Siria e Russia chiedono agli USA di andarsene

Ziad Fadil Syrian Perspective 16 novembre 2017Con lo SIIL alle corde, il suo capo Abu Baqr al-Baghdadi probabilmente eliminato da un attacco dell’Aeronautica siriana a giugno ad al-Mayadin, e i piani per frantumare la Siria frantumati, il governo di Damasco e il Cremlino hanno inviato chiaramente detto agli Stati Uniti di andarsene dalla Siria, o altrimenti. Ci sono circa 4000 truppe statunitensi in missione di combattimento a sostegno delle milizie curde (con alcuni siriaci/assiri) che dichiarano di combattere lo SIIL. È il piano statunitense di rimanere in Siria a tempo indeterminato per coordinare la lotta alle guerriglie sostenute dall’Iran in appoggio all’Esercito arabo siriano. Questo per far contenti i sionisti nella Palestina occupata e a New York City/DC. Non c’è altra ragione plausibile per tale violazione della sovranità di un altro Paese. Ci si aspetta che gli Stati Uniti sostengano che la loro presenza in Siria sia per autodifesa. Aspettatevi che la bambola dell’anno Nikki “Rhandawa” Haley tiri fuori lo stesso argomento di fronte alla brutale verità della presenza neo-colonialista degli Stati Uniti in Siria. E cosa diranno gli inglesi? Oh, sospetto che si schierino con lo Stato di diritto, visto che tutti gli Stati membri, ad eccezione dell’entità dell’apartheid sionista, prenderanno la stessa posizione. Dopo tutto, gli inglesi hanno perso pazienza e foglie di fico nel loro assalto criminale al governo di uno Stato aderente all’ONU. Se gli Stati Uniti decidono di rimanere nonostante le richieste siriane, l’unica opzione rimasta a Damasco, dopo che il Dottor al-Jafari avrà indicato Haley, è attaccare le forze statunitensi con le milizie filo-iraniane come Hezbollah. Oltre a scavare un altro pozzo nero per le truppe statunitensi, potrebbe anche comportare l’intervento sionista in aiuto dell’alleato yankee nel momento del bisogno; dopotutto, il primo ministro sionista Mileikowski (detto Netanyahu) ha promesso di continuare ad attaccare la Siria per impedire all’Iran di avere una base presso le alture del Golan. Mileikowski, che affronta diverse indagini per corruzione e concussione, ha bisogno di qualcosa per distogliere l’attenzione; e quale modo migliore che portare l’Apocalisse? No, miei lettori, ci stiamo dirigendo verso un disastro di trumpiana grandezza. E se, come fanfanoreggia Trump, è intenzionato a trasformare la Corea democratica in un parcheggio per le Hyundai, sarà molto peggio per il popolo statunitense. E (sbadiglio), se Trump decide di rigettare l’accordo nucleare dell’Iran, allora saremo in piena catastrofe. E tutto questo per gli scarafaggi sionisti.
Russia e Cina si fregano le mani contente, perché ciò preannuncia la loro inesorabile ascesa ai vertici del potere globale. Sanno che gli Stati Uniti non possono combattere una guerra su 3 fronti. Uno scenario del genere produrrà un colpo di Stato a Washington (dimenticate l’impeachment) e si tradurrà nella dissoluzione degli Stati Uniti d’America. Sarà la riedizione di “Sette giorni a maggio”. A meno che il pubblico statunitense non s’interessi e i soldati statunitensi comincino a tornare in sacchi di plastica in numero tale da umiliare la guerra in Vietnam. Di particolare interesse è il nuovo atteggiamento della Turchia nei confronti degli Stati Uniti. Non ci vuole un genio per capire che l’esercito turco si prepara ad aggredire le cosiddette SDF non appena capirà di poterlo fare senza uccidere soldati statunitensi. Ma deve camminare con cautela in questo campo minato diplomatico. L’invasione della Siria è esattamente questo e le ripercussioni internazionali potrebbero essere piuttosto nette. A meno che non riceva assicurazioni da Russia e Cina all’ONU, sarà molto cauto. Questo è un capitolo che va letto con sincero interesse.
Damasco: I terroristi nel Ghuta orientale leggono gli eventi in modo diverso. Ritengono che gli Stati Uniti si ritirino da Siria e Giordania. La debacle ad al-Tanaf è la prova che gli Stati Uniti non hanno il fegato di continuare. Ciò che i ratti non capiscono è che gli Stati Uniti non sono mai stati interessati a dargli potere, erano interessati solo a spodestare il Dottor Assad in modo da impedire che il gasdotto raggiungesse il litorale siriano, il che porterebbe al brusco declino dell’influenza statunitense in Europa. Se gli statunitensi sono nel nord-est della Siria, è solo perché vogliono bloccare l’estensione dell’oleodotto, non incoraggiare i ratti terroristi o l’opposizione dorata, mollati da Washington. E così, vedendo l’evidente, i ratti nel Ghuta orientale sferravano un feroce attacco alla base dell’amministrazione degli autoveicoli dell’Esercito arabo siriano ad Harasta. Il gruppo che si fa chiamare Ahrar al-Sham, aveva attaccato usando tunnel scavati abilmente per sorprendere i difensori. Quello che accadde invece fu la reazione dell’Esercito arabo siriano, improvvisa e ancora più feroce, respingendo l’attacco ed eliminando 36 ratti. L’Aeronautica Militare russa decollava subito per bombardare i tremebondi avvoltoi terroristici.
Hama: Il principale cecchino di “carri armati” del gruppo terroristico che si fa chiamare Jaysh al-Iza, veniva liquidato a nord di Hama. Si diceva che fosse il re dei sistemi missilistici TOW progettati per distruggere blindati e carri armati. Bene, il Sarab-1 sviluppato dalla Siria ha messo fine alla sua “gloriosa” carriera quando il capitano di un carro armato dotato del Sarab aveva “fatto cadere” il proiettile in arrivo. Dato che il terrorista era seduto in una trincea e osservava gli eventi, divenne un bersaglio facile per l’artigliere del T-72 spazzando via la bestiaccia. Come si chiamava il terrorista? Hamud Ahmad al-Hamud.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Annunci

La Turchia non otterrà tecnologia dall’accordo sugli S-400

Ankara dice che dopo l’accordo avrà ancora bisogno dell’aiuto europeo per costruire missili
Marko Marjanovic, Checkpoint Asia 14 novembre 2017

La Turchia non ha ottenuto l’accordo che sperava sui sistemi di difesa aerea S-400 della Russia. So ricordi che quando nel 2013 iniziò a cercare un’arma del genere, la Turchia era molto interessata al Patriot statunitense e all’Aster franco-italiano, ma desiderava trasferimenti di tecnologia per creare dei veri lanciamissili. Fu questa insistenza sui trasferimenti di tecnologia che stracciò gli accordi spingendo la Turchia ad annunciare a sorpresa di aver optato per un’azienda cinese, presumibilmente disposta a condividere la tecnologia. Sembra che non fosse proprio così, perché anche quest’accordo abortì nel 2015. Coi rapporti russo-turchi in disgelo dopo il tentato colpo di Stato ad Ankara nel luglio 2016, i turchi rapidamente iniziarono a discutere un accordo per l’acquisto di missili e tecnologia antiaerea russi, anche se avevano teso un’imboscata e abbattuto un aviogetto militare russo sul confine siriano-turco solo un anno prima, nel novembre 2015. Tuttavia, i russi coerentemente affermarono che sarebbero stati felici di vendere i missili, ma il trasferimento di tecnologia non è realistico. Ciononostante, le parti confermassero all’inizio dell’anno che c’era l’accordo per l’esportazione di S-400, non era esattamente chiaro di che tipo fosse. Presumibilmente due delle quattro batterie S-400 verranno assemblate in Turchia, il che poteva significare che l’operazione comporterebbe trasferimento di tecnologia. I turchi hanno ora chiarito che non è così. Il ministro della Difesa turco affermava che l’acquisto dei missili russi S-400 è “completo”, ma che la Turchia discute un “ulteriore” accordo col consorzio italo-francese EUROSAM per aiutarla a sviluppare il proprio sistema di difesa missilistica. Chiaramente, se anche dopo l’accordo con la Russia la Turchia avrà ancora bisogno di trasferimenti tecnologici da Italia e Francia, significa che non otterrà granché o nulla dai russi.
Il mese scorso il portale russo Gazeta.ru affermò che i sistemi S-400 saranno venduti alla Turchia senza codici di controllo, in modo che il software amico-nemico non possa essere modificato dai turchi. Un’altra cosa, avendo ottenuto molto meno di quanto sperato da Mosca, la Turchia chiaramente controlla se i franco-italiani faranno un’offerta migliore. Qualcosa di simile a ciò che i turchi chiesero nel 2013. Se è così, il trasferimento dell’S-400 potrebbe anche non esserci. Nonostante le assicurazioni dei ministri turchi non è assolutamente possibile che ci siano accordi con russi ed europei. Non c’è modo che gli europei, che hanno già rifiutato di trasferire tecnologia prima che Ankara firmasse l’accordo dell’S-400, aiutino la Turchia a sviluppare missili propri dopo il conferimento dei turchi alla Russia di 2,5 miliardi di dollari per la vendita diretta di armi, questo è l’ultima cosa che devono chiedersi. Se ciò dovesse accadere sul serio, si potrebbe parlare di magistrale finta turca usando Mosca per ottenere quelle concessioni dalla NATO che non potevano ottenere prima. Anche i russi non ne saranno troppo preoccupati, visto che i turchi hanno già dato un acconto. D’altra parte, se EUROSAM non rientra resterà il sospetto che i turchi si siano impegnati a un rigido accordo russo sugli S-400 che inizialmente avevano concepito solo come bluff.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Le operazioni ad al-Buqamal

L’8 novembre, l’Esercito arabo siriano accerchiava al-Buqamal, a sud-est di Dair al-Zur, e quindi poche ore dopo, Esercito arabo siriano, Hezbollah e milizie irachene liberavano al-Buqamal, l’ultima roccaforte dello SIIL in Siria, a pochi chilometri dal confine con l’Iraq.
Il 9 novembre, le forze siriane liberavano la base aerea al-Hamadan e al-Suqriyah, a nord-ovest di al-Buqamal, liberava i villaggi al-Huri e al-Suih, ad ovest di al-Buqamal, e liberavano il campo petrolifero Aqash, a sud di al-Buqamal.
Il 12 novembre, le forze dell’Esercito arabo siriano respingevano l’attacco di un gruppo dello SIIL sul quartiere centrale di al-Buqamal. Aerei e artiglieria siriani bombardavano le posizioni de SIIL a nord di al-Buqamal, causando gravi perdite ai terroristi, tra cui l’eliminazione di diversi capi islamisti nelle aree occupate. Quando l’Esercito arabo siriano liberava al-Buqamal, veniva accertata la cooperazione diretta tra coalizione degli Stati Uniti e terroristi dello SIIL, quando numerosi gruppo armati islamisti fuggirono da al-Buqamal per il Wadi al-Sabha al confine tra Siria e Iraq. Il comando del raggruppamento russo in Siria inviò due richieste al quartier generale della coalizione degli Stati Uniti per effettuare un’operazione per eliminare i convogli dello SIIL sulla sponda orientale dell’Eufrate. Gli statunitensi si rifiutarono di attaccare i terroristi perché “si erano arresi volontariamente” in conformità alla Convenzione di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra. Tuttavia, gli statunitensi non risposero alla domanda posta dai russi sul perché i terroristi lasciassero la Siria a bordo di mezzi da combattimento e con armamenti pesanti, per raggrupparsi nei territori controllati dalla coalizione statunitense da cui prepararsi ad attaccare l’EAS presso al-Buqamal. Inoltre, per evitare che i terroristi venissero attaccati dai velivoli russi e siriani, gli aerei statunitensi cercarono d’interferire con le operazioni delle forze aeree russa e siriana. Velivoli statunitensi entrarono per 15 chilometri nello spazio aereo siriano sulla zona di al-Buqamal per impedirle. L’offensiva dell’EAS su al-Buqamal aveva sconvolto i piani statunitensi per imporre il controllo degli Stati Uniti sulla riva orientale dell’Eufrate, mentre i terroristi dello SIIL avrebbero agito col supporto di Stati Uniti e SDF. Furono trovate prove ad al-Buqamal che indicavano che terroristi si erano travestiti anche da miliziani delle SDF. Gli Stati Uniti coprivano i gruppi armati dello SIIL per permettergli di riprendersi, rischierarsi ed intervenire di nuovo su ordine degli statunitensi. Tra l’altro, la BBC rivelava l’esistenza di un accordo segreto tra lo Stato islamico (SIIL) e le forze democratiche siriane (SDF) e Stati Uniti all’inizio dell’ottobre 2017. “La BBC ha scoperto i dettagli di un accordo segreto che ha permesso a centinaia di terroristi e loro famiglie di fuggire da Raqqa, sotto lo sguardo della coalizione anglo-statunitense e delle forze curde che controllavano la città. L’accordo per lasciare che i terroristi sfuggissero da Raqqa, capitale del loro califfato, fu organizzato da funzionari locali, dopo quattro mesi di combattimenti che avevano devastato e spopolato la città“. Circa 3750 terroristi avevano potuto lasciare Raqqa.
Intanto, il 13 novembre, le unità siriane liberavano l’area di Tal Qufran, a sud-ovest di Zabyan, avanzando per 30 chilometri a sud di al-Mayadin. La SAAF bombardava le difese dello SIIL presso al-Buqamal, eliminando numerosi terroristi, inclusi diversi capi che avevano guidato la rioccupazione del quartiere centrale di al-Buqamal, tra cui Hazam al-Barqash, membro della shura dello SIIL, Hani al-Thalji, Abu Manzar Shishani e Abu Muhamad Safi. Il confine tra al-Buqamal e al-Tanaf veniva liberato dalle forze governative irachene e siriane, dopo che le forze irachene liberavano Aqlah Suab e la base al-Qamunat, e le unità siriane le mazrah Wadi al-Suab e Fiz al-Baj.

Guerra sul Libano o sul prezzo del petrolio?

Tom Luongo, 13 novembre 2017Sembra che ogni giorno ci avvicini alla guerra mondiale. Le turbolenze dell’Arabia Saudita ora diventano aggressione a Libano e Iran. La Lega araba si riunisce per discutere dell’Iran. I sauditi attivano la loro forza aerea. La guerra di propaganda è a pieno ritmo e Israele aumenta la bellicosità contro Siria e Libano. Se avete seguito il mio lavoro precedente (qui e qui) saprete che non credo a una parola che ciò porti alla guerra. Sauditi e l’alleato ora conclamato Israele fanno rumore e, in alcuni casi, continuano ad agire aggressivamente. Ma non possono fare nulla di più sostanziale senza una parola da Stati Uniti e/o dalla Russia. Infatti, più agitano le sciabole, più è probabile che saranno messi al loro posto. Nel fine settimana i presidenti Trump e Putin s’incontravano in Vietnam, per quanto brevemente, pubblicando dichiarazioni che chiarivano che, nonostante l’opposizione dello Stato profondo, sono in sintonia su una nuova guerra. Non la vogliono. Israele cerca di spacciare l’accordo di Amman firmato da Putin e Trump come creazione di una “zona senza l’Iran” nei pressi delle alture del Golan, ne è la prova. Israele, in ogni caso, non è altro che un istigatore in quella parte della Siria, cogliendo ogni occasione per attaccare impunemente il vicino sovrano ogni settimana. E il tentativo di spacciarlo alla propria gente come prova dell’influenza sui colloqui chiarisce la debolezza della posizione del governo israeliano. Mentre si avvicina il vertice di Sochi, dove avrà inizio il processo politico per la Siria del dopoguerra, sarà più evidente che Israele sarà solo se continua ad essere aggressivo. L’accordo di Amman è un passo lontano da ulteriori guerre. Quindi, se non è per la guerra, allora per cos’è tutto questo? Semplice. I soldi. I sauditi hanno bisogno di barili a 65-70 dollari da quest’anno in poi. Il rumor di sciabole e persino attaccare Hezbollah creando un possibile disagio nei rifornimenti darà ai manipolatori del petrolio il coraggio di alzare il prezzo.

Purga o Putsch?
Ci sono due scuole di pensiero su Muhamad bin Salman, e come Alexander Mercouris, credo all’unione del peggio di entrambi. “Le idee su Muhamad bin Salman variano tra chi lo vede autentico riformatore che sa che l’Arabia Saudita ha urgente bisogno di cambiare per evitare il collasso e chi lo vede come azzardato dittatore che intende concentrare in sé il potere saudita. Queste due teorie non si escludono. È possibile che Muhamad bin Salman sia entrambe le cose: intende diventare il dittatore per attuare le riforme che crede l’Arabia Saudita abbia bisogno per sopravvivere e probabilmente crede anche non possano essere realizzate in altro modo”. Così, per il momento guarda la situazione cercando di dirigerla, per quanto può, verso i suoi obiettivi. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ritiene ancora di aver il sostegno del governo statunitense e sfrutta il caos che Bin Salman ha creato per assicurarsi un futuro politico che, come già visto, è al lumicino. E ciò significa minacciare la stabilità regionale con una guerra per alzare il prezzo del petrolio. La notizia su una riunione di emergenza della Lega araba per discutere la “situazione dell’Iran” e mettere la forza aerea saudita in allerta, rientra nella stessa linea. Finora, tuttavia, i prezzi del petrolio si rifiutano di muoversi. E c’è il momento in cui i commercianti chiamano sempre il bluff dei leader mondiali che sembrano volere la guerra. I commercianti di petrolio ed oro si “stancano della guerra” abbastanza rapidamente e quasi sempre svaniscono dal raduno facendo prevalere le menti fredde. Può essere normale, ma questa volta penso che ci sia un bel richiamo. Trump da parte sua, non può trarre vantaggio dal caos. Si noti come tutti si concentrano sull’Arabia Saudita e non su piccoli dettagli in Siria?

Lebaneezer Scrooge
Il perché non vedremo una guerra è ovvio. Il nuovo principe ereditario saudita s’è smascherato come piccolo gangster arrestando e facendo dimettere il primo ministro libanese Sad Hariri. L’obiettivo era ovviamente spingere il governo libanese nel caos e provocare una violenta risposta da Hezbollah. Non funzionava. Infatti, è accaduto il contrario, com’era prevedibile. Le operazioni di cambio regime maldestre come questa incontrano sempre resistenza. Il governo della coalizione non è caduto. La gente lo sostiene. Le affermazioni del leader di Hezbollah Hasan Nasrallah sulle dimissioni di Hariri erano forti ma misurate. E la mancanza di violenze da parte di Hezbollah parla chiaro puntando il riflettore su bin Salman e la sua follia. Bin Salman ha tentato una mossa del genere col Qatar all’inizio dell’anno, costringendo gli altri membri del Consiglio di cooperazione del Golfo a bloccare finanziariamente e fisicamente il Qatar col preteso del sostegno ai terroristi. Non abboccando Hezbollah dice ai commercianti petroliferi sauditi di lavorare molto più duramente per avere i risultati dovuti. In entrambi i casi la Russia, con la sua struttura ed economia superiori, può andare avanti qualsiasi cosa accada al petrolio.

Nuovo vantaggio di Putin
Quindi, non si pensi che Putin sostenga i sauditi su questa mossa per aumentare di 20 dollari il petrolio. I media negli Stati Uniti ne avranno di che chiacchierare tra 3… 2 … 1. Infatti, sono sicuro che Putin voglia i sauditi disperati, e il prezzo attuale del petrolio è un po’ troppo alto per questo. 63 dollari per il Brent Crude è ottimo per l’economia russa. Sarebbe meglio per sauditi e Stati Uniti, come una nuova relazione di UBS dice, una crescita del PIL degli Stati Uniti quest’anno, per lo più dato dall’aumento dei prezzi del petrolio che porti a rinnovare le perforazioni. I sauditi hanno bisogno di 65-70 dollari al barile per stabilizzare il loro budget. Gli Stati Uniti hanno bisogno di prezzi più alti per sostenere la crescita. Nel frattempo l’economia della Russia si diversifica dal petrolio e relativo legame col dollaro statunitense. Quindi, non aspettatevi più di questo. Perché mentre i sauditi hanno bisogno di prezzi del petrolio più elevati, non possono creare una guerra per procura per ottenerli. Devono farlo da soli e sarebbe catastrofico per loro. Quel che è più probabile è che il prezzo arrivi a 55 dollari al barile Brent Crude. Putin continua ad accordarsi sulle armi economiche e difensive con tutta la regione promuovendo pace e stabilità. E lentamente ma sicuramente questi accordi costruiscono l’esatto quadro finale. Ora, tocca a Trump convincere Israele e Arabia Saudita ad aderivi ufficialmente, e a rendersi conto che non appaiono, e neanche davvero, controllare il prezzo del petrolio.Traduzione di Alessandro Lattanzio

Trump e la missione del futuro re saudita

Nasser Kandil, 14 novembre 2017 – Comitato Valmy
Nasser Kandil è un politico libanese, ex-deputato, direttore di Top News e caporedattore del quotidiano libanese “al-Bina“.

Cos’è successo? Ecco un’analisi riassunta dagli ultimi articoli e trasmissioni di Nasser Kandil. Sembra rispondere a molte domande.Le realtà e l’equilibrio delle forze sul campo suggeriscono che l’alleanza statunitense-saudita-sionista non sia pronta ad intraprendere la follia di una grande guerra in Medio Oriente, ma non escludono che cerchi di raggiungere propri fini con una guerra meno intensa su un fronte giudiziosamente scelto, per riequilibrare la situazione attuale favorevole alle forze della Resistenza e dell’alleato russo. Una complessa equazione che l’alleanza ha recentemente cercato di risolvere appoggiando i separatisti curdi, impedendo la liberazione di al-Buqamal, considerando una guerra limitata nella Siria meridionale e nel sud del Libano. Ma tali piani si sono rivelati vani nel confronto globale. Infatti, il sostegno del piano separatista curdo in Iraq avrebbe probabilmente portato a una guerra contro almeno Iran, Iraq e Turchia; l’insistenza degli Stati Uniti nell’impedire agli eserciti siriano e iracheno e alle forze della Resistenza di convergere su al-Buqamal, dicendo che il confine siriano-iracheno era una linea rossa, significava entrare in guerra con Siria, Iran, Hezbollah e Hashd al-Shabi, sostenuti dalla Russia; mentre la guerra nella Siria meridionale o in Libano meridionale avrebbe messo Israele nel mirino di migliaia di razzi da Libano, Siria e Iran. Ma le guerre non sono roba per dilettanti, specialmente quando si tratta di avventurieri come coloro che avviano guerre perse in partenza, come nello Yemen. Errori che saranno fatali per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il principe ereditario saudita Muhamad bin Salman e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che giocano la loro parte, ma nei limiti consentiti dai militari e dall’intelligence statunitensi. Tuttavia, Stati Uniti, Russia, Iran, Turchia, Arabia Saudita, Israele ed alleati operano nella zona geografica che va dalla Russia al Golfo e dall’Iran al Mediterraneo. Un’area geografica tradizionalmente definita “Medio Oriente” e che gli Stati Uniti tentavano d’espandere nel “Grande Medio Oriente” considerandolo propri spazio vitale e zona esclusiva d’influenza [2]. Questo senza contare l’inaspettato passo della Russia divenuta attore principale nella regione, soprattutto perché dal crollo dell’Unione Sovietica, gli Stati Uniti si dimostrano incapaci di risolvere i conflitti. Una regione fortemente ricca e corrispondente più precisamente a quella definita dalla visione strategica dei “cinque mari” sviluppata nel 2004 dal Presidente Bashar al-Assad [3]. Infatti, è proprio in questa regione specifica che si svolgono lotte e guerre dirette o indirette che probabilmente porteranno a un nuovo ordine regionale e, di conseguenza, mondiale.
Cinque mari e quindi “cinque spazi vitali” dove gli Stati Uniti non sono più decisivi:
• Mar Caspio: dove il conflitto si è concluso a favore di due importanti attori, Iran e Russia; il Kazakistan ha ospitato nella sua capitale Astana incontri sulla Siria sotto la direzione russa e l’Azerbaigian che, mentre prima ospitava aerei israeliani destinati a colpire l’Iran e si preparava a competere col petrolio russo in Europa attraverso l’oleodotto turco, recentemente firmava un accordo di cooperazione strategica trilaterale con Iran e Russia a Tehran, mentre orbita verso la Turchia.
• Il Mar Nero: dove la guerra alla Siria e la sicurezza nazionale spinsero la Turchia a rivedere le proprie alleanze e a rivalutare i propri interessi, in modo da entrare, in parte, nell’alleanza russo-iraniana nonostante adesione alla NATO e il conflitto ancestrale con la Russia.
• Golfo Persico: dove una guerra sarebbe catastrofica per tutti, con Iran e Stati Uniti che si affrontano tramite la flotta statunitense.
• Mar Mediterraneo: dove una guerra sarebbe ancora più catastrofica, questo spazio è un lago internazionale con la presenza di statunitensi, francesi, inglesi, italiani, spagnoli, russi, turchi, siriani, israeliani…
• Mar Rosso: infine, l’unico spazio in cui è ancora possibile cambiare l’equilibrio delle forze senza rischiare un confronto globale, quindi l’ultimo spazio che permetta agli Stati Uniti di condurre la guerra per procura che gli serve. Sono presenti sul Mar Rosso: Cina a Gibuti; Iran in Eritrea, come dicono statunitensi, sauditi ed israeliani; Arabia Saudita; Egitto; Israele e Yemen.

I. Missione nello Yemen, sottrarre il porto di al-Hudayda ad Ansarallah
Ma solo Egitto e Yemen sono alle estremità nord e sud del Mar Rosso. Pertanto il controllo di questo mare per gli Stati Uniti implica la presenza saudita sulle coste dello Yemen, tra cui al-Hudayda, e allo stesso tempo ridurre il ruolo dell’Egitto alla neutralità. La “guerra di al-Hudayda” è dunque una guerra limitata, scelta per evitare una guerra in cui Stati Uniti e Israele sanno di non poter essere coinvolti. Se il saudita vincerà, sarà a vantaggio della coalizione internazionale. Se sarà sconfitto, sarò l’unico a subirne le conseguenze, specialmente perché ha già largamente compensato dalla campagna contro i cugini, spogliati delle loro fortune in una notte senza luna.

II. Missione in Siria, nascondere gli invasori di Raqqa sotto un’identità araba
A fine ottobre, il ministro saudita Thamar al-Sabhan apparve a Raqqa col generale Brett McGurk, nominato da Trump alla guida della coalizione internazionale. Il suo ruolo era convincere gli abitanti arabi della regione ad accettare l’occupazione della città dalle forze democratiche curde [SDF]. In altre parole, il saudita era responsabile della legittimazione dei separatisti curdi, che coprivano la presenza illegale di soldati statunitensi nel territorio siriano.

III. Missione in Libano per eliminare Hezbollah accontentando Israele
In Libano, l’equazione è: riconoscimento saudita delle vittorie di Hezbollah in Siria, contro riconoscimento iraniano delle vittorie saudite nello Yemen dopo la cattura di al-Hudayda. Ciò significa che le dimissioni del primo ministro libanese Sad Hariri, dettate dall’Arabia Saudita, hanno due obiettivi. Da un lato, spingere il governo libanese a togliere legittimità politica ad Hezbollah, a meno che non si ritiri dalla Siria, come pretende Israele. D’altra parte, dissuadere l’Iran dall’intervenire nella guerra di al-Hudayda, deterrente concomitante alla chiusura delle acque territoriali yemenite e alle accuse all’Iran per il presunto aiuto ai lanci missilistici sul territorio saudita.

IV: Reazione all’intervista di Sad Hariri, trasmessa da al-Mustaqbal TV da Riyadh, il 12 novembre
Oltre al fatto che questa intervista [4] dimostra che Sad Hariri agisce contro la sua volontà, constatiamo che annunciava la rottura del compromesso nazionale previsto all’inizio del sessennio. Un annuncio dettato dall’Arabia Saudita, dato che questo compromesso non è ancora violato. Il suo discorso cercava di convincere, ma senza riuscirci perché era noto il contenuto: coesistenza e pluralismo politico per la grande soddisfazione di Hariri, fino alla dimissioni forzate. Inoltre, è chiaro che costringendo Hariri a tenere tale discorso, l’Arabia Saudita cerca un nuovo compromesso il cui contenuto è inaccettabile, in quanto mira a integrare il Libano nell’asse saudita e nel suo conflitto contro Siria ed Iran. Ciò significa che Hariri non tornerà per un nuovo compromesso, ma per confermare le dimissioni fino alle prossime elezioni, in cui parteciperà. Nel frattempo, si libererà degli alleati del suo campo, precipitatisi dopo le dimissioni a riceverne l’eredità, e riconquisterà il sostegno popolare perso prima di questo processo; permettendogli di rimuovere molti concorrenti dal prossimo parlamento. Tutto grazie a coloro che sarebbero i rivali del campo opposto!

Conclusione
Questi sono i tre obiettivi tattici della missione di Trump a bin Salman. È lui che ne ha ordinato l’esecuzione. Infine, è il miglior partner di Trump nella regione dei “Cinque Mari”. La ricompensa prevista è il trono saudita. Tuttavia, per il momento, bin Salman raccoglie sconfitte. Infatti:
• La prima scommessa era vincere la sua guerra allo Yemen, per poi dichiarare trionfalmente di aver espulso l’Iran dal Golfo, prima di mettesi sul trono. Ha fallito.
• La seconda scommessa era presentarsi da unico agente di Trump nel Golfo, abbattendo il Qatar. Ha fallito.
• La terza scommessa era sfruttare la carta confessionale libanese per coprire la guerra di Stati Uniti ed Israele contro Hezbollah. Ha doppiamente fallito. Primo, con la detenzione di Hariri sperava di mobilitarne i correligionari libanesi, fedeli all’Arabia Saudita; ma hanno risposto: “Signore, non tocchi Hariri!” invece di dichiarare guerra ad Hezbollah. Secondo, quando ha visto la solidarietà libanese, soprattutto con la decisione della presidenza e di Hezbollah di considerare il “dopo Hariri” solo dopo sua liberazione e ritorno in Libano. Di conseguenza, la sperata rivolta contro Hezbollah è divenuta una rivolta contro l’Arabia Saudita. Resta da vedere quanto lontano Stati Uniti e Israele saranno disposti ad andare rispondendo ai suoi appelli alla guerra…

Nasser Kandil, 13/11/2017
Sintesi di Mouna Alno-NakhalFonti:
[1] 60 minuti con Nasser Kandil del 06/10/2017
[2] 60 minuti con Nasser Kandil del 10/11/2017
[3] Articolo del 09/11/2017
[4] Articolo dell’11/11/2017
[5] Articolo del 13/11/2017

Note:
[1] Discorso di Donald Trump a Riyadh
[2] Grande Medio Oriente
[3] Bashar al-Assad, personalità araba dell’anno
[4] Intervista a Sad Hariri a Riyadh; 20/11/2017

Traduzione di Alessandro Lattanzio