Le nuove regole d’ingaggio della Russia in Siria

Un ‘Baluardo’ volante appare in Siria
Il Ministero della Difesa della Russia si prepara ai combattimenti aerei con la Turchia?
Interpolit SouthfrontScreenshot_1L’aereo di sorveglianza e controllo radar (AWACS) A-50, basato sull’Il-76, può essere utilizzato dalla VKS (Forze Aerospaziali) della Russia in Siria. Un rappresentante dell’United Instrument Manufacturing Corporation, sviluppatore del velivolo, l’ha detto alla TASS il 14 gennaio. Secondo la fonte dell’agenzia, il compito principale dell’aereo è rilevare ed inseguire aerei e navi di superficie, notificare ai centri di comando la situazione aerea e in superficie, e guidare caccia e aerei d’attacco sugli obiettivi in aria, terra e mare. Questo centro di comando volante può tracciare fino a 300 bersagli contemporaneamente. La fonte ha anche chiarito che il velivolo può rilevare aerei a una distanza di 650 km, e oggetti a terra a 300 km di distanza. Inoltre, la fonte ha sottolineato che il velivolo russo supera anche gli AWACS statunitensi in varie caratteristiche. Si noti che in precedenza, il 12 gennaio, l’autorevole rivista “Jane’s Defense Weekly” riportava che la Russia già utilizza gli AWACS A-50 (classificazione NATO: Mainstay, “Baluardo”) nel cielo sulla Siria per sostenere le operazioni del gruppo aereo russo nel Paese. Secondo la pubblicazione del Ministero della Difesa della Gran Bretagna, gli aerei A-50 sono apparsi sulla Siria alla fine di dicembre. Così, il 27 dicembre, un velivolo, volando sulla rotta tipica degli AWACS, fu notato da Flightradar24.com, su cui i segnali dei transponder vengono visualizzati in tempo reale. Il velivolo, che non aveva alcun segnale di chiamata aperta, volava ad una quota di circa 6 km sul nord-ovest della Siria per quattro ore, nota “Jane’s Defense Weekly“. Non ci sono prove che gli A-50 siano sulla base aerea di Humaymim. La fonte inglese giunge alla conclusione che gli aerei molto probabilmente decollano da basi in territorio russo, possibilmente dalla base aerea di Mozdok, dalla quale decollano anche i bombardieri a lungo raggio Tu-22?3 utilizzati per bombardare obiettivi in Siria. Una fonte del Ministero della Difesa della Gran Bretagna ha osservato che gli aerei A-50 russi non tentavano d’illuminare gli aerei della Royal Air Force o di altri Paesi della coalizione occidentale che volano nello spazio aereo siriano. Secondo essa, “eliminando situazioni di conflitto aereo tra aeromobili russi ed occidentali, secondo i centri di coordinamento a terra russi e statunitensi“. Si noti che già il 3 dicembre, l’ex-capo del Primo Direttorato della Cooperazione militare internazionale del Ministero della Difesa della Russia (1996-2001), Colonnello-Generale Leonid Ivashov, commentando le informazioni secondo cui la Federazione russa lavorava in Siria, dopo Humaymim, a una seconda base aerea a Shayrat, nei pressi di Homs, osservò che l’AWACS A-50 probabilmente si era unito agli Il-20M che sorvolano la Repubblica araba siriana. Il ricercatore del Centro di Analisi delle Strategie e Tecnologie, caporedattore della rivista Eksport Vooruzhenij Andrej Frolov, suggeriva che l’aereo AWACS A-50U forse decollava da un aeroporto iraniano (su internet sono apparse già le immagini dei Su-34 delle Forze Aerospaziali russe nella 3.za base aerea tattica iraniana di Hamadan).
Cosa significa la comparsa nel cielo della Siria degli aerei AWACS A-50U (molto probabilmente, la discussione riguarda la versione moderna del velivolo dotata di un nuovo complesso radar di sorveglianza basato sullo Shmel)? E’ significativo il fatto che il sistema d’inseguimento radar A-50U (questa versione del velivolo completò il primo volo nel 2011) ha migliorato le capacità di rilevamento di oggetti quasi impercettibili, anche se volano a bassa quota e sono del tipo “elicottero”. Il fatto è che i mass media curdi hanno riportato più di una volta che la Turchia riunisce Stato islamico e Jabhat al-Nusra contro l’intervento della Russia e le Forze Democratiche della Siria (SDF), utilizzando elicotteri per trasferire i terroristi nella città di Azaz, controllata da al-Nusra. Alla fine di dicembre vi erano informazioni sulla riassegnazione di circa 850 terroristi da Dara ad Azaz, completata in quel modo. Così, con la partecipazione diretta dei militari turchi, c’è il continuo rischieramento coordinato dei terroristi che avevano subito notevoli perdite da parte delle Forze aerospaziali russi e degli attacchi delle SDF. L’esperto militare Vladimir Sherbakov osserva che quando la Russia ha aumentato l’uso delle Forze Aerospaziali in Siria, gli aerei occidentali vi operavano attivamente, si capì subito che un aereo di sorveglianza radar a lunga distanza (AWACS) doveva essere presente. “Inizialmente la dimensione delle operazioni fu minima e, a giudicare dal dispiegamento, in quel momento il comando non aveva ancora deciso il volume delle attività necessarie. Ricordo che in origine il gruppo aereo includeva 32 velivoli (aerei d’attacco Su-25SM, bombardieri di prima linea Su-24M e Su-34, caccia Su-30SM, ed elicotteri d’attacco Mi-24 e multiuso Mi-8 dell’esercito). Tuttavia, il numero di aerei è poi aumentato a 69 unità: oltre ad Humaymim, è stato aggiunto un gruppo aereo nel territorio della Federazione Russa. 4 Su-27SM, 8 Su-34 e anche 5 Tu-160, 6 Tu-95MS e 14 Tu-22?3 furono aggiunti. E se ad ottobre il numero di voli era piccolo, il Ministero della Difesa riferiva quotidianamente gli attacchi aerei e pubblicava foto e video di quasi ogni bomba sganciata; ora nei primi 10 giorni nel 2016 ci sono state 311 sortite che hanno colpito più di 1097 obiettivi in diverse province siriane. Naturalmente, è possibile scegliere gli obiettivi senza l’AWACS, ma è meglio che l’A-50 lo faccia lo stesso. Dopo tutto, questo aereo è stato progettato per rilevare bersagli aerei e terrestri, e inviare informazioni ai centri di comando, dove gli esperti s’impegnano in ulteriori elaborazioni dei dati. L’aereo da ricognizione elettronica Il-20M può condurre un numero considerevole di compiti specializzati, ma gli AWACS sono gli aerei che “seguono” dall’aria la situazione in prossimità delle operazioni di combattimento e dirigono le operazioni aeree. E non c’è niente di più terribile che decolli da Mozdok”.
1032931855 Ricordiamo l’attività nelle operazioni statunitensi in Afghanistan, quando bombardavano al-Qaida e i taliban, degli AWACS imbarcati meno adatti ai voli a distanza (in particolare a terra), i Grumman E-2C Hawkeye che decollavano da una portaerei nel Golfo Persico, sorvolavano l’Afghanistan e poi atterravano su una delle basi aeree controllate dagli eserciti alleati, dove si rifornivano e cambiavano l’equipaggio, quindi l’E-2C ripartiva. Riguardo l’A-50, da Mozdok alla Siria non c’è molta distanza, e l’aereo è progettato per lunghi voli. Poiché il sistema A-50 viene utilizzato per gestire aerei da combattimento e d’attacco, e guidarli sugli obiettivi terrestri e aerei, svolge anche il ruolo di centro di comando volante, e l’apparizione in Siria significa che l’operazione delle forze armate della Federazione russa si amplia, secondo il Vicedirettore dell’Istituto di analisi politica e militare Aleksandr Khramchikhin. “In sostanza, lo scopo principale dell’aereo (soprattutto nelle condizioni siriane) è rivelare bersagli aerei. A mio avviso, si può dire che una volta che il Ministero della Difesa valuta la possibilità di combattimenti aereo, si tratta di guerra. Contro chi? Possibilmente la Turchia”. Nei cieli siriani, i numerosi aeromobili di diversi Paesi e lo spazio aereo vanno gestiti in tempo reale. Tanto più che la Turchia si avvicina sempre più alle operazioni di terra, nota l’esperto Anatolij Nesmjan (el-Murid), “In caso d’invasione militare su larga scala delle forze terrestri turche in Siria, questa sarà accompagnata dal cielo mediante l’uso concentrato di aeromobili. Se tale invasione accedesse, e non può essere escluso dato che Erdogan finora non ha respinto l’idea di creare una zona cuscinetto, allora certamente accadrà in quel territorio, dove le Forze Aerospaziali russe della Federazione operano attivamente. In precedenza i turchi suggerirono di risolvere i problemi creando tale zona attraverso gruppi di turcomanni sotto il loro controllo e i militanti in generale, ma questi vengono ora schiacciati attivamente, e Ankara infatti non ha scelta. Ma la ragione dell’intervento su larga scala (truppe speciali turche sono già attive in territorio siriano da tempo) può trovarsi. Ad esempio, accusando lo SI di qualsiasi attentato e quindi far entrare l’esercito con tale scusa. Dopo tutto, molti Paesi sono ora presumibilmente in guerra contro lo SI, anche se il “Califfato” è una loro risorsa… All’inizio di gennaio i mass media inglesi riferirono che i combattenti dello Stato islamico potrebbero presumibilmente utilizzare sistemi missilistici terra-aria, dopo aver imparato ad usare le batterie termiche dei missili superficie-aria e averne progettato le testate… Questo è difficilmente possibile dal punto di vista tecnico. È possibile che sia una copertura per future possibili consegne di sistemi di difesa aerea. Naturalmente come si suol dire, ciò non regge, ma d’altra parte, perché non sarebbe vero? Quasi le stesse formazioni paramilitari Huthi nello Yemen utilizzano le armi dell’esercito e lanciano missili Scud sulle truppe saudite in modo piuttosto preciso”.
Il corrispondente della RARAN e Dottore in Scienze Militari Konstantin Sivkov, dice che l’A-50 in Siria è necessario, almeno perché i turchi hanno già abbattuto un nostro bombardiere di prima linea Su-24M. “Dopo che il velivolo turco ha abbattuto l’aereo russo al confine con la Siria, il Ministero della Difesa ha schierato ad Humaymim lo ZRS S-400 Triumf, che insieme al complesso Fort dell’incrociatore lanciamissili Moskva garantisce la sicurezza dei voli del gruppo aeronautico russo. L’A-50 è necessario anche per questo scopo, dato che è problematico per il “400” trovare bersagli aerei ad oltre 400 km, specialmente quelli a bassa quota. Perché vola da Mozdok (se realmente avviene)? Molto probabilmente non vogliono sottoporre un velivolo così costoso al fuoco dei terroristi. Non è probabile che Humaymim non abbia una pista di atterraggio sufficiente per utilizzare l’aereo, dato che aerei pesanti vi sono basati. Ma francamente non ho dubbi sul fatto che l’A-50 sia già stato notato sulla Siria. Come dicono gli inglesi, il velivolo rilevato non ha cercato d’illuminare il velivolo della coalizione occidentale, i funzionari della NATO potrebbero facilmente confondere l’A-50 con l’Il-76 su cui si basa”.

Maggiori dettagli sul velivolo A-50
La produzione di massa del complesso aereo A-50, o prodotto “A”, entrato in servizio nel 1985, avviene nell’impianto aeronautico Chkalov di Tashkent. Nelle forze armate ha ricevuto il soprannome di “Fungo” o “Disco volante”, per l’aspetto caratteristico del radar installato sulla fusoliera. E fino al 1990 questi velivoli volavano di routine, partecipando alle manovre aeree in URSS e nei Paesi del Patto di Varsavia. Nel 1991, durante la guerra nel Golfo Persico, gli A-50 pattugliavano lo spazio aereo sul Mar Nero, tracciando i movimenti degli aeromobili della coalizione anti-Iraq, che decollavano dagli aeroporti della Turchia. Ma l’A-50 ha ricevuto il suo primo “battesimo del fuoco” sul proprio territorio, nel 1994 in Cecenia, fornendo sorveglianza radar continua in modo, come dicono gli esperti, d’impedire dall’estero i rifornimenti via aerea ai militanti. Va soprattutto notato che il 21 aprile 1996, l’A-50 su cui furono installate apparecchiature per intercettare i segnali dei telefoni satellitari, intercettò il dispositivo di Dzhokhar Dudaev, inviandovi contro 2 aerei d’attacco Su-25, che quando trovarono il bersaglio gli lanciarono 2 missili. Gli A-50 sono stati utilizzati anche nel 1999 per monitorare le operazioni degli aerei della NATO in Jugoslavia. Attualmente le Forze Aerospaziali della Russia hanno circa 20 velivoli A-50 e A-50U. Il nuovo A-100 “Premiere“, piattaforma modificata basata sui velivoli Il-76MD-90A, è stato scelto per sostituirli.2016-02-02-16_14_21-Cирийская-война-«плаща-и-кинжала»Peso al decollo: 190 tonnellate;
Autonomia nel pattugliamento senza rifornimento: oltre 9 ore;
Motori: 4 turbogetti D-30KP da12 tonnellate di spinta;
Equipaggio : 5 persone, più 10-11 tenici.C9CmeFmI supermanovrabilli caccia Su-35S iniziano le missioni di combattimento in Siria
L’avanzato supermanovrabile caccia multiruolo Su-35S iniziava le missioni di combattimento in Siria, secondo il portavoce del Ministero della Difesa russo
Sputnik 02/01//2016

I supermanovrabili caccia Su-35S hanno iniziato a svolgere compiti militari la scorsa settimana“, dichiarava il Maggiore-Generale Igor Konashenkov ai giornalisti, osservando che tutti gli aerei militari russi conducono le operazioni con la protezione obbligatoria fornita dai caccia russi e siriani come dai moderni sistemi di difesa aerea, tra cui l’S-400 Trjumf. Citando una fonte militare, il quotidiano Kommersant ha riferito che la Russia si preparava a testare i caccia di nuova generazione Su-35S in Siria per la prima volta. La Russia ha avviato l’operazione militare contro i terroristi in Siria su richiesta del presidente Bashar Assad, il 30 settembre. I caccia Su-35 di 4.ta++ generazione hanno supermanovrabilità e caratteristiche da aerei di 5.ta generazione. I caccia hanno avionica nuova, un radar moderno e motori avanzati. Possono compiere manovre incredibili senza decelerare e volare a 2400 chilometri orari superando tutti i rivali pariclasse. L’aereo è armato con un cannone da 30 mm e un enorme numero di missili e razzi. Tali caratteristiche rendono i Su-35S aerei capaci di fornire superiorità aerea e sostenere l’Esercito arano siriano mentre libera il Paese, riprendendo il territorio.CaNAmNmWcAAURCZIl Su-35S al meglio: l’avanzato caccia ha iniziato le missioni in Siria
La Russia invia l’avanzato supermanovrabile caccia multiruolo Su-35S in Siria per testarlo in un ambiente operativo per la prima volta; gli esperti di aviazione spiegano l’unicità dell’aereo

Sputnik 01/02//20161032931855Il Ministero della Difesa russo ha confermato che gli avanzati supermanovrabili caccia multiruolo Su-35 hanno iniziato le missioni operative in Siria. Gli aerei da guerra probabilmente saranno impiegati per coprire i bombardieri Su-24 che attaccano i terroristi dello SIIL in Siria, compito simile a quello svolto dagli aviogetti Sukhoj Su-30SM, secondo l’esperto Vladimir Karnozov, che lavora per la rivista on line Aviation Explorer.E’ importante notare che il Su-35S è un caccia monoposto, mentre l’aereo biposto è più adatto agli attacchi aerei. E’ assai improbabile che sia utilizzato come aereo d’attacco, piuttosto l’obiettivo è pattugliare i cieli“, riferiva a Gazeta.ru. Il nuovo caccia è armato con un cannone automatico da 30mm GSh-301 con cadenza di tiro di 1500 colpi al minuto. Può trasportare missili aria-aria, antinave, antisom, missili da crociera aria-superficie e bombe guidate. Il carico bellico distingue i caccia di quarta generazione dai caccia di quinta generazione, secondo l’esperto. Il Su-35S si pone tra i due parametri, quindi è definito caccia di 4.ta++ generazione. “Gli aviogetti di quinta generazione hanno una serie di vantaggi tecnologici sui caccia di quarta generazione. L’aereo da guerra di quinta generazione può trasportare armi sia all’esterno che nei vani interni. In secondo luogo, può volare a velocità supersonica senza utilizzare i postbruciatori, cosa difficilissima trasportando le armi all’esterno“, spiega Karnozov. Il sistema radar del Su-35 può rilevare bersagli a distanze di 400 chilometri, e inseguirne fino a otto contemporaneamente. Il Sukhoj Su-35S deve tale operatività al nuovo sistema di controllo del radar a scansione digitale Irbis. L’avanzato sistema permette al Sukhoj Su-35S di rilevare rapidamente e tracciare contemporaneamente 4 bersagli terrestri o 30 bersagli aerei, così come ingaggiarne 8 aerei contemporaneamente. Inoltre, il sistema di controllo del radar ha il sistema d’identificazione amico-nemico dei bersagli aerei e marittimi, individuandone classe e tipo, e può riprendere immagini aeree della superficie. Il sistema può essere utilizzato in qualsiasi condizione atmosferica, in qualsiasi momento del giorno ed è efficace contro le interferenze naturali o create da sistemi di guerra elettronica nemici. L’oscillatore con potenza di picco di 20 chilowatt utilizzato dal radar passivo a scansione digitale Irbis fa del sistema di controllo radar il più potente del mondo. Ciò pone il sistema radar del Sukhoj Su-35S tra i più avanzati del mondo, superiore alla maggior parte dei radar a scansione digitale attivi e passivi europei e degli Stati Uniti.

Khibinij: terrore dei cacciatorpediniere
1034074423I Su-35S inviati in Siria sono dotati anche di un avanzato sistema di guerra radioelettronica. Il relativamente piccolo contenitore a forma di siluro viene montato sulle estremità alari degli aviogetti, rendendoli invulnerabili ai moderni mezzi di difesa e ai caccia nemici. Dopo che l’equipaggio viene avvisato di un attacco missilistico, il Khibinij entra in azione e copre il caccia con una protezione radio-elettronica che impedisce al missile di colpire il bersaglio, deviandolo dalla rotta. Il Khibinij aumenta la sopravvivenza del velivolo di 25-30 volte. E’ il sistema di cui si parla nel caso del famigerato incidente dell’USS Donald Cook, nel Mar Nero, avvenuto il 12 aprile 2014. Allora, illazioni sui media suggerirono che un Sukhoj Su-24 russo equipaggiato con il nuovissimo sistema di jamming avesse paralizzato nel Mar Nero l’avanzatissimo sistema di gestione del combattimento statunitense Aegis, installato sul cacciatorpediniere USS Donald Cook. L’uso della forte spinta dei motori è un altro fattore significativo che distingue il Sukhoj Su-35 dal predecessore Su-27. I nuovi motori sono stati sviluppati dalla NPO Saturn, una società controllata dall’UEC e noti con la designazione 117S. I nuovi motori sono un importante aggiornamento del motore AL-31F utilizzando tecnologie di quinta generazione. L’aggiornamento ha aumentato la spinta del motore del 16%, a 14500 kg/s con i postbruciatori, e a 8800 kg/s di spinta massima asciutta. Il motore ha una vita significativamente prolungata (di 2 – 2,7 volte) rispetto all’AL-31F: da 500 a 1000 ore tra le riparazioni (e 1500 ore di funzionamento prima della prima revisione), con una vita totale che passerebbe da 1500 a 4000 ore.FzkoQB4Nuove regole d’ingaggio sul campo di battaglia e nell’arena diplomatica
Elia J. Magnier, Fort Russ, 1 febbraio 2016

557168_risultatoUna fonte, un alto ufficiale del comando operativo congiunto tra Siria, Russia, Iran ed Hezbollah, ha detto che “la Russia ha deciso nuove regole d’ingaggio sul confine siriano-turco, rafforzando Aeronautica ed Esercito della Siria. La Russia ha ristrutturato e aggiornato i MiG-29SMT siriani per proteggere le squadriglie russe, con il chiaro ordine di abbattere gli aerei turchi che entrano nello spazio aereo siriano“. La fonte continua dicendo ad al-Rai che, “L’accordo precedentemente concluso con la Turchia, durante la presidenza del defunto Hafiz Assad, nel 1998, secondo cui alcuna unità aerea siriana doveva avvicinarsi a meno di 15 km dal confine turco-siriano (accordo con cui la Siria espulse il leader curdo Abdullah Ocalan, dopo che la Turchia aveva schierato 10000 soldati minacciando d’invaderla). L’accordo prevede, inoltre, che alcun battaglione dell’esercito va schierato e che solo ufficiali e personale di controllo alle frontiere sono ammessi; ma questo è andato in malora“, aggiungendo “è passato il tempo in cui si evitava l’affermazione che “Isqandarun sarà liberata” dai libri di scuola, è passato anche il tempo in cui la Turchia abbatteva velivoli siriani. Il sogno turco di creare una zona di sicurezza è morto, e con esso le linee di rifornimento in uomini e armi ai turcomanni siriani per minare Damasco. Dopo l’intervento diretto della Russia in Siria vi sono cambiamenti drastici, soprattutto dopo l’abbattimento del bombardiere Sukhoj Su-24 russo nel novembre scorso ad opera di un F16 turco, rendendo questo aereo il più costoso del genere, causando perdite strategiche ed economiche ad Istanbul”. La fonte spiega inoltre “che la Russia, dall’abbattimento del suo aereo, ha inviato i Sukhoj Su-30 che daranno ai russi la supremazia aerea prima mancante e inoltre, schierando il sistema missilistico antiaereo S-400, la Russia ha dispiegato ulteriori armi d’assalto pesanti, riguadagnando la maggior parte del governatorato di Lataqia, spezzando le milizie turcomanne considerate un braccio armato della Turchia, e soprattutto dando all’EAS una spinta morale, dopo aver aggiornato i MiG-29 nei MiG-29SMT installandovi il radar Zhuk-M capace d’inseguire 10 bersagli e di agganciarne 4 contemporaneamente, a 120 km di distanza; rendendoli capaci lanciare i letali missili R-77, anch’essi installati su questi velivoli assieme ad altri gadget come un dispositivo di disturbo radio e un aggiornamento che consente di usare altri missili e bombe avanzati come la KAB-500S-E. Questi aggiornamenti rendono il MiG-29SMT il più avanzato aereo di quarta generazione“.
La fonte conferma che “La Russia ha chiesto alla Siria di condurre pattugliamenti continui sul confine siriano-turco, per garantire la sicurezza dei bombardieri russi. La Russia ha stabilito nuove regole d’ingaggio, autorizzando l’Aeronautica siriana, in particolare la squadriglia di MiG-29SMT, ad impegnare tutti gli obiettivi turchi che violino lo spazio aereo siriano o tentino di violarlo. In questo modo la Russia ha dato alla Siria la sovranità in parte persa nel 1998, e completamente perduta dal 2011, all’inizio della rivolta in Siria, e da oggi l’Aeronautica siriana ha il diritto di rispondere a qualsiasi violazione senza conferme dal comando generale, dando sua volta ai siriani una spinta morale, tanto più che il mandato arriva da una superpotenza come la Russia, fisicamente presente in Siria“. Inoltre, “Sul campo di battaglia vi sono molte notizie da media e social media, così come rapporti dell’intelligence, che concludono che gli insorti si scontrano tra di loro per le sconfitte subite dall’EAS, accusandosi a vicenda di tradimento e senza supportare i tanti fronti persi per mano di Hezbollah ed EAS a Lataqia, Hama, Aleppo e Dara. Si prevede che diverse unità di al-Nusra e Jayh al-Fatha (al-Qaida) diserteranno. D’altra parte, i volontari di EASe NDF aumentano con numerose forze governative addestrate e avanzanti, mentre al contrario il numero di ribelli che si unisce alla causa è in costante diminuzione, dato che Amman ha smesso di aiutarli sul fronte meridionale; ciò è accaduto quando la Russia ha raggiunto un accordo con i giordani. È intenzione della Russia chiudere i confini porosi con Turchia e Giordania, impedendo eventuali rinforzi agli insorti; e anche nella regione ad ovest dell’Eufrate, russi e siriani bombardano le rotte dei rifornimenti ostacolando qualsiasi tipo di aiuto militare o non militare. La Russia ha preso l’iniziativa in Siria, ponendosi su una posizione dominante su tutto il Paese. Politicamente, a Ginevra, i russi sono decisi a non concedere nulla all’opposizione che metta in pericolo le avanzate sul campo di battaglia, e a non accettare chi era o è ancora vicino ai jihadisti salafiti (al-Nusra, Ahrar al-Sham e chi gli ha giurato fedeltà o combatte nelle loro fila). Inoltre, la Russia non fermerà le avanzate nel corso dei colloqui di Ginevra, come indicato nella risoluzione delle Nazioni Unite, soprattutto ora che Damasco e il Cremlino hanno tutte le carte“.1vHSKNmTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia modernizza l’Aeronautica della Siria

Valentin Vasilescu Reseau International 27 gennaio 20161029784662Negli anni 2014 e 2015 le operazioni dell’Aeronautica siriana erano quasi impercettibili per mancanza di pezzi di ricambio, le poche basi aeree con centri di assistenza controllati dall’Esercito arabo siriano e dall’usura di quattro anni di guerra civile. Paradossalmente, gli aerei più utilizzati erano 52 MiG-21MF/Bis, 24 Su-22M4 e 36 L-39 che non furono aggiornati ed erano i più vecchi delle forze armate siriane. Un contratto del 2010 permise d’inviare nell’impianto aeronautico russo No. 514 ARZ di Rzhev i 24 bombardieri Su-24MK siriani, sostituendone i motori nello standard Su-24M2. I Su-24M2 siriani sono dotati del sistema integrato di navigazione e puntamento armi (NSP-M) come quelli russi che operano dalla base aerea di Humaymim. Tutti i 21 Su-24M2 sono attualmente operativi in Siria. Questi bombardieri saranno estremamente utili per le future operazioni dell’Esercito arabo siriano perché hanno un ampio raggio d’azione e possono trasportare 8 tonnellate di bombe o missili. Dopo la firma dell’aiuto militare tra Russia e Siria il 26 agosto 2015, un distaccamento di ingegneri e tecnici russi, così come attrezzature e mezzi della società Mikojan fur dispiegato via aerea sulla base per le riparazioni di Mazah, a sud-est di Damasco. La Russia forniva alla Siria motori nuovi o riparati, kit di aggiornamento e parti di sottoinsiemi di diversi tipi di aeromobili delle forze siriane. La base di riparazione di Mazah aveva riparato un primo lotto di vecchi MiG-21, Su-22M4 e L-39, estendendone l’operatività. La Siria ha 34 k3LLz9eMiG-29A/B, mai modernizzati e riportati nella base per riparazioni di Mazah, dove gli esperti russi li hanno modernizzati sostituendone l’avionica obsoleta. Dopo la distruzione del bombardiere Su-24 russo da parte di un F-16 turco, gli appena aggiornati MiG-29A siriani iniziavano a scortare i bombardieri Su-25, oltre ai 16 aerei Su-30SM russi schierati nella missione in Siria. Alla fine del 2013, la Siria firmò con la Russia un contratto da un miliardo di dollari che prevedeva l’acquisto di 24 nuovi aerei MiG-29SMT o M/M2. I primi 9 MiG-29SMT arriveranno in Siria nel primo trimestre del 2016, il resto nel 2017. Il MiG-29SMT è un caccia multiruolo, il cui radar N019MP rileva bersagli ad una distanza di 150 km e genera la mappa digitale dei bersagli terrestri sul terreno sorvolato. Si può quindi impiegarlo per attaccare bersagli terrestri utilizzando bombe intelligenti e missili. Nel 2012, la Siria firmò un contratto da 550 milioni di dollari per 36 nuovi aerei Jak-130. Lo Jak-130 è un velivolo d’addestramento avanzato per passare ai caccia della generazione 4++, con una tangenza di 12500 metri e una velocità massima di 1050 km/h. Lo Jak-130 ha l’avionica dei Su-35 e sotto la fusoliera viene montato un contenitore Platan per guidare armi intelligenti, permettendogli di effettuare missioni di attacco al suolo. Può trasportare tre tonnellate di bombe intelligenti (da due a tre volte rispetto a MiG-21 e MiG-23), missili aria-terra e missili aria-aria. Secondo il contratto, gli Jak-130 avrebbero dovuto essere consegnati alla Siria dal 2014, ma furono conservati presso lo stabilimento d’Irkutsk in Russia, su richiesta degli Stati Uniti. Lo Jak-130 è un nuovo tipo di aeromobile, con l’avvio dei bombardamenti in Siria i russi lo testano in condizioni di combattimento reali, e sono decisi a consegnare l’intero lotto di 36 aerei nella prima metà del 2016. Il caccia MiG-23 e la sua versione d’attacco al suolo MiG-27 sono equipaggiati con motori Tumanskij R-29-300 dalla spinta di 12500 kg/s (il motore dell’F-16 ne sviluppa 10800 kg/s). Nel 2015 la Russia consegnò motori e componenti all’Aeronautica siriana per riattivare 64 MiG-23ML/MLD. Fonti russe affermano che colloqui si sono svolti per modernizzare questi aeromobili allo standard MiG-23-98, una versione per l’esportazione in Angola del 2013. Il radar di bordo, RP-23 Sapfir, che ha un raggio di rilevamento di 40/60 km e un peso di 500 kg, viene sostituito dal Moskit-23, con un raggio di rilevamento esteso a 90/100 km . La versione da caccia ha i missili aria-aria R-77 e R-27 (range 80-120 km). Il MiG-23-98 ha anche attrezzature OLS-M, classe LANTIRN, che permettono la navigazione notturna, di rilevare con gli infrarossi bersagli a terra e guidare armi intelligenti utilizzate dai bombardieri russi in Siria. Non è chiaro se gli aerei siriani inviati nella base di riparazione Mazah siano solo stati riparati o siano stati aggiornati allo standard MiG-23-98, ma sono tornati a volare alla fine di dicembre 2015 compiendo missioni di attacco al suolo presso Damasco. Sempre nel dicembre 2015, la Russia trasferiva all’Aeronautica siriana una grande quantità di missili e bombe, comprese munizioni intelligenti. Sotto la supervisione di piloti istruttori russi, i siriani effettuarono il primo bombardamento con armi intelligenti. [1]. Negli ultimi 30 giorni, l’Aeronautica siriana è diventata sempre più attiva, eseguendo 481 missioni, durante le quali colpiva 1662 obiettivi a terra dei jihadisti.
blogger-image--1600646868In un precedente articolo ho spiegato che il bombardamento dell’Aeronautica russa e l’avanzata delle forze di terra siriane, negli ultimi tre mesi, hanno creato le condizioni per lanciare un’offensiva generale in Siria che potrebbe essere avviata ai primi di marzo 2016 [2]. Un’operazione di terra su larga scala in Siria richiederebbe il doppio delle missioni giornaliere dei bombardieri russi, attualmente di stanza nella base aerea di Humaymim. La Russia ha trovato una soluzione ingegnosa per evitare di dover aumentare il numero dei bombardieri in Siria con l’ammodernamento della flotta di aeromobili dell’Esercito arabo siriano. Così ora la Russia può contare su una flotta supplementare di 66-130 velivoli siriani modernizzati (9 MiG-29SMT, 21 Su-24M2, 36 Jak-130 e probabilmente 64 MiG-23-98) oltre ai 64 aerei da combattimento russi schierati nella base aerea di Humaymim nel Governatorato di Lataqia (24 Su-24M2, 12 Su-25, 12 Su-34 e 16 Su-30SM). Inoltre, la Russia può contare su altri 112 aeromobili MiG-21, Su-22M4 e L-39 non ancora modernizzati, ma riparati e pronti. Un altro vantaggio è che le basi aeree siriane sono meno congestionate di Humaymim, da ciascuna delle quali possono operare 24-36 aeromobili. L’Aeronautica siriana ha 10 basi in vari governatorati: Homs (basi aeree di al-Qusayr, Tiyas e Shayrat), Hama (base aerea di Hama), Damasco (basi aeree di Sayqal, Nasirya, al-Dumayr e Marj Ruhayil) e Suwayda (basi aeree di Thalah e Qalqalah).rt3[1]. Le munizioni “intelligenti” utilizzate dalla Russia alla Siria.
[2]. La situazione militare in Siria.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Cina e Russia sfidano la ‘Prima Marina’

F. William Engdahl New Eastern Outlook 21/01/2016PCN-SPO-CART.-marines-russo-chinoises-en-Mediterranée-2015-05-14-ENGLI principali pianificatori militari degli Stati Uniti dopo la guerra ispano-statunitense del 1898 studiarono con attenzione il modello imperiale dei cugini inglesi. Dal 1873, mentre l’economia inglese sprofondava in quello che chiamarono Grande Depressione, uomini come Junius Pierpont Morgan, il banchiere più potente degli USA, Andrew Carnegie, il più grande produttore di acciaio, John D. Rockefeller, il primo oligarca monopolista del petrolio degli USA, capirono che gli Stati Uniti potevano rivaleggiare con la Gran Bretagna come prima potenza mondiale se avessero avuto una “Marina seconda a nessuno”. Il dominio navale degli Stati Uniti potrebbe presto svanire dalle pagine della storia. Si guardi con attenzione ciò che Cina e Russia compiono sui mari strategici. Nell’agosto 2015 si verificò un evento dal durevole significato strategico, causando costernazione a Washington e nella NATO. Russia e Cina, le due grandi nazioni eurasiatiche, s’impegnarono in esercitazioni navali congiunte nel Mar del Giappone, al largo delle città portuale dell’Estremo Oriente della Russia Vladivostok. Commentandone il significato, il Viceammiraglio Aleksandr Fedotenkov, vicecomandante della Marina militare russa, disse al momento che la “portata dell’esercitazione è senza precedenti”, con 22 navi russe e cinesi, 20 aerei, 40 veicoli corazzati e 500 uomini per parte. Le esercitazioni erano antiaeree e antisom. Era la seconda fase delle esercitazioni navali congiunte sino-russe Sea Joint 2015, iniziate a maggio, quando 10 navi russe e cinesi effettuarono le prime esercitazioni combinate nel Mar Mediterraneo. L’importanza strategica delle esercitazioni navali russo-cinesi nel Mediterraneo e al largo delle coste di Cina ed Estremo Oriente della Russia, non erano che la punta di ciò che è chiaramente una grande strategia militare congiunta che potenzialmente sfida il controllo dei mari degli Stati Uniti. La supremazia navale è stato il puntello fondamentale della proiezione di potenza statunitense. Nel Mediterraneo, la Russia ha una base navale nella siriana Tartus, conosciuta tecnicamente come “punto di supporto tecnico-materiale”. Per la Russia, la base siriana è strategica, l’unica nel Mediterraneo. Se è necessaria alla Flotta del Mar Nero russa in Crimea come base per operazioni di sostegno all’intervento militare in Siria, Tartus è inestimabile, come pure per le varie operazioni oceaniche russe.

La prima base estera della Marina cinese
563424Un altro evento apparentemente minore ha avuto luogo verso la fine del 2015 causando pochi commenti nei media mainstream. La Cina annunciava trattative con il governo di una delle nazioni più piccole e più strategiche del mondo, la Repubblica di Gibuti, per una base navale. Gibuti ha una fortuna geografica, o sfortuna, essendo situata nel Corno d’Africa, direttamente sullo stretto davanti al vicino Yemen, dove è in corso un’aspra una guerra tra la coalizione wahabita dell’Arabia Saudita contro gli sciiti huthi, sulla stretto strategica dove il Mar Rosso si apre nel Golfo di Aden. Gibuti confina con Eritrea a nord, Etiopia a ovest e sud, e Somalia a sud-est. La prima base navale estera della Cina è in fase di negoziati con Gibuti, su una delle più importanti rotte petrolifere e commerciali del mondo verso la Cina. Tecnicamente, la base cinese sarebbe un modesto centro logistico per i pattugliatori cinesi impegnati nelle operazioni delle Nazioni Unite per il controllo dei pirati somali. Il Ministero degli Esteri di Pechino ha dichiarato che la nuova base sarà semplicemente una infrastruttura militare marittima in Africa per assistere la Marina cinese nell’adempimento delle missioni internazionali di pace sotto l’egida delle Nazioni Unite. Significativamente, i cinesi hanno scelto il desolato piccolo Paese di Gibuti, con soli 850000 abitanti, dove la Marina degli Stati Uniti ha anche la sua unica base in tutta l’Africa, Camp Lemonnier. Camp Lemonnier è un’United States Naval Expeditionary Base, l’unica base permanente dell’US AFRICOM, e il centro di una rete di sei basi per i droni da ricognizione degli Stati Uniti in Africa. Il porto di Gibuti è anche sede di installazioni militari italiane, francesi, giapponesi e pakistane. Ottimi vicini. Nonostante il fatto che sia un modesto piccolo impianto rispetto Camp Lemonnier, l’importanza geopolitica per la Cina e il futuro dell’egemonia statunitense navale è molto più grande. Vasilij Kashin, esperto militare cinese del Centro per l’analisi delle strategie e delle tecnologie di Mosca, ha detto a un giornale russo, “il significato politico dell’evento ne esalta l’importanza militare. Dopo tutto, sarà la prima vera base militare cinese all’estero, anche se viene ridimensionata nella forma“. Kashin ha inoltre sottolineato che i piani per la base di Gibuti sono ” forte indicazione che la Cina diventa una grande potenza navale a tutti gli effetti, alla pari di Francia e Gran Bretagna, se non di Russia e Stati Uniti. È un’indicazione che Pechino cerca di proteggere i propri interessi all’estero, anche attraverso l’uso delle forze armate. E i suoi interessi sono considerevoli”. L’analista politico statunitense James Poulos scrivendo per The Week, pubblicazione di Washington, ha avvertito che la presenza di Washington nel continente africano ricco di risorse svanisce mentre la Cina è in forte crescita. Osserva: “…l’Etiopia ha appena cacciato gli Stati Uniti da una base per droni che Washington sperava di ampliare… In altre parole, la Cina s’installa a Gibuti, e gli Stati Uniti si ritrovano limitati a quel Paese per le operazioni in Africa orientale, punto d’appoggio precario in un ambiente competitivo. Quest’anno, l’Africa potrebbe diventare un nuovo albatro per gli Stati Uniti, e una nuova ancora di salvezza per la Cina“.

L’US Navy non è più ‘seconda a nessuno’
Dalla preparazione all’entrata nella prima guerra mondiale nel 1917, con il passaggio al Congresso della legge di espansione navale del 1916, la strategia di Washington era costruire una Marina “seconda a nessuno”. Oggi, almeno per numeri, gli Stati Uniti sono ancora “secondi a nessuno”. Ma solo sulla carta. La Marina dispone di 288 navi da combattimento, con un terzo pronto in qualsiasi momento. Ha dieci portaerei, più del resto del mondo. Ha 9 navi d’assalto anfibio, 22 incrociatori, 62 cacciatorpediniere, 17 fregate e 72 sottomarini, di cui 54 d’attacco nucleare. L’US Navy ha anche la seconda maggiore forza aerea del mondo, con 3700 velivoli, ed è anche la più grande marina militare in termini di effettivi. Guardando le potenzialità combinate delle flotte cinese e russa il quadro assume una dimensione del tutto diversa, cosa di cui i pianificatori del Pentagono appena si rendono conto, dato che guerre e provocazioni politiche insensate dei neo-conservatori contro la Cina con l’Asia Pivot di Obama, e contro la Russia con l’Ucraina, hanno materializzato nella realtà geopolitica della cooperazione militare sino-russa di oggi, più vicini che mai nella storia. Negli ultimi 25 anni di modernizzazione economica, la People Liberation Army Navy, PLAN, s’è drammaticamente trasformata in una vera marina militare oceanica, un’impresa notevole. La PLAN ha attualmente una portaerei e altri due in costruzione, 3 navi d’assalto anfibio, 25 cacciatorpediniere, 42 fregate, 8 sottomarini d’attacco nucleare e circa 50 sottomarini d’attacco convenzionale, 133000 effettivi, tra cui il Corpo dei Marines cinese. L’Aeronautica della PLAN ha 650 aerei, tra cui i caccia imbarcati J-15, caccia multiruolo J-10, velivoli da pattugliamento marittimo Y-8 ed elicotteri antisom Z-9. Se poi si combina con la Marina russa, attualmente in fase di notevole modernizzazione dopo l’abbandono alla fine della guerra fredda, il quadro è duro per Washington, per dirla caritatevolmente. La Marina russa ha 79 grandi navi, tra cui una portaerei, 5 incrociatori, 13 cacciatorpediniere e 52 sottomarini. La potenza navale della Russia è la forza sottomarina con 15 sottomarini d’attacco nucleari, 16 sottomarini d’attacco convenzionali, 6 sottomarini lanciamissili da crociera e 9 sottomarini lanciamissili balistici. I 9 sottomarini lanciamissili balistici rappresentano la preziosa capacità di secondo colpo nucleare della Russia. La Russia prevede di acquisire almeno un’altra portaerei, una nuova classe di cacciatorpediniere lanciamissili, i sottomarini lanciamissili balistici Borej II, i sottomarini d’attacco nucleare Yasen II e i sottomarini attacco convenzionali Kilo e Lada migliorati. La Russia vive una “profonda modernizzazione” della flotta sottomarina. Nel 2013 la flotta ricevette un nuovo sottomarino a propulsione nucleare lanciamissili balistici (SSBN) classe Borej, e ne prevede altri cinque nel prossimo decennio. La flotta ha una nave d’assalto anfibio classe Djugon del 2014. La modernizzazione è parte del grande programma navale della Russia dei prossimi 20 anni, chiaramente suscitata dall’incessante ricerca dagli Stati Uniti della destabilizzante strategia con la Difesa anti-Missile Balistico volta contro la forza nucleare della Russia. Un altro sottomarino lanciamissili balistico a propulsione nucleare, SSBN della classe Borej Vladimir Monomakh, è operativo dal 2015. La nave gemella della classe Borej, l’SSBN Aleksandr Nevskij, ha recentemente condotto un riuscito test di lancio del missile balistico intercontinentale Bulava nella penisola della Kamchatka. I nuovi sottomarini avranno implicazioni nelle operazioni strategiche nucleari nel Pacifico: saranno più silenziosi e in grado di trasportare il doppio delle testate nucleari rispetto all’attuale classe Delta III, e molto più precise. Gli SSBN della classe Borej da Rybachij pattuglieranno il Pacifico ufficialmente in compiti di dissuasione per proteggere la Russia. Il primo di 6 sottomarini nucleari d’attacco multiruolo (SSGN) classe Yasen, progettati per entrare in servizio in Estremo Oriente nei prossimi dieci anni, entreranno nella Flotta del Pacifico nel 2017 al più presto. Nell’insieme, la significativa esperienza navale russa durante la Guerra Fredda, in combinazione con l’ambiziosa espansione e creazione di una moderna marina militare oceanica cinese, sfidano il dominio navale mondiale degli USA come mai prima. Questo potrebbe essere un buon momento per le istituzioni e i pianificatori militari degli Stati Uniti per considerare dei piani per evitare la guerra mondiale, prima che sia troppo tardi. Ingenuità? Forse.134548662_14403811733121nF. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, laureato in Scienze Politiche all’Università di Princeton è autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook“.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia schiera missili antiaerei in Siria, e gli aerei della NATO scompaiono

Daniel Fielding Russia Insider, 6/1/2016

I media inglesi confermano che la campagna aerea inglese in Siria è completamente ferma. I media statunitensi confermano che la campagna aerea degli USA sul nord della Siria si è fermata dopo che i russi hanno installato missili antiaerei.9M317_surface-to-air_missile_of_Buk-M2EQualche settimana fa ho scritto un pezzo dicendo che tutto il fuoco e i tuoni in Gran Bretagna per la decisione del governo Cameron di bombardare la Siria era inutile, perché il contributo militare inglese nella guerra in Siria sarebbe stato militarmente irrilevante. Gli eventi mi hanno pienamente dato ragione. Il coinvolgimento totale militare inglese in Siria ammonta a tre missioni di attacco, effettuati a cinque giorni dall’approvazione parlamentare. Sembra che non più di 19 bombe siano state gettate, meno di un Tu-22M russo in un solo attacco. Probabilmente sottovalutando anche la differenza tra le bombe che può trasportare il Tu-22M, di gran lunga più pesanti delle bombe che un bombardiere inglese Tornado può trasportare. Tutte le bombe sono state sganciate su un obiettivo solo, il giacimento Umar, già bombardato un mese prima dagli Stati Uniti. Un articolo del Daily Telegraph espone l’entità del fiasco, e conferma che non ci sono stati bombardamenti inglesi in Siria dal 6 dicembre 2015. Il fatto che i tre attacchi inglesi furono sul giacimento Umar, per inciso significa che non possono essere stati gli aerei inglesi a bombardare la base siriana di Dair al-Zur. Il governo inglese non ha spiegato l’assenza di un qualsiasi serio bombardamento dello Stato islamico in Siria dall’inizio teorico della campagna di bombardamenti inglese. La verità è che, date le dimensioni militari inglesi, e quelle francesi e tedesche, che scompaiono di fronte a Stati Uniti e Russia, l’eventuale contributo inglese è stato e sempre sarà simbolico. Tuttavia la dimensione francamente patetica dei bombardamenti inglesi suggerisce che ci sia qualcos’altro. L’articolo del Daily Telegraph conferma non solo che i bombardamenti inglesi in Siria si sono virtualmente fermati. L’articolo conferma anche che tra il 1° e il 22 dicembre 2015, la coalizione statunitense aveva effettuato solo 148 raid aerei in Siria. Li si confronti alle 164 sortite svolte dai russi in tre giorni a dicembre (dal 25 al 28 dicembre 2015) e alle oltre 5200 sortite condotte dai russi dall’inizio della loro campagna di bombardamenti in Siria, il 30 settembre 2015. Il Daily Telegraph sostiene che tale assenza di sortite da parte di USA e alleati in Siria sia causata dalla presunta preoccupazione di evitare vittime civili, e dall’assenza di obiettivi. Nonostante le smentite prevedibili, la spiegazione più probabile è l’enorme aggiornamento delle difese aeree russe e siriane, avutosi dall’abbattimento turco del Su-24 a novembre. Non solo i russi hanno schierato il sistema missilistico antiaereo S-400 in Siria, ma sembra che abbiano fornito all’Esercito arabo siriano avanzati sistemi missili antiaerei Buk, aggiornando in modo significativo le difese aeree della Siria. E’ probabile che “consiglieri” russi “aiutino” i siriani a gestire questi sistemi. Un articolo di Bloomberg implica che i sistemi Buk (denominazione NATO del “SAM-17”) siano controllati dai russi. Bloomberg dice che aerei da bombardamento statunitensi in Siria sono stati monitorati (“illuminati”) dai radar associati al sistema Buk, spingendo gli Stati Uniti a fermare del tutto i bombardamenti sulla Siria settentrionale. Se è così, allora potrebbe spiegare perché i bombardamenti inglesi siano sospesi. Essendo politicamente imbarazzante per gli inglesi, e gli statunitensi, ammettere che la presenza russa in Siria impedisce i loro bombardamenti in Siria, è comprensibile il motivo per cui i rappresentanti degli Stati Uniti, consultati dal Daily Telegraph, non parlino tirando fuori invece la traballante scusa di essere a corto di obiettivi. Indipendentemente dal vero motivo del fallimento della campagna di bombardamenti inglesi e statunitensi, ora è più chiaro che mai che gli unici che realmente combattono lo Stato islamico e i vari altri gruppi terroristi in Siria, siano russi, siriani e loro alleati, e nessun altro.
L’articolo è apparso originariamente sul Daily Telegraph:
La controversa campagna aerea della Gran Bretagna in Siria è stata bollata “insignificante”, dopo che è emerso che la RAF ha effettuato un solo attacco nel Paese nelle ultime quattro settimane. Da quando i parlamentari hanno votato per la guerra in Siria il 1° dicembre, più di un mese fa, Tornado e Typhoon della RAF hanno svolto solo tre missioni di attacco, tutte nei primi cinque giorni di operazioni. Alcun attacco della RAF su un qualsiasi bersaglio in Siria dal 6 dicembre, 28 giorni fa, può essere notato. L’unico ulteriore attacco avvenne a Natale con un aereo telecomandato, un drone Reaper, portando il numero totale di missioni di attacco inglesi a quattro. I dati diffusi dal Comando Centrale indicano che nelle loro missioni, Tornado e Typhoon possono aver sganciato minimo 19 bombe. Le rivelazioni mettono in dubbio le affermazioni del segretario alla Difesa Michael Fallon, che all’inizio dell’operazione in Siria il Regno Unito “incendiava il tempo” con un “fuoco intenso” colpendo le infrastrutture. Dicendo che ciò che chiamava “assalto” della RAF avrebbe messo la Gran Bretagna dalla “periferia” al “centro” della campagna aerea. Fallon inoltre affermò che le missioni con equipaggio nella prima settimana di dicembre erano stati un “successo” infliggendo “un serio colpo” allo SIIL. Di fatto, però, tutte le missioni con equipaggio della RAF furono contro un bersaglio, il giacimento di Umar, che già subiva l'”incapacità a lungo termine” per opera di un molto più grande raid statunitense del 21 ottobre, sei settimane prima, secondo un portavoce militare statunitense, Maggiore Michael Filanowski, nella conferenza stampa del giorno seguente. La Gran Bretagna ha effettuato una serie di ulteriori missioni di ricognizione sulla Siria, e ha continuato a compiere attacchi aerei su obiettivi dello SIIL in Iraq, effettuati prima che i parlamentari votassero il mese scorso. “C’è uno scollamento quasi completo tra l’acceso dibattito politico inglese sulla Siria e quello che il governo ha effettivamente fatto“, ha dichiarato Jon Lake, esperto di aeronautica militare. “La campagna aerea della Gran Bretagna in Siria finora è fondamentalmente insignificante, o può avere avuto poco, nel caso, impatto sull’equilibrio di potere sul campo“. Nel corso di una conferenza stampa congiunta con il segretario della Difesa Ash Carter a Washington, l’11 dicembre, Fallon affermava che la RAF avrebbe svolto “più attacchi di precisione contro le infrastrutture chiave”, tra cui “pozzi petroliferi, depositi di munizioni, logistica, comando e controllo, rotte tra Siria e Iraq“. Tuttavia non è successo, anche perché entrambe le nazioni, che operano secondo regole rigorose per impedire vittime civili, in gran parte hanno esaurito gli obiettivi siriani.
Il 1° dicembre, il giorno in cui la Gran Bretagna aderiva alla campagna aerea sulla Siria, il principale portavoce degli Stati Uniti, Colonnello Steve Warren, disse che non vi furono bombardamenti quella settimana perché, “non abbiamo avuto obiettivi negli ultimi due giorni, o non abbastanza“. Tra il 1° e il 22 dicembre, secondo i dati del Comando Centrale (CENTCOM), che dirige le operazioni aeree, la coalizione anglo-statunitense ed altri effettuò 148 attacchi aerei sulla Siria, una media di appena 7 al giorno o 49 alla settimana, meno del tasso già molto basso di attacchi alla Libia nel conflitto del 2011, meno della metà del numero di attacchi aerei nella campagna aerea sul Kosovo e una piccola frazione dell’intensità vista nelle precedenti campagne in Iraq. Il Generale Mark Welsh, Capo di Stato Maggiore dell’US Air Force, dichiarava: “Non assomiglierà mai alla prima campagna aerea della Guerra del Golfo. È il solo intento della strategia decisa, che si sia d’accordo o no“. Dei 148 attacchi aerei sulla Siria tra 1 e 22 dicembre, gli Stati Uniti ne effettuarono 127 e il “resto della coalizione” 21, secondo i dati del CENTCOM. È noto che i velivoli francesi hanno effettuato due attacchi in quel periodo, il che significa che non più di 19 attacchi furono effettuati dalla RAF. Un “attacco” significa che almeno una bomba fu sganciata o un missile sparato. Il ministero della Difesa inglese segnala tre missioni di attacco della RAF in Siria, dicendo di aver colpito almeno 17 obiettivi. L’attacco del drone del 25 dicembre vide il lancio di un solo missile Hellfire su un posto di blocco dello SIIL a sud di Raqqa. Il ministero della Difesa ha detto che il contributo della RAF nella ricognizione sulla Siria è più significativo, con alcuni rapporti indicare il 60 per cento della ricognizione tattica della coalizione. Ma non ha voluto specificare il numero delle missioni da ricognizione, però.1525999_-_mainTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Sirian Express: Come la Marina russa rifornisce la Siria

Viktor Stojlov Interpolit South Front

COPz0lKUkAAW7SnIl termine “Sirian Express” nacque spontaneamente nel 2012, dopo il significativo incremento delle attività delle navi da sbarco russe, che regolarmente rifornivano di armi la Siria. La decisione di avere navi militari per trasportare materiale è dovuta all’impossibilità di ritardarle e d’ispezionarle da Paesi terzi. Secondo diverse fonti, la Marina ha inviato con “Sirian Express” 15 navi da sbarco, da trasporto e ausiliarie di diverse classi delle flotte russe di Mar Nero, Mar Baltico, Mare del Nord. Le navi mercantili civili sono usate attivamente dal “Sirian Express” sotto le bandiere di diversi Paesi. Così, secondo la società navale Stella Polare, se sette navi raggiunsero il porto siriano di Tartus a fine agosto, furono 95 le navi mercantili russe dirette a Tartus tra metà settembre e 21 ottobre. Al culmine delle operazioni furono usati anche i traghetti di solito utilizzati in Crimea. Ma non tutta la merce veniva trasportata da navi mercantili, che possono essere controllate da un Paese che partecipa alle operazioni, quindi la Marina russa iniziava ad usare per il trasporto del materiale, navi da carico acquistate in Turchia e Ucraina, come la nave da carico secco Kyzyl-60 (ex-Smyrna, della Turchia), Kazan-60 (ex-Georgij Agafonov, dell’Ucraina), Vologda-50 (ex-Dadali, della Turchia), Dvinitsa-50 (ex-Alican Deval, della Turchia) e altre. Secondo gli esperti navali della NSN, “Sirian Express” coinvolse le seguenti navi, adibite al trasporto della maggior parte del materiale per la Siria:

BDK Nikolaj Filchenkov
La grande nave sbarco della Flotta del Mar Nero Nikolaj Filchenkov (Proekt 1171) può trasportare 1500 tonnellate di attrezzature e 300-400 persone, o in termini di materiale, 45 blindati o 50 autoarticolati.20995778VDK Zesar Kunikov
La grande nave d’assalto anfibio Zesar Kunikov (Proekt 775) può trasportare nella stiva e sul ponte superiore 13 blindati o 20 autotreni per un peso di 500 tonnellate.ceaser-kunikovVDK Azov
La grande nave d’assalto anfibio Azov (Proekt 775) è una gemella della VDK Zesar Kunikov, e può trasportare nella stiva e sul ponte superiore 13 blindati o 20 autotreni per un peso di 500 tonnellate.azov-shipBMST Jauza
Il grande mercantile da carico secco Jauza (Proekt 550M) è una nave unica. La nave è stata modificata per un programma mai realizzato dell’epoca sovietica, il lanciamissili balistici dissimulato Proekt 909 Skorpjon. In conformità ai termini di riferimento, i tubi di lancio per i missili balistici R-29 dovevano essere montati sulla nave, come avviene nei sottomarini nucleari strategici. In totale, la nave avrebbe dovuto ricevere otto Skorpjon. Ogni missile pesava 40 tonnellate.yaunzaNave da trasporto militare Dvinitsa-50
Questa era una nave da carico secco ex-turca, a suo tempo. Il trasporto militare della Marina russa Dvinitsa-50 era la nave da carico turca Alican Deval, un anno prima.dvinicaAereo da trasporto militare An-124-100 Ruslan
E a proposito di “Sirian Express“, non va dimenticato l’aereo da trasporto militare superpesante An-124-100 Ruslan. In totale, vi sono 26 di tali unità. Questo pesante aereo da carico può trasportare 120 tonnellate di merci. Il trasporto di merci su questo aereo è costoso, ma veloce. Il velivolo Ruslan ha permesso il rapido dispiegamento dei nuovi sistemi missilistici antiaerei S-400 Trjumf in Siria, a Lataqia.65430605Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.210 follower