenza energetica agli Stati Uniti. Inoltre,  presentano un profluvio di previsioni sull’economia russa, fortemente dipendente dal petrolio e dal gas, secondo cui probabilmente crollerà. E’ vero che vi è stato un balzo enorme nella produzione di petrolio e gas negli Stati Uniti. La nuova parola con la F negli USA è fracking o fratturazione idraulica, basata sul pompaggio di un cocktail di acqua e sostanze chimiche nelle formazioni rocciose di scisto, spezzandolo e rilasciando petrolio e gas intrappolati nella roccia. Inoltre, gli Stati Uniti si gettano nella perforazione orizzontale, che permette a un pozzo verticale di attingere  ampiamente petrolio e gas da un intero strato.
Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama spera che il fracking trasformi gli USA nell'”Arabia Saudita del gas”. Altri sono più diretti. I repubblicani, presentando un disegno di legge che permetta l’esportazione di gas dagli Stati Uniti, credono che la nuova normativa “promuova la sicurezza energetica dei principali alleati degli Stati Uniti, aiutando a ridurne la dipendenza da petrolio e gas di Paesi come Russia e Iran“. Ma quando qualcosa è troppo bello per essere vero, probabilmentenon lo è. Vi sono due problemi. Uno, i prodotti chimici utilizzati nel fracking sono estremamente pericolosi e possono filtrare nelle riserve idriche nel terreno. I residenti nelle zone in cui fracking dilaga scoprono che le fonti d’acqua sono ormai imbevibili. Resta da vedere per quanto il pubblico statunitense tollererà la distruzione del proprio habitat. In secondo luogo, la perforazione orizzontale e la fratturazione idraulica hanno breve durata. Secondo Route Magazine, vi saranno picchi di produzione per uno o due anni, ma poi il flusso iniziale si esaurirà. “La durata complessiva dei pozzi di scisto in Texas è di circa otto anni“, dice. “Le aziende di perforazione devono investire continuamente in nuovi pozzi o riaprire quelli vecchi. In confronto i convenzionali pozzi perforati verticalmente dimostrano una durata di 20-30 anni“.

Nonostante il scisto, i prezzi aumentano
Il singolo fattore più importante che nega il boom di scisto e mantiene elevati i prezzi è l’insaziabile domanda di energia dai Paesi emergenti. Con il commercio globale di energia già ri-orientato dall’Atlantico alla regione Asia-Pacifico, la Cina è destinata a diventare il più grande Paese importatore di petrolio al mondo. E dal 2020, l’India dovrebbe diventare la principale fonte della crescita della domanda mondiale di petrolio, dice l’IEA. Ed è anche sulla buona strada per diventare il più grande importatore di carbone dal 2020. Uno sviluppo interessante è il Medio Oriente che si  afferma quale importante centro di consumo, emergendo come secondo più grande consumatore di gas entro il 2020 e terzo più grande consumatore di petrolio entro il 2030. L’AIE dice che il centro di gravità della domanda globale di energia si passa decisamente verso le economie emergenti. Entro il 2035 rappresenteranno oltre il 90 per cento della crescita netta della domanda di energia. Quindi, anche se gli Stati Uniti potranno inondare il mercato con nuovo petrolio, Cina e India l’assorbiranno.

Il fattore saudita
Anche se non più dominante come negli anni passati, l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) guidata dall’Arabia Saudita è ancora un elemento chiave nel business del petrolio. L’Arabia Saudita per decenni ha subito i termini dettati dagli Stati Uniti, in cambio dell’ombrello della sicurezza. E’ un fatto che la famiglia reale al-Saud non durerebbe una settimana senza la protezione statunitense. Negli anni ’80, gli Stati Uniti fecero pressione sull’Arabia Saudita per spalancare le fonti petrolifere del regno e inondare i mercati mondiali con greggio a buon mercato, deprimendo i prezzi. Ciò allo scopo di danneggiare l’economia sovietica, a cui i sauditi felicemente adempirono. Con la fine dei “senza Dio” dell’Unione Sovietica e di fronte all’enorme buco nel bilancio, i sauditi non furono più così desiderosi di ridurre il prezzo del petrolio.

La rivoluzione russa
La grande novità sul fronte russo è lo scatto avutosi, soprattutto con la Gazprom, nella produzione  petrolifera della Russia, con un nuovo record post-sovietico di 10,59 milioni di barili al giorno nell’ottobre 2013. Il balzo russo è arrivato contro ogni proiezione disperante emessa dagli analisti occidentali. Anche se non si sviluppano nuovi giacimenti da tempo, la Russia prevede di sbloccarne di ulteriori cercando investimenti cinesi per perforare altri pozzi. Con il padre di tutte le offerte del giugno 2013, Rosneft, il più grande produttore di petrolio del mondo, accettava di fornire alla China National Petroleum Corp. 300000 barili di greggio al giorno per un periodo di 25 anni, un accordo pari a 270 miliardi di dollari. Molte altre offerte stipulate dai relativamente piccoli rivali russi della Gazprom con le raffinerie cinesi vedranno petrolio e gas, originariamente destinati al”Europa, finire ad est, verso la Cina.

Lo Shale non è un punto di svolta
L’AIE potrebbe screditare la crescita della produzione statunitense sul boom dello scisto, ma osserva che la produzione stagna ed infine diminuirà quando i principali giacimenti petroliferi in Texas e North Dakota avranno superato il primo momento. Inoltre, l’aumento della produzione statunitense non significherà prezzi bassi, perché tutto ciò che produce viene consumato internamente. Si tratta semplicemente di sostituire petrolio canadese e venezuelano importato con quello prodotto internamente. E poiché il petrolio è un bene internazionale, non vi sarà alcun impatto significativo sui prezzi. Quindi, a meno che gli Stati Uniti diventino un grande esportatore di energia, scenario improbabile, il petrolio di scisto non sarà il punto di svolta. Route Magazine riporta che a causa del forte movimento popolare anti-fracking in Europa, molti Paesi hanno accantonato gli irrealistici progetti sul scisto, nonostante il fatto che i prezzi energetici europei siano il doppio di quelli degli Stati Uniti. La Germania ha fissato forti barriere contro il fracking e il presidente francese Hollande ha bloccato le iniziative relative. “L’unico apologeta del fracking nell’Unione europea è la Gran Bretagna, fortemente influenzata dalle aziende statunitensi che cercano di vendere attrezzature di perforazione“, dice la rivista. La Polonia, un altro fedele alleato, ha consentito il fracking sul suo territorio, ma anche lì la gente protesta.

Lo shale non è del tutto un male
Il fracking può essere rischioso per l’ambiente e causare terremoti, ma se gli Stati Uniti perseveranno nel programma di esplorazione del scisto, qualcosa di buono potrebbe venirne. Se il più grande importatore mondiale diventasse autosufficiente, finirà l’era in cui l’Arabia Saudita poteva influenzare i prezzi sul mercato mondiale del petrolio. Insieme a ciò, finirà la capacità del regno di esportare il suo altro grande bene, il fondamentalismo wahabita.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Cina prevede di ridurre le sue riserve in dollari

Igor Alekseev, Route MagazineNsnbc

Cina e Russia abbandoneranno il dollaro, o almeno ne tagliaranno in modo significativo la quota in dollaro delle loro riserve.  Gli analisti statunitensi politicamente corretti chiamano tale processo “veloce diversificazione delle riserve”. In realtà, alcuni economisti vi vedono una tendenza verso l’ampliamento della crisi mondiale, perché l’intera piramide della finanza globale si basa su un semplice fatto i regolatori finanziari di tutto il mondo comprano comunque il debito degli Stati Uniti (dollaro e buoni del tesoro) .

05yuan01-650Non è più conveniente per la Cina accumulare riserve valutarie” ha detto Yi Gang, vicegovernatore della banca centrale, al Forum dei 50 economisti organizzato presso l’Università Tsinghua in Cina. L’autorità monetaria “fondamentalmente” pone fine all’intervento regolare nel mercato valutario e amplia il trading range giornaliero dello yuan, ha scritto il governatore Zhou Xiaochuan in un articolo volto a spiegare le riforme indicate la scorsa settimana durante una riunione del Partito Comunista. Né Yi Zhou ha indicato il periodo per eventuali modifiche. E’ ben noto che le autorità cinesi di regola tendono ad evitare bruschi cambiamenti nell’economia politica. Tali politiche vengono attuate discretamente, in modo che le persone non si rendano nemmeno conto della trasformazione in corso. Ciò che è interessante, è che le banche centrali non annunciano queste cose così apertamente. Ad esempio, da fine gennaio a fine luglio 2013, la Banca di Russia ha ridotto la sua scorta di titoli del Tesoro USA da 164,4 a 131,6 miliardi di dollari USA, il che significa che nel corso di sei mesi ha ridotto il suo portafoglio di obbligazioni del Tesoro USA di 32,8 miliardi di dollari, o del 20 per cento. Rafforzare le relazioni tra Pechino e Mosca non ha per scopo sfidare il dollaro, ma proteggere le rispettive economie nazionali.
1. “Negli ultimi anni, la Cina si allontana gradualmente dall’egemonia finanziaria statunitense.  Questa egemonia si basa sul dollaro quale valuta di riserva mondiale e, per convenzione, normale mezzo di pagamento nel commercio internazionale e in particolare del petrolio. Tale regime è obsoleto data la bancarotta dell’economia degli Stati Uniti. Ma permette agli Stati Uniti di continuare a rastrellare crediti. La Cina, seconda più grande economia del mondo e primo importatore di petrolio, ha o cerca accordi commerciali petroliferi con i suoi principali fornitori, tra cui Russia, Arabia Saudita, Iran e Venezuela, che coinvolgeranno il cambio con valute nazionali. Tale sviluppo rappresenta una grave minaccia per i petrodollari e il loro status di riserva globale. L’ultima mossa di Pechino del 20 novembre, con il preavviso di voler sostituire le sue riserve in valuta estera in rischiosi titoli del Tesoro degli Stati Uniti con una combinazione di altre valute, è un avvertimento sui giorni contati che ha l’economia statunitense, come Paul Craig Roberts ha osservato“. (Il piano della Cina di abbandonare il dollaro, fa infuriare gli statunitensi, Finian Cunningham – Press TV e Nsnbc International)
2. La lenta strategia di Pechino nell’abbandonare il dollaro si armonizza perfettamente con la strategia della Russia nel bilanciare le sue riserve estere, scrive Valentin Katasonov della Fondazione di cultura strategica. Osserva che la decisione cinese è un cauto tentativo di sfidare l’egemonia finanziaria degli Stati Uniti. L’idea di Pechino è impedire la creazione di una domanda artificialmente gonfiata di valuta degli Stati Uniti.
La sei fasi seguite dai cinesi sono le seguenti:
La decisione presa dalla Banca popolare di Cina, nell’estate del 2010, di ripristinare una “fluttuazione manovrata” dello yuan fu il primo piccolo passo per cambiarne la situazione di “moneta eremita”;
L’approvazione, nel 2011, del 12° piano quinquennale di sviluppo socio-economico della Cina;
Piani per fare dello yuan una “moneta internazionale” (senza ulteriori dettagli);
Il raggiungimento di accordi tra la Cina e un certo numero di altri Paesi per una transizione verso l’uso di monete nazionali negli scambi commerciali, compresi quelli sulle risorse naturali;
Una dichiarazione della banca centrale dell’Australia che prevede la conversione del 5 per cento delle proprie riserve internazionali in titoli di Stato cinesi, dopo i riusciti colloqui con Pechino;
Più importante: l’accordo raggiunto nell’ottobre 2013 tra Pechino e Londra, secondo cui il commercio di valuta tra yuan e sterlina inglese inizierà presso il Royal Exchange, così come l’autorizzazione dalle autorità inglesi alle banche cinesi, consentendogli di aprire filiali nella City di Londra. L’accordo tra la Gran Bretagna e la Cina prevede praticamente la trasformazione di Londra in una sorta di società off-shore per banche e società finanziarie cinesi.

000802aa2f4910bbbb1907Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.209 follower