Decine di generali turchi dimessi dopo le sconfitte in Siria

Teheran (FNA)

243-1024x577Un giornalista turco ha rivelato che almeno una cinquantina di alti ufficiali dell’esercito turco sono stati dimessi per le sconfitte nel corso dell’Operazione Scudo dell’Eufrate a nord di Aleppo. Ahmad Takan, giornalista del Yeni Chaq, ha scritto un articolo sulle pesanti sconfitte dell’esercito turco nell’operazione Scudo dell’Eufrate, nel nord della Siria, che hanno spinto 50 alti ufficiali a dimettersi. Aggiungeva che i 50 ufficiali si sono dimessi dal comando dell’esercito nella regione di al-Bab. Takan citava fonti dell’esercito turco dire che il Free Syrian Army (FSA) sostenuto da Ankara, vende allo Stato islamico le armi e munizioni che riceve dall’esercito turco. Inoltre aggiungeva che l’8 gennaio, un gruppo di militanti turcomanni legati all’esercito turco arrestava un gruppo del FSA presso il villaggio di Aqtari, a sud di al-Bab, mentre inviava due camion di armi e munizioni nelle regioni occupate dello SIIL. Takan affermava che l’operazione Scudo dell’Eufrate è stata sconfitta e le perdite vengono nascoste dai comandanti dell’operazione all’opinione pubblica. Gli ospedali di Dilouk e Kilis sono pieni di soldati turchi feriti, aggiungeva Takan, secondo cui Ankara è stata costretta a consegnare i cadaveri dei terroristi del SIIL al gruppo terroristico, per riprendersi quelli dei suoi soldati caduti.
La Turchia ha anche aumentato la durata del servizio militare obbligatorio, per compensare la perdita di forze con la nuova ondata di dimissioni. La stampa comunicava che decine di soldati turchi sono stati sospesi dopo aver venduto armi ed equipaggiamenti tramite il cosiddetto Free Syrian Army (FSA), durante l’operazione Scudo dell’Eufrate nel nord di Aleppo. Il quotidiano al-Watan riferiva che i social media degli attivisti diffondevano notizie e immagini su “50 militari turchi sospesi e obbligati ad abbandonare le operazioni presso Scudo dell’Eufrate“. Nel frattempo, gli attivisti dissidenti a nord di Aleppo riferivano che “dopo l’operazione Scudo dell’Eufrate, abbiamo visto nuovi armamenti e mezzi nel nord della Siria, e dopo indagini è risultato chiaro che appartenevano alle forze Eufrate dell’operazione Scudo dell’Eufrate”. Fonti dell’opposizione rivelarono a settembre che i terroristi del FSA filo-turco ricevettero vari automezzi militari avanzati a nord di Aleppo. “Il gruppo terroristico al-Hamza, affiliato al FSA e sotto il comando del centro operativo dell’operazione Scudo dell’Eufrate, riceveva numerosi automezzi militari dagli ufficiali dell’esercito degli Stati Uniti schierati a nord di Aleppo“, secondo le fonti. Fonti dell’opposizione pubblicavano anche diverse foto dei veicoli dell’esercito degli Stati Uniti con l’emblema del gruppo terroristico al-Hamza, che precedentemente affermò di essere indipendente e di non lavorare per alcun Paese straniero.

01northern-aleppo

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Serbia avverte gli albanesi che ritorna in Kosovo: gli intrighi di Obama contro la Russia

Ramazan Khalidov e Lee Jay Walker, MTT, 15 gennaio 2017tomislav-nikolic1Unione europea (UE) e NATO condividono un tema in Europa, tollerare la pulizia dei cristiani ortodossi da Cipro del Nord e dalla Gerusalemme serba del Kosovo, proprio come non fanno nulla per i cristiani assediati nel Medio Oriente, a parte peggiore la situazione alleandosi con i sunniti sauditi e turchi. Allo stesso modo, le stesse potenze di UE e NATO tollerano che i petrodollari dei sunniti islamisti del Golfo diffondano l’islamizzazione dell’Europa, mentre l’Arabia Saudita non tollera una sola chiesa cristiana. Quindi, per buona misura, sembra che la Serbia finalmente ritrovi la spina dorsale davanti l’intimidazione di massa dei cristiani ortodossi assediati nel Kosovo. In effetti, il doppio standard di UE e NATO tollera le truppe di occupazione della Turchia a Cipro del Nord, decennio dopo decennio, è lo stesso complice che ha illegalmente sancito lo smantellamento della Serbia consegnando il Kosovo agli albanesi musulmani. Non a caso, molti albanesi del Kosovo partecipano all’assassinio di siriani al fianco dei settari islamici sunniti utilizzando le ratlines della NATO e del Golfo in Turchia. Allo stesso modo, i petrodollari provenienti da diversi Paesi del Golfo, come Arabia Saudita e Qatar, diffondono l’islamizzazione sunnita in Kosovo e nei Balcani, mentre UE, ONU e NATO restano a guardare. Nei giorni scorsi, altre tensioni sono emerse in Kosovo per via degli albanesi a Pristina che cercavano d’intimidire e umiliare i serbi ortodossi assediati del Kosovo. Naturalmente, non è un caso che tutto ciò accada negli ultimi giorni della presidenza Obama. Ciò ha una ragione triplice, cercare d’intrappolare la Federazione russa per via dell’aperta russofobia di Obama, costringere il neopresidente Donald Trump a cedere sulla politica estera e mantenere il cuneo tra USA e Federazione russa tramite gli intrighi dell’amministrazione Obama. Dopo tutto, è chiaro che Trump vuole relazioni favorevoli con la Federazione Russa.
Il presidente della Serbia Tomislav Nikolic è deluso dai doppi standard dei soliti attori di Europa e USA. Nonostante ciò, la Serbia sa che la situazione è fragile ed evita di creare altri vuoti coi soliti attori. Tuttavia, la Serbia informa il mondo che non tollererà l’ennesimo provvedimento subdolo degli albanesi a Pristina che minaccia i serbi cristiani ortodossi nel Kosovo settentrionale. La Federazione Russa deve sostenere la Serbia e anche le altre nazioni amiche. Tuttavia, è essenziale che la Federazione Russa attenda che si svolga il passaggio del potere tra l’amministrazione Obama e l’amministrazione Trump. Una volta avvenuto, allora sarà necessaria freddezza perché certi attori cercano di mantenere le divisioni tra USA e Federazione Russa. In altre parole, Balcani, Medio Oriente e altre regioni, come l’Asia del Nord-Est, hanno bisogno di un nuovo approccio tra Washington e Mosca, per portare il mondo a una maggiore stabilità. Dopo tutto, il vecchio ordine, come NATO e mentalità da guerra fredda dell’amministrazione Obama, cerca le divisioni, il divide et impera, la destabilizzazione e altre negatività. Data questa realtà, sono necessari capi saggi nel governo della Federazione russa e nell’amministrazione Trump. Se questo accade, allora del buon senso, si spera, tornerà nelle zone destabilizzate ed anche nella casa comune europea che si estende sul continente, nonostante alcuni scontri storici non pienamente rammendati.
I serbi ortodossi del Kosovo sono stati uccisi per gli espianti dagli albanesi del Kosovo, molte chiese e monasteri ortodossi sono stati distrutti, subendo la pulizia religiosa ed etnica e costringendoli nei ghetti. Ultimamente, la stessa minaccia non accenna a diminuire nel nord del Kosovo, da qui l’avvertimento dalla Serbia. Nikolic ha fatto capire con forza che le Forze Armate della Serbia saranno schierate in Kosovo se i serbi continuano ad essere uccisi. Alla risposta se inviare l’esercito in Kosovo, Nikolic ha detto, “Se i serbi vengono uccisi, sì“. Nikolic ha inoltre dichiarato: “siamo sull’orlo di un conflitto che provocherebbe decine di morti, oggi… Dio lo sa… ieri diversi accordi firmati a Bruxelles sono stati calpestati, l’articolo 1 parla della libertà di movimento, e c’è anche l’articolo che dice che le unità speciali del ROSU non possono recarsi a nord dell’Ibar senza l’approvazione della NATO e della comunità locale. Perché ieri un treno infastidiva la cosiddetta comunità internazionale e Pristina? Forse perché aveva scritto su ‘Kosovo è Serbia’ e ridipinto con nostri affreschi… allora non si dovrebbe consentire a qualsiasi albanese con insegne e documenti del Kosovo di recarsi in Serbia“.
Intimidazioni e minacce provengono dagli albanesi musulmani in Kosovo e come al solito NATO e UE ignorano accordi e assicurazioni. Le potenze occidentali sanno bene che le unità ROSU nel Kosovo settentrionale diffonderanno paura tra i cristiani ortodossi serbi e metteranno in pericolo il fragile equilibrio a Kosovska Mitrovica e altre aree in cui i serbi ancora sopravvivono. Pertanto, è essenziale che Serbia e Federazione Russa attendano la nuova amministrazione Trump per lavorare diplomaticamente, se possibile. Questo è ciò che certi attori vogliono per legare Trump all’accesa isteria russofoba, sfruttando la collusione dei mass media.slicica-1Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Violenta esplosione nella base aerea di Hatzor, in Israele

Reseau International 15 gennaio 2017170114031806035-01Secondo il sito Dimpenews, facendo riferimento a fonti libanesi (al-Dunya TV), una forte esplosione fu sentita il 14 gennaio nella base aerea di Hatzor nel sud di Israele. Per il momento questa informazione è disponibile solo attraverso i twitter di attivisti israeliani. C’è il black-out dell’esercito, delle autorità e dei media. Alcune spiegazioni suggerite su twitter parlavano di problemi tecnici, danni al deposito di carburante della base. Altri vedono la mano di Hezbollah collegandola al recente attacco israeliano alla base siriana di Mazah. I due eventi sono troppo vicini per non pensarci. Inoltre, il silenzio completo sull’esplosione di Hatzor dimostra che non si tratta di incidente. Vi sono morti, feriti, danni? Cosa è successo? Queste sono di solito le informazioni che i giornalisti cercano, a meno che non venga imposto il segreto militare. Sarebbe così nel caso di una risposta siriana, che rivelerebbe l’impotenza della decantata Iron Dome presso l’opinione pubblica israeliana e mondiale. cf87cf87ceb9cebecf83cf871Numerosi attivisti israeliani annunciano che c’è stata un’esplosione nella base aerea di Hatzor, nel sud, Israele. Gli utenti di Twitter del posto hanno sentito queste esplosioni, sottolineando che un problema tecnico si era prodotto nel deposito di carburante degli aerei. Inoltre, resta aperta la possibilità di una risposta di Hezbollah contro Israele, per via del bombardamento dell’aeroporto di Mazah. La stampa israeliana mantiene il silenzio sull’esplosione”.twitterapi459nm02333gh-300x2251Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

La Russia cambia tattica in Siria

Valentin Vasilescu Reseau International 12 gennaio 2017su25sm3Il 10 gennaio 2017 la Russia schierava in Siria 12 cacciabombardieri Su-25SM3, rilevati dai satelliti-spia occidentali. Ed è probabile che almeno 48-52 Su-25SM3 siano inviati in Siria nelle prossime settimane. Si tratta del segnale che la Russia cambia tattica nella lotta ai terroristi islamici ed è prevista un’offensiva di terra su larga scala da parte dell’Esercito arabo siriano. [1] Il Su-25 è stato modernizzato in più stadi creando i Su-25SM/SM2/SM3, l’ultimo aggiornamento ha avuto luogo nel 2013. Circa 150 aerei modernizzati Su-25 (SM3/UBM2) e altri 120 Su-25 non modernizzati sono entrati nelle forze aeree russe. Il velivolo è propulso da 2 motori RD-195 dalla spinta di 4500 kg/s e una velocità massima di 975 km/h. È interessante notare che, con il tentativo d’imporre il cessate il fuoco in Siria il 27 febbraio 2016, la Russia ritirò dalla Siria i suoi 15 Su-25SM3. Gli aerei avevano più di 20 anni e completato oltre 200 ore di volo in Siria, divenendo oggetto di controllo negli impianti di riparazione in Russia. La nuova offensiva dell’Esercito arabo siriano servirà a liberare dai mercenari islamisti il Paese, a testare nuovi equipaggiamenti e ad addestrare i militari russi in condizioni di combattimento reale, per difendersi dall’invasione della NATO [2].0_b4097_de3d9324_-2-xl-e1424183930102Qual è il cambiamento tattico della Russia nella lotta al terrorismo islamico in Siria?
Finora la Russia aveva attaccato obiettivi in Siria con missili da crociera lanciati da sottomarini, navi di superficie e bombardieri a lungo raggio. D’altra parte, i bombardieri tattici russi che operano dalla base di Humaymim hanno completato le missioni previste, dopo che i velivoli da ricognizione senza pilota individuavano i bersagli ore o giorni prima. In genere, tali obiettivi avevano scarsa mobilità e si trovavano a una distanza di sicurezza da civili e truppe dell’Esercito arabo siriano. Ogni aereo russo era armato solo con 2 bombe o missili aria-terra a guida laser, GPS, TV e IR, bombardando da quote di 8000-10000 m. La tattica mutata della Russia in Siria significa che gli aerei russi compiranno quasi esclusivamente missioni di supporto vicino (CAS – Supporto aereo ravvicinato) creando brecce nella difesa dei mercenari islamisti necessari alla rapida avanzata delle truppe siriane. L’aereo Su-25SM3 è il più adatto a tali missioni. La maggior parte delle missioni di supporto ravvicinato va effettuata di notte senza le informazioni dettagliate ricevute in anticipo dai velivoli da ricognizione. Operando in pattuglie ad alta quota sulle zone del territorio occupato dagli islamisti, con la procedura della “caccia ai bersagli”. Una volta che l’obiettivo viene individuato, il pilota vi avvia la procedura d’attacco. Tuttavia, le missioni di supporto ravvicinato richiedono perfetta coordinazione spazio-temporale con i soldati sul terreno, che prevede l’utilizzo di ufficiali russi specializzati nella guida dei Su-25SM sugli obiettivi a terra presi di mira sul fronte. In primo luogo, identificano la posizione ai piloti in volo di supporto via radio e di notte con un dispositivo laser rilevabile dai sensori elettro-ottici a bordo dell’aereo russo. Poi gli ufficiali di puntamento indicano gli obiettivi segnalati da colpire con lo stesso dispositivo laser. Questo garantisce la massima precisione d’attacco su bersagli mobili come le Toyota armate di mitragliatrici, squadre di cecchini o postazioni islamiste situate nei piani inferiori degli edifici.
Il sistema optoelettronico del Su-25 SOLT (con sensori laser, TV e IR) montato nel naso è utilizzato per la navigazione FLIR e via satellite (GLONASS), e per trovare e identificare bersagli a terra di notte e ad alta quota. Per attaccare gli obiettivi, il Su-25SM3 dispone di un centro di controllo del tiro PrNK-25SM Bar che utilizza il sistema optoelettronico SOLT-25 e un telemetro per puntare via laser le armi guidate. Nella procedura di “caccia al bersaglio” si usano raramente bombe guidate o armi di piccolo calibro, e si usano soprattutto i razzi o il cannone di bordo. Il Su-25SM3 ha un cannone binato GSh-30-2 da 30 mm, con rateo di tiro di 2000 colpi/minuto che utilizza proiettili perforanti-incendiari, esplosivi-incendiari e anticarro-traccianti (APT) dal nucleo in tungsteno. Il Su-25SM3 dispone di oltre 10 punti di attacco sotto le ali, che possono trasportare armi per 4340kg. Nella procedura della “caccia agli obiettivi” il Su-25M3 è dotato di 8-10 lanciarazzi UB-32/57, ciascuno con 32 razzi S-5M/K del calibro di 57mm, o lanciarazzi B-8M1, B-13L e PU-O-25 armati con razzi da 80mm, 122 mm e 266 mm di calibro. L’attacco avviene sparando raffiche di proiettili o razzi picchiando con un angolo di 15-30 gradi da una quota di 1000-3000 m. La procedura della “caccia ai bersagli” permette di eseguire diversi attacchi contro obiettivi diversi.
Solo, benché più efficaci dei bombardamenti pre-programmati, le missioni di supporto ravvicinato sono estremamente rischiose dato che, al di sotto della quota di 5000 m, tutti gli aerei sono vulnerabili ai missili portatili (MANPADS) e al di sotto dei 3000 m sono vulnerabili a mitragliatrici pesanti e cannoni da 12,7mm, 14,5mm, 23mm e 30mm, di cui sono dotati i mercenari. L’aereo russo Su-25 è equivalente allo statunitense A-10, avendo entrambi blindatura in titanio del peso di 500 kg e uno spessore di 15-30 mm in grado di sopportare proiettili da 23mm di calibro, e una blindatura in fibra di carbonio (che trattiene le schegge risultanti dalla frammentazione per esplosione dei proiettili). Per la protezione contro i missili terra-aria, il Su-25SM3 è dotato del sistema Vitebsk-25, simile allo Spectra ESM del francese Rafale. Rileva se l’aeromobile viene inquadrato da radar nemici, ne calcola azimut e tipo, e ne gestisce l’interferenza su diverse frequenze, utilizzando il sistema integrato L-370-3S. Il sistema Vitebsk-25 protegge gli aerei Su-25SM3 dai missili a guida infrarossi o laser con il sottosistemi di inganni termici APP-50, anche contro i missili superficie-aria portatili (MANPADS) .siria-su-25-2017-1-10

[1] Come potrebbe finire il conflitto in Siria nel 2017?
[2] Cosa ha spinto la Russia ad intervenire in Siria?

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Libia: golpismo occidentale e asse Mosca-Tobruq

Alessandro Lattanzio, 13/1/2017

Qalifa Ghwal, personaggio colluso con la presidente del Senato Boldrini.

Qalifa Ghwal, figuro colluso con la presidente del Senato Boldrini.

L’11 gennaio, mentre il Presidente del Consiglio Fayaz Saraj era a Cairo ad incontrare il Presidente Abdalfatah al-Sisi, la brigata dei rivoluzionari di Tripoli di Haytham Tajuri, che sostiene Qalifa Ghwal e il suo governo di salvezza nazionale, occupava i ministeri della difesa, del lavoro e delle famiglie dei martiri, feriti e scomparsi. Ghwal dichiarava che l’accordo di Sqirat, che aveva portato alla nascita del governo Saraj, era morto, essendo stato imposto dagli stranieri; “Il governo di salvezza nazionale è aperto alla cooperazione con tutte le formazioni militari nel determinare l’autorità dello Stato“. L’amministrazione di Fataz Saraj è afflitta da vari problemi: stipendi non pagati, mancanza di liquidità presso le banche, gelo, inondazioni, scarsità idriche, interruzioni di corrente e comunicazione, assenza di sicurezza.

Qalifa Haftar a bordo della Kuznetsov

Qalifa Haftar a bordo della Kuznetsov

Nel frattempo sulla portaerei Admiral Kuznetsov, scortata dall’incrociatore pesante lanciamissili a propulsione nucleare Pjotr Velikij, in navigazione nel Mar Mediterraneo, giungeva il comandante della Libyan National Army, Generale Qalifa Balqasim Haftar. “A bordo della portaerei, il comandante dell’esercito nazionale libico veniva accolto dal Viceammiraglio Sokolov. Dopo un breve giro a bordo, il Generale Haftar partecipava a una videoconferenza con il Ministro della Difesa russo Sergej Shojgu, discutendo di questioni urgenti sulla lotta ai gruppi terroristici internazionali in Medio Oriente“. Al termine della visita, prima di rientrare a Tobruq, il comandante dell’esercito nazionale libico riceveva un carico di medicinali per i militari e i civili libici.c167-6awqakynav

c17jbjoveaen4ju

Fonti:
Colonel Cassad
Geopolitics Alert
Interfax
Libya Herald