Il Grande gioco nel Baltico

Chroniques du Grand Jeu, 1 aprile 2018Nella grande lotta tra sistema imperiale e Russia, tutti ora rispondono rapidamente, senza vacillare, senza ritirarsi. L’ultimo episodio, con pochissimi commenti al momento, si svolge nel Baltico, uno dei punti caldi del Grande Gioco, dove si scontrano la volontà dell’Heartland eurasiatico di aprire le porte al mondo oceanico e, al contrario, il tentativo statunitense di accerchiare e contenere l’Eurasia. Diverse provocazioni, intimidazioni, intercettazioni aeree, spettacolari sorvoli, manovre navali congiunte sino-russe… il Baltico ha già avuto la sua parte di eventi negli ultimi anni. Ma una notizia è appena esplosa, le esercitazioni russe con tiro missilistico dal 6 all’8 aprile nelle acque internazionali vicino la Svezia. Questa è nuova. L’orso non è mai andato così lontano, o così vicino ai confini svedesi. Lo stato maggiore scandinavo s’è riunito e il traffico aereo civile dovrà cambiare in quei due giorni…
Reagendo al pseudo-affare Skrypal, nuova pietra miliare nella Guerra Fredda 2.0, Putin contrattacca scacciando lo stesso numero di diplomatici occidentali delle controparti russe espulse. Ora raddoppia organizzando queste manovre navali il più vicino possibile alla Natolandia. Ciò contribuisce indubbiamente al rigetto categorico di Mosca di cedere di una virgola con l’impero. Questo ovviamente iniziò con la presentazione del mese scorso, da parte di Vladimirovich, delle “armi invincibili” che distruggono lo scudo antimissile statunitense e il discorso storico che l’accompagnava; il Pentagono è agitato (“Siamo senza difesa dalle armi ipersoniche russe e cinesi“). Che il nome più votato dall’opinione pubblica russa per battezzare questi missili, Bye bye America, non venisse adottato, non cambia il caso…
Allo stesso modo, il notevole veto del Cremlino posto alla risoluzione inglese che condannava l’Iran per un presunto coinvolgimento nello Yemen. Per la prima volta, la Russia silurava un tentativo dell’impero in un conflitto in cui non è coinvolta. Ricordiamo che Mosca, nonostante l’opposizione, non pose il veto nel 2008 (ammissione del Kosovo alle Nazioni Unite), né nel 2011 (massiccio intervento in Libia). Il significato è duplice e comporta cambiamenti significativi nelle future relazioni internazionali:
D’ora in poi la Russia si opporrà, in linea di principio, ai tentativi egemonici statunitensi, ovunque.
Mosca è pronta ad ancorarsi diplomaticamente e ufficialmente per proteggere i suoi alleati.
L’altra grande lezione della fiammata nel Baltico è evidentemente legata al gas, supportando lo psicodramma di Salisbury ma probabilmente senza avere gli effetti desiderati: “Le euronullità hanno, mano sulla patta, parlato come un sol uomo “condannando” Mosca, ma erano attente a non discutere del gas e ad evocare la minima sanzione. E per una buona ragione: le scorte europee di oro blu sono vuote! Frau Milka potrebbe lanciare l’idea di “ridurre la dipendenza dal gas russo” progettando un terminale GNL, ma senza ripensare ad accettare Nord Stream II, con dispiacere dei media di regime. Il commercio russo-tedesco è in buona forma nonostante le sanzioni e sarebbe suicida per Berlino rinunciare a diventare il fulcro gasifero dell’Europa”. A nessuno sfuggirà che l’annuncio russo delle imminenti esercitazioni navali arriva subito dopo il via libero tedesco al Nord Stream II e che sono pianificate precisamente sulla rotta del futuro gasdotto. Perché allora Putin vuole questi fuochi d’artificio missilistici proprio nel punto in cui passerà il tubo? Sarebbe un avvertimento alla… Danimarca. Il placido Paese scandinavo affronta uno greve dilemma, la “decisione più importante in politica estera dalla Seconda guerra mondiale“: consentire il passaggio del Nord Stream II sulle proprie acque territoriali. Il progetto necessita anche nei prossimi mesi delle autorizzazioni di Russia (fatta in anticipo), Finlandia e Svezia. Ma riguardo questi ultimi due, si tratta solo della loro zona economica esclusiva governata dal diritto internazionale del mare su cui i governi svedese (molto russofobo) e finlandese (meno russofobo) hanno comunque poco da fare. Solo la Danimarca è preoccupata della propria sovranità, e gli sarebbe andata bene. Gli emissari statunitensi e di Bruxelles sollecitano il governo ad impedire il passaggio del Nord Stream II nei 139 km di acque territoriali, mentre Mosca e Berlino l’incoraggiano ad accettare. Copenhagen può andare contro il suo principale partner (Germania) e la principale potenza militare europea (Russia), che ha appena provato alcuni missili nelle vicinanze? Il sistema imperiale riuscirà a silurare il gasdotto, come nel caso del South Stream? Le Forze Armate russe esercitano la tattica della pressione e, in caso affermativo, funzionerà o sarà un’arma a doppio taglio che si rivolterà contro il promotore? Lo sapremo nel prossimo episodio…Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

L’avvertimento di Samora Machel su Mugabe

Africa Blogging, 27/10/2017Ottobre getta ombre oscure sul nostro continente Madre Africa, in quanto ha ingoiato grandi rivoluzionari che plasmarono le lotte al colonialismo e all’imperialismo. Il 19 ottobre 1986, Samora Moisés Machel, primo presidente del Mozambico, morì quando il suo aereo presidenziale si schiantò al confine tra Mozambico e Sudafrica. Non dimenticheremo mai il 15 ottobre 1987 e il 14 ottobre 1999, Madre Terra chiamò a sé Thomas Isidore Noël Sankara Presidente del Burkina Faso e il Presidente Julius Kambarage Nyerere della Tanzania. I giganti nella lotta anti-coloniali, Nyerere e Sankara partirono lasciando un segno indelebile che sarà inciso per sempre nei nostri cuori come fece il Presidente Samora Machel. Mentre commemoriamo i luminari, siamo consapevoli di ciò che rappresentavano e della loro visione dell’Africa grande continente per le generazioni future. Tuttavia, lo scopo del mio articolo si concentra sull’eredità del Presidente Machel, figura imponente nella nostra lotta per la liberazione. Con altri leader di Stati in prima linea, Machel diede solidarietà col militare e sociale ai combattenti dello Zimbabwe mentre intrapresero la lunga guerra al regime di Smith. Se Samora fosse vivo oggi, sono sicuro che direbbe ai cittadini dello Zimbabwe di ricordare gli avvertimenti su Mugabe dato lo stato di cose in Zimbabwe oggi. Chi fu in prima linea durante la guerra racconta come Machel fosse scettico nei confronti di Mugabe alla guida del movimento rivoluzionario. Almeno fu lungimirante!

L’avvertimento di Samora
Dzinashe Machingura, comandante durante la lotta, disse che Machel aveva dei dubbi molto profondi all’idea di concedere a Robert Mugabe qualsiasi importanza, per non parlare che fosse una sorta di giocatore centrale in corso. Dzino spiegò un incidente, l’incontro tra le strutture di comando di Frelimo e ZIPA nel 1976 in Mozambico nel pieno della guerra. Samora chiese l’incontro con la dirigenza del ZIPA per discutere del piano a lungo termine sulla futura leadership dello Zimbabwe. Mhanda giustamente illustrò il momento: “Rex Nhongo quindi presentò la nostra lista, con Mugabe in cima. Machel saltò dalla sedia disgustato. Chiaramente non era contento di Mugabe, tanto meno come leader. Continuò a dirci che aveva tolto Mugabe dai campi profughi per una buona ragione: “Ama le luci della ribalta” ed è contrario all’unità“.” Tuttavia, il Presidente Machel continuò ad accettare Mugabe come nuovo leader, ma Machel non era lontano dalla verità, come dimostra l’egoismo di Mugabe divenuto presidente a vita. Una nozione contro l’ethos del codice rivoluzionario dei leader che vanno e vengono. Ancora una volta, nel 1974, Mugabe fu respinto dai leader del Fronte dopo essere stato rilasciato da Smith, incontrando i leader del Fronte Kaunda, Julius Nyerere (Tanzania), Agostinho Neto (Angola) e Samora Machel (Mozambico). Secondo Dzino e corroborato da Rugare Gumbo in un’intervista alla China Global Television Network, Nyerere era particolarmente arrabbiato all’idea che un leader fosse così chiaramente inviatogli con la connivenza di Smith che si rifiutava di parlare con Mugabe e pretendeva che lui e seguaci tornassero in Rhodesia e con Sithole. Evidentemente era chiaro che Robert Mugabe era l’uomo di Ian Smith, contrariamente al gigante panafricano che interpretava. La biografia del defunto Joshua Nkomo, Storia della mia vita, a pagina 10 fa le stesse rivelazioni su come Mugabe era solito ottenere un trattamento preferenziale in carcere, avere il permesso di organizzare riunioni che orchestrarono il colpo di Stato contro Ndabaningi Sithole. Ecco Nkomo: “La mattina dopo ci siamo riuniti per il nostro incontro con i presidenti delle nazioni nere dell’Africa australe che erano in prima linea nella lotta al razzismo. Julius Nyerere uscì dall’aereo e ci salutò tutti, e la prima domanda che fece fu: “Dov’è Ndabaningi?La squadra del ZANU, sorprendentemente, non includeva Sithole, che tutti noi consideravamo presidente di quel partito. Invece c’erano il suo segretario generale, Robert Mugabe, e il suo segretario per la gioventù e la cultura, Morton Malianga. Risultò che cinque membri del Comitato centrale del ZANU erano in prigione e autorizzati a tenervi riunioni. Questo piccolo gruppo, senza consultare i membri e i compagni, decise di deporre Sithole dalla presidenza: Mugabe e Malianga agivano da loro portavoce”. Nkomo proseguiva: “I presidenti non poterono accettare queste due persone relativamente sconosciute come portavoce dello ZANU, quindi furono mandate nelle loro stanze ad aspettare mentre la riunione iniziava“. Tutto ciò indica alcune interessanti osservazioni, che il ruolo di Mugabe nella lotta di liberazione è piuttosto una posa geriatrica narcisista per postare selfie. In secondo luogo, i nostri libri di storia sono così distorti nell’elogiare Mugabe, che tutto il tempo intellettuali, storici e scrittori devono rivisitarla e dare allo Zimbabwe la narrazione corretta della lotta di liberazione. I Kudzai Chipanga di questo mondo e molti dei sicofanti che hanno elevato Mugabe a Dio dovrebbero tuttavia ricordare che lo Zimbabwe appartiene a tutti noi ed ha ispirato da molte generazioni prima di noi, senza paura, e non Mugabe e ZANU-PF. Il presidente Mugabe è intrinsecamente insicuro e minacciato sempre dalla paura dell’ignoto. Come ricordiamo Samora Machel, i cittadini dello Zimbabwe devono essere fermi nella difesa degli ideali della lotta di liberazione e dell’indipendenza per cui i veri eroi hanno combattuto così duramente. Dovremmo difendere l’eredità di tutti i compagni defunti che combatterono per la vera libertà, non per la libertà di una famiglia e di alcuni compari.

La guerra di liberazione non è stata una lotta individuale
Lo ZANU-PF ha dimenticato che la lotta di liberazione non era individuale, o la lotta di un partito, ma piuttosto la liberazione delle masse del nostro popolo dal giogo della dittatura del regime coloniale imperiale e razzista bianco. I recenti sviluppi politici sono solo un’indicazione che lo ZANU-PF è un partito egocentrico che ha usato la narrativa della liberazione come scusa per rimanere al potere. Diverse formazioni politiche, il movimento giovanile, la società civile, i sindacati hanno da allora decretato la decadenza economica e il sottosviluppo che accompagnarono la liberazione politica. Purtroppo, la maggioranza dei cittadini dello Zimbabwe ha lasciato il paese sparpagliandosi nel Mondo a causa di oppressione ed esclusione economica, in quanto le persone ancora intrappolate da povertà e fame esistenti già sotto il dominio coloniale. L’avvertimento del Presidente Samora Machel su ciò che viviamo sotto un leader egoista. Il dominio di Mugabe era caratterizzato da dittatura, mecenatismo e forme di leadership estremamente intolleranti. La sua incapacità di persuadere e convincere politicamente chi non era d’accordo, fece ricorso alla forza e alla coercizione come stile di leadership.

Storia di due movimenti di liberazione
Non c’è dubbio che Mugabe si stata la peggiore maledizione che lo Zimbabwe abbia mai avuto, la sua retorica vuota come paladino del potere nero è rimasta sulla sua bocca. Da quando lo ZANU-PF ottenne un altro mandato dopo la “clamorosa” vittoria del 2013, il partito non riuscì a trasformare lo Zimbabwe con lo sfortunato progetto ZIMASSET che da allora ha raccolto solo polvere. L’ossessione del partito per le elezioni è preoccupante, come se un nuovo mandato nel 2018 si traduca in nuovo sviluppo e ripresa economica. Mugabe come tutti gli spiriti ancestrali che di volta in volta hanno bisogno di accordarsi ai rituali tradizionali, è diventato un antenato vivente che, pur non affrontando alcuna sfida nel suo partito, ha bisogno del suo sostegno regolare per riaffermarsi leader supremo dello ZANU-PF. Ad esempio, aveva già indicato che il partito organizzava il congresso straordinario a dicembre per “approvare” Mugabe a candidato e centro di potere del partito. È tutto su di lui e vuole le luci della ribalta, come disse Machel. Le inutili conferenze dello ZANU-PF dimostrano chiaramente che non è in contatto con la realtà e dovrebbe comunque prendere spunto dagli amici di sempre, del Partito Comunista Cinese, che ha avuto il suo congresso in questi giorni. Mentre lo ZANU si riunisce nel congresso speciale per “approvare” Mugabe, il Congresso del PCC evidenziava i successi che il partito ha compiuto dall’ultimo congresso. Il rapporto del Congresso ha registrato un tasso di crescita medio annuo della Cina di oltre il 7%, che ha contribuito in media al 30% della crescita economica mondiale. Sotto la leadership del PCC, la Cina ha creato oltre 13 milioni di nuovi posti di lavoro all’anno per tre anni consecutivi, tra il 2013 e il 2016. China Daily aveva anche riferito che i nuovi posti di lavoro creati nei primi mesi del 2017 erano 9,74 milioni. Dal 2013, la Cina ha tolto 66 milioni di cinesi, pari alla popolazione della Francia, dalla povertà. Ha beneficiato della strategia contro la povertà presentata dal Presidente Xi Jinping. Secondo questa strategia, la Cina mira a togliere ogni anno 10 milioni di persone dalla povertà e si prevede che raggiunga l’obiettivo di “eliminare la povertà in Cina” entro il 2020. Il congresso inoltre delineava lo sviluppo futuro della Cina con un nuovo punto di partenza storico indicando gli effetti che lo sviluppo del Paese avrà sul mondo. Il discorso di Xi Jinping sul sogno cinese dovrebbe ispirare lo ZANU-PF e il presidente Mugabe a condurci al sogno dello Zimbabwe, che contenga le aspirazioni delle masse. Tuttavia, dovrei dire che Mugabe non ha alcun sogno sullo Zimbabwe, ma un sogno di Mugabe che diventa letteralmente presidente a vita. Una grande lezione per lo ZANU-PF è che i congressi non sono rituali per sostenere “l’antenato”, ma piuttosto un’opportunità per articolare strategie e tattiche, fornendo una guida programmatica e metodologica a qualsiasi movimento serio che cerchi di sviluppare il Paese. Lo ZANU-PF sembra perso; guarda al potere e al potere di un uomo, castigato da Samora come egoista a cui non va dato alcun ruolo di comando.

Ndabaningi Sithole

Chi uccise Samora Machel?
Paula Akugizibwe, Manica Post

È come se il Monumento a Samora Machel non fosse stato pensato per essere trovato. Dopo il bivio di un’autostrada ben marcata tra Sudafrica e Mozambico, la strada per il sito del misterioso incidente aereo del primo presidente del Mozambico prosegue per chilometri. Machel divenne presidente fondatore del Mozambico nel 1975, dopo aver guidato per anni il movimento di guerriglia FRELIMO nella lotta per l’indipendenza dal Portogallo, e procedette a guidare il Paese attraverso un tempestoso decennio. Credeva fermamente nella lotta armata non come mezzo per un fine, ma come mezzo per l’inizio. “Tra tutte le cose che abbiamo fatto”, disse, “il più importante, quello che la storia registrerà come contributo principale della nostra generazione, è che capiamo come trasformare la lotta armata in rivoluzione… era essenziale creare una nuova mentalità per costruire una nuova società”.

Sabotaggio
Dopo l’indipendenza, Machel introdusse riforme radicali orientate verso questa nuova mentalità. Un ardente socialista, nazionalizzò tutte le terre e le proprietà e guidò l’istituzione di scuole pubbliche e cliniche del Paese. Vietò anche la religione, provocando l’ira delle chiese internazionali che avevano massicci investimenti nel Paese. Alla fine del 1975, la maggior parte della popolazione dei coloni portoghesi aveva lasciato il Mozambico per timore di ritorsioni per i crimini coloniali. Lasciarono dietro di sé una scia di malvagità. gli abitanti delle città distrussero le infrastrutture industriali, i proprietari delle piantagioni bruciarono colture e attrezzature mentre abbandonarono i loro domini rurali. L’uscita improvvisa e distruttiva gettò il Paese dalle nuova indipendenza tra sconvolgimenti economici. Il sistema coloniale aveva escluso i neri dalla maggior parte delle professioni, assicurandosi che gli aspetti tecnici della produzione industriale e agricola rimanessero in mani portoghesi. Il colossale divario di competenze che seguì l’esodo di massa, combinato con atti di sabotaggio dei portoghesi in partenza. fece precipitare la produzione, infliggendo un duro colpo alle finanze del Paese.

Le relazioni si inasprirono
Il colpo fu aggravato dal cambiamento dei modelli di lavoro e commercio. Sotto il dominio portoghese, il Mozambico aveva fornito enormi quantità di lavoro, oltre che commercio da e verso Sud Africa e Zimbabwe (allora Rhodesia), assicurando un flusso costante di entrate al governo coloniale. Le relazioni con entrambi i Paesi s’inasprirono non appena il FRELIMO prese il potere e, a un anno dall’indipendenza, lo storico Tony Hodges riferì che il reclutamento di mozambicani nelle miniere del Sud Africa diminuì da circa 2000 alla settimana a meno di 400. I governi sudafricano e rodesiano, irritati dal socialismo di Machel e dal sostegno dato ai movimenti di liberazione in quei Paesi, reagirono investendo nel gruppo ribelle mozambicano RENAMO, che lanciò una violenta campagna anti-FRELIMO, distruggendo scuole e cliniche di nuova costruzione e altre infrastrutture pubbliche. Il suo sabotaggio divennero il seme di una devastante guerra civile che si estese ai primi anni ’90, con centinaia di migliaia di morti. Nel giro di pochi anni dall’indipendenza, questo cocktail d’instabilità aveva messo il Mozambico in gravi difficoltà economiche, aggravate dalle tensioni politiche interne, poiché la nuova mentalità che Machel aveva predicato faticò a mettere radici. In Mozambico, come in molti Paesi africani, c’era ciò che lo storico David Robinson descrive come “elementi nell’organizzazione e nelle forze militari che guardavano all’ascesa di una borghesia nera dopo l’indipendenza”. In mezzo agli scossoni politici dela sua presidenza, questa ideologia carismatica non fu facile da avviare. Tuttavia, nonostante crisi economica, delusione da aspettative insoddisfatte post-indipendenza e la reputazione di trattare duramente i dissidenti, Machel ebbe il sostegno popolare durante il suo mandato. Percy Zvomuya scrive che “A differenza dei rivoluzionari che non hanno mai potuto governare e quindi offuscare proprie eredità e promesse, ebbe abbastanza tempo in carica per disilludere molti, eppure la gente piange ancora quando pensa a Samora“.

Integrità rivoluzionaria
Ma non era nemmeno a corto di nemici, non ultimo il governo sudafricano, che nel 1981 invase il Mozambico per dare la caccia ai membri del Congresso Nazionale Africano (ANC). In risposta, Machel tenne una manifestazione nel centro di Maputo, dove abbracciò l’allora presidente dell’ANC Oliver Tambo prima di sfidare provocatoriamente il governo dell’apartheid: “Non vogliamo la guerra. Siamo pacifisti perché siamo socialisti. Una parte vuole la pace e l’altra vuole la guerra. Cosa fare? Lasciamo scegliere al Sudafrica. Non abbiamo paura… e non vogliamo neanche la guerra fredda. Vogliamo una guerra aperta. Vogliono venire qui e assassinarci. Quindi diciamo, lasciateli venire! Lasciate che vengano tutti i razzisti… allora ci sarà la vera pace nella regione, non la falsa pace che viviamo ora“. Ai politici mozambicani non fu risparmiata la sua impavida rabbia per tutto ciò che percepiva come un affronto all’integrità della rivoluzione. A un altro raduno di quell’anno, affrontò la corruzione, dichiarando l’intenzione di lanciare una “offensiva della legalità” rivolta a militari e funzionari della sicurezza che volevano cavalcare sulle spalle del popolo. Gli storici Fauvet e Mosse scrivono che “i diplomatici degli Stati del blocco sovietico erano stupiti. Nessun leader di nessun altro Paese socialista aveva mai criticato le proprie forze di sicurezza in questo modo. Queste affermazioni non erano temerarie? Machel non stava forse invitando al colpo di Stato? Ma non ci fu alcun colpo di Stato“.Complotto per l’assassinio
Ciononostante, operando in un terreno sempre più ostile, che divenne particolarmente chiaro dopo un fallito colpo di Stato nel 1984 in cui erano implicati membri del suo gabinetto, due dei quali divennero presidenti dopo la sua morte. Quell’anno, quando la RENAMO provocò crescente devastazione in Mozambico, bombardando infrastrutture e uccidendo civili, Machel fu anche obbligato a firmare un accordo col governo sudafricano, nel quale accettò di limitare il sostegno all’ANC in cambio della fine del finanziamento e dell’armamento sudafricano della RENAMO. Sebbene l’accordo provocasse grande delusione nei combattenti per la libertà nella regione, la minaccia rappresentata dalla RENAMO era così grave che persino Tambo, allora presidente dell’ANC, ammise che “La dirigenza del Mozambico fu costretta a scegliere tra vita e morte. Quindi se significava abbracciare la iena, dovevano farlo“. Ma la situazione continuò a peggiorare. Prima di partire per un incontro degli Stati del Fronte a Lusaka nell’ottobre 1986, Machel rese pubblicamente noto di essere sopravvissuto a un attentato. Accusò il governo sudafricano del complotto e diede istruzioni su cosa dovesse accadere in caso di morte. Machel non tornò mai più in Mozambico dall’incontro. Sulla via del ritorno, l’aereo presidenziale fece una virata inspiegabile e fatale di 37 gradi sulla catena montuosa Lebombo, tra Sudafrica, Mozambico e Swaziland. Nove ore passarono prima che il Sudafrica informasse il Mozambico che l’aereo era precipitato, anche se alcune forze di sicurezza sudafricane erano sul posto diverse ore prima. Durante questo periodo perquisirono il relitto confiscando tutti i documenti ufficiali, così come la scatola nera dell’aereo. Incisioni nel collo dei due piloti in seguito sollevò il sospetto che fossero stati uccisi sul posto, non nell’incidente.

Inchiesta
Poco dopo, il Sud Africa istituì una commissione d’inchiesta che, dopo un avvio ritardato a causa del rifiuto delle forze di sicurezza di consegnare la scatola nera, alla fine emise un rapporto che incolpava dell’incidente l’equipaggio russo. Il governo sovietico avviò una propria inchiesta che concluso che l’aereo era stato indirizzato erroneamente da un falso segnale radio installato per portarlo fuori rotta. L’esca portò i piloti a credere di sorvolare la pianura vicino Maputo, quando in realtà volarono contro le montagne. La commissione per la verità e la riconciliazione del Sudafrica (TRC) ha successivamente esaminato il caso e ha pubblicato un rapporto contenente dettagli che rafforzavano la teoria dell’assassinio. Graça Machel, la vedova di Samora e poi moglie di Nelson Mandela, testimoniò che fu ucciso e si presentò al TRC coi dettagli del complotto che coinvolgeva agenti di Sudafrica, Mozambico e Malawi.

Nuova indagine
La TRC non riuscì a raggiungere una conclusione definitiva, comunque, sebbene affermasse che erano state accumulate prove sufficienti per giustificare l’indagine. Oltre un decennio dopo, nel dicembre 2012, l’unità d’élite ella polizia del governo sudafricano, i Falchi, annunciò il lancio di una nuova indagine sull’incidente. L’indagine è in corso in collaborazione col governo del Mozambico e potrebbe finalmente portare ad alcune risposte alle domande che pendono sulla morte prematura di Machel. Ma a prescindere dal risultato, non risolverà altri problemi sconvolgenti, problemi di memoria che si attardano in spazi al di fuori della portata di qualsiasi commissione d’inchiesta. Oggi in Mozambico, i ricordi di Machel sono ovunque. Strade e istituzioni sono nominate in suo onore, le statue che catturano i suoi noti gesti, gli adesivi dei paraurti testimoniano il sostegno popolare che ha lasciato dietro di sé. Ma l’eredità che ha vissuto e per cui è morto è più difficile da trovare.

Consumismo
La storia va al contrario? Laddove un gran numero di portoghesi fuggi dall’indipendenza, un gran numero torna, allettato dalle opportunità offerte dall’economia in forte espansione del Paese. Le organizzazioni internazionali investono nel Paese con affari, aiuti e Gesù. Nella rapida transizione da uno dei Paesi più poveri del mondo a uno dei paesi più ricchi del continente, un cospicuo consumismo abbonda. Laddove Machel chiese la nazionalizzazione delle risorse del Paese, il governo di oggi assicura agli investitori stranieri che ai mozambicani basta detenere non più del 20% delle azioni minerarie. In Sud Africa, la cui liberazione ha sostenuto così ferocemente, un impoverito insediamento informale a Cape Town porta il suo nome. Le baracche sono raggruppate intorno alla strada Oliver Tambo che attraversa la cittadina, a distanza deliberata dal centro della città, offrendo il promemoria che bandiere ed inni potrebbero essere cambiati, ma l’antico sistema di oppressione economica è ancora vivo e vegeto.

Idee calpestate
Thomas Sankara, ex-Presidente del Burkina Faso assassinato un anno dopo Machel, osservò poco prima della morte che “mentre i rivoluzionari come individui possono essere uccisi, non si possono ucciderne le idee”. Ma anche se le idee potrebbero essere immortali, sembra abbastanza facile dimenticarle, idolatrare persone e onorarne i ricordi con souvenir simbolici, mentre la visione per cui vissero e morirono sono calpestate mentre la gente lotta per la ricchezza. Finalmente arriviamo al memoriale, arroccato su una collina circondato dalla tranquillità rurale. Tra relitti conservati dell’aereo, 35 tubi d’acciaio, uno per ogni persona morta quella notte, torreggiano verso il cielo, le fessure appositamente progettate per rilasciare tenui lamenti ogni volta che soffia il vento. È il tipo di suono che non si può replicare o dimenticare, il tipo che ti perseguita tra le contraddizioni quotidiane che si hanno nel divario sempre più ampio che Machel cercò di chiudere, il divario tra lotta come azioni e rivoluzione come modo di vivere.Questo articolo è apparso per la prima volta sul sito This is Africa il 18 marzo 2014.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Autodistruzione dell’Unione europea

Robin Mathews AHTribune 13 marzo 2018Non avverrà rapidamente… e il collasso non sarà con un lampo accecante. Ma la crescente insoddisfazione tra le popolazioni europee crescerà. Travisata da personaggi come Mario Draghi, capo della Banca centrale europea ed ex-dipendente di Goldman Sachs, e Jean-Claude Junker, presidente della Commissione europea, così come da quasi tutti i media… l’insoddisfazione crescerà… aumenterà e rafforzerà il collasso…. L’Unione europea è nata con una menzogna e, a causa dei mali subiti dai cittadini europei, non potrà continuare. Vestita dalla Grande Idea sulla liberazione dalle guerre in un continente ricco di lingue, culture e confini nazionali, l’esperimento è di fatto immerso nell’avidità dei banchieri internazionali, dell’imperialismo USA, delle competizioni locali europee e da un seguito decadente ed inflessibile di aziende private così “progressiste” che tornerebbero agli schiavi se solo potessero imporlo… Il Parlamento europeo è in sostanza una finzione vacua. Il potere europeo si trova a Washington, Berlino, nella NATO, nella Commissione europea di nominati e in varie organizzazioni europee, aziende e capitalisti. Alcuna di tali forze è “illuminata”. Neanche nell’assente stampa europea, per lo più di loro proprietà.

Come è successo?
La storia della formazione dell’Unione europea è più lunga di quanto si pensi. Dopo la Prima guerra mondiale un piccolo gruppo di pensatori e politici presentò l’idea dell’Europa Unita. Erano una piccola minoranza, ma fecero ciò che potevano per mantenere viva l’idea: incontrare, pubblicare, fare campagne. Una voce significativa dell’epoca, Aristide Briand, undici volte primo ministro della Francia, propose (senza successo) l’unione economica dell’Europa nel 1929, sperando di evitare ciò che accadde dopo la morte nel 1932. E così arrivò Adolf Hitler e nel 1939 Blitzkrieg e unificazione militare dell’Europa. Alcuni vecchi fautori dell’unità pensavano che l’Europa di Hitler potesse divenire un’unione democratica. Furono accusati di “collaborazionismo” con la brutalità nazista… e perseguitati per le loro ingenue speranze. E poi l’Europa fu liberata dal flagello nazista. Ancora più intensamente emerse il grido che qualcosa andava fatto per porre fine alla brutalità delle guerre europee. Il grido di “Europa Unità” si sollevò di nuovo. Dall’altra parte dell’Atlantico durante la Seconda guerra mondiale (1944) numerose nazioni (44) s’incontrarono a Bretton Woods, nel New Hampshire, negli Stati Uniti, per elaborare nuove forme di commercio, finanza internazionale, giustizia, lavoro… (La creazione della forza militare a guida statunitense NATO, e l’esclusione della Russia vennero poco dopo). Tutta l’Europa (eccetto la Germania), Stati Uniti e Regno Unito (negli incontri del 1944) si misero al lavoro per attuare un futuro planetario, un futuro difatti forgiato e controllato dagli Stati Uniti. Ne seguì la famosa diatriba tra l’inglese John Maynard Keynes e il rappresentante statunitense Harry Dexter White che, solo per via del puro potere post-bellico degli Stati Uniti incolumi, vinse creando il sistema finanziario e commerciale globale dominato dagli Stati Uniti… con infinite implicazioni per l'”Unione Europea”. Quando la guerra del 1939-1945 terminò, gli Stati Uniti scoprirono che il Piano Marshall (per salvare l’Europa) presentava possibilità illimitate di profitto (e controllo). E tali idee indicarono agli Stati Uniti creazione (e controllo) della NATO e i principali passi nella costruzione dell’Unione europea, un’entità che ora è così (inutilmente) complicata che il Parlamento europeo è un fatuo club per dibattiti. Non senza avere importanza centrale (ma raramente menzionata), la burocrazia dell’UE propose e scrisse la Costituzione d’Europa. Tre lunghi volumi (forse la Costituzione più lunga mai scritta, del 2004-5), che i suoi autori non erano ansiosi che gli europei studiassero. I governi al potere iniziarono ad attuarli. Ma alcuni di essi, come Francia e Paesi Bassi, richiesero il referendum popolare per approvarla. Gli attivisti francesi ne ebbero delle copie, le lessero… e passarono all’offensiva rivelandone il contenuto e bloccando il passaggio del documento “illiberale”. Il risultato nel 2005 fu che Francia e Paesi Bassi rifiutarono la cosiddetta Costituzione. Era morta e sepolta. Non andava rifiutata dai cittadini europei, e la burocrazia dell’UE creò il trattato (la struttura dei trattati che vincola i Paesi europei è ora chiamata “Costituzione nascente dell’UE”), presentato a Lisbona nel 2007, dove fu approvato dai governi; e il Trattato di Lisbona (contenente parte della Costituzione respinta) entrò in vigore nel 2009.
Arrivando ad oggi, ci troviamo di fronte al gioco di prestigio della Francia passata all’improvviso al nuovo partito “En Marche” con Emmanuel Macron suo presidente. Mentre il partito socialista crollava per tradimento… seguendo i dettami della Commissione europea reazionaria, i capitalisti francesi si affrettavano a salutare il salvatore dagli occhi blu (“Emmanuel” significa “Dio è con noi”). Evitando gli attacchi diretti ai lavoratori che caratterizzarono il governo di Francois Hollande, Macron è per il momento saldamente in carica. L’avversaria Marine Le Pen, misinterpretata dai commentatori (in parte perché mette seriamente in dubbio la struttura dell’UE), lotta per mantenere la presenza, avendo dato dimostrazione credibile nelle elezioni che hanno messo Macron al potere. Le sconvolgenti elezioni in Italia hanno messo in rotta il cosiddetto partito di centro-sinistra di Matteo Renzi (un duplicato del governo “socialista” di Francois Hollande). In entrambi i casi i governi erano anti-operai, repressivi verso la gente comune, inutili sulla disoccupazione e di fatto nelle mani della Commissione europea di Jean-Claude Junker (e attraverso essa dell’Europa delle aziende con le sue connessioni statunitensi). Le elezioni italiane, che hanno dato ai Cinque Stelle (mettendo radicalmente in discussione le politiche dell’UE) la maggioranza dei voti… e incrementato il potere degli elementi di destra, hanno creato un disordine perfettamente comprensibile. Il fallimento dei partiti di “governo” (accettati dai media) nel mantenere le posizioni ha provocato le urla sull’ascesa al potere dei partiti “di estrema destra”, “populisti”; ciò significa nient’altro che il legittimo voto di protesta ha funzionato. (Dopotutto, i partiti populisti sono sostenuti dalla popolazione piuttosto che dalle aziende e dai contribuenti più ricchi!). E quando governi reazionari come i governi “di sinistra” di Francia e Italia incontrano un’opposizione, come chiamarla? La stampa fallita europea sceglie di chiamarla “estrema destra”!
Nel mondo occidentale (ad eccezione della Gran Bretagna) i cosiddetti partiti “di sinistra” non controllano più la società, Canada escluso. In Italia (e in Europa) genitori colpiti, giovani disoccupati e lavoratori sempre più insultati cercano una soluzione al governo dell’Unione europea centrato sulle azeinde. Se si vuole pensare al fallimento gigantesco dell’Unione europea, basta guardare la Grecia. Maledetta da una corruzione non maggiore di quella degli Stati Uniti, assistette alla falsificazione dell’economia equilibrata ad opera di Goldman Sachs di New York, rimanendo col disperato bisogno di aiuto comunitario per ricostruire economia e legittimità politica; la Grecia è stata fatta a pezzi, dissanguata, disonorata, divorata e svenduta da una “troika” senza coscienza di nominati dell’UE agli avvoltoi europei e stranieri, affinché i sei milioni di cittadini più utili della popolazione greca lascino il Paese. (C”è davvero il coraggio di parlare di Comunità europea?)
L’Italia è il terzo maggior membro della “Comunità europea”. La lotta nei prossimi mesi per formare un governo degli italiani (invece che di altri nel mondo dalla ricchezza putrida e dagli intenti criminali) testerà l’unità dell’Unione europea e ne cambierà radicalmente la struttura di potere… o annuncerà la morte di tale incubo del tutto tragicamente sbagliato.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Mitterrandismo: la resistenza dei vichisti contro gollismo e comunisti

Histoire et Societé, 09 marzo 2018

Segretario Generale del Partito Comunista francese Georges Marchais.

Sono come gli spagnoli, mi ricordo bene di come i comunisti furono emarginati in Spagna e Italia col pieno accordo dei loro capi eurocomunisti che posero le condizioni per la propaganda contro il proprio passato e l’effettiva accettazione del fascismo che avevano combattuto. Ripenso alla campagna contro Georges Marchais quando rifiutò la politica neoliberale di Mitterrand, la ristrutturazione industriale decisa dall’Europa e il piano Davignon. Gli fu detto che sarebbe andato alla STO, ingannato dalla propaganda e per aiutare la famiglia, accettando di lavorare in Germania. Tutto il passato del Partito dei fucilati fu cancellato dai detrattori. Se ripenso a tale campagna è perché non si disse nulla sul passato compromesso di François Mitterrand, sul quale tornerò a breve. Si noti che François Mitterrand coltivò tale ambiguità rimanendo fino alla fine amico di René Bousquet, di cui si può leggere più avanti. Ufficialmente Mitterrand si pregiava di essere stato resistente, ma il suo autore preferito era Chardonne, e la sua personalità continuava a sprofondare nella Francia collaborazionista che aveva avuto difficoltà a mollare. Mentre Marchais fu accusato, e attraverso di lui il Partito Comunista, distrutto dalla denuncia della STO e dello stalinismo, la cui vittoria sul nazismo fu annebbiata dalla leggenda nera dell’equivalenza dei crimini, si glorifica la resistenza di François Mitterrand, la sua ascesa a La Roche de Solutré, inventando una resistenza socialista. Il fatto che François Hollande avesse riportato dei socialisti nel Pantheon e rifiutato lo stesso diritto ai resistenti comunista è solo la continuazione di tale linea. Ciò autorizzò Mitterand a rifiutare i funerali nazionali ad Aragon, il poeta comunista resistente che denunciò il colonialismo mentre lo stesso Mitterrand fu il guardasigilli che fece decapitare Fernard Iveton, comunista algerino.
Ecco alcuni dati sul Mitterrand “resistente”:
Prima della sua amicizia con René Bousquet, vi fu il suo rapporto con Petain. Era petainista? Su questo delicato argomento è già stato compiuto un serio lavoro storico. François Mitterrand ebbe diverse vite: un passato travagliato durante la guerra, una carriera di ministro della Quarta Repubblica, 23 anni di opposizione prima di diventare il primo presidente di sinistra della Quinta Repubblica. A tale vita professionale piena si aggiunse una doppia vita personale e una personalità enigmatica. Il 19 giugno 1942 arrivò a Vichy e trovò lavoro come documentarista nella Legione dei combattenti e volontari della Rivoluzione Nazionale, una specie di partito unico che faceva propaganda petainista. Nei primi mesi del 1942, François Mitterrand ammirava il maresciallo Pétain e collaborò con una rivista di Vichy: “France, revue de l’Etat nouveau“. In una lettera trovata nei suoi archivi, François Mitterrand loda il gruppo paramilitare SOL (Servizio d’Ordine dei Legionari) incaricato di reprimere i nemici del regime. Durante la collaborazione, Mitterrand era a Vichy ed incontrò René Bousquet, segretario generale della polizia. Nel giugno 1942, quest’ultimo negoziò col capo della polizia tedesca i termini della collaborazione della polizia francese nelle retate degli ebrei. Nelle rare occasioni in cui François Mitterrand accettò di parlare di questo periodo, il Presidente della Repubblica si giustificò spiegando che non sapeva ciò che accadeva agli ebrei. Al voto delle leggi del 1941 che esclusero gli ebrei dalla comunità nazionale, Mitterrand era in Germania. Tuttavia, possiamo mettere in discussione questa versione. È difficile credere che Mitterrand non sapesse del destino degli ebrei. Era a Vichy quando gli agenti di polizia francesi arrestarono gli ebrei di Parigi e nella zona meridionale, agli ordini di René Bousquet.
Il doppio gioco di Mitterrand a Vichy; Mitterrand sarebbe stato a Vichy facendo il doppio gioco, si argomenta. Nel giugno 1942, Mitterrand entrò nel servizio stampa del commissariato generale dei prigionieri. In tale organizzazione responsabile dell’invio dei pacchi ai soldati prigionieri in Germania, Mitterand si occupava del bollettino di propaganda. Qui incontrò un gruppo di combattenti della Resistenza infiltratisi nel commissariato. Pertanto, François Mitterrand fece il doppio gioco e partecipò ad azioni illegali, come creare documenti falsi per chi fuggiva dalla Germania. Nel gennaio 1943, Laval dimise Maurice Pinault dal commissariato per collocarvi un suo uomo. Anche i principali collaboratori di Pinault, incluso Mitterrand, si dimisero. Da allora, Mitterrand si allontanò da Vichy e contattò gruppi della Resistenza senza rompere definitivamente con Vichy finché nell’aprile 1943 François Mitterrand fu decorato con la Francisque. Tuttavia, per ottenerla dovette completare un formulario in modo inequivocabile: “Do la mia persona al maresciallo Pétain, dato che ha data la sua alla Francia. M’impegno a servire i suoi discepoli e a rimanere fedele alla sua persona e alla sua opera“. Più tardi, Mitterrand mitigò il significato simbolico di tale affermazione sostenendo che era in Inghilterra quando gli fu consegnata la Francisque. Tranne che firmò il modulo prima di partire. Di conseguenza, nella primavera 1943, Mitterrand esitava ancora tra Resistenza e Vichy.
Il passaggio definitivo alla Resistenza risale alla fine del 1943, quando la vittoria di Stalingrado ebbe luogo il 2 febbraio 1943. Nella notte tra il 15 e il 16 novembre 1943, François Mitterrand volò a Londra per assicurare la legittimità della sua organizzazione nella Resistenza presso i leader della Francia libera. Quindi andò ad Algeri dove fu ricevuto dal Generale De Gaulle. Quest’ultimo gli chiese di accettare lo scioglimento della sua organizzazione nell’unica organizzazione resistente sotto l’autorità di suo nipote. Ma Mitterrand rifiutò. Quando tornò a Parigi nel 1944, Mitterrand era un uomo braccato dalla Gestapo. Cambiò identità decine di volte e sfuggi per un soffio all’arresto. Secondo il parere di chi lo conobbe all’epoca, Mitterrand mostrò vero coraggio fisico. Aveva un autocontrollo distaccato per lui naturale. Mitterrand, che si faceva chiamare “Morlan”, era a capo di un’importante organizzazione resistente nel 1944, comprendente tutti gli amici che conobbe nel 104.mo e nello Stalag. Nel 1944, De Gaulle nominò Mitterrand commissario generale del ministero dei Prigionieri, una sorta di ministro ad interim prima dell’istituzione del governo provvisorio. Dall’inizio dell’insurrezione a Parigi, Mitterrand, armi in mano, occupò l’edificio del commissariato dei rifugiati. Questo è ciò che sappiamo di Mitterrand nella Resistenza. Quel che affascina, ripeto, è che la stampa si scatenò contro Marchais e il Partito Comunista, compresa quella vicina ai socialisti, la stampa cosiddetta di sinistra, ma non sollevò mai la questione di tale passato più o meno ambiguo e da allora si può analizzare l’assalto a gollismo e comunisti da parte di persone originariamente vicine a Vichy. Il modo in cui tale sinistra mitterrandiana si scatenò continuamente contro gollismo e comunismo non finì con Mitterrand. Lo si ritrova in Hollande, nato da un ambiente vicino a Petain per non parlare dei nuovi filosofi che attrassero gli ebrei in tale flusso e alla CIA, come Cohn Bendit… Ma anche tra “intellettuali” come Onfray; uno dei suoi primi bersagli fu Guy Mocquet. L’operazione continua senza sosta oggi accusando Aragon del suo passato “stalinista”, e non solo, Gallimard non ha rinunciato a pubblicare gli opuscoli antisemiti di Celine, ma tutta la letteratura dei collaborazionisti è sugli scaffali.

Francois Mitterrand incontra Philippe Petain il 15 ottobre 1942.

Annnie Lacroix Rice lo rapporta correttamente cogli imprenditori francesi che col Fronte Popolare puntarono su Hitler e che oggi continuano la propria riabilitazione. Questo affare ritornò ideologicamente sui furgoni della sinistra mitterrandiana “anti-totalitaria”, ed oggi col macronismo che può sbarazzarsi di ciò che rimane del PS vicino agli strati popolari e celebrare il prorio Maggio ’68. La domanda è sul ruolo conscio ed inconscio giocato da Mélenchon nell’offensiva contro PCF, i suoi leader e l’Humanité, ed il minimo che si possa dire è che non smette di appoggiare l’operazione. Qui va capito il passo del “riequilibrio” della sinistra con Renè Bousquet:

René Bousquet e Reinhard Heydrich

René Bousquet, 1909-1993, era un alto ufficiale che, come tanti altri ahimè, collaborò con l’occupante nazista. Alla fine della guerra era in Baviera in una villa ad Ober-Allmannshausen. Ottenne così il titolo di “deportato in Germania”. Il colmo! Come scrisse il giornalista Eric Conan “Un ultimo ruolo molto utile per un personaggio che già ne giocò molti altri per cinque anni“… Dall’aprile 1942 alla fine del 1943 fu segretario generale della polizia di Vichy, sotto il sesto governo Laval. Aantisemita viscerale, applicò zelantemente la politica di Petain. Bousquet fu coinvolto in almeno tre grandi crimini. Organizzò la retata al Velodromo d’inverno a Parigi nel luglio 1942. Ricevette una lettera da Karl Oberg, capo delle SS e della polizia nazista in Francia, congratulandosi con lui per l’esemplare condotta della polizia francese. Nell’agosto 1942 fu coinvolto in incursioni nella zona franca. Seguendo la proposta di Laval, i bambini non furono risparmiati! Nonostante le proteste del pastore Marc Boegner, si rifiutò di abbandonare la caccia ai bambini ebrei sfuggiti ai convogli della deportazione e nascosti in chiese e da cittadini. “Li cercheremo. Li prenderemo dove sono. Dobbiamo cercarli“. Alla fine del 1942, Bousquet rifiutò d’inviare 1000 bambini ebrei negli Stati Uniti. Spiegò cinicamente che le famiglie non andavano separate. Nel gennaio 1943 guidò la polizia ausiliaria francese dei nazisti durante la retata di Marsiglia. Secondo un rapporto attribuito a Bousquet: più di 60000 ebrei furono arrestati e consegnati all’occupante per essere deportati ad est o più semplicemente nei campi di sterminio; ciò che le autorità collaborazioniste hanno sempre preteso d’ignorare! Va detto che Salengro, ministro degli Interni del Fronte popolare, non fu davvero acuto ad affidare a Bousquet, nel 1936, la responsabilità del casellario centrale della sicurezza nazionale, che identificava 5 milioni di francesi e due milioni di stranieri considerati sospetti o indesiderabili. Questo casellario fu molto utile ad identificare gli ebrei stranieri nei raid. Il 1° marzo 1943, a Villeurbanne, in seguito all’accordo di Bousquet nell’ambito della repressione delle “azioni antinazionali”, le polizie tedesca e francese di concerto arrestarono 150 combattenti comunisti della Resistenza immediatamente deportati. Allo stesso tempo, Bousquet, che non era pazzo, non più dell’amico Mitterrand, capì che le prime vittorie alleate nell’inverno 1942-1943 avrebbero suonato la campana a morto del Terzo Reich. Decise quindi di concedere qualcosa alla Resistenza e frenare il proprio zelo. Il vecchio maresciallo lo capì e ritenendolo “troppo morbido col terrorismo” ne esigette il licenziamento nell’ottobre del 1943. Bousquet disse a un prefetto amico, “Tornerò a Parigi, è ora che venga arrestato!“. Fu portato in Baviera con la famiglia e il bagaglio nell’auto concessa per “cortesia e amicizia” dal capo delle SS Oberg. Fu “liberato” nell’aprile 1945 dagli statunitensi ed incarcerato a Fresnes dal maggio 1945 al luglio 1948. Alla fine di un breve processo, Bousquet fu prosciolto dall’Alta Corte di Giustizia dall’accusa di “aver attaccato gli interessi della difesa nazionale” Oh bene? Ma si dichiarò “convinta del crimine d’indegnità nazionale” e fu condannato a “cinque anni di degrado nazionale, immediatamente prosciolto per la partecipazione attiva e prolungata alla resistenza contro l’occupante”. Il 23 giugno 1949 fu assolto.
Quindi iniziò una brillante carriera nella stampa e nella Banca d’Indocina. Nel 1957, il Consiglio di Stato restituì il titolo che gli fu tolto e si lanciò in politica, e nel 1974 sostenne finanziariamente il candidato Mitterrand. Nel 1981, dopo la vittoria di Mitterrand, Bousquet fu ricevuto all’Eliseo. Tutto andava per il meglio nel migliore dei mondi mitterrandiani, tranne per il fatto che le accuse contro Bousquet divennero consistenti. Un’indagine giudiziaria fu condotta e Mitterrand fu accusato di ostacolare le indagini. Nel 1989, l’Associazione dei Figli e Figlie degli Ebrei di Francia di Serge Klarsfeld, la Federazione Nazionale della Resistenza e dei Deportati ed Internati patriottici e la Lega per i diritti umani denunciarono Bousquet di crimini contro l’umanità Alla fine fu accusato nel 1991, con gran sgomento di Mitterrand. L’inchiesta era in corso quando l’8 giugno 1993 fu ucciso con cinque colpi a casa da un certo Christian Didier. Chi ne trasse vantaggio?

René Bousquet osserva Mitterand

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Brexit: migrazione e produzione

Peter Lilley, Freenations, 25 novembre 2017Per decenni, a causa della libera circolazione dell’UE e delle migrazioni di massa verso la Gran Bretagna, era più economico assumere lavoratori immigrati che addestrare quelli inglesi, con effetti disastrosi per l’economia. Se il Regno Unito coglie l’opportunità creata dalla Brexit, può aumentare il tasso di crescita a lungo termine. Questa dovrebbe essere la priorità del governo perché i redditi stagnano dalla crisi finanziaria del 2008 e crescevano meno del loro potenziale da molto prima.

Introduzione di Rodney Atkinson
Questo sito ha promosso la filosofia del nazionalismo democratico, col libero scambio e gli investimenti internazionali che rendono superfluo il movimento in massa delle persone, si veda ad esempio: “I mercati rendono superflue le migrazioni di massa” (26 gennaio 2016). La prosperità e la pace internazionale si basano su tali politiche. Ma si affrontano i poteri sovranazionali dell’UE e dell’ONU decisi a controllare gli Stati nazionali e a creare barriere al libero scambio in modo che, invece di capitali e beni e servizi attraversino le frontiere, siano le persone a doversi spostare, abbattendo così l’omogeneità degli Stati nazione e sostituendoli con un corporativismo antidemocratico votato al potere e al profitto delle multinazionali e all’egemonia dei superstati che non rispondono agli elettori. Peter Lilley, ex-segretario di Stato per il commercio nel Regno Unito, mostra come la migrazione di massa sia stata disastrosa per l’economia inglese, con carenze in competenze peggiori oggi che non prima che arrivassero milioni di migranti alienati. Solo che ora abbiamo i massicci problemi aggiuntivi di scuole, servizi sanitari, strade, abitazioni e molto altro sovraccarichi. Mostra come le migliori aziende trasferiscano facilmente competenze ed addestrino i lavoratori inglesi senza affidarsi agli immigrati.

Peter Lilley: I redditi medi possono crescere solo alla velocità produttiva per persona. Solo due cose consentono alle persone di produrre più beni e servizi: migliori competenze e maggiori investimenti pro capite. Tuttavia, abbiamo perseguito una politica, inizialmente volontaria e poi a causa delle norme dell’UE che minano sistematicamente l’incentivo al miglioramento e investono nella riduzione allo stesso tempo del capitale sociale per persona. Questa politica si affida all’immigrazione di massa. Pronunciare tale affermazione è un’eresia. È diventato un atto di fede che l’immigrazione, in particolare specializzata, ci migliori. Tale dottrina ha dominato il dibattito grazie all’alleanza empia tra imprese che vogliono manodopera qualificata a buon mercato, mentre sono riluttanti ad intraprenderne la formazione, e un’intelligentia che segnala come virtù definire i controlli sull’immigrazione razzisti, rafforzata dagli eurofili che difendono la libertà di movimento. In effetti, lasciare che i datori di lavoro importino competenze che i cittadini inglesi potrebbero acquisire mina l’incentivo dei dipendenti a migliorare competenze e i datori di lavoro a formare ed investire, riducendo allo stesso tempo la quota di capitale per persona. Questa non è solo teoria. I datori di lavoro inglesi erano riluttanti a formare personale e a investirvi quanto i concorrenti molto prima della migrazione di massa. Gli inglesi hanno molto meno qualifiche tecniche e professionali rispetto ai principali concorrenti. Ma ciò è peggiorato da quando Blair aprì i confini prima a lavoratori non comunitari, poi a tutti gli europei dell’Est. I tempi di formazione per lavoratore si sono dimezzati tra il 1997 e il 2012. E nei sei anni successivi all’ammissione dell’Est europeo, i finanziamenti aziendali per la formazione sono diminuiti del 15%. Per invertire la tendenza, la nostra politica d’immigrazione deve cambiare priorità. Invece della prima opzione per le imprese di reclutare (a buon mercato) competenze dall’estero e formare i nostri cittadini solo se gli stranieri non sono disponibili, dovremmo invertire tale tendenza. Dovremmo addestrare i cittadini inglesi, se possibile, e solo importare competenze laddove ciò non sia fattibile. Il considerevole prelievo di apprendistato di Sajid Javid può al massimo arginare il declino della formazione finché i datori di lavoro possono importare competenze dall’estero. Ovviamente, non dovremmo impedire qualsiasi immigrazione dall’Europa o altrove. Esistono categorie di competenze che gli inglesi non possono acquisire dal datore di lavoro o dall’università, soprattutto “competenze specifiche aziendali”. Le aziende di successo sviluppano propri processi di produzione, sistemi di contabilità, metodi di marketing e così via. Quando si stabiliscono nel Regno Unito, spesso devono inviare personale per implementarli. Ad esempio, le aziende automobilistiche giapponesi hanno inviato manager e tecnici per introdurre sistemi di fornitura just-in-time, gestione Kaizen e ambienti di qualità. Hanno trasferito le competenze agli staff locali (prima di tornare in Giappone, quindi senza alcuna immigrazione). Successivamente tali competenze si sono diffuse nell’industria inglese. Pertanto, dovremmo consentire trasferimenti intra-aziendali e limitate altre categorie di dipendenti UE e non UE. Naturalmente, i controlli più rigorosi sull’immigrazione volti a incoraggiare l’aumento delle competenze dei lavoratori inglesi e ad aumentare gli investimenti saranno accompagnati dagli squittii di gruppi imprenditoriali che usano vari argomenti.
Primo, dicono che non è economico addestrare i lavoratori inglesi. Quando col comitato Brexit Select visitai Sunderland, fummo accolti dai consigli locali, CBI, IoD, ecc. che affermavano che la loro principale preoccupazione per la Brexit era che non avrebbero più potuto assumere competenze dall’UE. Nissan, il più grande datore di lavoro locale, non era presente, ma ricordo di averne visitato lo stabilimento quando ero ministro del Commercio e dell’Industria e chiedevo se avessero difficoltà a reclutare impiegati qualificati. Erano troppo educati per osservare che si trattava di una domanda stupida; a Sunderland non c’erano operai metalmeccanici qualificati! Ma essendo giapponesi, non gli venne mai in mente di reclutarli all’estero. Formarono il personale locale e ora i 7000 impiegati inglesi della Nissan sono tra i lavoratori metalmeccanici più produttivi al mondo. Se la dottrina di CBI e co. fosse prevalsa, ci sarebbero stati 7000 europei dell’Est in quella fabbrica e i locali starebbero impacchettando hamburger.
Secondo, dicono che ci sono carenze. Blair affermò che avevamo bisogno di più immigrati per occupare 600000 posti vacanti. 4 milioni di immigrati dopo ci sono ancora oltre 700000 posti vacanti! Gli immigrati consumano tutti i beni e i servizi che producono, creando la domanda per la stessa quantità di lavoro che forniscono. Inoltre, la penuria nel mercato libero esiste solo dove la retribuzione avviene al di sotto del livello di compensazione sul mercato. Se limitiamo l’immigrazione laddove vi è carenza di competenze interne, le retribuzioni aumenteranno in qualche modo (vi sono già segnali perché meno lavoratori europei arrivano nel Regno Unito), aumentando gli incentivi a formare, acquisire competenze ed investire: esattamente ciò che è necessario.
Terzo, ci viene detto che gli inglesi si rifiutano di apprendere le competenze che ci servono. La carta del NHS viene invariabilmente usata: “abbiamo bisogno di infermieri e medici stranieri perché pochi inglesi sono disposti a fare questi lavori”. Non è vero. Fino all’anno scorso oltre 30000 candidati inglesi per corsi di infermieristica venivano respinti ogni anno, secondo il Nursing Labour Market Review 2016. Le università possono accettare numeri illimitati per ogni facoltà, dall’arte alla zoologia, tranne infermieristica e medicina dove gli ingressi sono strettamente limitati. Questo perché le borse provenivano dal budget del NHS, ed era più economico reclutare all’estero (comprese le infermiere addestrate coi nostri aiuti esteri) che addestrare più candidati nazionali. Quasi certamente non l’avete mai sentito sui media “liberali” che non sembrano preoccupati dalle migliaia di giovani inglesi a cui viene impedito perseguire la vocazione. I fatti scomodi che minano la tesi dell’immigrazione di massa non vanno trasmessi.
Quarto, le stime dell’impatto economico della migrazione di solito ignorano l’impatto sul capitale sociale per persona. Sia la nostra produttività che la nostra qualità della vita dipendono dalla quantità di capitale investito nelle nostre fabbriche, uffici, strade, ospedali, scuole, case ecc. Secondo i conti nazionali, l’investimento ammonta a 129000 sterline pro capite. Curare 5,1 milioni di emigrati unitisi alla popolazione dal 2000, con un capitale sociale simile costerebbe 660 miliardi di sterline di investimenti che non abbiamo fatto. Da qui la crisi abitativa, le infrastrutture congestionate, gli ospedali affollati e la mancanza di posti a scuola, tutto visibile. Da qui anche l’investimento inadeguato (per la forza lavoro allargata) in impianti, macchinari, software ecc., che si manifesta solo sulle cifre relative la produttività. Non dovremmo biasimarne i migranti, ma chi, per profitto o correttezza politica, ignora le semplici verità economiche e gli ardui fatti economici.Traduzione di Alessandro Lattanzio