Le notevoli esercitazioni nel Caspio

Análisis Militares

Con tutte le informazioni provenienti dalla Russia, alcuni aspetti importanti passano inosservati o rimangono sullo sfondo. È il caso delle esercitazioni navali condotte nel Mar Caspio nei giorni scorsi, offuscate da altre informazioni, come ad esempio l’ingresso plateale della nuova generazione di armi russe. Per ciò che interessa, l’enfasi sulle esercitazioni va posta sulla fregata Proekt 11661 Dagestan utilizzata come obiettivo di un attacco antinave simulato.

1713584Proekt 11661 Dagestan

La fregata Dagestan agiva da “esca” e gli aggressori erano quattro aerei da ricognizione Sukhoj Su-24MR che conducevano un attacco simulato a bassa quota contro la nave. Non molte informazioni sono state pubblicate su queste esercitazioni, ma si apprende che la fregata Dagestan è stata schierata al largo delle coste del Mar Caspio e i Sukhoj Su-24MR hanno volato a bassa quota verso di essa, simulando un attacco antinave e cercando di evitare il rilevamento radar nascondendosi sotto l’orizzonte radar della nave. Qui sta l’interesse, che nell’esercitazione rientra nell’individuazione del velivolo condotto non dai sensori della nave, ma dal nuovo radar del tipo oltre l’orizzonte (OTH) Podsolnuj di Kaspijsk.

radar oth kaspiysk 2La zona in cui il radar OTH è installato, a Kaspijsk

Le informazioni pubblicate dal Ministero della Difesa russo sono chiare, il radar OTH Podsolnuj di Kaspijsk era il sistema preposto alla rilevazione dell’attacco simulato a bassa quota dei Su-24MR contro la fregata Dagestan nel Mar Caspio. Agendo da sistema di preallarme della flotta, il radar OTH ha rilevato gli aeromobili da Kaspijsk ed inviato le informazioni al Centro Regionale di Controllo della Flotta del Mar Caspio e al comando della nave, che eseguiva un contrattacco simulato contro gli aerei aggressori, distruggendoli. (Articolo del Ministero della Difesa russo)

PODSOLNUH_03Commento: Il rilevamento di minacce a bassa o ultrabassa quota è uno degli obiettivi di qualsiasi sistema di difesa aerea navale. La curvatura della terra impedisce ai radar convenzionali di rilevare obiettivi a lungo raggio a pelo d’acqua e la mancanza di precisione, finora, dei radar di tipo oltre l’orizzonte (OTH) non gli permetteva di poter agire contro tali minacce. L’esercitazione condotta dalla Flotta del Mar Caspio della Marina russa è un traguardo importante perché i russi riuscivano a contrastare una minaccia oltre l’orizzonte a lunga portata con il sistema radar OTH Podsolnuj, anche coordinandosi con una nave in mare per l’intercettazione della minaccia utilizzando l’allarme e i parametri forniti dal radar a terra. Non so se sia mai successo prima, ma certamente non so di alcun altro test del genere finora. Le implicazioni sono chiare. Le navi russe saranno impiegate in aree in cui i radar OTH offrono copertura e sorveglianza oltre l’orizzonte, aumentandone quindi la capacità di difesa aerea, come in questo caso.
Attualmente ci sono radar OTH Podsolnuj in Kamchatka.radar orh kamchatkaNella già citata Kaspijsk.radar oth kaspiysk coberturaE se ne annuncia lo schieramento in Crimea e nella regione artica russa, senza specificarne la località.OTH crimeaPertanto, visto il trend, non sarà strano se qualcuno annuncerà l’adozione di radar OTH Podsolnuj nel Mar Baltico e nel Mare di Barents.

Il sistema di disturbo russo Richag-AV e il drone RQ-170 Sentinel
Valentin Vasilescu – Reseau International 17 aprile 2015

In questo testo, Valentin Vasilescu ci permette, ancora una volta, di capire o almeno indovinare il fondo di alcuni eventi che vediamo da tempo. Da un lato l’aggressivo blocco NATO-USA che pensa solo in termini di attacchi e, dall’altro, attuazione e sviluppo di un sistema di difesa per contrastare tali attacchi, facendo infuriare la battaglia. In un contesto in cui la comunicazione elettromagnetica è fondamentale, i sistemi di disturbo hanno un posto di rilievo nei sistemi di difesa.1584918Il nuovo sistema di disturbo Richag-AV può essere montato su elicotteri, navi e blindati. Il suo raggio di azione è di 250-400 km. Richag-AV è progettato per agire contro radar aerei, navali e terrestri e contro sonar e sistemi elettromagnetici di guida di missili e bombe. I segnali a radiofrequenza vengono ricevuti dalle antenne Richag-AV e confrontati automaticamente con le interferenze nella memoria digitale, identificando il tipo di trasmittente e quindi generando le immediate contromisure. La prima piattaforma mobile certificata dell’esercito russo è il Mi-8MTB. L’esercito russo ha tre di queste piattaforme di disturbo denominate Mi-8MTPR-1. 18 altri elicotteri di questo tipo dovrebbero essere ricevuti nei prossimi 18 mesi. Il costo di un impianto Richag-AV è oltre 10 milioni di dollari. Il Richag-AV sostituisce le vecchie apparecchiature dell’esercito russo, chiamate Smalta e che avevano un raggio di 100 km. Oltre al Richag-AV, l’esercito russo adotta sistemi di disturbo simili L-175B Khibinj, che sarà montato su aerei da caccia, Krasuha-2 e 1L267 Moskva-1 che saranno montati sui blindati dell’esercito.
In un’operazione aerea offensiva, il ruolo del sistema di disturbo Richag-AV è garantire l’apertura di un corridoio che consenta di penetrare la difesa antiaerea del nemico. Due aerei piattaforme del sistema Richag-AV “accecano” i radar di ricerca e puntamento degli aeromobili e della difesa aerea del nemico, anche di sistemi efficienti del tipo MIM-104 Patriot. Il sistema è ideale per dirottare il controllo a distanza dei droni (aerei senza pilota da ricognizione e/o armato) del nemico. È così possibile farli atterrare e catturarli. Il drone più avanzato, costruito da Lockheed Martin (Lockheed Martin RQ-170 Sentinel) appartiene al 432.mo Gruppo da ricognizione di base a Creech, Nevada. Il drone, con un’apertura alare di 20 metri e un peso di 4 tonnellate, è invisibile ai radar ed è propulso da un motore a reazione da 1700 kg/s, volando a una quota di circa 15000 m. Il 4 dicembre 2011, un RQ-170 Sentinel della CIA, durante una missione di spionaggio, sorvolò il nord-est dell’Iran, a 225 km dal confine con l’Afghanistan. Vi furono interferenze nei due canali di controllo (via emittenti satellitari e terrestri), attraverso cui gli statunitensi lo pilotavano. Qualcuno prese il controllo del drone e lo fece atterrare in buone condizioni sull’aeroporto iraniano di Kashmar. Qualcuno aiutò l’Iran a decodificare i dati di volo nella memoria del drone, scoprendo che era decollato dalla base statunitense di Kandahar.

I P5+1 (Russia, Stati Uniti d’America, Francia, Regno Unito, Cina e Germania) hanno recentemente raggiunto un accordo di principio con l’Iran nel settore nucleare e deciso di togliere gradualmente le sanzioni imposte a Teheran. Senza alcun rapporto con l’RQ-170 Sentinel, il Presidente Vladimir Putin ha abolito l’embargo imposto dalla Russia, il 22 settembre 2010, sulla consegna di 5 complessi del missile a lungo raggio S-300.
Per avere un’idea delle notevoli risorse utilizzate dalla Russia per la difesa, vedasi Reseau International.

0_827a9_a762afe1_XXLTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia si prepara alle “Guerre Stellari”

Aleksandr Korolkov, RIR, 15 aprile 2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Il confronto tra Russia e Stati Uniti prende slancio e può, letteralmente, assumere scala cosmica, in riferimento alle tecnologie sviluppate dagli Stati Uniti che, nel prossimo futuro, possono influenzare l’equilibrio di potere globale e minacciare di ridurre il ruolo delle forze nucleari strategiche della Russia.

10153688Un po’ di storia
Una volta che i missili furono inventati per viaggiare nello spazio, i loro creatori decisero altri usi, anche sganciare le armi più potenti esistenti: quelle nucleari. Il Trattato sullo Spazio del 1967 vieta il posizionamento di armi nucleari nello spazio, tuttavia questa condizione non si applica alle armi convenzionali. Quindi, se non è possibile “bombardare” il nemico con missili nucleari dallo spazio, è possibile intercettarli. Tale lacuna fu affrontata nei negoziati che culminarono nella firma del trattato 1972 sulla limitazione della Difesa Missilistica.

Impunità assicurata
Nel 2001 gli Stati Uniti si ritirarono dal trattato ABM e ora posizionano in diversi luoghi del mondo sistemi marini e terrestri Aegis in grado di abbattere missili dalla gittata di 5500 km. Inoltre, hanno intercettori GBI nei silo e creano un intero sistema radar (compreso il SBX flottante) e posizionano gli ultimi complessi THAAD in Corea del Sud per coprire i “vuoti” del sistema di difesa missilistica degli Stati Uniti verso Siberia ed Estremo Oriente russo, dove l’iniziale e più vulnerabile zona di volo dei missili balistici intercontinentali russi è fuori dalla portata dei radar statunitensi. Il 12 aprile 2015 le truppe EKO russe avvistarono un gruppo di satelliti da ricognizione elettronica in orbita. “Questa costellazione di satelliti fu sviluppata per sorvegliare le comunicazioni militari nel territorio della Federazione russa” ha detto Oleg Majdanovich, comandante delle truppe del Comando Spaziale delle Forze di Difesa Aerospaziale. Il Ministero della Difesa non ha indicato la nazionalità dei satelliti spia, ma gli analisti indicano gli Stati Uniti. “Ovviamente parliamo degli Stati Uniti, che possiedono i satelliti da ricognizione elettronici, in particolare della serie ‘Ferret-D’ che operano nel campo superiore dello spettro radio, in cui i sistemi di guida, scoperta e difesa missilistica operano” ha detto alla TASS Igor Korotchenko, caporedattore della rivista ‘Difesa Nazionale’.

Come risponderà la Russia?
La capacità della Russia di rispondere alle minacce esistenti in questo momento sono limitate, non solo dalla geopolitica ma anche dal punto di vista finanziario. Nella situazione attuale, qualsiasi risposta può essere solo asimmetrica. Date tali circostanze, i russi puntano a sviluppare nuovi missili balistici intercontinentali, a creare sistemi di difesa aerea universali con gli S-400 e S-500, e a modernizzare la difesa missilistica di Mosca. I test sono in corso su un nuovo missile del sistema S-400, dalla portata di 400 km, da utilizzare contro bersagli aerodinamici come gli aerei. Distanza e quota esatta in cui i missili possono abbattere (area di sconfitta) non sono specificate, ma sarebbero in grado di distruggere i missili nello spazio orbitale. Allo stesso tempo, si lavora sul sistema di difesa aerea di nuova generazione S-500 e sul nuovo sistema ABM di Mosca A-235, con cui coopererà. L’operatività è prevista per il 2017. Nel frattempo, l’industria della Difesa russa aumenta la produzione di missili per la difesa aerea e antimissile di tre volte rispetto al 2014. In Russia si lavora per garantire l’intelligence costante sui bersagli. Secondo Anatolij Savin, direttore scientifico della JSC Almaz-Antej, un “sistema originale d’intelligence spaziale” è stato creato permettendo d’individuare e tracciare i movimenti negli oceani delle portaerei nonché dei sottomarini strategici della NATO. “Abbiamo cominciato a sorvegliare costantemente praticamente tutti gli oceani del mondo” ha aggiunto. Inoltre, nel prossimo futuro, è previsto l’ampliamento della rete radar autonoma (RLS) nella regione artica.
Lo sforzo di tutta l’umanità è impedire una grande guerra nello spazio. Oggi, gli Stati Uniti non sono disposti a negoziare, spiegando l’assenza del Paese nel sostenere il progetto di trattato globale per impedire il dispiegamento di armi nello spazio, che Russia e Cina preparano dal 2007. In tale situazione, gli Stati Uniti richiedono un grande sforzo per convincersi che l’accordo soddisfa i loro interessi, ciò sarebbe possibile solo con la costruzione delle misure molto asimmetriche in corso in Russia e in Cina. A tal fine, la Cina ha già acquistato il sistema russo S-400.

1057761La Russia modernizza la flotta di caccia-intercettori MiG-31
Il primo lotto di 24 aerei da combattimento modernizzati MiG-31BM entra in servizio
Russia Insider 15 aprile 2015

d_pichugin_mig_31bm_10_1400I primi 24 caccia modernizzati MiG-31BM sono stati consegnati alle forze armate russe. Il Viceministro della Difesa Jurij Borisov ha detto che 10 aerei saranno consegnati alle truppe ogni anno. “Dopo aver completato l’ammodernamento del MiG-31, ci aspettiamo che le forze militari abbiano a disposizione oltre 130 aerei aggiornati dagli eccezionali cruciali parametri tecnici“, ha detto Jurij Borisov, secondo cui circa 12-13 velivoli saranno modernizzati ogni anno. Il viceministro ha sottolineato che l’impianto aeronautico Sokol di Nizhnij Novgorod, dove avviene l’ammodernamento degli aerei, si adatta al programma di sostituzione delle importazioni. Le imprese Rostec producono i vari componenti dell’aeromobile. Ad esempio, i caccia aggiornati ricevono il nuovo sistema di controllo e radar Zaslon-M, sviluppato dal V. Tikhomirov Scientific Research Institute of Instrument Design (NIIP) del KRET. Mentre l’aereo era precedentemente classificato solo come intercettore a lungo raggio, il MiG modernizzato ora può distruggere bersagli aerei e terrestri. Con l’avionica modernizzata, l’efficienza del MiG-31BM è 2,6 volte maggiore rispetto al MiG-31. Il Zaslon-M differisce dal radar originale Zaslon per l’antenna di 1,4 m di diametro. Il raggio di scoperta dei bersagli aerei aumenta a 320 km, e quello d’inseguimento a 280 km. Il sistema radar del MiG-31BM può seguire contemporaneamente 10 bersagli aerei. Il MiG-31 è un caccia-intercettore a lungo raggio biposto supersonico ognitempo progettato per intercettare e distruggere missili da crociera, satelliti a bassa quota, aerei stealth ed altri obiettivi di ogni tipo e ad ogni quota, di giorno, di notte e in condizioni meteo avverse. Un gruppo di quattro aeromobili può controllare 800-900km di spazio aereo anteriore.
La produzione in serie dei MiG-31 iniziò nel 1979. All’inizio del 1992, le forze di difesa aerea dei Paesi della CSI avevano oltre 200 caccia-intercettori MiG-31. Il MiG-31 può superare la barriera del suono in volo livellato o ascendente, mentre la maggior parte degli aerei supersonici supera la velocità del suono in picchiata. Inoltre, il MiG-31 può essere supersonico a quote medie e alte senza usare i postbruciatori.
1013792
I missili cinesi YJ-18 una ‘grave minaccia’ per l’US Navy

Sputnik 15/04/2015
La Cina allestisce nuovi cacciatorpediniere armati di potenti nuovi missili antinave, ponendo una seria sfida alle difese navali statunitensi.052D-Missile-Destroyer-Kunming-172Un recente rapporto dell’Office of Naval Intelligence (ONI) ha confermato le affermazioni del governo cinese che “l’ultima classe di cacciatorpediniere Luyang III è equipaggiata con il nuovo ASCM (missile da crociera antinave) a lancio verticale YJ-18“. Le rivelazioni sul YJ-18, SMC supersonico di ultima generazione, sono uno dei principali aspetti della panoramica dell’ONI sugli sviluppi della Marina dell’Esercito di Liberazione Popolare (PLAN). Finora vi è un solo cacciatorpediniere Luyang III (noto anche come 052D) con il sistema di lancio verticale (VLS) per lo YJ-18, ma la Cina prevede di averne più di 10 operativi entro il 2017. “Questo missile, e il suo cugino aerolanciato YJ-12, sono le principali minacce per l’US Navy“, ha detto al New York Times Lyle J. Goldstein, professore associato nell’Istituto di Studi Marittimi sulla Cina presso l’US Naval War College.Il maggiore aumento della velocità rende il missile molto più difficile da intercettare“. Il rapporto dell’ONI dice anche che il missile viene schierato su tre classi di sottomarini: Song, Yuan e Shang. Il missile avrebbe “una gittata di 180 chilometri a Mach 0,8 e una spinta di 40 km a Mach 2,5-3. Tutti coloro che comprendono seriamente le capacità militari cinesi devono conoscere questo missile”, scrive Andrew Erickson, professore associato presso l’US Naval War College di Rhode Island. Le maggiori velocità e portata del missile, aggiunge Erickson, “insieme ad un profilo di volo a pelo d’acqua e probabilmente un comando via collegamento dati basato su foto da Internet, potrebbero rendere lo YJ-18 estremamente difficile da contrastare“. I timori sulla minaccia rappresentata dallo YJ-18 aumentarono a fine 2014, quando un video apparve sulla CCTV che avrebbe mostrato un test di lancio del missile. In precedenza, la Cina ricorreva alla Russia per i missili, e lo YJ-18 è descritto come una versione locale del 3M54E Klub russo.

La Marina cinese si modernizza ed espande significativamente
Il rapporto dell’ONI, la prima valutazione non classificata sulla Cina dal 2009, dipinge un quadro del piano di miglioramento più qualitativo che quantitativo, ma anche così alcuni numeri, in particolare della Guardia Costiera, sono degni di nota. La PLAN attualmente dispone di 300 navi da combattimento di superficie, sottomarini, navi anfibie e motovedette lanciamissili. Nel 2014, 60 nuove navi hanno raggiunto la flotta, e un numero simile è previsto per il 2015. I cantieri navali cinesi hanno prodotto più navi di qualsiasi altro Paese nel 2013 e 2014. La Guardia Costiera cinese,  denominata “Seconda Marina” della Cina, aumenterà del 25% tra il 2012 e la fine del 2015, più velocemente di qualsiasi altra guardia costiera al mondo, secondo il rapporto. “I principali miglioramenti qualitativi riguardano l’aeronautica navale e la forza sottomarina, sempre più capaci di colpire obiettivi a centinaia di chilometri dal continente cinese“, dice il rapporto concludendo che nel complesso “emerge una forza ben equipaggiata e competente“.

Type 022 (Houbei Class)
Tre sottomarini cinesi puntano i loro missili sugli USA
Pravda 10/04/2015S3NKhL’ammiraglio William Gortney, comandante del Comando Settentrionale degli Stati Uniti, ha detto che la Cina ha schierato tre sottomarini lanciamissili balistici. I sottomarini, secondo il comandante, possono colpire gli Stati Uniti con missili nucleari. Secondo Gortney, i sottomarini potranno colpire gli Stati Uniti quando saranno completamente dotati di missili e testate. Le riserve cinesi sono dispiegati nel Mar Cinese Meridionale in una base sull’isola di Hainan. “Non hanno caricato i  missili o avviato pattugliamenti strategici“, ha detto l’ammiraglio William Gortney, “Ma crediamo che possano iniziare quest’anno“, ha aggiunto. Inoltre, Gortney ha detto riferendosi alle agenzie d’intelligence statunitensi che la Corea democratica può montare una piccola testata nucleare sui nuovi missili intercontinentali autocarrati KN-08. Gortney ha detto che ogni volta che una nazione possiede armi e vettori nucleari che possono raggiungere gli Stati Uniti, “è mia preoccupazione“. E’ la prima volta che un alto ufficiale degli Stati Uniti esprime preoccupazioni sui sottomarini lanciamissili nucleari cinesi.

OSIMINT-DG-May-2011-Sanya-Jin-Class-SSBNTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia rafforza la presenza militare in Crimea

Dmitrij Litovkin, RIR, 9 aprile 2015
Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Negli ultimi dodici mesi, Mosca ha condotto un riarmo radicale e aumentato significativamente le truppe di stanza in Crimea. Ora le truppe schierate nella penisola svolgeranno due funzioni operative: proteggere gli interessi russi in Crimea e controllare la zona marittima. Secondo il ministro della Difesa Sergej Shoigu, alla fine del 2014 nell’ambito dello schieramento di un gruppo autonomo in Crimea, quasi 100 unità, dipartimenti ed organizzazioni sono state create, e nuovo materiale fornito._73334994_ukraine_crimea_generic_map624Precedentemente, per rifornire la Flotta del Mar Nero anche di una sola cartuccia, Mosca doveva coordinarsi con la Verkhovnaja Rada (Consiglio Supremo) d’Ucraina; secondo l’accordo sullo status della Flotta del Mar Nero. Negli ultimi 20 anni, la parte ucraina ha mostrato totale mancanza di volontà nel consentire riparazioni e rifornimenti. Quindi, la flotta si degradò perdendo efficienza e permettendo agli statunitensi di mettere piede nella regione. Navi da guerra statunitensi apparvero nel Mar Nero recentemente, proprio quando apparve chiaro che non erano in pericolo. Una volta che la Crimea ha aderito alla Russia, il quadro è cambiato rapidamente. L’agenzia TASS cita Shojgu dire che ora “il completo addestramento dei gruppi dell’aeronautica in Crimea è stato organizzato, aumentando le forze della difesa aerea“. Secondo il ministro della difesa, nuovi impianti continuano ad essere costruiti in cinque basi nella penisola, e quelli esistenti ricevono grandi riparazioni. Mosca ha l’opportunità di effettuare un radicale rinnovamento delle forze raggruppate nella penisola.

bal_prev06.jpgdbd855d5-7f34-4bb8-ab64-d2f311affbb4LargeDai Tu-22M3 agli Iskander-M
Il rafforzamento delle truppe è avvenuto nel quadro del programma di riarmo per il 2020. Circa 300 nuovi sistemi d’arma ed equipaggiamenti militari sono stati trasferiti in Crimea. Le unità militari hanno ricevuto i più recenti sistemi anticarro semoventi Khrizanthema-S, obici da 152mm Msta-S, e sistemi lanciarazzi multipli Tornado-G. Le truppe costiere sono state rinforzate con il nuovo sistema antinave mobile Bal, dotato di missili da crociera Kh-35 Uran. Secondo il Ministero della Difesa, lo stazionamento di Tu-22M3 e sistemi tattici Iskander-M della penisola è il prossimo passo per ripristinare la presenza russa nella regione del Mar Nero. Lo stazionamento di questi sistemi in Crimea, se necessario, garantisce la distruzione dei missili intercettori statunitensi in Romania. I Tu-22M3 non solo potranno attaccarli con missili da crociera Kh-22 e Kh-15, ma anche eliminare la presenza navale degli Stati Uniti nel Mar Nero. Il presidente del comitato per l’intelligence della Camera Mike Rogers ha riconosciuto ufficialmente il potenziale distruttivo dei missili intercettori avvertendo Mosca con vaghe “minacce”. Questa estate, una delle formazioni missilistiche del Distretto militare occidentale, armata con il sistema missilistico tattico Iskander-M, ed aerei a lungo raggio Tu-22M3, hanno condotto una dimostrazione delle loro capacità sul Mar Nero, nelle esercitazioni per distruggere le cruciali strutture di un nemico immaginario con armi di precisione aerolanciate e terrestri, riferiva il Ministero della Difesa. “I Tu-22M3 permettono di neutralizzare minacce attuali e potenziali nella regione che potrebbero essere rilevanti per la Russia, come i cacciatorpediniere che entrano nel Mar Nero comportando una minaccia diretta alle operazioni delle forze nucleari strategiche russe“, affermava Igor Korotchenko, direttore della rivista “Difesa Nazionale”. La presenza regolare dei Tu-22M3 in Crimea sarà probabile prima del 2016. Non è ancora chiaro quando gli Iskander vi saranno stanziati. Shojgu ha dichiarato inequivocabilmente che tali sistemi e bombardieri saranno schierati sul territorio della Russia in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. “Li mettiamo dove vogliamo!” ha detto il ministro della Difesa.

126476-640Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Per quanto tempo l’US Navy può sopravvivere in una guerra?

L’US Navy è una forza enorme, ma in gran parte basata sui gruppi portaerei che le armi moderne potrebbero aver reso obsolete
Marc Hopf Russia Insider 1 aprile 2015IRGC-torpedo-hits-replica-US-warshipGli USA si vedono come i sovrani degli oceani del mondo. Dopo tutto il Paese, che spende 10 volte per le proprie forze militari dei prossimi nove Paesi, ha la Marina più grande, e avendo dalla guerra del Vietnam affrontato solo avversari militarmente inferiori, è estremamente sicuro di poter sconfiggere tutto e tutti. Non sorprende che alcuni giovani statunitensi indossino t-shirt con la scritta: “United States Navy: il mare è nostro“. Forse dobbiamo affrontare tali orgoglio e arroganza con una certa comprensione, data la superiorità numerica dell’US Navy. In totale, essa ha10 gruppi di portaerei operativi (e 2 in riserva) mentre la Russia e la Cina ne hanno solo uno ciascuno. Le portaerei sono il grande orgoglio della Marina degli Stati Uniti e sono perfette anche per sottolineare visivamente la pretesa di sovranità sui mari. Sono quindi ben volute dai presidenti degli Stati Uniti, come nei discorsi alla gente per dire che tale nazione unica, ancora una volta, ottiene una vittoria eroica. Un momento emozionante (almeno per gli statunitensi), fu quando George W. Bush atterrò con un jet da combattimento sull’USS Abraham Lincoln (non da pilota) e poi, con le parole “missione compiuta” e “lavoro ben fatto”, proclamò al popolo la fine della guerra in Iraq. Come sappiamo, la distruzione dell’Iraq fu effettuata dagli statunitensi con l’operazione chiamata Iraqi Freedom. Possiamo ancora chiederci cosa avesse a che fare con la libertà, ma è un’altra storia. Oltre all’idoneità ai discorsi impressionanti, le portaerei hanno anche, ovviamente, uno scopo militare. Possono essere considerate dei piccoli aeroporti galleggianti, inviando fino a 100 aerei da combattimento sul teatro operativo. Dato che sono equipaggiate con i migliori armamenti, radar e sistemi di difesa, finora non hanno subito quasi alcuna minaccia, tanto più che in passato l’US Navy le parcheggiava preferibilmente al largo delle coste di Stati desertici indifesi. Ma quale sarebbe la potenza dell’US Navy davanti a una pari? Il titolo dell’articolo implica già la risposta: non così buona, e potrebbe essere che i patriottici fan dell’US Navy nascondino subito le magliette nell’armadio. Già negli anni ’70, l’ammiraglio Rickover, “padre della marina militare nucleare“, dovette rispondere alla domanda del Senato degli Stati Uniti: “Quanto tempo le nostre portaerei sopravviverebbero in una battaglia contro la Marina russa“, la sua risposta disilluse: “Due o tre giorni prima di affondare, forse una settimana se rimangono in porto“. La ragione della durata notevolmente ridotta delle portaerei nella battaglia contro i russi, è la mortale minaccia subacquea: i sottomarini moderni, specialmente quelli russi, sono così potenti e difficili da individuare che possano affondare grandi navi e portaerei in un batter d’occhio. La debolezza della Marina degli Stati Uniti, quindi, è la vulnerabilità quando affronta un nemico che, utilizzando il linguaggio degli statunitensi, domina i mari da sotto la superficie. Naturalmente gli analisti militari statunitensi sono consapevoli di tale debolezza, quindi ci si chiede perché l’US Navy aderisca ancora alla dottrina “più grande è meglio” e continua a contare su una flotta di portaerei e grandi navi da guerra. Il colonnello Douglas McGregor, veterano e autore di quattro libri con dottorato di ricerca e analista militare, risponde: “Strategicamente, non ha senso, ma la costruzione di grandi navi, ovviamente, crea molti di posti di lavoro“.
a_zinchuk_su-24_1600Così la minaccia di sottomarini, siluri e missili antinave russi è ben nota dagli statunitensi, un fatto che il libro di Roger Thompson, Lessons Not Learned: The US Navy Status Quo Culture, lo sottolinea. Un breve estratto: “Come Howard Bloom e Dianne Stella Petryk-Bloom avvertirono nel 2003, russi e cinesi hanno il mortale missile SS-N-22 Sunburn a disposizione. Questo massiccio missile a lungo raggio, dotato di testate nucleari o convenzionali, è estremamente difficile da rilevare e distruggere. Secondo il Jane’s Information Group, può distruggere qualsiasi portaerei degli Stati Uniti. Più precisamente, Timperlake (laureato all’Accademia Navale) e Triplett hanno avvertito che il missile Sunburn è progettato per una cosa: distruggere portaerei e incrociatori classe Aegis. Il missile SS-N-22 sfiora la superficie dell’acqua a due volte e mezzo la velocità del suono, fino a poco prima dell’impatto, quando s’impenna e si dirige sul ponte del bersaglio. La testata nucleare da duecento kilotoni è venti volte più potente delle bombe atomiche sganciate su Hiroshima. L’US Navy non ha alcuna difesa contro questo sistema missilistico. Come l’ex-ammiraglio Eric McVadon dice: “Basta per affondare la 7.ma Flotta degli USA (Pacifico) per due volte”“. Inoltre, correlato al concetto della quasi inevitabile debolezza delle grandi navi da guerra, vi è un altro motivo della vulnerabilità della Marina e delle forze armate degli Stati Uniti in generale: arroganza e sottovalutazione connessa degli avversari. Chiunque sottovaluta il nemico diventa imprudente ed ha pessime carte in caso di attacco a sorpresa. Ciò accadde nel 2000, quando la portaerei USS Kitty Hawk fu sorpresa dai russi. Ecco alcuni stralci dell’articolo di Jon Dougherty, “Russian Navy takes Flyover by Surprise” (World Net Daily): “Un paio di aerei da guerra russi sorvolarono almeno tre volte una portaerei degli Stati Uniti di stanza nel Mar del Giappone, ad ottobre, costituendo una gravissima minaccia, tanto che il Pentagono ammise che potevano facilmente distruggere la nave se avessero avuto intenzioni ostili, dice lo Stato Maggiore della Marina. Secondo le notizie, un Su-24 Fencer dell’aeronautica russa, accompagnato da un Su-27 Flanker, sorvolò incontrastato l’USS Kitty Hawk, il 9 ottobre, mentre si riforniva. Caccia e aereo da ricognizione russi fecero un secondo tentativo di avvicinamento alla portaerei il 9 novembre, una replica, secondo il Pentagono e i testimoni a bordo della nave, erano preparati. Ma fu l’incidente di ottobre ad allarmare. Il portavoce del Pentagono Kenneth Bacon disse in conferenza stampa del 30 novembre, che i caccia russi furono rilevati sul radar con largo anticipo, prima dei loro passaggi ad alta velocità. Ufficiali a bordo della nave, che parlarono dell’incidente, concordavano. Tuttavia, quando il centro informazioni operativo della portaerei avvertì il comandante della nave, capitano. Allen G. Myers, che gli aerei russi si avvicinavano, nessuno dei caccia della portaerei decollò. La nave trasporta 85 aerei, secondo i dati della Marina, ed ha un equipaggio di oltre 5500 membri. Testimoni dissero che Myers ordinò immediatamente il decollo dei caccia in allarme, ma la squadriglia della nave era allo status “Alert-30″, con tempo minimo di decollo di 30 minuti, essendo i piloti “nella stanza operativa” e non ai comandi pronti al decollo. Bacon disse solo che ci “può essere stato un leggero ritardo” nel far decollare gli intercettori, spiegando che, poiché la Kitty Hawk si stava rifornendo, non navigava abbastanza velocemente da far decollare i suoi velivoli. Un ufficiale della nave disse, “40 minuti dopo che il CO (comandante) diede l’allarme”, gli aerei russi “fecero un passaggio a 500 nodi, a 200 metri sopra il torrione” della portaerei. Prima che la Kitty Hawk potesse far partire un solo aereo, i caccia russi effettuarono altri due passaggi. Peggio, secondo testimoni, il primo aereo a decollare fu un EA-6B Prowler, aereo utilizzato per disturbi elettronici di radar e difese aeree del nemico, non un caccia in grado d’intercettare aerei militari. L’EA-6B “affrontò il Flanker proprio sopra la nave” disse un testimone”. Il Flanker incombeva… e urlarono aiuto quando finalmente un F/A-18 Hornet dello squadrone gemello decollò e l’intercettò. Ma era troppo tardi”. Il personale osservò che “l’intero equipaggio guardava in su mentre i russi si facevano beffe del nostro scadente tentativo d’intercettarli”. L’amministrazione Clinton minimizzò l’incidente… La BBC, tuttavia, disse che era evidente dalle foto scattate dagli aviogetti russi che ci fosse “panico a bordo”, quando gli aerei li sorvolarono”.
I nostri lettori statunitensi ora forse sosterranno che questo episodio umiliante accadde 15 anni fa e una cosa del genere non è più possibile oggi. Ma la maggior parte dei lettori di Russia Insider ricorda gli eventi dell’aprile 2014, quando il cacciatorpediniere ultramoderno USS Donald Cook fu paralizzato da un Su-24. Per quei lettori che purtroppo persero la storia, eccola: All’inizio di aprile dello scorso anno gli statunitensi inviarono l’USS Donald Cook nel Mar Nero, con il permesso della Turchia, per protestare contro l’annessione russa della Crimea e per dimostrare la loro forza militare. Il cacciatorpediniere era equipaggiato con il più avanzato sistema di combattimento AEGIS, un sistema d’arma navale per rilevare, seguire e distruggere obiettivi multipli contemporaneamente. Inoltre, l’USS Donald Cook è dotato di quattro grandi radar la cui potenza è paragonabile a quella di diverse stazioni. Per la difesa, trasporta più di 50 missili antiaerei di vario tipo. Secondo la “Convenzione di Montreux”, le navi da guerra che appartengono a Stati esterni al Mar Nero sono autorizzate a rimanervi per non più di 21 giorni. Gli statunitensi, naturalmente, ignorarono la regola e la Russia rispose inviando il Su-24 disarmato, ma equipaggiato con l’ultimo dispositivo da guerra elettronica chiamato Khibinij. Quando il Su-24 si avvicinò al cacciatorpediniere, tutti i sistemi radar, di controllo ed informazioni dell’USS Donald Cook furono improvvisamente paralizzati dal Khibinij. In altre parole, il sistema AEGIS, apparentemente superiore, fu spento come quando si spegne il televisore con il telecomando. Successivamente, il Sukhoj simulò 12 attacchi missilistici a bassa quota sul praticamente cieco e sordo USS Donald Cook, e possiamo immaginare che i due piloti del Su-24 si siano molto divertiti. Purtroppo, in quel momento non c’erano né John McCain né il comandante della NATO Phillip Breedlove a bordo della nave, avrebbero certamente avuto alcune solide impressioni da questa dimostrazione. Dopo l’incidente, l’USS Donald Cook si diresse immediatamente a tutta velocità verso un porto romeno, dove 27 membri dell’equipaggio, scioccati, chiesero la licenza dal servizio. La storia dimostra che gli statunitensi ancora sopravvalutano le loro forze armate e non si rendono conto (o non vogliono ammettere) che la tecnologia militare della Russia è in molti campi superiore, con un vantaggio che non può essere compensato subito. Quindi, finché un singolo aereo russo potrà spegnere tutti gli ultimi sistemi d’allarme e controllo del tiro di una nave da guerra statunitense, semplicemente premendo un tasto, la risposta alla domanda “Quanto l’US Navy può sopravvivere?“, oggi è la stessa dei vecchi tempi della Guerra Fredda.27ZZPTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

L’esercito del futuro. Cosa riceverà l’esercito russo nel 2015?

3ddd8f30-6c10-11e4-a70d-8d3a3319b86c-jpg20141114190859Le grandi esercitazioni del marzo 2015
Il 17 marzo, in conformità con la decisione del Comandante Supremo delle Forze Armate russe, Presidente Vladimir Putin, le flotte del Baltico e del Nord, le unità del Distretto Militare del Sud e le Forze aeroportate venivano poste al massimo stato di prontezza operativa nel quadro di ampie esercitazioni strategiche, “Un certo numero di unità militari e formazioni della flotta del Baltico, del Distretto Militare Meridionale e delle Forze Aeroportate sono poste al massimo stato di prontezza al combattimento ed avviate nei poligoni di terra e di mare”, affermava il Ministero della Difesa russo. “Circa 50 aerei da guerra ed elicotteri saranno ridislocati a distanze di 400-4000 km. Squadre di specialisti dell’aeronautica sono arrivate negli aeroporti designati per esaminare e preparare gli aeroporti per l’atterraggio dei velivoli“, tra cui aerei da combattimento MiG-31, Su-27 e Su-24 dell’Aeronautica e del comando della Difesa Aerea, aerei da trasporto Antonov An-12 e An-26 e velivoli Su-27, Su-24M, Mi-8AMTSh e Mi-24 del distretto militare occidentale. In relazione alle esercitazioni della NATO in Norvegia, la Flotta del Nord russa veniva posta in allerta per le esercitazioni. “Il compito principale dell’esercitazione per la prontezza al combattimento è valutare le capacità della flotta del Nord nell’adempimento dei compiti per garantire la sicurezza della Federazione russa nella regione artica“, ha detto il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu. La Flotta del Nord comprende 38000 militari, 3360 mezzi, 41 navi, 15 sottomarini e 110 aerei ed elicotteri. “Le nuove sfide e minacce alla sicurezza militare richiedono l’ulteriore innalzamento delle capacità delle Forze Armate e particolare attenzione sarà rivolta ai compiti strategici delle nuove forze del Nord“, aggiungeva il Generale Shojgu. Quindi cinque gruppi della Flotta del Nord si schieravano nel Mare di Barents e nella baia di Kola per un’esercitazione antisom congiunta con l’Aeronautica. La forza navale russa era composta da 20 navi suddivise tra un gruppo tattico guidato dall’incrociatore Admiral Nakhimov, due gruppi antisom con le grandi navi antisom Admiral Levchenko e Admiral Ushakov e le navi antisom Brest e Junga, da un gruppo di dragamine e una forza di ricerca e soccorso operanti nel Mare di Barents. Una divisione dell’Aeronautica russa veniva trasferita da Ivanovo all’Artico, nel corso delle esercitazioni, “Aerei da trasporto militari Iljushin Il-76 trasportano materiale militare negli aeroporti dell’Artico, dove le forze aeroportate russe svolgeranno varie esercitazioni” dichiarava il Ministero della Difesa russo. Inoltre, bombardieri strategici a lungo raggio Tu-95MS eseguivano manovre nell’Artico, “Gli equipaggi dell’aviazione a lungo raggio dell’Aeronautica Militare russa conducono esercitazioni nel Circolo Polare Artico per testare la prontezza al combattimento della forza di Difesa aerea in allerta nel nord-ovest della Russia. Un distaccamento di bombardieri strategici Tu-95MS, decollato dalla Base Aerea di Engels, entra nello spazio aereo delle unità della Difesa aerea della penisola di Kola, dove sistemi antiaerei effettueranno lanci contro attacchi simulati da diverse direzioni, quote e velocità“, dichiarava il servizio stampa del Ministero della Difesa russo. 80000 militari partecipavano alle esercitazioni della Flotta del Nord assieme a 65 navi da guerra, 15 sottomarini, 16 navi ausiliarie, oltre 10000 veicoli da combattimento e supporto e 220 velivoli.
Nell’ambito delle esercitazioni del Distretto Militare meridionale, le navi antisom Pitlivij, Suzdalets e Aleksandrovets della Flotta del Mar Nero della Russia, unitamente a velivoli dell’Aeronautica navale russa, svolgevano esercitazioni di ricerca contro dei sottomarini. Il Capitano Vjacheslav Trukhachjov aveva dichiarato che un gruppo tattico della Flotta del Mar Nero compiva esercitazioni contro bombardieri e navi “nemici”. In Crimea la fanteria di Marina avviava le manovre tra Krasnodar e lo Stretto di Kerch e 10 bombardieri strategici Tu-22M3 russi venivano dispiegati nella penisola, “Durante le esercitazioni sulla prontezza operativa delle Forze Armate, i velivoli strategici Tu-22M3 saranno schierati in Crimea“; e sempre presso Krasnodar, nella base aerea di Krymsk, veniva schierato uno squadrone combinato di 10 elicotteri Mi-8 e Mi-24H per eseguire le esercitazioni che coinvolgevano 2000 militari e 500 mezzi; ciò mentre sistemi missilistici tattici Iskander venivano schierati durante l’esercitazione nella regione di Kaliningrad, assieme a 10 caccia multiruolo Sukhoj Su-34 e Su-27, rischierati a Kaliningrad nell’ambito delle esercitazioni della Flotta del Baltico che, a loro volta, coinvolgevano oltre 20 navi tra sottomarini, motovedette lanciamissili, navi antisom, dragamine e navi ausiliarie suddivise tra diversi gruppi tattici antisom e di difesa aerea. “Il rischieramento di caccia e bombardieri dell’Aeronautica è previsto nella regione di Kaliningrad, e il raggruppamento dell’esercito nel Baltico sarà rinforzato con sistemi missilistici Iskander del Distretto Militare occidentale, trasportati dalle grandi navi da assalto anfibio della Flotta del Baltico“. 2000 paracadutisti e 10 velivoli compivano esercitazioni nella regione di Pskov. Il 16 marzo il Distretto Militare orientale russo preparava le esercitazioni sull’isola di Sakhalin e in altre nove regioni; 3000 militari e 1000 tra mezzi e sistemi d’arma, tra cui carri armati T-72B3, veicoli MT-LB e sistemi missilistici superficie-aria Osa-M di unità della Fanteria meccanizzata e delle Truppe corazzate russe, partecipavano alle esercitazioni sull’isola del Pacifico russa, mentre il 12 marzo era iniziata un’esercitazione delle truppe della Difesa aerea della regione estremo orientale, e il 3 marzo 2500 artiglieri partecipavano a una grande esercitazione nell’Estremo Oriente della Russia.

0_c1ac2_bb5b7758_XLL’esercito del futuro. Cosa riceverà l’esercito russo nel 2015?
Mikhail Timoshenko Fort Russ, 18 marzo 2015

2283789Cominciamo con le forze di terra. La loro principale arma d’attacco è il sistema missilistico semovente Iskander-M, che riceve un nuovo missile con gittata di 500km e una precisione di 10 metri. Il missile segue una traiettoria balistica con manovre attive e contromisure elettroniche per perforare le difese antimissile. Le testate disponibili sono cluster, alto esplosivo-frammentazione, perforanti e nucleari. Gli obiettivi del missile sono centri comando e comunicazione, sistemi missilistici e artiglieria a lungo raggio, sistemi di difesa antimissile e antiaerea, basi aeree… le forze di terra riceveranno 2 brigate Iskander nel 2015, da aggiungere alle 5 già in servizio, ed entro il 2018 vi saranno 10 brigate in servizio. Le brigate di Fanteria Motorizzata e Corazzate riceveranno oltre 700 carri armati, BMP e BTR. La maggior parte dei carri armati sarà dell’ultima versione T-90AM. Le caratteristiche distintive comprendono una nuova torretta con un nuovo sistema d’informazione e comando da combattimento, un nuovo autocaricatore e un cannone modernizzato da 125mm. Il pilota avrà una trasmissione automatica ed un volante invece delle vecchie leve. La modernizzazione dei famosi carri armati T-72B al livello T-90 (variante T-72B3) continuerà. La fanteria avrà i modernizzati BMP-3 e BTR-82, che riceveranno il modulo di combattimento Bakhcha. Ma la torretta del BMP-3 include un cannone da 100mm e un cannone automatico da 30mm, mentre il BTR-82 avrà un cannone automatico e una mitragliatrice.
Ora l’Aeronautica avrà 126 velivoli e 88 elicotteri nuovi. Più della metà saranno caccia di 4.ta++ generazione delle serie Su-30 e Su-35, destinati a combattere per la superiorità aerea, avranno una velocità di oltre Mach 2, un raggio operativo di 3000km e un carico bellico di 8 tonnellate. L’aereo d’attacco principale sarà il caccia-bombardiere Su-34 in grado di utilizzare l’intera gamma di munizioni aria-terra di precisione. Con una velocità di quasi Mach 2, raggio operativo di 1100km e un carico bellico di 8 tonnellate su 12 punti d’attacco. Quest’anno 57 Su-34 già in servizio saranno affiancati da 30 nuovi. Le acquisizioni comprenderanno anche 15 bombardieri strategici modernizzati. L’aviazione dell’esercito riceve attivamente i Mi-28 Night Hunter e i Ka-52 Alligator. Più della metà degli elicotteri forniti saranno mezzi d’attacco.
Le Forze della Difesa Aerea riceveranno una brigata di sistemi S-300V4 Vitjaz, mentre 3 su 9 reggimenti saranno riarmati con missili S-400 dalla gittata di 400km capaci di abbattere non solo aerei ma anche missili balistici a quote superiori ai 150km.
La Flotta del Pacifico attende gli SSBN Vladimir Monomakh e Aleksandr Nevskij, ognuno armato con 16 SLBM Bulava e saranno basati a Kamchatskij Viljuchinsk. La Flotta del Mar Nero riceverà 2 SSK classe Varshavjanka, dove sono assolutamente indispensabili: l’unico sottomarino operativo attualmente ha più di 25 anni. Le forze di superficie riceveranno 4 corvette e 1 fregata. Quest’ultima si chiama grande nave antisom. In realtà si tratta di incrociatori leggeri praticamente in grado di operare in qualsiasi punto degli oceani. Tutte le navi menzionate hanno per armamento principale dei missili, mentre i cannoni hanno ruolo di supporto.
Infine, lo scudo nucleare, che è anche una spada. La proporzione dei sistemi nucleari moderni è ora più della metà, e alla fine del 2015 sarà i 2/3 dell’intero arsenale. 4 reggimenti con nuovi sistemi missilistici entreranno in servizi. Il Topol a testata singola sarà sostituito dallo Jars con quattro testate. Complessivamente saranno prodotti 50 ICBM.

UKRAINE-RUSSIA-CRISIS-ARMYCommento di J. Hawk: I nuovi veicoli Armata e Kurganets non sono ancora in cantiere, anche se forse tra un paio di anni entreranno in servizio. Ciò vuol dire che l’esercito russo impiegherà tre diversi tipi di MBT: T-72B3, T-90AM e T-14? In realtà le differenze tra i veicoli sono apparenti. T-72B3 e T-90AM utilizzano stessi motore e armamento. T-90AM e T-14 avranno armamento ed elettronica molto simili, ed ho il forte sospetto che il T-90AM non sia un veicolo di nuova costruzione ma piuttosto il T-90A aggiornato con sottosistemi originariamente sviluppati per il T-14. L’esercito russo non è così ricco da permettersi di sostituire tutti i suoi veicoli più vecchi con quelli più recenti. Tuttavia, gli aggiornamenti degli esistenti T-72B e T-90A aumenteranno la qualità della forza corazzata nel complesso. Inoltre, il T-72B3 è un veicolo perfettamente adeguato verso molti potenziali avversari della Russia, che non possono permettersi gli ultimi MBT, e il loro armamento e controllo del tiro li rende efficaci anche contro le minacce più moderne. La torretta Bakcha probabilmente è la stessa sviluppata per il BMD-4, dotata di un visore termico e di elettronica all’avanguardia, promettendo di migliorare l’efficacia del BMP-3. L’Aeronautica riceve decine di caccia altamente efficienti. La cosa interessante è che la Marina dovrebbe ricevere solo una fregata, anche se 12 sono state ordinate. Ciò può essere dovuto alla difficoltà nel sostituire le turbine a gas che avrebbero dovuto essere prodotte a Nikolaev, in Ucraina, con quelle nazionali.

Riferimenti:
Russia Insider
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
Sputnik
TASS
TASS1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 534 follower