La spartizione delle sfere d’influenza: NATO in Nord Europa, Russia nel bacino del Mar Nero

Valentin Vasilescu ACS-RSS, 17 gennaio 2015 – Global Researche4d0787d86Nei primi mesi del 2014, la vittoria di Euromaidan accese l’immaginazione degli strateghi della NATO che speravano che l’Ucraina divenisse membro dell’alleanza nei prossimi anni. Alla fine dello stesso anno, mentre l’interesse per l’Ucraina scompare per la NATO a causa della perdita di due punti chiave presi di mira in questo territorio, con la Crimea riunitasi alla Russia e la sorprendente sconfitta dell’esercito ucraino nella guerra secessionista nel Donbas. Pertanto, nei primi mesi del 2015 sembra che i giochi strategici in Europa siano mutati. Gli Stati Uniti concentrano la loro attenzione sulla fortificazione militare di ciò che hanno sotto controllo, vale a dire i Paesi baltici, inviandovi carri armati, blindati e obici semoventi. Sembra quindi che tra le due grandi potenze mondiali vi sia una sorta di tacito consenso ed equilibrio di potere. Soprattutto perché la Russia ha ora mano libera facendo avanzare ulteriormente la preparazione per la supremazia assoluta aeronavale nel bacino del Mar Nero, per il 2016. Nella cerimonia svoltasi il 31 dicembre 2014, il sottomarino d’attacco Rostov-na-Donu entrava in servizio nella 4.ta Brigata indipendente di Novorossijsk, appartenente alla 30.ma Divisione navale (Flotta del Mar Nero). È il secondo sottomarino diesel-elettrico della classe Varshavjanka (Projekt 636.3), ad entrare nella Flotta del Mar Nero, nel 2014, dopo il Novorossijsk. Il terzo sottomarino, Starij Oskol, vi entrerà nel 2015. Nel 2016, la Flotta del Mar Nero avrà sei sottomarini della classe Varshavjanka, due fregate furtive classe Admiral Gorshkov (Projekt 22350) e due fregate polivalenti della nuova classe Steregushij.1505506Il sottomarino Rostov-na-Donu è armato con siluri e missili da crociera K-560 Kalibr da 1800- 2500 km di gittata (come gli RGM/UGM-109E Tomahawk dei sottomarini d’attacco nucleari statunitensi) o missili anti-nave P-800 Oniks (meno di 300 km). Il sottomarino Rostov-na-Donu è il più silenzioso del mondo e può operare senza essere individuato nelle acque costiere, sbarcando o recuperando di nascosto gruppi di commando della fanteria di marina russa, appositamente attrezzati con la nuova armatura galleggiante Corsar MP. Sempre nel 2016, quando i sei sottomarini classe Varshavjanka opereranno nella Flotta russa nel Mar Nero, si concluderanno le operazioni di consolidamento e prolungamento della pista e la costruzione dei rifugi di cemento e di altre opere infrastrutturali della base aerea di Belbek in Crimea. L’aeroporto sarà la base operativa di un reggimento di 36 bombardieri supersonici a geometria variabile e a lungo raggio Tu-22M3. Il velivolo ha un raggio d’azione di 4000 km e trasporta 24 tonnellate di bombe o missili. Il Tu-22M3 può essere armato con 10 missili da crociera: 6 tipo Kh-15 (velocità Mach 5, e gittata di 250 km) nel lanciatore rotante carenato nella fusoliera, e 4 tipo Kh-22/27 (velocità Mach 4, gittata di 500 km) o Kh-55 (2000 chilometri) sotto la fusoliera o sui piloni alari. Il sistema di difesa russa in Crimea dal 2015 includerà i missili Iskander-M (gittata di 500 km).

Tupolev-Tu-22M-BackfireACS-RSS – Giornale manifesto per capire il mondo russo, pubblicato dall’Associazione per la cooperazione strategica, diplomatica, economica, culturale ed educativa con la Russia e lo spazio slavo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Nel 2014, l’aeronautica russa ha ricevuto 59 nuovi aerei multiruolo e 120 elicotteri

Valentin Vasilescu ACS-RSS 3 gennaio 2015 – Reseau International392093Nel 2014, gli impianti aeronautici russi hanno fornito all’aeronautica militare russa diversi nuovi velivoli da combattimento (di 4.ta++ generazione), in numero superiore a tutti i Paesi della NATO. È vero che l’aeronautica russa aveva anche ricevuto, nel 2013, 67 aerei da combattimento, ma 12 di essi erano Jak-130 da addestramento avanzato per il programma sul passaggio dei piloti agli aerei di 4.ta++ generazione. Il 15 ottobre 2014, un secondo lotto di 6 cacciabombardieri Su-34 fu consegnato lo stesso anno alla base aerea 6980 di Cheljabinsk, nella Russia centrale. In totale, nel 2014, l’aeronautica russa ha ricevuto 16 velivoli Su-34 dopo averne ricevuti 32 nel 2013. Va menzionato che 15 Su-34 sono in organico presso la base aerea 6970 di Morozovsk (nella regione di Rostov sul Don, presso l’est dell’Ucraina). Il velivolo Su-34 ha tra le sue missioni principali l’interdizione aerea (bombardamento per l’interruzione in profondità delle linee di rifornimento del nemico). Il Su-34 adatto a pattugliamento marittimo, lotta antisommergibile e l’attacco a raggruppamenti navali a grande distanze dalle coste. L’armamento dell’equipaggiamento Morskaja Zmeja del Su-34 è composto dall’avionica necessaria per la rilevazione delle anomalie magnetiche generate dai sottomarini immersi. Per le missioni di ricerca, sono montati sotto la fusoliera il contenitore M400 con sensori infrarossi Raduga, fotocamere panoramiche AP-403 e AP-404, fotocamere oblique AK-108FM o un contenitore M402 Pika tipo SLAR (side-looking airborne radar). Il Su-34 può anche essere usato, come i velivoli statunitensi EA-6B o EF-18G, come piattaforma per la guerra elettronica nell’area operativa coprendo la penetrazione delle formazioni d’attacco proprie o scortate sull’obbiettivo sotto la protezione del disturbo elettronico. Perciò viene installato sul Su-34 un contenitore da guerra elettronica di grande potenza L175V/KS418 dotato di DRFM (memoria digitale RF).Su-30SM (5)Nel 2014, l’aeronautica russa ha ricevuto anche 21 caccia Su-30SM (biposto con ugelli vettoriali) in grado di trasportare 6 missili aria-aria e 6 missili aria-terra o 6 bombe laserguidate o 8500 kg di bombe di diversi tipi. Il Su-30SM è equipaggiato con un radar AESA e un rilevatore ad infrarossi OLS-30. Una pattuglia composta da 4 Su-30SM opera dalla base aerea di Belbek in Crimea, a fianco di 12 Su-27M. Conformemente al contratto con l’impianto di Irkutsk della Sukhoj, nel 2015 saranno consegnati altri 30 Su-30SM alle forze aeree della Russia. Sempre nel 2014 l’aeronautica militare russa ha ricevuto altri 22 caccia Su-35. Il primo contratto con l’azienda Sukhoj includeva 48 Su-35, di cui 12 aeromobili consegnati nel 2013 e 14 lo saranno nel 2015. I velivoli Su-35S sono equipaggiati, come il Su-30SM, con il radar tipo AESA Belka N036 (A+B+C) con un raggio di scoperta senza eguali nella NATO.

1505700Valentin Vasilescu – ACS-RSS Giornale manifesto per capire il mondo russo, pubblicato dall’Associazione per la cooperazione strategica, diplomatica, economica, culturale ed educativa con la Russia e lo spazio slavo.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Arihant solca l’oceano

Rakesh Krishnan Simha RIR 20 dicembre 2014

Il primo sottomarino a propulsione nucleare permetterà all’India una credibile opzione del secondo colpo e di tenere alla larga gli avventurieri dai suoi mari.

SSGN Arihant 2011Nel giugno 2012 un sottomarino d’attacco a propulsione nucleare della Marina russa entrava nel Golfo del Messico. Armato di missili da crociera nucleari, il battello classe Akula operò inosservato per diverse settimane e i suoi movimenti nelle acque strategiche degli Stati Uniti furono confermati solo dopo aver lasciato l’area. Il silenzioso Akula lasciò una scia di grande imbarazzo negli ambienti della difesa statunitensi. Nel novembre 2013 la Russia varava il suo avanzato sottomarino convenzionale stealth Novorossijsk. Il sottomarino Progetto 636 sarebbe virtualmente invisibile in immersione. “I nostri potenziali oppositori lo chiamano ‘Black Hole’ a causa dell’emissione acustica e della visibilità molto basse del sottomarino”, ha detto Konstantin Tabachnij, capitano del Novorossijsk. “Non essere rilevabile è la qualità principale per un sottomarino. E il progetto adempie davvero il suo scopo“. Considerando che gli scienziati e gli esperti russi dietro questi sottomarini furtivi hanno un ruolo chiave nello sviluppo dell’Arihant, primo SSBN dell’India (sottomarino lanciamissili balistici a propulsione nucleare) promette di essere un potente battello.
Dopo decenni di sviluppo, l’Arihant da 120 metri, 10 autobus in fila, è stato finalmente varato il 15 dicembre. Indica quanto gelosamente l’India custodisca il suo sottomarino strategico che, quando la slanciata bellezza nera è stata varato dal cantiere navale di Visakhapatnam, la Marina e l’Aeronautica indiane schierassero i loro jet da combattimento MiG-29K e Su-30 MKI intorno al porto, mentre gli aerei da sorveglianza e attacco marittimi P-8I Poseidon della vicina base navale di Arakkonam sorvegliavano la zona contro qualsiasi attività subacquea ostile. Inoltre, le navi da guerra del Comando strategico orientale dell’India fornivano protezione. L’emozione della dirigenza della difesa dell’India è comprensibile. Come i BrahMos, l’Arihant è un raro esempio di arma strategica riuscita da zero del Paese. Il sottomarino da 6000 tonnellate porterà l’India tra l’elite. Secondo Richard Sharpe del Jane’s Fighting Ships, il sottomarino nucleare darà all’India un “vantaggio colossale” sui vicini. “Affrontare un sottomarino nucleare è un incubo; ha resistenza e mobilità illimitate e non c’è modo per una nave di superficie da cui possa nascondersi”, scrive. Finora l’India è andata beatamente avanti senza un’opzione credibile di secondo colpo. Ciò significa che se la Cina, o qualsiasi altro Paese, lanciava un primo colpo a sorpresa ed eliminava i missili nucleari terrestri e gli aerei nucleari del Paese, l’India aveva poco altro se non gettare la spugna. Avere un SSBN cambia le carte. Garantisce che un primo attacco nucleare non distrugga la capacità dell’India di reagire. In agguato sul fondo degli oceani e in continuo movimento, anche una manciata di SSBN può seminare il dubbio nel nemico che missili strategici navali dell’India verrebbero lanciati per rappresaglia. La prevista flotta di cinque SSBN classe Arihant completerà la triade strategica dell’India, dando ai militari del Paese l’opzione del seconda colpo. Il primo sottomarino classe Arihant avrà 12 missili balistici nucleari K-15 che possono essere lanciati anche da sotto le calotte di ghiaccio. Testato nel 2008, il K-15 sarà armato con una testata nucleare che può essere lanciata a una distanza di 750 chilometri. La corta gittata indica che il sottomarino dovrà avventurarsi presso le acque nemiche prima del lancio. Tuttavia, un missile da 3500 chilometri di gittata è già in fase di sviluppo.
image La ricerca dell’India della parità strategica con le principali potenze nucleari iniziò negli anni ’50. Come notato da Eric Arnett, ricercatore dell’Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, “La storia e le implicazioni dei (sottomarini a propulsione nucleare) nella strategia marittima indiana, suggerisce che la presenza degli Stati Uniti nell’Oceano Indiano è una motivazione forte del programma“. L’approvazione della costruzione di un SSBN risale al 1970 ma, come al solito con i programmi della difesa indiana, niente ne uscì. Il programma fu ripreso nel 1985 e nel 1989 la DRDO chiese assistenza nella progettazione a ingegneri e lavoratori della Difesa dell’ex-Unione Sovietica. Molti ingegneri navali russi sono stati in India dal 1991. Nel 1996, quando l’India aveva speso 285,7 milioni di dollari sul sottomarino nucleare, il lavoro sul progetto rallentò a causa delle pressioni dagli Stati Uniti. La Federation of American Scientists afferma che l’ASEAN voleva che l’India smettesse di lavorare sull’ATV come condizione per l’ingresso nell’ASEAN e perché l’India venisse invitata ai futuri vertici Asia-Europa. L’Unione europea era dietro le richieste poste dall’ASEAN. I russi presto capirono il piano degli Stati Uniti. Impedendo a Mosca di vendere tecnologie chiave all’India, gli statunitensi avrebbero sottratto all’industria russa i fondi necessari e allo stesso tempo ostacolato notevolmente la capacità dell’India di sviluppare armi strategiche. Questo non solo averebbe avuto l’effetto di creare una spaccatura tra Russia e India, ma anche permesso agli statunitensi di entrare nel mercato della difesa dell’India. Tuttavia, con l’uscita degli elementi filo-statunitensi dal Cremlino, i russi tornarono con piena forza. Mentre i progettisti russi aiutavano a costruire il battello, basato sulla sottomarino anti-sottomarini classe Akula, il suo reattore nucleare ad acqua pressurizzata da 80MW è stato sviluppato dal Centro Ricerche Atomiche Bhabha con l’assistenza di un team di progettazione della Rubin, l’ufficio progettazioni dei sottomarini russo. Anche se il reattore è stato “progettato, fabbricato e realizzato in India” dall’industria indiana e sotto la direzione di scienziati indiani, il presidente della Commissione per l’energia atomica dell’India, dottor Anil Kakodkar, ha detto nel 2009: “Vorrei anche ringraziare i nostri colleghi russi. Hanno giocato un ruolo molto importante quali consulenti, con molta esperienza, così la loro consulenza è stata di così grande aiuto che dovremmo riconoscerlo“. In realtà, il contributo della Russia è stato riconosciuto dal governo in diverse occasioni, tra cui nel 2009 dall’ex-Primo ministro Manmohan Singh. I russi hanno anche aiutato nella costruzione della base navale di Visakhapatnam, in cui una sezione della mensa ufficiali si chiama Cremlino. La Russia ha aiutato su un altro aspetto significativo, la formazione degli equipaggi. Anche se lo sviluppo dell’Arihant arrancava, l’India si preparava alle operazioni con l’SSBN con il Chakra, un sottomarino a propulsione nucleare della classe Charlie, in leasing dalla Russia dal gennaio 1988. Tuttavia, inchinandosi alle pressioni degli Stati Uniti, Mosca rifiutò di prolungare il contratto e il sottomarino rientrò a Vladivostok nel gennaio 1991. L’equipaggio dell’Arihant è stato addestrato nel nuovo sottomarino da 12000 tonnellate classe Akula-II prestato dalla Russia per 10 anni nel 2011, anche questo sottomarino si chiama Chakra.
Nella guerra tra India e Pakistan del 1971, quando l’esercito indiano avanzava sulla strada per Lahore, le flotte inglese e statunitense accerchiarono minacciosamente l’India. Mentre la Settima Flotta degli Stati Uniti navigò dal da sud-est asiatico verso Calcutta, una flottiglia inglese salpò dal Madagascar verso l’India occidentale. L’Indian Air Force fu in allerta dopo aver ricevuto intelligence su aerei da guerra statunitensi che potevano attaccare le comunicazioni dell’esercito indiano ad ovest. Tuttavia, la Flotta del Pacifico sovietica giunse nell’Oceano Indiano e stese un cordone intorno l’India, costringendo le navi da guerra statunitensi e inglesi a ritirarsi. Una volta che una flotta di sottomarini Arihant pattuglierà le acque indiane, l’India potrà impedire che una qualsiasi marina estera possa minacciarla di nuovo.

BWVODTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia potenzia la Difesa

I piani militari russi per acquistare 100 aerei e 600 blindati all’anno
Sputnik 10/12/2014

I militari russi hanno ricevuto 38 missili balistici intercontinentali, 250 velivoli, 280 blindati e oltre 5000 autoveicoli nel 2014, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale.179630585Il ministero della Difesa russo ha in programma di acquistare 100 aerei da combattimento, 120 elicotteri, 30 navi da guerra e 600 blindati all’anno nei prossimi cinque anni, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale Valerij Gerasimov. “Entro la fine del programma di riarmo del 2021 la quota di armi moderne nelle Forze Armate sarà del 70-100%“, ha detto Gerasimov a un incontro con gli addetti i militari stranieri assegnati a Mosca. Gerasimov ha detto che l’esercito russo aveva ricevuto 38 missili balistici intercontinentali, 250 velivoli, 280 veicoli blindati e oltre 5000 autoveicoli nel 2014. Il capo dell’esercito ha aggiunto che quattro reggimenti della difesa aerea sono stati riarmati con avanzati sistemi di difesa aerea e due brigate missili con missili balistici Iskander-M. Secondo Gerasimov, la marina russa ha commissionato il sottomarino d’attacco nucleare Jasen della classe Severodvinsk, il sottomarino diesel-elettrico Novorossijsk della classe Varshavjanka, due corvette classe Buyan, così come tre mezzi d’assalto anfibio e una motovedetta.
La Russia attua un ambizioso programma di riarmo da 20 trilioni di rubli (circa 368 miliardi di dollari), che dovrebbe terminare nel 2020. Il programma fa parte della grande riforma militare del 2008, che prevede anche un significativo ridimensionamento delle forze armate, della leva e un aumento dei soldati professionisti.

La Russia potenzia la Difesa
Sputnik 10/12/2014

Stati Uniti, Paesi europei e NATO non sono disposti a garantire che lo scudo missilistico degli Stati Uniti non sarà usato contro la Russia, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale russo.GerasimovI Paesi occidentali cercano di ridurre la potenza della difesa della Russia attraverso la costruzione dello scudo antimissile USA e altre misure, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale russo, Generale Valerij Gerasimov. “Hanno scelto d’espandere lo scudo missilistico globale degli USA come principale contromisura“, ha detto, aggiungendo che il potenziale difensivo di questo sistema “è di molte volte superiore al necessario per contrastare le esistenti e potenziali minacce missilistiche all’Europa“. “Allo stesso tempo, nonostante le nostre numerose proposte, Stati Uniti, Paesi europei e NATO in generale, non sono disposti a garantire che non venga usato contro la Russia“, ha detto Gerasimov. La Russia ha ripetutamente espresso preoccupazione per l’ampliamento dello scudo della difesa antimissile globale degli Stati Uniti, che la NATO sostiene sia volto a contrastare le minacce da Corea democratica e Iran. Le relazioni tra Russia e occidente si sono deteriorate negli ultimi mesi per la crisi ucraina. L’occidente ha accusato Mosca d’interferire negli affari interni ucraini, accusa ripetutamente negata dalla Russia. La NATO, che comprende la maggior parte dei Paesi europei così come Stati Uniti e Canada, ha chiuso ogni collaborazione con la Russia in aprile e potenziato la presenza militare alle frontiere russe. I Paesi occidentali cercano di trasformare l’Ucraina in fonte d’instabilità contro gli interessi geopolitici della Russia e l’integrazione post-sovietica, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale russo. Secondo il Generale Valerij Gerasimov l’occidente “cerca di trasformare l’Ucraina in fonte d’instabilità a lungo termine per danneggiare direttamente gli interessi geopolitici della Russia e l’integrazione dello spazio post-sovietico“. Secondo Gerasimov, l’occidente cerca di dare l’immagine della Russia come “aggressore dell’Ucraina“.
Nel discorso annuale all’Assemblea federale del 4 dicembre, il Presidente Vladimir Putin aveva dichiarato che la Russia ha sempre sostenuto l’Ucraina come “nazione sorella“, e che tale posizione non cambierà.

La NATO giustifica la concentrazione militare presso la Russia con delle ‘favole’
Sputnik 10/12/2014

Il Capo di Stato Maggiore Generale russo ha detto che la NATO inventa “favole” per giustificare le sue attività militari al confine russo.vladimir-putin-valerij-gerasimov-1352500133-228346La NATO inventa “favole” per giustificare le sue attività militari intensificate ai confini russi, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale russo, Generale Valerij Gerasimov. Le “forze aeree, terrestri e navali dell’alleanza hanno intensificato le attività in Polonia, Baltico e Mar Nero“, ha detto. “Le esercitazioni militari giustificate con fiabe sulla ‘minaccia da est’ si sono intensificate“, ha aggiunto. Le relazioni tra Russia e NATO si sono deteriorate con la crisi in Ucraina, mentre l’alleanza accusa Mosca d’ingerenza negli affari interni ucraini, accusa che la Russia ha ripetutamente negato. Dopo la riunificazione della Crimea alla Russia a marzo, la NATO ha rafforzato la presenza militare in Polonia e nelle repubbliche baltiche di Lettonia, Lituania ed Estonia. Ad aprile, l’alleanza ha cessato ogni cooperazione con la Russia, limitando il contatto agli ambasciatori. Mosca ha ripetutamente espresso preoccupazione per l’espansione del blocco in Europa orientale. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha più volte descritto l’espansione della NATO come un errore che mina la stabilità europea. La leadership dei Paesi occidentali è direttamente coinvolta nel rovesciamento dei governi legittimi di numerosi Paesi creando preoccupazione, ha detto il Capo di Stato Maggiore Generale dell’Esercito russo, Generale Valerij Gerasimov. “Quest’anno ci sono stati continui tentativi d’interferenza negli affari interni di numerosi Stati sovrani utilizzando il formato della cosiddetta rivoluzione colorata“, ha detto Gerasimov a un incontro con gli addetti militari di diversi Paesi. Secondo la valutazione del generale russo, “l’interesse pubblico e il coinvolgimento diretto della leadership politica dei principali Paesi occidentali nel rovesciare poteri statali legittimi utilizzando qualsiasi metodo, non può non suscitare una nostra seria preoccupazione“. All’inizio di dicembre, il Presidente Vladimir Putin ha detto nel suo discorso annuale all’Assemblea federale russa che gli Stati Uniti, “direttamente o dietro le quinte” danneggiano sempre le relazioni della Russia con i vicini, aggiungendo che “a volte non è chiaro con cui parlare: alle autorità del Paese o direttamente ai mandanti degli Stati Uniti“.
Il 22 febbraio v’è stato un cambio di governo in Ucraina, la cui legittimità è stata respinta dai residenti delle regioni del sud-est dell’Ucraina. La situazione in Ucraina è esplosa quando Kiev ha lanciato l’operazione militare nel sud-est del Paese. Dall’inizio del conflitto ucraino, gli Stati Uniti hanno sostenuto il nuovo governo di Kiev. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha ripetutamente affermato che le autorità statunitensi non contribuiscono a risolvere la crisi ucraina, ma solo ad alimentarla spingendo Kiev verso un ulteriore confronto con le regioni del sud-est.

Ramzan Kadirov: le intelligence occidentali hanno finanziato l’attacco terroristico in Cecenia del 4 dicembre
Fort Russ

2007-9-11-rmamn74111884-copyIl leader della Cecenia Ramzan Kadirov sospetta dei finanziamenti degli organizzatori dell’attacco terroristico a Groznij nel suo post su Instagram: “Io so i nomi di quasi ogni agente di polizia in servizio in Cecenia. Soprattutto dei soldati delle forze speciali. So il loro stato civile. Sono tutti miei fratelli. Pochi giorni fa nel corso della liquidazione di una banda terrorista, 14 miei compagni sono morti. Considero la morte di persone molto vicine, come la morte di miei fratelli. Avevo affermato che le famiglie dovrebbero essere responsabili dei crimini dei loro figli, se non li fermano o non contattano la polizia. Kaljapin protegge i banditi e i loro parenti. In Cecenia sono responsabile dei diritti umani. Né Kaljapin o chiunque altro ha fatto un solo passo per aiutare le famiglie dei soldati morti, mai s’è chiesto quanti bambini sono orfani, se hanno un tetto sulla testa. Le autorità dispongono di informazioni sui finanziamenti delle agenzie d’intelligence occidentali ad Ahmad Umarov e trasferiti ai banditi da un uomo di nome Kaljapin. Si deve sapere se effettivamente costui sia lo stesso Kaljapin. E se confermato, ritenerlo responsabile. Non permetterò a nessuno, con qualsiasi maschera, di sostenere i banditi. Non m’interessa quale passaporto abbia in tasca, e da quale ambasciata sia compensato. Ho la responsabilità di proteggere la sicurezza del popolo e lo farò, a costo di mettere l’intero occidente e i suoi servi a testa in giù!
Il 4 dicembre 2014, un gruppo di sconosciuti su tre veicoli ha attaccato un posto di controllo del traffico a Groznij. I terroristi erano entrati in una tipografia e una scuola. Durante l’operazione d’eliminazione degli estremisti, 14 agenti di sicurezza sono stati uccisi e 28 feriti.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia firma un patto militare con il Pakistan

MK Bhadrakumar, 21 novembre 2014546f6a5d70ccdQuando un ministro della Difesa russo arriva in Pakistan dopo 45 anni, l’evento diventa una svolta nelle relazioni bilaterali tra i due Paesi e nella politica regionale. E in esso v’è il grande simbolismo di Sergej Shojgu che giunge in Pakistan, seconda tappa del tour che prima l’aveva portato in Cina nel momento cruciale dei rapporti strategici Russia-Cina. E’ presto per collegare i punti, almeno fin quando il Presidente Vladimir Putin non farà la tanto attesa visita a Islamabad, ma non si può negare il fatto che notevoli interessi e preoccupazioni si formano tra Russia, Cina e Pakistan. Il comunicato del ministero della Difesa del Pakistan sulla visita di Shoigu, infatti, ha sottolineato che le due parti “hanno espresso soddisfazione per la convergenza di vedute sulla maggior parte delle questioni internazionali e regionali“, firmando un accordo di cooperazione militare durante la visita di Shojgu, la prima del genere tra i due Paesi. L’aspettativa pakistana è che il patto rafforzi i rapporti militari in “termini materiali” e “spiani la strada per lo scambio di opinioni e informazioni su questioni politico-militari, nonché al rafforzamento della fiducia reciproca e della sicurezza internazionale, all’intensificazione delle attività di contro-terrorismo e del controllo degli armamenti, all’estensione delle relazioni in vari settori dell’istruzione militare“, e così via. Il comunicato stampa cita Shojgu esprimere apprezzamento per le capacità dell’industria della Difesa del Pakistan sottolineando pubblicamente che la comunità mondiale “vuole fare affari con il Pakistan”. E’ ovvio che la Russia guardi al Pakistan come possibile partner utile nella vendita e produzione bellica. Da Islamabad, la TASS citava Shojgu dire che vi è comune accordo secondo cui “la cooperazione militare bilaterale dovrebbe avere grande e concreta attenzione, contribuendo ad aumentare l’efficienza operativa delle nostre forze armate“.
L’interazione militare russo-pakistana viene costantemente costruita. Tutti i vertici delle forze armate della Russia hanno visitato il Pakistan quest’anno. Ovviamente, molta preparazione ha richiesto l’importante visita di Shojgu. Shojgu ha detto di aver discusso con i pakistani “una serie di eventi specifici di particolare importanza“. Non sono commenti casuali ed hanno lo scopo di avere risonanza nel pubblico regionale e internazionale. Come si spiega l’apertura russa al Pakistan? In senso più ampio, il gelo profondo dei rapporti tra Russia e Stati Uniti, fa da sfondo. Dal punto di vista russo, il Pakistan ha un ruolo chiave nelle strategie regionali degli Stati Uniti, ed è nell’interesse di Mosca creare uno spazio politico e diplomatico in cui il Pakistan resista alle pressioni degli USA. Intrinsecamente, dunque, la Russia farà tutto il possibile per rafforzare la tendenza a una politica estera indipendente del Pakistan. Probabilmente, nel nuovo ordine mondiale che Putin coreografava nel suo discorso a Mosca di fine ottobre, il Pakistan s’inserisce da partecipe in ciò che il leader russo chiama “nuovo consenso globale delle forze responsabili“. In termini regionali, la Russia ha tutto da guadagnare dalla cooperazione con il Pakistan. Shojgu l’ha riconosciuto dicendo, “la nostra valutazione (russo-pakistana) della situazione in questo Paese (l’Afghanistan) è simile o uguale”. A dire il vero, la Russia guarda con molto sospetto le intenzioni degli Stati Uniti di avere una presenza militare a lungo termine in Afghanistan, dato che Washington usa i gruppi estremisti come strumenti geopolitici. Pure il Pakistan non può che essere a disagio alla presenza di basi militari statunitensi in Afghanistan. Certamente, la condivisione d’intelligence è un leit motiv della cooperazione militare russo-pakistana. Mosca vorrebbe tracciare le attività segrete dell’intelligence degli Stati Uniti, che ha una grande presenza in Afghanistan, mentre resta il fatto che il Pakistan subisce il terrorismo proveniente dal suolo afghano e architettato da varie forze.
Naturalmente, visto da Delhi, ci sarà la tendenza a vedere l’apertura di Mosca al Pakistan come reazione russa allo sbando dell’India verso il campo statunitense. Ma semplificherà la risultante a somma zero. In effetti, il fatto che gli Stati Uniti abbiano superato la Russia quale primo fornitore di armi del bazar indiano potrebbe aver urtato Mosca. Ma la Russia non farà nulla di eccezionale nel rifornire di armi Pakistan e India, come hanno fatto Stati Uniti e Paesi europei per tutto questo periodo. Ciò che dovrebbe preoccupare Delhi è un’altra cosa, cioè il fallimento della politica indiana nel marcare il Pakistan come Stato terrorista e chiederne l’isolamento. Nel giorno in cui Shojgu era ad Islamabad ed il capo dell’esercito pakistano Generale Rahil Sharif era salutato dagli ospiti statunitensi, è fuor di dubbio che il Pakistan non corra il rischio dell’isolamento. Dieci giorni fa, pure il Primo ministro Nawaz Sharif è stato a Pechino. La visita di Shojgu ad Islamabad sottolinea come la Russia raggiunga Stati Uniti e Cina nel riconoscere il cambiamento politico pakistano verso il terrorismo, con la crescente evidenza della disgregazione dei taliban e della rete Haqqani. Lavorando con il Pakistan, la Russia spera d’influenzare la ricerca di una soluzione afghana in modo che i profondi interessi di Mosca per la di sicurezza nel Caucaso e Asia centrale siano salvaguardati. Pertanto, col passare del tempo, Delhi farà fatica nel trovare un alibi per non dialogare con il Pakistan. In secondo luogo, la possibile ripresa della cooperazione russo-pakistana, e l’eventuale coordinamento di un rapporto maturo, sugli sviluppi afghani non può che aggravare l’isolamento politico e diplomatico indiano a Kabul. Infine, scopo principale della visita di Shojgu è rafforzare le esercitazioni militari tra i due Paesi. Ciò mentre la marina russa aspira a ricomparire nell’oceano Indiano del periodo post-guerra fredda. Le navi da guerra russe della Flotta del Pacifico hanno visitato il porto di Karachi ad aprile.
Certamente, non è un caso che la Russia sondi i limiti della cooperazione militare con il Pakistan mentre l’India manifestamente accelera i legami bilaterali e multilaterali nella Difesa con Stati Uniti, Giappone e Australia fornendogli una dimensione internazionale ‘Indo-Pacifico’. Siamo agli inizi, ma un riallineamento strategico nella regione dell’Oceano Indiano è forse inevitabile e il patto militare russo-pakistano non può essere considerato un semplice fuoco di paglia.

visit_kor_1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 466 follower