L’alleanza israelo-saudita

Dean Henderson 04/12/2014

Press TV aveva riferito che Stati Uniti e sauditi iniziarono a finanziare i ribelli siriani, divenuti SIIL, nel 2012. Dopo aver diretto gli islamisti libici per rovesciare Gheddafi, i sauditi e i loro compari despoti del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC) cercarono di far cadere il governo Assad. Il maggiore azionista di News Corporation, proprietario del Wall Street Journal e dellìoperazione psicologica Fox News, è Rupert Murdoch. Il 2° magiore proprietario è il principe saudita Alawid bin Talal. La collusione anglo-statunitense con gli interessi sionisti israeliani è ben documentata. Meno noto è il ruolo dei Saud di finanziatori della Fratellanza musulmana e dei complotti di CIA/Mossad/MI6 nel mondo. La Fratellanza Musulmana dei Saud e i cabalisti israeliani condividono una lunga storia con i massoni dell’intelligence inglese risalente alle Scuole dei Misteri egizi. L’oligarchia dei banchieri Illuminati gestisce tutte e tre le società segrete e controlla l’economia mondiale attraverso il monopolio delle banche centrali e l’egemonia sul traffico di petrolio, armi e droga. Tale cabala di miliardari satanisti guidata dai Rothschild crea fanatici nelle fedi ebraica, cristiana e musulmana per dividere i popoli e massimizzare i profitti di guerra.

Gaza attack joint Arab-Israeli war on Palestinians: CNNDa quando la Chevron scoprì il petrolio in Arabia Saudita nel 1938, la monarchia dei Saud ha sempre finanziato le avventure militari segrete dei Rothschild. Fa parte dello scambio petrolio per armi. I sauditi inviarono oltre 3,8 miliardi di dollari ai mujahidin afghani addestrati dalla CIA. Il loro emissario presso gli statunitensi fu Usama bin Ladin. Diedero 3,5 milioni di dollari ai contras nicaraguensi. Il tangentista della Northorp/Lockheed Adnan Khashoggi svolse un ruolo chiave nel far finanziare dai sauditi l’Enterprise di Richard Secord. Ma mentre gli sforzi di contra e mujahadin ricevevano la copertura dei giornali, i Saud erano occupati a finanziare la controinsurrezione nel mondo. In Africa i sauditi sostennero per decenni il Fronte Nazionale per la Salvezza (NFS) che operava dal Ciad tentando di rovesciare il presidente libico Muhammar Gheddafi. Il Chad fu a lungo un Paese importante in Nord Africa per i sistemi di produzione petrolifera della Exxon Mobil. Nel 1990, a seguito di un controcolpo di Stato sostenuto dai libici contro il governo del Ciad, che sponsorizzava l’NFS, gli Stati Uniti evacuarono 350 elementi del NFS grazie al finanziamento saudita. Gli Stati Uniti diedero 5 milioni di dollari di aiuti al governo dittatoriale keniano di Daniel Arap Moi affinché il Kenya ospitasse i capi del NFS, mentre gli altri governi africani si rifiutavano di accettarli. Arap Moi poi aiutò le operazioni segrete della CIA in Somalia, finanziate dai sauditi. I sauditi finanziarono i ribelli dell’UNITA di Jonas Savimbi in Angola nel tentativo brutale di rovesciare il governo socialista del presidente del MPLA José dos Santos. Su richiesta della CIA, i sauditi diedero milioni al Marocco per pagare l’addestramento in quel Paese dell’UNITA. L’Angola ha enormi giacimenti di petrolio. Nel 1985 Chevron Texaco riceveva il 75% dei proventi del petrolio dell’Angola. Nel 1990 il 29% del greggio di Exxon Mobil diretto negli Stati Uniti proveniva dall’Angola. Una relazione annuale della De Beers, tentacolo della famiglia Oppenheimer che monopolizza il commercio dei diamanti nel mondo, si vantava di acquistare diamanti dall’UNITA. Savimbi fu alla Casa Bianca dal presidente Reagan. I sauditi finanziarono la RENAMO nella campagna terroristica delle CIA ‘Piano rosa’ contro il governo nazionalista del Mozambico. A metà degli anni ’80 i sauditi e l’Oman inviavano armi alla RENAMO attraverso le Isole Comore, favorevoli a Israele e al Sud Africa dell’apartheid. Due presidenti delle Comore Ali Soilah e Ahmed Abdullah Abderemane, furono assassinati dai mercenari che proteggevano il traffico di armi. Nella Repubblica Democratica del Congo (RDC), ex-Zaire, il fantoccio degli Illuminati Mobutu Sese-Seiko governava con pugno di ferro da quasi quattro decenni. Era il cane da guardia della City of London nello Zaire ricco di cobalto, uranio e molibdeno di vitale importanza per il programma di armi nucleari degli Stati Uniti. Lo Zaire è anche ricco di rame, cromo, zinco, cadmio, stagno, oro e platino. Mentre Mobutu accumulava oltre 5 miliardi nei conti bancari svizzeri, belgi e francesi, il popolo dello Zaire viveva nello squallore. Mobutu fu messo al potere nei primi anni ’60 dopo che l’agente della CIA Frank Carlucci, con Reagan e Bush segretario alla Difesa e oggi presidente del consulente d’investimento della famiglia bin Ladin, Carlyle Group, fu il gangster che assassinò il primo ministro del Congo Patrice Lumumba. Sotto il regno di Mobutu, gli Stati Uniti avevano basi militari a Kitona e Kamina da dove la CIA perseguiva le guerre segrete contro Angola, Mozambico e Namibia finanziate dai Saud. La guardia di palazzo di Mobutu fu addestrata dal Mossad israeliano. Alla fine degli anni ’70 i sauditi comprarono le truppe marocchine inviate a salvare Mobutu dai secessionisti del Katanga guidati da Laurant Kabila. Mobutu fu deposto nel 1998 dalle forze fedeli a Kabila, amico di Fidel Castro. I sauditi cominciarono a finanziare le incursioni militari in Congo dei governi di Ruanda, Uganda e Burundi. Tale destabilizzazione della regione dei Laghi portò al genocidio ruandese. Kabila fu assassinato nel 2000 dopo essersi rifiutato di servire gli Illuminati. Oltre quattro milioni di persone sono morte nella RDC negli ultimi dieci anni.
Lumumba e Kabila non furono i primi nazionalisti africani eliminati dai sangue puro. Negli anni ’50 e ’60 la CIA e l’intelligence francese assassinarono il nazionalista marocchino Mahdi ben Barqa la cui Union Nationale de Forces Populaire minacciava il monarca Re Hassan II, fantoccio degli USA. Il presidente di sinistra della Guinea Sekou Toure e il socialista tunisino Habib Bourgiba furono assassinati dai servizi segreti occidentali. Nel 1993 il presidente sudanese Omar al-Bashir accusò i sauditi di fornire armi al Sudan People Liberation Army (SPLA) di Johnny Garang. La parte meridionale del Sudan che lo SPLA cercava di staccare, è ricco di petrolio. Il Mossad rifornì l’SPLA per anni dal Kenya. Nel 1996 l’amministrazione Clinton annunciò aiuti militari a Etiopia, Eritrea e Uganda. L’aiuto era volto ad alimentare l’offensiva del SPLA su Khartoum. La crisi nel Darfur è il risultato diretto dell’intromissione saudita-israelo-statunitense per conto di Big Oil. Il presidente algerino Chadli Benjladid accusò i sauditi di finanziare il barbaro Gruppo islamico armato (GIA) dopo che l’Algeria protestò contro la Guerra del Golfo voluta dagli USA, scatenando il regno del terrore contro il popolo algerino. Benjladid fu costretto a dimettersi, seguito dal frettoloso voto della legge sugli idrocarburi che aprì i giacimenti petroliferi del Paese, storicamente socialista, ai Quattro Cavalieri. La CIA poi aiutò i terroristi del GIA a recarsi in Bosnia, dove contribuirono a distruggere la Jugoslavia socialista. L’Algeria ha una lunga storia di sfide a Big Oil. Il presidente Houari Boumedienne, uno dei grandi leader socialisti arabi di sempre, richiese un ordine economico internazionale più giusto negli infuocati discorsi alle Nazioni Unite. Incoraggiò i cartelli di produttori per emancipare il Terzo Mondo dai banchieri di Londra. Il petroliere indipendente italiano Enrico Mattei iniziò a negoziare con l’Algeria e altri Paesi nazionalisti dell’OPEC che volevano vendere il petrolio a livello internazionale senza avere a che fare con i Quattro Cavalieri. Nel 1962 Mattei morì in un misterioso incidente aereo. L’ex-agente dei servizi segreti francesi Thyraud de Vosjoli dice che la sua agenzia ne fu coinvolta. William McHale della rivista Time, che seguiva il tentativo di Mattei di rompere il grande cartello petrolifero, morì in circostanze strane.
Nel 1975 gli Stati Uniti inviarono 138 milioni di dollari di aiuti militari dall’Arabia Saudita allo Yemen, nella speranza di schiacciarvi la rivoluzione marxista. Il tentativo fallì e lo Yemen fu diviso tra nord e sud per due decenni prima di unirsi nel 1990. Gli aiuti sauditi-statunitensi allo Yemen e all’Oman continuano ancora oggi, nel tentativo di reprimere i movimenti nazionalisti in quei Paesi che confinano con il Regno e i suoi vasti giacimenti controllati dai Quattro Cavalieri.
Durante lo sforzo degli USA per staccare la Bosnia dalla Jugoslavia, il re saudita Fuad chiese la fine dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite. Quando l’embargo fu revocato, i sauditi finanziarono l’acquisto di armi dei bosniaci musulmani. Poi i sauditi finanziarono i narcotrafficanti del Kosovo Liberation Army e i separatisti albanesi del NLA che attaccarono il governo nazionalista della Macedonia. I sauditi finanziarono anche le operazioni segrete della CIA in Italia dove spesero 10 milioni di dollari nel 1985 per distruggere il partito comunista. Recentemente il principe saudita Bandar ha donato 1 milione alla Presidential Library di Bush senior e un altro milione per la campagna di alfabetizzazione di Barbara Bush. La sera dell’11 settembre 2001 il principe Bandar fumava sigari alla Casa Bianca con il presidente Bush, mentre i membri della famiglia bin Ladin venivano evacuati dagli Stati Uniti nello spazio aereo chiuso al resto del traffico. I sauditi svolsero semplicemente il loro storico ruolo di finanziatori dell’operazione 11 settembre? Il maggiore azionista di News Corporation, proprietario del portavoce dei banchieri Wall Street Journal e dell’operazione psicologica Fox News, è Rupert Murdoch. Il secondo maggiore proprietario è il principe saudita Alawid bin Talal. Fox News è un’operazione segreta dei Rothschild per il controllo mentale del popolo statunitense?

Laurent-Desiré Kabila

Laurent-Desiré Kabila

Fonti:
Mercenary Mischief in Zaire”. Jane Hunter. Covert Action Information Bulletin. Spring 1991.
Hot Money and the Politics of Debt. R.T. Naylor. The Linden Press/Simon & Schuster. New York. 1987. p.238
Hunter
Earth First! Journal. Vol. 26, #1. Samhain/Yule. 2005
US to Aid Regimes to Oust Government”. David B. Ottaway. Washington Post. 11-10-96
The Great Heroin Coup: Drugs, Intelligence and International Fascism. Henrik Kruger. South End Press. Boston. 1980. p.43
The Gulf: Scramble for Security. Raj Choudry. Sreedhar Press. New Dehli. 1983. p.14
Dude, Where’s My Country. Michael Moore. Warner Books. New York. 2003.
ABC News Online. 10-19-04

Dean Henderson è autore di: Big Oil & Their Bankers in the Persian Gulf: Four Horsemen, Eight Families & Their Global Intelligence, Narcotics & Terror Network, The Grateful Unrich: Revolution in 50 Countries,Das Kartell der Federal Reserve, Stickin’ it to the Matrix & The Federal Reserve Cartel. Potete iscrivervi al suo sito Left Hook

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

“Le strade di Atene saranno occupate dai carri armati”

Kathimerini rivela il Libero nero della Grexit
Tyler Durden Zerohedge 19/07/2015tsipras_junckerNei sei mesi di dolorose tornata su tornate di duri negoziati tra Grecia e creditori sono nate ogni sorta di speculazioni su ciò che effettivamente comporta la “Grexit“. Senza alcun precedente cui orientarsi, la valutazione delle implicazioni dell’uscita dal blocco valutario era (ed è tuttora) un compito praticamente impossibile, ma gli sforzi collettivi di media mainstream ed analisti politici ed economisti hanno prodotto un vero e proprio buffet di diagrammi ed organigrammi, schemi e diagrammi di flusso nel futile tentativo di mappare la complessa interazione dei problemi finanziari, politici ed economici che invariabilmente seguirebbero se Atene decidesse di rompere finalmente la sua sfortunata relazione con Bruxelles. E non erano solo osservatori emarginati a stendere i piani della Grexit. Nonostante i funzionari dell’UE negassero l’esistenza di un “piano B”, come il piano dell”uscita dolce’ del ministro tedesco Wolfgang Schaeuble “trapelato” lo scorso fine settimana, nessuno degli educati eurocrati fingeva che l’uscita della Grecia non fosse contemplata, ed infatti Yanis Varoufakis sostiene che Atene fu minacciata di controlli sui capitali come a febbraio, se non acconsentiva alle richieste dei creditori. Ora, con ciò che è forse la rivelazione più sconvolgente su ciò che i funzionari dell’UE davvero pensavano accada nel caso la Grecia uscisse dall’EMU e senza tante cerimonie reintroducesse la dracma, Kathimerini tira fuori la descrizione di quello che chiama “Libro nero della Grexit“, presumibilmente contenente il suggerimento che una guerra civile esploderebbe in Grecia nel caso il Paese venisse spinto ad abbandonare il blocco valutario.
Qui altro: “Al 13° piano dell’edificio Verlaymont di Bruxelles, a pochi metri dall’ufficio del Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, conservato in una stanza speciale della sicurezza c’è il piano di uscita della Grecia dall’eurozona. Lì, in un volume scritto in meno di un mese da un team di 15 membri della Commissione europea, si risponde alle domande su come affrontare tale uscita tra cui, per scioccante possa sembrare, anche la possibilità di uscita del Paese dal trattato di Schengen, oltre all’espulsione anche dall’UE. Secondo un funzionario europeo, i vertici della Commissione europea avevano già il voluminoso documento che descriveva al primo ministro greco, dallo stesso Juncker prima dell’inizio della sessione, tutti i dettagli della Grexit, facendogli comprendere il contesto giuridico e politico di tale decisione. Nel documento, secondo il funzionario europeo che ne conosce il contenuto, ci sono le risposte a 200 domande che sorgerebbero nel caso della Grexit. Queste domande, come spiega il funzionario, sono collegate a come un’uscita dall’euro creerebbe una serie di eventi che si svilupperebbe in breve tempo. La dracmatizzazione dell’economia imporrebbe i controlli dei cambi esteri del Paese portando infine all’uscita della Grecia dal trattato di Schengen. Gli autori del progetto, secondo il funzionario europeo, operarono in assoluta segretezza. Un gruppo speciale di 15 persone della Commissione europea iniziò a preparalo in contatto diretto con la Grecia ed anche con numerosi alti funzionari e direttori generali della Commissione europea di aree specifiche. Il documento fu iniziato quando la data di scadenza del programma (fine giugno) si avvicinava, così la Commissione si preparava ad ogni evenienza, e quando il referendum fu annunciato il 26 giugno, il relativo lavoro fu accelerato. Il weekend del referendum il lavoro s’intensificò e così a due giorni dall’incontro il progetto fu concluso. Secondo una fonte bene informata, chi lavorava al piano “soffriva le pene” in genere descrivendosi come “K” e “sopraffatto”, perché non poteva credere ciò che avevano concluso a quel punto, e la maggior parte di loro fu direttamente coinvolta nei programmi di salvataggio della Grecia. La Commissione europea inoltre sperava fino all’ultimo minuto che una soluzione si sarebbe trovata, mentre il gruppo conosceva meglio di chiunque altro le conseguenze dell’uscita della Grecia dall’eurozona e il costo di tale decisione. Uno dei partecipanti collegato direttamente alla realtà greca nella fase cruciale della redazione, disse al resto del gruppo che se “attuato il piano, le strade di Atene saranno invase dai carri armati”.
Alla cieca, non è del tutto chiaro cosa intendesse per “sferragliare di carri armati”, e diamo per scontato il suggerimento che UE e Stati membri non cercassero in qualche modo di orchestrare un cambio di regime militare in Grecia, nel caso Atene prendesse la decisione ‘sbagliata’ sull’appartenenza all’EMU. Piuttosto, il suggerimento sembra essere, ed anche questo è semplicemente un’interpretazione sulla base delle informazioni presentate da Kathimerini, che Bruxelles fosse del parere che i risultati del referendum assieme alla contrapposta retorica sul tradimento dei deputati di destra ed estrema sinistra, che il popolo greco fosse profondamente diviso. Anche se le concessioni di Tsipras avranno indubbiamente implicazioni di vasta portata per la politica e la società greca in generale, sembra che Bruxelles tema che il malessere economico che risulti dalla ridenominazione possa innescare un diffuso malessere sociale che, infine, verrebbe controllato dall’esercito greco. Lasciamo ai lettori decidere l’accuratezza della nostra interpretazione e quanto il suddetto documento “segreto” del “pensatoio” sia una valutazione accurata della situazione o l’ennesimo tentativo di far capitolare Tsipras, ma una cosa è certa, anche menzionare la possibilità che “le strade di Atene” siano occupate dai militari non sembra qualcosa che un “partner” direbbe a un altro.133213433Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Gli USA costretti a negoziare con l’Iran dalla realtà globale

Mahdi Darius Nazemroaya Strategic Culture Foundation 19/07/2015Iran_Mohammad-Java_3374941bParlando da Charlottesville, il miliardario e candidato alla presidenza degli Stati Uniti Donald Trump ha deplorato il presidente Barack Obama sui “trattati della disperazione”, mentre a Vienna si firmava l’accordo nucleare finale con l’Iran. Trump aveva in parte ragione, ma anche torto. L’amministrazione Obama non è disperata come lamenta Trump, ma gli Stati Uniti d’America sono in declino quale prima potenza mondiale, costringendo il governo statunitense a sedersi al tavolo dei negoziati con il governo iraniano. Le condizioni geopolitiche, economiche e tattiche obbligavano gli Stati Uniti a sedersi con l’Iran. Washington è stata costretta dalle circostanze geostrategiche a cercare un accordo con l’Iran, come con i cubani. Declino e crescente isolamento in America Latina degli Stati Uniti hanno costretto l’amministrazione Obama ad avviare colloqui con L’Avana ed invertire decenni di politiche ostili a Cuba.

La patologia delle sanzioni all’Iran
Le sanzioni contro l’Iran non era volte a portare Teheran sul tavolo dei negoziati, come l’amministrazione Obama sostiene in modo ingannevole. Si tratta di revisionismo e mito politico ideati dal governo degli Stati Uniti per nascondere la patologia delle sanzioni internazionali da essi ideate. Il sistema delle sanzioni internazionali era volto a costringere Teheran ad arrendersi e sottomettersi a Washington. Le sanzioni non furono mai volte a portare l’Iran al tavolo dei negoziati. Nell’ambito dei colloqui tra Iran e UE-3, gli iraniani negoziavano con inglesi, francesi e tedeschi molto prima che le sanzioni venissero imposte. I negoziati nucleari tra Teheran e UE-3 fallirono nel 2005 per l’ostruzionismo di George W. Bush Jr., più interessato a una guerra all’Iran o al cambio di regime a Teheran, per partorire “nel dolore un ‘nuovo Medio Oriente’”.[1] Quando Washington e partner dell’Unione europea capirono che le sanzioni non avrebbero piegato l’Iran nel 2013, compresero che non avevano scelta. Le sanzioni economiche non potevano continuare ed erano al limite. Invece, ambiente e circostanze globali cambiavano sempre più a vantaggio dell’Iran. Con o senza la rimozione delle sanzioni, Russia e Cina si preparavano a migliorare il commercio. Mosca e Pechino già consideravano illegittime le unilaterali sanzioni di Stati Uniti e Unione europea. In parallelo, aumentava il bisogno dell’Unione europea di coinvolgere nuovamente l’Iran economicamente per controbilanciare le sanzioni e la guerra economica contro i russi, emerse dopo euromajdan in Ucraina. Le sanzioni iniziavano a decadere e altri Paesi avrebbero raggiunto Russia e Cina nel normalizzare gli scambi con l’Iran economicamente risorgente.

I costi della guerra
Gli Stati Uniti non avevano opzioni serie. Nonostante i falchi dalla retorica de “tutte le opzioni sono sul tavolo” della periferia di Washington, una guerra con l’Iran sarebbe costata troppo e sarebbe stata troppo rischiosa. Se gli Stati Uniti avessero potuto attaccare l’Iran, l’avrebbero fatto come con l’Afghanistan nel 2001 e l’Iraq nel 2003. Ciò fu affermato pubblicamente dai comandanti militari iraniani che dissero di sapere che Teheran era l’obiettivo principale dell’amministrazione Bush II. [2] Da qui lo slogan di Bush II: “Chiunque può andare a Baghdad, ma i veri uomini vanno a Teheran!” Qualsiasi attacco all’Iran comporterebbe una guerra regionale assai impopolare in Medio Oriente, dai devastanti risultati politici, sociali, economici, militari, strategici e diplomatici per Washington. In un modo o nell’altro, la guerra con Teheran avrebbe paralizzato gli Stati Uniti in Medio Oriente degradandoli da potenza mondiale. Le manovre degli USA per simulare l’invasione dell’Iran valutavano gravi perdite per Washington. [3] Un rapporto del giugno 2015 pubblicato dal Centro per la valutazione strategica e di bilancio lo conferma, dicendo che gli Stati Uniti non hanno l’arsenale militare convenzionale adeguato per attaccare l’Iran, perché il Pentagono non può lanciare un attacco a lungo raggio. [4] Secondo il rapporto, il Pentagono si concentra sugli attacchi a corto raggio, mentre gli iraniani, come i cinesi e i russi, hanno sistemi di difesa a lungo raggio che impediscono agli Stati Uniti di avvicinarsi abbastanza per attaccare. [5] Né c’erano o ci sono garanzie che una possibile guerra all’Iran non si dilaghi oltre Medio Oriente e Asia Centrale o che tale conflitto non si trasformi in una grande guerra internazionale. In tal contesto Washington non aveva garanzie che russi e cinesi non intervenissero per aiutare gli iraniani contro gli Stati Uniti. Inoltre, mentre Stati Uniti ed Unione europea sempre più sprofondano nel confronto con la Russia, e gli Stati Uniti sempre più con i cinesi, Washington ed alleati europei devono riavvicinarsi all’Iran per ridurre, almeno temporaneamente, le ostilità su un fronte.

Teheran, Washington e il secolo eurasiatico
Se Pechino e Mosca hanno totalmente annullato la loro parziale adesione alle sanzioni, gli USA sono incerti se compagnie e governi di UE e Asia-Pacifico rimarrebbero con le sanzioni degli Stati Uniti. La reazione degli alleati, dopo l’accordo di Losanna, la dice lunga. Dopo l’accordo, imprenditori e funzionari commerciali di Asia, Europa e resto del mondo hanno iniziato a recarsi nell’Iran in attesa della riapertura del mercato iraniano. I dirigenti del colosso energetico anglo-olandese Royal Dutch Shell e del colosso energetico italiano ENI sono andati a Teheran. [6] Mentre le compagnie europee e asiatiche si affrettano in Iran preparando la normalizzazione commerciale, l’ambasciatore francese negli Stati Uniti, Gerard Araud, ha detto ai falchi avversari dell’accordo nucleare con l’Iran del think-tank del Consiglio Atlantico, di calmarsi sulle aziende europee che corrono a riavviare il commercio con l’Iran.[7] “In realtà, abbiamo perso molti soldi, ma non gli statunitensi”, ha ricordato al Consiglio Atlantico.[8] Con la sfida russa e cinese al dollaro e al sistema di Bretton Woods, creando una architettura globale finanziaria rivale con la New Development Bank (NDB) dei BRICS e l’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB) della Cina, è chiaro che anche le sanzioni finanziarie e bancarie imposte degli USA si sarebbero erose. Mentre il quadro globale cambia e l’integrazione eurasiatica accelera, gli Stati Uniti vogliono l’accordo finale di Vienna più dell’Iran.27AB91F0-B0F4-49E3-9588-85DE92287863_cx0_cy3_cw0_mw1024_s_n_r1Note
[1] Mahdi Darius Nazemroaya, “Plans for Redrawing the Middle East: The Project for a ‘New Middle East’”, Global Research, 18 novembre 2006.
[2] “Commander: US Intention of Invasion Deterred by Iran’s Home-Grown Military Power” Fars News Agency, 21 giugno 2015.
[3] Mahdi Darius Nazemroaya, “The Geo-Politics of the Strait of Hormuz: Could the U.S. Navy be defeated by Iran in the Persian Gulf?” Global Research, 8 gennaio 2012.
[4] Bryan Clark and Mark Gunzinger, “Sustaining Americas Precision Strike Advantage“, Center for Strategic and Budgetary Assessment, 2015.
[5] Ibid.
[6] Christopher Adams e Anjli Raval, “European oil majors hold Tehran talks”, Financial Times, 24 giugno 2015.
[7] David R. Sand, “U.S. allies not waiting for Iran’s sanctions to come down“, Washington Times, 27 maggio 2015.
[8] Ibid.

La ripubblicazione è gradita in riferimento alla rivista on-line della Strategic Culture Foundation.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Discorso del premier Tsipras al Parlamento greco sul mandato a concludere le trattative

Alexis Tsipras, Prime Minister, 11 luglio 2015Tsipras-ParlamentoSignore e Signori membri del Parlamento,
Abbiamo raggiunto un punto critico e, forse, mi permetterete di avere un tono più personale oggi. Da quando sono stato eletto primo ministro, in questi momenti ancora più critici della storia post-dittatura del Paese, sono stato guidato esclusivamente dalla mia coscienza nel difendere le giuste rivendicazioni del nostro popolo e gli interessi nazionali. Negli ultimi sei mesi ho fatto tutto ciò che era umanamente possibile, in circostanze difficili, con minacce e ricatti sempre presenti. Tuttavia, e credo che nessuno può contestarlo, né amici né nemici, in tali circostanze e momenti difficili mi sono assunto dei rischi, ma non mi arrendo, non considero il costo politico, non opto per frettolosi compromessi semplicemente per restare al potere. Molti diranno, forse, che ciò che ho raggiunto supera le aspettative. E l’ho fatto sempre onorando la verità, come ho capito e capisco tutto il generoso sostegno della maggioranza del popolo greco in questa difficile lotta.
Oggi, voglio essere completamente chiaro con voi, dirvi la verità, almeno quella comprensibile. Tutti, ma soprattutto il popolo greco che ci guarda, possono giudicare e valutare ciò che dico, con calma e compostezza. Non ci può essere alcun dubbio che negli ultimi sei mesi siamo stati in guerra, abbiamo affrontato battaglie difficili con duri ostacoli, abbiamo avuto delle perdite, ma abbiamo anche guadagnato terreno. Abbiamo realizzato molto di più di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare. Ora, però, credo che abbiamo raggiunto un momento molto critico: da ora in poi abbiamo di fronte un campo minato, un fatto che non posso ignorare e che non dovrebbe essere nascosto al popolo greco. In questi ultimi mesi abbiamo strenuamente lottato per ottenere il miglior risultato possibile, nonostante l’inaudita asfissia economica. Quando mi è stato chiesto se abbiamo commesso degli errori in cinque mesi di negoziato, l’unica risposta onesta è sì. Sì, abbiamo fatto degli errori. Nessuno è infallibile. Credo, tuttavia, che non vi siano precedenti nella moderna storia europea di un Paese praticamente sull’orlo del fallimento che negozia con tale persistenza e dignità. Per negoziare da pari a pari, per ripristinare la parità politica perduta tra la Grecia e gli altri Paesi della zona euro. Ora, dobbiamo decidere di non sacrificare questa parità sull’altare delle forze conservatrici estreme. Forze conservatrici estreme che hanno voluto esattamente questo risultato e e lo perseguono attivamente, e chi di voi ha visto l’incontro di ieri al Parlamento europeo ha assistito a tale dinamica: un conflitto ideologico-politico e il desiderio, soprattutto, di farla finita con un governo non gradito, e con il suo popolo, considerato un fastidio, che disinteressatamente si ostina a sostenere il proprio governo pur dovendo sopportare l’asfissia finanziaria. Abbiamo deciso, quindi, di procedere con responsabilità e la serietà necessaria nelle attuali circostanze, evitando una Grexit politica con una scusa economica. Io non sono qui per mascherare la realtà con una retorica eccessiva. L’accordo di finanziamento che sarà presentato all’Eurogruppo comprende diverse misure che differiscono notevolmente da nostri impegni pre-elettorali e dichiarazioni politiche, dato che crediamo sia necessario per la ripresa dell’economia greca. Tuttavia, dobbiamo prima verificare le alternative, e qui nulla è dato, la trattativa è in corso, tra l’attuale proposta e quella che abbiamo ricevuto quindici giorni prima.
Il 25 giugno abbiamo ricevuto un ultimatum dall’Eurogruppo. Tale ultimatum dava solo misure severe senza alcun respiro o prospettive, senza finanziamenti adeguati, senza alcun impegno sulla ristrutturazione del debito. Sarebbe durato per cinque mesi senza finanziamenti adeguati, includendo quattro valutazioni in cinque mesi senza un impegno sulla questione del debito. Ci siamo rivolti alla base. E credo che chiunque altro al nostro posto avrebbe fatto lo stesso. Ci siamo rivolti alla base e chiesto al popolo greco di decidere. La nostra intenzione non era con questa scelta portare a una vacanza bancaria. Mentre il Consiglio direttivo decise di proporre un referendum, abbiamo presentato una richiesta di proroga del programma per permettere a questo processo di svolgersi senza problemi. Non è accaduto, ma non per nostra scelta. Nonostante le banche chiuse, nonostante le enormi difficoltà sociali e finanziarie create, il popolo greco ha preso una decisione difficile, coraggiosa e storica che ha sorpreso molti. Ha respinto l’ultimatum. Non ha dato un mandato per la rottura. Il suo mandato era cercare di rafforzare l’impegno a negoziare un accordo economicamente sostenibile. E non ho mai nascosto le mie intenzioni o la verità al popolo greco. Non ho chiesto di votare “no” con il mandato di lasciare l’euro, ma per rafforzare la nostra posizione negoziale. Mi sono anche personalmente impegnato, prima del referendum, di fare tutto quanto in mio potere per perseguire un accordo migliore nel più breve tempo possibile, anche entro 48 ore. Il popolo greco ha votato con questi termini e non sono qui oggi per fare qualcosa di diverso da ciò che ho promesso. Sto facendo quello che ho promesso. Io non inganno il popolo greco, né il Consiglio dei leader politici che avevo chiesto di convocare subito dopo il referendum quando chiesi, e a cui in effetti siamo tutti impegnati, un quadro specifico per un accordo praticabile, un passo necessario per superare le divisioni, tale è la natura di un referendum, per l’unità politica e nazionale. Per me, il “no” ha rappresentato un mandato per una soluzione migliore, un accordo migliore, per la dignità di gran parte del popolo greco, le migliaia di persone che subiscono povertà e umiliazione in tutti questi anni. Ho anche percepito il “no” come un voto di fiducia, come pure nel governo e nei suoi sforzi. Ed è il momento di fare il punto.
In occasione del Consiglio dei leader politici, abbiamo fissato tre condizioni per un accordo sostenibile: un finanziamento adeguato, un forte pacchetto di investimenti, impegni sostanziali per la necessaria ristrutturazione del debito, e in cambio ci siamo impegnati a riforme che costino la recessione minore possibile e con un’equa ripartizione degli oneri. Cosa abbiamo di fronte oggi? Quali possibilità ed inconvenienti si trovano davanti? Abbiamo la prospettiva di un finanziamento adeguato per le obbligazioni a medio termine del Paese per un periodo di tre anni. Abbiamo la promessa di un pacchetto di forte stimolo da oltre 30 miliardi di euro, 35 miliardi, riservato all’erogazione di prestiti e alle iniziative per combattere la disoccupazione. E per la prima volta, abbiamo sul tavolo una discussione seria e sostanziale sulla necessaria ristrutturazione del debito, e non siamo più gli unici a richiederlo: il FMI ha pubblicamente ammesso che è necessario, così come il Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, che pubblicamente ha dichiarato che la necessaria ristrutturazione del debito potrebbe essere un risarcimento per le riforme. Dobbiamo essere onesti, però, il programma di riforma che chiediamo di attuare è un programma duro, con condizioni migliori su alcuni punti, alcuni punti, rispetto a quello dell’ultimatum di due settimane fa, ma un programma duro, comunque. Ma per la prima volta in sei mesi di trattative, e ripeto non possiamo essere certi dei risultati, c’è la possibilità di un accordo che possa mettere definitivamente fine al discorso di una Grexit e, di conseguenza, dare un segnale completamente positivo a mercati e investitori, che con un finanziamento garantito a lungo termine e la riduzione del debito possono ancora una volta avere fiducia nell’economia greca. Questo ci darà la possibilità, l’opportunità, di compensare i possibili effetti recessivi delle gravi misure.
Permettetemi di evidenziare cinque punti del progetto di accordo che chiediamo al Parlamento di autorizzare oggi e al ministro delle Finanze di negoziare e firmare.
In primo luogo, questo accordo porterà ad un programma esclusivamente europeo, costituito esclusivamente da meccanismi di sostegno europei. Ciò significa che il FMI non sarà parte dell’accordo. Il suo possibile coinvolgimento sarà limitato al supporto tecnico. Ciò significa che la troika come la conoscevamo, non esisterà più.
In secondo luogo, la durata del nuovo accordo, come ho detto prima, è di tre anni. Da tempo e spazio per stabilizzare l’economia, porre fine alle speculazioni sulla Grexit e lasciare il Paese guadagnare la fiducia del mercato. Voglio far notare che nell’ultimatum che abbiamo ricevuto quindici giorni fa, la durata era di cinque mesi. Ora, ci saranno requisiti uniformi per l’intera durata del Programma e delle misure difficili che stiamo discutendo. Così, non ci riuniremo di nuovo dopo cinque mesi per discuterne di nuovi.
Il terzo punto prevede avanzi primari più bassi fino al 2018, che saranno legati alla situazione economica; stiamo eliminando un requisito che ha solo alimentato l’austerità, cioè, avanzi molto elevati in assenza di crescita economica. Ricorderete che nel quadro del programma precedente avevamo impegnati per avanzi primari del 3% per il 2015, e del 4,5% per ogni anno dal 2016. Ciò significa che nel 2015-2018 dovevamo produrre avanzi primari pari a 30 miliardi di euro, mentre ora abbiamo l’obbligo è di circa 17 miliardi di euro. Pertanto, le misure di bilancio che saremmo stati costretti ad adottare sarebbero state di molto superiori ai 75 miliardi di dollari attualmente necessari. Lo spazio fiscale aggiuntivo derivante dall’avanzo primario è inferiore di circa 13 miliardi di euro per il 2015-2018. Questo è il vantaggio fiscale, non voglio blandire le cose, della dura proposta che abbiamo sul tavolo.
Quarto punto. Con il prestito dal meccanismo europeo di stabilità (MES) si rimborseranno i titoli greci detenuti dalla Banca centrale europea per un totale di 6,8 miliardi, con scadenza a luglio e agosto. Questa conversione a breve termine del debito a lungo termine, con tassi di interesse più bassi, e l’ESM lo prevede tale opportunità, con tassi di interesse più bassi e eventualmente ribaltamento dei rimborsi, che vi indicherò in seguito, che sono l’equivalente del debito ristrutturato. Pertanto, l’assunzione di obblighi di debito e finanziari complessivi del Paese da parte del Meccanismo europeo di sostegno, di fatto da la possibilità di convertire il debito a breve termine in debito a lungo termine. In questo senso, permetterebbe al Paese di almeno parzialmente usufruire del programma di allentamento quantitativo della Banca centrale europea per settembre.
Quinto punto. Non ci saranno misure di bilancio aggiuntive in conseguenza dell’impatto economico della vacanza bancaria, né l’imposizione di controlli sui capitali.
Naturalmente, per la prima volta, ci sarà una discussione sincera sulla questione chiave della sostenibilità del debito. Un impegno notevole da parte dei partner sulla ristrutturazione del debito complessivo con il meccanismo europeo di stabilità, in modo che possa diventare utile e sostenibile, è sul tavolo; un impegno e un lasso di tempo sostanziali per iniziare questa discussione e prendere una decisione definitiva.
Signore e Signori membri del Parlamento,
Voglio ribadire che lo scopo del mio intervento di oggi non è abbellire la realtà. Lo scopo è dire la verità, in linea con la mia responsabilità nei confronti del Parlamento e del popolo greco, per esporre con chiarezza le scelte che abbiamo. Stiamo concludendo, spero, una difficile battaglia, forse la più difficile che abbiamo avuto nella storia del Paese, dopo la dittatura. Abbiamo negoziato con durezza in nome della Grecia e anche per far cambiare rotta all’Europa. Oggi, sulla base dei risultati, ciò potrebbe apparire impossibile, e dobbiamo ammetterlo. Tuttavia, sono certo che prima o poi i semi delle democrazia e dignità che abbiamo seminato daranno i loro frutti agli altri popoli europei. Abbiamo messo la domanda per la fine immediata dell’austerità al centro del discorso pubblico in tutta Europa e nel mondo. Abbiamo negoziato in modo che “il rispetto reciproco” sia un principio guida, vale a dire il rispetto delle regole che disciplinano l’Unione europea, così come il rispetto della sovranità popolare e della democrazia. Abbiamo innescato un movimento di solidarietà pan-europeo a sostegno del popolo greco che soffre, che non vedevamo dalla caduta della dittatura: l’ultima volta che ci sono state manifestazioni di solidarietà in cui le piazze delle città europee erano piene di bandiere greche fu durante la dittatura dei sette anni. Abbiamo combattuto per coloro che ricevono bassi salari e pensioni magre, abbiamo lottato per i diritti dei lavoratori, al fine di evitare i licenziamenti collettivi. Abbiamo combattuto per ciò che abbiamo percepito come le giuste richieste del popolo greco. Sono certo che questa lotta non sarà del tutto inutile.
Signore e Signori membri del Parlamento,
Autorizzare il ministro delle Finanze in un momento così critico non è semplicemente una questione ordinaria che richiede un voto. E’ un voto di coscienza di grande importanza politica, perché riguarda il nostro futuro. E ovviamente è una scelta di coscienza, ma anche di grande responsabilità nazionale. Ora, il nostro dovere nazionale è sostenere il nostro popolo affinché possa continuare a lottare con orgoglio per la giustizia e con perseveranza per il progresso e la prosperità. Il nostro dovere nazionale richiede decisioni difficili. Sono sicuro che saremo all’altezza di questa responsabilità e ci riusciremo. Sono fiducioso che la perseveranza, la passione per la vita, per la dignità del nostro popolo, saranno la nostra guida nei prossimi giorni, nei prossimi anni. Ci riusciremo! Non solo riusciamo a rimanere in Europa, ma a vivere come partner paritario con dignità e orgoglio, in cerca di giustizia in Europa, aprendo la via anche agli altri popoli d’Europa.
Grazie.
12503 itok=zYP6pXhkTraduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Alexis Tsipras: eroe, traditore, eroe, traditore, eroe

Alex Andreou. Atene, Grecia e Londra, Regno Unito, Byline 13 luglio 2015

Ci scusiamo con i marxisti di tutto il mondo se la Grecia si rifiuta di commettere il suicidio rituale per promuovere la causa. Ne soffrirete sui vostri divani.tsipras1-1Si scopre sul panorama politico europeo, anzi, mondiale, che i sogni socialisti di ognuno sembravano poggiare sulle spalle del giovane primo ministro di un piccolo Paese. Sembrava che ci fosse una fervente irrazionale credenza, quasi evangelica, che un piccolo Paese, affogato dal debito, in cerca di liquidità, avrebbe in qualche modo (mai specificato) sconfitto il capitalismo globale armato solo di bastoni e pietre. Quando sembra che ciò non accade, gli voltano le spalle. “Tsipras ha capitolato”. “E’ un traditore”. La complessità della politica internazionale è ridotta a un hashtag rapidamente passato da #prayfortsipras a #tsiprasresign. Il mondo chiede il clou, l’X-factor finale, l’epilogo hollywoodiano. Qualcosa di diverso dalla lotta fino alla morte è la viltà inaccettabile. Come è facile essere ideologicamente puri quando non si rischia nulla, non si affrontano carenze, crollo della coesione sociale, conflitto civile, vita e morte. Come è facile invocare un accordo inaccettabile per qualsiasi altro Stato membro della zona euro. Quanto è facile prendere decisioni coraggiose quando non si ha la pelle in gioco, quando non si contano, come faccio io, le ultime 24 pillole del farmaco che impedisce a vostra madre di avere crisi epilettiche.
20 pillole. 14.
È una caratteristica peculiare della negatività patologica concentrarsi solo su ciò che si perde invece che su ciò che si acquisita. E’ lo stesso atteggiamento che dirige frazioni della popolazione di ogni Paese, sempre per la loro perfetta utopia socialista e contemporaneamente evadendo le tasse in ogni modo possibile. L’idea di Tsipras “traditore” si basa pesantemente su un’errata interpretazione cinica del referendum della scorsa settimana. “OXI”, i critici vorrebbero far credere fossa “no” a qualsiasi accordo; l’autorizzazione a una Grexit disordinata. Non era niente del genere. Nel discorso seguente Tsipras ha detto ancora una volta che aveva bisogno di un forte “OXI” come arma per negoziare un accordo migliore. Non l’avete capito? Ora, si potrebbe pensare che non ha raggiunto l’accordo migliore, forse è vero, ma suggerire che avesse autorizzato la Grexit è profondamente falso, e riguardo al 38% che ha votato “NAI”? Tsipras non rappresenta anche loro? Niente paura. L’accordo potrebbe rivelarsi impraticabile comunque, non sarebbe approvato dal Parlamento greco. Syriza potrebbe spaccarsi e la Grexit verrebbe imposta da coloro che la cercano da anni. Poi si valuterà ciò che si è ottenuto.
12 pillole. 10.
L’accordo raggiunto da Tsipras (per quel che ne sappiamo) dopo aver negoziato per 17 ore è molto peggiore di quanto si potesse immaginare. Ma è anche molto migliore di quanto si potesse sperare. Dipende semplicemente dal fatto se ci si concentra su ciò che è stato perso o ciò che è stato guadagnato. La perdita è un orribile pacchetto di austerità. Un pacchetto che, chiunque dalla minima comprensione politica sa, sarebbe arrivato comunque. L’unica differenza è che, attraverso un governo conforme ai precedenti, non sarebbe stato accompagnato da alcuna compensazione. Ciò che è stato acquisito in cambio è molto più denaro di quanto immaginato per finanziarsi adeguatamente a medio termine e permettere al governo di attuare il programma, un significativo pacchetto di stimolo, emissione di denaro EFSF finora negato (“grazie” al governo Samaras), e un accordo per ristrutturare il debito con trasferimento di obbligazioni di FMI e BCE all’ESM. Ciò è niente, i disturbatori disturbano. L’analista di ERT Michael Gelantalis stima che solo questa ultima parte comporterebbe tra 8 e 10 miliardi in meno di rimborsi d’interesse in un anno. Sono un sacco di piatti di souvlaki. Nelle ultime ore mi è stato detto che la Grecia “dovrebbe solo #Grexit ADESSO”; che abbiamo “un ottimo clima e potrebbe facilmente essere autosufficiente”; che”dovremmo adottare il Bitcoin e il crowdfunding per aggirare il monetarismo”; che “gli Stati Uniti ci invierebbero le medicine”. Nessuno di costoro suggerisce che ciò avvenga nel proprio Paese, si capisce. Solo in Grecia, in modo da poter vedere cosa succede. La maggior parte di loro vive in Stati con governi centristi che sposano l’austerità ma garantiscono continuo flusso di ultimi iPad nei negozi. Tutti loro, senza eccezione, avrebbero potuto negoziare un accordo assai migliore con un coltello alla gola; sarebbero stati più coraggiosi. La mia domanda ai critici è: che battaglia combatti nel tuo Paese, città, villaggio in questo momento? E con quale rischio? Non sei, infatti, malvagio come gli ideologi dell’austerità dura che vogliono sperimentare su un “Paese cavia”, sulla vita delle persone, e vedere come finisce?
8 dosi. 5.
Visto come sorta di Fossa di Helm, questa sconfitta per i greci è monumentale, irredimibile. E’ il momento del “tutto è perduto”. Visto come battaglia di avvio di una guerra molto più grande, è estremamente preziosa. Ha messo il nemico in primo piano indicandone punti di forza e di debolezza. Ha fornito dati agli altri, Spagna, Portogallo e Italia che si premureranno di essere meglio preparati. E’ stata combattuta coraggiosamente ed elegantemente, perché la Grecia vivrà per combattere un altro giorno. Abbiamo eletto un uomo buono, onesto e coraggioso che ha lottato come un leone contro insondabilmente grandi interessi. Il risultato non sarà quel martirio che speravate. Ma un giorno ci sarà.

Hai visto? La solidarietà ti è almeno arrivata.

Grecia: turismo militante Hai visto? La solidarietà! E’ almeno arrivata.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – SitoAurora

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.903 follower